Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Les écrivains italiens des Lumières et la Révolution française

L’ultimo Verri*

L’ultimo Verri
Le dernier Verri
Carlo Capra
p. 19-34

Abstracts

Il saggio esamina l’evoluzione del pensiero politico di Pietro Verri a partire dalla metà degli anni Ottanta, quando una serie di lutti e di delusioni che lo colpiscono negli affetti privati e nella carriera pubblica (bruscamente conclusa nel 1786 col pensionamento forzato) lo inducono a mettere in discussione le scelte giovanili e in particolare l’adesione sia pur strumentale al modello dell’assolutismo illuminato. Questo vuoto è riempito dall’adesione entusiastica alla Rivoluzione francese, che non si smentisce nemmeno nella fase più radicale del terrore robespierrista. Per quanto riguarda l’eventuale estensione all’Italia dei principi del 1789, tuttavia, la posizione di Verri rimane fedele a un costituzionalismo proto liberale, che negli ultimi tredici mesi di vita (1796-1797) egli difenderà contro gli eccessi dei «giacobini» milanesi, fino a trovare una sponda nel mutato orientamento di Bonaparte dopo la definitiva vittoria sull’Austria.

Top of page

Full text

  • 1 Questa e le successive citazioni dal carteggio tra Pietro e Alessandro Verri negli anni 1792-1797, (...)
  • 2 L. Mannori, Un «affare di sentimento». L’identità civile del signor Pietro Verri, gentiluomo milane (...)

1Il percorso esistenziale e intellettuale di Pietro Verri, il maggiore degli illuministi italiani secondo Franco Venturi, non si presenta come un processo di crescita armonioso e continuo, ma come un cammino accidentato, scandito da rotture e da svolte, che pure non pregiudicano una coerenza di fondo, orgogliosamente rivendicata dal vecchio riformatore nel suo dialogo col fratello lontano. «Preparatevi a trovare in me lo stesso uomo che avete lasciato ventotto anni prima – gli scriveva il 22 dicembre 1792 – co’ principj medesimi, se non che la vetustà e le idee aggiunte gli hanno modificati»1. In un penetrante saggio recente, Luca Mannori ha interpretato questa vicenda nei termini di una ricerca perennemente insoddisfatta di un orizzonte identitario, di una categoria sociale di appartenenza, a cui riferire la sua volontà di affermazione personale2. L’identità nobiliare e patrizia, retaggio dell’ambiente familiare, fu messa in crisi fin dalla giovinezza di Pietro dall’aspro conflitto che lo oppose ai genitori, esponenti di una concezione tradizionale della famiglia e dell’autorità paterna, anche se rimase sullo sfondo come una componente ineliminabile della sua personalità. La conversione dai giovanili esercizi letterari alla politica e all’economia, che fu in larga parte il frutto dell’esperienza compiuta nel 1759-1760 a Vienna e sui campi di battaglia della Guerra dei sette anni, si accompagnò da un lato al rapido assorbimento delle idee e dei valori propri dell’illuminismo anglo-francese, dall’altro alla piena adesione alle direttive di riforma del governo asburgico e quindi all’ambizione di issarsi alla testa dell’amministrazione finanziaria dello Stato milanese. Il fallimento di questo disegno, resosi manifesto nel corso di un nuovo viaggio a Vienna nel 1771, indusse Pietro a ripensare criticamente la sua esperienza di funzionario e a concentrare le sue migliori energie nell’attività di filosofo e di storico e le sue ambizioni di gloria nella Repubblica delle lettere. Ma l’esilità e inconsistenza del pubblico dei lettori, le tepide accoglienze riservate a Milano ai suoi Discorsi sull’indole del piacere e del dolore, sulla felicità e sulla economia politica (la prima opera pubblicata sotto il proprio nome, nel 1781) e soprattutto al primo volume della Storia di Milano (1783) determinarono la frustrazione anche di queste speranze. Dal 1783 al 1796, Pietro Verri non pubblicò più nulla, se si eccettua il doveroso omaggio a un amico scomparso rappresentato dalle Memorie della vita e degli studi del sig. Don Paolo Frisi (1787). Ad aggravare la crisi da lui attraversata in questi anni si aggiunsero l’incipiente sordità, che accentuò il suo isolamento nella società milanese, la lacerante lite per l’eredità familiare con i fratelli, compreso l’amato Alessandro, suo interlocutore e confidente da tanti anni, infine il pensionamento impostogli nel 1786, con appena un terzo dello stipendio dato che il servizio da lui prestato come consigliere, vice-presidente e infine presidente del Magistrato Camerale non raggiungeva i 25 anni. D’improvviso, le radicali riforme di Giuseppe II in campo ecclesiastico, giudiziario, amministrativo, assistenziale, che all’inizio del regno gli erano apparse in una luce assai favorevole, persero la loro attrattiva e gli apparvero come altrettante manifestazioni di uno «smascherato dispotismo», intollerante di ogni freno, indifferente all’opinione pubblica e deciso a calpestare le tradizioni e le identità storiche delle province suddite. Già nell’elogio di Paolo Frisi il philosophe non è più rappresentato come il consigliere e il collaboratore dei principi, ma come il creatore di una pubblica opinione favorevole al progresso e ai Lumi, e capace col tempo di imporsi allo stesso sovrano:

  • 3 P. Verri, Memorie appartenenti alla vita ed agli studi del signor Don Paolo Frisi Regio Censore e P (...)

Gli uomini di lettere hanno maggiore influenza sul destino delle generazioni future di quanto ne abbiano gli stessi monarchi sugli uomini viventi […]. La opinione dirige la forza, e i libri dirigono la opinione, sovrana immortale del mondo.3

2Agli anni immediatamente successivi appartengono una serie di scritti che fin dal titolo indicano la contrapposizione dell’uomo di cultura (chiara controfigura dell’autore) al potere arbitrario: i Pensieri politici sulle operazioni fatte in Milano nel 1786, l’Orazione funebre per Giuseppe II imperatore e re, il Dialogo fra Giuseppe II e un filosofo, il Dialogue des morts: Le Roi Frédéric et Voltaire, la Lettera del filosofo NN al monarca NN. A questi componimenti se ne alternano altri di carattere più intimo e autobiografico, memorie e frammenti di memorie che hanno in comune la costruzione di un’immagine di sé stoica ed eroica, contrapposta alla viltà, alla bassezza, alla malvagità di quanti stavano intorno a lui, nella famiglia d’origine così come nella vita politica. Tipico di questa vena auto-celebrativa è l’avvio di una Sincera memoria sugli impieghi che ebbi e sulla cagione che me li fece perdere, datata 6 marzo 1789:

  • 4 Edizione nazionale delle opere di Pietro Verri, cit., vol. V, Scritti di argomento familiare e auto (...)

La mia anima è libera, e sdegnasi a ogni artificio servile; opero per principj ed ho naturale ribrezzo a ciò che sia basso e vile; sensibile alla vera gloria, impaziente di simulazione, non sono capace di distinguermi se non con l’assiduità del travaglio, colla purità della morale, e colla chiarezza delle mie idee. Da questo periodo solo si comprende ch’io ho un sentimento di elevazione sugli altri uomini, e se vogliasi chiamare orgoglio io non mi opporrò.4

  • 5 Si tratta della Memoria datata «Ornago, 12 luglio 1788», ibid., p. 547.
  • 6 P. Verri, Considerazioni sul lusso, in Il Caffè. 1764-1766, a cura di G. Francioni e S. Romagnoli, (...)

3Un uomo così fatto non poteva certo riconoscersi nel buon funzionario giuseppino, nel ruolo di zelante esecutore degli ordini venuti dall’alto, né d’altra parte rientrare nel grembo della «corrotta repubblica dominata da tre corpi» [ecclesiastici, curiali e patrizi] costituita dalla società lombarda5. La Rivoluzione francese, annunciata e preparata da altri rivolgimenti (primo fra tutti la vittoriosa lotta per l’indipendenza delle colonie nord-americane), giunse a tempo opportuno per indicare una via d’uscita fino allora impensata dall’impasse in cui Pietro Verri era venuto a trovarsi. Naturalmente, i grandi principi di libertà e uguaglianza del 1789 non suonavano nuovi agli orecchi del vecchio illuminista: la Dichiarazione dei diritti e gli altri documenti dell’Assemblea nazionale risvegliavano nel suo animo tutta una carica giovanile di ribellione contro l’ingiustizia, l’oppressione, l’irrazionalità del vecchio mondo, riportavano in primo piano quella visione utilitaristica e rousseauiana insieme che era stata al centro della «primavera dei Lumi» lombarda e che si riassumeva nel celebre motto di Hutcheson «la maggiore felicità possibile divisa colla maggiore uguaglianza possibile»6. Vattel e altri scrittori settecenteschi gli avevano reso familiare la teoria della sovranità originariamente risiedente nel popolo, ma ora l’esempio francese dimostrava come fossero possibili la rivendicazione e l’esercizio diretto del potere costituente da parte di una grande nazione, anzi della nazione guida in Europa in fatto di lingua, di cultura, di gusto.

  • 7 Id., Storia di Milano, edizione a cura di E. Ronconi, Firenze, Sansoni, 1963, vol. I, p. 70.
  • 8 P. Verri, Decadenza del Papato, idea del governo di Venezia e degli italiani in generale, in Id., S (...)

4I due poli della riflessione politica di Pietro Verri erano sempre stati la piccola patria milanese e lombarda, da un lato, e dall’altro l’Europa, o l’umanità intera, «la patria a tutti comune»7. Negli anni Ottanta, un nuovo soggetto comunitario si affaccia con crescente insistenza alla mente di Pietro: l’Italia, vista non più solo come nazione culturale, drappeggiata nelle sue glorie letterarie e artistiche, ma come comunità di individui in carne e ossa, con i loro vizi e le loro miserie che li svergognano agli occhi dell’Europa: «Donde viene mai – scriveva Verri nel 1783 – che i costumi di noi Italiani sieno corrotti a segno, che per tutta l’Europa sia una vera vergogna il dire; sono Italiano? Veramente siamo screditati in guisa, che non è possibile esserlo di più»8; in Italia, prosegue il Verri anticipando un celebre giudizio leopardiano, non esiste vera società:

  • 9 Ibid., pp. 57-58.

Ci raduniamo nelle conversazioni, e ciascuno v’interviene sommamente cauto, come frammezzo ai nemici, temendo la interpretazione, la diceria, il ridicolo. Una compagnia di amici è una cosa non conosciuta […]; e questo è il frutto del costume cattivo, dell’invidia, del disamore, dell’indiscreta smania di primeggiare, in somma dei vizj dell’animo.9

  • 10 Ibid., p. 60.

5E «nelle nostre famiglie italiane quanta miseria, quante gangrene celate per certa convenienza…». «La riforma d’Italia [d’Italia, e non della Lombardia] potrebbe venire dalle operazioni che va facendo l’imperatore Giuseppe», conclude il Verri senza crederci troppo10.

  • 11 P. Verri, Alcuni pensieri sulla rivoluzione accaduta in Francia, in C. Morandi, Pietro Verri e la R (...)

6I grandi eventi del 1789, mentre autorizzano le più rosee speranze per quanto riguarda il futuro della Francia («se la Francia acquista una costituzione la vedremo in pochi anni diventare la nazione più ricca, più forte e più felice d’Europa»11), pongono l’angoscioso problema delle sue possibili, anzi inevitabili ripercussioni al di qua delle Alpi:

  • 12 Ibid., pp. 536-537.

Che accadrà dell’Italia? Siamo immaturi e non ancora degni di vivere sotto il regno della virtù. A forza di voler essere furbi siamo al pari dei Greci il rifiuto dell’Europa dopo esserne stati i maestri. Se non s’illumina prima la plebe, s’ella non costringe poi i nobili a piegarsi, una rivoluzione non può da noi cagionare che rapine e saccheggi, rinnovando le sciagure de’ Guelfi e Ghibellini.12

  • 13 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro del 23 agosto 1794.

7Da un lato, non era pensabile andare oltre le già radicali riforme operate dagli Asburgo in Lombardia e in Toscana senza sconvolgere l’assetto geo-politico della penisola: la transizione della sovranità alla nazione era la base teorica indispensabile per poter fare dell’unificazione italiana un progetto politico concreto e non un sogno letterario. Dall’altro, però, l’immaturità e l’arretratezza delle masse popolari, urbane e soprattutto rurali, si presentavano come ostacoli insuperabili all’attuazione di un simile programma. Di qui la divaricazione tra i toni entusiastici con cui Pietro Verri, nelle lettere al fratello e negli scritti degli anni Novanta, parla delle conquiste del popolo francese, «popolo generoso, che non adora il potere di alcuno ma sente il proprio, popolo che sente e ragiona da sé assai più che non fa la plebe altrove»13, e lo scoraggiamento che lo coglie ogni volta che il suo sguardo si sposta alle plebi della penisola, plebi appunto e non popolo, snervate e abbrutite da secoli di sudditanza al dominio di despoti e di preti; uno scoraggiamento che in qualche occasione lo spinge addirittura a invocare nuovamente il potere assoluto come unica forma di governo adatta a tale realtà. Ma in altri momenti il vecchio riformatore si lascia vincere dalla speranza che le cose possano cambiare, che il popolo italiano possa risorgere dalla sua abiezione:

  • 14 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro del 17 ottobre 1792.

Altro errore generalmente difuso si è quello di considerare la massa degli uomini, la plebaglia, la ciurma, come una mandra stupida, nata per servire, e credere che la plebe a un dipresso sia dappertutto la cosa medesima; così noi italiani, che sotto i nostri occhi la vediamo pendente dal volere e dalla opinion d’alcuni pochi, consideriamo questo stato come inerente alla natura; ma la perfettibilità della specie nostra è tale che non ce ne sono noti i confini; fra un selvaggio americano e l’eunuco di Costantinopoli e un libero inglese l’intervallo è enorme, e le masse medesime possono avere le stesse proporzioni, giacché le idee sociali presentate con semplicità sono riconoscibili alle menti comuni.14

  • 15 C. Capra, «La mia anima è sempre stata repubblicana», cit., p. 527.
  • 16 L’operetta è stata pubblicata di recente da Gennaro Barbarisi col titolo abbreviato Delle nozioni t (...)

8In questa alternanza di speranze e di timori Pietro Verri trascorse gli anni 1790-1796. Alcune sue prese di posizione, come la richiesta avanzata nei Pensieri sullo stato politico del Milanese nel 1790 di un corpo rappresentativo con poteri puramente consultivi e che nulla togliesse alla sovranità del monarca, hanno fatto pensare a un ripiegamento su posizioni più moderate; ma si tratta, come ho scritto altrove, della «registrazione, a futura memoria e per soddisfazione personale, delle concessioni che le circostanze avrebbero consentito, secondo il Verri, di ottenere dall’ex-Granduca di Toscana», ora imperatore col nome di Leopoldo II15. Il suo autentico pensiero politico va cercato, oltreché nel carteggio col fratello, in una serie di scritti attribuibili al 1791-1792 e rimasti ignoti fino a pochi anni fa; di questi testi esaminerò qui brevemente il più ampio e articolato, intitolato Primi elementi per somministrare al popolo delle nozioni tendenti alla pubblica felicità16.

  • 17 Ibid., p. 72.
  • 18 Ibid., p. 33.
  • 19 Ibid., p. 57.
  • 20 Ibid., p. 52.

9I Primi elementi consistono di quattro dialoghi, di cui il primo tratta della natura e del fondamento del governo, il secondo della libertà, mentre il terzo e il quarto vertono «su i mezzi, co’ quali si possa condurre gradatamente un popolo alla libertà»17. Si ripropone quindi in questa operetta il doppio binario della riflessione verriana, da un lato volta a tracciare le linee di un nuovo ordine politico e sociale basato sui principi di sovranità popolare, libertà e uguaglianza, dall’altro preoccupata di individuare le premesse per una sua futura estensione agli spazi italiani. Quanto al primo tema, non possiamo chiedere a Pietro Verri originalità di pensiero; ma dobbiamo constatare invece il suo pieno consenso ai principi formulati dall’Assemblea nazionale costituente. Alla condanna senza appello dei privilegi di nascita e di ceto si uniscono la sottolineatura del carattere meramente giuridico dell’uguaglianza e la difesa della proprietà contro ogni prospettiva di livellamento delle fortune. Quanto alla sede della sovranità, più volte è ribadito che «la Nazione è il tutto; il Governo è una parte; dalla Nazione dunque dipende cambiare il suo governo e stabilire la libertà»18. Alla domanda «credete voi necessario che vi sia un re?», Verri risponde senza esitazione: «Non lo credo: ma credo necessario che vi sia un Governo, una Constituzione, e la Nazione radunata sempre»19. Ciò può solo avvenire, si spiega subito dopo, mediante la libera elezione di rappresentanti da parte di cittadini (non è detto se a suffragio universale, o con restrizioni di censo come nella costituzione francese del 1791). Altri principi fondamentali sono l’eguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge e al fisco, escluso ogni privilegio di nascita e di ceto, ma esclusa anche ogni pretesa di redistribuzione delle fortune; la divisione dei poteri secondo la lezione di Montesquieu; infine la distinzione tra la libertà individuale (un sinonimo di libertà civile), che può godersi anche sotto un governo dispotico, e la libertà politica, cioè «la sicurezza che ha ogni cittadino che il Governo non solamente non vuole, ma nemmeno potrebbe creare leggi perniciose e inquietanti, od abusare del suo potere a danno altrui»20. Si vede da questa definizione che, per usare la terminologia di Benjamin Constant, quella proposta da Verri è la libertà dei moderni, non la libertà degli antichi, consistente nella partecipazione alla vita della polis.

  • 21 Ibid., p. 45.
  • 22 Ibid., p. 80.

10Il problema che più appassiona il Verri, tuttavia, è come si possa predisporre alla libertà una nazione «corrotta e schiava» come quella italiana. Benché il suo catechismo rivoluzionario sia scritto, come recita il preambolo, «per gettare i semi di una conversione» in un paese che «geme nell’inerzia sotto il peso di una falsa politica e della superstizione», il suo vero interlocutore è il ceto dei «filosofi», cioè degli «uomini virtuosi e illuminati», «maestri dei loro simili», ai quali, viene ripetuto come una specie di Leitmotiv, spetta «gettare i semi della riforma»21, che poi il tempo si incaricherà di sviluppare: «li scritti loro qualora annunzino le verità importanti, e le espongano bene, sicuramente coll’andare degli anni fanno germogliare le verità, le dilatano, e finalmente gli Autori dirigono il mondo»22. Come esempi di questa influenza delle opere letterarie sulle menti comuni sono addotti gli scritti di Scipione Maffei contro la cosiddetta «scienza cavalleresca» e contro la credenza nella stregoneria, e il teatro di Carlo Goldoni che ha messo alla berlina i vizi e le storture della società contemporanea. All’impero dell’ignoranza, della superstizione, del fanatismo si oppone l’inesorabilità dei «progressi della ragione» (altro Leitmotiv dell’operetta) che può ricondurre alla virtù perfino una nazione «timida e avvilita» come la nostra:

  • 23 Ibid., p. 74.

L’Inghilterra un tempo rozza e barbara, ora è la maestra dell’Europa. L’Italia un tempo domatrice d’Europa, ora giace nel letargo e nell’abiezione. E perché non potrebb’ella aprir gli occhi dopo il lungo sonno? […] Togliete la catarata agli uomini, date loro un intelletto sgombrato dai fanatismi d’una cattiva educazione, e vedrete aperta la strada ai lumi ed alla perfezione, e quindi alla felicità.23

  • 24 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro dell’8 dicembre 1792.

11Da patrimonio del saggio, solo capace di moderare i propri desideri e accrescere il proprio potere di soddisfarli, come appare nel Discorso sulla felicità del 1781, la felicità ritorna ad essere per Verri, ma nelle nuove condizioni realizzabili per la via rivoluzionaria, un diritto di tutti i membri della società, anche i più umili: «Io credo – scriveva al fratello l’8 dicembre del 1792 – che gli uomini anche poveri sono della nostra famiglia ed hanno lo stesso dritto che abbiamo noi alla felicità […]. L’esperienza mi ha fatto trovare più ragione, virtù e merito nelle persone popolari, e ne’ nobili ho trovato vizi mascherati»24. Il suo liberalismo assume in questi anni colorazioni quasi democratiche, al punto di spingerlo a giustificare, dopo la caduta di Robespierre, anche il governo di salute pubblica e il Terrore come unici mezzi per salvare la Rivoluzione. Si legga questo passo, contenuto in una lettera al fratello del 23 agosto 1794:

  • 25 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro del 23 agosto 1794, cit.

La rivoluzione di Francia nasce da uno spontaneo movimento della grande pluralità del popolo, non mai dalla minorità d’alcuni che conducano la pluralità. Questa pluralità conosce che nel tempo de’ pericoli forza è che il potere stia nelle mani di pochi per l’uniformità, prestezza e secreto, e che siavi un governo dittatoriale, e l’ha fondato; ma precipita chi ne abusa, e sempre il popolo veglia; ma nessuno Stato europeo oggidì è più lontano dall’anarchia di quello che lo sia la Francia.25

  • 26 P. Verri, Storia dell’invasione dei francesi repubblicani nel Milanese, in Lettere e scritti inedit (...)
  • 27 Essa verrà pubblicata nel volume VI della già citata Edizione nazionale, Scritti politici della mat (...)

12Queste convinzioni dovevano essere messe a dura prova dall’occupazione francese dello Stato di Milano, che ebbe luogo a metà maggio 1796 dopo le risonanti vittorie riportate dal giovanissimo generale Bonaparte sugli eserciti austro-piemontesi. Aboliti i vecchi organi asburgici, il governo provvisorio del Milanese venne affidato a un’agenzia militare composta di tre Francesi, mentre agli affari locali vennero preposte municipalità rivoluzionarie in sostituzione dei vecchi consigli patrizi. Pietro Verri, grazie al prestigio ottenuto con le sue opere e alla sua fama di «giacobino», venne compreso nella nuova Municipalità insediata a Milano il 21 maggio 1796, e in tale veste fu consultato dalle autorità francesi su varie questioni, tra cui il riparto della contribuzione straordinaria di 20 milioni di franchi imposta dal Bonaparte. Il suo giudizio sugli occupanti era molto diverso a seconda che si trattasse dei militari, dei quali ci ha lasciato una bella e celebre descrizione nella Storia dell’invasione dei francesi repubblicani in Milano e dei quali non mancava mai, nelle lettere al fratello, di elogiare il valore, l’affabilità e l’allegria, o dei commissari civili, che oltre a dare prova fin dai primi giorni di una insaziabile rapacità erano da lui considerati corresponsabili delle richieste demagogiche e dello spirito sovversivo manifestato dai sedicenti patrioti. Costoro, in maggioranza giovani di estrazione borghese o piccolo borghese «che avevano vissuto senza che alcuno si fosse accorto dell’esistenza loro»26 e che vedevano nel nuovo ordine repubblicano non solo la speranza di una rigenerazione dell’uomo e della società, ma anche il terreno favorevole per un’affermazione personale, si erano dati subito a fondare giornali e società popolari e a propagare tra il popolo i principi di libertà e uguaglianza, intesa quest’ultima non in senso strettamente giuridico, come voleva Verri, ma anche come almeno tendenziale livellamento delle fortune. Nelle invettive di Verri contro questa genìa e contro chi la proteggeva non è sempre facile distinguere le preoccupazioni del possidente e del padre di famiglia (che proprio nel luglio 1796 aveva salutato la nascita del sospirato erede maschio) dalla battaglia politica contro coloro che, con i loro eccessi verbali e il loro comportamento sguaiato, non solo spaventavano le classi agiate, ma indisponevano anche le masse popolari, attaccate alle idee tradizionali soprattutto in materia religiosa. Non è possibile qui seguire in maniera dettagliata l’attività di Pietro negli ultimi tredici mesi della sua esistenza (morì, come è noto, la sera del 28 giugno 1797 durante una seduta della Municipalità cui continuava ad appartenere), né prendere in esame la sua vasta produzione di interesse politico, in larga parte ancora inedita27. Ciò che si può fare è segnare alcuni momenti di svolta all’interno di questo pur breve periodo e indicare il punto d’approdo della sua riflessione politica.

  • 28 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro del 10 agosto 1796.
  • 29 Termometro politico della Lombardia, edizione a cura di V. Criscuolo, Roma, Istituto storico italia (...)

13Se nei primissimi mesi dell’occupazione francese la deplorazione dello sfruttamento finanziario cui era sottoposto il Milanese e degli eccessi dei «giacobini, cioè energumeni», si alterna, nel carteggio con Alessandro, alle dichiarazioni di preferire comunque il nuovo al vecchio ordine, la frenesia al letargo, l’uguaglianza repubblicana al regime del privilegio e all’arroganza dei ministri del dispotismo, a partire dall’agosto 1796 il tono si fa più cupo, tendono a scomparire quelli che in una lettera ad Alessandro del 6 luglio erano ancora definiti «i punti lucidi del quadro», e la stessa Municipalità cui Verri apparteneva è definita «lo stromento di un prolungato e sistematico saccheggio sulla nostra patria»28. Non osando dare le dimissioni dalla carica che rivestiva, per timore di rappresaglie, ai primi di settembre Verri chiese e ottenne un congedo per motivi di salute e trascorse l’autunno a Ornago, nella sua villa di campagna. Fu qui che compose la Storia dell’invasione dei francesi repubblicani nel Milanese, aspra requisitoria contro le ruberie e le prevaricazioni dei commissari francesi e contro le stravaganze e le prepotenze del «piccolo ceto giacobino», e probabilmente anche i tre articoli che videro la luce nei numeri di dicembre del Termometro politico della Lombardia, l’organo più autorevole dei patrioti di varia provenienza attivi a Milano. Tra questi saggi hanno un particolare rilievo politico i Pensieri di un buon vecchio che non è letterato (pubblicati in due puntate nei numeri del 3 e 6 dicembre del periodico), in cui Verri proponeva che l’elezione dei deputati a un futuro corpo rappresentativo lombardo avvenisse nel corso di adunanze da tenersi nelle chiese sotto la presidenza del parroco, il quale avrebbe ammonito gli elettori a non fidarsi «di quei ciarlatani. Che dopo di aver menato una vita ridicola e vergognosa, da poco in qua gridano, schiamazzano da energumeni, e si erigono in protettori della plebe» e a preferire invece «quei cittadini agiati, onesti e tranquilli, dai quali avete tratto sin ora l’alimento vostro e della vostra famiglia»29; il pieno rientro del Verri nell’alveo del moderatismo è confermato dal giudizio che segue sulla fase più radicale della Rivoluzione francese, ben diverso da quello pronunciato nel 1794:

  • 30 Ibid.

Siavi d’esempio la Francia, che ha dovuto soffrire mali estremi sin che rimase in preda a quella scellerata fazione, che adulando la plebe, e seducendola colle promesse e coll’idea della sovranità, fece sopportar la lunga e squallida agonia della fame a tutto il popolo, e innondò la Francia di sangue innocente.30

  • 31 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro del 6 maggio 1797.
  • 32 G. Barbarisi, I Verri e l’idea del «Giorno», in Interpretazioni e letture del «Giorno», a cura di G (...)
  • 33 Lettera del filosofo N.N. al monarca N.N., in Termometro politico della Lombardia, cit., vol. II, p (...)

14Ma proprio a partire dall’inverno 1796-1797 divenne percepibile un mutamento nell’atteggiamento delle autorità francesi e in particolare di Bonaparte. Quest’ultimo smise di favorire sotto mano il movimento democratico e manifestò sempre più chiaramente le proprie simpatie per gli elementi moderati, espressione dell’aristocrazia illuminata e della borghesia colta, soprattutto se potevano vantare una condizione economico-sociale elevata e una partecipazione alle esperienze riformatrici settecentesche. Era questo il caso di Pietro Verri, il quale venne quindi proiettato quasi naturalmente alla ribalta della scena politica. Espressione del nuovo orientamento furono nel gennaio 1797 la creazione di una Società di pubblica istruzione composta inizialmente dei vecchi membri della Società patriottica teresiana (tra i quali Pietro Verri, che ottenne la presidenza del Comitato di scienza sociale al suo interno) e l’erezione di un Consiglio dei quaranta incaricato di rivedere i conti dell’Amministrazione generale della Lombardia (il governo provvisorio subentrato alla fine di agosto 1796 all’Agenzia militare francese) e di proporre un riassetto complessivo dei poteri: questo organo, presieduto dal Verri, si riunì poche volte e si sciolse poi di fatto non solo a causa dei contrasti insorti al suo interno, ma anche per via della decisione presa da Bonaparte, in concomitanza con la presa di Mantova e con le nuove vittorie sugli Austriaci, che condussero nell’aprile 1797 ai preliminari di pace di Leoben, di fare di Milano il centro di una repubblica estesa ai ducati estensi e alla Lombardia veneta. Nella Repubblica Cisalpina, che verrà proclamata alla fine di giugno 1797, il Verri avrebbe probabilmente rivestito una carica di rilievo se non fosse improvvisamente scomparso, come si è detto, alla fine di giugno. Il carteggio col fratello e gli scritti degli ultimi mesi registrano in ogni caso una cauta apertura di credito nei confronti di questo nuovo corso, visto sia come tappa significativa della fondazione di una nazione italiana («Fra pochi anni, l’Italia sarà una famiglia sola probabilmente»31, vaticinava Pietro in una lettera ad Alessandro del 6 maggio 1797), sia come riaffermazione della «naturale» egemonia del ceto possidente, o meglio della sua parte più colta e illuminata. Come espressioni significative dell’orientamento favorevole di Pietro Verri verso queste prospettive possiamo citare uno scritto recentemente pubblicato da Barbarisi, L’amico dei nobili32, volto a persuadere i suoi pari ceto dei vantaggi che presentava il regime repubblicano rispetto al passato, e un’altro testo finora inedito (lo riproduciamo qui in appendice) attribuibile alle ultime settimane di vita dell’autore, in cui si esorta il generale Bonaparte a porre fine al governo militare e alla «tirannia la più manifesta» esercitata «sotto il titolo di libertà» da mestatori senza scrupoli e senza costumi, e a «subito confidare al popolo le elezioni di tutte le autorità che non appartengono alla Legislazione, ovvero al Governo politico». Se era venuto meno nell’ultimissimo Verri l’afflato democratico che aveva in precedenza contrassegnato la sua entusiastica adesione al verbo rivoluzionario, restavano come acquisizioni definitive la rivendicazione della liberà civile e della libertà politica (intesa come partecipazione dei cittadini alla formazione delle leggi attraverso la libera elezione di rappresentanti) e la fede nell’uguaglianza dei diritti, quell’uguaglianza che, in un articolo pubblicato sul Termometro politico della Lombardia il giorno stesso della sua morte, Verri definiva l’unica condizione «che ammette società, gioja, cordialità»33.

Milan, Fondazione Raffaele Mattioli per la storia del pensiero economico, Archivio Verri, cart. 404, fasc. 4.6, cc. 5-8.

15Consigli di Pietro Verri a Bonaparte per la costituzione della Repubblica Cisalpina*

16Je vois la necessité indispensable de donner à la nouvelle Republique une attitude guerriere ; c’est le seul moyen d’eviter la guerre et l’efusion du sang humain. Votre génie, grand Homme, a proclamé cette verité. Mais forçerons-nous, malgré elle, une population à s’armer pour la defense d’un sistème politique qu’elle deteste, car elle ne le connait pas ? Faudrat-il par la terreur du despotisme porter l’allarme et la desolation dans la campagne pour faire une requisition forcée de soldats ? Quel spectacle offririons-nous à l’Europe, aux ennemis de la liberté! Que pourrions-nous attendre d’une armée de malheureux assembles par force ?

Top of page

Annex

Jusqu’à present on a vû le nom de liberté écrit sur les ordonnances, mais le people au lieu d’elle n’a prouvé que le plus odieux despotisme. De gens tirées du neant pour la plus part, sans mœurs, prets à mettre la flamme et le fer au sein da la patrie, fondant le plein pouvoir dont ils s’etoient emparées sur les delateurs, erigeant en crime les souhaits mêmes du retour de l’ordre social, violant les lettres de la poste avec impudence, jettant par des arets arbitraires dans de cachots des citoyens connus par leur probité ; des banqueroutiers, des gens perdus de reputation, revetus d’un pouvoir absolu, exerçant la tirannie la plus manifeste. Tel est le gouvernement que le peuple a soufert sous le nom de Liberté. Ces Legislateurs aussi ineptes que violens, decrétèrent des peines de mort à tout commerce des grains. Ils prirent pour modele l’Inquisition de Venise, et ils placerent des bouches ouvertes de la Tirannie en invitant les delateurs à y porter leurs calomnies, en declarant que c’etoit une action honourable et vertueuse. La correspondance entre la ville et les terres fut entravée par la defense de porter de lettres. L’asile des maisons de campagne, ou de nobles desolés et craintifs s’etoient retirés, leur fut interdit, et ils vinrent forcés de passer malgré eux à se renfermer dans la ville, qu’une police despotique et la license des factieux rendoit inquietante. Cet atroce gouvernement, qui ne cessoit de calomnier les nobles, les prêtres, où les droits de l’homme etoient si audacieusement violés, ne pouvoit imprimer dans le cœur des habitans de ce malheureux Païs que le desir de le voir bien tot disparoitre. Après avor ainsi rendu odieux le nom de Liberté peut-on pretendre que le peuple s’anime pour defendre ce sistème !

Pour remedier à tant de fautes politiques (pardonables peut-être attendu les besoins de l’Armée qui ne pouvoit être secorue que par de tels moyens) il faut d’abord sacrifier au peuple tous ses tirans. Le sacrifice ne doit pas être sanglant, le païs sera satisfait si on les ecarte de toute administration, ils l’on bien merité ; et le profits qu’ils ont faits aussi bien que le role qu’ils ont joué pendant un an et plus, dispense la France de toute tache d’ingratitude, et pourra persuader au moins que le regne de la justice comence à paraitre. C’est la le premier pas qu’il faut faire pour appaiser le peuple, et faire naitre la confiance enver le Gouvernement que la France va lui donner.

Ensuitte pour faire gouter au peuple l’aurore du beau jour que la liberté doit lui donner, il faut dès à present confier au peuple les elections de toutes les autorités qui ne touchent pas à la Legislation ou au Gouvernement politique : les Juges, les Municipalités etc. Par ce moyen le people prendra une idée de la liberté, cessera de rester comprimé dans un état passif, tout Citoyen sentira la dignité de ce titre, et l’influence qu’il aura lui donnera un nouvel être. Il comencera à voir dans les administrations publiques des gens de sa confiance ; cela lui sera un sur garant de l’influence qu’il aura aux autres elections du premier ordre, il ne regardera plus la Republique comme une illusion, ni le retour des Autrichiens comme le seul rémède au desordre publique, et pourra aimer le nouveau sistème et même s’armer pour le defendre.

La liberté des opinions, l’abolition de toute inquisition Politique ne doit pas être diferée plus long tems, tout a été bati jusqu’à present sur la calomnie, la fausseté, et la trahison ; le peuple le voit. Il faut qu’on y substitue la probité, la franchise, et la bonne fois. Alors vous pourrez esperer de voir les hommes se presenter pour se ranger sous les drapeaux de la liberté. À moins de cela il n’y aura que desordre et une guerre manifeste entre les gouvernans et les gouvernés.

Le pouvoir illimité dont vous êtes revetu, la gloire dont vous êtes environné vous exposent à tous les pieges qui environent un Monarque, vous devex craindre que ceux qui s’approchent de vous ne soyent pas les gens plus sages et vertueux. L’homme d bien est modeste, il ne cherche pas à se faufiler, et la fierté de la vertu l’a toujours eloigné des Cours et de la brigue. Vous courez grand risque d’etre seduit dans vos elections. Une société qui n’a pas la confiance du peuple cherche à vous donner des conseils, d’autres procurent d’influencer. Donnez le change à la cabale en ordonnant que le people nomme d’abord le triple, ou ben le quadruple de ce qu’il vous faut employer de citoyens qui aient l’opinion publique. Choisissez. Vous aurez lieu de ne pas vous repentir du choix, mais que sur tout la voix du peuple soit bien libre.

Faites cesser dès ce moment le gouvernement militaire, delivrez les Citoyens du fardeau et de la gêne du logement. Ne condamnez plus à la detention personne ; on vous a fait mettre en prison trop de gens de bien. Que en attendant les juges soient les seuls qui puissent ôter la liberté aux coûpables suivant la routine des Tribuneaux ; reservez-vous le seul droit de surveiller pour qu’ils n’en abusent pas. Que les Comandants de la Place, et ceux de la Lombardie ne se melent plus que des affaires militaires. Les affaires civiles dependent des autorités constitués civiles. La Guerre est finie. Vous vous etes assez fait redouter. Le tems est venu de vous gagner la confiance et l’amitié du people ; sans elle vous donneriez l’affreu spectacle d’un Legislateur en guerre contre le Peuple. Il est beau d’etre invincible avec l’ennemi et de le subjuguer, cela fait la gloire d’un Conquerant. La Philosohie attend de vous les talens d’un Legislateur, et l’histoire ne sauroit preserver le nom que vous avez illustré par vos traveaux guerriers d’une tache fletrissante à moins que vous ne portiez toute la philantropie, la sagesse et la maturité dans vos fonctions nouvelles, qui exigent une sagacité, et une connaissance profonde du cœur humain, qu’il ne faut pas effaroucher, mais disposer habilement au nouvel ordre des choses. Dans cet écrit vous voyez la verité toute nue d’un homme de bien, qui aime sa patrie, qui ne cherche rien pour lui, et qui a le courage de vous la dire.

Top of page

Notes

1 Questa e le successive citazioni dal carteggio tra Pietro e Alessandro Verri negli anni 1792-1797, che si limitano all’indicazione della data delle lettere, sono tutte tratte dal vol. VIII della seconda serie (Corrispondenze) dell’Edizione nazionale delle opere di Pietro Verri, in corso di stampa a cura di S. Rosini, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2008.

2 L. Mannori, Un «affare di sentimento». L’identità civile del signor Pietro Verri, gentiluomo milanese, «Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno», XXXII (2003), pp. 583-598.

3 P. Verri, Memorie appartenenti alla vita ed agli studi del signor Don Paolo Frisi Regio Censore e Professor di matematica…, Milano, Marelli, 1987, p. 18.

4 Edizione nazionale delle opere di Pietro Verri, cit., vol. V, Scritti di argomento familiare e autobiografico, a cura di G. Barbarisi, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2003, p. 554.

5 Si tratta della Memoria datata «Ornago, 12 luglio 1788», ibid., p. 547.

6 P. Verri, Considerazioni sul lusso, in Il Caffè. 1764-1766, a cura di G. Francioni e S. Romagnoli, Torino, Bollati Boringhieri, 1998, vol. I, p. 157.

7 Id., Storia di Milano, edizione a cura di E. Ronconi, Firenze, Sansoni, 1963, vol. I, p. 70.

8 P. Verri, Decadenza del Papato, idea del governo di Venezia e degli italiani in generale, in Id., Scritti vari, a cura di G. Carcano, Firenze, Le Monnier, 1854, appendice al vol. II, p. 57.

9 Ibid., pp. 57-58.

10 Ibid., p. 60.

11 P. Verri, Alcuni pensieri sulla rivoluzione accaduta in Francia, in C. Morandi, Pietro Verri e la Rivoluzione francese, «Archivio storico lombardo», LV (1928), p. 535.

12 Ibid., pp. 536-537.

13 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro del 23 agosto 1794.

14 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro del 17 ottobre 1792.

15 C. Capra, «La mia anima è sempre stata repubblicana», cit., p. 527.

16 L’operetta è stata pubblicata di recente da Gennaro Barbarisi col titolo abbreviato Delle nozioni tendenti alla pubblica felicità, Roma, Salerno, 1994.

17 Ibid., p. 72.

18 Ibid., p. 33.

19 Ibid., p. 57.

20 Ibid., p. 52.

21 Ibid., p. 45.

22 Ibid., p. 80.

23 Ibid., p. 74.

24 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro dell’8 dicembre 1792.

25 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro del 23 agosto 1794, cit.

26 P. Verri, Storia dell’invasione dei francesi repubblicani nel Milanese, in Lettere e scritti inediti di Pietro e di Alessandro Verri, a cura di C. Casati, Milano, Galli, 1879-1881, vol. IV, p. 406.

27 Essa verrà pubblicata nel volume VI della già citata Edizione nazionale, Scritti politici della maturità e della vecchiaia, a cura di C. Capra e B. Costa.

28 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro del 10 agosto 1796.

29 Termometro politico della Lombardia, edizione a cura di V. Criscuolo, Roma, Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea, 1989 e sgg., vol. I, pp. 496-497.

30 Ibid.

31 Lettera di Pietro Verri ad Alessandro del 6 maggio 1797.

32 G. Barbarisi, I Verri e l’idea del «Giorno», in Interpretazioni e letture del «Giorno», a cura di G. Barbarisi ed E. Esposito, Milano, Cisalpino, 1998, pp. 245-249.

33 Lettera del filosofo N.N. al monarca N.N., in Termometro politico della Lombardia, cit., vol. II, p. 477.

Top of page

References

Electronic reference

Carlo Capra, « L’ultimo Verri* », Laboratoire italien [Online], 9 | 2009, Online since 01 February 2009, connection on 31 October 2014. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/543 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.543

Top of page

About the author

Carlo Capra

Università di Milano « La Statale »

Top of page

Copyright

© ENS Éditions

Top of page