Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

Carlotta Sorba, Il melodramma della nazione. Politica e sentimenti nell’età del Risorgimento

Roma-Bari, Laterza, 2015, 266 pages, 28 €
Valentina Besia
Bibliographical reference

Carlotta Sorba, Il melodramma della nazione. Politica e sentimenti nell’età del Risorgimento, Roma-Bari, Laterza, 2015, 266 pages, 28 €

Full text

1Nei primi decenni dell’Ottocento europeo, la strutturazione di una sfera politica modernamente intesa, dotata di una dimensione teorica e dottrinale così come di pratiche riconoscibili, s’intrecciò con una nascente cultura di consumo incentrata sulla moltiplicazione degli spazi teatrali e sull’incremento della domanda di spettacolarità. La definizione di un settore teatrale più ampio e commerciale prese avvio negli ultimi decenni del Settecento, quando le riflessioni sviluppate intorno al ruolo civile del teatro avevano precisato e sostenuto l’idea dello «spettacolo per tutti» (p. 8). La ricerca di un pubblico sempre più vasto e multiforme andò così intersecandosi all’affermazione di una sfera pubblica in corso di politicizzazione, stabilendo una congiuntura che si riflesse nella sovrapposizione tra popolo-pubblico-opinione pubblica.

2A partire da questa contestualizzazione storica, che dall’età napoleonica arriva fino alle rivoluzioni quarantottesche, prende le mosse l’accurato studio di Carlotta Sorba. Traendo ispirazione dal libro di Peter Brooks (L’immaginazione melodrammatica, Parma, Pratiche Editrice, 1985), l’autrice ripercorre la genesi del genere mélodrame – nato in Francia alla fine del XVIII secolo – e le sue implicazioni nella costruzione di modalità espressive e narrative che caratterizzarono sia la dimensione spettacolare sia le pratiche e i linguaggi politici primottocenteschi. Dai boulevards parigini, questo genere minore conobbe una rapida circolazione insieme a uno straordinario successo di pubblico, e, grazie a una struttura riconoscibile e codificata, s’impose come produzione teatrale di consumo a livello transnazionale. Dotato di una forte carica emotiva, amplificata dalla presenza di dispositivi musicali e scenici diretti a colpire lo spettatore, il mélodrame rappresentò una forma di spettacolo in grado, più di ogni altro, di smuovere la sensibilità emotiva del pubblico.

3Ponendosi nel solco tracciato da Brooks, il quale riconobbe non tanto nel melodramma quanto nel “melodrammatico” – inteso come particolare forma espressiva – il prodotto di una precisa congiuntura storica, Carlotta Sorba si è interrogata su come la “modalità melodrammatica” abbia influito sui comportamenti e i repertori linguistici della vita pubblica e politica post-rivoluzionaria. È all’interno di questa questione che si situa la tesi formulata nel libro. Nonostante il mélodrame scomparve abbastanza rapidamente dai programmi teatrali, ad esso sopravvisse il “melodrammatico”, quale risposta ad una cultura della sensibilità che apparve, dopo l’eccesso rivoluzionario, come l’unica cultura possibile, e le cui origini si collocano nel secolo dei Lumi. Un «prodotto della modernità» dunque (p. 81), che dalle sale arrivò a permeare il terreno politico. In una fase storica in cui l’azione politica era in via di definizione e di democratizzazione, i protagonisti riconobbero nel coinvolgimento emotivo la chiave per accedere al nuovo “pubblico” e spingerlo ad agire.

4Servendosi di un ampio apparato di fonti coeve, la storica si muove sulle tracce delle relazioni intessute tra politica e melodrammatico, lungo un percorso che dai palcoscenici delle grandi capitali europee di inizio secolo giunge fino alle piazze più calde del lungo quarantotto italiano.

5Focalizzando inizialmente l’analisi su Parigi e Londra, Sorba dà conto dell’evoluzione che conobbe il panorama teatrale – inteso sia come spazio sia come forma di intrattenimento – a cavallo tra XVIII e XIX secolo. In funzione di un pubblico sempre più ampio, cominciarono a essere inaugurati luoghi diversi e nuovi generi, cardini di un sistema di produzione teatrale via via commerciale e audience-oriented. È in questo contesto che si colloca la nascita del mélodrame, la cui fondazione è riconosciuta al momento della prima messa in scena di Coelina, ou l’enfant des mystères di Guilbert de Pixérécourt, all’Ambigu Comique il 15 fruttidoro del 1800 (p. 42). Attraverso gli scritti degli osservatori contemporanei, l’autrice delinea il dibattito che si sviluppò intorno al nuovo genere, identificato dai più come l’esito e, insieme, rappresentazione del disordine lasciato dalla rivoluzione. Tra polemiche, attacchi e satira, il nuovo spettacolo si diffuse codificando i propri elementi formali : emotività e gestualità enfatizzate, intrecci fondati sull’opposizione malvagio tirannico – innocente virtuoso, risolti sempre con la vittoria di quest’ultimo, e grande dispiegamento di dispositivi visuali e musicali. Sono questi gli ingredienti che fecero del mélodrame un « movente del core » (p. XIX), e della sua modalità espressivo-narrativo-immaginativa un efficace mezzo di comunicazione e mobilitazione, capace di legarsi, in particolare, ai racconti delle nazioni oppresse.

6Dopo aver ben inquadrato la genesi, i caratteri distintivi e i differenti sviluppi del genere, il libro sposta il fuoco sul caso italiano. A chiarire le ragioni di tale scelta interpretativa è la stessa autrice, la quale, prima di addentrarsi nelle vicende rivoluzionarie della penisola, segnala una cautela metodologica. « Il rischio » scrive «è quello di fare della modalità melodrammatica una sorta di passepartout» (p. 91), mentre per poter comprendere i nessi da essa stabiliti con l’azione politica, e i loro significati, è necessario focalizzare l’indagine su episodi specifici. Prima di affrontare l’analisi del triennio 1846-1849, Sorba inquadra i decenni che lo precedono, riconoscendo negli anni compresi tra il 1820 e il 1848 un periodo fecondo di racconti sulla nazione. Tale produttività fu l’esito di numerose riflessioni – mosse in particolare all’interno del pensiero liberale e democratico – volte ad individuare e a sostenere un’arte civile, capace di arrivare al popolo e avviarlo alla politica. In un’Italia frammentata e dal mercato culturale ancora in fase embrionale, la ricerca di un pubblico insieme letterario e politico fu dunque peculiare rispetto a quanto avvenne in altre nazioni europee : qui, più che altrove, tale ricerca si legò al moto di riscatto nazionale, che era contemporaneamente civile e politico (p. 100).

7Rifacendosi agli studi sul discorso nazional-patriottico di Alberto Mario Banti, la storica individua i principali esponenti di quest’arte civile praticata da scrittori, compositori e pittori, dando conto non solo dell’ampiezza della narrazione, già evidenziata dallo stesso Banti, ma rilevando in essa la presenza della modalità melodrammatica. Fu il tipico canovaccio del mélodrame, immediato nella comprensione e funzionale a forgiare il sentimento patriottico, ad essere costantemente rappresentato nei generi più diversi. Virtù contro immoralità, oppressi contro oppressori : su questa dialettica si costruirono racconti vittoriosi del passato nazionale, ai quali ben si adattò anche l’immagine del conflitto contro l’austriaco usurpatore. Ma fu solo nel lungo quarantotto che dalla fiction si passò alla narrazione della realtà politica presente.

8È attraverso una variegata selezione di fonti che l’autrice mette a fuoco questa narrazione, nel momento di massima diffusione e capacità espressiva. Si tratta di stampa periodica, memorie private, letteratura popolare, documenti istituzionali : fonti diverse che riproducono punti di osservazione differenti, i quali, tuttavia, convergono nel descrivere il medesimo “melodramma risorgimentale”.

9Con l’analisi dei discorsi sulla nazione, del loro lessico, delle immagini ricorrenti, e della loro capacità diffusiva, risulta chiaro come, lungo la penisola, questi si fossero uniformati e armonizzati ; privati o scritti per il popolo, assunsero ovunque significato politico, e la loro carica emotiva, portata all’estremo, travalicò nelle piazze.

10Dai discorsi, il libro sposta così l’attenzione sul complesso di pratiche e di simboli che marcarono la stagione rivoluzionaria. Gli osservatori del tempo descrissero un’azione politica nutrita di gestualità, ritualità e segni di riconoscimento carichi di teatralità. La drammatizzazione del passato uscì dalle sale teatrali e dalla fiction letteraria per riversarsi nelle strade, accompagnata ora dalla messa in scena, quasi in presa diretta, della cronaca rivoluzionaria del presente.

11Passando in rassegna il repertorio simbolico di questa spettacolarizzazione, Carlotta Sorba dimostra come negli anni in questione il linguaggio politico raggiunse una capacità comunicativa straordinaria, alimentata da dispositivi visuali ed espressivi di matrice melodrammatica. Si trattava di fogge, colori e accessori, di gesti e riti collettivi, di immagini : immediati da comprendere e, perciò, replicabili, consentirono a chiunque lo desiderasse di autorappresentarsi.

12Seguendo il filo della teatralizzazione politica ben oltre l’ondata rivoluzionaria, la storica apre infine una finestra sui primi decenni postunitari : indagando tra letteratura, allestimenti museali e primo cinema, individua la presenza della modalità melodrammatica, rimasta in qualità di cifra espressiva e narrativa del mito risorgimentale in costruzione.

13L’ampio ventaglio di temi trattati, la ricchezza delle fonti, la molteplicità dei punti di vista e la complessità dei processi indagati fanno di questo libro uno studio ambizioso e di grande interesse. Coniugando storia culturale, storia politica e storia delle emozioni, questa indagine si colloca al crocevia tra i più fertili filoni storiografici della storia contemporanea.

14Carlotta Sorba riesce a far dialogare tra loro tre differenti ambiti di studi solitamente distaccati : la nascita di una cultura dell’intrattenimento rivolta a un nuovo pubblico ; la strutturazione di una sfera politica dotata di linguaggi e pratiche moderni ; l’affermazione di una comunicazione pubblica intrisa di sensibilità ; tutti processi che affondano le proprie radici nella seconda metà del Settecento e che conoscono, come ha ben dimostrato la storica, un’amplificazione nell’Europa post-rivoluzionaria.

15Cercando di ricucire i fili di fenomeni differenti, mettendone in luce le reciproche influenze e connessioni, l’analisi pone un’inedita attenzione verso la dimensione mediatica del Risorgimento. L’obiettivo è quello di situare l’esperienza risorgimentale in un quadro di comunicazione «transmediale», il quale, a sua volta, interferisce e dialoga con la dimensione politica. Il caso italiano appare un terreno adatto da cui far emergere questa “transmedialità” risorgimentale : nel corso del lungo quarantotto, pamphlet, romanzi, opere teatrali, libelli, inni, periodici politici e riviste di moda concorsero ad allargare il flusso comunicativo col quale si propagò il discorso nazional-patriottico.

16Pur nella complessità di un’analisi condotta su piani differenti, il tentativo di Carlotta Sorba di tracciare la presenza della modalità melodrammatica all’interno della comunicazione pubblica e politica nel primo ottocento europeo approda a risultati convincenti. La specifica prospettiva attraverso cui sono sondati i problemi e le ampie argomentazioni supportano con rigore la tesi sostenuta : la melodrammaticità come forma espressiva e narrativa risulta componente essenziale e trasversale della comunicazione risorgimentale ; trasversalità ben evidenziata sul piano mediatico ma non solo : nonostante il case study italiano presenti alcune peculiarità, si trova infatti saldamente incardinato al contesto europeo, all’interno di quella dimensione transnazionale del Risorgimento avvalorata da numerosi studi e data ormai per acquisita.

17Lungo un percorso di ricerca intrapreso nel 2001 (Teatri, Bologna, Il Mulino), Carlotta Sorba ha, ancora una volta, offerto un contributo capace di mettere a fuoco ambiti poco praticati dagli studi storici. Questo libro ha aperto una pista di ricerca sulla quale potranno inserirsi nuovi lavori, i quali, seguendo le tracce della modalità melodrammatica, potranno forse giungere fino alle pratiche comunicative dei nostri giorni.

Top of page

References

Electronic reference

Valentina Besia, « Carlotta Sorba, Il melodramma della nazione. Politica e sentimenti nell’età del Risorgimento », Laboratoire italien [Online], Lectures | 2016, Online since 27 September 2016, connection on 28 April 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/1020

Top of page

About the author

Valentina Besia

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page