Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
La République en exil (XVe-XVIe siècles)

« Iis, qui vix usquam locum tutum inveniunt »

Giuristi, riformatori religiosi, fuorusciti. Matteo Gribaldi Mofa († 1564)
Diego Quaglioni
p. 79-92

Abstract

En retraçant la vie du juriste italien Matteo Gribaldi Mofa, exilé à Genève pour des raisons religieuses, l’auteur entend montrer combien les motifs politiques, scientifiques et religieux s’entremêlaient dans la vie intellectuelle de la nombreuse colonie européenne d’exilés italiens à la fin du XVIe siècle. Le message de Gribaldi Mofa, suivant lequel personne ne devait être condamné pour ses idées et opinions en matière religieuse, fut repris par des personnalités telles que Jean Bodin qui s’en servirent pour défendre l’idéal de la liberté de conscience.

Top of page

Full text

  • 1 Per gli aspetti dottrinali del problema mi permetto di rinviare al mio contributo « Rebellare idem (...)
  • 2 Sul bando si veda il saggio di Christian Zendri, in questo numero della Rivista, e più in generale (...)
  • 3 Cfr. P. Carta, Nunziature ed eresia nel Cinquecento. Nuovi documenti sul processo e la condanna di (...)
  • 4 Il migliore contributo biografico è ancora quello di F. Ruffini, Il giureconsulto chierese Matteo G (...)

1Il fuoruscitismo, nella sua concreta realtà storica, è un fenomeno tipico del Medioevo politico italiano, e deve la sua tipicità alle caratteristiche della turbolenta vita sociale e istituzionale delle città ad ordinamento comunale e signorile1. La dottrina giuridico-politica del maturo diritto comune ne riconosce la realtà distinguendo i cives tra intrinseci ed extrinseci (i fuorusciti, appunto, come cittadini banditi dal territorio per condanna penale emessa in contumacia) ed elaborando una teoria del potere che prevede la indebita espulsione come segno distintivo della tirannide2. Diversa è la condizione di coloro che, nella tormentata stagione delle controversie religiose e della repressione dell’eterodossia, elessero la via dell’esilio o fecero dell’abituale destino della peregrinazione accademica una scelta forzata, per fuggire i pericoli degli inquisitori o per portarsi al riparo dell’intolleranza riformata. Fu questo, alla fine del Cinquecento, il destino di uomini di dottrina come Alberico Gentili e come lo stesso Bruno, ma anche di anime candide e ingenuamente votate alla predicazione di una religione depurata dai dogmi e alla speranza di una concordia mundi, come il fiorentino Francesco Pucci3. Nella prima metà del secolo questa condizione può dirsi incarnata in una delle personalità più interessanti della cultura giuridica italiana e del pensiero religioso riformatore, quella del chierese Matteo Gribaldi Mofa4.

  • 5 Matteo Bandello, Le Novelle, II, 12, in Tutte le opere di Matteo Bandello, a c. di F. Flora, I, Mil (...)

2Del panorama cinquecentesco la vita e l’opera del giurista piemontese Matteo Gribaldi è per molti versi caratteristica, al pari dello scenario in cui essa si colloca, cioè il Piemonte sabaudo nelle guerre iniziatesi con l’invasione francese del 1536. Non credo si trovi pagina più espressiva di quella che si legge nelle Novelle del Bandello, e precisamente nell’inizio della novella XII della seconda parte. A parlare è Giovanni Antonio Gribaldi Mofa, gentiluomo chierese e fratello maggiore di Matteo, « essendo in Pinarolo, a la presenza de l’illustrissimo signor Cesare Fregoso luogotenente generale di Sua Maestà cristianissima e di molti altri signori e capitani »5 :

Avete veduto, valoroso signore, esser quasi general costume di tutti i gentiluomini nostri di Piemonte lasciar le città e le grosse terre ed abitar a le lor castella di che il paese è molto pieno, perciò che pochi gentiluomini vi si trovano che non abbiano o in campagna o per questi fruttiferi colli e ne l’amenissime ed abbondanti valli che molte ci sono, qualche castello. E se voi, signor mio, fossi venuto in questo paese prima che la guerra si facesse, avereste veduto tanta nobiltà e tanti bei luoghi e tanta fertilità ed abbondanza e delicatezza del vivere, che forse forse in tutta Italia non è contrada che sormonti questa parte. Taccio la domestichezza del conversar insieme e le tante cortesie che in tutti i luoghi di Piemonte ai forestieri s’usavano, che certo era cosa mirabile a vedere. Ora la guerra ha guasto il tutto, e tutte le belle e buone consuetudini si son poste da canto. Si spera perciò che tra il gran re cristianissimo e monsignor il duca di Savoia debbia succeder buona pace, il che seguendo, potrebbe anco tornar il nostro paese com’era prima.

  • 6 F. Cognasso, Vita e cultura in Piemonte, in Storia del Piemonte, II, Torino, Casanova, 1960, p. 665 (...)
  • 7 Così nel 1576 sentenziava Jean Bodin nel libro V della République (Les six livres de la Republique (...)

3Nel luogo bandelliano, già rievocato finemente da Francesco Cognasso in un suo noto saggio su Vita e cultura in Piemonte6, non importa di valutare il sogno di restaurazione del buon vivere civile e dell’amabile discorrere della via comune nei tempi andati, proprio del gentiluomo chierese ; l’accento cade piuttosto, fino a dilatarne il significato in un trapasso epocale, sul sentimento della guerra come « acceleratore » della storia, sul disincantato riconoscimento che « ora la guerra ha guasto il tutto ». Il passo è importante non per sole coincidenze di luoghi e di date (le Novelle escono la prima volta nel 1554, a Lucca, per Vincenzio Busdrago, a breve distanza di tempo dalla pace che avrebbe cambiato gli equilibri italiani ed europei col « diminuire il territorio della Francia, che si estendeva fino alle porte di Milano », e « mettere il duca di Savoia come una barriera fra Italia e Francia, per vietare ai Francesi il passo e spegnere tutte le loro aspirazioni all’Italia »7 ; Bandello muore nel 1561 e Matteo Gribaldi tre anni dopo). Il passo è importante perché proprio nel clima delle guerre di Piemonte evocato dal Bandello con le parole di Giovanni Antonio Gribaldi Mofa, il giurista Matteo rimeditò l’insegnamento del diritto comune e consumò la sua esperienza di « fuoruscito » per motivi di religione non meno che per l’ansia di trovare un luogo in cui poter continuare ad insegnare in libertà la scienza del diritto.

  • 8 F. Ruffini, cit., p. 52.
  • 9 Ioannis Calvini, Opera quae supersunt omnia, ediderunt G. Baum, E. Cunitz, E. Reuss, XVI, Brunsviga (...)
  • 10 F. Ruffini, cit., p. 52.

4Matteo Gribaldi Mofa nacque a Chieri, nel Monferrato, ai primi del Cinquecento, secondogenito di Giovanni e di Maria dei marchesi di Ceva, il cui matrimonio data al 1497. Discendente da una famiglia patrizia imparentata con le casate dei Broglia e dei Benso e che ebbe ab antiquo il feudo di Santena, il Gribaldi Mofa acquistò già prima del 1535 il castello di Farges, nel Paese di Gex, di lì a poco « strappato (1536) alla cattolicissima Casa di Savoia dalla protestante repubblica di Berna »8. Di qui il titolo di dominus Fargiarum, « sieur de Farges », che costantemente gli viene attribuito, e di qui anche la sua soggezione alla Repubblica, attestata dalla confessione di fede fatta in Berna nel 1557 : « Ego Matthaeus Gribaldus, dominorum meorum Bernensium humilis subditus atque vasallus »9. Ciò gli consentì di avere un rifugio, sia pure non del tutto sicuro, a breve distanza da Ginevra, « non meno contro l’intolleranza protestante che contro la cattolica »10.

  • 11 Cfr. T. Cuturi, La tradizione della scuola di diritto civile nella Università di Perugia, con l’agg (...)
  • 12 F. Ruffini, cit., pp. 50-51.

5Secondo Francesco Ruffini, il grande ecclesiasticista e storico della libertà religiosa, risultano infondate le notizie circa un suo insegnamento del diritto civile a Chieri e a Pisa, così come incerta è la sua presenza nello Studio di Perugia, assegnata dal Cuturi al 1540, anno in cui il Gribaldi Mofa accettò la condotta conferitagli a Valence nel Delfinato (da Valence è datata la prefazione della sua opera principale, i De methodo ac ratione studendi libri tres, pubblicata la prima volta a Lione, « apud Antonium Vincentium », nel 1541 e più volte ristampata nel corso del Cinquecento)11. Sei anni prima, secondo la sua stessa testimonianza, Matteo Gribaldi insegnava a Tolosa. Il Ruffini dà come ipotetico un insegnamento a Cahors e nega che il giurista chierese abbia insegnato a Pavia, mentre ampiamente testimoniata è la sua presenza nello Studio di Grenoble : « La condotta del Gribaldi, deliberata dal Consiglio di questa città per rialzare le sorti cadenti dello Studio, fu stipulata il 21 febbraio 1543, per un anno, con lo stipendio di 300 scudi d’oro. Il suo insegnamento cominciò il 3 aprile di quell’anno medesimo, e proseguì con tanta soddisfazione generale, che il 17 marzo 1544 egli fu ricondotto per un anno, e lo stipendio gli fu aumentato di 20 scudi. Con tutto ciò, nel 1545 egli abbandonò Grenoble, a quanto pare per le difficoltà finanziarie in cui la città si trovava. Ma con essa il Gribaldi rimase nei migliori rapporti, tanto che lo si richiedeva di consiglio e di aiuto, ancora nel 1548, intorno ai lettori italiani da assumere, e ripetutamente fu invitato a tornare »12, come in effetto avverrà fra il 1559 e il 1560.

  • 13 Ibid., p. 51, nota 22.
  • 14 Ibid., p. 54.
  • 15 Ibid., p. 55.
  • 16 F. Trechsel, Die protestantischen Antitrinitarier vor Faustus Socin, II, Lelio Sozini und die Antit (...)

6Certo è che il 22 marzo 1548 il Gribaldi fu chiamato a Padova, con tutta probabilità dopo avere retto una podesteria in Asti, secondo un’inedita notizia reperita dal Ruffini tra le Carte Biscaretti nell’Archivio di Stato di Torino13. A Padova si trattenne per sette anni, fino al 1555, quando fu costretto ad allontanarsene a causa del diffuso sospetto verso le sue idee religiose. Il suo passaggio alla Riforma deve porsi dopo il 1543, anno in cui « essendo il Gribaldi in Grenoble, risulta che assisteva ancora alla messa », benché sia difficile dire se ciò avvenisse « per intima convinzione o non per necessaria precauzione, come certi colleghi suoi tutt’altro che ortodossi »14. A Padova il giurista chierese fu in contatto con gli ambienti riformati principalmente per mezzo degli studenti tedeschi, « che si affollavano intorno alla sua cattedra e di cui alcuni, come Basilio Amerbach, erano da lui ospitati secondo le consuetudini universitarie del tempo »15 : una lettera dell’Osyander a Bonifacio Amerbach, padre di Basilio, nel 1553 descrive in modo colorito l’ambiente familiare del Gribaldi, che ospitava gli studenti tedeschi a più caro prezzo che gli italiani, dispensando con grande parsimonia cibo e bevande in una casa disertata dalla moglie e dai figli, scomoda, umida nell’inverno e calda d’estate, e che soprattutto faceva mancare la conversazione dotta e non si esprimeva né in italiano né in latino, ma nel suo vernacolo, « Lombardico sermone corrupto »16.

  • 17 F. Ruffini, cit., p. 57.
  • 18 Francisci Spierae, qui quod susceptam semel Evangelicae veritatis professionem abnegasset, damnasse (...)
  • 19 F. Ruffini, cit., p. 60.
  • 20 Cfr. Ibid., p. 60, note 47-49.

7In quell’ambiente il Gribaldi si legò di stretta amicizia con Pier Paolo Vergerio, venendo coinvolto nel processo che contro di questi fu intentato in relazione al caso di Francesco Spiera, l’avvocato di Cittadella « il quale, abbracciata la Riforma, l’aveva poi rinnegata sotto le minacce dell’Inquisizione »17, e del quale lo stesso Gribaldi risultava assiduo frequentatore. Il Vergerio abbandonò Padova e l’Italia nel 1549, dopo la morte dello Spiera, curando di divulgarne la storia con un’Apologia, stampata a Basilea nel 1550 e corredata, oltre che da scritti di Calvino e di Celio Secondo Curione, da un Iudicium di Martin Borrhaus e da una Epistola dello stesso Gribaldi18. Il giurista chierese rimase invece a Padova, dissimulando, per quanto gli riuscì possibile, la sua eterodossia. Secondo il Ruffini egli doveva già essere « in relazioni epistolari, e forse anche personali, con Calvino, prima ancora che l’episodio dello Spiera li accomunasse nel commemorarlo »19. Fu infatti il Gribaldi a raccomandare a Calvino l’esule Vergerio, con una lettera del 1549 ; e a Ginevra, dal vicino castello di Farges, egli doveva essere spesso, quando gli impegni patavini non lo assorbivano (sappiamo dalla corrispondenza col Vergerio che il Gribaldi nel 1551 era a Berna, e da quella col Curione che nel 1552 era a Ginevra)20.

  • 21 Contra libellum Calvini in quo ostendere conatur haereticos iure gladii coërcendos esse, s.l., 1562 (...)
  • 22 Ioannis Calvini, Opera quae supersunt omnia, XVI, cit., coll. 463-464. Cfr. D. Cantimori, Eretici i (...)

8A Ginevra il Gribaldi si trovò anche nel 1553, capitandovi anzi nel punto culminante della tragedia di Michele Serveto. Al giurista chierese allude infatti Sebastiano Castellione, quando nel Contra libellum Calvini scrive di un « Italus quidam, I[uris]c[onsul]tus celebris », che prendendo le difese di Serveto asserì che nessuno poteva essere condannato per le sue opinioni erronee nella fede ; Calvino rifiutò allora un colloquio col Gribaldi, al quale non restò che tornarsene a Padova, non senza aver relazionato sull’accaduto ai suoi amici del circolo di Antitrinitari di Vicenza21. Di ciò lo stesso Calvino doveva scrivere, in una lettera del 2 maggio 1557 al conte Giorgio del Württemberg, sottolineando che il giurista era spesso accolto a Ginevra tra i fuorusciti (« inter hospites atque esteros ») e che la sostanza del suo pensiero consisteva nell’affermazione della non punibilità dei reati di opinione in materia di fede in ragione della libertà del credo di ciascuno (« quia libera cuique esset fides »)22 :

Sed, quia nunc de Matthaeo Gribaldo vobis sciscitari placuit, breviter quomodo se hic gesserit exponam. Ac primum in hac urbe ita versatus est, ut nunquam vel senatui nostro operam suam addixerit, vel obstrictus etiam fuerit fide data, sed habitus semper fuerit inter hospites atque exteros. Atque ut fere quotannis solebat huc venire, forte hic erat quo tempore in carcerem coniectus est Servetus. Ac tunc, dissimulans sibi cum impiis illis erroribus quidquam esse commune, tantum obliquos sermones serebat, non esse de falsis dogmatibus exigendas poenas, quia libera cuique esset fides. Postea tamen aperuit quod initio tegebat, se ideo conqueri de senatus nostri severitate, quia sibi impune permitti cuperet impia sua deliria vomere. Ac tunc quidem colloquium meum petiit, fateor : quod ideo negavi, quia ante expertus fueram quale esset hominis ingenium.

  • 23 F. Ruffini, cit., p. 62.
  • 24 A. Rotondò, Calvino e gli antitrinitari italiani, « Rivista storica italiana », LXXX (1968), pp. 75 (...)

9In ogni caso, come scrive il Ruffini, « Matteo Gribaldi Mofa fu […] il primo uomo che osò, nella stessa Ginevra, in faccia allo stesso Calvino, esprimere la sua riprovazione per il processo intentato a Serveto e la condanna capitale, che ormai nella coscienza di tutti pendeva sul capo dello Spagnuolo ; e cioè la sua riprovazione per quello, che fu l’errore inescusabile di Calvino e insieme la macchia indelebile della sua Riforma »23. Fu « il primo scontro fra Calvino e gli antitrinitari italiani » ; da allora, ha scritto Antonio Rotondò, « non c’è insinuazione o esplicita professione di antitrinitarismo da parte di italiani che non risulti legata alla critica del procedimento contro Serveto » (due cose che non erano necessariamente e intimamente congiunte, ma che formarono invece « un solo problema allorché la critica del fatto contingente si tramutò in una critica di principio »)24.

  • 25 F. Trechsel, cit., pp. 460-461.
  • 26 Ibid., p. 57, nota 4.

10Il Gribaldi prese parte, sia pure solo come ispiratore, alle polemiche seguìte, in seno al mondo riformato, al rogo del Serveto, tenendo contatti stretti con Lelio Sozzini e intervenendo poi direttamente nella controversia teologica durante un suo soggiorno ginevrino del 1554. Nel settembre di quell’anno infatti il giurista chierese assistette in Ginevra all’adunanza della Congregazione generale della Chiesa italiana e fu sollecitato ad intervenire sulla questione trinitaria, come risulta da una sua epistola ai connazionali fuorusciti, che riassume il contenuto della disputa, promettendo, una volta rientrato in Padova, una più diffusa esposizione di « tutti li luoghi, argomenti et raggioni et autorità de dottori » intorno alla questione25. Rientrato in Padova il 19 ottobre 1554 portando con sé, da Torino, la moglie e i sette figlioli, il Gribaldi si trovò presto soggetto ai sospetti dell’Inquisizione e alle pressioni dei Reggitori veneti, che lo posero infine davanti all’alternativa tra ricredersi dalla condotta sospetta o lasciare lo Studio. Il giurista abbandonò Padova il 22 aprile del 1555, non sentendosi più sicuro « ob monachorum insidias », come narra una lettera di Basilio Amerbach al padre26.

  • 27 Amerbachianorum Espistolae mutuae Bononia et Basilea datae, in Universitari litterarum et artium Bo (...)
  • 28 Registres de la Compagnie des Pasteurs de Genève au temps de Calvin, II, 1553-1564, par R.-M.Kingdo (...)

11Chiamato a Tubinga per diretta intercessione di Bonifacio Amerbach presso il duca Cristoforo del Württemberg, « ut ipse a consiliis suis sit et ius civile […] doceat »27, con lo stipendio di quattrocento fiorini d’oro e con amplissimo consenso e fama della sua dottrina, attestati dallo stesso Melantone, il Gribaldi prima di prendere possesso del nuovo incarico fu al castello di Farges e di lì a Ginevra, dove Calvino lo chiamò a un drammatico colloquio. L’episodio, celebre per numerose relazioni datene dai biografi di Calvino e dallo stesso Riformatore, ebbe luogo il 29 giugno davanti alla Compagnia dei Pastori, i cui registri recano la succinta, ma viva testimonianza dello scontro. Il Gribaldi vi appare in tutta la sua statura morale e nella sua qualità di uomo di alta condizione e di fuoruscito, accompagnato e quasi circondato da altri fuorusciti « italiani » e pronto tanto ad uno schietto confronto quanto ad una orgogliosa ripulsa28 :

Samb[e]dy ensuivant, pource que Mathieu Gripaldo, sieur de Farges, avoit tenu et escript plusieurs propos hereticques et blasmé la doctrine preschee en ceste eglise, monsieur le Sindicque du Consistoire, Pierre Jean Jessé, et le sieur Jehan de la Maison Neufve et les ministres estans assemblez, ledit de Farges fut appellé ; lequel vint estant acompaignié d’aucuns Italiens, et sur tout de maistre François le medecin, et estant entré demanda : ubi est Dominus Calvinus ? Auquel il presenta la main ; à laquelle ledit M. Jehan Calvin ne voulut toucher, disant : Non porrigam donec prius conventum sit de doctrina, non enim incipiendum est a caeremoniis. Surquoy ledit de Farges dit adieu messieurs et s’en alla. Bien tost après, fut appellé en la maison de la ville et là redargué par ledit M. Calvin de ses erreurs en presence dudit sieur Sindicque et autres des seigneurs du Conseil.

  • 29 J.-B.-G. Galiffe, Le refuge italien de Genève aux XVIe et XVIIe siècles, Genève, H. Georg – Paris, (...)

12Il Gribaldi fu dunque bandito dalla città, avendo salva la vita forse solo in ragione della sua soggezione a Berna. Cominciò però allora una strenua persecuzione, fatta di invettive e denunce dell’eterodossia del giurista, rivolte da Calvino e da Théodore de Bèze agli ambienti politici ed accademici nei quali si trovava ad operare il Gribaldi, confidente nelle sue relazioni non meno che nel suo lignaggio, come buona parte dei fuorusciti italiani per motivo di religione : « Des lettrés, des hommes de cour et d’épée, des grands seigneurs, qui apportaient avec les goûts d’une civilisation plus raffinée, les manières, les habitudes, les traditions de cette élite sociale, à laquelle pour la plupart ils appartenaient »29.

  • 30 F. Ruffini, cit., p. 83.

13« Da tutta cotesta epistolografia denigratoria e, vorremmo anzi poter dire, allarmista, lanciata ai quattro venti, non poteva non formarsi una vera rete di sospetti intorno al Gribaldi »30, che rientrato a Farges nel 1557, sulla via del ritorno, mentre si trovava a Berna, fu ferito a coltellate da un attentatore. Rientrato a Tubinga si trovò stretto dalle rinnovate accuse dei Ginevrini, alimentate dallo stesso Vergerio, e chiamato a discolparsi davanti al Duca. Il Gribaldi preferì rifugiarsi a Farges, mentre il Duca trasmetteva alla signoria di Berna una relazione sull’accaduto e una serie di carte compromettenti per il malpensante giurista. Questi non cessò, da Farges, di difendersi e di propagandare le sue idee, finché il balivo di Gex non intentò contro di lui un procedimento sommario.

  • 31 F. Trechsel, cit., p. 299, nota 4.
  • 32 F. Ruffini, cit., p. 102.
  • 33 A. Rotondò, Calvino e gli antitrinitari italiani, cit., pp. 760-761.
  • 34 Così il Curione nei De Amplitudine Beati Regni Dei, Dialogi sive libri duo (1554) : cfr. D. Cantimo (...)

14Mandato prigioniero a Berna e lì giudicato da Nicola Zurkinden in modo equanime, fu rilasciato a patto che rientrasse nel Württemberg per rispondere della sua fuga. Il Gribaldi, una volta libero, supplicò la signoria di Berna di essere esaminato e giudicato davanti ai Predicatori bernesi, per non vedersi costretto, con la sua famiglia, a darsi nelle mani dei Cattolici, « in Papatum cum liberis meis discedere »31. Il giurista fu così costretto, persuadendolo lo Zurkinden, a firmare una umiliante confessione di fede; fu inoltre bandito dal territorio della Repubblica, e dunque impedito di rientrare nel suo dominio di Farges. Rifugiatosi a Friburgo in Svizzera, mortagli la moglie ai primi del 1558, chiese ed ottenne un salvacondotto per sé e per i figli, e poté rientrare a Farges a condizione che cessasse ogni attività di propaganda delle sue idee. « Del resto, il Gribaldi era ormai considerato da tutti, seguaci ed avversari, il capo-scuola dell’antitrinitarismo italiano, anzi europeo », totum nidum Gribaldinum, secondo un’espressione di Calvino32. Sfuggito alla pena capitale « soltanto per interessamento di N. Zurkinden », il Gribaldi « visse i suoi ultimi anni in continuo pericolo tra l’università di Grenoble e il suo castello di Farges »33. A lui, come del resto a Lelio Sozzini e a Celio Secondo Curione, era mancato anche in Svizzera un asilo sicuro, come a tutti coloro che allora, secondo la bella espressione dello stesso Curione, non aspiravano che a trovare un locus tutus34:

Utinam nostrorum principum quispiam, aliquave Respublica, aut Regnum, Asylum aperiret iis, qui vix usquam locum tutum inveniunt: qui unam tantum ob causam impii seditiosique proclamantur, quod vere pii ac Christi domini gloriae studiosi esse volunt.

  • 35 F. Ruffini, cit., p. 109.
  • 36 Ibid., pp. 110-111.

15Chiamato ancora ad insegnare a Grenoble, con una condotta del 4 agosto 1559, per tre anni e con lo stipendio di mille lire torinesi, il Gribaldi vi fu collega e competitore del Goveano, propugnatore del cosiddetto mos Gallicus in opposizione alla tradizione italiana. Nel 1560 un ordine del Duca di Guisa, governatore del Delfinato in nome del Re, imponeva però alla Municipalità di Grenoble di licenziare il Gribaldi « perché malpensante in fatto di religione, sotto minaccia di sopprimere l’Università »35. Dopo il licenziamento, vanamente ostacolato dalla città, non si ha più notizia del giurista chierese, che morì di peste a Farges nel 1564, pochi mesi dopo la scomparsa di Calvino. Il Ruffini, avvertendo che la notizia della morte del Gribaldi Mofa fu data dagli stessi biografi di Calvino, aggiunse che « l’odium theologicum non si era fermato innanzi alla sua tomba », poiché Théodore de Bèze scrisse che, morendo di peste, il giurista « paratum sibi supplicium praevenit » : « Nelle quali parole par di sentire quasi una vaga nostalgia del rogo, e come il rimpianto che a quel detestatissimo giureconsulto non si fosse potuto far fare una fine un po’ meno naturale e, cioè, un po’ più esemplare ed edificante »36.

  • 37 Cfr. D. Quaglioni, Tra bartolisti e antibartolisti, cit., p. 197.

16Una ricostruzione della vicenda umana, accademica ed intellettuale del Gribaldi, che tenga conto dell’intreccio di motivi culturali-religiosi e scientifici, non limitata a quel gruppo di intellettuali giuristi d’inclinazione sociniana o nicodemista che a metà del secolo XVI elesse la vita dell’esilio, non è stata ancora tentata. Occorre non dimenticare che il Gribaldi Mofa « eretico » (al pari di Alberico Gentili o di Giorgio da Biandrate) non può essere relegato in un capitolo separato e diverso da quello che riguarda la posizione del giurista chierese intorno allo statuto dell’insegnamento del diritto. Si ripropone cioè nel suo caso quell’irrisolto nodo del « conservatorismo » dei giuristi italiani che, a mezzo o a fine del secolo XVI, si fecero (almeno nella comune opinione) difensori della tradizione giusdottrinale abbracciando, nel contempo, idee eterodosse in campo politico-religioso37.

17Uomini come il Gribaldi appartengono a quella generazione di « sconfitti », destinati a soccombere nel momento in cui una felice stagione dello spirito si chiudeva in Europa, mettendo a tacere per sempre (in campo cattolico così come in campo riformato) le libere discussioni ed avviando un’età di controversie irriducibili, di divisione insanabile in campi avversi, nella vita confessionale così come in quella culturale e politica. Il Gribaldi che scrive i libri De methodo ac ratione studendi è il medesimo autore della difesa di Michele Serveto, è cioè figura che è vano voler ridurre in uno dei campi in lotta e qualificare come tale all’interno di un dibattito di tipo controversistico. Egli ci appare piuttosto come uomo di riflessione e di pensiero, come partecipe di una sorta di via media al rinnovamento religioso e scientifico della sua età, come l’autore, nell’ambito della cultura giuridica, di una concordantia fra esigenze di conservazione di un patrimonio dottrinale fondamentale ed esigenze di rinnovamento del metodo degli studi e della scienza del diritto.

  • 38 Cfr. R. Orestano, Introduzione allo studio del diritto romano, Bologna, Il Mulino, 1987, pp. 163-16 (...)

18Fu infatti il giurista chierese a formulare, tra i primi, il programma che ancor oggi si è soliti sintetizzare nella formula ius in artem redigere, cioè nella riduzione del diritto civile a scienza compendiosa e metodica : programma da porsi necessariamente in relazione con la più nota, e di poco successiva, elaborazione di Loys Le Caron (il suo De restituenda et in artem redigenda iurisprudentia è del 1553) e soprattutto del Corasio, giureconsulto umanista di formazione patavina, attivo, come il Gribaldi, a Tolosa, e autore di quel De iuris arte libellus o De iure civili in artem redigendo (1560), che è considerato come il manifesto delle istanze di rinnovamento dispositivo caratterizzanti l’essenza stessa dell’Umanesimo giuridico. E non si vede come il Corasio possa esser considerato personaggio emblematico del suo secolo, a cavallo di due culture, il mos Italicus e il mos Gallicus, e autore nel quale la componente razionalista di vecchio stile commentatorio si fonde con l’esigenza – del tutto umanistica – di uscire dal chiuso del Corpus iuris e di attingere liberamente ad altre fonti, se non si estenda questa stessa considerazione a chi per primo sembra aver affacciato coerentemente il progetto del rinnovamento dispositivo, e cioè al Gribaldi Mofa38.

  • 39 Cfr. Ibid., p. 636.

19Non è diverso il caso del Duareno del De discendi docendique iuris ratione, di appena tre anni successivo alla Methodus del Gribaldi, dal quale sembra ripetere il programma del rinnovamento dispositivo, appellandosi alla ricerca dei theoremata universalia perché del particolare non si dà scienza. I theoremata del Duareno sembrano proprio germinare dagli axiomata iuris del Gribaldi, sempre che non si voglia continuare a distinguere tra l’impiego della dialettica nella scuola dei Commentatori e dei loro epigoni cinquecenteschi ed il suo uso nella nuova temperie umanistica, che da mero strumento l’avrebbe elevata a funzione costitutiva di nuove teoriche39.

  • 40 Matthaei Gribaldi Mofae iurisconsulti Cheriani, De methodo ac ratione studend libri tresi, Venetiis (...)

20In questo quadro dev’essere intesa, necessariamente, la difesa del mos Italicus posta in atto dal Gribaldi fin dalla prima carta della dedicatio della Methodus « agli uditori tolosani », dove la tradizione italiana è qualificata come abito eminentemente dialettico e speculativo, lontano per sua natura da intenti compilatori : « Vos […] Italicum legendi morem, qui non in cumulandis decisionibus, sed in discutiendis ad unguem opinionibus, in pervestigandis causis et rationibus potissimum consistit […] probare visi estis »40. Tutta la Methodus non è che lo svolgimento di questo primo atteggiamento, ed espressione di un razionalismo che, nel testo così come nel ricco apparato marginale di allegazioni, assume la qualità di una grande concordia Aristotelis et Corporis iuris, di una intrinseca concordanza fra princìpi filosofici e assiomi giuridici.

21Ad Aristotele rinvia la premessa metodologica prima e fondamentale, Omnem disciplinam generalibus constare praeceptis, quae ignorare non licet (I, 3), espressione di un canone di capitale importanza, per il quale ogni investigazione scientifica deve derivare direttamente da precetti generali e fondamentali, necessari alla conoscenza del particolare in quanto per sé noti e non revocabili in dubbio. La costruzione del ius civile come scienza compendiosa (redactio iuris civilis ad brevem artem), o, come più tardi si sarebbe detto con parola ancora sconosciuta alla cultura cinquecentesca, di una sistematica giuridica, comincia dunque con la compilazione di un catalogo di princìpi generalissimi, cioè di quei « paucula iuris praecepta » senza i quali nessuno ardirebbe « de iure palam consulere vel respondere ». Si tratta di cento massime generali, alfabeticamente disposte per evidenti finalità di memorizzazione. Al catalogo segue un’ulteriore precisazione in tema di metodo, introdotta dal precetto Causas et rationes in omni disciplina diligenter prevestigandas. La questione, scrive il Gribaldi, richiederebbe un volume intero e non un capitolo, poiché nessun’altra è più utile per i legum professores. Il testo è ancora una volta sostenuto da allegazioni di natura prevalentemente filosofica, fino all’introduzione di altre cento regole, ancora una volta alfabeticamente disposte.

  • 41 Ibid., I, 5-6, f. 14r e f. 15v.
  • 42 Ibid., f. 17v.
  • 43 Ibid., I, 14, f. 34v.

22A questa seconda elencazione segue un’esposizione degli elementi primi del metodo dialettico, esposti nei capitoli consegnati alle massime Per rationes dubitandi et decidendi legum sensa elicienda e Per contraria et oppositiones veritatem melius inveniri41. Di qui l’uso delle regole delle quali si compongono i sillogismi, « perfectissimum disputandi genus », secondo l’Aristotele dei Primi Analitici ; di qui gli assiomi, gli axiomata iuris, che l’autore paragona agli aforismi della letteratura ippocratica, e che null’altro sono se non gli affilati strumenti mnemotecnici di un procedimento sintetico, « breves et compendiosae sententiae ex pervagatis definitionibus perstrictae, quo et minori labore discantur, et facilius diutiusque memoria teneantur »42. Tali regole, estratte dalla lettera così come dal significato più riposto delle norme, ulteriormente esplicitate in una terza centena, precedono il richiamo al canone per cui la retta interpretazione non consiste nell’affastellare opinioni, ma nell’indagare la mens del legislatore. Seguono quindi i capitoli più noti e frequentati della Methodus, quelli nei quali il Gribaldi esalta l’utilità dell’assidua disputatio e raccomanda agli scolari di dedicarsi alla lettura di « paucos et idoneos autores » (che sono poi gli auctores della scuola bartoliana), e segue, soprattutto, il troppo celebre carmen, il distico dalla fortuna forse immeritata ma certo vastissima : « Praemitto, scindo, sumo, casumque figuro,/ Perlego, do causas, connoto, et obiicio »43.

23Questo è l’ordo in explicandis legibus, il metodo dialettico nell’interpretazione, metodo che supera ogni altro, composto di otto momenti, a ciascuno dei quali è dedicata dal Gribaldi lunga e minuziosa esplicazione. Ed è a questo punto che il libro è quasi interrotto dai due capitoli d’intonazione più fortemente umanistica, nei quali scrive il Gribaldi esser necessario risalire alle cause e all’origine degli errori d’interpretazione della tradizione civilistica, errori che solo l’ignoranza della filologia e della storia rese possibili, e che formano un campo d’indagine vastissimo.

  • 44 Ibid., I, 16, f. 38r.
  • 45 Ibid., I, 21, f. 60r.

24La denuncia dell’ignoranza della storia e degli errores maiorum è impietosa ; altissimo ed incondizionato è l’elogio della filologia umanistica e dei suoi cultori giuristi, « viri immortalitate digni » ; esplicita l’intenzione di lavorare ancora su di un così vasto campo, « campus spatiosus ». E non è questo il solo luogo dove l’approvazione dell’opera del Bolognini, del Budeo, di Zasio e dell’Alciato (così come dell’Aloandro) si manifesti apertamente, ché il Gribaldi insiste a lungo, adducendo esempi notevoli, sulla necessità stretta di un fondamento storico-filologico dell’interpretazione, e dunque sull’urgenza di una profonda revisione critica della giurisprudenza giustinianea44. Non si dovrà inoltre tacere la lunga e importante citazione del giudizio sul Valla, col quale il Gribaldi Mofa ripete che sine latinitate « caeca omnis doctrina est, et illiberalis, praesertim in iure civili »45. Né si dovrà passare sotto silenzio l’ulteriore invito, rivolto agli « scolares » in fine del libro I della Methodus, a ridimensionare la pura e semplice raccolta di opiniones riportandola al suo valore di strumentario materiale, di mero repertorio e dunque di supporto mnemotecnico a più alte attività speculative nel campo del diritto.

25Questo è, in sintesi, il pensiero del Gribaldi Mofa, situato a cavallo di due culture, tra « bartolisti » e « antibartolisti », se si vuole continuare ad usare lo schema insufficiente a dar conto della complessità di una via media nella ricerca della substantia iuris, in quella stagione che fa transizione all’età del diritto naturale. Non dunque adesione incondizionata alla tradizione, né suo rigetto in grazia di una semplificazione polemica, ma desiderio di ricongiungere l’eredità scientifica del « bartolismo » con le nuove acquisizioni del movimento umanistico, e fede nell’esigenza di conservare ai nuovi sviluppi della scientia iuris quella base razionalistica che era il portato migliore del Trecento giuridico, quel metodo di ricerca del diritto che consiste « in pervestigandis causis et rationibus » e non nell’affastellare opinioni e decisioni.

  • 46 Cfr. D. Quaglioni, « Sans violence ny peine quelconque au port de salut ». Il problema della libert (...)

26Il messaggio del Gribaldi Mofa non sarà trascurato, se è vero che non solo nelle università e nelle accademie italiane la discussione sul metodo seguirà ampiamente le linee della Methodus del giurista chierese, ma che dalla scuola tolosana sortirà la Methodus di Bodin (1566), che ha al centro l’ideale umanistico (ma non necessariamente antibartolista) del giurista philosophistoricus, così come quello dell’incoercibilità della coscienza nelle materie di fede, tanto che nella sua più tarda République (1576) quanto nel postumo Colloquium Heptaplomeres egli poteva teorizzare compiutamente il principio politico della libertà di coscienza46.

Top of page

Notes

1 Per gli aspetti dottrinali del problema mi permetto di rinviare al mio contributo « Rebellare idem est quam resistere ». Obédience et résistance dans les gloses de Bartole à la constitution « Quoniam nuper » d’Henri VII (1355), in Le Droit de résistance. XIIe-XXe siècle. Textes réunis par J.-C. Zancarini. En collaboration avec Ch. Biet, M. Crampe-Casnabet, A. Fontana et Y. Ch. Zarka, Paris, ENS Éditions, 1999, pp. 35-46.

2 Sul bando si veda il saggio di Christian Zendri, in questo numero della Rivista, e più in generale D. Cavalca, Il bando nella prassi e nella dottrina giuridica medievale, Milano, Giuffrè, 1978 (« Pubblicazioni della Facoltà di Giurisprudenza della Università di Pisa », 66). Per il panorama dottrinale e istituzionale del tardo Medioevo cfr. D. Quaglioni, Politica e diritto nel Trecento italiano. Il « De tyranno » di Bartolo da Sassoferrato (1314-1357). Con l’edizione critica dei trattati « De Guelphis et Gebellinis », « De regimine civitatis » e « De tyranno », Firenze, Olschki, 1983, pp. 260 (« Il pensiero politico – Biblioteca », 11) ; Id., Il Processo Avogari e la dottrina medievale della tirannide, in Il Processo Avogari (Treviso, 1314-1315), a c. di G.P. Cagnin, con un saggio introduttivo di D. Quaglioni, Roma, Viella, 1999 (« Fonti per la storia della Terraferma veneta », 14), pp. V-XXIX. Per il panorama della prima modernità si veda il classico lavoro di M. Sbriccoli, Crimen laesae maiestatis. Il problema del reato politico alle soglie della scienza penalistica moderna, Milano, Giuffrè, 1975 (« Per la storia del pensiero giuridico moderno », 2).

3 Cfr. P. Carta, Nunziature ed eresia nel Cinquecento. Nuovi documenti sul processo e la condanna di Francesco Pucci (1592-1597), Padova, Cedam, 1999 (« Dipartimento di Scienze Giuridiche – Università di Trento », XXIX). Sulla sua vicenda è ancora fondamentale e imprescindibile la lunga ricerca di Luigi Firpo : cfr. Francesco Pucci, Lettere, documenti e testimonianze, a c. di L. Firpo e R. Piattoli, Firenze, Olschki, 1955-1959 ; L. Firpo, Gli scritti di Francesco Pucci, Torino, Bona, 1957 ; Id., Scritti sulla riforma in Italia, Napoli, Prismi, 1996 ; si veda inoltre A. Rotondò, Il primo soggiorno in Inghilterra e i primi scritti teologici di Francesco Pucci, in Studi e ricerche, I, Firenze, Università degli Studi di Firenze, 1981, pp. 271-288 ; con i più recenti studi di M. Biagioni, Prospettive di ricerca su Francesco Pucci, « Rivista storica italiana », CVII (1995), pp. 133-152 ; Id., Incontri italo-svizzeri nell’Europa del tardo Cinquecento : Francesco Pucci e Samuel Huber, « Rivista storica italiana », CXI (1999), pp. 363-422 ; Francesco Pucci, De praedestinatione. Introduzione, testo, note e nota critica a c. di M. Biagioni, Firenze, Olschki, 2000 ; M. Biagioni, Universalismo e tolleranza nel pensiero di Francesco Pucci, in La formazione storica della alterità. Studi di storia della tolleranza nell’età moderna offerti a Antonio Rotondò. Promossi da H. Méchoulan, R. H. Popkin, G. Ricuperati, L. Simonutti, I, Secolo XVI, Firenze, Olschki, 2001, pp. 331-360.

4 Il migliore contributo biografico è ancora quello di F. Ruffini, Il giureconsulto chierese Matteo Gribaldi Mofa e Calvino, « Rivista di storia del diritto italiano », I (1928), pp. 208-269, 417-432 ; poi in Id., Studi sui riformatori italiani, a c. di A. Bertola, L. Firpo, E. Ruffini, Torino, Ramella, 1955, pp. 45-126. Per ulteriori indicazioni bibliografiche cfr. ora D. Quaglioni, Tra bartolisti e antibartolisti. L’Umanesimo giuridico e la tradizione italiana nella Methodus di Matteo Gribaldi Mofa (1541), in Studi di storia del diritto medioevale e moderno, a cura di F. Liotta, Bologna, Monduzzi, 1999, pp. 185-212.

5 Matteo Bandello, Le Novelle, II, 12, in Tutte le opere di Matteo Bandello, a c. di F. Flora, I, Milano, Mondadori, 1934, p. 789.

6 F. Cognasso, Vita e cultura in Piemonte, in Storia del Piemonte, II, Torino, Casanova, 1960, p. 665 ; cfr. D. Quaglioni, La cultura giuridico-politica fra Quattro e Cinquecento, in Storia di Torino, II, Il basso Medioevo e la prima età moderna (1280-1536), a c. di R. Comba, Torino, Einaudi, 1997, pp. 628-642 : 639.

7 Così nel 1576 sentenziava Jean Bodin nel libro V della République (Les six livres de la Republique de I. Bodin Angevin. Ensamble une Apologie de Rene Herpin, A Paris, Chez Iacques du Puis, 1583, V, 1, p. 676) : « Ayant autant diminué l’estat de France, qui s’estendoit iusques aux portes de Milan, et mis le Duc de Savoye, comme une barrière entre l’Italie et la France, pour clorre le passage aux François de plus aspirer, ny rien quereler en Italie ». Per la traduzione italiana, citata nel testo, cfr. I sei libri dello Stato di Jean Bodin, III, a c. di M. Isnardi Parente e D. Quaglioni, Torino, Utet, 1997, p. 45.

8 F. Ruffini, cit., p. 52.

9 Ioannis Calvini, Opera quae supersunt omnia, ediderunt G. Baum, E. Cunitz, E. Reuss, XVI, Brunsvigae, Apud C.A. Schwetschke et Filium, 1877 (Corpus Reformatorum, XLIV), col. 638.

10 F. Ruffini, cit., p. 52.

11 Cfr. T. Cuturi, La tradizione della scuola di diritto civile nella Università di Perugia, con l’aggiunta del ruolo dei professori della Facoltà di Giurisprudenza fino al sec. XIX, Perugia, V. Santucci, 18922, p. 98.

12 F. Ruffini, cit., pp. 50-51.

13 Ibid., p. 51, nota 22.

14 Ibid., p. 54.

15 Ibid., p. 55.

16 F. Trechsel, Die protestantischen Antitrinitarier vor Faustus Socin, II, Lelio Sozini und die Antitrinitarier seiner Zeit, Heidelberg, K. Winter, 1844, p. 55, nota 1.

17 F. Ruffini, cit., p. 57.

18 Francisci Spierae, qui quod susceptam semel Evangelicae veritatis professionem abnegasset, damnassetque, in horrendam incidit desperationem, Historia, a quatuor summis viris summa fide conscripta : cum clarissimorum virorum Praefationibus, Caelii S. C[urionis]. et Io. Calvini et Petri Pauli Vergerii Apologia : in quibus multa hoc tempore scitu digna gravissime tractantur. Accessit quoque Martini Borrhai, De usu, quem Spierae tum exemplum, tum doctrina afferat, iudicium, Basileae, 1550, pp. 33-56 per l’Epistola del Gribaldi.

19 F. Ruffini, cit., p. 60.

20 Cfr. Ibid., p. 60, note 47-49.

21 Contra libellum Calvini in quo ostendere conatur haereticos iure gladii coërcendos esse, s.l., 1562, pp. 24-25 : « Quo tempore erat ibi Servetus in vinculis, venit eo forte fortuna Italus quidam, iurisconsultus celeber, qui cum de Serveto narratum esset, dixit se nunquam eius fuisse sententiae, ut aliquis pro opinionibus quamvis haereticis moreretur, et ad id rationes suas adduxit. Deinde de opinione Serveti, qui dixisset Iesum Christum, etiam quod ad humanitatem attineret, esse verum naturalemque Dei filium, ex ipso Deo et virgine genitum, nonnulla disseruit, et eam sententiam sibi non admodum displicere dixit, quin se a puero ita semper sensisse. At fratres illi protinus offensi eum in Serveti opinione esse dixerunt, et, si perseveraret, ut haereticum devitandum. Coepit ille, ut de re valde ardua suspensus, eos rogare ut sibi conventum darent, ubi rationem suam palam posset exponere : aut saltem aures Calvini (cuius aucthoritatem ipse semper plurimi fecisset) sibi conciliarent, ut ab eo de re tanti momenti apertius posset institui. Sed nihil impetravit. Itaque ea de re graviter commotus discessit et ad Vicentinos fratres ea de re literas scripsit ». Cfr. D. Cantimori, Eretici italiani del Cinquecento. Ricerche storiche, Firenze, Sansoni, 1939 [rist. 1967], p. 56 ; nuova ed. col titolo Eretici italiani del Cinquecento e altri scritti, a c. di A. Prosperi, Torino, Einaudi, 1992.

22 Ioannis Calvini, Opera quae supersunt omnia, XVI, cit., coll. 463-464. Cfr. D. Cantimori, Eretici italiani del Cinquecento, cit., p. 204 ; cfr. anche C. Manzoni, Umanesimo ed eresia. Michele Serveto, Napoli, Guida, 1974, pp. 25-26 e 244 ; e, più in generale, J. Friedman, Michael Servetus. A Case Study in Total Heresy, Genève, Droz, 1978 (« Travaux d’Humanisme et Renaissance », 163), e A. Gordon Kinder, Michael Servetus, Baden-Baden, Koerner, 1989 (Biblioteca dissidentium. Répertoire des non-conformistes religieux des seizième et dix-septième siècles, X – « Biblioteca bibliographica Aureliana », 116).

23 F. Ruffini, cit., p. 62.

24 A. Rotondò, Calvino e gli antitrinitari italiani, « Rivista storica italiana », LXXX (1968), pp. 759-784 : 782.

25 F. Trechsel, cit., pp. 460-461.

26 Ibid., p. 57, nota 4.

27 Amerbachianorum Espistolae mutuae Bononia et Basilea datae, in Universitari litterarum et artium Bononiensi solemnia saecularia octava A.D. III. Idus Iunias anni MDCCCLXXXVIII celebranti pie sincereque gratulantur Universitatis Basiliensis rector et senatus, Basileae, Typ. Schultzii academiae typographi, 1888, p. 9. Cfr. D. Cantimori, Matteo Gribaldi Mofa chierese e l’Università di Tubinga, « Bollettino Storico Bibliografico Subalpino », XXXV (1933), pp. 492-504.

28 Registres de la Compagnie des Pasteurs de Genève au temps de Calvin, II, 1553-1564, par R.-M.Kingdon avec la collaboration de J.-F. Bergier et A. Dufour, Accusation et procès de Michel Servet (1553), par J.-F. Bergier, Genève, Droz, 1962 (« Travaux d’Humanisme et Renaissance », LV), pp. 64-65.

29 J.-B.-G. Galiffe, Le refuge italien de Genève aux XVIe et XVIIe siècles, Genève, H. Georg – Paris, G. Fischbacher, 1881, p. 8.

30 F. Ruffini, cit., p. 83.

31 F. Trechsel, cit., p. 299, nota 4.

32 F. Ruffini, cit., p. 102.

33 A. Rotondò, Calvino e gli antitrinitari italiani, cit., pp. 760-761.

34 Così il Curione nei De Amplitudine Beati Regni Dei, Dialogi sive libri duo (1554) : cfr. D. Cantimori, Eretici italiani del Cinquecento, cit., p. 193.

35 F. Ruffini, cit., p. 109.

36 Ibid., pp. 110-111.

37 Cfr. D. Quaglioni, Tra bartolisti e antibartolisti, cit., p. 197.

38 Cfr. R. Orestano, Introduzione allo studio del diritto romano, Bologna, Il Mulino, 1987, pp. 163-165.

39 Cfr. Ibid., p. 636.

40 Matthaei Gribaldi Mofae iurisconsulti Cheriani, De methodo ac ratione studend libri tresi, Venetiis, 1558, f. 1r.

41 Ibid., I, 5-6, f. 14r e f. 15v.

42 Ibid., f. 17v.

43 Ibid., I, 14, f. 34v.

44 Ibid., I, 16, f. 38r.

45 Ibid., I, 21, f. 60r.

46 Cfr. D. Quaglioni, « Sans violence ny peine quelconque au port de salut ». Il problema della libertà di coscienza nella « République » di Jean Bodin, in La formazione storica della alterità. Studi di storia della tolleranza nell’età moderna offerti a Antonio Rotondò, I, cit., pp. 361-373.

Top of page

References

Electronic reference

Diego Quaglioni, « « Iis, qui vix usquam locum tutum inveniunt » », Laboratoire italien [Online], 3 | 2002, Online since 07 July 2011, connection on 24 July 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/365 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.365

Top of page

About the author

Diego Quaglioni

Diego Quaglioni est professeur à l’Université de Trente, où il enseigne l’histoire de la pensée juridique moderne, et où il est président de la Faculté de Droit. Il étudie la pensée politique des juristes du Moyen Âge et du début de l’époque moderne. Il a publié Politica e diritto nel Trecento italiano (Firenze, Olschki, 1983), Civilis Sapientia (Rimini, Maggioli, 1989), I limiti della sovranità (Padova, Cedam, 1992). Avec Margherita Isnardi Parente, il a préparé l’édition italienne de la République de Bodin (Torino, Utet, 1988-1997). Il a introduit et préparé l’édition posthume du volume de Luigi Firpo, Il processo di Giordano Bruno (Roma, Salerno Editore, 1993). Avec Silvana Seidel Menchi, il a récemment publié Coniugi nemici. La separazione in Italia dal XII al XVIII secolo (Bologna, Il Mulino, 2000).

By this author

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page