Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Textes et documents

Alcune lettere inedite della legazione di Baldassarre Carducci alla corte di Francesco I (1529-1530)

Alessandro Monti
p. 133-156

Abstracts

Between 1529 and 1530 Florence was besieged by the army of Charles Vth. During the same period the florentine ambassador Baldassarre Carducci was engaged in a diplomatic mission in France, at the court of Francis Ist. Excluding the documents already published in the nineteenth century by Desjardins and Canestrini, the Carducci’s mission is largely unknown, and particularly obscure are the letters sent to Florence during the months of the siege. In those months Carducci insistently asked to Francis Ist for a military or economic aid to the tuscan city. The author presents in this article six unpublished letters, recently found in the Archivio di Stato di Firenze, useful to explain the background of relations between France and Florence in the last months of life of the Florentine Republic.

Top of page

Full text

  • 1  A. Desjardins e G. Canestrini (a cura di), Négociations diplomatiques de la France avec la Toscane(...)
  • 2  Per il primo periodo si veda il registro copialettere (purtroppo pesantemente danneggiato) che si (...)

1La legazione di Baldassarre Carducci in terra di Francia (1529-1530) è sufficientemente conosciuta, nelle sue linee principali, attraverso i rapporti da lui inviati alla Signoria di Firenze, pubblicati nell’Ottocento da Desjardins e Canestrini1. È altrettanto noto, tuttavia, come le Négociations diplomatiques non siano esenti da lacune. In particolare, per quanto riguarda la legazione del Carducci, mancano completamente le lettere inviate a Firenze nel trimestre marzo-maggio 1529; e tutte quelle scritte nei dieci mesi successivi alla pace di Cambrai – tra gli inizi di settembre 1529 e la morte dello stesso Carducci, ai primi di agosto dell’anno successivo – un periodo in realtà assai interessante (perché coincidente con i mesi dell’assedio di Firenze da parte delle truppe di Carlo V), per ricostruire il quale occorre necessariamente far ricorso a documentazione archivistica inedita2.

  • 3  A. Desjardins e G. Canestrini, pp. 1053-1056 (26 marzo 1529); 1058-1063 (17 giugno); 1064-1068 (23 (...)

2L’ultrasettantenne Carducci, celebrato dottore in legge e tra i massimi rappresentanti della fazione popolare degli Arrabbiati, era stato da sempre un convinto sostenitore dell’alleanza di Firenze con la Francia, con una partigianeria che certo non aiutava l’obiettività di analisi. Fin dai primi giorni della sua legazione nei suoi dispacci dalla Francia venivano così riferite, avvalorandole con enfasi, le numerose boutade di Francesco I, che – mentre a Cambrai già si trattava la pace – continuava a dirsi disposto a passare lui stesso in Italia per affrontare l’imperatore, e poi dichiarava la propria intenzione di guidare personalmente una crociata contro i Turchi alla testa di un grande esercito cristiano; il tutto garantendo che mai avrebbe abbandonato gli alleati italiani (e fiorentini), e che anzi era piuttosto disposto a rinunciare ai propri figli prigionieri3. Di fatto, in presenza dell’ambasciatore fiorentino, il re francese aveva più volte espresso il proprio attaccamento alla città toscana, dichiarandosi assolutamente obbligato a intervenire in sua difesa. Tuttavia il rischio che la Maestà Cristianissima abbandonasse le cose d’Italia era ben presente ai vertici politici fiorentini, che seguirono con preoccupazione, nel corso del 1529, gli avvisi sempre più insistenti di una prossima composizione tra il monarca francese e Carlo V; d’altra parte, l’ambasciatore fiorentino puntualmente registrava (e riportava nei suoi dispacci alla Signoria) le dichiarazioni dei gentiluomini del consiglio regio, e dello stesso sovrano, circa l’intenzione di proseguire le ostilità o comunque di comprendere anche gli alleati italiani nella pace con l’imperatore.

  • 4  A questo proposito cfr. la lettera dei Dieci a Ceccotto Tosinghi, 8 luglio 1529, in ASF, Dieci di (...)
  • 5  A. Desjardins e G. Canestrini, pp. 1081-1087 (10 luglio 1529), 1087-1094 (22 luglio) e 1098-1102 ( (...)

3Stupisce constatare come gran parte della dirigenza repubblicana – nel valutare la situazione – tenesse in quei mesi in seria considerazione la prospettiva di una rinnovata attività militare francese, a dispetto dei molteplici indizi in contrario4. In questo errore di valutazione aveva un suo ruolo anche la credulità dell’ambasciatore Carducci, il quale – convintamente filofrancese – se continuamente protestava la debolezza delle forze fiorentine e la necessità di un soccorso per salvare Firenze, «fortezza d’Italia», d’altra parte sembrava lui stesso volersi persuadere che la Maestà del Re non avrebbe abbandonato la tanto fedele città toscana, e in tale convincimento era disposto a dare orecchio al canto di qualsiasi sirena5.

  • 6  ASF, Dieci di Balìa. Missive, 102, cc. 104v-105r, 21 agosto 1529.

4Ai primi di agosto, con la pace di Cambrai, Francesco I abbandonava i suoi alleati italiani al proprio destino. Notizie della conclusione di una pace arrivarono a Firenze già il 7 agosto, ma una conferma certa e informazioni dettagliate giunsero soltanto il 20: dalle lettere del Carducci e da altri avvisi arrivati dalla Francia si venne così a sapere che l’accordo era stato «publicato solennemente, del quale sono exclusi li venetiani et noi»6. Un’esclusione, quella dei collegati, che «sarà una perpetua memoria a tutta Italia di quanto sia a prestar fede alle loro collegazioni, promesse e giuramenti», commentò l’amareggiato ambasciatore.

5Le Négociations diplomatiques si interrompono poco dopo, con la lettera del Carducci ai Dieci del 2 settembre 1529. Nei mesi successivi – mentre Firenze affrontava l’assedio portatole dalla coalizione delle truppe imperial-papaline – il Carducci continuò insistentemente, pur senza alcun successo, a cercare da Francesco I aiuti finanziari per la Repubblica, e i suoi rapporti dalla corte avrebbero contribuito ad alimentare nei fiorentini le speranze di un imminente soccorso francese.

  • 7  A. Desjardins e G. Canestrini, pp. 1106-1111 (16 agosto 1529).

6Già da agosto – quando l’assedio di Firenze ancora non era iniziato ma già sembrava inevitabile – l’attività del Carducci si orientò alla ricerca di un “subsidio” per la difesa della città7: un aiuto, sostanzialmente economico, che avrebbe dovuto essere elargito nella massima segretezza per non infrangere le condizioni della pace e non mettere in pericolo la vita dei due figli del re, ancora prigionieri di Carlo V.

  • 8  Cfr le lettere di Carducci ai Dieci in ASF, Resp. 151, cc. 4r-5r; 6rv (9 ottobre) e c. 1r (11 otto (...)
  • 9  ASF, Resp. 151, cc. 8r-9r, 21 ottobre 1529.
  • 10  ASF, Resp. 151, cc. 10r-11v, 24 ottobre 1529.
  • 11  ASF, Resp. 151, cc. 85r-87r, 25 novembre 1529.

7Continuamente promessa, la “subsidione” ai fiorentini veniva altrettanto continuamente rimandata, proprio nel «timor che Cesare non prendesse occasione di denigargli li figlioli». Il re aveva comunque affidato la questione nelle mani di Philippe Chabot, l’ammiraglio di Brion, ai quali i fiorentini avrebbero dovuto inviare un agente fiduciario per accordarsi8. La realtà era che il monarca francese, che aveva già perso due guerre contro l’imperatore, non aveva nessuna intenzione di tornare a sfidarlo, almeno finché questi avesse mantenuto prigionieri i suoi figli. Per questo, come riconosceva lo stesso Carducci, nelle discussioni con i francesi occorre accettare «la excusatione dello interesse potentissimo, della affectione paterna avida della redentione de’ figliuoli»9; e tuttavia questo non impediva ai gentiluomini del consiglio del re di lusingare l’ambasciatore, garantendogli la «vittoria manifesta» di Firenze. L’alleanza imperial-papalina non era fatta per durare, si dicevano certi i consiglieri del re, e il papa non aveva sufficienti risorse per finanziare a lungo la guerra: per questo la città doveva sforzarsi di «sostenere più che si può questa impresa», nell’attesa che un cambiamento nella situazione permettesse l’arrivo di aiuti francesi10. Alla fine di novembre 1529, nessuna decisione si era concretizzata, e al Carducci appariva chiaro che un eventuale soccorso dalla Francia doveva attuarsi «sanza alteratione delle conventioni fatte con Cesare», onde evitare «cosa alcuna che havvesse a impedire la tanto desiderata redemptione de’ figli»11.

  • 12  ASF, Resp. 151, c. 367rv, 27 aprile 1530.
  • 13  ASF, Resp. 151, cc. 478r-480r, 11 maggio 1530.
  • 14  Archivo General de Simancas (AGS), Estado, foll. 173 (originale in cifra) e 175 (decifrato), 4 giu (...)
  • 15  ASF, Resp. 151, cc. 494r-495r, 11 giugno 1530; c. 497r, 15 giugno; cc. 492r-493v, 27 giugno; e cc. (...)

8Una soluzione sembrò trovarsi soltanto intorno alla metà del marzo successivo (1530), quando si ipotizzò che un “subsidio” si potesse ottenere attraverso una “assegnazione” ai mercanti della comunità fiorentina di Lione, saldando a questi ultimi crediti per oltre 55 000 scudi che vantavano verso la Corona – parte dei quali sarebbero stati girati in beneficio della difesa della città. In tal modo, si sarebbe raggiunto l’effetto sperato senza che Francesco I potesse essere accusato di tradire gli accordi di Cambrai. Tra dimostrazioni di ottimismo e false speranze – continuamente alimentate dal re e dagli uomini del suo consiglio (in particolare dal cancelliere Duprat, dall’ammiraglio di Brion e dal Gran Maestro, il Montmorency) – su questa ipotesi il Carducci continuò a lavorare fino all’ultimo, senza in realtà che si concludesse alcunché12. La positiva soluzione dell’accordo per la «provvisione de danarj» veniva ogni volta confermata ma comunque rimandata13, in attesa della «recuperatione dei figliuoli»14, mentre da parte francese si prospettava anche una possibile iniziativa di mediazione nei confronti di Clemente VII15.

  • 16  Si riferisce a questo periodo anche il Libretto giallo segnato F del partito fatto con la Maestà d (...)
  • 17  Sui rapporti tra la Firenze repubblicana e l’Inghilterra di Enrico VIII, cfr. C. Roth, England and (...)

9Contemporaneamente, i fiorentini giocavano anche un’altra partita diplomatica, cercando aiuto anche presso Enrico VIII: anche di questa trattativa ci resta traccia nelle lettere che pubblichiamo in appendice. Di un possibile aiuto economico inglese si parlava fin dal novembre 1527, quando ambasciatore a Enrico VIII era stato nominato per un breve periodo Pier Francesco Portinari16. Enrico, che doveva cercare la benevolenza di Clemente VII per ottenere l’assenso al proprio divorzio da Caterina d’Aragona, non voleva irritare la Santa Sede appoggiando i fiorentini. Per questo, il suo atteggiamento verso la Repubblica era stato fino allora altalenante, finché il Portinari non fu richiamato in patria e i rapporti interrotti nell’autunno 152817.

  • 18  ASF, Dieci di Balìa. Legazioni e commissarìe, 48, cc. 141v-142r (10 maggio 1530) e 144r-145r (30 m (...)

10Nel frattempo però lo scontento di Enrico VIII verso quel papa che non voleva acconsentire al suo divorzio era cresciuto: e le relazioni diplomatiche con Firenze vennero così sostanzialmente riallacciate attraverso la mediazione di Francesco Bardi, il più influente mercante fiorentino tra quelli di base a Londra, che poi sul finire di maggio 1530 sarebbe stato ufficialmente incaricato di riattivare la missione diplomatica londinese18.

  • 19  AGS, Estado, 1438, foll. 172 (originale in cifra) e 174 (decifrato), 2 giugno 1530.
  • 20  ASF, Resp. 151, cc. 497r (originale) e cc. 495rv (decifrato), 15 giugno 1530. La somma di trentami (...)
  • 21  AGS, Estado, 851, fol. 11 (altra copia in Estado, 850, fol. 16).

11Oltre che alla corte di Enrico VIII, trattative si svolgevano anche a quella di Francesco I, tra l’ambasciatore Carducci e il conte di Wiltshire, Thomas Boleyn, che si era fermato in Francia di ritorno da un’inutile ambasciata a Clemente VII. Al Carducci l’inviato inglese aveva più volte riferito la volontà del suo re perché la libertà di Firenze non fosse cancellata, e il Boleyn si era fatto mediatore con Francesco I per ottenere un finanziamento congiunto anglo-francese che era stato stabilito in ventimila scudi19: qualche settimana dopo, forse a causa della scarsa propensione del Cristianissimo a contribuire all’impresa, all’ambasciatore fiorentino era stata poi comunque prospettata – come riferì nel suo dispaccio del 15 giugno – la possibilità di un finanziamento inglese alla causa repubblicana, per un importo che fu concordato in trentamila ducati da pagarsi in due tranche20. La somma, insieme a quella che sarebbe stata raccolta dalle colonie mercantili fiorentine in Francia e in Inghilterra (che avevano raccolto poco più di 5 000 ducati), sarebbe dovuta servire ad arruolare nuove truppe mercenarie da concentrare in Pisa21: un esercito di soccorso che avrebbe dovuto marciare su Firenze, per liberare la città assediata, secondo un piano elaborato già tra febbraio e marzo.

  • 22  G. Molini, Documenti di storia italiana copiati su gli originali autentici e per lo più autografi (...)

12Sul finire di luglio, gravemente malato, l’oratore fiorentino scrisse al Montmorency, per segnalare l’arrivo di un inviato straordinario della Repubblica, Luigi Alamanni, che l’avrebbe affiancato da quel momento in poi22. Per poco tempo, in realtà: Baldassarre Carducci sarebbe morto ad Angoulême di lì a una settimana, il 6 agosto 1530, pochi giorni prima della resa di Firenze.

Appendice documentaria

Baldassarre Carducci ai Dieci di Libertà e Pace. Da Bles, 30 marzo 1530

ASF, Dieci di Balìa. Responsive, 151, cc. 176r-177r. Duplicato

13Fu l’ultima mia a V.S. de’ XVIIJ del presente non so se Dio harà concesso grazia che sia pervenuta salva, so bene che per via de’ Panciatichi si usò diligentia d’indirizarla alli Commissarij di Pisa che per quella via fussi possibile le mandassino a V.S. et l’effetto di quelle era che il Cristianissimo Re era in tanta dispositione quanto era possibile in dare aiuto alla Città et havendo continuato con Sua Maestà la pratica, posposto il rimedio de’ Lanzi, Svizzeri al Duca di Ferrara, venimmo in questa consideratione che in Pisa si potesse fare commodamente et del dominio buono numero di fanti et buoni, i quali marciando alla volta di Empoli, sarebbono per dare impedimento gradissimo allo exercito nimico, et sì per prohibire la via delle vettovaglie come molestare una parte di detto exercito, et forse dare causa di resolvere tale obsidione, il quale pareva a Sua Maestà molto fattibile et a proposito. Solo pareva che la gran somma da pagare a Cesare lo tenesse alquanto sospeso di non potere offerire quantità molto notabile, dove che io per facilitarla gli messi avanti il partito de’ Mercanti di Lione, monstrando che quando Sua Maestà gli volessi assegnare de’ crediti loro, o di parte di essi, convertirebbono tale assegnatione in beneficio della città. Al ché si monstrò molto disposta ad volerlo fare, anchora che insino a questo dì fusse stato durissimo per la resistentia di questo Cancelliere, il quale difettava i crediti detti. Et intanto si dispose Sua Maestà a questa impresa che impose a detto Cancelliere et Admiraglio che intendessino la mente di detti Mercanti et la qualità de’ crediti, et vedessino di fare sì che per tale mezzo si potesse dare subsidio a Vostre Signorie. Detteno per me notitia a detti mercanti, i quali promptamente si offersono a tutto: et a tale effetto hanno mandato qui Giuliano Buonaccorsi con potere et con cedole di tali crediti, le quali monstrò a detto Cancelliere et Admiraglio, loro signorie si sono mostre molto prompte a tale executione. Et l’ordine, et quanto di dare a detti mercanti assegnatione per dette somme contenute in dette cedole da pagarsi loro in sul primo quartiere dell’anno proximo 1531, dando non di manco cautione di convertire una quantità d’un 30M sc. in beneficio di V.S.

14Et con detta Maestà io era restato d’accordo, et con questo mezzo di tale natura che per quanto i figli non siano anchora restituiti, potranno detti mercanti trovare modo in tale assegnatione di fare decta quantità senza che il Cristianissimo si habbia ad intromettere, o suo nome in cosa alcuna. Et havendo io già concluso con Sua Maestà il partito detto comparsono qua alcune di Luigi Alamanni a Genova, il quale per ricordo de’ Commissari di Pisa, i quali doveranno a questa hora havere ricevuto IIIIM scudi da’ mercanti di Lione per le mani di Salvestro Arnolfini, mostrava il medesimo modo di soccorrere la città, et quello essere molto riuscibile et molto prompto; il che subito monstrai a Sua Maestà per farle tanto più cognoscere quanto poteva profittare la celerità, di modo con l’aiuto et la grazia di Dio spero che in brevi giorni si darà compimento a tale opera; alla quale ha dato un poco di dilatione l’essersi parlato di partire la corte per Ambuosa, dove sarà necessario andare per sollecitare la cosa et concluderla se sarà possibile.

15Hammi dato qualche dubitatione di impedimento lo essersi inteso per lettere de XX di Bologna che tra Vostre Signorie et il Papa si era appiccata secreta pratica d’accordo: il che quando si verificasse avanti questa conclusione fariebbe ritrarre Sua Maestà da tale assignatione.

16La venuta de’ figli si tiene per certa et di già sono assai avanti con la Regina, et il danaio et tutto in promptezza, talché a pochi dì del mese potranno essere in Francia.

17Il provvedimento del quale mi scrissono Vostre Signorie volermi provedere per via di Lione lo aspetto con desiderio: perché qua non si guadagna et grossamente si spende.

Da Bles, alli XXX di marzo MDXXX.
E.D.V. Servitor Baldassarre Carducci oratore.

Baldassarre Carducci ai Dieci di Libertà e Pace. Da Vivonne, 18 aprile 1530

ASF, Dieci di Balìa. Responsive, 151, cc. 371r-372r. Decifrato

18Magnifici Domini,

19Furono l’ultime mie de XXX del passato, di poi comparsero le di V.re S.rie de dodici del medesimo, per le quali intesi con assai satisfactione di quanto buono animo et con quanti buoni provedimenti stava la città, et d’altro canto quanto fusse necessario qualche subsidio di questa Maestà per potere durare et resistere alla malignità di chi cerca estinguere cotesta santa libertà, et come per altra ho significato a quelle io non ho mai mancato di battere Sua Maestà sopra di ciò, et seguitatola per tutti i luoghi, dove ella va vagando, e finalmente accostandosi a luoghi propinqui a quelli dove si spera la restitutione de’ figliuoli, onde non siamo molto distanti, tanto che con l’aiuto di Dio si è preso optimo expendiente in questo modo, che essendo creditori i nostri mercanti di Lione della Maestà Christianissima di scudi 55525 in circa, per cedole di quegli, si è ottenuto che sua Maestà dia loro assegnatione di detta somma a certi convenienti termini con conditione non di manco che habbino ad venire in subsidio alla città, di che intendo volerne cautione, et di già si è portato una forma di seguito, la quale per insino ad hora è piaciuta a detta Maestà et Admiraglio, non resta che monstrarla al Cancelliere, al quale non si dubita che parimenti ne habbi a piacere, e dare la sua persuasione. Quo fatto detti mercanti pensano trovare tanta somma, quanta potranno sopra dette assegnationi e provvedere V.re S.rie per farne quelli effetti che credo sappino. Fo stima che fra pochi dì sarà expedito tutto, e havendo detti mercanti già dato principio a qualche somma come devono sapere V.re S.rie, non si mancherà per loro di fare il possibile con tutta quella carità e amore che debba fare qualunque buono cittadino verso la patria sua. Questo partito infra molti tentati è stato accettato per il più certo: et quello che ha fatto indurre questa Maestà a farlo imperoché tutti gli altri generano grandissima suspitione, che Cesare non potesse imputare sua Maestà d’inobservantia delle convenzioni, et ritardare o impedire la restitutione de figliuoli, di che manca al tutto questo: perché sua Maestà paga a detti mercanti uno debito liquido et vero sopravvenuto loro già molti anni, sanza monstrare d’havere disposto alcuno a subsidiare la città: talché su di questo ritratto i mercanti ne vogliono fare più uno partito che un altro in beneficio di chi si voglia, né ha che farne sua Maestà non altrimenti che se hoggi comprasse da detti mercanti alcune mercantie et pagassile, ne vi è dubbio che del resto ne potriano fare la voluntà loro, né intorno a ciò è stato necessario rendere capace sua Maestà con le ragioni dette, tanto che si è ottenuto quanto di sopra, et a brevi giorni speriamo la finale conclusione.

20Non posso dire a V.re S.rie la somma precisa che faranno detti Mercanti, perché nol so. Sonmi bene ingegnato, et ingegnomi, che gli interessi non siano molto gravi per essere la città nel termine che è, et maxime intendendo sua Maestà che la somma vada interamente in beneficio di quella, et bisognando s’impegna fare cautione. Possono bene considerare V.re S.rie che essendo molti creditori in questa somma, saranno anchora varij gusti degli huomini, di modo che non si può promettere più di quello che vorranno fare, perché sanza crediti loro non ci era disegno alcuno, essendo tanta la somma cumulatasi et exborsata da questi popoli per questa restitutione che è stata cosa mirabile che in sì poco tempo sua Maestà l’habbia potuta fare. Et però quando non fusse stata questa commodità de’ mercanti ci era poca speranza di subsidio: et versa vice quando non fusse stata questa sua buona dispositione d’aiutare la città, questi crediti erono di natura appresso di costoro che si sarebbono messi nel dimenticatoio, si che atteso pure l’amore che mostrano portare alla città questi mercanti si può sperare che si provederanno quanto sarà possibile.

21Questa Maestà seguita il cammino detto, e perciò si dimostra a ciascuno che la restitutione dovere essere certa, benché non si manchi di dubitare per molti ab extra che le arguzie et callidità di questi spagnuoli habbino a suscitare ogni dì qualche oppositione, alle quali tutte insino qui questa Maestà non ha fatto resistentia alcuna, non mancando di adenpiere tutto quello che gli è stato domandato delle cose convenienti, in modo che per quella non nascierà difficultà alcuna.

22Partesi hoggi Sua Maestà da Lusignano per alla volta di Bordeus, et noi parimente partiremo seguitandolo procurando il fine di questa expeditione.

23Io ho per altre vie ricordato con ogni reverentia a V.re S.rie dello essere provveduto delli stantiamenti miei per trovarmi soprafatto gravissimamente per havere havuto ad essere continuamente in su le staffe et in su l’hosterie, oltre a qualche altro sinistro occorsomi, et però prego quelle siano contente provedermi, o per via di Lione o per via di Giugliano Buonaccorsi, il quale si è offerto ad ogni semplice lettera di quelle provedermi del bisogno. E di ciò prego di nuovo V.re S.rie alle quali ecc.

Di Vivona il dì XVIII d’aprile 1530
Baldassarre Carducci orator

Baldassarre Carducci ai Dieci di Libertà e Pace. Da Angoulême, 5 maggio 1530

ASF, Dieci di Balìa. Responsive, 151, cc. 476r-477v. Decifrato

24Magnifici Domini, fu l’ultima mia de ventisette d’aprile: di poi comparsono le di V.re S.rie de IIJ del medesimo, per le quali si monstra non havere mie, de che forte mi maraviglio, havendo spesso scritto et duplicatamente, et essendo certo quelle essere condotte a salvamento a Genova à Luigi Alamannj, le quali non dubito per la prudentia et sollicitudine sua harà indirizzate alli commissarij di Pisa; se di quivi poi non haranno havuto quel ricapito che so per loro si sarà procurato me ne duole, perché sono certo che degli advisi per quelle dati V.re S.rie si havriano havuto piacere. Et se Dio darà buona sorte in questa, sono certo faranno il medesimo effetto. Ho bene presentito qua essere state intercette alcune, per le quali questi del Papa ne hanno fatto grave querela col X.mo. Et per riepilogare brevemente quello che per molte si è scritto, essendosi invano ricerco Sua Maestà di qualche subsidio per cotesta poverà città, finalmente per facilitarla atteso la strettezza del danaio in che si trovava per il rendere de’ figliuoli, le si pose il partito più volte referito del dare assegnamento a’ mercanti nostri di certa quantità dovuta loro d’un 59M in 60M scudi; la quale facendosi detti mercanti sotto quella assignatione sovvenirebbono V.re S.rie d’una somma d’un 30M scudi, o di quello si potesse sopra detta assignatione provedere, talché Sua Maestà non si harebbe a sborsare di presente alcuna somma, ma a quelli tempi che sariano daccordo, talché con la gratia di Dio si è venuto a tale conclusione, et si attende di expedire quello che intorno a ciò bisogna secondo l’ordine della corte, et in su questa conclusione benché non totalmente exeguita li detti mercanti non mancano del debito verso la patria come sviscerati di quella di provedere a’ contanti per aiutarne V.re S.rie et per darne quello ordine già noto a quelle.

  • 23  Lacuna di una parola, provocata dall’acidità dell’inchiostro.
  • 24  Figliuolo di Rinieri Rustichi, sottolineato nel testo.
  • 25  Da et bastargli fino a proposito, sottolineato nel testo.
  • 26  Segue il debito loro, ripetuto.

25Appresso essendo stato da V.re S.rie advertito che potendosi ottenere la persona del S.re Renzo, io ne dovessi fare opera, ne ho fatto quello che mi è stato possibile, et per modo alcuno non si è potuto ottenere, per parere la cosa troppo aperta, et non si potere Sua Maestà coprire con alcuna coperta con Cesare et col Papa, ma essendo da Luigi Alamannj e da questi mercanti advertito che in defetto di detto S.re Renzo, quando si potesse ottenere il cap.no Antonio D’Oria, il quale per havere havuto a consegnare le galee del X.mo et sue a Cesare in Genova, si trova senza partito, et per venire quello alla corte per continuare in quel servitio di Sua Maestà, quale gli sarà ordinato, giudicherebbono fusse huomo molto a proposito et che per me se ne dovesse fare diligentia con detta Maestà. Io ne ho strettamente parlato con quella, et benché i medesimi respetti la tenessino sospesa, non di meno havendo questa coperta dello havere detto capitano concepito qualche indignatione di havere havuto a dare dette Galere, gli è paruto più facile il potere condiscendere à tale domanda. Et essendo detto capitano venuto qui, et examinatolo diligentemente di quello che pensi potere servire V.re S.rie l’ho trovato di tanto buono giuditio et dispositione che ne sono restato molto satisfatto; perché veggio in lui optimi discorsi circa modi del potere soccorrere, et […]23 in tutto o in parte V.re S.rie da tanti affanni mediante l’ordine quale gli si monstra doversegli subministrare a tale effetto: da modo che hieri stringendone il X.mo et monstrandogli quanto la celerità sua necessitasse per essere proficua a questa opera, la quale quella monstra havere grandemente a cuore, largamente mi disse essere contento che venisse al servitio et stipendio di V.re S.rie, et quando bene Cesare, o il Papa ne prendessino qualche admiratione sperava che havendo a quel tempo che sarà recuperati i figli, poco si curerebbe di loro querele: e nondimeno volendo che tale cosa fusse secreta, et per la via di mare, talché non se ne dia notitia a’ nimici, et così questa mattina ha non solamente pregato e stretto detto capitano a pigliare tale assumpto, ma comandatoglielo et dato ordine à certi suoi bisogni et affari. Penso che fra IIIJ o VI giorni doverrà partire per a cotesta volta; Dio gli dia prospero cammino acciocché possa dare a V.re S.rie quello aiuto che si desidera, significando a quelle che ancora che al presente si trovasse capitano di galere, non ha mancato ne’ tempi passati di condurre e governare gente di pie’, di maniera che il X.mo proprio mi disse haverlo trovato anchora che giovane di tanta sufficientia che gli pareva essere certo che si havesse a mettere alla morte per fare cosa honorevole e a Sua Maestà grata, et havendo già più volte havuto colloquio qui con uno nostro fiorentino figliuolo di Rinieri Rustichi24 capitano di Lanzi, per essere egli nato e nutrito in quelle parti, et havervi donna et trovarsi qui huomo di questa Maestà, e già stato in campo di San Polo, il quale credo sia noto à Lorenzo Martellj, quello si potesse fare a beneficio di V.re S.rie per essere in campo de’ nimici qualche banda de’ Lanzi, l’ho trovato desiderosissimo di servire alla patria sua: e bastargli l’animo di divertire e fare mutinare buona parte di quelli, o conducendoli a servitio di V.re S.rie, o facendogli altrimenti partire25: il che conferito con detto D’Oria gli è parso molto a proposito. Et però vedrò con quella destrezza che mi sarà possibile che Sua Maestà faccia con lui il medesimo officio, et per adventura venghino insieme da coteste bande. Penso che anchorché V.re S.rie dell’una cosa o dell’altra non mi habbino dato commissione, ne si possa dire essere al ricordo di Luigi, quale V.re S.rie usano et meritatamente per optimo instrumento negli affari loro per la commodità del luogo et la sufficientia della persona, et non essendo spesa di qualità che non si sia dovuta intraprendere in tanto bisogno. Hora se questi mercanti faranno come credo, anzi sono certo, il debito loro26, non doverranno mancare di fare il provedimento ordinato, essendosi fatti vivi per tale merito tali loro crediti quasi desperati, potranno V.re S.rie sperare qualche subsidio di momento, con speranza di alleggerirsi se non in tutto in buona parte da tanti affanni; et havendo per altre detto a quelle che stante questa provisione di questa assignatione pur grossa in fin che questi figli non si recupereranno poco si poterà sperare altra subventione. Nondimeno sperandosi dovere essere presto la restitutione di essi, come hieri efficacemente mi affermò Sua Maestà, non dubito che la potremo assalire et ricercarla bisognando d’altro subsidio, come ella medesima si offerse largamente di fare; et parla con tanta affectione delle opere generose di V.re S.rie che non si poteria stimare, dicendo che tutta la virtù e gloria di Italia si è ristretta nella città vostra, et che tutti gli altri si sono portati da poltronj, di modo che mi prometto potere trovare facilità in Sua Maestà in tutte le cose che saranno di bisogno, perché conosce esserle solo restata aperta cotesta porta gagliarda et fedele in Italia.

26Dissi per l’altra mia che sendo state intercette lettere mie non era fuori di proposito mutare cifera, anzi necessario; et però considerandosi facultà di poterlo fare giudicherei fusse bene. Et perché tutte le cose detti mi paiono importanti, anzi importantissime per la salute di V.re S.rie, userò in espedirle quella diligentia et quella manco spesa che sarà possibile che si concluda a salvamento: perché stringendosi la materia è necessario tenere quelle certificate di quanto occorre.

Da Angulem, il giorno V di maggio MDXXX
Baldassarre Carduccio

Baldassarre Carducci ai Dieci di Libertà e Pace. Da Angoulême, 22 maggio 1530

ASF, Dieci di Balìa. Responsive, 151, cc. 474r-475v. Decifrato

27Magnifici Domini,

28Sono state tutte le mie successive l’una dopo l’altra et duplicatamente insino agli XI di questo che fu l’ultima, che io non posso pensare che qualchuna non sia arrivata a salvamento: e per tutte si è significato il modo della subventione che pensa dare questa Maestà a V.re S.rie per via de’ mercanti: ne si è anchora potuto questa benedetta pratica della assignatione da farsi loro ridurre alla finale conclusione: pure spero in Dio che fra due o IIJ dì doverà essere terminata come mi hanno affirmato il X.mo et questi signori. Et però per questo non mi distenderò più oltre. Ma quello che più mi ha mosso a scrivere è che essendo arrivato qui Mons.re di Bonano huomo del Re d’Inghilterra, et padre di quella donna con la quale si dice quella Maestà desideroso di coniungersi dissoluto il matrimonio presente, partitosi da Roma, dove era ito per tale expeditione al Papa molto male satisfatto. Pensai havendo havuto notitia che al detto doleva questa crudeltà del Papa verso la città, se con mezzo suo io havessi potuto trovare via a provedere V.re S.rie di qualche aiuto: et temendo non fare cosa che a questa Maestà dispiacesse, faccendola sanza ordine suo non volli parlare con quella: ma toltomene l’occasione per all’hora ne parlai con l’admiraglio: il quale commendò tale pensiero dicendo che io lo facessi sanza exprimere cosa alcuna d’haverne parlato con altri, acciò non paresse che questo Re volesse scaricare questo peso adosso ad altri. Parlai con detto Bonano: il quale trovai tanto gratioso et alla città affettionato quanto fusse possibile ricercandomi in spetie se fussi per tenervi qualche tempo: perché si prometteva disporre non solo il suo Re, ma questo anchora a fare opera di salvare sì nobile città: et che ne voleva prima parlare qui, et poi scrivere secondo che si trovava la materia disposta: et per havere havuto mezzo d’uno huomo suo italiano ho ritratto Sua S.ria havere parlato et scritto: et inoltre mi ha dato costui qualche termine di quelle informationj che io debbo dare a Sua S.ria advertendomi di monstrare la cosa più pericolosa che non è, et così ho sempre monstro in ogni luogo: et a sua requisitione gli ho fatto copia di tutti quelli advisi che ci sono da ogni banda, et più dalle bande nimiche che dalla città: perché quelli si monstrano più pericolosi, che li di V.re S.rie i quali advisi vuole mandare al suo Re per meglio certificarlo del sinistro stato di quelle, che forse non è. Ho di poi ritratto da detto admiraglio la cosa andare gagliardamente, et a beneficio di V.re S.rie, stando di ferma opinione che tale subsidio habbia ad essere in tempo et sì gagliardo che quelle potranno sperare non che di salvarsi, ma di recuperare le cose perse, et forse vendicarsi di qualcuno. Et altresì mi ha fatto intendere detto Bonano questa mattina che io stia di buona voglia, che presto harà risposta dal suo Re. Èmmi parso questo di tanta importantia che io non ho voluto obmettere di scrivere, se bene la cosa è in sul principio: perché si vede quello essere tanto prompto et tanto voluntario, che non dubito che non habbia a sortire quello effetto che si desidera: ribadendo per le parole di detto admiraglio questo Re esserci entrato di buone gambe havendo quella compagnia. Perché come io gli havevo monstro trovandosi V.re S.rie una così valorosa banda di gente, ogni volta che queste Maestà se ne volessino servire in Italia al alcuno loro proposito, troverebbeno l’exercito fatto tale che con quello ogni impresa si potria assalire, pagandosi per loro Maestà in quelli modo che hanno fatto V.re S.rie: il che pare che habbino in grandissimo concetto, non si monstrando alieni dal proposito detto: anzi dicendomi havere tagliato ogni difficultà con Cesare, tale che non restava tra loro obbligatione alcuna, et stimando in brevi giorni recuperare i figliuoli, per havere loro contato et messo in potere alli spagnuoli in Baiona tutta la quantità dovuta: et solo si aspettava Mons.re di Iserne da Madama Margherita con certi acquisti, i quali giunti non restava che fare a loro. Dio facci seguire tale restitutione, per potere sperare di quelli subsidij che non si sono possuti sperare per avanti: anzi come qualche volta ho detto, che è quanto a questa assignatione de Mercanti, io temevo che non si havessi a procurare, veduto la difficultà che vi nascevano insino alla restitutione detta. Non voglio obmettere che parlando col detto Bonano, et escusando V.re S.rie del non havere continuato di tenere un huomo appresso quella Maestà, dicendo che ne erano causa le gravissime perturbationi successe, il che non dubitano esere doluto a quelle per la grata et benigna consuetudine di Sua Maestà con la nazione fiorentina, accettò molto facilmente tale excusatione, ma bene mi disse che quando la città possa punto respirare non manchi di mandare et tenere uno suo huomo appresso a quella: perché troverete essere di frutto grandissimo. Penso V.re S.rie sapientissime giudicheranno quello che sia a proposito: et si doveranno ricordare che alcuna volta scrivendone a quelle mi risposono in tempi mali non sopportare tanta spesa, che sarebbono forse quelli benissimo spesi. Non voglio mancare anchora che per l’ultime mie ne dessi sicuramente adviso a V.re S.rie di significare loro siccome havendo io operato in modo che non ha mai parlato l’huomo del S.re Malatesta sanza presentia mia, ho inteso e visto che dopo l’havere raccomandato le cose della città, ha ricerco costoro che li dichiarino se la condotta di costoro debbe andare innanzi: perché non seguendo non gli manchi almeno l’ordine promessogli, et il servito suo sino a qui. Al che gli è stato risposto che per non dare al presente ombre al Papa non vogliono più dire alcuna cosa: ma che bene dopo la restitutione de figliuoli faranno in modo, che detto S.re si potrà del suo servito et d’ogni altra cosa chiamare contento, havendo maxime tanto virtuosamente operato in beneficio di V.re S.rie. Et credo havergli satisfatto in modo nello intrattenerlo, come mi commendano V.re S.rie, che se ne serà contento. Ne altro, d’Angulem alli XXIJ di Maggio 1530.

S.re Baldassarre Carducci

Baldassarre Carducci ai Dieci di Libertà e Pace. Da Bordeaux, 11 giugno 1530

ASF, Dieci di Balìa. Responsive, 151, cc. 494r-495r. Decifrato (originale in cifra alla c. 496rv)

  • 27  Si indica tra parentesi quadre la parte cifrata della lettera.

29Magnifici Domini, Domini mei observandissimi [fue27 l’ultima mia de IIIJ per le mani del homo del S.or Malatesta expedito di qua nel modo che scrissi per quella, di poi transferiti qui subito expedii uno corriero mandato da questi di Lione con le substitutioni in Francesco de’ Bardi et Giovanni Giraldi atteso che Bernardo Altoviti per molte sue occupationi non potette transferirsi là, ne anco li parve di dovere mandare per homo ad posta come per altra largamente dissi, et con lo spaccio medesimo mandai lettere di questo signore Conte oratore del Serenissimo d’Anglia, efficacissime a quella Maestà per ottenere l’asegnatione già detta a questo Re a conto di quello che debbe a quella Maestà, et a benefitio di V.S. Et si attende la risposta, la quale il decto oratore non dubita che habbi ad essere secondo il desiderio suo et nostro, havendo secondo dice cognosciuto quella Maestà, molto mossa ad commiseratione della città di così iniqua impresa, tal che non solo era disposta ad prestarli aiuto, ma per indurre et astringere questa Maestà di riscaldare i detti di Londra a far di là tutta quella opera quale vedranno in augumento di questa prima subsidione di XM scudi, la qual cosa mostra el decto oratore dovere essere facile quando quella Maestà veggha qualche sicurtà di dovere essere rimborsata del suo, anzi discorrendo sopra questa materia con Sua Signoria quella mi mosse un partito un poco alieno dal concetto mio, et questo è che mostrando che quella Maestà debbia ricevere da mercanti della Natione una somma di circa 100M scudi mi domandò se la città piglerebbe sopra di sé questa obbligatione facendo quella Maestà cessioni et trasporti di tali crediti in quelle, il che quando facesse facilmente troverrebbe quella Maestà pronta ad ogni sua subventione. Mostrali questa cosa essere molto aliena dal proposito di quella, perché dove si cerca sublevarla, questo saria uno agravarla, et vorrebbe essere ben grande la subventione che superasse et excedesse tal gravamento et massime non sapendo la conditione et stato di detti debitori, perché potriano essere poste ruinate et fallite talché la città si accollerebbe uno trasporto, et una cessione molto dannosa; dissemi essere homini da poter satisfare, anzi che quando fusseno altrimenti si saria vergognata a parlarne, et non di manco che procurrebbe di haverne nota acciò io ne potessi advertire V.S. Non so donde si nasca questo motivo, da quella Maestà, o pure da Sua Signoria, dissine darei notitia a quelle, ancorché in simili tempi mi paressi inhumano doverle tentare di simili cose, anzi procurandosi questo non si obmettesse il principio già dato di mandarlo ad executione. Il che facilmente concesse, et messe pro absoluto dovere seguire in breve et similmente attenderò quanto si segua per questi di Londra, per le virtù delle substitutioni dette.

30Questa mattina parlando con lo admiraglio sopra le cose di V.S. et dolendomi non havere potuto intendere qual fusse stato l’huomo mandato ad instantia del Pontefice costì all’effetto detto di protestare a cotesti Signori del doversi partire, mi disse non si essere mandato alcuno, né essere di intentione di dovere mandare, anzi per parte di decto Ponteficie ora questa Maestà di nuovo ricerca di doversi mandare uno ad effetto di vedere se era possibile di trovare qualche sesto di accordo intra V.S. et Sua Santità, mostrando haverne voglia grandissima senza simulatione alcuna.

31Non potei contenermi di non dire a Sua Signoria che mi parea in tale materia essere aggirato, volendo tacitamente dire Loro Signorie essere aggirate, perché tante volte si era mosso per Sua Santità simili pratiche et sempre le havea di poi recise et rotte senza mostrare appetito alcuno di conclusione, et che tutto faceva ad effetto di interrompere o suspendere quelli uffitij quali fussino in intentione di questa Maestà di fare ad benefitio della Città, havendo questa immaginatione fixa che pensi ad ogni modo di non la lasciare perire, et però non dovessero prestar fede a sue parole, anzi persistere in tutti quelli propositi ch’essi erano venuti circa la sua subventione. Affermommi questa instantia del Papa non essere finta, anzi desiderata secondo per lettere di Tarbes et secondo la relatione di questo nuntio cognoscevano, et pensavono che procedesse tutto da deboleza di Sua Santità. Pregai Sua Signoria al manco quando pure deliberasseno di mandare che me ne fusse dato notitia et del homo et del tempo, accioché io potessi prevenire con V.S. Promessemi, et affermommi non si farebbe cosa alcuna che di tutto io sarei raguagliato; andrò investigando questa materia, et penso che ad ogni modo questa Maestà me ne ciercherà come ha fatto più volte, di che ho dato notitia a V.S. et facilmente penso che questa pratica sarà conforme all’altre, che non partorirà effetto alcuno, maxime che fusse profitto o utile alla città, et però giudico che V.S. facciano sapientissimamente ad non ci attendere et non prestare molta fede, ma pensare alle provvisioni debite per desperarlo di questo suo iniquo proposito.

32L’assegnatione di XXM scudi fatta in questi mercanti, come per altra mia dissi per l’affetione di detti sarà quel tanto di frutto che sarà possibile, et però essendo la somma piccola insterò per la expeditione di questo altro maneggio con questo oratore di quella Maestà].

33Non voglio mancare che m’era scordato significare a V.S. che ancora che per tutte le dimostrationi si possa sperare la restitutione di questi Illustrissimi figlioli di questa Maestà, debbia succedere ad votum et l’una parte et l’altra si appropinqui al luogo dove si debbe tal restitutione exeguire, non di meno sono varie opinioni intra homini di non mediocre autorità, et ingegno che non habbia a seguire così tosto per molte potenti ragioni, le quale se non fusse la necessità del danajo in che si pensa essere Cesare, crederei doversi verificare. Ma atteso che della somma dovutali da questa Maestà se ne son fatte grosse assegnationi per Cesare, penso che sarà constretto acceptarle et restituirli, et questo è il più potente fondamento che habbiano costoro a promettersi tale restitutione.

34Dia sia quello che dia loro tutta quella satisfattione desiderano in benefitio loro et nostro che è quanto al presente mi occorre significare a V.S., alla buona gratia delle quali mi raccomando. Que bene valeant. Di Bordeos il giorno XJ di Giugno MDXXX.

E.D.V. Servitor Baldasar Carduccius orator

Baldassarre Carducci ai Dieci di Libertà e Pace. Da Bordeaux, 30 giugno 1530

ASF, Dieci di Balìa. Responsive, 151, cc. 490r-491v. Decifrato
Deciferato di una di messer Bal. Carducci oratore in Francia di 30 di giugno 1530 – Data a Bordeus

35Havendo io confidato nella tanto sperata e predicata restituzione di questi benedetti figliuoli come haveno sperato questa Maestà et ognaltro, havev’io sopratenute le alligate per mandarle con lo spaccio deliberato di fare per dare quel contento a V.S. Hora, vedendo quella procrastinarsi di dì in dì et vedendo questa Maestà mettere in acto lo adviso più volte datole, et per le alligate replicatolo, del mandare un personaggio a requisizione del Papa, el quale con Tarbes si trasferisca costì per praticare questo benedetto accordo, quale el detto Papa mostra tanto desiderare, havendo presentito l’homo dover essere el conte di Pontremoli ch’è lo scudiero Pierfrancesco, non mi è parso sopratenere più el detto adviso acciò che V.S. possino pensare a tutto quello che sia di bisogno della città: parlerò con quello et farò quello offitio che penserò che sia utile et necessario et come ho detto veggo tanto appiccati costoro con la speranza del guadagnarsi questo Papa et furarlo a Cesare et mi fanno dubitare non precipitino troppo nel favore suo, anchor che questa Maestà et admiraglio mi habbino sempre affermato la loro instructione a ciascuno di loro dover essere tutto a conservatione della libertà vostra: et ognivolta che punto punto deviassero da quello, V.S. non li debbino ascoltare per non essere instructione di questa Maestà fare altro che quello che sia benefitio et utile di cotesta città: purre tuttavolta li homini spesso fanno di molte cose fuore della opinione et instructione de’ loro maggiori, et che sono poi acceptate et approvate per loro: ma essendo io certo in questo non si poter fare nulla senza el consenso di V.S. spero non habbino a poter quando ben fussero di diversa instructione contraffare in alcuna parte al bisogno et volere di quelle: et ancora che le ragioni, le quali costoro adducono per la parte del Papa, per quali dicono lui inclinare et desiderare tale convenzione, paino, et in verità sieno buone, del cognoscere che questa Impresa non li arrechi che infamia, spesa et dispiacere assai con poca speranza di potere adempiere el desiderio suo, anzi che quando lo conseguisse et facesse non sarebbe tale acquisto assoluto ne libero di Sua Santità, ma gle ne terrebbono occupato in buona parte quelli Cesarei, di modo che saria annoiato, speso a danno et vituperio suo et a profitto di Cesare, non di meno ho molto largamente mostro che queste ragioni non precedono dal fonte del Papa, ma da loro, meddiante le quali s’ingegnono persuaderli tal cosa esserli utile, che per se medesimo atteso la sua obstinatione et accecatione non le harebbe considerate, ne attese, et manco credo che sia per attenderle con la conditione antedetta del patire che la città si conservi nella sua libertà et stato populare, ancora che prendessi grande audienza a tale persuasione di Tarbes, di mente non di manco di Sua Maestà, ma che al concludere vedranno le medesime deceptioni, quali hanno viste insino ad hoggi sopra e’ medesimi trattati: et però non dovrebbe quello sospendere ne differire in alcuna parte quelle subventioni, delle quali hanno sempre dato instructione seguita la restitutione de’ figliuoli, pensando io anzi essendo certo che ogni proposito del papa tende a costesto fine del differire, al che non hanno fatto ne fanno difficultà alcuna, anzi hanno gagliardamente promesso di non mancare.

36Piaccia a Dio sia con effecto, che non dubito. Perché come per altra dissi essendo questa intelligentia d’Inghilterra e di costoro per vedere se spiccandolo da Cesare potessino adempiere i concetti loro del non lassarli corrumpere Italia, e del conseguire il divorzio: per il che temo non vadino con rispetto al dimostrarsi in beneficio vostro: non si mancherà però per sollicitudine et diligenzia spingerli avanti come si è sempre havuto intentione dall’una e dall’altra maestà.

  • 28  Segue, ripetuto: in queste cose qui.

37Non voglio mancare di dire che qui si tiene fermamente, per quelli che hanno qualche iuditio, che questa dilatione della restitutione per detta maestà sia per la causa della vostra città, che insino a che non segue la satisfactione del Papa non sia a proposito che segua la restituzione, che è forse causa di fare ostinare questi Re in questa impresa con tanto appetito, e anchora che io non sappia certo del Re d’Inghilterra per altro che per quello che mi disse questa Maestà, et io lo scrisse a V.re S.rie, che quando il papa con l’uno et l’altro di loro fussino uniti insieme con la città, facessino i vinitiani quello che volessino non moverebbono niente Cesare: di modo che si vede che questa intentione di cercare questa compositione a requisitione del Papa, è comune intra detta Maestà, et appariscono così gli interessi di ciascuno di loro: tale che io dubiterei che detti interessi non gli facessino precipitare, come ò detto per altra, se da loro pendesse l’autorità delle composizioni, come depende da Vre Srie. Sto però molto sospeso essendo questa cosa qui28 notoria dell’huomo che viene allo effecto detto, come habbia ad essere grato a Cesare, che tutto doverrà intendere per havervi gli oratori, et stare quelli vigilati et attenti ad ogni operatione di costoro: et potrà forse essere che cercando levarsi uno obstaculo, quale è quello del Papa, che non impedisca tale restitutione, o conceda il divortio, ne procurino degli altri, intendendosi tale pratica di questa Maestà con lui. Ne so trovare resolutione a questo dubio, salvo che tutto proceda a saputa di Cesare, acciò che quello che il Papa non può conseguire con la forza lo conseguiti per questa via: e quel conseguito, non persista nella medesima amicitia con epso: et così uccelli tutto il mondo come è stata sempre usanza sua: et in questo modo havranno guadagnato il Papa et furatolo a Cesare. Giudichino in questo le Vre Srie la causa loro con tutte le cautele possibili, imperoché costoro si governano come sono soliti fare in ogni loro cosa, che quando pigliano il rovescio per il ritto.

38Scrivendo venne il detto Scudiero per commissione come disse del Cristianissimo e dello admiraglio per farmi intendere la instruttione e commissione datagli per tale opera, la somma della quale disse essere, come ho detto di sopra, che tutta la diligenzia sua si habbia a interporre in fare tutte quelle cose che siano a mantenimento e per utilità della vostra libertà, et che altrimenti per conto alcuno non si intrometta ad persuasione d’alcuno; di che con questo intento viene e con animo di non contravenire in parte alcuna a quanto detta Maestà gli ha commesso et dato in instruttione, e che di questo io facci intendere a Vre Srie che stiano di buono animo et siano sicure, ne altrimenti che se fusse figliuolo di cotesto stato, usando molto efficaci e gravi parole. Et certamente io penso che debba fare così, per essere in questa corte reputato et tenuto huomo molto da bene, advertito et circuspetto in ogni opera sua, tal che sarà difficile che si lasci indurre a cosa alcuna fuori del proposito di detta Maestà se tale è la sua commissione quale lui dice essere. Dice dover partire domani, in ogni modo in diligentia et per via di Lione si manderanno le presenti con manco spesa si potrà, et per mano di Sua Signoria i duplicati.

Alli XXX di giugno da Bordeus
S.or Baldassarre Carducci

Top of page

Notes

1  A. Desjardins e G. Canestrini (a cura di), Négociations diplomatiques de la France avec la Toscane, Paris, Imprimerie impériale, 1859-1865, vol. II.

2  Per il primo periodo si veda il registro copialettere (purtroppo pesantemente danneggiato) che si conserva in Archivio di Stato di Firenze (di qui in poi ASF), Signori Dieci di Balìa Otto di Pratica. Legazioni e commissarie missive e responsive, 27, cc. 173r-224v, che copre il periodo dall’8 aprile al 12 giugno 1529. Per i mesi successivi alla pace di Cambrai si vedano invece ASF, Signori Dieci di Balìa Otto di Pratica. Missive, 12; e ASF, Dieci di Balìa. Responsive (da qui in avanti Resp.), 135 e 151.

3  A. Desjardins e G. Canestrini, pp. 1053-1056 (26 marzo 1529); 1058-1063 (17 giugno); 1064-1068 (23 giugno).

4  A questo proposito cfr. la lettera dei Dieci a Ceccotto Tosinghi, 8 luglio 1529, in ASF, Dieci di Balìa. Missive, 102, c. 46rv; quella dell’oratore veneziano Cappello al doge Andrea Gritti, 8 luglio 1529, in ASF, Carte Strozziane. Seconda serie, 31, cc. 56r-57v; e i rapporti di Piero Vettori dalla Lombardia del 27 e 31 luglio e 2 agosto 1529, pubblicati in S. Lo Re, La crisi della libertà fiorentina. Alle origini della formazione politica e intellettuale di Benedetto Varchi e Piero Vettori, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2006, pp. 261-265 e 267-269.

5  A. Desjardins e G. Canestrini, pp. 1081-1087 (10 luglio 1529), 1087-1094 (22 luglio) e 1098-1102 (3 agosto).

6  ASF, Dieci di Balìa. Missive, 102, cc. 104v-105r, 21 agosto 1529.

7  A. Desjardins e G. Canestrini, pp. 1106-1111 (16 agosto 1529).

8  Cfr le lettere di Carducci ai Dieci in ASF, Resp. 151, cc. 4r-5r; 6rv (9 ottobre) e c. 1r (11 ottobre). In quegli stessi giorni l’Ammiraglio si trasferiva a Piacenza per giurare, in rappresentanza del suo re, la pace stabilita alcuni mesi prima a Cambrai.

9  ASF, Resp. 151, cc. 8r-9r, 21 ottobre 1529.

10  ASF, Resp. 151, cc. 10r-11v, 24 ottobre 1529.

11  ASF, Resp. 151, cc. 85r-87r, 25 novembre 1529.

12  ASF, Resp. 151, c. 367rv, 27 aprile 1530.

13  ASF, Resp. 151, cc. 478r-480r, 11 maggio 1530.

14  Archivo General de Simancas (AGS), Estado, foll. 173 (originale in cifra) e 175 (decifrato), 4 giugno 1530.

15  ASF, Resp. 151, cc. 494r-495r, 11 giugno 1530; c. 497r, 15 giugno; cc. 492r-493v, 27 giugno; e cc. 490r-491v, 30 giugno.

16  Si riferisce a questo periodo anche il Libretto giallo segnato F del partito fatto con la Maestà del Re e chomunità di Firenze, conservato in Firenze, Archivio Ginori, 217. Ringrazio la professoressa Cinzia M. Sicca per la cortese segnalazione.

17  Sui rapporti tra la Firenze repubblicana e l’Inghilterra di Enrico VIII, cfr. C. Roth, England and the Last Florentine Republic, 1527-1530, «The English Historical Review», vol. XL, n. 158, aprile 1925, pp. 174-195.

18  ASF, Dieci di Balìa. Legazioni e commissarìe, 48, cc. 141v-142r (10 maggio 1530) e 144r-145r (30 maggio 1530).

19  AGS, Estado, 1438, foll. 172 (originale in cifra) e 174 (decifrato), 2 giugno 1530.

20  ASF, Resp. 151, cc. 497r (originale) e cc. 495rv (decifrato), 15 giugno 1530. La somma di trentamila ducati, in lettere di cambio, viene ricordata anche nella lettera scritta da Miçer Mai a Carlo V, in AGS, Estado, 851, ff. 32-33, 26 maggio 1530, secondo la quale i re di Francia e d’Inghilterra avevano dato ai fiorentini nuove speranze di aiuto dopo la restituzione dei Delfini.

21  AGS, Estado, 851, fol. 11 (altra copia in Estado, 850, fol. 16).

22  G. Molini, Documenti di storia italiana copiati su gli originali autentici e per lo più autografi esistenti in Parigi, 2 voll., Firenze, All’insegna di Dante, 1836-1837: vol. II, pp. 324-325, 31 luglio 1530.

23  Lacuna di una parola, provocata dall’acidità dell’inchiostro.

24  Figliuolo di Rinieri Rustichi, sottolineato nel testo.

25  Da et bastargli fino a proposito, sottolineato nel testo.

26  Segue il debito loro, ripetuto.

27  Si indica tra parentesi quadre la parte cifrata della lettera.

28  Segue, ripetuto: in queste cose qui.

Top of page

References

Electronic reference

Alessandro Monti, « Alcune lettere inedite della legazione di Baldassarre Carducci alla corte di Francesco I (1529-1530) », Laboratoire italien [Online], 14 | 2014, Online since 21 November 2014, connection on 25 July 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/772 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.772

Top of page

About the author

Alessandro Monti

Università di Pisa

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page