Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
L'épreuve de la nouveauté

Novitates pariunt discordias

A proposito della nozione di novum nella tradizione giuridica fra medio evo ed età moderna
Christian Zendri
p. 37-54

Abstracts

Il termine novum, e i suoi derivati come novitas, novitates, assumono nella tradizione giuridica una caratteristica ambivalenza semantica, oscillando da accezioni che indicano semplicemente la collocazione di un fatto in una serie disposta cronologicamente, ad altre che invece esprimono un giudizio, di carattere morale e giuridico, su tale fatto. Si tratta, a ben vedere, di un giudizio sovente assai severo, poiché il concetto di novum finisce per indicare ciò che produce discordia, fino a divenire, nella grande dottrina del tardo medio evo, sinonimo di iniquum. Questa ambiguità è fatta propria dalla riflessione giuridica della prima modernità, ed è quindi applicata ad alcuni dei problemi più importanti che formano oggetto di quella riflessione, dalla nuova legislazione alla questione del principe nuovo, per poi trapassare negli « incunaboli del moderno » del tardo XVI secolo. Siamo di fronte a un percorso che, dalla Glossa alle Scritture, prosegue attraverso la lessicografia giuridica dei secoli xii-xiv, per giungere alla stagione dei grandi commentatori tre-quattrocenteschi, all’umanesimo giuridico e arrivare, passando per Machiavelli, a Bodin, Grégoire, Iohannes Althusius e alla scolastica riformata del Seicento.

Top of page

Full text

  • 1 Io. 13, 34.
  • 2 1 Io. 2, 7-10.
  • 3 Per il significato, le forme e l’importanza degli studi biblici in età medievale, si veda almeno B. (...)
  • 4 In una prospettiva più ampia, in cui peraltro trova posto anche la letteratura giuridica, sottoline (...)
  • 5 Glossa « Mandatum novum » ad Io. 13, 34 : « Mandatum novum] Augustinus. Non quod hoc non sit in ant (...)
  • 6 Ibid. : « Sed quia dilectio de veteri facit novum hominem quocumque tempore. »
  • 7 Ibid. : « Quod tamen non facit dilectio quae est naturali necessitudine : ut inter coniuges patres (...)

1« Mandatum novum do vobis : Ut diligatis invicem, sicut dilexi vos, ut et vos diligatis invicem »1, e ancora : « Charissimi, non mandatum novum scribo vobis, sed mandatum vetus, quod habuistis ab initio. Mandatum vetus est verbum, quod audistis. Iterum mandatum novum scribo vobis, quod verum est et in ipso, et in vobis : quia tenebrae transierunt, et verum lumen iam lucet. Qui dicit se in luce esse, et fratrem suum odit, in tenebris est usque adhuc. Qui diligit fratrem suum, in lumine manet, et scandalum in eo non est. »2 Questi due luoghi scritturali, tratti rispettivamente dal Vangelo e dalla prima Lettera di Giovanni, meritano, credo, di essere posti ad limina di qualsiasi riflessione sul significato che la parola stessa novità, novitas, ha avuto nella tradizione giuridico-teologica medievale. E ciò non soltanto a causa dell’autorevolezza che li ha ammantati, in ragione del loro essere, appunto, Scrittura, Verbum Dei3. Essi ci inducono infatti ad apprezzare, in un modo che non potrebbe essere più diretto, una caratteristica ambiguità semantica che pare essere propria del termine novum e, quindi, novitas4. La Glossa ordinaria ai due passaggi poc’anzi citati non manca di cogliere e di far emergere proprio questa caratteristica ambiguità. Il glossatore infatti, alle prese con il difficile compito di far concordare la Rivelazione dell’antico Israele con quella cristiana, non può non osservare che il comandamento dell’amore era già contenuto nella Lex vetus, e, cosa non meno importante, era già praticato in età precristiana5. Quindi è intorno al senso da attribuire a quell’aggettivo, novum, che si concentrano gli sforzi dell’interprete. Nuovo perciò non ha nulla a che vedere con la novità del comandamento in quanto tale, ma piuttosto con i suoi effetti : esso trasforma l’uomo, da uomo vecchio ne fa un uomo nuovo6. E ciò avviene perché l’amore, che forma il contenuto del comandamento, non è più l’amore che nasce dalla naturale necessità, come quello che lega i coniugi, oppure padri e figli, e tanto meno è l’amore che unisce gli amanti7.

  • 8 Cfr. supra nota 5.
  • 9 Cfr. supra nota 2.
  • 10 Io. 1, 1-18.

2Insomma, si potrebbe dire che novum non è ciò che è nuovo in quanto prima inaudito, ma ciò che dona un significato nuovo a qualcosa che, per sé, esiste già. La ragione di ciò appare chiaramente nella glossa al Vangelo di Giovanni : il comandamento di Cristo non è nuovo perché inusitato, « non quod antiqui sancti non sic dilexerunt »8. Anzi, il glossatore tiene appunto a chiarire il carattere sostanzialmente non nuovo dell’insegnamento di Gesù, e lo fa precisamente ricordando gli « antiqui sancti », cioè attribuendo proprio al comandamento antico il carattere della sanctitas. Non può essere casuale se Giovanni, nella sua prima epistola, tiene moltissimo a precisare che « non mandatum novum scribo vobis, sed mandatum vetus », vale a dire un comandamento « quod habuistis ab initio »9. E ciò si comprende, spiega Giovanni, perché « mandatum vetus est verbum, quod audistis », cioè il comandamento antico è, niente di meno, che verbum, e quindi, possiamo concludere, alla luce dell’insegnamento di Giovanni medesimo10, il Verbum stesso.

  • 11 Occorre aggiungere che la stessa lingua latina dell’età intermedia riflette con precisione l’ambiva (...)
  • 12 Sulla operis novi nuntiatio, si veda ora l’ampio studio di G. Santucci, Operis novi nuntiatio iuris (...)
  • 13 Dig. 39, 1.
  • 14 Cod. 8, 10, 14.
  • 15 Dig. 39, 1, 1, pr. : « Hoc edicto promittitur, ut, sive iure sive iniuria opus fieret, per nuntiati (...)
  • 16 Dig. 39, 1, 1, 1 : « Hoc autem edictum remediumque operis novi nuntiationis adversus futura opera i (...)
  • 17 Ibid.

3Se la tradizione teologico-esegetica rivela, a ben vedere, una profonda diffidenza verso il nuovo, verso le novitates, la tradizione giuridica, dal canto suo, non si mostra meno diffidente11. A dire il vero, un certo disagio di fronte a ciò che è novum poteva essere colto in modo immediato in uno degli istituti che la tradizione romanistica, fondata sull’autorità dei testi giustinianei, aveva consegnato alla dottrina intermedia : la operis novi nuntiatio12. La questione era stata sentita con particolare sensibilità dai compilatori giustinianei, se è vero che le furono dedicati un titolo del Digesto (De operis novi nuntiatione13), e una costituzione dello stesso Giustiniano, raccolta nel titolo De aedificiis privatis del Codice14. In particolare, il problema era quello di interdire la prosecuzione e il completamento di un’opera, che poteva essere lesiva del diritto di un terzo, e fino a quando questi non avesse potuto provare il diritto stesso15. Ulpiano, nel frammento del commentario all’Editto pretorio con cui si apre il titolo De operis novi nuntiatione, aveva ricordato che tale interdetto si applicava agli opera futura, e non a quelli praeterita16. E anzi, in un passaggio che gli editori moderni del Digesto hanno ritenuto una glossa scivolata nel testo, si precisava : « Hoc est adversus ea quae nondum facta sunt, ne fiant. »17 Insomma, anche in questi testi autorevoli, la novitas (in questo caso di un opus), non pare segnata da un carattere positivo, ma piuttosto da un certo sospetto, che fa sì che la sua legittimità debba essere dimostrata, a fronte di una semplice denuncia di chi asserisce di riceverne un danno.

4Ma è soprattutto nella tradizione dottrinale di diritto comune che la caratteristica ambiguità della nozione stessa di novum è chiaramente espressa.

  • 18 Lascio da parte la questione, peraltro allo stato irrisolta, se l’Uguccione grammatico autore delle (...)
  • 19 Uguccione da Pisa, Derivationes, II, cit., N 31 [2-4], p. 829 : « Item a neos novus –a –um, recens, (...)
  • 20 Ibid., R 54 [19], p. 1038.

5Da questo punto di vista, un osservatorio ideale ci è offerto dalla lessicografia giuridica, che permette di cogliere questa sfumatura in modo sintetico ma, proprio per questo, particolarmente chiaro. Le Derivationes di Uguccione18, la più significativa, matura ed estrema espressione della lessicografia medievale alla fine del secolo XII, identificano novus con recente e novissimus con ultimo, e propongono come sinonimo di novus sia inusitatus che magnus19. Ma l’osservazione più interessante giunge a proposito del lemma novum, che è collocato però, senza alcuna autonomia, accanto a rumor, con cui è identificato20 :

Item a ruo hic rumor –ris, idest murmur vel quod vulgo dicitur novum, quia celeriter ruat.

  • 21 Su Alberico da Rosciate, osservazioni e bibliografia in L. Prosdocimi, Alberico da Rosate, in Dizio (...)
  • 22 Alberici a Rosate Dictionarium ad utriusque iuris facilitatem pertingere nitenti maxime necessarium(...)
  • 23 Ibid.
  • 24 Ibid.
  • 25 Cod. 11, 59, 8 : « Qui agros domino cessante desertos vel longe positos vel in finitimis ad privatu (...)
  • 26 Alberici a Rosate Dictionarium, cit., ad vocem novum : « Aliquando dicitur novum aliquid, cuius ext (...)

6Anche in questo caso, novum, ciò che è nuovo, è quindi caricato di sfumature che, se non sono necessariamente negative, presentano però i tratti dell’ambiguità. Nei primi anni del secolo XIV, poi, il maggiore lessicografo-giurista medievale, Alberico da Rosciate (ca. 1290-1360)21, riprende la tradizione uguccioniana, ampliandola e precisandola, alla luce di un secolo di riflessioni civilistiche e canonistiche. Nel suo Dictionarium iuris, Alberico passa in rassegna molteplici accezioni del termine novum. Così, memore della operis novi nuntiatio, egli ricorda che un opus novum è solo quello edificato de novo22, per poi precisare che « novum dicitur quando non est vetus »23. La precisazione è solo apparentemente lapalissiana, perché serve al giurista a introdurre un nuovo, breve paragrafo, secondo cui « novum, quandoque dicitur intra biennium »24, e ciò sulla base dell’allegazione di un luogo del Codex Iustinianus, in cui era stato concesso a chiunque di coltivare i fondi incolti, ma si era lasciato al proprietario il diritto di rivendicarli entro il termine di due anni, dopodiché essi dovevano essere attribuiti non più al vetus dominus ma al novus cultor25. Inoltre, per novum si può intendere ciò di cui vi è memoria, mentre per vetus il contrario26.

  • 27 Ibid. : « Novum quandoque dicitur : licet de veteri aliquid sit. »
  • 28 Ibid. : « Novum aliquando idest ultimum. »
  • 29 Ibid.

7Dopo aver quindi cercato di offrire una delimitazione temporale relativamente precisa alla nozione di novum,Alberico aggiunge però che il linguaggio stesso delle fonti è talora oscuro e si presta a confusione27. E poi, novum può essere inteso anche in modo diverso, legato non tanto allo scorrere di un lasso di tempo più o meno determinato, ma alla posizione di un fatto rispetto a una serie di altri fatti, sicché di novum si può parlare come di un sinonimo di ultimum28. Ma soprattutto, novum è ciò che non è mai accaduto prima, che è inusitato, e quindi contrario alla consuetudine29 :

Novum aliquando idest inauditum […]. Novum est quod non fuit […]. Novum non dicitur, quod quandoque fuit statutum : licet modo renovetur […]. Novum, idest extraneum […]. Novum non est, quod est usitatum.

  • 30 Ibid.
  • 31 Ibid., ad vocem novitatem.
  • 32 Ibid.
  • 33 Ibid.
  • 34 Si tratta di Dig. 1, 4, 2 : « In rebus novis constituendis evidens esse utilitas debet, ut recedatu (...)
  • 35 La decretale, di Innocenzo III, cita una ben nota costituzione di Costantino raccolta in Cod. 8, 52 (...)

8Se è vero che l’ambito giuridico in cui la nozione di novum si rivela più utile è soprattutto quello del diritto feudale, a cui non a caso Alberico dedica un lungo paragrafo30, per noi, in questa sede, è molto più interessante una breve notazione che il giurista pone accanto alla voce connessa, novitas. Alberico, dopo aver preliminarmente osservato che « novitas dicitur tunc non fieri, quando omnia sunt in statu suo »31, e dopo aver aggiunto, in modo, direi, cautelativo, che « novitatis additio non est peremptio vetustati »32, conclude recisamente che « novitates pariunt discordias »33. E, a sostegno di una simile, perentoria affermazione, porta due autorità, tratte rispettivamente dal Liber Extra di Gregorio IX e dal Digesto34, secondo le quali soltanto una evidente utilità può consigliare di discostarsi dal ius ordinariamente vigente, e le novitates producono discordie, sicché è opportuno conformarsi alla auctoritas non vilis della consuetudine, salva naturalmente l’autorizzazione a discostarsene rilasciata dai superiori35.

  • 36 Digestum Novum, Lugduni, Apud Hugonem a Porta et Antonium Vincentium, M.D.LVIII.
  • 37 Vari studi su Bartolo da Sassoferrato sono contenuti in Bartolo da Sassoferrato. Studi e documenti (...)
  • 38 Digestum Novum, cit., p. 1A : « Quaerit hic Bartolus quare hic liber dicatur et denominetur Digestu (...)
  • 39 Ibid. : « Responde quod dictio novum, variis modis capitur. »
  • 40 Ibid. : « Quandoque enim appellatur novum id est ultimum […]. Et sic tria sunt volumina, et istud e (...)
  • 41 Ibid. : « Quandoque appellatur novum ea ratione, quia interdicta denominantur a prima parte sui : u (...)
  • 42 Dig. 43, 24, 1 : « Praetor ait : “Quod vi aut clam factum est, qua de re agitur, id cum experiendi (...)
  • 43 Digestum Novum, cit., p. 1A : « Ita hic, quia tractatur de novo opere, appellatur Digestum novum. »
  • 44 Ibid.

9Da una prospettiva meno ampia di quella lessicografica, vale la pena di ricordare una additio con cui si apre il terzo volumen del Digesto nella tradizione dell’età intermedia, vale a dire quella parte delle antiche Pandette giustinianee che, per i doctores di ius commune, prende il nome di Digestum Novum36. L’additio riporta, in realtà, una questione discussa da Bartolo da Sassoferrato37, che si era chiesto perché questo volume, che raccoglieva gli ultimi libri del Digesto, dal trentanovesimo al cinquantesimo, avesse preso il nome di Novum38. La risposta è complessa, perché l’aggettivo novum può essere inteso in una pluralità di accezioni39. Talora con novum si intende in realtà ultimum, e infatti, fra i tre volumi in cui la sapientia civilis dell’età intermedia ha suddiviso i Digesta, questo è, a tutti gli effetti, l’ultimo40. Un’altra possibile spiegazione ha a che vedere con l’uso di dare il nome a quei particolari rimedi processuali che sono gli interdicta, a partire dalle prime parole della formula dell’Editto pretorio che li prevede41. Così, l’interdetto Quod vi aut clam prende il nome dalla formula del Pretore42. Allo stesso modo, si dice, il Digestum Novum avrebbe questo nome solo perché si apre con la trattazione della operis novi nuntiatio43. Infine, e si tratta forse dell’ipotesi più interessante, la denominazione Novum può assumere una sfumatura negativa44 :

  • 45 Dig. 2, 2, 1, pr.-1 : « Hoc edictum summam habet aequitatem, et sine cuiusquam indignatione iusta : (...)

Quandoque appellatur iniquum ut l. i. in principio supra quod quisque iuris45. Et ideo hic dicit novum, id est iniquum, puniens iniqua.

  • 46 Dig. 47 e 48.
  • 47 Bartolus a Saxo Ferrato, In Primam ff. novi Partem, Venetiis, Apud Iuntas, MDLXX., ad ff. De operis (...)

10Si tratta, naturalmente, di un’allusione a quella parte del Digesto, costituita dai cosiddetti libri terribiles, il quarantasettesimo e il quarantottesimo, consacrata in modo speciale al diritto criminale46. Ma ciò che più conta è l’identificazione di novum con iniquum, che mostra, una volta di più, la diffidenza dei giuristi medievali per ciò che è nuovo. Si deve aggiungere che, fin qui, l’additio è interprete, anzi, ripetitrice fedele del pensiero bartoliano. Bartolo infatti, commentando proprio il principio del Novum, aveva scritto47 :

Sed quare appellatur Digestum novum ? Responde quandoque appellatur novum idest ultimum […]. Ergo tria sunt volumina, istud est ultimum. Secundo modo appellatur novum, sicut quaedam interdicta appellantur a prima parte sui, ut in interdicto, quod vi aut clam. ita hic, quia tractatur de novo opere, appellatur Digestum novum. Tertio modo potest dici novum, scilicet eo, quia novum quandoque appellatur iniquum. l. i. in principio supra quod quisque iuris et ideo hic dicit novum idest iniquum, puniens iniqua. His praemissis, veniamus ad nigrum.

11In verità, non vi è qui molto da osservare, eccezion fatta per la maggiore chiarezza che distingue, come spesso accade, il pensiero di Bartolo rispetto a quello dei suoi ripetitori, e la brillante vivacità della chiusa, che sottolinea il passaggio della lectio dall’inchiostro rosso della rubrica a quello nero del testo delle leges.

  • 48 Digestum Novum, cit., p. 1A : « Ultimo dic et melius […], quod ista sunt nomina magistralia inventa (...)
  • 49 Ibid. : « Ultra praedicta de dictione novi, vide bona glosam in c. generali in verbo novo de electi (...)
  • 50 Cfr. c. 13, VI, 1, 6 : « Generali constitutione sancimus, universos et singulos, qui, regalia, cust (...)
  • 51 Gl. « De novo », ad c. 13, VI, 1, 6, in Liber Sextus Decretalium D. Bonifacii Papae VIII., Lugduni, (...)

12Piuttosto, molto interessante si rivela il prosieguo della additio. Dopo aver concluso che, in realtà, il nome di Digestum Novum, e quelli di Vetus e Infortiatum assegnati alle altre parti del Digesto, non sono che denominazioni scelte dai doctores secondo il loro gusto, e su cui non vale la pena arrovellarsi troppo48, l’additio tenta di impostare la questione in termini più generali. Infatti, essa rinvia a una glossa dell’apparato ordinario al Liber Sextus, la raccolta di decretali pubblicata da Bonifacio VIII nel 1298, come al luogo in cui il termine novus è discusso e precisato49. Si tratta di una glossa a un decreto di Gregorio X, approvato dal secondo Concilio di Lione del 1274, e destinato a reprimere nuovi abusi e nuove usurpazioni dei diritti della Chiesa e di diritti sulle chiese, come l’avvocazia50. La glossa cerca di districarsi nella complessità della nozione di novum, stabilendo soprattutto una chiara delimitazione cronologica. Dopo aver precisato che la decretale, parlando di prevaricazioni compiute de novo, vuole riferirsi a una prassi sviluppatasi negli ultimi quarant’anni, aggiunge che si intende anche come nuovo ciò che non eccede l’anno, e così pure è nuovo ciò di cui si serba il ricordo, mentre tutto il resto deve essere qualificato come vetus51 :

Scilicet a xl. annis citra […]. Chrisma tamen, matrimonium, mancipium, vinum, dicuntur nova, quae non excedunt annum : vetera, quae excedunt […]. Alibi dicitur novum, cuius extat memoria, et eius contrarium dicitur vetus.

  • 52 G. Tamba, Giovanni d’Andrea, in Dizionario Biografico degli Italiani, LV, Roma, Istituto della Enci (...)
  • 53 F. Liotta, Baisio, Guido da, in Dizionario Biografico degli Italiani, V, Roma, Istituto della Encic (...)
  • 54 Cfr. c. 5, VI, 1, 6 : « Sancimus, ut nullus de cetero administrationem dignitatis, ad quam electus (...)
  • 55 Liber Sextus, cit., col. 103. Effettivamente, nel commentario che Giovanni d’Andrea scrive intorno (...)
  • 56 Alberici a Rosate Dictionarium, cit., ad vocem novum.
  • 57 Così L. Prosdocimi, Alberico da Rosate, cit., p. 657A.

13Infine, una additio all’apparato ordinario al Liber Sextus, attribuita a Giovanni d’Andrea (ca. 1270-1348)52, aggiunge, citando Guido Da Baisio, l’Arcidiacono (ca. 1250-1313)53, che è nuovo, ciò che non è mai stato prima : « Dicit Archidiaconus quod hic, et supra eodem titulo avaritiae54. dicitur novum, quod nunquam fuit. Ioan. And. »55En passant, si può cogliere una certa somiglianza fra questa osservazione del d’Andrea e una nota di Alberico da Rosciate, che abbiamo già incontrato e secondo la quale « novum est quod non fuit »56. Se si tiene conto che il Dictionarium iuris di Alberico è il frutto della successiva fusione di due serie alfabetiche, una canonistica e una civilistica57, non sarà difficile vedere proprio nell’Arcidiacono la fonte del Dictionarium.

  • 58 Su Baldo degli Ubaldi cfr. E. Cortese, Il diritto nella storia medievale, II, Il basso medioevo, ci (...)
  • 59 Dig. 1, 4, 2 ; cfr. supra nota 34.
  • 60 Digestum Vetus, Lugduni, Apud Hugonem a Porta, et Antonium Vincentium, M.D.LVIII., p. 30B, gl. « In (...)
  • 61 Il commento di Bartolo passa da Dig. 1, 4, 1 a Dig. 1, 4, 3 ; cfr. Bartolus a Saxo Ferrato, In Prim (...)
  • 62 Baldi Ubaldi Perusini Commentaria In primam Digesti Veteris Partem, Venetiis, Apud Iuntas, MDLXXII. (...)

14La diffidenza dei giuristi nei confronti di ciò che è novum trova riscontro in un brevissimo testo di Baldo degli Ubaldi (1327-1400), allievo di Bartolo e suo successore sulla cattedra perugina58. Si tratta di un testo steso sulla l. In rebus del titolo De constitutionibus principum del Digesto. Il frammento giustinianeo, tratto da Ulpiano, affermava che « in rebus novis constituendis evidens esse utilitas debet, ut recedatur ab eo iure, quod diu aequum visum est »59. Ora, la Glossa ordinaria si era limitata a portare alcuni esempi di leggi nuove, introdotte propter evidentem utilitatem60, mentre Bartolo non aveva commentato il luogo61, e Baldo vi dedica un rapido cenno, solo per affermare che « omnis novitas praesumatur mala, et sic est argumentum contra tentantes innovare contra bona regimina civitatum, secus in malis, ut hic »62.

  • 63 Su Giasone del Maino cfr. A. Belloni, Professori giuristi a Padova nel secolo XV. Profili bio-bibli (...)
  • 64 Iasonis Mayni Mediol. In Primam Digesti Veteris Partem Commentaria, Venetiis, s. n., MDLXXXIX., ad (...)
  • 65 Ibid., n. 2. Cfr. supra nota 33.
  • 66 Ibid. : « C. quia dilectio, in fine de consanguinitate et affinitate [c. 3, X, 4, 14 : « Unde in ha (...)
  • 67 Ibid., n. 3 ; cfr. c. 11, D. XI : « Si qui a Romanae ecclesiae institutionibus errant, aut commonea (...)

15Il commentario di Baldo inaugura una tradizione interpretativa, ripresa da Giasone del Maino (1435-1519), a cavaliere dei secolo XV e XVI63. Leggendo proprio la stessa l. In rebus, infatti, il maestro pavese non manca di osservare : « Ex lege ista nota quod a novitatibus abstinendum est : quia omnis novitas praesumitur mala. »64 Si tratta, con tutta evidenza, di una citazione del commentario di Baldo che già conosciamo. Di provenienza canonistica, invece, è quanto segue : « Et novitates pariunt discordias. »65 Già Alberico da Rosciate aveva scritto la stessa cosa, allegando precisamente quel canone Quum consuetudinis del Liber Extra che anche Giasone ricorda, insieme alla decretale Quia dilectio66. Giasone però aggiunge un rinvio a una lettera di papa Innocenzo I a Decenzio, vescovo di Gubbio, raccolta nel Decretum di Graziano, secondo cui « inducentes novitates, reprehenduntur. 11. dist. c. quis nesciat in fine »67.

  • 68 Iasonis Mayni Mediol. In Primam Digesti Veteris Partem Commentaria, cit., loc. ult. cit.
  • 69 Su Angelo, si vedano notizie e bibliografia in E. Cortese, Il diritto nella storia medievale, II, I (...)
  • 70 Iasonis Mayni Mediol. In Primam Digesti Veteris Partem Commentaria, cit., loc. ult. cit.
  • 71 Angeli Ubaldi Perusini In I. atque II. Digesti Veteris Partem Commentaria, Venetiis, Ad signum Aqui (...)

16La conclusione di Giasone riprende dichiaratamente quella di Baldo : « Et facit iste textus secundum Baldum contra tentantes innovare bona regimina civitatis. Secus si sint mala. »68 Però, ancora una volta, Giasone sente il bisogno di aggiungere qualcosa, e si tratta di un’osservazione attribuita ad Angelo degli Ubaldi69, il fratello di Baldo, secondo cui questa legge « facit contra illos Florentinos, qui erant deputati super bono regimine civitatis, ut non possint aliquid, nisi evidenti causa, innovare »70. Angelo degli Ubaldi in verità aveva riportato un’opinione attribuita a Cino da Pistoia, a proposito degli statutari fiorentini : « Allegat, quod si statutariis datur arbitrium de condendo nova statuta, et corrigendo vetera, quod non possunt statuta vetera corrigere, nisi quae sunt correctione digna, quod est contra statutarios Florentinos, dicit Cynus. »71

  • 72 Sull’umanesimo giuridico, dopo il classico lavoro di D. Maffei, Gli inizi dell’umanesimo giuridico, (...)
  • 73 Dig. 39, 1.
  • 74 Su Ulrich Zasius il testo di riferimento è S. Rowan, Ulrich Zasius. A Jurist in the German Renaissa (...)
  • 75 Udalrici Zasii Commentaria, seu Lecturas eiusdem in titulos tertiae partis Pandectarum (quod vulgo (...)
  • 76 Ibid., n. 1 : « Dicitur autem Novum, quod antea non fuit. glosa i. verbi de novo c. generali de ele (...)
  • 77 Ibid. : « Novum aliquando ordinem significat, ut Digestum dicitur novum, quia per ordinem datum est (...)
  • 78 Ibid. Cfr. Dig. 2, 2, 1 ; Dig. 39, 1.

17La tradizione dell’età intermedia confluisce in quella umanistico-giuridica degli inizi del Cinquecento, affidandole anche la questione del novum e della novitas72. Commentando il titolo De operis novi nuntiatione del Digesto giustinianeo73, Ulrich Zasius (1461-1535), il primo grande civilista tedesco74, esordisce ponendo una quaestio che già ben conosciamo : « Quid ergo Novum sit videamus. »75 Anche per il giurista tedesco, novum è termine insieme polisemico e ambiguo. Così, egli ricorda che è nuovo ciò che prima non è mai stato, allegando l’autorità della glossa « De novo » al canone Generali del titolo De electione del Liber Sextus di Bonifacio VIII, che abbiamo già incontrato76. Ma deve anche ricordare che talora novum rimanda all’idea di un ordine, di una successione (con il senso, evidentemente, di ultimo), talora invece è sinonimo di magnum (ovvero, potremmo dire, di straordinario), qualche volta anche ha a che fare con la nozione di homo novus, in contrasto con nobilis77. Subito dopo, però, Zasius aggiunge che novum può avere anche un’accezione decisamente negativa. Così accade, ad esempio, nella prima lex del titolo Quod quisque iuris in alterum statuerit, ut ipse eodem iure utatur del Digesto (Dig. 2, 2, 1), in cui novum è sinonimo di illicitum. E così accade anche nel titolo De operis novi nuntiatione che Zasius sta commentando, dove novum sta a significare controverso, e quindi fonte di liti78 :

Aliquando [novum] illicitum significat, ut in l. i. supra quod quisque iuris. Aliquando dicitur Novum, quod est subiectum controversiis, id est, quod parit lites, ut hic in titulo nostro.

  • 79 Dig. 2, 2, 1, 1.
  • 80 Si tratta delle glosse « Novi iuris » e « Si quis » a Dig. 2, 2, 1 ; cfr. Digestum Vetus, cit., p.  (...)
  • 81 Bartolus a Saxo Ferrato, In Primam ff. veteris Partem, cit., ad rubricam ff. Quod quisque iuris, f. (...)
  • 82 Per questo e più in generale per la recezione in Germania della tradizione « italiana » cfr. F. Wie (...)

18Effettivamente, la l. Hoc edictum del titolo Quod quisque iuris afferma : « Qui magistratum potestatemve habebit, si quid in aliquem novi iuris statuerit, ipse quandoque adversario postulante eodem iure uti debet. si quis apud eum, qui magistratum potestatemque habebit, aliquid novi iuris optinuerit, quandoque postea adversario eius postulante eodem iure adversus eum decernetur : scilicet ut quod ipse quis in alterius persona aequum esse credidisset, id in ipsius quoque persona valere patiatur. »79 La Glossa aveva interpretato il luogo attribuendo al novum ius il carattere dell’iniquità : « Quod scit esse novum. Et ita facit dolo […]. Duo capita habet hoc edictum. primum fuit in constituente ius iniquum, secundum in eum qui facit constitui. »80 Bartolo, commentando la rubrica di questo titolo, aveva scritto : « Quia interdum ius iniquum statuit [scil. qui habet iurisdictionem] iustum, et aequum est, ut eodem iure utatur. »81 Insomma, ciò che pare chiaro è che Zasius riprende tutta intera la tradizione dottrinale sulla nozione di novum, trasmettendola così alla dottrina tedesca del secolo xvi82.

  • 83 Cfr. Les six livres de la République de I. Bodin Angevin. Ensemble une Apologie de Rene Herpin, Par (...)

19D’altro canto, il carattere intrinsecamente ambiguo di novum e novitas trova espressione significativa in una delle opere più importanti della dottrina giuspolitica del maturo umanesimo. Si tratta dei Six livres de la République di Jean Bodin, pubblicati per la prima volta, in francese, nel 1576, e dieci anni dopo in edizione latina. Così, Bodin si pone anzitutto il problema del novus princeps, e del suo governo. Questi infatti, proprio perché novus, sembra inclinare inesorabilmente alle novità83 :

Mais on dit que les nouveaux Princes cherchent les nouveautés : cela se peut dire de quelques uns, qui pour faire congnoistre leur puissance font des loix à propos et sans propos.

  • 84 Cfr. Les six livres de la République, cit., IV, 3, p. 574-575 ; Jean Bodin, I sei libri dello Stato(...)

20Peraltro, il problema posto dalle leges novae è così grave che, secondo Bodin, non è mai stato davvero risolto. Infatti, la questione è se una legge nuova e migliore sia preferibile in ogni caso a una più risalente e peggiore. L’Angevino ritiene tutto sommato di no, perché la forza della legge consiste nella sua antichità, che è proprio ciò che manca alla legge nuova. Anzi, la novità, nel diritto, si segnala proprio per essere guardata con un certo disprezzo. Ne consegue che la legge nuova non solo corre il rischio di non essere obbedita, ma può addirittura portare a una obbedienza minore e meno diffusa anche alle altre leggi84 :

L’ancienne question des sages politiques n’est pas encores bien resoluë, c’est à sçavoir, si la nouvelle ordonnance est preferable, ores qu’elle soit meilleure que l’ancienne : car la loy, pour bonne qu’elle soit, ne vaut rien, si elle porte un mespris de soy-mesme : or est-il que la nouveauté, en matiere de loix, est tousiours mesprisee : et au contraire la reverence de l’antiquité est si grande, qu’elle donne assez de force à la loy, pour se faire obeir de soy-mesme sans Magistrat : au lieu que les edicts nouveaux, avec les peines y apposees, et tout le devoir des officiers, ne se peuvent entretenir, sinon avec bien grande difficulté : de sorte que le fruict qu’on doit recueillir d’un nouvel edict, n’est pas si grand que le dommage que tire apres soy le mespris des autres loix, pour la nouveauté d’une.

  • 85 Cfr. c. 2 D. IV. Cfr. E. Cortese, La norma giuridica. Spunti teorici nel diritto comune classico, I (...)
  • 86 Niccolò Machiavelli, De principatibus, a c. di G. Inglese, Roma, Istituto Storico Italiano per il M (...)
  • 87 D. Quaglioni, La sovranità, Roma-Bari, Laterza, 2004 (Biblioteca Essenziale Laterza, 56), p. 37.
  • 88 Ibid., p. 43.
  • 89 Ibid.
  • 90 Su ciò, soprattutto cfr. D. Quaglioni, Machiavelli e la lingua della giurisprudenza, « Il pensiero (...)

21Siamo in presenza, a ben vedere, di un motivo molto risalente, legato alla tradizione grazianea, secondo cui « erit autem lex […], secundum consuetudinem patriae »85. Non meno importante è però la lezione machiavelliana intorno alla questione del principe nuovo86, e più in generale quel « ripensamento delle categorie del diritto comune pubblico, al quale Machiavelli dà un formidabile impulso »87. Si avverte qui, accanto alla diffidenza tradizionale nei confronti delle novitates, il necessario ritorno alla riflessione su motivi ben presenti nella tradizione giuridica, che Machiavelli aveva isolato e portato alle estreme conseguenze, costringendo i giuristi a fare i conti con una « visione della sovranità come esercizio di una potestas absoluta, “esorbitante dalle leggi comuni e ordinarie”, e dunque di un potere che non è solo esercizio di deroga alle norme giuridiche, ma si estende a quelle morali in ragione delle esigenze del governo »88. Insomma, « i giuristi, in bilico tra i due momenti dell’effettività e della validità, potevano avvertire che Machiavelli costringeva alla radicalizzazione motivi che il Medioevo giuridico-politico aveva quasi ossessivamente sentito in frizione, ma non in una inconciliabilità totale »89. E ciò, si badi, partendo precisamente dalla tradizione giuridica dell’età intermedia, ricorrendo al linguaggio e ai concetti propri della dottrina dei giuristi medievali90.

  • 91 L. Gambino, Il De Republica di Pierre Grégoire. Ordine politico e monarchia nella Francia di fine C (...)
  • 92 Petrus Gregorius Tholozanus, De Republica libri sex et viginti, s. l. [sed Francofurti], Ex Officin (...)

22La lezione bodiniana e machiavelliana passa sostanzialmente intatta nell’opera più importante di Pierre Grégoire di Tolosa (1540-1597), il De Republica libri sex et viginti, dato alle stampe nel 159691. Il Tolosano, significativamente, nel capitolo quarto del libro settimo, De principatibus perpetuis, delatis per generis successionem, riprende proprio il problema posto dall’Angevino (e da Machiavelli). Grégoire è perentorio : nessun utilità può venire a un popolo dall’avere un nuovo principe. Analogamente, nessun vantaggio può derivare da un principe che non appartenga alla stessa stirpe del suo popolo. Le ragioni sono varie. La prima ha a che vedere da un lato con la variabilità regionale dei mores, dall’altro con la loro necessaria stabilità. Un princeps nuovo, o, peggio ancora, straniero, potrebbe portare con sé un sovvertimento degli antichi costumi, che determinerebbe la rovina dello Stato. Infatti caratteristica ineliminabile della legge, evidentemente civile, deve essere la perfetta aderenza ai mores loci, come la regola lesbia, di piombo, aderiva alle superfici da misurare92.

  • 93 Ibid., p. 635 : « Commune bonum lex est, ut facile ob aliquod aliud bonum, si non ita commune sit, (...)
  • 94 Ibid. : « Constat errata quaedam magistratuum et legumlatorum toleranda : cum ex mutatione utilitat (...)

23Insomma, secondo il Tolosano è necessario porre la più grande cautela nel mutare leggi antiche, anche se allo scopo di sostituirle con altre migliori. Infatti, qualsiasi mutamento sconsiderato e intempestivo, compromettendo il bene comune che si incarna nella legge, comprometterebbe anche l’esistenza stessa dello Stato93. Ciò è tanto vero che, secondo il Tolosano, anche delle leggi sbagliate (« errata ») debbono essere tollerate ed osservate, salve le opportune correzioni apportate caso per caso da magistrati e giudici, piuttosto che scalfire la loro autorità con riforme non strettamente necessarie. Beninteso, questo non significa che il ius positivum debba rimanere immutato e immutabile, perché in tal caso la lex si cambierebbe in tiranno, incapace di adeguarsi ai tempi e di giovare alla tranquillità e alla pace del popolo94.

  • 95 Cfr. Aristotele, Politica, II, 1269 a 12-18, 20-24.
  • 96 Cf. Michel de Montaigne, Les Essais. Édition conforme au texte de l’exemplaire de Bordeaux, I-III, (...)
  • 97 Ibid., I, 23, p. 108-109.

24Ritroviamo qui certo un evidente rinvio alla tradizione aristotelica. Lo Stagirita aveva scritto che, seppure in qualche caso le leggi devono essere mutate, tuttavia, se il vantaggio è di piccolo conto, è preferibile lasciarle sussistere, ancorché sbagliate, perché il beneficio eventuale di una loro riforma o abrogazione è inferiore al danno che deriverebbe dall’abitudine di non obbedire ai governanti. Infatti, secondo Aristotele, la forza della legge altro non è che il costume, il quale deriva dallo scorrere di un tempo sufficientemente lungo95. Ma quello che preme qui rilevare è il legame che, sul comune terreno della tradizione giuridica, unisce Grégoire a Bodin, a Machiavelli e soprattutto a Montaigne. Questi nel capitolo XXIII del libro I degli Essais, De la coustume et de ne changer aisement une loy receuë, aveva rifiutato ogni velleitaria riforma96, ma aveva anche ben avvertito, e criticato, la forza terribile della consuetudine97 :

Celuy me semble avoir tres bien conceu la force de la coustume, qui premier forgea ce conte, qu’une femme de village, ayant apris de caresser et porter entre ses bras un veau des l’heure de sa naissance, et continuant tousjours à ce faire, gaigna cela par l’accoustumance, que tout grand beuf qu’il estoit, elle le portait encore. Car c’est à la vérité une violente et traistresse maistresse d’escole, que la coustume. Elle establit en nous, peu à peu, à la desrobée, le pied de son authorité : mais par ce doux et humble commencement, l’ayant rassis et planté avec l’ayde tu temps, elle nous descouvre tantost un furieux et tyrannique visage, contre lequel nous n’avons plus la liberté de hausser seulement les yeux.

  • 98 D. Quaglioni, La sovranità, cit., p. 75.
  • 99 Ibid.
  • 100 Ibid.
  • 101 Ibid.
  • 102 Ibid., p. 69.
  • 103 Ibid., p. 70.
  • 104 Ibid., p. 71.
  • 105 D. Quaglioni, La sovranità, cit., p. 71. Per il rapporto fra Grégoire e Althusius e per la tradizio (...)

25È proprio questa ambivalenza, questa difficile ricerca di un instabile equilibrio fra « la tendenza a identificare la politica con la definizione di un principio d’ordine saldo, con il conseguente invito ad accettare senza contrasti l’ordine costituito »98, e « il rifiuto dell’autorità come “valore” assoluto e oggettivo nella sua matrice metafisica »99, unito alla « piena coscienza del carattere arbitrario di ogni ordinamento »100, in una parola, il cosiddetto « assolutismo laico »101, che costituisce anche il problema di fondo delle riflessioni di Bodin e, quindi, di Grégoire. In questo senso, se l’opera del Tolosano ha costituito davvero, come è stato scritto, uno degli « incunaboli del moderno »102, e se « sullo spartiacque di due secoli e di due mondi, Bodin sta con tutte le sue oscillazioni e le sue ambiguità e chiude il lungo Medioevo della tradizione giuridico-politica, affidando a una distinta stagione del pensiero, insieme ai relitti di un universo dottrinale, i messaggi di nuove tendenze accentratrici e “assolutistiche” »103, tuttavia è anche vero che « l’opera di Bodin, attraverso la mediazione dei suoi critici più influenti, come quella del giurista Pierre Grégoire (1540-1597), trapassa a cavaliere del secolo nella nascente giuspubblicistica tedesca »104. In particolare, è ad Althusius che si deve guardare, e alla stagione che, dopo di lui, « dà vita, a cominciare da Grozio (1583-1645), a una sorta di nuova scolastica della politica e del diritto, caratteristica dei paesi nei quali la Riforma ha trionfato e nei quali la politica, liberata dalla soggezione ai paradigmi del diritto comune di scuola italiana, inizia un itinerario destinato a sfociare, nel tardo Seicento, nella costruzione delle dottrine giusnaturalistiche di matrice assolutistica, di una scolastica della politica e del diritto che prevarrà ampiamente nel mondo riformato »105. Quanto della tradizione dottrinale dell’età intermedia a proposito dei concetti di novum e novitas trapassi in questa scolastica riformata, deve formare oggetto di riflessione.

Top of page

Notes

1 Io. 13, 34.

2 1 Io. 2, 7-10.

3 Per il significato, le forme e l’importanza degli studi biblici in età medievale, si veda almeno B. Smalley, Lo studio della Bibbia nel Medioevo, Introduzione di C. Leonardi, trad. it. di V. Benassi, Bologna, Il Mulino, 1972. Per quanto riguarda la storia del pensiero giuspolitico, il valore esemplare e paradigmatico della Scrittura e l’importanza della riflessione che intorno a essa si sviluppa è stata giustamente sottolineata molto di recente in Politeia Biblica, a cura di L. Campos Boralevi e D. Quaglioni, Firenze, Olschki, 2002.

4 In una prospettiva più ampia, in cui peraltro trova posto anche la letteratura giuridica, sottolinea questa ambiguità anche G. Constable, L’idea di innovazione nel secolo XII, in Il secolo XII : la « renovatio » dell’Europa cristiana, a cura di G. Constable, G. Cracco, H. Keller, D. Quaglioni, Bologna, Il Mulino, 2003 (Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento. Quaderni, 62), p. 35-66. Alla renovatio giuridica del secolo XII è invece dedicato il contributo di D. Quaglioni, Introduzione. La rinnovazione del diritto, in Il secolo XII, cit., p. 17-34. Cfr. anche G. Constable, Past and Present in the Eleventh and Twelfth Centuries. Perceptions of Time and Change, in L’Europa dei secoli XI e XII fra novità e tradizione : sviluppi di una cultura, Atti della decima Settimana internazionale di studio (Mendola, 25-29 agosto 1986), Milano, Vita e Pensiero, 1989 (Pubblicazioni dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Miscellanea del Centro di studi medioevali, 12), p. 135-170. Molto interessanti i lavori raccolti in Renaissance and Renewal in the Twelfth Century, edited by R. L. Benson and G. Constable, with C. D. Lanham, Oxford, Clarendon Press, 1982, soprattutto G. Constable, Renewal and Reform in Religious Life. Concepts and Realities, S. Kuttner, The Revival of Jurisprudence, e K. W. Nörr, Institutional Foundations of the New Jurisprudence, rispettivamente p. 37-67, 299-323 e 324-338.

5 Glossa « Mandatum novum » ad Io. 13, 34 : « Mandatum novum] Augustinus. Non quod hoc non sit in antiqua lege […], et non quod antiqui sancti non sic dilexerunt », in Biblia latina cum Glossa ordinaria, IV, Turnhout, Brepols, 1992 (facsimile dell’editio princeps A. Rusch, Strassburg, 1480-1481), p. [257]A.

6 Ibid. : « Sed quia dilectio de veteri facit novum hominem quocumque tempore. »

7 Ibid. : « Quod tamen non facit dilectio quae est naturali necessitudine : ut inter coniuges patres et filios et huiusmodi, ut taceamus de turpi quae est inter amatores. »

8 Cfr. supra nota 5.

9 Cfr. supra nota 2.

10 Io. 1, 1-18.

11 Occorre aggiungere che la stessa lingua latina dell’età intermedia riflette con precisione l’ambivalenza delle nozioni di novum e, soprattutto, di novitas. Così il Du Cange, alla voce Novitas, dopo l’accezione « dignitas, seu muneris initia, adeptio », non manca di proporre quella « usurpatio, cum quis alium interpellat in jure suo » ; cfr. C. Du Cange, Glossarium mediae et infimae Latinitatis, IV, Graz, Akademisce Druck- u. Verlagsanstalt, 1954 (ristampa inalterata dell’edizione 1883-1887), p. 616.

12 Sulla operis novi nuntiatio, si veda ora l’ampio studio di G. Santucci, Operis novi nuntiatio iuris publici tuendi gratia, Padova, Cedam, 2001 (Dipartimento di Scienze giuridiche. Università di Trento, 34), soprattutto p. 1-9.

13 Dig. 39, 1.

14 Cod. 8, 10, 14.

15 Dig. 39, 1, 1, pr. : « Hoc edicto promittitur, ut, sive iure sive iniuria opus fieret, per nuntiationem inhiberetur, deinde remitteretur prohibitio hactenus, quatenus prohibendi ius is qui nuntiasset non haberet. »

16 Dig. 39, 1, 1, 1 : « Hoc autem edictum remediumque operis novi nuntiationis adversus futura opera inductum est, non adversus praeterita. »

17 Ibid.

18 Lascio da parte la questione, peraltro allo stato irrisolta, se l’Uguccione grammatico autore delle Derivationes possa essere identificato con l’omonimo canonista (cfr. Uguccione da Pisa, Derivationes, I-II, Edizione critica princeps, a cura di E. Cecchini e di G. Arbizzoni, S. Lanciotti, G. Nonni, M. G. Sassi, A. Tontini, Firenze, Sismel-Edizioni del Galluzzo, 2004, I, p. XXII-XXIV).

19 Uguccione da Pisa, Derivationes, II, cit., N 31 [2-4], p. 829 : « Item a neos novus –a –um, recens, non vetustus sed in principio sui […]. Novissimus tamen mutat significationem : dicitur enim novissimus, idest ultimus, et raro invenitur in ea significatione quam deberet habere superlativus istius positivi, scilicet novus […]. Et inde nove, vel noviter, -vius –sime adverbium, et novitas –tis. Et nota quod novus quandoque dicitur inusitatus, quandoque magnus. »

20 Ibid., R 54 [19], p. 1038.

21 Su Alberico da Rosciate, osservazioni e bibliografia in L. Prosdocimi, Alberico da Rosate, in Dizionario Biografico degli Italiani, I, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1960, p. 656-657. Inoltre, D. Quaglioni, “Tiranno” e “Tirannide” nel commento a C. 1, 2, 16 di Alberico da Rosciate (c. 1290-1360), e Id., Legislazione statutaria e dottrina della legislazione : le “Quaestiones statutorum” di Alberico da Rosciate, entrambi in Id., « Civilis sapientia ». Dottrine giuridiche e dottrine politiche fra medioevo ed età moderna. Saggi per la storia del pensiero giuridico moderno, Rimini, Maggioli, 1989, rispettivamente p. 15-34 e 35-75.

22 Alberici a Rosate Dictionarium ad utriusque iuris facilitatem pertingere nitenti maxime necessarium, Lugduni, In officina Thomae Bertheau, 1547, ad vocem novum : « Novum opus dicitur, quando quis de novo aedificat, vel aedificando aliquid mutat : sed reparatur. »

23 Ibid.

24 Ibid.

25 Cod. 11, 59, 8 : « Qui agros domino cessante desertos vel longe positos vel in finitimis ad privatum pariter publicumque compendium excolere festinat, voluntati suae nostrum noverit adesse responsum : ita tamen, ut, si vacanti ac destituto solo novus cultor insederit, ac vetus dominus intra biennium eadem ad suum ius voluerit revocare, restitutis primitus quae expensa constiterit facultatem loci proprii consequatur. Nam si biennii fuerit tempus emensum, omni possessionis et dominii carebit iure qui siluit. »

26 Alberici a Rosate Dictionarium, cit., ad vocem novum : « Aliquando dicitur novum aliquid, cuius extat memoria : et eius contrarium dicitur vetus. »

27 Ibid. : « Novum quandoque dicitur : licet de veteri aliquid sit. »

28 Ibid. : « Novum aliquando idest ultimum. »

29 Ibid.

30 Ibid.

31 Ibid., ad vocem novitatem.

32 Ibid.

33 Ibid.

34 Si tratta di Dig. 1, 4, 2 : « In rebus novis constituendis evidens esse utilitas debet, ut recedatur ab eo iure, quod diu aequum visum est » ; c. 9, X, 1, 4 : « Quum consuetudinis ususque longaevi non sit levis auctoritas, et plerumque discordiam pariant novitates, auctoritate vobis praesentium inhibemus, ne absque venerabilis fratris nostri episcopi vestri consilio et consensu immutetis ecclesiae vestrae constitutiones et consuetudines vestras approbatas, vel novas etiam inducatis ; si quas forte fecistis in ipsius episcopi praeiudicium, postquam est regimen Pariensis ecclesiae adeptus, irritas decernentes. »

35 La decretale, di Innocenzo III, cita una ben nota costituzione di Costantino raccolta in Cod. 8, 52 (53), 2 : « Consuetudinis ususque longaevi non vilis auctoritas est, verum non usque adeo sui valitura momento, ut aut rationem vincat aut legem. »

36 Digestum Novum, Lugduni, Apud Hugonem a Porta et Antonium Vincentium, M.D.LVIII.

37 Vari studi su Bartolo da Sassoferrato sono contenuti in Bartolo da Sassoferrato. Studi e documenti per il VI centenario, I-II, Milano, Giuffrè, 1962 ; si veda però soprattutto F. Calasso, Bartolo da Sassoferrato, in Dizionario Biografico degli Italiani, VI, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1964, p. 640-669 ; si aggiunga ora il profilo tracciato da D. Quaglioni, Bartolo da Sassoferrato (1314-1357), in Enciclopedia del pensiero politico, diretta da R. Esposito e C. Galli, Roma-Bari, Laterza, 2000, p. 53-54.

38 Digestum Novum, cit., p. 1A : « Quaerit hic Bartolus quare hic liber dicatur et denominetur Digestum novum ? »

39 Ibid. : « Responde quod dictio novum, variis modis capitur. »

40 Ibid. : « Quandoque enim appellatur novum id est ultimum […]. Et sic tria sunt volumina, et istud est ultimum. »

41 Ibid. : « Quandoque appellatur novum ea ratione, quia interdicta denominantur a prima parte sui : ut in interdicto. Quod vi aut clam. »

42 Dig. 43, 24, 1 : « Praetor ait : “Quod vi aut clam factum est, qua de re agitur, id cum experiendi potestas est, restituas”. »

43 Digestum Novum, cit., p. 1A : « Ita hic, quia tractatur de novo opere, appellatur Digestum novum. »

44 Ibid.

45 Dig. 2, 2, 1, pr.-1 : « Hoc edictum summam habet aequitatem, et sine cuiusquam indignatione iusta : quis enim aspernabitur idem ius sibi dici, quod ipse aliis dixit vel dici effecit ? Qui magistratum potestatemve habebit, si quid in aliquem novi iuris statuerit, ipse quandoque adversario postulante eodem iure uti debet. »

46 Dig. 47 e 48.

47 Bartolus a Saxo Ferrato, In Primam ff. novi Partem, Venetiis, Apud Iuntas, MDLXX., ad ff. De operis novi nunciatione, f. 2vA n. 9.

48 Digestum Novum, cit., p. 1A : « Ultimo dic et melius […], quod ista sunt nomina magistralia inventa ab authoribus, quae imponuntur ad placitum : quorum disputatio relinquitur pertinacibus. »

49 Ibid. : « Ultra praedicta de dictione novi, vide bona glosam in c. generali in verbo novo de electione liber vi [c. 13, VI, 1, 6] quae ponit multas significationes de dictione novus. »

50 Cfr. c. 13, VI, 1, 6 : « Generali constitutione sancimus, universos et singulos, qui, regalia, custodiam sive guardiam, advocationis seu defensionis titulum in ecclesiis, monasteriis seu quibuslibet aliis piis locis de novo usurpare conantes, bona ecclesiarum, monasteriorum aut locorum ipsorum vacantium occupare praesumunt, quantaecunque dignitatis honore praefulgeant, clericos etiam ecclesiarum, monachos monasteriorum, et personas ceteras locorum eorundem, qui hoc fieri procurant, eo ipso excommunicationis sententiae decernimus subiacere. » Il testo si può leggere anche in Conciliorum Oecumenicorum Decreta, a cura di G. Alberigo, G. L. Dossetti, P.-P. Joannou, C. Leonardi, P. Prodi, consulenza di H. Jedin, Bologna, Edizioni Dehoniane, 1991, Concilium Lugdunense II – 1274, Constitutio 12, p. 321, ll. 20-36 : 20-27.

51 Gl. « De novo », ad c. 13, VI, 1, 6, in Liber Sextus Decretalium D. Bonifacii Papae VIII., Lugduni, Sumptibus Ioannis Pillehotte, M.DCXIII., col. 103.

52 G. Tamba, Giovanni d’Andrea, in Dizionario Biografico degli Italiani, LV, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2000, p. 667-672 ; E. Cortese, Il diritto nella storia medievale, II, Il basso medioevo, Roma, Il Cigno Galileo Galilei, 1995, p. 381-382 ; S. Stelling-Michaud, Jean D’André (D’Andrea ou Andreae), in Dictionnaire de droit canonique, VI, sous la direction de R. Naz, Paris-VI, Librairie Letouzey et aîné, 1957, coll. 89-92.

53 F. Liotta, Baisio, Guido da, in Dizionario Biografico degli Italiani, V, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1963, p. 293-297 ; Id., Appunti per una biografia del canonista Guido da Baisio arcidiacono di Bologna (con appendice di documenti), « Studi Senesi », 3 s., XIII (1964), n. 1, p. 7-52.

54 Cfr. c. 5, VI, 1, 6 : « Sancimus, ut nullus de cetero administrationem dignitatis, ad quam electus est, priusquam celebrata de ipso electio confirmetur, sub oeconomatus vel procurationis nomine, aut alio de novo quaesito colore, in spiritualibus vel temporalibus, per se vel per alium, pro parte vel in totum, gerere vel recipere, aut illis se immiscere praesumat, omnes illos, qui secus fecerint, iure, si quod eis per electionem quaesitum fuerit, decernentes eo ipso privatos. »

55 Liber Sextus, cit., col. 103. Effettivamente, nel commentario che Giovanni d’Andrea scrive intorno al Liber Sextus si può leggere : « Dicit Archidiaconus quod hic et supra eodem 〈titulo〉 avaritie [c. 5, VI, 1, 6] dicit novum quod nunquam fuit » ; cfr. Johannes Andreae Novella in Sextum, Graz, Akademische Druck-u. Verlagsanstalt, 1963 (ristampa anastatica dell’ediz. veneziana di Filippo Pincio, datata 1499), ad c. 13, VI, 1, 6, p. [44].

56 Alberici a Rosate Dictionarium, cit., ad vocem novum.

57 Così L. Prosdocimi, Alberico da Rosate, cit., p. 657A.

58 Su Baldo degli Ubaldi cfr. E. Cortese, Il diritto nella storia medievale, II, Il basso medioevo, cit., p. 436-445 ; inoltre D. Quaglioni, Un « tractatus de tyranno » : il commento di Baldo degli Ubaldi (1327-1400) alla lex Decernimus, C. De sacrosanctis ecclesiis (C. 1, 2, 16), « Il pensiero politico », XIII (1980), n. 1, p. 64-83.

59 Dig. 1, 4, 2 ; cfr. supra nota 34.

60 Digestum Vetus, Lugduni, Apud Hugonem a Porta, et Antonium Vincentium, M.D.LVIII., p. 30B, gl. « In rebus ».

61 Il commento di Bartolo passa da Dig. 1, 4, 1 a Dig. 1, 4, 3 ; cfr. Bartolus a Saxo Ferrato, In Primam ff. veteris Partem, Venetiis, Apud Iuntas, MDLXX., ff. 21rB-22rB.

62 Baldi Ubaldi Perusini Commentaria In primam Digesti Veteris Partem, Venetiis, Apud Iuntas, MDLXXII., fol. 29vA.

63 Su Giasone del Maino cfr. A. Belloni, Professori giuristi a Padova nel secolo XV. Profili bio-bibliografici e cattedre, Frankfurt am Main, Klostermann, 1986, p. 221-227 ; E. Besta, Fonti : legislazione e scienza giuridica dalla caduta dell’Impero romano al secolo decimosesto, in Storia del diritto italiano, I. 2, dir. da P. Del Giudice, Milano, Hoepli, 1925, p. 872-873 ; F. K. von Savigny, Geschichte des römischen Rechts im Mittelalter, VI, Das 14. und 15. Jahrhundert, Aalen, Scientia Verlag, 1986 (rist. della seconda ediz. del 1850), p. 397-418.

64 Iasonis Mayni Mediol. In Primam Digesti Veteris Partem Commentaria, Venetiis, s. n., MDLXXXIX., ad l. In rebus, ff. De constitutionibus principum (Dig. 1, 4, 2), f. 24rA n. 1.

65 Ibid., n. 2. Cfr. supra nota 33.

66 Ibid. : « C. quia dilectio, in fine de consanguinitate et affinitate [c. 3, X, 4, 14 : « Unde in hac parte consultius duximus multitudini et observatae consuetudini deferendum, quam aliud in dissensionem et scandalum populi statuendum, quadam adhibita novitate »] et c. cum consuetudinis, de consuetudine [c. 9, X, 1, 4 ; cfr. supra nota 34]. »

67 Ibid., n. 3 ; cfr. c. 11, D. XI : « Si qui a Romanae ecclesiae institutionibus errant, aut commoneas, aut indicare non differas, ut scire valeamus, qui sint, qui aut novitates inducunt, aut alterius ecclesiae quam Romanae existimant consuetudinem esse servandam. »

68 Iasonis Mayni Mediol. In Primam Digesti Veteris Partem Commentaria, cit., loc. ult. cit.

69 Su Angelo, si vedano notizie e bibliografia in E. Cortese, Il diritto nella storia medievale, II, Il basso medioevo, cit., p. 437.

70 Iasonis Mayni Mediol. In Primam Digesti Veteris Partem Commentaria, cit., loc. ult. cit.

71 Angeli Ubaldi Perusini In I. atque II. Digesti Veteris Partem Commentaria, Venetiis, Ad signum Aquilae se renovantis, MDLXXX., ad l. In rebus, ff. De constitutionibus principum (Dig. 1, 4, 2), f. 12rA.

72 Sull’umanesimo giuridico, dopo il classico lavoro di D. Maffei, Gli inizi dell’umanesimo giuridico, Milano, Giuffrè, 1956, cfr. R. Orestano, Introduzione allo studio del diritto romano, Bologna, Il Mulino, 1987 ; E. Cortese, Il diritto nella storia medievale, II, Il basso medioevo, cit., p. 453-484 ; D. Quaglioni, Tra bartolisti e antibartolisti. L’Umanesimo giuridico e la tradizione italiana nella « Methodus  » di Matteo Gribaldi Mofa (1541) in Studi di storia del diritto medioevale e moderno, a c. di F. Liotta, Bologna, Monduzzi, 1999, p. 185-212 ; Id., Primi appunti per un commento al « De iure » di Leon Battista Alberti, « Albertiana », 3-2000, p. 201-219 (contiene anche l’edizione del De iure curata da Cecil Grayson, con traduzione francese a fronte ; ibidem, p. 157-199), nonché Id., Il contributo della canonistica al primo umanesimo giuridico. Il De iure di Leon Battista Alberti (1437), in Humanisme et Église en Italie et en France méridionale (XVe siècle - milieu du XVIe siècle), sous la direction de P. Gilli, Roma, École française de Rome, 2004, p. 187-199 ; G. Minnucci, Alberico Gentili tra mos italicus e mos gallicus. L’inedito commentario ad legem Juliam de adulteriis, Bologna, Monduzzi, 2002 (Archivio per la storia del diritto medioevale e moderno. Studi e testi raccolti da Filippo Liotta, 6). Mi permetto inoltre di rinviare anche ai miei L’umanesimo giuridico in Germania. Le « usurae » nella dottrina di Ulrich Zasius (1461-1535), « Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento – Jahrbuch des italienisch-deutschen historischen Instituts in Trient », XXV (1999), p. 63-92 ; « Universitas » : la dottrina dei « corpi » nel pensiero di Ulrich Zasius (1461-1535), in Dominii collettivi e autonomia, a c. di P. Nervi, Atti della V Riunione Scientifica (Trento, 11-12 novembre 1999), Padova, Cedam, 2000 (Università degli studi di Trento. Centro studi e documentazione sui demani civici e le proprietà collettive, 5), p. 207-245 ; « Consuetudo legi praevalet ». Consuetudine e legge nel commento di Ulrich Zasius a D. 1, 3, 32, in Suppliche e « gravamina ». Politica, amministrazione, giustizia in Europa (secoli xiv-xviii), a c. di C. Nubola – A. Würgler, Bologna, Il Mulino, 2002 (Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento. Quaderni, 59), p. 427-453 ( = “Consuetudo legi praevalet”. Gewohnheitsrecht und Gesetz im Kommentar von Ulrich Zasius a D. 1, 3, 32, trad. di E. Dilcher, in Bittschriften und Gravamina. Politik, Verwaltung und Justiz in Europa [14. - 18. Jahrhundert], Herausgegeben von C. Nubola - A. Würgler, Berlin, Duncker & Humblot, 2005 [Schriften des Italienisch-Deutschen Historischen Instituts in Trient, 19], p. 339-361) ; Il « Tractatus de supplicationibus, seu errorum propositionibus » di Pierre Rebuffi (1487-1557), in Forme della comunicazione politica in Europa nei secoli xv-xviii. Suppliche, gravamina, lettere – Formen der politischen Kommunikation in Europa vom 15. bis 18. Jahrhundert. Bitten, Beschwerden, Briefe, a c. di / hrsg. von C. Nubola – A. Würgler, Bologna-Berlin, Il Mulino-Duncker & Humblot, 2004 (Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento – Jahrbuch des italienisch-deutschen historischen Instituts in Trient. Contributi / Beiträge, 14), p. 33-51.

73 Dig. 39, 1.

74 Su Ulrich Zasius il testo di riferimento è S. Rowan, Ulrich Zasius. A Jurist in the German Renaissance (1461-1535), Frankfurt am Main, Vittorio Klostermann, 1987 ; inoltre mi permetto di rinviare ai miei « Consuetudo legi praevalet ». Consuetudine e legge nel commento di Ulrich Zasius a D. 1, 3, 32, cit. ( = « Consuetudo legi praevalet ». Gewohnheitsrecht und Gesetz im Kommentar von Ulrich Zasius a D. 1, 3, 32, cit.) ; « Universitas » : la dottrina dei « corpi » nel pensiero di Ulrich Zasius (1461-1535), cit. ; L’umanesimo giuridico in Germania, cit., p. 63-92.

75 Udalrici Zasii Commentaria, seu Lecturas eiusdem in titulos tertiae partis Pandectarum (quod vulgo Digestum novum vocant) complectens, III, Lugduni, Apud Sebastianum Gryphium, M.D.L. (ristampa anastatica Aalen, Scientia, 1965), ad ff. De operis novi nuntiatione, col. 5 pr.

76 Ibid., n. 1 : « Dicitur autem Novum, quod antea non fuit. glosa i. verbi de novo c. generali de electione libro vi. » Si tratta di una glossa a c. 13, VI, 1, 6, per cui cfr. supra note 49, 51.

77 Ibid. : « Novum aliquando ordinem significat, ut Digestum dicitur novum, quia per ordinem datum est. Aliquando magnum significat. Aliquando autem is Novus dicitur, cuius parentes non sunt nobilitate monstrabiles. »

78 Ibid. Cfr. Dig. 2, 2, 1 ; Dig. 39, 1.

79 Dig. 2, 2, 1, 1.

80 Si tratta delle glosse « Novi iuris » e « Si quis » a Dig. 2, 2, 1 ; cfr. Digestum Vetus, cit., p. 91B-92A.

81 Bartolus a Saxo Ferrato, In Primam ff. veteris Partem, cit., ad rubricam ff. Quod quisque iuris, f. 52vB.

82 Per questo e più in generale per la recezione in Germania della tradizione « italiana » cfr. F. Wieacker, Storia del diritto privato moderno con particolare riguardo alla Germania, Presentazione di U. Santarelli, trad. it. di U. Santarelli, S. - A. Fusco, Milano, Giuffrè, 1980 (Per la storia del pensiero giuridico moderno, 6), p. 131-301, soprattutto p. 221-246 : 226-228.

83 Cfr. Les six livres de la République de I. Bodin Angevin. Ensemble une Apologie de Rene Herpin, Paris, Chez Iacques du Puis, 1583 (ristampa Aalen, Scientia Verlag, 1977), VI, 4, p. 966 ; Jean Bodin, I sei libri dello Stato, I-III, a c. di M. Isnardi Parente - D. Quaglioni, Torino, UTET, 1964-1997, III, p. 484.

84 Cfr. Les six livres de la République, cit., IV, 3, p. 574-575 ; Jean Bodin, I sei libri dello Stato, II, cit., p. 470. Sul punto cfr. D. Quaglioni, I limiti della sovranità. Il pensiero di Jean Bodin nella cultura politica e giuridica dell’età moderna, Padova, Cedam, 1992, p. 241-244.

85 Cfr. c. 2 D. IV. Cfr. E. Cortese, La norma giuridica. Spunti teorici nel diritto comune classico, II, Milano, Giuffrè, 1964, p. 135-138.

86 Niccolò Machiavelli, De principatibus, a c. di G. Inglese, Roma, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, 1994, VI, 17-18, p. 205 : « Debbesi considerare come e’ non è cosa piú difficile a trattare, né piú dubbia a riuscire, né piú pericolosa a maneggiare, che farsi capo di introdurre nuovi ordini. Perché lo introductore ha per nimico tutti quegli che degli ordini vecchi fanno bene, e ha tiepidi defensori tutti quelli che delli ordini nuovi farebbono bene : la quale tepidezza nasce parte per paura delli adversarii, che hanno le leggi dal canto loro, parte dalla incredulità degli uomini, e quali non credono in verità le cose nuove, se non ne veggano nata una ferma sperienza. »

87 D. Quaglioni, La sovranità, Roma-Bari, Laterza, 2004 (Biblioteca Essenziale Laterza, 56), p. 37.

88 Ibid., p. 43.

89 Ibid.

90 Su ciò, soprattutto cfr. D. Quaglioni, Machiavelli e la lingua della giurisprudenza, « Il pensiero politico », XXXII (1999), n. 2, p. 171-185, ora anche in Langues et écritures de la République et de la guerre. Études sur Machiavel, par A. Fontana, J.-L. Fournel, X. Tabet, J.-C. Zancarini, Genova, Name, 2004 (Storia delle idee e delle istituzioni politiche. Medioevo ed Età moderna. Studi e testi, 7), p. 177-192.

91 L. Gambino, Il De Republica di Pierre Grégoire. Ordine politico e monarchia nella Francia di fine Cinquecento, Milano, Giuffrè, 1978, p. 260.

92 Petrus Gregorius Tholozanus, De Republica libri sex et viginti, s. l. [sed Francofurti], Ex Officina Paltheniana, Cura et sumtibus haeredum Petri Fischeri, M.D.XCVII., p. 410-411 : « Rursum ad subditorum utilitatem maxime conducit, non habere novos aut habere sui generis principes ob plura. Primum quia fieri potest, ut per diversas mutationes, mores certi non sint. Aliter enim honestum habetur propter certas rationes in aliqua provincia, quod non itidem erit honestum in natione eius, qui imperium accipiet [...]. Quare cum novus princeps alienigena, iuxta id quod honestum videtur et erit apud suos, voluerit mores civium novorum aptare, non emendabit sed perdet rempublicam atque statim peccatum orietur immedicabile ; et quod ipsam legem reprobavit, non enim lex meretur nominari, si non ponatur pro locorum moribus, apta. nam quamvis ius omnia recta inflexaque exigat, tamen non debet esse absimilis regulae Lesbiae, quae ad negotia inclinatur. »

93 Ibid., p. 635 : « Commune bonum lex est, ut facile ob aliquod aliud bonum, si non ita commune sit, mutari non deberet, cum inde sequatur reipublicae dissolutio. »

94 Ibid. : « Constat errata quaedam magistratuum et legumlatorum toleranda : cum ex mutatione utilitatis parva accessio fit. non enim tantum proderit qui corrigere perget, quantum nocebit assuefactio superioribus non parendi. Quod si aliquis sit defectus in lege, ex aequo et bono a magistratibus et iudicibus erit emendandus, vel supplendus iurisdictione illis concessa. siquidem fieri non potest per prudentiam legislatoris, ut singula quae privatos respiciunt, legibus possint expresse definiri, quia lex generaliter loquitur, et ad id quod ut plerunque fit extenditur, reliqua relinquens iudicum qui de singulis cognoscunt auctoritati. Meliora quidem sequenda sunt, neque tam inflexibilis proponi debet lex quin mutationi obnoxia non sit, nam esset lex tyrannis, si mutatis causis constitutionis, et rationibus introductionis cessantibus, illa eadem imperaret, et committeret legislator in eam qualitatem legis, qua debet personis locis et temporibus accommodari. Nihil enim est sub sole quod cum motu coeli et syderum continuo, moveri et mutari aliquomodo non possit : verum leges quae diuturniores esse possunt, illae meliores et magis paci et tranquillitati populi conveniunt. »

95 Cfr. Aristotele, Politica, II, 1269 a 12-18, 20-24.

96 Cf. Michel de Montaigne, Les Essais. Édition conforme au texte de l’exemplaire de Bordeaux, I-III, par P. Villey, réimprimée sous la direction et avec une Préface de V.-L. Saulnier, Paris, Presses universitaires de France, 1965, I, 23, p. 119 : « Je suis desgousté de la nouvelleté, quelque visage qu’elle porte. »

97 Ibid., I, 23, p. 108-109.

98 D. Quaglioni, La sovranità, cit., p. 75.

99 Ibid.

100 Ibid.

101 Ibid.

102 Ibid., p. 69.

103 Ibid., p. 70.

104 Ibid., p. 71.

105 D. Quaglioni, La sovranità, cit., p. 71. Per il rapporto fra Grégoire e Althusius e per la tradizione postalthusiana cfr. D. Quaglioni, Il « Breviario politico » di J. A. Werdenhagen (1635-1645), in Il potere come problema nella letteratura politica della prima età moderna, a cura di S. Testoni Binetti, Firenze, Cet, 2005 (Politeia. Scienza e Pensiero, 25), p. 153-166 ; Id., Majestas (Jura Majestatis), e Id., Tyrannis, entrambi in Il lessico della Politica di Johannes Althusius.L’arte della simbiosi santa, giusta, vantaggiosa e felice, a cura di F. Ingravalle e C. Malandrino, Prefazione di D. Wyduckel, Firenze, Olschki, 2005, p. 215-229, 325-337. Inoltre, L. Bianchin, Politica e scrittura in Althusius. Il diritto regale nell’interpretazione di 1Sa. 8, 11-18 e Deut. 17, 14-20, in Politeia biblica, a cura di L. Campos Boralevi, D. Quaglioni, Firenze, Olschki, 2002, p. 409-430 ; Ead., Censura, in Il lessico della Politica di Johannes Althusius, cit., p. 91-102, ed Ead., Dove non arriva la legge. Dottrina della censura nella prima età moderna, Bologna, Il Mulino, 2005 (ringrazio qui il professor Diego Quaglioni e la dottoressa Lucia Bianchin per avermi permesso di vedere i loro lavori ancora in bozze).

Top of page

References

Electronic reference

Christian Zendri, « Novitates pariunt discordias », Laboratoire italien [Online], 6 | 2006, Online since 07 July 2011, connection on 26 June 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/193 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.193

Top of page

About the author

Christian Zendri

Christian Zendri est chercheur en histoire du droit médiéval et moderne à la faculté de droit de l’Université de Trente où il enseigne le droit commun. Il est titulaire d’un doctorat d’histoire du droit italien, soutenu à la faculté de droit de l’Université de Milan (Consuetudine e legge nella dottrina giuridica francese del tardo Cinquecento : l’opera di Pierre Grégoire, 1540-1597). Parmi ses articles, nous pouvons citer : « Consuetudo legi praevalet. Gewohnheitsrecht und Gesetz im Kommentar von Ulrich Zasius a D. 1, 3, 32 », traduit par E.Dilcher, dans Bittschriften und Gravamina. Politik, Verwaltung und Justiz in Europa (14.-18. Jahrhundert), C.Nubola et A.Würgler dir., Berlin, Duncker & Humblot (Schriften des Italienisch-Deutschen Historischen Instituts in Trient, 19), 2005, p.339-361.

By this author

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page