Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Géographique et politique au début de l'âge moderne

Politica e grandi scoperte geografiche

Alcuni aspetti e problemi
Politique et grandes découvertes géographiques. Quelques aspects et problèmes
Mario Pozzi
p. 15-62

Abstracts

Tra Quattro e Cinquecento, Spagna e Portogallo procedettero all’esplorazione dell’ignoto fondandosi su quanto la scienza e la Chiesa insegnavano, ma – quando conveniva – non esitarono ad accogliere ipotesi e progetti che contrastavano con quanto si conosceva. La concorrenza fra questi due stati indusse a procedere sempre più avanti in territori che per la scienza ufficiale erano inabitabili o inesistenti. Troppo grande era la posta in gioco: il commercio delle spezie e i paesi ricchi di oro e di pietre preziose. Portoghesi e Spagnoli si divisero l’ignoto. Tutto questo e altro avvenne in un momento in cui grazie alla stampa le informazioni sulle scoperte venivano date in tempi brevissimi ma in pubblicazioni non ufficiali e tendenziose e mai con notizie fornite dai vari governi. Queste vicende sono ricostruite in questo articolo prendendo alcuni episodi come campione di quel clima in cui s’intrecciavano geografia, scienza, religione, letteratura, politica: la questione degli antipodi; la spartizione dell’ignoto fra Spagnoli e Portoghesi; la febbre dell’oro nel secondo viaggio di Colombo; il viaggio in Oriente di Ludovico de Vartema che non evitò i nativi ma si mescolò con loro e ne assimilò i costumi; i contrasti politici e i misteri geografici della spedizione di Magellano; l’atteggiamento della Francia e dell’Inghilterra…

Top of page

Full text

  • 1 G. B. Ramusio, Navigazioni e viaggi, a cura di Marica Milanesi, II, Torino, Einaudi, 1979, pp. 837- (...)
  • 2 Ivi, p. 407. Sempre nella raccolta ramusiana un «gentiluomo, grandissimo filosofo e matematico» aff (...)
  • 3 Istoria viniziana, Milano, Dalla Società Tipografica de’ Classici Italiani, 1809, I, p. 359.

1Nei primi tre decenni del Cinquecento le grandi scoperte geografiche suscitarono entusiasmi, fantasie, emozioni, attese straordinarie e sembrarono epiche quanto e più di quelle cantate dagli autori classici. Nella grande opera del Ramusio, per esempio, appare tutto l’orgoglio di un’epoca che ha superato gli antichi in molte cose e soprattutto nelle grandi navigazioni, culminate nella circumnavigazione della terra, con le quali ha acquisito una conoscenza del mondo che essi non ebbero mai1. Ed erano in molti a pensarla così. Girolamo Fracastoro osservava che l’età moderna «tanto ha navigato e cercato del mondo, che gli uomini dell’altre etati in questa parte si ponno riputar come fanciulli a rispetto del secol nostro»2. La scoperta del Nuovo Mondo è «la maggior cosa dopo la creazione del mondo, eccetto la Incarnazione e morte del Figliuolo de Iddio», scriveva Agostino de Cravaliz nella lettera dedicatoria dell’Istoria generale delle Indie occidentali di López de Gómara (Roma, Dorico, 1556), riprendendo un’espressione dell’opera da lui tradotta in italiano. Anche Pietro Bembo affermava che «nessuna fatica per avventura degli antichi uomini» fu pari all’industria degli Spagnoli3. E potrei continuare a lungo nelle citazioni.

2I nuovi viaggi accendevano l’immaginazione, facevano tornare alla mente antiche favole, suscitavano ideali avventurosi e speranze di rapido arricchimento e avanzamento sociale. Realtà e fantasia si mescolavano; si confondeva quello che si vedeva con quello che si sarebbe voluto o si sarebbe dovuto vedere secondo questo o quel libro o leggenda. Ma le grandi scoperte geografiche non furono solamente fatti degni di poesia epica; implicarono anche attività assai meno suggestive in cui gli slanci dei grandi personaggi venivano realisticamente soppesati. Alludo ai molteplici aspetti del potere politico: sovrani, ambasciate, funzionari di vario nome e grado, consigli di stato, ecc. Tutti allora dovettero operare in uno scacchiere sconosciuto, non solo senza dati di riferimento sicuri ma fondandosi su dati errati. Si potrebbe dire che la buona sorte ebbe un ruolo fondamentale in tutti questi eventi, ma la fortuna aiuta non solo gli audaci ma anche coloro che per tempo si sono preparati a cogliere il momento favorevole. Cercherò – attraverso alcuni episodi – di mostrare come allora si mossero gli Stati europei, e in particolare quelli iberici che proprio per questi viaggi divennero delle grandi potenze.

3Le questioni politiche in gioco erano di capitale importanza. Al di là dei sorrisi, delle frasi complimentose, degli inchini, dei legami matrimoniali, correvano rivalità che si accendevano facilmente. I politici cercavano per lo più di essere realisti, ma non potevano essere immuni da credenze che oggi sappiamo favolose, e anche quando erano perplessi non potevano a cuor leggero rifiutare una proposta: erano venuti meno tutti i criteri per distinguere il vero dal falso e un’idea apparentemente balzana poteva fare la fortuna di un concorrente. Quelli che lo fecero con leggerezza, se ne pentirono amaramente. I più avveduti finanziavano quello che potevano e quando potevano, ma sapevano aspettare cercando di non restare mai del tutto ad di fuori delle singole partite.

4I grandi viaggi di esplorazione furono compiuti da personaggi complessi che dobbiamo mantenere non solo nel loro tempo ma anche nella reale sequela di fatti: gli avvenimenti infatti non presentano in alcun modo i caratteri di necessità di un poema epico o di una tragedia. I Colombo, i Caboto, i Magellano non erano uomini facili da trattare. Ci furono incomprensioni e litigi e spesso si usarono le maniere forti. Il patriottismo che ne derivò giovò non poco a fornire coesione ai due stati iberici. Nacquero ostilità e questioni che – a tanta distanza e in tempi di globalizzazione – sono risorte in modo più o meno evidente nel 1992, in occasione del quinto centenario della scoperta dell’America.

5Limiterò le mie osservazioni al trentennio iniziale, tra il primo viaggio di Colombo e la spedizione di Magellano, e cercherò di mostrare alcuni atteggiamenti ‘politici’ senza nessuna pretesa di completezza. Inserirò anche un atteggiamento che propriamente politico non si può dire; mi sembra però che il modo assai personale in cui Ludovico di Vartema condusse il proprio viaggio di esplorazione sia degno di riflessione anche politica. Il tratto comune è l’atteggiamento realistico; naturalmente non il realismo che potremmo avere noi oggi ma quello che si poteva avere allora: un realismo condizionato – come sempre avviene – dalla propria cultura e dai miti che le appartengono.

  • 4 J. Gil, Miti e utopie della scoperta. Oceano Pacifico: l’epopea dei navigatori, Milano, Garzanti, 1 (...)

6Oggi a noi sembra che realtà e fantasia si mescolassero anche nei progetti apparentemente più razionali e realistici. Non si deve però dimenticare che almeno all’inizio non si poteva prescindere da quanto si leggeva negli autori classici e nella Bibbia: sarebbe stato folle o scriteriato fare il contrario. C’erano aspettative e speranze, spesso non apertamente dichiarate, la cui natura illusoria allora non appariva evidente, perché si fondavano sull’autorità della Bibbia o degli Antichi. La molla che stimolò le scoperte fu la ricerca di un modo agevole per arrivare alle Molucche dove crescevano le spezie; quasi tutti però, a cominciare da Colombo, pensavano anche e soprattutto ad altro: all’Oriente favoloso con le sue immense ricchezze in oro, gemme, pietre preziose; alle isole dei Lequios, cioè Tarsis e Ofir, da cui secondo la Bibbia sarebbe venuto l’oro necessario per l’edificazione del tempio di Salomone. Secondo Juan Gil4 anche Magellano – indubbiamente meno incline di Colombo a visioni ideali e astratte – cercò intenzionalmente queste isole, e non le Molucche, e credette di averle trovate nell’arcipelago poi denominato delle Filippine. Se così fosse si avrebbe una risposta soddisfacente a tanti interrogativi sulla rotta di Magellano che, passato l’Equatore, trascurò le Molucche e puntò alle Filippine con troppa sicurezza per non pensare che avesse raccolto in Oriente notizie sull’arcipelago, la loro collocazione e le sue ricchezze.

7La ricerca continuò anche dopo la spedizione di Magellano. Il 2 dicembre 1524 alcuni potenti mercanti, in gran parte genovesi, presero l’impegno di finanziare una nuova spedizione alle Molucche per lo stretto di Magellano, comandata da Sebastiano Caboto, piloto mayor della Casa de Contratación, che aveva il compito di organizzare i viaggi. Gli obiettivi – secondo il contratto fra il navigatore e Carlo V (4 marzo 1525) – erano amplissimi: non solo le Molucche, ma la Cina, il Giappone, Ofir e Tarsis. La flotta di quattro navi fu pronta il 3 aprile del 1526. Per motivi ancora in parte oscuri, Caboto cambiò la rotta e si fermò al Río de la Plata e iniziò a esplorarne il bacino. Ritornato in Spagna senza alcun risultato, fu condannato dal Consiglio delle Indie a due anni di esilio a Orán. Per provare la propria innocenza, propose una nuova spedizione alla scoperta di Tarsis e Ofir, del Catai, di Cipango, dei Lequios e della Gran Tartaria. E, sembra incredibile, la proposta fu accettata.

8Insomma ci volle moltissimo tempo prima che le località leggendarie venissero espunte dalle carte e si capisse che non esistevano. Ma poteva anche succedere di compiere l’errore inverso, come quello di chi considerava opera di immaginazione il Milione di Marco Polo e quindi per esempio negava l’esistenza del Cipango, cioè del Giappone. Non sorprende invece che si continuasse a cercare un passaggio a Nord-Ovest: la via scoperta da Magellano si era rivelata troppo lunga e difficile. Non c’era un motivo perché il passaggio ci fosse a sud e non altrove.

La spartizione dell’ignoto

9Si dice comunemente che la politica è miope e spesso davvero è così. Nel caso delle grandi navigazioni, invece, fu preveggente: stimolò le esplorazioni anche quando i profitti erano scarsi o quando non erano nemmeno ancora immaginabili: la molla fu – come spesso accade – la concorrenza fra stati.

10Negli Stati iberici era assai vivo il desiderio di arrivare nel favoloso Oriente e più concretamente nei paesi delle gemme, dell’oro e delle spezie. Non si pensava a nuove terre ma a stabilire rapporti diretti con paesi con i quali si commerciava attraverso troppi intermediari, che non consentivano nemmeno di sapere di dove provenissero i prodotti acquistati. E questo non si poteva facilmente evitare andando in oriente per via di terra. Occorreva giungervi per mare. Le possibilità erano solamente due ed entrambe meramente ipotetiche: veleggiare verso occidente o verso oriente. Una terza via sperimentò molto più tardi l’Inghilterra su suggerimento di Sebastiano Caboto: la via di NE, per mare, per terra e utilizzando i grandi fiumi russi. A noi oggi può sembrare ovvio che la via migliore fosse quella verso oriente, se – ma andava verificato – era possibile girare attorno all’Africa: questa possibilità si poteva arguire dalla circumnavigazione da oriente a occidente che nell’antichità avrebbero compiuto alcune navi fenicie del faraone Necho; ma lo stesso Erodoto, che è l’unico a parlarne, non credeva che quel viaggio fosse davvero avvenuto. Allora, però, molti pensavano che la via occidentale alle Indie – termine con il quale venivano designati tutti i paesi orientali sull’oceano indiano – fosse la migliore: bastava attraversare l’oceano. La distanza fra Europa occidentale e Asia orientale appariva assai più breve del vero per alcuni errori presenti nella geografia di Tolomeo, poi ulteriormente aggravati. A quelli che non accettavano questi dati, l’idea di andare a oriente dirigendosi a occidente appariva assurda. Nessuno sapeva la verità. Tutte le opinioni erano possibili. Errate o fantastiche appaiono a noi che sappiamo esattamente com’è fatta la Terra. L’avanzare dei Turchi, che a poco a poco stavano impadronendosi di molte stazioni commerciali tradizionalmente in mano a paesi occidentali, darà sul finire del Quattrocento una forte spinta alla ricerca di percorsi alternativi a quelli tradizionali: per gli Occidentali, che non sapevano nemmeno di dove venissero molti dei prodotti che comperavano nei mercati del Mediterraneo, occorreva sperimentare ogni percorso senza lasciarsi irretire da pregiudizi, senza scartare le ipotesi apparentemente fantasiose.

  • 5 E, in effetti, dal 1520 al 1526 un’ambasceria guidata da Rodrigo de Lima risiedette in Etiopia, il (...)

11I primi a entrare in azione furono – all’inizio del Quattrocento – i Portoghesi, che da non molto con la casa d’Aviz costituivano uno stato geloso della propria autonomia e non disposto a essere inghiottito nel grande stato che a poco a poco si veniva assemblando nella penisola iberica. Il principe Enrico, poi detto il Navigatore, promosse varie esplorazioni delle coste dell’Africa, che per la casa regnante facevano pur sempre parte della Crociata portoghese e all’inizio non avevano fini chiari: la navigazione verso sud, seguendo le coste dell’Africa, per esempio, poteva consentire di aggirare l’Islam e di trovare il leggendario regno cristiano del prete Gianni5. Ulteriori stimoli a questi viaggi li diedero i capitali di molti mercanti, soprattutto italiani, che – costretti a lasciare il Medio Oriente per l’avanzare dei Turchi – potenziarono le loro imprese commerciali in Portogallo e in Andalusia e investirono nell’espansione portoghese nell’Atlantico.

12Queste navigazioni – in cui si mescolavano spirito di crociata, curiosità geografica e intraprendenza economica – a poco a poco si spinsero sempre più verso sud, vincendo pregiudizi e superstizioni. Attorno al 1470 arrivarono al golfo di Guinea e riuscirono a instaurare vari commerci. Non riuscirono a localizzare le principali miniere d’oro: l’ottenevano nello stesso modo in cui ottenevano gli altri prodotti: tramite il baratto, dando in cambio grano, stoffe e manufatti di scarso valore.

13Non era niente di sconvolgente ma bastava a fare del Portogallo un paese commercialmente importante. E va da sé che non appena la corona portoghese percepì l’importanza commerciale di questi viaggi intervenne per controllarli. Nel 1443, il principe Enrico ottenne il monopolio sui commerci e il diritto di riscuotere la quinta reale: tutti i viaggi dovevano ottenere la sua licenza. I Portoghesi si impadronivano delle terre scoperte. Con quale diritto? Era opinione comune che la guerra contro i musulmani fosse più che legittima e che la conquista dei loro territori fosse basata su un giusto diritto. Le terre di cui prendevano possesso lungo le coste africane costituivano un caso diverso. Lì non c’erano infedeli, ma pagani selvaggi di cui l’Europa aveva una nozione assai vaga. La corona portoghese considerò quei territori terra nullius, cioè non sottoposti ad alcuna autorità e quindi occupabili da chi li scopriva. E giustificò le proprie prese di possesso con i presunti diritti della Chiesa sull’orbis terrarum. Secondo una dottrina allora diffusa i papi in quanto eredi di Cristo avevano la signoria materiale e spirituale su tutti i popoli, ma potevano delegare a principi cristiani il dominio di terre degli infedeli. Due bolle papali, rispettivamente del 1452 e del 1454, concessero alla corona portoghese la sovranità su tutte le terre e le acque che i suoi sudditi avevano o avrebbero scoperto in zone ancora inesplorate. La corona, però, doveva convertire gli abitanti; se si opponevano al dominio portoghese, all’evangelizzazione o alle relazioni commerciali, poteva sottometterli e ridurli in schiavitù. I Portoghesi così ricevettero un vero e proprio monopolio sull’espansione nell’Atlantico a sud del Marocco.

14Compiendo questi viaggi, la corona portoghese dava prova di una grande apertura mentale: infatti si mostrava indifferente ai dogmi della scienza ufficiale e alle ripetute prese di posizione della Chiesa, che negavano non solo l’abitabilità della zona torrida ma sostenevano che era impossibile navigare in quelle latitudini e che gli antipodi in genere erano inabitati. Gli interessi dello Stato e dei commerci, dunque, inducevano a far conto più dell’esperienza che della scienza e anche dei dettami papali. Nel 1472 si arrivò all’Equatore. Lo scopo ormai era chiaro: girare intorno all’Africa fino a trovare un passaggio verso le Indie. Ci volle molta pazienza e insieme un progresso della tecnica e delle attrezzature marinare, perché l’Africa si rivelava un continente molto esteso anche in latitudine e le sue acque non facili da navigare. Le esplorazioni portoghesi, che procedevano lentamente, non facevano grande scalpore. Quel passaggio forse era solo un’illusione. La filosofia – come vedremo – non se ne curò, nemmeno quando il risultato fu raggiunto.

  • 6 R. Hakluyt, I viaggi inglesi. 1494-1600, a cura di Franco Marenco, II, Milano, Longanesi, 1971, p.  (...)

15I Portoghesi vigilavano attentamente sul rispetto dei propri privilegi. Nel 1477, la regina Isabella di Castiglia decise di concludere la conquista dell’arcipelago delle Canarie; il Portogallo protestò. Ne nacque un negoziato che condusse nel 1479 al trattato di Alcáçovas: il Portogallo riconobbe i diritti castigliani sulle Canarie in cambio dell’accettazione dei propri titoli sulle isole atlantiche e sulle coste africane a sud del parallelo delle Canarie. Nel 1481 o 1482, Ruy de Sousa, Giovanni D’Elvas e Ferdinando de Pina furono inviati dai Portoghesi come ambasciatori al nuovo re d’Inghilterra Edoardo IV con il mandato di rinnovare l’antica alleanza e di illustrare i diritti del Portogallo sulla Guinea, affinché il re, «presane conoscenza, desse ordine in tutte le terre a lui sottomesse che nessuno armasse o inviasse navi in Guinea». Chiedevano anche «lo scioglimento di una flotta che due Inglesi, John Tintam e William Fabian, stavano allestendo per conto del duca di Medina Sidonia», spagnolo e nemico dei Portoghesi, «allo scopo di raggiungere le suddette terre di Guinea». Edoardo IV «diede il suo consenso a tutto quanto gli fu richiesto»6. Poco interessavano agli Inglesi questi viaggi intorno all’Africa. Ben diverso sarà il loro comportamento riguardo a spedizioni volte a occidente, all’inizio poco attraente, se non per banchi di buon pesce.

16Nel 1487-1488, però, Bartolomeo Dias riuscì a circumnavigare l’estremità meridionale dell’Africa: il progetto portoghese cominciava ad apparire realistico, anche se la spedizione non proseguì verso le Indie. Da questo momento, sulla spinta di una forte concorrenza, iniziò una fase di forte accelerazione dei viaggi di esplorazione. La Spagna non poteva rimanere indifferente. E così, nel 1492, la sua risposta fu straordinaria: la dimostrazione che la via occidentale per le Indie era percorribile. Colombo era arrivato a terre che, per quanto se ne sapeva, non potevano appartenere che all’estremità orientale delle Indie. Credette di trovarvi quello che cercava o meglio quello che doveva esserci. I re cattolici gli avevano affidato una lettera per il Gran Khan; egli voleva arrivare nella città di Quinsai per adempiere alla missione. Non trovò gli esseri favolosi che i geografi avevano collocato nell’estremo oriente e non scrisse di averli visti ma di aver sentito dire che c’erano i cinocefali (uomini con muso di cane) e un’isola con le donne guerriere; ma poi nel 1493 ammise la propria delusione per non aver trovato esseri mostruosi. Al massimo egli poteva rendersi conto che quello non era il meraviglioso Oriente celebrato da tanti e non insistere nel dire che aveva trovato prodotti che non c’erano. Ma va anche detto che egli rimase del tutto spiazzato da quanto aveva visto. Era preparato a discutere rapporti commerciali con quei popoli, a stabilire una stazione per facilitare i commerci, ma si trovò di fronte a una situazione radicalmente diversa: non gli splendori dell’Oriente ma una popolazione povera anche se non voleva confessarlo; non incontrò oro e pietre preziose e dovette riferire su ritrovamenti auriferi ben superiori al vero. Non aveva altra scelta se voleva che le spedizioni verso ovest continuassero.

  • 7 C. Colombo, Gli scritti, a cura di Consuelo Varela. Introduzione di Juan Gil, edizione italiana a c (...)

17Sembrava dunque che gli Spagnoli fossero arrivati alla Indie. Iniziò allora un’intensa attività diplomatica dei sovrani iberici per garantirsi l’esclusiva sui nuovi territori esplorati e per dividersi quanto ancora si poteva scoprire. I sovrani spagnoli ottennero che papa Alessandro VI con tre bolle attribuisse loro gli stessi diritti che erano stati concessi nei riguardi dei popoli delle Indie; inoltre venne stabilita una linea di demarcazione fra quanto i due sovrani cattolici potevano reciprocamente conquistare. Con le bolle Inter coetera e Dudum siquidem Alessandro VI – come scrive Colombo nel Memoriale della Mejorada7 del luglio 1497–«donò e concesse ai sopraddetti Re e Regina [della Spagna], nell’anno 1493, tutte le isole e terra ferma che si stendono a Ponente, da una linea che egli fece tracciare cento leghe oltre le isole delle Azzorre e di quelle del Cabo Verde, rotta a Ponente in direzione dell’India, o a qualsiasi altro approdo fossero diretti fin dove avesse possedimenti principe cristiano da prima del detto anno 1493». Veniva così stabilita la linea di demarcazione (raya) fra la zona di espansione portoghese e quella spagnola.

18A giudizio dei Portoghesi lo Spagnolo papa Borgia si era dimostrato troppo favorevole ai suoi compatrioti; pertanto si resero necessarie nuove trattative e il 7 giugno 1494 a Tordesillas nella Vecchia Castiglia si giunse alla firma del compromesso che era stato raggiunto: la linea di demarcazione venne spostata a 370 leghe a occidente delle isole di Capo Verde, mentre cadeva il divieto per gli Spagnoli di procedere a sud del parallelo delle Canarie. Colombo poté continuare a cercare anche al di sotto di quel parallelo la via per penetrare nell’Oceano Indiano e i Portoghesi poterono proseguire nella loro graduale circumnavigazione dell’Africa allo stesso scopo di arrivare nelle Indie. Per il momento, le due potenze non sentirono il bisogno di accordarsi sulla lunghezza di un grado equatoriale e sull’isola di Capo Verde da cui doveva iniziare il computo delle leghe. Si ricordi che, del resto, allora non era facile stabilire la longitudine.

19Spagna e Portogallo si spartirono la terra abitata, l’orbis habitabilis, ma fecero ratificare il loro accordo dai papi. Questo perché allora il papato aveva riacquistato prestigio; era uno dei due grandi poteri universali o si illudeva di esserlo e le grandi potenze gli riconoscevano questa superiorità quando a loro conveniva. A loro – come già si è visto – era molto utile coonestare l’interesse politico con quello religioso. Fosse ipocrisia piena o medievale convinzione, Spagnoli e Portoghesi motivavano le loro azioni non con i propri interessi commerciali ma con la diffusione della fede, cioè con una motivazione allora nobile e alta: muovevano le loro navi per la conversione dei pagani, dunque avevano il diritto di assoggettare con la forza i renitenti.

20Oro e fede, leggende e propositi concreti si mescolano in quasi tutti i navigatori e soprattutto in Colombo. Si veda per esempio quanto scriveva a papa Alessandro VI nel 1501 circa per raccontargli le sue imprese:

Scoprii e conquistai lungo l’intera mia rotta mille e quattrocento isole e trecentotrentatre leghe di terra ferma di Asia, senza contare altre isole famosissime, grandi e numerose a oriente dell’isola Española, nella quale fondai un insediamento, e che circumnavigai per ottocento leghe di quattro miglia ciascuna; ed è isola popolosa oltremodo, e io in breve ne feci divenire tutti gli abitanti tributari del Re e della Regina, miei Signori. Vi sono miniere di tutti i metalli, in ispecie di oro e di rame: vi è legno brasile, sandalo, àloe, e molte altre spezie, e vi è incenso; l’albero da cui si ricava è il mirabolano. Quest’isola è Tharsis, è Cethia, è Ophir e Ophaz e Çipanga, e noi l’abbiamo battezzata Española.

  • 8 Ivi, pp. 327-329.

21E dichiara che «s’è dato inizio a questa impresa al fine di destinarne il guadagno alla conquista della Casa Santa alla Santa Chiesa» e afferma che con le sue scoperte si sarebbero ricavate le paghe per l’armata necessaria per questo scopo8.

22Politica e religione, sfruttamento economico di paesi lontani e conquista di nuove anime andarono purtroppo d’accordo per secoli. Non è che questa comoda dottrina abbia sempre funzionato; ci furono anche frizioni molto forti, ma furono eccezioni alla regola.

  • 9 Ivi, pp. 172-179.

23La politica dunque aveva posto ai navigatori dei paletti molto precisi. Gli sconfinamenti però avvenivano di continuo, di proposito o per caso, e ovviamente si cercava di mascherarli. Anche per questo ci sono pochissimi documenti ufficiali sulle navigazioni e sulle scoperte. Ma quei paletti erano tutt’altro che chiari. Lo mostra, per esempio, il già citato Memoriale della Mejorada che nel luglio del 1497 Colombo scrisse in merito a proteste da rivolgere alla corona portoghese per una pretesa violazione delle clausole fondamentali del trattato di Tordesillas, di cui egli dà un’interpretazione apparentemente cavillosa. Secondo lui infatti la donazione papale fatta ai Portoghesi vale solamente fino al Capo di Buona Speranza e dunque le navi portoghesi, navigando oltre il detto capo fino alle Indie, sconfinarono oltre la linea tracciata da Alessandro VI: «Le quali cose tutte furono in spregio del detto accordo e in pregiudizio e danno dei detti Re e Regina». Colombo ammette che altri interpretavano diversamente le clausole del trattato; all’interpretazione comunemente accettata oppone quattro «incontrovertibili ragioni», che sarebbe troppo lungo riferire; mi basti dire che si fondano essenzialmente su due argomenti:a) La donazione vale finché non s’incontra uno stato cristiano; dunque non può essere estesa all’antimeridiano perché può essere che prima ci sia uno stato cristiano; se davvero fosse stato concesso ai Portoghesi di scoprire tutto ciò che è a levante della linea tracciata dal Santo Padre e agli Spagnoli di fare altrettanto a occidente, «colui il quale più lesto avesse avanzato, avrebbe guadagnato per sé maggior porzione di mondo, e tanto avrebbe potuto veleggiare il Re del Portogallo seguendo la rotta del Levante da raggiungere la detta linea fissata dalle Loro Altezze per la rotta di Ponente. E non diversamente le Loro Altezze di tanto avrebbero potuto navigare a Ponente da approdare ai medesimi lidi».b) Il trattato riguarda solamente lo «scoprire le isole e terre del mare Oceano», cioè l’Oceano Atlantico che «si stende tra l’Africa, la Spagna e le terre delle Indie; e le Indie vi si affacciano dalla parte di Ponente, e l’Africa e la Spagna dalla parte di Levante, e questo, e non altro, è il mar Oceano». Pertanto ritiene che «Re don Manuel, il quale ha ordinato di navigare in India», abbia violato le norme accolte e osservate dal suo predecessore. Colombo sostiene che la Spagna concesse al Portogallo «CCLXX leghe di mare e terre nel detto mare Oceano, affinché egli avesse dove navigare e scoprire, e non perché avesse egli a occupare l’Asia, l’Arabia, la Persia e l’India, o le isole che sono dalla parte dell’Austro rispetto a queste terre, delle quali già aveva donazione e possesso»; per lui «il Cabo di Boa Esperança è limite e discrimine» di quanto la Spagna aveva benevolmente concesso al Portogallo9.

24Ci sono anche cavilli ma quelle che ho riassunto sono osservazioni sensate, considerato quanto allora si sapeva. Più tardi trionfò l’interpretazione secondo la quale si doveva tener conto di tutto il meridiano, ma nemmeno allora – come vedremo – cessarono le contese. Le preoccupazioni di Colombo erano legittime: tenuto conto delle misure ridotte allora attribuite alla Terra poteva davvero succedere che egli trovasse i Portoghesi, per così dire, subito dietro l’angolo. Sarà il viaggio di Magellano a mostrare che la Terra era assai più grande e abitata di quanto non si credesse.

  • 10 M. Milanesi, Arsarot o Anian? Identità e separazione tra Asia e Nuovo Mondo nella cartografia del C (...)

25Questa continua, rapida, crescita di conoscenze non veniva prontamente divulgata; i governi cercavano di mantenere il segreto per evitare visitatori indesiderati; lavoravano invece attivamente i cartografi, i quali però non si attenevano a un modello unico a mano a mano aggiornato. I due paesi più impegnati nelle navigazioni, però, cercavano di avere sempre dati attendibili. In Spagna, per esempio, si aggiornava continuamente il padrón real, cioè la carta ufficiale del mondo conosciuto. Tale compito toccava al piloto mayor della Casa de Contratación de las Indias, che aveva anche il compito di preparare i piloti e curare gli strumenti nautici. Anche i Portoghesi avevano una carta simile. Si trattava, però, di documenti riservati e, per quanto possibile, tenuti segreti: i due Stati iberici si guardavano bene dallo scambiarsi i dati. «Nelle carte del mondo, e in quelle del Nuovo Mondo, del XVI secolo – scrive Marica Milanesi – è dunque costantemente presente una componente ipotetica […]: la cartografia di questo periodo, per questi temi, è per eccellenza soggettiva e congetturale»10.

Mundus novus. L’abitabilità della terra

26Il pubblico era avido di notizie; queste però venivano fornite da scritti apocrifi o da narrazioni non autorizzate. I governi cercavano di rivelare il meno possibile; pertanto non intervenivano nemmeno per contestare o puntualizzare le notizie che venivano diffuse disordinatamente. Molto si stampava e per lo più tempestivamente, rispondendo al grandissimo interesse dei lettori. Queste edizioni alla buona, però, erano ritenute prive di serietà scientifica e spesso nemmeno lette negli ambienti dell’alta cultura. Occorsero decenni di conferme prima che le grandi novità venissero recepite. Questo vale – basti un solo esempio – per la questione degli antipodi. A dire il vero, come ho detto, la questione aveva già trovato ripetute soluzioni da parte dei Portoghesi che avevano raggiunto e superato l’Equatore mostrando la falsità della dottrina secondo la quale la vita s’incontra solamente nell’emisfero boreale. I filosofi, però, di quei viaggi non tenevano alcun conto.

  • 11 Il mondo nuovo di A. Vespucci. Scritti vespucciani e paravespucciani, a cura di M. Pozzi, Alessandr (...)

27L’esistenza degli antipodi venne ribadita, sul finire del 1503 o all’inizio del 1504, da un opuscolo di poche carte dal titolo perentorio Mundus novus, scritto in un latino sciatto e trascurato. In più d’un luogo, però, e specialmente all’inizio, la rozzezza stilistica è animata dal vigore di orgogliose affermazioni; un «Albericus Vesputius» annuncia a Lorenzo di Pierfrancesco de’ Medici di aver compiuto una scoperta che sconvolge la dottrina degli Antichi sui confini del mondo abitato. Scrive di essere stato in parti del mondo che è lecito chiamare novum mundum perché «apud maiores nostros nulla de ipsis fuerit habita cognitio et audientibus omnibus sit novissima res». Quanto da lui scoperto «opinionem nostrorum antiquorum excedit, cum illorum maior pars dicat ultra lineam equinoctialem et versus meridiem non esse continentem sed mare tantum quod atlanticum vocare; et si qui eorum continentem ibi esse affirmaverunt, eam esse terram habitabilem multis rationibus negaverunt». Orbene l’estensore della lettera afferma decisamente che la sua ultima navigazione «hanc eorum opinionem esse falsam et veritati omnino contrariam»: «in partibus illis meridianis continentem – afferma – invenerim frequentioribus populis et animalibus habitatam quam nostram Europam seu Asiam vel Africam, et ìnsuper aerem magis temperatum et amenum, quam in quavis alia regione a nobis cognita, prout ínferius intelliges, ubi succincte tantum rerum capita scribemus et res digniores annotatione et memoria; que a me vel vise vel audite in hoc novo mundo fuere, ut infra patebit.»11

28La questione, sulla quale qui si prende energicamente posizione, era importante e presentava gravi implicazioni filosofiche e teologiche. Le navigazioni dei Portoghesi alle Indie e di Colombo e Vespucci verso occidente – come più tardi spiegherà Guicciardini nella Storia d’Italia (VI, 9) – avevano non solo mostrato che gli Antichi si erano ingannati

  • 12 F. Guicciardini, Storia d’Italia, a cura di S. Seidel Menchi, I, Torino, Einaudi, 1971, p. 593.

ma dato, oltre a ciò, qualche anzietà agli interpreti della scrittura sacra, soliti a interpretare che quel versicolo del salmo, che contiene che in tutta la terra uscì il suono loro e ne’ confini del mondo le parole loro [Ps. 18, 5: «In omnem terram exivit sonus eorum, et in fines orbis terrae verba eorum»] significasse che la fede di Cristo fusse, per la bocca degli apostoli, penetrata per tutto il mondo: interpretazione aliena dalla verità, perché non apparendo notizia alcuna di queste terre, né trovandosi segno o reliquia alcuna della nostra fede, è indegno di essere creduto o che la fede di Cristo vi sia stata innanzi a questi tempi o che questa parte sì vasta del mondo sia mai più stata scoperta o trovata da uomini del nostro emisperio.12

29Il grande storico scriveva quando la situazione era ormai abbastanza chiara. Nel momento eroico delle grandi esplorazioni – quando non era ancora evidente l’entità e la natura delle terre scoperte ed era invece salda la convinzione che nelle opere degli Antichi fosse depositata la verità – le recise affermazioni del Mundus Novus dovettero suonare taglienti, segno di una consapevolezza che per lo più mancava ai molti che si erano messi in viaggio sulle nuove vie occidentali. Il successo editoriale di quest’operetta fu travolgente. In poche settimane fu ristampata a Venezia, Parigi, Augusta, Norimberga, Anversa, Colonia, Strasburgo, Rostock e poi tradotta in tedesco e in fiammingo. Tradotta in italiano, fu inserita nella raccolta Paesi novamente retrovati e Novo Mondo da Alberico Vespuzio fiorentino intitulato curata da Fracanzio da Montalboddo (Vicenza, 1507), che a sua volta fu ristampata almeno sette volte nel Cinquecento, tradotta in latino da Arcangelo Madrignano (Milano, 1508) e in francese da Mathurin Redouer de Sendacour (Paris, 1515). Fu dunque un vero best-seller.

30L’autore dichiarato nella lettera è Amerigo Vespucci, ma probabilmente si tratta di un apocrifo, però confezionato con scritti autentici. Apocrifa a quanto pare è anche la Lettera di Amerigo Vespucci delle isole nuovamente trovate in quattro suoi viaggi. Uscita a Firenze nel 1504 o nel 1505, deve il successo alla traduzione in latino prontamente compiuta dal geografo Martin Waldseemüller (Hylacomilus) e pubblicata nel 1507 a Saint-Dié di Lorena con il titolo Quattuor navigationes nella sua Cosmographiae Introductio. Waldseemüller nel capitolo nono vi avanzava quella proposta che avrebbe avuto fortuna ma avrebbe anche suscitato molti malumori:

Nunc vero et he partes sunt latius lustrate et alia quarta pars per Americum Vesputium, ut in sequentibus audietur, inventa est, quam non video cur quis iure vetet ab Americo inventore, sagacis ingenii viro, Amerigen quasi Americi terram, sive Americam dicendam, cum et Europa et Asia a mulieribus sua sortita sunt nomina.

31Il nome America (o meglio Amerìca: la pronuncia proparossitona si affermò più tardi per attrazione analogica di Africa e di etnici come Italicus, Gallicus, Hispanicus, ecc.) si trova anche nel planisfero posto in appendice al volume, riferito solamente a una parte del continente sudamericano (l’attuale Brasile). Questa versione latina, tradotta in tedesco nel 1509, fu ripubblicata nel Novus orbis regionum ac insularum veteribus incognitarum (Basilea, 1532), l’importante e fortunata raccolta curata da Johann Huttich.

  • 13 Si veda pp. 13-14 dell’edizione a cura di Tommaso Fiore, Roma-Bari, Laterza, 1982. Non si trattava (...)

32Il Mundus novus e le Quattuor navigationes assicurarono una grande fama a Vespucci. Thomas More ne trasse lo spunto per la sua Utopia (Lovanio, 1516). Il narratore, infatti, è un Raffaele Itlodeo che «per bramosia di andar osservando il mondo tutto si unì ad Amerigo Vespucci, né più lo lasciò nei tre ultimi viaggi, dei quattro che fece (e le relazioni sono ormai a mano di tutti), salvo che dall’ultimo viaggio non tornò secolui. Infatti cercò e ottenne a viva forza dal Vespucci di far parte anch’egli di quei ventiquattro che rimasero laggiù, nel castello, all’estremo limite dell’ultimo viaggio»13. È una fortuna che non si può minimizzare né cancellare per il fatto che i due testi sono apocrifi. La loro influenza sull’immagine del Nuovo Mondo che si formò in Europa fu grandissima anche perché erano gli scritti più organici che nel primo decennio fossero stati offerti al grande pubblico e ai savants de cabinet. Colombo molto tempestivamente aveva dato notizia del suo primo viaggio con la lettera a Luis de Santangel e vari scritti ne erano derivati. Gli altri viaggi dell’ammiraglio, invece, non furono conosciuti che episodicamente e frammentariamente.

  • 14 J. Gil, Miti e utopie della scoperta. Cristoforo Colombo e il suo tempo, Milano, Garzanti, 1991, p. (...)

33Ho ricordato due scritti pseudovespucciani; due instant books costruiti rapidamente da una persona d’ingegno. Sono scritti che presto fecero discutere animatamente provocando la secolare questione vespucciana, che aveva e ha risvolti politici molto forti. Eppure non ci furono reazioni degli stati interessati. Nessuna rettifica. È vero, erano altri tempi, ma anche allora si poteva confezionare in poco tempo uno scritto volto a confutare opinioni errate. Secondo le Quattuor navigationes Vespucci precedette Colombo sul continente. Eppure Colombo e Vespucci si conoscevano e si parlavano, ma non sappiamo di reazioni da parte del danneggiato. Nemmeno Vespucci leggeva le relazione sui propri viaggi? O fu complice di quell’esagerazione delle sue navigazioni? Tutto è possibile, anche che non le conoscesse o non le tenesse in alcun conto. Ed è certo che non le conosceva Colombo il quale in caso contrario avrebbe reagito duramente in difesa dei propri diritti e interessi. Sta di fatto che – come scrive Juan Gil – «i marinai spagnoli di quel tempo furono terribilmente pigri nel mettere per iscritto le loro vicissitudini, per cui ci ritroviamo a dover ricostruire le loro avventure indiane partendo da atti notarili o da partite contabili, dato che l’unico a prendere in mano la penna per seminare confusione fu un altro italiano, un patetico bugiardo che risponde al nome di Amerigo Vespucci»14. Sarà vero, ma è anche vero che le sue bugie – come ho già detto – contribuirono più di ogni altro testo a formare l’immagine europea del Nuovo Mondo e anche forse a far sentire ad alcuni europei di appartenere a un mondo vecchio.

  • 15 B. Nardi, Studi su P. Pomponazzi, Firenze, Le Monnier, 1965, p. 41.

34Malgrado le notizie contenute in questa ricchissima letteratura – e l’avvenuta circumnavigazione dell’Africa che aveva consentito ai Portoghesi di arrivare a Calicut e di ritornare carichi di spezie – nelle aule universitarie si continuò a discutere sull’abitabilità della terra, fondandosi su argomenti che non tenevano in alcun conto l’esperienza. Ancora nel 1505 il celebre filosofo Alessandro Achillini nel trattato De elementis, discutendo il problema Utrum terra sit ubique habitabilis,«mette in un fascio le notizie raccolte da Pietro d’Abano sull’abitabilità della zona “equinoziale” con quelle sul Paradiso terrestre, e ritiene che sia tutta roba da non prendere in considerazione dal filosofo, ma da lasciare ai raccoglitori di storielle»15.

35Due o quattro che fossero, i viaggi di Amerigo e prima dei Portoghesi non dicevano niente a filosofi che continuavano a giurare ciecamente sulla parola di Aristotele e dei suoi interpreti. La loro cecità però non era dovuta solamente alla presunzione di cattedratici abituati a gonfiare il petto con la sapienza antica. Le terre scoperte a occidente avevano colto di sorpresa un po’ tutti e, se subito si pensò a come sfruttarle economicamente, ci volle del tempo per intravedere una nuova cosmografia che potesse sostituire l’antica.

  • 16 Ivi, pp. 41-42.

36Del resto anche il filosofo più audace del tempo, cioè Pietro Pomponazzi, solamente quando venne a sapere dell’avvenuta circumnavigazione del globo si decise a proclamare anche in questo caso la superiorità dell’esperienza sulla dottrina. Ciò avvenne nell’università di Bologna nel marzo 1523 e l’episodio è stato ricostruito da Bruno Nardi16, sulla base degli appunti presi dagli scolari. Il Peretto stava commentando il secondo libro delle Meteore di Aristotele e spiegava le quattro ragioni per cui, secondo Averroè, le terre situate sotto il tropico del Capricorno sono inabitabili. A un certo punto però si fermò e disse:

— Questo, signori miei, è quello che Aristotele e Averroè dicono. Ma che cosa dobbiamo pensarne noi oggi? Io sono d’avviso che, dove l’esperienza è in conflitto col ragionamento, dobbiamo stare all’esperienza, e lasciare andare i ragionamenti: «standum est sensui et dimittenda ratio». Questo aveva detto anche Averroè, ma poi non aveva fatto, ché questi ragionamenti di lui son dei veri sofismi.

37L’esperienza della spedizione che aveva compiuto la circumnavigazione del mondo doveva avere la meglio sui ragionamenti di Aristotele e sugli argomenti apodittici di Averroè. E ne traeva questa lezione: «Lasso pensare a te, quomodo ille rationes, quas dixit Commentator esse demonstrationes, sunt demonstrationes. Quoniam contra veritatem non possunt fieri demonstrationes. Quare, pensate bene come stiamo. Si nescimus de istis rebus quae sunt in terra et possunt videri a nobis, quomodo sciemus de celo?»

38Il giorno dopo tornò sull’argomento, per controbattere sant’Agostino che nel De civitate Dei (XVI, 9) aveva negato come favolosa l’esistenza degli antipodi. Le nuove scoperte imbarazzavano alcuni teologi,

  • 17 Ivi, p. 43. Ma ben prima il diavolo Astarotte aveva detto a Rinaldo che «puossi andar giù nell’altr (...)

i quali argomentavano: — E se questi antipodi son figli d’Adamo come noi, come mai Cristo non ha pensato alla loro salvezza? — Il Peretto, messo di fronte a sì grave problema, sembra riacquistare tutto il suo buon umore un po’ sbarazzino che ormai gli conosciamo: «Ad hoc respondeo dicendo quod hoc solvant fratres, quoniam ego credo ecclesiae sanctae» e basta. A me non è concessa quella «copulatio intellectus» degli averroisti, che dovrebbe permettere al filosofo che l’abbia raggiunta in questa vita di saper tutto: «Dico tamen vobis quod opinio commentatoris de copulatione intellectus, quod anima sit una et quod omnia sciantur, est summa dementia; quoniam si Aristoteles et commentator nesciverunt hoc quod tamen est in terra, minus potuerunt scire de rebus altis. Quare illa felicitas non potest haberi; quare nescio quid dicendum est, nisi forte quod Christus fecit se crucifigere etiam in alio polo!»17

  • 18 Istoria viniziana, cit., I, pp. 349-350.

39I tentennamenti dell’alta cultura, almeno in parte, erano comprensibili. La Geografia di Tolomeo presentava tre continenti, saldati fra loro, che si protendevano in varie direzioni. Si riteneva che il mondo abitato fosse tutto concentrato in un quarto della terra. Ora i viaggi mostravano che invece esistevano terre che non appartenevano all’Asia e che si ponevano fra l’Europa e l’Asia, ci fosse o no una giuntura a nord. La disposizione delle terre emerse e abitate mutava così radicalmente e alla vecchia immagine della terra bisognava sostituirne un’altra. Occorreva, se possibile, individuare un nuovo ordine, quella nuova e più funzionale simmetria che Pietro Bembo – il maestro dell’armonia rinascimentale – fa illustrare da Cristoforo Colombo. Se le cose stessero secondo l’opinione degli Antichi, Dio avrebbe fabbricato un mondo in cui «la molto maggior parte della terra, per la soverchia intemperatezza, vacua d’uomini, nessuna utilità di sé dia». Il «gomitolo della terra» invece deve essere tale che «il potere per tutte le sue parti gire e passare agli uomini non sia tolto». E infatti le scoperte hanno mostrato «il gomitolo da ogni parte della vitale aura partecipare»18.

40Tenendo conto delle difficoltà a cui abbiamo accennato e di altre ancora che si potrebbero ricordare, appare evidente la lucidità e l’acutezza del brano iniziale del Mundus novus, in cui l’errore degli antichi è denunciato con mano ferma.

Esplorazioni per diletto. Lodovico di Vartema

41Dopo il viaggio di Vasco da Gama, i Portoghesi in breve tempo si sostituirono agli Arabi e ai potentati locali nel controllo del commercio delle spezie. Anche perché il loro paese era piccolo e non fittamente popolato, non volevano costituire delle colonie ma solamente mantenere il monopolio negli scambi commerciali. Almeno finché non ebbero concorrenti europei si comportarono con molta durezza contro chi violava la privativa che si erano attribuiti ma senza occupare grandi territori: bastavano delle fortezze e delle basi commerciali oltre che una flotta agguerritissima, che interveniva prontamente contro alleati fedifraghi o in favore di signori amici. Pertanto non si inoltrarono nell’interno e non si preoccuparono di conoscere quei paesi e di capire le caratteristiche di popoli tanto diversi da loro. Le conseguenze di questa mancata conoscenza e approfondimento delle reciproche diversità e l’abitudine a risolvere ogni questione con la forza probabilmente gravano ancor oggi sulle nostre relazione con i popoli dell’Oriente.

  • 19 Il titolo completo è Itinerario nello Egipto, nella Surria, nella Arabia deserta e felice, nella Pe (...)

42Rapporti umanamente più intensi ebbero normalmente i mercanti, ma nessuno fu così acuto e così desideroso di comprendere i costumi dei ‘diversi’ come Ludovico De Vartema. Nel suo Itinerario –edito la prima volta nel 151019 e poi stampato almeno 37 volte nel Cinquecento e 11 nel Seicento e tradotto in tutte le lingue principali –, egli racconta un viaggio in Oriente compiuto fra il 1503 e il 1507 seguendo gli antichissimi percorsi per via di terra che proprio allora cominciavano a essere trascurati. Egli andò in Oriente da solo, per proprio conto e senza interessi materiali: non era né un mercante né un missionario né un diplomatico né un avventuriero.

43Libero da impegni, sfruttava ogni occasione che potesse consentirgli di acquisire nuove conoscenze, e non solo quelle su prodotti, commerci, vie di comunicazione, ma anche e sopra tutto quelle sugli uomini e i loro costumi. Per questo non evitava ma cercava i rapporti umani con i ‘diversi’ e si immergeva totalmente nei loro ambienti. Si mescolava con i nativi, mostrando una straordinaria capacità di adattarsi ai costumi dei vari paesi attraversati: per alcuni anni rinunciò alla sua identità di occidentale. Anche lui, ovviamente, era convinto che Arabi, Persiani, Indiani e Orientali in genere fossero inferiori agli Europei; però intraprese un viaggio, pieno di disagi e di pericoli, proprio per conoscerli, per vedere direttamente i loro usi, la loro organizzazione politica e sociale, i loro prodotti, i loro riti, e così via. In questo modo riuscì a visitare fra l’altro Medina, la Mecca, lo Yemen, l’India, le Molucche, le isole della Sonda, di cui ha dato relazioni inedite o quasi per il mondo occidentale. E sono descrizioni di notevole qualità non solo per l’originale punto di vista ma soprattutto perché egli sapeva osservare con metodo e comunicare quanto aveva visto con vivacità e chiarezza. La sua prosa è povera sia di lusismi sia di luoghi comuni; presenta osservazioni dirette e spesso trascrive parole veramente udite dai nativi. Il suo interesse per le lingue è decisamente superiore al normale. Spesso, per esempio, registra le battute in arabo dei suoi interlocutori. E ancor più interessanti sono le sue trascrizioni di vocaboli dei molti paesi visitati: egli cerca sempre di dire il nome della cosa che descrive.

  • 20 È il ms. Landau Finaly 9 della Biblioteca nazionale centrale di Firenze.

44L’Itinerario è pervaso da un profondo ardore di conoscenza. Nella dedica ad Agnesina da Montefeltro, moglie di Fabrizio Colonna, Vartema si colloca fra gli uomini che «se son dati alla inquisizione delle cose terrene, e per diversi studii, andamenti e fidelissime relazioni se son sforzati pervenire al loro desiderio», conseguendo «dignissima laude apresso delli altri, e de sé medesimi plenissima satisfazzione». Volendo «investigare qualche particella de questo nostro terreno giro» e non essendo in grado di farlo «per studio overo per coniecture» deliberò – egli scrive – «con la propria persona e con li occhi medesmi cercar de cognoscere li siti de li lochi, le qualità de le persone, le diversità degli animali, le varietà de li arbori fruttiferi e odoriferi de lo Egitto, de la Surria, de la Arabia Deserta e Felice, de la Persia, de la India e della Etiopia, maxime recordandome esser più da extimare uno visivo testimonio che diece de udito» (p. 295-296). E dedicando un elegante esemplare manoscritto dell’Itinerario a Vittoria Colonna20, figlia di Agnesina, annunciava il proposito di compiere un viaggio «in la plaga settentrionale e de rivolgere le sue extreme regione», nella speranza di portare «frutti d’altra sorte [...] ad iucundo cibo delli animi da’ novi peragrati paesi» (p. 1003). Probabilmente questo rimase solo un proposito, ma è notevole che l’abbia formulato.

  • 21 M. Pozzi, Caratteristiche letterarie nell’«Itinerario» di Ludovico de Vartema, in Ai confini della (...)

45Questo desiderio di conoscere cose sempre nuove percorre l’opera quasi come un motivo conduttore. Vartema riferisce solamente ciò che, secondo lui, costituisce un reale acquisto di conoscenza, attuando una sagace selezione di quanto si è accumulato nella sua memoria. E lo fa come un narratore di razza capace di rendere in maniera adeguata le situazioni più diverse, di descrivere in maniera efficace, di usare registri diversi, da quello nobile e sostenuto a quello più semplice e lineare delle descrizioni, a quello vivacissimo dei dialoghi. Non posso soffermarmi su quest’opera, sulla quale ho richiamato l’attenzione altrove21. La ricordo solamente perché non sembri che manchino i viaggiatori solitari e per passione. L’Itinerario oltre tutto si propone come una sorta di exemplum del buon viaggiatore, che è tutto il contrario di come a ovest e a est si comportavano Spagnoli e Portoghesi. In questo senso Vartema probabilmente idealizza il ‘sé stesso’ di cui a distanza rivive le avventure con il sorriso sulle labbra, distaccato e insieme compiaciuto di quanto ha saputo fare. Campeggia in tutto il racconto l’uomo capace di dominare il desiderio e le passioni e di prevedere con lucidità le conseguenze delle proprie azioni. Il libro infatti non solo descrive un itinerario ma mostra come ci si deve comportare per non soccombere ai pericoli e alle fatiche che si presentano a chi decide di ‘cercare il mondo’. Se non si hanno le doti necessarie, è meglio rinunciare a viaggi di esplorazione. Una di queste è la capacità di non lasciarsi mai dominare dalle passioni. Forse Vartema non tanto ha voluto rappresentare sé stesso come un favoloso tombeur de femmes sempre pronto a vincere il desiderioma ribadire che ogni legame erotico irretisce il viaggiatore e può avere disastrose conseguenze se si offendono padri, fratelli, amici. Non si devono maturare nemmeno legami di altro genere, con amici, cose, ricchezze, agi. E in effetti molti viaggi presero una brutta piega proprio per il mancato rispetto dei nativi. Il repentino cambiamento di atteggiamento degli abitanti delle Filippine nei riguardi degli Spagnoli, per esempio, forse fu dovuto a motivi di questo genere. Pigafetta fra l’altro descrive la pratica dell’infibulazione (§ 92) e conclude che, malgrado questo assurdo artificio, le indigene «amavano asai più noi» che i loro uomini (§ 93). È probabile che, rovinosamente caduto il prestigio spagnolo, molti nodi venissero al pettine, fra cui appunto il comportamento degli Europei verso le donne. Insomma nell’Itinerario è palese un messaggio – latu sensu –politico sul modo di trattare i diversi, un messaggio che purtroppo per lo più è rimasto inascoltato.

La febbre dell’oro

46Ma se ci sono viaggiatori per passione, i più affrontano rischi e pericoli nella speranza di un rapido arricchimento o cambiamento della condizione sociale o per la speranza di alti profitti commerciali. Né erano possibili viaggi solitari sulle grandi rotte, non solo perché portoghesi e spagnoli difendevano scrupolosamente le zone di loro competenza ma anche perché i costi di una spedizione erano molto alti. La legge del profitto, pertanto, governò le grandi navigazioni: per ottenere ingenti finanziamenti i navigatori dovevano essere molto convincenti nel promettere risultati commerciali molto positivi e soprattutto molto oro. Di scarso profitto parve – finché non si scoprirono i Maya, gli Aztechi e gli Inca – il continente americano, che ‘produceva’ solamente schiavi, per di più nemmeno tanto resistenti. Colombo aveva ottenuto i finanziamenti necessari con ampie promesse di ricchezze straordinarie e poi, non trovandole, dovette fare buon viso a cattivo gioco e fra l’altro propose di portare in Europa come schiavi i forti cannibali. La Corona vietò la tratta di Caribi e Taíno ma consentì che si riducessero in schiavitù gli indi che si mostrassero ostili o antropofagi.

  • 22 La si può leggere in Nuovo Mondo. Gli Italiani. 1492-1565, a cura di P. Collo e P. L. Crovetto, Tor (...)

47Il primo viaggio di Colombo aveva suscitato una profonda impressione. Anche se in Spagna erano giunti solo campioni di oro e ben poche cose preziose, aveva suscitato un’aspettativa di ricchezze e sopratutto di oro veramente grande. Così il secondo viaggio ebbe un carattere del tutto particolare: con l’ammiraglio partirono persone che non miravano alle scoperte geografiche ma semplicemente e spasmodicamente alla ricerca dell’oro. Anche Colombo mostrò sempre una sorta di ossessione per l’oro, ma la mescolava e mascherava con motivi ideali e religiosi: l’oro trovato poteva servire alla Spagna per liberare Gerusalemme e ricostruire il tempio di Gerusalemme. Il caso volle che questo secondo viaggio ci fosse testimoniato proprio da uno che aveva preso il mare solamente perché sperava di trovare molto oro, cioè Michele de Cuneo, nella lettera De novitatibus insularum oceani Hesperii repertarum a don Christoforo Columbo Genuensi, che nell’ottobre 1495 scrisse all’amico Girolamo Annari22. La critica da tempo ne ha riconosciuto l’importanza perché è il primo documento non ‘spagnolo’ sui viaggi a occidente, perché è di natura privata e non ufficiale, perché presenta un repertorio sistematico dei profitti che si potevano trarre da quelle terre da poco scoperte, perché Michele godeva della familiarità dell’ammiraglio e quindi poteva parlarne senza enfasi o toni cerimoniosi, ecc.

48La lettera, malgrado questi e altri pregi, è scarsamente conosciuta. Alcuni studiosi hanno formulato gravi riserve sul suo autore, ritenuto un uomo cinico, privo di scrupoli e di coscienza morale, impegnato solamente nel proprio arricchimento e convinto da una parte che gli Italiani siano i soli a sapere di navigazione e di cosmografia e dall’altro che gli spagnoli sono infidi e traditori.

  • 23 A. Gerbi, La natura delle Indie nove da Cristoforo Colombo a Gonzalo Fernandez de Oviedo, Milano-Na (...)

49Certo, Michele dà prova di «una quasi allegra crudezza», di un «ilare e spregiudicato realismo»23 e sembra incapace di sollevarsi al di sopra della sfera materiale. Temo però che il suo modo di considerare le cose corrispondesse – nel profondo – a quello della maggior parte dei viaggiatori e dei loro mandanti. Pur amico di Colombo, non sembra credere all’esistenza di puri ideali etici, religiosi, spirituali. Si direbbe anzi che egli faccia una sorta di controcanto all’amico che si ritiene un uomo inviato dalla provvidenza e ricerca l’oro non per arricchirsi ma per contribuire a una sorta di palingenesi dell’umanità. Michele non partecipa ai toni esaltati dell’Ammiraglio. La ciudad di Isabela, per esempio, non cessa di essere un «casale», formato da case che sono «picole como le cabane tra nui de uxelare e sono coperte de erba» (p. 105); gli Spagnoli sono laceri e malconci; ecc.

  • 24 A questo proposito ricordo – anche se è ben noto – che solamente la corona e l’ammiraglio si sparti (...)

50All’«investigazione de l’oro ne l’isola Spagnola» è dedicato un intero paragrafo (p. 105-106): l’oro – dice Michele – era lo scopo principale per cui Colombo «avea interpreso tanto viazo pieno de tanti pericoli» (p. 105). Lo cercavano vanamente ma gli indigeni «ne disseno che firmiter nel ditto loco de Cebao [che Colombo crede il Cipango] era veramente oro in magna copia; e apresentorno certo oro a li nostri capitanei, in lo quale oro erano pezi iii grossi». Allora tutti fecero una gran festa e non tennero più cura «de speziarie alcune se non di questo benedeto oro», compreso l’ammiraglio, che allora scrisse al re «como sperava in fra poco tempo di poterli dare tanto oro como li dava ferro la miniera dil ferro di Biscaia». Il tema del «benedeto oro» torna ossessivo nella lettera; e Michele, anche lui preso dalla “febbre” del biondo metallo, lo fa oggetto di una considerazione non so se più meravigliata o divertita, certo autoironica: «stetimo iorni XXVIIII cum pessimi tempi e mal mangiare e pegio bevere; ma per la cupidità del ditto oro tutti stavamo forti e gagliardi». Cercano assiduamente ma non trovano un solo grammo d’oro. Si arrabbiano con gli indigeni, i quali «ne disseno unanimiter como lo oro era in potere del re Guacanaboa», ma sono troppo mal messi per andare da lui: in compenso viene loro mostrato dell’oro e finalmente dopo contrattazione mettono le mani sul pregiatissimo metallo. E Michele aggiunge che ci furono anche dei contratti fatti in segreto «contra la regula e statuto nostro»24 e commenta: «e como sapeti, il diavoli fa fare el male e poi lo fa scoprire: etiam, mentre Spagna sarà Spagna, non falteran treitores [non mancheranno traditori]; l’uno scoprì l’altro, a tanto che quasi tutti fureno scoperti, e chi fu trovato in fallo fu molto ben frustato; a tale furno tagliate le orechie e a tale il naso, che era una compassione a vedere» (pp. 106-7). Michele calca un po’ la mano; i suoi compagni sono pronti alle rapine, sono pronti ad accordarsi per rubare:

In questa isola discesimo in terra e ivi stetimo circa iorni sei; e la causa fu perché xi òmini de li nostri, fatta una compagnia de acordio per robare, andoreno al deserto… [e finirono, secondo Michele, «manzati da ditti Camballi»]. (p. 102)

  • 25 Op. cit., p. 40.
  • 26 T. Todorov, La conquista dell’America. Il problema dell’«altro», Torino, Einaudi, 1992, p. 57.

51Nella seconda parte della lettera, Michele presenta notizie dettagliate sulla flora, sulla fauna e sugli indigeni. Antonello Gerbi vi ha riconosciuto «la prima grossolana sistemazione metodica di tutta la natura delle Indie, a cominciare dai vegetali per passare poi agli animali e infine agli uomini»25. Tralascio vegetali e animali; mi soffermo solamente sugli uomini, che egli descrive con molta attenzione. Nella prospettiva della lettera – i guadagni che si potrebbero ricavare da quelle terre – gli indigeni valgono poco, perché sono lussuriosi, incontinenti e, quel che è peggio, muoiono giovani e sono incapaci di compiere lavori pesanti (p. 112-113). La descrizione è ampia e articolata e registra tutto quello che è opportuno far sapere a chi non è stato di persona in quei luoghi. Non mostra alcun senso di umanità verso di loro, ma non lo prova nemmeno verso gli Europei. Usa un linguaggio molto crudo. I suoi sembrano referti scritti con mano impassibile, ma dei referti in cui certi particolari sono ingranditi e deformati e altri minimizzati, ottenendo un forte effetto di straniamento. Impressionante, certo, è il brano in cui «viene descritto con dovizia di particolari il modo in cui si svolgeva, nei primi tempi, la tratta degli schiavi; resoconto che non permette di farsi illusioni sul modo in cui venivano percepiti gli indiani»26:

Dovendo partire le nostre caravelle per Spagna, cum le quale io voleva repatriare, adunassimo a nostro casale persone MDC tra maschi e femine de’ quelli Indiani, de’ quali tra maschi e femine de li migliori carigassimo suso ditte caravelle, a li 17 de febraro de 1495, anime DL; del resto che avanzavano andò uno bando che chi ne voleva, ne prendesse a suo piacere; e cossì fu fatto. E quando ognuno fu fornito, ne avanzò da CCCC in circa, a li quali fu data licenzia de andare dove voleano; inter li quali erano molte femine che aveano li figlioli a petto. Le quale per poter meglio fugire da noi, avendo paura non le tornassimo a pigliare, lassati li ditti figlioli in terra a la ventura, se miseno a fugire como persone desperate; e tanto sonno fugiti di lontano, che se sono discostati da la Isabella nostro casale da VII in VIII giornate oltra montagne e fiumare grandissime, per modo che de cetero apena se ne poterà più avere. (p. 117)

52Con il suo tragico epilogo:

Ma essendo noi pervenuti nel mare di Spagna, morirno de li ditti Indiani, credo per lo insolito aere più fredo che il loro, persone circa CC, li quali getassimo nel mare. La prima terra che vedessimo fu cavo de Spartelli, e assai tosto poi iustrassimo in Cadexe; nel quale loco discaricassimo tuti li schiavi, li quali erano mezo malati. Per vostro aviso, non sono omini da fatica, e temono molto il fredo, né etiam hanno longa vita. (p. 118)

  • 27 Lettera del 18 luglio 1500, in Il mondo nuovo di Amerigo Vespucci, cit., pp. 69-70.
  • 28 Non è tema di questo contributo; mi sembra però opportuno osservare che ci fu anche chi tempestivam (...)

53È un resoconto impassibile, come tanti in quel tempo, ma con un lampo di crudele comicità, per quelle madri che abbandonano i figli e fuggono oltre montagne e fiumane grandissime. Appunto lo scherzo in cose serie turba il lettore e suscita reazioni che non si verificano di fronte al non diversamente ‘cinico’ racconto di Amerigo Vespucci: «Reclamò la gente dicendo che si volevono tornare a Castiglia alle lor case e che non volevono più tentare il mare e la fortuna. Per donde acordammo di far presa di stiavi e caricare e navili d’essi e tornare alla volta di Spagna. E fummo a certe isole e pigliammo per forza 232 anime e caricammole e pigliammo la volta di Castiglia.» Analoga è la conclusione: «Giunto che fummo a Calis, vendemmo nostri stiavi, che ce ne trovammo 200 d’essi, e ’l resto fino a 232 s’eron morti nel golfo. E tratto tutto el guasto che s’avea fatto ne’ navilii, ci avanzò opera di 500 ducati, e quali s’ebbono a ripartire in 55 parte, che poco fu quel che toccò a ciascuno; pur con la vita ci contentammo, e rendemmo grazia a Dio.»27 Ma il negriero, se vogliamo usare questo vocabolo, non è Michele ma Colombo che, in mancanza di meglio, aveva chiesto il permesso di fare schiavi28.

54Michele da Cuneo non trovò quello che desiderava, l’oro; e per quanto cercasse di non darlo a vedere anche Colombo era deluso, ma era politicamente indispensabile che egli riuscisse a convincere i re di Spagna che in quelle terre c’erano importanti possibilità di arricchimento. In questi viaggi, come si vede, per lo più non si trova quello che si cerca e invece si trova quello che non si cerca. Colombo cerca le Indie e trova un mondo nuovo ma fino alla fine rifiuta di ammetterlo. Il portoghese Pedro Alvares Cabral nel 1500 vuole doppiare il capo di Buona Speranza e finisce in una terra nuova, che chiama Isola di Vera Croce, cioè il Brasile. E fin qui siamo nella norma. La sua però è una fortuna doppia, perché quel territorio si rivelerà parte del continente americano meridionale e per la particolare forma di questo nella zona attribuita ai Portoghesi nel trattato di Tordesillas.

La circumnavigazione della terra. Scoperte e intrighi politici

55I complicati intrecci fra questioni politiche e esplorazioni appaiono in maniera molto evidente in quello che fu il primo viaggio di circumnavigazione della Terra; e sono intrecci che ancora oggi intrigano gli studiosi dividendoli spesso – come già per la questione vespucciana – per nazionalità. Appaiono evidenti perché in questo caso la documentazione è molto ricca, ed è facile constatare che ciascuno vede la realtà e i fatti con occhio condizionato dalla propria funzione, dalla propria esperienza, dalla propria posizione politica.

  • 29 Il primo viaggio intorno al mondo con il Trattato della sfera, a cura di M. Pozzi, Vicenza, Neri Po (...)

56Ben lo si constata considerando le relazioni di questo viaggio che ci sono rimaste. La più nota è quella di Antonio Pigafetta29. Se la si confronta con le altre risulta quello che ben si sa ma che sorprende sempre quando lo si osserva concretamente: che gli stessi identici fatti vengono raccontati in maniera molto diversa dai testimoni oculari, condizionati come sono dai loro interessi, dalle loro passioni, dalla loro nazionalità e anche dalla loro capacità di vedere. Pigafetta è abbastanza corretto nell’informarci su quanto vede di nuovo e insieme molto tendenzioso nell’atteggiamento politico: egli fa parte di quegli stranieri che furono sempre fedeli a Magellano. Assai singolare era infatti la situazione in cui si trovava l’ideatore e capo della spedizione, Ferdinando Magellano (Fernão de Magalhães in portoghese; Hernando de Magallanes in spagnolo). Non solo apparteneva a una nobile famiglia portoghese ma aveva fatto esperienza con i Portoghesi nelle Indie, e probabilmente militando con Afonso de Albuquerque aveva acquisito buone conoscenze sulle Molucche. Fra l’altro era amico di Francisco Serrão che alla fine del 1511 con António de Abreu e Simão Afonso Bisagudo andò direttamente alle Molucche per acquistare le spezie e dopo varie vicissitudini si fermò a Ternate, un po’ come agente portoghese e un po’ come principale consigliere del sovrano. Magellano fu informato della ‘scoperta’ da lettere entusiastiche di Serrão, il quale – come scrive Pigafetta (§ 142) – «fo causa de comoverlo» a compiere la grande spedizione.

57La via del capo di Buona Speranza era redditizia ma assai lunga e pericolosa. Il grande risultato di poter commerciare direttamente con le isole delle Spezie, dunque, non indusse i Portoghesi a rinunciare alla ricerca di un passaggio nel Nuovo Mondo, al centro, al nord o al sud. Ci furono alcuni tentativi, tutti falliti, fra il 1511 e il 1514, e presto divenne chiaro che la costa meridionale del nuovo continente volgeva verso occidente e che, dunque, se il passaggio c’era, era in territorio spagnolo. Il Portogallo, dunque, non aveva alcun interesse a continuare una ricerca da cui avrebbe poi tratto profitto la Spagna; era più conveniente perfezionare la via del capo di Buona Speranza, organizzare meglio la strada delle spezie e eliminare i concorrenti. La ‘scoperta’ delle Molucche fu tenuta segreta nel timore che si trovasse nella zona spagnola come alcuni credevano. Era questa l’opinione maturata da Magellano e Ruy de Faleiro dopo aver esaminato il prolungamento della raya nell’altro emisfero. Non era così, ma con i dati allora in possesso era lecito pensarlo. Le Molucche erano molto a est e, poiché si riteneva che la Terra fosse molto più piccola del vero, potevano addirittura essere vicine al Nuovo Mondo da poco scoperto. Non si conosceva ancora la grandezza del Mare del Sud che Vasco Núñez de Balboa aveva scoperto nel settembre 1513.

58Magellano e Faleiro volevano andare alle Molucche trovando il passaggio nell’America meridionale. Il loro progetto, per quanto si è detto, più che al Portogallo interessava alla Spagna, che assisteva al costituirsi dell’impero commerciale portoghese senza ottenere un analogo risultato nel mondo nuovo. Proprio mentre Magellano era impegnato nel suo viaggio, Hernán Cortés conquistò il Messico e l’oro non fu più solamente un miraggio; prima però la situazione non era allegra. Non c’era traccia di spezie e poca cosa era l’oro strappato agli indigeni. I tentativi di colonizzazione e le razzie di schiavi davano risultati mediocri. Per ricominciare a sognare occorreva andare oltre il Nuovo Mondo, nelle Molucche.

59Avvenne così che Magellano e Faleiro, con l’esperienza fatta in Portogallo, si trasferirono in Spagna per ripetere il tentativo colombiano. Il 20 ottobre 1517, Magellano si recò a Siviglia e rinunciò ufficialmente alla cittadinanza portoghese, dichiarandosi suddito del diciassettenne Carlo I, che l’anno prima era diventato re delle Spagne e due anni dopo sarebbe stato eletto imperatore con il nome di Carlo V. Il suo progetto con molte difficoltà fu accettato. Carlo  I ordinava di non esplorare i territori del suo caro zio, il sovrano di Portogallo. In questo modo declinava ogni responsabilità politica nel caso che le Molucche fossero nella zona di pertinenza portoghese. La posizione di Magellano invece era imbarazzante: i Portoghesi lo consideravano un traditore perché metteva al servizio della concorrenza quanto aveva appreso operando per il proprio sovrano; agli Spagnoli, anche per i suoi modi altezzosi, non solo appariva poco simpatico ma addirittura infido: uno pronto a tradirli.

60Immediata fu la reazione portoghese. L’ambasciatore Álvaro da Costa – che preparava il matrimonio del proprio re Emanuele con Leonora, sorella di Carlo I – tentò invano di convincere Magellano a tornare in patria e Carlo I a impedire il viaggio. Non solo. Gli agenti portoghesi diffusero notizie totalmente false o volutamente deformate, volte a suscitare difficoltà alla spedizione, e cercarono di fomentare litigi fra Spagnoli e Portoghesi. Non era una bella situazione e a complicarla venne l’ambiguità delle competenze attribuite ai vari ufficiali. Faleiro diede segni di squilibrio mentale e il 26 luglio 1519 fu sostituito con Juan de Cartagena. Non era però chiaro se questi – che diventava il capitano della San Antonio e veedor general, cioè ispettore generale–era stato nominato capitano pari grado a Magellano come sarebbe stato Faleiro. Cartagena riteneva di avere la stessa autorità di Magellano; ma non sembra che tale fosse l’intenzione di Carlo I. La contesa, che subito sorse, ebbe conseguenze nefaste, perché consentì la formazione di un ampio partito avverso a Magellano. Cartagena doveva quell’importante incarico al fatto di essere ‘nipote’ (e forse figlio naturale) dell’arcivescovo Juan Rodríguez de Fonseca, il membro più influente della Casa de Contratación, al quale erano legati anche Antonio de Coca (figlio illegittimo del fratello dell’arcivescovo), nominato contador, cioè cassiere, della flotta, Luis de Mendoza (capitano della Victoria e tesoriere della spedizione) e Gaspar de Quesada (capitano della Concepción). È lecito pensare che questo gruppo di parenti e amici dell’arcivescovo ritenesse di potersi facilmente imporre a Magellano, prendendo la direzione effettiva della spedizione.

61L’ambiente di Siviglia era ostile al capitano generale, straniero posto a capo di equipaggi spagnoli. Ci furono molti litigi e incomprensioni e ogni atto faceva sorgere sospetti. C’era un clima di reciproca diffidenza. Secondo i nemici, Magellano arruolava Portoghesi perché temeva l’ammutinamento degli Spagnoli. Ma è probabile che davvero faticasse a convincere i marinai locali, che preferivano le vie più sicure che conducevano al nuovo mondo. La maggioranza degli uomini era spagnola (64% circa); dopo quella spagnola la componente più numerosa era quella italiana (26 uomini); seguivano i Portoghesi (25), i Francesi (19), ecc. E vi erano anche Tedeschi, Olandesi, Irlandesi, Negri, Greci e Levantini, persino un Inglese. Non si erano mai visti equipaggi tanto internazionali come quelli delle navi di questa spedizione: Trinidad, San Antonio, Victoria, Concepción, Santiago.

62Pigafetta dice ben poco del clima di diffidenza presente a bordo, ma ci comunica il clima di solitudine eroica in cui Magellano si trovava. Lo attorniavano uomini che sbigottivano al pensiero dell’ignoto e quindi non poteva comunicare a nessuno i propri eroici propositi. Egli non aveva voluto «manifestare a niuno de li suoi el viagio che voleva fare, açiò non fosse smarito in pensare de fare tanto grande e stupenda cosa, como fece con lo aiuto de Idio». E, si può supporre, questa segretezza provocò una grande irritazione nei capitani spagnoli che «lo odiavano molto, non so perché, se non perché era portughese e essi spagnoli» (§ 5).

  • 30 Il greco Francisco Albo è autore di un Diario della navigazione intorno al mondo pubblicato la prim (...)

63Una variazione di rotta, di cui gli altri capitani non furono avvertiti, suscitò l’irritazione di Juan de Cartagena, il quale domandò a Magellano «que le diesen la derrota para dónde iban». Al che il capitano generale rispose altezzosamente «que no se curase de aquello».Questo apprendiamo dalla testimonianza di Albo30, perché Pigafetta discorre il meno possibile delle aspre rivalità esistenti nella flotta. L’irritazione dei capitani aumentò ulteriormente perché la nuova rotta portò la flotta a sopportare alternativamente tempeste e calme e poi, nella zona delle bonacce equatoriali, una ventina di giorni di arresto per mancanza di vento. Cartagena chiamò Magellano capitán, invece che capitán general; poi lo fece insultare da un sottufficiale, infine lo rimproverò perché aveva scelto una rotta sbagliata e dichiarò che non avrebbe più ubbidito ai suoi ordini. Allora Magellano comandò all’ufficiale di polizia della Trinidad, Gonzalo Gómez de Espinosa, di arrestare Cartagena per ammutinamento. Mendoza e Quesada chiesero di riservargli un trattamento speciale, in considerazione del grado che aveva. Magellano acconsentì e lo diede in custodia a Mendoza; quindi comunicò la nomina del contador Antonio de Coca a capitano della San Antonio in sostituzione di Cartagena.

64Durante la sosta nella baia di Rio de Janeiro, Coca rilasciò Cartagena e Magellano fece reprimere il nuovo ammutinamento da Gómez de Espinosa. La custodia di Cartagena e Coca venne affidata a Mendoza. Al comando della San Antonio venne chiamato Álvaro de Mesquita, cugino del Capitano Generale. Vien da pensare che Magellano in questo modo volesse provocare i suoi avversari, preferendo far precipitare gli eventi, mentre stava in guardia, piuttosto che prolungare quella situazione di gravi tensioni e sospetti. Altrimenti sarebbe difficile capire perché affidasse sempre la custodia dei prigionieri a Spagnoli infidi o addirittura a loro alleati.

  • 31 È autore di un Roteiro che si può leggere in L. Avonto, I compagni italiani di Magellano con un’app (...)
  • 32 Ed. cit., pp. 343-344.

65Pigafetta è sempre muto su questo tipo di vicende, che condussero a una vera e propria rivolta durante la lunga sosta invernale nel Puerto San Julián. «In questo porto – scrive il Pilota genovese31 – si ammutinarono tre navi contro il capitano generale, dicendo i capitani di esse che lo volevano condurre prigioniero in Castiglia perché li portava tutti a perdere: ma per accortezza del suddetto capitano generale e aiuto e favore degli stranieri che con sé conduceva sulla sua nave, si portò alle dette tre navi che già si erano ribellate, cosicché fu ucciso il capitano di una di esse e tesoriere di tutta la flotta, che si chiamava Luis de Mendoza, il quale fu ucciso sulla sua stessa nave a pugnalate dal capitano d’armi della flotta che per questo fu mandato da Ferdinando Magellano a bordo di una scialuppa con certi uomini. E così recuperate le dette tre navi, di lì a cinque giorni Ferdinando Magellano ordinò di decapitare e squartare Gaspar de Quesada, che era capitano di una delle navi ed era di quelli che si erano ammutinati.»32 Di questo grave episodio Pigafetta si sbriga rapidamente (§ 31). La tensione era assai forte. Gli Spagnoli temevano un tradimento a ogni decisione di Magellano e fu forse questa paura che li spinse alla rivolta. Magellano, da parte sua, non fece niente per fugare i sospetti e i timori.

  • 33 Cito l’epistola di Massimiliano Transilvano dalla raccolta ramusiana: G. B. Ramusio, Navigazioni e (...)

66Secondo Massimiliano Transilvano33, invece, subito dopo l’arrivo nel Puerto San Julián, Magellano ordinò di ridurre le razioni di viveri e gli Spagnoli, «avendo sopportato pazientemente alquanti giorni, temendo la lunghezza della vernata e la sterilità del luogo, pregarono finalmente il lor capitano Magaglianes che […] fosse contento di allargar la divisione delle vettovaglie e deliberar di tornar indietro». A queste richieste Magellano, «il qual già aveva deliberato o di morire o di finir la incominciata impresa, rispose che dall’imperadore gli era assegnato il corso del suo viaggio, dal quale non poteva né voleva per modo alcuno discostarsi, e per questa causa voler navigare infin dove o trovasse il fine di questa terra overo qualche stretto». E replicò punto per punto alle considerazioni dei capitani, mostrando che solo con grande vergogna sarebbero potuti tornare indietro, dal momento che avevano i mezzi per proseguire. Gli animi apparentemente si acquietarono; pochi giorni dopo, però, Magellano

fu da una crudel discordia travagliato, conciosiaché fra i compagni delle navi si cominciò a parlar del vecchio ed eterno odio il qual è fra Portoghesi e Castigliani, e che Magaglianes era portoghese, e nessuna cosa più gloriosa potersi far da lui alla patria sua che perdere e distrugger questa armata con tanti uomini; né esser da credere, ancor che potesse ritrovare l’isole Moluche, che voglia arrivare a quelle, ma che a lui pareva di far assai se potesse menare in lunga l’imperadore qualche anno con false speranze: in questo mezzo qualche cosa di nuovo potrebbe nascere, per la quale li Castigliani dal cercar le spezierie al tutto si levassero; e che il cominciato cammino non era a quelle beate isole Moluche, ma a qualche luogo freddo del cielo, sotto il quale sono continove nevi e perpetui ghiacci.

  • 34 Ed. cit., pp. 850-853.

67A queste insinuazioni – sempre secondo Massimiliano – Magellano reagì con ira e «corresse li compagni un poco più aspramente che non si conveniva ad un uomo forestiero e discosto dal suo paese e capitano di genti straniere». Esauriti gli argomenti che potevano motivare l’ammutinamento, Massimiliano riferisce i fatti in maniera più sbrigativa, ma continua a insistere – è la voce dei congiurati che egli raccoglie – sulla paura che gli Spagnoli avevano di Magellano, il quale secondo loro voleva ucciderli ad uno ad uno «fino a tanto che, ammazzati tutti, potesse tornar egli con pochi de’ suoi Portoghesi con quella armata nella sua patria»34. È difficile dire come siano andate effettivamente le cose dal momento che tutte le testimonianze sono di parte. Certo, Magellano operò con rapidità e decisione e riprese il comando di tutta la flotta in breve tempo e senza molti danni. Il Pilota genovese – come abbiamo visto – afferma che l’ammutinamento poté essere soffocato per l’accortezza del Capitano Generale e per l’aiuto degli stranieri che conduceva nella sua nave. Fra questi c’era certamente il nostro vicentino, che però tace su tutto questo.

68Le punizioni furono esemplari. Mendoza e Quesada vennero impiccati; Cartagena, Coca e del Cano furono giudicati colpevoli di tradimento e condannati a morte. Magellano commutò queste condanne nei lavori forzati. Cartagena, che fu trattato con indulgenza, alcuni mesi dopo tentò ancora, servendosi del cappellano Pero Sánchez de Reina, di incitare i marinai all’ammutinamento. Il nuovo complotto fu scoperto. La corte marziale giudicò Cartagena e Reina colpevoli del reato di sedizione e li condannò a essere abbandonati sulla costa. Questo avvenne alla partenza della flotta il 24 agosto.

  • 35 Ed. cit., p. 853.

69Qualche tempo dopo la partenza da Puerto San Julián gli ufficiali, per evitare il freddo più rigido e i conseguenti disagi, proposero di andare alle isole delle Spezie doppiando il capo di Buona Speranza; ma Magellano respinse la proposta, promettendo di prenderla in considerazione solamente se più avanti non avesse trovato lo stretto. Gli ufficiali, insoddisfatti della risposta, si riunirono segretamente. Estevão Gomes, pilota della San Antonio, suggerì un altro ammutinamento, ma il capitano Mesquita decise di seguire Magellano. Allora il pilota rimandò la ribellione a un momento più opportuno. Questo si presentò quando le navi erano ormai all’imboccatura dello stretto. Poco prima di iniziarne l’esplorazione, Magellano riunì i capitani e chiese loro se ritenevano che fosse bene procedere avanti o no. La maggior parte diede una risposta positiva, ma Gomes si dichiarò favorevole al ritorno in Spagna. Per quanto portoghese, Gomes – scrive Pigafetta (§ 36) – «odiava molto lo Capitanio Generale, perché, inanzi se facesse questa armata, costui era andato da lo Imperatore per farse dare algune caravele per discovrire terra; ma per la venuta del Capitanio Generale Sua Magestà non le li dete». Magellano alle sue obiezioni rispose che intendeva andare avanti comunque. Mentre la San Antonio esplorava le due baie, Gomes convinse con le buone e con le cattive i marinai ad ammutinarsi, mise ai ferri il capitano Mesquita e affidò il comando della nave a Jerónimo Guerra e «a la notte tornò indrieto e se fugì per lo medesimo stretto» (§ 36). Massimiliano Transilvano, come al solito, tende a giustificare il comportamento degli ammutinati e conclude che gli Spagnoli, giunti in patria, «fecero confessare con tormenti ad Alvaro come suo zio Magaglianes per suo consiglio si fusse portato tanto crudelmente verso i Castigliani»35. La nave giunse a Siviglia il 6 maggio 1521, senza passare da Puerto San Julián per vedere se era possibile salvare Cartagena e Pero Sánchez de Reina. Gomes e Mesquita furono gettati in prigione e vi rimasero fino al ritorno della Victoria.

70Sulle navi, però, c’erano ancora molti membri della fazione sconfitta: alcuni erano stati perdonati, altri non avevano manifestato apertamente le loro opinioni. Pigafetta era tra i fedelissimi dell’ammiraglio e per questo narra in maniera tendenziosa tutte le vicende di quella grande navigazione. A lui costruisce un monumento, almeno in Italia, aere perennius, esaltandone le virtù in tutta la relazione. Questo processo tocca il culmine nella narrazione del suo comportamento nelle isole che allora chiamarono di San Lazzaro e poi furono dette Filippine. Magellano appare un profeta, tanto si infervora nella conversione degli indigeni, prima mostrandosi tollerante, poi pretendendo l’accettazione del cristianesimo. Giunge persino a compiere un miracolo. All’inizio tutto gli riuscì, almeno apparentemente, in modo idilliaco; ma sempre più convinto di esercitare una funzione provvidenziale oppure – come suppone Pigafetta – essendo in balia del suo destino, volle ostentare la propria forza e in quest’esibizione di potenza perse la vita con grave danno perché la sconfitta mostrò che gli Spagnoli erano tutt’altro che invincibili.

71Magellano morì ma come un «bon pastore» che non «volse abandonare lo suo grege» (§ 96): secondo Pigafetta egli seppe santamente dare la vita per i suoi uomini. Nel momento della preparazione, però, nessuno immaginava che la spedizione potesse concludersi con un disastro. Si pensava, invece, dare una spettacolare dimostrazione di forza a Humabon, signore di Cebu (§ 98). Il suo comportamento è stato variamente giudicato. La sua tattica – fare un piacere a un sovrano amico facendogli al tempo stesso vedere a quali tremende punizioni andrebbe incontro se tradisse – era normale allora e lo sarà in seguito. Al capitano si può, se mai, rimproverare di aver voluto strafare, dal momento che la spedizione punitiva non gli era stata richiesta dal re e la situazione, del tutto favorevole, non aveva bisogno di essere ulteriormente consolidata. Ma forse proprio questo produsse in lui un eccesso di sicurezza e lo convinse – non aveva forse compiuto «uno manifestissimo miraculo» (§ 89)? – di essere inviato e protetto da Dio. Magellano, inoltre, appunto perché era troppo sicuro della propria forza, non tentò l’attacco di sorpresa e scelse per lo sbarco una spiaggia piena di ostacoli naturali. Presto gli spagnoli furono in difficoltà e ferirono con una freccia ‘avvelenata’ la gamba destra del capitano, che ordinò ai suoi di ritirarsi a poco a poco. Gli Spagnoli, a detta di Pigafetta, fuggirono e solo sei o otto uomini restarono con il loro capitano. Fra questi c’era il nostro cronista, che ne racconta con toni e movenze epiche la morte dopo essersi assicurato che i suoi erano in salvo: «Se non era questo povero Capitanio, niuno de noi si salvava ne li batelli, perché, quando lui combateva, li altri se ritiravano a li batelli.» (§ 98) Pigafetta, tanto misurato e alieno dalla retorica, qui trova le parole giuste per un altissimo elogio e per un auspicio di fama imperitura (§ 99).

  • 36 Si veda a questo proposito M. Masoero, Magellano, «bon pastore» e «bon cavaliero»,in Aa. Vv., La le (...)

72Nella descrizione della battaglia verosimilmente Pigafetta è tendenzioso: vuole rendere la situazione molto drammatica per far emergere la grandezza di Magellano sullo sfondo dello sbandamento dei suoi, non condannare gli Spagnoli; non intende falsare la realtà ma proporne una proiezione eroica. Magellano – «bon pastore» (§ 96), «bon cavaliero» (§ 98), «il spechio, il lume, el conforto e la vera guida nostra» (§ 98)36 – non è solo un abilissimo navigatore ma un eroe che Dio ha prescelto per una missione straordinaria, a un tempo religiosa, scientifica e commerciale. La Relazione è l’estremo omaggio a questo eroe, un messaggio rivolto all’Europa affinché ne coltivi lafama (§ 101).

73Morto l’eroe, la narrazione di Pigafetta muta profondamente. Prima tutto era chiaramente predeterminato e voluto, poi tutto sembra soggetto al caso e il viaggiodiventa un vagabondaggio senza una vera guida, senza più un buon pastore e cavaliere che pensa a tutto l’equipaggio. La spedizione perde le sue finalità ultraterrene. Riemergono le iniziali finalità mercantili, anzi diventano esclusive. Gli egoismi e le meschinità scoppiano violente e la prepotenza, piuttosto che l’abilediplomazia, viene praticata dai nuovi capi. Questo, naturalmente, è il messaggio della Relazione. Nella realtà le cose erano andate assai meno linearmente di quanto Pigafetta non voglia far credere: ma è certo che almeno in Italia il suo racconto ha finito per far dimenticare che Magellano morì prima di giungere alle Molucche e ben prima che si decidesse di completare la circumnavigazione del mondo.

74Pigafetta per un po’ di tempo informa sulla ristrutturazione delle cariche; di fatto per mostrare il cattivo comportamento dei nuovi capitani. Molti uomini della spedizione muoiono nell’imboscata che viene tesa loro da Humabon, che ha bruscamente mutato atteggiamento dopo la prova di debolezza fornita dai Portoghesi. Ma Pigafetta, pur scrivendo la Relazione post factum,non manifesta alcuna animosità o biasimo per Humabon, il suo popolo, i suoi costumi. Il giudizio che ne dà è pieno di simpatia ed è sintetizzato alla fine del § 79: «Questi populi viveno con iustizia, peso e mesura; amano la pace, l’ozio e la quiete.» I personaggi negativi sono tutti sulle navi.

75Gli ufficiali dovettero rinnovare i vertici della flotta, ormai ridotta a due sole navi. João Lopes Carvalho fu eletto capitano generale; capitano della Trinidad divenne l’alguacil Gonzalo Gómez de Espinosa, mentre Juan Sebastián del Cano ebbe il comando della Victoria. Pigafetta, esercitando una sorta di vendetta letteraria, non parla di queste nomine per condannare all’oblio i nuovi comandanti, secondo lui del tutto indegni di stima: del Cano era pur sempre uno degli ammutinati di Puerto San Julián; Carvalho e Gómez de Espinosa, abbandonando João Serrão agli indigeni sulla spiaggia di Cebu, non erano stati solamente dei vigliacchi, ma avevano agito in quel modo per impadronirsi del potere. D’ora in poi Antonio osserverà tante cose, parlerà di tanti popoli, racconterà movimenti diplomatici, navigazioni complesse, strategie laboriose, ma non farà mai il nome di un comandante, di una testa pensante, salvo che per qualche azione censurabile.

76Eppure le due navi giunsero alle Molucche, accolte con tutti gli onori dal sultano di Tidore Mansur che fece le più ampie promesse di fedeltà alla Spagna (§ 138). Questa volta non erano profferte generiche. Mansur aveva validi motivi per appoggiare una potenza capace difronteggiare i Portoghesi. Egli infatti era ostile al sovrano di Ternate che aveva stabilito ottimi rapporti con i Portoghesi. Furono caricate le spezie, ma ormai la terra scottava; i Portoghesi si sarebbero presto accorti di loro e nelle condizioni in cui erano non avrebbero potuto opporre resistenza. In effetti erano aspettati. Pedro Afonso di Lorosa, che era subentrato a Serrão presso il sovrano di Ternate, li aveva informati che il re di Portogallo aveva dato ordine di cercarli con ogni mezzo. All’inizio aveva mandato alcune navi al capo di Buona Speranza e altre al capo di Santa Maria nel Nuovo Mondo. Poi, saputo che Magellano aveva trovato il passaggio, aveva ordinato al viceré delle Indie, Diogo Lopes de Siqueira, di mandare sei navi alle Molucche. Questi, però, non poté eseguire l’ordine, perché era impegnato con i Turchi. Quindi era stato mandato alleMolucche, contro gli Spagnoli, un galeone, che però – a causa dei bassi fondali e dei venti – era dovuto tornare indietro. Nel 1519, Emanuele I aveva inviato alle Molucche una squadra comandata da Tristão de Meneses, che giunse a destinazione circa un anno prima delle navi spagnole: da quella Lorosa aveva ricevuto le informazioni.

  • 37 La rotta più facile si rivelò la più difficile, anche perché dell’oceano Pacifico non si sapeva nie (...)
  • 38 Del Cano era più giovane di Magellano. Nato nel 1486 o 1487 a Guetaria, nella provincia settentrion (...)

77La fortuna, dunque, fino ad allora aveva assistito gli Spagnoli, ma non si poteva indugiare perché i Portoghesi potevano arrivare da un momento all’altro (§ 150). Occorreva affrettare la partenza. Venne allora deciso che le due navi avrebbero seguito percorsi diversi in modo da avere due possibilità di salvarsi e tornare in patria: la Victoria sarebbe partita con i monsoni orientali e sarebbe tornata in Spagna per la via del capo di Buona Speranza compiendo la circumnavigazione della Terra; la Trinidad avrebbe aspettato i monsoni occidentali e avrebbe seguito la rotta per la Nuova Spagna. Apparentemente il secondo percorso era il più facile, quello preventivato37. Magellano non intendeva fare il giro del mondo ma andare alle Molucche e tornare indietro. Assai più difficile era il percorso della Victoria che rischiava di incappare nei Portoghesi e dunque doveva spingersi a latitudini meridionali ancora inesplorate: a bordo vi era anche Pigafetta, che aveva lasciato la Trinidad non si sa né quando né perché; il comandante era Juan Sebastián del Cano38 che, come già si è osservato, non è mai nominato da Pigafetta (che però non allude mai a sue decisioni errate).

78Nella Relazione, la nave sembra non avere più un comandante. Eppure era un percorso anche più pericoloso e difficile del precedente. Gli Spagnoli non potevano seguire la via consueta dalle Molucche all’oceano Indiano attraverso il mare di Giava e gli stretti di Malacca, perché sarebbero stati catturati dai Portoghesi, ma dovettero scegliere una via inesplorata a sud di Giava, attraversando l’oceano Indiano ad alte latitudini. Del Cano agì prudentemente, anche se dovette affrontare un lunghissimo tratto sconosciuto e la rotta provocò molte sofferenze all’equipaggio. Doppiare il capo di Buona Speranza risultò molto difficile e questo produsse ulteriori sofferenze e malumori. Alcuni marinai, «amalati e sani» – «per la nave che faceva molta acqua, per lo fredo grande e molto più per non avere altro da mangiare, se non riso e acqua» – volevano approdare nella regione portoghese di Mozambico (a cui erroneamente credevano di essere vicini) ma alcuni degli altri, «più desiderosi del suo onore che de la propria vita, deliberorono, vivi o morti, volere andare in Spagna». Così Pigafetta (§ 202), che nei momenti opportuni sa trovare espressioni di grande incisività.

79Se la Victoria, dopo moltissime altre vicissitudini, con i suoi residui diciotto uomini (più quattro indonesiani) il 6 settembre 1522 entrò nel porto di Sanlúcar de Barrameda fu certamente merito di del Cano.

80Magellano, che non poteva difendersi, se la passò male: gli storici portoghesi per più di due secoli lo hanno attaccato violentemente considerandolo un traditore; quelli spagnoli non lo hanno trattato meglio, perché sono stati sensibili alle calunnie sparse da Gómes e del Cano. Queste avversioni spiegano, almeno in parte, il tono apologetico della narrazione di Pigafetta, che non solo difende ma esalta il valore e l’operato del grande navigatore e capitano.

  • 39 Va però aggiunto che Pietro Martire dedica tutto il libro settimo del quinta decade della sua opera (...)

81Lo storico di corte Pietro Martire d’Anghiera, su invito del sovrano, prese a intervistare i superstiti e raccolse quante più testimonianze poté. Pigafetta, probabilmente, fu reticente con lui e non gli fece parola del proprio diario che, invece, offrì a Carlo V (§ 208) e non si sa quale fine abbia fatto. La Relazione, invece, fu scritta in Italia dopo un intenso tour che condusse il Vicentino in vari paesi a riferire sulla straordinaria impresa. Clemente VII promise di pubblicarla ma non se ne fece nulla. E forse furono ancora le questioni politiche a indurlo a questo comportamento. Si è infatti congetturato che l’elogio di Magellano e l’accusa di tradimento rivolta ai capitani spagnoli, che vi sono contenuti, abbiano raffreddato l’interesse del papa, il quale non desiderava dare adito a proteste dell’imperatore: può essere che il resoconto che Pietro Martire inviò a Roma gli avesse fatto capire che la corte spagnola dava una ben diversa interpretazione delle vicende. Il resoconto è perduto, ma è probabile che vi apparisse chiaramente quell’animosità che traspare nel De orbe novo, dove Magellano, «a suo rege transfuga», è accusato di aver ucciso molti Spagnoli «sub iusticiae praetextu», la scoperta dello stretto è attribuita al caso e la morte a Mactan è così commentata: «Ita bonus Portugalensis Magaglianus suae cupiditati aromatariae finem imposuit.»39

82Pigafetta non è un ingenuo, come qualcuno ha creduto, ma uno scrittore esperto che dispone le notizie con grande abilità. È duro o intollerante con i propri compagni e superiori nemici di Magellano. Il silenzio su del Cano e gli altri ufficiali non è un silenzio sdegnoso o, peggio ancora, l’atteggiamento di chi non ne accetta l’autorità. Nella realtà non poté non accettarla, piegandosi al volere di persone che non stimava; nella stesura della Relazione, invece, era lui che comandava, era lui a decretare la vita o la morte, la gloria o l’infamia. Egli era ben consapevole del potere che gli dava la scrittura e dunque il silenzio era una sorta di condanna all’oblio di uomini che pur seppero riportare la Victoria a Siviglia ma secondo lui non meritavano la fama. Ed è una condanna che in Italia ha funzionato in pieno: il nome di del Cano, e non è giusto, è praticamente sconosciuto anche agli uomini colti.

83Si potrebbe pensare che la spedizione voluta da Magellano si fosse risolta in un disastro finanziario. Non fu così. La merce trasportata era tanto cara che non solo coprì le spese, ma lasciò un buon margine di guadagno. All’inizio, gli Spagnoli insistettero sulla via dello stretto, anche se i rapporti con i Portoghesi si erano fatti molto aspri; questi, infatti, fin da quando ebbero notizia che la spedizione di Magellano sarebbe stata davvero compiuta, decisero di trasformare la loro pacifica presenza nelle Molucche in occupazione militare. Al viceré Siqueira fu ordinato di costruire una fortezza nelle isole e di eliminare gli Spagnoli, che sarebbero stati pericolosi concorrenti. Ma gli ordini e le navi viaggiavano lentamente e così, quando António de Brito nel 1522 arrivò alle Molucche, gli Spagnoli ne erano già ripartiti. I Portoghesi costruirono una fortezza a Ternate, ma il ragià di Tidore (per quanto poté) si mantenne fedele all’alleanza stretta con gli Spagnoli. Le spese per l’intervento militare indussero Giovanni III a dichiarare i chiodi di garofano monopolio regio: alla pacifica convivenza succedeva così uno stato di guerra con gli indigeni delle Molucche e di Banda. Era un atto di forza, anche se i Portoghesi potevano addurre come fondamento giuridico la bolla di papa Giulio II Praecelsae devotionis del 1504, che concedeva al Portogallo il possesso di tutte le terre che i suoi capitani avessero raggiunto via mare e strappato ai pagani in qualunque parte del mondo.

84Per la Spagna l’impresa delle Molucche era stata sostanzialmente disastrosa; per fortuna poteva rifarsi con l’oro che ormai arrivava abbondantemente dal Mondo Nuovo. E allora alcune spedizioni affrontarono lo stretto di Magellano alla ricerca di una via marittima per il Perù, dove erano state scoperte ricchezze straordinarie. La questione del possesso delle Molucche venne dibattuta da cosmografi e politici in una conferenza ispano-lusitana tenutasi nel 1524 alternativamente a Elvas (in Portogallo) e a Badajoz (in Spagna). Ma non si raggiunse alcun accordo: nessuno era in grado di calcolare esattamente la longitudine e, quindi, di stabilire se l’arcipelago stava nella zona di pertinenza spagnola o in quella portoghese. Carlo V, che dalle varie spedizioni alle isole delle Spezie non aveva ottenuto grosse soddisfazioni, nel 1526 sposò Isabella di Portogallo e subito la diplomazia portoghese fece forti pressioni su di lui, tanto che alla fine del mese già si diceva che la corona spagnola non avrebbe più finanziato spedizioni alle Molucche. Seguirono trattative economiche che durarono fino al 27 aprile 1529, quando, con il trattato di Saragozza, Carlo V rinunciò alle isole delle Spezie contro la somma di 350.000 ducati d’oro.

Gli esclusi

85Con i patti di Tordesillas, Spagna e Portogallo si erano divisi la Terra. Gli altri stati ovviamente non accettarono questa spartizione ma a parte proteste verbali solamente con la guerra avrebbero potuto conquistarsi il diritto di compiere esplorazioni o di colonizzare parti del territorio che i due Stati iberici si erano fatti assegnare. Nei primi decenni non si giunse a un conflitto armato, perché tutto compreso l’interesse di Francesi e Inglesi per le esplorazioni non era così alto da giustificarlo. Si limitarono, e fu un buon investimento per il futuro, a esplorare l’America settentrionale e a stimolare la pirateria contro le navi spagnole e portoghesi che portavano nella penisola iberica i prodotti americani o orientali. Erano metodi fraudolenti con i quali le grandi potenze cercavano di non esporsi direttamente; quando però la rottura arrivò ci si poté anche vantare dell’efficacia di saccheggi e razzie:

  • 40 R. Hakluyt, I viaggi inglesi,cit., I, 1966, p. 164.

da quando è incominciata la guerra con la Spagna, le navi che abbiamo catturato ai nemici e le città e i villaggi che abbiamo saccheggiato ci hanno fruttato una grande quantità di documenti sulle Indie Occidentali, e questi ci hanno rivelato cose finora tenute segrete. Di essi io ho fatto incetta per quanto potevo, e non appena ne sono giunto in possesso li ho fatti tradurre dallo spagnolo e li ho pubblicati in questo volume. Che ci servano a indebolire quella nazione, se continuerà a provocarci con le sue volgari insolenze, inducendoci a prolungare le ostilità contro di lei, e se non vorrà saperne di una pace onorevole e cristiana, fondata sull’equità e sulla giustizia.40

  • 41 Nell’introduzione a Nuovo mondo. Gli inglesi. 1496-1640, Torino, Einaudi, 1990, p. xiii.

86Così si esprimeva nel tardo Cinquecento Richard Hakluyt, curatore di una raccolta di scritti dei viaggiatori inglesi che, come osserva Franco Marenco41, «è profondamente dedicata all’obiettivo rinascimentale della scrupolosa osservazione e documentazione, dell’attenta collocazione storiografica, della memoria oggettiva – uno spazio in cui comincia con l’emulare le prestigiose scuole continentali, e finisce poi per sopravanzarle; ma appare altrettanto profondamente segnata dall’ambizione e anzi dalla necessità di stimolare la scoperta e la conquista, di dare corpo a progetti a lungo elaborati, di anticiparne gli effetti, di postularne il valore fino alle soglie del leggendario e dell’eroico». Ma siamo ormai negli anni in cui l’Inghilterra è una grande potenza marittima e inizia a costruire il suo dominio nordamericano.

  • 42 R. Hakluyt, op. cit., I, pp. 166-167.

87Gli Inglesi dapprima osservarono le esplorazioni portoghesi e spagnole con un certo distacco. Nel 1495 però Giovanni Caboto giunse a Bristol nella speranza che, dopo i rifiuti degli Stati iberici, qui gli fossero forniti i mezzi per seguire l’esempio di Colombo. La corona inglese considerò i suoi piani con interesse. A Giovanni e ai suoi figli Luigi, Sebastiano e Sancio, Enrico VII nel 1496 concesse lettere patenti che gli davano la facoltà di «sottomettere le terre, città, castelli e isole da loro ritrovate [...] lasciandone a noi il governo, il titolo e la giurisdizione»42. La corona inglese, dunque, entrava nell’agone e si proponeva di ricercare territori al di là del mare, di estendere ad essi la sovranità britannica e di trovare basi di commercio con il «nuovamente ritrovato» continente asiatico.

88Nel 1497, Caboto con una piccola nave, la Matthew, approdò alle coste di Terranova e le esplorò per circa un mese. Marin Sanudo nei suoi Diarii copia una lettera che Lorenzo Pasqualigo scrisse ai suoi fratelli, da Londra, il 23 agosto 1497, in cui riferisce su questo viaggio:

L’è venuto sto nostro veneziano che andò con uno navilio de Bristo a trovar ixole nove, e dice aver trovato lige 700 lontam di qui terra ferma, ch’è el paexe de el Gram Cam. Ed è andato per la costa lige 300 e desmontato, e non à visto persona alguna, ma à portato da qui al re certi lazi ch’era tesi per prender salvadexine, e uno ago da far rede, e à trovato certi albori tajati. Sichè, per questo judicha che zè persone. […]

  • 43 Nuovo mondo. Gli inglesi, cit., p. 12.

Sto re ne ha buto grande a piacer. E dize che le aque è stanche, e non hano corso come qui. El re li ha promesso, a tempo novo, navili 10 armati como lui vorà, ed ali dato tutti i presonieri, da’ traditori in fora, che vadano con lui come lui à richiesto, e ali dato danari fazi bona ziera fino a quel tempo. Ed è con so mojer veniziana e con so fioli a Bristo, el qual se chiama Zuam Talbot, e chiamasi el gran armirante, e vienli fato grande honore, e va vestido de seda, e sti inglexi li vano driedi a mo’ pazi.43

  • 44 Ivi, pp. 13-14.

89Caboto non raggiunse il favoloso Catai ma fornì all’Inghilterra la possibilità di rivendicare le terre nordamericane, tanto che il 18 dicembre 1497 Raimondo da Soncino, da Londra, scrisse al duca di Milano che il re d’Inghilterra aveva «guadagnato una parte de Asia senza colpo de spada». Caboto e i suoi compagni avevano trovato «che quello mare è coperto de’ pessi, li quali se prendono non solo cum la rete, ma cum le ciste, essendoli alligato uno saxo ad ciò che la cista se impozi in l’aqua, et questo io l’ho oldito narrare al ditto messer Zoanne». Era un’ottima notizia per gli Inglesi, che già immaginavano di ricavarne «tanti pessi che questo regno non haverà piú bisogno de Islanda, del quale paese vene una grandissima mercantia de pessi che si chiamano stochfissi»; Caboto però «ha posto l’animo ad magior cosa, perché pensa da quello loco occupato andarsene sempre a riva a riva più verso el levante, tanto che ’l sia al opposito de una isola da lui chiamata Cipango, posta in la regione equinoctiale, dove crede che nascano tutte le speciarie del mundo et anche le gioie»44.

90Pedro de Ayala, inviato spagnolo a Londra, il 25 luglio 1498 confermò ai suoi sovrani, che i viaggi di Caboto violavano il trattato di Tordesillas:

  • 45 Ivi, p. 18.

Considerando la rotta che hanno seguito e la durata del viaggio, mi pare che quanto hanno scoperto o intendono scoprire fa parte dei possedimenti delle Vostre Altezze, perché prossimo al capo destinato alle Vostre Altezze dalla convenzione col Portogallo. […] Il re mi ha parlato spesso dell’argomento. È sua speranza che l’impresa gli possa rendere. Non credo che la distanza sia più di 400 leghe. Gli ho esposto il mio convincimento che si tratti delle isole trovate dalle Vostre Altezze, ma benché gli portassi ogni buona ragione, non se n’è dato per inteso. Poiché credo che le Vostre Altezze abbiano già ricevuto notizia di tutto ciò, e anche della carta o mappamondo che costui ha fatto, mi astengo ora dal mandarli, benché li abbia qui, e, per quanto posso dire, siano del tutto contraffatti, per far credere che queste non sono le isole suddette.45

91Non ci sono documenti che lo provino, ma è facile supporre che la Spagna allora o più tardi abbia chiesto al re d’Inghilterra di sospendere ogni attività esplorativa, in virtù della divisione del mondo decretata da Alessandro VI. Ma il governo inglese, evidentemente, non se ne preoccupò e gli Spagnoli, considerati gli scarsi risultati, non ritennero necessario ricorrere ad azioni più dure della protesta verbale. Nelle patenti del 1502 si vieta esplicitamente di andare in zone scoperte dai Portoghesi; però vi si considera prova di sovranità solamente l’effettiva occupazione; principio questo poi frequentemente invocato dagli stati esclusi dal trattato di Tordesillas.

  • 46 Ivi, p. 8.

92Nel 1501 e 1502, ci furono due viaggi che toccarono la Groenlandia; forse stavano già cercando un passaggio a nord-ovest. Altre spedizioni si effettuarono fino al 1505, quando per difficoltà finanziarie e soprattutto perché non c’erano risultati concreti, queste iniziative cessarono. Poco dopo Sebastiano Caboto si dedicò alla ricerca del passaggio di nord-ovest, ma le testimonianze in proposito non sono molto sicure. Uno dei suoi viaggi, ricordato nel De Orbe Novo di Pietro Martire d’Anghiera, sarebbe avvenuto nel 1508-1509, raggiungendo i 55° N. Abbiamo poi sue dichiarazioni, sulle quali si può fare poco affidamento poiché a quanto pare non era alieno dall’ingigantire le proprie navigazioni. Con lui – come scrive Franco Marenco, da cui derivo molte di queste informazioni –, la ricerca di un passaggio verso l’Asia a nord-ovest e a nord-est «diventa una specializzazione a sé, un fine ormai distinto – per le conoscenze, le abilità, la preparazione necessarie – rispetto all’espansione territoriale»46. Ma purtroppo per tutti quelli che ancora a lungo si impegneranno nella ricerca a nord non esiste uno stretto simile a quello scoperto da Magellano. Comunque, le imprese britanniche non ebbero alcuna risonanza editoriale; non solo mancarono i best seller ma anche gli opuscoli di piccola o media tiratura: evidentemente c’era uno scarso interesse per navigazioni che non eccitavano nemmeno la fantasia. Il poco che ne sappiamo, lo ricaviamo da documenti, non da narrazioni.

  • 47 L’erudizione ottocentesca identificò Verrazzano con il famoso corsaro Jean Florin, giustiziato in S (...)
  • 48 La Lettera a Francesco I re di Francia si può leggere nei citati Scopritori e viaggiatori del Cinqu (...)

93Anche la Francia all’inizio rimase a guardare, per capire se quei viaggi dispendiosi avrebbero dato risultati utili; poi, quando questi cominciarono ad arrivare, se non il governo certo gli armatori di Dieppe e di Rouen presero a incoraggiare e a finanziare la pirateria che depredava i convogli spagnoli e portoghesi. Ma col procedere delle scoperte gli interessi dei maggiori porti bretoni imposero a Francesco I di impegnarsi nella ricerca di nuove terre nella speranza di ottenere vantaggi simili a quelli dei due paesi concorrenti. Verso la fine del 1522 alcuni mercanti portoghesi, che operavano in Francia, vennero a sapere che un Fiorentino, tal João Varezano, aveva proposto al re di Francia un viaggio di esplorazione47: e ne scrissero al proprio sovrano, che mandò subito un ambasciatore alla corte francese, per ottenere informazioni in proposito. Questi a quanto pare ricevette solo le dovute assicurazioni che la spedizione non avrebbe violato le clausole dei trattati che davano al Portogallo il monopolio della via orientale per le Indie e il dominio del Brasile. Francesco I infatti stava appoggiando la spedizione che Giovanni da Verrazzano stava progettando insieme con mercanti di Lione e aveva gli stessi propositi di tanti altri esploratori: arrivare al Cataio e alle zone dell’estremo oriente dell’Asia, procedendo «continuo verso l’occidente» ma pigliando «alquanto del septemtrione» per evitare le navi spagnole48: voleva arrivare non alle Molucche ma ai paesi che, essendo produttori di seta, interessavano molto Lione che era il centro della produzione serica francese. Sul come andare in Oriente non c’era possibilità di scelta, perché i Portoghesi difendevano con decisione e crudeltà i loro privilegi. Non restava che la via occidentale. Magellano aveva trovato un passaggio all’estremità meridionale del continente nuovo, Verazzano sperava di trovarlo in un tratto che non era ancora stato esplorato: la costa dalla Florida a Terranova.

94Nel viaggio, sul quale riferisce nella lettera a Francesco I dell’8 luglio 1524, Giovanni da Verrazzano esplorò, come previsto, la costa fino alla latitudine di Terranova ma non trovò alcun passaggio. Dal punto di vista scientifico e per quanto riguarda la navigazione fu un grande successo: mostrò fra l’altro che si poteva esplorare il Nuovo Mondo anche con pochi mezzi e raccolse notizie su una costa prima sconosciuta. Profitti però non ce n’erano stati e nemmeno ne apparivano di futuri. Da questo punto di vista il fallimento era pieno: i finanziatori setaioli non sapevano cosa farsene di quanto si era visto. Tutto restava come prima: non si sapeva come avvicinarsi ai grandi paesi produttori di seta. Giovanni riuscì a compiere altri due viaggi ma senza successi: nel secondo anzi perse la vita.

Ultime considerazioni

95Il lettore che è giunto fino a questo punto avrà capito su quali basi fragilissime si fondarono allora le grandi esplorazioni e si fondano ora i nostri tentativi di ricostruirle. Quello che riusciamo a sapere – più che da documenti d’archivio – lo apprendiamo da scritti, alcuni editi e divenuti dei veri best seller, altri rimasti allo stato di manoscritti, ma tutti in vario modo discussi e contestati. Più che quello che è stato, sappiamo quello che si è fatto conoscere. Il relativismo di questi documenti è tale che ancora oggi si discute sulla reale personalità dei Colombo, Vespucci, Verrazzano, Magellano, Caboto, ecc. I primi trent’anni, a cui ho delimitato il mio discorso, sono particolarmente interessanti perché vedono a poco a poco svanire le antiche certezze per lasciare il posto ad altre conoscenze a loro volta ancora molto incerte. Più che la filologia testuale qui conta la reale diffusione degli scritti, l’influsso che essi hanno avuto sui lettori, l’immagine nebulosa che faticosamente si veniva diradando. Il primo viaggio di Colombo, giunto per errore di calcolo in quello che lui per tutta la vita continuò a credere l’estremo oriente, fu solo l’inizio di un processo che portò alla trasformazione della nozione di Terra. Non tutto si risolse con la circumnavigazione dell’orbe, la quale fu compiuta per necessità non di proposito. Le carte geografiche erano piene di isole che oggi sappiamo fantastiche: isole Fortunate, isola dei Demoni, isole Beate, Esperidi, isola delle Sette Città, Brasilia, Antilia, ecc. C’erano cioè dei nomi già pronti per designare eventuali novità, nomi legati a leggende e racconti fantastici o a mappe di fattura per lo più italiana. Questi nomi non sparirono dalle carte e dall’immaginario di colpo. L’isola dei Demoni, per esempio, viene ancora descritta da André Thevet, studioso e scrittore francese, frate francescano e cappellano di Caterina de’ Medici.

  • 49 Art. cit., p. 26.

96Le tre principali ipotesi che emergono dalla cartografia e dagli scritti dei navigatori sono così sintetizzate da Marica Milanesi49:

Il Nuovo Mondo è la parte orientale dell’Asia, con le sue isole […]. Il Nuovo Mondo è un insieme composto da terraferma asiatica a settentrione (le terre scoperte da Caboto e dai Portoghesi: Terra Nova, Terra di Cortereal, Labrador); da piccole isole al centro (quelle toccate da Colombo); e da un’enorme isola, che fa tuttavia parte del sistema asiatico, a sud (il continente vespucciano, pars America) […]. Il Nuovo Mondo è un’enorme penisola del continente asiatico, legata a questo da un ponte continentale, un larghissimo istmo di terre che si estende a settentrione di 40° N; talché tra Tartaria e Messico non esiste soluzione di continuità, e l’Oceano Pacifico è un enorme golfo asiatico, cinto da terre non ancora esplorate a settentrione.

97Quest’ultima ipotesi restò in piedi anche dopo la circumnavigazione del globo: l’Asia di Tolomeo aveva confini orientali indefiniti e quindi poteva bastare un’ulteriore correzione alla nozione tradizionale. Ma anche questa tenace opinione che le terre scoperte a occidente fossero parte dell’Asia – l’abbiamo già riscontrato nella memoria di Colombo – aveva un fondamento politico. Essa infatti giovava alle pretese della corona spagnola: non solo le navi portoghesi sono pervenute nell’Asia, ma anche quelle spagnole. Viceversa i Portoghesi la negavano: gli amatissimi vicini avranno scoperto delle isole – tante ne avevano sparse i cartografi nell’Atlantico – o anche territori più grandi ma non le propaggini orientali dell’Asia. E naturalmente non è il caso di giudicare con il senno del poi chi aveva ragione e torto, ma di constatare da una parte il peso della politica e dall’altra le forti incertezze che si protrassero per tutto il periodo che stiamo considerando. L’ipotesi di un quarto continente sconvolgeva il sistema tolemaico e danneggiava gli interessi spagnoli. Carlo V, ancora nel tardo terzo decennio del Cinquecento, non sembrava favorirla. Per accettarla bisognava fare come Gonzalo Fernandez de Oviedo, che attribuisce al re di Spagna il diritto ereditario su quelle terre, escludendo tutti gli altri sovrani e lo stesso papa da ogni possibilità di intervento sulla questione. Secondo lui il Nuovo Mondo (le Indie occidentali, secondo la dizione ufficiale spagnola) è stato scoperto e colonizzato molti secoli prima di Cristo dai figli di un re spagnolo, Espero; Colombo lo ha soltanto riscoperto e restituito al suo legittimo sovrano. Francisco López de Gómara, invece, riteneva che le Indie non appartenessero all’Asia, ma fossero ciò che è rimasto dell’Atlantide; e anche su questo continente c’era la leggenda di un’antica sovranità spagnola. Questa teoria permetteva anche di salvare il monogenismo: l’oceano Atlantico si è formato dopo che la terra fu ripopolata dopo il Diluvio; gli abitanti della nuova terra dunque discendono anch’essi da Noè e rimasero isolati dopo il cataclisma narrato da Platone. Il re di Spagna possiede dunque non lembi d’Asia, ma un colossale territorio posto tra l’Asia e l’Europa: Nuovo Mondo, non solo perché «nuovamente ritrovato» e mai prima descritto, ma perché non fa parte del mondo antico, da cui si diversifica da ogni punto di vista: esseri umani, fauna, flora.

  • 50 Nuovo mondo. Gli Inglesi, cit., p. xvii.

98L’idea di Nuovo Mondo trasmessa dagli scritti è almeno all’inizio quella di un ambiente diversissimo in cui si trovano popolazioni che vivono nude, non hanno beni propri, non desiderano quelli altrui, si accontentano di poco, ecc. Nell’ecumene c’erano dunque luoghi dove non vigevano i capisaldi della civiltà occidentale. Questo veniva considerato dai più un segno di barbarie o addirittura di condizione subumana; qualcuno poteva invece pensare che fosse un mondo non contaminato dai vizi e dalle degenerazioni di quello antico e che dunque fosse possibile realizzarvi una civiltà in cui l’uomo manifesti le sue qualità: c’era spazio per progetti audaci, non utopici, in cui le tare occidentali non fossero presenti. L’operazione di Thomas More – scrive Franco Marenco50 – «era quella di trasportare un’antica attesa del radicalismo popolare dalla prospettiva temporale propria del millenarismo alla prospettiva spaziale improvvisamente aperta dalle scoperte. E l’America manterrà e svilupperà questo status utopico, questo grande fascino del terreno sgombro di civiltà e quindi di errori, su cui costruire secondo ragione, e secondo il volere di Dio, la nuova città – “the city upon a hill”–la città sulla collina appunto, come avrebbe scritto memorabilmente nel secolo successivo il primo governatore del Massachusetts, il puritano John Winthrop».

Top of page

Notes

1 G. B. Ramusio, Navigazioni e viaggi, a cura di Marica Milanesi, II, Torino, Einaudi, 1979, pp. 837-838.

2 Ivi, p. 407. Sempre nella raccolta ramusiana un «gentiluomo, grandissimo filosofo e matematico» afferma che i moderni erano stati «molto più che gli antichi industriosi e arrisicati nel cercare il mondo»: «non aveggendosi della naturale lor fragilità e debolezza, come se fossero immortali, non restavano per alcuna difficultà, né della zona torrida né delle due aggiacciate e fredde, d’andare continuamente travagliando, rivolgendosi d’intorno a tutta la rotondità della terra per saziar la loro immensa cupidità e avarizia» (ivi, p. 990).

3 Istoria viniziana, Milano, Dalla Società Tipografica de’ Classici Italiani, 1809, I, p. 359.

4 J. Gil, Miti e utopie della scoperta. Oceano Pacifico: l’epopea dei navigatori, Milano, Garzanti, 1992, p. 14.

5 E, in effetti, dal 1520 al 1526 un’ambasceria guidata da Rodrigo de Lima risiedette in Etiopia, il cui sovrano si credeva il prete Gianni; ce ne ha lasciato un’esauriente relazione Francisco Alvares (Viaggio nella Etiopia al prete Ianni, in G. B. Ramusio, Navigazioni e viaggi, II, cit., pp. 75-385.

6 R. Hakluyt, I viaggi inglesi. 1494-1600, a cura di Franco Marenco, II, Milano, Longanesi, 1971, p. 25.

7 C. Colombo, Gli scritti, a cura di Consuelo Varela. Introduzione di Juan Gil, edizione italiana a cura di Paolo Collo, traduzione e revisione dei testi di Pier Luigi Crovetto, Torino, Einaudi, 1992, p. 175.

8 Ivi, pp. 327-329.

9 Ivi, pp. 172-179.

10 M. Milanesi, Arsarot o Anian? Identità e separazione tra Asia e Nuovo Mondo nella cartografia del Cinquecento (1500-1570), in Il Nuovo Mondo nella coscienza italiana e tedesca del Cinquecento, a cura di A. Prosperi e W. Reinhard, Bologna, Il Mulino, 1992, p. 25.

11 Il mondo nuovo di A. Vespucci. Scritti vespucciani e paravespucciani, a cura di M. Pozzi, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1993, p. 103. A fronte vi si legge la traduzione presente nella raccolta ramusiana.

12 F. Guicciardini, Storia d’Italia, a cura di S. Seidel Menchi, I, Torino, Einaudi, 1971, p. 593.

13 Si veda pp. 13-14 dell’edizione a cura di Tommaso Fiore, Roma-Bari, Laterza, 1982. Non si trattava – in questo come in altri casi – di pura fantasia. La scoperta di un mondo soprendentemente diverso e del tutto libero dai condizionamenti del vecchio continente consentiva di credere alla possibilità di costruirvi una vera civiltà, in cui gli uomini meglio utilizzassero le proprie potenzialità.

14 J. Gil, Miti e utopie della scoperta. Cristoforo Colombo e il suo tempo, Milano, Garzanti, 1991, p. 30.

15 B. Nardi, Studi su P. Pomponazzi, Firenze, Le Monnier, 1965, p. 41.

16 Ivi, pp. 41-42.

17 Ivi, p. 43. Ma ben prima il diavolo Astarotte aveva detto a Rinaldo che «puossi andar giù nell’altro emisperio», dove sono «città, castella e imperio» e vivono gli Antipodi. E alla provocazione di Rinaldo («se questi son della stirpe di Adamo», ma adorano «vane cose», come possono salvarsi?) rispondeva da raffinato teologo che se così fosse Cristo sarebbe stato partigiano: «ognun per la croce è salvato» e «non debbe disperar merzede / chi rettamente la sua legge tiene» (L. Pulci, Morgante, XXV, 228-236).

18 Istoria viniziana, cit., I, pp. 349-350.

19 Il titolo completo è Itinerario nello Egipto, nella Surria, nella Arabia deserta e felice, nella Persia, nella India e nella Etiopia. La fede, el vivere e costumi de tutte le prefate provincie. Una buona silloge si legge in Scopritori e viaggiatori del Cinquecento e del Seicento. I. Il Cinquecento, a cura di I. Luzzana Caraci, Milano-Napoli, Ricciardi, 1991. Indico le pagine direttamente nel testo.

20 È il ms. Landau Finaly 9 della Biblioteca nazionale centrale di Firenze.

21 M. Pozzi, Caratteristiche letterarie nell’«Itinerario» di Ludovico de Vartema, in Ai confini della letteratura, I, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1998, pp. 47-63.

22 La si può leggere in Nuovo Mondo. Gli Italiani. 1492-1565, a cura di P. Collo e P. L. Crovetto, Torino, Einaudi, 1991, pp. 95-119. Cito da quest’edizione, indicando le pagine direttamente nel testo. Sugli aspetti letterari, si veda M. Pozzi, Realtà e letteratura nella lettera di Michele de Cuneo a G. Annari sul secondo viaggio di Colombo, in Ai confini della letteratura,cit., pp. 38-46.

23 A. Gerbi, La natura delle Indie nove da Cristoforo Colombo a Gonzalo Fernandez de Oviedo, Milano-Napoli, Ricciardi, 1975, pp. 40, 44.

24 A questo proposito ricordo – anche se è ben noto – che solamente la corona e l’ammiraglio si spartivano gli utili. I singoli non potevano contrattare scambi e intascare il ricavato. Non si potevano prendere iniziative personali. Il frutto degli scambi con gli indigeni doveva essere consegnato all’ammiraglio.

25 Op. cit., p. 40.

26 T. Todorov, La conquista dell’America. Il problema dell’«altro», Torino, Einaudi, 1992, p. 57.

27 Lettera del 18 luglio 1500, in Il mondo nuovo di Amerigo Vespucci, cit., pp. 69-70.

28 Non è tema di questo contributo; mi sembra però opportuno osservare che ci fu anche chi tempestivamente sostenne che agli indigeni americani l’arrivo degli Europei aveva prodotto solamente dei danni. È Antonio Galateo che nel De situ terrarum fa un lungo e sarcastico elenco dei guai e delle noie che dalle terre mediterranee sono passate a quelle nuovamente scoperte. Si veda F. Tateo, L’etica umanistica di fronte alle scoperte, in Espacio geográfico/espacio imaginario. El descubrimiento del Nuevo Mundo en las culturas italiana y española, edizione di María de las Nieves Muñiz Muñiz, Cáceres, Universidad de Extremadura, 1993, pp. 64-66.

29 Il primo viaggio intorno al mondo con il Trattato della sfera, a cura di M. Pozzi, Vicenza, Neri Pozza, 1994. Rimando all’introduzione di questo volume per un’analisi dell’opera, che cito qui indicando il paragrafo nel testo.

30 Il greco Francisco Albo è autore di un Diario della navigazione intorno al mondo pubblicato la prima volta da Martín Fernández Navarrete nella sua Colección de los viajes y discubrimientos que hicieron por mar los Españoles desde fines del siglo XV, IV, Madrid, Imprenta Real, 1837, pp. 209-247. Rientrò in Spagna come pilota della Victoria.

31 È autore di un Roteiro che si può leggere in L. Avonto, I compagni italiani di Magellano con un’appendice sul «Roteiro» di un pilota genovese, Montevideo, El Galeón, 1992, pp. 313-382 con traduzione italiana. Avonto con buoni argomenti lo identifica con Leone Pancaldo, che nel viaggio di ritorno si trovava sulla Trinidad.

32 Ed. cit., pp. 343-344.

33 Cito l’epistola di Massimiliano Transilvano dalla raccolta ramusiana: G. B. Ramusio, Navigazioni e viaggi, a cura di Marica Milanesi, II, cit., pp. 843-866.

34 Ed. cit., pp. 850-853.

35 Ed. cit., p. 853.

36 Si veda a questo proposito M. Masoero, Magellano, «bon pastore» e «bon cavaliero»,in Aa. Vv., La letteratura di viaggio dal Medioevo al Rinascimento. Generi e problemi, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1989, pp. 51-62.

37 La rotta più facile si rivelò la più difficile, anche perché dell’oceano Pacifico non si sapeva niente, correnti, isole, venti, ecc. Dopo una navigazione difficilissima, la Trinidad tornò alle Molucche: non aveva più un equipaggio in grado di compiere le manovre necessarie per la navigazione. Non immaginando il trattamento che avrebbero ricevuto si misero nelle mani dei Portoghesi, che trattarono duramente gli uomini, sequestrarono libri, carte, strumenti nautici, documenti e giornali di bordo, e si impossessarono del prezioso carico di spezie.

38 Del Cano era più giovane di Magellano. Nato nel 1486 o 1487 a Guetaria, nella provincia settentrionale di Guipúzcoa, aveva già fatto esperienza di navigazione e di comando. Di lui si sa poco. Pare comunque che tutti gli riconoscessero notevoli qualità nautiche.

39 Va però aggiunto che Pietro Martire dedica tutto il libro settimo del quinta decade della sua opera al grande viaggio.

40 R. Hakluyt, I viaggi inglesi,cit., I, 1966, p. 164.

41 Nell’introduzione a Nuovo mondo. Gli inglesi. 1496-1640, Torino, Einaudi, 1990, p. xiii.

42 R. Hakluyt, op. cit., I, pp. 166-167.

43 Nuovo mondo. Gli inglesi, cit., p. 12.

44 Ivi, pp. 13-14.

45 Ivi, p. 18.

46 Ivi, p. 8.

47 L’erudizione ottocentesca identificò Verrazzano con il famoso corsaro Jean Florin, giustiziato in Spagna nel 1527. La tesi ebbe fortuna e la si incontra ancora nella Raccolta colombiana.

48 La Lettera a Francesco I re di Francia si può leggere nei citati Scopritori e viaggiatori del Cinquecento e del Seicento, pp. 591-616 (citazione p. 592).

49 Art. cit., p. 26.

50 Nuovo mondo. Gli Inglesi, cit., p. xvii.

Top of page

References

Electronic reference

Mario Pozzi, « Politica e grandi scoperte geografiche », Laboratoire italien [Online], 8 | 2008, Online since 07 July 2011, connection on 29 April 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/67 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.67

Top of page

About the author

Mario Pozzi

Professeur de littérature italienne et de littérature artistique à l’université de Turin. Il collabore assidûment au Giornale storico della letteratura italiana, dont il est l’un des directeurs. Ses travaux portent sur la littérature de la Renaissance dont il a étudié de multiples aspects : les traités (Trattatistici del Cinquecento, t. 1, Milan-Naples, Ricciardi, 1978 ; B. Castiglione, El Cortesano, traduction de Juan Boscán, Madrid, Cátedra, 1994), la question de la langue (Discussioni linguistiche del Cinquecento, Turin, UTET, 1988), la poétique, la rhétorique, la littérature artistique (G. Vasari storico e critico, Florence, Olschki, 2006, en collaboration avec Enrico Mattioda), les correspondances (SSperoni, Lettere familiari, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1993-1994, en collaboration avec Maria Rosa Loi). Il s’est également intéressé à la littérature de voyage. Il a notamment édité les écrits de Vespucci (Il mondo nuovo di Amerigo Vespucci, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1993) et la relation d’Antonio Pigafetta (Il primo viaggio intorno al mondo, Vicence, Neri Pozza, 1994), et assuré l’édition des textes du recueil Viaggiatori e scopritori del Cinquecento, Milan-Naples, Ricciardi, 1991. Il a également fourni une longue étude des écrits inédits de Filippo Pigafetta et de sa correspondance avec la cour du grand-duc de Toscane Ferdinand Ier, entre 1593 et la fin du siècle, où histoire, géographie et politique se mélangent continuellement (F. Pigafetta consigliere del Principe, Mario Pozzi éd., I. La questione turca ; II. Lettere del periodo mediceo, Vicence, Biblioteca Civica Bertoliana, 2004). La plupart de ses études critiques sont réunies dans : Lingua e cultura del Cinquecento, Padoue, Liviana, 1975 ; Lingua, cultura, società, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1989 ; Ai confini della letteratura, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1999-2000 (portant principalement sur la littérature de voyage) et Critici e poeti, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2007.

By this author

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page