Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Documents et interprétations

Le campane della propaganda : rapporti di reciprocità e conflitto giurisdizionale a Venezia tra Cinque e Seicento

Michaela Valente
p. 137-152

Abstract

L’auteur veut attirer l’attention sur les événements qui, à Venise, ont suivi l’Interdit. Elle s’attarde en particulier sur la présence et l’activité, non exclusivement diplomatique, des ambassadeurs anglais et hollandais qui faisaient célébrer chez eux des fonctions religieuses non catholiques : pour les annoncer, ils faisaient longuement sonner les cloches, avec la collaboration même des Italiens, malgré l’opposition du nonce.

Top of page

Full text

  • 1 Si veda P. C. Ioly Zorattini, Ebrei e nuovi cristiani fra due inquisizioni : il Sant’Uffizio di Ven (...)
  • 2 Sulla condizione dei greci ortodossi, si rimanda a G. Fedalto, Ricerche storiche sulla posizione gi (...)
  • 3 Rimando a quanto scritto in Un sondaggio sulla prassi cattolica del nicodemismo. « Che li scolari t (...)
  • 4 Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana (d’ora in poi BAV), Barb. Lat. 5205 (non datato, (...)
  • 5 V. Frajese, Sarpi scettico. Stato e Chiesa a Venezia tra Cinque e Seicento, Bologna, Mulino, 1994, (...)

1Il rapporto tra la Repubblica di Venezia e le religioni ha affascinato e continua ad affascinare gli studiosi forse per il carattere secolare del governo della Serenissima, che garantiva condizioni di pur limitata libertà agli ebrei1, ai greci ortodossi2, ai musulmani, così come agli studenti delle diverse nationes presenti nell’ateneo patavino, creando sconcerto e preoccupazione a Roma e impedendo la realizzazione del progetto dell’unica fede3: « In Venetia et in altre Città di quel Dominio dimorano Heretici sotto diverse cause e pretesti. Alcuni vi stanno come familiari et servitori degli Ambasciatori d’Inghilterra et Olanda ivi residenti. Altri vi alloggiano come soldati e loro Ministri. Molti vi tengono domicilio continuo, et altri vi capitano alla giornata per ragione di traffico, e di mercantia tollerati. Alcuni ve ne sono di passaggio. E non pochi si trattengono in Padoa per occasione di studio »4. Quali fossero le questioni implicite alla presenza di non cattolici su di un territorio contiguo a Roma e formalmente cattolico, risulta chiaro, ma Frajese ha giustamente evidenziato nell’ambito della politica veneziana la funzione etica e giuridica delle minoranze, che dovevano « far emergere la particolarità della giurisdizione ecclesiastica nei confronti della universalità della giurisdizione civile e privatizzarne la persona nei confronti delle altre comunità »5.

  • 6 Sulla politica di Clemente VIII, si veda P. Simoncelli, Clemente VIII e alcuni provvedimenti del Sa (...)
  • 7 Risposta di Teodoro Eugenio di Famagosta, all’Aviso mandato fuori dal signore Antonio Quirino Senat (...)

2Dopo il concilio tridentino, i rapporti tra Venezia e Roma subirono un inevitabile cambiamento, ma fu durante il pontificato di Clemente VIII6 che si crearono nuovi equilibri che dimostrarono la loro evanescenza con il caso dell’Interdetto. Il gesuita Antonio Possevino, attivo e partecipe interlocutore dei pamphlets polemici delle due parti, inquadrava il Monitorio e l’Interdetto di Paolo V in una cornice politica estrema7 :

Ma l’essersi in Venetia per i Marrani aggrandito (si come dissi di sopra) il Ghetto & permessiosi, che l’heresia di Calvino si predichi, & che i Quintinisti Fiaminghi ò Hollandesi nieghino l’inferno, & che il Fondaco de’ Tedeschi sia una sentina di Luteranesimo, & di Calvinismo, & che anco i Turchi habbino luoghi, ove seducendo & abusando i giovini gli menano in Constantinopoli a rinegar Christo, & che publicamente dei Gondolieri nei canali sporchissime, & publiche voci si sentano, & nelle galere il mare con nefandi peccati si profani, & che pochi giungano a Venetia, i quali non si corrompano nei costumi, & altri nella fede ; quale huom di sano giudicio potrà maravigliarsi, se adesso il Giudicio Divino ha cominciato ad essercitarsi per mezo della facoltà, & Potestà del Papa ? Il quale nondimeno nel suo Monitorio, & Interdetto per paterna pietà non volle porre si grande numero di eccessivi delitti, né nudare ad un tempo le vergogne del Senato, ma contentatosi di porre quelle quattro cause ch’erano recenti, & note, tentò se in qualche modo potesse ridurlo nella strada del vero, & non della violenta pietà, che hora nel Dominio si pretende con fare sedurre i popoli da falsi Predicatori.

3Dunque, in una Venezia in cui l’eresia dilagava nelle sue forme più nefande con il tacito permesso di praticare confessioni e religioni diverse, il papa avrebbe sentito il dovere di intervenire senza eccedere nelle denunce al fine di non delegittimare le autorità politiche.

4Il documento che qui si presenta propone le diverse questioni che fino al 1625 complicarono le già tese relazioni diplomatiche tra Roma e Venezia, in un mondo in cui le differenze non solo religiose, ma anche confessionali stavano per vivere la loro ultima stagione bellica con la guerra dei Trent’Anni. La « Raccolta di alcuni negotij e cause spettanti alla Santa Inquisizione nella città e dominio Veneto dal principio di PP. Clemente VIII sino al presente mese di Luglio MDCXXV » (Barb. Lat. 5205), di cui esiste almeno una copia sempre nel fondo dei barberiniani (5195), fu composta sulla base delle nunziature e divisa in 29 capitoli al fine di creare uno strumento utile per le principali questioni ancora sospese che incrinavano i rapporti tra Venezia e Roma.

  • 8 Si veda l’acuta analisi dello scisma anglicano e della sua storia nella relazione di Nicolò Molin ( (...)
  • 9 « Circa il particolare se il Signor Ambasciatore et altri della sua Corte, che sono catholici posso (...)

5La difesa dell’ortodossia era già uscita sconfitta dalla presenza di eretici sul territorio veneziano : risulta particolarmente interessante il caso della predica protestante che si svolgeva in casa degli ambasciatori di Inghilterra e Olanda. In particolare, la successione al trono di Giacomo I determinò il ritorno dell’ambasciatore veneziano a Londra che si occupava non solo di porre fine ai continui assalti dei corsari inglesi ma anche dei rapporti tra i due Stati8. L’impronta prudente e cauta nella politica estera era già emersa qualche anno prima per il caso proposto da un re tra i più avversati, come fu Enrico IV, quando paradossalmente si addivenì nella mente di un astuto politico a concepire misure di convivenza : in una lettera del 2 marzo 1602, il gesuita Possevino accettava che gli eretici potessero essere ospitati nella casa dell’ambasciatore francese a Venezia, « et per il carico, che tiene del suo Re, et non per favorire gli heretici, et in ciò si possa usare qualche toleranza »9.

  • 10 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, ed. by Logan Pearsall Smith, Oxford, Clarendon Press, 190 (...)
  • 11 Calendar of State Papers and Manuscripts. Venice, vol. X 1603-1607, ed. by H. F. Brown, London 1900 (...)
  • 12 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, cit., p. 77.
  • 13 « as he is the first that hath preached God’s Truth on this side the Alpes, since the main deformat (...)

6Nell’ottobre del 1604, giunto a Venezia, Wotton10, parlando con le autorità veneziane, mise immediatamente le carte sul tavolo dichiarando che non avrebbe potuto rinunciare alla sua religione: « he could not live without his religious rites, but these will be carefully limited to the service of himself and his staff; and he promises not to admit Flemish or Germans and barely the English, who are not in his suite, for to tell the truth most of the English resident in Venice are Catholics »11. In compenso, lo stesso privilegio venne accordato all’ambasciatore veneziano a Londra per mettere a tacere le proteste ecclesiastiche12. La promessa di non voler fare proseliti, attenendosi alla formula politica del senza scandalo, vacillava di fronte alle affermazioni baldanzose di Wotton che, in una missiva del 22 settembre 1606, rispetto al compito del predicatore Nathaniel Fletcher, ne esaltava il valore e l’importanza essendo la prima volta che il culto anglicano era praticato nel territorio italiano13.

  • 14 Si veda l’ancor utile saggio di G. Soranzo, Il P. Antonio Possevino e l’ambasciatore inglese a Vene (...)
  • 15 P. Comitoli, Trattato apologetico del monitorio della Santità di N. Sig. Papa Paolo Quinto, et dell (...)
  • 16 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, cit., p. 393. Cfr. State Papers, XI, cit., p. 7 : « that (...)
  • 17 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, cit., p. 417. Si veda il ruolo svolto da Giovanni Frances (...)

7Questioni che si affrontavano nel panorama sempre più complesso che vedeva da una parte in Inghilterra il tentativo regicida della Congiura delle polveri e a Venezia l’Interdetto14: la pericolosa presenza dell’ambasciatore inglese a Venezia fu tra l’altro messa in evidenza da Paolo Comitoli: « La prima scommunica incorsa compresa nel primo anatematismo, ò canone, è l’esser ricettatori, & fautori d’heretici; lasciando in Venetia pubblicamente nel palazzo dell’Ambasciatore d’Inghilterra predicare il Calvinismo; andandovi anco, come ho inteso de’ gentilhuomini Venetiani »15. Dalle lettere di Wotton, si evince, al di là delle rassicuranti dichiarazioni d’intenti, una precisa volontà politica di scalfire dall’interno il consenso nei confronti di Roma ; una sorta di cavallo di Troia, nei cui confronti forse le pur lungimiranti autorità veneziane furono poco accorte : una volta ottenuto il permesso – d’altronde mai messo in dubbio – di far svolgere i riti protestanti, la propaganda appariva come il secondo passo di una strategia politica precisa : nella lettera del 22 giugno 1607, Wotton si compiaceva dei progressi della religione riformata a Venezia16 così come nella lettera del 28 marzo 1608 chiedeva l’invio di copie in « little form » dell’Apologia pro ecclesia anglicana di Jewels per la propaganda17.

  • 18 Per il profilo del Gessi, si rimanda all’accuratissima voce di Simona Feci, in DBI, 53, 1999, pp. 4 (...)
  • 19 Si veda P. Savio, Il nunzio a Venezia dopo l’Interdetto, « Archivio Veneto », LVI-LVII (1955), pp.  (...)
  • 20 Città del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano (d’ora in poi ASV), Segreteria di Stato, Venezia, 38A (...)
  • 21 Ivi, f. 159r.

8Dopo l’Interdetto, nel 1607 Paolo V aveva mandato a Venezia come nunzio Berlingerio Gessi, vescovo di Rimini18, che fu accorto osservatore delle dinamiche interne e con oculata strategia riuscì ad ottenere importanti risultati come nel caso di Fulgenzio Manfredi19. Nell’aprile del 1608, il nunzio Gessi si rivolse al Senato e al Doge per segnalare l’arrivo di due casse di libri in casa dell’ambasciatore inglese, certo che vi si trovassero anche libri proibiti che avrebbero potuto offendere la « mente » dei veneziani, insistendo sul fatto « che era anco servizio della Republica, che i sudditi si mantenessero puri, e cattolici, che tanto più sariano ubbidienti »20. Il doge rassicurò nuovamente il nunzio sugli interessi convergenti della Serenissima e di Roma nel mantenere l’ortodossia religiosa, tuttavia lo ammonì a non violare lo jus gentium dei principi21. Come dialogo tra sordi, fermi sulle rispettive posizioni, il nunzio e il doge si confrontarono senza trovare punti d’accordo.

  • 22 Si vedano le osservazioni preoccupate di Guido Bentivoglio da Parigi, 27 febbraio 1619, Lettere dip (...)
  • 23 Ph. Duplessis, Mémoires et correspondance, X, Paris, 1824.
  • 24 « L’Ambasciatore d’Inghilterra, è persona accorta per quanto intendo, e che non solo qui tratta i n (...)
  • 25 Ivi, dispaccio del 31 gennaio 1609, f. 337r.
  • 26 Ivi, dispaccio del 29 febbraio 1609, f. 350r-v.

9In quegli stessi anni, arrivava a Venezia Jean Diodati da Ginevra per diffondere la sua traduzione in italiano delle Sacre Scritture22, e da Parigi Philippe Duplessis de Mornay seguiva con attenzione lo svolgersi degli eventi23. L’ambasciata inglese era indiscutibilmente la testa di ponte per la diffusione della dottrina riformata : il nunzio rassegnato sperava solo di poter raccogliere prove dell’attività di proselitismo, ma nonostante tutti i suoi sforzi, si scontrava sempre ora con le misure prudenti ed accorte, ora contro la volontà di denunciare dei veneziani24. Poco dopo, i sospetti si addensarono su Paolo Sarpi, Fulgenzio Micanzio e sul ministro calvinista che operava nell’ambasciata inglese, William Bedell, e a quanto risultava non solo lì : « Quanto alla Predica di fra Paolo Servita e del Ministro Calvenista d’Inghilterra, e che essi cerchino di suvertire gl’altri, riducendosi ora in un luogo, ora in un altro, mi è detto che è vero ma non ci vedo rimedio mentre le cose durano in questi termini, credo anco sia vero, che molti abbino libri prohibiti, che si dice, ma ancora a questo non vedo alcun rimedio poiché non si può fare altro che provedere alli librari, che non ne tenghino, se ben anch’essi gli possono avere di nascosto, avendosi esecutori che faccino la cerca anco in luoghi ove i librari non voglino, e non mancherò di ricordare al P. Inquisitore quello ch’io vedo, che egli possa operare, et anco farò qui buon ufficij che mi sia possibile ma le cose ogni dì pigliano peggiore piega, e cresce tanto la diffidenza di trattare col Nunzio che questi quasi tutti se ne ritirano, e fuggono per non essere notati, e tenuti per poco confidenti della Repubblica »25. Gli « abboccamenti » calvinisti si concentravano, secondo le informazioni del nunzio, al fondaco delle Zecchinelle, dove c’erano i mercanti fiamminghi26.

  • 27 Ivi, relazione del 12 dicembre 1609, f. 513v.

10Quando si presentò la questione dell’apertura della missione diplomatica olandese, Gessi previde le conseguenze : « la verità è che se la Repubblica e gli stati Olandesi considereranno che sia utile ad una parte e l’altra il traffico delle mercanzie con questo fondago, ne tratteranno, e l’effettueranno senza considerarsi, che questo nuovo fondago induca un altro ridotto di libertà di coscienza, o d’heresia »27, confidando però nell’opposizione dei Tedeschi per motivi di concorrenza commerciale. Se i rapporti con l’Inghilterra, Stato temuto ed apprezzato che serviva sempre come contrappeso all’egemonia spagnola, garantivano i diritti degli ambasciatori, diverso sarebbe stato il caso dell’ambasciatore della neonata Repubblica delle Province Unite che presentava notevoli problemi.

  • 28 ASV, Segreteria di Stato, Venezia 40, dispaccio del 27 giugno 1609, f. 188v.
  • 29 A. Rotondò, Sul « Basilikon Doron » di Giacomo I Stuart, « Rivista storica italiana » LXXV (1963), (...)
  • 30 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, cit., p. 468-469. Si veda anche per un quadro d’insieme, (...)
  • 31 Calendar of State Papers, cit., 11, pp. 313 e sgg. ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 40, dispaccio (...)

11Nel giugno del 1609, il nunzio avvisava che a Londra, secondo quanto gli riferiva l’ambasciatore francese, girava la voce che « già in Venetia publicamente si predicava alla calvinista, et s’erano introdotte queste Bibie in così gran numero, et in somma, che quella setta vi faceva gran progresso, et venissimo in parere il S.re Ambasciatore et io che gli Heretici che sono in Venetia magnifichino et amplino queste cose più che non sono » per accrescere la propria considerazione28. Parallelamente, si affrontava la questione della messa all’indice dell’opera di Giacomo Stuart, il Basilikon doron, che manifesta l’avvenuto cambiamento della politica romana nei confronti dell’Inghilterra29. Nel luglio il libro giunse a Venezia, prontamente il doge rassicurò il nunzio della capacità di destreggiarsi e nell’agosto la proibizione si estese anche alla apologia pro giuramento fidelitatis30. A complicare la situazione ci fu la scoperta di libri contro il re Giacomo in casa dell’ambasciatore Marc’Antonio Correr a Londra31.

  • 32 ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 40, dispaccio del 21 novembre 1609, f. 316v-317r. Si veda pure C (...)

12Nel novembre dello stesso anno, l’ambasciatore olandese presentò le credenziali alla Repubblica accompagnato da 24 Senatori vestiti di rosso : « parlò in italiano, ma in modo piano, che pochi l’intesero. Si dice che il ragionamento fu solo di complimento, e cerimonie, diede lettere di credenza delli Stati, et anco lettere del Conte Mauritio, che ha voluto mostrare d’haver parte in questo ossequio »32, ma era certo che successivamente si sarebbero scoperte le carte in tavola. Già uscivano allo scoperto molti nobili interessati a ricoprire il servizio di ambasciatore veneto nelle Province unite. La risposta veneziana fu imprevedibilmente cauta : decisero, infatti, di non istituire al momento ambasciate, malgrado le insistenze dell’ambasciatore inglese che parlava però senza mandato del suo re.

  • 33 J. I. Israel, The Dutch Republic. Its Rise, Greatness and Fall, 1477-1806, Oxford, Oxford Universit (...)
  • 34 Wotton, lettera del dicembre 1622 a Sir George Calvert, The Life and Letters of Sir Henry Wotton, I (...)

13Nel 1609 Francia ed Inghilterra accreditavano ambasciatori delle Province Unite, e subito dopo anche Venezia riconobbe l’ambasciatore33. Il riconoscimento degli ambasciatori olandesi a Venezia mostrava la volontà della Serenissima di porsi contro la Spagna, ma creava altri problemi : così quando rivendicarono il titolo di eccellenza che era riconosciuto ai diplomatici dei regni e a quello veneziano per l’importanza della Repubblica, si sollevò un certo clamore, placato soltanto grazie ai modi raffinati dell’ambasciatore olandese che seppe conquistare il favore persino di Wotton34.

14Quello che ci interessa porre in evidenza è il provvedimento di non ammettere alle prediche che si svolgevano in casa dell’ambasciatore neanche i connazionali. Inoltre, il Senato insisteva sul fatto che se si fosse deciso di impedire lo svolgimento delle prediche nelle ambasciate, lo stesso provvedimento sarebbe stato preso nelle Province Unite, danneggiando i cattolici ivi residenti. Tuttavia, il nunzio rispose di non essere certo della reciprocità di trattamento.

  • 35 Su Castelvetro, si veda L. Firpo, sub voce, in DBI, 22, Roma 1979, pp. 1-4 e G. Migliorato, Vicende (...)
  • 36 Lettera di Sarpi a Francesco Castrino dell’agosto 1610. P. Sarpi, Lettere ai protestanti, a cura di (...)
  • 37 ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 42, dispaccio del 17 settembre 1611, f. 248r.
  • 38 Ivi, f. 249r.
  • 39 « Aggionsi che sebbene quest’huomo pratticava assai in Casa dell’Ambasciatore nondimeno non si pote (...)
  • 40 Ivi, f. 262r.
  • 41 Ivi, f. 262v.

15Nel 1611 il successivo caso di Castelvetro35, arrestato nonostante le difese dell’ambasciatore inglese, Sir Dudley Carleton, testimonia i rapporti di forza ormai decisamente in favore delle autorità laiche : Sarpi considerava Castelvetro « huomo da bene compitamente, ma non ha dramma di prudentia e non vi è in Venetia uomo più osservato da li romani di lui, che mi fa con molto dispiacere temer che cotesto signore l’ammonisse di cauzione, se ben credo che sarebbe navigar contra acqua »36. Il caso esplose nel settembre del 1611, dietro denuncia di Giovanni Paolo Lucchese ; si doveva scoprire se relapso, ma l’ambasciatore inglese intervenne in favore di Castelvetro « et disse che molti mesi sono gli haveva data una Patente di familiarità, e lo teneva per tale, non ho poi potuto accertarmi, che cosa concludesse, se lo dimandò o raccomandò ». Il nunzio assisteva soddisfatto allo svolgersi degli eventi, non volendo intervenire per non compromettere il buon esito dell’azione giudiziaria perché se Castelvetro fosse restato nell’ambito delle competenze del Sant’Uffizio, sarebbe rimasto in prigione. Provvidenziale fu l’intervento dell’ambasciatore, che ne causò la scarcerazione : « non vi era però alcuno in Venetia, che credesse che in un subito de facto senza intendersi il caso di lui, o farne parlare nella Congregazione del Santo Offitio, i Pregadi havesse a fare Decreto, o Parte in suo favore, nonché a liberarlo, et io tenevo per fermo, che i Nobili Assistenti, i quali si mostravano apertamente contrarij a detto Reo, havriano impedita ogni simile risolutione, et al più si saria rimesso a trattarsene nell’Inquisitione ; ma questi Signori senza distintione, o rispetto alcuno vogliono essercitare auttorità in ogni cosa, e sabbato passato, letta l’instanza dell’Inglese, che dimandava il prigione come suo familiare,et allegando molte e simili gratie date dal suo Re agli Ambasciatori Veneti37 ». Attonito, il nunzio si lamentò denunciando « che da un tal fatto si saria causato grandissimo scandalo per tutto il mondo, et un concetto universale, che in Venetia si fomentassero l’heresie, et che l’istessa Nobiltà ne fosse macchiata, che mai niun Principe haveva messo mani nelle prigioni del Santo Officio, non vi havendo auttorità anzi essendovi censure nei sacri canoni, et nelle constitutioni nuove, et antiche contra chi impedisse questa giurisdizione e particolarmente contra chi relascia tali prigioni »38. Ma oltre allo sgomento per un’azione che violava le carceri del Sant’uffizio, il nunzio discuteva e stracciava le pezze d’appoggio per una decisione così clamorosa, fondata per l’appunto su falsità39. Un « esito così stravagante » non l’aveva previsto nessuno : subito sulle tracce, l’inquisitore avvisò i suoi colleghi di Milano e Torino della possibilità che Castelvetro passasse per quelle terre. Non furono sufficienti le spiegazioni che furono date dal doge, che si richiamava ancora alla reciprocità : « Io ho replicato che questi concetti sono pure stati portati a Roma, ma non hanno data sodisfattione, dicendosi da tutti che il caso è molto diverso del liberare in Inghilterra gli cattolici innocenti, e qui lasciare gli eretici, et Calvinisti, et che ad ogni modo ne seguono tutti gli inconvenienti da me rappresentati »40. Ottenne comunque l’impegno di Venezia nell’aiutare il Sant’Uffizio per il futuro, ma non si accordò sull’esclusione degli italiani dalle case degli ambasciatori, perché se ne servivano « gli Oltramontani per imparare la lingua, e se bene io dissi di nuovo, che questo era scandalo, non hebbi poi altra risposta »41.

  • 42 Calendar of State Papers. Venice, XII, cit., p. 222.

16Da Londra, il 6 ottobre 1611 riepilogando le vicende di Giacomo Castelvetro, che avevano offerto il pretesto per una discussione sulle competenze e i privilegi degli ambasciatori, e sull’inviolabilità delle loro residenze, Antonio Foscarini, ambasciatore veneziano a Londra, ricorda al Senato e al doge che presso l’ambasciata veneziana lavorava un inglese cattolico come traduttore « who has regularly attended the church without anyone hindering him », come succedeva anche nell’ambasciata francese e spagnola42.

  • 43 J. I. Israel, The Dutch Republic, cit., p. 466. Si veda pure A. Zanelli, Di alcune controversie tra (...)
  • 44 G. Cozzi, Stato e Chiesa : vicende di confronto secolare, in Venezia e la Roma dei Papi, Milano, 19 (...)
  • 45 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, II, pp. 248-249.
  • 46 P. Sarpi, Opere, a cura di Gaetano e Luisa Cozzi, Milano-Napoli, Ricciardi, 1959, pp. 1212-1223 : 1 (...)

17Dal 1619 l’attenzione del nunzio, Sigismondo Donati, si concentrò sull’ambasciatore olandese, meno forte politicamente rispetto a quello inglese, tanto che il Senato sembrò accogliere le richieste presentate ; qualche anno più tardi malgrado le rassicurazioni e le promesse d’intervento, si stimava che circa trecento persone prendessero parte a quelle prediche, annunciate ancora con il suono delle campane per chiamare a raccolta. Dal 1619 l’alleanza tra Province Unite e Venezia serviva per allentare le tensioni nel clima di continui rovesciamenti di alleanze della guerra dei trent’anni43 e per uscire dall’isolamento in cui il papa cercava di chiudere la Repubblica44. Inoltre, nel luglio 1622, Gregorio XV riconfermò ed ampliò la bolla di Clemente VIII sui divieti per gli italiani di risiedere in terre eretiche e per gli eretici di dimorare nei territori cattolici45. Nel gennaio del 1623 Sarpi consegnava il suo consulto per sottolineare quanto la bolla fosse « di pregiudicio all’auttorità temporale »46.

  • 47 L. Pastor, Storia dei papi, XIII, Roma, Desclée, 1931, pp. 619 e sgg.
  • 48 ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 42I, dispaccio di Monsignor Zacchia del 28 gennaio 1623, f. 44r- (...)
  • 49 Ivi, dispaccio del 25 febbraio 1623, ff. 95v-96r.
  • 50 Ivi, f. 96r.
  • 51 Ivi, ff. 96v-97r.
  • 52 « Che io ero informato che in Francia era proibito l’andare a queste prediche in casa degl’Ambascia (...)
  • 53 « Et io in mostrare che il pericolo era evidente, et che non potevo quietarmi, se non si provedeva (...)
  • 54 Ivi, dispaccio del 2 aprile 1623, f. 149r.

18Quando nel 1623-24 – dopo la morte di Paolo Sarpi47 – si riaprì la questione, l’attenzione si concentrò quasi esclusivamente sull’ambasciatore olandese e sulla predica che si faceva in casa sua : « L’Ambasciatore d’Olanda residente qui, comincia a spargere il suo veleno, havendo dato principio a far predicare la Domenica mattina dal Ministro, che ha condotto seco, alle porte aperte, e con il suon della Campana per invitare le gente, che vi è concorsa in numero di circa 200 in 300 persone, huomini, e donne oltramontane, et qualche Italiano, i quali però si tiene, che non seguiteranno per non havere il Ministro la lingua Italiana, che se imparasse tenerebbe molti »48. In Senato risposero di non essere al corrente di una tale pratica, « ma che sia una licenza presasi dall’Ambasciatore, mostrano che mi possi capire nell’animo che una Republica Cattolica volesse permettere, che nel suo stato, anzi nella sua propria sede, et su gl’occhi suoi si erigesse la Catedra della pestilenza, et dell’empietà », senza tralasciare di « rappresentargli l’offesa di Dio, et lo scandalo di tutta la Christianità, et l’imminente pericolo d’infettare il proprio Stato, et introdurvi quelli disordini tutti, che porta seco la diversità della Religione, oltre alla perdita dell’honore, et reputazione della Republica, mentre andasse la fama per il Mondo, che in Venezia si predica l’Heresia ». In più battute il nunzio si lamentò della condotta dell’ambasciatore e della mancanza di intervento da parte delle autorità veneziane. Il 25 febbraio il procuratore Nani rispose che alla predica andavano solo i connazionali dell’ambasciatore, « che la Campana che suona è l’istessa, che serve per la famiglia ; et che non sarebbe espediente far questa nominazione di proibizione, poiché gli eretici farebbono l’istesso nei loro paesi con danno di quelli Cattolici, et massime che essendo questo Ambasciatore Olandese, persona discreta, et costumata, non farà cosa che possi offendere et che in somma le cose passeranno bene, et con mia soddisfazione »49. Non soddisfatto, il nunzio proseguì affermando « che degl’Italiani ero sicuro che ve n’erano stati, e che poteva timersi, che ve ne tornarebbono se il Predicante havesse imparato la lingua. Se bene speravo che la Repub.ca non l’haverebbe permesso, et poiché se si fosse venuto a questo, havrei giudicato in altro modo, et mi ci sarei fatto martirizzare »50. Tuttavia, della realtà del fatto il nunzio non dubitava : « Ma che degl’Heretici ero certissimo, che ve ne andavano in gran numero, huomini, e donne, con scandalo, e meraviglia de vicini, che in una città Cattolica si tolleri un’azione si publica, anco col farsi suonare la campana, se bene è quella della Casa, non senza grave pregiudizio della fede Cattolica, mentre si viene con questi modi a domesticar l’heresia, e levare quell’abborrimento che vi è tenuto »51. Non accettava neanche la clausola della reciprocità che vedeva spesso non applicata, ma aggiungeva che anche qualora lo fosse, non poteva essere messa sullo stesso piatto della bilancia la difesa dei cattolici che vivevano nei paesi protestanti con le sorti di uno Stato cattolico corroso dal suo interno dall’eresia52. Malgrado gli impegni presi, la predica continuava a svolgersi richiamando sempre un numero maggiore di persone53, tanto « che questi signori restavano molto meravigliati, poiché intendevano che non si predicava più in quella casa »54.

  • 55 Su Agucchi, si veda R. Zapperi, sub voce, in DBI, I, Roma, 1960, pp. 504-505.
  • 56 ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 44, dispaccio del 19 ottobre 1624, f. 775r.
  • 57 Ivi, dispaccio del 16 novembre 1624, f. 881r.

19La questione non era risolta ed infatti anche nel 1624 fu ripresa in considerazione nel settembre-ottobre dell’anno seguente : alle reiterate denunce del nuovo nunzio, Giovanni Battista Agucchi55, le autorità veneziane « contrapposero a ciò la libertà, che sieno l’ambasciatore veneto residente in Olanda, di ricevere in casa sua alla messa e alla predica non solo li stranieri, ma anche quelli del paese, con giovamento della religione cattolica il che se si fossero qui ristrette d’avvantaggio le cose si sarebbe perduto »56. Il nunzio cercò di conquistare spazi affermando « che ne’ tempi andati si sono tollerati degl’infedeli, e scismatici per ragioni del commercio, ma non si è mai comportata cosa, che potesse pregiudicare alla purità dell’istessa fede nostra, e che se pure si sono comportati degl’heretici persone private, e degli Ambasciatori heretici, non si è però mai permesso, se non a questi tempi, che habbiano fatto predicare l’heresia, et esercitare l’empietà nelle case loro, e tanto più col concorso d’altri al di fuori, perché oltre allo scandalo, si è voluto fuggire il pericolo evidente dell’altrui infettione »57.

  • 58 G. Cozzi, Paolo Sarpi tra Venezia e l’Europa, Torino, Einaudi, 1979.

20In questo scorcio di tempo preso in esame, che corrisponde più o meno al primo quarto del diciassettesimo secolo, la tendenza esplicitata dal nunzio a non intervenire in diverse questioni per farle rientrare nella sfera di competenza del Sant’Uffizio dimostra l’avvenuta esautorazione delle competenze « romane » su questioni che potevano riaprire le contese giurisdizionalistiche : Sarpi era morto nel 1623, ma la sua eredità restava ben salda, e con De Dominis e Sandys il messaggio irenico circolava per tutta Europa58.

Top of page

Annex

Nota alla presente edizione

La trascrizione del seguente brano, sulla base del testimone presumibilmente più tardo, ha seguito criteri conservativi, si sono soltanto sciolte le abbreviazioni al fine di rendere leggibile il testo. Si dà indicazione delle differenze rispetto al testo del codice Barberiniano latino 5195.

Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Barb. lat 5205 : « Raccolta di alcuni negotij e cause spettanti alla Santa Inquisizione nella città e Dominio Veneto dal principio di PP. Clemente VIII sino al presente mese di Luglio MDCXXV »

[24v] Capitolo X- Degl’Heretici59

In Venetia et in altre Città di quel Dominio dimorano Heretici sotto diverse cause e pretesti. Alcuni vi stanno come familiari et servitori degli Ambasciatori d’Inghilterra et Olanda ivi residenti. Altri vi alloggiano come soldati e loro Ministri.

Molti vi tengono domicilio continuo, et altri vi capitano alla giornata per ragione di traffico, e di mercantia tollerati. Alcuni ve ne sono [25r] di passaggio. E non pochi si trattengono in Padoa per occasione di studio de’ quali si tratta nel Capitolo che si fa dello Studio di Padova, et per poter meglio veder il tutto cominciaremo da quei d’Inghilterra, ed Olanda e diremo della Predica che si fa nelle lor case, seguitando poi degli altri conforme sono nominati di sopra.

Della Predica che si fa in Casa dell’Ambasciatore d’Inghilterra et d’Olanda heretici.

Risiedono in Venetia gli Ambasciatori d’Inghilterra e di Olanda heretici, e nelle case loro si fa l’essercitio della loro setta ; et ancorché non si sia mai voluto permetter qui la tolleranza dei Ministri, che conducono per questo effetto, ne anche ad instanza della Repubblica ad ogni modo si è continuato sempre d’essecrabil essercitio, et ultimamente era arrivato a segno che si sonavano Campane, si tenevano le porte aperte, e vi concorrevano genti d’ogni sorte sino le donne e putti.

Fino del 1604 si sentivano simili enormità che si facevano in casa dell’Ambasciatore d’Inghilterra, come avisa l’Inquisitor di Venetia60.

Nell’istesso tempo l’Ambasciatore Veneto non si sparagnò di far instanza al Papa acciò si tolerasse il Ministro in casa dell’Ambasciatore Olandese, e S. Santità riprendendolo, li rispose che servisse al Principe, accio in casa del medesimo Ambasciatore non vi andassero Oltramontani, ne altri eccetto quelli della fameglia, e volse che di ciò ne fossero accusati il Nuntio et il Patriarca come fu fatto a 30 di Ottobre 1604.

Et vigilandosi intorno a ciò si scrisse poco dopo al Nuntio, che avisasse gli andamenti [25v] di d. Ambasciatori ; rispose di Gennaio 1605 che egagli essercitij sod.i non andavano se non queli di Casa di detto Ambasciatore.

Si hebbe poi avviso che in Casa del d. Ambasciatore d’Inghilterra vi stavano un giovane Bresciano a suoi servitij, e che si continuava il Calvinismo, come per lettera de 6 di febraio 1606 fu ordinato al Nuntio nell’istesso tempo che procurasse la partita di detto giovane, e carcerasse quei che andavano a detta Predica fuori di quei di casa.

Del 1609 venne avviso che l’Ambasciatore d’Inghilterra haveva scritto al suo Re che in Venetia si trovavano 20m Protestanti, e che si facevano venire Ministri di Germania eretici. Di che fu di qua avisato il Nuntio con lettera de 2 Marzo dell’istesso anno acciò invigilasse.

Di Novembre pur del 1609 arrivò a Venetia nuovo Ambasciatore di Olanda, e fu ordinato al Nuntio che avertisse a quel che fosse per trattare in pregiudizio della fede.

Del 1611 essendo carcerato nel S. Offizio di Venetia Giacomo Castelvetro inquisito d’heresia, quei Clarissimi lo fecero scarcerare de fatto ad istanza dell’Ambasciatore d’Inghilterra, ne fu scritto al Nuntio a 23 Settembre 1611, ma non si fece altro perché non fu più trovato, essendo stato scarcerato con questo che havesse il bando da quel Dominio.

Del 1616 torna per Ambasciatore d’Inghilterra in Venetia il Conte di Orsone si scrive all’Inquisitore che invigili.

Del 1619 venne richiamo delle Prediche che si continuavan in casa del Barone Lemchestain Ambasciatore d’Olanda, e che vi andavano genti d’ogni sorte, fu scritto al Nuntio, il quale ne trattò, e riportò risposta [26r] dal Senato che non voleva vi andassero Catolici.

A 20 di Gennaio 1623 scrisse il Nuntio che alla Predica dell’Ambasciatore di Olanda vanno 300 persone con gli Italiani, e che quei Signori co’quali hà trattato hanno promesso di provederci.

A 18 d’Aprile aviso che la Predica continuava, e che il senato con il quale si havea di nuovo trattato, haveva risposto che credeva non si facesse più. E li fu ordinato che continuasse gli ufficij.

Con lettera de 3 di Giugno 1623 da conto d’haver trattato di nuovo per detta Predica, ma in danno per ritrovarsi in Collegio soggetti favorevoli di detto Ambasciatore e che fratanto si continuava ogni Domenica col sonar prima la Campanella61.

Con lettera de 24 febraio serve per li suoi officij che mandato il Senato ad osservare quei che vanno a detta Predica, e spera che sia per pigliarsi qualche risolutione.

Con lettera de 16 Marzo che si è sminuito il numero di quei che vanno a detta Predica, e che non si sente altro che il suono di un piccolo Campanello che l’Ambasciatore si è doluto con esso Nuntio dicendo di fare gli essercitij con ogni modestia. Che non è possibile levarla affatto.

Dai Constituti di Giovanni Bosco Ginevrino convertito alla fede in Venetia, e poi sedotto da altri Ginevrini heretici, e condotto alla Predica in casa di detto Ambasciatore dove si fece anco la Cena, si cavò che vi andasse gran numero di genti, e perciò ne fu scritto al Nuntio il quale con lettere de 28 settembre 1614 responde non esser vero quel che ha deposto Gio. Bosco circa il numero delle persone, ancorché per la Cena fatta il giorno della Pentecoste vi fosse concorsa più gente dell’usato. Che da più mesi in qua si [26v] predica ogni 15 giorni, dove si predicava prima ogni Domenica che il numero con quei di casa non arriva a 60 o 70 compresevi sei, o sette donne. Che non si sona più Campanella di sorte alcuna. Che si era chiusa la Porta della sala, et anco delle scale. Che si è osservato che non vi vanno Oltramontani che siano62 cattolici et alla porta del Palazzo vi sta un putto. Et percio il Nuntio d. Ord.e di N. Signore commando la Pietà della Republica. Non essagerando poi il Nuntio questo negotio63 conforme alla relatione di Gio. Bosco64 per guadagnar d’avantaggio. Rispose il Senato la difficoltà di discernere li cattolici dagli Heretici, et la libertà dell’Ambasciatore Veneto in Olanda di ricevere alla Messa anche quei del paese65. Fu scritto al Nuntio, che s’intende che non è libero l’accesso de nationali in Olanda alla Messa dell’Ambasciatore Veneto, anzi che il re di Francia ha pattuito espressamente l’uso della nostra leg.e66 per i Franzesi che vanno in quelle parti, e che s’informasse della verità di questo particolare per valersene secondo la sua prudenza.

Con altre lettere de 1967 aggiunge il Nuntio haverli anche il Senato detto che si vorrà levar all’Ambasciatore d’Olanda l’essercitio della sua setta, sarà fatto il medesimo ai Cattolici in quelle parti con danno della Religione.

Alche si replicò che i termini non erano pari, e che s’intendeva non essere in Olanda così libero a Nationali l’accesso alla Messa e funtioni Catholiche in casa dell’Ambasciatore di Venetia, come si supponeva68.

Top of page

Notes

1 Si veda P. C. Ioly Zorattini, Ebrei e nuovi cristiani fra due inquisizioni : il Sant’Uffizio di Venezia e quello di Pisa, in L’Inquisizione e gli ebrei in Italia, a cura di M. Luzzati, Roma-Bari, Laterza, 1994, pp.  233-250 : 238-239, oltre a Processi del S. Uffizio di Venezia contro Ebrei e giudaizzanti, a cura di P. C. Ioly Zorattini, 10 voll., Firenze, Olschki, 1980-1992.

2 Sulla condizione dei greci ortodossi, si rimanda a G. Fedalto, Ricerche storiche sulla posizione giuridica ed ecclesiastica dei Greci a Venezia nei secoli XV e XVI, Firenze, Olschki, 1967. Cfr. J. Martin, Venice’s Hidden Enemies. Italian Heretics in a Renaissance City, Los Angeles, University of California Press, 1993.

3 Rimando a quanto scritto in Un sondaggio sulla prassi cattolica del nicodemismo. « Che li scolari tedeschi si debbano tollerare a vivere luteranamente, in secreto però », « Bollettino della società di studi valdesi », in corso di pubblicazione.

4 Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana (d’ora in poi BAV), Barb. Lat. 5205 (non datato, ma si suppone della prima metà del Seicento), f. 24v-25r.

5 V. Frajese, Sarpi scettico. Stato e Chiesa a Venezia tra Cinque e Seicento, Bologna, Mulino, 1994, pp. 371-372.

6 Sulla politica di Clemente VIII, si veda P. Simoncelli, Clemente VIII e alcuni provvedimenti del Sant’Uffizio. De Italis habitantibus in partibus haereticorum, « Critica storica », XIII (1976), pp. 129-172 ; R. Mazzei, Itinera mercatorum. Circolazione di uomini e beni nell’Europa centro-orientale 1550-1650, Lucca, Pacini-Fazzi, 1999.

7 Risposta di Teodoro Eugenio di Famagosta, all’Aviso mandato fuori dal signore Antonio Quirino Senatore veneto, in Bologna, nella stampa archiepiscopale, MDCVI, p. 56.

8 Si veda l’acuta analisi dello scisma anglicano e della sua storia nella relazione di Nicolò Molin (1607) in Relazioni di ambasciatori veneti in Inghilterra, Venezia, Naratovich, 1863, pp. 52-54. Sul regno di Giacomo Stuart e sui suoi rapporti con Venezia, si rimanda a W. B. Patterson, King James VI and I and the Reunion of Christendom, Cambridge, Cambridge University Press, 2000 (1 ed. 1997), passim.

9 « Circa il particolare se il Signor Ambasciatore et altri della sua Corte, che sono catholici possono intervenire alla Messa, et altri divini Officij alla presenza della Consorte, e di altri notorij heretici, La Santità Sua è di parere che si toleri già che non sono nominatamente scommunicati, massime cessando lo scandalo ; et tutto a fine di non impedir la speranza, che si ha della conversione, De’Francesi heretici, ch’alloggiaranno col detto Signor Ambasciatore con occasione di venire in cotesta Città, si è considerato che il ricevimento si fa da esso Signor Ambasciatore per occasione di amicitia, et per il carico che tiene del suo Re et non per favorire gli heretici, et in ciò si possa usare tolleranza ». BAV, Barb. Lat. 1370, f. 300.

10 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, ed. by Logan Pearsall Smith, Oxford, Clarendon Press, 1907, I vol. , pp. 46 e sgg. Si veda Pastor, Storia dei Papi, XII, Roma, Desclée, 1930, pp. 145 e sgg.

11 Calendar of State Papers and Manuscripts. Venice, vol. X 1603-1607, ed. by H. F. Brown, London 1900, p. 186.

12 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, cit., p. 77.

13 « as he is the first that hath preached God’s Truth on this side the Alpes, since the main deformation thereof, so it hath pleased God also to bless his peregrination with the sight of this memorable and, I hope, eternal variance between the Pope and a neighbour State, upon the point of his authority; which, as it was built and conserved by ignorance, the great mistery of this Church, so being now called into examination and discourse, is likely by all human reason to lose much of that foolish reverence which maintained it ». Ivi, p. 363.

14 Si veda l’ancor utile saggio di G. Soranzo, Il P. Antonio Possevino e l’ambasciatore inglese a Venezia, « Aevum », VII (1933), pp. 385-422.

15 P. Comitoli, Trattato apologetico del monitorio della Santità di N. Sig. Papa Paolo Quinto, et delle censure in quello contenute, & publicate in Roma alli 17. d’Aprile 1606. contra il Doge, et Senato Veneto, in Bologna, appresso Gio. Battista Bellagamba, 1606, p. 75.

16 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, cit., p. 393. Cfr. State Papers, XI, cit., p. 7 : « that they allowed the English Ambassador to live as he liked in Venice ; that his house was thronged by nobles and others who went to hear sermons », dispaccio di Francesco Contarini, del 23 giugno 1607.

17 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, cit., p. 417. Si veda il ruolo svolto da Giovanni Francesco Biondi nella diffusione dei libri proibiti, G. Benzoni, Giovanni Francesco Biondi. Un avventuroso dalmata del ‘600, « Archivio Veneto », LXXX (1967), pp. 19-37 e la voce, sempre a cura di Benzoni, in DBI, 10, 1968, pp. 528-531.

18 Per il profilo del Gessi, si rimanda all’accuratissima voce di Simona Feci, in DBI, 53, 1999, pp. 474-477.

19 Si veda P. Savio, Il nunzio a Venezia dopo l’Interdetto, « Archivio Veneto », LVI-LVII (1955), pp. 55-110.

20 Città del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano (d’ora in poi ASV), Segreteria di Stato, Venezia, 38A, dispaccio del 12 aprile 1608, f. 158v.

21 Ivi, f. 159r.

22 Si vedano le osservazioni preoccupate di Guido Bentivoglio da Parigi, 27 febbraio 1619, Lettere diplomatiche, vol. II, Torino, 1853, pp. 95-96. Si veda inoltre la lettera di Jean Diodati a Philippe Du Plessis- Mornay dell’8 gennaio 1611, pubblicata in Registres de la Compagnie des pasteurs de Genève, tomo XI, Genève, Droz, 1993, pp. 218-220.

23 Ph. Duplessis, Mémoires et correspondance, X, Paris, 1824.

24 « L’Ambasciatore d’Inghilterra, è persona accorta per quanto intendo, e che non solo qui tratta i negotij publici, de quali credo, che ne abbi pochi, ma anco cerca avvantaggiare la sua setta, onde ho sempre temuto di questi ridotti con altre persone mal’affette, et ho anco cercato di sapere qualche cosa ma la verità, è che per molta diligenza non ho mai potuto intender che si faccino nei ridotti, ne lezioni, o assicurarmene, e saperlo da persona degna di fede, anzi di quelli che mi hanno promesso informarmene, mi è stato poi riferito, che egli non si raduna mai con Vineziani, ora con la secretezza, e nel modo che V.S. Ill.ma comanda io tenterò con ogni industria di scoprire quello che potrò, e del tutto darò poi conto ». ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 38A, relazione del 9 novembre 1608, f. 296r-v.

25 Ivi, dispaccio del 31 gennaio 1609, f. 337r.

26 Ivi, dispaccio del 29 febbraio 1609, f. 350r-v.

27 Ivi, relazione del 12 dicembre 1609, f. 513v.

28 ASV, Segreteria di Stato, Venezia 40, dispaccio del 27 giugno 1609, f. 188v.

29 A. Rotondò, Sul « Basilikon Doron » di Giacomo I Stuart, « Rivista storica italiana » LXXV (1963), pp.  869-881.

30 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, cit., p. 468-469. Si veda anche per un quadro d’insieme, E. De Mas, Sovranità politica e unità cristiana nel Seicento anglo-veneto, Ravenna, Longo, 1975, ad indicem. La questione del giuramento di fedeltà nei confronti del sovrano inglese ampliò il già effervescente dibattito sulla giurisdizione papale, a cui prese parte Bellarmino, ma anche il giurista Jacopo Antonio Marta, professore dell’università di Padova, che fu per qualche anno in corrispondenza con l’ambasciatore Carleton. Si veda F. De Paola, Il carteggio del napoletano Jacopo Antonio Marta con la corte d’Inghilterra (1611-1615), Lecce, Milella, 1984.

31 Calendar of State Papers, cit., 11, pp. 313 e sgg. ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 40, dispaccio del 24 ottobre 1609, f. 292r-v.

32 ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 40, dispaccio del 21 novembre 1609, f. 316v-317r. Si veda pure Calendar of State Papers, 11, cit., p. 283.

33 J. I. Israel, The Dutch Republic. Its Rise, Greatness and Fall, 1477-1806, Oxford, Oxford University Press, 1995, p. 405.

34 Wotton, lettera del dicembre 1622 a Sir George Calvert, The Life and Letters of Sir Henry Wotton, II, pp. 258-259. Si veda inoltre G. Cozzi, Il doge Nicolò Contarini, Venezia-Roma, 1958, ora in Id., Venezia barocca. Conflitti di uomini e idee nella crisi del Seicento veneziano, Venezia, Il cardo, 1995, pp. 1-245, passim.

35 Su Castelvetro, si veda L. Firpo, sub voce, in DBI, 22, Roma 1979, pp. 1-4 e G. Migliorato, Vicende e influssi di Giacomo Castelvetro (1546-1616) in Danimarca, « Critica storica », XIX (1982), pp. 243-296. Si vedano Calendar of State Papers. Venice, XII, ed. by H. F. Brown, London, 1905, pp. 204 e sgg.

36 Lettera di Sarpi a Francesco Castrino dell’agosto 1610. P. Sarpi, Lettere ai protestanti, a cura di M. D. Busnelli, II, Bari, Laterza, 1931, p. 96.

37 ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 42, dispaccio del 17 settembre 1611, f. 248r.

38 Ivi, f. 249r.

39 « Aggionsi che sebbene quest’huomo pratticava assai in Casa dell’Ambasciatore nondimeno non si poteva dire suo familiare, havendo particolare habitatione in Casa d’un Libraro, non era Inglese, né venuto da lui, e forsi era stata un’inventione il proporre la Patente di familiarità, e che fosse sul Rollo dell’Ambasciatore ma che ne anco una tale familiarità con detto Ambasciatore d’un Italiano gli doveva giovare, altrimenti saria stato una via di mantenere in Venetia gli heretici. Il Procurator Bembo rispose per tutti, che la Republica si era mossa a fare questa gratia all’Ambasciatore, perché il Re haveva fatti rilasciare molti prigioni, et anco Religiosi ad instanza de suoi Ambasciatori e specialmente gli aveva donato il Prete, che stava in Casa sua e publicava il libri contra il Re, et che si era aggiunto nel fare la gratia, che questo tristo quanto prima si partisse dallo Stato Veneto, et se bene io dipoi seguitai a dolermi con gl’istessi concetti, non mi fu più replicato altro, ma tengo però, che secondo il solito loro, riferiranno il mio ragionamento. Mi è riferito che il detto Castelvetro sia già partito di Venetia, ma non lo posso affermare per certo. Se piacerò a Nostro Signore dolersi di questo caso col signor Ambasciatore, io credo, che sarà bene, acciò per l’avvenire s’astenghino di fare simili gratie, et io in Collegio ne farò querela con grande efficacia ». Ivi, f. 249v-250r.

40 Ivi, f. 262r.

41 Ivi, f. 262v.

42 Calendar of State Papers. Venice, XII, cit., p. 222.

43 J. I. Israel, The Dutch Republic, cit., p. 466. Si veda pure A. Zanelli, Di alcune controversie tra la Repubblica di Venezia ed il Sant’Ufficio nei primi anni del pontificato di Urbano VIII (1624-1626), « Archivio Veneto », LIX (1929), pp. 186-235.

44 G. Cozzi, Stato e Chiesa : vicende di confronto secolare, in Venezia e la Roma dei Papi, Milano, 1987, ora in Id., Venezia barocca, cit., p. 278.

45 The Life and Letters of Sir Henry Wotton, II, pp. 248-249.

46 P. Sarpi, Opere, a cura di Gaetano e Luisa Cozzi, Milano-Napoli, Ricciardi, 1959, pp. 1212-1223 : 1221.

47 L. Pastor, Storia dei papi, XIII, Roma, Desclée, 1931, pp. 619 e sgg.

48 ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 42I, dispaccio di Monsignor Zacchia del 28 gennaio 1623, f. 44r-v.

49 Ivi, dispaccio del 25 febbraio 1623, ff. 95v-96r.

50 Ivi, f. 96r.

51 Ivi, ff. 96v-97r.

52 « Che io ero informato che in Francia era proibito l’andare a queste prediche in casa degl’Ambasciatori Cattolici, et di far predicare in Casa loro, ma che se bene essi lo permettessero, il caso non era pari, poiché in quelli Stati li Cattolici sono oppressi ne ha da fare cos’alcuna la pietà con l’impietà, ne la falsa loro religione con la nostra vera, ne si deve per aiutare quelli Cattolici, mettere a rischio d’introdurre l’heresia in questa Città, ed infettare il loro Stato, et l’altrui, sopra di che essendosi detti, et replicati diverse cose, con persistere esso Nani in dire che non vi era pericolo, e che haveva havuta sodisfazione. Et io in mostrare che il pericolo era evidente, et che non potevo quietarmi, se non si provedeva intieramente, dissi al fine, che haverei dato conto del tutto a Nostro Signore, come faccio a V.S. Ill.ma, et con un altra simil lettera alla Sacra Cong.e, acciò ponino con la loro somma prudenza risolvere quello, che dovrà farsi per levare questo scandalo, tenendo io che il continuare a dolersene così col Signor Ambasciatore Zeno, non possi se non giovare se egli farrò gl’officij che conviene per il rimedio, quale voglio pur sperare alla prudenza di questi Signori, quali finalmente non metter conto di scandalizzare i loro Sudditi, ne di metterli in diffidenza in materia di Religione », ivi, f. 97r-v.

53 « Et io in mostrare che il pericolo era evidente, et che non potevo quietarmi, se non si provedeva intieramente, dissi al fine, che haverei dato conto del tutto a Nostro Signore, come faccio a V.S. Ill.ma, et con un altra simil lettera alla Sacra Congregazione, acciò ponino con la loro somma prudenza risolvere quello, che dovrà farsi per levare questo scandalo, tenendo io che il continuare a dolersene così col Signor Ambasciatore Zeno, non possi se non giovare se egli farò gl’officij che conviene per il rimedio, quale voglio pur sperare alla prudenza di questi Signori, quali finalmente non metter conto di scandalizzare i loro Sudditi, ne di metterli in diffidenza in materia di Religione », ivi, f. 97v.

54 Ivi, dispaccio del 2 aprile 1623, f. 149r.

55 Su Agucchi, si veda R. Zapperi, sub voce, in DBI, I, Roma, 1960, pp. 504-505.

56 ASV, Segreteria di Stato, Venezia, 44, dispaccio del 19 ottobre 1624, f. 775r.

57 Ivi, dispaccio del 16 novembre 1624, f. 881r.

58 G. Cozzi, Paolo Sarpi tra Venezia e l’Europa, Torino, Einaudi, 1979.

59 BAV, Barb. lat. 5195, f. 83r e sgg.

60 « con lettera di 16 ottobre 1604 ». Ibidem.

61 « e che si è osservato che non vi vanno Italiani ». BAV, Barb. lat. 5195, f. 82v.

62 « siano o siano stati ». Ivi, f. 84v.

63 « in Senato ». Ivi, f. 85r.

64 « e che v’andavano donne, e facendo instanza che si carcerassero i Ginevrini seduttori di Gio. Bosco, che lo condussero alla detta Predica e Cena, ne riportò dal Senato parole generali come con lettera de 5 ottobre 1624. Con lettere di 24 di detto mese avvisa all’Ill.mo Signor Cardinal Barberino la risposta havuta dal Senato, che è la difficoltà di discernere ». Ivi, f. 85r-v.

65 « che non era tempo ancora di trattare di questo negocio per esser in Collegio gli autori della Lega con gli olandese, e fautori loro ». Ivi, f. 85v.

66 « della Religione Cattolica ». Ibidem.

67 « Con altre ricevute app. o d. 19 dell’istesso al Signor Cardinal Millino replica la Sodetta risposta havuta dal Senato, il quale… ». Ibidem.

68 « Soggiunse anche il Nuntio, che in quanto alli Ginevrini che si dovevano carcerare, havevano detto quei Signori che non si doveva prestar fede a Gio. Bosco, che haveva mancato dalla fede data a Dio, Con lettere di 16 di Novembre 1624 scrive haver trattato di nuovo in Collegio et haver havuto risposta che si era considerato il tutto, come si faria di nuovo ».

Top of page

References

Electronic reference

Michaela Valente, « Le campane della propaganda : rapporti di reciprocità e conflitto giurisdizionale a Venezia tra Cinque e Seicento », Laboratoire italien [Online], 3 | 2002, Online since 07 July 2011, connection on 28 March 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/369 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.369

Top of page

About the author

Michaela Valente

Michaela Valente est attachée de recherche dans le département d’histoire moderne de la faculté de Sciences politiques de l’Université « La Sapienza » de Rome. Elle s’est occupée de Bodin démonologue et prépare actuellement une monographie sur Johann Wier. Elle a publié Bodin in Italia. La « Démonomanie des sorciers » e le vicende della sua traduzione (Firenze, 1999) ansi que différents essais sur l’inquisition.

By this author

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page