Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Documents et interprétations

Introduzione

Beatrice Primerano

Résumés

Beatrice Primerano, Introduction

Le 12 avril 2006, la Faculté de droit de l’université de Trente a conféré le titre de docteur honoris causa à Mgr Iginio Rogger. Par ce titre, l’université a voulu reconnaître sa longue activité de chercheur et la contribution qu’il a apportée à la communauté en tant que professeur d’histoire ecclésiastique et de liturgie au Séminaire théologique de Trente, de directeur de l’Institut de sciences religieuses de Trente et du Musée diocésain tridentin.

Dans son éloge, Diego Quaglioni retrace la vie d’Iginio Rogger, montrant ses mérites de chercheur et d’homme de culture, et tout particulièrement sa reconstruction historique du cas de Simon de Trente, qui conduisit notamment à l’abolition du culte public qui lui était associé.

Après avoir reçu son doctorat honoris causa, Iginio Rogger a prononcé une leçon magistrale intitulée : « En marge du cas du petit Simon de Trente. Aspects institutionnels et moraux de la question ».

Haut de page

Entrées d'index

Mots-clés :

205-208
Haut de page

Texte intégral

1Il 12 aprile 2006, in occasione del suo secondo decennale, la Facoltà di giurisprudenza dell’Università di Trento ha conferito la laurea honoris causa a Monsignor Iginio Rogger, liturgista e studioso di fama internazionale di storia delle istituzioni ecclesiastiche. Tra i contributi storici più notevoli dello studioso, si hanno le ricerche svolte sul caso di Simone da Trento. Iginio Rogger, che ha dedicato al noto episodio di presunto omicidio rituale diversi studi, ha, infatti, contribuito a promuovere la revisione ufficiale del caso in sede storica, primo passo verso l’abolizione del culto pubblico del Simonino avvenuta con provvedimento episcopale del 1965. Il conferimento a Iginio Rogger della laurea honoris causa fornisce pertanto un’occasione per riflettere su una parte della storiografia dell’antigiudaismo – e di quella più recente e tragica dell’antisemitismo a base razzista – in cui l’«accusa del sangue» è un capitolo non marginale. L’ebreo pacificava in una sintesi oggettuale le inconsce paure e le inquietudini della cristianità. Gli ebrei erano accusati di un rito segreto che comportava l’ematofagia e, quindi, la necessità di procurarsi sangue cristiano attraverso omicidi, soprattutto di bambini.

2Le vicende del Simonino costituiscono una notevole testimonianza delle persecuzioni subite dalle comunità ebraiche e delle strumentali accuse di «omicidio rituale» che, nel xv secolo, ebbero notevole diffusione ed implicazioni sociali-religiose vastissime. Carattere peculiare di questo episodio fu la capacità dimostrata dall’allora principe vescovo di Trento, Johannes Hinderbach, di farne un episodio giudiziario strutturato ed emblematico, quasi un punto fermo nella condanna dell’ebraismo. Trattasi, dunque, di un caso paradigmatico e di un esempio eclatante di giustizia sommaria.

3Secondo quanto emerge dagli atti del processo celebrato nel 1475 contro gli ebrei di Trento, il piccolo Simone scomparve misteriosamente la sera del Giovedì Santo, e il suo corpo, dopo convulse ricerche, fu ritrovato la mattina del giorno di Pasqua nelle acque di una roggia che attraversava l’abitazione-sinagoga di un israelita di origine tedesca, il prestatore di denaro Samuele da Norimberga. Per una serie di circostanze, di tempo, di luogo e di clima createsi forse anche a causa della predicazione del frate Bernardino da Feltre, si diffuse subito la voce che l’omicidio fosse opera degli ebrei. Il principe vescovo Johannes Hinderbach sostenne con forza la tesi che il bimbo era vittima di un «omicidio rituale» perpetrato nella locale comunità ebraica. Samuele da Norimberga ed una quindicina di maggiorenti della comunità ebraica della città furono imprigionati; sottoposti a processo e, dopo un largo uso della tortura, confessarono di essere colpevoli. Il processo proseguì con estrema durezza, fino alle condanne a morte. Non servì a salvarli il fatto che il domenicano Battista de’ Giudici, vescovo di Ventimiglia, inviato dal Papa Sisto IV a Trento per controllare la regolarità del processo, si fosse apertamente espresso contro l’infondata accusa e contro il mancato rispetto delle forme del processo penale in uso allora, malgrado quelle forme dessero al giudice pieno potere e nessuna garanzia agli inquisiti. Roma era scettica sul «martirio di Simone». Del resto, da due secoli diversi Papi, a cominciare da Innocenzo IV che, nel 1247, emanò due bolle del 28 maggio e del 5 luglio (in quest’ultima afferma che gli ebrei sono «falsamente accusati di comunicarsi a Pasqua con il cuore di un fanciullo assassinato») e un breve del 18 agosto, avevano definito menzogna l’accusa di «omicidio rituale» lanciata da molti cristiani contro gli ebrei.

4Papa Sisto IV proibì, sotto pena di scomunica, di onorare Simonino come Beato, perché non era chiaro il motivo della morte del piccolo. Ma la venerazione dei fedeli provenienti da ogni parte d’Europa, dietro la fama dei miracoli avvenuti per sua intercessione, fece sì che il culto si imponesse, superando anche la proibizione papale. Perciò, nonostante le proibizioni pontificie, anche in virtù del talento organizzativo del principe vescovo, il culto di Simonino si diffuse presto non solo nel Trentino ma anche nei territori confinanti. Papa Sisto IV finì per dichiarare la correttezza del processo e la Santa Sede ammise ufficialmente il culto di Simonino nel 1588.

5L’omicidio, la cacciata degli ebrei dal Trentino, le sentenze di colpevolezza e le esecuzioni capitali, coinvolsero studiosi, giuristi, teologi sia di parte cattolica, sia di parte ebraica. Diverse ricerche – non solo di parte ebraica, da sempre richiedente di riparare l’infame processo del 1475, ma anche di parte cattolica e di storici – destituirono di ogni fondamento il martirio di Simonino.

  • 1 Mi permetto di rinviare a B. Primerano, Ernesta Bittanti e le leggi razziali del 1938. Con l’edizio (...)
  • 2 E. Bittanti Battisti, Gli ebrei a Trento ed il martirio del Beato Simone, «Vita trentina», 5/6, dic (...)
  • 3 G. Menestrina, Gli ebrei a Trento, in «Tridentum», a. VI, 1903, fasc. VI, pp. 304-316; fasc. VII, p (...)

6Anche Ernesta Bittanti, autrice di Israel-Antisrael. Ciò che non è detto nei giornali. Considerazioni, ricordi, documenti. Appunti1, un prezioso documento della letteratura scientifica che permette di comprendere qualcosa di più del meccanismo applicativo delle leggi razziali, affrontò questo argomento nel 1903. Ernesta Bittanti, con l’articolo Gli ebrei a Trento ed il martirio del Beato Simone2, riprendendo uno studio accurato di Giuseppe Menestrina sul martirio del Beato Simone, Gli ebrei a Trento3, smontò, con spirito fortemente antirazzista, la tesi dell’accusa del processo. Tale articolo provocò l’ira dei cattolici scandalizzati che potevano condividere la sua analisi giudiziaria ma non accettare la frase, per di più scritta da una donna, «per noi, la festa del Beato Simone non segna una gloriosa e mistica pagina religiosa, ma tristi fatti di ignoranza e pregiudizio, ispirato da fanatismo, maneggiati da avidità rapace e bieco interesse. Possano i nostri figli arrivare alla meta fulgente in cui la diversa religione e nazionalità non turberanno il sentimento di fratellanza umana, dal quale dipende ogni progresso civile».

  • 4 P. W. Eckert, E. L. Ehrlich, Judenhass. Schuld der Christen?, Essen, Driewer, 1964.
  • 5 A. Esposito, D. Quaglioni, Processi contro gli ebrei di Trento (1475-1478), Padova, CEDAM, 1990 (Un (...)

7La tesi, secondo cui gli ebrei non sono responsabili dell’uccisione del piccolo Simone, fu ribadita da Paul Willehad Eckert nel volume collettaneo da lui curato Judenhass. Schuld der Christen?4 e poi confermata da Anna Esposito e Diego Quaglioni in Processi contro gli ebrei di Trento (1475 - 1478)5, edizione critica dei verbali processuali conservati nell’archivio segreto del Vaticano.

  • 6 A. Toaff, Pasque di sangue. Ebrei d’Europa e omicidi rituali, Bologna, Il Mulino, 2007.
  • 7 M. Caffiero, M. Procaccia (a cura di), Vero e falso. L’uso politico della storia, Roma, Donzelli, 2 (...)

8A seguito della pubblicazione del libro di Ariel Toaff, Pasque di sangue. Ebrei d’Europa e omicidi rituali6, le polemiche e le contestazioni della «svolta del Simonino» sono riprese. Il libro di Ariel Toaff, privo di prove concrete e incontrovertibili, ha riaperto un caso che, come sostenne anche Iginio Rogger, era ormai chiarito e riporta a una lettura delle fonti processuali acritica, astorica. Ma, come si apprende da Vero e falso. L’uso politico della storia7, il compito della storia è indagare il passato con metodi scientifici, ricostruendolo basandosi sulle fonti, sulla loro interpretazione critica e su una metodologia consolidata.

  • 8 Già apparsi in Omaggio a Iginio Rogger. Conferimento della laurea honoris causa in Giurisprudenza. (...)

9Si ripubblicano di seguito l’Elogio di Diego Quaglioni, in cui si illustra la vita di Iginio Rogger, mostrandone i meriti di studioso e di uomo di cultura, e la Lectio magistralis di Iginio Rogger8.

Haut de page

Notes

1 Mi permetto di rinviare a B. Primerano, Ernesta Bittanti e le leggi razziali del 1938. Con l’edizione critica del diario Israel-Antisrael e delle Lettere (1938-1951), Trento, Fondazione Museo Storico del Trentino, 2011.

2 E. Bittanti Battisti, Gli ebrei a Trento ed il martirio del Beato Simone, «Vita trentina», 5/6, dicembre 1903, pp. 84-87, ora rist. in Ernesta Bittanti Battisti a quarant’anni dalla morte, «Archivio Trentino», 4a serie, a. XLVI, 1997, 2, pp. 99-109.

3 G. Menestrina, Gli ebrei a Trento, in «Tridentum», a. VI, 1903, fasc. VI, pp. 304-316; fasc. VII, pp. 348-374; fasc. IX, pp. 384-411. Lo studio dimostrava la falsa responsabilità degli ebrei nella morte del bambino Simone nel 1475 e la faziosità dell’atteggiamento della Chiesa trentina che dichiarò martire il bambino e perseguitò violentemente gli ebrei.

4 P. W. Eckert, E. L. Ehrlich, Judenhass. Schuld der Christen?, Essen, Driewer, 1964.

5 A. Esposito, D. Quaglioni, Processi contro gli ebrei di Trento (1475-1478), Padova, CEDAM, 1990 (Università di Trento, Dipartimento di Scienze Giuridiche, VIII); Id., Processi contro gli ebrei di Trento (1475-1478), II, I processi alle donne (1475-1476), Padova, CEDAM, 2008 (Università di Trento, Dipartimento di Scienze Giuridiche, LXXX).

6 A. Toaff, Pasque di sangue. Ebrei d’Europa e omicidi rituali, Bologna, Il Mulino, 2007.

7 M. Caffiero, M. Procaccia (a cura di), Vero e falso. L’uso politico della storia, Roma, Donzelli, 2008. Il volume raccoglie le relazioni presentate al seminario di studi Apologia della storia o storia apologetica? Il mestiere dello storico, il metodo dell’archivista e il sensazionalismo dei media, tenutosi presso la biblioteca nazionale centrale di Roma il 20 aprile 2007.

8 Già apparsi in Omaggio a Iginio Rogger. Conferimento della laurea honoris causa in Giurisprudenza. Trento, 12 aprile 2006, a cura di D. Quaglioni e F. Zuelli, Padova, CEDAM, 2008 (Università di Trento, Dipartimento di Scienze Giuridiche, LXXII).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Beatrice Primerano, « Introduzione », Laboratoire italien [En ligne], 11 | 2011, mis en ligne le 20 février 2012, consulté le 22 octobre 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/589 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.589

Haut de page

Auteur

Beatrice Primerano

Studi giuridici comparati ed europei, Università di Trento

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page