Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Lectures

Francesca Maria Crasta, L’eloquenza dei fatti. Filosofia erudizione e scienza della natura nel Settecento veneto

Manuela Bragagnolo
Référence(s) :

Napoli, Bibliopolis, 2007, 334 pagine, 35 €.

Texte intégral

1Il rapporto tra filosofia, erudizione, storia e scienza della natura assume un ruolo centrale nel dibattito filosofico dell’Italia del primo Settecento, caratterizzato dalla volontà di scienziati e intellettuali di riabilitare la filosofia e la scienza italiane nel panorama culturale europeo. Il confronto con le nuove idee provenienti dalla Francia, dall’Inghilterra e dalla Germania genera, infatti, grande interesse ma anche forti reazioni negli autori impegnati nel rinnovamento della «vita civile» italiana, che scorgono, nelle esperienze maturate nel nostro paese tra Quattro e Cinquecento, le radici di alcuni degli aspetti centrali della rivoluzione metodologica d’oltralpe. L’Italia fra xv e xvi secolo appare come il luogo di elezione, la culla del «rischiaramento» di cui, però, avrebbero goduto soprattutto all’estero (p. 65). Agli occhi degli interpreti settecenteschi, tale «rischiaramento» si colloca fra gli avvicendamenti di una storia tutta italiana, che procede senza significative cesure, dall’antichità fino all’età moderna. Indagando il pensiero delle personalità più rappresentative del primo Settecento veneto, Scipione Maffei, Bernardino Zendrini e Bernardo Trevisan, il volume di Francesca Maria Crasta consente di cogliere pienamente il modo in cui gli intellettuali italiani guardarono a quella tradizione. A tale patrimonio gli autori considerati attinsero come ad una «fonte ancora viva» in grado di alimentare e di fornire indicazioni concrete, utili alla vita e adatte alle esigenze dei tempi nuovi (p. 9). In questo modo il pensiero di Maffei, Zendrini e Trevisan rivela una forte vicinanza alle idee avanzate negli stessi anni da Lodovico Antonio Muratori, che assume un ruolo di primo piano nel programma di svecchiamento della cultura italiana in crisi. Anche il maggior storico italiano guarda con grande attenzione alla riflessione italiana cinquecentesca, ritrovandovi il nerbo centrale di un rinnovamento culturale e, allo stesso tempo, politico. Il costante riferimento alla trattatistica morale e politica del tardo Cinquecento trapela abbondantemente dalle note pagine della Filosofia Morale e della Pubblica Felicità, e anche le opere giuridiche rivelano l’assidua frequentazione di testi propri del tardo umanesimo giuridico, rendendo quanto meno problematico l’accostamento del Modenese ai grandi nomi dell’illuminismo italiano.

2Un nuovo interesse per la tarda antichità e il Medioevo accomuna il pensiero di Maffei e Muratori. Agli occhi degli interpreti settecenteschi, i «secoli mezzani» appaiono come momenti centrali per comprendere gli sviluppi della cultura moderna. Attraverso l’esame di fonti documentarie prima trascurate, come le registrazioni pubbliche e private e gli atti giuridici, si coglie, così, la profonda continuità di un’epoca «che agli uomini del Rinascimento era parsa come una netta interruzione allo sviluppo della civiltà», delineando il quadro di una storia che si svolgeva senza troppe discontinuità e lacune (pp. 10-11).

3Il mondo medievale si mostra, in questo modo, come un’epoca complessa, che presenta dei tratti ora positivi ora negativi. Se Maffei, ad esempio, non esita ad attribuire al periodo della dominazione longobarda l’introduzione dell’uso della forza e del diritto del più forte, egli riconosce allo stesso tempo, al pari di Trevisan e Zendrini, l’importanza del lavoro di chi, proprio in quelle stesse età, rivolse la sua attenzione alla tutela e al miglioramento del suolo, e ciò anche grazie ad un interrotto accumulo di esperienze recepite dalla scienza e dalla tecnica dei secoli di mezzo.

4Anche la tradizione filosofica medievale suscita a un tempo critiche e apprezzamenti. Accanto alla svalutazione della scolastica, accusata di essere una vuota esercitazione dialettica, filosofi come Alberto Magno e Tommaso d’Aquino, che ben seppero esprimere la continuità con il mondo classico e con il pensiero cristiano dei primi padri della Chiesa, riacquistano particolare interesse. Attraverso la sintesi tomista si colgono i legami della tradizione cristiana con le filosofie pagane, soprattutto con quei filosofi, come Aristotele e Cicerone, che avevano saputo unire sapientemente teoria e prassi.

5Ad Aristotele, in particolare, gli interpreti settecenteschi sembrano guardare con grande attenzione. Lo Stagirita è, infatti, espressamente riconosciuto come un filosofo «decisamente moderno», divenendo una delle figure di riferimento della riflessione di Scipione Maffei. L’apprezzamento per Aristotele non va alla fisica o alla metafisica ma alla filosofia morale, su cui Maffei fonda il proprio progetto di riforma dei costumi. L’etica aristotelica fornisce «un modello di virtù concretamente realizzabile attraverso l’esercizio della prudenza, […] sintesi di ragione calcolante e azione» (p. 12). Nella prudenza aristotelica, «regina delle virtù», Maffei ritrova un valido criterio in grado di orientare le scelte morali rispetto alle circostanze e ai diversi casi particolari della vita, in funzione del bene e del perfezionamento morale dell’individuo e della comunità cui appartiene. Anche in questo caso, le idee maffeiane si mostrano particolarmente vicine al pensiero muratoriano, rivelando, ancora una volta, una profonda unità di intenti fra le personalità di maggior spicco del primo Settecento italiano. Anche la Filosofia Morale, il «compiuto corso» che il Modenese rivolge ai giovani, futuri cittadini attivi nella vita politica, mostra fin dalle prime pagine lo stretto legame con l’etica aristotelica, un legame che culmina nella definizione di prudenza, virtù necessariamente attenta al «caso particolare», attorno alla quale si incardina l’intero trattato muratoriano. Uno «sfondo aristotelico», strettamente legato alla tradizione giuridica, caratterizza, del resto, le stesse fonti espressamente richiamate da Muratori nella sua opera, in cui è possibile scorgere la migliore letteratura morale e politica del tardo Cinquecento.

6Gli scritti aristotelici, sottoposti al vaglio critico e filologico, si rivelano inoltre preziosi per evidenziare l’inconsistenza e l’irrazionalità di consuetudini e comportamenti che cercavano una loro validità proprio nella tradizione aristotelica. Ciò accade, in special modo, nelle indagini compiute da Maffei intorno alla Scienza chiamata cavalleresca, in cui il falso concetto d’onore e le regole della cavalleria, che una fiorente letteratura cinquecentesca aveva strettamente legato allo Stagirita, sono ricondotte dall’autore alla loro origine, l’usanza barbarica del duello per risolvere le contese d’onore. Il dibattito intorno alle questioni d’onore, ancora particolarmente vivo nel primo Settecento, consente di accostare, ancora una volta, le figure di Maffei e Muratori. Collocandosi nel solco della letteratura dedicata alle «paci», che in seguito alla condanna tridentina avevano egemonizzato la problematica delle vertenze d’onore, con l’Introduzione alle paci private, scritto dal taglio prettamente giuridico, Muratori individuava nell’arbitrato il modo pacifico per comporre tali controversie.

7Al pensiero aristotelico Maffei ricorre, infine, per opporsi alla pretesa dei filosofi moderni di piegare le regole della morale a quelle delle scienze esatte. La «duttilità» dell’etica aristotelica è impiegata per rispondere a quanti avevano tentato di estendere il metodo proprio della matematica e della geometria ad ogni campo del sapere. La preferenza accordata al pensiero dello Stagirita non è, quindi, l’espressione di un’impronta arcaicizzante o tradizionalista, ma assume una posizione di primo piano nel programma di svecchiamento e modernizzazione della cultura e della società.

8All’interno di questo programma civile di tipo riformistico, l’erudizione svolge la funzione centrale di smantellare errori e pregiudizi che si erano tramandati nel corso dei secoli, rivelandosi particolarmente adatta allo scopo di riformare i comportamenti e i costumi conservati nel patrimonio della tradizione. Si delinea, così, nelle pagine maffeiane, un metodo suscettibile di essere esteso anche alle scienze della natura, che contribuisce alla definizione di un nuovo sapere, fortemente legato alla lezione baconiana e galileiana, e attento alla specificità degli oggetti appartenenti al mondo della storia come a quello della natura. A fronte delle «ardite» progettazioni avanzate dalla filosofia cartesiana, l’indagine degli intellettuali italiani del primo Settecento ritorna a puntare lo sguardo verso il «particolare e scava, nella natura e nella storia», mettendo in primo piano l’«eloquenza dei fatti» (p. 21).

9Indagando il pensiero delle personalità più eminenti del primo Settecento veneto, il volume di Francesca Maria Crasta consente di cogliere temi e motivi che trovarono particolare risonanza nella «Repubblica letteraria d’Italia». Attraverso le riflessioni di Maffei, Zendrini e Trevisan si apprezza il modo in cui gli intellettuali italiani tentarono di reagire alla «crisi della coscienza europea» attingendo con rinnovato interesse alla tradizione di pensiero radicata nell’Italia del Cinquecento.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Manuela Bragagnolo, « Francesca Maria Crasta, L’eloquenza dei fatti. Filosofia erudizione e scienza della natura nel Settecento veneto », Laboratoire italien [En ligne], 9 | 2009, mis en ligne le 06 février 2012, consulté le 25 septembre 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/564

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page