Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
L'épreuve de la nouveauté

L’ambiguità del nuovo : res novae e cultura romana

Elisa Romano
p. 17-35

Abstracts

Un’opinione molto comune coglie nella cultura romana una diffusa e generalizzata avversione alle innovazioni e ai cambiamenti. Questo atteggiamento si manifesta fra l’altro nell’uso del nesso res novae, che si specializza nel lessico politico con la prevalente accezione di « rivolgimenti » in senso negativo. Il lessico delle res novae appare caratterizzato da una formularità che sembra presupporre una serie di slogan propagandistici. In particolare, il concetto della paura di possibili cambiamenti dell’ordine esistente assume la sua configurazione più articolata nel clima politico della tarda repubblica. Fuori dalle dinamiche e dai conflitti in cui si era costituito, il concetto rimane un’etichetta, come dimostra la storiografia di età imperiale. In mezzo, fra la tarda repubblica e l’impero, si colloca la svolta radicale della cosiddetta rivoluzione augustea, fondata sull’immissione di elementi di novità nel quadro della tradizione antica.

Top of page

Full text

I Romani, presi come popolo, erano dominati da una particolare venerazione per l’autorità, i precedenti, la tradizione, e insieme da una radicata avversione per ogni mutamento, a meno che il mutamento non potesse dimostrarsi in armonia col costume avito, col mos maiorum. Mancando ancora una qualsiasi idea di fede nel progresso, che non era ancora stata inventata, i Romani guardavano alla novità con sfiducia e avversione. La parola novus suonava male. Tuttavia la storia del passato ricordava ai Romani che mutamenti c’erano stati, anche se lenti e combattuti.

  • 1 R. Syme, La rivoluzione romana, Torino, Einaudi, 1962, p. 317 (edizione originale Oxford, Clarendon (...)
  • 2 Si veda per esempio R. Heinze, Von den Ursachen der Größe Roms, Leipzig, Teubner, 1921 ( = Id., Vom (...)
  • 3 Le parole citate sono di J. Hellegouarc’h, Le vocabulaire latin des relations et des partis politiq (...)
  • 4 La vicenda del fortunato topos storiografico della stagnazione tecnica, che continua a essere ripre (...)

1L’affermazione con cui nel 1939 Ronald Syme, in un capitolo di Roman revolution1, sottolineava l’avversione dei Romani nei confronti della novità può essere ancora assunta come paradigmatico punto di partenza per una riflessione sul tema del nuovo nella cultura romana. Essa riassume efficamente un punto di vista largamente condiviso, un vero e proprio luogo comune storiografico relativo alla politica, alla società, alla cultura romana, caro già agli studi tedeschi del primo Novecento sui Wertbegriffe2. Nella resistenza diffusa e generalizzata dei Romani nei confronti dell’innovazione, in nome di un attaccamento alla tradizione, nel fatto che « le peuple romain répugnait à la nouveauté » è stato riconosciuto, per esempio, uno dei principali ostacoli alla mobilità sociale in età repubblicana3. E, al di fuori dell’ambito politico e sociale, un esempio molto noto dell’applicazione di questo schema valutativo all’esperienza romana è dato dal pregiudizio, che ha dominato gli studi sul progresso scientifico e tecnologico, sulla cosiddetta stagnazione tecnica, attribuibile fra l’altro, secondo un’opinione diffusa, allo scarso interesse, quando non alla diffidenza, nei confronti dell’innovazione. Questa mentalità antiinnovativa e antiprogressista, caratteristica di tutto il mondo antico, si sarebbe consolidata in epoca romana, prevalendo sulle conquiste della ricerca scientifica greca di età classica e alessandrina e contribuendo a provocarne l’arresto4.

  • 5 È l’effetto di quella che si può definire « tentazione uniformante », che porta a descrivere il mon (...)
  • 6 Tengo conto, in particolare, delle linee metodologiche esposte da B. Lepetit, « Histoire et propaga (...)
  • 7 R. Syme, op. cit., p. xvii.

2Certo, come tutte le grandi generalizzazioni, anche quella che coglie nell’avversione alla novità dell’intero mondo romano, nella sua globalità, un dato strutturale e permanente ha il difetto di presentarsi come una categoria descrittiva eccessivamente ampia e generica5. Tuttavia l’incisivo giudizio di Syme sintetizza alcune delle grandi idee-guida che sono a fondamento della cultura romana, soprattutto dei secoli della repubblica : il peso decisivo della tradizione e dell’autorità degli antenati, connesse a una cultura genealogica elaborata da una formazione sociale e politica a struttura gentilizia ; l’assenza di un’idea di progresso, conseguente alla rappresentazione prevalente di un tempo ciclico. Cosa si intende, alla luce di questo scenario, quando si dice che i Romani avversavano il nuovo ? A quale categoria concettuale, all’interno della sfera della novità, corrispondeva la denominazione di novus/novum e dei termini della stessa famiglia ? Il novum era mutamento traumatico, rottura, rivoluzione, o piuttosto trasformazione, rinnovamento lento e graduale6 ? Syme parlava di sfiducia e avversione dei Romani verso la novità (novelty), ma nello stesso tempo, come abbiamo visto, accennava a mutamenti, sia pur lenti e contrastati, verificatisi nel corso della loro storia. Del resto, il suo fondamentale studio, fin dall’inequivoco titolo, mirava a dimostrare che fra il 60 a. C. e il 14 d. C. si era attuato un processo « rivoluzionario », un « violento trapasso dei poteri e delle proprietà » stabilizzatosi con Augusto, un « capo rivoluzionario » che aveva preso il potere e imposto un nuovo assetto complessivo7. Il piano degli eventi storici risultava così distinto rispetto a quello delle idee e del sentire diffuso ; e qualsiasi ulteriore riflessione sul tema del nuovo nella cultura romana non può non separare preliminarmente questi due piani.

  • 8 È superfluo precisare che, malgrado per convenzione siano stati usati termini come « rivoluzione » (...)
  • 9 Su questo dibattito, registrato nell’orazione ciceroniana Sul comando di Pompeo, cfr. C. Moatti, La (...)
  • 10 Pur con i limiti intrinseci a un’analisi di questo tipo (una base documentaria costituita da fonti (...)

3Schematizzando : ad un piano appartengono i reali processi di trasformazione : a) le innovazioni sul piano politico-istituzionale (per esempio, la già ricordata « rivoluzione romana » del I secolo a. C., il passaggio dalla monarchia all’ordinamento repubblicano nel 509 a. C., l’istituzione dei tribuni della plebe a seguito della secessione del 494 a. C., le riforme sillane dell’81 a. C. ecc.8) ; b) i cambiamenti politico-sociali (la lenta ascesa della plebe nel V-IV secolo a. C., fino all’ammissione dei plebei al consolato nel 367 a. C., o il progressivo affermarsi di uomini privi di antenati consoli, non a caso etichettati come homines novi) ; c) le novità nelle istituzioni culturali (per esempio, l’apertura nel 95 a. C. di una scuola di retorica, alternativa all’insegnamento dei retori greci presso le famiglie aristocratiche). A un piano diverso possono essere riportati gli atteggiamenti, di apertura o di resistenza, nei confronti di tali trasformazioni, così come i dibattiti e i conflitti che le accompagnano. Da questo punto di vista, molti episodi sembrano confermare non solo che qualsiasi istanza di cambiamento radicale viene repressa anche violentemente (pensiamo, per esempio, all’opposizione alle varie proposte di riforma agraria, alla repressione di culti religiosi non controllati dallo stato, come i Baccanali nel 186 a. C.), ma che l’innovazione viene spesso guardata con diffidenza e accolta con difficoltà : ricordiamo l’acceso dibattito in senato sull’affidamento di comandi speciali a Pompeo nel 66 a. C.9, la lunga resistenza alla costruzione di un edificio teatrale in pietra e la distruzione nel 160 a. C. di un teatro appena edificato, ritenuto pericoloso per la morale pubblica, la chiusura della ricordata scuola dei retori latini nel 92 a. C. Questi esempi possono essere sufficienti a fornire un sostegno all’opinione comune : veramente sembra che a Roma il concetto, l’idea stessa di novità fosse male accettata. Ma, chiediamoci infine, passando ad un ulteriore piano che si offre alla nostra analisi, quello delle idee e del sentire diffuso : in cosa consisteva questa idea e in che modo veniva percepita ? Cercherò di mettere in luce alcuni atteggiamenti che emergono dai dibattiti e dai conflitti, registrati nelle fonti a nostra disposizione, che circondano ciò che si presenta come introduzione di nuovo e cambiamento dello stato esistente10.

  • 11 Sallustio, La congiura di Catilina 37, 3.
  • 12 Ammiano Marcellino, Storie 21, 10, 8.

4« In ogni comunità succede sempre così : quanti non possiedono ricchezza né potere odiano il vecchio, desiderano il nuovo (vetera odere, nova exoptant), ed è per odio della propria condizione che aspirano a che tutto cambi. »11 A formulare questa considerazione universale è Sallustio in uno dei capitoli centrali della monografia dedicata a uno degli episodi di segno eversivo che avevano segnato gli ultimi, convulsi anni della repubblica romana, la congiura di Catilina, sventata e soffocata in modo cruento nel 63 a. C. Lo storico di età cesariana imputa alla plebe di essersi comportata come tutte le masse insoddisfatte del proprio stato, di avere sperato in qualcosa di nuovo al punto di appoggiare il sovversivo piano catilinario. L’imperatore Giuliano (355-363 d. C.), riferisce lo storico Ammiano Marcellino, in un discorso polemico « attaccò la memoria di Costantino, accusando quest’ultimo di essere stato un innovatore che aveva sconvolto l’ordine rappresentato dalle vecchie leggi e dalla tradizione ricevuta dall’antichità (ut novatoris turbatorisque priscarum legum et moris antiquitus recepti) »12 : l’imperatore pagano accusa il predecessore, autore di una riorganizzazione amministrativa, militare, religiosa dell’impero, di essere un innovatore, quindi un agitatore, un sovversivo.

5Un filo unisce queste due testimonianze così lontane nel tempo. Sia la plebe agli occhi di Sallustio sia Costantino nella denigrazione di Giuliano appaiono colpevoli in un caso di avere desiderato, nell’altro di aver introdotto cambiamenti radicali, di aver agito contro il vecchio ordine, contro la tradizione, contro il mos maiorum tramandato dai tempi antichi. Il nuovo e l’antico si rivelano due dimensioni conflittuali fra loro : cercare l’uno significa automaticamente rifiutare l’altro, sconvolgere, o tentare di sconvolgere, lo stato esistente delle cose, il quale a sua volta si identifica con quanto trasmesso dagli antichi. La plebe guidata dalle passioni più irrazionali e l’autore della svolta cristiana dell’impero hanno qualcosa in comune nella logica accusatoria dei loro avversari. Questa condanna del nuovo, che collega la storiografia di Sallustio e quella di Ammiano Marcellino, il I secolo a. C. e il IV d. C., è come un filo che attraversa le nostre testimonianze dall’età repubblicana al tardo impero : un filo che rivela, attraverso un linguaggio ridotto al minimo, semplificato, incisivamente scolpito in frasi sentenziose come quella sallustiana su riportata, uno schema di giudizio fortemente radicato, riconducibile alla formazione dei più antichi valori aristocratici.

  • 13 Fra i contributi più recenti sul ruolo della tradizione nella cultura romana e sulla sua crisi nell (...)
  • 14 Lucrezio, De rerum natura 5, 168-173.
  • 15 Ibid. 5, 1105-1107.

6In questa sorta di codice genetico della cultura romana la tradizione in quanto eredità degli antenati, l’autorità di tale tradizione, l’esemplarità dell’antico come categorie fondanti l’identità romana sono talmente radicate, quasi connaturate, da non essere in discussione : i testi non fanno che confermarlo continuamente13. In questo quadro il nuovo e il cambiamento si configurano come minacce a un’identità : la difesa dell’antico in quanto tradizione viene a coincidere con la difesa dell’esistente che da quella tradizione è legittimato. È dal rifiuto della tradizione, cioè dell’esistente, che ha origine il desiderio di nuovo. Questo assunto universale, che abbiamo visto prima nella lapidaria affermazione di Sallustio, trova una dimostrazione teorica in una stringente argomentazione di Lucrezio nel libro V del suo poema : « Gli dei non hanno creato il mondo a vantaggio degli uomini ; quale novità infatti (quid novi ?) avrebbe potuto spingerli a voler cambiare la loro condizione di esseri felici e immortali ? A compiacersi di una situazione nuova (gaudere novis rebus) può essere solo chi riceve un danno dalla vecchia (cui veteres obsunt), ma se non è successo niente di negativo nel passato, perché questo desiderio si dovrebbe accendere ? »14. Tale argomentazione è ribaltabile, nella riflessione lucreziana sul contrasto antico/nuovo, se dalla considerazione delle divinità si passa a quella del genere umano, impegnato agli inizi della sua storia in un faticoso sviluppo. Il desiderio di cambiare diventa allora elemento di progresso, incentivo a « mutare il precedente modo di vivere grazie alle innovazioni (novis rebus) »15.

  • 16 Cicerone, Seconda orazione sulla legge agraria 89.
  • 17 Ibid. 91.
  • 18 Catone fr. 125, In difesa dei Rodiesi, in Aulo Gellio, Notti Attiche 6, 3, 47.

7Il piano dell’argomentazione rimane teorico : vecchio e nuovo sono possibilità esistenziali o stadi successivi di uno sviluppo antropologico ; ma quando, attorno alla metà del I secolo a. C., Lucrezio scriveva queste parole una discussione più accesa aveva cominciato a svilupparsi in relazione alla vita politica. In quest’ambito la novità aveva cominciato a essere considerata un pericolo per la repubblica e una minaccia per la grandezza stessa del popolo romano : con questo ruolo le res novae erano entrate nel repertorio di argomenti cui attingeva la strategia persuasiva dell’oratoria politica. Così nel 63 a. C., in una delle orazioni, la seconda delle quattro (tre a noi note) pronunciate prima in senato e poi di fronte all’assemblea popolare contro la proposta di riforma agraria presentata dal tribuno della plebe Rullo, Cicerone, a proposito del tentativo di stabilire a Capua la base delle operazioni dei magistrati designati ad attuare la riforma, sottolinea con enfasi la grande distanza fra la saggezza degli antenati, che avevano promosso le attività agricole nella città campana, e la dissennatezza dei contemporanei, « che fanno di Capua la sede di un nuovo stato e una vera e propria macchina da guerra contro quello antico »16. Sullo sfondo di Capua si intravede Roma, attraverso la città campana l’attacco è alla vecchia repubblica, e nella « macchina da guerra contro l’antica res publica » trovano il loro ambiente naturale « gli uomini capaci di sconvolgere lo stato con i loro discorsi sediziosi e di cercare sempre un pretesto per cambiare la situazione (rerum novarum causam) »17. Ma forse il tema apparteneva già all’oratoria di Catone, se è vero che, come testimonia la parafrasi di Gellio (II secolo d. C.) dell’orazione per noi perduta in difesa degli abitanti di Rodi, che nel 167 a. C. avevano assunto una posizione filomacedone nella guerra contro il re Perseo, egli chiedeva al senato di perdonare i Rodiesi, « perché in tal caso la grandezza del popolo romano si sarebbe conservata, mentre se non si fosse praticato il perdono si profilava la paura di rivolgimenti nello stato (metus in republica rerum novarum) »18. L’individuazione di una possibile matrice catoniana del tema delle res novae come pericolo e come elemento di squilibrio per lo stato si accorda bene con il fatto che tale tema si sviluppa nel quadro del rispetto del mos maiorum, che caratterizza quella che appunto viene comunemente etichettata come tradizione catoniana, conservatrice e restia ad accogliere istanze innovative sia politiche sia culturali.

  • 19 Pseudo-Carisio, Sinonimi di Cicerone, in Grammatici Latini I, 420,27 ed. Keil : suasor. impulsor. h (...)
  • 20 Per esempio, K. Vretska, Sallust. De Catilinae coniuratione, Heidelberg, Universitätsverlag, 1976; (...)
  • 21 Colpisce, per esempio, che J. Hellegouarc’h non abbia trattato questo concetto nel suo Vocabulaire, (...)

8All’interno dell’uso linguistico dell’aggettivo novus e dei termini con la stessa radice (novitas, novare, novator) ricorre frequentemente nelle nostre fonti – ne abbiamo già trovato qualche esempio – il nesso res novae : una denominazione che, dotata in origine del significato neutro e generico di « situazione nuova », si specializza come voce del lessico politico e storiografico, con il significato di « cambiamento negativo », quindi « rivolta, tumulto, complotto », che appare già codificato nella lessicografia antica. Un dizionario di sinonimi probabilmente del IV secolo d. C. inserisce il nesso perifrastico rerum novarum cupidus (« desideroso di novità ») in una serie sinonimica che comprende i termini « sobillatore, provocatore, cospiratore, agitatore, calunniatore, sedizioso, turbolento, nemico della pace e della tranquillità »19. Nelle lingue moderne il nesso viene di solito tradotto con vocaboli equivalenti a « rivolgimenti » o, molto spesso, « rivoluzione ». A parte le scarne note di alcuni commenti a Sallustio, a Livio, a Tacito, che si limitano a segnalare come esso faccia parte del lessico tradizionale della storiografia20, il sintagma res novae non ha ricevuto particolare attenzione negli studi di storia delle idee né in quelli specifici di lessicografia politica21.

9Riassumerò quindi schematicamente i risultati di un’analisi semantica condotta sull’intero corpus dei testi in lingua latina conservati : a) il significato originario di « novità », « fatti nuovi », quindi anche « ultime notizie » è molto poco attestato, per di più all’interno di un registro linguistico colloquiale (commedie di Plauto, lettere di Cicerone agli amici) ; b) a parte altri significati generici che il nesso assume in qualche sporadica testimonianza, come « cambiamento di situazione », esso sembra acquistare una accezione specializzata nel lessico della retorica e della poetica, nel senso di « argomenti nuovi », e della filosofia del linguaggio, come « nuovi contenuti » che richiedono nuove parole nella formazione del linguaggio (specialmente nelle opere filosofiche di Cicerone) ; c) rarissimo appare l’uso di res novae come « acquisizioni in un processo di sviluppo », come elemento di progresso (assieme al passo lucreziano sopra riportato, si ricordano tre luoghi del Cicerone filosofo) ; d) in tutte le altre testimonianze prevale l’accezione di « rivolgimenti », quasi sempre di segno negativo, con una schiacciante predominanza di attestazioni nella storiografia o nell’oratoria politica (più di 70). Ciò dimostra che il nesso res novae appartiene soprattutto al lessico delle analisi politiche e sociali, attraverso il quale si diffonde nei due generi naturalmente destinati ad accogliere questo linguaggio, la storiografia e l’oratoria politica ; e) all’interno del linguaggio politico e storiografico, il nesso res novae ricorre, nella quasi totalità degli esempi, in combinazione con alcuni termini : il verbo molior, « macchinare » e il connesso sostantivo molitor ; il verbo cupio, « desiderare » e il sostantivo e l’aggettivo tematicamente legati, cupiditas e cupidus ; il verbo studeo, « impegnarsi per desiderio di qualcosa » e il connesso sostantivo studium, « passione, impegno » ; l’aggettivo avidus, « avido » ; i sostantivi metus, « paura », spes, « speranza » ed exspectatio, « attesa », i verbi consurgo ed erigo, ambedue con il significato di « sollevarsi ». In questo repertorio formulare le res novae appaiono codificate all’interno di una gamma di situazioni prevedibili : di esse si ha desiderio o speranza o paura, le si prepara ordendo trame, le si attende. Questa ripetitività formulare fa pensare che alle res novae si facesse riferimento in alcuni messaggi codificati, in veri e propri slogan.

10Se dalla prospettiva storico-linguistica ci spostiamo ad una prospettiva storico-concettuale, ci accorgiamo però che questi nessi formulari vengono riferiti a contenuti e a soggetti differenti : dietro la rigidità di un uso linguistico cristallizzato si agita una varietà di atteggiamenti che presuppone la vivacità dei dibattiti politici di età repubblicana.

  • 22 Cicerone, In difesa di C. Rabirio 33 (trad. di G. Bellardi, Torino, UTET, 1981).
  • 23 Ibid. 34

11È significativo che Catone, come abbiamo visto, in una delle sue più celebrate orazioni pubbliche, pronunciata in occasione di una delicata vicenda di politica estera, agitasse di fronte al senato lo spettro delle res novae : la paura che qualcosa di nuovo, in generale, potesse minacciare la grandezza stessa di Roma si accorda perfettamente con la personalità politica e culturale del grande protagonista del II secolo a. C. Anche se la rappresentazione convenzionale di un antiellenismo catoniano schematicamente contrapposto al filoellenismo di un avversario « partito degli Scipioni » richiede molte precisazioni e sfumature, agli occhi delle generazioni successive Catone rimase comunque l’esponente più significativo di una politica volta a mantenere gli equilibri dell’antica res publica nella fase in cui questa si trasformava in una « repubblica imperiale », continuò a essere il simbolo stesso del richiamo alla tradizione e della difesa di una identità romana integra rispetto all’apertura al mondo greco-orientale. La matrice catoniana del concetto di nuovo come pericolo, come elemento di disgregazione e di squilibrio è confermata dal ruolo che esso gioca in alcuni momenti dell’oratoria ciceroniana. Non è un caso che l’attacco alla ricerca di res novae e il contemporaneo richiamo ai tempi antichi e all’eredità ricevuta dagli antenati compaiono nel gruppo di orazioni che risalgono all’anno del consolato, il 63 a. C., nella fase più conservatrice, quando Cicerone era decisamente schierato dalla parte degli ottimati, che avevano appoggiato la sua elezione a console, contro i popolari. A una di queste orazioni, contro la proposta di riforma agraria del tribuno della plebe Rullo, appartiene la già ricordata polemica contro la trasformazione della città di Capua in avamposto dei riformisti. La posizione antiriformista e antipopolare si proietta anche, in questa fase politica, sul passato, sovrapponendosi all’interpretazione che Cicerone propone di fasi trascorse della storia di Roma. Nello stesso periodo della battaglia contro la legge agraria la potenza della città (tema già catoniano), amplificata nell’elaborazione retorica della perorazione finale di una causa, appare minacciata solo dall’interno, dal desiderio di cambiamento, dai progetti eversivi come quello di Saturnino, ancora un tribuno della plebe, che nel 100 a. C. aveva proposto una riforma agraria : « Non c’è più nessun re, nessun popolo, nessuna nazione che voi dobbiate temere – così si esprime Cicerone difendendo Rabirio, accusato dai popolari, a distanza di tanti anni, dell’uccisione di Saturnino – non c’è nessun male esterno né straniero che possa insinuarsi nel corpo del nostro stato ; se volete che questa nostra città sia immortale, questo nostro impero eterno e che in eterno duri la sua gloria, siamo noi che dobbiamo premunirci contro le nostre cupidigie, contro i sovversivi bramosi di rivolgimenti politici (a turbulentis hominibus atque novarum rerum cupidis), contro le trame interne. »22 Lo slogan delle res novae appare costruito nelle sue parole-chiave, qui scolpite con l’incisiva efficacia di un linguaggio retorico che vuole persuadere l’uditorio suscitandone le emozioni più profonde. Contro i nemici della res publica una vera e propria difesa fortificata (praesidium) viene dal passato, dalle norme fissate dai maiores23 : in questo caso, il riferimento specifico è all’istituto, comunemente denominato senatus consultum ultimum, che concedeva ai consoli poteri eccezionali in caso di grave pericolo per la città, e di cui lo stesso Cicerone si avvarrà pochi mesi dopo, nel momento più drammatico del suo consolato, contro i catilinari.

  • 24 Cicerone, Catilinaria I, 3. Spurio Melio era un ricco cavaliere che si era procurato il favore dell (...)
  • 25 Cicerone, Catilinaria I, 3.
  • 26 Cicerone, In difesa di Sestio 104.
  • 27 Cicerone, In difesa di Milone 34.
  • 28 Cicerone, In difesa di Sestio 104 sgg.

12Nella prima delle quattro orazioni contro Catilina l’attacco al cospiratore, e nello stesso tempo alla debolezza del senato nel prendere i necessari provvedimenti, trova sostegno negli esempi forniti dalla storia passata : l’uccisione nel 133 a. C., per ordine del console Scipione Nasica, di Tiberio Gracco, che pure « in modo meno grave cercava di indebolire lo stato », e, in epoca molto più antica, l’uccisione, decisa dal dittatore Cincinnato, di un cavaliere « che aspirava a cambiamenti (novis rebus studentem) », Spurio Melio (439 a. C.)24. I due esempi hanno in comune fra loro, e a loro volta con l’oggetto della difesa di Rabirio, il riferimento a politiche favorevoli alla plebe, essi rivelano una posizione filosenatoria e antipopolare che si traduce nella condanna di ogni tentativo riformista come attacco allo stato e che giustifica il ricorso alla violenza, autorizzato da un passato che diventa fonte di legittimazione della coercizione per contrastare ogni tentativo di sovvertire la res publica : « Ci fu, sì, ci fu un tempo in questo stato quel tipo di forza morale per cui uomini coraggiosi reprimevano con pene più dure un concittadino pericoloso che il peggiore dei nemici. »25 Qualche anno dopo, nel 56 a. C., i Gracchi e Saturnino riceveranno una parziale riabilitazione in quel manifesto di una nuova linea politica che è l’orazione in difesa dell’ex-tribuno della plebe Publio Sestio. Il progetto politico ciceroniano prevede ora l’alleanza trasversale di tutti i cittadini moderati per salvare le istituzioni e la pace sociale ; la politica antiriformista praticata in passato dagli ottimati viene giustificata come una linea difensiva nell’interesse della res publica, ma ora, nel clima di auspicata pacificazione che anima l’orazione, « non vi è più nessun motivo perché il popolo desideri un rivolgimento (neque populus novarum rerum est cupidus) »26. L’avversario da combattere è in questo momento Publio Clodio, l’agitatore dei popolari, l’organizzatore di bande armate, l’accusatore di Sestio, l’uomo che non poteva non suscitare « la più grande paura di rivolgimenti (maximus rerum novarum metus) »27, dirà Cicerone qualche anno dopo, nel discorso in difesa di Milone, responsabile dell’uccisione di Clodio nel 52 a. C. Ora sono Clodio e i suoi seguaci ad essere definiti « agitatori sediziosi (homines seditiosi ac turbulenti) », che cercano di ottenere con lo strumento della corruzione quel favore popolare che i Gracchi e Saturnino si erano guadagnati con le promesse contenute nelle riforme agrarie28. Il campo delle res novae si restringe alla luce della nuova posizione politica : non comprende più l’azione dei tribuni della plebe promotori di riforme, definisce soltanto la violenza sovversiva dei clodiani. Fra questi ultimi, spicca uno dei più ferventi sostenitori del capo dei popolari, un certo Gellio Publicola, uno scialacquatore che aveva dissipato il patrimonio familiare per i propri vizi e, ormai ridotto in povertà, viveva nella speranza di un mutamento della situazione (in spe rerum novarum), mal tollerando la pace e la tranquillità dello stato. Egli era perciò un seditiosus, un turbulentus, un concitator : la presenza di alcuni termini formulari del lessico relativo a rivolte e tumulti conferma la natura topica di questa caratterizzazione del rivoltoso, che trova ulteriore conferma nel ritratto morale del personaggio. Si tratta di un ritratto tipologico, che ha tutti i tratti essenziali di quello dell’agitatore di popolo per eccellenza, Catilina, che qualche anno dopo sarà disegnato da Sallustio : ispirato alla consueta e diffusa tendenza moralistica a trasformare il giudizio politico in un giudizio morale, a spiegare la scelta politica come conseguente a una disposizione etica negativa, a una malvagità naturale unita a una condotta di vita depravata e dissipata.

  • 29 Sallustio, Epistole a Cesare I, 6 ; il senso generale (contrapposizione fra l’ordine dei composita (...)
  • 30 Pseudo-Cicerone, Invettiva contro Sallustio 18.

13La tipologia che comprende coloro che aspirano al cambiamento, i cupidi rerum novarum, rivela i segni di un duplice procedimento di stilizzazione, che cristallizza sia gli epiteti con cui essi vengono denominati sia la descrizione della loro personalità. Questa stilizzazione, che sul piano letterario si traduce in una topica ricorrente, presuppone l’esistenza, all’interno del linguaggio politico, di un repertorio di motivi propagandistici riguardanti le res novae e i loro fautori. Tale ipotesi è rafforzata da due testimonianze di grande importanza per la ricostruzione del dibattito e della polemica politica negli ultimi anni della repubblica. In un’epistola indirizzata nel 46 a. C. a Giulio Cesare al potere, il cui autore è quasi certamente Sallustio, a turbare l’ordine costituito (movet composita) e a cercare novità (res novas) è « una mente malvagia che ha preso la via del male (animus ferox prava via ingressus) »29. Sallustio a sua volta, in un pamphlet rivolto contro di lui dopo il 43 a. C. da un autore ignoto, preziosa testimonianza della diffusione della libellistica diffamatoria in quegli anni di violenti conflitti personali, viene descritto come esponente di una fazione politica che era « una concentrazione di tutti i vizi possibili, un’accozzaglia di parricidi irreligiosi e senza pudore, che avevano perso ogni reputazione ed erano noti solo per la sfrenatezza dei loro vizi e per il desiderio di rivolgimenti (cupiditate rerum novarum) »30.

  • 31 Cicerone, Epistole ad Attico 9, 12, 3.
  • 32 Ibid. 10, 8, 2.

14Se è vero che le res novae dovevano essere oggetto di una serie di slogan, bisogna tuttavia osservare che in Cicerone questi slogan sono applicati a contenuti politici che variano in rapporto agli obiettivi contro cui si dirige la sua polemica : dai sostenitori delle riforme agrarie, quelli a lui contemporanei e, retrospettivamente, i Gracchi, a Clodio, fino a Giulio Cesare. Nel 49 a. C. i rivoltosi violenti sono i cesariani : « Ora che hanno avuto la meglio, nella loro ansia di rivolgimenti (rerum novarum cupidi) si abbandoneranno ad azioni violente. »31 Nel primo anno della guerra civile fra Cesare e Pompeo Cicerone temeva infatti che una vittoria del primo avrebbe portato con sé violenze, persecuzioni e stragi degli avversari politici, perfino quei « nuovi registri contabili » con la cancellazione dei debiti, quelle tabulae novae, punto forte di ogni programma ‘rivoluzionario’, che rientravano anche fra i propositi di Catilina32.

  • 33 A. La Penna, op. cit., p. 109.
  • 34 Cesare, La guerra civile 1, 7. In questo stesso discorso, in cui abilmente Cesare si presenta come (...)
  • 35 Vd. Cesare, La guerra gallica 3, 10, 3 ; 4, 5, 1 (sui Galli) ; 1, 9, 3 ; 5, 6, 1 (su Dumnorige) ; e (...)
  • 36 Vd. Sallustio, Iug. 46, 1 ; 66 ; Orazio, epod. 16, 6 ; Livio 22, 21, 2 ; 24, 1, 7 ; 35, 34, 3 ; Cur (...)

15In realtà, Cesare dopo la vittoria si sarebbe preoccupato di dissipare queste paure, condivise da tanti, e le pagine autobiografiche che avrebbe dedicato alla guerra contro Pompeo nei tre libri Sulla guerra civile non solo sarebbero state « tutt’altro che un inno alla rivoluzione »33, ma avrebbero avuto come bersaglio polemico anche i pericoli di sovversione sociale, fin quasi alla giustificazione della repressione dei Gracchi e di Saturnino, nel discorso rivolto ai soldati all’inizio della guerra34. Per il resto, il lessico delle res novae è assente dal resoconto cesariano dei drammatici avvenimenti della guerra civile, nonostante esso fosse ben noto a Cesare. L’opera storiografica per noi più antica in cui il nesso in questione appare di uso comune sono infatti i libri Sulla guerra gallica, pubblicati nel 52-51 a. C. Vi si ritrova quella stessa formularità topica che abbiamo riconosciuto nel linguaggio politico di Cicerone, riferita però a una realtà extraromana : il desiderio di rivolgimenti caratterizza i Galli, tutti quanti in modo indifferenziato, volubili e inaffidabili proprio perché desiderosi di novità (novis rebus student) ; o l’Eduo Dumnorige, il demagogo di grandi ambizioni che si procurava il favore della plebe con elargizioni, avido di potere così come di rivolgimenti, costantemente definito, con epiteto formulare, cupidus rerum novarum, descritto con tratti non dissimili da quelli che caratterizzavano il ritratto di un agitatore di popolo nel linguaggio della propaganda e della polemica politica di Roma35. È propria della scrittura etnografica latina, come è noto, la sovrapposizione alle popolazioni straniere di uno sguardo costituitosi a partire dalla realtà romana ; ma non sappiamo se in queste caratterizzazioni di personaggi e popoli stranieri mediante l’uso di una categoria descrittiva formatasi in ambiente romano qual è quella di res novae Cesare avesse dei precedenti. Quello che è certo è che ci troviamo, nella storia di questo concetto, di fronte al primo esempio di una tradizione consolidatasi nella storiografia successiva. I Numidi descritti nella monografia dedicata da Sallustio alla guerra contro Giugurta, gli Allobrogi della Gallia Narbonese in un epodo di Orazio, Ispani, Locresi, Etruschi e Greci in Livio, ed altri popoli ancora, fanno parte di una galleria di ritratti collettivi accomunati da un desiderio di novità e di cambiamenti che si accompagna a leggerezza, inaffidabilità, facile tradimento36.

  • 37 Sallustio, La guerra giugurtina 66, 2 e 4.

16Lo svolgimento topico prevede che la popolazione in questione sia considerata nel suo insieme più generico, senza differenziazioni interne fra gruppi e comunità, come massa. In questo senso, il desiderio di res novae si presenta come una sorta di costante antropologica comune a tutte le masse, compresa la plebe romana, tutte portate per loro natura al tumulto, alla ribellione, al desiderio di sconvolgere le cose. Il dato descrittivo etnografico rinvia a un dato universale : « Il volgo (volgus), come sempre per abitudine, e in massimo grado fra gli abitanti della Numidia, è mutevole per natura, ribelle (seditiosum) e rissoso, desideroso di cambiamenti (cupidum rerum novarum), nemico della tranquillità e della pace (quieti et otio advorsum) […] lo stesso comportamento tiene la plebe (plebes), in parte istigata dai nobili, in parte accesa dalla passione per questo tipo di cose, poiché, pur ignorando i piani che guidano l’azione, ama il tumulto fine a se stesso e i rivolgimenti (res novae satis placebant). »37 Il riferimento è alla strage concordata dai capi della città di Vaga e all’appoggio che questi ricevono da parte di una plebe disinformata, ma pronta a farsi trascinare per puro amore di disordine e di novità ; ma dietro la plebe della città di Vaga è descritta ogni plebe, e lo stile sentenzioso, assieme alla formularità del linguaggio adoperato, rafforza quest’impressione di universalità. Sallustio sa bene che le masse sono influenzabili, mutevoli, amanti del tumulto e sempre in attesa di cambiamenti.

  • 38 Sallustio, La congiura di Catilina 37, 1.
  • 39 Ibid. 38.
  • 40 Ibid. 48, 1; 57, 1.
  • 41 Ibid. 28, 1.
  • 42 Ibid. 36-39.
  • 43 Ibid. 36-39.
  • 44 Vd. supra. p. 20.
  • 45 Sallustio, La congiura di Catilina 37, 1 (plebes novarum rerum studio); 37, 3 (vetera odere, nova e (...)

17Sempre definita, con epiteto formulare, rerum novarum cupida, irrazionale e agitata da passioni elementari, massa di manovra per agitatori e nemici dello stato, la plebe è uno dei soggetti protagonisti della monografia di Sallustio su Catilina : la plebe come grande soggetto indifferenziato (omnino cuncta plebes) ; la plebe di Roma che per desiderio di rivolgimenti sosteneva i piani sovversivi di Catilina38 ; la plebe sobillata e aizzata contro il senato dai tribuni, allettata con elargizioni e promesse da demagoghi che intendevano sconvolgere lo stato39 ; la plebe che, una volta scoperta la congiura, con la stessa facilità con cui per desiderio di res novae aveva favorito Catilina volta le spalle a quest’ultimo e porta alle stelle il suo principale accusatore Cicerone40 ; la plebe dell’Etruria, anch’essa desiderosa di cambiamenti, sulla quale fanno leva i congiurati per arruolare nuovi seguaci41. All’interno della digressione sulle cause del malcontento della plebe e sui motivi della potenzialità eversiva che in essa si era accumulata, nei capitoli centrali dell’opera42, si trova l’analisi più acuta e più articolata che possediamo dei soggetti sociali che aspirano al cambiamento43. La plebe, osserva Sallustio, si comportava come d’abitudine, desiderando un cambiamento della situazione per insofferenza di quella presente44 ; ma a Roma in quegli anni, fra l’80 e il 60 a. C., ad essa si erano aggregati altri soggetti, che per ragioni diverse speravano tutti in un cambiamento : personaggi corrotti e criminali provenienti da altre parti d’Italia, ricchi che avevano dissipato il loro patrimonio, militari arrivisti incoraggiati dalle fortunate carriere politiche e finanziarie dovute alla vittoria di Silla, agricoltori che abbandonavano le campagne impoverite sperando di arricchirsi, gli eredi delle vittime delle proscrizioni sillane, ancora esclusi per legge dalle cariche politiche. Il desiderio di res novae viene individuato come fattore patogeno primario nella diagnosi e nell’analisi eziologica di quella crisi della repubblica romana che viene senz’altro definita come una malattia (morbus, malum), una vera peste (tabes). In questo quadro patologico l’ansia di rivolgimenti, tradizionalmente propria della plebe, sembra contagiare tutti, ed è su di essa che fanno leva tribuni, demagoghi, avventurieri mossi da interessi personali, finché interprete del desiderio di res novae si fa Catilina, l’uomo corrotto che cerca di sovvertire l’ordine istituzionale solo per salvarsi dal proprio disastro economico45.

18Le testimonianze prese in esame, tutte appartenenti ad un periodo compreso fra il 63 e il 43 a. C., ci portano a una conclusione : il tema delle res novae in relazione a reali o possibili o temuti cambiamenti dell’ordine esistente assume la sua configurazione più articolata nel clima politico della tarda repubblica. È in quei decenni che un atteggiamento di natura politica qual è la paura di novità sconvolgenti nell’ambito delle istituzioni e della società, collocabile entro un orientamento genericamente tradizionalista e conservatore di probabile ascendenza catoniana, diventa di uso comune all’interno del linguaggio della lotta politica, fino a cristallizzarsi in una serie di slogan. Anche l’applicazione che se ne fa a soggetti estranei alla realtà romana sembra rivelare una proiezione all’esterno di situazioni e di comportamenti propri dei rapporti e dei conflitti interni.

  • 46 Livio, Storie 1, 8, 6.

19In seguito, come dimostra la storia del concetto ricostruibile attraverso le pur numerose testimonianze della storiografia di età imperiale, del tema delle res novae rimane l’involucro linguistico, un repertorio di formule non più aderente a contenuti precisi dello scontro politico e sociale, ma adattabile a varie situazioni e attribuibile ai soggetti più vari : talmente vari che già in età augustea, nella narrazione delle origini di Roma in Livio, quel desiderio di cambiare vita da parte di una folla composita, in cui Sallustio aveva indicato il sintomo ed insieme la concausa di un grave malessere, viene a collocarsi all’origine stessa della città di Roma e della sua grandezza : « Vi confluì da ogni luogo una folla desiderosa di cambiamenti (turba avida rerum novarum) senza distinzione fra liberi e schiavi. »46

20Si manterrà, fra i possibili soggetti di aspirazione al cambiamento rappresentato dalle res novae, la divaricazione presente nelle testimonianze di età repubblicana fra un soggetto collettivo, romano o straniero, e singoli individui autori di trame e di cospirazioni ; ma questi soggetti si muoveranno su una scena completamente mutata, dominata, da una parte, dagli eserciti e, dall’altra, da protagonisti delle tante congiure di palazzo, reali o pretestuosamente costruite all’interno di calunnie, di cui riferiscono Tacito, Svetonio, Ammiano Marcellino. Si ha l’impressione che la storiografia di età imperiale continui a sfruttare una topica consolidatasi nella tradizione del genere, usando sia il linguaggio formulare fissatosi attorno al tema delle res novae sia i tratti descrittivi stilizzati del ritratto degli agitatori di popolo, e soprattutto di eserciti, mossi da ambizioni personali, spesso scialacquatori e pieni di vizi : una topica che sembra quasi un residuo fossile staccato dalle dinamiche e dai conflitti in cui si era costituito.

21In tutta la storia del concetto di res novae rimane tuttavia una costante. Il desiderio o il tentativo di « cambiare le cose » non si dirigono mai verso un oggetto ben definito. La novità viene indicata come negativa in sé e per sé, indipendentemente dal progetto che anima i tentativi di introdurla. Nella rappresentazione e valutazione negativa, spesso violentemente polemica che ne danno gli avversari, perfino nel momento più acceso e drammatico della crisi della repubblica, i vari soggetti portatori o interpreti di istanze di cambiamento non vengono presentati come dotati di un progetto alternativo rispetto all’ordine esistente ; essi sembrano limitarsi a volere sconvolgere quest’ordine. È lo sconvolgimento in quanto tale, assimilato senz’altro, con una automatica inversione di causa ed effetto, alla caduta delle difese della res publica, che suscita paura nei difensori delle istituzioni e delle tradizioni repubblicane, provocando la loro dura reazione. Anche programmi comunque parziali di riforma, come le proposte di legge agraria dei Gracchi e di Saturnino, rischiavano di risolversi, nella preoccupazione dei ceti moderati, in un grave indebolimento dello stato. Prima ancora che la realizzazione di un cambiamento, i ceti dirigenti di età repubblicana temevano e combattevano l’aspirazione stessa al cambiamento.

  • 47 È il sottotitolo del capitolo che A. La Penna, op. cit., p. 68-158 dedica al Bellum Catilinae di Sa (...)
  • 48 Evidenti coincidenze terminologiche sono rivelate per esempio dal confronto con la classificazione (...)

22Ma quella che è stata chiamata « paura delle res novae »47 aveva anche, dietro le valutazioni della realtà politica e sociale e dietro la consapevole assunzione di una linea di comportamento, una radice più profonda. Anche a questo proposito ci fornisce una chiave di comprensione l’analisi degli usi linguistici. Le nostre testimonianze collocano molto spesso le res novae entro un contesto caratterizzato da un intreccio di emozioni. Il repertorio di formule che abbiamo passato in rassegna coincide per lo più con la terminologia con cui la riflessione etica definiva le passioni, i turbamenti psichici (perturbationes animi) : desiderio, speranza, paura (cupiditas, spes, metus o pavor). I soggetti che aspirano alle res novae spesso agiscono sull’onda di altre passioni : il dolore (dolor), l’euforia (gaudium, laetitia), l’odio (odium), l’invidia. Il possibile effetto delle res novae è definito come un generico « turbamento » mediante verbi, come turbare o conturbare, che ci riportano alla sfera psichica della perturbatio animi, dell’emozione (il pathos dei Greci)48.

  • 49 Vd. L. Bertelli, « L’apologo di Menenio Agrippa : incunabolo della « Homonoia » a Roma ? », Index I (...)
  • 50 Lucrezio, De rerum natura 6, 641-646.
  • 51 Seneca, Questioni naturali 3, 28, 7.

23Le res novae, in conclusione, sono innanzitutto, in una percezione profonda, un’emozione, un turbamento che può creare uno squilibrio. Si tratta di una percezione che presuppone un modello organicistico in cui la comunità sociale e politica è assimilata a un organismo vivente esposto al rischio di malattia, malattia causata a sua volta dalla rottura di un equilibrio. Questa concezione della comunità come corpo e del cambiamento come fattore patogeno è nell’archeologia del pensiero politico romano : pensiamo al celebre apologo sullo sciopero delle membra contro lo stomaco con cui nel 494 a. C. Menenio Agrippa aveva convinto la plebe a rientrare dalla secessione sull’Aventino49. La percezione della novità come turbamento presuppone anche, più in generale, l’idea di un ordine naturale da rispettare, di una natura fisica regolata dalla legge della ripetizione dei fenomeni, rispetto a cui il nuovo equivale a un evento catastrofico, come l’eruzione di un vulcano di fronte all’angoscioso dubbio degli uomini su « cosa stia tramando la natura (quid moliretur rerum natura novarum) » in un passo del poema di Lucrezio50, o come la catastrofe finale che, quando lo stabilirà la razionalità divina che lo governa, porrà fine al mondo, inaugurando un nuovo ciclo cosmico : « il diluvio e la conflagrazione universale avvengono – scriverà Seneca ripetendo un tema vulgato della filosofia stoica – quando la divinità ritiene opportuno l’inizio di un mondo migliore e la fine di quello antico (ordiri meliora, vetera finiri) : una volta stabilito il rinnovamento universale (quando placuere res novae mundo), il mare così come il fuoco si rovesceranno sugli uomini »51. L’antico e il nuovo appaiono elementi in contrapposizione anche nel macrocosmo fisico : non c’è dialettica né possibilità di mediazione fra loro, il nuovo può solo soppiantare il vecchio dopo la sua distruzione. E se è vero che la provvidenziale divinità stoica di cui parla Seneca penserà a un nuovo mondo migliore del precedente, questo mondo migliore richiederà la distruzione di quello precedente : l’instaurarsi di un nuovo ordine, così come nel microcosmo della città terrena, avrebbe comportato la violenta sostituzione dell’ordine preesistente attraverso uno sconvolgimento catastrofico, l’imposizione del cambiamento e del nuovo come negatività.

  • 52 A. La Penna, op. cit., p. 146 : « Catone… aveva schiacciato con intransigenza il pericolo di sovver (...)
  • 53 Macrobio, Saturnali 2, 4, 18.
  • 54 Svetonio, Vita di Augusto 28, 3.
  • 55 Tacito, Annali 1, 2, 1.

24Ritorniamo al punto di partenza : malgrado una cultura profonda segnata dalla resistenza all’innovazione, ricordava Ronald Syme, nella storia di Roma si registrano cambiamenti e svolte di importanza decisiva : una di queste svolte fu quella attuata alla fine del I secolo a. C., talvolta ricordata come « rivoluzione augustea ». Un intellettuale del IV secolo d. C., Macrobio, racconta che una volta l’imperatore Augusto si trovò così a difendere Catone, l’anticesariano suicida a Utica, divenuto ben presto un simbolo della libertas repubblicana, della difesa dell’ordine e del rifiuto di ogni sovvertimento52, contro un personaggio che ne criticava la troppo rigorosa intransigenza : « Chiunque non desideri il mutamento dello stato vigente è un cittadino e un uomo modello. » Questo il commento di Macrobio : « Così, con una battuta, lodò Catone e nello stesso tempo, nel proprio interesse, avvertì che nessuno aspirasse a cambiare la situazione (ne quis adfectaret res novare). »53 Ad una attenta lettura, l’episodio fa emergere tutta l’ambivalenza della politica di Augusto. A innovare (novare res) era stato proprio lui, l’artefice del cambiamento radicale rappresentato dal principato, il fondatore di un assetto totalmente nuovo, sia pur ottenuto attraverso delicate operazioni di ingegneria istituzionale, in grado di introdurre le innovazioni mantenendo in piedi le strutture esistenti. Lo aveva ben presente già la storiografia antica : di un novus status parla Svetonio nella biografia del princeps54. Ma la più efficace sintesi della rivoluzione operata da Ottaviano Augusto si deve al genio storiografico di Tacito : « Cominciò la sua ascesa graduale, concentrando su di sé le funzioni del senato, dei magistrati e delle leggi ; e nessuno gli si oppose, perché i più aspri avversari erano morti in guerra o a causa delle proscrizioni, e gli altri aristocratici vedevano accrescersi il loro benessere ed elevarsi il loro prestigio, per cui, avvantaggiatisi in seguito al nuovo assetto (novis ex rebus), preferivano la tranquillità della situazione attuale ai pericoli di quella antica (tuta et praesentia quam vetera et periculosa mallent). »55 Il senso più profondo di questa rivoluzione, che Tacito mette perfettamente a fuoco, fu nella capacità di condurre i gruppi tradizionalmente conservatori a preferire il nuovo stato (res novae) al vecchio. Nello stile tacitiano questo mutamento viene espresso attraverso una singolare inversione di senso nel rapporto tradizionale fra l’antico, che assume il segno negativo del rischio e dell’incertezza, e un nuovo sotto il segno della tranquillità ; ed è significativo che questo rovesciamento di opzioni sia attribuito a quegli stessi soggetti che avevano a lungo difeso e propagandato la superiorità del primo sul secondo, i valori della tradizione contro il cambiamento.

  • 56 Res gestae divi Augusti 8.
  • 57 Ibid.
  • 58 Sul mutato rapporto con l’antico in età augustea, all’interno di una diversa concezione della tempo (...)

25La svolta del principato, al di là dell’abile costruzione di meccanismi istituzionali, era consistita anche in un’opera di mediazione culturale, che all’ingresso delle novità faceva corrispondere un recupero di tradizioni del passato : il nuovo si diffondeva a patto di assorbire l’antico e trovando in quest’ultimo legittimazione. Quando nella sua autobiografia Augusto si vanterà di avere riportato in vita molti esempi degli antenati ormai quasi svaniti dalla memoria dei contemporanei (multa exempla maiorum exolescentia iam ex nostro saeculo reduxi), e di aver fatto ciò emanando nuove leggi (legibus novis), sintetizzerà quest’opera di mediazione con un linguaggio secco e inequivoco che unirà concetti in apparenza antitetici : da un lato, le leges novae, dall’altro, l’esemplarità del mos maiorum56. Certo, le leggi cui ci si riferisce intendevano ripristinare la moralità dei tempi antichi, né più né meno che l’età dell’oro e le antiche virtù italiche che l’ideologia del principato riportava in vita e di cui i poeti dell’età augustea celebravano il ritorno. Ma questo richiamo al passato remoto dà ancora di più la misura della discontinuità che la nuova legislazione immette. A sua volta, Augusto stesso si presenta come iniziatore di una tradizione, come fonte di esemplarità per i posteri, dando l’idea di un radicale spostamento nel concetto di una tradizione schiacciata sul passato, e stabilendo un nuovo inizio (et ipse multarum rerum exempla imitanda posteris tradidi57). È questo intreccio di nuovo e di un antico recuperato al di fuori di una linea di continuità temporale ed entro una nuova concezione della temporalità58, a fondamento della cultura augustea, e alla base della scelta delle res novae da parte anche dei più tradizionali avversari. Una delle trasformazioni di maggiore portata che si siano verificate nella storia di Roma è tutta all’insegna di un complicato, artificioso equilibrio fra continuità e cambiamento, che sfrutta fino in fondo l’ambiguità del nuovo.

Top of page

Notes

1 R. Syme, La rivoluzione romana, Torino, Einaudi, 1962, p. 317 (edizione originale Oxford, Clarendon, 1939).

2 Si veda per esempio R. Heinze, Von den Ursachen der Größe Roms, Leipzig, Teubner, 1921 ( = Id., Vom Geist des Römertums, Stuttgart, Teubner, 1960, p. 9-26).

3 Le parole citate sono di J. Hellegouarc’h, Le vocabulaire latin des relations et des partis politiques sous la république, Paris, Les Belles Lettres, 1963, p. 475, il quale riprende, condividendolo in pieno, il giudizio di Syme.

4 La vicenda del fortunato topos storiografico della stagnazione tecnica, che continua a essere ripreso anche in tempi recenti, è un esempio significativo di quella tendenza a presupporre l’esistenza dei valori contemporanei nel passato, giudicando i fatti antichi come se avessero dovuto muoversi nella direzione di tali valori, definibile, per usare una felice espressione di Moses Finley, « errore teleologico ». Ho avuto modo di discutere e di fare la storia di questo schema valutativo in E. Romano, « L’antichità dopo la modernità. Costruzione e declino di un paradigma », Storica, III/7, 1997, p. 7-43 (in particolare, p. 24 sgg.).

5 È l’effetto di quella che si può definire « tentazione uniformante », che porta a descrivere il mondo antico o singoli aspetti di esso all’interno di quadri quanto più ampi e unificanti possibili : ibid., p. 30 sgg., con riferimenti bibliografici.

6 Tengo conto, in particolare, delle linee metodologiche esposte da B. Lepetit, « Histoire et propagation du nouveau » (en collaboration avec J. Hoock), in Id., Carnet de croquis. Sur la connaissance historique, Paris, Bibliothèque Albin Michel – Histoire, Albin Michel, 1999, p. 142-168.

7 R. Syme, op. cit., p. xvii.

8 È superfluo precisare che, malgrado per convenzione siano stati usati termini come « rivoluzione » e « rivoluzionario », e malgrado il nesso res novae, che esamineremo più avanti, venga spesso tradotto nelle lingue moderne con « rivoluzione », gli episodi in questione non possono rientrare nella categoria concettuale di rivoluzione in senso moderno, e che l’abuso linguistico nasce da una sovrapposizione della concettualizzazione moderna ai conflitti del mondo antico. Non si può negare tuttavia a certi eventi il valore di cesura fra una fase e l’altra della storia, addirittura, come nel caso del principato augusteo, fra un’epoca e un’altra, la Repubblica e l’Impero. In generale, si veda il dibattito contenuto in « Stato e istituzioni rivoluzionarie in Roma antica », Index III, 1972, in particolare i contributi di J. Ellul, « Réflexions sur la révolution, la plèbe et le tribunat de la plèbe », p. 155-167 ; S. Mazzarino, « Note sul tribunato della plebe nella storiografia romana », p. 175-191 ; e, sempre nella stessa rivista, il dibattito su « Movimenti rivoluzionari », Index, VIII, 1977, soprattutto P. Frezza, « Secessioni plebee e rivolte servili nella Roma antica », p. 95-109 ; G. Boulvert, « État et institutions révolutionnaires : à propos de la Révolution romaine », p. 119-124. Una recente riflessione su questi temi, in relazione alla cultura greca classica, in G. Camassa, « I Greci davanti al problema del mutamento », Quaderni di storia, LVII, 2003, p. 147-172.

9 Su questo dibattito, registrato nell’orazione ciceroniana Sul comando di Pompeo, cfr. C. Moatti, La raison de Rome. Naissance de l’esprit critique à la fin de la République, Paris, Seuil, 1997, p. 36 sgg., che nella posizione del senatore Catulo vede un’espressione significativa della resistenza della società romana alla novità.

10 Pur con i limiti intrinseci a un’analisi di questo tipo (una base documentaria costituita da fonti letterarie, con un certo grado di elaborazione, selezionata dalle élites culturali dominanti e sopravvissuta al successivo naufragio di buona parte della tradizione testuale), può essere utile partire dalle idee sul nuovo per capire quello che viene individuato come un parametro esplicativo della diffusione o meno dell’innovazione, il grado cioè di attitudine della società al cambiamento (vd. B. Lepetit, art. cit., p. 149 sgg.).

11 Sallustio, La congiura di Catilina 37, 3.

12 Ammiano Marcellino, Storie 21, 10, 8.

13 Fra i contributi più recenti sul ruolo della tradizione nella cultura romana e sulla sua crisi nella tarda repubblica, C. Moatti, op. cit. ; U. Walter, Memoria und res publica, Frankfurt a. M., Verlag Antike, 2004.

14 Lucrezio, De rerum natura 5, 168-173.

15 Ibid. 5, 1105-1107.

16 Cicerone, Seconda orazione sulla legge agraria 89.

17 Ibid. 91.

18 Catone fr. 125, In difesa dei Rodiesi, in Aulo Gellio, Notti Attiche 6, 3, 47.

19 Pseudo-Carisio, Sinonimi di Cicerone, in Grammatici Latini I, 420,27 ed. Keil : suasor. impulsor. hortator. concitator. turbator. instinctor. insimulator. vultuosus. turbulentus. tumultuosus. inquietus. rerum novarum cupidus. conspirans. inimicus otii vel otio. hostis bonorum. quietis vel quieti adversarius.

20 Per esempio, K. Vretska, Sallust. De Catilinae coniuratione, Heidelberg, Universitätsverlag, 1976; e P. Mc Gushin, Leiden, 1977 a Sall. Cat. 28, 4: « The phrase resnovae may have formed part of traditional vocabulary of historiography. »

21 Colpisce, per esempio, che J. Hellegouarc’h non abbia trattato questo concetto nel suo Vocabulaire, mentre ha dedicato un’ampia rubrica a quello di homo novus (op. cit., p. 472-483). Sulle res novae nella storiografia sallustiana sono fondamentali le pagine di A. La Penna, Sallustio e la “rivoluzione” romana, Milano, Feltrinelli, 1968, p. 68-158.

22 Cicerone, In difesa di C. Rabirio 33 (trad. di G. Bellardi, Torino, UTET, 1981).

23 Ibid. 34

24 Cicerone, Catilinaria I, 3. Spurio Melio era un ricco cavaliere che si era procurato il favore della plebe mediante distribuzioni di grano (cfr. Livio, Storie 4, 14).

25 Cicerone, Catilinaria I, 3.

26 Cicerone, In difesa di Sestio 104.

27 Cicerone, In difesa di Milone 34.

28 Cicerone, In difesa di Sestio 104 sgg.

29 Sallustio, Epistole a Cesare I, 6 ; il senso generale (contrapposizione fra l’ordine dei composita e le res novae) è chiaro, anche se la lettura del verbo da cui dipende l’oggetto res novas è incerta a causa di una corruttela testuale.

30 Pseudo-Cicerone, Invettiva contro Sallustio 18.

31 Cicerone, Epistole ad Attico 9, 12, 3.

32 Ibid. 10, 8, 2.

33 A. La Penna, op. cit., p. 109.

34 Cesare, La guerra civile 1, 7. In questo stesso discorso, in cui abilmente Cesare si presenta come difensore della legalità, Pompeo è accusato per aver introdotto un’innovazione, cancellando il diritto di veto dei tribuni : questo novum exemplum, questo ingiustificato precedente creato dall’avversario, viene presentato come uno dei motivi dello scoppio delle ostilità.

35 Vd. Cesare, La guerra gallica 3, 10, 3 ; 4, 5, 1 (sui Galli) ; 1, 9, 3 ; 5, 6, 1 (su Dumnorige) ; e soprattutto il ritratto del capo eduo in 1, 18.

36 Vd. Sallustio, Iug. 46, 1 ; 66 ; Orazio, epod. 16, 6 ; Livio 22, 21, 2 ; 24, 1, 7 ; 35, 34, 3 ; Curzio Rufo 4, 1, 30 ; Historia Augusta, Trebellio Pollione, Triginta tyranni 3, 7 ; Historia Augusta, Vopisco, Quattuor tyranni 7, 4. Soggetti di desiderio di res novae sono anche personalità individuali : il traditore Bomilcare e il facinoroso Amilcare in Sallustio, Iug. 70, 1 e 77, 1, Annibale in Liv. 34, 61, 6, il satrapo Astaspe in Curzio Rufo 9, 10, 21, l’iberico Radamisto in Tacito, ann. 12, 44, 5.

37 Sallustio, La guerra giugurtina 66, 2 e 4.

38 Sallustio, La congiura di Catilina 37, 1.

39 Ibid. 38.

40 Ibid. 48, 1; 57, 1.

41 Ibid. 28, 1.

42 Ibid. 36-39.

43 Ibid. 36-39.

44 Vd. supra. p. 20.

45 Sallustio, La congiura di Catilina 37, 1 (plebes novarum rerum studio); 37, 3 (vetera odere, nova exoptant… mutari omnia student); 39, 3 (sed ubi primum dubiis rebus novandi spes oblata est); 39, 6 (quoscumque moribus aut fortuna novis rebus idoneos credebat).

46 Livio, Storie 1, 8, 6.

47 È il sottotitolo del capitolo che A. La Penna, op. cit., p. 68-158 dedica al Bellum Catilinae di Sallustio.

48 Evidenti coincidenze terminologiche sono rivelate per esempio dal confronto con la classificazione stoica delle passioni e la loro denominazione in Cicerone, Tusculanae disputationes 4,11-14.

49 Vd. L. Bertelli, « L’apologo di Menenio Agrippa : incunabolo della « Homonoia » a Roma ? », Index III, 1972, p. 224-234. Sull’assimilazione di corpo e città nella cultura greca si rinvia a G. Cambiano, « Patologia e metafora politica », Elenchos II, 1982, p. 219-236 ; M. Vegetti, « Metafora politica e immagine del corpo nella medicina greca » in Id., Tra Edipo e Euclide. Forme del sapere antico, Milano, Il Saggiatore, 1983, p. 41-58.

50 Lucrezio, De rerum natura 6, 641-646.

51 Seneca, Questioni naturali 3, 28, 7.

52 A. La Penna, op. cit., p. 146 : « Catone… aveva schiacciato con intransigenza il pericolo di sovversione sociale… Non solo il culto della libertà, ma l’amore dell’ordine e l’odio delle res novae contribuiscono a creare il mito di Catone. »

53 Macrobio, Saturnali 2, 4, 18.

54 Svetonio, Vita di Augusto 28, 3.

55 Tacito, Annali 1, 2, 1.

56 Res gestae divi Augusti 8.

57 Ibid.

58 Sul mutato rapporto con l’antico in età augustea, all’interno di una diversa concezione della temporalità, vd. C. Moatti, op. cit., p. 47 sgg.

Top of page

References

Electronic reference

Elisa Romano, « L’ambiguità del nuovo : res novae e cultura romana », Laboratoire italien [Online], 6 | 2006, Online since 07 July 2011, connection on 24 March 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/191 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.191

Top of page

About the author

Elisa Romano

Elisa Romano est professeur de philologie classique et d’histoire de la tradition classique à la faculté des lettres et de philosophie de l’Université de Pavie. Ses recherches portent sur l’histoire de la culture romaine, ainsi que sur la réception de l’Antiquité à l’âge moderne. Parmi ses publications récentes sur ce thème, on peut citer : « L’antichità dopo la modernità. Costruzione e declino di un paradigma », Storica, III/7, 1997, p. 7-47 ; « Antichi e moderni nella Roma di fine repubblica », L’antico degli antichi, G. Cajani et D. Lanza dir., Palerme, Palumbo, 2001, p. 125-132 ; « Il concetto di antico in Varrone », Memoria e identità. La cultura romana costruisce la sua immagine, M. Citroni dir., Florence, Università degli studi, 2003, p. 99-107 ; « Effigies antiquitatis. Per una storia della persistenza delle Dodici Tavole nella cultura romana », Le Dodici Tavole dai decemviri agli umanisti, M. Humbert dir., Pavie, 2005, p. 451-479 ; « Chiudere i conti : Nietzsche, l’antichità e la critica della modernità », Aspetti della fortuna dell’antico nella cultura europea, E. Narducci, S. Audano, L. Fezzi dir., Pise, ETS, 2005, p. 19-40.

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page