Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Varia

« Che i rimedi non dovrebbono esser più aspri dei mali »

La medicina dopo Machiavelli
Silvana d’Alessio
p. 179-200

Abstracts

L’articolo illustra l’impiego della medicina nel discorso politico dopo Machiavelli. Le opere prese in esame sono state scritte in lingua italiana (ad eccezione di un commento agli Aforismi di Ippocrate, di Pietro Andrea Canoniero, in latino) e sono state edite tra la fine del Cinquecento e il secondo decennio del Seicento. Si tratta di opere che tentano di riabilitare la politica (aristotelicamente intesa), per porla in grado di rispondere meglio all’esigenza di curare il « corpo politico ». Il loro Grande modello è la medicina ippocratica, soprattutto per l’ethos che la informa. Ai politici è proposto un ideale di medico molto simile a quello ippocratico (con una serie di qualità umane, non ultima, la benevolenza). In questo modo si cerca di conciliare politica e morale senza scadere in una visione ingenua e poco attraente da parte degli stessi politici.

Top of page

Full text

  • 1 Si veda V. Castronovo, « Pietro Andrea Canonieri » in Dizionario Biografico degli Italiani, Roma, v (...)

11. Pietro Andrea Canoniero (nato a Rossiglione in data sconosciuta e spentosi ad Anversa nel 1639)1, è sicuramente uno degli autori che più possono aiutarci a comprendere come si è evoluto l’interesse per la medicina da parte degli autori di « cose politiche », nel corso del tempo, dopo Machiavelli.

2Le sue competenze, intanto, essendo laureato in medicina, filosofia e teologia, sono sia mediche sia politiche. Le opere che ci interessano maggiormente sono: un commentario a Tacito, Quaestiones ac Discursus in duos primos libros Cornelii Taciti (1602), Dell’Introduzione alla politica (1614) e In septem Aphorismorum Hippocratis libros, Medicae, Politicae, Morales ac Theologicae interpretationes (1618).

  • 2 Su Machiavelli e la medicina, cfr. M. Gaille-Nikodimov, À la recherche d’une définition des institu (...)

3Con lo storico fiorentino, la medicina è senza dubbio un modello di scienza (si pensi a Discorsi I: « Né ancora la medicina è altro che esperienze fatte dagli antiqui medici, sopra le quali fondano e’ medici presenti e’ loro iudizii […] »2). Machiavelli ha ben presenti le nozioni fondamentali della medicina classica e non ritiene inopportuno utilizzarle partendo da una visione organicistica, o meglio naturalistica, degli stati (il caso notissimo del lemma « umori » impiegato per indicare senato e popolo è un esempio molto chiaro).

4Machiavelli, tuttavia, si era arrestato ad un certo punto: non rinvia mai ad un testo medico preciso, né propone un vero e proprio travaso dei precetti medici in politica. Canoniero non è un autore che ci interessa solo perché va molto oltre Machiavelli sul piano degli usi della scienza medica nel discorso politico, ma anche perché, nelle opere di cui si parlava, dà conto di numerosi autori che lo avevano preceduto. Grazie a lui, e ai suoi numerosi rinvii, si scopre così una vera e propria corrente di pensiero che teneva ben presente le lezioni dei medici.

5Canoniero lavora nel grande solco aperto da Aristotele, il quale per primo aveva guardato agli stati come ad organismi, ma cerca, sviluppando intuizioni di altri, sfruttando il proprio sapere in fatto non solo di medicina ma anche di filosofia e di legge, di proporre una diversa visione del corpo politico e dei ruoli dei principi e dei suoi collaboratori rispetto a quella che veniva fuori dalle pagine di Bodin o dai consigli che si davano ai « medici degli stati », nel chiuso dei palazzi.

  • 3 Dell’Introduzione alla Politica, alla Ragion di Stato et alla pratica del buon Governo, libri diece (...)

62. Era così sicuro, Canoniero, che la medicina servisse alla politica e al principe (o al « politico »: ambasciatore, ministro, magistrato), che non esitò, già nella dedica al patrizio Balbi, nella sua Introduzione alla Politica, a scrivere che sperava che volesse ignorare gli « inesperti medici, ch’i corpi umani ammazzano, ò strappano, ò mal disposti rendono, e non li sanano […] e invece il gran corpo della Repubblica di curare o preservare, lo danneggiano, ò lo alterano, ò lo conturbano, e gli allargano con importuni rimedii le ferite dateli, ò li rinuovono quelle, che sono state da i pratichi guarite, e risaldate »3.

7Il suo augurio era che si dotasse, piuttosto, dei « salutiferi » precetti della prudenza. Quelli appunto avrebbe indicato nella sua opera.

8Nelle prime pagine dell’Introduzione alla Politica, Canoniero precisa il senso di quelle analogie. Come si può notare, sin da queste poche battute, si è ben oltre il limite della metafora del corpo politico. Non si propone ancora una volta quella figura linguistico-concettuale, ma si suggerisce (ovviamente sulla base dell’analogia corpo/stato) che la scienza che studiava i corpi fisici era concretamente utile al principe. Medicina e politica erano scienze simili, fa notare Canoniero, non solo perché avevano come oggetti corpi, ma anche perché consistevano entrambe di una parte teorica ed una pratica. Come il medico, con la sola teoria, non saprebbe prescegliere i rimedi giusti, « così parimente il teorico politico non può un corpo grande di Repubblica preservare, ò risanare […] ».

9« Né paiano ad alcuno queste similitudini della medicina alla Politica disconvenienti », aggiunge poco dopo.

10Perché non lo erano? Canoniero è particolarmente chiaro:

  • 4 Ibid., p. 10 sgg.

Perché non vi è scienza che nelle sue operazioni maggiormente che la Politica alla medicina s’assomigli impercioche il medico disputa de vari temperamenti, de’ corpi umani, questo dicendo è colerico, quello sanguigno, questo malinconico, quell’altro flemmatico; insegna le cause de’ morbi, i colerici sono da questi mali, i sanguigni da quegl’altri travagliati, dipoi insegna con quali rimedi s’hanno le indisposizioni umane, a curare, di più predice queste cose fanno morire presto, quelle preservano, queste risanano […] così parimente il politico disputa della varietà delle Repubbliche, questa è democrazia, questa aristocrazia, nella democrazia possono tali infermità occorrere, l’aristocrazia alterandosi può questi mali cagionare, questa Repubblica è l’ottima di tutte, quella più atta a concitar tumulti, e sedizioni; questa è la causa per la quale le Repubbliche si corrompono, insegna i rimedi come s’habbiano i mali ch’alle Repubbliche occorrano a discacciare […].4

11Nel passo appena citato, Canoniero si sofferma soprattutto sui compiti dei medici e quelli dei politici. Dovevano conoscere che tipo di complessione avevano i corpi che avevano sotto osservazione, impossessarsi di nozioni specifiche, ovvero, apprendere a quali mali andavano incontro e come prevenirli e curarli.

  • 5 Ibid., p. 11.

12Si riconoscono qui i tratti di una visione laica della politica: la politica è una scienza che serve alla prevenzione e alla risoluzione di problemi concreti. Chi aspira a porsi a capo di un corpo politico non può non acquisirla proprio come la medicina chi aspira a diventare medico. Canoniero non esita a mettere alla berlina quanti credono di saper governare gli stati solo perché figli di principi: « Né bisogna, à chi vuole nella scienza politica profittare, imitare coloro i quali dicono, io son nato di padre governante, io saprò governare quella parte della repubblica che mi sarà imposta, senza che ne i studi io m’affatichi, perche queste sono parole ignorantesche. »5

13La convinzione che gli stati fossero come corpi (che avessero, cioè, le stesse vulnerabilità e complessità) lo induce a nutrire lo stesso timore di errare che avevano i medici nei confronti dei propri pazienti. Il rischio era quello di nuocere, nel caso specifico, corpi che erano costituiti da migliaia di corpi: « Se le regole, i termini e i precetti della scienza politica non impara, e di poi non gli applica, commetterà infiniti errori, come spesse volte è avvenuto, avviene, e avverrà. »

  • 6 Ibid., p. 91 sgg.

14Dell’Introduzione alla politica sembra ambire ad essere (come fa pensare il suo titolo) il manuale di riferimento della nuova politica, che dà appunto priorità assoluta a tutte le pratiche che possono prevenire o curare i mali dello stato. È una nuova « Politica’ anche perché, si diceva, guarda con molta attenzione a ciò che era stato recentemente proposto sulle antiche questioni, che poi erano le questioni di cui ancora bisognava occuparsi, come quella di « quale fosse il governo migliore’, che conveniva, se non altro, considerare un modello di perfezione cui guardare. Si pensi, ad esempio, che non disdegna di soffermarsi a lungo sul tema del « pellegrinare » (libro II, cap. I), di grande attualità, ma certo secondario nell’ordine dei temi da trattare in un’opera politica6.

  • 7 Come ha sottolineato De Mattei, che si sofferma sui suoi rinvii ad autori come Scherbio e Arniseo: (...)

15Canoniero è certamente tra i grandi ammiratori del governo misto nel continente europeo7. Se la politica, come la medicina, doveva prevenire i mali che potevano accelerare la corruzione di un corpo politico, secondo Canoniero, non vi era governo che potesse maggiormente aiutarla di quello.

16Per quale motivo?

17Prima di rispondere, il nostro medico sgombera il campo da chi, più che pronunciarsi contro quella tesi, aveva addirittura negato che un governo misto fosse esistito o potesse esistere: Jean Bodin.

18Canoniero conosce le risposte che erano state date a Bodin fuori della penisola (da Arnisaeo e da Scherbio), ma – spiega – nessuno era mai andato tanto a fondo come Albergati.

19Bodin aveva fatto notare che un governo misto non era mai esistito e che vi era una forte contraddizione tra sovranità e compresenza di elementi diversi?

  • 8 Discorsi politici del signor F. A. ne quali viene riprovata la dottrina politica di G. Bodino, e di (...)
  • 9 P. A. Canoniero, Dell’Introduzione alla politica, cit., p. 361 sgg.

20Albergati gli aveva risposto: « In cotali mistioni rimane segno della virtù, e della qualità de’ semplici, ma non sono però in esse alcuni de’ semplici separatamente. Veggiamo similmente che la forma dell’acqua di mele, chiamata hidromele, nasce dall’acqua e dal mele […] si che possa essere e in guisa ch’ella non consiste nel solo mele, ne anco nella sol’acqua, che disgiuntamente facciano le loro operazioni; si che possa essere detta divisa, e compartita nella forma dell’una e dell’altra. »8 Né era vero che un governo misto non era mai esistito: non erano state miste Sparta e Roma? Canoniero rinvia precisamente alle pagine, da Platone ad Aristotele, in cui se ne era parlato9.

21Perché questa battaglia così appassionata per la mistione?

  • 10 Ibid., p. 362.

22Da sempre quando si era pensato al corrispettivo di un corpo dove ogni umore fosse « rispettato » nella sua propria funzione, si era pensato al governo misto. La scienza politica aveva appunto riflettuto sui governi misti che si erano concretamente realizzati e aveva cercato di individuare le misure capaci di garantire al corpo politico non solo sicurezza ma anche benessere. Scrivere che non si poteva dare un governo misto (perché la sovranità non era scindibile) significava vanificare le pratiche che avevano accompagnato la scienza politica fino ad allora10.

233. L’attacco a Bodin non finiva lì. Un’altra tematica su cui bisognava intervenire era quella della prevedibilità dei mali politici (le rivoluzioni, in particolare).

  • 11 J. Bodin, I sei libri dello Stato, a cura di Margherita Isnardi Parente e Diego Quaglioni, Torino, (...)
  • 12 « Although Bodin had read and frequently cites Galen and Hippocrates for specific points, he rarely (...)

24Bodin aveva suggerito che delle cause che era possibile prevedere, naturali, morali e divine, quelle morali, quelle cioè che riguardavano i comportamenti degli uomini, non erano prevedibili, come si credeva da Aristotele in poi11. Se i comportamenti degli uomini erano dettati dalla volontà e la volontà era libera, non si capiva come si potessero prevedere i comportamenti degli uomini. Da ciò tuttavia Bodin non era giunto alla conclusione che i mali che preoccupavano tutti (soprattutto sedizioni e ribellioni) non fossero prevedibili. Lo erano, ma non sulla base delle analisi delle azioni e reazioni dell’uomo. Lo erano sulla base dell’osservazione dei cieli. Se nell’universo esisteva un ordine matematico, in cui si era già riconosciuta la forza della mente divina, si poteva tentare di penetrarne i segreti. L’astronomia – secondo Bodin – era in grado di prevedere, ad esempio, la formazione delle congiunzioni astrali che determinavano catastrofi o, appunto, rivoluzioni. I politici non potevano perciò rifiutare il suo aiuto. Anzi, il vero sapiente era proprio chi era in grado di conoscere le leggi che regolavano la vita dell’universo e metterne a parte i principi che dovevano reggere gli stati (sicuramente influenzati dalle stelle). Tale atteggiamento trova conferma in ciò che ha scritto Ann Blair, estendendo l’analisi ad altre opere, a proposito della sfiducia di Bodin nella medicina12.

  • 13 P. A. Canoniero, Dell’Introduzione alla politica, cit., p. 372.

25Canoniero non esita a tacciare di risibilità simili teorie. « È cosa ridicolosa il dire che gli Astrologhi possano per via delle stelle, le corrottioni de i stati antivedere; percioche non possano se non le nascite e gli occasi delle stelle, e i Pianeti gli aspetti e gli eclissi molto inanzi […] vedere. »13 In realtà, egli le teme. Sa bene quanto potere avessero gli astrologhi a corte (soprattutto presso i principi assoluti, i tiranni) e sa anche quanta incidenza avessero nelle decisioni importanti che coinvolgevano l’intera comunità.

26Ecco perché ribadisce la necessità dello studio della politica, che aveva a sua volta sviluppato capacità di previsione. Inoltre, più che nascondere, esibiva come un tratto di indiscutibile onestà il fatto che si autorappresentasse come una scienza perfettibile, che era e sarebbe stata ancora sempre nella necessità di essere aggiornata e nella condizione di non poter mai raggiungere la perfezione. Già Albergati, nel rispondere a Bodin, aveva precisato che si poteva prevedere « infino ad un certo segno » e tuttavia non per questo le sue nozioni o i suoi avvertimenti non valevano. Chi garantiva, d’altra parte, una previsione piena, totale? Secondo Canoniero – che scrive pagine molto salaci contro chi si dava arie da gran sapiente sfruttando a proprio vantaggio la debolezza dei principi – non lo faceva neppure la più raffinata astrologia.

  • 14 Sulla questione Albergati aveva scritto il cap. V del IV libro: « Che della volontà, e delle attion (...)

27Canoniero ricorda le parole di Albergati, allo stesso proposito: « Se ne può havere cognizione in quella maniera, che può havere il medico del corpo umano; però come il perito medico come dice l’Albergati, se bene non può precisamente pronosticare il punto dell’accrescimento del male, ne della morte, ò della salute dell’infermo, nondimeno per via dell’arte avendo piena cognizione della complessione di esso, e dell’infermità può infin ad un certo segno prevedere cotali accidenti, così il saggio può trarre dicevole giudizio de gli avvenimenti che soprastano alle Repubbliche mentre conosce i principi loro. »14

  • 15 P. A. Canoniero, Dell’Introduzione alla politica, cit., p. 378.

28La sua « Politica » continua, dunque, il lavoro compiuto da Aristotele e dagli aristotelici. Un lavoro paziente, preciso. Così accresce la lista delle cause delle mutazioni, che arriva a diciannove azioni (discordia, desiderio di guadagno, squilibrio di poteri fra i magistrati e così via). E quella dei « segni »15.

29Alla previsione si doveva accompagnare la prevenzione, proprio come in medicina.

304. Grande ruolo preventivo avevano le leggi. Canoniero dedica alla tematica lunghi capitoli. La questione che gli sta a cuore è in particolare se e quando, eventualmente, dovevano essere cambiate. Ebbene, Canoniero non ha alcuna difficoltà a dire che non bisognava considerarle sacre, intoccabili, come se il corpo non crescesse o non si alterasse e non richiedesse perciò nuove regole cui doversi uniformare.

  • 16 Diverso l’atteggiamento di un altro aristotelico, G.A. Palazzo, per il quale rinvio a E. Nuzzo, I p (...)

31In tanto le leggi svolgevano il loro compito – sulla cui importanza tutti convenivano – in quanto erano realmente in sintonia con il corpo cui si applicavano ed efficaci nella sua vita quotidiana. Occorreva avere il coraggio e la prontezza di mutare le leggi che mostravano di non avere più alcuna utilità, che erano solo di impaccio ad un corpo politico16.

  • 17 P. A. Canoniero, Dell’introduzione alla politica, cit., p. 412.

32Torna il paragone con il medico: « Perciocché si come non s’ha a riprendere quel medico, che del male a molti comune i corpi umani con nuovi medicamenti guarisce, così parimente non si ha quel legislatore per biasimare, il quale da i debiti e dalle malvagie iniquità per mezzo di leggi nuove, il corpo della Repubblica felicemente ripunga e libera […]. »17

  • 18 Ibid., p. 419.
  • 19 Ibid., p. 419 e p. 448.

33Le leggi dovevano poi valere per tutti, anche per i prìncipi, in ogni circostanza (tuttavia, il prìncipe che viola la legge non è perseguibile da altri che da Dio). Canoniero si è nutrito di testi che andavano nella stessa direzione (come la Politica di Althusius, che cita proprio al principio della sua Introduzione), tuttavia, sembra motivato più dalla semplice constatazione che era solo dando l’esempio che il principe poteva svolgere al meglio la sua funzione (« perciocché quale è il Principe tale è il popolo, e quando alle leggi egli non ubbidisce, insegna i popoli che non debbano n’anche a lui ubbidire »18). Un popolo, inoltre, si sarebbe affidato più volentieri ad un principe in cui avesse avuto più fiducia. È a questo punto che la distanza da certo machiavellismo appare evidente. Il « suo principe » ha i tratti del medico: il medico ippocratico. Quel medico non esercita con disinvoltura il proprio compito divino19. Allo stesso modo, il principe di Canoniero usa molto attentamente la propria vitae necisque potestas. Canoniero colpisce al cuore le massime che avallavano un esercizio pieno e, come si accennava, disinvolto del potere.

34Per lui si sbagliava, non si giovava, a consigliare gesti veloci, arditi, in vista di qualunque obiettivo. Occorreva dottrina, occorreva confrontarsi con altri esperti, occorrevano virtù (competenze e valori morali precisi).

  • 20 Ibid., p. 453 sgg.
  • 21 Solo per fare un esempio: « Il consigliero deve imitare il Medico, che cura l’infermità e ordina bu (...)

35Un principe accentratore non era mai consigliabile, secondo Canoniero (il nostro medico preferisce mantenersi su un piano tutto normativo). Il capitolo XIII dell’opera di cui stiamo parlando è tutto su questo tema: « Che il Principe non può solo il tutto governare che ha bisogno di uomini savij e prudenti. »20 Consiglieri, magistrati, ambasciatori dovevano aiutarlo. Non che non vi fossero, ma Canoniero cerca di far meglio risaltare i loro ruoli e, insieme, suggerisce loro alcuni espedienti per meglio cooperare all’impresa della prevenzione e della cura: non assecondare il gusto dell’infermo, ma, al contrario, far in modo che accettasse la terapia21, dissimulare quando era necessario. L’ » inganno » era legittimo se finalizzato ad un buon fine, quale era certamente la salute del corpo.

  • 22 Il passo cui alludo è estremamente interessante: « Si com’il Medico cura e rimedia ad alcune cose s (...)

36Né il principe, a sua volta, doveva disdegnare di dissimulare o simulare con i propri pazienti (i sudditi) se ciò poteva agevolare la cura. Forse i medici non adottavano piccole strategie perché l’infermo prendesse l’amara medicina che doveva ridargli la salute? Non si diceva appunto « indorare la pillola » per indicare un ritocco leggero del rimedio, che aveva per fine l’ « obbedienza » del paziente22?

375. Canoniero non si occupa tuttavia solo della politica e delle sue tematiche classiche e nuove.

38Vi è un passo, in Dell’Introduzione alla politica, in cui sembra chiaro che, con il suo « manuale », ha cercato anche di contribuire concretamente a migliorare le condizioni in cui versava la medicina. La medicina diventa oggetto dei politici, come « arte » che riguardava la salute dei cittadini, di cui recentemente si era scritto che era questione di « primo momento ».

  • 23 Ibid., p. 535 sgg. (nell’ambito del paragrafo: « Che il Magistrato deve procurare che i Medici facc (...)
  • 24 Come Canoniero precisa citando un passo degli Errori popolari di Mercurio Scipione (Venezia, Gio. B (...)

39Nel capitolo sui compiti dei magistrati, Canoniero precisa che dovevano « procurare che tutti li professori di scienze, ò arti che possono al publico nocere, e giovare, facciano bene il debito loro. Non deve il magistrato permettere che niun medico lasci i veri precetti e le isperimentate regole della medicina »23. Nelle stesse pagine, apprendiamo che (se non se ne sapesse nulla in altro modo) esisteva un profondo iato tra quella medicina che Canoniero indicava come modello e la medicina così come era realmente. Ciarlatani e impostori toglievano ogni giorno credito ai medici con gravi conseguenze per la salute dei cittadini. Ecco perché i magistrati sono invitati a far in modo che solo i medici curassero i pazienti; che i medici si aggiornassero, evitando inutili sofferenze al paziente; che, infine, rimanessero nelle condizioni di ben operare (il medico doveva essere retribuito24).

  • 25 In gioco era ovviamente la vita stessa: quale questione, dunque, più importante? Così scrive a prop (...)

40Doveva insomma tornare chiaro il discrimine tra vera e falsa medicina, tra competenza e capacità mimetica25.

416. Vero medico doveva essere il principe. Torniamo su questioni più politiche.

  • 26 Ibid., p. 536.

42A lui, coerentemente, Canoniero suggerisce di usare « una mistura di clementia, misericordia, e severità, e quando non giova essere clemente sia severo […]. Dalla severità giamai non cominci, eccetto se i casi occorsi non lo richiedessero, ma imiti i medici, i quali dalle medicine più leggiere incominciano gli ammalati a curare […] »26.

43Il principe doveva essere all’occorrenza clemente e severo. Si affaccia qui il tema della necessità dell’autocontrollo che era stato già lanciato da Cavriana (lo vedremo fra poco). Il principe non doveva eccedere: al contrario, calibrare il proprio intervento sulla situazione, dosare bene la forza, perché non nuocesse al corpo già provato.

44Non era insomma detto – questo Canoniero ribadisce più volte – che rimediare voleva dire usare la forza o che un intervento era tanto più efficace quanto più era incisivo. La verità era elementare, tuttavia, egli sentiva di doverla ribadire.

45In alcuni casi era opportuno non intervenire: la scelta dell’astensione (come aveva già spiegato Lipsio) poteva essere una scelta più intelligente di quella del rimedio (blando o violento che fosse).

  • 27 Ibid., p. 572.

46Canoniero tiene a precisare nell’ultima parte della sua opera che la « prudenza » non equivaleva alla « ragion di stato ». Ragion di stato era « notizia dei mezzi atti a fondare, conservare, e ampliare un dominio ». La prudenza era una virtù, o meglio, una disponibilità ad essere virtuosi (nell’accezione ippocratica). Sempre a proposito della ragion di stato, va precisato che egli tiene anche a distinguerla dall’ » ottimo governo ». Era, si diceva, « notizia dei mezzi atti a fondare, conservare, e ampliare un dominio », Canoniero aggiunge che si occupava di mezzi straordinari, non ordinari (per quelli esisteva la politica che comprendeva la ragion di stato come una sorta di sua branca): « Sì che l’ottimo governo, e non la ragion di stato, che per accidente viene a quello che i cittadini beati e felici rende; anzi spesse volte la ragion di stato, a guisa di medicina mal intesa, gli huomini guasta e il gran corpo delle Repubbliche corrompe. »27

477. Chi lo aveva preceduto?

  • 28 Ibid., p. 414; Osservationi di Giorgio Pagliari dal Bosco sopra i primi cinque libri de gli Annali (...)

48In Dell’Introduzione alla politica Canoniero cita Giorgio Pagliari dal Bosco. Anch’egli, nelle sue Osservationi […] sopra i primi cinque libri degli Annali di Cornelio Tacito (1611), era ricorso più volte alla medicina soprattutto per definire il ruolo delle pene (le pene come rimedi). I principi – aveva ammonito – dovevano sceglierle come i medici le medicine, in base ai mali, al paziente (età, abitudini, condizione attuale), « e non essere a guisa d’Empirici », come dice il Pagliari, « i quali lasciati a parte gli aforismi, e le regole del medicare canoniche, e approvate, s’appigliano ad ellebori, vitrioli, antimoni, e simili minerali potenti, che n’ammazzano molto più che non ne risanano »28.

49Le Osservationi di Pagliari dal Bosco risalgono al 1611. È solo uno dei testi, che in vari casi partendo da Tacito (soprattutto gli Annali), suggeriscono condotte ispirate a quelle dei medici.

50Gli Annali – i primi cinque libri (fino alla fine del principato di Tiberio) – offrivano molti spunti a chi volesse pronunciarsi in favore di una condotta più cauta. Ammirato, Cavriana, Pagliari dal Bosco li sfruttano volentieri, in vista – come si è detto più volte – di una politica che si conciliasse con l’etica. Il problema non sembra tanto di carattere religioso, quanto pratico. Come appunto la medicina disgiunta dall’etica, così la politica disgiunta dall’etica poteva produrre disastri. Il medico che vinceva il male, ancora allora, non era il medico che si disinteressava di ogni obbligo morale – a partire da quello di rispettare il paziente, astenendosi dall’offenderlo o dal procurargli la morte – era il medico ippocratico, profondamente rispettoso del paziente, capace di usare la forza ma anche di trattenersi dall’usarla se il caso così richiedeva.

  • 29 Nessuna scienza, scrive nell’Antica medicina (cui alludo), sapeva meglio « chi fosse l’uomo », dell (...)
  • 30 Nel notissimo Giuramento: dove il medico ippocratico si impegna a non apportare « danno e ingiustiz (...)
  • 31 Come si raccomanda nel Prognostico, dove è evidente la consapevolezza che a tali obiettivi ci si av (...)

51Ippocrate, lo ricordiamo, aveva prescritto di avere un approccio filosofico con il paziente (bisognava – aveva ammonito – conoscere prima « l’uomo » e poi « gli uomini »)29; aveva suggerito di essere ben attenti nella scelta dei rimedi (per non arrecare alcun danno al paziente)30; aveva indicato nella previsione uno dei compiti interni ad una buona cura31.

  • 32 Si veda, per fare una drastica selezione, l’Introduzione di M. Vegetti alle Opere di Ippocrate, a c (...)

52Del medico ippocratico un’ampia e appassionante saggistica critica ha poi ribadito la filantropia, la generosità, il coraggio32.

  • 33 Nel De clementia, I, 2, 1: « Come la pratica della medicina è onorevole non meno tra i sani che tra (...)
  • 34 Si vedano le sue citazioni da Seneca. Nell’edizione consultata, Della Politica o vero Dottrina civi (...)
  • 35  Scrive, ad esempio, G. Pagliari dal Bosco, op. cit., p. 80.
  • 36 O. Temkin, Hippocrates in a World of Pagans and Christians, Baltimore and London, The John Hopkins (...)

53È molto probabilmente attraverso il neostoicismo che le lezioni ippocratiche entrano nella letteratura politica. Già Seneca aveva tenuto particolarmente conto di Ippocrate nelle sue opere33. Basta poi sfogliare i Politicorum sive civilis doctrinae libri VI di Lipsio per comprendere che Lipsio aveva ben colto la ricorrenza di esempi medici nelle pagine di Seneca. Lipsio, si sa, fu edito nella penisola nel 1601 a Verona e nel 1604 a Roma34. Non è citato spesso dagli autori di cui ci stiamo occupando, tuttavia è certo che a lui si doveva la riscoperta del Seneca del De clementia, con tutte le semplificazionidel caso che portavano ad ammonire a non usare la forza, se si poteva farne a meno. « Non vengono i periti chirurghi al taglio, ò al fuoco, mentre hanno speranza, che i lenitivi, e risolventi possino giovamento apportare; né passano al troncar de’ membri, se non veggono presente il pericolo d’infettarsi il rimanente del corpo […]. »35 Come ha spiegato Temkin, la medicina ippocratica era profondamente intrisa di etica, ecco perché fu apprezzata dai Cristiani, più di quella galenica, che oltre a mettere in dubbio l’immortalità dell’anima, sembrava « rappresentare’ di più la scienza36.

  • 37 T. Rütten, Hippocrates and the construction of « progress » in Sixteenth and Seventeenth-Century Me (...)

54Ci spieghiamo così perché è proprio la corrente di autori che cerca, come si è detto, di « conciliare morale e politica » a recuperare Ippocrate, ad esibirlo come l’origine e il fine del proprio « discorrere », proprio come era ancora in medicina (basti pensare a ciò che ha recentemente osservato Thomas Rütten, a proposito dell’ippocratismo della triade Paracelso, Vesalio, Harvey)37.

  • 38 V. Nutton, Hippocrates in the Renaissance, « Die hippokratischen Epidemien » (Atti del V colloquio (...)

558. Questo uso della medicina è riconoscibile anche in altri testi, tra Cinque e Seicento. Colpisce la precisione del rinvio: è evidente che si voleva dare l’impressione di un discorso attento, saldamente ancorato ad una base scientifica. Sia coloro che non sono medici sia coloro che lo sono mostrano di conoscere bene gli Aforismi, testo fondamentale ancora fino a tutto il Settecento38.

  • 39 E.-L. Etter, Tacitus in der Geistesgeschichte des 16. und 17. Jahrhunderts, Basel und Stuttgart, Ve (...)

56Ciò è verificabile a partire dal commentario a Tacito di Ammirato (Discorsi del sign. S.A. sopra Cornelio Tacito, 1594). Che nei commentari a Tacito ricorrano metafore mediche è stato già notato da Else Lille-Etter, nel suo Tacitus in der Geistesgeschichte des 16. und 17. Jahrhunderts: « Colpisce il numero di tacitisti – ha osservato la studiosa – che, se non erano medici, mostravano un vivo interesse per questioni mediche, per cui nei loro trattati sono frequenti i paragoni tra politica e medicina. »39

  • 40 G. Toffanin, Machiavelli e il tacitismo: la politica storica al tempo della Controriforma, Padova, (...)

57Va precisato che i passi in cui si individuano tracce di una profonda fiducia nel modello medico non costituiscono una rilevante porzione nell’economia dell’intera opera. Rimane tuttavia il fatto che mai, da parte di vari autori, si era insistito così tanto sullo stesso tema, negli stessi termini (la tendenza dei tacitisti, già notata da Toffanin, a « fare coro », come « tanti pappagalli », vale anche per la medicina)40.

58Ancora una volta, va ribadito che si è nel solco di Machiavelli, ma lo si supera in quanto ad aspirazioni (la medicina è una scienza, ma anche l’etica di riferimento) e a precisione dei rimandi (per la medicina si ha un rispetto quasi dogmatico).

  • 41 P. Sinclair, Tacitus the Sententious Historian. A Sociology of Rhetoric in Annales 1-6, Pennsylvani (...)
  • 42 Coraggio, lealtà, onestà: quelli in cui credevano gli autori di cui si era nutrito, Virgilio, Cicer (...)

599. Gli Annali di Tacito – soprattutto i primi libri, i più sentenziosi41 – offrivano molti spunti a chi volesse ricordare come si agiva in ambito medico: non solo perché lì lo storico usa lemmi medici (come « medicina » per intervento politico), ma anche perché fa più volte sentire la sua voce critica nei confronti di un mondo in cui vedeva calpestati i valori in cui credeva42.

60Uno dei passi in cui offriva uno spunto di quel genere è Annali, I, 49.

  • 43 S. Ammirato, Discorsi del sign. S. A. sopra Cornelio Tacito, Firenze, F. Giunti, 1594, p. 94 sgg.

61In uno dei paragrafi del commentario di Ammirato, Che i rimedi non dovrebbono essere più aspri de i mali43, è proprio a partire da lì, da Annali, I, 49, che sono proposte alcune massime mediche. In quel caso, Tacito racconta di come, credendo di interpretare bene un ordine di Germanico, Cecina, che era alla guida delle truppe stanziate in Pannonia, punisce una sedizione con una vera e propria carneficina.

62Quando Germanico arriva sul campo e vede i corpi ammassati, ormai senza vita, non può fare a meno di commentare, tra molte lacrime (come scrive Tacito), che quella non era stata una medicina, ma una strage: « Mox ingressus castra Germanicus, non medicinam illud plurimis cum lacrimis, sed cladem appellans, cremari corpora iubet. » Nella reazione di Germanico si intravedeva la riprovazione di Tacito. La cura non doveva in nessun caso uccidere il paziente. È a questo proposito che, forse indotto da quel « medicinam », Ammirato rinvia ai medici:

  • 44 I corsivi sono miei: « misura » e « onestà » sono appunto alcuni dei principi su cui si fonda la me (...)

La prima sufficienza del valente Medico è conoscere il mal dell’infermo: la seconda è applicare, per usar la voce, che essi usano, il rimedio appropriato à quel male, imperoche se il rimedio non è bastante, non guarisce la infermità, se è molto gagliardo, non che il male, uccide anche la persona, in cui è il male, così appunto dee fare il politico, il quale come il medico discende a mali corporali, così l’uficio suo s’adopera circa le malattie dell’animo, dovendo usar rimedi opportuni a mali, che avvengono alle città senza trapassar la misura, e i termini dell’honesto44.

63Tornando a Cecina: era venuto meno a queste regole. Non si era comportato da bravo medico ed aveva suscitato il rammarico di Germanico. Chi eccedeva sbagliava e perdeva (se non altro, consenso).

64Qualcosa di analogo si poteva dire anche per un altro passo: Ann. III, 28, e Ammirato li accosta, in quello stesso paragrafo.

  • 45 Cito da Tacito, Annali, in Tutte le opere, trad., introduzione e note di E. Cetrangolo, Firenze, Sa (...)

65Lì si parlava di Cneo Pompeo che, per aver adottato « rimedi più gravi dei mali », come riformatore dei costumi romani, aveva perso « con le armi quello che difendeva con le armi »45.

  • 46 F. Cavriana, Discorsi del signor F. C. […] sopra i primi cinque libri di Cornelio Tacito, Firenze, (...)

6610. Solo quattro anni dopo e il discorso si ripropone in modo ancora più consapevole. Filippo Cavriana pubblica, nel 1597, i propri Discorsi sopra i primi cinque libri di Cornelio Tacito46.

67Nella premessa al lettore, Cavriana – a sua volta medico – annuncia di voler seguire gli insegnamenti di Ippocrate (oltre a quelli di Aristotele). Come si spiegava la scelta di quel maestro in un’opera politica? Certamente il grande « concetto madre » è la metafora del corpo politico, ma non è solo questo a determinare quella scelta.

  • 47 F. Cavriana, op. cit., p. II della premessa « Al lettore ».

68Ascoltiamo Cavriana: « E chi mi lacererà perché habbia provato le proposizioni di materia di stato col testimonio d’Hippocrate, di cui mi sono in ogni occasione dove ho potuto aiutato, e fatto scudo, darà segno di non credere, che le attioni virtuose degl’huomini, siano a quelle della natura somiglianti, nelle quali non v’è scrittore alcuno che v’habbia col lume del suo ingegno più vivamente, e tal profondo penetrato di lui. »47

  • 48 Ibid., premessa « Al lettore ».

69Ippocrate, dunque, maestro di natura, ma non è tutto: « E se gli Aforismi del medesimo fossero applicati dagl’huomini politici al reggimento del publico, sarebbono veramente conosciuti, e stimati un fedelissimo Itinerario della vita humana. »48

70Gli Aforismi non erano un testo di medicina in senso stretto, ma un vademecum per la vita: un insieme di massime che avevano più dell’etico che del medico. Nelle pagine di questo commentario, si colgono alcuni dei motivi che spingono a rileggere Tacito in quel periodo. Cavriana è alla corte di Caterina dei Medici, nei giorni del massacro di San Bartolomeo. Le guerre civili di religione pongono sotto gli occhi il problema dei dissidi interni e di come risolverli. Gli Annales offrono gli esempi storici di cui si andava alla ricerca per individuare con un margine di attendibilità le cause di quei fenomeni e le strategie migliori per affrontarli. Per Cavriana poi Roma, il suo declino, gli anni di trapasso dal principato di Augusto a quello di Tiberio, erano gli esatti precedenti di ciò che era appena accaduto nel regno di Francia.

71Quel regno, scrive in un passo particolarmente commosso, era ormai un « legno da’ tarli corroso ».

72È interessante che anch’egli – attento a cercare nell’opera di Tacito momenti che lo inducevano a tirar fuori la propria dottrina in fatto di mali (dei corpi e dei corpi politici) – abbia ricordato come si agiva in medicina a proposito di Annali I, 49.

73In quel caso, al commentatore moderno sembra di essere come di fronte ad un déjà vu. Come nel caso dell’esercito in Pannonia, anche nella notte di San Bartolomeo, vi era stata una strage, che si sarebbe potuta evitare.

  • 49 Come accusavano gli Ugonotti, ed in particolare Gentillet, e come ribadisce la recente saggistica c (...)
  • 50 F. Cavriana, op. cit., p. 186.

74In quella circostanza, la colpa era stata di Caterina de’ Medici49. Cavriana, suo amico, non lo ammette, tuttavia era evidente che aveva sbagliato la scelta del rimedio e che alla sua applicazione erano seguiti quei mali a catena di cui parlava Ippocrate negli Aforismi. « Parmi – scrive – leggendo queste parole con l’altre, che appresso seguono [scrive poi a ridosso di Annali, I, 48, 3] havere avanti a gl’occhi la sanguinosissima azione del giorno, perciò memorabile, di San Bartolomeo, che non si potea meglio di questo raccontare […]. Il popolo di Parigi, incrudelito contra tutte le persone della setta Ugonottica di quale si voglia sorte, senza fare d’età, di sesso, ò di qualità differenza alcuna; non restò mai dall’occisione fino a tanto, che sazio, e stanco non fu, e che non trovò più cose da poter rubare. »50

75Poco prima, sempre pensando al massacro di San Bartolomeo, Cavriana aveva scritto che la regina madre era stata mal consigliata e che, quando si era avveduta dell’errore commesso (sotto appunto l’influenza di cattivi consiglieri), aveva rimediato secondo i precetti cui si attenevano i bravi medici, i quali non usavano la « forza », bensì « l’humanità ».

  • 51 Ibid., p. 118.

Et l’apprendersi à questo consiglio è bene, considerando, come d’esso gli effetti son simili a quelli che l’arte della medicina ne corpi humani utilmente produce, i quali se da violente febbri vengono presi: i sai medici cercano con ogni studio, l’inequalità de gl’humori da dosso levargli, e sotto una equale proporzione; o simmetria a poco a poco e pian piano ridurli, con piacevoli rimedi alternandogli più tosto che con medicina violenta evacuarli.51

  • 52 Come è per Canoniero, che la ricorda al principio delle sue Quaestiones ac discursus, in duos primo (...)
  • 53 Ibid., p. 633, attingendo ad Ann. VI, 31-37.

76L’opera non ci appare all’interno della corrente degli autori politici che scelgono di attingere alla medicina52 solo per quel tipo di appello, ma anche per alcuni suoi contributi: le cause delle rivolte, la critica all’astrologia, l’accusa degli scettici, i quali « hanno per uso di ridersi di tutte le cose, e in particolare de i Medici, e dell’arte loro, e delle loro medicine, e non prestano loro fede, se non quando si truovon ridotti all’estremo della vita »53.

7711. Pochi anni più tardi, e un analogo plesso di indicazioni si riconosce anche in altre opere: è il caso della poco nota Della suppellettile degli avvertimenti politici, morali, et cristiani del sig. Bonifacio Vannozzi dottor pistoiese et protonotario apostolico (1609).

  • 54 Mi riferisco alla nota « Del Sig. Pierandrea Canonieri, Teologo, Filosofo, e Medico all’autore », c (...)
  • 55 Che le sue osservazioni fossero fortemente polemiche capiamo tenendo conto delle varie proposte e i (...)

78Vannozzi e Canoniero erano amici. Canoniero scrive per lui una dedica in cui elogia la scelta del « dir breve », funzionale all’ideale di politica che condividevano: una politica che sapeva pronunciarsi per massime, consapevole delle esigenze dei politici, facile da memorizzarsi e da usarsi, al momento opportuno54. Canoniero sembra anche condividere (benché non lo dica apertamente) la sua presa di distanza dalla ragion di stato. Come scrive al principio della sua Suppellettile, sin da fanciullo aveva odiato la « ragion di stato » e sognato un’alternativa dove meglio si conciliassero morale e politica. Allora, coerentemente, scrive: « Noi tenghiamo, e mostriamo che si può esser buon politico, e buon Cristiano. »55

79Appare chiaro, leggendo la Suppellettile e tenendo conto dei rinvii a quella raccolta di massime nel commentario agli Aforismi di Canoniero, che, almeno per un certo numero di anni, si pensò di far fronte comune, contro la ragion di stato, o meglio, contro un certo modo di consigliare e di procedere che partiva da una chiara sottovalutazione della scienza politica (nella sua interezza). Chi così faceva commetteva delitti. Vannozzi su questo era stato molto esplicito:

  • 56 B. Vannozzi, op. cit., p. 1084.

È piuttosto omicida, che medico colui che attendendo a curare una picciola indisposizione presente, non istima e non prezza, se da questa cura si prepari certa materia ad una pestifera infermità futura: & ciò avviene negli affari del mondo, mentre ci lasciamo muovere dall’obbietto, più tosto del senso, che dell’intelletto.56

  • 57 P. Sarpi, Pensieri medico-morali, in Scrittori italiani di Aforismi, pref. di G. Pontiggia, introdu (...)

8012. Questi appelli ad imitare i medici, nelle loro specifiche condotte (non, dunque, in modo generico), si riconoscono anche in altre opere, profondamente diverse tra loro: nei Pensieri medico-morali di Paolo Sarpi57, nelle Considerationi politiche, e Morali sopra cento oracoli d’Illustri personaggi antichi di Zuccolo, nei Discorsi sopra Cornelio Tacito di Malvezzi, in alcuni ragguagli della Pietra del Paragone politico di Boccalini (su cui ci soffermeremo tra qualche istante). Colpisce, come si accennava, l’uso della medicina in favore di una politica non aggressiva (la medicina è uno strumento che serve a mettere in crisi i domini assoluti).

81Non è ipotizzabile una « discendenza » di tutti questi testi da uno stesso modello (ad esempio, da Ammirato o da Cavriana), piuttosto, sembra verosimile che si siano determinate più cause che hanno fatto in modo che citare i medici nel discorso politico divenisse come naturale.

  • 58 Cfr. il mio Per una nuova scienza. Medicina e politica nella prima età moderna in AA.VV., Biopoliti (...)

82A monte vi è certamente la stampa e ciò che essa ha significato per quel che riguarda la fortuna della medicina classica in età moderna. Gli Aforismi vennero editi più e più volte nella penisola58. Un ruolo importante hanno poi giocato le opere morali e politiche che avevano già impiegato la medicina: le opere morali di Seneca, la Politica di Lipsio. Vi sono poi stati dei « contagi » a più stretto giro: Canoniero e Vannozzi, ad esempio. Zuccolo e Malvezzi.

83Molti volumi indicarono insomma una via alternativa, scientifica (il che voleva dire anche etica).

  • 59 T. Boccalini, ragguaglio XXIII: La monarchia di Spagna fa gettar dalle sue finestre il medico, in R (...)

8413. Il problema sembra per molti la storia, quello che era appena accaduto: è ciò che spiega Traiano Boccalini. Nel ragguaglio La monarchia di Spagna fa gettar dalle sue finestre il medico59, ritrae appunto il grande corpo della monarchia di Spagna come un paziente disperato. I rimedi violenti (« una lunga e dispendiosa purga di olii diversi, di leghe sante, di sollevazioni di popoli, di ribellioni di Baroni, di Cauteri, e d’altri medicamenti molto amari »), che le aveva suggerito un medico privo di scrupoli, avevano prodotto disastri, così che aveva deciso di punire quel medico, gettandolo da una finestra del suo « real palazzo ». Il medico morì sul colpo.

  • 60 L. Zuccolo, Considerationi politiche, e Morali sopra cento oracoli d’Illustri personaggi antichi, V (...)

85Questa reazione alla contemporanea ma « vecchia » politica è riscontrabile anche nelle opere di Zuccolo e di Malvezzi. Nelle sue Considerationi politiche, e Morali sopra cento oracoli d’Illustri personaggi antichi (1621), Zuccolo scrive che chi cercava di « medicar senza ferro le infermità delle disordinate città, si rendeva degno di statue, e di corone. Ma chi procurava di alterare con modi violenti lo stato della patria […] huomo e perverso cittadino chiamar si doveva »60.

  • 61 Come ha già notato C. Ginzburg, Una testimonianza inedita su Ludovico Zuccolo, « Rivista storica it (...)
  • 62 In un altro scrive significativamente: « Però, chi vuole sfuggire le seditioni, e le guerre civili, (...)

86È evidente che Zuccolo, che aveva una buona conoscenza della medicina classica61, ha fatto sua la lezione che era stata già impartita sull’opportunità della prevenzione, sulla superiorità del governo misto (in cui prevalesse l’umore aristocratico, come nella repubblica di Venezia), sulla maggiore affidabilità dei rimedi blandi anche nei casi delle malattie più gravi62.

  • 63 Come ci fa pensare a più riprese E. Belligni nel suo documentato Lo scacco della prudenza. Precetti (...)
  • 64 Discorsi sopra Cornelio Tacito del Marchese Virgilio Malvezzi, Venezia, M. Ginammi, MDCXXXV, p. 43.
  • 65 Ibid., p. 59.

87Solo due anni dopo, presso la stessa tipografia cui si era rivolto Zuccolo (Marco Ginammi), Malvezzi pubblica i suoi Discorsi sopra Cornelio Tacito (è un giovane autore e anch’egli è appassionato di medicina)63. Anche in quest’opera non si contano i rimandi alla medicina. A partire da un passo in cui, sicuramente tenendo conto di quanto Machiavelli aveva scritto a proposito degli scontri tra gli « humori », plebe e senato, avverte che non esisteva cosa più utile della concordia e che « essendo la città un corpo composto di più parti, in quella maniera, che il nostro corpo è composto di quattro elementi; e si come in esso, se è bene organizzato, in maniera che tutti quattro gli elementi siano in debita proportione, non occorrerà discordia per mantenerlo »64. Tuttavia il punto di equilibrio non si conservava: di qui, la necessità, per le repubbliche come per i corpi, di conoscere delle norme elementari per ritrovarlo, come quella dell’uso del rimedio contrario al male. Leggiamo: « Se il Popolo finalmente sopravanza, se gli opponga la Nobiltà, e si come, se predominando il freddo in un corpo, si ponesse a combattere con esso lui un altro freddo, ipso facto si distruggerebbe il corpo, così se predominando la Plebe, li s’opponesse la Plebe, o dominando la Nobiltà, se le opponesse la Nobiltà, subito si dissiperebbe la Repubblica […] »65.

88Operare in modo conforme ai precetti fondamentali del cristianesimo: è ciò che in un altro passo suggerisce anche Malvezzi. I rimedi aspri possono rivelarsi più deleteri delle stesse malattie. Questo, ancora una volta, è l’argomento – scientifico, prima che etico – con cui si invita alla cautela nell’esercizio del potere.

  • 66 La scelta della medicina classica ippocratica-galenica è chiara: lo stesso Malvezzi cita il Metodo (...)

[…] poiché nella Repubblica del corpo, quale cosa è peggiore della podagra e della chiragra? Nondimeno per guarire la podagra, io non ho mai veduto tagliare il piede; ma si bene purgarlo con medicamenti buoni, e ridurlo al primo stato; essendo molto meglio in tutti i mali ovviare al principio che arrivando a cancrena, od a spasmo.66

  • 67 P. A. Canonherii, In septem Aphorismorum Hippocratis libros, Medicae, Politicae, Morales, ac Theolo (...)

8914. Quando Canoniero dà alle stampe il suo commentario agli Aforismi (1618)67, esisteva dunque un forte interesse, da parte di almeno un altro ceto di professionisti, per la medicina (i ‘politici’).

90Perché proprio quell’opera? Canoniero è sicuro più di tutti che era opportuno che i principi (e con loro, i consiglieri, gli ambasciatori, i magistrati) conoscessero con esattezza le regole che conoscevano i medici, perciò ripropone tutti gli aforismi e li commenta, servendosi di un’ampia letteratura, che non ha confini cronologici né geografici né culturali (dall’età classica alla moderna, dal nord al sud del continente, dalla filosofia alla storia).

91Il suo lavoro di scavo, in vista del commentario, è stato certamente intenso: per anni Canoniero deve aver cercato in varie opere passi in cui si ricordavano massime mediche, luoghi in cui sembrava si suggerissero interventi analoghi a quelli che suggeriva Ippocrate, esempi storici che apparivano delle conferme della validità dei suoi insegnamenti. Il testo andrebbe perciò studiato specificamente. Intanto, sembra opportuno presentarne le linee fondamentali e cercare di comprendere quali lezioni dagli Aforismi venivano al principe.

  • 68 Trascrivo qui l’intero aforisma per una maggiore comprensione: « La vita è breve, l’arte lunga, il (...)

9215. Cominciamo dal primo aforisma: è una sorta di autogiustificazione. La forma breve si spiegava con le necessità dell’apprendimento veloce, nella ristretta economia di una vita (come scriverà anche Seneca). Nella seconda parte dell’aforisma, Ippocrate avvertiva che bisognava far attenzione non solo alle cose da fare, ma « anche al malato, a chi assiste e ai fattori esterni »68.

93Come si traduceva questo insegnamento in politica?

94Per « malato » si intendeva « il popolo »: bisognava dunque far attenzione alla sua complessione. Un politico non poteva ignorare il sapere sulle differenze tra i popoli, sulle influenze dei climi sugli uomini, che era maturato negli ultimi tempi, a partire da alcune intuizioni interne al Corpus Hippocraticum. Non per tutti i popoli erano opportune le stesse medicine.

  • 69 P. A. Canoniero, In septem aphorismorum cit., p. 247.

95Lo stesso discorso valeva per « chi assisteva » e i « fattori esterni ». La scelta del rimedio dipendeva, come si era già scritto nei commenti medici agli Aforismi, dalla combinazione di tre fattori: occasione, esperienza e giudizio. Come il medico, anche il politico poteva curare se riconosceva l’occasione (il tempo in cui era opportuno intervenire), se aveva il beneficio dell’esperienza (se alla teoria unisce la pratica), se era dotato di giudizio (ovvero, la facoltà di accomodare gli « universali » ai « particolari »). Vannozzi, già ricordato, aiuta Canoniero a spiegare meglio in cosa consisteva il giudizio: « Questo tal giudizio profittando nella notizia delle cose ben apprese, leggendo e passando all’uso e alla pratica di esse riuscirà esperto e prudente. »69

  • 70 Ibid., p. 255.
  • 71 « Sicut Medicus […] sic Princeps corpus reipublicae non curabit, nisi vitiorum radices evellat, civ (...)
  • 72 « Quemadmodum in curatione morborum & in exhibendis medicamentis aliquando multa, ut aetas, sexus, (...)
  • 73 Come raccomanda citando, tra gli altri, dal primo libro delle Navigationi et viaggi nella Turchia d (...)
  • 74 « Quemadmodum medici, donec salubribus herbis uti possunt, ad ferrum et ustionem non veniunt, nec P (...)
  • 75 Come dice sulla scorta di Ammirato, ibid., p. 515.

96Nelle pagine successive, nelle pieghe dei commenti, riappaiono i moniti che abbiamo già conosciuto70. Il tiranno era un cattivo medico. Il principe si preoccupava, invece, di individuare le cause dei mali71, intuire lo stato del paziente72, conoscere la provincia in cui vive il popolo (conoscerla da vicino)73, usare i rimedi leggeri74, prima di quelli violenti75.

97Abbiamo fatto una selezione drastica: il commento è, si diceva, ricchissimo. Come forse si può intuire anche da queste poche battute, Canoniero non associa ad ogni malattia un male, per indicare i rimedi più opportuni. Indica tuttavia una per una le variabili che costituivano il caso in cui il principe doveva intervenire.

98La medicina costituisce così una base scientifica per rimediare nella maniera più corretta possibile. Il discorso è finalizzato – più precisamente– all’indicazione del modo in cui prescegliere leggi e punizioni, come garanzie contro l’abuso e i vari accidenti che potevano accorrere al corpo politico.

  • 76 Ibid., p. 565.

99Come in ogni ambito, si poteva essere ostacolati dalla fortuna avversa, ma tale consapevolezza non doveva scoraggiare dall’affrontare un’impresa così importante come quella di far sì che lo stato rimanesse in salute76.

  • 77 G. Canguilhem, L’idée de nature dans la pensée et la pratique médicales, in Id., Écrits sur la méde (...)

100Un modo per vincerla era proprio quello di aderire agli insegnamenti della natura. Era la natura la prima grande « medicatrice »77. Bisognava obbedirle: prediligere quel gesto che sembrava facile piuttosto che quello che incontrava forze contrarie.

101Ciò valeva per tutto, per la scelta del rimedio, ma anche per pratiche specifiche legate al sistema delle pene. Come le purghe – scrive Canoniero a commento del II aforisma della IV sezione – giovavano se si compivano in una condizione che sembrava effettivamente richiederle (« secondo natura »), così gli interrogatori tanto più riuscivano quanto più si avvicinavano al modello di un dialogo spontaneo. Lo stesso valeva per i bandi o le eliminazioni fisiche.

  • 78 Ibid., p. 726 sgg.

102I príncipi sono avvertiti a non precipitarsi a « vendicarsi », perché correvano il rischio di accendere di più gli « humori » pericolosi78.

103Canoniero tenta di cogliere ogni implicazione che poteva scaturire dagli Aforismi. Se il risultato è un volume densissimo, che forse scoraggia il principe che vuole effettivamente imitare il bravo medico, le intenzioni che lo animano e la temperie culturale in cui è stato scritto costituiscono per noi un affascinante terreno di ricerca, che ci consente di cogliere, più in generale, gli sforzi che si sono compiuti, nella prima età moderna, per sottrarre il diritto alle mani dei principi e dei consiglieri e trasformarlo in una garanzia per tutti.

Top of page

Notes

1 Si veda V. Castronovo, « Pietro Andrea Canonieri » in Dizionario Biografico degli Italiani, Roma, vol. 18, 1975, p. 175-177.

2 Su Machiavelli e la medicina, cfr. M. Gaille-Nikodimov, À la recherche d’une définition des institutions de la liberté. La médecine, langage du politique chez Machiavel, in « Astérion », 1, juin 2003, in http://asterion.revues.org/document14.html; L. Gerbier, Malattie e differenze. Les fondements de l’art politique de Machiavel e della stessa Gaille-Nikodimov, Machiavel, médecin de la cité? Le diagnostic comme écriture du politique, in « Cahiers Philosophiques », « Dossier Machiavel », con un « Avant-Propos » di M. Senellart, 27, avril 2004, p. 23-39 e p. 40-55.

3 Dell’Introduzione alla Politica, alla Ragion di Stato et alla pratica del buon Governo, libri diece di Pietro Andrea Canoniero, dottore di Filosofia Medicina e Teologia, Antwerp, appresso Ioachimo Trognesio, 1614, p. I sgg.

4 Ibid., p. 10 sgg.

5 Ibid., p. 11.

6 Ibid., p. 91 sgg.

7 Come ha sottolineato De Mattei, che si sofferma sui suoi rinvii ad autori come Scherbio e Arniseo: « Il Canoniero fa sue le repliche dello Scherbio e dell’Arniseo: cioè potersi frazionare quella sovranità che il corpo ha tutta insieme […] »: R. De Mattei, Difese italiane del « governo misto » contro la critica negatrice del Bodin, in Studi in onore di Emilio Crosa, Milano, A. Giuffré, 1960, t. I, p. 741-757: p. 748. Su Arnisaeus e le sue teorie, cfr. l’ultimo contributo di M. Scattola, Le tradizioni tedesche della costituzione mista alle soglie dell’età moderna, « Filosofia politica », XIX, 1, aprile 2005, p. 97-108 (cui si rinvia anche per i rimandi bibliografici).

8 Discorsi politici del signor F. A. ne quali viene riprovata la dottrina politica di G. Bodino, e difesa quella d’Aristotele, Roma, G. Dragonelli, 1664; alla questione Albergati aveva dedicato un intero capitolo: cap. VIII, libro II, « Si da mischianza di Stato contra l’opinione del Bodin », p. 271-295. Sulla critica a Bodin e sulle sue motivazioni « politiche », si veda A. E. Baldini, Albergati contro Bodin. Dall’Antibodino ai Discorsi politici, in « Il Pensiero politico », XXX, 2, 1997, p. 287-310.

9 P. A. Canoniero, Dell’Introduzione alla politica, cit., p. 361 sgg.

10 Ibid., p. 362.

11 J. Bodin, I sei libri dello Stato, a cura di Margherita Isnardi Parente e Diego Quaglioni, Torino, UTET, vol. III, 1997, p. 395 sgg.

12 « Although Bodin had read and frequently cites Galen and Hippocrates for specific points, he rarely addresses the principles of cures and diseases. When he does, in one passage, mentioning the Hippocratic dictum that « contraries cure contraries », he notes that medical principles always suffer exceptions (citing the authority of Galen, Hippocrates, and Avicenna) and concludes with some disdain: « The principles of physics must be much more certain than those of medicine, which they must serve to illuminate’ »; A. Blair, The theater of nature. Jean Bodin and Renaissance science, Princeton, New Jersey, Princeton University Press, 1997, p. 45.

13 P. A. Canoniero, Dell’Introduzione alla politica, cit., p. 372.

14 Sulla questione Albergati aveva scritto il cap. V del IV libro: « Che della volontà, e delle attioni humane si possono fare ragionevoli giudicij nelle cose avvenire per conto di stato, contro al parere di Bodino », p. 504-510, dove si legge il passo sull’idromele.

15 P. A. Canoniero, Dell’Introduzione alla politica, cit., p. 378.

16 Diverso l’atteggiamento di un altro aristotelico, G.A. Palazzo, per il quale rinvio a E. Nuzzo, I percorsi della « quiete ». Aspetti della trattatistica politica meridionale del primo Seicento nella crisi dell’Aristotelismo politico, « Bollettino del centro di studi vichiani », XVI, 1986, p. 7-93.

17 P. A. Canoniero, Dell’introduzione alla politica, cit., p. 412.

18 Ibid., p. 419.

19 Ibid., p. 419 e p. 448.

20 Ibid., p. 453 sgg.

21 Solo per fare un esempio: « Il consigliero deve imitare il Medico, che cura l’infermità e ordina buona istitutione di governo all’infermo, senza punto il gusto secondare […] », ibid., p. 462.

22 Il passo cui alludo è estremamente interessante: « Si com’il Medico cura e rimedia ad alcune cose senza saputa dell’ammalato, perche se egli il sapesse, la cura della propria salute impedirebbe, essendo cosa certa che molti ammalati sono morti, per havere il proprio male conosciuto; così parimente il Principe che è Medico publico, fa di mestiere curare e rimediare secretamente alle publiche malatie, acciò che se il rimedio fusse palesato, il popolo con suo gravissimo danno, non lo rifiutasse », ibid., p. 481.

23 Ibid., p. 535 sgg. (nell’ambito del paragrafo: « Che il Magistrato deve procurare che i Medici faccino bene l’uffitio loro »).

24 Come Canoniero precisa citando un passo degli Errori popolari di Mercurio Scipione (Venezia, Gio. Battista Ciotti Senese, 1603, p. 3 ss.), che aveva appunto inserito tra gli errori che allora si commettevano il modo in cui erano trattati i medici, ibid., p. 537.

25 In gioco era ovviamente la vita stessa: quale questione, dunque, più importante? Così scrive a proposito Canoniero: « Ch’in vero è vergogna, ch’a i medici sia lecito ammazzare gli huomini ad ogni loro capriccio, e c’habbiano come dice Michael de Montagne ne i suoi discorsi […] questa buona fortuna ch’i loro errori e colpe siano subito poste sotto terra, e sepolte », ibid., p. 536.

26 Ibid., p. 536.

27 Ibid., p. 572.

28 Ibid., p. 414; Osservationi di Giorgio Pagliari dal Bosco sopra i primi cinque libri de gli Annali di Cornelio Tacito, Milano, per l’her. di P. Pontio e di G.B. Piccaglia, 1611.

29 Nessuna scienza, scrive nell’Antica medicina (cui alludo), sapeva meglio « chi fosse l’uomo », della medicina.

30 Nel notissimo Giuramento: dove il medico ippocratico si impegna a non apportare « danno e ingiustizia ».

31 Come si raccomanda nel Prognostico, dove è evidente la consapevolezza che a tali obiettivi ci si avvicina con fatica ed impegno. Sulla teoria che viene fuori, si veda V. Di Benedetto, Tendenza e probabilità nell’antica medicina greca, in « Critica storica », 3, 1966, p. 331-368.

32 Si veda, per fare una drastica selezione, l’Introduzione di M. Vegetti alle Opere di Ippocrate, a cura dello stesso, Torino, UTET, 1965, p. 9-64; D. Gourevitch, Le triangle hippocratique dans le monde gréco-romain. Le malade, sa maladie et son médecin, Paris-Rome, Bibliothèque des Écoles françaises d’Athènes et de Rome, éd. De Broccard, 1984; J. Jouanna, La lecture de l’éthique hippocratique chez Galien, in Médecine et morale dans l’Antiquité, « Entretiens sur l’Antiquité classique », Vandœuvres – Genève, Fondation Hardt, 43, 1997, p. 211-253; A. Roselli, I commenti di Galeno ad Ippocrate: sulle relazioni difficili tra medico, malato e pubblico, in « I quaderni del ramo d’oro », 4, 2001, p. 89-105.

33 Nel De clementia, I, 2, 1: « Come la pratica della medicina è onorevole non meno tra i sani che tra i malati, così la clemenza […] »; I, 5, 1: « Occorre, pertanto, risparmiare anche cittadini meritevoli di riprovazione non diversamente da come si risparmiano le membra malate […] »; I, 17, 2: « È proprio del cattivo medico dare per spacciato il malato per non curarlo. E la stessa cosa dovrà fare nei confronti di quelli che sono malati nell’animo colui al quale è stato affidato la salvaguardia di tutti […] » (De clementia, a cura di C. Campanini, Milano, Mondadori, 2004). Per ciò che riguarda il De ira, uno dei passi più significativi è I, 16, 4: « […] vedo in tanti animi difetti diversi e ho l’incarico di curare una città; si cerchi la cura adatta al male di ciascuno, a guarir costui sia la vergogna, quest’altro un viaggio in terra straniera, quest’altro il dolore, quest’altro ancora il bisogno, quest’ultimo il ferro ».

34 Si vedano le sue citazioni da Seneca. Nell’edizione consultata, Della Politica o vero Dottrina civile di Giusto Lipsio libri VI, Roma, Dragoncelli, 1677, p. 115, 213, 222, 241, 388.

35  Scrive, ad esempio, G. Pagliari dal Bosco, op. cit., p. 80.

36 O. Temkin, Hippocrates in a World of Pagans and Christians, Baltimore and London, The John Hopkins University Press, 1991, p. 246.

37 T. Rütten, Hippocrates and the construction of « progress » in Sixteenth and Seventeenth-Century Medicine, in D. Cantor (ed. by), Reinventing Hippocrates, Aldershot, Burlington USA, Singapore, Sidney, Ashgate, 2002, p. 37-58.

38 V. Nutton, Hippocrates in the Renaissance, « Die hippokratischen Epidemien » (Atti del V colloquio internazionale ippocratico), 27, 1989, p. 420-439.

39 E.-L. Etter, Tacitus in der Geistesgeschichte des 16. und 17. Jahrhunderts, Basel und Stuttgart, Verlag von Helbing & Lichtenhalm, 1966, p. 19, n° 49. Ricavo la notizia da M. Stolleis, Staat und Staaträson in der frühen Neuzeit: Studien zur Geschichte des öffentlichen Rechts, Frankfurt a. M., Suhrkamp, 1990, trad. it. di S. Jovino e Ch. Schultz, Stato e ragion di stato nella prima età moderna, Bologna, il Mulino, 1998, a cura di G. Borrelli, p. 76.

40 G. Toffanin, Machiavelli e il tacitismo: la politica storica al tempo della Controriforma, Padova, A. Draghi, 1921, p. 170.

41 P. Sinclair, Tacitus the Sententious Historian. A Sociology of Rhetoric in Annales 1-6, Pennsylvania, The Pennsylvania State University Press, 1995.

42 Coraggio, lealtà, onestà: quelli in cui credevano gli autori di cui si era nutrito, Virgilio, Cicerone, Seneca; cfr. A. Michel, nel suo Tacite et le destin de l’Empire, Artaud, Paris, 1966, trad. it. di A. Salsano, Tacito e il destino dell’impero, Torino, Einaudi, 1973, p. 4.

43 S. Ammirato, Discorsi del sign. S. A. sopra Cornelio Tacito, Firenze, F. Giunti, 1594, p. 94 sgg.

44 I corsivi sono miei: « misura » e « onestà » sono appunto alcuni dei principi su cui si fonda la medicina antica: ibid., p. 94.

45 Cito da Tacito, Annali, in Tutte le opere, trad., introduzione e note di E. Cetrangolo, Firenze, Sansoni, 1979, p. 501.

46 F. Cavriana, Discorsi del signor F. C. […] sopra i primi cinque libri di Cornelio Tacito, Firenze, per F. Giunti, 1597. Nato a Mantova nel 1536, Cavriana si stabilì in Francia dal ’65, come medico di Ludovico Gonzaga e poi di Caterina de Medici: si veda G. Benzoni, « Filippo Cavriani », in Dizionario Biografico degli Italiani, cit., vol. XXIII, 1979, p. 151 sgg.

47 F. Cavriana, op. cit., p. II della premessa « Al lettore ».

48 Ibid., premessa « Al lettore ».

49 Come accusavano gli Ugonotti, ed in particolare Gentillet, e come ribadisce la recente saggistica critica: R. M. Kingdon, Myths about the St. Bartholomew’s Day Massacres 1572-1576, Cambridge, Massachusetts, London, Harvard University Press, 1988, p. 200-213.

50 F. Cavriana, op. cit., p. 186.

51 Ibid., p. 118.

52 Come è per Canoniero, che la ricorda al principio delle sue Quaestiones ac discursus, in duos primos libros Annalium C. Cornelij Taciti, autore Pietro Andrea Canhoniero, Philosophiae, Medicinae, ac Sacrae Theologiae Doctore, Roma, B. Zannettum, 1609, p. 4.

53 Ibid., p. 633, attingendo ad Ann. VI, 31-37.

54 Mi riferisco alla nota « Del Sig. Pierandrea Canonieri, Teologo, Filosofo, e Medico all’autore », che introduce Della suppellettile degli avvertimenti politici, morali, et cristiani del sig. B. V., dottor pistoiese et pronotario apostolico, Roma, appresso gli eredi di Giovanni Rossi, 1609.

55 Che le sue osservazioni fossero fortemente polemiche capiamo tenendo conto delle varie proposte e idealità politiche etichettabili come « ragion di stato »: su cui si veda G. Borrelli, Ragion di Stato e Leviatano. Conservazione e scambio alle origini della modernità politica, Bologna, il Mulino, 1993 e M. Stolleis, op. cit.

56 B. Vannozzi, op. cit., p. 1084.

57 P. Sarpi, Pensieri medico-morali, in Scrittori italiani di Aforismi, pref. di G. Pontiggia, introduzione e note di G. Ruozzi, Milano, Mondadori, 1994, vol. I, p. 457-488.

58 Cfr. il mio Per una nuova scienza. Medicina e politica nella prima età moderna in AA.VV., Biopolitiche,in corso di stampa. In quell’articolo tocco alcune tematiche che qui riaffronto.

59 T. Boccalini, ragguaglio XXIII: La monarchia di Spagna fa gettar dalle sue finestre il medico, in Ragguagli di Parnaso e altri scritti minori, a cura di L. Firpo, Bari, Laterza, 1948, III vol., « Pietra del Paragone politico », p. 66-67.

60 L. Zuccolo, Considerationi politiche, e Morali sopra cento oracoli d’Illustri personaggi antichi, Venezia, presso M. Ginammi, 1621, p. 34.

61 Come ha già notato C. Ginzburg, Una testimonianza inedita su Ludovico Zuccolo, « Rivista storica italiana », LXXIX, 1970, p. 1122-1128: p. 112.

62 In un altro scrive significativamente: « Però, chi vuole sfuggire le seditioni, e le guerre civili, procuri ne primi moti, ò di placar con la dolcezza gli animi de’ popoli, ò di castigarne pochi, per acquietare i tumulti, e poi subito rimettere la spada nel fodero, per liberar gli altri da paura […]. Non è anco conveniente, che la medicina sia più aspra di quello, che la qualità della malattia richiede […] », ibid., p. 133.

63 Come ci fa pensare a più riprese E. Belligni nel suo documentato Lo scacco della prudenza. Precettistica politica ed esperienza storica in Virgilio Malvezzi, Firenze, Olschki, 1999.

64 Discorsi sopra Cornelio Tacito del Marchese Virgilio Malvezzi, Venezia, M. Ginammi, MDCXXXV, p. 43.

65 Ibid., p. 59.

66 La scelta della medicina classica ippocratica-galenica è chiara: lo stesso Malvezzi cita il Metodo di Galeno e gli Aforismi di Ippocrate: ibid., p. 43 sgg. e 217. Non mancano precisazioni sugli errori compiuti in passato, da Aristotele.

67 P. A. Canonherii, In septem Aphorismorum Hippocratis libros, Medicae, Politicae, Morales, ac Theologicae Interpretationes, volumen primum. Materias Politicas completens, Antuerpiae, apud Petrum & Ioannem Belleros, 1618, 3 voll.

68 Trascrivo qui l’intero aforisma per una maggiore comprensione: « La vita è breve, l’arte lunga, il momento opportuno fuggevole, la pratica incerta, il giudizio difficile. Bisogna pensare non solo alle cose da fare, ma anche al malato, a chi assiste e ai fattori esterni. » I riferimenti sono alla recente edizione degli Aforismi, a cura di L. Coco, Palermo, Sellerio, 1999, p. 27.

69 P. A. Canoniero, In septem aphorismorum cit., p. 247.

70 Ibid., p. 255.

71 « Sicut Medicus […] sic Princeps corpus reipublicae non curabit, nisi vitiorum radices evellat, civitatemque felicem beatamque reddat », ibid., p. 288.

72 « Quemadmodum in curatione morborum & in exhibendis medicamentis aliquando multa, ut aetas, sexus, natura, tempus, consuetudo, & eiusmodi correpugnant: sic in vitiis puniendis & poenis infligendis nobilitas, res gestae, divitiae, potentia, contra pugnant », ibid., p. 299.

73 Come raccomanda citando, tra gli altri, dal primo libro delle Navigationi et viaggi nella Turchia di N. de Nicolai (Antwerp, 1576), ibid., p. 348.

74 « Quemadmodum medici, donec salubribus herbis uti possunt, ad ferrum et ustionem non veniunt, nec Pharmacis turbulentis aegrorum viscera dilacerant; ita Principes et Giudices donec mitioribus remediis vitia emendare possunt », ibid., p. 496.

75 Come dice sulla scorta di Ammirato, ibid., p. 515.

76 Ibid., p. 565.

77 G. Canguilhem, L’idée de nature dans la pensée et la pratique médicales, in Id., Écrits sur la médecine, Paris, Seuil, 2002, p. 15-48 : p. 18.

78 Ibid., p. 726 sgg.

Top of page

References

Electronic reference

Silvana d’Alessio, « « Che i rimedi non dovrebbono esser più aspri dei mali » », Laboratoire italien [Online], 6 | 2006, Online since 07 July 2011, connection on 22 May 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/207 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.207

Top of page

About the author

Silvana d’Alessio

Silvana d’Alessio est actuellement en post-doctorat dans le département de philosophie de l’Université de Salerne. Elle travaille sur le commentaire « politique » des Aphorismes d’Hippocrate par Andrea Canoniero (Anvers, 1618). Elle a récemment publié un volume dans lequel elle analyse, entre autres choses, la métaphore du corps politique, ainsi que les termes utilisés pour la propagande politique lors de la révolte napolitaine de 1647-1648 : Contagi. La rivolta napoletana del 1647-1648. Linguaggio e potere politico, Florence, CET, 2003.

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page