Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Textes et documents

Definizione dell’italiano scientifico nel tardo Cinquecento : la traduzione del Mechanicorum Liber di Guidobaldo dal Monte

Définition de l’italien des sciences à la fin du xvie siècle : la traduction du Mechanicorum liber de Guidobaldo dal Monte
Noémie Castagné and Martin Frank
p. 279-308

Abstracts

Il carteggio tra Guidobaldo dal Monte, matematico di primo livello del tardo Cinquecento, e Filippo Pigafetta riguarda la traduzione del Mechanicorum liber, un importante trattato di meccanica pubblicato nel 1577 da Guidobaldo. Conservata presso la Biblioteca Ambrosiana di Milano e in gran parte inedita, quest’eccezionale raccolta di documenti testimonia del lavoro di traduzione che, negli anni 1580-1581, portò alla pubblicazione de Le Mechaniche. Conosciuta dagli storici della scienza per i suoi aspetti scientifici, questa documentazione si rivela di particolare interesse anche per gli storici della lingua. L’analisi del carteggio mostra che Guidobaldo esercitò un forte controllo sia sulla lingua della traduzione sia sulle annotazioni che Pigafetta pubblicò a nome suo, ma che furono in realtà suggerite – a volte addirittura dettate – dall’autore. Autore e traduttore definiscono progressivamente, nel laboratorio della traduzione, una lingua scientifica nuova, esatta e univoca, priva di dialettalismi e di influenza dotta.

Top of page

Full text

  • 2 D’ora in poi abbreviata come BAM.
  • 3 G. dal Monte, Le mechaniche dell’illustriss. sig. Guido Vbaldo de’ marchesi del Monte, tradotte in (...)
  • 4 E. Gamba,V. Montebelli, Le scienze a Urbino nel tardo Rinascimento, Urbino, Quattro Venti, 1988 ; G (...)
  • 5 Sembra che il lavoro di E. Calchini intitolato Guidobaldo del Monte e Filippo Pigafetta. Formazione (...)
  • 6 Fino a qualche decennio fa l’italiano scientifico era un campo di studi del tutto tralasciato, se e (...)

1Conservata presso la Biblioteca Ambrosiana di Milano2, quest’eccezionale raccolta di documenti testimonia del lavoro di traduzione che, nel 1581, portò alla pubblicazione de Le Mechaniche3, testo noto agli storici della scienza soprattutto per i suoi aspetti scientifici4. Questa documentazione è rimasta invece sconosciuta agli storici della lingua che da poco tempo si interessano alla lingua scientifica del Cinquecento5. La Storia della lingua è divenuta una disciplina accademica solo di recente, nel 1937, quando è stata istituita presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze una nuova cattedra, concessa a Bruno Migliorini. Concentrati all’inizio sui volgari medioevali e sulla lingua letteraria, i linguisti cominciano solo da pochi anni ad interessarsi alla lingua scientifica, e non dispongono ancora di tutti gli strumenti tecnici (edizioni critiche, glossari, concordanze) necessari6.

  • 7 Come Sperone Speroni, Alessandro Piccolomini, Benedetto Varchi, Cosimo Bartoli (ecc.), che nella pr (...)
  • 8 Ad esempio cfr. B. Basile, Galilei e la letteratura scientifica, in Storia della letteratura italia (...)
  • 9 Rimandiamo a N. Castagné, Les mots des sciences, cit., capitolo 1.
  • 10 In materia di storia della lingua scientifica, gli studi linguistici meramente tecnici sembrano ric (...)
  • 11 Questa collaborazione cominciò con la Scuola Estiva di Vinci del 2011 (Biblioteca Leonardiana), int (...)
  • 12 Va rilevato che il nostro approccio corrisponde ad un filone forte della Storia della lingua italia (...)

2L’analisi di una parte del carteggio dal Monte-Pigafetta ci permette di evitare due pericolose tendenze della critica attuale sulla lingua scientifica nel Cinquecento. In primo luogo questa testimonianza permette di spostare l’attenzione dei linguisti dai letterati interessati dalla scrittura scientifica7 agli scienziati veri e propri ; l’eccessiva attenzione rivolta all’universo letterato di primo Cinquecento ha infatti portato la Storia della lingua a rimodellare forzatamente una questione della lingua scientifica sulle problematiche e sulla cronologia della questione della lingua letteraria ; inoltre la conformità dei grandi dialoghi divulgativi galileiani ai canoni estetici della lingua letteraria ha talvolta portato a presentare Galileo come il fondatore della prosa scientifica italiana8, ritardando così lo studio degli scritti volgari degli scienziati precedenti9. In secondo luogo, il carteggio dal Monte-Pigafetta ci consente di evitare un esame meramente lessicografico dell’italiano scientifico dell’epoca che, pur essendo necessario, porta ad un punto di vista tecnico sulla lingua e non tiene conto del contesto scientifico-culturale10. Frutto della collaborazione tra una storica della lingua e uno storico della scienza11, il presente contributo alla Storia della lingua scientifica italiana intende tenere conto del contesto di elaborazione dei singoli testi12.

  • 13 Per maggiori informazioni sulla vita e l’opera di Guidobaldo, si veda K. Andersen, E. Gamba, Guidob (...)
  • 14 Su Commandino è ancora fondamentale lo studio di P. L. Rose, Commandino, restaurator mathematicarum(...)
  • 15 L’edizione critica e commentata del carteggio di Guidobaldo dal Monte, a cura di Martin Frank, è in (...)
  • 16 Sui legami culturali e scientifici tra Venezia e Urbino alla fine del Cinquecento (dovuti fra l’alt (...)
  • 17 Cfr. M. Frank, Guidobaldo dal Monte’s Mechanics in Context, cit., capitoli I e II.

3Benché eccezionale, la testimonianza qui presentata non è d’importanza marginale, come mostrano sia il prestigioso contesto culturale di appartenenza di Guidobaldo dal Monte (1545-1607) al Ducato di Urbino, sia l’autorità scientifica dello stesso. Il matematico pesarese fu uno degli studiosi di primo livello del tardo Rinascimento13. A Urbino, all’inizio degli anni Settanta, era stato discepolo dell’umanista e matematico Federico Commandino (1509 ?-1575), autore di un’importante opera di edizione e traduzione degli scritti principali dei matematici dell’antica Grecia14. Attestati da un ampio epistolario in volgare finora in gran parte inedito15, i contatti di Guidobaldo con studiosi italiani ed europei come Christoph Clavius, Giovan Vincenzo Pinelli, Giacomo Contarini, Francesco Barozzi o Galileo Galilei ne fanno uno dei personaggi centrali del dibattito scientifico dell’epoca16. Fu il primo esponente del mondo scientifico a riconoscere il talento del giovane Galileo, a incoraggiarlo all’inizio dei suoi studi quale protettore e mentore, dandogli inoltre il suo appoggio decisivo per la candidatura alle cattedre di Pisa e di Padova. Come testimoniano studi recenti17, la stessa attività scientifica di Guidobaldo fu condizionata in maniera notevole sia dalle discussioni che ebbe con i membri della corte urbinate (matematici, architetti, filosofi), sia dalle commissioni tecniche e scientifiche affidategli dal Duca Francesco Maria II della Rovere. Grazie anche a questi stimoli, i vasti interessi scientifici di Guidobaldo spaziavano dalla geometria all’aritmetica, dall’astronomia alla gnomonica, dalla meccanica alla prospettiva. Diede contributi fondamentali soprattutto per l’evoluzione di queste ultime due discipline, con il Mechanicorum Liber (1577) e i Perspectivae Libri Sex (1600).

  • 18 F. Pigafetta, BAM, D34 inf., f. 89v : « Ho compiuto di volgarizare tutto il trattato Della Trochlea(...)
  • 19 Citiamo dalla lettera dedicatoria delle Mechaniche, cit., s.p., indirizzata a Savorgnan. Su Giulio (...)

4Nell’aprile 1580, quando scrive a Giovan Vincenzo Pinelli di aver parzialmente terminato la traduzione del Mechanicorum Liber18, Filippo Pigafetta si trova nella fortezza d’Osoppo, in una regione montuosa situata a una ventina di chilometri a Nord di Udine, dove è ospite dell’amico Giulio Savorgnan (1510-1595). Conte di Belgrado, quest’ultimo è un esperto militare appassionato di meccanica, « padron in tutto dell’arte del fortificare i siti, e d’ogni altra parte della milizia », che da giovane, durante le guerre d’Italia, ha incontrato il Duca d’Urbino Francesco Maria I della Rovere (1490-1538)19. Secondo la testimonianza di Pigafetta, nella lettera dedicatoria delle Mechaniche, la fortezza d’Osoppo era anche una specie di gabinetto di curiosità, di armeria e di centro di studi militari dove venivano raccolte e messe alla prova macchine ad uso civile e militare.

  • 20 Termini come « statica », « dinamica », « forza », ecc. hanno preso il loro significato scientifico (...)
  • 21 Il Mechanicorum Liber venne riedito sia in latino sia in volgare nel 1615, tradotto in tedesco nel (...)

5Il Mechanicorum Liber, che venne quasi subito considerato come il trattato più autorevole sulla « statica »20 dai tempi dell’antiquità e conobbe una vasta circolazione (perfino a livello europeo) non soltanto tra matematici, ma persino tra architetti e ingegneri21, non poteva non affascinare un uomo come Savorgnan. L’opera è infatti dedicata alle « Macchine Semplici » – cioè la leva, la carrucola, l’argano, il cuneo e la vite –, un tema che era già stato affrontato nell’antichità da Erone e Pappo di Alessandria ed era diventato, nel Rinascimento, uno dei problemi centrali degli studi di meccanica. Con lo scritto del 1577, Guidobaldo riusciva a creare un modello matematico delle « Macchine Semplici », riconducendone il funzionamento alla leva, e stabilendo proporzioni geometriche tra « forze » e pesi applicati.

  • 22 Su Pigafetta, cfr. M. Pozzi, Filippo Pigafetta consigliere del Principe, Vicenza, Biblioteca Civica (...)
  • 23 Cfr. il titolo completo dell’edizione a stampa, cit. supra.
  • 24 Una parte della biblioteca di Giovan Vincenzo Pinelli (1535-1601), ossia centinaia di edizioni a st (...)

6Il traduttore, il vicentino Filippo Pigafetta (1533-1604), fu un uomo di grande esperienza e un viaggiatore infaticabile, difficilmente riconducibile ad una « professione » ben definita22. Ricevuta una buona formazione letteraria, questo figlio naturale privo di redditi si dedicò in un primo momento alla professione delle armi, che esercitò verosimilmente dal 1556 al 1571. Dal 1574 viaggiò in Europa (probabilmente come agente segreto), in Africa settentrionale e nel Medio Oriente, imparando ogni volta la lingua dei paesi percorsi, interessandosi alla politica e alla strategia militare. Tornato in Italia prima del 1579, si recò presso l’amico Giulio Savorgnan dove si mise a tradurre il Mechanicorum Liber. Pigafetta, che non era matematico di professione, si dovette confrontare con molti quesiti quando cominiciò a tradurre : come volgarizzare termini così precisi ? Come far intendere ad un pubblico di « capitani di guerra, ingegnieri, architetti, et d’ogni artefice »23 una materia così astratta ? Ebbe la fortuna di potersi avvalere dei consigli linguistici e scientifici dell’autore : qualche mese prima della pubblicazione della traduzione, autore e traduttore si scambiarono diverse lettere che si trovano adesso nel fondo Pinelli della Biblioteca Ambrosiana di Milano24.

  • 25 F. Pigafetta, BAM, R 121 sup. f. 14r-15r. Si tratta di una delle due lettere conosciute di Pigafett (...)
  • 26 Queste prime lettere sono perdute.
  • 27 F. Pigafetta, lettera del 5 novembre 1580, cit. In questa lettera Pigafetta ringrazia l’autore per (...)
  • 28 G. dal Monte, BAM, R 121 sup. f. 18.
  • 29 Id., R 121 sup. ff. 25-26r.
  • 30 Id., D 34 inf. f. 103.

7La prima lettera datata del carteggio è di Pigafetta ; risale al 5 novembre 158025, ma sappiamo che la sua corrispondenza con Guidobaldo cominciò tra l’aprile e l’ottobre 158026. Fu apparentemente Pigafetta a prendere l’iniziativa, pregando dal Monte di controllare la traduzione27. Del carteggio rimangono poi soltanto lettere di Guidobaldo, del 14 novembre 158028, del 31 dicembre 158029 (lettera originariamente accompagnata da correzioni che andarono perdute), del 21 gennaio 158130, del 24 febbraio 1581 (D 34 inf. f. 109), del 5 marzo 1581 (f. 120r), del 2 aprile 1581 (f. 117-119r), del 24 aprile 1581 (f. 113) e del 29 aprile 1581 (f. 121r). La prima parte del carteggio, da noi trascritta, è focalizzata in particolar modo sui problemi di traduzione. Poi, a partire dall’inverno 1580-1581, le lettere evocano prevalentemente questioni matematiche e, a partire da aprile, considerazioni pratiche sull’imminente pubblicazione.

8L’analisi del carteggio mostra che Guidobaldo esercitò un forte controllo sia sulla lingua della traduzione sia sulle annotazioni che Pigafetta pubblicò a nome suo, ma che furono suggerite – a volte addirittura dettate – dall’autore. Quest’ultimo spinse il traduttore a modificare radicalmente alcune scelte di traduzione. La genesi delle Mechaniche è dunque segnata dal confronto tra due visioni della lingua originariamente antagoniste.

  • 31 G. dal Monte, R 121 sup. f. 13r, senza titolo, R 121 sup. f. 20r : « Errori nella traduttione dove (...)
  • 32 « Trutina è quella cosa, che sostiene tutta la bilancia, la quale trutina piglia il perno, overo l’ (...)

9Dal Monte si dichiara soddisfatto dalla traduzione del capitolo De libra (che introduce il Mechanicorum Liber), eppure suggerisce diverse correzioni che egli elenca in tabelle31. Sostituendo figura soda con figura solida, gravezza della grandezza con gravità della magnitudine, gioia con trutina32, archipenzolo con perpendicolo, oppure scegliendo di tradurre helix e cylindrus con elice e cilindro, l’autore preferisce il latinismo o l’ellenismo alle forme volgari – talvolta dialettali – proposte da Pigafetta (quali gioia per trutina o verme per helix). Soltanto in due casi (axis in peritrochlio tradotto asse nella rota, e punctum versionis tradotto da punto del volgimento), dal Monte consiglia al traduttore una forma più lontana dall’originale latino. Anche se alcune fra queste minuziose correzioni evidenziano lievi improprietà e inesattezze sintattiche, esse sono in generale delle osservazioni a carattere semantico, ossia osservazioni di uno specialista sulla proprietà dei termini della traduzione : il testo scientifico non può ammettere approssimazioni.

  • 33 F. Pigafetta, R 121 sup. ff. 14r-15r.

10Le forme dotte suggerite da Guidobaldo suscitano la risposta di Pigafetta (lettera del 5 novembre 1580). A prima vista poco numerose, le divergenze lessicali tra i due portano Pigafetta a definire la lingua della matematica in modo diverso. Se il traduttore ha scelto di volgarizzare i termini dotti, traducendo triangulusaequicrurius con triangolo di due lati eguali, rectus con retto, gravitas con gravezza, directio con diritturo, mixtus con mescolato, aequidistans con egualmente distanti e magnitudine con grandezza, è innanzitutto per essere facilmente inteso da lettori colti, ma non specialisti. Nello stesso modo vorrebbe volgarizzare il lessico delle frazioni (multiplex, sesquialtera, dupla, tripla, submultiplex, subsesquialter, subdupla, subtripla) perché « per certo a lasciarle così latine, Ella può fermamente credere, che a modo veruno non saranno intese giamai, se non dai dotti, il numero dei quali è picciolissimo ».33

  • 34 Guidobaldo, conte di Montebaroccio, apparteneva alla famiglia dei Marchesi Bourbon del Monte.

11Questa divergenza di concezione attorno alla lingua della meccanica è tanto più interessante che Pigafetta non rimette mai in dubbio le osservazioni di tipo scientifico di Guidobaldo, come se la lingua fosse una questione in cui il discepolo si possa permettere di contraddire uno scienziato che appartiene a una delle famiglie più importanti del Ducato d’Urbino34. Insomma, da un punto di vista sociolinguistico, Pigafetta – un semplice viaggiatore colto che ha fatto il soldato – rivendica il diritto di discutere di una lingua che appartiene – a lui e ai lettori non specialisti per i quali traduce – così come essa appartiene al gruppo dei nobili eruditi rappresentati da Guidobaldo.

  • 35 Sulla questione si vedano i lavori di J.-L. Fournel, Rhétorique et langue vulgaire en Italie au xvi(...)
  • 36 F. Pigafetta, lettera del 5 novembre, R 121 sup. f. 15r : « Et per certo a lasciarle [le proportion (...)

12La questione di fondo è di grande portata : a chi appartiene il volgare, e a chi appartiene il sapere35 ? Poiché nel 1580 la lingua delle pubblicazioni dei matematici è ancora in larga parte il latino, rimane indeterminato il volgare utilizzato per un trattato di meccanica. È questo un mezzo di comunicazione rivolto ad un vasto pubblico colto, oppure uno strumento specializzato all’uso di un numero « picciolissimo » di dotti ? Anche se questo margine d’indeterminatezza della lingua della traduzione può tutto sommato sembrare abbastanza ridotto, a noi che conosciamo bene i termini dotti utilizzati da Guidobaldo, va precisato che tale ambiguità era percepita in modo acuto dagli uomini dell’epoca : è quello che mostrano le trascrizioni equiciur e e quid instante (invece di equicrur e di equidistante) del copista della lettera del 14 novembre 1580, manifestamente ignaro di matematica. Qualche decina di termini tecnici dotti possono dunque rendere il testo inaccessibile a lettori che non possiedono una cultura matematica greca e latina sufficiente. In questa « lotta per la lingua », Pigafetta si schiera dalla parte dei non specialisti, come dimostra anche un suo breve aneddoto sull’elitarismo dei dotti36. Il traduttore registra in quest’occasione una sorta di afasia dei tecnici nei confronti delle parole degli eruditi. Questo discorso è molto interessante perché nasconde in realtà una posizione paradossale : infatti Pigafetta difende teoricamente l’idea che la scienza e la capacità di esprimersi in termini scientifici siano settori indipendenti dalla lingua di comunicazione – idea che potrebbe anche avere come conseguenza che la scienza possa fare a meno della lingua naturale. Eppure la lingua del volgarizzamento proposta da Pigafetta implica una forma di divulgazione scientifica, e dunque un’alterazione del contenuto del discorso.

  • 37 Si vedano a questo proposito gli Avertimenti circa il tradurre di Guidobaldo, R 121 sup. f. 21r.
  • 38 G. dal Monte, lettera del 14 novembre 1580, R121 sup., ff. 18r-19v.

13Pigafetta è un traduttore per il quale le questioni della ricezione e della lingua della traduzione sono fondamentali ; invece, per Guidobaldo, fondamentali sono l’esattezza e l’univocità di termini che rispettino nella maniera più fedele possibile il lessico originale latino37. Non esistono alternative ai latinismi e ai grecismi perché le nozioni vanno nominate una volta sola dai matematici. Benché nel 1580 non possa più essere messa in discussione la legittimità del volgare come lingua della comunicazione dotta, quest’ultimo non fornisce ancora al matematico uno strumento pienamente soddisfacente, sicché il ricorso alle lingue dotte, tramite latinismi e grecismi, rimane essenziale. Anche se Guidobaldo preferisce l’uso di termini dotti, sostiene di non essere « così austero che alcuni < termini > che si possono dire italianamente non li volessi dir » : purché siano univoci, egli accetta infatti un piccolo numero di calchi volgari quali triangolo di due lati eguali o linea egualmente distante38.

  • 39 G. dal Monte, Avertimenti circa il tradurre, R 121 sup. f. 21r. Parimenti in R 121 sup. f. 13 Guido (...)
  • 40 Cfr. Le Mechaniche, cit., f. 29r dove cita Petrarca e f. 33v dove cita Dante.
  • 41 G. dal Monte, R 121 sup. f. 18v. In Mechaniche (f. 115r), Pigafetta non riprende l’aggettivo « univ (...)
  • 42 B. Baldi (trad.), Di Erone Alessandrino de gli automati, overo machine se moventi, libri due, trado (...)

14L’esigenza di monosemia permette inoltre a Guidobaldo di delineare una chiara linea di frontiera tra lingua scientifica – dominio dell’esattezza – e lingua letteraria – dominio dell’« esquisitezza del parlare »39. Invece Pigafetta non distingue tra questi diversi usi della lingua e a più riprese nelle annotazioni dell’edizione a stampa giustifica le proprie scelte citando autori « letterari »40. Contrariamente al calco, alla perifrasi e al dialettalismo, i termini dotti consentono infine di stabilire una terminologia « universale »41, cioè un lessico potenzialmente comune alla totalità degli uomini. Rimangono da determinare le coordinate geografiche e culturali della comunità dei locutori sottointesa : Guidobaldo pensa verosimilmente alla comunità degli eruditi italiani, non a quelle, più generali, dei futuri lettori delle Mechaniche, dei tecnici che operano nelle diverse corti d’Italia o dell’insieme dei locutori in volgare. Lungi dall’essere isolato, l’atteggiamento di Guidobaldo nei confronti del volgare scientifico fu condiviso da due altri allievi di Federico Commandino, gli eruditi Bernardino Baldi e Alessandro Giorgi, che tradussero Erone di Alessandria privilegiando i termini dotti, di modo che si potrebbe anche parlare di una « posizione urbinate » sul volgare scientifico42

  • 43 G. dal Monte, R121 sup. ff. 18r-19v.

15Per concludere, c’è qualcosa di paradossale nel volgare difeso da ciascuna delle due parti. Anche se il volgarizzatore sembra difendere una lingua più accessibile, cioè rivolta ad un numero più largo di persone, la posizione del matematico pesarese appare in fin dei conti più fertile per lo sviluppo di una lingua tecnica in volgare. La lingua di volgarizzamento sostenuta da Pigafetta (che si superpone ad un progetto di divulgazione del sapere) non è una lingua suscettibile di perdurare ; infatti il calco dal latino, il dialettalismo, il prestito dalla lingua letteraria caratterizzano un uso linguistico temporaneo e geograficamente localizzato, cioè una lingua di consumo effimera che svanisce non appena trovata. Autore e traduttore propongono dunque due vie possibili. Pigafetta offre un volgarizzamento e una divulgazione, non uno strumento linguistico duraturo. Invece Guidobaldo, pur rifiutando di essere nominato nell’edizione volgare del proprio trattato43, disciplina il volgare scientifico, offrendo un buono strumento di comunicazione dotta, chiaro, esatto e duraturo, conforme all’uso matematico latino e utilizzabile in tutta Italia.

  • 44 M. Henninger-Voss, Working Machines and Noble Mechanics, cit.
  • 45 Capendo che dal Monte si opporrà sempre alle perifrasi, Pigafetta gli suggerisce in R121 sup. f. 15 (...)
  • 46 G. dal Monte, R 121 sup., ff. 18r-19v (14 novembre 1580).

16Malgrado le sue riserve, Pigafetta rispetta tutte le correzioni di Guidobaldo nell’edizione a stampa, tranne per gravezza della grandezza che sostituisce con gravezza della magnitudine (invece di gravità della magnitudine come voleva l’autore), e per l’aggettivo equicrure, che decisamente doveva sembrargli incomprensibile e che traduce con il calco volgare di lati eguali. Eppure come ha mostrato Mary Henninger-Voss44, le annotazioni pubblicate nell’edizione del 1581, elaborate con l’aiuto di Guidobaldo, consentono a Pigafetta di reintrodurre in un certo modo una logica divulgativa45. Contrariamente a quanto scritto nella premessa ai lettori, e conformemente al desiderio di Guidobaldo che, in una delle sue lettere46, non voleva far comparire il proprio nome nell’edizione volgare, una buona parte delle annotazioni nasce dalle raccomandazioni dell’autore, che ritroviamo nelle lettere da questi inviate al traduttore.

  • 47 Id., D34 inf., ff. 117r-119r e F. Pigafetta, Le Mechaniche, cit., ff. 28r-29r. Per un confronto det (...)
  • 48 Le Mechaniche, cit., f. 2r.

17Rimaste sotto il controllo dell’autore, le annotazioni non possono dunque essere lette soltanto come un tentativo di recuperazione del volgarizzamento da parte di Pigafetta, anche se il tentativo esiste. Ad esempio, nella lettera del 2 aprile 1581, dal Monte detta al commentatore quanto va scritto (ha cambiato persino i pronomi personali, sostituendo la propria voce a quella di Pigafetta)47. Nonostante un limitato margine di manovra, Pigafetta tenta di chiarificare il discorso dell’autore, ma il risultato è spesso più confuso ancora. La seconda annotazione delle Mechaniche48 contiene una breve dichiarazione, in cui il commentatore espone il punto di vista divulgativo che lo caratterizza. Pigafetta tenta allora di recuperare nelle annotazioni quello che il volgarizzamento non permette di fare, dato che, sotto il controllo di Guidobaldo, è diventato una traduzione dotta.

18In quest’esercizio di traduzione, così come in numerose altre attività della sua vita – viaggiatore, spia, agente diplomatico – Filippo Pigafetta potrebbe essere definito come un « mediatore », in altre parole come uno che attraversa delle frontiere (geografiche, politiche, sociali, linguistiche, culturali). Nel caso di cui ci occupiamo, egli trasmette un testo erudito e specializzato ad un pubblico colto di non specialisti, mediante un volgarizzamento linguistico diventato poi un vero e proprio lavoro di divulgazione.

  • 49 F. Pigafetta, Biblioteca nazionale centrale di Firenze, ms. Magl. II. IV. 262.
  • 50 BAM, ms. R 123 sup.
  • 51 Per la ricostruzione di quest’episodio, si veda M. Pozzi, Filippo Pigafetta consigliere del princip (...)

19Eppure sembrerebbe che Pigafetta avesse assimilato la lezione linguistica di Guidobaldo. Nel 1594-1595, al suo ritorno dall’Ungheria, dove ha commentato la presa di Györ (Giavarino) da parte dei Turchi, Pigafetta offre al Granduca di Toscana, Ferdinando de’ Medici, una relazione intitolata Trattato delle trincee antiche e moderne49 ; si tratta di una storia della guerra, dell’arte militare e della fortificazione. Ora, esiste nel trattato un’appendice linguistica50, studiata da Mario Pozzi51, e costituita da uno scambio tra l’autore e un letterato toscano anonimo, designato come il « Censore ». Vi si vede Pigafetta difendere l’esattezza e l’univocità della propria terminologia militare, contro gli attacchi incalzanti del Toscano. Benché posteriore alla traduzione delle Mechaniche, quest’episodio permette di evidenziare il fatto che Pigafetta rimase sempre attento alle questioni linguistiche, malgrado una vita attiva e numerosi interessi d’ordine pratico. Sembrerebbe inoltre che avesse fatto tesoro della collaborazione con Guidobaldo dal Monte, ovvero che ne avesse dedotto che gli scritti scientifici e tecnici esigono che si sacrifichi la purezza della forma all’esattezza del dettato.

Trascrizione di alcune lettere del carteggio dal Monte-Pigafetta52

Guidobaldo a Filippo Pigafetta
Pesaro, sine data, precedentemente al 5 novembre 1580
BAM, Fondo Pinelli, ms R121 sup., ff. 20r-21r ; copia coeva

  • 53 Pigafetta tenne conto di queste correzioni : cfr. nell’edizione a stampa i ff. 1r, 2v, 3r/v, 4v, 5r (...)

20Errori nella traduttione, dove per intelligenza ho segnato le carte con li numeri53 :

Carta prima, versi 5:

Tutta la diffinitione direi in questo modo acciò l’abbi il suo senso : « Il centro della gravezzaa di ciascun corpo è un certo punto posto dentro dal quale, se con immaginatione sarà conceputo esservi appesob, il grave starà fermo mentre sarà portato, et manterrà quel sito che egli aveva da principio, né in quel portamento si volgerà intorno. »

Carte 1 versi 13:

« Corpi sodi » – basta dire « corpi » overo « solidi » ;

versi 15:

« figura soda » – « figura solida »

versi 17:

« eguali si fermano » – « eguali da ogni parte si fermano »

Carte 3 versi 4:

« Sarà il punto D più dapresso al punto A et più » – « Sarà il punto D, ch’è più dapresso al ponto A, più alto del ponto G »

Carte 4 versi 7:

« Il quale per necessità ha da sostenere il peso » – « essendo così necessario acciò il peso sia sostenuto »

Carte 5 versi 2:

« Si moverà in giù » etc. – « Si moverà sempre in giù, come richiede la sua natura »

Carte 6 versi 15:

« Sarà etiandio il centro della gravezza della grandezza » – « Sarà il centro della gravità della magnitudine »

Carte 7 versi 14:

versi 30:

« Bilancia stia a piombo » – « bilancia sta a piombo » ;

« distanti fra loro, et dal centro » – « distanti dal centro »

Carte 8 versi 17:

« Stando la bilancia egualmente » – « Stando la bilancia in AB egualmente »

Carte 9 versi 15:

versi 30:

« Non avenirà quest’effetto o per esser »c – « O avenirà questo effetto per esser »d ;

« il punto è in H » – « è il punto H »

Carte 10 versi 8 :

versi 14 :

versi 23 :

versi 28 :

versi 32:

« Non esser collocato nella linea CD » – « non nella linea CD »

« se al C sarà attaccata » – « se nel C saranno attaccati »

« passassero egualmente » – « passassero ancora egualmente »

« egualmente che fu » – « egualmente e staranno immobili, che fu »

« anzi, che se di più » etc. – questo è detto troppo oscuramente et si potria dire « che ine ogni modo, se bene si appiccano al C il peso E, non si muova sempre in giù verso il G »

Carte 14 versi 7:

« Talché il peso posto in A sarà più grave » – « cioè il peso in A esser più grave »

Carte 15 versi 8:

« Accioché le » etc. – ci manca tutto questo : « et nell’istesso modo dimostrano che quanto il peso è più vicino all’A è più grave, cioè siano le circonferenze LD DA » etc.

Carte 16 versi 23:

« Se percioché egli » – « se in quanto egli sta nel sito dove si ritrova, come anche in quanto si parte da quello, et insieme che » etc.

Carte 17 versi 8:

versi 13:

« Come il peso posto in D… » – « come il peso in D prema e sta più sopra il punto del volgimento C come a centro, cioè in D » etc.

« ch’è di lati eguali » – « ch’è di due lati eguali » ; ma direi « ch’è

equicrure »

Carte 19 versi 21:

« Et sarebbe impedito dalla linea CK » – « ma egli è impedito dalla linea CK »

Carte 20 versi 30:

« Non però del punto C dell’orizonte » – « non però all’orizonte del punto C »//

a. supra gravezza in scripsit gravità. b. ante appreso del. appresso. c. esser ex essere. d. esser ex essere. e. in bis.

Risposte alle domande fatte nel foglio separato :

21Trutina è quella cosa, che sostenta tutta la bilancia, la qual piglia il perno, et in quelle parti (come Egli scrive) si chiama « gioia », in queste nostre bande si chiama « ghiovola » o vero « l’orecchie », in altri paesi « scocca » ; di modo che non vi è termine che sia commune e però niun di questi sarebbe inteso. E però io direi la « trutina », che si farà termine universale.

22Perpendiculum vuol dir quella linea, ch’è dal centro della libra al mezzo di essa libra. La qual linea io la nominerei « perpendicolo » e non « archipenzolo » ; et questo perpendicolo è solamente nelle bilancie che hanno il centro di fuori della bilancia, o sia di sopra o di sotto. Che quando il centro della bilancia è nel mezzo d’essa, allora non ci è questo « perpendicolo » per esser il centro della bilancia et il mezzo di essa un punto istesso. Et questo « perpendicolo » è cosa immaginata da me solamente e non da altri, e non è né la linguetta, né la linea della direttione.

23Lemma : non bisogna dirlo altrimenti che « Lemma ».

24Corollarium : similmente non bisogna mutarlo, ma dir « Corollario ».

25A carte 5b, a verso 14 la parola « gravitatis » vuol dir « gravitate », ch’è error di stampa.

26Meta : io metterei l’istesso vocabulo « Meta ».

  • 54 Angulus correxi ex Angelus.

27« Angulus54 maior a meta » vuol dire « il maggior angolo che fa il braccio della bilancia con la meta ».

28Punctum versionis è quello, circa il quale ci immaginamo che si giri la bilancia, che è come suo centro ; e però si potrebbe tradurre « il punto del volgimento ».//

Avertimenti circa il tradurre :

  • 55 voci correxi ex voce.

29Circa il tradurre di latino in vulgare il libro delle Mechaniche, per esser questa una materia poco trattata in lingua italiana, e perché bisogna nominar molti termini matematici li quali non abbiamo nella nostra lingua, mi par che bisogni usar voci55 le quali facilitino la scienza e non la oscurino.

  • 56 post lemma del. conro.

30E però mi par che in tutti i modi sia da lasciar le voci toscane, ma formarle dalle latine, le quali se ben non saranno propriamente vulgare e toscane, nondimeno renderanno la scienza più facile e più chiara ; come per esempio a dir « angolo diritto » : questo non vuol dir niente, ma a dir « angolo retto » significa benissimo quella sorte d’angolo. E però in tutti i modi io usarei « linea retta, angolo retto, perpendicolare, parallella, equidistante, linea della direttione, magnitudine, angolo misto, angolo curvilineo, centro della gravezza, centro della gravità, triangolo equilatero, triangolo equicrure, scaleno, lemma56, corollario » e così gl’altri simili a questi. Insomma dove bisogna nominar i termini della scienza, mi par che si facci grande errore nominarli altremente che per il proprio termine.

  • 57 Egnazio Danti (1536-1586), matematico perugino e cosmografo dei Medici, usa nel Trattato dell’uso e (...)
  • 58 F. Commandino, De gli elementi d’Euclide libri quindici, Urbino, D. Frisolini, 1575.

31Nel resto poi, dove non si ha da specificar il termine, laudo che si scriva politamente et italianamente che l’esquisitezza del parlare, per massime toscano, bisogna usarla nelle cose oratorie e poetiche, nelle quali ancora si può scappar, come fece Dante nel suo poema, volendo nominar l’angolo retto, disse « che retto non avesse ». Poi queste voci e questi termini sono già nella nostra lingua accettati ; sì come hanno fatto tutti quelli che hanno scritto e che scriveno in vulgare cose mathematiche, per esempio Frate Egnatio Danti ch’ha fatto professione di scrivere fiorentino, ha usato fin i termini arabi volgarizati, come « almecantaratti » et simili57. E per concludere piglisi l’Euclide vulgare di Federigo Comandino58, e si osservino quelli termini che lui ha usato. Che se in quelle bande non ve ne sono, io ne mandarò uno di qua.

32E questa mi par che sia la maggior consideratione che si abbi d’avere nel tradurre cose matematiche, che facendo altramente si farebbe grandissimo errore.

Filippo Pigafetta a Guidobaldo. Padova, 5 novembre 1580. BAM, Fondo Pinelli, ms R 121 sup, ff. 14r-15r ; copia coeva

33Molto Ill. Sig.re,

34apena V.S. m. Ill.re potrebbe stimare quanta sodisfattione io abbia sentita per la scrittura, che Le è piaciuto mandarmi, con la resposta alle domande mie, con gl’avertimenti nel tradurre et con gl’errori fattivi, che è stato per certo un dar l’anima à cotesta traduttione difficilissima, sì per se stessa come sono tutte le altre, et sì per la povertà de’ vocabuli della lingua buona italiana commodati alle scienze di qualsivoglia sorte, ricca solamente di parole amorose et a novelle, fole, et versi pertinenti.

  • 59 Gian Vincenzo Pinelli (1535-1601), bibliofilo e proprietario di una ricchissima biblioteca a Padova.

35Ma tuttavia io andavo pensando che giovevole avesse ad esser più tosto il domesticare i vocabuli italiani et attribuirgli alle dottrine, che formargli, come Ella dice, da latini. Così io posi nella traduttione invece di « triangulus aequicrus » « triangolo di due lati uguali », imitando i latini i quali scrissero in cambio di « íσοσκελής » che, come Ella ben sa, vuol dire « di due gambe eguali ». Quella parola, che pur significa apunto « di gambe eguali » usata anche da certo scrittore antico toscano in proposito di quel triangolo, veduto da me nella libreria del S.r Pinello59. Pesando alla bilancia questi due vocabuli tanto l’uno come l’altro, et respondendosi singula singulis le voci che lo compongono, la qual cosa chiunque puote adempire nel trasportar i libri da un idioma all’altro, parevami esser ben fatto.

  • 60 usando correxi ex usande.
  • 61 Federico Commandino (1509 ?-1545), matematico urbinate.
  • 62 ottimo ex buon.
  • 63 et in interl.

36Et parimente essendo presso i buoni scrittori di questa favella il volgare di rectus « ritto » over « diritto », di gravitas « gravezza », di directio « dirittura », di mixtus « mescolato » et così degli altri ; et valendo tanto il « παράλληλος » quanto « aequidistans », et questo quanto « egualmente distante » ; et usando60 Frate Egnatio et il volgarizatore61 d’Euclide propostimi da Lei, in luogo di magnitudine « grandezza », mi lasciai persuadere ad usar i predetti vocabuli ; i quali, confidatomi nel Suo ottimo62 giuditio, ho levati via dalla mia traduttione del Suo libro delle Mechaniche, et ripostivi quelli che ordina, sì come ho fatto anche et farò in tutto il resto che Le piacerà di ricordarmi ; bramando io che per ogni modo questa traduttione riesca utile e piana a coloro che non sanno latino, et sopra tutto sia di Suo gusto. Or, percioché Ella si è dimostrata verso me tanto cortese in respondere alle richieste mie, in avertirmi generalmente nel tradurre, et più in correggermi gl’errori commessi, et essendomi celebrata da tutti la Sua nobilissima natura, et il valore nell’armi e nella cavalleria, e la dottrina in ogni scienza tal che in quella venga et63 a sovrastare a ciascun altro signore, et a non esser secunda a niun letterato, io prendo ardire di porgerLe tutti i miei preghi a voler furare tanto di tempo a Suoi più gravi studii et agl’affari, che dia una ricercata a quest’altri pochi fogli che al presente Le invio. Et sono il resto del La Bilancia, tutto il trattato De Vecte, che ho nomato « leva ». Et tutto il libro// De Trochlea, la quale dico « taglia » ; assicurandoLa che oltre al benefitio, che recarà in tolerand’anche quest’altro tedio alla gente che non ha latino, desiderosa nondimeno d’intendere questa utilissima scienza delle Mechaniche, scritta a pieno primieramente da Lei in lingua latina con lodi singularissime del Suo ingegno, sì obbligherà me ancora con saldo nodo a doverLa servire dove potrò sempre. E tanto maggiormente mi muovo a ciò, sapendo espresso che Ella si puote impiegar in quest’opera con fatica leggiera, peroché coteste speculationi ha per le mani, e Le sono agevolissime.

371. Mentre io ero a Osopo con l’Ill.mo S.r Giulio Savorgnano, il quale è stato cagione di questa traduttione, ogni giorno con quel Sig.re, che non fa mai altro che maneggiar difitii militari, si faceva prova delle taglie di cui ha assai e diverse, et ottimamente lavorate da un tedesco suo chiamato mastro Fait. Et ritrovamo che in fatto non riuscivano nel modo che mostra la ragione. Imperoché, per gratia d’essempio, egli have due taglie con tre girelle per ciascheduna, rinvoltevi a tutte d’intorno la corda, et accomodativi due pesi, l’uno, cioè il più grave, serviva per peso posto nella taglia di sotto, et l’altro più lieve per possanza ; unte prima bene le girelle et la fune col sapone. Et secondo la demostratione che è posta a carte 74b la possanza vien ad esser un settimo del peso, cioè sotto se il peso A è di 700 libre, la possanza di G lo sosterrà con 100. Ma come ho detto, non rispondeva in fatto la possanza col peso, et la sperientia con la ragione, peroché non bastavano 100 libre per sostenerlo. Ciò avvenire per la resistenza delle girelle et degl’assetti suoi, et delle funi et per la gravezza loro credevamo ; di che tuttavia desiderava quel signore saper da Lei la cagione, se altra ve ne è.

382. Di più non sarebbe forse male, se così Le pare, di rendere qualche ragione più mechanica e naturale quantunque appaia nelle precedenti dimostrationi perché, attaccando la corda in S, la forza d’un settimo che ella era per rispetto al peso, divenga un sesto per legare la corda in qualche luogo fuori della taglia, come si dice nella figura messa a carte 74b.

393. Carte 83, corollario 2 : dechiarare parimente perché le girelle della taglia di sopra non rendono più tardo il movimento del peso, ma sì ben quelle di sotto.

404. Carte 69b : in principio mostrare con qualche ragione più mecanica e grossa perché aggiungendo nella taglia di sopra un’altra girella e conducendovi la fune, la possanza in O non gravi nulla, ma sia la forza medesima, dicendosi massimamente nella nona propositione che tante corde quante sono, tante parti e possanze sostengono il peso ; dunque bisognerebbe che la forza fosse un quarto del peso, essendo quatro le corde.//

  • 64 linguae correxi ex lingue.
  • 65 Titus Lucretius Carus (I sec. a.C.), De rerum natura, I, v. 139. Di fronte alla difficoltà di rende (...)
  • 66 ante verso del. con.

415. Ultimamente, non essendo fin a questi nostri tempi propter egestatem linguae64, sì come disse Lucretio65 Poeta lamentandosi della lingua latina, stati pratticati questi vocabuli in italiano pertinenti al paragonare una quantità con l’altra, cioè « multiplex, sesquialtera, dupla, tripla » et le altre disposte dalla maggiore quantità verso66 la minore ; et « submultiplex, subsesquialtera, subdupla, subtripla » et le restanti opposte alle primiere, che hanno proportione dal minore verso il maggiore ; et insomma tutte le proportioni dell’una sorte et l’altra, molte delle quali sono sparse nel trattato Della Taglia. Ho necessità d’esser da Lei avvertito del modo che si potrebbono traportare in volgare, che bene stessero e dal più della gente fossero intese. Et per certo a lasciarle così latine, Ella può fermamente credere che a modo veruno non saranno intese già mai se non dai dotti, il numero de’ quali è picciolissimo. Et mi soviene molte volte averne udito a far querele ad uomini per altro ingegnosi et bastevoli a capere tutto il resto del Suo accuratissimo libro, ma novi per modo in questi termini che gli parevano serpenti ; il che era tuttavia defetto loro, non della cosa la quale è per sé chiara a chi possede i termini del arte. Per la qual cosa io in molti, dove acconciamente si è potuto, ho tradotto non le parole, ma quel che vogliono dire ; il che se Li piacerà farassi il medesimo in tutto il resto, e si manifestaranno quei termini con parole significanti quella tal proportione descrivendola.

  • 67 ante intende del. inde.

42O pur meglio sarebbe il lasciar i vocaboli come stanno, et separatamente far annotationi et dechiarargli ad uno ad uno diffusamente. Onde poscia chiunque non gl’intende67, possa con quel’aiuto caperli. Et in questo caso La supplico a po < r > gli la Sua mano, perciò che non sono molti, non superando il numero di 25 o 30 in tutto il libro Della Taglia, dovendo a Lei ciò esser totalmente facile et agevolare lo intendimento di questa materia alla sudetta conditione d’uomini, che Le darano mille benedittioni.

  • 68 P. Bembo, Historiae Venetae libri XII, Venezia, apud Aldi Filios, 1551 ; P. Bembo, Della historia v (...)
  • 69 P. Giovio, Historiarum sui temporis, voll. 2, Firenze, Torrentini, 1550-1552 ; P. Giovio, Delle Ist (...)
  • 70 F. Commandino, De gli elementi d’Euclide libri quindici, Urbino, D. Frisolini, 1575.
  • 71 ante istimate del. he.

43Questo è quanto per ora occorre. Starò attendendo la Sua resposta, accioché tosto diasi principio a stampar il libro, riveduto e corretto da Lei, sì come rivide e corresse la traduttione della sua Historia68 il Bembo et il Giovio69 et ultimamente il buon Commandino70. Onde sono principalmente le due ultime opre riuscite poi così grate et istimate71 da nostri uomini. Tra tanto in Sua buona gratia mi raccomando et prego N.S.re Iddio che Le accresca i contenti. Di Padova a V di novembre MDLXXX.

44Di V.S. m. Ill.re

45Ser.re aff.mo

46Filippo Pigafeta

Guidobaldo a Filippo Pigafetta (trascrizione parziale). Pesaro, 14 novembre 1580. BAM, Fondo Pinelli, ms R121 sup., ff. 18r-19v ; copia coeva

47Molto mag.co S.re mio,

  • 72 trascorsa ex discorsa.

48ho riceuto la Sua cortesissima lettera nella quale V.S. mi prega a voler dare una trascorsa72 alla Sua traduttione. Io non posso mancar di non far tutto quello che io conosco che Gli sia di servitio poiché La mi si mostra così amorevole et cerca di farmi tant’onore in volere tradure il mio libro delle Mechaniche, poiché non è tale che meritti appena d’esser letto.

  • 73 pensiere ex parere.

49Io (per dire liberamente a V.S. il pensiere73 mio) non mancarò di dargli una scorsa solo per guardare il senso promettendoGli di non mutar punto la frase né alcuna altra cosa, circa il quale senso dirò il parere mio rimettendomi al Suo giuditio.

  • 74 equicrur correxi ex equiciur.
  • 75 equidistante correxi ex e quid instante.
  • 76 sì come correxi ex sico me.
  • 77 post meglio del. il.
  • 78 di ex in.

50E se bene io scrissi che sarebbe bene usar li termini, non però vorrei esser così austero che alcuni che si possono dire italianamente non li volessi dir, come « triangolo di due lati eguali », « linea egualmente distante » e simili. È ben vero che alcuna volta e bene spesso direi « equicrur »74, « linea equidistante »75 e simili ; ma non direi giammai « angolo diritto » né « angolo mescolato » perché mi par che non abbino il suo senso, perché « diritto » e « mescolato » hanno all’orecchie un’altro significato che malamente si pò accomodare alle matematiche ; e tanto più quanto che di già li termini sono accettati e fatti familiare sì come76 V.S. pò vedere in tutti li libri vulgari che trattino cose mathematiche. La voce « grandezza » in cambio di « magnitudine » mi piace ; è ben vero che in quello caso che io notai, volendo tradurre « magnitudo ex ponderibus composita », mi par che suoni et esplichi meglio77 « magnitudine » che « grandezza », avendo un non so che di più questa voce « magnitudine composita » di78 quello che ha la « grandezza composta ».

  • 79 Francesco dei Franceschi (ca. 1530-1599), tipografo senese, attivo a Venezia ; in particolare edito (...)

51Ora quello che liberamente Gli volevo dir è che se bene io darò una trascorsa alla Sua traduttione, non voglio però (che stampandosi) esser nominato in mod’alcuno né dire come fano molti « revista dall’autore » e V.S. mi farà gratia di compiacermi in questo, che altramente io non lo rivedrei in alcuno modo. Che se io lo fo, lo farò solo perché V.S. così cortesemente me lo dimanda, non perché anch’io connosco che V.S. abbi questo bisogno, lo farò però per levarGli parte della fatica ; dicendoGli ancora che non è ancor arrivata la traduttione alle mie mani, avendola messer Francesco dei Franceschi79 inviatala per mare et non per il corrier ordinario.//

52Circa li dubbii che V.S. mi domanda io mi risolvo di rimandarLi la Sua lettera acciò per ordine e senza replicare La possi vedere le risposte :

53[…]

  • 80 a in interl.
  • 81 Giacomo Contarini (1536-1595), erudito e collezionista veneziano.

54Circa la quinta et ultima dimanda, mi par che meglio sia usar li termini cioè « molteplici, sesquialtera, sottomolteplice » e simili, e con annotationi dichiararli con li Suoi essempii con li numeri perché a80 circumscrivergli la propositione non potrà aver così del schietto né forsi dell’universale. Però alla prima annotatione io direi che La lo fa accioché le persone che non possegano questi termini non abbino andar studiando i loro significati.// E questo è quanto m’occorre di dirGli intorno alle Sue dimande che se io non Gl’avrò pienamente satisfatto La mi favorisca d’avisarmi di nuovo che non mancherò di replicar dove io avrò forsi mancato per la brevità. DicendoGl’ancora ch’a questi giorni passati io scrissi a lungo al S. or Jacomo Contarino81 sopra il modo come si debbano far l’esperienze, avendomi quello Cl.mo S. or dimandato alcuni dubbii quasi simili a questi che V.S. m’ha ora dimandato.

  • 82 Savorgnano ex Savorgano in interl.
  • 83 raccordi ex raccomandi in interl.

55Non sarò più longo pregandoLa che La mi comandi e come La scrive o vede il S. or Giulio Savorgnano82, le bascia a nome mio le mani e me gli raccordi83 per servitore affetionatissimo ; et Gli bascio le mani. Di Pesaro alli 14 di Novembre del 1580.

56Di V.S.

57Come fr.ello e ser.re Guidobaldo

58de’ Marchesi del Monte

59V.S. mi perdona se io non Gl’ho riscritto questa lettera come io dovevo, per esservi alcune rimesse. Ma per non mancare di mandarla per il corriere, il quale vuole partire, sono restato di farlo.

Guidobaldo a Filippo Pigafetta sine data et loco, BAM, Fondo Pinelli, ms R 121 sup, f. 22r/v ; copia coeva

  • 84 post così lacuna versuum trium.

60Queste diffinitioni mandatemi questa seconda volta esplicano assai meglio il senso delle prime ; ma mi pare che in questa di Pappo vi siano alcune parole di troppo, cioè « lasciato poi scendere al basso ». Perché nel Pappo greco che io mi ritrovo non vi sono et il greco che io mi trovo sta così84.

61Ora questa la vorei tradure con manco parole che fusse possibile et anche uno poco manco affettate, però si potrebbe dire in questo modo che è quasi il medesimo di quello ch’io mandai per il Corriere passato : « Il centro della gravezza di ciascun corpo è un certo punto posto dentro, dal quale, se con l’imaginatione s’intende esservi appesso, il grave mentre è portato sta fermo e mantiene quello sito che egl’aveva da principio, né in quello portamento si va rivolgendo. »

  • 85 cylindro ex cylindio in interl.
  • 86 cylindrus ex cylindus in interl.

62Le parole helix et cylindrus, sì come io scrisse per il coriere passato, io in modo alcuno le nominaria altramente che « helice » et « cylindro85 », che se per significar « helix » vorremo dir « verme », questo vocabulo Dio sa chi l’intenderà e potrà esser che sul venetiano sia per esser inteso ma in altri paesi non lo credo, perché qua da noi si nominano in diversi modi et diversamente. Però mi par che sia da dir « helice » che se noi consideramo le voci « helix » et « cylindrus »86 trovaremo che le sono greche e non latine, nondimeno i latini l’hano fatte come sue sì come anco molte e molt’altre, le quali in latino servono per termini delle scienze. Così mi par che siamo necessitati a far noi ancora, cioè quando non abbiamo le voci proprie e significanti, di tore// le latine e vulgarizarle, sì come più a lungo ne scrissi la posta passata.

63Axis in peritrochio : questo si potrebbe dir « l’asse nella rota » senza altro, cioè senza aggiungervi « co’ raggi » o « stanghette », però direi solamente « l’asse nella rota ».

64Circa poi l’aggiunger al libro, io non ho intentione d’aggiungervi cos’alcuna. Il quale libro ho molto caro che ’l s’intitoli al S.r Giulio Savorganano, sì per esser di queste materie intendentissimo come anco per meritar maggior cosa di questa. Fra tanto starò aspettando gl’altri dubbii desiderando d’intendere se li fogli che io rimandai siano bene ricapitati.

Guidobaldo a Filippo Pigafetta sine data et loco. BAM, Fondo Pinelli, ms R 121 sup, f. 13, copia coeva

Carte — Versia

21 — 22 :

« Sarà S C verso C O » / « sarà S C a C O ». E di questi ve ne sono molti, se ben talvolta si può anche usare la voce « verso ».

Traducendo in molti luoghi queste particelle « deinde, deinceps », io trovo per il più « dopo », dove più presto direi « poi, oltra ciò, di poi » e simili.

25 — 26 :

« Così ritrovaremo tutte » etc./Tutta questa clausula mi par oscura, però direi « e le cose che senza la considerazione della gravezza del braccio della bilancia abbiamo trovato, tutte nell’istesso modo considerando ancora tal gravità le ritrovaremo ».

26 — 32 :

« difficoltà di conoscerle » / « insensibilità »

27 — 33 :

« in modo diverso considerato disposto verso »/« in diverso modo solamente considerato verso »

30 — 23 :

« in sul saldo » / « per se stesse principalmente dalle false ne » etc.

37 — 9 :

« sembra del tutto pensata di sua voglia » / « è al tutto fatta con l’immaginatione, e di propria voglia »

65a. Pigafetta tenne conto di queste correzioni : cfr. i ff. 14r/v, 15r, 16r e 19r dell’edizione a stampa.

66In molti luoghi si trova, come dir « la tal linea have la medesima proportione » : questa voce « have » invece di « ha » non mi par che ella sia usata se non nel verso, che nella prosa è voce napoletana. Però io dove dice « have » direi sempre « ha ».

  • 87 ante piacerà del. pl.

67In molti luoghi ancora io, dove dice per essempio « la possanza di B », ho concio « la possanza in B », sì come anche « la corda di B » — « la corda in B ». Ma La potrà usare qual più Gli piacerà87, se ben a me piace più « in » che « di ».

68In tutt’il trattato Della Taglia L’ha sempre usato « la corda ». Da 140 carte fino al fine di esso trattato L’usa « fune ». Io per tutto usarei « corda », e se ben in tutto questo trattato L’usasse quattro o sei volte « fune » non mi dispiacerebbe, ma sparsamente e non nelle propositioni, né nei corollarii.

69Io per non perder tempo non ho trasportato tutte quelle cose che io ho accomodato in questo foglio separato, ma alcune solamente ; e questo l’ho fatto perché vi perdevo molto tempo ; et nella traduttione alcune sono notate in margine, ma per lo più dentro alla scrittura fra le righe.

Trascrizione di alcune annotazioni di Filippo Pigafetta nelle Mechaniche (1581)88

Annotazioni di Filippo Pigafetta nell’edizione a stampa Le Mechaniche…, Venetia, Francesco di Franceschi sanese, 1581, f. 2r/v

70Conciosia che in questo trattato Della Bilancia, e negli altri ancora l’autore usi alcune parole, le quali non si sono potute trasportare commodamente in volgare, per non essere esse anco state accettate in questa lingua, né intese da ognuno, io le ho lasciate così latine. Ma accioché non facciano difficoltà a coloro, i quali non intendono il latino, le andrò per tutto a suoi luoghi dichiarando.

  • 89 post per delevi di.

71Nel resto poi delle parole mi sono attenuto più al chiaro e all’usato che sia possibile, e ho posto angolo retto, e linea retta in cambio di angolo diritto, e linea diritta, e linea della direttione in loco di linea della dirittura, e così diretto per diritto, e alcuna volta magnitudine invece di grandezza, e angolo misto per mescolato, e angolo curvilineo per89 linee torte, e linea curva per torta, e solido per sodo, e forse qualche altro vocabolo poco usato in questa nostra favella, stimando che coteste parole siano per dimostrare maggiormente la cosa e la intentione dell’Autore ; e etiandio desiderando, che si rendano famigliari, e domestiche in questa scienza, talché ognuno le possa agevolmente intendere.

  • 90 gioia correxi ex gioa.

72Trutina è quella cosa, che sostiene tutta la bilancia, la quale trutina piglia il perno, overo l’assetto, e nomasi in questi paesi gioia90, altrove giovola, overo l’orecchie della bilancia, e in altre contrade scocca, talché non si trova finora vocabolo // che in Italia communemente vi si confaccia, né alcuno di questi sarebbe inteso per tutto. Onde io ho scritto così la trutina, sperando che si abbia a fare termine e parola generale a tutte le nationi d’Italia.

73Perpendicolo vuol dire quella linea, che sporge in fuori dal centro della bilancia al mezo di detta bilancia, il qual perpendicolo è solamente nelle bilancie, le quali hanno il centro di fuori della bilancia, o sia di sotto, o sia di sopra. Ma quando il centro della bilancia è nel mezo di essa, allora non vi è questo perpendicolo per essere il centro della bilancia, e il mezo di essa un istesso punto. Et questo perpendicolo è cosa imaginata dall’autore solamente e non da altri, per agevolare) alcune dimostrationi della bilancia, che di novo ha investigate : e non è la linguetta, né meno la linea della direttione, o dirittura che si abbia a dire.

Annotazioni di Filippo Pigafetta nell’edizione a stampa Le Mechaniche…, Venetia, Francesco di Franceschi sanese, 1581, f. 3r

74Questo vocabolo Lemma greco usato da tutti i volgarizatori di Euclide, e dagli altri scrittori di matematica ancora, ho accettato anch’io. Ma ben con tutto ciò stimo che egli abbia mestieri di un poco di lume per esser inteso ; e viene a dire, sì come nota Cicerone nel secondo Della Divinatione, cosa che prima si prende per render facile l’intendimento delle cose, le quali si hanno dapoi a mostrare, e non è presupposta, perché ella non si prova con ragione, ma supponsi ; ma il lemma si dimostra, come in questo luogo, che prende il punto B essere posto nell’infimo sito della circonferenza del cerchio, e lo prova per doversene valere nelle seguenti dimostrationi.

75Dove in questo lemma si dice, che la linea AB è a piombo dell’orizonte, intendasi per orizonte il piano della campagna, e del terreno sottoposto, volendo dire orizonte parola greca un cerchio, che termina la nostra veduta, e abbraccia e divide la metà della terra tutta. Quando dunque si trova in questi libri una linea, overo altra quantità essere a piombo, overo egualmente distante, o inchinata all’orizonte, intendasi per l’orizonte il piano della campagna, o del terreno.

Annotazioni di Filippo Pigafetta nell’edizione a stampa Le Mechaniche…, Venetia, Francesco di Franceschi sanese, 1581, f. 69v

76In questo trattato Della Taglia, sì come in tutti gli altri ancora, l’autore presuppone che qualunque persona si mette a leggere il suo libro delle Mechaniche sia intendente di numeri, e di geometria ; e però ha sempre mantenuto quello accurato stile e dimostrativo costumato da buoni matematici, usando i vocaboli proprii della scienza, alcuni de’ quali io ho ben potuto volgarizare facilmente, sì che ogn’uno gli possa intendere, come per essempio, nelle proportioni duplum, triplum, quadruplum e gli altri simili, ponendo in vece loro due volte tanto, tre volte tanto, quattro volte tanto : e così per opposito subduplum, subtriplum, e subquadruplum, la metà, un terzo, e un quarto e parimente sesquialterum, sesquitertium, e sesquiquartum, e gli altri simili, che vogliono dire una volta e meza, una volta e un terzo, e una volta e un quarto. Questi dico s’hanno potuto ben dire, e facilmente nella nostra lingua. Ma nell’ampiezza delle proportioni trovandosi altri vocaboli assai, i quali non è possibile così adattare alla nostra lingua, tra quali alcuni si trovano posti dall’autore in questo trattato Della Taglia, io sono stato sforzato a lasciargli così, come erano, per mancamento di parole, che nella nostra favella gli possano esprimere ; ho giudicato dover essere cosa utile il dichiarare tutti i predetti vocaboli pertinenti alle proportioni che ha il peso alla possanza, e la possanza al peso scritti dall’autore in questo trattato Della Taglia, accioché quelle persone, le quali non possedono questi termini, non abbiano fatica di andare studiando i loro significati.

  • 91 Luca Pacioli (1445-1509), matematico francescano, traduttore di Euclide e autore della famosa Summa (...)
  • 92 Niccolò Fontana, detto Tartaglia (ca. 1499-1557), matematico bresciano, famoso per la sua trattazio (...)
  • 93 Giuseppe Zarlino (ca. 1517-1590), teorico musicale e autore di un trattato delle Institutioni harmo (...)

77Dico dunque una quantità potersi paragonare e avere proportione con un’altra in tre modi principali, lasciando ora le più sottili distintioni. Primieramente come maggiore verso la minore, dapoi come minore verso la maggiore, e in fine come eguale verso la eguale. Tutta la dottrina delle proportioni, consiste in questi riguardi, cioè dal maggiore al minore, dal minore al maggiore, e dall’equale all’equale. Or quando una quantità, che sia maggiore, è paragonata con un’altra che sia minore, che si dice proportione di maggiore disuguaglianza, nascono cinque generi di proportioni, l’uno è il moltiplice schietto, il secondo è il sopraparticolare, il terzo il soprapartiente, il quarto il moltiplice sopraparticolare, e il quinto e ultimo il moltiplice soprapartiente. Ma quando si fa comparatione della minore quantità verso la maggiore, allora si producono cinque altri generi opposti apunto ai predetti cinque, e si dicono di minore disuguaglianza, ai quali per fargli differenti da loro si aggiunge da’ latini il sub, cioè sotto, scrivendosi sottomoltiplice, sottosopraparticolare, sottosoprapartiente, sottomoltiplice sopra particolare, e sottomoltiplice soprapartiente. Tutte le proportioni dunque sono comprese in universale da questi diece generi opposti fra sé l’un l’altro, ciascheduno de’ quali poi ha le sue spetie differenti di proportioni. Ma io non ho qui l’intentione di numerarle, né dichiarare diffusamente questa materia delle proportioni, ma solamente li vocaboli posti dall’autore nel presente libro Della Taglia, bastandomi averne dato in generale una rozza cognitione. Ma chi di ciò desidera avere intero conoscimento legga tra i scrittori della lingua italiana Fra Luca dal Borgo91, il Tartaglia nei libri della Arithmetica92, e il dottissimo Zarlino93 nella prima parte delle Institutioni Harmoniche […].

Annotazioni di Filippo Pigafetta nell’edizione a stampa. Le Mechaniche…, Venetia, Francesco di Franceschi sanese, 1581, f. 115r

  • 94 helici correxi ex hlici.

78Ho ritenuto nel tradurre le parole cilindro, e helice i vocaboli istessi, come l’autore gli ha posti, percioché la nostra lingua povera ancora di queste voci, non ne ha finora approvata alcuna per buona, e communemente intesa in tutta Italia per significare le predette due cose cilindro, e helice. Però io, affine di domesticarle, ho voluto farne esperientia, lasciandole così, se per aventura potessero esser accettate. Cilindro, voce greca, è quel bastone lavorato al torno, nel quale si intagliano quei rilievi co’ suoi concavi, che vanno montando in suso a lumaca o chiocciola, e si dicono vite overo in qualche contrada d’Italia vermi o chiocciole, e l’autore qui noma helici94. Basta che la cosa resti chiara, non questionando de’ nomi, e si intenda che voglia dire cilindro, e helice. La vite in latino si chiama cochlea a simiglianza cred’io dell’animale che si mangia detto lumaca, o bouolo, o chiocciola, che è più simile a cochlea latino talché la vite, stando sui nomi, viene ad avere preso il nome da quell’animale, che nella casa, la quale sempre porta seco si rassembra, massimamente nel fondo di essa, in certo modo al rilevo, o verme, overo elice della vite. Onde ben si potrebbe con ragione dire chiocciola alla vite, volgarizando il vocabulo latino cochlea, come si appellano chiocciole le scale che ascendono a vite.

Top of page

Notes

2 D’ora in poi abbreviata come BAM.

3 G. dal Monte, Le mechaniche dell’illustriss. sig. Guido Vbaldo de’ marchesi del Monte, tradotte in volgare dal sig. Filippo Pigafetta nelle quali si contiene la vera dottrina di tutti gli istrumenti principali da mouer pesi grandissimi con picciola forza. A beneficio di chi si diletta di questa nobilissima scienza ; et massimamente di capitani di guerra, ingegnieri, architetti, et d’ogni artefice, che intenda per via di machine far opre marauigliose, e quasi sopra naturali, in Venetia, appresso Francesco di Franceschi sanese, 1581.

4 E. Gamba,V. Montebelli, Le scienze a Urbino nel tardo Rinascimento, Urbino, Quattro Venti, 1988 ; G. Micheli, Le origini del concetto di macchina, Firenze, Olschki, 1995 ; M. Henninger-Voss, Working Machines and Noble Mechanics. Guidobaldo and the Translation of Knowledge, in « Isis », XCI 2, 2000, pp. 233-259.

5 Sembra che il lavoro di E. Calchini intitolato Guidobaldo del Monte e Filippo Pigafetta. Formazione del linguaggio tecnico in volgare nel xvi secolo, tesi di laurea, Università di Pisa, 1982 (relatore : Carlo Maccagni) non abbia avuto la diffusione che meritava. Per maggiori informazioni sulla questione, si veda N. Castagné, Les mots des sciences : la prose scientifique en langue vulgaire dans l’Italie du xvie siècle, tesi di dottorato, Université Paris 8 - Università degli studi di Torino, 2012.

6 Fino a qualche decennio fa l’italiano scientifico era un campo di studi del tutto tralasciato, se escludiamo i lavori pioneristici condotti da Maria Luisa Altieri Biagi a partire dagli anni Sessanta. Fra i numerosi saggi della studiosa sull’italiano scientifico è fondamentale citare, per il Cinquecento, Galileo e la terminologia tecnico-scientifica, Firenze, Olschki, 1965 e gli studi ora raccolti in L’avventura della mente : studi sulla lingua scientifica, Napoli, Morano, 1990 e in Fra lingua scientifica e lingua letteraria, Pisa, Istituto editoriali e poligrafici internazionali, 1998.

7 Come Sperone Speroni, Alessandro Piccolomini, Benedetto Varchi, Cosimo Bartoli (ecc.), che nella prima metà del Cinquecento si interrogarono sulla possibilità che il volgare diventasse un efficiente strumento scientifico. Per una sintesi « letteraria » della questione della lingua scientifica tra Quattro e Seicento, si vedano ad esempio i volumi della Storia della lingua italiana, diretta da Francesco Bruni, fra cui : M. Tavoni, Il Quattrocento, 1992 ; P. Trovato, Il primo Cinquecento, 1994 ; C. Marazzini, Il secondo Cinquecento e il Seicento, 1993, Bologna, Il Mulino. Si vedano anche gli studi di A. Siekiera, Aspetti linguistici e stilistici della prosa scientifica di Benedetto Varchi, « Studi linguistici italiani », 33, 2007, pp. 3-50 e La questione della lingua di Alessandro Piccolomini, in Alessandro Piccolomini (1508-1579). Un Siennois à la croisée des genres et des savoirs, a cura di M.-F. Piéjus, M. Plaisance e M. Residori, Parigi, Université Sorbonne Nouvelle Paris 3, 2011, pp. 217-233.

8 Ad esempio cfr. B. Basile, Galilei e la letteratura scientifica, in Storia della letteratura italiana, a cura di E. Malato, Roma, Salerno, 1997, in particolare vol. V, La fine del Cinquecento e il Seicento, pp. 905-951 ; C. Marazzini, Il secondo Cinquecento e il Seicento, cit., pp. 55 ss. ; R. Coluccia, La lingua della scienza oggi e ieri, in Le parole della scienza. Scritture tecniche e scientifiche in volgare (secoli xiii-xv), a cura di R. Gualdo, Galatina, Congedo, 2001, pp. 7-18.

9 Rimandiamo a N. Castagné, Les mots des sciences, cit., capitolo 1.

10 In materia di storia della lingua scientifica, gli studi linguistici meramente tecnici sembrano ricorrenti. Si veda ad esempio P. Manni, La terminologia della meccanica applicata nel Cinquecento e nei primi del Seicento, in « Accademia della Crusca. Studi di lessicografia italiana », vol. II, 1980, pp. 139-213 : quest’importante articolo esamina, con altri testi contemporanei, l’edizione a stampa delle Mechaniche tradotte da Pigafetta senza però tener conto del contesto di produzione della traduzione.

11 Questa collaborazione cominciò con la Scuola Estiva di Vinci del 2011 (Biblioteca Leonardiana), intitolata « Origini della modernità. Umanisti, artisti, ingegneri e scienziati tra Medioevo e prima Età moderna ». Cogliamo l’occasione per ringraziare Romano Nanni, direttore della Biblioteca.

12 Va rilevato che il nostro approccio corrisponde ad un filone forte della Storia della lingua italiana, illustrato da numerosi studiosi della lingua letteraria (ad esempio da Carlo Dionisotti, Cesare Segre o Gianfranco Folena, e più recentemente da Mario Pozzi).

13 Per maggiori informazioni sulla vita e l’opera di Guidobaldo, si veda K. Andersen, E. Gamba, Guidobaldo Marchese del Monte, New Dictionary of Scientific Biography, 1, Detroit, Ch. Scribner’s Sons, 2008, pp. 174-178, e M. Frank, Guidobaldo dal Monte’s Mechanics in Context, Ph.D. thesis, Università di Pisa - Max-Planck-Institut für Wissenschaftsgeschichte Berlin, 2011-2012, p. 700.

14 Su Commandino è ancora fondamentale lo studio di P. L. Rose, Commandino, restaurator mathematicarum in The Italian Renaissance of Mathematics. Studies on Humanists and Mathematicians from Petrarch to Galileo, Ginevra, Droz, 1976, pp. 185-221.

15 L’edizione critica e commentata del carteggio di Guidobaldo dal Monte, a cura di Martin Frank, è in corso di pubblicazione.

16 Sui legami culturali e scientifici tra Venezia e Urbino alla fine del Cinquecento (dovuti fra l’altro all’attività di ingegneri urbinati nel contesto della fortificazione del dominio veneto nel Cinquecento), si veda O. Trabucco, « L’opere stupende dell’arti più ingegnose ». La recezione degli Πνευματικά di Erone Alessandrino nella cultura italiana del Cinquecento, Firenze, Olschki, 2010.

17 Cfr. M. Frank, Guidobaldo dal Monte’s Mechanics in Context, cit., capitoli I e II.

18 F. Pigafetta, BAM, D34 inf., f. 89v : « Ho compiuto di volgarizare tutto il trattato Della Trochlea del Marchese del Monte et me ne sodisfo, con animo di seguire al resto, se vi sarà profitto, se non l’avrò fatto per gusto et per intendere la ragione di quel bellissimo difitio, aiutato molto da questo Sig.re Ill.mo < Giulio Savorgnan > che ha tutti gli instrumenti, che si possano imaginare da movere pesi ; et sì come Archimede con la sola mano sinistra tirava con uno edifitio solo nomato ωολισωασος dugentocinquanta mila libre, così questo Sig.re con molti stromenti lo può fare. […] Di Osopo a X di aprile dell LXXX. Di V.S. Obligatiss. o ser.re Filippo Pigafetta. »

19 Citiamo dalla lettera dedicatoria delle Mechaniche, cit., s.p., indirizzata a Savorgnan. Su Giulio Savorgnan, cfr. P. La Penna, La fortezza e la città. Buonaiuto Lorini, Giulio Savorgnan e Marcantonio Martinengo a Palma (1592-1600), Firenze, Olschki, 1997.

20 Termini come « statica », « dinamica », « forza », ecc. hanno preso il loro significato scientifico attuale solo negli ultimi due secoli. Per segnalare che nel Cinquecento non esistevano, o che ebbero significati diversi da quelli odierni, metteremo tali nozioni fra virgolette in questo saggio.

21 Il Mechanicorum Liber venne riedito sia in latino sia in volgare nel 1615, tradotto in tedesco nel 1629 da Daniel Mögling, e in parte parafrasato in spagnolo da A. García de Céspedes (1606).

22 Su Pigafetta, cfr. M. Pozzi, Filippo Pigafetta consigliere del Principe, Vicenza, Biblioteca Civica Bertoliana, 2004, 2 voll. e A. da Schio, La vita e le opere di F. Pigafetta, in F. Pigafetta, La descrizione del territorio e del contado di Vicenza (1602-1603), a cura di A. da Schio e F. Barbieri, Vicenza, Neri Pozza, 1974.

23 Cfr. il titolo completo dell’edizione a stampa, cit. supra.

24 Una parte della biblioteca di Giovan Vincenzo Pinelli (1535-1601), ossia centinaia di edizioni a stampa e oltre cinquecento manoscritti, si trova adesso alla BAM : cfr. A. Rivolta, Catalogo dei codici pinelliani dell’Ambrosiana, Milano, Tipografia pontificia arcivescovile S. Giuseppe, 1933. Sulla storia della biblioteca pinelliana, rimandiamo a M. Grendler, A Greek Collection in Padua : The Library of Gian Vincenzo Pinelli (1535-1601), in « Renaissance Quarterly », XXXIII, 3, 1980, pp. 386-416.

25 F. Pigafetta, BAM, R 121 sup. f. 14r-15r. Si tratta di una delle due lettere conosciute di Pigafetta a dal Monte.

26 Queste prime lettere sono perdute.

27 F. Pigafetta, lettera del 5 novembre 1580, cit. In questa lettera Pigafetta ringrazia l’autore per avere accettato di rivedere la traduzione. Dichiara di avere ricevuto “la resposta alle domande mie, con gl’avertimenti nel tradurre, e con gl’errori fattivi” (f. 14r), correzioni che corrispondono indubbiamente a quelle di dal Monte al capitolo De libra del Mechanicorum Liber riportate sui seguenti fogli non datati : R 121 sup. f. 20r (Errori nella traduttione), R 121 sup. f. 20v (Risposte alle domande fatte nel foglio separato), R 121 sup f. 21r (Avertimenti circa il tradurre) e forse R 121 sup. f.13. Un’ulteriore prova che alcuni di questi fogli sono anteriori alla lettera del 5 novembre 1580 consta nel fatto che in essa Pigafetta dichiarava di essersi servito degli scritti di « Frate Egnatio » e del « volgarizatore d’Euclide propostimi da Lei » (cioè Federico Commandino), cosa che gli era stata consigliata da dal Monte in R 121sup. f. 21r. Esiste anche un ulteriore foglio di correzioni, R 121 sup. f. 22r/v, senza titolo né data.

28 G. dal Monte, BAM, R 121 sup. f. 18.

29 Id., R 121 sup. ff. 25-26r.

30 Id., D 34 inf. f. 103.

31 G. dal Monte, R 121 sup. f. 13r, senza titolo, R 121 sup. f. 20r : « Errori nella traduttione dove per intelligenza ho segnato le carte con li numeri » e R 121 sup., f. 22r/v.

32 « Trutina è quella cosa, che sostiene tutta la bilancia, la quale trutina piglia il perno, overo l’assetto, e nomasi in questi paesi gioia, altrove giovola, overo l’orecchie della bilancia, e in altre contrade scocca, talché non si trova finora vocabolo// che in Italia communemente vi si confaccia, né alcuno di questi sarebbe inteso per tutto », Mechaniche, cit., f. 2r/v.

33 F. Pigafetta, R 121 sup. ff. 14r-15r.

34 Guidobaldo, conte di Montebaroccio, apparteneva alla famiglia dei Marchesi Bourbon del Monte.

35 Sulla questione si vedano i lavori di J.-L. Fournel, Rhétorique et langue vulgaire en Italie au xvie siècle : la guerre, l’amour et les mots, in Histoire de la rhétorique dans l’Europe moderne (1450-1950), a cura di M. Fumaroli, Paris, PUF, 1999, pp. 313-340 e J.-L. Fournelet al., La question de la langue comme question des langues, che sarà pubblicato nel 2013 da Droz, nel primo volume del programma di ricerca intitolato « Laboratoires européens des langues vulgaires », a cura di E. Kammerer e D. Müller.

36 F. Pigafetta, lettera del 5 novembre, R 121 sup. f. 15r : « Et per certo a lasciarle [le proportioni] così latine, Ella può fermamente credere che a modo veruno non saranno intese già mai se non dai dotti, il numero de’ quali è picciolissimo. Et mi soviene molte volte averne udito a far querele ad uomini per altro ingegnosi et bastevoli a capere tutto il resto del Suo accuratissimo libro, ma novi per modo in questi termini che gli parevano serpenti ; il che era tuttavia defetto loro, non della cosa la quale è per sé chiara a chi possede i termini del arte. »

37 Si vedano a questo proposito gli Avertimenti circa il tradurre di Guidobaldo, R 121 sup. f. 21r.

38 G. dal Monte, lettera del 14 novembre 1580, R121 sup., ff. 18r-19v.

39 G. dal Monte, Avertimenti circa il tradurre, R 121 sup. f. 21r. Parimenti in R 121 sup. f. 13 Guidobaldo distingue tra prosa e verso : « questa voce “have” invece di “ha” non mi par che ella sia usata se non nel verso, che nella prosa è voce napoletana. Però io dove dice “have” direi sempre “ha” ».

40 Cfr. Le Mechaniche, cit., f. 29r dove cita Petrarca e f. 33v dove cita Dante.

41 G. dal Monte, R 121 sup. f. 18v. In Mechaniche (f. 115r), Pigafetta non riprende l’aggettivo « universale », « sperando, che si abbia a fare termine, e parola generale a tutte le nazioni d’Italia ». La sua definizione del volgare tecnico è senza dubbio diversa da quella di dal Monte.

42 B. Baldi (trad.), Di Erone Alessandrino de gli automati, overo machine se moventi, libri due, tradotti dal greco da Bernardino Baldi abbate di Guastalla, Venetia, appresso Girolamo Porro, 1589 e A. Giorgi (trad.), Spiritali di Erone Alessandrino ridotti in lingua volgare da Alessandro Giorgi da Urbino, Urbino, appresso Bartolomeo e Simone Ragusii fratelli, 1592. Per un’analisi delle traduzioni, rimandiamo a O. Trabucco, « L'opere stupende dell'arti più ingegnose », cit., capitolo 3 et a N. Castagné, Les mots des sciences, cit., capitolo 7.

43 G. dal Monte, R121 sup. ff. 18r-19v.

44 M. Henninger-Voss, Working Machines and Noble Mechanics, cit.

45 Capendo che dal Monte si opporrà sempre alle perifrasi, Pigafetta gli suggerisce in R121 sup. f. 15r di inserire annotazioni : « O pur meglio sarebbe il lasciar i vocaboli come stanno, et separatamente far annotationi et dechiarargli ad uno ad uno diffusamente. Onde poscia chiunque non gl’intende, possa con quel’aiuto caperli. Et in questo caso La supplico a po<r>gli la Sua mano, perciò che non sono molti, non superando il numero di 25 o 30 in tutto il libro Della Taglia, dovendo a Lei ciò esser totalmente facile et agevolare lo intendimento di questa materia alla sudetta conditione d’uomini, che Le darano mille benedittioni. » Dal Monte accetta in R 121 sup. f. 18v.

46 G. dal Monte, R 121 sup., ff. 18r-19v (14 novembre 1580).

47 Id., D34 inf., ff. 117r-119r e F. Pigafetta, Le Mechaniche, cit., ff. 28r-29r. Per un confronto dettagliato tra le lettere di Guidobaldo e le annotazioni di Pigafetta, rimandiamo a N. Castagné, Les mots des sciences, cit., capitolo 7.

48 Le Mechaniche, cit., f. 2r.

49 F. Pigafetta, Biblioteca nazionale centrale di Firenze, ms. Magl. II. IV. 262.

50 BAM, ms. R 123 sup.

51 Per la ricostruzione di quest’episodio, si veda M. Pozzi, Filippo Pigafetta consigliere del principe, cit., pp. 105-111.

52 Le trascrizioni esposte sono di tipo conservativo, ma non diplomatico : le rare modifiche apportate alla grafia cinquecentesca intendono facilitare la lettura del testo, senza cambiare il valore fonetico delle parole. Di conseguenza, l’uso di « j » e « h » è adattato all’ortografia moderna, mentre le consonanti scempie e doppie sono conservate conformemente all’originale. Titoli di opere, capitoli o espressioni in lingue straniere sono indicati in corsivo. Ringraziamo il professor A. Stussi della Scuola Normale di Pisa per i suoi consigli in merito alle trascrizioni. Per ulteriori precisazioni sui criteri di trascrizione, si veda M. Frank, Guidobaldo dal Monte’s Mechanics in Context, cit., pp. 415-416.

53 Pigafetta tenne conto di queste correzioni : cfr. nell’edizione a stampa i ff. 1r, 2v, 3r/v, 4v, 5r/v, 6r/v, 8v, 9r/v, 10r, 11r.

54 Angulus correxi ex Angelus.

55 voci correxi ex voce.

56 post lemma del. conro.

57 Egnazio Danti (1536-1586), matematico perugino e cosmografo dei Medici, usa nel Trattato dell’uso et della fabbrica dell’astrolabio (Firenze, Giunti, 1569) la terminologia araba dell’astrolabio. Si veda a questo proposito N. Castagné, Les mots des sciences…, cit., capitolo 5.

58 F. Commandino, De gli elementi d’Euclide libri quindici, Urbino, D. Frisolini, 1575.

59 Gian Vincenzo Pinelli (1535-1601), bibliofilo e proprietario di una ricchissima biblioteca a Padova.

60 usando correxi ex usande.

61 Federico Commandino (1509 ?-1545), matematico urbinate.

62 ottimo ex buon.

63 et in interl.

64 linguae correxi ex lingue.

65 Titus Lucretius Carus (I sec. a.C.), De rerum natura, I, v. 139. Di fronte alla difficoltà di rendere la dottrina epicurea in latino, Lucrezio lamenta la povertà del lessico scientifico e filosofico latino. Citiamo i vv. 136-145 : « Nec me animi fallit Graiorum obscura reperta / difficile illustrare Latinis versibus esse, / multa novis verbis praesertim cum sit agendum / propter egestatem linguae et rerum novitatem ; / sed tua me virtus tamen et sperata voluptas / suavis amicitiae quemvis efferre laborem / suadet et inducit noctes vigilare serenas / quaerentem dictis quibus et quo carmine demum / clara tuae possim praepandere lumina menti, / res quibus occultas penitus convisere possis. »

66 ante verso del. con.

67 ante intende del. inde.

68 P. Bembo, Historiae Venetae libri XII, Venezia, apud Aldi Filios, 1551 ; P. Bembo, Della historia vinitiana volgarmente scritta libri XII, Venezia, G. Scotto, 1552.

69 P. Giovio, Historiarum sui temporis, voll. 2, Firenze, Torrentini, 1550-1552 ; P. Giovio, Delle Istorie del suo tempo, voll. 2, Firenze, Torrentini, 1550-1552.

70 F. Commandino, De gli elementi d’Euclide libri quindici, Urbino, D. Frisolini, 1575.

71 ante istimate del. he.

72 trascorsa ex discorsa.

73 pensiere ex parere.

74 equicrur correxi ex equiciur.

75 equidistante correxi ex e quid instante.

76 sì come correxi ex sico me.

77 post meglio del. il.

78 di ex in.

79 Francesco dei Franceschi (ca. 1530-1599), tipografo senese, attivo a Venezia ; in particolare editore de Le Mechaniche (Venezia, 1581).

80 a in interl.

81 Giacomo Contarini (1536-1595), erudito e collezionista veneziano.

82 Savorgnano ex Savorgano in interl.

83 raccordi ex raccomandi in interl.

84 post così lacuna versuum trium.

85 cylindro ex cylindio in interl.

86 cylindrus ex cylindus in interl.

87 ante piacerà del. pl.

88 Il segno diacritico & è stato sciolto con e.

89 post per delevi di.

90 gioia correxi ex gioa.

91 Luca Pacioli (1445-1509), matematico francescano, traduttore di Euclide e autore della famosa Summa de arithmetica, geometria, proportioni et proportionalita, pubblicata a Venezia nel 1494.

92 Niccolò Fontana, detto Tartaglia (ca. 1499-1557), matematico bresciano, famoso per la sua trattazione sulla traiettoria dei proietti nella Nova scientia (1537) ; inoltre traduttore e commentatore di Euclide, Archimede, Giordano Nemorario, nonché autore di numerose altre pubblicazioni volgari.

93 Giuseppe Zarlino (ca. 1517-1590), teorico musicale e autore di un trattato delle Institutioni harmoniche diverse volte pubblicato a partire dal 1558.

94 helici correxi ex hlici.

1 G. dal Monte, Guidiubaldi e marchionibus Montis Mechanicorum Liber, Pisauri, apud Hieronymum Concordiam, 1577.

Top of page

References

Electronic reference

Noémie Castagné and Martin Frank, « Definizione dell’italiano scientifico nel tardo Cinquecento : la traduzione del Mechanicorum Liber di Guidobaldo dal Monte », Laboratoire italien [Online], 13 | 2013, Online since 06 February 2014, connection on 20 July 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/737 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.737

Top of page

About the authors

Noémie Castagné

Université Paris 8 - Università di Torino

By this author

Martin Frank

Università di Pisa - Max-Planck-Institut für Wissenschaftsgeschichte Berlin

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page