Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Magistrature et politique

Magistratura e politica nell’età della codificazione

Il caso napoletano 1806 -1821
Carolina Castellano
p. 35-54

Abstract

L’article est consacré au rapport de fidélité qui liait les magistrats au souverain dans le Royaume des Deux Siciles. La passage du système de droit commun à celui de droit codifié, qui se réalise entre XVIIIe et XIXe siècle, implique une reformulation du statut du juge, jusqu’alors titulaire non seulement de fonctions judiciaires, mais aussi administratives et militaires, et du pacte qui le liait au souverain. La recherche part de cette transformation pour analyser le devenir de la catégorie de " loyauté administrative ", qui indiquait, pendant l’Ancien Régime, l’appartenance familiale aux rangs du service royal : que reste-t-il de la traditionnelle loyauté des magistrats à la suite de la perte des fonctions militaires ? Quel type de rapport s’établit entre la justice et l’admistration ? Combien des anciens privilèges de corps ont survécu dans le nouvel ordre juridique ? Cette problématique est développée à la lumière du premier épisode important de déloyauté de la magistrature lors de la révolution de 1820 et de la continuité du poids de la tradition familiale dans la formation des juges.

Top of page

Full text

1Mi propongo di indagare in questo intervento la costruzione del vincolo di lealtà che legava il giudice al sovrano, a partire dalla transizione tra il sistema di diritto comune e quello codificato. L’indagine si spingerà fino alla rivoluzione del 1820, così da considerare anche l’altra faccia del rapporto tra il giudice e la politica, ossia quella dell’infedeltà, del tradimento nei confronti dell’ordine costituito.

  • 1 « La lunga crisi istituzionale [...] apertasi col periodo dell’assolutismo illuminato e chiusasi so (...)
  • 2 Ibid., p. 54.

2Si tratta di andare alle origini di una questione che si aprì proprio nell’epoca in cui emerse la funzione giudiziaria moderna, privata delle attribuzioni di governo che aveva conservato fino a quel momento. Studi recenti hanno segnalato, infatti, come la fine del « governo per magistrature » della società dei ceti sia coincisa con la creazione dei due poteri –entrambi ontologicamente diversi dalla jurisdictio di diritto comune–, piuttosto che con la « separazione » di funzioni preesistenti1. La giustizia dei cittadini nacque così per sottrazione, ossia dalla « perdita della sua capacità di governare quei settori delle relazioni sociali aventi una più spiccata valenza politica »2.

3Queste rapide considerazioni introducono un motivo di grande rilievo. Nella prima fase della codificazione e dell’emergenza del giudiziario, la complessa relazione tra la magistratura ed il potere passava attraverso il confine appena stabilito tra i due ambiti dell’autorità statale, quello giudiziario e quello amministrativo. Quest’ultimo, infatti, era ancora tanto vicino alla politica da rappresentarne quasi il sinonimo. E’ da qui che bisogna dunque partire, per individuare le coordinate che localizzavano la magistratura nella costellazione dei poteri dello stato amministrativo.

  • 3 « Gli agenti del governo non possono essere tradotti in giudizio per reati relativi alle loro funzi (...)
  • 4 Dalla circolare del ministro di Grazia e Giustizia del 2 marzo 1816, citata in G. Landi, Istituzion (...)

4La prossimità tra amministrazione e politica appare evidente in alcuni tratti nel quadro istituzionale napoleonico, che è il caso di osservare da vicino. La rilevanza strategica attribuita all’amministrazione era segnalata in particolare da un istituto che nel regno di Napoli, dove il regime francese lo introdusse nel 1812, prese il nome di garentia amministrativa. Questo istituto, che prevedeva l’autorizzazione ministeriale per i procedimenti penali a carico dei pubblici funzionari, stabiliva un discrimine significativo tra questi ultimi ed i semplici cittadini3. Coerente con l’impronta gerarchica dell’apparato amministrativo, la garentia copriva soltanto le cariche superiori, mentre le figure minori del pubblico impiego –dai dipendenti subalterni di ministeri ed intendenze ai maestri di scuola, notai ed uscieri–, ne rimasero escluse. Costoro infatti « non avendo alcuna corrispondenza col Governo, non sono soggetti ad una temeraria persecuzione per l’adempimento dei suoi ordini ; ad ogni buon conto non si verifica per essi la ragione per la quale è stabilita la garentia »4. Ragione che si verificava, invece, per i quadri del “regio servizio”, rappresentanti e mandatari diretti del sovrano. Lo specifico tratto politico che li individuava in maniera inequivocabile, nella congerie dell’impiego pubblico, passava dunque attraverso la tutela ministeriale.

5Dal momento che il senso originario di questo istituto era di impedire ogni ingerenza del potere giudiziario nell’attività dell’amministrazione, la legge del 1812 ne escludeva la magistratura. Per quest’ultima, il regime napoleonico si riservò di emanare un regolamento disciplinare a parte, che tuttavia venne pubblicato solo dai Borbone, nel 1828.

  • 5 Ancora Landi ha notato come la procedura per l’autorizzazione a procedere contro i magistrati, rego (...)
  • 6 La medesima regola era stata stabilita nella Francia napoleonica con la grand loi per la disciplina (...)

6La Restaurazione, intanto, aveva introdotto una modifica importante nella normativa sulla garentia. Mentre la giurisprudenza dei tribunali napoletani ampliava progressivamente la portata di questo istituto, fino a chiedere l’autorizzazione ministeriale anche per processi che riguardavano reati commessi dai funzionari al di fuori dell’ufficio, nel 1818 esso venne esteso anche ai giudici di collegio. Venne così riconosciuta una sostanziale affinità del corpo giudiziario con quello amministrativo, perché entrambi condividevano la dimensione politica della pubblica funzione. L’unica differenza era la procedura da seguire per sciogliere la garentia5. Infatti, mentre i funzionari dell’amministrazione venivano giudicati dalle corti penali, i processi contro i giudici si svolgevano presso la Cassazione, presieduta dal ministro della Giustizia6.

  • 7 Nota ragionata de’ motivi del progetto di legge sulla garentia dei funzionari pubblici del ministro (...)

7Il regime borbonico completava così l’opera avviata dai napoleonidi, stabilendo che tutte le figure titolari di un potere decisionale, giudici compresi, fossero responsabili soltanto davanti al re. E la magistratura entrò a pieno titolo nella categoria degli « agenti del governo », rivestiti di quella « magica considerazione » che lo stato amministrativo esigeva per i suoi ufficiali. Essi andavano tutelati a beneficio dell’ordine pubblico, perché « il potere [...], che il sovrano distribuisce fra’ suoi agenti [...] è una vera eccezione alle leggi imperative, poiché mediante tal potere gli agenti del governo sono autorizzati a procedere a taluni atti, che sarebbero rei se venissero commessi dall’uomo privato »7. Era quindi necessario, da una parte, stabilire un regime di controllo sull’azione amministrativa, e dall’altra impedire che « il di lei moto » venisse ostacolato da eventuali attacchi contro i rappresentanti dello stato.

  • 8 Cf. La democrazia in America, G. Candeloro [ed.], Milano, Rizzoli, 19972 (Paris 1835 - ‘40), p. 105 (...)
  • 9 R. De Cesare, La fine di un regno, Città di Castello, Lapi, 19083, vol. I, p. 229.

8Il principio della « eccezionalità » del potere pubblico era stato importato nel regno di Napoli dalla Francia, dove era stato ratificato dalla costituzione dell’anno VII. Per Alexis de Toqueville la tutela ministeriale dei funzionari mostrava – soprattutto a paragone del sistema americano – tutta la sua portata dispotica8. Nel regno delle Due Sicilie, tuttavia, tale principio era coerente con una concezione della sovranità che voleva « il re responsabile davanti a Dio ; i funzionari pubblici dinanzi al re, e nessuno responsabile dinanzi al paese, il quale non aveva altro rifugio che nella cospirazione e nella rivoluzione »9.

  • 10 Dall’intervento di Parisio al consiglio dei ministri del 2 settembre 1842, in Archivio di Stato di (...)
  • 11 Il consiglio dei ministri stabilì che le promozioni venissero regolate in base all’anzianità, integ (...)

9Vedremo più avanti come la stessa magistratura borbonica condividesse paradossalmente questo disagio, tanto da partecipare all’attività settaria del primo Ottocento. Qui è ancora il caso di citare un’ultima, significativa testimonianza a proposito della irresponsabilità politica dell’amministrazione. Ancora nel 1842, presentando al consiglio dei ministri il suo progetto di regolamento interno per la carriera giudiziaria, il ministro Nicola Parisio si richiamò a questo principio :
« i Ministri non sono autorità nelle monarchie pure ; i Ministri sono responsabili al Re. Quando scriveranno ogni anno la lista dei buoni e dei cattivi procedimenti dei Magistrati, si aprirà tra il capo di amministrazione e i suoi amministrati una polemica che sarà giudicata a danno dei Ministri, perché la presunzione popolare è sempre contro al potere [...], perché il Re con una legge ha proclamato il principio di non aversi alcuna fiducia nei Ministri.10» Oggetto del dibattito era la regolamentazione delle promozioni dei magistrati, che fin dal decennio napoleonico si erano stabilite su un modello burocratico, dove veniva privilegiata l’anzianità, piuttosto che il merito. La proposta del ministro della Giustizia, di rendere più severa la valutazione e meritocratica la carriera, venne infine notevolmente mitigata11.

  • 12 Parisio era entrato in magistratura alla fine del Settecento, e nel 1810 entrò nel primo organico n (...)
  • 13 « E’ da più tempo desiderato lo stabilimento di un Alunnato di Giurisprudenza presso il Pubblico Mi (...)

10Parisio era stato a sua volta in magistratura, già nei tribunali settecenteschi aboliti dai napoleonidi, e vi era rimasto, titolare di alte cariche nella capitale, fino agli anni trenta dell’Ottocento12. Egli conosceva bene il corpo che si trovava a dirigere, un corpo risalente al sistema di diritto comune, in buona parte autoreclutato e coeso intorno alla difesa delle proprie prerogative. La continuità tra l’organico settecentesco e quello napoleonico era stata effettivamente notevole, e nei decenni seguenti il corpo dimostrò una certa capacità autoriproduttiva. A questo proposito, è significativo il fatto che la scuola superiore per la formazione dei giudici di collegio, istituita nel 1823, fosse stata proposta dal presidente della Corte suprema (corrispondente alla Cassazione), ed affidata alle corti della capitale13.

  • 14 Art. 194 della legge organica per l’ordine giudiziario del 29 maggio 1817. Questo articolo non comp (...)
  • 15 Già la legge del 29 maggio 1808 aveva stabilito che i giudici di collegio diventassero inamovibili (...)
  • 16 La concezione dell’irresponsabilità politica derivò, secondo P. Piasenza, da una traduzione in term (...)

11Alla luce della testimonianza del ministro Parisio, e del suo vano tentativo di riformare la carriera giudiziaria in senso antiburocratico, un nuovo tassello si aggiunge al quadro che andiamo ricomponendo. La posizione della magistratura nella configurazione istituzionale delle Due Sicilie appare quanto mai ambigua, al confine tra autonomia corporativa, identificazione con l’autorità amministrativa e soggezione ad essa. Il primo tratto emerge dalle prerogative di status di cui godeva il giudiziario. Intanto, esso era l’unico corpo di stato « subordinato soltanto alle autorità della propria gerarchia »14. I giudici di collegio inoltre erano gli unici, tra tutti i pubblici funzionari, a godere della prerogativa dell’inamovibilità15. Allo stesso tempo, la magistratura era stata assimilata, come si è visto, alla categoria dei « rappresentanti del governo », responsabili - sia dal punto di vista penale che da quello politico - solo nei confronti del sovrano. Dal momento che la monarchia amministrativa borbonica considerava irresponsabili tutti i rappresentanti dello stato, dai ministri ai sindaci, non è possibile considerare tale concetto come tratto specifico del potere giudiziario16.

  • 17 Dalla mia elaborazione sulle liste ufficiali pubblicate sul Calendario e notiziario della Real Casa (...)

12Se li si guarda da questa prospettiva dunque, il corpo giudiziario e quello amministrativo risultano più vicini –ancora nei primi decenni del XIX secolo–, di quanto non sembrerebbe considerando la drastica separazione delle rispettive funzioni. Una affinità che risalta anche se si considera il dato biografico. Come si è accennato, nel regno meridionale la continuità generazionale dei funzionari fu notevole. La permanenza dei magistrati borbonici nell’organico del 1810 risulta consistente soprattutto ai vertici del sistema : essi rappresentavano infatti il 36 % della corte di Cassazione ed il 23 % dei tribunali d’appello17. Questi soggetti venivano, per lo più, dalle corti locali e provinciali, dove svolgevano funzioni giudiziarie e di governo : la prossimità dei due ambiti proveniva dunque dalla loro stessa esperienza.

  • 18 Queste figure appartenevano al governo delle province di antico regime. Uditori, presidi e caporuot (...)
  • 19 Dal Notamento di aspiranti a cariche giudiziarie del 1817, ASN, MGG, f. 2263. Sebbene fosse omonimo (...)
  • 20 E’ il caso di Saverio Schiffino, governatore della città calabrese di Saraceno, che combattè nel 18 (...)

13Per i magistrati settecenteschi passati all’organico napoleonico, inoltre, la riforma non implicò soltanto la perdita della dimensione governativa, ma anche di quella militare. Uditori e caporuota, presidi e governatori di antico regime rappresentavano altrettante figure della giustizia in armi, chiamata al controllo dell’ordine pubblico ed alla difesa del territorio18 : funzioni dalle quali si generò, durante l’Ottocento, l’immagine della « milizia giudiziaria » al servizio della patria. E proprio a causa di questa attitudine militare molti magistrati provinciali erano stati coinvolti, durante la rivoluzione del 1799, nella guerra tra le truppe regie affiancate da quelle inglesi ed i francesi venuti a sostenere la repubblica giacobina. Così era accaduto, ad esempio, per Francesco Parisio, governatore della città di Pagani, in provincia di Salerno, il quale « prestò molti soccorsi alle truppe di Sua Maestà ed a quella di Gran Brettagna ivi stazionata », e dopo la partenza degli inglesi « si cooperò a mantener fedele a S. M. quella popolazione, e quella dei paesi vicini »19. Sei anni dopo, quando le truppe napoleoniche vinsero definitivamente, Parisio venne arrestato insieme al padre ed al fratello, che avevano combattuto con lui, e che vennero mandati in esilio. Anche nel 1805 – 1806 intere famiglie di magistrati si schierarono in difesa del re contro gli invasori francesi20.

14Dopo la Restaurazione molti tra questi reduci, che durante il decennio napoleonico erano rimasti fuori carica o emigrati in esilio volontario, chiesero di essere reintegrati nelle antiche cariche, rivendicando l’« attaccamento al real trono » dimostrato sui campi di battaglia. La categoria di fedeltà richiamata in queste suppliche si rispecchiava nella vastità delle funzioni attribuite ai magistrati, totalmente coinvolti con le vicende politiche e militari della corona. Se il rapporto con il potere si articolava anche nella concretezza delle mansioni svolte, è molto probabile che l’idea stessa della lealtà funzionariale del magistrato dovesse essere rielaborata, in seguito al ridimensionamento delle sue funzioni. Una volta disarmati, limitati entro il quadro della normativa codificata e sollevati dal compito di rappresentare l’autorità statale nei confronti della feudalità, i magistrati furono costretti a rivedere la propria posizione nei confronti del sovrano.

  • 21 L’episodio venne riportato dalle memorie dell’avvocato napoletano C. De Nicola, Diario napoletano 1 (...)

15Nel regno meridionale, questo processo fu complicato dalle modalità con cui venne introdotto il nuovo sistema, percepito come imposizione da parte del re straniero. Il primo scontro tra la classe giudiziaria ed il re francese Gioacchino Murat si aprì nel 1808, alla pubblicazione della nuova formula del giuramento « di lealtà al re, di osservare e far osservare le sue leggi e decreti, di riempire con zelo ed esattezza le funzioni della propria carica ». Una dichiarazione che secondo alcuni alti magistrati era incompatibile con la morale cattolica, perché avrebbe richiesto loro di applicare le norme sul divorzio. Ne seguirono proteste che arrivarono al rifiuto di pronunciare il nuovo giuramento da parte di alcuni dei giudici insorti, i quali rinunciarono infine alla carica21. Dietro il pretesto religioso che ne muoveva le rimostranze, tuttavia, è possibile leggere piuttosto la resistenza di questi soggetti ad accettare un’idea di sovranità fondata sul codice, e non sulla persona regia. In questo senso andava la richiesta di ripristinare la vecchia formula di fedeltà « al re, ed alle sue leggi ». Non si trattava, certo, solo di una sfumatura linguistica. Il giuramento di antico regime era meno circostanziato, ed implicava una concezione della funzione giudiziaria fondata sul rapporto personale ed incondizionato con il monarca, sulla disponibilità ad applicare le leggi emanate volta per volta dall’arbitrio regio. In quello proposto da Murat, invece, i magistrati leggevano il riferimento ad un codice dato una volta per tutte dal sovrano straniero.

16Nel conflitto con il regime francese, dunque, il sentimento di lealtà verso la dinastia « patria » si confondeva con il rifiuto di un ordine giuridico fondato sulla norma codificata. L’habitus mentale dei magistrati napoletani chiamati a giurare identificava infatti la fedeltà al re con quella al diritto patrio, alla contingente normazione sovrana.

  • 22 A. Spagnoletti, « Reclutamento e carriere dei magistrati provinciali nel secolo XVIII », in Rassegn (...)

17Entrò in gioco, in questo processo, anche la categoria di affidabilità amministrativa analizzata dagli studi sui percorsi dei funzionari di antico regime22. L’affidabilità del servitore della potestà regia era stata, fino a tutto il XVIII secolo, una qualità tutta personale, come personale ed incondizionato era il rapporto con il re. Era virtù acquisita nel giro delle magistrature provinciali, e riconosciuta in seguito dall’alta magistratura della capitale, dalla quale dipendevano il reclutamento e le carriere dei pubblici ufficiali. Qualità che in molti casi si trasmetteva di padre in figlio, ed attribuiva alle famiglie di tradizione funzionariale il blasone dell’appartenenza al ceto burocratico. Il legame di fiducia così concepito si tradusse quindi nel carattere fondante di un gruppo composito come la burocrazia provinciale borbonica, rivendicato talvolta come titolo di merito nelle suppliche dei candidati alla carriera pubblica.

  • 23 Dal verbale della real Camera di Santa Chiara del 1792. ASN, MGG, Statistiche di magistrati, f. 251 (...)

18Così ancora nel 1810, in piena epoca napoleonica, nel richiedere una carica di giudice di pace, l’avellinese Pasquale de Capranis presentò un documento prodotto dall’alta magistratura borbonica, che qualche anno prima lo aveva giudicato meritevole della nomina ad uditore, proprio in nome della affidabilità amministrativa. Secondo le autorità settecentesche, la sua idoneità si basava sull’appartenenza ad una famiglia « opulenta, e civilissima, e imparentata coi migliori della Provincia », tra i quali comparivano alcune delle massime autorità giudiziarie di quell’epoca23. Membro di una famiglia che alla possidenza terriera univa una risalente tradizione di servizio regio, il postulante ottenne la carica che chiedeva, ma rimase confinato nella sua provincia per tutta la durata della carriera, che non fu particolarmente brillante.

19La storia del giudice De Capranis sembra indicare che il linguaggio della fedeltà di antico regime continuasse ad essere riconosciuto, nonostante la radicale trasformazione del sistema. Il motivo dell’affidabilità amministrativa, acquistata lungo la sequela di incarichi svolti da padri ed antenati nelle province del regno, e legato alla trasmissione ereditaria delle cariche, si perpetuò anche oltre l’età napoleonica. Ma nel frattempo erano mutati i contenuti dell’appartenenza ai ranghi del servizio pubblico, ed il codice di comunicazione tra l’autorità amministrativa e gli apiranti funzionari era stato affidato all’impersonalità del regolamento.

20Questo spostamento può rilevarsi seguendo le vicende di alcuni aspiranti alla scuola speciale per la magistratura, alla quale si è accennato. Istituito nella capitale nel 1823, l’Alunnato era diventato il più esclusivo ed ambito canale di accesso alla carriera giudiziaria. Il suo prestigio fu il motivo di frequenti pressioni da parte delle élites provinciali, perché venissero aperte sezioni della scuola anche nei tribunali periferici, o almeno venisse concesso ai candidati locali di far pratica, in via eccezionale, presso il pubblico ministero delle loro città.

  • 24 Verbale del Consiglio dei ministri del 27 marzo 1855, in ASN, MGG, Alunnato di giurisprudenza, f. 1 (...)

21Fu questa, ad esempio, la richiesta che Eugenio D’Alena nel 1855 presentò per suo figlio Giuseppe. Proveniente da una famiglia della nobiltà terriera molisana, D’Alena era capo ufficio dell’intendenza di Campobasso. Suo fratello Luigi era entrato alla scuola di magistratura nel 1824 cominciando da lì una brillante carriera che lo aveva portato, in quegli anni, al seggio della gran Corte civile di Napoli, la seconda autorità giudiziaria del regno. Convinto che l’appartenenza familiare alla pubblica amministrazione gli valesse la disponibilità del ministro, D’Alena chiese che il figlio potesse saltare il triennio di scuola nella capitale, per entrare direttamente all’uditorato presso il tribunale di Campobasso. Ma la risposta fu negativa : il consiglio dei ministri comunicò al postulante che « il figlio [venisse] ammesso all’Alunnato di giurisprudenza pratica, adempiendo a quanto prescrivono i regolamenti.24 » Il regolamento prevedeva che gli alunni della scuola trascorressero almeno tre anni nella capitale. Giuseppe D’Alena, che non aveva alcuna intenzione di trasferirsi a Napoli, rinunciò alla carriera che era stata percorsa dallo zio.

  • 25 Il regio procuratore del tribunale di Catanzaro, Stanislao Lauria, si espresse in questi termini a (...)
  • 26 Su Berardino Giannuzzi Savelli, che aveva superato il concorso per l’ammissione alla scuola nel 184 (...)

22Una domanda analoga a questa fu presentata nel 1857 dal calabrese Cesare Ricciulli, che ambiva ad entrare come praticante al tribunale civile di Catanzaro, dove già esercitava le funzioni di procuratore. Anche Ricciulli apparteneva a quel milieu del funzionariato pubblico costituito da opulenti proprietari terrieri, e la sua famiglia si fregiava del titolo nobiliare così come della reputazione di affidabilità amministrativa25. Sul lato materno, « di favorevole opinione presso il pubblico », erano arrivate notizie favorevoli già dieci anni prima, quando lo zio Vincenzo Giannuzzi Savelli era entrato come alunno alla scuola di giurisprudenza. I Giannuzzi Savelli vantavano peraltro un curriculum burocratico che risaliva al nonno materno di Ricciulli, il barone Domenico, fratello dell’arcivescovo di una diocesi pugliese, ed alto funzionario dell’amministrazione provinciale del fisco. Negli anni in cui Cesare Ricciulli chiedeva di entrare in Alunnato per una via traversa, lo zio Vincenzo aveva già raggiunto, a soli trentasei anni, il seggio della gran Corte criminale. Il fratello minore, Berardino Giannuzzi Savelli, entrato anche lui in magistratura attraverso la prestigiosa strada dell’Alunnato, era invece ancora giudice di primo grado26.

23Preceduto nell’esperienza della scuola da ben due parenti prossimi, Cesare Ricciulli sembrava possedere –come Giuseppe D’Alena–, tutti i requisiti di affidabilità trasmessi dalle « virtuose » famiglie di provenienza. Secondo la logica della cooptazione, la sua richiesta di frequentare la scuola in una sede periferica avrebbe dovuto trovare una risposta positiva.

  • 27 Dal rapporto del regio procuratore Lauria, 31 gennaio 1857, cit.

24Il ministro, tuttavia, pronunciò un parere negativo, perché « non [poteva] contravvenirsi ai regolamenti in vigore »27. Ricciulli rinunciò così alla carriera giudiziaria per quella forense, che aveva già intrapreso.

25Il regolamento forniva uno strumento efficace per contenere le ambizioni provinciali al decentramento della maggiore istituzione formativa per la magistratura, nella quale far confluire le giovani generazioni dell’élite terriera. Le rigide prescrizioni per l’ammissione all’Alunnato impedirono così che si riproponessero le pratiche riproduttive di un ceto che dal foro di provincia arrivava ai maggiori tribunali. E, benché nel linguaggio dei postulanti ricorressero ancora le formule ormai note della fedeltà familiare, esse ebbero poco successo. Tanto che furono numerosi i casi in cui figli di magistrati si videro respinti dal concorso di ammissione, perché non possedevano i requisiti prescritti.

26Il vincolo di lealtà funzionariale veniva così progressivamente codificato attraverso le norme disciplinari, che lasciavano poco spazio alla dimensione ereditaria dell’affidabilità amministrativa. Il quadro dei rapporti tra la magistratura ed il potere risulterebbe tuttavia incompleto, se ne lasciassimo fuori il « lato oscuro », quello del tradimento. Il contesto su cui ci soffermeremo è quello della sollevazione costituzionale del 1820, durante la quale la fedeltà dei magistrati venne messa alla prova per la prima volta, dopo la riforma napoleonica. Il risultato fu eclatante, come vedremo di seguito, perché molti tra loro parteciparono all’attività settaria, schierandosi contro l’ordine costituito.

  • 28 Sulla carboneria dell’epoca murattiana cf. A. Valente, Gioacchino Murat e l’Italia meridionale, Tor (...)

27La carboneria meridionale, secondo le scarse informazioni sulla sua composizione, fu una formazione eterogenea, sia dal punto di vista della provenienza sociale dei suoi membri, che per le posizioni politiche : murattiana ed anti murattiana durante il Decennio, democratica ed elitaria al tempo stesso28. E la rivoluzione del 1821 riflesse la molteplicità di istanze politiche divergenti, fino a quella contrapposizione tra le posizioni centraliste dei deputati murattiani e le rivendicazioni autonomiste dei provinciali, che ne decretò il fallimento. Soprattutto, l’universo delle sette coinvolse in larga parte le classe dirigenti, dai proprietari terrieri agli avvocati ed alti magistrati, senza lasciar fuori peraltro la burocrazia ed i rappresentanti del clero, di ogni livello –dagli abati, agli arcipreti e cardinali.

  • 29 Nel regno di Napoli, l’identificazione delle professioni giuridiche con l’attività intellettuale di (...)

28A ripercorrere le note biografiche dei deputati al parlamento del 1820, il dato più notevole è proprio la larga partecipazione di studiosi ed intellettuali, canonici e laici, ad una rivoluzione che era nata come iniziativa dei militari di carriera. Ed in questo profilo rientravano pienamente i professionisti del diritto, rappresentanti per antonomasia dell’intellettuale nella Napoli ottocentesca29.

  • 30 Da una mia elaborazione sugli Atti parlamentari delle Due Sicilie, A. Aliberti, Bologna [ed.], Zani (...)
  • 31 Il gruppo dei proprietari era certamente il più ampio, tra i deputati del 1820, ma era anche il più (...)

29La mobilitazione della magistratura nella congiuntura costituzionale, in particolare, è dimostrata dalla sua consistente presenza in quel consesso parlamentare del 1820. Essa vi rappresentava infatti, con il 13 % delle presenze, la seconda categoria funzionariale, dopo gli ecclesiastici e prima dei militari di carriera e degli avvocati30. L’alto indice di preferenze attribuito alla classe giudiziaria sembra indicare il consenso che essa aveva acquistato con le riforme : i giudici eletti provenivano infatti per lo più dall’esperienza del decennio napoleonico. In molti casi, tuttavia, il loro profilo funzionariale si confondeva con quello notabile, poiché molti di essi appartenevano –come si è visto per le famiglie D’Alena e Ricciulli –, al ceto dei proprietari terrieri31. A ciò era dovuta, in parte, la loro rappresentatività L’appartenenza al ceto agrario, inoltre, costituiva una motivazione per la cospirazione carbonara, finalizzata al decentramento amministrativo e soprattutto al maggiore coinvolgimento dei possidenti nel governo locale, a scapito dei rappresentanti provinciali dello stato, gli intendenti.

  • 32 La formula del giuramento stabilita dal decreto del 17 luglio 1815 era : « Prometto e giuro fedeltà (...)

30Ma ciò che qui interessa sottolineare è l’evidente contraddizione tra la posizione che i magistrati assunsero in quella occasione –e quindi il loro evidente legame con la carboneria–, e l’impegno che essi avevano preso con il giuramento funzionariale. Nel prendere possesso della carica, infatti, i pubblici funzionari promettevano « di non appartenere a nessuna società segreta di qualsiasi titolo, oggetto e denominazione », come recitava la formula di rito introdotta da Ferdinando al suo ritorno a Napoli. Essa cancellò la novità che nel 1810 aveva provocato lo scandalo dei magistrati, ripristinando il principio dell’arbitrarietà della legislazione regia, alla quale il magistrato doveva volta a volta attenersi32. Ma, soprattutto, il giuramento borbonico dichiarava esplicitamente che il settarismo era il nemico principale del regime. E dunque il primo dovere del pubblico ufficiale sarebbe stato di tenersi lontano dalle associazioni segrete di qualunque orientamento politico, liberale, costituzionale o democratico.

  • 33 Per P. Prodi, la « laicizzazione della politica » compiuta dalla rivoluzione dell’89 rappresentò il (...)

31La magistratura, lo abbiamo visto, era legata al re da un vincolo privilegiato e particolare. Essa godeva di uno status particolarmente favorevole e di prerogative eccezionali nel quadro istituzionale borbonico, come l’inamovibilità ; era « politicamente irresponsabile » per statuto, ma considerata alla stessa stregua dei corpi politici. Se si considerano questi connotati peculiari del terzo potere, l’adesione al progetto costituzionale dei suoi rappresentanti appare tanto più notevole. Ciò sembra confermare l’ipotesi della « ambiguità » del giuramento per i funzionari ottocenteschi, divisi tra il patto di lealtà al monarca e la religione patriottica, professata attraverso il giuramento segreto e l’attività cospirativa33.

32Ancora una volta, è necessario chinarsi sulle singole storie per approfondire la contraddizione tra le due opposte fedeltà, l’intreccio di interessi privati ed ideali politici dei magistrati rivoluzionari.

  • 34 Dalla relazione della Giunta di Scrutinio del 14 maggio 1821 su Lopez Fonseca, ASN, MGG, Statistich (...)

33Dopo la caduta del regime costituzionale e l’avvio dell’epurazione, le autorità giudiziarie dovettero fare i conti con la consistente defezione dei loro sottoposti. Come spiegare la massiccia adesione dei giudici di ogni grado ad un progetto eversivo ? A sciogliere questi interrogativi ritornò, in alcuni casi, l’immagine della famiglia come luogo di coltura delle qualità morali e dell’attitudine politica del funzionario. L’ereditarietà del destino eversivo venne richiamata, ad esempio, per Ferdinando Lopez Fonseca, che la Giunta di Scrutinio definì « germe di antichi rivoluzionari », perché la sua partecipazione alla rivoluzione del 1820 appariva la logica prosecuzione dell’esperienza giacobina della sua famiglia, repubblicana nel 179934.

  • 35 C. de Nicola, Diario napoletano, cit., vol. II, p. 237.
  • 36 Agresti, nato nel 1775, aveva 24 anni al momento della rivoluzione repubblicana. Figlio di un avvoc (...)

34Lopez Fonseca era uno dei molti magistrati entrati in carica nel decennio napoleonico, coinvolti nella rivoluzione del ‘20, esonerati nel 1821 e mai più riammessi in servizio. Ed il suo percorso lascia effettivamente intravedere un’iniziazione politica e professionale insieme, da parte del padre Michele. La formazione politica di Ferdinando si era svolta presso lo studio di quest’ultimo, avvocato civilista, che il borbonico De Nicola definì « riscaldato patriota del 1799 »35. Anche lui, come il figlio, entrò in magistratura nel decennio napoleonico, chiamato alla corte d’appello della capitale insieme ad altri avvocati napoletani, per rinunciare alla carica con la Restaurazione, mentre Ferdinando vi rimase. Michele aveva formato anche Michele Agresti, giovanissimo rivoluzionario giacobino al seguito del suo istitutore36.

  • 37 L. Settembrini, Ricordanze della mia vita, Roma, Gremese, 1988 (Napoli 1879), p. 53. Settembrini, p (...)
  • 38 Luogo per eccellenza della formazione dei futuri rivoluzionari giacobini fu lo studio di fisica di (...)

35Il ruolo educativo dello studio privato era un tratto specifico dell’universo giuridico napoletano. Insieme alle scuole private, esso svolse una funzione sussidiaria rispetto all’Università, perché il regime borbonico « ebbe sempre paura di radunare in un solo luogo le molte migliaia di giovani che da tutto il regno convenivano in Napoli a studiare, e perciò non li obbligava ad assistere ai corsi, e li lasciava sparpagliare nelle scuole private, e teneva l’università come a pompa, perché c’era stata sempre, e non altro che un’officina da sfornare dottori.37 » L’apprendimento del diritto e la prima socializzazione dei giovani provinciali destinati alle carriere pubbliche o a quelle forensi avveniva nella casa del professore privato, o nello studio del giurista pratico ; e fu in questi ambiti che, a dispetto dei timori repressivi del governo, si formarono le prime aggregazioni di liberali e progressisti. Vedremo come lo squilibrio del sistema educativo borbonico a favore del privato fosse determinante nel destino dei rivoluzionari napoletani. E, anche sotto questo aspetto, si può dire che la rivoluzione giacobina del 1799 aveva fornito la prima impronta di quell’intreccio tra pedagogia scientifica e politica, che si ripetè in quella del 1820 e del 184838.

36Torniamo alle vicende di Ferdinando Lopez Fonseca. Dopo aver esercitato l’avvocatura nello studio del padre, egli aveva fatto una breve esperienza al Consiglio di Stato napoleonico, per passare in magistratura nel 1810. Nel 1817 venne nominato giudice del tribunale civile di Avellino, dove, secondo la relazione della Giunta di Scrutinio, i suoi colleghi lo introdussero alla carboneria. Questa città fu la prima ad aderire al sollevamento dei militari, esploso nella cittadina di Nola in Terra di Lavoro, a nord di Napoli.

37La carboneria era ampiamente diffusa nel regno, fin dal decennio napoleonico. Benché il suo legame con la massoneria sia rimasto incerto, i percorsi di molti carbonari del 1820 cominciarono proprio da quest’ultima organizzazione.

38Fu questo il caso dei cugini Gherardo e Giambattista Mazziotti, entrambi giacobini nel 1799 ed in seguito esiliati. Nel 1820, il primo dei due venne eletto al parlamento del 1820 nella provincia di Principato Citra. La loro esperienza è particolarmente interessante, perché vi si ritrova il tratto che la Giunta di Scrutinio aveva sottolineato per Ferdinando Lopez Fonseca, ossia la radice familiare della fede politica, che si esplicava nella continuità delle due rivoluzioni tra il 1799 ed il 1821. La loro iniziazione politica si era compiuta, alla fine del Settecento, nelle logge massoniche sorte numerose nella capitale ed ispirate alle dottrine francesi, da Rousseau a Mably. Entrambi, appena adolescenti, si erano trasferiti a Napoli dal paese cilentano di Celso, dove la loro famiglia era una delle principali del circondario. Nella capitale, i due cugini vennero affidati ad Alessandro, padre di Giambattista e zio paterno di Gherardo, avvocato, incarito di formarli alla professione.

  • 39 Cf. M. Mazziotti, Ricordi di famiglia (1780 - 1869), Milano - Roma - Napoli, Soc. Ed. Dante Alighie (...)

39Il progetto che la famiglia Mazziotti metteva in atto per questa generazione ripeteva un modulo comune nel milieu dei proprietari terrieri : il passaggio dalla provincia alla capitale era funzionale alla formazione dei due cugini, destinati a subentrare nella conduzione dello studio ad Alessandro, ormai desideroso di tornare a Celso. Per quest’ultimo, come per il resto della famiglia, i piani familiari non prevedevano un trasferimento definitivo dalla provincia alla capitale. Come molte famiglie di proprietari terrieri, i Mazziotti conservarono infatti un saldo legame con il paese d’origine. In nome di questo vincolo il fratello più giovane di Gherardo, Matteo, venne richiamato a Celso dopo gli studi « secondo i desideri della famiglia », per amministrarne la proprietà e continuarne la discendenza, ripetendo il destino che era già stato dello zio Ferdinando39. L’attrazione verso i luoghi di origine guidò anche le scelte di Gherardo, che il governo napoleonico aveva nominato, insieme a molti patrioti del 1799, giudice penale a Campobasso. Con la Restaurazione, egli fu finalmente trasferito a Salerno, capoluogo del Principato Citra, dal quale proveniva. In questa città egli si era iscritto, fin dal decennio, ad una vendita carbonara. La notizia della sua attività arrivò fino al ministero, che gli comunicò il trasferimento d’ufficio in Calabria ; a questo punto, pur di non allontanarsi da Salerno, Gherardo Mazziotti rinunciò alla carica.

  • 40 Nel 1800, subito dopo la caduta della repubblica giacobina, Antonio Guariglia era stato nominato da (...)

40A Napoli, invece, il primo ad iscriversi ad un club giacobino era stato Giambattista, poco più anziano del cugino. Alla proclamazione della repubblica, i due cugini si iscrissero alla Società patriottica degli amici della legge, fondata da Lauberg. Ma la rivoluzione giacobina ebbe vita breve, e già nella primavera del 1799, dopo le prime insorgenze, la provincia di Salerno era stata per metà riconquistata dai realisti del cardinale Ruffo. A Celso, intanto, lo scontro tra patrioti e seguaci della santa fede era capeggiato dalle due maggiori famiglie della provincia : ai repubblicani Mazziotti, organizzatori delle milizie cittadine contro i realisti, si contrappose la famiglia sanfedista dei Guariglia, del paese di San Mauro Cilento, poco distante da Celso. Le medesime posizioni si ripeterono sei anni dopo, all’entrata dei francesi, quando il preside della provincia di Principato Citra chiamò a raccolta i capimassa del Cilento, tra i quali Antonio Guariglia, perché preparassero la resistenza antifrancese. Intanto i Mazziotti si armavano per appoggiare l’armata napoleonica40. E fu proprio nel loro palazzo di Celso che i patrioti festeggiarono la vittoria degli occupanti francesi nel 1806.

  • 41 Ibid., p. 124.

41La famiglia di Gherardo e Giambattista si ritrovò unita dalla fede politica ancora una volta nel marzo 1821, quando fratelli zii e cugini si unirono in armi ai capi della carboneria provinciale, per organizzare la resistenza all’esercito austriaco, appena entrato nel regno. Ma l’impresa costituzionale era fallita, e Gherardo, che era stato eletto deputato al parlamento, venne mandato in esilio a Roma dove riprese, con poco successo, la professione di avvocato. Giambattista fu invece imprigionato a mandato al confino all’isola di Favignana. E mentre uscivano di scena i due esponenti più rappresentativi della famiglia - il primo magistrato, il secondo commissario di polizia a Napoli fino al 1818 - , le ritorsioni del regime non risparmiarono neppure il fratello di Gherardo, Pietro, sospeso dalla carica con l’epurazione nel 1821 perché « reo presunto », e messo sotto sorveglianza dalla polizia in domicilio coatto nella capitale41.

  • 42 Vedi le storie di Francesco Parisio e Saverio Schiffino, che avevano combattuto contro i francesi i (...)
  • 43 Dalla relazione di polizia del 1810 su Nicola, fratello di Gherardo e comandante dei gendarmi di Ce (...)

42Le vicende dei Guariglia e dei Mazziotti, maggiorenti provinciali contrapposti nella lotta politica, evocano quelle, già citate, dei presidi e governatori in armi per la difesa della patria42. Anche in quei casi, la lotta politica coinvolse attorno ad essi l’intera famiglia, quasi come se la fede politica fosse un sentimento parentale, collettivo piuttosto che individuale. Nell’apprendistato politico dei due cugini, le radici e le tradizioni familiari avevano giocato un ruolo non meno determinante della contaminazione con le aggregazioni massoniche della capitale. E così, se nel decennio napoleonico l’intera famiglia era stata apprezzata per « l’attaccamento al partito francese e alla patria »43, negli anni successivi questa connotazione politica venne applicata collettivamente a quanti portassero quel cognome.

  • 44 Nel 1836, per semplici sospetti, l’intendente del Principato Citra comunicò a Francescantonio Mazzi (...)

43La parentela con i patrioti fu particolarmente determinante nel destino di quelli tra loro che erano entrati nel servizio pubblico –, nella magistratura di collegio ed in quella locale, nella polizia o nell’esercito – tutti colpiti, in modi diversi, dalla repressione borbonica. La generica diffidenza del regime verso questa famiglia, peraltro, non venne meno neppure nei decenni successivi, se ancora negli anni Trenta il nipote di Gherardo e figlio di Pietro, Francescantonio Mazziotti, venne convocato dall’Intendente del Principato Citra, perché sospettato di attività settaria. Ed anche quella volta i sospetti polizieschi erano fondati, perché Francescantonio continuava l’impegno liberale del padre, tanto da diventare uno dei protagonisti della rivoluzione del 1848, eletto anche lui, come lo zio Gherardo, deputato della provincia di Terra di Lavoro44.

  • 45 Dalla relazione ministeriale sul conto di Aracri, s.d., ASN, MGG, Magistrati, f. 1857, n. 464. Ques (...)

44Il principio della parentela continuò a giocare un ruolo importante nella valutazione dell’affidabilità politica, fino alla fine del regno. Come nella vicenda del calabrese Francesco Aracri, nominato giudice di circondario nel 1825, e promosso al seggio di tribunale alla fine degli anni Trenta. Dopo la rivoluzione del 1848 Aracri venne esonerato dalla carica, con questa motivazione : « in Catanzaro la di lui opinione politica era offesa dalla dimestichezza che usava col suo congiunto Don Gregorio Aracri, uomo compromesso nelle passate emergenze politiche, e sottoposto a processo per reità di Stato, e col suo nipote Don Giuseppe Salerni principale motore delle rivolte di Maggio 1848 [...] »45.

45La logica applicata dalle autorità disciplinari nella valutazione dell’affidabilità politica, il loro costante sospetto nei confronti dei legami di sangue con noti oppositori, era il riconoscimento fattuale di quella dimensione parentale dell’iniziazione politica, che abbiamo fin qui osservato.

  • 46 Sulla riproduzione familiare delle professioni giuridiche nella capitale cf. P. Macry, Ottocento. F (...)
  • 47 « Il vecchio Ferdinando era giudice di pace aggiunto a Pollica, ufficio che lasciò nel 1809, a caus (...)

46Ma la famiglia non era soltanto laboratorio della fede politica. Essa rappresentava, allo stesso tempo, il luogo della formazione professionale, nel quale trasmettere un sapere ed un mestiere da una generazione all’altra. E ciò valeva, in particolare, nelle professioni giuridiche, dove, come ho accennato in precedenza, le istituzioni educative private prevalevano su quelle pubbliche46. Così quel meccanismo dell’affiliazione familiare, che aveva guidato le scelte politiche di figli, fratelli e cugini, agì allo stesso modo nella trasmissione parentale della professione. E ciò – nel caso dei Mazziotti – non si verificò soltanto nel campo forense, ma anche in quello giudiziario, se è vero che Pietro aveva ereditato la funzione di giudice locale dal padre Ferdinando, giudice di pace fino al 1809, ed uscito di carica in quell’anno perché troppo anziano47.

  • 48 La quota degli omonimi tra i circa 500 giudici locali registrò, durante il cinquantennio preunitari (...)

47La trasmissione della carica di giustizia locale di padre in figlio, peraltro, non sembra costituire un’eccezione. Almeno a considerare l’aspetto più immediatamente visibile della continuità familiare della carica, ossia il cognome, appare costante una piccola quota di omonimi, durante gli anni della Restaurazione. Se si scorrono le liste dei giudici di circondario dal 1818 al 1857, risulta infatti una percentuale di omonimi, che si mantenne intorno al 7 % del totale dei giudici di circondario48. Ed è notevole che, tra i tanti cognomi ricorrenti, alcuni si ritrovino nella stessa provincia, anche per più anni...

  • 49 « Il ruolo della famiglia, e del vincolo che lega una generazione all’altra, risulta infatti fondam (...)

48E’ stato segnalato di recente come la socializzazione politica dei giovani protagonisti del Risorgimento dovesse molto al retaggio intellettuale delle loro famiglie, che rivestirono un ruolo cruciale nella costruzione del discorso patriottico, prima ancora che nazionale49. Di più, i personaggi che abbiamo incontrato qui, cresciuti a cavallo tra i due secoli, vissero nel contesto familiare non soltanto l’apprendistato morale, ma anche quello professionale.

  • 50 De’ Rogati era nato a Bagnoli Irpino nel 1745, e morì a Napoli nel 1827. Quando venne eletto al par (...)
  • 51 Cit. dalla Musa di famiglia, memorie domestiche di N. Nicolini, in F. Nicolini, Niccola Nicolini e (...)
  • 52 Catalani era nato nel 1769 in provincia di Reggio Calabria. Nell’esilio fondò a Marsiglia una scuol (...)

49E si trattava di un percorso da cominciare assai precocemente, nell’adolescenza, alla scuola dei classici della latinità, considerati propedeutici all’alfabetizzazione giuridica perché il profilo del giurista era, fondamentalmente, retorico e letterario. In questo modello rientrano anche le storie dei magistrati e deputati del 1820. Per quelli tra loro che non vennero educati nell’accademia militare o in seminario, la scuola rappresentò un’istituzione tutta parentale. Francesco Saverio de’ Rogati, poeta e membro dell’Arcadia oltre che magistrato, introdotto allo studio dei classici dai domenicani, era passato dal collegio di provincia alla casa di uno zio romano, che lo aveva introdotto alla professione forense50. L’avvocato generale della Corte Suprema, Niccola Nicolini, aveva studiato fino ai quindici anni sotto la guida di uno zio, « abate e famoso orator sacro e poeta »51. Il suo collega Vincenzo Catalani, anche lui nato negli anni Settanta del XVIII secolo, passò dalla scuola primaria, frequentata nel collegio seminariale, allo studio del padre avvocato, che gli trasmise la professione. Repubblicano del ‘99 ed esiliato, Catalani fu chiamato in magistratura da Murat. Anche lui, come molti altri, dopo l’elezione al parlamento venne esonerato dalla carica52.

  • 53 S. Luzzatto, Il terrore ricordato. Memoria e tradizione dell’esperienza rivoluzionaria, Torino, Ein (...)
  • 54 La rilettura della memorialistica dei convenzionali del ‘93, esiliati durante la Restaurazione, è p (...)
  • 55 Settembrini apre le sue memorie proprio con l’immagine del padre, repubblicano nel 1799, mentre gli (...)

50Nel destino di questa generazione di carbonari e massoni, l’influenza familiare fu quindi determinante in un duplice senso, politico e professionale. La formazione di Ferdinando Lopez Fonseca aderì totalmente al modello di passaggio ereditario del destino lavorativo e rivoluzionario insieme. Nella sua vicenda, la trasmissione generazionale dell’evento rivoluzionario, o meglio « del nucleo logico ed ideologico del fenomeno stesso », si inserì nel ciclo tradizionale della riproduzione endogena delle nuove leve professionali53 Si ripeteva nelle vicende dei rivoluzionari napoletani, sebbene in forma e misura ben diversa da quella dei figli dei convenzionali del ‘93, quell’ossimoro della tradizione della rivoluzione analizzato da Sergio Luzzatto54.. Anche qui, i principi ideologici eversivi rispetto all’ordine costituito vennero trasmessi lungo il tradizionale percorso formativo e professionale. Tanto che per la generazione risorgimentale napoletana la memoria della rivoluzione repubblicana del 1799, ricordata e raccontata vivacemente da genitori e parenti, assunse il valore di mito fondativo della loro scelta patriottica55.

51E mentre Ferdinando Lopez, che non aveva partecipato direttamente alla rivoluzione del 1799, ne aveva tuttavia ereditato i principi morali che ne ispirarono le scelte politiche, Giambattista e Gherardo Mazziotti furono coinvolti nell’attività cospirativa sia dalla propaganda massonica, che dalla dimensione familistica assunta dallo scontro tra realisti e repubblicani.

Top of page

Notes

1 « La lunga crisi istituzionale [...] apertasi col periodo dell’assolutismo illuminato e chiusasi solo con l’età napoleonica non ha semplicemente separato tra loro certe tipologie funzionariali che esistevano già prima. Essa ha fatto molto di più, [...] introducendo [...] due tipi di autorità del tutto nuove, quella giudiziaria e quella amministrativa, la prima consistente nell’applicare la legge ai casi contenziosi, l’altra finalizzata alla promozione dell’interesse pubblico sotto gli ordini del governo ». L. Mannori, « Giustizia e amministrazione tra antico e nuovo regime », in Magistrati e potere nella storia europea, R. Romanelli [ed.], Bologna, Il Mulino, 1997, p. 53-54.

2 Ibid., p. 54.

3 « Gli agenti del governo non possono essere tradotti in giudizio per reati relativi alle loro funzioni, se non dopo che un tale procedimento sia stato autorizzato da noi, o da quell’autorità cui ne daremo col presente decreto la facoltà corrispondente. » Decreto del 24 gennaio 1812, che prescrive un’autorizzazione, per potersi procedere contro gli agenti del Governo incolpati di delitti relativi alle loro funzioni, art. 1. Erano coperti dall’immunità gli Intendenti (corrispondenti ai prefetti francesi), i Sottointendenti e gli altri funzionari delle amministrazioni provinciali e centrali.

4 Dalla circolare del ministro di Grazia e Giustizia del 2 marzo 1816, citata in G. Landi, Istituzioni di diritto pubblico nel Regno delle Due Sicilie, Milano, Giuffrè, 1977, vol II, p. 1121 s. E’ stato in particolare questo autore a segnalare il senso politico della garanzia amministrativa, che come vedremo venne ripresa dal regime borbonico dopo il 1815.

5 Ancora Landi ha notato come la procedura per l’autorizzazione a procedere contro i magistrati, regolata dalle norme penali, fosse ancora più macchinosa di quella per i funzionari amministrativi. Ibid., p. 435 s. L’art. 1 della legge del 19 ottobre 1818 estese tale istituto alla magistratura di collegio di ogni grado. Ne rimasero invece esclusi i giudici locali, amovibili.

6 La medesima regola era stata stabilita nella Francia napoleonica con la grand loi per la disciplina giudiziaria del 1810. La normativa francese, molto più severa di quella napoletana, non consentiva rappresentanza legale al giudice imputato. Cf. M. Carnot, De la discipline judiciaire considérée dans ses rapports avec les juges, les officiers du ministère public, les avocats, les notaires, les avoués, les huissiers et autres officiers ministériels, Paris, Baudorin Frères, 1825.

7 Nota ragionata de’ motivi del progetto di legge sulla garentia dei funzionari pubblici del ministro Tommasi, 1818, cit. in F. Dias, Collezione dei Reali rescritti, Regolamenti, Istruzioni, Ministeriali e Sovrane Risoluzioni riguardanti massime di pubblica amministrazione in materia civile, penale, ecclesiastica, amministrativa e commerciale raccolti dal 1806 fino a tutto il 1840, Napoli, Borel e Bombard, 1844, p. 209. Tommasi, ministro della Giustizia, continuava : « Infatti cosa diverrebbe l’ordine politico di uno stato, ove gli agenti ad ogni richiesta de’ privati venissero esposti all’ignominia de’ giudizj penali ? [...] Poiché dunque l’oggetto della garentia de’ pubblici funzionari è di non indebolire il governo, e di agevolare al tempo stesso a’ privati il mezzo di respingere gli abusi di potere, è di bisogno aversi un esame preliminare del fatto imputato al funzionario, onde conoscere se questo ha veramente abusato della sua autorità. Ora, a chi potrebbe meglio affidarsi questo esame che al governo, dal quale i poteri pubblici emanano, e sono circoscritti, e classificati ? ».

8 Cf. La democrazia in America, G. Candeloro [ed.], Milano, Rizzoli, 19972 (Paris 1835 - ‘40), p. 105 - 106.

9 R. De Cesare, La fine di un regno, Città di Castello, Lapi, 19083, vol. I, p. 229.

10 Dall’intervento di Parisio al consiglio dei ministri del 2 settembre 1842, in Archivio di Stato di Napoli (d’ora in poi ASN), Ministero di Grazia e Giustizia (d’ora in poi MGG), Alunnato di Giurisprudenza pratica, f. 2995.

11 Il consiglio dei ministri stabilì che le promozioni venissero regolate in base all’anzianità, integrata dalle note valutative annuali redatte dai procuratori generali. Tali note comprendevano una sintetica biografia del magistrato, le notizie sulla sua affidabilità politica e sul suo rapporto con il contesto circostante, ed infine quelle sulla sua preparazione ed attività professionale.

12 Parisio era entrato in magistratura alla fine del Settecento, e nel 1810 entrò nel primo organico napoleonico come presidente della Corte d’Appello di Napoli. Con la Restaurazione fu confermato in carica e nominato presidente del tribunale civile di quella città Venne infine promosso sostituto procuratore della gran Corte civile di Napoli, la seconda autorità giudiziaria dopo la Corte Suprema.

13 « E’ da più tempo desiderato lo stabilimento di un Alunnato di Giurisprudenza presso il Pubblico Ministero delle Corti e dei Tribunali. Il Presidente della Corte Suprema ha più volte fatto le più efficaci premure, onde si stabilisse presso quel Collegio regolatore delle massime di diritto [...] ». Dal verbale del Consiglio dei Ministri del 7 luglio 1823, ASN, Protocollo del Consiglio dei Ministri, vol. 91. L’Alunnato di giurisprudenza pratica venne istituito con il decreto del 30 luglio 1823. La scuola, in cui si entrava per concorso, consisteva in un triennio di formazione teorico –pratica guidata dal pubblico ministero della Corte Suprema o della gran Corte civile di Napoli.

14 Art. 194 della legge organica per l’ordine giudiziario del 29 maggio 1817. Questo articolo non compariva ancora nell’organico napoleonico del 20 maggio 1808.

15 Già la legge del 29 maggio 1808 aveva stabilito che i giudici di collegio diventassero inamovibili dalla carica (ma non dalla sede), dopo tre anni di servizio. I magistrati locali, invece, potevano essere rimossi secondo il parere delle autorità giudiziarie e di polizia, che rinnovavano la conferma della nomina ogni tre anni. L’organico borbonico ripeté le medesime disposizioni.

16 La concezione dell’irresponsabilità politica derivò, secondo P. Piasenza, da una traduzione in termini assoluti della teoria montesquieuiana. Se infatti il legislatore rivoluzionario aveva realizzato la separazione dei poteri attraverso l’istituto della magistratura elettiva, responsabile dunque nei confronti dei rappresentanti del popolo, con la legislazione napoleoneonica « il giudice dell’Impero non solo era proclamato indipendente dall’esecutivo, ma anche dal popolo [...] : l’unico rapporto reale che avrebbe legato la magistratura alla vita politica del paese sarebbe stato proprio quel governo da cui essa avrebbe dovuto rimanere indipendente. » : « L’irresponsabilità politica della magistratura nello stato liberale. Il Piemonte e lo Statuto (1848 - 1851) », in Materiali per una storia della cultura giuridica, V, 1975, p. 537 - 538.

17 Dalla mia elaborazione sulle liste ufficiali pubblicate sul Calendario e notiziario della Real Casa e Corte, Napoli, Stamperia Reale, 1805 ; e sul Calendario di Corte, Napoli, Stamperia reale, 1810, che registra il primo organico giudiziario napoleonico.

18 Queste figure appartenevano al governo delle province di antico regime. Uditori, presidi e caporuota erano i magistrati delle Udienze, organi di governo amministrativo e giudiziario presenti in ognuna delle dodici province del regno, con funzioni penali e di controllo del territorio. Mentre gli uditori avevano mansioni giudiziarie, il preside era di solito un militare. I governatori, giudici locali feudali o regi, conoscevano cause penali e civili, mentre quelle feudali erano trattate direttamente nelle grandi corti della capitale. I tribunali locali si dividevano in genere tra governi « dottorali », tenuti da un laureato in diritto, e governi “di cappa e spada”, affidati ad un nobile, non necessariamente laureato ed assistito da un « giudice dottore », tecnico del diritto. In quest’ultimo caso era più spiccata l’attitudine militare della giustizia. Tutte queste figure avevano alle loro dipendenze squadre di « birri » armati, e presero parte alle guerre del 1799 e del 1805 contro i francesi. Per una descrizione dettagliata del sistema, cf. G. M. Galanti, Della descrizione geografica e politica delle Due Sicilie, F. Assante e D. Demarco [ed.], Napoli, ESI, 1969 (1786 - 94). E per uno sguardo storiografico A. De Martino, Antico regime e rivoluzione nel regno di Napoli. Crisi e trasformazione dell’ordine giuridico, Napoli, Jovene, 1972 ; A. Spagnoletti, « Giudici e governatori regi nelle università meridionali (XVIII secolo) », in Archivio storico per le province napoletane, CV, 1987.

19 Dal Notamento di aspiranti a cariche giudiziarie del 1817, ASN, MGG, f. 2263. Sebbene fosse omonimo del ministro in carica nel 1842, non è stato possibile ricostruire se ci fosse un legame di parentela tra Francesco e Nicola Parisio. Nel medesimo fascio ci sono altri esempi di magistrati provinciali scesi in campo contro i francesi.

20 E’ il caso di Saverio Schiffino, governatore della città calabrese di Saraceno, che combattè nel 1806 contro i francesi e venne perciò arrestato « insieme a fratelli e congiunti ». Ibid. Egli tuttavia fuggì in Sicilia, dove si era rifugiato il re Borbone. Dopo la Restaurazione, Schiffino venne nominato giudice alla gran Corte criminale di Cosenza, nella provincia di provenienza. Continuò la carriera giudiziaria fino ad arrivare, negli anni Quaranta, a presiedere la gran Corte criminale di Catanzaro.

21 L’episodio venne riportato dalle memorie dell’avvocato napoletano C. De Nicola, Diario napoletano 1798 - 1825, Napoli, estratto dell’ Archivio Storico per le province napoletane, 1909, vol. II, p. 440 s.

22 A. Spagnoletti, « Reclutamento e carriere dei magistrati provinciali nel secolo XVIII », in Rassegna storica del Sannio, 1, 1994.

23 Dal verbale della real Camera di Santa Chiara del 1792. ASN, MGG, Statistiche di magistrati, f. 2513 n 111. La real Camera di Santa Chiara era uno dei massimi organi giudiziari del sistema di diritto comune, dal quale dipendevano le nomine dei magistrati provinciali. De Capranis venne nominato giudice di pace nel 1810 ; nel 1817 venne confermato in carica dal governo borbonico. Uscì di carica a metà degli anni Trenta senza essere mai andato oltre le funzioni locali, esercitate sempre nella provincia di Avellino, da cui proveniva.

24 Verbale del Consiglio dei ministri del 27 marzo 1855, in ASN, MGG, Alunnato di giurisprudenza, f. 1880, n. 450.

25 Il regio procuratore del tribunale di Catanzaro, Stanislao Lauria, si espresse in questi termini a proposito dei Ricciulli : « [...] in tutti i tempi hanno meritato la fiducia del Reale Governo e delle Autorità civili, amministrative e militari. [...] Avendo quindi il Ricciulli ricevuto educazione da due famiglie, che per virtù civili e morali possono dirsi esemplari, fa fondatamente sperare [...] di dover sempre più progredire nella via delle virtù. » ASN, MGG, Alunnato di giurisprudenza, f. 1881 n. 512, 31 gennaio 1857.

26 Su Berardino Giannuzzi Savelli, che aveva superato il concorso per l’ammissione alla scuola nel 1844, cf. la Statistica di tribunale civile del 1850, ASN, MGG, f. 2984.

27 Dal rapporto del regio procuratore Lauria, 31 gennaio 1857, cit.

28 Sulla carboneria dell’epoca murattiana cf. A. Valente, Gioacchino Murat e l’Italia meridionale, Torino, Einaudi, 19762. La setta reagì positivamente al ritorno dei Borboni, per diventare antiborbonica tra il 1815 ed il ‘20. Cf. P. Colletta, Storia del reame di Napoli, N. Cortese [ed.], Napoli, ESI, 1951 (Capolago 1834), vol. III, p. 112 s. Sono invece poco chiari i legami che la legavano alla massoneria napoletana, introdotta nel regno già nel primo Settecento : cf. F. Venturi, Settecento riformatore. I. Da Muratori a Beccaria, Torino, Einaudi, 19982, p. 542 s. ; E. Chiosi, Nobiltà e massoneria a Napoli. Il regno di Carlo di Borbone, in Signori, patrizi, cavalieri, M. A. Visceglia, Roma - Bari, Laterza, 1992.

29 Nel regno di Napoli, l’identificazione delle professioni giuridiche con l’attività intellettuale dilettantistica risaliva al Settecento : cf. A. M. Rao, « Intellettuali e professioni a Napoli nel Settecento », in Avvocati Medici Ingegneri. Alle origini delle professioni moderne, M. L. Betri e A. Pastore [ed.], Bologna, Clueb, 1997. Ancora dopo la svolta unitaria, l’identità del forense appariva scissa tra la dimensione privata e meditativa dello studioso e quella impegnata del professionista : P. Beneduce, Il corpo eloquente. Identificazione del giurista nell’Italia liberale, Bologna, Il Mulino, 1996.

30 Da una mia elaborazione sugli Atti parlamentari delle Due Sicilie, A. Aliberti, Bologna [ed.], Zanichelli, 1926, e l’Almanacco Reale, cit., 1810. Il consesso eletto nel settembre del 1820 comprendeva 113 membri, 90 deputati ordinari e 23 supplenti, in numero proporzionale agli abitanti del regno. Essi provenivano per lo più dalle province continentali del regno, poiché i deputati della provincia di Agrigento e di Palermo rifiutarono di presentarsi in parlamento. I gruppi professionali erano così ripartiti : il clero era il più rappresentato, con il 18,5 % ; dopo i magistrati venivano i militari (11,5 %), gli avvocati (9 %), i funzionari amministrativi (2,5 %), i proprietari terrieri (7 %), i medici (5 %), gli studiosi e docenti (7 %), i commercianti (1 %), ed altre categorie (7 %). Per il restante 17 % il dato non è disponibile.

31 Il gruppo dei proprietari era certamente il più ampio, tra i deputati del 1820, ma era anche il più composito : vi rientravano infatti funzionari della giustizia e dell’amministrazione, militari, avvocati ed intellettuali. Diversa la valutazione di A. Spagnoletti, che ha considerato la categoria come un insieme omogeneo : « tra i deputati del Mezzogiorno continentale si annoveravano 10 ecclesiastici, 8 professori di scienze, 24 proprietari, 11 magistrati, 9 uomini di legge, 5 militari, 2 nobili titolati, 2 impiegati, 2 negozianti. » : Storia del Regno delle Due Sicilie, Bologna, Il Mulino, 1997.

32 La formula del giuramento stabilita dal decreto del 17 luglio 1815 era : « Prometto e giuro fedeltà ed ubbidienza al Re Ferdinando IV, pronta ed esatta esecuzione degli ordini suoi. Prometto e giuro che nell’esercizio delle funzioni che mi sono state affidate, io mi adopererò col maggior zelo e con la maggiore probità ed onoratezza. Prometto e giuro di far osservare le leggi, i decreti, i regolamenti che per sovrana disposizione di S.M. si troveranno in osservanza e quelli che piacerà alla Maestà Sua di pubblicare in avvenire. Prometto e giuro di non appartenere ad alcuna società segreta di qualsiasi titolo, oggetto e denominazione, e nel caso io appartenessi a tale società, prometto e giuro di rinunciarvi in qualsiasi momento. » Corsivo mio.

33 Per P. Prodi, la « laicizzazione della politica » compiuta dalla rivoluzione dell’89 rappresentò il tentativo di risolvere lo sdoppiamento della fedeltà del cittadino tra la dimensione politica e quella religiosa : Il sacramento del potere. Il giuramento politico nella storia costituzionale dell’Occidente, Bologna, Il Mulino, 1992. Nel commentare questo libro, M. Meriggi ha invece sottolineato come le lealtà parallele si manifestassero, ancora durante l’Ottocento, nell’esperienza dei funzionari carbonari : “Stato, monarca, etica. Le ambiguità del giuramento ottocentesco”, in Annali dell’Istituto storico italo - germanico di Trento, XIX, 1993.

34 Dalla relazione della Giunta di Scrutinio del 14 maggio 1821 su Lopez Fonseca, ASN, MGG, Statistiche di magistrati, f. 2512 n. 1095. Le Giunte vennero istituite nel 1821 per l’epurazione dei corpi pubblici maggiormente coinvolti nella rivoluzione, ossia quelli militare, ecclesiastico e giudiziario. Sulla rivoluzione giacobina del 1799 cf. A. M. Rao, « La Repubblica napoletana del 1799 », in Napoli 1799 - 1815. Dalla Repubblica alla monarchia amministrativa, A. M. Rao e P. Villani [ed.], Napoli, Edizioni del Sole, 1995.

35 C. de Nicola, Diario napoletano, cit., vol. II, p. 237.

36 Agresti, nato nel 1775, aveva 24 anni al momento della rivoluzione repubblicana. Figlio di un avvocato, venne iniziato alla professione da Michele Lopez Fonseca. Dopo la caduta della repubblica sfuggì alla condanna capitale arruolandosi nell’esercito francese. In Francia fondò una scuola privata di diritto, ed al suo ritorno a Napoli al seguito dei napoleonidi venne nominato giudice di Cassazione. Non partecipò alla rivoluzione del 1820, e nel 1824 riprese il suo posto nella Corte Suprema, dove rimase fino ai primi anni Cinquanta, quando, tornato all’avvocatura, difese gli imputati politici della rivoluzione del 1848. Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto Treccani, 1960, ad vocem.

37 L. Settembrini, Ricordanze della mia vita, Roma, Gremese, 1988 (Napoli 1879), p. 53. Settembrini, professore di retorica a Catanzaro, e membro della Giovine Italia, si era formato alla scuola privata di Basilio Puoti, caposcuola del purismo letterario. Sulla diffusione delle scuole private, e sulla loro impostazione teorico - pratica, cf. A. Mazzacane, « Pratica e insegnamento : l’istruzione giuridica a Napoli nel primo Ottocento », in Università e professioni giuridiche in Europa nell’età liberale, A. Mazzacane e C. Vano [ed.], Napoli, Jovene, 1994.

38 Luogo per eccellenza della formazione dei futuri rivoluzionari giacobini fu lo studio di fisica di Carlo Lauberg, padre scolopio nato nel 1762, professore di retorica e fisica al collegio militare della Nunziatella fino al 1792, quando fu sciolto dai voti e fondò una scuola privata. Essa divenne molto presto un circolo politico di ispirazione giacobina e massonica. Lauberg venne quindi esiliato nel 1794, per tornare nel 1799 a dirigere il governo della repubblica napoletana. Cf. B. Croce, La vita di un rivoluzionario : Carlo Lauberg, in Vite di avventura, di fede e di passione, Milano, Adelphi, 1989. Punti di incontro e di formazione rilevanti per i rivoluzionari del 1848 furono la scuola di Puoti, e quelle giuridiche di Mancini, Pisanelli, Savarese, aperte negli anni Trenta. Cf. L. Musella, « Fra allievi, clienti ed elettori. Gli avvocati e la politica a Napoli  », in Università e professioni giuridiche, A. Mazzacane e C. Vano [ed.], cit.

39 Cf. M. Mazziotti, Ricordi di famiglia (1780 - 1869), Milano - Roma - Napoli, Soc. Ed. Dante Alighieri, 1916. La narrazione comincia dalla generazione dei padri di Gherardo e Giambattista, rispettivamente Ferdinando ed Alessandro. Il terzo fratello, Antonio, era abate a Celso, dove era rimasto insieme a Ferdinando, secondo i compiti assegnati a ciascuno : al primo quello di occuparsi delle proprietà terriere e della piccola attività armatoriale della famiglia ; a Ferdinando quello di continuarne la discendenza. Mentre Alessandro apriva il suo studio nella capitale, dove si sarebbero formati figli e nipoti, Ferdinando allevava a Celso i suoi undici figli, dei quali il primo era Gherardo, nato nel 1775.

40 Nel 1800, subito dopo la caduta della repubblica giacobina, Antonio Guariglia era stato nominato dal cardinale Ruffo commissionato, ossia rappresentante provinciale del potere regio, con l’autorità di eleggere i governatori locali, l’incarico di controllare i dissidenti locali, e soprattutto la facoltà di riscuotere le tasse. Sembra che avesse approfittato della sua posizione per fare imprigionare addirittura tutti i fratelli di Gherardo. Nello stesso periodo, la famiglia Mazziotti « era invisa al governo ; si sapeva del suo favore per i liberi ordinamenti, dei pubblici uffici tenuti nel periodo repubblicano da Gherardo e Giambattista, della loro condanna a l’esilio perpetuo dal regno. » M. Mazziotti, Ricordi di famiglia, cit., p. 63.

41 Ibid., p. 124.

42 Vedi le storie di Francesco Parisio e Saverio Schiffino, che avevano combattuto contro i francesi insieme alle loro famiglie, citate alle note 19 e 20.

43 Dalla relazione di polizia del 1810 su Nicola, fratello di Gherardo e comandante dei gendarmi di Celso : “il capo battaglione Mazziotti appartiene ad una famiglia, che è la principale del Cilento, almeno per l’attaccamento al partito francese ed alla patria.” Ibid., p. 84. Corsivo mio.

44 Nel 1836, per semplici sospetti, l’intendente del Principato Citra comunicò a Francescantonio Mazziotti l’ordine regio di trasferirsi a Napoli in domicilio coatto. Figlio del fratello di Gherardo, Francescantonio era il padre dell’autore delle Memorie di famiglia. Nel 1848 venne eletto deputato di Principato Citra, cf. Atti parlamentari, cit.

45 Dalla relazione ministeriale sul conto di Aracri, s.d., ASN, MGG, Magistrati, f. 1857, n. 464. Questo magistrato era accusato, inoltre, di essersi affiliato nel 1820 alla setta dei « Cavalieri Tebani », e di avere « ottenuto le lodi del famoso Arciprete Angherà, il quale in una allegazione stampata [...] dichiarava tutta la famiglia Aracri come nudrita ne’ sentimenti liberali [...] ». Ibid., corsivo mio. Aracri venne riabilitato nel 1861, come presidente della gran Corte civile di Catanzaro.

46 Sulla riproduzione familiare delle professioni giuridiche nella capitale cf. P. Macry, Ottocento. Famiglia, élites e patrimoni a Napoli, Torino, Einaudi, 1988, p. 199 s.

47 « Il vecchio Ferdinando era giudice di pace aggiunto a Pollica, ufficio che lasciò nel 1809, a causa dell’età avanzata. Il governo gli surrogò, con decreto del 20 novembre il figliolo Pietro, che aveva fatto gli studi legali in Napoli. » M. Mazziotti, Memorie di famiglia, cit., p. 95. Anche Pietro fu esonerato nel 1821.

48 La quota degli omonimi tra i circa 500 giudici locali registrò, durante il cinquantennio preunitario, un minimo aumento : dal 7,2 % nel 1818, passò al 7,3 % nel 1829. Essa salì all’8 % nel 1835, per ritornare al 7,5 % nel 1844, e infine stabilizzarsi sul 7 % nel 1857, l’ultimo organico del regno. Da una mia elaborazione sulle liste degli Almanacchi Reali per gli anni 1818, 1829, 1835, 1844, 1857.

49 « Il ruolo della famiglia, e del vincolo che lega una generazione all’altra, risulta infatti fondamentale nel discorso nazionale del Risorgimento. » A. M. Banti, La nazione del Risorgimento. Parentela, santità e onore alle origini dell’Italia unita, Torino, Einaudi, 2000, p. 34.

50 De’ Rogati era nato a Bagnoli Irpino nel 1745, e morì a Napoli nel 1827. Quando venne eletto al parlamento, era consigliere della Corte Suprema. Sotto lo pseudonimo adottato da arcade, pubblicò poemetti pastorali e versi sparsi. Cf. Dizionario biografico degli italiani, ad vocem.

51 Cit. dalla Musa di famiglia, memorie domestiche di N. Nicolini, in F. Nicolini, Niccola Nicolini e gli studi giuridici nella prima metà del sec. XIX, Napoli, tip. Gianni, 1907, p. XIX. Nicolini era nato nel 1772 in provincia di Chieti. Dopo i primi studi domestici, si traferì nel capoluogo abruzzese per studiare « umanità e filosofia ». Completò la sua preparazione all’università di Napoli, ospite dello zio avvocato Romualdo de Horatiis. Nicolini non partecipò alla rivoluzione del ‘20, ma venne ugualmente esonerato perché magistrato murattiano.

52 Catalani era nato nel 1769 in provincia di Reggio Calabria. Nell’esilio fondò a Marsiglia una scuola di diritto comparato, e scrisse saggi di divulgazione scientifica, e di « moralismo politico », come L’amico del bel sesso, ovvero nuove riflessioni sull’influenza delle donne nella società e sulla loro educazione, in versione italiana e francese, Bourg-en-Bresse, Imprimerie de Janinet, 1805.

53 S. Luzzatto, Il terrore ricordato. Memoria e tradizione dell’esperienza rivoluzionaria, Torino, Einaudi, 20002, p. 137.

54 La rilettura della memorialistica dei convenzionali del ‘93, esiliati durante la Restaurazione, è per Luzzatto l’occasione per ripercorrere i destini della memoria della Rivoluzione, nel suo duplice valore di evento fondatore dei diritti umani, e di Terrore : « Ripercorrere i destini delle voci e delle pagine di memoria dei convenzionali può servire alla comprensione di un ossimoro della cultura politica moderna, qual è il concetto stesso di tradizione rivoluzionaria. » Ibid., Introduzione, p. 16. La contraddittorietà di questo concetto si espresse, più che mai, nel rapporto che i figli dei convenzionali costruirono con l’esperienza rivoluzionaria dei padri, tra rifiuto e confronto con un’immagine eroica, cf. p. 144 s.

55 Settembrini apre le sue memorie proprio con l’immagine del padre, repubblicano nel 1799, mentre gli parla di quella esperienza, che risaliva ai suoi vent’anni. Il figlio lo ricorda mentre raccontava gli ultimi momenti della rivoluzione, l’arresto dei capi della repubblica, la sua fuga fortunosa. Ricordanze della mia vita, cit., p. 10-11. Banti segnala la centralità dell’esperienza giacobina nel caso di Giuseppe Ricciardi, che come Settembrini cominciò la sua autobiografia con l’appassionata rievocazione del 1799 da parte di sua madre, la nobile Luisa Granito : La nazione del Risorgimento, cit. p. 35-36.

Top of page

References

Electronic reference

Carolina Castellano, « Magistratura e politica nell’età della codificazione », Laboratoire italien [Online], 2 | 2001, Online since 07 July 2011, connection on 30 April 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/271 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.271

Top of page

About the author

Carolina Castellano

Carolina Castellano est docteur en histoire de l’Institut Universitaire Européen et bénéficie actuellement d’un contrat de recherche à l’Université Federico II de Naples. Sa thèse est consacrée à la formation de la profession de magistrat dans l’Italie méridionale.

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page