Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

Introduzione

Romain Descendre and Fabio Frosini
Translation(s):
Introduction

Full text

  • 1 L’idea di fondare la International Gramsci Society fu lanciata per la prima volta nel 1987, in occ (...)

11. L’approssimarsi dell’ottantesimo anniversario della morte di Antonio Gramsci può costituire l’occasione per fare un bilancio delle ultime acquisizioni della ricerca sul suo pensiero. In particolare, il 2017 si colloca – da una prospettiva italiana – all’interno di un ciclo caratterizzato da una chiarissima e per molti aspetti sorprendente ripresa di interesse per Gramsci. L’avvio di questo ciclo può essere indicativamente fissato tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta dello scorso secolo, e simbolicamente riassunto in due fatti che, non casualmente, sono di natura scientifica e non direttamente politica. Ci riferiamo alla fondazione, nel 1991, della International Gramsci Society e all’avvio, nel 1990, del progetto per l’Edizione nazionale degli scritti di Antonio Gramsci1.

  • 2 Se ne vedano gli atti in La crisi del soggetto. Marxismo e filosofia in Italia negli anni Settanta (...)

2Questi due importanti avvenimenti sono, come si è detto, non casualmente segnati da una spiccata caratterizzazione scientifica, prima e più che politica. Essi, infatti, a loro volta sono leggibili come reazioni a ciò che accadde nel decennio – o più precisamente nel quindicennio – precedente, vale a dire al progressivo scioglimento del PCI dall’eredità ideale racchiusa nel nome di Gramsci. Questo passaggio, che si disloca in realtà lungo tutti gli anni Settanta e che nel decennio seguente conosce un’accelerazione che lo rende evidente agli occhi del pubblico più ampio, si lega a sua volta a quella che, in un convegno recente, è stata felicemente definita “la crisi del soggetto”2, cioè la crisi e per molti versi dissoluzione di quella forza organizzata – il partito politico di massa – che nel quarto di secolo precedente era riuscito a essere protagonista della modernizzazione della società italiana.

  • 3 In ambito filosofico si veda l’importante volume Crisi della ragione. Nuovi modelli nel rapporto t (...)
  • 4 Questa centralità fu a sua volta il frutto di una complessa operazione politico-culturale realizza (...)
  • 5 Cfr. G. Liguori, Gramsci conteso. Interpretazioni, dibattiti e polemiche. 1922-2012, nuova edizion (...)
  • 6 È il titolo del capitolo cit. alla nota precedente: Dieci anni «a luci spente» (1978-1986).

3Tale crisi produsse ripercussioni e si manifestò a numerosi livelli e nelle forme più varie3. Nel campo degli studi gramsciani, e dato che Gramsci, sopratutto negli anni Sessanta e Settanta, era stato uno degli ancoraggi più forti dell’elaborazione teorica all’interno del PCI4, ciò si manifestò principalmente in un drammatico e rapido scemare di interesse, fatto, questo, segnalato dalla quasi assenza di pubblicazioni di rilievo nel corso degli anni Ottanta5. International Gramsci Society ed Edizione nazionale sono pertanto da contrastare su questo scenario, che può essere riassunto in un decennio «a luci spente»6. Entrambi questi progetti reagiscono a tale stato di cose, prendendo atto dell’avvio di una stagione nuova, che interpretano in modi non del tutto identici ma neanche incompatibili.

  • 7 V. Gerratana, Gramsci nel mondo, «Emigrazione Filef», XIX, 8-9, 1987, p. 5
  • 8 Ibidem.

4L’idea di una International Gramsci Society sorge nel momento in cui, anche grazie ai crescenti contatti internazionali degli studiosi italiani, si fa evidente la discrepanza tra la condizione di oblio in cui Gramsci è costretto nella Penisola e la «straordinaria diffusione»7 dell’interesse per lui, sopratutto negli ambienti linguistici anglofono e luso-ispanofono. Chi registrava questo fatto nel 1987, Valentino Gerratana, aggiungeva anche che l’aspetto più interessante di questa diffusione era il suo carattere «del tutto spontaneo»8, a sottolineare l’assenza di un “soggetto” organizzato capace di farsi promotore di questa diffusione e di indirizzarla. L’International Gramsci Society sorse dunque all’intersezione tra questo interesse diffuso e l’aspirazione a dargli una forma; aspirazione che, per le ragioni dette, si propose fin dall’inizio nella forma della libera associazione tra studiosi, simpatizzanti e interessati, sparsi in tutto il mondo. La base internazionale e associativa della IGS caratterizzò pertanto in modo del tutto nuovo la sua natura rispetto alle precedenti esperienze di studio e ricerca in campo gramsciano, e ne determinò in modo forte la vocazione, caratterizzandola anche rispetto al progetto di una Edizione nazionale degli scritti. La IGS era (ed è) infatti un’esperienza nella quale l’auto-organizzazione di gruppi di studiosi in varie parti del mondo ridefinisce profondamente il carattere “politico” dell’interesse per il pensatore sardo. Questo carattere non è cancellato, forse è anzi addirittura esaltato dalla natura “orizzontale” dell’associazione; ma allo stesso tempo è reso impossibile il collegamento tra IGS e partiti politici determinati.

5Diversa è l’origine del progetto dell’Edizione nazionale. Esso nasce nel contesto della Fondazione Istituto Gramsci, che fin dall’inizio ne è stata il centro di coordinamento e di impulso. Il presupposto ideale dell’intero progetto può essere messo a fuoco se si pensa al carattere di una Edizione nazionale, stabilita con decreto del Presidente della Repubblica per quegli autori che sono considerati particolarmente rappresentativi della cultura dell’intera “nazione”. La replica alla fine del nesso tra PCI e ricerca gramsciana, e successivamente alla fine dello stesso PCI e alla serie delle successive trasformazioni di ciò che ne è risultato, è stata pertanto, da questo versante maggiormente “istituzionale”, la volontà di trasformare Gramsci in un “classico” della cultura italiana, allo stesso titolo di Dante, Machiavelli, Galilei, Vico, Leopardi, Manzoni. Anche in questo caso, come in quello della IGS, la politicità del lavoro su Gramsci non è neutralizzata, ma spostata su un altro livello. Infatti la determinazione di quali siano i punti di riferimento “fondanti” di una cultura nazionale possiede una rilevanza politica di fondo, dato che incide sulle grandi scelte ideali che si riassumono nella costituzione di un “modello” da proporre per l’educazione delle nuove generazioni.

  • 9 Spicca in questo senso la co-organizzazione del convegno del 2007 Gramsci le culture e il mondo (c (...)

62. Riassumendo, potremmo dire che l’ultimo venticinquennio della ricerca su Gramsci in Italia è raffigurabile come una lenta “risalita” verso la superficie, a partire da un improvviso sprofondamento creatosi per la fine di un intero ciclo della storia nazionale. Questa “risalita” è oramai da qualche anno giunta al suo termine, e si può dire che oggi si procede di nuovo in piena luce. Di questo fatto si possono qui elencare alcune cause, solo in parte fortuite. Anzitutto, occorre precisare che l’attività della IGS Italia (cioè della sezione italiana della IGS) e quella della Fondazione Istituto Gramsci si sono, almeno a partire dall’inizio degli anni Duemila, spesso incrociate e sovrapposte. Le numerose collaborazioni ne sono la testimonianza9; ma più in particolare i cicli di seminari organizzati a partire dal 2001 dalla IGS Italia, prima sul Lessico dei «Quaderni del carcere», quindi su La storia dei «Quaderni del carcere» (quest’ultimo è tutt’ora in corso), sono legati a una prospettiva di “ritorno ai testi” e di rinnovamento dello studio di Gramsci su basi più rigorosamente storico-critiche, la quale rinvia direttamente (e fatte salve le divergenze su aspetti particolari) allo spirito dell’Edizione nazionale.

  • 10 Lettera di A. Gramsci a T. Schucht del 3 agosto 1931, in A. Gramsci-T. Schucht, Lettere 1926-1935, (...)
  • 11 Cfr. sopratutto Valentino Gerratana «filosofo democratico», a cura di E. Forenza e G. Liguori, Rom (...)
  • 12 Le parole di Gramsci, a cura di F. Frosini e G. Liguori, Roma, Carocci, 2004.
  • 13 Dizionario gramsciano 1926-1937, a cura di G. Liguori e P. Voza, Roma, Carocci, 2009.
  • 14 In questo senso è esemplare il convegno organizzato nel 2007 a Bari e Turi dalla Fondazione Istitu (...)
  • 15 Cfr. A. Gramsci, Quaderni del carcere, edizione critica dell’Istituto Gramsci a cura di V. Gerrata (...)

7In questo modo, sia nell’ambito della IGS Italia, sia in quello dell’Edizione nazionale si sono venute formando nuove generazioni di studiosi di Gramsci, le quali hanno accolto come esigenza fondamentale quella «provvista di scrupoli metodici» e quell’«abito di severa disciplina filologica» che egli attribuiva a sé stesso come eredità dei suoi «studi universitari»10. Del contributo dato da queste giovani generazioni esistono testimonianze in varie pubblicazioni11; ma più in generale questa nuova stagione si riflette in un volume – Le parole di Gramsci, del 200412 – che raccoglie i risultati del già ricordato seminario sul lessico dei Quaderni, e nel monumentale Dizionario gramsciano 1926-1937 del 200913, che comprende 626 voci di 59 collaboratori. In queste due pubblicazioni le generazioni si sono intrecciate e sovrapposte, e il mondo degli studi su Gramsci ha potuto constatare di prima mano a quali risultati il nuovo approccio poteva condurre, in termini non solamente di una nuova capacità di storicizzare e contestualizzare14, ma di adottare il criterio del «ritmo del pensiero», da Gramsci additato nei Quaderni del carcere come chiave di accesso per una ricostruzione realistica del pensiero di Marx, applicandolo allo stesso Gramsci15.

  • 16 G. Francioni, L’officina gramsciana. Ipotesi sulla struttura dei «Quaderni del carcere», Napoli, B (...)
  • 17 Cfr. in particolare G. Francioni, Proposte per una nuova edizione dei «Quaderni del carcere». (Sec (...)
  • 18 L’edizione dei Quaderni è diretta da Francioni. Finora ne è stato pubblicato il primo volume: A Gr (...)

8In questo senso, di una ricostruzione diacronica del pensiero di Gramsci nei Quaderni del carcere, in modo da ritrovarne il significato di opera in fieri, non conclusa, aperta verso un “mondo” con il quale il pensiero del prigioniero costantemente si misura, la grande discontinuità è stata rappresentata dalla pubblicazione dell’edizione critica nel 1975, nella quale il curatore, Valentino Gerratana, restituiva i “quaderni” secondo l’ordine nel quale furono effettivamente scritti. Tuttavia il modo in cui quella edizione poteva essere effettivamente valorizzata e trasformata in una base di studio che conducesse anche oltre di essa, è stato mostrato dal libro L’officina gramsciana, pubblicato nel 1984 da Gianni Francioni16. Grazie all’Officina, la “filologia gramsciana”, nella parte che riguarda i Quaderni, ha ricevuto una solida fondazione metodologica, e sulla base di ciò è stata prodotta una prima serie di ipotesi ermeneutiche, successivamente riviste e aggiornate17, che sono ora alla base della nuova edizione critica dei Quaderni del carcere, in corso di pubblicazione nell’ambito dell’Edizione nazionale18.

  • 19 Oltre al primo volume dei Quaderni del carcere, sono stati ad oggi pubblicati: A. Gramsci, Epistol (...)

9Il lavoro all’Edizione nazionale ha più in generale prodotto una svolta filologica molto marcata in tutto l’ambito dello studio di Gramsci. Anche nel caso dell’epistolario e degli scritti giornalistici e politici, si sono sviluppate competenze nuove e specifiche, spesso appannaggio di generazioni nuove di studiosi, che stanno rivoluzionando in buona parte l’immagine che i precedenti tentativi editoriali ci avevano consegnato19. Anche su questo terreno, dunque, il lavoro su Gramsci ha avuto importanti ricadute sul piano della formazione di una nuova generazione di ricercatori.

103. Quella che abbiamo proposto di raffigurare come una lenta “risalita” verso la superficie, può anche essere vista come la preparazione “di lunga lena” delle condizioni alle quali un eventuale “ritorno” di Gramsci nella cultura italiana non debba riproporsi nei termini di una fragile e passeggera “moda”. Il lavoro di studio testuale, lo sviluppo di nuovi strumenti filologici ed ermeneutici, la diffusione di un approccio che prende le mosse dalla storicizzazione e dalla contestualizzazione: tutto ciò rappresenta un argine rispetto ad attualizzazioni estemporanee, ma non rifiuta la sfida dell’“attualità”. Intende semmai proporne una modalità criticamente avveduta, capace di andare oltre gli stereotipi negativi o positivi.

  • 20 Un indice di questo successo è, ex contrario, il moltiplicarsi, negli ultimi anni, nel panorama it (...)
  • 21 Una tematizzazione di questo processo di ibridazione si può vedere ad es. in Gramsci and Foucault. (...)

11Ma questo lavoro non avrebbe potuto avere il successo e il riscontro che sta avendo20, se non si fosse incontrato, a un certo punto, con un fenomeno di diversa origine e di altra natura. Ci riferiamo al “ritorno” di Gramsci in Italia attraverso l’introduzione e spesso la traduzione di numerosi testi di autori appartenenti a correnti di studio sviluppatesi sopratutto in ambito anglofono, ma in luoghi geograficamente anche molto diversi, e che vanno dagli studi culturali a quelli subalterni e postcoloniali, dalla teoria del discorso a quella delle relazioni internazionali, dalla riflessione sul nuovo ruolo degli intellettuali ai dibattiti sulla società civile e la funzione dell’“egemonia”. In tutti questi casi – e in altri ancora – il pensiero di Gramsci ha svolto un ruolo centrale, spesso combinandosi con approcci anche assai distanti, come l’analisi foucaultiana del potere, dei processi di “soggettivazione” e delle strategie discorsive, e più in generale nozioni tratte dall’arsenale del decostruzionismo e del postmodernismo21. L’arrivo, negli ultimi anni, in Italia di questi autori e di queste tematiche ha generato a sua volta una sorta di ritraduzione di Gramsci nella lingua di origine: di un Gramsci, beninteso, filtrato attraverso ottiche assai distanti da quelle del suo originario “storicismo assoluto”.

  • 22 Alludiamo a P. Capuzzo, S. Mezzadra, Provincializing the Italian Reading of Gramsci, in The postco (...)

12A sua volta, questa irruzione di tematiche gramsciane di tipo del tutto nuovo, rispetto alle vecchie questioni che tradizionalmente giravano intorno all’analisi del suo pensiero, ha favorito una nuova diffusione di interesse presso ambienti intellettuali italiani che tradizionalmente erano avversi allo storicismo, con tentativi, a nostro avviso discutibili, di “provincializzare” – su questa fragile base – tutta la tradizione critica italiana22. Non è questa la strada che a nostro avviso va percorsa, se non altro, perché porre la questione in tal modo equivale a produrre due campi reciprocamente impermeabili a qualsiasi tipo di scambio. Riteniamo invece che sussista l’occasione concreta per una riaffermazione di una prospettiva “gramsciana” in buona parte nuova rispetto a quella degli anni classici della sua fortuna in Italia, ma che nasca non da ibridazioni nascenti da letture necessariamente distanti e superficiali, ma esattamente dal contrario di ciò: da un uso degli strumenti nel frattempo messi a punto e dei risultati raggiunti dalla nuova ricerca italiana. Solo così un dialogo può diventare possibile, e la questione dell’“attualità” del pensiero di Gramsci essere formulata nuovamente.

  • 23 Si vedano in questo senso il Colloque international: La « Gramsci Renaissance » . Regards croisés (...)

134. Il numero di «Laboratoire italien» che qui si presenta costituisce un contributo in questa direzione, in un momento nel quale alcuni segnali concreti di un ritorno di interesse per il pensiero di Gramsci nella cultura francese iniziano a manifestarsi23. Questo fascicolo, in concreto, aspira a essere una mediazione per il pubblico francese delle acquisizioni alle quali la ricerca italiana su Gramsci è giunta negli ultimi venticinque anni, e di cui si è ampiamente parlato nelle pagine precedenti.

14Con questo obbiettivo in mente, abbiamo individuato tre assi lungo i quali selezionare i nostri interlocutori e costruire un indice. Nella prima sezione – «Philologie» – abbiamo raccolto una documentazione pressoché completa e aggiornata sullo stato di avanzamento dell’Edizione nazionale; nella seconda sezione – « Outils » – il lettore troverà alcuni contributi su temi e aspetti del pensiero di Gramsci, riletti alla luce delle acquisizioni di merito e di metodo più recenti; la terza sezione – « Bilan » – ospita infine un’ampia panoramica complessiva di Giuseppe Vacca, che fa il punto sulle più significative interpretazioni di Gramsci prodottesi in Italia negli ultimi anni.

15La prima sezione è aperta da un amplissimo contributo di Gianni Francioni, nel quale il curatore della nuova edizione critica del magnum opus gramsciano, i Quaderni del carcere, fa il punto sul proprio quarantennale (il suo primo contributo risale al 1977) lavoro di ricerca sulla struttura, lo statuto e la datazione dei testi che compongono i Quaderni. Questo testo può considerarsi il più accurato e definitivo che Francioni abbia dedicato a questo argomento, e si colloca direttamente a ridosso della pubblicazione del secondo volume della nuova edizione dei Quaderni, che apparirà nel 2017 e conterrà i Quaderni miscellanei. In esso tutte le questioni relative al processo materiale di scrittura, alla struttura e alla datazione dei manoscritti del carcere sono affrontati in modo esaustivo, tanto da potersi dire che questo saggio rappresenta una riscrittura del libro L’officina gramsciana, qui già precedentemente menzionato. Il saggio di Francioni è affiancato da uno di Giuseppe Cospito, nel quale si ricostruiscono le ricerche e le discussioni che hanno condotto alla proposta di realizzare una nuova edizione critica dei Quaderni, si esaminano le caratteristiche che la differenziano rispetto alla precedente, di V. Gerratana, e si prende posizione su tutti i punti controversi legati a questa scelta. Di grande utilità è l’appendice del saggio di Cospito, che presenta l’ordinamento definitivo della nuova edizione critica e la più aggiornata ipotesi di datazione di tutte le note dei Quaderni.

  • 24 L’immagine del giovane Gramsci è stata peraltro già sottoposta a una radicale revisione nel volume (...)

16Completano la sezione due saggi, di Maria Luisa Righi e di Eleonora Lattanzi, rispettivamente dedicati all’edizione degli Scritti 1910-1926 e a quella dell’Epistolario. Nel suo contributo Righi ricostruisce in dettaglio le due precedenti edizioni degli scritti pre-carcerari di Gramsci, la prima, realizzata tra il 1954 e il 1971, e la seconda, avviata nel 1980 e interrotta (con il volume dedicato agli scritti del 1919-1920) nel 1987. Entrambe queste edizioni presentano limiti oramai più che evidenti: il carattere spesso trascurato della trascrizione, peraltro non riscontrata sugli originali dal curatore della seconda edizione; la presenza oggi accertata di numerosi apocrifi e di altrettanti testi mancanti; la tendenza a normalizzare e rendere omogenea la lingua di Gramsci. Sono in parte questioni di dettaglio, ma il loro complesso è destinato a rivoluzionare in buona parte l’immagine che oggi abbiamo, sopratutto del giovanissimo giornalista socialista. È il caso della sua ricca e variegata attività come critico musicale, un tratto quasi del tutto misconosciuto nelle precedenti edizioni, e che oggi, invece, ci presenta una personalità decisamente più originale e anticonformista, con tratti di netto “avanguardismo”, rispetto a quella finora accettata24.

  • 25 A. Gramsci-T. Schucht, Lettere 1926-1935, cit.

17L’articolo di Eleonora Lattanzi sull’epistolario fa il punto su di una situazione complessa, fittamente intricata e fino a oggi (con una sola eccezione: l’epistolario tra Gramsci e Tatiana Schucht del 1926-1935)25 trattata in maniere molto distanti dai criteri scientifici di edizione. Ciò che finora era disponibile erano infatti solamente le lettere di Gramsci, mentre i volumi già apparsi dell’epistolario (che coprono il periodo 1910-novembre 1923) «dimostrano quanto il reinserimento della corrispondenza nella trama originaria e la restituzione del dialogo fra i corrispondenti siano necessari per la ricostruzione della biografia di Gramsci e concorrano a demolire certezze lungamente sedimentate». La difficoltà presentata dal reperimento di originali prodotti in circostanze, periodi e luoghi assai diversi (tanto che in diversi casi essi sono andati perduti e si è dovuto fare ricorso alle trascrizioni esistenti) non ha però impedito di individuare numerose nuove lettere, che contribuiranno anche in questo caso a precisare e a innovare in modo sostanziale la nostra immagine di Antonio Gramsci.

18La seconda sezione del fascicolo è dedicata a fare il punto su alcuni dei temi nuovi (o sulle nuove declinazioni di temi già presenti in precedenza), per come sono emersi nelle ricerche italiane degli ultimi decenni. Abbiamo qui un contributo di Romain Descendre e Jean-Claude Zancarini su uno dei concetti che negli ultimi tempi ha conosciuto gli sviluppi critici maggiormente innovativi, quello di “traducibilità”, uno di Chiara Meta sul rapporto di Gramsci con il pragmatismo e le avanguardie dei primi del Novecento, uno di Giancarlo Schirru sulla linguistica, uno di Alessio Gagliardi in cui si fa il punto storiografico sull’interpretazione gramsciana del fascismo, uno di Fabio Frosini sul rapporto tra autocensura e analisi politica del mondo attuale nel Quaderni e uno di Pierre Girard su Gramsci e Vico.

19Il saggio di Romain Descendre e Jean-Claude Zancarini ricostruisce la genealogia del concetto di traducibilità. Centrale e potente, questo strumento euristico fa la sua apparizione nei Quaderni pur essendo il risultato di un processo che li precede e che, lungi dall’essere lineare, va capito nella sua complessità e storicità. Vanno considerati in particolare il dibattito sull’esperanto nel gennaio 1918, la metafora della rivoluzione come “traduzione” del pensiero marxista nella realtà, o ancora la “traduzione” in Italia dell’esperienza russa attraverso i consigli di fabbrica. Nei Quaderni la metafora diventa l’elemento centrale di una completa rifondazione del marxismo, elaborata fin dai primi Appunti di filosofia, strumento di emancipazione teorica e politica dalla stessa esperienza russa. Il saggio evidenzia l’importanza, in questa impresa, di alcuni testi considerati come fondamentali, non solo di Karl Marx (Tesi su Feuerbach e Sacra famiglia) ma anche di Antonio Labriola. Due momenti si rivelano decisivi: i mesi di ottobre e novembre 1930, quando il ripensamento del marxismo a partire dall’idea di traduzione serve sia a combattere gli schematismi che conducono a vedervi una divisione artificiale del reale tra noumeni economici e apparenze ideologico-politiche (Croce), sia ad allontanarlo da ogni riduzione dogmatica a logica astratta o esperanto teorico (Bucharin); e l’anno 1932, quando la nozione di traducibilità permette di pensare la «riduzione» di tutte le filosofie «a momento della vita storico-politica» e di ridefinire la filosofia della praxis come unità radicale di teoria e pratica.

20Nel suo contributo Chiara Meta ricostruisce la fitta trama di corrispondenze e influenze che unisce Gramsci a quella che si può chiamare, con un termine volutamente ampio, la “cultura pragmatistica”, cioè a quella serie di elementi teorici che, tra Italia, Francia e Inghilterra, tra la fine del secolo xix e il principio del xx, percorrono l’epistemologia, la psicologia, la teoria della storia e la riflessione sullo statuto della scienza e della realtà economica, e a cui ad esempio neanche un filosofo come Benedetto Croce fu estraneo. Questa cultura rappresenta, per il Gramsci del periodo che va almeno fino al 1917, un punto di riferimento essenziale, una sorta di vocabolario e di grammatica, che egli liberamente utilizza – senza remore di tipo “puristico” e senza preoccuparsi di alcuna ortodossia – per esprimere ciò che maggiormente gli sta a cuore, vale a dire le questioni che ruotano attorno alla lotta del proletariato per la sua emancipazione.

21Il contributo di Giancarlo Schirru su linguistica e filosofia della praxis si profila su di uno sfondo caratterizzato dalla tendenza a considerare o il marxismo di Gramsci – in quanto attento alle sovrastrutture – un marxismo “occidentale”, e dunque la sua linguistica in accordo con questo tipo di marxismo “spurio”, ovvero, in modo più radicale, il suo preteso marxismo come una sottile crosta che maschera la vera natura del suo pensiero, consistente in una linguistica di tipo idealistico e liberale. Queste due tesi, che hanno a lungo dominato la discussione, sono entrambe rigettate, in favore di un ragionamento che per un verso rintraccia le origini della linguistica marxista di Gramsci nel pensiero di Antonio Labriola, per un altro mostra come la linguistica rappresenti un punto di incontro e poi di contatto permanente di Gramsci con la discussione sovietica, in particolare sul terreno socio-linguistico, in relazione alla costituzione multinazionale della Russia e poi della federazione sovietica: una discussione viva proprio nel periodo in cui Gramsci soggiornò a Mosca. Su queste basi, Gramsci spinge il marxismo verso territori ancora inesplorati, e lo fa fissando – nota Schirru – un nesso preciso tra la logica di Hegel e l’economia politica, quando afferma che la filosofia della praxis è uguale a Hegel + Davide Ricardo. Il significato di questa singolare “equazione” è, secondo Schirru, il modo in cui Gramsci interpreta il celebre passo di Marx, nel Poscritto alla seconda edizione del primo libro del Capitale, sul “rovesciamento” della dialettica di Hegel. Secondo Gramsci, il “rovesciamento” va compiuto non liquidando come “falsa” e “alienata” tutta la realtà, per cui la riappropriazione dell’“essenza” umana consisterebbe in un’inversione radicale (è ciò che è accaduto nel marxismo – che è stato maggioritario – della “reificazione” e della “alienazione”). Al contrario, tale “rovesciamento” consiste nel riconoscimento della “traducibilità” di logica hegeliana ed economia politica di Ricardo, per cui la prima possiede un carattere “realistico” e la seconda un elemento “logico”, cioè “razionale”. Il rovesciamento è dunque una “traduzione”, che spinge a riconoscere l’elemento di “razionalità” contenuto dentro il mondo presente, elemento che va, mediante successive traduzioni, appropriato dalla classe operaia e sottratto al controllo del capitalista.

22Il titolo del contributo di Alessio Gagliardi, Tra rivoluzione e controrivoluzione, entra immediatamente nel merito della discussione storiografica attuale sul fascismo e sul modo in cui il modello interpretativo da Gramsci messo a punto nei Quaderni del carcere (ma con importanti anticipazioni nei testi anteriori) si può proficuamente inserire in essa. In una situazione – quella attuale – caratterizzata dalla crisi del paradigma antifascista classico, del fascismo – e più in generale dei fascismi – la storiografia tende oggi a mettere in luce le potenzialità innovative, la presa di massa, la spinta modernizzatrice, la capacità di produrre una “religione” politica di tipo nuovo. Ma in realtà queste caratteristiche sono già tutte presenti nel modello ermeneutico che Gramsci mette a punto in carcere. Il fascismo appare a Gramsci «sempre più un fenomeno irriducibile alla sola dimensione economica, risultato certamente del dominio borghese ma non privo di margini di autonomia, capace di mettere in campo modalità di gestione del potere all’altezza dei problemi posti dalla società di massa e in forte discontinuità con il liberalismo ottocentesco e con il giolittismo. Per comprendere in profondità i caratteri peculiari del fascismo, Gramsci mette a punto alcune categorie di analisi che costituiscono in alcuni casi chiavi di lettura per la più generale interpretazione della storia d’Italia o per le dinamiche di cambiamento delle moderne società capitalistiche».

23Il testo di Fabio Frosini si sofferma sul rapporto, che viene considerato essenziale per la comprensione dei Quaderni del carcere, tra autocensura e analisi politica del mondo attuale. Che nella scrittura carceraria di Gramsci fosse presente una qualche forma di autocensura, è un fatto registrato immediatamente, fin dalla prima edizione dei Quaderni. Più di recente esso è stato considerato, sopratutto in relazione alle lettere, come un vero e proprio “codice” di “decifrazione” delle comunicazioni tra Gramsci e il proprio partito (al quale le missive spedite da Turi giungevano attraverso la catena formata da Tatiana Schucht e Piero Sraffa). In questo contributo tale approccio è ripreso e precisato, nel senso di mostrare come le analisi del mondo contemporaneo presenti nei Quaderni sono tutte collegate a un progetto politico di ripensamento della strategia politica del PCI. In particolare, si analizza il nesso tra analisi e strategia in relazione a ciò che Gramsci chiama «americanismo e fordismo». Di questa categoria si mostra il nesso con tutta l’indagine sulla crisi e trasformazione sul parlamentarismo, dunque sull’affermarsi di una società “corporativa” anche fuori dell’Italia fascista, e sulla genesi di una forma nuova di politica, in cui le masse sono completamente organizzate e attivamente presenti dentro le organizzazioni che lo Stato ha creato per poterle controllare.

24Il saggio di Pierre Girard su Gramsci e Vico chiude la sezione del fascicolo. In questo contributo, dopo una ricognizione critica dello status testuale (i riferimenti di Gramsci a Vico sono pochi e apparentemente poco significativi), l’autore indica due direttive di ricerca. Anzitutto, egli propone una ricostruzione del modo in cui Vico e la sua “immagine” giungono fino a Gramsci, attraverso una intricata vicenda di mediazioni, riproposte e interpretazioni, che passa principalmente per l’Italia e la Francia e giunge fino a Georges Sorel, cioè a un punto molto vicino a Gramsci. In secondo luogo – e qui è il nocciolo di questo studio – si tenta una comparazione funzionale tra il tipo di intervento realizzato da Vico dentro il sistema di riferimenti culturali della sua epoca, e quello che Gramsci mette in opera nei Quaderni. Su questo piano, secondo Girard si rivelano delle sorprendenti analogie, perché «la mathesis universalis critiquée par Vico chez Descartes a le même statut que “l’économisme”, le fatalisme, le “déterminisme” constamment critiqués par Gramsci dans son interprétation du marxisme». In questo senso, sia tenendo presente il carattere fortemente pratico, cioè etico e politico, della filosofia vichiana, sia ponendo mente a una serie di analogie tra Gramsci e Vico (la nozione di filologia, anzitutto, ma anche il rifiuto di un metodo universale, ecc.), «on pourrait peut-être considérer l’entreprise des Quaderni comme l’application de la méthode de Vico au cas particulier de l’Italie, et cela pour en faire également un diagnostic, permettant de discerner les lignes d’une action politique possible».

  • 26 La citazione è tratta da P. Togliatti, Il leninismo nel pensiero e nell’azione di A. Gramsci (appu (...)
  • 27 Per la citazione cfr. ivi, pp. 1188-1189.

25La terza sezione di questo fascicolo ospita, come detto, un saggio di Giuseppe Vacca intitolato Les études récentes sur Gramsci en Italie. In esso si ripercorrono in forma panoramica le discussioni più recenti, nelle quali la pubblicazione di nuovi documenti, o le nuove edizioni di documenti già noti, si intrecciano con una discussione critica che, sia pure tra molte oscillazioni e divergenze interpretative, presenta una caratteristica comune che si può sintetizzare in due punti, rispettivamente di metodo e di merito. Sul primo terreno, si registra l’affermazione della diacronia come punto-chiave irrinunciabile per intendere il pensiero di Gramsci in ogni momento della sua vita. Il “sistema” di categorie adottato da un pensatore che, in modi e forme diverse, fu sempre a contatto con la storia del suo tempo in un’attitudine attiva, volta all’intervento e al progetto strategico, non può essere compreso se si pretende di irrigidirlo in un blocco autosufficiente, ma neanche se lo si scioglie nel succedersi di “occasioni” e “casi” sempre nuovi. Sul piano della teoria, in Gramsci sussiste una tensione tra persistenza e innovazione, che va affrontata con delicatezza e prudenza. Sul piano del merito, l’insieme dei contributi esaminati da Vacca hanno «tous à l’esprit que Gramsci fut “un théoricien de la politique mais surtout [...] un praticien politique c’est-à-dire un combattant”, et que c’est “dans la politique qu’il faut rechercher l’unité de [sa] vie : son point de départ et son point d’arrivée”»26. Ma, allo stesso tempo, «Les auteurs dont nous nous occuperons partagent aussi la conviction que la figure de Gramsci “transcende la simple histoire” du Parti communiste italien et représente “un nœud, de pensée autant que d’action, dans lequel tous les problèmes de notre temps sont présents et se mêlent”»27.

  • 28 V. Gerratana, Gramsci. Problemi di metodo, Roma, Editori Riuniti, 1997, p. xi. La definizione è tr (...)
  • 29 V. Gerratana, Gramsci. Problemi di metodo, cit., p. xxvi.
  • 30 Ivi, pp. xxiii-xxiv.

265. Nel 1997, dando alle stampe una parziale raccolta degli scritti da lui dedicati a Gramsci, Valentino Gerratana poneva ad exergo dell’introduzione una celebre definizione di Italo Calvino: «Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quello che ha da dire»28. In questo modo Gerratana, che in quel momento guardava all’intera vicenda della fortuna di Gramsci a partire da una svolta (il 1989) che gli sembrava decisiva e definitiva, interponeva tra il presente e quel passato un singolare diaframma critico. La classicità di un autore, intesa come sempre rinnovata capacità di parlare a nuove generazioni, è infatti un’idea ingannevolmente chiara. Essa mette sì al riparo il testo da una perdita di contatto con il presente, ma lascia del tutto impregiudicato il modo in cui questo contatto si possa ogni volta rinnovare. L’idea – che è presente nel testo di Calvino e che compare, in definitiva, anche in quello di Gerratana – è che il “classico” è quel luogo del tempo presente che non si lascia ridurre a questa dimensione, pur essendone integralmente una parte; e che questo rapporto tra “classico” e “presente” non può essere completamente spiegato. Ma mentre per Calvino, la classicità è quella zona di “gratuità” che si conserva entro una rete coerente di relazioni funzionali, per Gerratana, la forma di una possibile “classicità” di Gramsci doveva partire – in modo ben più drammatico – dalla sua «insofferenza [...] per la mancanza di sobrietà e di ordine intellettuale»29, mentre era diventata indispensabile una «lettura selettiva dei Quaderni», perché «Gramsci da solo non regge»30.

27Le considerazioni che abbiamo svolto all’inizio di questa Introduzione, sulla trasformazione di Gramsci in un “classico” della cultura italiana, contengono anche queste inflessioni. Sottoporre gli scritti del capo del Partito Comunista d’Italia alla lente d’ingrandimento di un dizionario di più di seicento voci, o passarlo per il sottile crivello ecdotico di una “edizione nazionale”, vuole pertanto dire certamente l’avvio di una stagione, nella quale la sua “eredità” è oramai considerata patrimonio dell’intera umanità; ma anche, allo stesso tempo, implica il riconoscimento del fatto che la “presenza” di Gramsci nel mondo attuale è un elemento innegabile ma anche “irriducibile” a una presenza piena, immediata. È con questa doppia consapevolezza, che questo fascicolo di «Laboratoire italien» è stato progettato e approntato.

28A questo proposito vorremmo però spingerci più oltre, e ricordare che l’avvio di questa nuova fase della fortuna di Gramsci, se ha preso le mosse dall’idea di una sua possibile “classicità”, sta però producendo risultati che in qualche modo – questa è la nostra impressione – la rimettono almeno in parte in discussione, perché riaprono un dialogo di Gramsci con la nostra contemporaneità, che è di carattere più diretto e immediato. Se queste nuove ricerche hanno, nel loro complesso, dato un primo risultato, esso può infatti essere riassunto in due questioni strettamente intrecciate. Da una parte, è apparso in tutta la sua evidenza il carattere intrinsecamente politico del pensiero di Gramsci: “politico”, nel senso di un pensiero che sempre, anche nei Quaderni del carcere, intende essere una ipotesi di elaborazione strategica attuale e che, pertanto, trova nella “pratica” non un oggetto sul quale “riflettere” ma una parte essenziale di sé in quanto “pensiero”.

29In secondo luogo, si è chiarito in che misura Gramsci sia un uomo dei “tempi nuovi”: un uomo, cioè, che intuisce le straordinarie trasformazioni che il mondo stava subendo come conseguenza di dinamiche europee e mondiali che avevano trovato nella Grande guerra un punto di annodamento e in qualche modo anche di “catastrofe”, nell’antico senso drammatico di una “rivelazione” che porta a conclusione una vicenda. Quando scriveva i Quaderni, Gramsci era convinto del fatto che i contenuti e le forme della politica stessero conoscendo un “rivolgimento” fortissimo, e che questo rivolgimento avrebbe avuto, presto o tardi, ripercussioni in tutti gli aspetti e i momenti della vita. In sintesi, egli riteneva che – come conseguenza della “catastrofe” bellica – un’intera nuova fase della storia mondiale si stesse aprendo, nella quale l’apporto “individuale” (inteso letteralmente, e anche come individualità “nazionale”) sarebbe stato destinato a passare in secondo piano, rispetto alla dimensione di “piano”, di “pianificazione” e “razionalizzazione”, e di produzione di sempre nuovi e più organici “conformismi”. Ma Gramsci era convinto – e questa sua convinzione ne fa spiccare la posizione all’interno del mondo dei regimi totalitari – che questo nuovo “livello” della politica creasse possibilità prima impensabili per una reale democratizzazione dell’intera vita sociale, proprio nel momento in cui approfondiva enormemente la penetrazione della politica nella vita privata, sia in forme aperte, come i controlli polizieschi e amministrativi, sia in forme larvate e striscianti, come la nuova e organizzata presenza della “cultura” in quanto funzione di “controllo” e non più solamente di espressività individuale.

  • 31 Cfr. G. Vacca, Introduzione: La lezione del fascismo, in P. Togliatti, Sul fascismo, Roma-Bari, La (...)

30La compresenza di questi due aspetti – aumento del controllo e aumento delle potenzialità di democratizzazione – era motivata per Gramsci dal fatto che solamente dando una “forma” all’iniziativa politica delle masse popolari, le classi dominanti potevano riuscire a “neutralizzare” gli esiti della loro iniziativa31. A partire dal riconoscimento di questa dialettica, prende forma nei Quaderni del carcere la messa a punto di una serie di categorie – egemonia, rivoluzione passiva, crisi organica, intellettuali, rapporti di forze, “analisi delle situazioni”, “traducibilità dei linguaggi” – il cui insieme può fornire valide indicazioni per un’analisi critica anche del mondo attuale, se è vero che la questione della “democrazia” non ha perso la propria attualità, né la politica ha smesso di contenere dentro di sé spinte contrastanti e in ultima analisi inconciliabili.

Top of page

Notes

1 L’idea di fondare la International Gramsci Society fu lanciata per la prima volta nel 1987, in occasione del convegno Modern times. Gramsci e la critica dell’americanismo (cfr. Per un’associazione internazionale di studi su Gramsci – The International Gramsci Society, in Modern times. Gramsci e la critica dell’americanismo, Atti del convegno internazionale, Roma, 20-22 novembre 1987, a cura di G. Baratta e A. Catone, Milano, Diffusioni ’84, 1989, pp. 484-486) e ripresa nel convegno Gramsci nel mondo (cfr. Gramsci nel mondo, Atti del Convegno internazionale di studi gramsciani, Formia, 25-28 ottobre 1989, a cura di M. L. Righi, Roma, Fondazione Istituto Gramsci, 1995). Per l’Edizione nazionale degli scritti di Antonio Gramsci, cfr. «IG Informazioni. Trimestrale della Fondazione Istituto Gramsci di Roma», 2, 1992, che raccoglie i materiali di un seminario organizzato dall’Istituto Gramsci di Roma su questo progetto. Il seminario fu organizzato da G. Vacca; in esso tennero relazioni G. Francioni, M. Ciliberto, F. De Felice, L. Mangoni, V. Gerratana; alla successiva discussione parteciparono anche N. Badaloni, S. Caprioglio, G. Vacca, R. Martinelli, D. Ragazzini, R. Medici, L. Borghese, J. A. Buttigieg, L. Canfora, L. Paggi e M. Mustè.

2 Se ne vedano gli atti in La crisi del soggetto. Marxismo e filosofia in Italia negli anni Settanta e Ottanta, a cura di G. Vacca, Roma, Carocci, 2015.

3 In ambito filosofico si veda l’importante volume Crisi della ragione. Nuovi modelli nel rapporto tra sapere e attività umane, a cura di A. G. Gargani, Torino, Einaudi, 1979.

4 Questa centralità fu a sua volta il frutto di una complessa operazione politico-culturale realizzata da Togliatti all’interno del PCI e nel rapporto tra questo e gli intellettuali di sinistra in Italia. Cfr. F. Chiarotto, Operazione Gramsci: alla conquista degli intellettuali nell’Italia del dopoguerra, Milano, Mondadori, 2011. Sull’attività di Togliatti come editore di Gramsci, ciò che costituì la “base” per quella “operazione”, cfr. Togliatti editore di Gramsci, a cura di C. Daniele, Introduzione di G. Vacca, Roma, Carocci, 2005 (Annali della Fondazione Istituto Gramsci, XIII).

5 Cfr. G. Liguori, Gramsci conteso. Interpretazioni, dibattiti e polemiche. 1922-2012, nuova edizione riveduta e ampliata, Roma, Editori Riuniti, 2012, cap. VIII.

6 È il titolo del capitolo cit. alla nota precedente: Dieci anni «a luci spente» (1978-1986).

7 V. Gerratana, Gramsci nel mondo, «Emigrazione Filef», XIX, 8-9, 1987, p. 5

8 Ibidem.

9 Spicca in questo senso la co-organizzazione del convegno del 2007 Gramsci le culture e il mondo (cfr. Gramsci le culture e il mondo, a cura di G. Schirru, Roma, Viella, 2009). Nel 2017 è previsto lo svolgimento, a Roma, di un convegno internazionale co-organizzato da IGS-Italia e Fondazione Istituto Gramsci, dal titolo Egemonia e modernità. Il pensiero di Gramsci in Italia e nella cultura internazionale.

10 Lettera di A. Gramsci a T. Schucht del 3 agosto 1931, in A. Gramsci-T. Schucht, Lettere 1926-1935, a cura di A. Natoli e C. Daniele, Torino, Einaudi, 1997, p. 750.

11 Cfr. sopratutto Valentino Gerratana «filosofo democratico», a cura di E. Forenza e G. Liguori, Roma, Carocci, 2011 e Domande dal presente: studi su Gramsci, a cura di L. Durante e G. Liguori, Roma, Carocci, 2012.

12 Le parole di Gramsci, a cura di F. Frosini e G. Liguori, Roma, Carocci, 2004.

13 Dizionario gramsciano 1926-1937, a cura di G. Liguori e P. Voza, Roma, Carocci, 2009.

14 In questo senso è esemplare il convegno organizzato nel 2007 a Bari e Turi dalla Fondazione Istituto Gramsci su Gramsci nel suo tempo. Cfr. Gramsci nel suo tempo, a cura di F. Giasi, Roma, Carocci, 2008.

15 Cfr. A. Gramsci, Quaderni del carcere, edizione critica dell’Istituto Gramsci a cura di V. Gerratana, Torino, Einaudi, 1975, p. 419. La frase intera è la seguente: «La ricerca del leit-motiv, del ritmo del pensiero, più importante delle singole citazioni staccate». Cfr. in questa direzione G. Cospito, Il ritmo del pensiero. Per una lettura diacronica dei «Quaderni del carcere» di Gramsci, Napoli, Bibliopolis, 2011.

16 G. Francioni, L’officina gramsciana. Ipotesi sulla struttura dei «Quaderni del carcere», Napoli, Bibliopolis, 1984.

17 Cfr. in particolare G. Francioni, Proposte per una nuova edizione dei «Quaderni del carcere». (Seconda stesura), «IG Informazioni. Trimestrale della Fondazione Istituto Gramsci di Roma», 2, 1992, pp. 85-186; Id., Come lavorava Gramsci, in A. Gramsci, Quaderni del carcere. Edizione anastatica dei manoscritti, a cura di G. Francioni, vol. I, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 2009, pp. 21-60. Per una puntualizzazione attuale sullo status quaestionis cfr. G. Cospito, L’Edizione nazionale dei Quaderni del carcere, in questo fascicolo.

18 L’edizione dei Quaderni è diretta da Francioni. Finora ne è stato pubblicato il primo volume: A Gramsci, Quaderni del carcere; vol. I: Quaderni di traduzioni (1929-1932), 2 tomi, a cura di G. Cospito e G. Francioni, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 2007.

19 Oltre al primo volume dei Quaderni del carcere, sono stati ad oggi pubblicati: A. Gramsci, Epistolario; vol. I: Gennaio 1906-dicembre 1922, a cura di D. Bidussa, F. Giasi, G. Luzzatto Voghera e M. L. Righi, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 2009; vol. II: Gennaio-novembre 1923, a cura di D. Bidussa, F. Giasi e M. L. Righi, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 2011; A. Gramsci, Scritti 1910-1926; vol. II: Scritti 1917, a cura di L. Rapone, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 2015. Sono stati inoltre pubblicati, in 18 volumi, nel 2009, i Quaderni del carcere. Edizione anastatica dei manoscritti, a cura di G. Francioni, cit. Quest’ultima edizione non fa parte direttamente dell’Edizione nazionale, ma ne accompagna il progetto. Segnaliamo infine la recentissima pubblicazione del primo volume di Documenti dell’Edizione Nazionale: A. Gramsci, Documenti 1. Appunti di glottologia 1912-1913, a cura di G. Schirru, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2016.

20 Un indice di questo successo è, ex contrario, il moltiplicarsi, negli ultimi anni, nel panorama italiano di libri scandalistici e sensazionalistici (tra loro peraltro assai diseguali, per serietà e impegno), dedicati, più che al pensiero di Gramsci, ad aspetti della sua vicenda carceraria, riletta attraverso la chiave di lettura del complotto e del tradimento. Cfr., tra tutti, F. Lo Piparo, I due carceri di Gramsci. La prigione fascista e il labirinto comunista, Roma, Donzelli, 2012; L. Canfora, Gramsci in carcere e il fascismo, Roma, Salerno, 2012; Id., Spie, Urss, antifascismo. Gramsci 1926-1937, Roma, Salerno, 2012; G. Fabre, Lo scambio. Come Gramsci non fu liberato, Palermo, Sellerio, 2015. Rattrista peraltro constatare che fra la messe dei libri italiani dedicati a Gramsci in questi ultimi anni, l’unico a essere stato tradotto e diffuso in Francia sia quello, del tutto campato in aria, di Lo Piparo. Questo numero di «Laboratoire italien», così come il numero di «Actuel Marx» citato infra (nota 23), intende contribuire a riequilibrare in una direzione scientificamente valida le pubblicazioni gramsciane in lingua francese.

21 Una tematizzazione di questo processo di ibridazione si può vedere ad es. in Gramsci and Foucault. A Reassessment, ed. by D. Kreps, Farnham and Burlington (VT), Ashgate, 2015.

22 Alludiamo a P. Capuzzo, S. Mezzadra, Provincializing the Italian Reading of Gramsci, in The postcolonial Gramsci, ed. by N. Srivastava and B. Battacharya, New York etc., Routledge, 2012, pp. 34-54.

23 Si vedano in questo senso il Colloque international: La « Gramsci Renaissance » . Regards croisés France-Italie sur la pensée d’Antonio Gramsci, Parigi, 22-23 marzo 2013, co-organizzato dalla Fondation Gabriel Péri, dalla Fondazione Istituto Gramsci e dal Centre d’Histoire des systèmes de pensée moderne (http://www.gabrielperi.fr/152.html), e i due seminari che si svolgono da più anni all’École normale supérieure di Lione (Lire les ‘Cahiers de prison’ d’Antonio Gramsci, a cura di R. Descendre e J.-C. Zancarini, http://triangle.ens-lyon.fr/spip.php?rubrique453 ) e all’École des hautes études en sciences sociales (L’anthropologie politique et Antonio Gramsci, a cura di R. Ciavolella e G. Rebucini, http://enseignements-2014.ehess.fr/2014/ue/607/ ). Un primo risultato di questi seminari è il recente numero monografico di «Actuel Marx» (57, 2015) dedicato al pensiero di Gramsci e curato da R. Descendre, R. Ciavolella e J.-C. Zancarini. Da segnalare inoltre la recente sintesi di uno studioso che da più di quarant’anni non ha mai cessato di dedicarsi al pensiero di Gramsci: A. Tosel, Étudier Gramsci, Paris, Kimé, 2016.

24 L’immagine del giovane Gramsci è stata peraltro già sottoposta a una radicale revisione nel volume di L. Rapone, Cinque anni che paiono secoli. Antonio Gramsci dal socialismo al comunismo (1914-1919), Roma, Carocci, 2011. Rapone è anche il curatore del già citato secondo volume degli Scritti 1910-1926, dedicato al 1917 e pubblicato nel 2015.

25 A. Gramsci-T. Schucht, Lettere 1926-1935, cit.

26 La citazione è tratta da P. Togliatti, Il leninismo nel pensiero e nell’azione di A. Gramsci (appunti), in Id., La politica nel pensiero e nell’azione. Scritti e discorsi 1917-1964, a cura di M. Ciliberto e G. Vacca, Milano, Bompiani, 2014, p. 1121.

27 Per la citazione cfr. ivi, pp. 1188-1189.

28 V. Gerratana, Gramsci. Problemi di metodo, Roma, Editori Riuniti, 1997, p. xi. La definizione è tratta da I. Calvino, Perché leggere i classici, in Id., Perché leggere i classici, Milano, Mondadori, 1991, pp. 11-19. Il saggio era stato pubblicato con il titolo Italiani, vi esorto ai classici, in «L’Espresso», 28 giugno 1981, pp. 58-68.

29 V. Gerratana, Gramsci. Problemi di metodo, cit., p. xxvi.

30 Ivi, pp. xxiii-xxiv.

31 Cfr. G. Vacca, Introduzione: La lezione del fascismo, in P. Togliatti, Sul fascismo, Roma-Bari, Laterza, 2004, pp. xv-clxvi, qui xcvii.

Top of page

References

Electronic reference

Romain Descendre and Fabio Frosini, « Introduzione », Laboratoire italien [Online], 18 | 2016, Online since 06 December 2016, connection on 28 March 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/1040

Top of page

About the authors

Romain Descendre

Professeur d'études italiennes et d’histoire de la pensée politique à l’École normale supérieure de Lyon et membre honoraire de l’Institut universitaire de France. Il codirige le pôle « Pensée politique et sciences sociales » de l’Unité mixte de recherche Triangle (CNRS, UMR 5206) et il est membre du LabEx ‘CoMod’. Ses travaux portent principalement sur l’histoire de la pensée politique italienne. Derniers ouvrages parus : A politização do mundo, Campinas - São Paulo, Editora Unicamp, 2015; Giovanni Botero, Della ragion di Stato, edizione critica a cura di P. Benedittini e R. Descendre, introduzione di R. Descendre, Torino, Einaudi, 2016 ; Id., Delle cause della grandezza della città,  a cura di R. Descendre, Roma, Viella, 2016. Depuis 2012 il anime à l’ENS de Lyon, avec J.-C. Zancarini, le séminaire « Lire les Cahiers de prison d’Antonio Gramsci ». Il a dirigé, avec R. Ciavolella et J.-C. Zancarini, le dossier « Antonio Gramsci », Actuel Marx, 57, premier semestre 2015.

By this author

Fabio Frosini

Chercheur en Histoire de la philosophie à l’Université d'Urbino. Il est directeur de la Ghilarza Summer School - Scuola internazionale di studi gramsciani, membre de la commission scientifique pour l’Edizione Nazionale degli scritti di Antonio Gramsci, du comité garant et du comité scientifique de la Fondazione Istituto Gramsci de Rome et du comité de direction de l’International Gramsci Society - Italia. Ses intérêts de recherche vont de l’histoire de la philosophie de la Renaissance à celle du marxisme, principalement italien. Parmi ses publications : Gramsci e la filosofia. Saggio sui “Quaderni del carcere”, Rome, Carocci, 2003 (Prix international “Giuseppe Sormani” 2004, Turin) ; La religione dell’uomo moderno. Politica e verità nei “Quaderni del carcere” di Antonio Gramsci, Rome, Carocci, 2010 ; Vita, tempo e linguaggio (1508-1510). L Lettura Vinciana - 17 aprile 2010, Florence, Giunti, 2011 ; Maquiavel o revolucionário, São Paulo, Ideias & Letras, 2016.

By this author

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page