Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Varia

Dalla difesa sociale alla difesa della razza

Alessandro Fontana
p. 129-142

Abstract

L’article tente de décrire un épisode assez obscur, mais lourd de conséquences sur les politiques de discrimination, d’exclusion, et de massacres des États totalitaires au XXe siècle : il s’agit du moment où, au XIXe siècle, la question de la sécurité entre les nations – qui était fondamentalement liée à l’état de guerre et aux rapports extra-juridiques entre les États – est associée à des pratiques sécuritaires internes aux États qui en prolongent et en renforcent les effets. S’appuyant sur la formulation par Beccaria et Bentham du système pénal classique, fondé sur les présupposés de la liberté morale, des intentions et de la responsabilité individuelle, l’article parcourt l’évolution des théories juridiques en montrant l’émergence progressive du concept de danger public et d’un droit pénal basé sur le concept de « légitime défense de la société contre les individus dangereux ». Ce nouveau système, perfectionné et radicalisé par l’école anthropologique italienne, qui formalise le concept de sécurité sociale, aboutira aux théories sur la sécurité de l’État sur lesquelles se sont basées les expériences du fascisme et des grands États totalitaires du XXe siècle.

Top of page

Full text

1Per situare storicamente il problema della sicurezza potremmo dire, schematicamente, questo. C’è stata un’epoca, dal IV al XV secolo, che potremmo definire della salvezza, epoca in cui la salvezza dell’anima si è iscritta nel cuore della pratica umana attraverso una serie di tecniche come la confessione dei peccati, la penitenza, l’esercizio delle virtù morali, le discipline di ascesi, l’esame di coscienza. Con la nascita dello Stato moderno, a partire dal XVI secolo, è emersa un’altra questione, quella della sicurezza, legata fondamentalmente allo stato di guerra e ai rapporti extra-giuridici tra le nazioni. La sicurezza, che sostituisce la giustizia della trattatistica politica medievale (soprattutto tomista), è già un principio centrale in Machiavelli nei cui scritti funge, assieme alle virtù e all’amor di patria, da giustificazione dell’azione politica « straordinaria », fuori cioè dalle regole e dalle norme consuetudinarie. La legittimazione attraverso la sicurezza si ritroverà poi nella trattatistica della Ragion di Stato, nelle pratiche politico-economiche degli Stati mercantilistici e assolutistici, nella teoria politica sei-settecentesca, da Hobbes a Rousseau, nei dibattiti parlamentari della Rivoluzione dell’89 e in quelli, successivi, che approderanno ai codici civili e penali del 1804, 1808 e 1810. Nell’antico Regime, comunque, il jus publicum europeum ha tentato di dare una sanzione giuridica (diritto di conquista, diritto di pace e di guerra, diritti naturali) ai rapporti di forza, fondati su principi sicuritari, tra gli Stati. Infine – terza epoca – dopo Hiroshima nel 1945, alla vecchia questione della salvezza dell’anima e della sicurezza degli Stati ne è succeduta una nuova, quella della sopravvivenza della specie, legata ai pericoli e alle minacce del conflitto nucleare, dell’incremento esponenziale della popolazione mondiale, delle manipolazioni genetiche, della distruzione dell’ambiente, della biotecnologia, dei rischi alimentari e della comparsa di morbi epidemici incontrollabili. Questa terza epoca, in cui è in questione non più la salvezza individuale né la sicurezza statale, ma, a livello planetario, la specie umana nella sua globalità, è destinata a trasformare e sovvertire tutti i principi tradizionali relativi alle questioni del potere, del governo di sé e degli altri, dei rapporti tra gli individui e gli Stati, dei diritti naturali e sociali, delle modalità stesse del vivere e del pensare. Così, in una sorta di Aufhebung hegeliana, la salvezza dell’anima sta dando vita ad un ritorno del religioso, dai movimenti settari alle Chiese ufficiali, in forme esasperate (suicidi di massa, fondamentalismo islamico, integralismo cattolico) e con accenti escatologici se non addirittura apocalittici. Quanto alla sicurezza, essa attraversa ormai ogni piano dell’essere e del vivente, aprendo un conflitto insanabile tra le aspettative assistenziali, sanitarie, previdenziali e la dura lex del capitalismo globale a livello mondiale.

2Ecco brevemente come inquadrare la questione della sicurezza sul piano storico. Ma non ci occuperemo, oggi, delle caratteristiche specifiche delle tre epoche e delle trasformazioni dalla salvezza dell’anima alla sicurezza degli Stati e alla sopravvivenza della specie. Più modestamente cercheremo di descrivere un episodio abbastanza oscuro, ma gravido di conseguenze sulle politiche di discriminazione, di esclusione e di eccidio degli Stati totalitari nel XX secolo : l’episodio cioè, legato alle vicende ottocentesche del diritto e delle politiche criminali, in cui pratiche sicuritarie all’interno degli Stati, si sono affiancate, prolungandole e rafforzandole, alle pratiche sicuritarie tra gli Stati caratteristiche dell’antico Regime.

3Il diritto di punire si basa, nell’antico Regime, sul principio secondo cui ogni infrazione lede il corpo del sovrano : la pena è dunque la guerra del sovrano contro gli individui, fondata sul castigo, la vendetta e l’esemplarità dei supplizi. Non esiste né equilibrio « geometrico » né proporzionalità tra crimini e pena. La procedura, nel Sud dell’Europa, è, dal XIII secolo, di tipo inquisitorio : scritta, segreta, non contraddittoria. Dal XVII secolo entrano in vigore, per i vagabondi, i libertini, i pazzi, misure di tipo segregativo ; valga per tutte l’ordinanza di Luigi XIV del 1670 che accompagna il grand renfermement descritto da Michel Foucault nella Storia della Follia. Nella fase processuale domina il principio delle cosiddette « prove formali », già teorizzato nel XVI secolo dai grandi criminalisti come Claro, Farinacio, Menochio : prova intera, mezza prova, quarto di prova, ecc. In questo sistema di tipo meccanicistico l’intenzione criminale non conta ; conta solo la materialità del fatto e la follia, per esempio, non costituisce una giustificazione. In genere, due testimonianze a carico valgono prova, quali che siano la certezza o la convinzione del giudice. La pena, in sostanza, è un risarcimento del danno di tipo civilistico e una soddisfazione discrezionale della volontà del sovrano.

4Col movimento delle riforme, Beccaria (ma non solo lui) chiede, come si sa, l’abolizione della tortura (la già definita « tormentalis inquisitio veritatis »), la certezza delle pene, la formulazione di un codice scritto, la proporzionalità tra crimine e pena, la non interpretabilità delle leggi, l’abolizione della pena di morte (non però per i crimini contro lo Stato), la presenza di giurati nella fase processuale, sul modello inglese. Tutto il sistema si fonda sul principio generale : « nullum crimen sine lege ». La Loi de Police del settembre 1791 introdurrà nei tribunali francesi, dopo un grande dibattito sulla riforma penale, le due giurie di tipo inglese, le prove dette « morali », il giudizio dei giurati « en âme et conscience » (indipendentemente dalle perizie degli esperti). Nel decennio successivo si accenderà la discussione sulla « question intentionnelle » relativa ai moventi e alla responsabilità dell’accusato. Napoleone, dopo aver tentato di eliminare le giurie popolari, riproporrà, come soluzione di compromesso, la fase iniziale d’istruttoria, scritta, segreta e non contraddittoria (gli avvocati difensori saranno ammessi davanti al giudice solo nel 1898), prima del processo d’assise davanti ai giurati. Dal 1801, comunque, lo stesso Napoleone farà votare la creazione di un tribunale d’eccezione, col pretesto di combattere il banditismo, ma in realtà per liquidare i giacobini superstiti. Per la prima volta, dopo gli eretici, le streghe e i libertini dell’antico Regime, il nemico interno, di tipo politico questa volta, consente l’allestimento di misure amministrative e processuali « straordinarie » ai margini della legalità comune.

5In generale, il sistema penale classico, di tipo beccariano-benthamista, fondato sui presupposti della libertà morale, delle intenzioni e della responsabilità individuale, corrisponde grosso modo ai principi del liberalismo settecentesco : la penalità difende e tutela meno gli interessi dello Stato e della società che gli interessi dei singoli. Come infatti i bisogni/desideri sono regolati dal mercato e dallo scambio, così gli interessi sono tutelati dal sistema penale, l’interesse generale non essendo che la somma aritmetica degli interessi particolari. Questa articolazione tra interessi e crimine è già presente in Beccaria, secondo cui i delitti aumenterebbero « in ragione composta della popolazione e dell’incrocicchiamento degli interessi particolari, che non è possibile dirigere geometricamente alla pubblica utilità ». In questo sistema di tipo economicistico, sostanzialmente fondato sulla difesa della proprietà, di cui – come prima per il corpo del Sovrano – ogni crimine rappresenta una lesione in quanto sottrazione di un’utilità all’utilità generale, il furto, lo sperpero, il cattivo uso dei bisogni/desideri rappresentano il crimine per eccellenza. Si affaccia sin d’ora un’idea che ritornerà tra poco in seno alla scuola positivistica : quanto più lo scambio e il mercato funzioneranno naturalmente e automaticamente (senza gli interventi « esterni » della vecchia polizei o l’accaparramento « bullionistico » e suntuario delle ricchezze, tipico dello Stato che Kant definirà « paternalistico ») tanto più saranno ridotti i crimini e i delitti ; e la pena che, secondo il filantropismo dei riformatori tende alla correzione e all’ammenda dei criminali, non corrisponde ad alcuna esteriorità arbitraria ; essa non è più che il semplice contrappeso geometrico dell’infrazione in cui la sottrazione di libertà rappresenta, secondo un tariffario ben ponderato, l’esatto equivalente della sottrazione di utilità all’interesse generale ; e l’ammenda tende a ristabilire negli individui il gioco corretto tra bisogni e interessi sulla base del principio della sicurezza della proprietà.

6In effetti, la libertà dello scambio, la sicurezza della proprietà, la resistenza all’oppressione dello Stato fondano, in questo sistema, il soggetto come soggetto di diritto, ancorandolo alle necessità del mercato. La legge non ha come scopo che di assicurare la continuità tra l’homo juridicus e l’homo œconomicus, sulla base del principio secondo cui l’esercizio delle libertà singole non deve farsi a detrimento dei bisogni/desideri di tutti, e il soddisfacimento dei bisogni/desideri di ciascuno non deve farsi a detrimento degli interessi di tutti. La sicurezza della proprietà e la libertà degli individui assicura il buon funzionamento di questo principio. Destutt de Tracy, un esponente del gruppo degli idéologues, dirà a questo proposito : « La società è una successione ininterrotta di scambi nella quale ciascuno degli scambisti (échangeurs) guadagna indefinitamente. Il primo scambio è quello della sicurezza ». Ma già il secondo articolo della Dichiarazione dell’89, ispirato da Lafayette, affermava che l’individuo ha il diritto inalienabile alla « libertà, la proprietà, la sicurezza e la resistenza all’oppressione ». La sicurezza degli individui e della proprietà, nel gioco alterno libertà/interessi regolato dallo scambio, appare dunque come il principio costitutivo del sistema penale classico.

7Ora questo sistema, che poggia sugli stessi fondamenti e sulle stesse illusioni del liberalismo settecentesco, si è presto scontrato, a partire dai primi decenni del XIX secolo, con tutta una serie di « ostacoli » prodotti dalla formazione di un proletariato urbano, dall’esodo dalle campagne e dall’urbanizzazione, dal brigantaggio, dalla diffusione di morbi epidemici, ecc., insomma dall’apparizione di tutta una popolazione di vagabondi, prostitute, alcolizzati, sifilitici, pazzi « morali », piccola delinquenza minorile, genitori scellerati, ecc. ai margini e all’interno delle cosiddette « classes dangereuses ». Il crimine allora si configura non più come una sottrazione di utilità all’interesse generale, ma come una minaccia per il corpo sociale, sul modello delle malattie contagiose : il focolaio epidemico sostituisce l’infrazione individuale, così come il pericolo sociale sostituisce i principi della responsabilità soggettiva e dell’imputabilità morale costitutivi del sistema penale classico. Come misurare infatti il grado di responsabilità in crimini compiuti da pazzi che conservano tutta la lucidità mentale (monomania omicida, follia morale) ? Come proporzionare la pena al delitto in crimini detti « mostruosi » che eccedono la quantità stessa di ogni castigo possibile ? Quale può essere infine l’effetto dell’ammenda nei criminali detti abitudinari e nei recidivisti ?

8Contro e a fianco dell’idea della pena come riparazione e risarcimento del crimine affiora ben presto l’idea della prevenzione. Così R. Owen, ad esempio, il padre delle fabbriche cooperative, già nel 1812 scrive che le cause del crimine sono principalmente la miseria e l’ignoranza. Un sistema preventivo (attraverso soprattutto l’educazione pubblica) risulterebbe secondo lui meno costoso e più efficace delle pene privative della libertà e delle misure segregative (prigioni, manicomi, dépôts de mendicité, ecc.). « Spendiamo milioni, dice Owen, per la scoperta e la punizione dei crimini e non vogliamo fare un passo nella vera direzione per prevenirli e per diminuire gli innumerevoli pericoli da cui sono afflitte le classi inferiori » : programma dunque di educazione nazionale, a partire dalle fabbriche e dalle cooperative operaie come cellule della società.

9Per i criminalisti, la questione della responsabilità rimane comunque senza soluzione. Così, intorno ai crimini mostruosi e alla follia omicida, un interminabile dibattito si è ben presto acceso (dal 1830) tra medici e giuristi fino a quando, verso la metà del secolo, queste condotte criminali saranno iscritte, con P. Lucas e B. Morel, nella grande teoria della tara ereditaria e della degenerazione, il sapere costitutivo di una nuova disciplina che si chiamerà ben presto medicina legale. Quanto alla questione capitale della recidiva, essa è sollevata ben presto da A. Bonneville, procuratore alla Corte di Versailles in una serie di scritti in cui sono poste le premesse della nuova scienza penale : De la récidive (1844), Des diverses institutions complémentaires du régime pénitentiaire (1847), De l’amélioration de la loi criminelle. Val la pena di soffermarsi un attimo sulle idee di Bonneville poiché costituiscono lo zoccolo di quella che sarà tra breve la nuova scuola penale. Il discorso di Bonneville è tutto fondato sul principio della sicurezza pubblica : riparazione da parte dei condannati dei danni civili causati dal crimine, detenzione supplementare a quella prevista dalla pena a partire dalla cattiva condotta nelle prigioni, sistema di sorveglianza osservatrice su tutto il corpo sociale. « Ciò che rende la sorveglianza coercitiva legittima e ragionevole, scrive Bonneville, è la probabilità, non la possibilità di ricaduta ; e questa sorveglianza sarà tanto più rigorosa quanto più il criminale sarà pericoloso, e il pericolo è il non emendato ». Il potere di polizia deve essere disseminato e vigilante in tutta la società, e il territorio stesso deve essere diviso in funzione di tale sorveglianza, poiché è la polizia che fa il territorio. Quanto alla recidiva, essa obbliga ad un’indagine di tutto il passato del criminale. Occorre dunque raccogliere e classificare tutti i dati che materializzano questo passato : nascita del casellario giudiziario, nel 1855, a disposizione dei giurati per aggravare o attenuare le pene. Prima di Bertillon, Bonneville propone di inserire la fotografia nel fascicolo del condannato : « questa immensa galleria degli uomini del crimine, scrive a questo proposito, potrebbe avere più tardi un altro genere di interesse. Chi sa se la riunione di numerosi tipi di malfattori non consentirà ai frenologi del futuro di scoprire, nei caratteri generali della fisionomia, dei segni indicatori degli istinti perversi, segni che, più tardi, potranno servire alle investigazioni della polizia » : l’aurora dell’
antropologia criminale.

10In questi anni ’50 lo scenario è mutato : all’imputabilità sulla base della responsabilità morale comincia a sostituirsi la pericolosità pubblica ; alla difesa dei bisogni/interessi dei singoli la difesa dei bisogni/interessi della società ; alla pena come ammenda la misura di sicurezza, misura amministrativa che d’ora in poi buona parte dei giuristi, soprattutto tedeschi, cercherà di conciliare con la legalità della pena. La polizia ha in effetti come oggetto l’ordine pubblico ; essa non ha a che fare col diritto e con soggetti di diritto ma, si dice, con « l’individuo sociale che è posto nell’insieme sociale ; essa esprime non la vecchia guerra del sovrano contro i criminali, ma la legittima difesa della società contro gli individui pericolosi ». Pellegrino Rossi aveva già detto, negli anni ’30, che se si fonda il diritto di punire sulla difesa degli interessi privati, si ricade nella guerra di tutti contro tutti ; se la si fonda sull’interesse generale, essa consentirebbe a una metà della popolazione di massacrare l’altra metà. In quest’ordine di idee il Carmignani proporrà, poco più tardi, di sostituire gli appellativi di delitto e pena con quelli di offesa e difesa della società ; quanto alle sanzioni, esse avrebbero dovute essere fondate, secondo lui, su un sistema di leggi risultanti da un « calcolo combinatorio dei bisogni di prosperità con quelli di sicurezza ». I bisogni sociali stanno infatti a poco a poco rimpiazzando gli interessi privati ; e la società non è più considerata come un aggregato meccanico di utilità singole, ma come un organismo vivente che necessita, in quanto appunto organismo vivente, di misure di prevenzione, protezione, assistenza e difesa contro i pericoli che la minacciano. Anche chi, come von List, si sforzerà di salvare il principio giuridico della legalità della pena e della responsabilità soggettiva, finirà per affermare che « l’interesse giuridico è dunque l’interesse protetto dal diritto. Tutti gli interessi giuridici sono interessi vitali o della comunità. Non è l’ordine giuridico che determina l’interesse, ma la vita ; e la difesa attraverso il diritto fa dell’interesse vitale un interesse giuridico » : tentativo di rigiuridificazione del nuovo sistema nello Stato di diritto, sulla linea della scuola « neoclassica », della corrente « eclettica » e, più tardi, della corrente « tecnico-giuridica ».

11Sarà comunque la scuola antropologica italiana, attorno ai suoi caposcuola, Lombroso e Ferri, a perfezionare e radicalizzare il nuovo sistema disancorandolo e rendendolo autonomo rispetto al diritto penale classico. La nascita e gli sviluppi di questa scuola sono stati spesso raccontati, dalle campionature lombrosiane, basate sulle nuove statistiche criminali (delinquenti nati, delinquenti per abitudine, delinquenti per passione, delinquenti d’occasione, pazzi omicidi, anarchici e rivoluzionari), ai rilievi antropometrici, alla teoria dell’atavismo e del criminale come specie naturale, alle cause del crimine (atrofia del senso morale, condizioni psico-patologiche, impulsi passionali, influenze ambientali e sociali, degenerazione, ecc.). Enrico Ferri finirà col prendere le distanze dal « fissismo » antropologico e antropometrico di Lombroso, insistendo piuttosto sulla mancanza di libertà morale del delinquente. Di qui, schematicamente, i principi del nuovo diritto penale : la pena non ha carattere intimidatorio, il libero arbitrio e la libertà morale non sono che illusioni ; il crimine non corrisponde a un insieme di volontà e sentimenti, ma si definisce unicamente come una condotta deviante rispetto ad una norma. L’insolubile, vecchio problema della responsabilità non si pone più : la penalità prende in considerazione unicamente la pericolosità e, in sostanza, la fattualità del crimine passa in seconda linea rispetto alla personalità del criminale. Ferri, esponente di rilievo del socialismo italiano, pensa addirittura che, agendo preventivamente, si potrebbero eliminare i codici stessi attraverso quelli che lui definisce i « sostituti penali » : così, per far tendere a zero la criminalità, basterebbe agire correttamente nell’ordine economico (libero scambio, libertà di emigrazione, lavori pubblici, remunerazioni adeguate ai bisogni, legislazione e previdenza sociale), nell’ordine pubblico (governo veramente liberale, rispetto dei diritti individuali e collettivi), nell’ordine amministrativo (legislazione testamentaria, facilitazioni della giustizia civile), nell’ordine familiare (divorzio), nell’ordine educativo (istituti per l’infanzia abbandonata), ecc. La pena comunque non è la misura geometrica beccariana dell’infrazione ; essa deve essere adattata al delinquente (individualizzazione della pena) in vista del suo reinserimento sociale (risocializzazione). La scuola positiva di Ferri è coeva alla nascita dello Stato sociale, che non è la negazione dello Stato di diritto, ma ciò che, con l’apparizione di quello spettro che viene definito la « questione sociale », gli ha consentito di funzionare. Quello che viene tutelato ora non sono più soltanto le libertà individuali, ma gli interessi e i bisogni della società : di qui l’allestimento, accanto alla legalità della pena, riservata ai crimini d’occasione delle persone « oneste », delle misure di sicurezza come misure di difesa sociale per la popolazione costitutivamente pericolosa : relegazione, confino, libertà sorvegliata, protezione, decadimento della patria potestà, castrazione, sterilizzazione, ecc. E questo campionario di misure riguarderà unicamente questo tipo di popolazione, fondamentalmente rurale o proletaria, costituita da individui che vanno ora sotto il nome di anormali : delinquenti abitudinari, recidivisti, criminali sessuali, prostitute, alcolizzati, folli omicidi ecc. : la popolazione oscura e infame della patologia criminogena che minaccia la salute della società come i batteri che minacciano l’organismo nell’epidemiologia di Pasteur.

12Nelle teorie di difesa sociale della scuola positiva la sicurezza della società si è affiancata alla sicurezza degli individui della scuola classica. Restava un passo da fare, già iscritto nella tendenza avviata da Ferri : il passaggio dalla sicurezza della società alla sicurezza dello Stato. Questo passaggio si è compiuto nel fascismo e nei regimi totalitari del XX secolo. In Italia erano già stati emanati provvedimenti di sicurezza con la legge Pica del 1863, che prevedeva il domicilio coatto per gli oziosi, i mendicanti, i vagabondi e i briganti. Queste disposizioni saranno prorogate nel ’65 e nel ’71 per i vagabondi, con l’ammonizione, la sorveglianza di polizia e il domicilio coatto. Il codice Zanardelli dell’89, di stampo liberale, espressione della feroce borghesia al potere, non segue i principi della scuola positiva, ma prevede una legge di pubblica sicurezza contro le classi pericolose. Ma è sotto Crispi, nel ’94, che viene emanata la prima legge sicuritaria per il dissenso politico, dopo le rivolte contadine in Lunigiana e in Sicilia (i Fasci siciliani). Viene previsto il domicilio coatto per gli appartenenti ad associazioni pericolose per gli ordinamenti politici, con l’istituzione di vere e proprie colonie penali sottoposte ad un regime di tipo duramente carcerario.

13Dopo, comunque, i dibattiti suscitati dalle teorie di Ferri, sia da parte dei giuristi puri sia da parte di socialisti come Turati (Il delitto e la questione sociale), che considerano il crimine come una conseguenza dei conflitti di classe, nel 1910 Alfredo Rocco, esponente del partito nazionalista, scrive nella Rivista Italiana di diritto e procedura penale un celebre articolo con cui prende l’avvio l’indirizzo detto « tecnico-giuridico ». Rocco intendeva liberare il diritto penale dalle concezioni politiche e sociologiche di marca positivistica e riaffermare il sistema giuridico come insieme di norme legate ad un diritto statuale positivo. Così, dopo il progetto di Ferri, nel 1921, di riforma del Codice penale secondo il principio del passaggio della pena da retribuzione morale a strumento utilitaristico di difesa sociale, l’elaborazione di un nuovo codice sarà, tra il 1926 e il 1930, affidata in realtà da Mussolini a Rocco. Rocco tenterà di salvare i principi del diritto penale classico, ma affiancandoli a tutta una serie di misure ispirate in realtà alle idee di Ferri. Nella Relazione introduttiva Rocco afferma : « Il diritto di punire non è una graziosa concessione fatta dagli individui allo Stato, bensì un diritto di conservazione e di difesa proprio dello Stato ». Si è salvato così il principio beccariano del nullum crimen sine lege, ma lo si è accompagnato con tutta una serie di provvedimenti amministrativi e di polizia a difesa dello Stato fascista, in coerenza con l’idea che lo Stato è un organismo avente fini, vita, mezzi d’azione superiori per potenza e durata a quelli degli individui divisi o consociati che lo compongono. Lo Stato è « un’unità morale, politica ed economica da cui emanano le leggi e le norme ». Chi ostacola le realizzazioni dello Stato è un nemico ed ogni crimine lede non più il corpo del sovrano, come nell’antico Regime, ma l’organismo dello Stato.

  • 1 Per tutta la questione delle leggi razziali rinviamo ai lavori di R. De Felice, Storia degli ebrei (...)

14Il codice Rocco non ha fatto così che interiorizzare, coll’inasprimento delle leggi di sicurezza di Ferri, quello che era stato saltuariamente, ma per ben nove volte, lo stato d’assedio sospensivo delle garanzie costituzionali instaurato dallo Stato liberale. Nella guerra contro il nemico politico (ogni crimine è in definitiva, per il fascismo, politico) il Codice Rocco ha introdotto il « doppio binario » (come è stato definito) nella pena retributiva classica più le misure di sicurezza. Già nel ’26, dopo l’attentato Zaniboni, viene infatti istituito un Tribunale speciale per la difesa dello Stato per i crimini, le intenzionalità e le associazioni politiche sovversive. Si tratta di un Tribunale d’eccezione, di tipo militare, con un presidente nominato nei ranghi dell’esercito e cinque giudici scelti tra gli ufficiali della Milizia. Nel 1931 viene emanato il Testo Unico di Pubblica Sicurezza, con aggravamento dell’ammonizione (controllo sulla vita per un triennio) e confino. Le pene sono indeterminate : anche gli assolti dal Tribunale speciale possono finire al confino. Vale la denuncia per sospetto o per diffamazione pubblica, che colpisce chi si propone di svolgere « un’attività rivolta a sovvertire violentemente gli ordinamenti politici, economici, sociali costituiti nello Stato o a contrastare o ostacolare l’azione dei poteri dello Stato, o un’attività comunque tale da recare nocumento agli interessi nazionali ». Le misure di sicurezza vengono irrogate non da una Corte di Assise con la giuria popolare, ma da una commissione speciale di cui fanno parte il prefetto, il questore, il comandante dei carabinieri, un ufficiale della milizia ; nelle cause ordinarie vengono infine limitati i diritti della difesa nella fase istruttoria e in quella processuale. Ispirata dal principio della sicurezza dello Stato, infine, appare tutta la legislazione razziale, dal 1938 al 1943, fondata, come si sa, sul principio dell’unità storica della « stirpe » italiana e sulla sua superiorità « spirituale » (ma anche biologica) sulle altre razze1.

15Nella Germania nazista, le disposizioni essenziali di tipo sicuritario sono rappresentate dal « Decreto speciale per la protezione del popolo », del 23 febbraio 1933, subito dopo l’incendio del Reichstag : si tratta della legge più importante del Terzo Reich che, com’è stato scritto, ha sostituito allo Stato di diritto lo Stato permanente d’urgenza. Nel marzo del ’33 gli ebrei sono esclusi dalla vita pubblica ; viene poi istituito l’« Ufficio centrale per la razza e l’emigrazione » con la qualifica del Rassverrat (tradimento razziale) : l’esito di un processo quasi centenario di medicalizzazione sanitaria del corpo sociale. Nel novembre del ’33 viene costituita la polizia segreta (Geheimstadpolizei) affiancata dalle SA e dalle SS, con un insieme di misure quali l’interdizione professionale, l’internamento dei delinquenti anormali o abituali, la castrazione eugenetica per la criminalità sessuale. Tutte queste misure si fondano sul principio della Gemeingefarlickeit, la pericolosità pubblica, e rappresentano sanzioni di durata indeterminata in aggiunta alle pene fisse. Si è comunque lasciato alla polizia la possibilità di intervento preventivo per « individui che, senza essere delinquenti professionali già condannati, riveleranno la loro volontà di commettere un omicidio, un furto qualificato, un incendio, con atti che non corrispondono ancora a un delitto determinato ma che li fanno apparire come un pericolo per la sicurezza pubblica ». Le leggi di sicurezza colpiscono non solo l’azione delittuosa, ma l’intenzionalità, la pericolosità dell’individuo ; e la pericolosità, come recita l’articolo 203 del Codice Rocco, riguarda non il crimine ma « il grado di possibilità di danno o il grado di importanza del danno possibile ». Le leggi razziali di Norimberga completano il quadro del sistema sicuritario nazista la cui chiave di volta, come ha ben dimostrato A. J. Kaminski nel suo libro I campi di concentramento dal 1896 ad oggi, sono i campi di lavoro, i campi di internamento e di sterminio : la materializzazione visibile del sistema sicuritario portato ai limiti non certo previsti, ma già iscritti nella filosofia penale di E. Ferri (già socialista, ma poi finito come simpatizzante del fascismo), quando scriveva ne I nuovi orizzonti del diritto penale (1884) a proposito della scuola positiva : « essa, nel momento in cui si avvedeva quanto si moltiplicassero sotto le sue indagini le cause dirimenti la responsabilità, di tanto accresceva invece la sicurezza sociale, fondando su questa, piuttosto che sulla responsabilità individuale, il diritto di punire ». Per arrivare ai campi di sterminio è bastato il passaggio dalla sicurezza sociale alla sicurezza dello Stato, con l’identificazione del pericolo non più nei vecchi anormali, ma nei nuovi nemici dello Stato.

16È quanto era già successo nell’Unione Sovietica dopo la Rivoluzione. Ricordiamo brevemente che, sin dal ’17, vengono istituiti dei tribunali speciali senza pubblico ministero ed istruttoria. L’avvocato può difendere – quando c’è avvocato – nei limiti dell’interesse sociale. Gli affari più gravi sono di competenza di un procuratore, gli affari di minore importanza spettano alla polizia, le infrazioni politiche agli agenti di sicurezza dello Stato. Nella redazione del Codice penale del ’24-’26 l’infrazione è definita, in quanto tale, « per il suo carattere oggettivo di atto socialmente pericoloso e non per l’elemento soggettivo consistente nella violazione colpevole delle norme legali ». È prevista la possibilità di punire per analogia un atto non esplicitamente incriminato dalla legge ed è contemplata la sostituzione della pena con la misura di difesa sociale per « ogni atto che leda l’ordine socialista » : questa misura è sostanzialmente l’internamento coercitivo a tempo indeterminato nei campi di lavoro.

17Negli anni ’30, all’epoca delle grandi purghe, due scuole si affrontano : l’una che fa capo al procuratore Krilenko e a Pasukanis, che tende a rafforzare le misure di sicurezza attraverso l’educazione forzata dei lavoratori, l’eliminazione del nemico di classe e, al limite, l’estinzione del Codice penale stesso. L’altra, di stampo neoclassico, che intende introdurre pene legali per i kulaki, i sabotaggi e i crimini contro la proprietà pubblica socialista. È la scuola vincente, e così Krilenko e Pasukanis saranno accusati di trotzkismo. Questo ritorno al sistema classico può stupire. Ma un regime totalitario di tipo sovietico non aveva interesse a fondare un sistema penale unicamente su basi sicuritarie. Il crimine politico, in effetti, deve essere qualificato, riconosciuto dalla confessione pubblica dei « colpevoli », con tutti gli effetti di propaganda e di esemplarità sull’opinione pubblica. Senza dimenticare che, prima del patto germano-sovietico, Stalin aveva tentato di occhieggiare verso la Francia e l’Inghilterra. Comunque sia, il ritorno al sistema classico non è stato che una facciata di propaganda ; restavano infatti di competenza dell’NKVD e in genere delle polizie speciali, le deviazioni ideologiche, i disordini di massa, i crimini contro la sicurezza dello Stato e tutte le infrazioni, vere o supposte, e più supposte che vere come si sa, contro l’ordine socialista. Tutto questo non significa, naturalmente, che lo Stato nazista e lo Stato sovietico siano una sola ed identica cosa. Si può unicamente constatare una similitudine di fondo nelle politiche criminali, intorno a due forme di pericolosità : il nemico qualificato razzialmente (ma non solo) da una parte, il nemico qualificato politicamente (ma non solo) dall’altra. L’ordine del sangue da una parte, l’ordine socialista dall’altro, con l’organizzazione dei campi di lavoro e di sterminio come chiave di volta del sistema.


***

18Si possono, a questo punto, trarre alcune conclusioni sommarie come altrettante questioni che andrebbero debitamente analizzate, e che ci limitiamo ad elencare.

19Tre linee dunque nella storia della sicurezza : sicurezza del cittadino, intorno al diritto di proprietà, nel sistema liberale classico ; sicurezza della società, intorno all’ordine pubblico, con la nascita dello Stato sociale (previdenze, assicurazioni, ecc.) ; sicurezza dello Stato, infine, nel regime fascista e negli Stati totalitari, come guerra aperta (o occulta) contro i nemici razziali e politici. Difesa contro il furto, difesa contro la criminalità diffusa degli anormali, difesa contro il tradimento, il sabotaggio e la deviazione ideologica : ecco gli obiettivi delle misure sicuritarie. Bisognerebbe innanzitutto analizzare le ragioni della nascita della difesa sociale nel contesto socio-politico italiano, con la formazione di un proletariato urbano, le rivolte contadine, il moltiplicarsi degli scioperi urbani, i delitti degli anarchici, la formazione del socialismo parlamentare, il persistere del brigantaggio, gli effetti dell’industrializzazione (emigrazione interna ed esterna, disadattamento alle nuove condizioni sociali generate dalla « lotta per la vita » – i « vinti » della scuola verista –, fenomeni diffusi di corruzione legati alla speculazione e ai fallimenti bancari del liberalismo finanziario – la criminalità « economica » di Ferri –, inasprimento dei conflitti di classe, ecc.). L’Italia, con la sua industrializzazione tardiva e forzata e con gli scompensi creati dal tessuto sociale, è stata così il laboratorio e il terreno di sperimentazione delle prime avvisaglie della difesa sociale, che hanno rappresentato, forse, il prezzo da pagare per i « disastri » del progresso.

20Le misure di sicurezza sono state dunque allestite a partire dalla questione della recidiva e dell’anormalità. I loro obiettivi non sono più il crimine, ma la personalità criminale, non l’imputabilità soggettiva, ma la responsabilità oggettiva. Da qui la nascita di tutta una serie di saperi che sono stati la criminologia, la sociologia e la statistica criminale, la medicina legale, l’antropometria e la polizia scientifica, la psicologia morbosa, l’alienistica della tara ereditaria e della degenerazione, con tutta una promozione della sessualità come agente patogeno principale delle condotte dette anormali. Naturalmente tutti questi saperi hanno avuto, in ultima istanza, una funzione normativa sull’educazione, la famiglia, la scuola, la caserma, le fabbriche, i dispositivi coniugali, il buon uso delle passioni e dei desideri, ecc. : la pudenda origo di quelle che saranno chiamate, più tardi, le scienze dette « umane ».

21Più lo Stato si sovrappone agli individui e alla società, più si aggravano, intorno ai principi dello Stato etico in Italia, del Volk in Germania e dell’ordine socialista nell’Unione Sovietica, le misure di sicurezza. L’amministrativo tende a fagocitare il giuridico, col rafforzamento dei poteri discrezionali della polizia. Il diritto penale si trasforma in politica criminale, strumento duttile in funzione dei bisogni dei vari regimi, con le inevitabili conseguenze sul piano della sorveglianza, della delazione, dell’eliminazione pura e semplice del nemico di razza o di classe. Il sogno di una polizia che inizia come « occhio del governo » ed esercita, in uno stato di guerra e d’eccezione, funzioni di « legittima difesa » contro i criminali veri o supposti, si ritrova già in Bonneville. Ma nel ’38, a proposito dell’internamento nei ghetti degli ebrei polacchi, affermava Heidrisch : « è meglio controllarli sotto lo sguardo vigile della popolazione piuttosto che ucciderli a migliaia in un quartiere in cui non si può convenientemente controllare la loro vita con agenti in uniforme » ; assistiamo così alla trasformazione, dunque, di tutta la popolazione in polizia visibile ed invisibile. Il sogno di Bonneville è diventato realtà nei regimi totalitari.

22La sicurezza non è soltanto un’ossessione dei regimi fascisti e totalitari ; è, in ultima istanza, ciò che consente loro di funzionare, instaurando uno stato di guerra perpetuo contro nemici interni ed esterni. Quando non ci sono più nemici visibili, la sicurezza consente di inventarne. Stalin nel ’36, dopo le prime grandi purghe, afferma : « la qualità indispensabile di ogni bolscevico nelle condizioni attuali dovrebbe essere quella di riconoscere un nemico del partito, per quanto ben mascherato esso sia ». D’altra parte se si stabilisce il principio della pericolosità oggettiva, non ci sono più limiti all’eliminazione dei nemici e un regime totalitario – è questa forse la sua caratteristica precipua – non funziona che sul principio dell’eliminazione permanente dei nemici. Hitler sogna alla fine di eliminare tutto il popolo tedesco, accusato di tradimento e vigliaccheria dopo la disfatta militare. Nell’URSS, d’altra parte, sono stati via via eliminati i vecchi bolscevici della prima ora, i trotzkisti, i kulaki, i russi di origine polacca, i tartari, i tedeschi del Volga durante la guerra, i prigionieri dei nazisti e le unità di occupazione dell’Armata Rossa, senza pensare agli esuli antifascisti degli anni ’30 e gli ebrei dopo la creazione dello Stato di Israele. Naturalmente bisognerebbe studiare precisamente come funziona il meccanismo d’eliminazione, come seleziona i suoi campi d’applicazione, come identifica e costruisce il suo oggetto (lo stereotipo dei nemici), attraverso quale trafila applica i suoi « trattamenti » (rieducazione, segregazione, campi di lavoro, campi di sterminio, ecc.), quali usi vengono fatti, via via e secondo i casi, delle scienze medico-biologiche, delle teorie eugenetiche, del principio della purezza (del sangue e dell’ideologia, quando non addirittura di entrambe). Non si tratta solo di barbarie ; si tratta di tecniche complesse, raffinate, molteplici, in una guerra combattuta giorno per giorno, con spostamento di obiettivi, piani di battaglia, allestimento di discorsività teoriche, usi differenziati degli strumenti di propaganda e di persuasione, messe in scena della vita politica, legittimazioni pubbliche e private da parte delle autorità scientifiche. Tutto questo ai fini del consenso, di cui la sicurezza rappresenta il grande dispositivo globale.

23Ci si potrebbe infine chiedere : esiste una continuità lineare tra lo Stato liberale, lo Stato sociale e i regimi totalitari a partire dalle loro politiche criminali ? La differenza di scala e di quantità (dei morti soprattutto) muta la qualità del principio di sicurezza presente storicamente nelle tre forme di Stato ? Continuità dunque o rottura, linearità o mutamento di fase ? L’una e l’altra cosa. E. Ferri non avrebbe certo immaginato gli esiti dei presupposti penali della scuola positiva, il cui obiettivo era, per il momento, l’occultamento dei conflitti di classe nell’affrontamento – all’interno della società concepita come organismo vivente – tra la parte sana della popolazione (le persone oneste) e gli altri (i delinquenti abitudinari e gli anormali). Ma lo sterminio nazista e le « messi sanguinose » sovietiche avrebbero potute essere approntati e funzionare senza il « precedente » delle teorie ottocentesche di difesa sociale, senza tutto il lavorio delle teorie medico-psichiatriche sulla degenerazione, sulle discriminazioni dell’eugenetica e della medicina legale, saperi più diffusi e capillari delle teorie di Paul de Lagarde, di Gobineau, di Chamberlain e tutti quanti ? Si potrebbe dire, in conclusione, questo. Quello che nello Stato liberale e nello Stato sociale funziona come eccezione, diventa condizione permanente nei regimi fascisti e totalitari. E il passaggio dagli uni agli altri non è di rottura, ma di trasformazione.

24Siccome infine non esiste nella storia la « causa unica », le politiche sicuritarie non spiegano, da sole, la nascita delle mostruosità del nostro secolo, e delle metafisiche infami che lo hanno attraversato e che possono riaddensarsi all’orizzonte del terzo millennio. Le politiche sicuritarie non rappresentano che una linea, incrociata da altre, in un processo di lungo e breve periodo, nell’incontro di precedenti lontani e di congiunture immediate. È su questa linea – che a noi pare comunque dominante – e sui suoi incroci e attraversamenti che occorre ancora interrogarsi per rispondere alla vecchia domanda : « Come siamo arrivati a questo punto ? ». Ed è pure sul prolungamento di questa linea e sulle sue nuove trasformazioni, come dicevamo all’inizio, che dovremmo interrogarci – ed è la sola interrogazione che conta – per sapere quale futuro ci aspetta.

Top of page

Notes

1 Per tutta la questione delle leggi razziali rinviamo ai lavori di R. De Felice, Storia degli ebrei italiani sotto il fascismo, Torino, Einaudi, 1993 (I ed. 1961), in part. cap. VII, e di M. Sarfatti, Mussolini contro gli ebrei, Torino, Zamorani, 1994 ; Id., Gli ebrei nell’Italia fascista, Torino, Einaudi, 2000, in part. cap. IV e V.

Top of page

References

Electronic reference

Alessandro Fontana, « Dalla difesa sociale alla difesa della razza », Laboratoire italien [Online], 4 | 2003, Online since 07 July 2011, connection on 28 April 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/336 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.336

Top of page

About the author

Alessandro Fontana

Alessandro Fontana, professeur à l’École Normale Supérieure des Lettres et Sciences Humaines de Lyon, est l’auteur de nombreux essais qu’il a en partie recueillis dans Il vizio occulto (1989) et La polizia dell’anima (1990). Il a collaboré avec François Furet (Livre et société au XVIIIe siècle, 1970) et Michel Foucault (Moi, Pierre Rivière, 1973). Il a participé à la Storia d’Italia Einaudi (La scena, 1972), à l’Enciclopedia Einaudi et à la Letteratura Italiana Einaudi (Piazza, corte, salotto e caffè, 1986). À l’occasion du bicentenaire de la chute de la République de Venise, il a dirigé l’ouvrage collectif Venise 1297-1797. La république des castors (Ens Éditions, 1997), ainsi que le recueil Venise et la Révolution Française (Éditions Laffont, 1997) ; actuellement il dirige avec François Ewald la publications des Cours de Michel Foucault au Collège de France (Gallimard - Le Seuil). Une nouvelle traduction des Discorsi de Machiavel, qu’il a réalisée en collaboration avec Xavier Tabet, est sous presse aux Éditions Gallimard.

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page