Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Les écrivains italiens des Lumières et la Révolution française

Risorgimento e carattere nazionale. Note a margine del Platone in Italia di Vincenzo Cuoco

Risorgimento e carattere nazionale. Note a margine del Platone in Italia di Vincenzo Cuoco
Risorgimento et caractère national. Notes en marge du Platone in Italia de Vincenzo Cuoco
Antonino De Francesco
p. 151-164

Abstracts

Il saggio ripercorre il significato dell’opera di Vincenzo Cuoco, il Platone in Italia, per suggerire come la tesi di un antico primato italico nel campo dei saperi fosse funzionale a costruire un progetto culturale capace di contrastare lo strapotere, altrimenti incontenibile, del modello francese. Sotto questo segno, il lavoro di Cuoco molto favoriva la nascita di un movimento nazionale declinato in chiave etno-culturale; e tuttavia, la circostanza che alle grandi fortune d’ordine letterario dell’opera non abbian tenuto dietro pari successi sul terreno della ricostruzione delle origini suggerisce molta prudenza a farne, come troppo spesso ancora accade, la sicura anticipazione del nazionalismo italiano della fine del secolo xix.

Top of page

Full text

  • 1 G. Bollati, L’Italiano, in Storia d’Italia, a cura di C. Vivanti e R. Romano, vol. I, I caratteri o (...)

1Grandi sono state le fortune de L’Italiano, il saggio con il quale Giulio Bollati, nel lontano 1972, nell’ambito della Storia d’Italia Einaudi, avrebbe collocato il carattere nazionale, così come il Risorgimento aveva contribuito a forgiarlo, sotto il segno di un profondo conservatorismo sociale e culturale1. Le conclamate lodi nei riguardi della libertà che attraversano la produzione dell’Ottocento politico della penisola non dovevano, a suo avviso, trarre in inganno: esse erano il fin troppo sottile velo chiamato a nascondere una logica tanto arcaica quanto autoritaria, attorno alla quale la società politica del secolo xix sarebbe corsa alla costruzione dello Stato unitario. Bollati rinveniva insomma la natura moderata del movimento nazionale negli stessi anni della stagione napoleonica, quando, con il proposito di contrastare le armi francesi, sarebbe stata scoperta la nazione e quindi, sotto Bonaparte presidente della repubblica italiana e poi re d’Italia, il conservatorismo avrebbe posato le sue robuste radici.

2Insomma, proprio l’arrivo della modernità politica sotto le insegne di un potere che, non di meno, restava straniero avrebbe obbligato gli intellettuali a distinguere l’identità culturale della penisola dal soverchiante modello della Francia, recuperando una specificità italiana attorno alla quale soltanto fondare la stabilità politica del nuovo ordine sorto dalle rovine dell’antico regime; da qui, non di meno, il gioco al rimbalzo tra un sentimento di inferiorità rispetto alla Francia (e alla progredita Europa) e la pretesa di negare quel divario ricordando le italiche glorie culturali: e quindi l’oscillazione tra il sentimento frustrato d’una decadenza da troppo tempo in atto e la pretesa di improvvisamente arrestarla correndo a riproporre uno specifico e ineguagliabile primato intellettuale.

3Per questa via, sempre a detta di Bollati, tutto l’Ottocento politico – sino all’unificazione e ben oltre – si sarebbe presto incamminato, mai deflettendo circa la centralità di un patrimonio di moralità e spiritualità attorno al quale imbastire un discorso nazionale, che consentisse al giovane Stato unitario di prender posizione in termini originali nel contesto della nuova Europa: va da sé che il costo di una operazione tutta intellettuale, messa in circolo da letterati smaniosi di prontamente dimostrare una maturità della nazione che ad ogni riprova si rivelava invece largamente immaginaria, avrebbe trasportato nel consesso politico della nuova Italia un sentimento di frustrazione, che era il portato dello scontro tra le pretese di un radioso avvenire e l’esperienza di un mediocre, insopportabile presente.

4L’ostinato e altezzoso rifiuto del divario rispetto alla più progredita Europa avrebbe pertanto favorito una profonda riserva nei confronti della modernità, alla quale si imputava la distanza accumulata riguardo agli altri grandi stati nazionali e consentito un ulteriore rilancio della giovane Italia al tavolo della conservazione sociale. Nell’ostentata mostra di muscoli che avrebbe trascinato l’Italia liberale prima al precipizio della Grande Guerra, poi all’esperienza del fascismo, stava pertanto una pericolosa miscela di resistenze all’industrializzazione, di inni alla retorica umanistica e di elogi verso un tradizionale vivere sociale destinata ad esplodere nel violento rifiuto della democrazia.

5Al riguardo, è noto quanto proprio il Platone in Italia, il romanzo filosofico messo a punto da Vincenzo Cuoco tra il 1804 e il 1806, avrebbe costituito il principale punto di appoggio per la ricostruzione di Bollati. La traccia del romanzo è nota e non vale qui diffusamente riproporla: sia in questa sede sufficiente ricordare come in quelle pagine si immagini un viaggio di Platone, accompagnato dal giovane ateniese Cleobolo, per il Mezzogiorno, dove i due hanno modo di ammirare la civiltà italica, reputandola di molto superiore a quella greca, perché attenta all’insegnamento della scuola pitagorica.

  • 2 Sulla fatica cuochiana, le cui fortune hanno attraversato e segnato la vicenda culturale e politica (...)

6Il romanzo, tutto costruito attorno alle discussioni che Platone e Cleobolo hanno modo di intavolare con i loro sapienti ospiti (il tarantino Archita, il sannita Ponzio, il filosofo Timeo, la giovane Mnesilla), costituisce pertanto un percorso à rebours nella storia d’Italia, alla ricerca di un passato di prestigio attorno al quale imbastire una prospettiva (o almeno un auspicio) per il futuro. In questo viaggio a ritroso, sulle tracce di un’antica sapienza italica, fan non di meno riflesso due distinte preoccupazioni: d’un lato c’è lo scrupolo di ossessivamente sottolineare la straordinaria tradizione culturale della penisola, che viene proposta, grazie al mito pitagorico, quale culla della civiltà d’Europa, perché maestra (e non allieva) del mondo greco; dall’altro si affaccia una sofferta riflessione circa lo iato esistente nelle città italiche tra lo sviluppo culturale e l’articolazione della vita politica, alla cui insufficienza si imputa il rischio della perdita dell’indipendenza a fronte dell’ormai evidente espansionismo romano2.

7Non deve pertanto stupire che in questo insieme farraginoso e paludato di riferimenti all’antichità, fatto di ripetuti elogi verso la sapienza italica, reputata antesignana addirittura di quella greca, Bollati individuasse la spia della piena insufficienza italiana al tavolo della modernità politica seguita al 1789: rovesciando di segno la lettura gentiliana – che aveva puntato proprio su Cuoco per leggere l’Ottocento italiano sotto il segno di uno specifico e inimitabile tratto culturale –, egli poteva trasformare il Platone nella prova provata della modestia culturale di una borghesia risorgimentale comunque timorosa d’ogni novità, puntualmente orientata a rinchiudersi nel rassicurante orto d’una classicità sospettosa d’ogni rinnovamento e, tuttavia, proprio in ragione di ciò inevitabilmente aggressiva quanto alla pretesa di fondare per quella via una specifica identità nazionale. I risultati della lettura del Platone sotto un segno tanto svalutativo non si sarebbero fatti attendere: le tesi di Bollati molto hanno contribuito ad alimentare la leggenda di un disinteresse nazionale per la modernità, hanno alimentato le tante critiche circa il carattere (immaturo) degli Italiani e hanno dato un tratto progressivo alle accuse di gretto egoismo sovente rivolte anche da destra alle classi dirigenti dell’Italia liberale.

8È puntualmente passato inosservato, tuttavia, come una ricostruzione tanto brillante fosse il risultato di uno scoperto procedimento à rebours che portava Bollati a individuare la tabe nazionale del trasformismo nelle origini stesse del movimento nazionale e a interamente accogliere, seppur capovolgendola di segno, la tesi gentiliana sulla specificità politica del Risorgimento; da qui l’impressione che la sua lettura del Platone, per quanto brillante e affascinante, per quanto dotata di una straordinaria capacità emotiva, stia tutta nel campo delle preoccupazioni per il tempo presente e poco o nulla divida con il concreto significato dell’opera nel contesto politico-culturale che invece le è proprio.

9Si fan prova di questa sensazione i termini concreti mediante i quali Cuoco, nel Platone, fa riferimento al mondo classico: per Bollati, questa corsa verso il passato alla ricerca di improbabili primati nazionali farebbe dell’antichità lo scudo protettivo del ritardo culturale e del conservatorismo politico degli Italiani d’inizio Ottocento; mentre l’esame del romanzo che qui si propone suggerisce un’impressione contraria, cioè che il lavoro di Cuoco sia un testo tutto impostato attorno ai valori della modernità, dove il procedimento a ritroso sui sentieri dell’antico e l’uso predatorio delle fonti classiche siano un mero escamotage per imbastire una critica radicale al modello politico greco-romano, reputato di nessuna utilità nel quadro della nuova Italia napoleonica. In altre parole: proveremo qui a suggerire come, nel Platone, il recupero di lontanissimi trascorsi, anziché riflettere un ritardo rispetto al nuovo d’Europa, sarebbe piuttosto un modo di dialogare, con un linguaggio comune anche se in termini serrati e polemici, con gli indirizzi culturali allora dominanti nella Francia di Napoleone imperatore.

  • 3 Sul punto, si veda L. Pepe, Università o Grandes Écoles: il piano Mascheroni e il dibattito al Gran (...)
  • 4 Al riguardo il rinvio sia a S. Luzzatto, L’autunno della rivoluzione. Lotta e cultura politica nell (...)
  • 5 Sul punto si vedano gli scritti di M. Raskolnikoff, Des Anciens et des Modernes, articles réunis pa (...)
  • 6 Si vedano in particolar modo gli studi di Pierre-Charles Levesque comparsi nei tomi II, IV e V dei (...)

10Per questa via, facciamo preliminarmente il punto sul tipo di riferimento al mondo classico presente nella cultura politica della Francia post-robespierrista per poi misurare, nel contesto del Platone, quanto e in che termini Cuoco se ne differenziasse. Agli inizi della nostra ricostruzione sta pertanto Volney e quelle sue Leçons d’histoire, presto tradotte in italiano3, dove (siamo nel 1795) il rifiuto dell’esperimento robespierrista accompagnava la denuncia della indebita magnificazione della Grecia e di Roma giunta all’acme proprio nell’anno ii4. La via aperta dalle Leçons al rifiuto della tradizione repubblicana classica5 avrebbe avuto conseguenze profonde nel panorama culturale francese favorendo, negli anni del Direttorio, per un verso la critica della politica in età antica, per un altro la ripresa dell’interesse per i primi popoli d’Europa6 e per un altro ancora – ed è questo il punto che desidero sottolineare – il ritorno in forze della celtomania.

  • 7 Sul punto si veda C. Grell, L’histoire entre érudition et philosophie. Étude sur la connaissance hi (...)
  • 8 «On trouvera dans ce voyage quelques notes hasardées en apparence sur les Bretons, sur leur ancienn (...)

11A lungo presente nel secolo xviii quale risposta all’invadenza della statualità7, il mito della Gallia preromana tornò prepotente all’indomani del Terrore per ragioni tra loro contrapposte: da un lato vi confluirono le nostalgie d’antico regime di quanti avversavano l’uniformità amministrativa (di Roma, come di Luigi XIV, come del 1789); dall’altro vi si collocarono le attese di quanti, nella riscoperta di un lontano passato, intravedevano una via, tutta rivoluzionaria invece, per liquidare l’asse politico-culturale che dalla conquista di Cesare aveva condotto per la via di Clodoveo all’assolutismo. Segnalava quest’ultima tendenza la fatica di Jacques Cambry, un oscuro politico della provincia bretone, a stento sfuggito alla repressione del federalismo nel corso del 1793, che nell’anno VII pubblicava per i radicalissimi tipi del Cercle social di Nicolas de Bonneville una descrizione del dipartimento del Finistère, dove si celebrava, contro le pretese livellatrici del governo rivoluzionario, la specificità del territorio bretone e, al tempo stesso, si suggeriva in un lontanissimo passato di libertà la sicura anticipazione dell’originalità politica e culturale della nuova nazione francese8.

  • 9 Sulla fatica di Maréchal, il rinvio sia a M. Dommanget, Sylvain Maréchal l’égalitaire «L’homme sans (...)

12Era un tema che un altro sodale di Bonneville dai trascorsi politici assai più compromettenti, Sylvain Maréchal, già compagno d’avventura di Babeuf, avrebbe avuto modo di ricordare sempre nel 1799 nei suoi Voyages de Pythagore, una voluminosa fatica in sei tomi, dove l’autore – nel canone letterario messo in auge dall’Anacharsis di Barthélemy – tracciava un quadro degli spostamenti del filosofo greco alla ricerca di una sapienza che soltanto l’insegnamento dei druidi in quel di Parigi gli avrebbe consentito dapprima di acquisire e poi divulgare9.

  • 10 Si veda, a firma del presidente Lenoir, la Épitre dédicatoire à chercher sur les antiquités celtiqu (...)

13Ora, tanto Cambry che Maréchal sono parte di quella corrente radicale in seno alla cultura politica uscita dal Termidoro che avrebbe avuto una stentata esistenza, perché gli sviluppi del bonapartismo – tutti fondati sul ralliement – sarebbero presto riusciti a diluire tematiche tanto eversive nel gran fiume dell’ossequio alla nascita dell’Impero: nel 1804 veniva così fondata l’Académie celtique da parte del già ricordato Cambry, cui si aggiungevano uomini già presenti sulla scena durante l’antico regime, e la società si poneva l’obiettivo, tutto politico, di legittimare, mediante la riscoperta di un passato celtico, il predominio francese in Europa10. Il recupero di un atavico passato d’indipendenza, cui si sarebbe aggiunto un primato culturale sotto il segno della sapienza druidica, concludeva così il lungo viaggio che aveva portato gli intellettuali d’epoca direttoriale a respingere quella tradizione greco-romana che aveva legittimato il dispotismo di casa Borbone prima, e favorito poi, nascosto dalle molte declamazioni dell’antica virtù repubblicana, l’avvento del Terrore.

14Era un risultato che nei termini della plausibilità scientifica molto faceva difetto e che veniva, infatti, incontro alla richiesta di una storiografia vieppiù orientata in termini celebrativi dei fasti, passati e presenti, di Francia: tuttavia – questo mi sembra il punto da sottolineare – vi si specchiava, deformandosi in tratti per lo più goffi, la pretesa di fondare un’altra tradizione culturale, che si rivendicava affatto originale, perché di sintesi ai termini, ovviamente declinati in senso bonapartista, mediante i quali al crollo dell’antico regime era seguita l’edificazione del nuovo ordine. Il ricorso a una lontanissima tradizione diveniva pertanto l’occasione per chiudere ogni debito della Francia verso un passato d’altrui primati e per confermare, anche sotto il profilo culturale, l’egemonia politica dell’Impero in Europa.

  • 11 A. Andreoni, Etruschi, sanniti e storiografia delle origini: carte inedite di Vincenzo Cuoco, «Anna (...)

15Con queste premesse, non deve allora stupire che dalla vicina Italia – parte integrante di quel sistema federativo col quale Bonaparte mascherava (e legittimava) la subalternità degli stati modellati sull’esempio di Francia – si osservasse con profonda preoccupazione un indirizzo siffatto: non a caso, per quanto qui più interessa, proprio Vincenzo Cuoco, in parallelo all’uscita dei primi due tomi del Platone, sarebbe intervenuto direttamente sulle questioni culturali d’Oltralpe, prendendo di mira l’Académie celtique ed esprimendo dissenso verso gli indirizzi culturali di quel consesso, che gli parevano destinati ad un clamoroso fallimento. Da un abbozzo di lettera che si fece premura di destinare all’Accademia, egli prese posizione contro la pretesa di una antichissima primazia culturale gallica, perché a sfavore di tanto immaginifica ricostruzione stava, a suo dire, proprio l’ordine cronologico, continuando a seguire il quale, egli concludeva, «difficilmente nella serie de’ secoli vi sarà luogo per i vostri Celti, o per qualunque altro popolo vi piaccia immaginare più antico degli Etrusci»11. Si tratta di parole sferzanti, con le quali si esprimeva un netto dissenso a fronte di indirizzi che miravano a costruire un primato culturale francese, ma che toccano, a ben vedere, giusto il merito e non certo il metodo, che contestano le conclusioni, ma ne accettano le premesse: anche Cuoco, infatti, riteneva esaurita la centralità dell’esperienza greco-romana; anch’egli reputava a sua volta necessario costruire un’altra identità culturale di riferimento per il mondo uscito dal 1789 nei termini dell’ordine napoleonico; e anch’egli conveniva sulla ricerca di nuovi riferimenti a sostegno di un sistema che intendesse raccogliere in sé (e quindi superare) l’esperienza politica tanto delle repubbliche quanto delle monarchie.

  • 12 C. Dupuis, Mémoire sur les Pélasges, «Mémoires de l’Institut national des sciences et arts. Littéra (...)

16Il consenso verso gli indirizzi culturali dell’Impero si esauriva non di meno qui, perché rivendicando in tal modo una specificità nazionale a fronte dell’egemonia francese, Cuoco aveva cura di sostituire, quale fonte primigenia di civiltà, gli etruschi ai celti. In tal modo, dal convincimento che l’eccezionalità della stagione napoleonica richiedesse un originale indirizzo culturale (al cui vantaggio ben poco la tradizione greco-romana poteva aggiungere) si passava alla polemica circa l’antichità del processo di civilizzazione, che Cuoco aveva cura di dirottare dalle brume della Gallia ai lidi mediterranei della penisola italiana. Non certo a caso, nell’ultimo tomo del Platone, come implicita risposta alle immaginate antichità druidiche si esalta, a mo’ di conclusione, l’antichissima vicenda degli etruschi, un popolo che avrebbe abitato e uniformato la penisola da tempi antichissimi e che, spostandosi per il Mediterraneo, dove avrebbe colonizzato tra l’altro la Grecia, sarebbe stato chiamato pelasgo. Era un modo di esprimere un chiaro dissenso non soltanto verso l’Académie celtique, ma anche nei confronti dell’Institut national: al suo interno il celebre orientalista Dupuis aveva appunto presentato un rendiconto sui Pelasgi, dove se ne leggevano le origini in termini diametralmente opposti, perché li si faceva originari dall’antico Egitto, la cui sapienza avrebbero poi trasmesso ai Greci, che a loro volta si sarebbero fatti carico di portare in Italia12. In tal modo, agli improbabili natali druidici della sapienza e alla pretesa di comunque tenere fermo attorno alla radice ellenica del processo di civilizzazione Cuoco sostituiva, d’un sol colpo, un’altra ancora (seppur ugualmente implausibile) ricostruzione delle origini della civiltà, nella quale il primato, sin da remotissimi tempi di molto anteriori alla guerra di Troia, restava, grazie alla scoperta e alla valorizzazione di un impero etrusco che avrebbe dominato il Mediterraneo, affare di quel solo popolo che da sempre aveva abitato la penisola italiana.

  • 13 Sul punto, si veda A. Andreoni, Omero italico. Favole antiche e identità nazionale tra Vico e Cuoco(...)

17Originata dalla polemica contro la tradizione greco-romana, la retrodatazione dell’unità della penisola alla lontanissima (anche se immaginaria) stagione etrusca consentiva tuttavia a Cuoco di ottenere anche un altro risultato, dare una soluzione alla necessità di dimostrare come la differenza tra greci e italici fosse solo apparente, perché alla originalità culturale d’Italia si accompagnava in tal modo una comune, seppur lontana, origine etnica: tenendo conto che gli etruschi avevano raggiunto l’Ellade e l’avevano civilizzata, considerando che v’era chi neppure aveva mancato di discettare sul fatto che gli ateniesi parlassero la lingua tirrena, come si sarebbe potuta impedire la deduzione che i coloni delle poleis magnogreche si fossero soltanto ricongiunti, seppur dopo molto tempo, a quel ceppo italico da cui originariamente discendevano? Una siffatta ricostruzione era certo fantasiosa e tuttavia parimenti ambiziosa: la ricomposizione di un’antichità «italiana» sin dai lontanissimi tempi etruschi confermava per un verso un primato della penisola rispetto alla Grecia che sin dal secolo xviii, l’erudizione meridionale, con la pretesa di fare dei poemi omerici una creazione italica, aveva con forza rivendicato13, e per un altro permetteva di tornare con altro intento (e ben altra forza dirompente) sull’antiquaria della penisola smontandovi pezzo a pezzo i tanti lavori che nel corso dell’età moderna avevano svolto il compito di legittimare il potere politico di élite e dinastie locali.

  • 14 Al riguardo, M. Cristofani, La scoperta degli etruschi. Archeologia e antiquaria nel ’700, Roma, CN (...)
  • 15 Si veda C. Donati, L’idea di nobiltà in Italia. Secoli xiv-xviii, Roma-Bari, Laterza, 1988, in part (...)
  • 16 Sul punto G. Giarrizzo, Vico. La politica e la storia, Napoli, Guida, 1981, pp. 198-216.

18Questa opera di dissezione chiudeva per un verso i conti con l’erudizione del secolo xviii, ma per altro consentiva di recuperare una infinita varietà di frammenti, che Cuoco – e qui sta l’originalità della sua operazione – avrebbe con cura e puntiglio disposto all’interno di un quadro unitario dallo straordinario segno politico. In tal modo, l’etruscheria della Toscana granducale14, l’esaltazione di un antichissimo passato che in eguali termini informava la trattatistica dell’Italia centro-settentrionale15, il richiamo a una tradizione greca (le cui città si erano solo federate a Roma) che nelle Sicilie molto aveva sostanziato la pretesa dei patriziati di confrontarsi con la Corona, nonché l’insistito ricorso al modello italico mediante il quale nel Mezzogiorno si era tenuto assieme il discorso municipalista e la serrata critica alla feudalità16, non riflettevano più diversi e antagonistici linguaggi politici e si riducevano a differenti pronunzie di una comune parlata. In tal modo, merita di sottolineare come, nel Platone, la polemica contro le pretese di parte francese di dettar la linea culturale andasse di pari passo con l’ambizioso proposito di niente affatto riproporre, bensì profondamente rimodellare la tradizione culturale italiana del secolo xviii.

19Era un metodo di lavoro dall’affascinante genericità, che rendeva possibile accogliere temi, argomenti e stilemi provenienti dai più svariati indirizzi di studio per trasformarli in altrettante prove provate di una tesi largamente precostituita: il risultato sarebbe stato, con gli occhi del lettore di oggi, un temerario e confuso balzo all’indietro nel tempo, dove tutto si tiene e si giustifica sotto il segno del primato italico, anche se nulla di quanto viene addotto dispone di un convincente fondamento, perché la ricostruzione stessa si fonda – come ben noto – sulla non criticabile veridicità delle giovanili tesi vichiane.

  • 17 V. Cuoco, Scritti giornalistici, vol. II, Periodo napoletano 1806-1815, a cura di D. Conte, Napoli, (...)

20Quella sua proposta parve allora, non di meno, la quadratura del cerchio, perché la riscoperta di un oscuro passato fatto di meraviglie e trionfi a fronte di un difficile presente sembrò confermare un primato italico (da altri ingiustamente depredato) e si propose quale un sicuro richiamo presso un pubblico avviato a rapidi passi sulla strada della nazionalizzazione: che vide confermata in quelle pagine dove, si discorreva di un passato fiorente, la ferrea regola in base alla quale un popolo a suo tempo «grande e poscia… piccolo è sempre il più calunniato dagli altri popoli: prova ne sia l’Italia nell’opinione del volgo europeo»17.

21Parole che Bollati avrebbe, come si è detto agli inizi, agevolmente letto sul crinale di un preoccupante conservatorismo politico e culturale, dove l’antichità diverrebbe la dimostrazione dell’attardato arrancare italiano per gli irti sentieri della modernità e che in queste poche pagine abbiamo invece provato a declinare sotto un diverso segno, dove a fare la differenza è la preoccupazione di smontare un tradizionale impianto – costruito sull’uso del classico nei termini d’una antiquaria ormai inutilizzabile – per dare invece un sicuro basamento culturale a un processo di nazionalizzazione altrimenti esposto alla preponderanza di Francia.

  • 18 Rinvio qui al mio Archita, Melzi d’Eril e l’italiano (senza qualità) di Giulio Bollati, in Libri, e (...)

22Se, quando e quanto un siffatto programma fosse destinato al successo resta tuttavia ancora pressoché inesplorato. Le ricostruzioni di Gentile e, di converso, di Bollati non sembrano nutrire dubbio alcuno che il magistero di Cuoco toccando in profondità sia Gioberti che Mazzini abbia mirabilmente raccolto le differenti parti che componevano il moto risorgimentale e, dunque, abbia rappresentato un sicuro strumento di aggregazione di differenti modelli politici e culturali sotto il segno di un indistinto (e dunque, a seconda dei punti di vista, meritorio oppure deleterio) patriottismo. Tuttavia, sembra importante ribadire che si tratta di ricostruzioni dove il desiderio di recuperare una linearità al processo risorgimentale finisce per sacrificare larga parte della complessità dell’Ottocento italiano e all’interno delle quali diversi aspetti, non a caso trascurati, fan problema18.

  • 19 Circa l’opera di Micali sempre utile rimane il lavoro di A. Coen, Giuseppe Micali e gli studi sulla (...)

23Tra questi, limitiamoci in questa sede a toccare un aspetto che rimane cruciale: e segnatamente la fortuna del Platone in Italia presso le generazioni successive, che è di carattere meramente letterario e niente affatto storico, perché, in fatto di antichità, ad alcuni anni appena dalla pubblicazione del terzo ed ultimo tomo della fatica cuochiana, si rendeva disponibile, nel 1810, l’Italia avanti il dominio de’ Romani, del livornese Giuseppe Micali, un’opera destinata a soppiantare, pressoché da subito, le fortune del Platone in Italia presso gli eruditi della penisola19.

  • 20 Vedi al riguardo F. Mascioli, Anti-Roman and Pro-Italic Sentiment in Italian Historiography, «Roman (...)
  • 21 Si veda il saggio introduttivo di A. Andreoni, Un «immortale romanzo italiano», in V. Cuoco, Platon (...)

24All’apparenza, i due lavori sono assai simili, perché nella puntigliosa ricostruzione del Micali di un passato italico, che la conquista romana avrebbe a lungo nascosto, torna un tema ugualmente caro a Cuoco20. In realtà, quanto valeva certo per il molisano non poteva tuttavia trasferirsi direttamente su Micali, il cui antiromanesimo, è stato dimostrato, correva su altri e più datati binari: il magistero deniniano d’un lato e l’etruscheria dall’altro suggeriscono, infatti, che la sua opera possa essere letta nei termini della straordinaria capacità di sopravvivenza di una tradizione culturale antiquaria che i tentativi cuochiani di recuperare (e al tempo stesso liquidare) non sarebbero riusciti ad affievolire. Più promettente sembra pertanto la pista volta a sottolineare le differenze tra le due opere: a cominciare da un antiromanesimo che è di comune matrice, ma volto a conoscere declinazioni non solo differenti, ma addirittura opposte. Senza cadere nella facile analogia suggerita dallo stesso Niebuhr, il quale nella lettura in chiave antinapoleonica del Micali era con tutta probabilità non poco influenzato dal convincimento nutrito in Germania che già il Platone fosse un esempio di prosa politicamente impegnata21, giova rammentare che, mentre Cuoco, con il recupero del passato italico, intendeva chiudere una tradizione antiquaria fatta della sottolineatura di inutili particolarismi e di molteplici diversità per tutta Italia, Micali volgeva nella direzione di riaffermare invece una pluralità storico-culturale della penisola, all’interno della quale si rispecchiasse in maniera puntuale il portato di larga parte della tradizione settecentesca.

  • 22 G. Firpo, Roma, Etruschi e Italici nel «secolo senza Roma», in «Patria diversis gentibus una ?» Uni (...)

25Questo aspetto ci viene suggerito dal fatto che l’opera del Micali smontava i due presupposti su cui reggeva la fantasiosa ricostruzione del Platone, segnatamente l’origine italica di Pitagora e la circostanza che tutti i popoli della penisola, compresi i Greci, avessero, seppur lontanissime, origini comunque comuni. Il testo del Micali, infatti, non solo confermava l’origine greca di Pitagora, ma aveva cura di sottolineare una originalità dei popoli meridionali, che il lignaggio d’Ellade e l’intreccio con l’indigenato aveva reso une presenza peculiare e niente affatto accostabile agli altri popoli italici22.

  • 23 Vedi la recensione al testo del Micali in V. Cuoco, Scritti giornalistici, cit., vol. II, pp. 363-3 (...)
  • 24 Si veda il pregevole lavoro riassuntivo sugli studi attorno all’Italia pre-romana nel primo Ottocen (...)
  • 25 G. Micali, Storia degli antichi popoli italiani, Firenze, Tipografia all’insegna di Dante, 1832, 3 (...)
  • 26 Sul punto si veda P. Casini, op. cit., pp. 262-272.

26Lungo questa direttrice si spiega perché Cuoco, nel frattempo tornato a Napoli ed avviato ad una brillante carriera di governo, subito plaudisse all’opera di Micali, ma conservasse anche non poche perplessità, che gli derivavano evidentemente dall’incapacità dell’altro di declinare in termini politici originali il problema dell’Italia pre-romana23. Tuttavia, qualora si passi ad un seppur breve esame della fortune delle due opere in esame nei decenni a seguire, giocoforza è concludere che mentre il tema delle origini della nazione divenne questione cruciale nel panorama culturale dell’Italia del secolo xix, esso lo fu in una chiave che teneva fermo sul modello micaliano e molto trascurava il portato innovatore di Cuoco24. Prova ne sia che, ancora agli inizi degli anni Trenta dell’Ottocento, Micali tornasse ancora sull’argomento con un’altra fatica, che sin dal titolo, Storia degli antichi popoli italiani25, ribadiva la dimensione plurale delle origini degli Italiani ed escludeva quella ricostruzione in chiave etnico-culturale che il paradigma cuochiano avrebbe potuto favorire. Questo indirizzo, qualora si passino in rassegna gli studi che, da nord a sud, lungo tutto il Risorgimento misero a capo la questione della storia d’Italia sin dalle sue origini, non venne più ripreso, eccezion fatta per taluni interventi in tono minore – tra i quali quello del Mazzoldi – che, seppur sempre tenuti in considerazione, vennero tuttavia da tutti gli altri puntualmente respinti nell’implicazione etnica che pure intendevano accreditare26.

  • 27 Esemplare al riguardo l’opera di A. Vannucci, Storia d’Italia dai tempi più antichi fino all’invasi (...)
  • 28 A. Banti, La nazione del Risorgimento: parentela, santità e onore alle origini dell’Italia unita, T (...)
  • 29 Al riguardo si vedano gli Studi sul razzismo italiano, a cura di A. Burgio e L. Casali, Bologna, CL (...)
  • 30 Si veda soprattutto N. Moe, Altro che Italia!, «Meridiana», VI (1992), pp. 53-89, poi ripreso in Id (...)

27D’altronde, la prova provata di questa affermazione la si ha proprio a cavaliere degli anni Sessanta dell’Ottocento, quando le imprevedibili vicende politiche dischiuse dalla seconda guerra d’indipendenza portarono d’improvviso a soluzione il problema dell’unità politica della penisola. I molti studi dedicati per l’occasione all’Italia tutta intera e al suo popolo tornarono a confermare la prospettiva di Micali contro quella di Cuoco, sottolineando come l’unità fosse il contributo spontaneo e generoso di tante piccole patrie alla causa italiana, dove l’elemento culturale sarebbe stato il solo dato agglutinante di una dimensione etnica altrimenti niente affatto rinvenibile in forme omogenee27. Questa prospettiva suona ovviamente in controtendenza rispetto alle più recenti ricostruzioni della modernità italiana, dove il Risorgimento è fenomeno etnico-culturale28, dove il conservatorismo del secolo xix cede il passo al razzismo del secolo xx29 e dove le molte fragilità dell’identità italiana vengon tutte fatte risalire ad una tabe d’ordine culturale30. Sembra qui, tuttavia, che le fortune dell’opera di Micali nel lungo Ottocento italiano, sulle quali chi scrive va di questi tempi provando a fare qualche misurazione, diano un ulteriore colpo di maglio alle tante certezze che dalla immaginifica ricostruzione a suo tempo operata da Bollati han preso forma e forza. Così, qui sembra che il tempo sia venuto per una rilettura dell’Ottocento italiano, nella sua dimensione politica e in quella culturale, profondamente distante dalle ambizioni e dalle preoccupazioni del secolo xx: operazione quanto mai necessaria anche per evitare che il Novecento, con opera predatoria, finisca per risalire il corso della storia nazionale e rinvenire già nell’Ottocento sicure anticipazioni di un passato prossimo le cui radici stanno invece soprattutto altrove.

Top of page

Notes

1 G. Bollati, L’Italiano, in Storia d’Italia, a cura di C. Vivanti e R. Romano, vol. I, I caratteri originali, Torino, Einaudi, 1972, pp. 951-1022.

2 Sulla fatica cuochiana, le cui fortune hanno attraversato e segnato la vicenda culturale e politica dell’Italia tra Otto e Novecento, si rinvia all’ultima edizione V. Cuoco, Platone in Italia. Traduzione dal greco, a cura di A. De Francesco e A. Andreoni, Roma-Bari, Laterza, 2006.

3 Sul punto, si veda L. Pepe, Università o Grandes Écoles: il piano Mascheroni e il dibattito al Gran Consiglio della repubblica cisalpina, in Università in Europa. Le istituzioni universitarie dal medio Evo ai nostri giorni: strutture, organizzazione, funzionamento. Atti del Convegno internazionale di studi (Milazzo, 28 settembre-2 ottobre 1993), a cura di A. Romano, Soveria Mannelli, Rubettino, 1995, pp. 520-523.

4 Al riguardo il rinvio sia a S. Luzzatto, L’autunno della rivoluzione. Lotta e cultura politica nella Francia del Termidoro, Torino, Einaudi, 1994, pp. 186-193.

5 Sul punto si vedano gli scritti di M. Raskolnikoff, Des Anciens et des Modernes, articles réunis par S. Demougin, Paris, Publications de la Sorbonne, 1990, pp. 95-127.

6 Si vedano in particolar modo gli studi di Pierre-Charles Levesque comparsi nei tomi II, IV e V dei Mémoires de l’Institut national des sciences et arts. Sciences morales et politiques: Mémoire sur Hésiode, t. II, fructidor an VII [agosto 1799], pp. 1-21, Mémoire sur Homère, ibid., pp. 22-37, Mémoire sur les mœurs et les usages des Grecs du temps d’Homère, ibid., pp. 38-66; Premier mémoire sur la constitution de la république d’Athènes, t. IV, vendémiaire an XI [settembre-ottobre 1802], pp. 113-210, Second mémoire sur la constitution de la république d’Athènes, ibid., pp. 212-249, Troisième mémoire sur la constitution de la république d’Athènes, ibid., pp. 250-278, Mémoire sur le retour des Argonautes par le Nord, ibid., pp. 279-289; De la formation du langage, considérée dans les plus simples élemens de la langue grecque, t. V, fructidor an XII [agosto 1804], pp. 196-220.

7 Sul punto si veda C. Grell, L’histoire entre érudition et philosophie. Étude sur la connaissance historique à l’âge des Lumières, Paris, PUF, 1993, pp. 261-274.

8 «On trouvera dans ce voyage quelques notes hasardées en apparence sur les Bretons, sur leur ancienneté, sur leur langage, sur leur histoire, sur les Druides et sur leurs monuments. Nous sommes dans un siècle où des vérités ensevelies par la politique des maîtres du monde, se développeront, en histoire comme en morale, comme en philosophie.» (J. Cambry, Voyage dans le Finistère ou état de ce département en 1794 et 1795, Paris, Imprimerie du Cercle social, an VII [1799], vol. I, pp. III-IV e 187-188).

9 Sulla fatica di Maréchal, il rinvio sia a M. Dommanget, Sylvain Maréchal l’égalitaire «L’homme sans Dieu». 1750-1803. Vie et œuvre de l’auteur du Manifeste des Égaux, Paris, Spartacus, 1950, pp. 349-364; ma sull’opera, vedi anche le considerazioni di P. Casini, L’antica sapienza italica: cronistoria di un mito, Bologna, Il Mulino, 1998, pp. 224-239.

10 Si veda, a firma del presidente Lenoir, la Épitre dédicatoire à chercher sur les antiquités celtiques, gauloises et françaises, publiées par l’Académie celtique, Paris, Dentu, 1807, t. I, p. n. n.: «Le désir de retrouver et de réunir les titres de gloire légués à leurs descendants pas les Celtes, les Gaulois et les Francs, a fait naître l’Académie Celtique. Un sentiment tout-à-la-fois aussi noble et aussi naturel a dû se manifester à une époque où les Français se montraient si dignes de leurs ancêtres. C’est lorsque Napoléon les conduit depuis dix ans de victoire en victoire, qu’ils devaient être plus jaloux de prouver que l’amour de la gloire a toujours formé le trait principal de leur caractère.» Ma vedi anche ibid., pp. 1-26, il Discours préliminaire, dove l’argomento viene molto sviluppato.

11 A. Andreoni, Etruschi, sanniti e storiografia delle origini: carte inedite di Vincenzo Cuoco, «Annali cuochiani», I (2003), p. 15.

12 C. Dupuis, Mémoire sur les Pélasges, «Mémoires de l’Institut national des sciences et arts. Littérature et beaux arts», II (fructidor an vii [settembre 1799]), pp. 44-116; Id., Second mémoire sur les Pelasges. De l’origine de ce peuple, ibid., III (prairial an IX [maggio-giugno 1801]), pp. 37-140, dove, alla p. 138, si legge che «il résulte de nos recherches […] que le culte des Pélasges d’Italie et de Grèce se lie à celui de la haute Égypte et de l’Éthiopie, pays très anciennement civilisés, et qui ont plutôt donné aux Grecs et aux peuples de l’Hespérie leurs institutions religieuses qu’ils ne les ont empruntées d’eux».

13 Sul punto, si veda A. Andreoni, Omero italico. Favole antiche e identità nazionale tra Vico e Cuoco, Roma, Jouvence, 2003, pp. 103-137.

14 Al riguardo, M. Cristofani, La scoperta degli etruschi. Archeologia e antiquaria nel ’700, Roma, CNR, 1983.

15 Si veda C. Donati, L’idea di nobiltà in Italia. Secoli xiv-xviii, Roma-Bari, Laterza, 1988, in particolare le pp. 296-299.

16 Sul punto G. Giarrizzo, Vico. La politica e la storia, Napoli, Guida, 1981, pp. 198-216.

17 V. Cuoco, Scritti giornalistici, vol. II, Periodo napoletano 1806-1815, a cura di D. Conte, Napoli, Fridericiana editrice universitaria, 2000, p. 37.

18 Rinvio qui al mio Archita, Melzi d’Eril e l’italiano (senza qualità) di Giulio Bollati, in Libri, e altro. Nel passato e nel presente per Enrico Decleva, a cura di G. G. Merlo, Milano, Dipartimento di scienze della storia – Fondazione Arnoldo e Alberto Mondatori, 2006, pp. 371-382.

19 Circa l’opera di Micali sempre utile rimane il lavoro di A. Coen, Giuseppe Micali e gli studi sulla storia primitiva dell’Italia, Livorno, Vigo, 1878; ma più in generale si veda P. Treves, L’idea di Roma e la cultura italiana del secolo xix, Milano-Napoli, Ricciardi, 1962, pp. 19-35.

20 Vedi al riguardo F. Mascioli, Anti-Roman and Pro-Italic Sentiment in Italian Historiography, «Romanic Review», XXIII (1942), n° 4, pp. 366–384.

21 Si veda il saggio introduttivo di A. Andreoni, Un «immortale romanzo italiano», in V. Cuoco, Platone in Italia, cit., pp. LXXV-CXL, in particolare le pp. CXIX-CXXIII.

22 G. Firpo, Roma, Etruschi e Italici nel «secolo senza Roma», in «Patria diversis gentibus una ?» Unità politica e identità etniche nell’Italia antica. Atti del Convegno internazionale (Cividale del Friuli, 20-22 settembre 2007), a cura di G. Urso, [Pisa], ETS, [2008], pp. 267-304.

23 Vedi la recensione al testo del Micali in V. Cuoco, Scritti giornalistici, cit., vol. II, pp. 363-366.

24 Si veda il pregevole lavoro riassuntivo sugli studi attorno all’Italia pre-romana nel primo Ottocento messo a punto da [A. Casati], Storia degli studi sulle origini italiche [Milano], Tip. Redaelli, s.d. (estr. dalla «Rivista europea. Giornale di scienze morali, Letteratura ed arti», XIX (1846), n° 1, pp. 721-742; XXXII (1847), n° 2, pp. 102-138).

25 G. Micali, Storia degli antichi popoli italiani, Firenze, Tipografia all’insegna di Dante, 1832, 3 voll.

26 Sul punto si veda P. Casini, op. cit., pp. 262-272.

27 Esemplare al riguardo l’opera di A. Vannucci, Storia d’Italia dai tempi più antichi fino all’invasione dei Longobardi, vol. I, Firenze, Poligrafia Italiana, 1851, dove alle pp. 33-34 è con Balbo contro Micali ricordando come sia «opera vana voler trovare unità fra le schiatte primitive d’Italia; è inutile di far prova di recare ad una sola schiatta le origini nostre».

28 A. Banti, La nazione del Risorgimento: parentela, santità e onore alle origini dell’Italia unita, Torino, Einaudi, 2000.

29 Al riguardo si vedano gli Studi sul razzismo italiano, a cura di A. Burgio e L. Casali, Bologna, CLUEB, 1996; R. Maiocchi, Scienza italiana e razzismo fascista, Firenze, La Nuova Italia, 1999; D. Losurdo, Il peccato originale del Novecento, Roma-Bari, Laterza, 1999; nonché gli atti del convegno tenutosi a Bologna nel novembre del 1997, Nel nome della razza. Il razzismo nella storia d’Italia, 1870-1945, a cura di A. Burgio, Bologna, Il Mulino, 1999. Per una critica a questa impostazione si veda il mio North/South. Race, Criminality and the Italian Character: a Risorgimento idiom?, «Italian history and culture», XI (2005), pp. 91-106.

30 Si veda soprattutto N. Moe, Altro che Italia!, «Meridiana», VI (1992), pp. 53-89, poi ripreso in Id., The View from Vesuvius: Italian Culture and the Southern Question, Berkeley-Los Angeles, University of California Press, 2002 (trad. it. di M. Z. Ciccimarra, Un paradiso abitato da diavoli: identità nazionale e immagini del Mezzogiorno, Napoli, L’ancora del Mediterraneo, 2004).

Top of page

References

Electronic reference

Antonino De Francesco, « Risorgimento e carattere nazionale. Note a margine del Platone in Italia di Vincenzo Cuoco », Laboratoire italien [Online], 9 | 2009, Online since 06 February 2012, connection on 26 April 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/552 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.552

Top of page

About the author

Antonino De Francesco

Università di Milano «La Statale»

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page