Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Le peuple. Formation d'un sujet politique

Attualità conservativa della « ragion di Stato » : il governo dei popoli tra crisi della decisione sovrana e razionalità governamentale

Gianfranco Borrelli
p. 127-140

Full text

1La ripresa, in misura davvero considerevole a partire dalla metà degli anni Ottanta, dell’interesse della comunità scientifica per la categoria di ragion di Stato ha consentito una reale crescita di conoscenza per autori e testi ancora poco studiati e, contestualmente, ha reso possibile la elaborazione di nuove interpretazioni per questa categoria che agisce negli snodi vitali della cultura politica occidentale. Colpisce, in effetti, in questo ultimo recente periodo, il numero davvero rilevante delle scritture e delle occasioni di dibattito dedicate ai temi della ragion di Stato. Certamente restano ancora da spiegare le motivazioni più interne di questo rinnovato impegno di ricerca. Sicuramente, un riferimento determinato da ipotizzare è costitutito dalle difficoltà crescenti in tutti i paesi in cui storicamente si sono esercitati gli sforzi della cosiddetta ragione politica moderna : innanzitutto, l’estensione degli antagonismi sul piano mondiale e le sofferenze della produzione di comando politico emerse nel funzionamento degli Stati nazionali durante l’ultimo secolo. Di qui certamente derivano gli orientamenti di esplicita conservazione nelle politiche istituzionali delle democrazie occidentali, nella sostanza incapaci di adattamenti innovativi rispetto a fenomeni di enorme rilievo sociale : l’accelerazione dei processi legati alla mondializzazione dell’economia ed all’utilizzo delle nuove tecnologie che tende a spiazzare la funzione centrale della politica ; la destrutturazione degli equilibri funzionali dei poteri di classi sociali e corpi di interessi fino a ieri compatibili, ma ora soggetti a rapida trasformazione e decomposizione ; i flussi migratori di massa, trasversali in tutte le aree occidentali e potenzialmente destrutturanti degli assetti dei poteri realizzati nelle singole aree. Tali emergenze accrescono l’attenzione per il complesso dispositivo di comando/obbedienza — che riferiamo all’ambito di produzione della ragion di Stato — rivelatosi in grado di superare il crinale della grande crisi europea tra fine Cinquecento e metà Seicento grazie a quelle dimostrate capacità di garantire decisioni politiche, di organizzare l’esercizio della forza e, soprattutto, di produrre una valida disciplina per soggetti e corpi percorsi dalle novità e dalle veloci trasformazioni dei ruoli e dei poteri fino a quella epoca sedimentati.

2La ricerca sin qui condotta dagli specialisti dell’arte prudenziale della ragion di Stato può quindi arricchirsi di ulteriori problematizzazioni, da riferire questa volta direttamente al piano della attualità ; in questo caso, si rende forse possibile leggere la storia di pratiche e discorsi del passato in controluce rispetto alla accelerata decostruzione vissuta oggi dalla politica, intesa come complesso di procedure e di istituzioni che legittimano la produzione d’autorità. Da una parte, allora, l’affinamento di una indagine di tipo genealogico finalizzata a cogliere in profondità modi e procedure realizzate da quella modalità conservativa nel governo dei popoli : dall’altra, l’interrogazione sulle trasformazioni che quell’insieme di dispositivi presenta nella nostra epoca, nel periodo in cui diventa sempre più urgente per quanti intendano rimediare al declino del potere specificamente politico — a fronte del disfunzionamento dell’ordinamento politico-giuridico della sovranità — garantire comunque processi costruttivi di razionalità governamentale.

31. Nella storia europea — a partire dalla fine del Cinquecento — i processi di concentrazione del comando politico riassumono nella locuzione « ragion di Stato » l’insieme dei percorsi che contribuiscono potentemente alla produzione di ordine politico e di sicurezza sociale nei secoli successivi fino all’età contemporanea : la presenza dei dispositivi del governo prudenziale rimane certamente ancora attiva nella storia politica dell’occidente, per quanto inseriti via via nel sistema delle procedure del governo rappresentativo e della divisione tra potere legislativo e potere esecutivo. In realtà, già nei risultati del convegno organizzato da Roman Schnür a Tübingen nel 1974 venivano ampiamente argomentate insufficienze e limiti delle interpretazioni novecentesche a partire dal lavoro di Friedrich Meinecke dedicato alla ricostruzione dell’Idea della ragion di Stato nella storia moderna come concentrato di potenza politica, Machtpolitik, da riferire criticamente all’eterno drammatico conflitto di morale e politica.

4Su un altro versante, gli importanti studi dedicati agli autori ed ai testi della fase fondativa della ragion di Stato in Italia — basti qui riferire i nomi di Rodolfo De Mattei e di Luigi Firpo, ma la produzione di studi per questa sola area è davvero enorme — hanno sicuramente contribuito ad aprire la strada alle più recenti acquisizioni critiche. Ed, in effetti, volendo mettere a fuoco questa categoria — la cui prima origine è nella capacità di invenzione e di elaborazione proprie della cultura politica italiana — si può fare riferimento ad un corpo compatto di scritture sufficientemente indagato e commentato dagli studiosi, che dall’anno della prima pubblicazione dell’importante scritto di sistemazione teorica di Giovanni Botero (Della Ragion di Stato, 1589) arriva in Italia almeno fino alla metà del Seicento. In effetti, il primo importante riferimento storico per questa importante elaborazione teorico-politica di ragion di Stato è quello relativo alle condizioni specifiche degli Stati italiani impegnati già a metà del Cinquecento nell’opera di riconversione conservativa dell’accumulo economico-finanziario, del patrimonio artistico e della cultura politica di provenienza rinascimentale. A tale proposito la trattatistica della ragion di Stato deve essere a monte collegata agli scritti di storia e di politica di Francesco Guicciardini. Inoltre, queste scritture possono essere considerate con buone argomentazioni il compimento della importante produzione dell’altro genere di trattatistica dedicata alla cosiddetta civil conversazione, i cui autori più significativi sono notoriamente Baldassarre Castiglione, Giovanni Della Casa e Stefano Guazzo. L’altro decisivo contesto cui riferire i primi passi dell’argomentazione autonoma per ragion di Stato è quello della storia interna alla chiesa di Roma a fine Cinquecento. Si tratta delle specifiche ragioni della Chiesa : locuzione attraverso la quale si vuole operare un riferimento diretto e circoscritto alle vicende della curia romana degli ultimi decenni del Cinquecento, da un aparte, impegnata nei difficili passaggi relativi all’accentramento crescente del potere papale, alla ristrutturazione delle gerarchie interne, quindi alle manovre della Congregazione del Sant’Ufficio nei confronti della giurisdizione episcopale e degli ordini religiosi ; dall’altra, attenta a salvaguardare la propria autorità sul piano dei rapporti tra gli Stati, pure contraddetta dai conflitti interni tra le parti filospagnole e quelle filofrancesi. In questo quadro, la riflessione cattolica applicata alla politica rimane finalizzata ad un duplice obiettivo, come dimostrano esemplarmente gli scritti — pubblicati nell’ultimo decennio del secolo — dal gesuita Antonio Possevino, dall’oratoriano Tommaso Bozio e da Fabio Albergati : da una parte, apprendere ad utilizzare quella funzione autonoma della risorsa politica, così come rimaneva iscritta nella riflessione e nella pratica della politica che si richiama a Machiavelli, neutralizzando però al contempo la forte carica innovativa in essa contenuta ; contemporaneamente, combattere quella modalità completamente nuova — che si stava diffondendo con successo in terra francese — di pensare e di praticare il governo politico secondo il modello del sistema giuridico-politico della sovranità assoluta proposto da Bodin e sostenuto nella lotta che i politiques portavano ai liguers.

5Le novità proposte dal programma, teorico e pratico, della trattatistica della ragion di Stato sono quasi tutte incluse nell’opera di Giovanni Botero, a partire appunto dal suo principale scritto sulla Ragion di Stato, dedicato centralmente a determinare i modi grazie ai quali i popoli si sottomettono volentieri ai principi ed anche a spiegare le motivazioni per cui gli uomini affidano il governo di se stessi ad altri. Conviene allora sintetizzare gli elementi principali di questo progetto : intanto, l’esperienza e il dato conoscitivo della notizia costituiscono il punto di partenza della costruzione boteriana ; per il maneggio del governo, la prudenza esalta la via conoscitiva dell’esperienza. Prudenza politica è ars practica : il principe deve vivere direttamente l’azione politica e deve potere contare sulla approfondita notizia delle cose e delle pratiche di governo. La conoscenza per via d’esperienza sembra allora indicare che la notizia di tutti i tempi utili è davvero la condizione prima attraverso cui il principe cerca di interpretare e di fissare in codici conoscitivi i tempi individuali dell’esperienza umana. L’uomo di governo deve esercitarsi ad intervenire con modalità e tempi appropriati nell’applicazione delle necessarie tecniche, incluse quelle di dissimulazione : di qui la necessità della codificazione dei dispositivi tecnici, dei cosiddetti capi di prudenza (Della Ragion di Stato, II, vi).

6Per potere conseguire tale capacità decisionale tramite prudenza politica, il principe deve contribuire a produrre ogni sorta di quei saperi utili al comando. Di questi saperi governamentali — che vanno dalla geografia alla agricoltura, dall’urbanistica alla demografia, dalla statistica all’arte militare — Botero offre un importantissimo saggio nelle Relazioni universali, opera che ebbe un successo enorme in tutta Europa e che deve essere immediatamente affiancata al libro sulla Ragion di Stato, per potere intendere il complesso del progetto boteriano. Il governo prudente persegue, allora, una organizzazione della vita della città in cui abbiano pieno riconoscimento le rationes interessate e gli artifici idonei alla disciplina politica ed alla obbedienza civile : ed in realtà, in questa comunità politica certamente non più naturale, « ragion di Stato è poco altro che ragion di interesse » ; in modo coerente, Botero collega alla funzione del governo le tecniche del lavoro e dell’industria, che esaltano la produzione artificiale degli individui. Ecco allora che la prudenza politica attiva dinamiche di comunicazione e di mediazione per interessi privati di soggetti e di corpi diversi, che si cerca di tradurre in interessi pubblici politici, convergenti con le generali finalità conservative delle condizioni di potere esistenti. In un significativo passo del saggio su I capitani, dedicato al duca Carlo Emanuele, così Botero si esprime : « invero tra tutte le opere di prudenza civile non ve n’è alcuna più commendabile, che quella con la quale gl’interessi privati co’ pubblici si congiungono ». Ancora, l’autorità politica riconosce una gerarchia differenziata di poteri, costituita dai corpi aristocratici e da alcuni strati del popolo che possono contribuire alla conservazione della situazione di comando esistente. Per questi aspetti, la ragion di Stato prudenziale crea un riferimento positivo alla articolazione dei corpi costituiti sulla base di interessi mezzani : infatti, assumendo in partenza che i mezzani sono « ordinariamente i più quieti e facili a governare », il principe dovrà poi procedere nei confronti dei ceti che hanno notevoli privilegi da conservare e da promuovere nello Stato, adottando le misure idonee per ridurre l’ambizione e l’autorità dei più potenti (Ragion di Stato, IV, iii-vi). Per quanto riguarda i poveri, pericolosi alla quiete pubblica poiché non hanno interessi da salvaguardare, « deve dunque il re assicurarsi di costoro, il che farà in due maniere, o cacciandoli dal suo Stato, o interessandoli nella quiete di esso ». Il principe dovrà predisporre, quindi, tutti i percorsi resi possibili ai sudditi per l’attuazione di una gerarchia di riputationi, attraverso la quale individui e corpi possano attuare positivamente i propri interessi, in questa maniera contribuendo alla conservazione dei poteri in campo.

7In sintesi, la proposta boteriana di ragion di Stato consiste delle funzioni poste in essere dalla prudenza politica : questa è l’elemento essenziale e propulsivo della politica, attività che tende a rendersi autonoma da tutte le altre sfere (private, cetuali, morali, religiose). Ragion di Stato consiste infatti nelle tecniche dinamicamente poste in essere dalle capacità prudenziali che mirano a razionalizzare al massimo le potenzialità del comando soggettivo che deve essere in grado di coinvolgere il numero più ampio di individui e corpi sociali nella dinamica produttiva dei poteri finalizzati alla conservazione dell’ordine esistente. Da una parte, il soggetto di comando riconosce che gli antagonismi sul piano interno allo Stato e su quello interstatuale sono permanenti e nel complesso irrimediabili : insieme, la principale finalità della conservazione politica, del non fare novità, risulta quella di riconvertire in termini di pace e di stabilità la guerra permanente, gli antagonismi originari nei diversi contesti in cui essa viene applicandosi. Ragion di Stato è, in definitiva, un complesso dispositivo di produzione del rapporto di comando/obbedienza : da una parte, sui periodi brevi, il principe interviene con le tecniche determinate della decisione politica — peraltro codificate nelle scritture — a seconda delle circostanze particolari e nei tempi idonei all’applicazione ; insieme, sulla durata media e lunga, lo stesso soggetto del comando deve porre in esecuzione tutti i dispositivi efficaci a produrre ordine e disciplina, partendo dall’assicurazione materiale della vita dei sudditi, grazie ai divertimenti del popolo attraverso giochi e premi, fino alla cura della interiore salvezza spirituale. La dinamica di conservazione richiede allora preliminarmente capacità di autodisciplina da parte di chi governa, ma anche da parte dei soggetti/corpi governati : essa deve garantire la produzione di poteri alle parti diverse della comunità ; paradossalmente — ma qui l’interpretazione foucaultiana è di diretto richiamo — questa produzione consensuale dei poteri richiede libertà di azione per quanti vi partecipano ; nei casi estremi di difficoltà, il soggetto di comando che vedrà impedita la fluidità del congegno di produzione di comando/obbedienza applicherà per necessità la forza : questa deve rimanere sempre pronta, strutturata ed esibita normalmente.

8Nei cinquanta anni che seguono alla pubblicazione della proposta boteriana, il dibattito e il confronto tra scritture sicuramente diverse fanno emergere la costruzione di un programma di discorsi e di dispositivi tecnici effettivamente originale : questo programma conservativo si applica alle condizioni particolari dei poteri esistenti nei singoli stati italiani, viene costruito attraverso il confronto tra situazioni storiche diverse ed esperienze scritturali pure differenti, messo a punto grazie ad un metodo che è stato definito sperimentale. La trattatistica della ragion di Stato — per il periodo preso in esame — è costituita da un numero considerevolissimo di interventi e presenta argomentazioni fortemente differenziate di intendere la conservazione e le prescrizioni idonee all’applicazione dei codici tecnici conservativi : in effetti, esistono diverse ragioni dello Stato. Peraltro, in termini di bilancio, a metà del Seicento cessa in Italia il dibattito strutturato e fondativo sulla ragion di Stato : più precisamente, terminano le fasi della ricerca teorica e della verifica sperimentale per l’impianto di questa modalità di concepire e praticare la politica. Intanto, attraverso un sapere cumulativo, formatosi grazie al confronto di discorsi e pratiche di governo nelle diverse situazioni regionali, a partire dalla seconda metà del Cinquecento, si è andata via via condensando una parte importante della cultura italiana della conservazione politica.

92. Da questo punto in poi, a partire dalla metà del Seicento, la storia della ragion di Stato si confronta con pratiche e discorsi provenienti dal lato dei laboratori europei che congetturano e producono percorsi di sovranità nazionali, vale a dire concentrazione del potere politico e produzione della razionalizzazione di governo sotto la forma principale degli ordinamenti politico-giuridici. In Francia lo sviluppo di discorsi e pratiche di ragion di Stato è ampiamente documentato ; intanto, Richelieu ne espone nel Testament politique i criteri ispiratori : allorquando scrive che « la raison doit être la règle et la conduite d’un État » egli fa esplicito riferimento alla necessità di applicare le tecniche prudenziali secondo i tempi determinati della douceur, di spingere all’obbedienza gli uomini attraverso la persuasione e il riconoscimento ragionevole degli interessi delle parti ; ecco allora la norma principale del governo prudenziale : « négocier sans cesse, ouvertement ou secrètement, en tout lieux ». Le annotazioni di Mazzarino — nel Breviarium politicorum — perseguono la esplicita finalità di descrivere a vantaggio degli addetti al lavoro le modalità dell’impiego proficuo del sistema del segreto nelle faccende della politica in questa realtà ormai sdoppiata : bisogna innanzitutto fare in modo che chi detenga il comando possa decidere dell’inclusione oppure dell’esclusione per il soggetto che intende accedere nel territorio suo proprio, nei segreti di Stato.

10Altre modalità di razionalità governamentale — che sono sicuramente prossime ai dispositivi di tipo prudenziale — sono quelle suggerite in Francia negli scritti di Montchrestien : il governo politico deve prendersi cura della vita complessiva dei cittadini, del loro lavoro e del loro benessere. Alla base dei rapporti tra governati e governanti bisogna allora favorire una rete determinata di scambi : gli individui sono liberi di operare per il proprio arricchimento, mentre il principe guadagna consenso ed offre forma gerarchica ordinata alla gamma varia dei poteri. Nell’area francese, come termine di mediazione e di sviluppo delle pratiche di sovranità, la politica tende decisamente a diventare police, tecnica di conduzione della popolazione nel suo complesso, la cui finalità è appunto la conservazione del potere e del benessere comune. In questo caso, il sovrano — al fine di spingere gli individui a perseguire i propri interessi — deve favorire la produzione di saperi tecnici, amministrativi ed economici, adeguati.

11Per quanto concerne i paesi dell’area germanica — come ha ricostruito Michael Stolleis — a partire dalla fine della guerra dei Trent’anni, ed in particolare dall’opera di Conring del 1640, prende avvio una copiosa letteratura dedicata ai temi della ragion di Stato. Ancora in questo caso, troviamo l’attenzione alla codificazione dei dispositivi di governo, con l’accento posto sui problemi delle tecniche amministrative finalizzate alla gestione governamentale del popolo : di qui la proposizione di una copiosa produzione di saperi che si condensa intorno alla scienza di Polizia (Polizeiwissenschaft) e al cameralismo.

12Ancora interessante il caso dell’Inghilterra, dove all’uso limitato nella prima metà del Seicento della locuzione di ragion di Stato alle condizioni di esercizio della prerogativa assoluta da parte del sovrano, viene via via sostituendosi — a partire dalla metà del secolo, nelle scritture ma anche nei discorsi propriamente politici — una elaborazione che affianca temi e prospettive prudenziali ai percorsi della sovranità parlamentare. È innanzitutto Henry Parker ad argomentare una organizzazione del potere politico che si fondi sia sull’esercizio ordinario fissato dai termini della Common Law, sia su pratiche straordinarie di deroga — di cui pure il Parlamento deve prendere responsabilità — in modo da consentire sicurezza e benessere per la popolazione. James Harrington, da parte sua, — nel System of Politics — definisce il compito della ragion di Stato come pratica corrente dell’amministrazione degli interessi dello Stato al fine di garantire il giusto equilibrio tra produzione/distribuzione della ricchezza e forma specifica del governo. La finalità esplicita è quella della conservazione della organizzazione statuale : amministrare — ancora in questo caso — significa dovere ammettere sia l’esercizio del potere politico ordinario sia l’applicazione di dispositivi prudenziali straordinari. Ma ancora George Savile, marchese di Halifax, espone la sua concezione del politico Trimmer, opportunista, come la figura del governante che è capace di coniugare una serie di prerogative di comando con gli sviluppi ordinari delle leggi civili. Informazioni e conoscenze di ogni tipo, simulazioni, segreti, sono i criteri di composizione di saperi fortemente pragmatici utilizzati da ministri, ambasciatori, spie, al fine della conservazione dei poteri dati.

13Questi brevissimi accenni solamente per restituire uno degli snodi centrali — storico e teorico — delle ricerche sulla categoria di ragion di Stato : il problema del confronto tra questa modalità prudenziale di concepire e praticare la politica con gli sviluppi storici che porteranno all’affermazione in Europa, a partire dal Settecento, dell’ordinamento giuridico-politico della sovranità. Su questo punto si tratta di ricostruire i complessi rapporti, di conflitto ma anche di complementarietà, che si verranno via via affermandosi tra le parti che caratterizzano la produzione dei poteri politici di comando nella storia europea, ed in particolare tra procedure proprie degli ordinamenti di sovranità, che sfoceranno nella costruzione degli apparati di decisione e di governo dello Stato di diritto e le modalità proprie governamentali delle procedure di ragion di Stato. Su questo punto conviene esplicitamente Foucault : nelle lezioni dedicate alla nascita della biopolitica (del gennaio 1979) in cui viene approfondito il tema delle pratiche governamentali della ragion di Stato a fronte del modello liberale dello Stato di diritto, viene argomentato che si tratta di « due sistemi separati, estranei, incompatibili, ma che ci sono due procedure, due coerenze, due maniere di fare eterogenee e bisogna ben ricordarsi che l’eterogeneità non è mai principio di esclusione e non impedisce né la coincidenza, né la congiunzione, né la connessione ».

14Police, Polizeiwissenschaft, policy : queste modalità di istruire un’autorità di comando ed una relativa condizione di obbedienza da parte del popolo presuppongono una attiva capacità di autogoverno sia da parte del soggetto di comando, sia da parte dei soggetti e dei corpi che aderiscono alle dinamiche della produzione dei poteri convergenti nell’ordine civile. Vale a dire che, nel contesto degli antagonismi comunemente riconosciuti, le parti diverse contribuiscono con modalità autonome ed asimmetriche alla produzione ed alla circolazione dei poteri : addirittura procurando di limitare — quindi autolimitare — il carico eccessivo della ragione politica che vuole sottoporre tutto a regolamentazione, magari sotto la forma tecnico-giuridica. Disciplina del sé e del corpo fisico come necessario preliminare ripiegarsi dell’individuo verso l’interno da parte del principe e dei sudditi ; produrre, quindi, comportamenti e codici di comportamenti di autodisciplina : la dinamica conservazione politica dell’ordine esistente si realizza grazie alla produzione di saperi governamentali ed a forme diffuse di autorappresentazione della propria capacità di produrre poteri, garantendo pure elementi diffusi di mobilità sociale e di incremento economico. In breve, gli elementi diffusi dell’arte prudenziale — che producono grazie alle codificazioni interiorizzate di saperi e di tecniche di ragion di Stato — intervengono attivamente in quegli ambiti della soggettività del comando e dell’obbedienza laddove può intervenire poco o per niente la rigidità del modello giuridico-politico della sovranità. Oltre questo, a fronte dei pericoli dell’interruzione del programma conservativo, solamente l’esercizio della forza armata.

153. La marcia trionfale del costituzionalismo — nella forma particolare che assume a seguito degli eventi rivoluzionari francesi — assimila poco alla volta all’interno del sistema rappresentativo questa modalità elastica dell’arte prudenziale ; tale processo viene spiegato con la consueta lucidità dalla mente teorica del processo rappresentativo nelle modalità in cui esso viene attuandosi in Francia, Emmanuel Sieyès :

crediamo di potere dimostrare che chiunque eserciti un potere pubblico anche nell’ambito dell’esecutivo è inevitabilmente rappresentante del popolo... Il rappresentante del corpo legislativo ha la volontà della nazione, il giudice ha la volontà della nazione, tutti, fino al funzionario che esercita la più piccola autorità hanno un volere che è loro proprio. Ogni giorno sono incaricati di volere per il popolo, gli uni in base alla legge positiva, gli altri in base alla legge naturale e alla ragion di Stato. In questo senso, sono tutti mandatari del popolo e non sono incaricati di una volontà particolare alle loro funzioni.

16Sieyès collega, intanto, le funzioni della ragion di Stato alle funzioni di ciascun rappresentante del popolo che venga a far parte della macchina statale, che venga a svolgere anche la più modesta funzione d’autorità all’interno della grande impresa pubblica costituita dallo Stato rappresentativo. Da una parte, viene quindi certamente limitata dall’ordinamento dello Stato di diritto l’incidenza autonoma dei congegni conservativi che intendano valere come modalità autonoma di produzione di potere politico ; insieme, tutti i codici autoritativi che riguardano i percorsi di soggettività — per governanti e governati —, gli elementi di discrezionalità, le regole per i comportamenti di obbedienza, i dispositivi di segretezza per gli interessi comuni : tutto questo viene chiamato a costituire quella parte propria degli apparati statali finalizzati a regolamentare i rapporti con le potenze straniere, alla produzione di diffusa ricchezza, a costituire le norme istituzionali per i cittadini nella produzione di disciplina dei saperi individuali e nella stessa disciplina dei corpi (vale a dire : diplomazia, lavori pubblici, istruzione e sanità). Comincia il percorso difficile del riferimento obbligatorio dei dispositivi — effettivamente elastici e dinamici — dell’arte prudenziale dell’autodisciplina dei soggetti, governanti e governati, al dettato normativo del potere costituito : sia esso potere legislativo oppure potere esecutivo di governo.

17L’ordinamento politico-giuridico — quello proprio dello Stato-Nazione organizzato per sovranità — cerca di fare valere in concreto la propria astratta (ma concreta) superiorità rispetto ai percorsi di libertà dei singoli cittadini. Queste libertà debbono potere significare la produzione di poteri diffusi — ed asimmetrici — in una sfera sociale distinta dallo spazio dell’esercizio del comando : a parte, in maniera funzionalmente separata, esiste un tipo di potere prevalente, quello di tipo politico — prodotto per via rappresentativa — che deve essere posto a riferimento centrale delle decisioni assunte dalla maggioranza dei cittadini, che si configura innanzitutto come capacità di produzione legislativa e quindi come capacità resa autonoma di esecuzione della decisione.

18Contro questa forma particolare di potere politico Marx eserciterà la propria critica radicale nel Manifesto :

Quando le differenze di classe saranno scomparse nel corso dell’evoluzione, e tutta la produzione sarà concentrata in mano agli individui associati, il pubblico potere perderà il suo carattere politico (« so verliert die öffentliche Gewalt den politischen Charakter »). In senso proprio, il potere politico (« die politische Gewalt ») è il potere di una classe organizzato per opprimerne un’altra.

19Fin dal 1843, Marx aveva operato — attraverso il commento serrato dei paragrafi della Rechtsphilosophie — una critica determinata della nozione hegeliana di Stato, ponendo l’accento sulla perversione del potere legislativo snaturato della sua funzione democratica. In quelle acutissime riflessioni, Marx afferma dapprima la centralità del potere legislativo in quanto principale mediazione dell’introduzione della novità politica ; il potere legislativo viene tuttavia considerato strumento intrinsecamente contradditorio, in quanto funzione legislativa reale contrapposta alla funzione rappresentativa, politico-astratta, ed alla stessa costituzione :

Il potere legislativo è il potere di organizzare l’universale. Esso è il potere della costituzione. Esso oltrepassa la costituzione. Ma, d’altra parte, il potere legislativo è un potere costituzionale. È dunque compreso nella costituzione. La costituzione è legge per il potere legislativo. Essa ha dato delle leggi al potere legislativo e gliene dà continuamente. Il potere legislativo è potere legislativo soltanto nella costituzione, e la costituzione sarebbe hors de loi se fosse fuori del potere legislativo. Voilà la collision [...]. O c’è separazione di Stato politico e società civile, e allora non possono partecipare tutti singolarmente al potere legislativo : lo Stato politico è un’esistenza separata dalla società civile... O viceversa : la società civile è società politica reale. E allora è un nonsenso porre un’istanza che consegue unicamente dalla concezione dello Stato politico come esistenza separata dalla società civile, un’istanza che scaturisce soltanto dalla rappresentazione teologica dello Stato politico. Nel caso presente scompare totalmente il significato del potere legislativo come potere rappresentativo.

20Seguendo la traccia della critica alla concezione hegeliana dello Stato, Marx consegue risultati di grande rilievo critico che non si possono sinteticamente ripercorrere; l’ultimo punto che comunque conviene qui riportare è l’attenzione che Marx assegna ancora ad un’altra contraddizione che emerge dai testi hegeliani — anche questa direttamente rispondente alle condizioni effettive di funzionamento dello Stato moderno —, il conflitto tra potere legislativo e potere governativo:

Il potere legislativo ha fatto la Rivoluzione francese ; esso, là dove ha dominato nella sua specialità, ha fatto, in genere, le grandi rivoluzioni organiche generali ; esso non ha combattuto la costituzione, ma una particolare costituzione antiquata, precisamente perché il potere legislativo è stato il rappresentante del popolo, della volontà generale. Per contro il potere governativo ha fatto le piccole rivoluzioni, le rivoluzioni retrograde, le reazioni ; esso non ha fatto la rivoluzione per una nuova costituzione contro una invecchiata, ma contro la costituzione, precisamente perché il potere governativo è stato il rapresentante della volontà particolare, soggettiva, della parte magica della volontà [...]. Poiché Hegel ha già rivendicato alla sfera della società civile il potere della « polizia » e il « potere giudiziario », il potere governativo non è nient’altro che l’amministrazione, ch’egli sviluppa come « burocrazia » [...]. Nel potere governativo abbiamo sempre due cose : l’azione reale e la ragion di Stato di questa azione, come un’altra coscienza reale che, nella sua totale struttura, è la burocrazia.

21Da una parte, in accordo con Tocqueville — che aveva già richiamato le preoccupazioni di Jefferson —, Marx segnala i pericoli posti nell’esercizio del potere legislativo in quanto funzione che sancisce la realtà separata della società civile : per questa via, lo Stato politico può portare al dispotismo di una parte della nazione che riesce a conquistare per via elettorale la maggioranza dei consensi ; inoltre, viene analizzata e denunciata la funzione del potere governativo/esecutivo, assimilato alle funzioni proprie della ragion di Stato. È questo l’annuncio della crisi permanente che attraversa il parlamentarismo di tipo rappresentativo : da una parte, le difficoltà ad attivare un congegno democratico, diretto, per la presa di decisione politica nel merito dei bisogni che riguardano soggetti e popolazione ; dall’altra parte, il ricorso inevitabile a Luigi Bonaparte — come Marx descriverà negli scritti sulle lotte di classe in Francia e ne Il 18 brumaio di Luigi Bonaparte — vale a dire la necessità da parte di chi detiene il comando politico di ricorrere periodicamente ad una forza concentrata che svolga la funzione decisionale senza alcuna autorizzazione legittimante da parte della popolazione. Ma ancora su una cosa più importante Marx richiama l’attenzione del lettore : il potere governativo/esecutivo dello Stato moderno produce in permanenza — quindi sui tempi quotidiani dell’esercizio del potere politico — il fenomeno della burocrazia della grande impresa statale con la esplicita finalità di realizzare insieme consenso e controllo sulla società grazie a forme governamentali di attivo coinvolgimento di parti notevoli della popolazione :

In un paese come la Francia, in cui il potere esecutivo ha sotto di sé un esercito di più di mezzo milione di funzionari, e dispone quindi continuamente in modo assoluto di una massa enorme di interessi e di esigenze ; in cui lo Stato, dalle più ampie manifestazioni della vita fino ai movimenti più insignificanti, dalle sue forme di esistenza più generali sino alla vita privata, avvolge la società borghese, la controlla, la regola, la sorveglia e la tiene sotto tutela ; in cui questo corpo di parassiti, grazie alla più straordinaria centralizzazione, acquista una onnipresenza, una onniscienza, una più rapida capacità di movimento e una agilità che trova il suo rispettivo soltanto nello stato di dipendenza e di impotenza e nell’incoerenza informe del vero corpo sociale ; si capisce che in un paese simile l’Assemblea nazionale, insieme alla possibilità di disporre dei posti ministeriali, perdesse ogni influenza reale, a meno che non avesse in pari tempo semplificato l’amministrazione dello Stato, ridotto il più possibile l’esercito degli impiegati, in una parola, fatto in modo che la società civile e l’opinione pubblica si creassero i loro propri organi, indipendenti dal potere governativo. L’interesse materiale della borghesia francese è precisamente legato nel modo più stretto al mantenimento di quella grande e ramificata macchina statale. Qui essa mette a posto la sua popolazione superflua ; qui essa completa, sotto forma di stipendi statali, ciò che non può incassare sotto forma di profitti, interessi, rendite e onorari. D’altra parte il suo interesse politico la spingeva ad aumentare di giorno in giorno la repressione, cioè i mezzi e il personale del potere dello Stato... Così la borghesia francese era spinta dalla sua stessa situazione di classe, da un lato, ad annientare le condizioni di esistenza di ogni potere parlamentare, e quindi anche del suo proprio, dall’altro lato a rendere irresistibile il potere esecutivo che le era ostile.

224. Seguendo il senso del discorso fin qui sviluppato si può allora agevolmente comprendere come, soprattutto per alcune aree europee, le modalità conservative proprie del paradigma della ragion di Stato siano state riferite alla creazione della burocrazia statale, ma anche ai processi di costituzione del cosiddetto Stato sociale : prodotti entrambi dell’autorità politica centrale — dalla fine del secolo scorso ancora fino agli ultimi decenni del secolo appena trascorso — al fine di garantire sicurezza/benessere sociale alla popolazione nazionale, stimolo attivo per la legittimazione dell’azione di governo. Ecco allora Sheldon S. Wolin argomentare la tesi secondo la quale questo tipo di tecniche di comando e dispositivi governamentali hanno operato in profondità ed ancora operino all’interno delle stesse democrazie occidentali : secondo l’autore, le recenti trasformazioni nelle gestioni del Welfare State da parte degli Stati-Nazioni occidentali segnano sostanziali modificazioni in questi sistemi di governo, prodotte dalla storica convergenza di iniziativa socialdemocratica e politiche neo-bismarckiane. Wolin si sofferma quindi a descrivere le particolari caratteristiche di questa nuova forma di Staatsräson, da denominare appropriatamente Wohlfahrtsstaatsräson, « the interplay between a volatile international political economy and a regidified bureaucratic structure of decision making ».

23Sembra quindi evidente che la presenza di dispositivi di ragion di Stato nelle politiche dei paesi occidentali nell’epoca della tarda modernità non debba essere richiamata unicamente come esercizio della forza e, comunque, come inevitabile sovraccarico dell’elemento politico grazie al quale rendere possibile l’esplicito utilizzo delle tecniche della prerogativa decisionale, della deroga o del segreto. Alla sostanziale incomprensione del complesso fenomeno dei dispositivi di ragion di Stato da parte di Friedrich Meinecke e di Carl Schmitt risponde l’apertura problematica — ma ancora incerta nelle argomentazioni — di Carl J. Friedrich, sintetizzata nella significativa espressione « Constitutional Reason of State » : egli collega esplicitamente la storia del problema « ragion di Stato » alla formazione dell’ordine costituzionale moderno, leggendo quindi un intreccio diretto tra questo paradigma conservativo e il contesto della piena razionalizzazione politica moderna nella tradizione del pensiero occidentale. Friedrich intende utilizzare questa chiave di ricerca per potere intendere quei fenomeni storici contemporanei caratterizzati — nella forma delle dittature fasciste ma anche nelle esperienze del cosiddetto socialismo reale —dall’enorme sovraccarico di comando politico. In questo caso, la rottura della sicurezza sociale — espressa dalla paura diffusa a livello di massa dello sfaldamento della comunità civile — viene pure interpretata come uno dei fattori che contribuirà a fare esplodere nell’Europa del primo dopoguerra la politica totalizzante e distruttiva dei fascismi e del nazionalsocialismo : gli individui vorranno ad ogni costo fare valere la garanzia di un carico politico finalizzato a fuoriuscire dalle incerte dinamiche delle politiche liberali, del mercato politico, fino al punto di lasciare partorire i mostri di un doppio Stato.

24In definitiva, nel secolo ventesimo, a fronte della crisi dell’ordinamento politico-giuridico della sovranità, pratiche e discorsi di ragion di Stato contribuiscono con modalità differenziate al fine di garantire la conservazione interna pure nei paesi dove funziona il sistema rappresentativo ; ed innanzitutto la sociologia politica ha ricostruito per modelli le caratteristiche di quella politica coperta che offre rimedio alle rigidità della democrazia rappresentativa. E non si tratta soltanto dei percorsi nascosti delle lobbies organizzate di interessi o dell’utilizzo della segretezza in quelle procedure imposte dalla ragion di guerra : per questo ultimo aspetto basterà riferire della ricerca di Steve Smith, il quale analizza le procedure segrete delle politiche di difesa in Inghilterra e negli USA, utilizzate da questi governi nella realizzazione di importanti progetti militari, operando all’oscuro dell’opinione pubblica interna ed internazionale. In questo caso, la cosiddetta globalizzazione della democratizzazione politica sembra presentare consistenti e pericolosissime zone d’ombra, dove appare difatti quasi impossibile potere fare agire gli strumenti pubblici della comunicazione e del controllo. Bisogna infine richiamare il luogo produttivo dell’azione prudenziale di prerogative e deroghe, rese attive nei processi legittimi della funzione decisionale, nelle situazioni in cui la conservazione/concertazione tra le parti che producono poteri nella società riduce a monte la possibilità di pubbliche opportunità diffuse per tutti i cittadini : basti considerare l’incidenza di queste politiche — per un solo punto riferito da Robert Dahl — nella distorsione dell’ordine del giorno pubblico, vale a dire nella compilazione manovrata dell’agenda di governo. Ma ancora, seguendo le indicazioni critiche di Charles Lindblom, tecniche e pratiche di prudenza aiutano normalmente l’amministrazione delle difficoltà inevitabili nella complessità di governo dei grandi centri metropolitani : si tratta di quell’arte dell’arrangiarsi (Muddling through) che risulta lo strumento più prezioso a disposizione dei politici impegnati a sciogliere i nodi intricati di antagonismi spesso non divisibili.

Top of page

References

Electronic reference

Gianfranco Borrelli, « Attualità conservativa della « ragion di Stato » : il governo dei popoli tra crisi della decisione sovrana e razionalità governamentale », Laboratoire italien [Online], 1 | 2001, Online since 07 July 2011, connection on 16 August 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/403 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.403

Top of page

About the author

Gianfranco Borrelli

Gianfranco Borrelli est professeur à l’Université Federico II de Naples, où il enseigne l’histoire de la pensée politique. Ses recherches portent sur les fondements de la raison politique moderne et spécialement sur Hobbes, l’aristotélisme politique, la raison d’État. Il a notamment publié Ragion di Stato e Leviatano. Conservazione e scambio alle origini della modernità politica, Bologna, il Mulino, 1993 et Non far novità. Alle radici della cultura italiana della conservazione politica, Napoli, Bibliopolis, 2000.

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page