Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Droit et littérature

Oltre lo statuto. La vendetta nella letteratura toscana del Due-Trecento

Au-delà du statut. La vengeance privée dans la littérature toscane des xiiie et xive siècles
Stefano Andres
p. 57-83

Abstracts

Gli statuti dei più importanti comuni toscani del Due-Trecento, attraverso un reticolo di norme alluvionali, disciplinavano la vendetta come mezzo di riparazione delle offese, riservando all’offeso ovvero ai suoi congiunti la facoltà di punire per proprio conto il torto subito. Andando oltre la normativa statutaria, analizzando le fonti letterarie coeve, emergono tuttavia impressioni e giudizi discordanti intorno a questo istituto. Ora apprezzata come perfetta forma di giustizia umana, ora interpretata come dovere morale ma anche temuta per i suoi effetti imprevedibili o addirittura vituperata per la sua immoralità, la vendetta fu nell’epoca in esame terreno di violento scontro ideologico tra miti di matrice cavalleresca, etica cristiana e istanze di carattere puramente pratico.

Top of page

Full text

  • 1 Cfr. I. Del Lungo, Una vendetta in Firenze il giorno di San Giovanni del 1295, « Archivio storico i (...)
  • 2 Si ricorda : M. Scherillo, Alcuni capitoli della biografia di Dante, Torino, Loescher, 1896,pp. 82- (...)
  • 3 Si segnala : G. Diurni, Vendetta, in Enciclopedia dantesca, Roma, Istituto dell’enciclopedia italia (...)
  • 4 A. Zorzi, La cultura della vendetta nel conflitto politico in età comunale, in Le Storie e la memor (...)

1Lo studio scientifico del sistema vendicatorio attraverso le fonti letterarie della Toscana comunale due-trecentesca iniziò tra tardo Ottocento e primo Novecento, in pieno clima giuridico-istituzionale, in concomitanza con il fiorire degli studi danteschi, quando le riflessioni interdisciplinari tra diritto e letteratura erano ancora agli inizi. Le incursioni degli storici sono state, in definitiva, appena marginali1 ; ben più sostanziosi si sono rivelati i contributi dei dantisti, nonostante i risultati, spesso incerti, a causa di oggettive difficoltà interpretative dei passi dell’opera del « Divino Poeta » dedicati all’argomento2. Nel corso degli anni a noi più vicini, parallelamente al declino (almeno sotto il profilo quantitativo) degli studi danteschi che così tanta linfa avevano fornito alla questione3, non sono mancati sporadici interventi, fino ad arrivare ad un recente saggio di Andrea Zorzi nel quale vengono riaffrontate alcune delle fonti letterarie più note4.

  • 5 Cfr. G. Tabacco, Egemonie sociali e strutture del potere nel Medioevo italiano, Torino, Einaudi, 19 (...)
  • 6 Cfr. M. Vallerani, Conflitti e modelli procedurali nel sistema giudiziario comunale. I registri di (...)
  • 7 M. Sbriccoli, « Vidi communiter observari. » L’emersione di un ordine penale pubblico nelle città i (...)

2Non è casuale che la vendetta abbia attirato le attenzioni proprio in relazione al Due-Trecento. Vi sono, probabilmente, ragioni di carattere sia storico, sia meramente letterario-documentale. Da un punto di vista storico-politico, la variegata realtà comunale toscana di questo periodo fu percorsa da grandi fermenti : il sistema podestarile, la legislazione antimagnatizia, il ricambio dei gruppi dirigenti, le prime affermazioni signorili5. La giustizia e, più in generale, il diritto criminale risentirono della magmatica situazione politica. All’interno di questa società dalla complessa struttura, perennemente immersa in una situazione conflittuale, vivevano fianco a fianco – spesso combinandosi tra loro – varie forme di giustizie : non solo strumenti compromissori (accordi privati, arbitrati, paci) e metodi processuali (non ancora egemonizzati dalla procedura inquisitoria), ma anche sistemi violenti come la rappresaglia, il duello giudiziario e, appunto, la vendetta6. La vendetta rappresentava quindi uno degli strumenti, normativamente disciplinati, cui poter ricorrere per riparare le offese. Tuttavia, proprio nel corso del periodo da noi preso in esame essa entrò a poco a poco in conflitto con le logiche costituzionali del comune maturo, in concomitanza con il passaggio del sistema cittadino da una fase consociativa ad una più marcatamente istituzionale7.

3Gli ordinamenti giuridici toscani due-trecenteschi, come quelli di molte altre realtà comunali coeve, pur riservandosi la possibilità di provvedere per proprio conto a punire i delitti del primo offensore, riconoscevano e disciplinavano la vendetta attraverso un reticolo di norme alluvionali e disomogenee tra loro, mirate, se non altro, a salvaguardare l’ordine pubblico.

  • 8 Per un breve esame delle norme statutarie toscane disciplinanti la vendetta cfr. P. Santini, Appunt (...)

4In questa sede possiamo limitarci ad osservare che gli statuti dei principali comuni toscani prevedevano una disciplina sostanzialmente uniforme. Il diritto alla vendetta era consentito esclusivamente all’offeso e ai suoi congiunti e consorti, ma comunque solo per lesioni personali accertate ; la vendetta doveva essere adeguata e non sproporzionata all’offesa ; i congiunti o consorti non potevano porgere aiuto a colui che era stato oggetto di una legittima vendetta ; la vendetta poteva essere fatta solo sull’offensore e, lui morto, sui suoi discendenti maschi più prossimi ; una pena capitale o una mutilazione fisica eseguita sull’offensore in seguito al provvedimento di un magistrato avrebbe dovuto impedire l’esercizio della vendetta. Per la trasgressione di tali norme erano contemplate sanzioni di carattere pecuniario, salva l’ipotesi in cui la vendetta fosse stata eseguita sulla principalem personam perché, in tal caso, il responsabile avrebbe dovuto essere condannato a morte, con la contestuale confisca dei beni8.

  • 9 Varie fonti evidenziano il carattere vendicativo dei fiorentini e dei toscani in generale, cfr. G. (...)

5Da un punto di vista letterario, l’abbondanza di fonti due-trecentesche di area toscana, nonché la vasta applicazione che qui il sistema vendicatorio ebbe9, spingono a individuare in questa regione un laboratorio d’indagine di primaria importanza. Cronache, novelle, poemi didattici, trattati, sonetti, prediche, esempi, opere di argomento cavalleresco forniscono tessere utili a ricostruire, almeno parzialmente, un grande mosaico che le semplici norme giuridiche coeve – per limiti intrinseci – non riuscirebbero a fare rivivere.

6In questa sede non ci occuperemo – se non marginalmente – di certi preziosi riscontri che le fonti letterarie offrono : la tipologia dei soggetti che ricorrono alla vendetta, le modalità e gli strumenti con cui la vendetta può essere esercitata, gli accorgimenti utili per riuscire nell’intento, gli errori che deve evitare chi decide di vendicarsi, le motivazioni che spingono a farsi giustizia. La presente indagine sarà essenzialmente volta ad esplorare la base di consenso intorno al sistema vendicatorio, cercando di aprire degli squarci sulle idee dei contemporanei intorno a questa pratica e sugli insanabili contrasti ideologici che ne sono alla base.

7Tentando di ricostruire l’atteggiamento dei contemporanei nei confronti della vendetta, ci troviamo di fronte ad una situazione complessa che ci conferma l’ambiguità di questo istituto, legittimato normativamente, invocato, apprezzato come forma perfetta di giustizia umana, ma anche temuto per i suoi effetti imprevedibili e incontrollabili, o addirittura vituperato per la sua immoralità.

  • 10 Cfr. L. H. Halkin, Pour une histoire de l’honneur, « Annales Économies, Société, Civilisations », I (...)
  • 11 Per la vendetta nel pensiero teologico-canonico medievale, cfr. D. Schiappoli, Svolgimento storico (...)
  • 12 Cfr. E. Cristiani, Nobiltà e popolo nel comune di Pisa. Dalle origini del podestariato alla signori (...)

8Secondo un luogo comune il sistema vendicatorio fu un terreno di scontro ideologico tra due culture, una di origine aristocratico-cavalleresca – fondata sul valore e sul senso dell’onore10 – e l’altra di matrice cristiana, fondata sull’amore verso il prossimo e sul perdono11. Da un punto di vista puramente ideologico emergerebbe quindi una lacerazione insanabile tra concezioni opposte : la cultura della colpa contro la cultura della vergogna. A ben analizzare le fonti letterarie, si nota tuttavia che queste ideologie vengono di volta in volta presentate e fatte proprie dall’autore in modo più sfumato e problematico. Gli scrittori sovente prescindono dalle ideologie e approvano o sconsigliano la vendetta come mezzo di risoluzione delle controversie affidandosi piuttosto al proprio senso pratico. Il pensiero medievale apprezzò sempre il perdono cristiano come una delle massime virtù, ma perdono e amore del prossimo da una parte e vendetta e odio dall’altra convivevano spesso in lucida contraddizione. Nell’epoca in esame, non solo il ceto aristocratico inurbato ed i magnati erano depositari della cultura della vendetta, ma – come dimostrano le fonti – essa veniva condivisa anche dai « nuovi » che in quei decenni di fermento riuscirono a partecipare al potere, fino a divenire un valore corrente per larga parte della popolazione12.

  • 13 A. M. Enriques Agnoletti, La vendetta..., art. cit., pp. 128-137.
  • 14 Cfr., ad es., Giovanni Sercambi, Novelle, a cura di G. Sinicropi, Bari, Le Lettere, 1995, nov. 118,(...)

9Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, nelle cronache cittadine e nella novellistica, che rappresentano i generi letterari qualitativamente più importanti della Toscana del Due-Trecento, non troviamo riscontri determinanti per intendere l’atteggiamento dei contemporanei nei confronti del sistema vendicatorio. Per quanto riguarda le cronache, possiamo osservare che solo in rari casi, qualora la vendetta sia stata eseguita in modo sproporzionato, lo scrittore interviene, data l’eccezionalità dell’evento, per sbilanciarsi in un giudizio13. Anche nella novellistica gli autori sono fondamentalmente estranei rispetto ai fatti narrati ; quasi mai, in modo diretto, fanno trasparire il proprio pensiero intorno al sistema vendicatorio14. Di solito i personaggi vengono descritti con distacco ; appare problematico capire se, e in che misura, la posizione dello scrittore possa identificarsi con quella dei personaggi. A prescindere dallo specifico contenuto delle novelle è comunque possibile estrapolare isolati riferimenti alla vendetta dai dialoghi e dai pensieri dei protagonisti. Non mancano prese di posizione a favore o contro il sistema vendicatorio, anche se la loro decontestualizzazione appare metodologicamente infida.

  • 15 C. Segre, Le forme e le tradizioni didattiche, in Grundriss der romanischen Literaturen des Mittela (...)
  • 16 M. Montorzi, « Fides in rem publicam. » Ambiguità e tecniche del diritto comune, Napoli, Jovene, 19 (...)
  • 17 R. Tuve, Allegorical Imagery. Some Medieval Books and their Posterity, Princeton, Princeton Univers (...)

10Le possibili giustificazioni, ma anche le contraddizioni, legate alla cultura della vendetta emergono tuttavia con maggior chiarezza in un altro genere letterario : la letteratura didattico-morale15. Gli autori di queste opere nella maggior parte dei casi sono giuristi-letterati, notai, giudici, assistenti del podestà ; si tratta quindi di soggetti attivi nella vita politico-istituzionale del proprio comune16. L’obiettivo dichiarato è quello di ammaestrare la cerchia di amici, i familiari, il ceto di appartenenza o addirittura l’intera cittadinanza, facendo leva sugli insegnamenti tramandati dalle auctoritates ma talvolta anche sulla propria esperienza personale. In certi casi gli ammaestramenti vengono dispensati in prima persona, in altri, gli autori ricorrono a personificazioni di entità astratte che richiamano la prassi allegorica17.

  • 18 A. Roncaglia, Le corti medievali, in Letteratura italiana, a cura di A. Asor Rosa, Torino, Einaudi, (...)
  • 19 B. Garofani, Geografia della diffidenza. Parola e letteratura didattica fra Due e Trecento, « Nuova (...)

11Uno degli scopi principali di tali trattati è quello di offrire un vero e proprio codice di comportamento, sviluppando quelle regole di « buone maniere » che già l’ambiente delle corti, in particolare quelle provenzali, aveva iniziato a codificare18. Per quel che ci interessa, si nota in questo genere letterario la conflittualità latente della società comunale, emergendo un mondo governato dalla diffidenza19 e dal pericolo. La pace, l’ordine e la concordia, la giustizia, il bene comune sono gli ideali citati in modo più ricorrente. In quest’ottica vanno interpretati i continui richiami alla prudenza, all’onestà e alla misura. Solo tenendo individualmente comportamenti del genere, la collettività può aspirare a quegli ideali. In questo quadro si inseriscono le valutazioni sulla vendetta di cui, però, non sempre, viene considerata l’intrinseca pericolosità sociale.

  • 20 Mentre il giovane Melibeo (che incarna l’uomo comune) è assente da casa, la moglie Prudenza (allego (...)
  • 21 A. Zorzi, La cultura..., art. cit., pp. 143-158.

12La maggior parte dei trattati didattico-morali toscani che si occuparono del sistema vendicatorio contrassero forti debiti con il Liber consolationis et consilii, racconto allegorico in forma dialogica, che Albertano da Brescia scrisse negli anni quaranta del secolo xiii20. Segno eloquente della grande diffusione di quest’opera in area toscana sono, tra l’altro, i volgarizzamenti che, pochi anni dopo la sua redazione, ne fecero Andrea da Grosseto ed il pistoiese Soffredi del Grazia. Come ha evidenziato Andrea Zorzi (superando la vecchia impostazione del Checchini che interpretava il trattato come un’apologia della giustizia pubblica nei confronti della faida), la riflessione di Albertano verterebbe piuttosto sull’ordinarietà dei conflitti nonché sui modi di conduzione e di risoluzione21. Sotto questo profilo, meglio si comprende il motivo per cui il trattato del giudice bresciano – volto a educare il cittadino alla gestione consiliare del conflitto valutando le risorse in campo – costituì, per gli scrittori didattico-morali successivi, una miniera di notizie sulla vendetta e sulle relative pratiche protocollari.

  • 22 Su Brunetto : T. Sundby, Della vita e delle opere di Brunetto Latini, Firenze, Le Monnier, 1884 ; F (...)

13Nel Tesoretto di Brunetto Latini22 troviamo una convinta esaltazione del sistema vendicatorio espressa per bocca di Prodezza, chiara allegoria di una delle principali virtù dell’ethos cavalleresco. Quest’opera enciclopedica ha una forte impronta laica, anche se non mancano saldi richiami alla teologia ed alla morale cristiana (espressi soprattutto per bocca di altre figure allegoriche protagoniste del poemetto, Natura e Lealtà). Nella sezione del Tesoretto riservata agli insegnamenti di Prodezza (vv. 1981-2170) sparisce tuttavia ogni riferimento a Dio, alla Chiesa ed ai suoi precetti morali.

  • 23 Sul senno : vv. 1611, 2016, 2022, 2195 ; sulla follia/mattezza : vv. 1640, 1916, 1987, 1990, 1991, (...)

14Le esortazioni di carattere pratico espresse da Prodezza hanno essenzialmente ad oggetto i rapporti interpersonali. La regolamentazione ideale di tali rapporti è improntata sul concetto di misura, recuperato dall’etica di corte d’oltralpe. In quest’ottica vanno lette le esortazioni alla devozione verso il comune, alla solidarietà cittadina, alla pace ed alla concordia. Senno e follia rappresentano i due poli opposti intorno ai quali si snodano i vari insegnamenti impartiti23. La violenza fine a se stessa viene espressamente stigmatizzata in quanto in chiara antitesi con il senso di misura e con la ragionevolezza (vv. 1995-1997). Si invita a usare la ragione anche dinnanzi ad un’ingiustizia subita, suggerendo la ricerca di un accomodamento pacifico, magari ricorrendo all’aiuto di un uomo di legge (vv. 2004-2014). Si raccomanda inoltre di soprassedere sulle offese di poco conto, in particolare se verbali :

che se ti fosse ofeso
di parole o di detto,
non rizzar lo tu’ petto,
né non sie più corrente
che porti ’l convenente (vv. 2106-2110).

Se tuttavia la ragione non basta ad appianare i contrasti ed a ristabilire la giustizia, se il proprio onore è in pericolo, allora bisognerà necessariamente mettere da parte la prudenza :

[…] se ’l senno non vale,
metti mal contra male,
né già per suo romore
non bassar tuo onore (vv. 2017-2020).

  • 24 Per un’interpretazione antropologica della soddisfazione che la vendetta arreca, cfr. R. Motta, Teo (...)

15Prodezza inizia poi a dispensare tutta una serie di consigli sul migliore esercizio della vendetta. In questa prospettiva, il sistema vendicatorio si delinea come uno dei normali strumenti di giustizia, sicuramente il più soddisfacente24, non per questo di più facile attuazione.

  • 25 Brunetto Latini, Il Tesoro di Brunetto Latini volgarizzato da Bono Giamboni, Venezia, Gondohive, 18 (...)
  • 26 C. Casagrande e S. Vecchio, I Sette Vizi capitali. Storia dei peccati nel Medioevo, Torino, Einaudi (...)
  • 27 M. Michel, Vengeance, art. cit., coll. 2613-2623.
  • 28 Secondo C. Segre (introd. a Bono Giamboni, Il Libro de vizi e delle virtudi e Il Trattato di virtù (...)
  • 29 Brunetto Latini, Il Tesoro…, op. cit., VI, 32.

16Come già Brunetto Latini aveva evidenziato nel Tresor, chi si vendica non deve mai farsi trascinare dall’ira provocata dal torto subito : « la maliziosa ira addimanda grande vendetta per piccola offesa25 ». L’accostamento tra ira e vendetta risulta saldamente attestato in varie fonti26. L’ira è « maliziosa » : non solo chi è in preda a tale sentimento può compiere un gesto spropositato, contrario alla normativa statutaria secondo cui la vendetta doveva sempre essere proporzionata all’offesa, ma rischia addirittura di pregiudicare l’esito. Secondo Tommaso d’Aquino esiste, accanto all’ira-vizio un’ira positiva, che si dirige contro la colpa e che punta alla restaurazione della giustizia27. Brunetto Latini oltrepassa questo principio28, ritenendo positiva l’ira che procede alla riparazione del torto e quindi all’esercizio della vendetta, a suo giudizio legittima forma di giustizia : « colui che non si commuove e non si adira per ingiurie o per offesa che sia fatta a lui o ai suoi parenti è uomo lo cui sentimento è morto29 ».

  • 30 Esiste una salda tradizione, da Cicerone (De officiis, a cura di W. Miller, Londra-New York, Loeb, (...)

17La precipitazione rappresenta una delle maggiori insidie del vendicatore (vv. 2126-2129), così come l’eccessivo indugio (v. 2130)30. Viceversa il fattore sorpresa aiuta chi intende vendicare un torto ; infatti dopo tanto tempo l’offensore potrebbe aver dimenticato il fatto, e quindi aver abbassato le proprie difese. Come attesta Prodezza :

i’ ho già veduto
ben fare una vengianza,
che quasi rimembranza
no ’nd’ era tra la gente (vv. 2078-2081).

  • 31 Anche se l’eccessivo indugio può essere ugualmente dannoso (v. 2130).
  • 32 Così, secondo un proverbio del poeta umbro Garzo (Proverbi, in Poeti del Duecento, a cura di G. Con (...)
  • 33 Cfr., ad es., la nota vendetta consumata a Firenze dalla famiglia dei Velluti su quella dei Mannell (...)
  • 34 Cfr., in proposito, Giovanni Sercambi, Novelle, op. cit., nov. 125, 10-16.

Quest’idea di « ’ndugiar vendetta » (v. 210131), cioè che la vendetta doveva essere consumata lentamente, non solo è attestata in alcuni proverbi coevi32, ma risulta documentata perfino in alcuni dei più celebri episodi di vendetta dell’epoca33. Prima che la vendetta venga consumata, è addirittura preferibile occultare le vere intenzioni, mascherando la propria ira e il proprio dolore, specie se si è di fronte al nemico (vv. 2082-209034).

18L’esperienza dimostra quindi che l’indugio e la dissimulazione rappresentano le strategie migliori per riuscire nella vendetta :

i’ ho già veduto
omo ch’è pur seduto,
non facendo mostranza,
far ben dura vengianza (vv. 2117-2120).

  • 35 Cfr. Publilio Siro, Sententiae, op. cit., nn. 510 e 525.

L’importante comunque è che « lenta o ratta, / sia la vendetta fatta » (vv. 2133-2134). L’offeso deve vivere aspettando il momento opportuno, pensando a come agire per conseguire il risultato voluto35. Se la vendetta va preparata accuratamente, il desiderio di vendicarsi deve diventare un pensiero fisso : « di notte e di giorno / pensa de la vendetta » (vv. 2124-2125).

19Viceversa si raccomanda all’offensore di esser circospetto, di andare in giro armato e mai da solo :

Se tu hai fatto offesa
altrui, che sia ripresa
in grave nimistanza,
sì abbi per usanza
di ben guardarti d’esso,
ed abbi sempre apresso
e arme e compagnia
a casa e per la via
[…]
l’occhio ti guidi e porti,
e lo cor ti conforti (vv. 2055-2070).

Il nemico non va mai disprezzato o sottovalutato, specie se non sembra in grado di nuocere per il suo status sociale :

  • 36 Cfr. ibid., n. 255. Sulla necessità, nei conflitti, di predisporre adeguate difese cfr. Albertano d (...)

se questo tuo nemico
fosse di basso afare,
non ce t’asecurare,
perchè sie più gentile ;
no llo tenere a vile,
ch’ogn’omo ha qualch’aiuto (vv. 2072-2077)36.

  • 37 Albertano da Brescia, Liber consolationis et consilii…, op. cit., XLI, XLV, XLVI sulla necessità di (...)

20Come emergeva anche nel trattato di Albertano37, la vendetta è affare per chi ha i mezzi economici e materiali per poterla eseguire. Nel Tesoretto se ne sconsiglia quindi l’esercizio a chi ha subito l’offesa da uno più potente (vv. 2024-2025). È questo un aspetto topico della precettistica sulla vendetta che verrà ripreso, ad esempio, anche da Boccaccio (Decamerone, VII, 9) e da Graziolo de’ Bambaglioli (v. infra).

  • 38 Si rinvia a : F. Niccolai, I consorzi nobiliari ed il comune nell’alta e media Italia, « Rivista di (...)

21La vendetta non è quasi mai una questione individuale ma di gruppo. Come in parte riconoscevano le norme statutarie, la famiglia, gli amici e la consorteria d’appartenenza avevano il dovere morale di intervenire e di fornire i mezzi necessari all’esercizio della vendetta. Il loro intervento non era finalizzato solo a proteggere il membro che avesse ricevuto l’offesa (ovviamente nel caso in cui fosse sopravvissuto) o, addirittura, che avesse offeso (circostanza questa normativamente non prevista), ma soprattutto a tutelare l’onore, sia di lui che del gruppo nella sua interezza38. Osservava in proposito Jacopo Dalla Lana :

  • 39 Comedia di Dante degli Allagherii. Col commento di Jacopo di Giovanni Dalla Lana, a cura di L. Scar (...)

i fiorentini hanno tale uso che tutto il parentando si reputa l’offesa, e così la si imputa a tutti li parenti dell’offenditore : e però ciascun parente della parte offesa s’appronti di fare vendetta in lo offenditore o in li suoi parenti39.

Proprio in virtù di questi vincoli reciproci, che nell’ambito del sistema vendicatorio costituiscono un aspetto fondamentale, nel Tesoretto si raccomanda di assistere sempre gli amici e di appoggiarli incondizionatamente :

e se ’l tuo buono amico
ha guerra di nemico,
tu ne fa’ quanto lui (vv. 2135-2137).

  • 40 Cfr. S. Debenedetti, Bono Giamboni, « Studi medievali », IV, 1912-1913, pp. 271-278 ; C. Segre, Bon (...)
  • 41 Buona parte del Libro, compresi i passi relativi alla vendetta, era già stata sviluppata dall’autor (...)

22Secondo Andrea Zorzi, sarebbe stato un fautore della vendetta anche il giudice-letterato fiorentino Bono Giamboni40, il quale, contestualizzandola nell’ambito delle relazioni sociali ordinarie, ne avrebbe esplicitamente riconosciuto la liceità giuridica. Il favore mostrato nei confronti della vendetta emergerebbe in alcuni passi del Libro de’ vizi e delle virtudi, un’opera di carattere didattico-morale, strutturalmente (ricorso all’allegoria e alla forma dialogica, presenza dell’autore tra i protagonisti del dialogo) e cronologicamente vicina al Tesoretto41.

  • 42 Bono Giamboni, Libro de’ vizi e delle virtudi, op. cit., cap. xxxvi, 1.
  • 43 Ibid., cap. lxxi, 2-3. Cfr. Il Trattato di virtù e vizi, op. cit., XI, 1-4.

23Questa sicurezza sembra tuttavia incrinarsi approfondendo il significato che Bono Giamboni dà al termine vendetta. Preliminarmente possiamo osservare il modo in cui essa viene inquadrata nel Libro de’ vizi e delle virtudi, sotto forma di una delle numerose allegorie che compaiono nel trattato. Non prende mai la parola, è un personaggio muto che rimane sempre sullo sfondo ; la sua presentazione è affidata ad altre figure allegoriche (Filosofia e Giustizia), che direttamente interloquiscono con l’autore. Filosofia rivela che Vendetta è una virtù, strettamente connessa con Giustizia, addirittura una dei capitani delle schiere che Giustizia comanda42. Trattando poi dei vari tipi di relazioni sociali, Giustizia afferma che l’uomo è « per tre ragioni obligato : per ragione scritta », cioè secondo la legge, « per ragione non scritta », cioè secondo le norme consuetudinarie, e « per ragione naturale » cioè secondo il diritto naturale. « Per ragione naturale è l’uomo obligato in sei modi, cioè per via di religione, per via di pietà, per via d’amore, per via di vendetta, per via d’osservanza, per via di verità43. »

24Questi inquadramenti sistematici di Vendetta non sono in realtà innovativi : Bono Giamboni attinge alla tradizione letteraria retorica, in particolare al De inventione ciceroniano ma, soprattutto, al Fiore di rettorica, opera da lui stesso rimaneggiata presumibilmente prima di porre mano al Libro de’ vizi e delle virtudi, nonché al Trattato di virtù e di vizi che del Libro fu una sorta di prima stesura.

  • 44 Bono Giamboni, Libro de’ vizi e delle virtudi, op. cit., cap. xxxvi, 17.

25Tanto Filosofia che Giustizia presentano Vendetta in termini molto simili. Per Filosofia : « Vendetta è virtù per la quale l’uomo contrasta al nimico, che no li faccia né forza né ingiuria, difendendosi da lui44. » Per Giustizia la vendetta costituisce uno dei modi attraverso cui l’uomo è obbligato « per ragione naturale » :

  • 45 Ibid., cap. lxxi, 18. Cfr. Il Trattato di virtù e di vizi, op. cit., XV,1-3.

quando il nemico vuole offendere al suo nemico, questi che vuol [scil. sta per] essere offeso si può naturalmente difendere da lui e non lasciarsi fare né forza né ingiuria ; e questo cotale difendere è appellato vendetta, e la ragione che ’l nemico contra ’l nemico puote usare, cioè di difendersi da lui, acciò che forza né ingiuria no li faccia. E avegna che per questa via si possa redder naturalmente ragione al nemico45.

  • 46 Sovente nel lessico giuridico romano ultio e vindicta sono usati come sinonimo di pena ; cfr. C. Fe (...)

26Da tali contesti si evince con piena evidenza che Bono Giamboni non fa riferimento alla vendetta intesa come riparazione ad un’offesa attraverso un’altra offesa. Per una migliore comprensione del testo, bisogna tenere presente che già in latino e poi in volgare il lemma vindicta/vendetta ricopriva un valore semantico assai più ampio rispetto a quello attuale, significando non soltanto vendetta nell’accezione sopravvissuta nel linguaggio moderno ma potendo, a seconda dei casi, essere sinonimo di sanzione (poena) irrogata da un’autorità fornita di iurisdictio – come attestavano le fonti romanistiche ben note a Bono Giamboni – ovvero di reazione difensiva di fronte ad un torto imminente46.

  • 47 Cfr. C. Pecorella, Cause di giustificazione, circostanze attenuanti e aggravanti del reato dalla gl (...)
  • 48 Albertano da Brescia, Liber consolationis et consilii…, op. cit., XLIX. Di contro a A. Zorzi che sf (...)

27Bono Giamboni, nei passi citati, intende piuttosto con « vendetta » una sorta di legittima difesa che, in certe forme, l’ordinamento giuridico coevo contemplava, dopo averla ereditata dal diritto romano47. In proposito, appaiono significativi i continui accostamenti alle parole : « difendere », « difendersi », « difensione », « difendendosi ». Rimanendo nel genere dei trattati morali, lo stesso Albertano, nel Liber consolationis, aveva elaborato un complicato concetto di legittima difesa, riconoscendo in capo al singolo individuo la facoltà di respingere con la forza aggressioni ingiuste48.

  • 49 C. Segre, introd. a Bono Giamboni, Il Libro dei vizi e delle virtudi..., op. cit., p. xvii, n. 1.
  • 50 Ps. Guglielmo di Conches, Moralium…, op. cit., cap. ix. Cfr. anche Albertano da Brescia, De amore e (...)

28Proprio in virtù della polisemìa del lemma vendetta, non è del tutto chiara nemmeno l’accezione che di questa parola viene fatta in XXXVI, 16, dove Filosofia definisce Sicurtà, una delle nove virtù che nascono da Giustizia : « Sicurtà è virtù per la quale si fa del malificio vendetta e non si lascia neuna cosa a punire. » Senza voler caricare di troppi significati il termine « malificio » di cui, dal contesto, emerge tutta la valenza giuridica, merita attenzione la stessa parola Sicurtà. Come ha evidenziato Cesare Segre49, essa corrisponde, forse attraverso errori di trascrizione o di lettura, alla severitas, cui fanno riferimento altre fonti ben note a Bono Giamboni. Come spiegava l’autore del Moralium dogma philosophorum, la severitas è una virtù connessa alla giustizia e contrapposta alla liberalitas. Tali concetti possono indifferentemente riferirsi a ciascuna (o per lo meno a gran parte) delle variegate forme della giustizia medievale (processuale ovvero violenta, come appunto la vendetta50). In questa circostanza, purtroppo non meglio sviluppata dall’autore, Bono Giamboni potrebbe anche aver voluto riferirsi alla severitas del giudice che « fa vendetta », cioè punisce, il maleficio commesso.

29In conclusione, non solo le opere di questo poliedrico autore non conterrebbero alcun elogio del sistema vendicatorio, ma addirittura non vi sarebbero nemmeno tracce della vendetta nell’accezione che in questa sede principalmente ci interessa. Venendo a mancare appigli sicuri nelle opere, non appare quindi agevole capire cosa Bono Giamboni davvero pensasse del sistema vendicatorio, della sua utilità e del suo contraddittorio meccanismo. In linea generale, possiamo osservare che i precetti cristiani hanno un peso superiore nel suo sistema etico che in quello di Brunetto Latini. Nei trattati di Bono Giamboni traspare un severo moralismo ; egli, in un’epoca di forti mutamenti, preferisce ancorarsi al sistema ideale del buon tempo antico, piuttosto che ai fermenti laici d’oltralpe di cui proprio Brunetto Latini si stava facendo portavoce. In ogni modo, pur riconoscendo Sicurtà e Vendetta come virtù, Bono Giamboni (attraverso Filosofia e Giustizia) non nasconde che si tratta di virtù sui generis :

  • 51 Bono Giamboni, Libro de’ vizi e delle virtudi, op. cit., cap. xxxvi, 18.

Ma pare che Vendetta e Sicurtà non sian virtù, perché ogni virtù intende
d’operare alcuna cosa buona, perché hanno cominciamento dalla natura ; e per queste non si fa bene, ma puniscesi il male51.

La perfezione evangelica è incompatibile con ogni forma di violenza. Il vero cristiano dovrebbe rinunciare sia a Sicurtà che a Vendetta, scegliendo piuttosto Innocenzia. Inoltre,

  • 52 Ibid., cap. lxxi, 19-20. Per la citazione evangelica, cfr. Mt. 5, 39-40.

Dio volle che colui che vuol esser perfetto questa cotale ragione contra ’l nemico non usi, né si difenda da lui. Onde dice il Vangelio di colui che vuole essere perfetto : « Chi ti dà nell’una gota, para l’altra ; e chi ti vuol torre la gonnella, dagli con essa la guarnacca52. »

  • 53 E. Pasquini, Francesco da Barberino, in Dizionario biografico degli Italiani, Roma, Istituto dell’e (...)
  • 54 Francesco da Barberino, I Documenti d’amore, a cura di F. Egidi, Roma, Società filologica romana, 1 (...)

30Francesco da Barberino ebbe forse da giovane contatti culturali con Brunetto Latini, tuttavia il severo moralismo che traspare dalle sue opere appare assai lontano dal razionale positivismo latiniano53. Nel monumentale Documenti d’amore, zibaldone didattico privo di ordine logico, non troviamo soltanto generiche esortazioni alla concordia, alla pace, alla sopportazione delle ingiurie. L’autore prende espressamente posizione contro la vendetta e contro i Toscani che si distinguono, « più chaltro paese », proprio per l’abitudine di riparare le offese arrecando altre offese54. L’autore batte poi il tasto su una delle maggiori incongruenze del sistema vendicatorio : vittima della vendetta può essere non solo il primo offensore, ma indiscriminatamente qualsiasi altro membro della sua famiglia.

31Nel commentario latino che lo stesso Francesco Da Barberino aggiunse all’opera viene inoltre specificato che la vendetta è incompatibile con i precetti evangelici. Adadiuvandum, l’autore riporta alcuni passi, tra cui quello di Matteo già citato da Bono Giamboni : « si quis percusserit te in unam maxillam, prebe ei alteram ». In definitiva, come si evince dal corpus giustinianeo e dalla disciplina canonistica, solo in casi limite è lecito ricorrere alla violenza : in guerra, ovvero per respingere offese imminenti che stanno mettendo in pericolo la propria persona o le proprie cose ; diversamente « ulciscendi vindicta non licet » se non a Dio.

  • 55 Su Paolo da Certaldo : S. Foà, Paolo di Messer Pace da Certaldo, in Letteratura italiana. Gli autor (...)

32Il Libro di buoni costumi di Paolo di Messer Pace da Certaldo è un’opera ben diversa da quelle sopra esaminate, trattandosi di un manuale redatto senza ordine sistematico e in stile sentenzioso, contenente ammaestramenti ed esortazioni di carattere comportamentale. L’autore attinge alla tradizione di stampo moralistico, che egli adatta alla mentalità dell’agiato ceto mercantile cui del resto apparteneva55.

33Il favore di questo scrittore verso il sistema vendicatorio è stato a più riprese segnalato sulla base del seguente passo :

Abbi a mente che cinque sono l’allegrezze del mondo principali, e così sono cinque i dolori principali e maggiori che l’uomo può avere in questo mondo vivendo. La prima allegrezza si è fare sua vendetta : il dolore si è essere offeso da uno suo nimico (276).

In realtà, l’affermazione si pone in contrasto con il contenuto del resto dell’opera. Anche Paolo individua nella cortesia, nella misura e nella diffidenza nei rapporti interpersonali i cardini del proprio sistema etico-comportamentale. La diffidenza assume in lui addirittura contorni ancor più negativi, tanto da tradire una visione pessimistica del mondo e dell’umanità. Il pessimismo, se da un lato lo spinge verso posizioni egoistiche e opportuniste, specie se si tratta di conseguire il proprio bene personale, dall’altro lo porta a trovare delle certezze nella fede religiosa. Nei rapporti interpersonali la morale cristiana – fondata sull’amore, sul perdono e sull’umiltà – costituisce, a suo modo di vedere, un freno alle intemperanze umane e alle violenze.

  • 56 Sulla concordia e la pace : nn. 7, 122, 132, 199, 281, 353 ; sull’autocontrollo : nn. 197, 198, 343 (...)

34Molti sono i passaggi in cui si raccomanda la concordia, l’autocontrollo, la sopportazione dei nemici ed il perdono56. In quest’ottica, acquistano evidenza nette prese di posizione contro il sistema vendicatorio :

Fuggi quanto puoi la guerra del tuo comune e le brighe tue speziali (122).
Se se’ ingiuriato, aiutati co la ragione, e vincerai ogni superbo (119).
Abbi a mente che niuna cosa è di grande animo e di grande virtude tanto quanto perdona[re l’offese] : e però sempre perdona a chi t’offende anzi diece volte ch’una ne prendessi vendetta, però che nel perdonare acquisti merito da Dio, lodo da chi l’ode e amore da chi t’à offeso (334).

  • 57 Sul concetto di fama e sulla sua rilevanza, anche giuridica, nella società medievale, cfr. F. Migli (...)

35Al di là di queste esortazioni astratte, una mente pratica come quella di Paolo riesce bene a cogliere problemi collaterali che il sistema vendicatorio si trascina dietro. La vendetta, oltre ad essere un problema di coscienza e possibile causa di danni fisici, è anche motivo di depauperamento di patrimoni : « mai non fare né fa fare vendetta, però che le vendette disertano l’anima e ’l corpo e l’avere » (119). Le guerre di fazione sono onerose da sostenere e espongono il patrimonio a eventuali azioni di danneggiamento da parte del nemico. La vendetta dovrebbe essere poi proporzionale all’offesa, così come dispongono le norme statutarie. In pratica però è quasi impossibile rendere male per male esattamente in modo identico. Il restituire l’offesa in modo sproporzionato (per eccesso o per difetto) espone a giuste critiche che potrebbero intaccare la propria buona fama (334)57. Ma se in 276 la vendetta dà « allegrezza », viceversa, in 307, mentre si ribadisce il divieto di offendere il prossimo, si esorta a non mostrarsi lieti se, per avventura, si è arrecata un’offesa a qualcuno.

36Dinnanzi a queste insistite esortazioni alla moderazione e alla pace, la citata attestazione a favore della vendetta appare decisamente incongruente e non del tutto spiegabile. Non vi è dubbio che dietro tale affermazione vi siano principi inspirati all’ethos cavalleresco. In realtà la mentalità di Paolo appare molto lontana da tali principi ; il concetto di valore gli è del tutto estraneo ; l’onore e la buona fama, che lui più volte raccomanda, appaiono fondarsi sulle qualità morali, piuttosto che sulla forza.

37Il sospetto è che l’incongruenza sia dovuta alla poco sapiente armonizzazione delle fonti. Questo manuale, per quanto importantissimo come fonte storica, non risulta mai aver avuto diffusione ; è il frutto di letture di massime di esperienza, di aforismi e proverbi che l’autore assimilò nel corso della vita. Forse, nonostante le dichiarazioni contenute nelle premesse, Paolo non rivide l’opera in vista della sua divulgazione. Non si può escludere che alcune massime qui confluite non rispecchiassero il pensiero dell’autore e che magari furono inserite solo per essere successivamente sviluppate o addirittura contestate. Avremmo quindi di fronte un’opera ancora aperta.

38Andando oltre, le contraddizioni si estendono ad altre affermazioni contenute nel passo in questione, comunque slegate dal tema della vendetta. Se in 276 si afferma che è un’allegrezza anche essere molto ricco, in altri contesti l’arricchimento è sì considerato un valore positivo, però tra molti distinguo : mai comunque la ricchezza rappresenta un valore fine a se stesso (305, 342). Nonostante tale passo getti delle ombre sul pensiero genuino di Paolo riguardo alla vendetta, il Libro di buoni costumi, con la sua pragmaticità, preso nel suo complesso, conferma le ambiguità ideologiche che avviluppavano il sistema vendicatorio.

  • 58 Su Graziolo : F. Mazzoni, Bambaglioli Graziolo, in Enciclopedia dantesca, op. cit., vol. I, pp. 506 (...)

39Risale probabilmente negli anni trenta del secolo xiv il breve Trattato delle volgari sentenze sopra le virtù morali di Graziolo de’ Bambaglioli, bolognese per nascita ma tenacemente toscano per cultura, come dimostrano la sua opera più nota, un commento all’Inferno dantesco nonché il forte attaccamento al sistema ideologico-culturale di Brunetto Latini. Come l’Alighieri, Graziolo partecipò alla vita politica e, rimasto invischiato in faide di comune, fu costretto all’esilio58.

40Il trattato risente molto, nell’impostazione e nei contenuti, del Tesoretto e delle sue fonti. Anche qui il modello comportamentale proposto ruota intorno al concetto cortese di misura ; morale laica e morale cristiana convivono stratificate, talvolta in lucida contraddizione. Il modello ideale di vita pubblica si fonda sul concetto di bene comune (vv. 17, 133, 135-138, 511) che si consegue attraverso una condotta di vita individuale improntata all’insegna della prudenza e dell’onestà.

41La giustizia è la fonte dell’ordine. Per questo ogni maleficio commesso all’interno di una comunità non può rimanere impunito :

uom che a mal far ceco è per suo difetto
degno è che pena gli apra l’intelletto :
però che ’l mal punito
esemplo dà di non esser fallito (vv. 241-244).

Proprio trattando della giustizia, troviamo un primo richiamo alla vendetta. In questo caso, tuttavia, il termine viene utilizzato come sinonimo di sanzione e serve per richiamare il principio di proporzionalità intercorrente tra condotta illecita e conseguente punizione :

a grave iniquità crudel vendetta,
ed a leggier peccato lieve pena :
e questa è legge piena
d’ogni valor perfetta (vv. 235-238).

  • 59 Cfr. E. Artifoni, I podestà professionali e la fondazione retorica della politica comunale, « Quade (...)

42A ulteriore conferma della polisemìa di questo termine, affermazioni analoghe le ritroviamo nella cosiddetta letteratura del podestà, una serie di opere comprendenti ammaestramenti e precetti cui il podestà ed i suoi collaboratori avrebbero dovuto uniformarsi nell’esercizio delle proprie funzioni ; genere letterario, questo, che a metà del Duecento aveva conosciuto la sua massima fioritura59. Così Orfino da Lodi :

  • 60 Orfino da Lodi, De regimine et sapientia potestatis, a cura di A. Ceruti, in Miscellanea di storia (...)

vindictam teneant crimina queque suam
optima vindicta rationis sit benedicta
congrua si pena fuerit, tunc fertur amena
non superet culpas ulcio queque suas60.

43Ad ogni modo, Graziolo ammette tra le possibili forme di giustizia anche il sistema vendicatorio. Addirittura, a suo giudizio, questo mezzo di riparazione è in assoluto quello più satisfattivo per l’offeso. Anche qui « vendetta » è associata a « allegrezza » : lenisce il dolore per la lesione subita e permette di recuperare l’onore perduto (vv. 417-419).

44Come suggeriva una vasta corrente di pensiero che va da Publilio Siro ad Albertano fino a Brunetto Latini, non bisogna però essere precipitosi nel vendicarsi, perché vi è il rischio di agire male :

ma faccia sì ciascun che scorsa in fretta
per nuovo danno non gravi il suo stato
chè peggiorando è l’uom mal vendicato (vv. 420-422).

45Anche Graziolo sottolinea che non tutti possono aspirare a riparare in modo diretto i torti subiti : è necessario disporre di mezzi idonei (morali e materiali) per potersi vendicare, soprattutto se l’offensore appartiene ad un ceto superiore. Per questo :

speri ciascuno offeso in basso stato
veder, se il tempo aspetta,
contra il possente altier giusta vendetta,
perché fortuna non tien fermo stato,
ma tosto fa cader uomo esaltato (vv. 412-416).

Nella circostanza emerge tuttavia una visione decisamente laica ; non si suggerisce a chi è privo di mezzi di fare affidamento su Dio, bensì sulla fortuna. Parallelamente alla giustizia umana convive comunque quella divina, la quale appare quasi un sistema alternativo, solo astrattamente migliore :

savio è chi lassa al cielo ogni vendetta,
perch’ei fa degno onore
a quell’alto Signore,
il quale sopra ogni altra providenza
corregge giustamente ogni fallenza (vv. 407-411).

46Possiamo quindi concludere che le incongruenze ideologiche sottese al sistema vendicatorio emergono in modo paradigmatico in questo trattato di Graziolo de’ Bambaglioli, indeciso tra esortazioni alla clemenza (vv. 480-483), all’umiltà (vv. 491-494) e alla pazienza (vv. 431-435) e, parallelamente, richiami al valore e all’onore (vv. 54-55, 330-340).

  • 61 Su questo personaggio : M. Palma, Ceffi Filippo, in Dizionario biografico degli italiani, op. cit., (...)

47Alcune tematiche precedentemente affrontate riaffiorano pure in un’operetta di carattere didattico-morale composta dal fiorentino Filippo Ceffi verosimilmente negli anni Trenta del xiv secolo. Come già con Albertano, Brunetto Latini, Bono Giamboni, Francesco da Barberino, Graziolo de’ Bambaglioli, ci troviamo di fronte ad un giurista-letterato (operò come notaio), attivo nella vita politica del proprio comune61.

  • 62 A. Zorzi, La cultura..., art. cit., p. 160.

48Anche qui, accanto alla vendetta intesa come punizione di un crimine esercitata dall’autorità (pp. 20-23), è contemplata e legittimata l’altra specie di vendetta, quella che direttamente pone in essere chi ha subito il torto, ovvero i parenti e gli amici. È difficile dire se questo secondo tipo « si pone come modello centrale della cultura e del discorso politico62 », ovvero, come sembrerebbe emergere dalla lettera del testo, se si tratta soltanto di una delle varie possibili forme di giustizia tra loro parallele, concettualmente equivalenti. Quello che è certo è che la cinquantina di arringhe e di discorsi che compongono l’opera (e che dovevano fungere da modello di eloquenza politica) sono tra loro slegati e frammentari, forse al punto da impedire la ricostruzione del vero pensiero di questo scrittore.

49Se i richiami alla solidarietà nell’esercizio della vendetta e l’invito al sostegno degli amici offesi (XII ; XXXVIII ; XXXVI ; XLI) ci riconducono al trattato di Albertano e a Brunetto Latini, la valutazione preventiva dello status sociale del nemico rievoca Paolo da Certaldo e, appunto, Graziolo de’ Bambaglioli. Dal contesto, sembra proprio che le ricchezze e le amicizie rappresentino le due condizioni che rendono l’esercizio della vendetta possibile.

  • 63 Su Rustico Filippi, cfr. T. Casini, Un cronista del secolo decimoterzo, in Scritti danteschi, Città (...)

50Passando ai componimenti comico-realistici, la latente animosità nelle lotte tra fazioni affiora in alcuni sonetti del mercante letterato fiorentino Rustico Filippi63. Nel sonetto A voi, messer Iacopo comare il poeta si rivolge ad un certo messer Iacopo, come lui di fede ghibellina. Sottolineando il legame di amicizia che lo lega a Iacopo, Rustico offre al compagno la propria disponibilità incondizionata a vendicarlo di un torto subito dal guelfo Fastello :

A voi, messer Iacopo comare,
Rustico s’accomanda fedelmente :
e dice, se vendetta avete a fare,
che la farà di buon cuor lealmente (vv. 1-4).

  • 64 Albertano da Brescia, Liber consolationis et consilii…, op. cit., XX.

La vendetta è per il poeta un mezzo naturale e auspicabile per la risoluzione delle controversie e per la restaurazione dell’ordine. È ovvio che gli amici e in particolare i compagni di fazione si debbano aiutare vicendevolmente. Come sovente emerge dalla letteratura didattico-morale, è un insensibile chi non avverte come propria l’offesa patita da un congiunto o amico. Rustico disapprova la condotta eccessivamente fraternizzante che Iacopo sta tenendo con i nemici e lo invita ad avere meno confidenza ; i nemici si comportano con cautela, preferiscono accattivarsi anziché inimicarsi gli altri. Anche nel trattato di Albertano i peggiori consiglieri dell’offeso si rivelano gli ex nemici da lui ingenuamente interpellati per decidere se vendicarsi o meno del torto subito64.

51In un altro sonetto della raccolta – Fastel, messer fastidio della cazza – emerge invece il confronto tra la vendetta umana e la vendetta divina. Secondo la chiave interpretativa che appare più corretta, sembra che per Rustico non vi sia una via preferenziale. L’importante è che lo scopo sia raggiunto, che una punizione venga in qualche modo irrogata, non importa se a opera dell’offeso, o direttamente a opera di Dio. Vi è comunque una differenza fondamentale rispetto a quella che è la visione provvidenzialistica cristiana : la vendetta divina che Rustico invoca deve avere tempi umani, non procrastinata al giorno del giudizio. Si potrebbe dire che il Dio vendicatore del poeta è alla stregua dei parenti e degli amici, che nella prassi affiancano l’offeso nel riparare un torto.

  • 65 Su Cecco Angiolieri : M. Marti, Angiolieri Cecco, in Dizionario biografico degli Italiani, op. cit.(...)

52Rimanendo in questo genere letterario, in alcuni sonetti Cecco Angiolieri ridicolizza conoscenti e amici che si sono rivelati pusillanimi dinnanzi alle ingiurie subite e si sono astenuti dal replicare65. Merita particolare attenzione il sonetto Per Die, Min Zeppa, or son giunte le tue, ove l’Angiolieri vitupera Mino Zeppa che si è affrettato a far pace con il nemico dopo essere stato violentemente percosso.

[…] ti fu dato d’un matton biscotto
nel capo, che e’ ne saria mort’un bue ;
e tu, com’uom, che non volesti piue,
non ch’una pace n’hai fatta, ma otto (vv. 3-6).

  • 66 M. Petrocchi, Scrittori di pietà nella spiritualità toscana e italiana del Trecento, « Archivio sto (...)

53I più accaniti oppositori di questo istituto militavano sul fronte ecclesiastico. Sebbene le norme statutarie prevedessero e disciplinassero la vendetta, gli uomini di Chiesa non esitarono a denunciarne l’inconciliabilità con la morale cristiana. Per quanto riguarda il periodo e la zona geografica in esame, proprio a cavallo tra Due e Trecento vi fu un interessante incrocio culturale tra coloro che furono i principali stigmatizzatori del sistema vendicatorio, della faida e, più in generale, della latente conflittualità comunale. Ci riferiamo a Remigio de’ Girolami, Giordano da Rivalto, Domenico Cavalca e Bartolomeo di San Concordio, tutti monaci dell’ordine domenicano, in quei decenni in forte espansione. Se Remigio de’ Girolami, nel primo decennio del secolo xiv, fu superiore conventuale di Giordano da Rivalto nella città di Firenze, lo stesso Giordano con Domenico Cavalca e Bartolomeo da San Concordio ebbero la ventura, in gioventù, di entrare nel convento pisano di Santa Caterina quasi nello stesso periodo, alla cui vivace scuola ricevettero la prima formazione66.

  • 67 R. Rusconi, Predicazione e vita religiosa nella società italiana, Torino, Loescher, 1981.

54Costoro concentrarono tutte le proprie energie sull’attività pastorale, cercando di aggredire culturalmente il mondo cittadino, portandolo a meditare sugli aspetti etici della vita cristiana. Domenico Cavalca e Bartolomeo da San Concordio si affidarono principalmente alla redazione di scritti edificanti non sempre originali, talvolta compilativi, talvolta addirittura a volgarizzamenti. Remigio de’ Girolami e Giordano da Rivalto affinarono invece lo strumento della predicazione che, anche grazie a loro, in quegli anni visse l’epoca d’oro67. In proposito, non va dimenticato che proprio i frati predicatori –tra Due e Trecento – portarono a termine con successo, in diverse città del centro-nord, importanti campagne di pacificazione, favorendo la riconciliazione generale.

  • 68 M. C. de Matteis, La « Teologia politica comunale » di Remigio de’ Girolami, Bologna, Patron, 1977.

55Con Remigio de’ Girolami la questione della vendetta viene affrontata in modo indiretto, a margine di più vaste meditazioni intorno alla pace cittadina. Egli scrisse il De bono pacis e il De bono communi nei primi anni del Trecento, in concomitanza con la grave crisi che stava attraversando l’ordinamento politico fiorentino68. In queste opere, caratterizzate da un forte anti-individualismo, si sottolinea che la sopravvivenza stessa del comune dipende dalla pacificazione tra le fazioni cittadine. Per raggiungere questo fine, le fazioni devono riporre gli odi impegnandosi in reciproche concessioni. Per avere la pace bisogna che il bene individuale venga postposto a quello sociale ; le offese e i danni privati devono essere cancellati anche a dispetto della volontà di coloro che li hanno ricevuti.

  • 69 C. Delcorno, Giordano da Pisa e l’antica predicazione volgare, Firenze, Olschki, 1975.

56Proprio in questo clima Giordano da Rivalto69 iniziava il suo periodo di predicazione a Firenze. Il modo in cui Giordano affronta il tema dell’ordine e della pace e dei mezzi per raggiungerli si pone a metà strada tra quello adottato da Remigio de’ Girolami e quello adottato da Domenico Cavalca. Pur non disdegnando – come il conterraneo pisano – di attingere al patrimonio agiografico per individuare i corretti modelli comportamentali, egli individua nel pensiero tomistico e nei trattati di Remigio le chiavi per leggere e per correggere i mali di carattere politico e sociale della società del suo tempo. Realisticamente, comprende che le divisioni politiche ed i continui episodi di violenza impediscono il raggiungimento del bene comune e della pace.

57Significative appaiono le prediche rivolte ai fiorentini nei giorni di quaresima del 1304. Giordano rileva mestamente che molti suoi contemporanei non si vergognavano di uccidere pubblicamente e addirittura si vantavano degli omicidi, delle violenze e delle vendette compiute. L’accento batte sul senso del peccato :

  • 70 Giordano da Rivalto, Prediche del beato fr. Giordano da Rivalto dell’Ordine dei Predicatori, a cura (...)

quanti peccati avrà colui che sarà stato talotta dieci anni e più in odio del nemico suo, che non ha pensato altro né di né notte se non com’egli l’uccida ; e sarà stato in quest’odio molto tempo ! Quanta colpa hae costui ! Quanta pena hae meritato il cattivo ! Tutta la vita sua è peccato70 !

  • 71 Giordano da Rivalto, Medicina del cuore, 3 ; Id., Esempi, 9, 120, 167, in Racconti esemplari di pre (...)

È forte il contrasto con coloro che raccomandavano di pensare continuamente a come vendicare il torto subito, senza tuttavia essere affrettati nell’esecuzione. La visione è qui diametralmente opposta : il solo meditare vendette così a lungo è di per sé motivo di grave peccato. In più occasioni egli si abbandona con fiducia alla giustizia divina. Sulla scia della patristica e della scolastica, reputa giusto invocare la vendetta di Dio, purché però tale invocazione non sia mossa da sentimenti di odio, bensì di giustizia71.

  • 72 Cfr. C. Delcorno, Cavalca Domenico, in Dizionario biografico degli Italiani, op. cit., vol. XXII, p (...)

58Domenico Cavalca, che rappresenta invece la corrente più popolareggiante della scuola domenicana in Toscana, a più riprese raccomanda il perdono e l’amore reciproco ; i figli di Dio hanno l’obbligo morale di sopportare le ingiurie. Solo Dio, seguendo i suoi imperscrutabili disegni, esercita la vendetta per punire i malvagi. Il vero cristiano deve guardarsi perfino dall’invocare la divina vendetta. Il pensiero dell’autore si identifica con quello dei santi protagonisti delle sue narrazioni. Dice san Cristoforo : « io piglierei di te vendetta se non fusse ch’io son cristiano ». Infatti « a cristiano non si conviene di turbare di nulla, ma d’essere sempre dolce secondo la dolcezza di Cristo72 ».

  • 73 C. Segre, Bartolomeo da San Concordio, in Dizionario biografico degli Italiani, op. cit., vol. VI, (...)
  • 74 Bartolomeo da San Concordio, Summa aurea Armilla, Venetiis, 1582, pp. 1004-1005.

59Bartolomeo da San Concordio raccolse negli Ammaestramenti degli antichi varie sentenze, estrapolate dagli autori antichi, che invitano a sopportare e perdonare le offese73. Come evidenzierà nella Summa de casibus conscientiae74, l’unica vendetta legittima e virtuosa è quella pubblica, cioè la sanzione irrogata dal giudice o comunque dall’autorità, secondo le leggi. Non è peccato desiderare la vendetta se la si intende come giusta punizione dei mali commessi ; lo è se il desiderio deriva dall’odio o sottende altri fini malvagi. Gli scopi della vendetta pubblica sono quelli di restaurare la pace e di emendare il peccatore.

  • 75 Per qualche accenno a questa Giunta, cfr. I. Del Lungo, Una vendetta..., art. cit. p. 385 ; A. M. E (...)
  • 76 Cfr. Publilio Siro, Sententiae, op. cit., nn. 285, 394, 510 e 275.

60Sempre trattando di questo frate pisano, va ricordato che unita agli Ammaestramenti è stata tramandata una Giunta a lui certamente non attribuibile per stile e contenuto75. Molti degli insegnamenti di questa appendice sono decisamente di matrice laica ; certi passaggi risultano addirittura di contenuto opposto rispetto a quanto espresso negli Ammaestramenti. Per quanto riguarda i riferimenti alla vendetta, i passi contenuti costituiscono una pedissequa traduzione di alcune sentenze di Publilio Siro. Non ci si limita a caldeggiare il sistema vendicatorio ; addirittura viene considerato allo stesso modo ingiurioso il comportamento di chi offende e di chi tralascia di vendicare l’offesa : « ingiuria fa quegli che ingiuria non vendica ». Ma l’omessa vendetta non è solo una questione di onore bensì anche di sicurezza, perché chi ha paura di vendicarsi dà un segnale di debolezza, attira su di sé altri nemici : « chi di vendicarsi teme molti ne farà malvagi ». In linea con i trattati didattico-morali, vengono anche dispensati consigli per una migliore attuazione della vendetta. Come là dove si invita alla dissimulazione per depistare il nemico : « chi bene dissimula l’ingiuria meglio si può vendicare ». L’esaltazione della vendetta assume toni quasi raccapriccianti : se per Paolo da Certaldo, Boccaccio e Graziolo de’ Bambaglioli la vendetta dà allegrezza, per l’anonimo scrittore addirittura « gioiosa è la macula del sangue del nimico76 ».

61Con Dante Alighieri poniamo termine a questa rassegna. Come abbiamo anticipato, il ruolo della vendetta nell’opera di Dante, e soprattutto la concezione che egli ne ebbe, sono stati lungamente studiati ; eppure, almeno per quanto riguarda il secondo aspetto, sono state offerte soluzioni non del tutto soddisfacenti, o addirittura contraddittorie.

  • 77 G. Diurni, Vendetta, in Enciclopedia dantesca, art. cit., vol. V, p. 917.

62Che Dante avesse ben presente il sistema vendicatorio risulta in primo luogo dall’importanza che nella Commedia riveste il sistema del contrappasso, la più perfetta delle vendette ; nel mondo ultraterreno Dio infatti punisce e premia i defunti proporzionatamente alla condotta tenuta in vita. Inoltre, in ultima analisi, lo stesso poema rappresenta « una sublime vendetta contro i numerosi avversari77 » politici del poeta.

  • 78 Cfr. S. Saffioti Berardi, Buondelmonti Buondelmonte, in Enciclopedia dantesca, op. cit., vol. I, pp (...)

63Alcuni episodi della Commedia hanno esplicitamente ad oggetto storie di vendette, casi paradigmatici ormai fissati nella memoria collettiva. Proprio per la loro esemplarità questi episodi non possono essere sufficienti a darci un’idea precisa di che cosa il poeta pensasse della vendetta. Dante si limita ad approvare per la loro santità ovvero condannare per la loro ferocia i protagonisti di questi fatti ormai remoti78. Due sono i passi dell’opera dantesca sui quali si è maggiormente puntato l’attenzione per tentare di ricostruire l’opinione del poeta intorno alla vendetta : il sesto sonetto della Tenzone con Forese Donati e l’episodio di Geri del Bello (Inferno, XXIX). In entrambi i casi, infatti, si allude a circostanze in cui Dante si sarebbe dovuto confrontare con il sistema vendicatorio.

64La Tenzone ha da sempre creato alla critica grossi problemi interpretativi, sia a causa dell’impervio linguaggio gergale utilizzato che dell’oscurità di molte circostanze a cui i poeti fanno riferimento. Tali difficoltà sono rilevabili specialmente nel sesto sonetto, quello che tratta di una presunta vendetta che, almeno indirettamente, avrebbe coinvolto Dante.

  • 79 Cfr. A. Jenni, Donati Forese, in Enciclopedia dantesca, op. cit., vol. II, pp. 560-563 ; E. Chiarin (...)
  • 80 M. Barbi, La tenzone..., art. cit., pp. 168-176.
  • 81 Brunetto Latini, Il Tesoro…, op. cit., VI, 32.

65Secondo l’interpretazione classica, che appare preferibile, Forese79, con tono pungente, prenderebbe in giro l’amico contestandogli il mancato esercizio della vendetta per un’offesa subita dal padre e che Dante, per viltà, non avrebbe voluto vendicare. I critici si sono arrovellati per scoprire che tipo di offesa avesse subito il padre di Dante. Appare da condividere la lettura del sonetto di Michele Barbi che prudentemente evitò di forzare il testo80. A suo parere non emergerebbe alcun chiaro particolare sulla natura dell’offesa ; si deduce soltanto che Alighiero avrebbe subito una non meglio precisata offesa in occasione di un cambio di aguglini, cioè di monete. Più in generale, tutte le accuse rivolte da Forese sarebbero soltanto scherzose, sia nel tono che nella sostanza. L’offesa subita riguardava verosimilmente una piccola questione, che Dante, ereditandola, preferì con buon senso dimenticare. Tra l’atro, se in caso di ingiurie gravi era la stessa opinione pubblica ad esigere la vendetta, per le questioni da poco, come evidenziava ad esempio Brunetto Latini81, appariva consigliabile non tenerne sufficientemente conto. Nonostante gli sforzi interpretativi, non vi sono qui elementi sufficientemente sicuri per poter asserire, sulla base del componimento, che Dante approvasse la vendetta e ne fosse un fautore.

  • 82 Inferno, XXIX, vv. 1-37. Cfr. S. Saffioti Bernardi e R. Piattoli, Alighieri Geri, in Enciclopedia D (...)

66Ben diverso è il contesto dell’episodio di Geri del Bello, uno dei più drammatici della Commedia, in cui Dante, prendendo spunto da una questione che direttamente riguardava la famiglia, apre un interessante squarcio sul tema delle vendette fiorentine82.

67Il poeta all’inferno sta attraversando il ponte di Malebolge, sotto il quale sono puniti i seminatori di scandali. Improvvisamente intravede un’ombra familiare ed ha un sussulto. A Virgilio che lo sollecita ad accelerare il passo per proseguire il viaggio Dante risponde accennando a ciò che aveva catturato la sua attenzione, inizialmente senza spiegarlo in modo esplicito :

« Se tu avessi », rispuos’io appresso,
« atteso a la cagion perch’io guardava,
forse m’avresti ancor lo star dimesso » (vv. 13-15).

Poi, fatto qualche passo dietro al maestro, aggiunge :

[…] « Dentro a quella cava
dov’io tenea or li occhi sí a posta,
credo ch’un spirto del mio sangue pianga
la colpa che là giù cotanto costa » (vv. 18-21).

A questo punto Virgilio conferma di aver già visto quell’ombra mentre Dante era ancora preso dall’aspetto e dalle parole del personaggio precedentemente incontrato, Bertram dal Bornio :

ch’io vidi lui a piè del ponticello
mostrarti e minacciar forte col dito,
e udi’ ’l nominar Geri del Bello (vv. 25-27).

  • 83 M. Scherillo, Alcuni capitoli…, op. cit., pp. 82-115.

Geri era cugino di Alighiero, padre di Dante, e la sua storia è stata variamente narrata dai commentatori antichi, non senza accenni romanzeschi83. Per vendicare l’omicidio subito dal padre, si era finto lebbroso e così travestito era penetrato nella casa della famiglia nemica. Incontratovi il figlio maggiore dell’offensore lo aveva ucciso, riuscendo poi a fuggire. Molto tempo dopo sarebbe stato riconosciuto a Fucecchio da uno degli avversari e quindi finito a coltellate. La sua morte meritava ancora una riparazione. Virgilio biasima l’interessamento del discepolo per costui e aggiunge un duro rimprovero :

[…] non si franga
lo tuo pensier da qui innanzi sovr’ello.
Attendi ad altro, ed ei là si rimanga (vv. 22-24).

In un crescendo d’intensità, Dante, di solito così obbediente, ribatte rivelando alla propria guida il suo vero animo :

« O duca mio, la violenta morte,
che non li è vendicata ancor, diss’io,
per alcun che dell’onta sia consorte,
fece lui disdegnoso ; ond’el sen gio
senza parlarmi, sí com’io estimo :
e in ciò m’ha el fatto a sé più pio » (vv. 31-36).

L’anima di Geri, è quindi sdegnata poiché la sua morte è stata lasciata invendicata dalla discendenza a cui Dante stesso apparteneva.

68Sostanzialmente i critici moderni si sono divisi in due schiere. Secondo alcuni dall’episodio si evince che Dante prova pietà per Geri e condivide il suo cruccio. Secondo altri il poeta respinge il desiderio di vendetta. Dante, indubbiamente commosso e angosciato, sentendo forte il legame di sangue vorrebbe fermarsi a parlare con il parente, giustificarsi e forse addirittura promettere : quella situazione lo ha reso « più pio », cioè più pietoso. Virgilio, dal canto suo, vuole fargli presente che altro è il suo dovere di uomo e di cristiano. L’incertezza di Dante, dovuta alla paura di un’infamia legata ad un’offesa lasciata invendicata, è vinta grazie all’energico richiamo morale di Virgilio che rappresenta la Ragione (« attendi ad altro »).

69Come sottolinea il Sapegno, dall’episodio si ricaverebbe un atteggiamento mutato nei confronti della vendetta da parte di Dante :

  • 84 La Divina Commedia, a cura di N. Sapegno, Firenze, Le Monnier, 1955, Inferno, XXIX, p. 326.

È lecito supporre che anche in Dante la meditazione del messaggio cristiano e l’alto senso della giustizia e della pace, maturato attraverso le amare vicende dell’esilio, e la susseguente meditazione politica, avessero determinato, quando scriveva il poema, un atteggiamento di distacco e di superiorità nei riguardi di certe superstiti usanze barbariche dei suoi contemporanei84.

  • 85 Ottimo commento della « Divina Commedia », a cura di A. Torri, op. cit., vol. I, p. 499 ; Cristofor (...)

D’altronde, a questa interpretazione inclinano anche i commentatori antichi, i quali negano che da questi versi emerga il consenso di Dante verso la vendetta85.

70In definitiva Dante era a conoscenza dei rituali protocollari del sistema vendicatorio ; condannava gli eccessi e rimaneva affascinato dagli esempi di religiosa pietà. Pur riconoscendo l’importanza dei legami di sangue, almeno nel momento in cui scriveva l’episodio di Geri del Bello, riteneva la morale cristiana più efficace della logica della vendetta.

Top of page

Notes

1 Cfr. I. Del Lungo, Una vendetta in Firenze il giorno di San Giovanni del 1295, « Archivio storico italiano », XVIII, 1886, pp. 355-409 ; P. Santini, Appunti sulla vendetta privata e sulle rappresaglie in occasione di un documento inedito, « Archivio storico italiano », XVIII, 1886, pp. 162-176 ; U. Dorini, Il Diritto penale e la delinquenza a Firenze nel sec. xiv, Lucca, Corsi, 1923 ; R. Davidsohn, Firenze ai tempi di Dante, Firenze, Bemporad, 1929, in particolare pp. 676-684 ; U. Dorini, La vendetta privata ai tempi di Dante, « Giornale dantesco », XXIX, 1933, pp. 105-124 ; A. M. Enriques Agnoletti, La vendetta nella vita e nella legislazione fiorentina, « Archivio storico italiano », XCI, 1933, pp. 85-146 e 181-223. Fuori dell’area toscana : A. Checchini, Un giudice nel secolo decimoterzo : Albertano da Brescia, in Atti del Reale Istituto veneto di scienze, lettere ed arti, LXXI, 1911-1912, pp. 185-235.

2 Si ricorda : M. Scherillo, Alcuni capitoli della biografia di Dante, Torino, Loescher, 1896,pp. 82-115 ; G. Arias, Le Istituzioni giuridiche medievali nella « Divina commedia », Firenze, Lumache, 1901, pp. 31-62 ; C. Giani, La vendetta di Dio non teme suppe, « Il Giornale dantesco », XXIII, 1915, pp. 53-117 e 141-171 ; M. Barbi, La tenzone di Dante con Forese, « Studi danteschi », IX, 1924, pp. 5-149 ; Id., Ancora della tenzone con Forese, « Studi danteschi », XVI, 1932, pp. 69-105.

3 Si segnala : G. Diurni, Vendetta, in Enciclopedia dantesca, Roma, Istituto dell’enciclopedia italiana, 1970-1978, vol. V, pp. 915-918.

4 A. Zorzi, La cultura della vendetta nel conflitto politico in età comunale, in Le Storie e la memoria. In onore di Arnold Esch, a cura di R. Delle Donne e A. Zorzi, Firenze, Firenze University Press, 2002,pp. 135-170.

5 Cfr. G. Tabacco, Egemonie sociali e strutture del potere nel Medioevo italiano, Torino, Einaudi, 1979 ; O. Capitani, Dal comune alla signoria, in Storia d’Italia, a cura di G. Galasso, Torino, UTET, 1981, vol. IV, pp. 137-175.

6 Cfr. M. Vallerani, Conflitti e modelli procedurali nel sistema giudiziario comunale. I registri di processi di Perugia nella seconda metà del xiii secolo, « Società e storia », XIII, 1990, pp. 267-299, in particolare pp. 271-272 ; Id., I processi accusatori a Bologna fra due e trecento, « Società e storia », XX, 1997, pp. 741-788, in particolare pp. 741-749 ; A. Zorzi, Giustizia e società a Firenze in età comunale : spunti per una prima riflessione, « Ricerche storiche », XVIII,1988, pp. 449-495 ; Id., Negoziazione penale, legittimazione giuridica e poteri urbani nell’Italia comunale, in Criminalità e giustizia in Germania e in Italia. Pratiche giudiziarie e linguaggi giuridici tra tardo Medioevo ed età moderna, a cura di M. Bellabarba, G. Schwerhoff e A. Zorzi, Bologna, Il Mulino, 2001, pp. 13-34. Per i metodi compromissori : L. Martone, Arbiter-arbitrator. Forme di giustizia privata nell’età del diritto comune, Napoli, Jovene, 1984. Sulla pace privata : A. Padoa Schioppa, Delitto e pace privata nel pensiero dei legisti bolognesi, « Studia gratiana », XX, 1976, pp. 271-287 ; M. Vallerani, Pace e processo nel sistema giudiziario del comune di Perugia, « Quaderni storici », XXXIV, 1999, pp. 315-353. Per una prima analisi dei metodi giudiziali : G. Alessi, Il Processo penale. Profilo storico, Roma-Bari, Laterza, 2001. Sulla rappresaglia : G. Pene Vidari, Rappresaglia, in Enciclopedia del diritto, Roma, Giuffrè, 1987, vol. XXXVIII, pp. 403-410. Sul duello giudiziario : Fiorelli, Duello (storia), in Enciclopedia del diritto, Roma, Giuffrè, 1965, vol. XIV, pp. 88-93.

7 M. Sbriccoli, « Vidi communiter observari. » L’emersione di un ordine penale pubblico nelle città italiane del secolo xiii, « Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico », XXVII, 1998, pp. 231-268 ; Id., Giustizia criminale, in Lo Stato moderno in Europa. Istituzioni e diritto, a cura di M. Fioravanti, Roma-Bari, Laterza, 2002, pp. 163-205, in particolare pp. 163-169.

8 Per un breve esame delle norme statutarie toscane disciplinanti la vendetta cfr. P. Santini, Appunti…, art. cit., pp. 162-176 ; U. Dorini, Il Diritto..., op. cit., pp. 185-200 ; Id., La vendetta..., art. cit., pp. 105-124 ; A. M. Enriques Agnoletti, La vendetta..., art. cit., pp. 181-191 ; A. Zorzi, La cultura..., art. cit., pp. 164-170 ; J.-C. Maire Vigueur, Osservazioni sugli statuti pistoiesi del sec. xii, « Bullettino storico pistoiese », XCIX, 1997, pp. 3-12.

9 Varie fonti evidenziano il carattere vendicativo dei fiorentini e dei toscani in generale, cfr. G. Arias, Le Istituzioni..., op. cit., p. 38.

10 Cfr. L. H. Halkin, Pour une histoire de l’honneur, « Annales Économies, Société, Civilisations », IV, 1949, pp. 433-444.

11 Per la vendetta nel pensiero teologico-canonico medievale, cfr. D. Schiappoli, Svolgimento storico del diritto penale canonico, in Enciclopedia di diritto penale italiano, a cura di E. Pessina, Milano, Società Editrice Libraia, 1905, vol. I, 2, p. 616 e ss. ; M. Michel, Vengeance, in Dictionnaire de théologie catholique, Parigi, Letouzey et Ané, 1920, vol. XV, coll. 2613-2623.

12 Cfr. E. Cristiani, Nobiltà e popolo nel comune di Pisa. Dalle origini del podestariato alla signoria dei Donoratico, Napoli, Istituto italiano per gli studi storici, 1962, in particolare pp. 78-88 ; A. Zorzi, Politica e giustizia a Firenze al tempo degli ordinamenti antimagnatizi, in Ordinamenti di giustizia fiorentini. Studi in occasione del VII centenario, a cura di V. Arrighi, Firenze, Edifir, 1995, pp. 105-147 ; J.-C. Maire Vigueur, Osservazioni..., art. cit., pp. 9-12.

13 A. M. Enriques Agnoletti, La vendetta..., art. cit., pp. 128-137.

14 Cfr., ad es., Giovanni Sercambi, Novelle, a cura di G. Sinicropi, Bari, Le Lettere, 1995, nov. 118,8 : « O sciocchi, che credete che colui che è stato diservito non tegna sempre a mente il diservigio a lui fatto ! Né mai del cuore li esce […]. »

15 C. Segre, Le forme e le tradizioni didattiche, in Grundriss der romanischen Literaturen des Mittelalters, Heidelberg, Winter, 1968, vol. VI, 1, pp. 58-145.

16 M. Montorzi, « Fides in rem publicam. » Ambiguità e tecniche del diritto comune, Napoli, Jovene, 1984, pp. 206-207 e 269-303.

17 R. Tuve, Allegorical Imagery. Some Medieval Books and their Posterity, Princeton, Princeton University Press, 1966.

18 A. Roncaglia, Le corti medievali, in Letteratura italiana, a cura di A. Asor Rosa, Torino, Einaudi, 1982, vol. I, pp. 105-122 ; D. Romagnoli, Cortesia nella città : un modello complesso. Note sull’etica medievale delle buone maniere, in Le Città e la corte. Buone e cattive maniere tra Medioevo ed età moderna, a cura di D. Romagnoli, Milano, Guerini e Associati, 1991, pp. 21-70.

19 B. Garofani, Geografia della diffidenza. Parola e letteratura didattica fra Due e Trecento, « Nuova rivista storica », LXXXIV, 2000, pp. 317-336.

20 Mentre il giovane Melibeo (che incarna l’uomo comune) è assente da casa, la moglie Prudenza (allegoria personificata) e la figlia subiscono un’aggressione ad opera di alcuni malintenzionati. Al suo ritorno Melibeo, riuniti amici e parenti, espone l’accaduto e chiede consiglio, senza celare la propria predisposizione alla vendetta. Nonostante nell’assemblea prevalgano i sostenitori della vendetta, Prudenza dissuade il marito dalla decisione, invitandolo a rinunciare alla violenza ed a riconciliarsi con i nemici : l’umiliazione degli aggressori, che si dichiarano pronti a fare pace, reintegrerà Melibeo dell’onore violato. Per l’edizione latina del trattato, cfr. Albertano da Brescia, Liber consolationis et consilii ex quo fabula gallica de Melibeo et Prudentia, a cura di T. Sundby, Havniae, 1873.

21 A. Zorzi, La cultura..., art. cit., pp. 143-158.

22 Su Brunetto : T. Sundby, Della vita e delle opere di Brunetto Latini, Firenze, Le Monnier, 1884 ; F. Mazzoni, Latini Brunetto, in Enciclopedia dantesca, op. cit., vol. III, pp. 579-588.

23 Sul senno : vv. 1611, 2016, 2022, 2195 ; sulla follia/mattezza : vv. 1640, 1916, 1987, 1990, 1991, 2049, 2574. Le citazioni del Tesoretto sono tratte dall’edizione a cura di M. Ciccuto, Milano, BUR, 1995.

24 Per un’interpretazione antropologica della soddisfazione che la vendetta arreca, cfr. R. Motta, Teoria del diritto primitivo, Milano, Unicopoli, 1986, pp. 60-65.

25 Brunetto Latini, Il Tesoro di Brunetto Latini volgarizzato da Bono Giamboni, Venezia, Gondohive, 1839, VI, 32. Cfr. anche Il Tesoretto, op. cit., vv. 2683-2690.

26 C. Casagrande e S. Vecchio, I Sette Vizi capitali. Storia dei peccati nel Medioevo, Torino, Einaudi, 2000, pp. 54-77.

27 M. Michel, Vengeance, art. cit., coll. 2613-2623.

28 Secondo C. Segre (introd. a Bono Giamboni, Il Libro de vizi e delle virtudi e Il Trattato di virtù e di vizi, Torino, Einaudi, 1968, p. xxvii), queste opere toscane duecentesche di carattere didattico sarebbero state scarsamente influenzate dalla scolastica ed avrebbero addirittura ignorato il pensiero di Tommaso d’Aquino.

29 Brunetto Latini, Il Tesoro…, op. cit., VI, 32.

30 Esiste una salda tradizione, da Cicerone (De officiis, a cura di W. Miller, Londra-New York, Loeb, 1951, I, 25, 89) al Moralium dogma philosophorum (attribuito a Guglielmo di Conches, in P. L. CLXXI, coll. 1008-1056, cap. xiii) fino ad Albertano da Brescia (Liber consolationis et consilii…, op. cit., XII e XIV), che mette in guardia chi deve fare giustizia (e quindi, in alternativa, farsi giustizia) contro l’ira e la festinantia. Brunetto Latini non fa quindi che appoggiarsi ad un luogo comune.

31 Anche se l’eccessivo indugio può essere ugualmente dannoso (v. 2130).

32 Così, secondo un proverbio del poeta umbro Garzo (Proverbi, in Poeti del Duecento, a cura di G. Contini, Milano-Napoli, Ricciardi, 1960, t. II, 1, nr. 227 p. 312), « vendetta s’indugia, / ma non si trangugia » ; secondo un proverbio riportato dall’Ottimo (Ottimo commento della « Divina Commedia », a cura di A. Torri, Pisa, Capurro, 1827-1829, vol. I, p. 498) : « vendetta di cento anni tiene denti lattaiuoli », la reazione ad un’offesa è sempre fresca e può esser fatta in qualsiasi momento. Cfr. anche Publilio Siro, Sententiae, a cura di E. Woelfflin, Leipzig, Teubner, 1869, n. 254.

33 Cfr., ad es., la nota vendetta consumata a Firenze dalla famiglia dei Velluti su quella dei Mannelli vari decenni dopo l’offesa : I. Del Lungo, Una vendetta..., art. cit.

34 Cfr., in proposito, Giovanni Sercambi, Novelle, op. cit., nov. 125, 10-16.

35 Cfr. Publilio Siro, Sententiae, op. cit., nn. 510 e 525.

36 Cfr. ibid., n. 255. Sulla necessità, nei conflitti, di predisporre adeguate difese cfr. Albertano da Brescia, Liber consolationis et consilii…, op. cit., XXXII, XXXIII, XXXV nonché il suo De amore et dilectione Dei et proximi et aliarum rerum et de forma vitae, a cura di S. L. Hiltz, Pennsylvania, University of Pennsylvania, 1980, IX-XII.

37 Albertano da Brescia, Liber consolationis et consilii…, op. cit., XLI, XLV, XLVI sulla necessità di possedere, per realizzare la vendetta, mezzi materiali ; XL, XLI sui nemici più potenti di chi ha subito l’offesa. Cfr. anche A. Checchini, Un giudice..., art. cit., p. 230.

38 Si rinvia a : F. Niccolai, I consorzi nobiliari ed il comune nell’alta e media Italia, « Rivista di storia del diritto italiano », XIII, 1940, pp. 116-147, 292-342 e 397-410 ; J. Heers, Il Clan familiare nel Medioevo, Napoli, Liguori, 1976. Cfr. anche le annotazioni di G. Arias, Le Istituzioni…, op. cit., pp. 35-38, 63-69, 217-223 e di A. M. Enriques Agnoletti, La vendetta..., art. cit., pp. 102-122.

39 Comedia di Dante degli Allagherii. Col commento di Jacopo di Giovanni Dalla Lana, a cura di L. Scarabelli, Milano, Civelli-Moretti, 1865, p. 133, n. 33.

40 Cfr. S. Debenedetti, Bono Giamboni, « Studi medievali », IV, 1912-1913, pp. 271-278 ; C. Segre, Bono Giamboni, in Dizionario critico della letteratura italiana, Torino, Einaudi, 1986, vol. I, pp. 377-379 ; A. Zorzi, La cultura…, art. cit., pp. 140-142.

41 Buona parte del Libro, compresi i passi relativi alla vendetta, era già stata sviluppata dall’autore nel Trattato di virtù e di vizi, sull’anteriorità del quale, cfr. C. Segre, Sul testo del « Libro de’ vizi e delle virtudi » di Bono Giamboni, « Studi di filologia italiana », XVII, 1959, pp. 5-96, in particolare pp. 6-8.

42 Bono Giamboni, Libro de’ vizi e delle virtudi, op. cit., cap. xxxvi, 1.

43 Ibid., cap. lxxi, 2-3. Cfr. Il Trattato di virtù e vizi, op. cit., XI, 1-4.

44 Bono Giamboni, Libro de’ vizi e delle virtudi, op. cit., cap. xxxvi, 17.

45 Ibid., cap. lxxi, 18. Cfr. Il Trattato di virtù e di vizi, op. cit., XV,1-3.

46 Sovente nel lessico giuridico romano ultio e vindicta sono usati come sinonimo di pena ; cfr. C. Ferrini, Esposizione storica e dottrinale del diritto penale romano, in Enciclopedia del diritto penale, op. cit., vol. I, p. 26. Le disposizioni statutarie confermano quest’uso : cfr., ad es., R. Celli, Studi sui sistemi normativi delle democrazie comunali. Secoli xii-xiv,I, Pisa, Siena, Firenze, Sansoni, 1976, pp. 104, 107 e 109-112 ; J.-C. Maire Vigueur, Osservazioni..., art. cit., p. 9. I molteplici significati del lemma risultano poi ampiamente attestati tanto presso i giuristi che i letterati dell’età medievale. Per il lessicografo Papias (Vindicta, in Vocabolarium, Venetiis, 1496, p. 370) : « vindicta : punitio, poena, supplicium ». Per i giuristi, è sufficiente ricordare la voce vindicta, contenuta nel Dictionarium iuris di Alberico da Rosciate (Vindicta, in Dictionarium iuris, Venetiis, 1573, pp. 581-582). Con riferimento all’opera dantesca, cfr. A. Niccoli, Vendetta, in Enciclopedia dantesca, op. cit., pp. 914-915. Lo stesso Albertano da Brescia, Liber de consolationis et consilii…, op. cit., XXXIX, usa vindicta per definire la sanzione che lo iudex irroga.

47 Cfr. C. Pecorella, Cause di giustificazione, circostanze attenuanti e aggravanti del reato dalla glossa alla c.d. riforma del diritto penale, in Studi e ricerche di storia del diritto, Torino, Giappichelli, 1995, pp. 33-85 ; L. Aru, Difesa legittima. Diritto romano, in Novissimo Digesto italiano, Torino, Istituto dell’enciclopedia italiana, 1957, vol. V, p. 619.

48 Albertano da Brescia, Liber consolationis et consilii…, op. cit., XLIX. Di contro a A. Zorzi che sfuma la questione (La cultura..., art. cit., p. 153), cfr. A. Checchini, Un giudice..., art. cit., pp. 219-222 e J.-C. Maire Vigueur, L’ufficiale forestiero, in Ceti, modelli, comportamenti nella società medievale (secc. xiii-metà xiv), Pistoia, Centro italiano di studi di storia dell’arte, 2001 p. 95.

49 C. Segre, introd. a Bono Giamboni, Il Libro dei vizi e delle virtudi..., op. cit., p. xvii, n. 1.

50 Ps. Guglielmo di Conches, Moralium…, op. cit., cap. ix. Cfr. anche Albertano da Brescia, De amore et dilectione Dei..., op. cit, XV. La vasta applicabilità del lemma severitas è confermata anche da Alberico da Rosciate (Severitas, in Dictionarium iuris, op. cit., p. 754).

51 Bono Giamboni, Libro de’ vizi e delle virtudi, op. cit., cap. xxxvi, 18.

52 Ibid., cap. lxxi, 19-20. Per la citazione evangelica, cfr. Mt. 5, 39-40.

53 E. Pasquini, Francesco da Barberino, in Dizionario biografico degli Italiani, Roma, Istituto dell’enciclopedia italiana, 1961-, vol. XLIX, pp. 687-691.

54 Francesco da Barberino, I Documenti d’amore, a cura di F. Egidi, Roma, Società filologica romana, 1912, Doc. XXIV, pp. 318-319.

55 Su Paolo da Certaldo : S. Foà, Paolo di Messer Pace da Certaldo, in Letteratura italiana. Gli autori. Dizionario bio-bibliografico e indici, Torino, Einaudi, 1991, vol. II, p. 91. Cfr. Paolo da Certaldo, Libro di buoni costumi, a cura di A. Schiaffini, Firenze, Le Monnier, 1945.

56 Sulla concordia e la pace : nn. 7, 122, 132, 199, 281, 353 ; sull’autocontrollo : nn. 197, 198, 343 ; sui rapporti con i nemici : nn. 31, 38, 67, 96, 101, 131, 191 ; sul perdono : n. 44.

57 Sul concetto di fama e sulla sua rilevanza, anche giuridica, nella società medievale, cfr. F. Migliorino, Fama e infamia. Problemi della società medievale nel pensiero giuridico dei secoli xii e xiii, Catania, Giannotta, 1985.

58 Su Graziolo : F. Mazzoni, Bambaglioli Graziolo, in Enciclopedia dantesca, op. cit., vol. I, pp. 506-507. Cfr. Trattato delle volgari sentenze sopra le virtù morali di Graziolo Bambagiuoli cancellier di Bologna, Modena, Soliani, 1821.

59 Cfr. E. Artifoni, I podestà professionali e la fondazione retorica della politica comunale, « Quaderni storici », LXIII, 1986, pp. 687-719.

60 Orfino da Lodi, De regimine et sapientia potestatis, a cura di A. Ceruti, in Miscellanea di storia italiana, Torino, Stamperia Reale, 1869, vol. VII, p. 77.

61 Su questo personaggio : M. Palma, Ceffi Filippo, in Dizionario biografico degli italiani, op. cit., vol. XXIII, pp. 320-321. Le Dicerie sono edite da G. Giannardi, Le « Dicerie » di ser Filippo Ceffi, « Studi di filologia italiana », VI, 1942, pp. 5-63.

62 A. Zorzi, La cultura..., art. cit., p. 160.

63 Su Rustico Filippi, cfr. T. Casini, Un cronista del secolo decimoterzo, in Scritti danteschi, Città di Castello, Lapi, 1913, pp. 225-255. Cfr. Rustico Filippi, Sonetti, a cura di P. V. Mengaldo, Torino, Einaudi, 1971.

64 Albertano da Brescia, Liber consolationis et consilii…, op. cit., XX.

65 Su Cecco Angiolieri : M. Marti, Angiolieri Cecco, in Dizionario biografico degli Italiani, op. cit., vol. III, pp. 28-283. I sonetti citati sono i nn. 120-122 dell’edizione : Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, a cura di A. F. Massera, Bari, Laterza, 1920, vol. I, pp. 128-129.

66 M. Petrocchi, Scrittori di pietà nella spiritualità toscana e italiana del Trecento, « Archivio storico italiano », CXXV, 1967, pp. 3-33 ; C. Delcorno, Nuovi testimoni della letteratura domenicana del Trecento : Giordano da Pisa, Cavalca, Passavanti, « Lettere italiane », XXXVI, 1984, pp. 577-590.

67 R. Rusconi, Predicazione e vita religiosa nella società italiana, Torino, Loescher, 1981.

68 M. C. de Matteis, La « Teologia politica comunale » di Remigio de’ Girolami, Bologna, Patron, 1977.

69 C. Delcorno, Giordano da Pisa e l’antica predicazione volgare, Firenze, Olschki, 1975.

70 Giordano da Rivalto, Prediche del beato fr. Giordano da Rivalto dell’Ordine dei Predicatori, a cura di M. Manni, Firenze, Viviani, 1739, pp. 280-281.

71 Giordano da Rivalto, Medicina del cuore, 3 ; Id., Esempi, 9, 120, 167, in Racconti esemplari di predicatori del Due e Trecento, a cura di G. Varanini e G. Baldassarri, Roma, Salerno, vol. II, 1993.

72 Cfr. C. Delcorno, Cavalca Domenico, in Dizionario biografico degli Italiani, op. cit., vol. XXII, pp. 577-586 ; Domenico Cavalca, Esempi, 3, 25, 30, 34, 78, 92, in Racconti esemplari di predicatori…, op. cit., vol. III.

73 C. Segre, Bartolomeo da San Concordio, in Dizionario biografico degli Italiani, op. cit., vol. VI, pp. 768-770 ; Bartolomeo da San Concordio, Ammaestramenti degli antichi raccolti e volgarizzati per Fra Bartolomeo da San Concordio pisano, a cura di V. Nannucci, Firenze, Ricordi, 1840, pp. 11, 323, 605, 609 e 631.

74 Bartolomeo da San Concordio, Summa aurea Armilla, Venetiis, 1582, pp. 1004-1005.

75 Per qualche accenno a questa Giunta, cfr. I. Del Lungo, Una vendetta..., art. cit. p. 385 ; A. M. Enriques Agnoletti, La vendetta..., art. cit., p. 145.

76 Cfr. Publilio Siro, Sententiae, op. cit., nn. 285, 394, 510 e 275.

77 G. Diurni, Vendetta, in Enciclopedia dantesca, art. cit., vol. V, p. 917.

78 Cfr. S. Saffioti Berardi, Buondelmonti Buondelmonte, in Enciclopedia dantesca, op. cit., vol. I, pp. 722-723 ; P. Camporesi, Montfort Guido di, in ibid., vol. III, pp. 1022-1023 ; V. Presta, Alberigo frate, in ibid., vol. I, pp. 94-95 ; M. Luberti, Pisistrato, in ibid., vol. IV, p. 536 ; G. R. Sarolli, Stefano Santo, in ibid., vol. V, p. 426 ; R. Piattoli, Scornigiani Marzucco, in ibid., vol. V, pp. 87-88.

79 Cfr. A. Jenni, Donati Forese, in Enciclopedia dantesca, op. cit., vol. II, pp. 560-563 ; E. Chiarini, Tenzone con Forese, in ibid., vol. V, pp. 561-563.

80 M. Barbi, La tenzone..., art. cit., pp. 168-176.

81 Brunetto Latini, Il Tesoro…, op. cit., VI, 32.

82 Inferno, XXIX, vv. 1-37. Cfr. S. Saffioti Bernardi e R. Piattoli, Alighieri Geri, in Enciclopedia Dantesca, op. cit., vol. I, pp. 141-142.

83 M. Scherillo, Alcuni capitoli…, op. cit., pp. 82-115.

84 La Divina Commedia, a cura di N. Sapegno, Firenze, Le Monnier, 1955, Inferno, XXIX, p. 326.

85 Ottimo commento della « Divina Commedia », a cura di A. Torri, op. cit., vol. I, p. 499 ; Cristoforo Landino, Comento sopra la Comedia, a cura di P. Procaccioli, Roma, Salerno, 2001, vol. II, p. 942 ; F. da Buti, Commento di Francesco da Buti sopra la « Divina Commedia » di Dante Alighieri, a cura di C. Giannini, Pisa, Nistri, 1860, vol. I, Inferno, XXIX, vv. 22-30, p. 472.

Top of page

References

Electronic reference

Stefano Andres, « Oltre lo statuto. La vendetta nella letteratura toscana del Due-Trecento », Laboratoire italien [Online], 5 | 2005, Online since 07 July 2011, connection on 28 April 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/426 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.426

Top of page

About the author

Stefano Andres

Stefano Andres est docteur en histoire du droit médiéval (université de Milan) avec une thèse sur Lo Stupro semplice nella letteratura consiliare di diritto comune (secc. xiv-xvii). Ses recherches portent essentiellement sur l’histoire du droit criminel dans le cadre du droit commun (ius commune). Il étudie aussi la mythologie et l’histoire de l’antiquité, en particulier le thème de l’imaginaire. Il a publié « Bestemmia : Schede per una prima ricognizione storica di una fattispecie di illecito » (Iuria Communia, 1999), Le Amazzoni nell’immaginario occidentale. Il mito e la storia attraverso la letteratura (Pise, Edizioni ETS, 2001), « Le Amazzoni tra mondo mediterraneo e mondo nordico (Settentrione, XIII, 2001), « Adamo di Brema e la terra feminarum. Suggestioni di un mito » (Classiconorroena, 2003).

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page