Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

Il «Risorgimento delle Lettere» negli scritti storiografico-linguistici di Ugo Foscolo

Le Risorgimento delle Lettere dans les écrits historiographiques et linguistiques d’Ugo Foscolo
Chiara Piola Caselli
p. 65-79

Résumés

Cette contribution examine une partie des textes historico-linguistiques écrits par Ugo Foscolo durant la période anglaise. L’analyse est menée à partir d’une étude des occurrences de l’expression Risorgimento delle Lettere et de ses synonymes et antonymes. Il en ressort que l’écrivain attribue à cette expression la valeur d’une catégorie historiographique. L’article montre en outre que Foscolo est le premier de sa génération à établir une équivalence entre historiographie linguistique et littéraire et histoire politique.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Le opere di Foscolo si citano dall’Edizione nazionale delle opere di Ugo Foscolo, voll. I-XXIII, Fi (...)
  • 2 EN XI, parte I, p. xxii.
  • 3 Sono pubblicati nella «European Review» i saggi Principles of Poetical Criticism as Applicable more (...)
  • 4 M. Vitale, Il Foscolo e la questione linguistica del primo Ottocento, in La Veneranda Favella, Napo (...)

11. Il censimento delle occorrenze dell’espressione «Risorgimento delle Lettere» e dei lemmi associati o derivati come «risorgere», «rinascere», «rinovellare» con specifico riferimento alla lingua, alla letteratura, alle arti e alle scienze è stato condotto nell’ambito degli scritti storiografico-linguistici di Ugo Foscolo appartenenti agli anni del soggiorno inglese, segnatamente in quelli raccolti nell’undicesimo volume dell’Edizione nazionale con il titolo Epoche della lingua italiana1. Il titolo del volume riproduce quello che lo scrittore intendeva assegnare a un libro mai realizzato consacrato alla storia linguistica e letteraria italiana e, al contempo, traduce il carattere sostanzialmente organico di questi scritti2. Si tratta tuttavia di un corpus composito costituito prevalentemente da materiali preparatori destinati al ciclo di lezioni tenute da Foscolo nella primavera del 1823 e da articoli editi in inglese nel 1824 sulla «European Review»3. Nel loro complesso, le Epoche della lingua italiana rappresentano un riesame sintetico e originale della tradizione letteraria nazionale fino ai primi decenni del xix secolo che qualifica lo scrittore come il «primo grande storico della lingua italiana e delle relative questioni linguistiche»4.

  • 5 Si cita da G. Tiraboschi, Storia della letteratura italiana, Modena, Società tipografica, 1772, t.  (...)
  • 6 EN XI, parte I, p. 23.

2A un esame preliminare, le otto occorrenze individuate non presentano indizi di originalità o scarto rispetto al canone storiografico tracciato, per esempio, da Girolamo Tiraboschi nella Storia della letteratura italiana (1772-1782). Proprio a questa fortunata trattazione sembrerebbe del resto ricondurre la prima occorrenza individuata nel testo preparatorio della lezione dedicata ai Principj di critica poetica con speciale riferimento alla letteratura italiana. Se, infatti, Tiraboschi annunciava programmaticamente di voler dare un «esatto racconto dell’origine, de’ progressi, della decadenza, del risorgimento; di tutte insomma le diverse vicende che le lettere hanno incontrato in Italia»5, Foscolo si riprometteva di esaminare «per quali cagioni e con quali vicissitudini caddero spesso, e risorsero, e tornarono a cadere la poesia e le lettere in Italia»6. Le occorrenze seguenti confermano il vasto impiego della storiografia settecentesca nelle Epoche. La seconda fa riferimento al trattato federiciano De arte venandi cum avibus, considerato l’indicatore di un primo «risorgimento […] delle scienze» (ibid., parte I, p. 132). La terza e la quarta alludono all’improvvisa fioritura linguistica avvenuta per opera delle tre Corone che «rinovellò la civiltà del genere umano europeo» (p. 137) e fece sì che «l’italiana letteratura sorge[sse] sempre più ricca e la lingua più vigorosa» (p. 191). Le due occorrenze successive sembrerebbero risentire, in particolare, della lettura di The Life of Lorenzo De’ Medici (1796) di William Roscoe, tanto nel giudizio su Lorenzo il Magnifico con cui «la letteratura in Italia rinasce» (p. 222) quanto nella celebrazione del ritorno alla «perfezione» classica delle arti figurative nel corso del Cinquecento, quando «risorgon a nuova vita le belle arti; e la pittura, la scultura, l’architettura, ritornano alla antica lor perfezione» (p. 221). Un’ulteriore traccia dell’opera di Tiraboschi, invece, soprattutto se considerata alla luce della distinzione, comune alle Epoche e alla Storia, tra fioritura delle scienze e decadimento delle arti liberali nel xvii secolo, traspare dalla settima occorrenza in cui si definisce Galilei il «ristoratore della filosofia e precursore di Newton» (p. 199). L’ultima occorrenza individuata allude infine agli scrittori che nei venticinque anni conclusivi del Settecento «ristorarono la lingua alla sua naturale dignità, e la poesia alla sua antica gloria» (p. 200), con implicito riferimento all’opera di Vittorio Alfieri e Giuseppe Parini. In questo caso il giudizio appare di un certo interesse: non per il riconoscimento attribuito dallo scrittore ai suoi principali riferimenti contemporanei, ma per lo scarto rispetto alla tradizione storiografica arcadica e illuminista che riconduceva il «risorgimento» letterario al superamento della crisi secentesca.

32. Un riferimento alla «rinata letteratura» dopo la barbarie medievale e grazie all’opera dei «padri» Dante, Petrarca e Boccaccio si incontra nella prosa politica e polemica dei Discorsi «Della servitù dell’Italia», in particolare nei frammenti delle Questioni intorno all’indipendenza italiana:

  • 7 EN VIII, pp. 252-253.

Adunque, ogniqualvolta voi chiederete libertà a’ ministri de’ Principi, voi v’intenderete da tutte parti, o Italiani, ripetere: […] Ringraziate la fama de’ vostri padri, benemeriti della rinata letteratura, se ancor vi rimane una lingua, e per essa il titolo di nazione; ma nudo […].7

  • 8 Si cita da G. Carducci, Prose 1859-1903, Bologna, Zanichelli, 1963, p. 731. La citazione è riportat (...)

4Il passo, concettualmente denso, si inserisce all’interno della riflessione sulle cause storiche del fallimento del progetto indipendenti­stico e unitario. Naufragata con il disgregamento del Regno d’Italia la possibilità di assegnare una valenza finalmente politica al termine «nazione», restava alla penisola la tradizione letteraria come ultimo baluardo della sua specificità nazionale. Lo scrittore sembrerebbe quindi anticipare la riflessione di Giosuè Carducci che, nel discorso Presso la tomba di Francesco Petrarca (1874), osserverà come all’indomani della Restaurazione l’Italia rappresentasse l’«espressione letteraria, [di] una tradizione poetica» più che un’«espressione geografica»8.

5Nella riflessione foscoliana, prevaleva sull’orgoglio nazionale lo sconforto dato dalla consapevolezza di avere perso un’occasione storica irripetibile a causa del settarismo politico e dell’inconciliabilità degli interessi individuali in nome del bene comune:

  • 9 EN VIII, p. 194.

risorgerebbe per le vostre armi, se le parole […] giovassero […] a persuaderci una volta che quantunque l’universale concordia non sia conceduta al genere umano, la natura ha pur suggerito ed ingiunto mille modi di concordia fra’ cittadini d’ogni nazione […].9

  • 10 EN XVIII, EP V, p. 118.
  • 11 EN VI, p. 212.
  • 12 Come emerge anche dalla cosiddetta Lettera apologetica (per cui si veda U. Foscolo, Lettera apologe (...)
  • 13 EN VI, p. 587.

6La considerazione di come la dominazione napoleonica avesse rappresentato un’occasione concreta per il compimento dell’ideale unitario è un tema centrale negli scritti d’intento politico e autoapologetico successivi all’esilio. Nelle lettere a Luisa Stolberg e a François-Xavier Fabre del 23 maggio 1814 e alla famiglia del 30 marzo 1816, lo scrittore prende in esame il quadro politico e istituzionale del Regno d’Italia osservando come le riforme napoleoniche, tra cui l’educazione militare impartita nelle università e nei licei, lo avessero indotto a sperare che l’Italia «potesse […] risorgere»10. Il termine «risorgere» traduce quindi l’aspirazione a uno Stato legittimamente autonomo e sovrano i cui elementi costitutivi erano stati indicati dallo scrittore nell’Orazione a Bonaparte pel Congresso di Lione, redatta tra il novembre e il dicembre 1801. Il programma politico contenuto nel testo lionese, infatti, è incentrato sul problema di rifondare le «leggi, armi e costumi»11 della Repubblica Cisalpina e, in prospettiva, dell’Italia sulla base della gloriosa tradizione giuridica, militare e culturale della nazione. In questa sede il frequente ricorso ai lemmi «risanare», «rigenerare», «rinascere», «risorgere» ha la specifica funzione politica e ideologica di rivendicare un assetto costituzionale che non fosse modellato su quello francese, ma fosse «fondato […] su la natura, le forze e gli usi del popolo costituito» (ibid.). La promulgazione della Costituzione della Repubblica italiana sanciva di fatto il fallimento di questo progetto. Si proponeva quindi con nuova urgenza il terzo punto del programma lionese, quello della rigenerazione dei «costumi», da attuare tramite la formazione delle coscienze della classe dirigente e dei cittadini del futuro Stato nazionale. La riforma politico-culturale delineata da Foscolo nei suoi scritti a partire dal 1803 comprendeva le tre coordinate distinte ma solidali della riforma linguistica, letteraria e dell’istruzione. Quest’ultima, rigorosamente laica e fondata sul principio della cognizione della totalità delle discipline, prevedeva anche una formazione di carattere tecnico-militare, nella prospettiva di costituire un esercito di soldati cittadini che contribuisse a una rivoluzione finalmente endogena e non sostenuta dalle baionette francesi12. Col duplice intento di presentare un esempio illustre della tradizione letteraria e militare italiana e di «risvegliare […] un poco dello spirito marziale dell’autore», Foscolo curava, tra il 1807 e il 1808, l’edizione delle opere di Raimondo Montecuccoli, il «maggiore e […] più dotto fra’ capitani nati in Italia dopo il risorgimento dalla barbarie in cui giacque più secoli dopo la decadenza della milizia romana»13.

  • 14 EN XVI, EP III, p. 358.
  • 15 EN VII, p. 33.
  • 16 Scrive infatti Giovio a proposito del Risorgimento del Bettinelli che «vi si vaga come in un bel gi (...)
  • 17 EN XV, EP II, p. 535.
  • 18 S. Gensini, Linguaggio e «bisogno di storia» nel primo Ottocento italiano, art. cit., p. 398.

7Nell’incarico di professore di eloquenza dell’Università di Pavia, attribuitogli nel 1808 e ricoperto fino al giugno dell’anno successivo, Foscolo intravide la concreta possibilità di intervenire nella riforma dell’educazione, partecipando se non al «risorgimento» politico della nazione almeno al suo «risorgimento civile». Non a caso lo storico e patriota Francesco Apostoli, in una lettera del 4 marzo 1810 con cui gli inviava la sua opera Dell’istoria dei Galli, Franchi e Francesi (1810), si richiamava ai precetti dell’orazione foscoliana Dell’origine e dell’ufficio della letteratura, affermando di avere tentato il «risorgimento civile collo studio» della storiografia14. Il riferimento di Apostoli al quindicesimo paragrafo della prolusione appare particolarmente significativo. Foscolo vi aveva sottolineato la funzione altamente pedagogica della storia in quanto strumento di comprensione del presente tramite l’esame critico del passato. Aveva inoltre rivendicato l’esigenza di una moderna storiografia nazionale, differente, tanto nel metodo quanto nella prospettiva, dalla tradizione settecentesca; una storiografia, insomma, che fosse animata dal metodo storico-filosofico e che permettesse finalmente di risalire alle «vere cause della decadenza dell’utile letteratura»15. Inutilmente nella lettera di appunti scritti in previsione di una riedizione della prolusione, il conte Giambattista Giovio aveva proposto a Foscolo il Risorgimento d’Italia (1775) di Saverio Bettinelli come esempio di storiografia letteraria nazionale fruibile, orientata dalla «filosofica indagine» e rappresentativa di quella che oggi definiremmo Kulturgeschichte16. Stimolato dal nuovo incarico universitario, lo scrittore stava stabilendo i punti cardine della propria concezione storiografico-linguistica e letteraria. Come emerge dalle testimonianze epistolari e dalle battute conclusive della prima lezione accademica, Foscolo intendeva basare la propria storia su principi applicabili a «tutti i secoli e […] tutti i popoli» e sugli «esempi de’ grandi scrittori», più che sulle astratte speculazioni teoriche17. Traeva in buona parte tanto l’impianto quanto i punti forti della propria riflessione dalla Ragion poetica (1708) di Gianvincenzo Gravina, assumendone in particolare l’idea di anteporre alla trattazione storiografica una premessa teoretica e metodologica che esplicitasse i principi universali riconducibili a tutti i generi della letteratura. Al trattato graviniano sembrerebbero inoltre ricondurre due aspetti centrali della concezione storiografica di Foscolo, esposti per la prima volta nella seconda lezione pavese: in primo luogo, l’interpretazione neotrissiniana del De vulgari eloquentia secondo cui Dante avrebbe teorizzato l’unità linguistica italiana «conguagliando materiali attinti dai vari dialetti in uno strumento omogeneo e meditato dal filtro della scrittura»18 e, in secondo luogo, l’idea di un rapporto tra lo sviluppo del volgare e l’affermarsi dell’età comunale, quando si rende necessaria una lingua veicolare con cui esprimersi nelle assemblee pubbliche. Lo scrittore faceva insomma già proprio il principio di un nesso inscindibile tra lo sviluppo della lingua e la libertà politica che incontrerà notevole fortuna nelle storiografie romantiche.

  • 19 L’osservazione è di Stefano Gensini (si veda ibid., p. 388).
  • 20 Si veda a questo proposito ancora ibid., p. 393. Tuttavia Gensini, non considerando la lezione pave (...)
  • 21 EN X, p. 303 («Attraverso la narrazione che abbiamo fatto, riteniamo che si possano rilevare i moti (...)
  • 22 Si cita da G. Natali, Ugo Foscolo, Firenze, La Nuova Italia, 1953, p. 181.
  • 23 A. Chiavistelli, Dallo Stato alla Nazione: Costituzione e sfera pubblica in Toscana dal 1814 al 184 (...)

83. L’impianto storiografico delineato nella seconda lezione accademica è ripreso e sviluppato nelle già menzionate Epoche della lingua italiana. Il rinnovato interesse per la storiografia letteraria si inserisce coerentemente nella produzione del periodo inglese consacrata per lo più a lavori di carattere storico e critico. Come ha osservato Stefano Gensini, Foscolo rientra infatti a pieno titolo in quella generazione di intellettuali impegnati, all’indomani della Restaurazione, a ricercare nel passato storico da una parte un legame con i vertici della tradizione e, dall’altra, le cause del fallimento politico che li aveva travolti19. Il principio derivante dalla Ragion poetica del nesso tra libertà politica e fioritura linguistica, già fondativo della storiografia linguistica degli scritti pavesi, diventa un «vero e proprio strumento di analisi storica» nelle Epoche20. Ne consegue una rilettura della storia linguistica e letteraria nazionale in chiave politica, come emerge anche dall’epigrafe baconiana premessa dallo scrittore al Discorso storico sul testo del Decamerone: «Per talem, qualem descripsimus, narrationem existimamus – rerum intellectualium, non minus quam civilium, motus et perturbationes vitiaque et virtutes notari posse.»21 La sostanziale equivalenza tra storia letteraria e storia politica giustifica l’avversione per la tradizione storiografica settecentesca di matrice arcadica e gesuitica che, ottemperando alla «massima di astrarre la letteratura dalla politica e dalla religione», non «esamin[a] l’influsso che la rivoluzione dei governi e dei costumi h[a] operato sul genio dei nostri scrittori»22. Una condizione di censura politica ed ecclesiastica e di «Stato senza pubblico»23 analoga a quella che aveva influito sulle grandi trattazioni erudite del Settecento si ripresentava in Italia con il restaurato dominio asburgico, pregiudicando le condizioni per lo sviluppo di una moderna storiografia. Facendo riferimento a un concorso bandito dall’Accademia della Crusca per premiare il miglior saggio dedicato al processo di formazione e di canonizzazione della lingua italiana, Foscolo osservava infatti che:

  • 24 EN XI, parte I, p. 66.

le accademie, le università e i governi d’Italia avranno la storia della sua lingua solo quando consentiranno agli autori di esaminare in quale maniera, e in quale misura il progresso e il declino delle lingue dipendano dalla libertà o dalla schiavitù delle nazioni.24

9La condizione di esule in Inghilterra consentiva allo scrittore la libertà necessaria per farsi storico della nazione, individuando finalmente le «vere cause della degenerazione dell’utile letteratura» e, di contro, quelle del suo «risorgimento».

  • 25 EN VIII, pp. 325-333, ma si vedano in particolare le pp. 325-327. Per la periodizzazione ci attenia (...)

10Al fine di comprendere più perspicuamente l’impianto concettuale che anima le Epoche, è utile ricordare come nei cosiddetti Frammenti di Storia del Regno Italico, redatti presumibilmente tra il 1818 e il 182125, Foscolo avesse già stabilito una macro-periodizzazione della «Storia d’Italia, dopo la decadenza dell’Impero Romano sino all’ultima rivoluzione». La scansione temporale delineata nei Frammenti comprendeva «tre grandi epoche», denominate rispettivamente della «Barbarie», della «Libertà» e della «Servitù». Se la prima epoca, contrassegnata dalle invasioni barbariche, non è oggetto di una particolare attenzione da parte dello scrittore, la seconda, che occupa uno «spazio di quattrocento sessant’anni» dal pontificato di Gregorio VII (1070) all’incoronazione di Carlo V a opera di Clemente VII (1530), è definita «un[a] de[lle] più interessanti alla storia del mondo moderno» (ibid., p. 326). Riprendendo un’analisi già condotta nell’articolo Dello scopo di Gregorio VII del 1811 sulla funzione politica del papato nel quadro storico dell’indipendenza italiana, lo scrittore sottolineava come le «Crociate […] scossero l’Italia dal letargo e dalla disperazione della servitù». La «lunga lotta fra l’Impero e la Chiesa» (ibid.) determinò l’indipendenza dell’Italia dalle potenze straniere e l’abolizione dell’aristocrazia feudale, permettendo quindi l’avvio del processo di formazione delle democrazie comunali che decaddero a partire dall’avvento della terza epoca. Quest’ultima, caratterizzata dalla frammentazione geopolitica e dalla servitù alle potenze straniere, abbraccia un arco cronologico di trecento anni fino alla dominazione napoleonica durante la quale ha una breve quanto illusoria interruzione: «l’Italia – scrive Foscolo – al cadere di Bonaparte, ricadde nell’antico suo stato di servitù, e fra pochi anni forse non presenterà vestigio alcuno di avere sì potentemente operato nella generale rivoluzione d’Europa» (ibid., p. 327). La riflessione di Foscolo sulle cause storiche e politiche del mancato attecchimento della rivoluzione in Italia ricalca, anche su un piano terminologico, quella di Vincenzo Cuoco nel Saggio storico sulla rivoluzione di Napoli (1801): «in Francia la Rivoluzione essendo stata attiva s’infiammò, alimentò la sua fiamma, la diffuse per tutta l’Europa da sè […]. Invece in Italia la Rivoluzione non fu che passiva» perché «l’attività della Rivoluzione era stata comunicata in Italia dal suo conquistatore» (ibid.). La concezione storica e ideologica delineata nei Frammenti e riscontrabile, in filigrana, nelle Epoche sembrerebbe risentire significativamente della lettura della Histoire des républiques italiennes du Moyen Âge (1807-1818) di Jean-Charles-Léonard Simonde de Sismondi. Comune alla trattazione di Sismondi è, in particolare, il principio della fioritura civile e culturale delle repubbliche italiane, seguita dalla lunga servitù che si estende dalle guerre d’Italia alla dominazione napoleonica. Questa riflessione sembrerebbe influire decisivamente anche sulla valutazione foscoliana del Rinascimento che, in ultima analisi, nulla ha a che vedere con quelle di Tiraboschi e di Roscoe.

  • 26 EN XI, parte I, p. 100.
  • 27 S. Gensini, Linguaggio e «bisogno di storia» nel primo Ottocento italiano, art. cit., p. 397.
  • 28 La citazione (da EN XI, parte I, p. 208) è in S. Gensini, Linguaggio e «bisogno di storia» nel prim (...)

11Le prime cinque Epoche (dopo i ricordati Principj e un altro contributo sull’origine e le varie trasformazioni linguistiche) si inscrivono nell’arco cronologico compreso tra il 1180 e il 1500, rientrando quindi nella menzionata epoca della Libertà. I veri e propri episodi di risorgimento linguistico e letterario avvengono in questo periodo storico e sono direttamente connessi con i momenti in cui sembrano verificarsi le condizioni favorevoli al risorgimento politico della nazione. La prima epoca (1180-1230) si configura come fase di transizione e di fuoriuscita dall’oscurantismo teologico e scolastico medievale ed è infatti consacrata ai poeti «minori», «indizi della civiltà nascente e del suo silenzioso progresso attraverso l’oscurità e la barbarie»26. La seconda (1230-1280) prende in esame gli esponenti della Scuola siciliana, di cui Foscolo evidenzia il fondamentale laicismo e la coraggiosa opposizione al dispotismo teocratico. L’opera di civilizzazione e promozione culturale condotta da Federico II e finalizzata al progetto di «riunire l’Italia sotto un solo principe, una sola forma di governo e una sola lingua, e tramandarla a’ suoi successori potentissima fra le monarchie d’Europa» (ibid., p. 130) eleva il sovrano a protagonista, come precedentemente accennato, di un primo e parziale risorgimento culturale. Il vero e proprio risorgimento linguistico e letterario si situa, tuttavia, nella terza epoca (1280-1330) indebitamente confusa da Tiraboschi con quella successiva «differentissima in tutto; perchè nuove vicissitudini cangiarono le condizioni politiche, ed i caratteri della seguente generazione» (p. 138). Indiscusso protagonista di quest’epoca è Dante, primariamente per quell’opera di codificazione e di unificazione linguistica che determina «l’impulso e il progresso […], non solo [della] poesia, ma, quel che è più difficile in tutte le lingue, [della] prosa italiana» (p. 140). Quest’ultima puntualizzazione va letta alla luce della questione, sollevata da Foscolo fin dal 1803 nella recensione al Saggio di novelle di Luigi Sanvitale, dell’esigenza di una scrittura prosastica codificata e destinata a un ampio pubblico di lettori. L’apogeo culturale raggiunto tramite l’opera delle tre Corone coincide con il principio della sua degenerazione. L’origine prevalentemente letteraria della lingua italiana e la scelta di Petrarca e Boccaccio di adoperare il latino per gli scritti istituzionali determina, infatti, la caduta della lingua «in una specie di dispregio e quindi di barbarie» (p. 222) e accentua quindi la frattura tra il popolo e i letterati, i quali si configurano progressivamente come una «comunità diversa al tutto dalla nazione» (p. 227). Nella quinta epoca (1400-1500) lo scrittore rileva come la lingua e la letteratura italiane, annichilite dal ritorno al latino e dalla precettistica aristotelica, abbiano vissuto un breve momento di progresso con l’opera di promozione del volgare avanzata da Lorenzo de’ Medici, il quale «forse aspirò, e non potè afferrare l’opportunità che alloramai cominciava a dileguarsi per sempre» (ibid.) di unificare l’Italia sotto un unico principe. La celebrazione della personalità politica e letteraria del Magnifico non pregiudica tuttavia la coerenza dello schema storiografico basato sul nesso tra libertà e sviluppo delle forze intellettuali: «Al tempo di Lorenzo de’ Medici – scrive infatti Foscolo – non vi fu per così dire poesia originale, ma […] la poesia fu resa più splendida, più dotta e più elegante, ed insieme men vigorosa, e non originale […]» (p. 262). Con la sesta epoca (1500-1600) «spir[a] ogni indipendenza italiana […] sotto l’armi di Carlo V» e sotto il giogo della repressione ecclesiastica post-tridentina. Questa condizione di duplice servitù, reprimendo ogni espressione di libertà individuale e collettiva, arresta il progresso linguistico e letterario che di fatto si alimenta solo con «una piena disponibilità della fantasia e del pensiero, e [con] una intensa dinamica comunicativa fra gli uomini e le classi»27. La regressione linguistica coincide con un nuovo assetto geopolitico caratterizzato dalla formazione di «diversi Stati né troppo deboli da essere facilmente conquistati, né troppo forti da offendere gli altri impunemente»28. Naufragano quindi i presupposti per la creazione dell’unità nazionale:

  • 29 EN XI, parte I, p. 227.

Se gl’Italiani si fossero giovati della tranquillità e dell’indipendenza ch’ebbero nel lungo corso di anni del secolo precedente, quando vivevano meno atterriti da’ papi e non minacciati dalla presenza d’eserciti forestieri, e si fossero allora costituiti in nazione, gli scrittori si sarebbero immedesimati di necessità colla loro patria, ed avrebbero ampliato una lingua men artificiale e più generosa, scritta insieme e parlata, e che non fu mai conosciuta, né si conoscerà mai forse in Italia.29

  • 30 La citazione (da ibid., p. 3) è in S. Gensini, Linguaggio e «bisogno di storia» nel primo Ottocento (...)

12Nel quadro di un esame approfondito del contesto politico e socio-culturale, Foscolo delinea e argomenta gli aspetti della regolamentazione linguistica promossa da Pietro Bembo, letta come il prodotto della «tirannide religiosa e politica» (ibid., p. 235). Lo scrittore ne investiga tanto le cause ideologiche quanto gli effetti a lungo termine. L’identificazione della lingua nazionale con il fiorentino trecentesco e la scelta del Decamerone come modello di prosa, «mutilato e adulterato» (ibid. p. 236) dalla censura religiosa, sono infatti ricondotte a ragioni d’ordine prettamente politico e ideologico come l’incompatibilità del ghibellinismo dantesco con l’«educa[zione] e promozio[ne] alle ecclesiastiche dignità» (p. 229) di Bembo. Ne consegue l’accentuarsi della separazione tra letterati e popolo e quindi la perdita del principio costitutivo della società, dal momento che, come osserva Foscolo richiamandosi alla prolusione pavese, «i patti reciproci delle società umane si creano e mantengono unicamente per mezzo della parola; e gli uomini, che a cagione della diversità delle loro lingue non si possono intendere fra loro, si dividono naturalmente sotto leggi diverse»30. Il nesso stabilito tra servitù politica e linguistica è confermato dal rapporto tra l’incremento delle norme grammaticali e la centralizzazione del potere:

  • 31 EN X, p. 366.

Vero è che non prima sì fatte leggi cominciano a moltiplicarsi ed acqui­stare autorità potentissima, bastano a darti indizio che un popolo dallo stato libero passa sotto il potere assoluto. […] gli studi liberi in tali condizioni di tempi sono sì fatti; ed a’ principi non rincrescono, perchè frappongono comandamenti infiniti e impraticabili in guisa, che niuno sappia mai come s’abbia da scrivere.31

  • 32 EN XI, parte I, p. 235.
  • 33 La nota (da Archivio di Stato di Milano, Studi, p. m., b. 241) è in A. De Francesco, LItalia di Bo (...)
  • 34 EN XI, parte I, p. 255.

13Questa considerazione, eletta a principio universale applicabile a tutte le epoche storiche, permette a Foscolo di spiegare anche il rapporto tra l’assolutizzazione del potere napoleonico e il ritorno al purismo, giustificando quindi ideologicamente il progetto di riforma linguistica e letteraria antipurista e anticruscante avanzato dallo scrittore e riscontrabile tanto nell’opera letteraria quanto nelle prose teoriche. Infatti, non solo le norme grammaticali stabilite da Bembo sono le «leggi peggiori di lingua e di critica che mai potessero idearsi», ma sono anche responsabili della «servitù letteraria e del vaniloquio degli scrittori italiani in generale da quel tempo sino a’ dì nostri»32. Fatta eccezione per Ariosto e Tasso e per qualche mediocre ma corretto prosatore, gli scrittori di quella generazione non meriterebbero nemmeno di essere menzionati in una panoramica storico-letteraria, se «molte delle loro meschine opere non fossero state stampate da poco in qua nella collezione di quattrocento e più volumi, sotto il nome di Classici, pubblicati a Milano» (ibid., p. 234). Il riferimento polemico è naturalmente rivolto alla Società tipografica dei Classici italiani, nata nel 1802 sotto gli auspici del Governo per promuovere, tramite la pubblicazione dell’omonima Collana, un modello letterario che «purga[sse] la nostra lingua, come le nostre leggi e i costumi da tanta straniera antica e moderna infezione»33. La stessa assenza di libertà politica alla quale conseguiva la promozione del fiorentino trecentesco caratterizza i secoli successivi fino all’avvento dell’età delle rivoluzioni e determina il giudizio di Foscolo sulla riforma della letteratura e del gusto promossa dall’Arcadia: «Il dispotismo […] teme il Genio e favorisce il Gusto; il Genio fa poeti originali e arditi e il Gusto fa servi e timidi. Ma in Italia peggio: il timore di non fidarsi al Genio indipendentemente dalle ragioni politiche veniva dal desiderio di correggere il Gusto corrotto». Ne consegue una complessiva svalutazione della generazione degli scrittori operanti dal 1700 al 1750, che tornarono «come nel 1500» alla «stessa religione per Petrarca»34. Le rivoluzioni americana e francese determinarono l’avvento di un nuovo corso storico e politico, all’origine, in Italia, del rinnovamento in campo lingui­stico e letterario avvenuto negli ultimi venticinque anni del Settecento grazie, soprattutto, all’opera di Parini e di Alfieri. Le ultime tre lezioni tenute da Foscolo nel 1823 considerano, come emerge dagli appunti che servirono allo scrittore per il discorso a braccio, l’epoca compresa tra la «Rivoluzione d’America» e i «dì nostri» mostrando, attraverso il contrasto con i «due secoli precedenti assoggettati a servitù assolute», come quest’epoca sia «infinitamente superiore sì pel numero, sì pel merito degli scrittori e sì per l’utilità dell’effetto prodotto dalle loro opere» (ibid., p. 258).

  • 35 Si cita l’Essay on the present literature of Italy nella traduzione italiana riportata in U. Foscol (...)
  • 36 «Non è dopotutto che un’imitazione del Werther, ma pur tuttavia con una cospicua differenza, giacch (...)
  • 37 «La consapevolezza di tal corruzione [la corruzione linguistica successiva al dominio di Luigi XIV] (...)
  • 38 «L’opera poetica dello scrittore data alle stampe si riduce a due odi e a un breve carme intitolato (...)
  • 39 «L’intento del carme par bene essere quello di manifestare l’influsso che la memoria dei defunti es (...)
  • 40 EN XI, parte I, p. 258.

144. Se nelle Epoche Foscolo esamina l’apporto di alcuni scrittori al rinnovamento letterario degli ultimi decenni del Settecento, è nell’Essay on the Present Literature of Italy che stabilisce e argomenta il proprio ruolo nel panorama della letteratura contemporanea italiana. Proponendosi di presentare al pubblico inglese il profilo bio-bibliografico degli autori più rappresentativi dell’«epoca attuale»35, delinea un canone comprendente i soli nomi di Parini, Melchiorre Cesarotti, Ippolito Pindemonte, Alfieri e se stesso, oltre a quelli di alcune personalità «minori», menzionate perché indicative del gusto letterario contemporaneo. Pur ammettendo una sostanziale filiazione dall’opera degli autori maggiori, Foscolo rivendica una posizione di assoluta autonomia e originalità, determinata in primo luogo da ragioni di ordine anagrafico. Al contrario dei suoi predecessori, infatti, la sua formazione letteraria ha risentito del clima di rinnovamento politico e sociale successivo e conseguente all’arrivo di Napoleone in Italia. La preminenza della posizione di Foscolo rispetto a quella dei suoi contemporanei è determinata, come emerge nell’Essay, dalla sua duplice veste di riformatore della letteratura e di «campione dell’indipendenza» nazionale (ibid., p. 1535). I due aspetti risultano strettamente legati, come appare anche dalla scelta di anteporre la presentazione dell’opera in prosa alla produzione poetica. Lo scrittore, infatti, sottolinea in questo modo il suo contributo alla riforma della scrittura prosastica, ritenuta uno strumento indispensabile e prioritario per l’unificazione linguistica e quindi politica della nazione. Riprendendo quanto già espresso nella Notizia bibliografica, Foscolo riconduce lo scarto tra il Werther e le Ultime lettere di Jacopo Ortis al significato prevalentemente politico del proprio romanzo36. Nella valutazione complessiva dell’opera, il riconoscimento di una sua precisa finalità pedagogico-politica appare centrale: l’Ortis si configura, infatti, come il «primo libro capace d’indurre le donne e il gran pubblico all’attenzione delle cose pubbliche», anche per mezzo della sua originalità stilistica e della «purezza» linguistica che «ha[nno] saputo contentare tutti» (ibid., p. 1526). Originale e al contempo rispettoso dell’indole della lingua nazionale, il romanzo è presentato come una soluzione efficace contro la degenerazione linguistica causata dal purismo e dalla «licenza» diffusa dai sostenitori dei neologismi e dei gallicismi37. Alle innovazioni introdotte nel genere romanzesco si aggiungono quelle rilevate nelle due orazioni lionese e pavese delle quali è sottolineata, in particolare, l’aderenza dello stile alla finalità comunicativa di «indirizza[re] la pubblica opinione alla prosperità nazionale» (ibid., p. 1540). La stessa volontà di autonominarsi primo promotore dell’ideale indipendentistico e riformatore delle lettere emerge dalla scelta di escludere i Sonetti dalla propria produzione poetica38 e di enfatizzare invece la finalità principalmente civile dei Sepolcri39. Come nel caso della prosa, lo scrittore sottolinea le novità formali e concettuali introdotte nei versi: del primo carme ricorda, infatti, come «i critici [avessero] afferma[to] che una riforma della lirica italiana era cominciata» (p. 1548), mentre delle Grazie sottolinea la nuova concezione degli sciolti che «non hanno nulla da dividere con quelli degli altri autori» (p. 1551). È richiamato, in ultimo, il giudizio di Vincenzo Monti nel commento alle Satire di Persio, il quale «pred[isse] del suo giovane amico che [sarebbe diventato], prima o poi, il migliore poeta del suo tempo» (p. 1557). Nel bilancio complessivo della sua produzione prosastica e poetica, Foscolo si autoproclama insomma come il solo e indiscusso promotore della rigenerazione letteraria avvenuta dallo «stabilimento dei governi repubblicani in Italia sino allo stabilimento della monarchia di Bonaparte nel 1804»40. Si attribuisce quindi il ruolo di protagonista della letteratura prodotta nel momento storico di sospensione della lunga epoca della Servitù e di auspicio generale per l’avvento di un «risorgimento» nazionale.

Haut de page

Notes

1 Le opere di Foscolo si citano dall’Edizione nazionale delle opere di Ugo Foscolo, voll. I-XXIII, Firenze, Le Monnier, 1933-2011, indicata dalla sigla EN seguita dal volume in numeri romani. In particolare, si cita da EN VI (Scritti letterari e politici dal 1796 al 1808, a cura di G. Gambarin, 1972); EN VII (Lezioni. Articoli di critica e di polemica, a cura di E. Santini, 1933); EN VIII (Prose politiche e letterarie dal 1811 al 1816, a cura di L. Fassò, 1933); EN X (Saggi e discorsi critici, a cura di C. Foligno, 1953); EN XI, parte I (Saggi di letteratura italiana, a cura di C. Foligno, 1958); EN XIII, parte II (Prose politiche e apologetiche, 1817-1827), a cura di G. Gambarin, 1964. Le citazioni tratte dall’Epistolario sono indicate con la sigla EN seguita dal volume in numero romano e dalla sigla EP seguita dal volume dell’Epistolario in numero romano. In particolare, si cita da EN XV, EP II (luglio 1804 - dicembre 1808, a cura di P. Carli, 1952); EN XVI, EP III (1809-1811, a cura di P. Carli, 1953); EN XVIII, EP V (1814, primo trimestre 1815, a cura di P. Carli, 1956); EN XX, EP VII (7 settembre 1816 - fine del 1818, a cura di M. Scotti, 1970).

2 EN XI, parte I, p. xxii.

3 Sono pubblicati nella «European Review» i saggi Principles of Poetical Criticism as Applicable more Especially to Italian Literature (luglio 1824, pp. 258 sgg.), Origin and Vicissitudes of the Italian Language (agosto 1824, pp. 346 sgg.), Italian Literature, Epoch First, from the Year 1180 to 1230 (settembre 1824, pp. 547 sgg.), Italian Literature, Epoch Second, from the Year 1230 to 1280 (ottobre 1824, pp. 88 sgg.).

4 M. Vitale, Il Foscolo e la questione linguistica del primo Ottocento, in La Veneranda Favella, Napoli, Morano, 1998, pp. 391-441, p. 395. Sulla riflessione linguistica di Foscolo, si vedano in particolare: E. Donadoni, Ugo Foscolo. Pensatore, critico, poeta, Firenze, Sandron, 19643; S. Gensini, Dinamiche linguistico-culturali e spazio del letterato nelle discussioni del primo Ottocento. La posizione del Leopardi, «Lavoro critico», 23, luglio-settembre 1981, pp. 75-112; Id., Linguaggio e «bisogno di storia» nel primo Ottocento italiano: la problematica di Ugo Foscolo, in Prospettive di storia della linguistica. Lingua linguaggio comunicazione sociale, a cura di L. Formigari e F. Lo Piparo, Roma, Editori Riuniti, 1988, pp. 387-404.

5 Si cita da G. Tiraboschi, Storia della letteratura italiana, Modena, Società tipografica, 1772, t. I, p. viii.

6 EN XI, parte I, p. 23.

7 EN VIII, pp. 252-253.

8 Si cita da G. Carducci, Prose 1859-1903, Bologna, Zanichelli, 1963, p. 731. La citazione è riportata in G. Albergoni, Letterati, lettere, letteratura, in Atlante culturale del Risorgimento, a cura di A. M. Banti, A. Chiavistelli, L. Mannori e M. Meriggi, Roma-Bari, Laterza, 2011, p. 86.

9 EN VIII, p. 194.

10 EN XVIII, EP V, p. 118.

11 EN VI, p. 212.

12 Come emerge anche dalla cosiddetta Lettera apologetica (per cui si veda U. Foscolo, Lettera apologetica, a cura di G. Nicoletti, Torino, Einaudi, 1978, p. 32).

13 EN VI, p. 587.

14 EN XVI, EP III, p. 358.

15 EN VII, p. 33.

16 Scrive infatti Giovio a proposito del Risorgimento del Bettinelli che «vi si vaga come in un bel giardino osservando l’eloquenza la poesia la lingua e le arti del disegno e la musica gli spettacoli le feste i cavalieri erranti e i romanzi, lusso commercio ricchezze usi costumanze, e tutto assai più bene, quando si combini coll’altra opera sull’Entusiasmo» (EN VII, p. 68).

17 EN XV, EP II, p. 535.

18 S. Gensini, Linguaggio e «bisogno di storia» nel primo Ottocento italiano, art. cit., p. 398.

19 L’osservazione è di Stefano Gensini (si veda ibid., p. 388).

20 Si veda a questo proposito ancora ibid., p. 393. Tuttavia Gensini, non considerando la lezione pavese, posticipa la formulazione di questo principio da parte di Foscolo, riconducendola erroneamente alla lettura dell’opera di Giulio Perticari.

21 EN X, p. 303 («Attraverso la narrazione che abbiamo fatto, riteniamo che si possano rilevare i moti, le perturbazioni, i vizi e le virtù delle cose intellettuali non meno che delle civili»).

22 Si cita da G. Natali, Ugo Foscolo, Firenze, La Nuova Italia, 1953, p. 181.

23 A. Chiavistelli, Dallo Stato alla Nazione: Costituzione e sfera pubblica in Toscana dal 1814 al 1849, Roma, Carocci, 2006, p. 86.

24 EN XI, parte I, p. 66.

25 EN VIII, pp. 325-333, ma si vedano in particolare le pp. 325-327. Per la periodizzazione ci atteniamo a quanto scrive Luigi Fassò, curatore del volume (p. cxvi).

26 EN XI, parte I, p. 100.

27 S. Gensini, Linguaggio e «bisogno di storia» nel primo Ottocento italiano, art. cit., p. 397.

28 La citazione (da EN XI, parte I, p. 208) è in S. Gensini, Linguaggio e «bisogno di storia» nel primo Ottocento italiano, art. cit., p. 398.

29 EN XI, parte I, p. 227.

30 La citazione (da ibid., p. 3) è in S. Gensini, Linguaggio e «bisogno di storia» nel primo Ottocento italiano, art. cit., p. 399.

31 EN X, p. 366.

32 EN XI, parte I, p. 235.

33 La nota (da Archivio di Stato di Milano, Studi, p. m., b. 241) è in A. De Francesco, LItalia di Bonaparte. Politica, statualità e nazione nella penisola tra le due rivoluzioni, 1796-1812, Torino, UTET, 2011, p. 55.

34 EN XI, parte I, p. 255.

35 Si cita l’Essay on the present literature of Italy nella traduzione italiana riportata in U. Foscolo, Opere, t. II, a cura di F. Gavazzeni, Milano-Napoli, Ricciardi, 1981, p. 1404.

36 «Non è dopotutto che un’imitazione del Werther, ma pur tuttavia con una cospicua differenza, giacché per l’autore italiano l’interesse politico è capitale.» (Ibid., p. 1525)

37 «La consapevolezza di tal corruzione [la corruzione linguistica successiva al dominio di Luigi XIV] le vicende della rivoluzione, aveva infine provocato l’insorgere di uno zelante riformismo. Sennonché rapidamente è andato esso stesso degenerando in una superstiziosa venerazione degli antichi e, lungi dal diminuirla, ha piuttosto accresciuto la libertà licenziosa degli oppositori.» (Ibid., p. 1529)

38 «L’opera poetica dello scrittore data alle stampe si riduce a due odi e a un breve carme intitolato I Sepocri […].» (Ibid., p. 1546)

39 «L’intento del carme par bene essere quello di manifestare l’influsso che la memoria dei defunti esercita sui costumi e sull’indipendenza delle nazioni.» (Ibid., p. 1547)

40 EN XI, parte I, p. 258.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Chiara Piola Caselli, « Il «Risorgimento delle Lettere» negli scritti storiografico-linguistici di Ugo Foscolo », Laboratoire italien [En ligne], 13 | 2013, mis en ligne le 05 février 2014, consulté le 21 octobre 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/685 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.685

Haut de page

Auteur

Chiara Piola Caselli

Université Stendhal-Grenoble 3

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page