Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
2016

Luigi Ferreri, L’Italia degli umanisti. Marco Musuro

Turnhout, Brepols, 2014, xxx + 695 pages, 95 €
Michaela Valente
Référence(s) :

Luigi Ferreri, L’Italia degli umanisti. Marco Musuro, Turnhout, Brepols, 2014, xxx + 695 pages, 95 €

Texte intégral

1La presa di Costantinopoli provocò notevoli conseguenze all’Europa politica e culturale e tra queste, è noto il fenomeno dell’esilio dei dotti bizantini che incoraggiò e stimolò la diffusione del greco e della filologia soprattutto nell’Italia degli umanisti a cavallo tra Quattro e Cinquecento, favorita dalla fiorente attività editoriale. Già autore di uno studio raffinato sulla questione omerica in età moderna, l’italiano Luigi Ferreri ha vinto una borsa di studio prestigiosa come la Marie Curie, grazie alla quale ha potuto approfondire le sue ricerche e ora pubblica il suo lavoro con un importante editore internazionale in una collana che così inaugura la sezione italiana: il saggio è pubblicato da Brepols nella collana Europa Humanistica, giunta al suo diciassettesimo volume.

2È l’occasione per una riflessione dai toni e argomenti condivisibili anche perché originale e provocatoria (non cede, ad esempio, alle facili e rassicuranti divisioni manichee su indiscutibile meritocrazia internazionale e lampanti mascalzonate accademiche italiane) sugli emigrati intellettuali anche nel mondo di oggi.

3Lo studio, diviso in tre parti (Edizioni, Musuro insegnante e La biblioteca di Musuro) ruota intorno alla figura di Marco Musuro, in più occasioni celebrato da Erasmo da Rotterdam e apprezzato dai dotti di tutta Europa (si noti che l’umanista è oggetto di analisi anche da parte di D. Speranzi, Marco Musuro. Libri e scrittura, Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 2013). Ferreri ricostruisce il profilo dell’umanista, partendo dalla biografia e discutendo alcuni aspetti: nato a Candia nella seconda metà degli anni Settanta del Quattrocento, Musuro sarebbe morto a Roma nel 1517, subito dopo aver ottenuto l’elevazione a vescovo da parte di Leone X Medici.

4A Firenze Musuro arrivò, insieme ad altri giovani dotti greci, al seguito di Giani Lascari, che avrebbe voluto creare un Ginnasio greco sotto l’egida di Lorenzo il Magnifico ; dopo si spostò a Venezia dove collaborò intensamente con Aldo Manuzio e poi infine insegnò presso l’ateneo patavino. Scoperto un ricco mercato, Manuzio non si tirò indietro e impose un ritmo frenetico anche a Musuro per soddisfare le pressanti esigenze editoriali. L’umanista non si limitò a eseguire i compiti assegnati, ma sembra che riuscisse anche a orientare la scelta editoriale grazie alle sue straordinarie competenze filologiche tra latino e greco, ma fondamentale e ancora poco apprezzata fu la sua sensibilità filosofica, posta in luce soltanto da alcuni studiosi.

5Basandosi sulla tradizione scolastica bizantina, Musuro rivolge la sua attenzione a ristabilire l’autenticità del testimone, con un’evoluzione del ruolo di editore che, secondo Ferreri, inizia con un interventismo congetturale audace per poi maturare in interventi di correzione senza manipolare il testo. Dalle prime edizioni di Aristofane fino all’Opera Omnia di Platone del 1513 (pp. 132 e sgg), con la supplica di Manuzio a Leone X, passando per l’edizione delle orazioni di Gregorio Nazianzeno.

6Inoltre, esemplare fu il suo percorso di maestro che riuscì a coltivare molti allievi che avrebbero dato importanti risultati come Johannes Cuno per l’area tedesca e Girolamo Aleandro, poi divenuto uno degli alfieri della lotta contro Lutero. Ferreri ricostruisce i corsi attraverso le recollectae, gli appunti e le traduzioni degli allievi (pp. 430-454).

7Ne esce un bel profilo di un umanista che ebbe la fortuna di vivere una stagione importante della cultura italiana, quando il greco finalmente poteva essere letto dopo secoli «culpa magis temporum quam ingeniorum» (p. 97, Aldo Manuzio a Daniele Clario), poiché, poi, nel volgere di qualche decennio, la tradizione filologica italiana sarebbe stata ripresa e sviluppata altrove.

8Il contributo di Ferreri è destinato a imporsi e a restare a lungo punto di riferimento per l’acribia e per la solidità del lavoro: lo studioso scioglie nodi e propone soluzioni a questioni controverse ancora in sospeso, come l’attribuzione di edizioni o l’esclusione, ritenendo insufficienti i criteri precedenti come la semplice presenza di un epigramma.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Michaela Valente, « Luigi Ferreri, L’Italia degli umanisti. Marco Musuro », Laboratoire italien [En ligne], Lectures, mis en ligne le 27 septembre 2016, consulté le 21 novembre 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/1006

Haut de page

Auteur

Michaela Valente

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page