Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

Perfidi giudei o fratelli maggiori? La ricezione della Declaratio Nostra Aetate nella stampa cattolica italiana (1965-1974)

«Perfidi giudei» o «fratelli maggiori?» La ricezione della Declaratio Nostra Aetate nella stampa cattolica italiana (1965-1974)
« Juifs perfides » ou « frères aînés » ? La réception de la Declaratio Nostra Aetate dans la presse catholique italienne (1965-1974)
Elena Mazzini
p. 101-132

Abstracts

Il saggio analizza alcune riviste, espressive del panorama giornalistico e culturale del cattolicesimo italiano che, a partire dalla promulgazione del documento conciliare Declaratio Nostra Aetate (1965), hanno riflettuto sulla svolta decretata dalla dichiarazione in merito ai rapporti da intrattenere con le religioni non cristiane e, nello specifico, con l’ebraismo. Com’è noto infatti, la Declaratio ha stabilito, per quel che riguarda la religione ebraica, alcuni punti di ampia portata su almeno due principali momenti. Il primo ha interessato la ricusazione dell’accusa di «deicidio», accusa rivolta al popolo ebraico dalla cristianità nel corso dei secoli. Il secondo momento ha affermato la condanna dell’antisemitismo moderno e delle sue pratiche discriminative. Allo stato attuale della ricerca storica risulta assente il nodo legato alla ricezione della dichiarazione, in età post-conciliare, all’interno dell’opinione pubblica cattolica. Le testate presentate in questa sede, pur fonti primarie, non vogliono tuttavia costituire che un primo sondaggio o tentativo di indagine su un tema tanto ampio quanto complesso quale la ricaduta degli insegnamenti contenuti nella dichiarazione all’indomani della chiusura del Concilio.

Top of page

Full text

Premessa

  • 1 E. Toaff, Perfidi giudei, fratelli maggiori, Milano, Mondadori, 1990. Elio Toaff (1915) è stato Rab (...)
  • 2 Da ricordare che nel 1926 vi era stato un primo tentativo da parte dell’associazione cattolica Amic (...)

1La domanda che dà titolo alla prima parte di questo saggio è tratta dal libro con cui Elio Toaff ha intestato il suo volume, Perfidi giudei, fratelli maggiori, pubblicato nel 19901. L’autore prendeva spunto da due locuzioni impiegate in ambito cattolico in due contesti differenti e in due momenti storici differenti. La prima richiama la formula presente nella preghiera Oremus et pro perfidi Judaeis, istituita nel vii secolo e recitata durante la liturgia del Venerdì Santo all’interno della preghiera universale che segue la lettura del Vangelo della passione di Gesù. Con quella espressione i fedeli cristiani pregavano per la conversione degli ebrei al cristianesimo. Le parole perfidis e perfidiam ­presenti ­all’interno della liturgia vennero espunte dal messale liturgico soltanto nel 1959 per volontà di papa Giovanni XXIII2.

  • 3 E. Toaff, Perfidi giudei, fratelli maggiori, cit., p. iv.

2La seconda locuzione invece fu proferita da Giovanni Paolo II durante la sua visita alla Sinagoga di Roma, avvenuta il 13 aprile 1986, durante la quale definì gli ebrei «nostri fratelli maggiori, fratelli prediletti»3.

  • 4 Le parole «fratelli maggiori» riecheggiano un passo della lettera di san Paolo ai Romani (9, 12) in (...)

3Le diverse prospettive che queste due formule esprimono – la seconda delle quali è stata tuttavia oggetto di critiche per via di un’implicita ambiguità dottrinale4 – sintetizzano il percorso che ha investito la Chiesa e il mondo cattolico dal decennio degli anni Sessanta. Con esiti alterni e ambivalenti, dal Concilio Vaticano II sono emersi due principali orientamenti in seno al cattolicesimo: da un lato è stata avviata una rivisitazione profonda degli stereotipi antiebraici presenti nella dottrina e nella liturgia cristiane (perfidi giudei), dall’altro si è assistito alla nascita di un dialogo interreligioso fondato su presupposti nuovi e fuori dalle logiche conversionistiche che al contrario avevano sostanziato le prospettive cattoliche sull’ebraismo fino a quel momento (fratelli maggiori).

  • 5 Per il testo si veda Declaratio Nostra Aetate. Dichiarazione sulle relazioni della Chiesa con le re (...)
  • 6 Fra le altre cose nel suddetto paragrafo era riconosciuto «il vincolo con cui il popolo del Nuovo T (...)

4Nello specifico, questo studio punta a ricostruire le reazioni che alcune riviste del cattolicesimo italiano hanno diversamente espresso davanti alla Declaratio Nostra Aetate, il documento conciliare emanato il 28 ottobre 1965 e dedicato alle relazioni della Chiesa cattolica con le religioni non cristiane5. L’attenzione sarà posta lungo le pagine che seguiranno sui commenti che questi giornali hanno elaborato in merito al paragrafo quattro della dichiarazione, in cui si stabilivano nuovi parametri nei rapporti fra Chiesa ed ebraismo6.

  • 7 Viene data per conosciuta la storia delle mentalità e delle culture antisemite che hanno attraversa (...)

5Si può sinteticamente affermare che la dichiarazione è nata dalla necessità di rivisitare criticamente alcuni cliché antiebraici presenti nella catechesi cristiana di cui il deicidio costituiva uno dei suoi momenti più compiuti e diffusi nelle mentalità e nelle culture europee7. La Nostra Aetate, rompendo con questa collaudata tradizione antiebraica, ha attribuito da un lato la responsabilità della crocifissione di Cristo non solo al popolo ebraico ma all’intera umanità e ha riconosciuto, dall’altro lato, il comune patrimonio teologico derivato dai Patriarchi, da Mosè e dai Profeti che cristianesimo ed ebraismo reciprocamente condividono. Essa ha dunque agito su un doppio livello dottrinale che ha previsto la delegittimazione della millenaria accusa di deicidio connessa, di contro, alla legittimazione di un medesimo spazio teologico esistente fra le due famiglie religiose.

  • 8 I termini di antisemitismo, antiebraismo e antigiudaismo sono al centro di un fitto dibattito stori (...)
  • 9 Per il problema dell’interruzione/continuità rappresentato dal testo conciliare nella tradizione an (...)
  • 10 E. Toaff, Perfidi giudei, fratelli maggiori, cit., p. 219.

6Oltre a motivazioni di natura teologica, il documento rispondeva anche alla necessità della Chiesa di esprimere, in termini pubblici e ufficiali, la ricusazione del moderno antisemitismo e delle persecuzioni perpetrate a danno degli ebrei in epoca contemporanea8. Di contro, è stato volontariamente lasciato inevaso il capitolo di quell’antiebraismo teorizzato, legittimato e predicato per secoli dalla Chiesa cattolica. Questa tradizione non è stata una cultura marginale né tanto meno a basso profilo identitario perché si potesse pensare di «correggerla» con la pubblicazione di un solo e isolato documento9. Come ebbe a notare il già citato Elio Toaff, Rabbino capo della Comunità ebraica romana, «il documento conciliare riguardante gli ebrei era in sostanza un’enunciazione teorica che mancava di regole di applicazione»10.

  • 11 G. Alberigo (a cura di), Storia del Concilio Vaticano II, Bologna, Il Mulino, 1999-2001, vol. V.
  • 12 G. Miccoli, Due nodi: la libertà religiosa e le relazioni con gli ebrei, in G. Alberigo et al., Sto (...)

7La vasta letteratura storiografica dedicata alla dichiarazione11 ha permesso di focalizzare accuratamente l’origine del testo e il suo difficile iter redazionale che ha subito modifiche sostanziali e compromessi contenutistici di rilievo: su tutti, è indicativa l’assenza nella versione definitiva del termine «deicidio» espunto nel corso del processo redazionale, così come significativa appare la trasformazione di «condanna» dell’antisemitismo nel termine più blando di «deplorazione». Le problematiche sottese alla dichiarazione conciliare sono state delineate, elaborate e discusse con chiarezza e documentazione relativa da Giovanni Miccoli, il cui contributo, definendo i punti nevralgici della complessa storia del documento e della sua ultima approvazione, ha indotto a non soffermarsi né sulle fasi di stesura del testo, né sull’enunciazione dei dibattiti storiografici che, in mancanza di una documentazione nuova, hanno trovato nell’analisi proposta dallo studioso triestino una loro esaustiva messa a punto12.

  • 13 Un tentativo di operare un bilancio sulle attività svolte nell’epoca post-conciliare è stato fatto (...)
  • 14 Ebrei ed ebraismo nella predicazione e nella catechesi della Chiesa italiana, a cura della Commissi (...)

8Ciò che invece verrà esaminato in questa sede riguarderà le diverse posizioni emerse nel mondo cattolico italiano dopo la chiusura dei lavori conciliari allo scopo di precisare i contorni di una questione che aspetta ancora di essere valutata nei suoi aspetti generali13. La ricezione degli insegnamenti contenuti nella Nostra Aetate, riproposti a quasi dieci anni di distanza in un altro documento emanato dalla Santa Sede, gli Orientamenti e suggerimenti per l’applicazione della dichiarazione Nostra Aetate14, è, infatti, una storia in larga parte ancora da scrivere così come resta ancora da indagare il tipo di circolazione e di diffusione che hanno conosciuto gli insegnamenti della Nostra Aetate all’interno del circuito del mondo cattolico italiano.

  • 15 Ho analizzato altrove i commenti espressi dal mondo ebraico italiano rispetto alle questioni poste (...)

9Certamente questo scritto non intende colmare questa lacuna visto che, nella maggioranza dei casi, la mancanza dei dati minimi – quali il numero di copie vendute, la tiratura e diffusione dei giornali – non consentono di ricostruire una storia della ricezione se non a un livello congetturale. Tuttavia, è possibile avviare una prima, embrionale analisi sulle dinamiche che hanno attraversato un decennio della storia contemporanea cruciale per comprendere i tempi e i modi con cui sono state trasmesse, se siano state trasmesse, la nuova cultura e la diversa sensibilità nate dalla dichiarazione conciliare in merito alla religione ebraica15.

Aperture prudenti e caute ammissioni: la «Civiltà cattolica»

  • 16 Sinteticamente si indica che dal dicembre del 1960 fino a tutto il 1965, la rivista dedicò alla pre (...)
  • 17 Augustin Bea (1881-1968), gesuita, cardinale e biblista tedesco fu una delle maggiori personalità i (...)
  • 18 Gli interventi tenuti dal cardinale Bea dal novembre del 1963 fino al 14 ottobre 1965 in sede conci (...)
  • 19 A. Bea, Il popolo ebraico nel piano divino della salvezza, «Civiltà cattolica», CXVI, 1965, vol. IV (...)
  • 20 A. Bea, Il popolo ebraico nel piano divino della salvezza, art. cit., p. 210.

10All’indomani della ratifica della Declaratio Nostra Aetate16, il cardinale Agostino Bea17 – una delle personalità fra le più impegnate a far entrare nell’agenda conciliare lo schema della dichiarazione18 – firmava un lungo scritto sulla rivista dei gesuiti italiani in cui esponeva sia il dibattito emerso durante le sessioni in merito al deicidio, sia le diffuse resistenze ad accettare da parte dell’area intransigente l’infondatezza storica e teologica di quell’accusa19. Nel corso dell’articolo il cardinale tedesco definiva il deicidio come «quella ingiusta condanna di Gesù, chiesta, anzi esortata a Pilato dal Sinedrio quale legittima autorità del popolo ebraico; questo è diventato reo di “deicidio” ed ha perso i propri privilegi; il popolo eletto di Dio non è più Israele bensì la Chiesa il nuovo Israele secondo lo spirito»20.

  • 21 Su questo ampio tema, oltre al classico di M. Simon, Verus Israel. Étude sur les relations entre ch (...)

11Lasciando da parte l’interpretazione della Chiesa in quanto Verus Israel e dunque il problema della concorrenza in tema di elezione spirituale rispetto all’ebraismo21, il distinguo operato da Bea, nel corso dello scritto, fra colpe personali e colpe collettive, è centrale per chiarire le posizioni di quanti si erano impegnati, dentro e fuori le aule conciliari, a correggere una mentalità e un insegnamento antiebraici che proprio nell’uccisione di Gesù, per «presunto volere» del popolo ebraico, aveva trovato uno dei suoi più radicati stereotipi. Conformemente a quanto asserito dalla dichiarazione, Bea riteneva gli ebrei colpevoli, in quanto appartenenti all’umanità e non in quanto popolo. Era, in altre parole, l’umanità intera a portare il segno di questa colpa collettiva e universale.

12Le questioni che «Civiltà cattolica» ha affrontato in merito alla Declaratio hanno riguardato tanto riflessioni di tipo dottrinale quanto gli insegnamenti e le nuove prospettive sostenute dal documento a favore di un rapporto scevro da pregiudizi fra cristianesimo ed ebraismo.

  • 22 P. Dezza, Il Concilio è un fatto che deve durare, «Civiltà cattolica», CXVII, 1966, vol. I, pp. 9-1 (...)
  • 23 A. Bea, La Chiesa di fronte alle religioni non cristiane, ibid., vol. III, pp. 454-464.
  • 24 Ivi, pp. 462-463.

13Proprio alla fase successiva al Concilio vennero rivolte le maggiori preoccupazioni e attese perché, come osservava il giornalista Paolo Dezza nel gennaio del 1966, lo sforzo era quello di «far diventare vita vissuta quello che oggi è solo sulla carta: lo spirito del Concilio deve penetrare e trasformare vecchie strutture e crearne delle nuove»22. Nel settembre 1966, Agostino Bea firmava un altro articolo dedicato ancora una volta alla Declaratio e alla stringente necessità di aprire un dialogo fecondo con l’ebraismo al fine di rendere operativo il contenuto innovativo della dichiarazione23. Dopo aver delineato i principi fondanti e i mezzi pratici suggeriti dal testo conciliare, Bea enucleava le ragioni che avevano indotto Giovanni XXIII e i padri conciliari ad approvare una dichiarazione originariamente destinata alla sola religione ebraica, poi in seguito estesa anche alle altre non cristiane24.

14Dopo questo scritto di Bea, deceduto nel 1968, articoli direttamente riguardanti la Declaratio non sono apparsi fino al decennio successivo che vide una serie di articoli impegnati a confrontarsi con talune polemiche che stavano investendo la Chiesa sul terreno, mai del tutto chiarito se non nei termini vaghi indicati dalla Declaratio, dell’antisemitismo connesso alle reazioni anticonciliari dell’intransigentismo cattolico.

  • 25 G. Caprile, Ebrei e cattolici in Italia oggi, ibid., CXXIII, 1972, vol. III, pp. 268-271. Giovanni (...)
  • 26 Ibid., p. 269. Il corsivo è della scrivente.

15A questo proposito, nel 1972, Giovanni Caprile25 riferiva di una riunione svolta presso l’Università internazionale Pro Deo di Roma alla quale il gesuita aveva personalmente partecipato. In quella circostanza, scriveva Caprile, «addolorò sentire come anche in certi ambienti ecclesiastici (del resto abbastanza ristretti) si notassero atteggiamenti e linguaggio per nulla consoni né alla lettera né allo spirito della ben nota Dichiarazione conciliare»26. Gli atteggiamenti e il linguaggio deprecati dall’articolista si riferivano agli orientamenti anticonciliari degli ambienti integralisti, pur aggettivati prontamente da Caprile come «minoritari». Il riconoscimento della presenza dentro la Chiesa di tali tendenze provenienti dalla destra cattolica si stemperava nel proseguo dello scritto nel tentativo di circostanziare, limitare e sfumare le manifestazioni antiebraiche rivendicate dai quei circuiti.

  • 27 L’articolo citato da G. Caprile è quello firmato da D. Pasti, I birichini di zio Giorgio, «Il Mondo (...)

16La volontà di minimizzare questi atteggiamenti rispondeva a una polemica giornalistica apparsa sul periodico di ispirazione liberale «Il Mondo» che pubblicava, a margine di quella stessa riunione, un articolo dagli accenti fortemente critici. «La giornalista – osservava Caprile – ha ingiustamente generalizzato tali comportamenti estendendo a tutta la Chiesa ed a quella italiana in particolare, certe accuse, con la pretesa di documentarle con argomenti che il buon senso avrebbe consigliato di non toccare.»27 Quali erano le accuse mosse da Daniela Pasti, l’autrice dell’articolo del settimanale «Il Mondo», alla Chiesa cattolica? Una nello specifico e di particolare rilievo:

  • 28 G. Caprile, art. cit., p. 271. Simonino da Trento, fanciullo morto durante la Pasqua del 1475, e Lo (...)

Una delle accuse che la giornalista muove alla Chiesa cattolica è quella di tollerare che «a Marostica si celebri ogni anno il martirio del beato Lorenzino, che la leggenda vuole sacrificato in modo rituale dagli ebrei, malgrado che il Concilio Vaticano II ne abbia abolito il culto perché ispirato a odio ebraico». Premettendo, per l’esattezza, che il Concilio non è sceso a questi particolari, pur avendo rigettato in blocco ogni manifestazione di antisemitismo, abbiamo stimato doveroso appurare da fonti molto autorevoli e dirette, ed anche da altre parti, quanto ci sia di vero nelle parole della Pasti. Di esatto c’è solo una cosa: le autorità ecclesiastiche vicentine – data la tradizione di quasi cinque secoli alla quale la popolazione è profondamente attaccata fin dagli inizi, tanto da non tenere in alcun conto la proibizione del culto fatta nel 1488 dal vescovo di Padova, Barozzi – non hanno stimato opportuno interrompere in tronco la cosa, come hanno fatto invece quelle di Trento per il culto del beato Simonino.28

  • 29 Pur trattando di un altro caso ma ugualmente efficace nella comprensione dei meccanismi anche giudi (...)
  • 30 Meccanismo che il saggio di Riccardo Bonavita ha messo in luce analizzando le «giudiate» e i carnev (...)

17In un certo senso Caprile presentava la tradizione antiebraica e le pratiche che l’avevano accompagnata, fra cui le celebrazioni di quei bambini cristiani uccisi, secondo il canone antiebraico, dagli ebrei in prossimità della Pasqua ebraica al fine di impiegare sangue cristiano per scopi rituali, come una sorta di retaggio innocuo o di scarsa importanza nella reiterazione di stereotipi e linguaggi ostili all’ebraismo. La giustificazione, infatti, addotta dal gesuita al mantenimento di un rito ritenuto funzionale a creare un momento meramente aggregativo per la popolazione vicentina, lontano da implicazioni di odio religioso, induceva a rilevarne soltanto l’aspetto «folkloristico» piuttosto che a leggerlo come l’espressione di un retaggio antiebraico29. Infatti, le teorie tese a fondare su basi dottrinali i pregiudizi contro gli ebrei non erano affatto slegate dalle forme espressive radicate nella devozione popolare; queste ultime, anzi, rafforzavano e amplificavano il corpus teorico delle narrazioni e degli stereotipi ostili all’ebraismo30. La sopravvivenza del culto del beato Lorenzino in epoca post-conciliare spinge a supporre che taluni settori della gerarchia ecclesiastica mostravano una sorta di reticenza, condizionata dalla consuetudine, a rivisitare criticamente aspetti della predicazione antiebraica cristiana e a eliminarli in quanto ritualità contrarie al dialogo interreligioso incoraggiato dal Concilio.

  • 31 G. Caprile, Ancora su la Chiesa e gli Ebrei in Italia, «Civiltà cattolica», CXXIII, 1972, vol. 4, p (...)
  • 32 G. Marafini, Contro ogni antisemitismo, «L’Avvenire», 26 agosto 1972, p. 3.

18La rivista dei gesuiti italiani chiariva in un articolo successivo le posizioni precedentemente espresse dal testo di Caprile sul rito del beato Lorenzino da Marostica31. Questa volta la parola veniva data ad un articolo pubblicato apparso sul periodico cattolico «Avvenire» il 26 agosto del 1972 e firmato dal vescovo Giuseppe Marafini32, presidente della Commissione episcopale della Conferenza episcopale italiana per l’ecumenismo.

  • 33 Cfr. almeno I. Rogger. 1965: Trento cancella il rito del Simonino il bambino martirizzato dai «giud (...)
  • 34 G. Caprile, art. cit., p. 570.

19Marafini, in un primo momento, riassumeva e ricostruiva il dibattito emerso fra il settimanale «Il Mondo» e la «Civiltà cattolica» nei mesi precedenti passando, in un secondo momento, a valutare la questione specifica dei culti dei fanciulli beati la cui infondatezza storica era ampiamente riconosciuta da Marafini. Molti vescovi, continuava l’articolo, si stavano adoperando ad eliminare tali ritualità in molte città d’Italia, come nel caso di Trento ove il vescovo Gottardi aveva soppresso il culto e la festa in onore di San Simonino33; o come nel caso del vescovo Aldo Forzoni che a Massa Carrara aveva deciso di sopprimere il titolo di San Domenichino, cui era dedicata una parrocchia a Marina di Massa raccomandando al parroco del luogo di rivedere l’opuscolo sulla vita del presunto santo34.

20La dichiarazione sull’insussistenza di queste tradizioni popolari innervate di stereotipie antiebraiche, testimonia in qualche misura l’azione non solo teorica ma anche concreta svolta dalla Declaratio che era stata realizzata proprio allo scopo di eliminare dalla pratica cattolica quei momenti segnatamente avversi al popolo ebraico. Marafini, dopo aver ribadito che le tradizioni cultuali di tal tipo erano state interpretate dalla Chiesa come offensive per gli ebrei valutandole senza alcun fondamento storico, si affrettava altresì a indicare i limiti entro cui il dialogo con l’ebraismo doveva essere incoraggiato.

  • 35 Ivi.

Il dialogo cordiale e aperto si mantiene sul piano religioso; per questo, la Commissione episcopale italiana vigila che le iniziative del dialogo non scivolino sul terreno politico, come per esempio sul doloroso conflitto tra lo Stato d’Israele e i Paesi arabi. Su questo terreno, non è suo compito prendere posizione, ma auspicare la soluzione del grave conflitto che tenga conto della sorte umanamente pietosa di tanti profughi palestinesi, e si sostengano le iniziative della Santa Sede volte a dare un assetto giuridico speciale di carattere internazionale ai Luoghi santi e in particolare a Gerusalemme.35

  • 36 Il riconoscimento da parte vaticana dello stato d’Israele è avvenuto nel 1993. Per il testo dell’ac (...)

21Il distinguo fra il piano politico e quello religioso urgeva di essere stabilito dalla Chiesa cattolica e dai suoi rappresentanti vista l’assenza di qualsiasi rapporto diplomatico esistente al tempo fra la Santa Sede e lo Stato d’Israele36. Il riferimento ai profughi palestinesi e alla mancata internazionalizzazione della città di Gerusalemme – una proposta sostenuta dal Vaticano fin dal 1947 – permetteva al presule e a «Civiltà cattolica» che lo citava di indicare i confini entro cui poteva svilupparsi il confronto sereno con l’ebraismo: un incontro che doveva muoversi esclusivamente su un terreno religioso, evitando di converso qualsiasi tipo di avallo politico a uno Stato con cui, ricordiamo, solo in anni recenti la Santa Sede ha stabilito normali rapporti diplomatici.

  • 37 Nata nel 1974 sotto il pontificato di Paolo VI, la Commissione aveva la funzione di «favorire le re (...)
  • 38 G. Caprile, Nuovi sviluppi nei rapporti ebraico-cristiani, «Civiltà cattolica», CXXVI, 1975, vol. I (...)

22Nonostante il pesante condizionamento dettato da tali ragioni politiche, «Civiltà cattolica» continuò a riflettere sulla svolta decretata dal Concilio in merito all’ecumenismo e al confronto interreligioso. Così all’indomani dell’emanazione degli Orientamenti e suggerimenti per l’applicazione della dichiarazione conciliare Nostra Aetate – il documento pubblicato per volontà della Commissione della Santa Sede per i rapporti religiosi con l’ebraismo37 – espose le molte attività promosse da comitati ebraico-cristiani presenti in Europa e negli Stati Uniti38.

  • 39 Ibid., p. 289.

23L’articolista, ancora una volta Giovanni Caprile, dopo aver puntualmente illustrato i contenuti degli Orientamenti riferiva di un’udienza concessa la mattina del 10 gennaio 1975 da Paolo VI ai partecipanti della quarta riunione del Comitato di collegamento tra la Chiesa cattolica e le associazioni ebraiche di tutto il mondo. In tale circostanza si commentarono da parte pontificia gli Orientamenti evidenziando da un lato le difficoltà che per secoli avevano contrassegnato i rapporti tra cristiani ed ebrei, dall’altro la necessità «di non dimenticare però che ci furono anche altre e ben diverse prese di posizione»39. Le diverse prese di posizioni cui alludeva Paolo VI si riferivano a quelle tenute da Pio XII durante il compiersi della Shoah. Come infatti si legge più avanti nello scritto:

  • 40 Ivi.

Sono ancora numerosi quanti possono testimoniare ciò che ha fatto la Chiesa cattolica, durante l’ultima guerra, anche a Roma sotto l’energico impulso di papa Pio XII e da parte di numerosi vescovi, sacerdoti e fedeli di diversi Paesi d’Europa, per strappare ebrei innocenti alla persecuzione, spesso a rischio della propria vita.40

  • 41 Questo fu l’atteggiamento costante della Chiesa dal 1945 al Concilio Vaticano II e in particolare d (...)
  • 42 Durante la visita che Paolo VI compì in «Terra Santa» nel gennaio del 1964, egli aveva pronunciato (...)
  • 43 Ricordiamo brevemente che a seguito della rappresentazione teatrale de Il Vicario, dramma composto (...)

24L’accennato riconoscimento della presenza di una tradizione antiebraica all’interno del cristianesimo si attenuava laddove si palesava la necessità di richiamare alla memoria collettiva gli aiuti forniti agli ebrei da parte della Chiesa e del mondo cattolico durante la seconda guerra mondiale41. L’urgenza di Paolo VI, manifestata anche in altre precedenti circostanze42, di rievocare gli atteggiamenti di Pacelli non solo derivava dalla tradizionale difesa dell’operato dei precedenti papi ma si configurava anche come una risposta alle molte polemiche sorte agli inizi degli anni Sessanta che avevano messo in luce le ambiguità e i silenzi di Pacelli sul genocidio ebraico in atto43.

25All’ammissione delle responsabilità cristiane nella formazione dell’antiebraismo sembrava agli occhi di «Civiltà cattolica» dover corrispondere una necessaria difesa di una tradizione clemente e misericordiosa verso gli ebrei. Questo moto polare ha in parte impedito un pieno appoggio alle direttive contenute sia nel testo conciliare sia negli Orientamenti, contribuendo a mantenere la rivista su posizioni caute e prudenti riguardo alle questioni dibattute nel decennio successivo al Concilio.

«Renovatio» e «La Palestra del Clero». Le sfide dell’intransigentismo cattolico alla Nostra Aetate

  • 44 Sulle posizioni tenute dall’intransigentismo cattolico, cfr. G. Miccoli, Due nodi, art. cit., pp. 1 (...)

26Il rifiuto espresso durante le sessioni conciliari da parte dell’ambiente intransigente ad accogliere le aperture e le novità contenute in dichiarazioni quali, oltre alla Declaratio Nostra Aetate, la Dignitatis Humanae relativa alla libertà religiosa, o in costituzioni pastorali quali la Gaudium et Spes sulla necessità per la Chiesa di aprire un confronto con la cultura e con il mondo contemporaneo, non si attutì per nulla nel decennio successivo al 196544.

  • 45 Giovanni Battista Baget Bozzo (1925-2009), sacerdote e politico italiano, ha militato nella Democra (...)
  • 46 Giuseppe Siri (1906-1989), arcivescovo di Genova per oltre quaranta anni, è stato uno dei maggiori (...)
  • 47 La pubblicazione del primo numero della rivista venne polemicamente recensita da L. Martini, A prop (...)
  • 48 G. L. Rossi, Premessa, «Renovatio», I, 1966, pp. 3-4.

27«Renovatio» è stata la rivista che ha permesso di effettuare un primo sondaggio sulla destra anticonciliare e integrista del cattolicesimo italiano. Trimestrale di teologia e cultura cattolica, redatta a Genova dall’ottobre del 1966, la testata è stata diretta da Guglielmo Luigi Rossi e da Gianni Baget Bozzo45, ma idealmente animata dall’arcivescovo di Genova, Giuseppe Siri46. Fin dal primo numero, «Renovatio» si è connotata per un chiaro orientamento dottrinale e teologico fortemente conservatore nonché polemico verso quei momenti di promozione di dialogo fra le differenti religioni cristiane e non cristiane dibattute in sede conciliare. Nella Premessa al primo numero47, si chiarivano i termini con cui i soggetti teologici affrontati dal Concilio erano accolti dalla redazione dichiarando che «la rivista vuole esprimere da un lato la continuità con la teologia, nel segno della divina Tradizione; dall’altro lato mostrare l’ampiezza d’interessi e di problemi che il punto di vista teologico consente e comanda»48.

  • 49 Id., La libertà religiosa, «Renovatio», II, 2, 1966, pp. 17-44.
  • 50 Francesco Spadafora (1913-1997), sacerdote e professore di Sacra Scrittura presso la Pontificia Uni (...)
  • 51 Marcel François Lefebvre (1905-1991), arcivescovo cattolico francese, fondatore del movimento anti- (...)

28Ancora all’interno del primo numero, il direttore Luigi Rossi firmava un articolo tutt’altro che bendisposto sulla questione della libertà religiosa49; uno scritto eloquente che riassumeva la visione «ortodossa» del giornale. Orientamento che si è venuto a precisare nei numeri successivi in cui sono stati ospitati articoli di Francesco Spadafora50, illustre e influente esponente dell’intransigentismo italiano, o di Marcel Lefebvre, la cui perdurante opposizione in seno al Concilio era già in quel momento ampiamente emersa51.

  • 52 Così come scritto nelle sole notizie biografiche che la riguardano reperite in [http://docs.google. (...)
  • 53 D. Judant, Il popolo di Dio, «Renovatio», III, 1967, pp. 319-323.

29In questo quadro di generale rifiuto verso i mutamenti apportati dal Concilio, la Declaratio rappresentava il prodotto esemplare di quella tendenza osteggiata sia dai direttori sia dagli articolisti della testata. Nell’aprile del 1967, Denise Judant, ebrea francese convertita al cattolicesimo52, firmava il primo articolo specificatamente dedicato alla Nostra Aetate. L’autrice poneva l’accento in primo luogo sulle difficoltà che la Dichiarazione sugli ebrei, divenuta, nel corso del Concilio, Dichiarazione sulle religioni non cristiane, aveva causato sul piano delle implicazioni politiche, e in un secondo momento riconosceva la questione religiosa posta in essere dalla dichiarazione di reale importanza per la Chiesa e per i fedeli cattolici53.

30Esaminando alcuni passaggi della Nostra Aetate, Judant ammetteva da un lato l’origine ebraica del cristianesimo e si affrettava tuttavia a definire i limiti entro cui l’incontro con l’ebraismo poteva realizzarsi. Una difficoltà in particolare pareva essere insuperabile per l’autrice.

  • 54 Id., art. cit., p. 321. Il corsivo è di chi scrive.

La difficoltà principale, ed essa non è stata affrontata dal Concilio, viene dall’ambiguità del giudaismo attuale, dal giudaismo post-cristiano. Da un punto di vista cristiano infatti è indispensabile stabilire una discriminazione tra il popolo ebreo e la religione giudaica nella sua attuale posizione. Il rispetto di San Paolo va al popolo ebreo del Vecchio Testamento che ha dato i natali ai patriarchi e ai profeti, e poi al Cristo. La parte fedele d’Israele ha conservato intatte le sue prerogative.54

  • 55 Israele antico in quanto prefigurazione del Verus Israel incarnato dalla Chiesa cattolica è riconos (...)

31È possibile interpretare questi ambigui passaggi impiegando la classica distinzione operata dalla Chiesa fra il rispetto per l’ebraismo in quanto «popolo biblico» e la condanna dell’ebraismo post-biblico, talmudico, sopravvissuto dopo la venuta di Cristo55.

  • 56 D. Petri, La riscoperta dell’ebraismo, «Renovatio», VI, 1972, pp. 143-145. I corsivi sono di chi sc (...)
  • 57 John Maria Oesterreicher (1904-1993), ebreo convertito al cattolicesimo nel 1927, fu uno dei princi (...)

32«Renovatio» continuò a dedicare altri articoli alle diverse attività svolte dagli organismi preposti allo sviluppo del dialogo religioso interconfessionale. Un esempio proviene da uno scritto apparso nel 197256 in cui si riportava la notizia di una conferenza tenuta negli Stati Uniti da Monsignor John Oesterreicher, figura di primo piano del dialogo ebraico-cristiano sia europeo che statunitense, nonché autore di validi contributi dedicati al tema57. Dell’intervento tenuto all’Università di Seton Hall, luogo in cui operava l’«Institute of Judeo-Christian Studies», fondato e diretto dallo stesso Oesterreicher, si dichiarava:

  • 58 D. Petri, art. cit., p. 144. Il corsivo nel testo è di chi scrive.

La conferenza di Oesterreicher sembra in qualche punto troppo tesa a farsi accettare dall’ebraismo, perdendo così i vantaggi di una visione equilibrata. Ma qui forse il problema della riscoperta dell’ebraismo risente della mitologia ecumenica, e viene strutturato nelle medesime categorie. Il riconoscimento del valore dell’ebraismo come corpo spirituale, e del ruolo nella storia della salvezza anche dopo Cristo non ha tolto alla Chiesa cattolica il senso della sua unità e unicità. La molteplicità delle vie storiche non esclude l’unità della verità, né l’unicità del soggetto portatore di essa.58

33Si mettevano di seguito in rilievo tre specifiche tendenze culturali e teologiche affermatesi durante le sessioni conciliari e diffuse da uomini e istituzioni come Oesterreicher e il suo istituto. Queste correnti riguardavano: l’ecumenismo, il dialogo con i non cristiani e l’allontanamento da prospettive di conversione nei rapporti fra Chiesa cattolica e religioni non cristiane. Tre punti che l’articolista richiamava allo scopo di riaffermare una «corretta» visione cattolica sulle questioni discusse, annullando gli intenti ecumenici volti ad estendere alle religioni non cristiane un pari riconoscimento di verità e correttezza dottrinali. Requisiti di cui, secondo l’autore, soltanto la Chiesa era la sola e legittima detentrice.

  • 59 D. Judant, A che punto sono le relazioni giudaico-cristiane?, «Renovatio», IX, 1975, pp. 200-216.
  • 60 Ibid., p. 200.

34La stigmatizzazione della cultura interreligiosa tornava ad attirare le attenzioni di Denise Judant che in un articolo del 1974, commentava il testo degli Orientamenti e suggerimenti per una corretta applicazione della Declaratio Nostra Aetate59. Judant individuava come scopo principale del documento quello di porre fine all’antisemitismo da cui alcuni settori cattolici continuavano a non discostarsi, ignorando gli indirizzi espressi sia nella Nostra Aetate che negli Orientamenti. «Da questo punto di vista – commentava l’autrice – pare che lo scopo sia stato raggiunto: i cristiani hanno preso coscienza che qualsiasi tipo di antisemitismo era incompatibile, non solo con la carità, ma anche con la fede.» Definendo l’antisemitismo come odio razziale, esso non poteva conciliarsi «con l’amore che ogni discepolo di Gesù deve ad ogni uomo, qualsiasi sia la sua razza e nazionalità»60. Tali affermazioni, parevano un cauto riconoscimento dei principi sottesi alla Nostra Aetate sebbene continuasse a mancare, qui in sintonia con il testo conciliare, qualsiasi considerazione in merito a quegli antisemitismi nient’affatto estranei alla storia della Chiesa cattolica.

35«Renovatio» e gli articoli in essa pubblicati consideravano il dialogo con l’ebraismo e i suoi sviluppi post-Concilio come un prodotto dello spirito ecumenico che la testata e gli uomini che la dirigevano non sembravano inclini ad abbracciare o almeno a comprendere. Condannando l’ecumenismo e l’incontro con famiglie religiose diverse, la rivista si è mossa su una doppia linea: una formale e una sostanziale. Da un lato si esprimevano giudizi di segno positivo là dove emergevano riferimenti al lavoro compiuto in seno al concilio, dall’altro si biasimavano le singole e concrete iniziative promosse da organismi specifici preposti a rendere operativo quel lavoro. Judant, Baget Bozzo e Luigi Rossi leggevano le aperture dottrinali verso la religione ebraica come un atteggiamento non solo rischioso per le conseguenze che poteva provocare su di un piano teologico, ma anche imprudente su un piano politico dato che, in alcuni ambienti ebraici, questo comportamento poteva essere strumentalmente letto come una vera e propria legittimazione dello stato d’Israele.

  • 61 Sottotitolata Rivista di questioni che interessano la cultura e la pratica ecclesiastica, poi, più (...)
  • 62 A titolo di esempio si vedano gli articoli apparsi nel corso del 1965: L. Tria, Certezza personale (...)
  • 63 Fra i molti testi della testata reperiti nel corso dello studio e relativi alla religione ebraica, (...)

36«La Palestra del Clero» è stata l’alta voce che ha permesso di verificare i modi con cui le resistenze della cultura intransigente si siano manifestate nel corso del decennio successivo al Concilio. Rivista preposta alla formazione pastorale del clero italiano61, essa ha dedicato un ampio spazio ai lavori conciliari e ai documenti progressivamente approvati nel corso delle sessioni62. Per quel che riguarda l’ebraismo, la testata non divergeva da quello schema teorico che presupponeva da un lato l’esame della sfera religiosa dell’ebraismo, dettagliatamente esposta in numerosi articoli63, e dall’altro la stigmatizzazione dell’ebraismo post-biblico inserito nell’equivoca categoria di «questione ebraica».

  • 64 Per il profilo biografico di Luigi Maria Carli (1914-1986), vescovo di Segni e in seguito di Gaeta, (...)

37Questa impostazione di pensiero ha trovato la sua più completa espressione in alcuni articoli firmati dal vescovo di Segni, Luigi Maria Carli64. Avviando le sue analisi su un registro religioso Carli ha frequentemente trasferito quelle riflessioni su un piano strettamente politico e culturale; un salto contenutistico che ha conferito alla sua trattazione caratteristiche autenticamente antisemite.

  • 65 L. M. Carli, Chiesa e Sinagoga, ibid., III, 1966, pp. 333-349; ivi, pp. 398-419.
  • 66 A. Bea, La Chiesa e il popolo ebraico, Brescia, Morcelliana, 1966.

38Una volta approvata la Declaratio Nostra Aetate, Carli pubblicò, nel 1966, due lunghi articoli65 in cui si confutavano le tesi sostenute dal Cardinale Bea nei suoi scritti apparsi su «Civiltà cattolica», in precedenza analizzati, e riformulati in maniera più articolata nel suo libro La Chiesa e il popolo ebraico apparso nel 196666. I contributi di Carli puntavano ad enfatizzare tutti quegli aspetti che ai suoi occhi si configuravano come barriere «oggettive» ed «effettive» all’incontro fra ebraismo e cristianesimo. Dopo aver riportato un lungo passo tratto dal volume di Bea, il vescovo di Segni avanzava una serie di precisazioni terminologico-concettuali sul popolo ebraico funzionali a comprovare la correttezza interpretativa delle proprie tesi basate su convinzioni antiebraiche. Infatti il patrimonio comune di ebraismo e cristianesimo, era revocato da Carli attraverso la constatazione della tenacia che avrebbe caratterizzato l’ebraismo nel suo essersi posto contrario alla messianicità di Cristo, perseverante nella sua sostanziale cecità, e, dunque, nemico della Chiesa e più in generale dei valori da questa incarnati.

  • 67 L. M. Carli, art. cit., pp. 397-419.
  • 68 Le due espressioni sono suggerite da J. Isaac in Gesù e Israele, Genova, Marietti, 2001, p. 399.
  • 69 L. M. Carli, art. cit., p. 405.
  • 70 Ibid., p. 417.

39Un compendio eloquente di quanto detto è presente nel secondo dei due scritti pubblicati su «La Palestra del Clero»67. Qui il vescovo proponeva le principali stereotipie antiebraiche presenti nella catechesi cristiana, giustificando la fondatezza del «mito del Crimine» che aveva partorito il «mito del Castigo»68, la responsabilità collettiva attribuita all’intero popolo ebraico per l’omicidio di Dio69, e infine, il giudizio di «popolo riprovato da Dio» in quanto deicida70. Ricordando la funzione formativa ricoperta dalla testata all’interno del clero italiano, gli scritti di Carli contenevano un preciso messaggio rivolto al fedele: quello, ovvero, di rimanere ancorato alla tradizione e alla storia della Chiesa così com’erano interpretate dallo schema intransigente, nient’affatto suscettibili di esser rivisitate alla luce di esigenze storiche contingenti, Concilio incluso.

«Il Regno» e «Studi Cattolici». Voci fuori dal coro

  • 71 Sul fondatore della Congregazione del S. Cuore, Léon-Jean Dehon, si rimanda alla voce biografica di (...)
  • 72 Cfr. Il Vaticano II, «Il Regno», XI, 1963, pp. 34-37; V. Comelli, Convergenza dinamica delle religi (...)

40Il mensile d’attualità cattolica «Il Regno» – pubblicato dal 1956 e divenuto quindicinale nel 1965 con il titolo «Il Regno-documenti» – è l’organo del Centro Dehoniano di Bologna diretto dai sacerdoti del Sacro Cuore71. La testata ha assunto atteggiamenti di apertura verso le decisioni più innovative prese in seno al Concilio, interesse testimoniato dai tre numeri speciali che a esso erano stati dedicati72.

  • 73 Stupisce ad esempio che in un lungo articolo dedicato ad illustrare principali dichiarazioni emanat (...)
  • 74 Renzo Fabris (1929-1991), personalità di primo piano sul fronte del dialogo cristiano-ebraico è sta (...)
  • 75 R. Fabris, La prudenza degli «Orientamenti» e dei «Suggerimenti» vaticani sugli ebrei, «Il Regno», (...)

41È tuttavia mancato uno scritto esplicito e preciso sulle questioni contenute nella Nostra Aetate73, mentre la rivista si è espressa in maniera più loquace in merito alla pubblicazione degli Orientamenti e suggerimenti per una corretta applicazione della Declaratio Nostra Aetate, apparsi nel dicembre del 1974. L’articolo, firmato da Renzo Fabris74, enucleava la novità principale degli Orientamenti nel passaggio in cui veniva formulato, in termini più completi rispetto alla dichiarazione del 1965, il riconoscimento dell’ebraismo non solo nella sua dimensione religiosa ma anche storica75.

  • 76 Ibid., p. 131.

Agli occhi dei cristiani – osservava Fabris nel corso dello scritto – gli ebrei non sono mai stati una realtà storica, ma un fantasma teologico apposta immaginato per celebrare il trionfo costantiniano della Chiesa, quasi per esaltare appropriatamente la fede cristiana, fosse necessario umiliare quella degli ebrei.76

  • 77 R. Fabris, Cristiani e Stato d’Israele. Lettura di un segno dei tempi, «Studi Cattolici», XI, 1967, (...)

42Renzo Fabris avrà modo di chiarire in maniera più articolata le proprie opinioni in merito ai due documenti all’interno di un’altra rivista di orientamento politico e teologico opposto a quello sostenuto da «Il Regno», ovvero, «Studi Cattolici», edita a Milano dal 1957, culturalmente e politicamente ispirata alle posizioni dell’Opus Dei. All’indomani della Guerra dei Sei Giorni, Fabris pubblicava su «Studi Cattolici» un lungo articolo77 assai originale non tanto per le analisi dedicate alle conseguenze politiche derivate dal conflitto, quanto per le esortazioni dirette al mondo cristiano nel suo rapporto con Israele e l’ebraismo contemporaneo. Ricordando i linguaggi prudenti o oppositivi con cui le riviste, analizzate in precedenza, si sono espresse sulla «questione israeliana», colpiscono le simpatie accordate da parte della redazione e dell’articolista.

  • 78 Ibid., p. 521.

43Il testo affrontava prima di tutto la nascita dello stato d’Israele letto come la principale eredità derivata dalla Shoah; in un secondo momento si analizzava invece il tipo di dialogo da istituire fra ebraismo e cristianesimo, entrambi recepiti nella loro sfera tanto religiosa quanto storica. Veniva dunque toccato uno dei problemi essenziali della Nostra Aetate che, nata come documento religioso, aveva conosciuto, come si è visto, ampie resistenze dentro e fuori il Concilio per il suo carattere potenzialmente legittimante l’ebraismo nella sua variante politica. Fabris esortava a non eleggere la sfera religiosa come l’unico contesto adeguato a concretizzare l’incontro fra ebrei e cristiani visto il significato identitario che Israele rivestiva per l’ebraismo contemporaneo78.

44Quel che rilevava Fabris era lo iato emerso in seno al mondo cattolico dopo il 1965. Da un lato, infatti, era stato avviato, seppur faticosamente, un percorso d’incontro interreligioso con l’ebraismo; dall’altro lato tale cammino si arrestava davanti alla realtà dello stato d’Israele recepito sulla base di considerazioni esclusivamente negative e ostili. La forbice denunciata dal giornalista poneva un interrogativo difficile da eludere riguardante la distanza esistente fra il riconoscimento positivo della religione ebraica così come suggerito nella Nostra Aetate, e gli atteggiamenti oppositivi del mondo cattolico verso Israele. Negare Israele, secondo Fabris, equivaleva a immettere l’ebraismo in contesti trascendenti e meta-storici. Il richiamo alla realtà di Israele, di converso, era indicato come un dato imprescindibile con cui misurarsi dato che l’ebraismo, oltre che una religione, si determinava anche per una sua via nazionale.

  • 79 Si ricorda che questa è stata la posizione sostenuta dalla rivista, non dall’autore.

45Tenendo presente che «Studi cattolici» apparteneva a quell’area della destra cattolica visceralmente anticomunista e, come detto, vicina all’Opus Dei, l’articolo di Fabris non deve stupire per la sua chiara presa di posizione favorevole a Israele dal momento che davanti a un’eventuale quanto paventata alleanza fra Unione Sovietica e mondo arabo, Israele rappresentava, anche per gli appoggi americani di cui godeva, un baluardo da opporre contro l’influenza che su quell’area tentava di esercitare la potenza russa79.

  • 80 R. Fabris, Disponibilità, povertà e umiltà nel dialogo con Israele, «Studi Cattolici», XII, 1968, p (...)
  • 81 Ibid., p. 509.
  • 82 R. Fabris, Autorità e libertà in Israele, ibid., XIII, 1969, pp. 559-562.

46L’anno successivo, lo stesso Fabris pubblicava sulla rivista milanese un secondo articolo in cui le tematiche del testo precedente venivano sviluppate con nuove riflessioni e valutazioni80. In questa circostanza, oltre a rilevare che la Nostra Aetate aveva rappresentato soltanto l’introduzione a un nuovo capitolo della storia dei rapporti fra Chiesa ed ebraismo, l’autore ripercorreva i passaggi che avevano coinvolto la Chiesa nei processi formativi della sua tradizione antiebraica81. In un terzo articolo apparso nel 196982, illustrava al pubblico i fondamenti religiosi, politici e culturali che avevano fatto dell’ebraismo una comunità particolare nella storia dell’Occidente, rilevandone soprattutto l’aspetto spirituale e culturale.

  • 83 Id., I cristiani fra antisionismo e antisemitismo, ibid., XV, 1971, pp. 40-53.
  • 84 Ibid., p. 44.

47Più politico e militante, invece, il suo articolo pubblicato nel 1971 che, fin dal titolo, I cristiani fra antisionismo e antisemitismo83, si proiettava in un ambito di un dibattito problematico e delicato. Nelle tredici pagine che compongono il testo – e di cui appare impossibile rendere interamente conto in questa sede – il giornalista affrontava una serie di questioni che riguardavano l’analisi degli schieramenti cristiani verso il conflitto mediorientale e le definizioni dei lemmi antisionismo e antisemitismo allo scopo di evidenziarne alcune delle contiguità concettuali. A proposito di questo potenziale slittamento, egli riconosceva che «non sembra che si possa identificare l’antisionismo con l’antisemitismo perché l’antisionismo è una scelta politica che può avere alla base ragioni politiche e non necessariamente pregiudizi e rancori come quelli antisemitici»84. D’altro canto però ammetteva:

  • 85 Ivi.

È un fatto, per chi conosce la secolare polemica antiebraica dei cristiani, che l’utilizzo di certe immagini e di certe parole da parte degli antisionisti d’oggi non può non evocare altre campagne che avevano come bersaglio gli ebrei. Se si ammette che la malattia secolare dell’antisemitismo clamorosamente esplosa, pochi anni or sono, con la colossale carneficina dei campi nazisti, non può essere sparita improvvisamente, si deve pur ammettere che quelle immagini e quelle parole, oggi nuovamente in circolazione, sono pericolose.85

  • 86 R. Fabris, Ecumenismo. L’esperienza giudeo-cristiana di Paolo De Benedetti, ibid., XV, 1971, pp. 46 (...)

48Su questa tematica che ha coniugato riflessioni di natura sia religiosa dottrinale che politica, si sono mossi i successivi articoli di Fabris pubblicati su «Studi Cattolici» fino al 197486. Senza addentrarsi in un campo di ricerca che in questa sede non interessa interrogare approfonditamente, non ci si può sottrarre dal costatare che le parole di Renzo Fabris connettevano esplicitamente i due problemi già emersi durante i dibattiti sulla Declaratio: lo stretto rapporto che legava il riconoscimento positivo della religione ebraica a un implicito appoggio che poteva eventualmente derivare a Israele.

49Da un lato, voci come quelle di Carli, Baget Bozzo o Judant traevano dallo studio di Israele post-biblico una continuità negativa con Israele attuale, fomentando al contempo stereotipi sia religiosi che culturali; dall’altro, personalità come Fabris, proponevano letture che partivano ugualmente dalle fonti sacre per giungere al tempo presente con valutazioni impegnate a mostrare Israele attuale come realizzazione delle profezie bibliche. L’opzione di legittimare o negare lo stato israeliano in conformità a considerazioni di natura teologico-politica accomunava di fatto due tendenze che, seppur opposte, ricorrevano al medesimo metodo deduttivo.

50Detto questo, il perché di una tale operazione resta aperto a molteplici congetture, supposizioni o risposte di natura sia politica che dottrinale. L’ipotesi più immediata da avanzare riguarda la tipologia delle fonti utilizzate in questo articolo la cui cifra è primariamente religiosa. Non sono voci “laiche” e dunque è alla religione che volgono il loro primo e, in alcuni casi, ultimo sguardo. Gli esiti, teniamo a ribadire, di questo procedere risultano del tutto antitetici ma è opportuno evidenziare anche la dimensione comune in cui tali antitesi hanno avuto modo di confrontarsi e differenziarsi.

«Studium» e «Aggiornamenti sociali»: due silenzi

  • 87 Sulla Federazione universitaria cattolica italiana e sulla stampa da essa promossa la bibliografia (...)

51Organo di stampa della Federazione universitaria cattolica italiana (FUCI), pubblicata a Roma dal 1906, «Studium» è stata uno dei principali laboratori formativi delle élite cattoliche italiane, contraddistinguendosi per la trattazione di tematiche religiose, letterarie e in misura minore, politiche87.

  • 88 G. Campanini, Dalla Chiesa del giudizio alla Chiesa del dialogo, «Studium», IX, 1965, pp. 86-93. Re (...)

52Riguardo agli indirizzi ecumenici e interreligiosi fuoriusciti dal Concilio, «Studium» si è sintonizzato su posizioni opposte a quelle espresse dalla destra cattolica precedentemente analizzata, come del resto ha testimoniato un lungo ed articolato testo firmato da Giorgio Campanini sulla cosiddetta «Chiesa del dialogo»88. Tuttavia per quel che attiene all’argomento specifico di questo contributo, i testi rinvenuti all’interno della rivista dedicati alla Nostra Aetate sono risultati quantitativamente insufficienti e di taglio per lo più cronachistico. Perciò non è stato possibile formulare ipotesi adeguatamente convincenti circa l’interpretazione offerta dalla testata sull’aspetto che interessava indagare.

  • 89 M. Paronetto Valier, Fin du peuple Juif?, ibid., IX, 1965, pp. 745-749. Il giornalista sostiene al (...)

53Se si eccettua uno scritto apparso nel 1965, che in realtà più che essere un articolo era una recensione dedicata al libro Fin du peuple Juif del sociologo francese Georges Friedmann89, non è stato rintracciato nessun contributo relativo alla Nostra Aetate esplicitamente dedicato all’ebraismo. Quest’assenza non può essere recepita in maniera neutra: tale vuoto è ascrivibile non tanto o non solo a una mancanza d’interesse verso uno dei documenti più controversi approvati dal Concilio; piuttosto è possibile inscrivere tale «disattenzione» in una sorta di resistenza a trattare una dichiarazione le cui controversie politiche erano ben chiare visti i rapporti esistenti fra Santa Sede e stato d’Israele. Questo condizionamento ha toccato anche quei settori della cattolicità italiana che pure avevano accolto il Concilio come un momento di apertura e di rinnovamento.

  • 90 Il «caso Isolotto» legato al dissenso cattolico degli anni Sessanta fu uno dei casi esemplari matur (...)
  • 91 L. Rosa, La Dichiarazione «De libertate religiosa», «Aggiornamenti sociali», XVIII, 1967, pp. 87-10 (...)

54Le considerazioni fatte innanzi sulla rivista fucina possono essere allargate e ulteriormente sviluppate intorno agli «Aggiornamenti sociali», il mensile dei gesuiti del «Centro studi sociali» di Milano. La testata si caratterizza per un indirizzo aperto a discutere temi di ampio respiro emersi in seno alla società contemporanea – come del resto tradisce l’aggettivo stesso apposto al suo titolo – e accolti all’interno del mensile mediante una divulgazione in grado di diffondere presso il pubblico di lettori le principali questioni politico-sociali dell’attualità. Si va dunque da un accentuato interesse al dialogo fra cattolici e comunisti al dibattimento sul divorzio, dalla pubblicazione di documenti riguardanti il «caso Isolotto»90 ai piani di rilancio economico. In ambito religioso, l’attenzione era rivolta essenzialmente verso taluni snodi decretati dal Concilio in ambito sia dottrinale che sociale. «Chiesa e mondo», «Libertà religiosa», «Pastorale e liturgia», «Dialogo nella Chiesa», «I cristiani senza Chiese» sono alcuni dei titoli degli editoriali pubblicati in merito alla questione della libertà religiosa, così come profilata nel documento conciliare Dignitatis Humanae, e in relazione alla presenza della Chiesa nella società contemporanea così come affermata nella Gaudium et Spes91.

  • 92 Yves Congar (1904-1995) teologo e cardinale francese, esponente della «nuova teologia», impegnato n (...)
  • 93 Y. Congar, Chiesa e mondo, ibid., XVI, 1965, pp. 81-102.

55Un articolo firmato dal padre conciliarista Yves Congar92, una delle personalità più incisive nel sostenere l’esigenza di un rinnovamento interno ed esterno della Chiesa, riassumeva le sfide principali cui la Chiesa era chiamata a confrontarsi nel momento attuale. Partendo dalla «necessità di accettare dagli Altri le condizioni del dialogo», il presule sottoponeva al lettore una serie di riflessioni intorno all’ecumenismo, all’esigenza di incontrare l’altro e di fecondare con esso un comune terreno religioso e spirituale senza mai accennare alla Declaratio Nostra Aetate. L’Altro o gli altri, il resto del mondo, i non credenti, hanno trovato in questo articolo, così come in altri testi pubblicati sulla rivista, una loro trattazione su un piano astratto, filosofico, che ha eluso di trattare in termini concreti la realizzazione di quel confronto. Il linguaggio indeterminato, capace tuttavia di contemplare tutti coloro che partecipavano allo spazio dell’extra Ecclesiam, tradisce una certa volontà di discutere delle principali questioni conciliari, senza tuttavia entrare nel merito delle tematiche specifiche poste dal Vaticano II. Vi è, ad esempio, nel testo di Congar un ellittico accenno alla natura del rapporto da fondare nella Chiesa «in dialogo». «Noi uomini della Chiesa – si legge – riconosciamo e accettiamo le condizioni che gli Altri ci propongono, senza perciò rinunciare a una qualunque delle affermazioni della nostra Fede.»93

  • 94 A. Macchi, Crisi in Medio Oriente, ibid., XXIV, 1973, pp. 763-780.

56Nel corso della prima metà degli anni Settanta, il quadro non sembra mutare all’interno della rivista e la questione dell’aborto, unita a quella del divorzio, impegnerà la testata a dibattere dei due referendum, concedendo uno spazio marginale ad altre problematiche legate alle eredità conciliari. Eccettuato un articolo riservato alla crisi mediorientale del 197394, «Aggiornamenti sociali» non ha riservato alcun tipo di commento neanche al documento vaticano pubblicato nel 1974 che, come già detto, estendeva e rafforzava le indicazioni contenute nella Nostra Aetate a proposito del dialogo con l’ebraismo.

Conclusioni

  • 95 Una sintesi su questo aspetto è stata offerta da P. F. Fumagalli, Chiesa e popolo ebraico. Venticin (...)

57Rottura e continuità storiche si sono confrontate nel solco aperto dal Concilio da cui sono derivati dibattiti che non hanno investito solo il mondo cattolico95, ma hanno permesso la diffusione e la circolazione di idee, prospettive e nuove letture anche presso l’opinione pubblica italiana. Uno dei concetti formalizzati dal Concilio, e destinato a diventare un impegno intellettuale forse fra i maggiori promossi dalla cattolicità nel corso del Novecento, è stato senza dubbio il dialogo interreligioso enunciato nel documento della Declaratio Nostra Aetate, su cui si è tentato di elaborare riflessioni capaci di mettere in luce le novità e i limiti di un testo promulgato dopo non poche resistenze e dispute.

  • 96 Cfr. S. Trigano, Alle radici della modernità. Genesi religiosa del politico, Genova, Ecig, 1999.

58Se è pur vero che dopo il 1965, quello che lo studioso francese Shmuel Trigano ha chiamato il «divieto selettivo intorno all’ebraismo»96 è stato parzialmente sciolto generando uno spostamento della rappresentazione dell’ebreo «colpevole» a quella dell’ebreo «fratello maggiore», d’altro canto non si può non tenere in considerazione il fatto che quelle forze intransigenti e reazionarie che durante le sessioni conciliari avevano palesato la loro più aperta avversione nei riguardi della dichiarazione, continuarono successivamente a promuovere – tramite i propri organi di stampa – orientamenti di segno apertamente antiebraico ed anti-conciliare. Questo schieramento, che ha opposto una resistenza evidente ai contenuti espressi dalla Nostra Aetate, si è caratterizzato per atteggiamenti ideologici difensivi di un’idea di cristianità riproposta in termini oppositivi rispetto all’ebraismo.

59Interrogare e analizzare gli atteggiamenti estrinseci di questo settore del cattolicesimo italiano non ha costituito uno sforzo interpretativo di rilievo giacché le opinioni che ne sono emerse si sono qualificate per un monolitismo teorico alquanto lineare e in definitiva semplicistico. Perciò si è posto il quesito circa la validità che un tale studio poteva avere, dato che il criterio problematico con cui si è tentato di svolgere la ricerca rischiava di risolversi in formulazioni di mero carattere denotativo.

  • 97 Il pontificato di Karol Wojtyła ha inaugurato una stagione in parte diversa che in questa sede non (...)

60Nondimeno queste espressioni ideologicamente orientate hanno gettato luce su un’altra questione. Di fatto, ai segnali di chiara opposizione manifestati dall’ala intransigente rispetto alla Nostra Aetate, non è corrisposta in maniera affermativa una battaglia culturale di matrice opposta capace di contrastare quei riflussi antiebraici sistematicamente ribaditi e articolati sulle maggiori riviste del conservatorismo cattolico. La realizzazione del documento conciliare è stata resa possibile grazie alla determinazione di una minoranza che è riuscita, non senza compromessi e controversie, ad inserire nell’agenda dei lavori conciliari lo schema di quel che divenne poi la Nostra Aetate. Una volta approvato il documento e terminato il Concilio, si è verificata la mancanza di una promozione sistematica di quegli assunti espressi nella dichiarazione in settori progressisti della sinistra cattolica e nei suoi organi di stampa che s’identificavano, in diversa misura, nelle posizioni più avanzate del Concilio, almeno fino al chiudersi del pontificato di Paolo VI. In altre parole, si è constato che la polemica antiebraica, e dunque anticonciliare, sostenuta dagli ambienti conservatori non ha conosciuto, sino alla salita sul soglio pontificio di Giovanni Paolo II97, una risposta di uguale forza capace non solo di tutelare ma anche di dare impulso, in maniera propositiva, a quel principio interreligioso che aveva animato il documento sulle religioni non cristiane.

61L’impermeabilità di una cultura, il cui decollo tardava a compiersi, è stata d’altronde testimoniata allorché nel 1974 la Commissione per le relazioni con l’ebraismo – organismo nato all’indomani del termine del Concilio – pubblicò un testo, titolato Orientamenti e suggerimenti per l’applicazione della dichiarazione «Nostra Aetate», volto a sottolineare nuovamente i principi che avevano animato il testo approvato dieci anni prima. È un documento che a nostro avviso è estremamente eloquente e centrale per l’analisi delle tematiche sopra descritte giacché consente di riflettere sui motivi che mossero il Vaticano a ripubblicare un testo che, con ogni probabilità, non aveva trovato vie adeguate per una sua realizzazione effettiva, arrestandosi piuttosto a una fase enunciativa e teorica.

  • 98 A. Zanotti, Le radici cattoliche dell’antisemitismo, in Il pregiudizio antisemitico in Italia, a cu (...)

62Le indubbie novità presenti nel documento conciliare sulla religione ebraica non hanno annullato sic et sempliciter una mentalità e una stratificata tradizione antiebraiche perché, com’è stato detto, «mentre il Concilio è un punto di riferimento obbligato, esso sfiora solo la problematica dell’ebraismo e del pregiudizio antisemitico: non lo risolve e non lo chiude»98.

Top of page

Notes

1 E. Toaff, Perfidi giudei, fratelli maggiori, Milano, Mondadori, 1990. Elio Toaff (1915) è stato Rabbino capo della Comunità ebraica di Roma dal 1951 al 2001. Figura di primo piano nel panorama religioso, culturale e politico dell’ebraismo italiano, è stato a lungo il principale punto di riferimento nel dialogo ebraico-cristiano il cui impegno si è riflesso in alcune delle sue opere fra cui, oltre al testo sopra citato e ai molti articoli apparsi nel corso di mezzo secolo su riviste ebraiche e sulle maggiori testate nazionali, si ricorda Essere ebreo, Milano, Bompiani, 1994, e Il Messia e gli ebrei, Milano, Bompiani, 1998.

2 Da ricordare che nel 1926 vi era stato un primo tentativo da parte dell’associazione cattolica Amici di Israele di elidere le due espressioni dalla preghiera del Venerdì Santo. La proposta venne abortita per via dello scioglimento dell’associazione decretato dalla Congregazione per la Dottrina della Fede nel 1928. Cfr. M. Paiano, Il dibattito sui riflessi dell’antisemitismo nella liturgia cattolica, «Studi storici», 41, 2000, pp. 648-671.

3 E. Toaff, Perfidi giudei, fratelli maggiori, cit., p. iv.

4 Le parole «fratelli maggiori» riecheggiano un passo della lettera di san Paolo ai Romani (9, 12) in cui questi ricorda la profezia che Dio aveva fatto a Rebecca, incinta di due gemelli (Genesi, 25, 23), profezia che recita esattamente: «Il maggiore sarà sottomesso al minore». In effetti, come è noto, Giacobbe, il minore, comprerà la primogenitura da Esaù, il maggiore, in cambio del famoso piatto di lenticchie e successivamente riuscirà ad ottenere, con l’inganno, la benedizione di Isacco, il padre vecchio e cieco. Paolo riferisce quindi la profezia al rapporto fra ebrei (rappresentati da Esaù) e cristiani (rappresentati da Giacobbe) e afferma senza mezzi termini che i primi saranno sottomessi dai secondi: questo passo è stato indicato come uno dei momenti legittimanti l’ostilità dei cristiani verso gli ebrei. Tuttavia Giovanni Paolo II non ha fatto riferimento esplicito al testo paolino. Il ricorso a quell’espressione è stata interpretata da Carlo Ginzburg come lapsus freudiano il cui meccanismo avrebbe regolato l’involontarietà dell’uso di quell’espressione certo non neutrale. Cfr. C. Ginzburg, Un lapsus di papa Wojtyla, in Id., Occhiacci di legno. Nove riflessioni sulla distanza, Milano, Feltrinelli, 1998, pp. 210-215.

5 Per il testo si veda Declaratio Nostra Aetate. Dichiarazione sulle relazioni della Chiesa con le religioni non cristiane, in Enchiridion Vaticanum, Bologna, Edizioni Dehoniane, 1993 (14° edizione), vol. I, pp. 853-871. Sinteticamente: i maggiori testi conciliari furono quattro – la Dei verbum riguardante la «Divina Rivelazione» e l’interpretazione dalla Sacra Scrittura, la Lumen gentium riguardante l’auto-comprensione che la Chiesa ha di se stessa, la sua funzione spirituale e la sua organizzazione interna, la Sacrosanctum Concilium base della riforma liturgica attuata dalla Chiesa cattolica in seguito al Concilio Vaticano II e la Gaudium et spes dove i padri conciliari posero l’attenzione della Chiesa sulla necessità di aprire un confronto con la cultura e con il mondo contemporanei –, nove i decreti e tre le dichiarazioni – Gravissimum Educationis sull’educazione cristiana, Nostra Aetate sui rapporti della Chiesa con le religioni non cristiane e la Dignitatis Humanae in cui si stabiliva il definitivo superamento delle posizioni tradizionali nel campo della libertà religiosa. Tutti i testi conciliari e vari altri documenti sono riportati nei volumi dell’Enchiridion Vaticanum. Documenti ufficiali della Santa Sede, Bologna, EDB, 1976.

6 Fra le altre cose nel suddetto paragrafo era riconosciuto «il vincolo con cui il popolo del Nuovo Testamento è spiritualmente legato con la stirpe di Abramo» e si affermava che «la Chiesa di Cristo, infatti, riconosce che gli inizi della sua fede e della sua elezione si trovano già, secondo il mistero divino della salvezza, nei patriarchi, in Mosè e nei profeti»: cfr. Declaratio Nostra Aetate, art. cit., p. 860.

7 Viene data per conosciuta la storia delle mentalità e delle culture antisemite che hanno attraversato la storia della Chiesa nel corso dei secoli. Per sintesi rimando a G. Gardenal, L’antigiudaismo nella letteratura cristiana antica e medioevale, Brescia, Morcelliana, 2001; C. Brice, G. Miccoli (a cura di), Les racines chrétiennes de l’antisémitisme politique: fin xixe-xxe siècle, Roma, École française de Rome, 2003; T. Caliò, La leggenda dell’ebreo assassino. Percorsi di un racconto antiebraico dal medioevo ad oggi, Roma, Viella, 2007; C. Facchini, Le metamorfosi di un’ostilità antica. Antisemitismo e cultura cattolica nella seconda metà dell’Ottocento, «Annali di Storia dell’Esegesi», 27 (1), 2010, pp. 187-230.

8 I termini di antisemitismo, antiebraismo e antigiudaismo sono al centro di un fitto dibattito storiografico che si misura sull’opportunità di impiegare in maniera sinonimica i tre lemmi. Antisemitismo e/o antiebraismo vengono in questa sede utilizzati come sinonimi in quanto indicano pregiudizi contro gli ebrei su basi sia religiose che politiche e sociali. Si esclude al contrario antigiudaismo perché coniata di recente in ambito apologetico cattolico allo scopo di sollevare la Chiesa dalle implicazioni prodotte dalla tradizione dell’antisemitismo moderno, relegando in tal modo al «solo» odio religioso le ostilità maturate in seno al Cristianesimo verso la popolazione ebraica. Rimando per questo dibattito e per l’origine terminologica dei termini a G. Ch. Berger Waldenegg, Antisemitismo. Diagnosi di una parola, Firenze, La Giuntina, 2008.

9 Per il problema dell’interruzione/continuità rappresentato dal testo conciliare nella tradizione antiebraica cattolica, limito i miei riferimenti a P. Stefani, Chiesa, ebraismo e altre religioni. Commento alla «Nostra Aetate», Padova, Messaggero, 1998; P. De Benedetti, Sull’applicazione della dichiarazione conciliare «Nostra Aetate», «Studi, Fatti, Ricerche», VI, 1979, pp. 112-128; G. M. Riegner, «Nostra Aetate». Twenty Years After, in International Catholic-Jewish Liaison Committee, Fifteen Years of Catholic-Jewish Dialoque, 1970-1985, Selected Papers, Roma-Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 1988, pp. 276-287; G. Dossetti, Introduzione, in L. Gherardi, La querce di Monte Sole. Vita e morte delle comunità di martiri fra Setta e Reno. 1898-1944, Bologna, Il Mulino, 1994.

10 E. Toaff, Perfidi giudei, fratelli maggiori, cit., p. 219.

11 G. Alberigo (a cura di), Storia del Concilio Vaticano II, Bologna, Il Mulino, 1999-2001, vol. V.

12 G. Miccoli, Due nodi: la libertà religiosa e le relazioni con gli ebrei, in G. Alberigo et al., Storia del Concilio Vaticano II. La Chiesa come comunione, settembre 1964-settembre 1965, Bologna, Il Mulino, 1999, vol. IV, pp. 119-219. Lo studioso triestino ha messo in evidenza quali furono i motivi politico-ideologici che portarono all’espunzione di alcuni passaggi del testo nella sua versione finale. A commento di un intervento proferito da uno dei maggiori esponenti dell’intransigentismo cattolico, il cardinale Ernesto Ruffini, Miccoli nota che «l’attacco alla dichiarazione era massiccio e globale: i tradizionali argomenti dottrinali che dal rifiuto di Cristo derivavano il “rigetto” da parte di Dio del popolo ebraico, offrivano ancora una volta la base per negare agli ebrei ogni funzione religiosamente positiva e per imputare ad essi un ruolo nefasto nella storia e nella vita della società. Secondo quest’ottica ogni ripensamento, ogni riferimento critico anche implicito a comportamenti passati o presenti della Chiesa che sarebbero dovuti essere abbandonati, risultava del tutto impossibile.» G. Miccoli, Due nodi, art. cit., p. 191. Inoltre l’opposizione tenace al testo veniva anche dai vescovi orientali ed arabi i quali giudicavano la dichiarazione un atto di legittimazione politica dello Stato d’Israele.

13 Un tentativo di operare un bilancio sulle attività svolte nell’epoca post-conciliare è stato fatto in occasione del venticinquesimo anno dall’apertura dei lavori conciliari: R. Latourelle, Vaticano II: bilancio e prospettive venticinque anni dopo (1962-1987), Roma-Assisi, Pontificia Università Gregoriana, 1988, vol. II.

14 Ebrei ed ebraismo nella predicazione e nella catechesi della Chiesa italiana, a cura della Commissione per i rapporti religiosi con l’ebraismo. Sussidi per una corretta interpretazione, Bologna, EDB, 1983, pp. 15-25. Un solido commento a questo testo è fornito da M. Pesce, Il cristianesimo e la sua radice ebraica, Bologna, EDB, 1994.

15 Ho analizzato altrove i commenti espressi dal mondo ebraico italiano rispetto alle questioni poste in essere dalla dichiarazione. Mi permetto dunque di rinviare a E. Mazzini, Chiesa ed Ebrei al Vaticano II (secondo due riviste ebraiche italiane), «Rivista di storia e Letteratura religiosa», MMVIII, pp. 22-56.

16 Sinteticamente si indica che dal dicembre del 1960 fino a tutto il 1965, la rivista dedicò alla preparazione e allo svolgimento del Concilio Vaticano II una rubrica specifica, denominata semplicemente Concilio Vaticano II, in cui si riportavano tutte le sessioni conciliari e le decisioni ivi prese in maniera dettagliata e documentata.

17 Augustin Bea (1881-1968), gesuita, cardinale e biblista tedesco fu una delle maggiori personalità impegnate a creare un terreno di dialogo con l’ebraismo e a rivisitare criticamente le culture ostili ad esso contenute nella dottrina e nella pastorale della tradizione cristiana. La prolifera produzione scientifica insieme al profilo biografico di Bea sono contenute in S. Schmidt s. j., Agostino Bea. Il cardinale dell’unità, Roma, Città Nuova, 1987; Id., Agostino Bea, Cardinale dell’ecumenismo e del dialogo, Milano, S. Paolo, 1996.

18 Gli interventi tenuti dal cardinale Bea dal novembre del 1963 fino al 14 ottobre 1965 in sede conciliare, favorevoli all’approvazione della «Declaratio» furono poi raccolti in A. Bea, La Chiesa e il popolo ebraico, Brescia, Morcelliana, 1966, pp. 140-162.

19 A. Bea, Il popolo ebraico nel piano divino della salvezza, «Civiltà cattolica», CXVI, 1965, vol. IV, pp. 209-229. Il retaggio culturale della «Civiltà cattolica» è stato, come noto, segnato da un antiebraismo marcato che a partire dalla fine del XIX ha caratterizzato molti degli articoli pubblicati sulla rivista fino alla seconda guerra mondiale. Per la storia dell’antiebraismo sostenuto dalla rivista dalla sua fondazione alla seconda guerra mondiale rimando a R. Taradel e B. Raggi, La segregazione amichevole. «La Civiltà cattolica» e la questione ebraica 1850-1945, Roma, Editori Riuniti, 1999. Dopo la Shoah la testata ha espunto i segni visibili del discorso antiebraico di stampo politico e ne ha mantenuti altri di segno religioso. Su questo mi permetto di rimandare a E. Mazzini, Da cultura ammessa a retaggio discorsivo. L’antiebraismo e la «Civiltà cattolica» nel primo quindicennio del secondo dopoguerra, in L’antisemitismo italiano, «Storia e problemi contemporanei», numero monografico a cura di T. Dell’Era e D. Menozzi, 50, 2009, pp. 83-99. Tuttavia, all’indomani della svolta conciliare, la rivista si è mostrata piuttosto sensibile alle aperture decretate dal Concilio e non ha mostrato particolari resistenze al dialogo interreligioso con l’ebraismo come il testo di Bea qui menzionato conferma.

20 A. Bea, Il popolo ebraico nel piano divino della salvezza, art. cit., p. 210.

21 Su questo ampio tema, oltre al classico di M. Simon, Verus Israel. Étude sur les relations entre chrétiens et juifs dans l’Empire romain (135-425), Parigi, Boccard, 1964, segnalo il recente contributo di G. Filoramo e C. Giannotto (a cura di), Verus Israel. Nuove prospettive sul giudeocristianesimo. Atti del Colloquio di Torino (4-5 novembre 1999), Brescia, Paideia, 2001.

22 P. Dezza, Il Concilio è un fatto che deve durare, «Civiltà cattolica», CXVII, 1966, vol. I, pp. 9-13.

23 A. Bea, La Chiesa di fronte alle religioni non cristiane, ibid., vol. III, pp. 454-464.

24 Ivi, pp. 462-463.

25 G. Caprile, Ebrei e cattolici in Italia oggi, ibid., CXXIII, 1972, vol. III, pp. 268-271. Giovanni Caprile è stato una firma storica della rivista sulla quale nel corso degli anni ha pubblicato molti articoli riguardanti non solo l’ebraismo ma anche temi di attualità politica. Alcuni di essi sono stati poi raccolti e pubblicati in forma di libro. Cfr. per il tema qui trattato il suo Ebrei ed ebraismo oggi, Firenze, Edizioni di Spiritualità, 1968.

26 Ibid., p. 269. Il corsivo è della scrivente.

27 L’articolo citato da G. Caprile è quello firmato da D. Pasti, I birichini di zio Giorgio, «Il Mondo», 14 luglio, 1972, p. 5.

28 G. Caprile, art. cit., p. 271. Simonino da Trento, fanciullo morto durante la Pasqua del 1475, e Lorenzino da Marostica ritrovato cadavere nell’aprile del 1485, furono venerati ufficialmente come beati fino al Concilio Vaticano II in quanto presunti martiri di omicidi rituali ebraici. La storia di queste beatificazioni di fanciulli cristiani è vicenda paradigmatica del canone antiebraico cristiano che viene pertanto data per conosciuta. Sull’omicidio rituale la bibliografia è sterminata, rimando per ragioni di spazio a F. Jesi, L’accusa del sangue. La macchina mitologica antisemita, Torino, Bollati Boringhieri, 2007; R. Taradel, L’accusa del sangue. Storia politica di un mito antisemita, Roma, Editori Riuniti, 2002.

29 Pur trattando di un altro caso ma ugualmente efficace nella comprensione dei meccanismi anche giudiziari che hanno regolato la beatificazione di quei bambini cristiani, rimando all’opera di A. Esposito e D. Quaglioni, Processi contro gli ebrei di Trento (1475, 1478), Padova, CEDAM, 1990; A. Esposito, D. Quaglioni, Processi contro gli ebrei di Trento, II, I processi alle donne (1475-1476), Padova, CEDAM, 2008.

30 Meccanismo che il saggio di Riccardo Bonavita ha messo in luce analizzando le «giudiate» e i carnevali, celebrati a Roma e non solo, in cui si mettevano in scena figure parodiche di ebrei raffigurati secondo il più diffuso canone iconografico dell’antiebraismo cristiano. Cfr. R. Bonavita, Spettri dell’altro. Letteratura e razzismo nell’Italia contemporanea, a cura di G. Benvenuti e M. Nani, Bologna, Il Mulino, 2010, pp. 37-51.

31 G. Caprile, Ancora su la Chiesa e gli Ebrei in Italia, «Civiltà cattolica», CXXIII, 1972, vol. 4, pp. 569-573.

32 G. Marafini, Contro ogni antisemitismo, «L’Avvenire», 26 agosto 1972, p. 3.

33 Cfr. almeno I. Rogger. 1965: Trento cancella il rito del Simonino il bambino martirizzato dai «giudei», «L’Adige», 22 marzo 2007.

34 G. Caprile, art. cit., p. 570.

35 Ivi.

36 Il riconoscimento da parte vaticana dello stato d’Israele è avvenuto nel 1993. Per il testo dell’accordo, cfr. [http://www.nostreradici.it/Accordo-Fondamentale.htm] (consultato il 14 aprile 2011). Sulle difficoltà che hanno caratterizzato i rapporti fra i due stati, si rinvia senza pretesa di esaustività ai contributi di P. Pieraccini, Gerusalemme. Luoghi Santi e comunità religiose nella politica internazionale, Bologna, EDB, 1997; Id., La questione di Gerusalemme: profili storici, giuridici e politici (1920-2005), Bologna, Il Mulino, 2005; E. Mazzini, «Terra Santa, Luoghi Santi, tali restano integralmente per il Cristianesimo». Lo Stato di Israele nella stampa cattolica italiana (1948-1967), in Roma e Gerusalemme. Israele nella vita politica e culturale italiana (1949-2009), a cura di M. Simoni e A. Marzano, Genova, ECIG, pp. 234-258.

37 Nata nel 1974 sotto il pontificato di Paolo VI, la Commissione aveva la funzione di «favorire le relazioni di carattere religioso» e il dialogo con gli ebrei. Fu presieduta dal 1974 fino al 1989 dal cardinale Johannes Willebrands. Su questo argomento si veda P. F. Fumagalli (a cura di), Fratelli prediletti. Chiesa e popolo ebraico. Documenti e fatti: 1965-2005, Milano, Mondadori, 2005, pp. 17-18.

38 G. Caprile, Nuovi sviluppi nei rapporti ebraico-cristiani, «Civiltà cattolica», CXXVI, 1975, vol. I, pp. 281-289.

39 Ibid., p. 289.

40 Ivi.

41 Questo fu l’atteggiamento costante della Chiesa dal 1945 al Concilio Vaticano II e in particolare della «Civiltà cattolica». Su questo vedi supra nota 19.

42 Durante la visita che Paolo VI compì in «Terra Santa» nel gennaio del 1964, egli aveva pronunciato una difesa accorata dell’operato di Pio XII in un discorso pubblico tenuto davanti alle autorità israeliane. Su questo «pellegrinaggio», rimando a E. Mazzini, Terra Santa o Israele? Alcune considerazioni intorno al viaggio di Paolo VI (gennaio 1964), «Archivio Storico Italiano», MMIX, 2009, pp. 645-668.

43 Ricordiamo brevemente che a seguito della rappresentazione teatrale de Il Vicario, dramma composto dal tedesco Rolf Hochhuth nel 1963 in cui si metteva sotto accusa la politica di Pio XII affatto accondiscendente con il regime hitleriano, le polemiche rivolte contro gli atteggiamenti largamente ambigui del Vaticano davanti al compiersi del genocidio ebraico si accrebbero nel corso degli anni ’70, divenendo un vero e proprio filone storiografico. Davanti a queste critiche la Santa Sede rispose pubblicando a partire dal 1965 gli Actes et documents du Saint-Siège relatifs à la seconde guerre mondiale, curati da P. Blet, gesuita e articolista della «Civiltà cattolica», che dovevano costituire la versione ufficiale e verosimile degli eventi così aspramente controversi e dibattuti. I documenti che la Santa Sede editava riguardavano una serie di atti provenienti dall’Archivio Segreto Vaticano, a tutt’oggi non consultabile per il periodo relativo al secondo conflitto mondiale, che avrebbero dovuto testimoniare l’attivo contributo dato da Pio XII alla perseguitata popolazione ebraica italiana ed europea. Essendo impossibile render conto in questa sede di tutti i contributi pubblicati da allora fino ad oggi sul dibattito pubblico che si è sviluppato in Italia intorno a questa problematica, ci limitiamo a citare, oltre al classico volume di G. Miccoli, I dilemmi e i silenzi di Pio XII. Vaticano, seconda guerra mondiale e Shoah, Milano, Rizzoli, 2000; E. Perra, Il dibattito pubblico italiano sul comportamento del Vaticano durante la Shoah: la ricezione presso la stampa de Il Vicario, Rappresaglia e Amen, in S. Lucamante et al., Memoria collettiva e memoria privata: il ricordo della Shoah come politica sociale, Igitur Utrecht Publishing and Archiving Services, Utrecht 2008, pp. 165-180. Ricordiamo, a proposito de Il Vicario che nel febbraio del 1965 venne vietata a Roma una sua rappresentazione dietro intervento prefettizio poi coperto dal governo di centrosinistra e presentato come conforme alle norme del Concordato. Su questa vicenda rimando al saggio di P. Bertilotti, Contrasti e trasformazioni della memoria dello sterminio in Italia, in Storia della Shoah in Italia, a cura di M. Flores, S. Levis Sullam, A. M. Matard Bonucci e E. Traverso, Torino, UTET, 2010, vol. II, p. 83.

44 Sulle posizioni tenute dall’intransigentismo cattolico, cfr. G. Miccoli, Due nodi, art. cit., pp. 189-192.

45 Giovanni Battista Baget Bozzo (1925-2009), sacerdote e politico italiano, ha militato nella Democrazia cristiana, nel Partito socialista e in anni recenti in Forza Italia, diventando personale collaboratore del leader del partito, Silvio Berlusconi. Sospeso a divinis nel 1985 allorché si candidò per il Partito socialista al Parlamento europeo, fu riammesso all’esercizio delle funzioni sacerdotali alla scadenza del mandato da europarlamentare. In ambito teologico ha sempre difeso un’idea di Chiesa contraria alle innovazioni apportate dal Concilio Vaticano II. L’ambiguità della sua vicenda biografica così come della sua sterminata produzione più o meno scientifica è stata fatta oggetto di una convincente lettura da parte di S. Levis Sullam, L’eterno ritorno di Baget Bozzo, «Belfagor», 355, 2005, pp. 100-105.

46 Giuseppe Siri (1906-1989), arcivescovo di Genova per oltre quaranta anni, è stato uno dei maggiori esponenti del conservatorismo cattolico italiano contrario alle novità espresse dal Concilio in ambito sia dottrinario che pastorale. Per un profilo biografico completo, rimando a D. Veneruso, Giuseppe Siri, in Dizionario storico del movimento cattolico. Aggiornamento 1980-1995, a cura di F. Traniello e G. Campanili, Torino, Marietti, 1997, pp. 458-461. Di recente pubblicazione il contributo di N. Buonasorte, Siri. Tradizione e Novecento, Bologna, Il Mulino, 2006.

47 La pubblicazione del primo numero della rivista venne polemicamente recensita da L. Martini, A proposito di una nuova rivista: «Renovatio», «Testimonianze», LXXXIX, 1966, pp. 681-685. La rivista «Testimonianze» venne fondata a Firenze da padre Ernesto Balducci nel 1958 ed è tutt’oggi edita. L’intento della testata era quello di dare voce a un cattolicesimo non più caratterizzato da un «proselitismo aggressivo» proiettato interamente nella «conquista», ma che si fondasse piuttosto sul valore della «testimonianza», ispirandosi alla spiritualità dei Piccoli fratelli di Charles de Foucauld. Fu a lungo portavoce del cattolicesimo progressista italiano appoggiando il movimento dei cattolici del dissenso nato sul finire degli anni Sessanta.

48 G. L. Rossi, Premessa, «Renovatio», I, 1966, pp. 3-4.

49 Id., La libertà religiosa, «Renovatio», II, 2, 1966, pp. 17-44.

50 Francesco Spadafora (1913-1997), sacerdote e professore di Sacra Scrittura presso la Pontificia Università Lateranense. La sua avversione verso le aperture decretate dal Concilio verso la religione ebraica si è riflessa in più di un suo contributo di cui si cita per l’esemplarità delle argomentazioni antiebraiche addotte dal presule il suo Cristianesimo e Giudaismo, Caltanissetta, Krinon, 1987.

51 Marcel François Lefebvre (1905-1991), arcivescovo cattolico francese, fondatore del movimento anti-conciliarista Fraternitas Sacerdotalis Sancti Pii X, fu sospeso a divinis nel 1976 da Paolo VI e infine scomunicato da Giovanni Paolo II nel 1988 con il motu proprio Ecclesia Dei afflicta. Lefebvre e i lefebvriani sono stati riammessi in seno alla Chiesa da Benedetto XVI il 24 gennaio 2009 fra molte e fondate polemiche. Sulla vicenda riguardante Marcel Lefebvre, si veda L. Perrin, Il caso Lefebvre, a cura di D. Menozzi, Genova, Marietti, 1991.

52 Così come scritto nelle sole notizie biografiche che la riguardano reperite in [http://docs.google.com/viewer?a=v&q=cache:gPP5C3Ag_CMJ:www.dici.org/dl/fichiers/Israel.pdf+denise+judant&hl=it&gl=it&pid=bl&srcid=ADGEESg6lnjeQcM71HwlOVCciRQbv2QrwA8m5uChMdPCwhyEZvD6_6Bkl6E36D9T4X4VQNMFpV_TgFvt2H_m06ETevdCoTyn7XAlI5-kDv02XuQ8qtdRVt_7b4o0Q9qVsz2uun-3DSNi&sig=AHIEtbT4jvaY-O5nVA7jT6YqPj6ZX_yJfw] (consultato il 14 aprile 2011).

53 D. Judant, Il popolo di Dio, «Renovatio», III, 1967, pp. 319-323.

54 Id., art. cit., p. 321. Il corsivo è di chi scrive.

55 Israele antico in quanto prefigurazione del Verus Israel incarnato dalla Chiesa cattolica è riconosciuto come elemento positivo laddove espleta la funzione di praeparatio evangelica. Di contro, l’ebraismo «sopravvissuto» alla venuta di Gesù è stato oggetto di stigma e riprovazione perché ritenuto «cieco» e «ostinato» nel suo disconoscimento della messianicità di Gesù. Amplissima la bibliografia su questa antica polemica; rimando per economia di spazio a A. Foa, Ebrei in Europa. Dalla Peste Nera all’emancipazione XIV-XIX secolo, Roma, Laterza, 2009, pp. 56-68. È utile indicare inoltre che Judant, nel 1969, dedicò al rapporto ebraico-cristiano una monografia intitolata Judaïsme et christianisme, Parigi, Cèdre, 1969. Prefato da monsignor Luigi Maria Carli, il libro venne recensito su «Renovatio» da G. Baget Bozzo, Recensioni, nel numero di luglio-settembre 1969, pp. 301-503. A pochi mesi dalla sua pubblicazione, l’opera fu oggetto di una vivace polemica provocata dal mancato «Imprimatur» dato dalla Santa Sede. Su tale vicenda l’autrice indirizzò alla rivista una «postilla» in cui chiariva le sue posizioni in merito ai temi discussi nella Nostra Aetate difendendo le proprie contrarietà a un dialogo «totale» con l’ebraismo che poteva condurre a un riconoscimento politico dello stato d’Israele. Cfr. D. Judant, Judaïsme et christianisme, «Renovatio», IV, 1970, pp. 154-159.

56 D. Petri, La riscoperta dell’ebraismo, «Renovatio», VI, 1972, pp. 143-145. I corsivi sono di chi scrive.

57 John Maria Oesterreicher (1904-1993), ebreo convertito al cattolicesimo nel 1927, fu uno dei principali sostenitori del dialogo ebraico-cristiano alla luce degli insegnamenti contenuti nella Nostra Aetate. Per un suo profilo biografico, si rimanda a E. J. Fischer, John Oesterreicher, «New Catholic Encyclopedia», New York, Thomson-Gale / The Catholic University of America Press, 2000, pp. 559-569.

58 D. Petri, art. cit., p. 144. Il corsivo nel testo è di chi scrive.

59 D. Judant, A che punto sono le relazioni giudaico-cristiane?, «Renovatio», IX, 1975, pp. 200-216.

60 Ibid., p. 200.

61 Sottotitolata Rivista di questioni che interessano la cultura e la pratica ecclesiastica, poi, più semplicemente Rivista di cultura e pratica ecclesiastica, la testata inizia a essere pubblicata a Rovigo nel 1921.

62 A titolo di esempio si vedano gli articoli apparsi nel corso del 1965: L. Tria, Certezza personale e salvezza degli infedeli, «Palestra del Clero», II, 1965, pp. 101-106; F. Sole, La Chiesa al Concilio, ibid., 1965, pp. 220-223; Il decreto sull’Ecumenismo tradotto in italiano, ibid., pp. 241-254; L. Rossi, Aperture e rotture dell’odierna teologia morale, ibid., pp. 439-443; G. M. Alonso, Dialogo sulla «Libertà religiosa», ibid., pp. 801-844; L. M. Carli, L’ultima settimana della III Sessione Conciliare (note di cronaca), ibid., pp. 1145-1158.

63 Fra i molti testi della testata reperiti nel corso dello studio e relativi alla religione ebraica, si vedano quelli di F. Sole, Luoghi del culto e centralizzazione di questo presso gli Ebrei, «Palestra del Clero», II, 1965, pp. 1231-1240; Id., Levitiamo, ibid., III, 1966, pp. 1298-1306; Id., Ministri del culto, sacrifici, offerte e contribuzioni sacre nella religione d’Israele, ibid., IV, 1967, pp. 306-318; F. Spadafora, Il sacerdozio in Israele. Sacerdoti e leviti, ibid., XIII, 1975, pp. 711-724.

64 Per il profilo biografico di Luigi Maria Carli (1914-1986), vescovo di Segni e in seguito di Gaeta, si rimanda a A. D’Angelo, Luigi Maria Carli, «Dizionario storico del movimento cattolico. Aggiornamento 1980-1995», Torino, Marietti, 1997, pp. 264-265.

65 L. M. Carli, Chiesa e Sinagoga, ibid., III, 1966, pp. 333-349; ivi, pp. 398-419.

66 A. Bea, La Chiesa e il popolo ebraico, Brescia, Morcelliana, 1966.

67 L. M. Carli, art. cit., pp. 397-419.

68 Le due espressioni sono suggerite da J. Isaac in Gesù e Israele, Genova, Marietti, 2001, p. 399.

69 L. M. Carli, art. cit., p. 405.

70 Ibid., p. 417.

71 Sul fondatore della Congregazione del S. Cuore, Léon-Jean Dehon, si rimanda alla voce biografica di R. Limouzin-Lamothe, Léon-Jean Dehon, «Dictionnaire de biographie française», Parigi, Letouzey et Ane, 1965, vol. X, pp. 569-570.

72 Cfr. Il Vaticano II, «Il Regno», XI, 1963, pp. 34-37; V. Comelli, Convergenza dinamica delle religioni, ibid., XIII, 1965, pp. 182-184. Si legga anche l’editoriale di V. Comelli, Gli equivoci del post-Concilio, ibid., XIV, 1966, pp. 118-123.

73 Stupisce ad esempio che in un lungo articolo dedicato ad illustrare principali dichiarazioni emanate dal Vaticano II, sia mancata una riflessione specifica sulla Nostra Aetate: M. Pellegrino, Ciò che resta e ciò che cambia dopo il Concilio, «Il Regno», XVI, 1968, pp. 138-146; Inchiesta: sguardo al primo decennio dopo il Concilio, ibid., XXIII, 1975, pp. 204-207; A. Filippi, Postconcilio anni dieci, ivi, pp. 482-486.

74 Renzo Fabris (1929-1991), personalità di primo piano sul fronte del dialogo cristiano-ebraico è stato a lungo presidente del SIDIC (Servizio internazionale di documentazione ebraico-cristiana) con sede a Roma e ha pubblicato nel corso della sua vita contributi rilevanti in merito al confronto del cristianesimo con l’ebraismo. Si ricorda qui il suo L’olivo buono. Scritti su ebraismo e cristianesimo, Morcelliana, Brescia, 1995. Sull’attività di Fabris si veda B. Salvarani, Renzo Fabris. Una vita per il dialogo cristiano-ebraico, Bologna, Emi, 2009.

75 R. Fabris, La prudenza degli «Orientamenti» e dei «Suggerimenti» vaticani sugli ebrei, «Il Regno», XXIII, 1975, pp. 130-141.

76 Ibid., p. 131.

77 R. Fabris, Cristiani e Stato d’Israele. Lettura di un segno dei tempi, «Studi Cattolici», XI, 1967, pp. 516-524.

78 Ibid., p. 521.

79 Si ricorda che questa è stata la posizione sostenuta dalla rivista, non dall’autore.

80 R. Fabris, Disponibilità, povertà e umiltà nel dialogo con Israele, «Studi Cattolici», XII, 1968, pp. 503-512.

81 Ibid., p. 509.

82 R. Fabris, Autorità e libertà in Israele, ibid., XIII, 1969, pp. 559-562.

83 Id., I cristiani fra antisionismo e antisemitismo, ibid., XV, 1971, pp. 40-53.

84 Ibid., p. 44.

85 Ivi.

86 R. Fabris, Ecumenismo. L’esperienza giudeo-cristiana di Paolo De Benedetti, ibid., XV, 1971, pp. 460-446; Id., Destino e salvezza d’Israele, ibid., XVII, 1973, pp. 586-593; Id., Perché Israele, ibid., XVIII, 1974, pp. 575-583.

87 Sulla Federazione universitaria cattolica italiana e sulla stampa da essa promossa la bibliografia è sterminata. Per un sunto complessivo si rimanda all’opera, per la verità poco critica ma nutrita di un buon apparato bibliografico, di F. Malgeri et al. (a cura di), Fuci. Coscienza universitaria, fatica del pensare, intelligenza della fede, Cisinello Balsamo (MI), Edizioni San Paolo, 2006. Sul ruolo di «palestra» esercitato sia dalla Fuci che dalla rivista durante gli anni del fascismo si rinvia al libro di R. Moro, La formazione della classe dirigente cattolica (1929-1937), Bologna, Il Mulino, 1979.

88 G. Campanini, Dalla Chiesa del giudizio alla Chiesa del dialogo, «Studium», IX, 1965, pp. 86-93. Relativo all’argomento si veda anche C. Virgili, Dialogo e libertà, ibid., IX, 1965, pp. 398-407; E. Guano, Gli intenti della Costituzione della «Gaudium et Spes», ibid., X, 1966, pp. 637-645; Id., I temi dominanti della Costituzione della «Gaudium et Spes», ibid., X, 1966, pp. 710-720; P. Barbani, Libertà religiosa e progresso democratico nell’Occidente cattolico, ibid., X, 1966, pp. 804-815.

89 M. Paronetto Valier, Fin du peuple Juif?, ibid., IX, 1965, pp. 745-749. Il giornalista sostiene al termine dell’articolo che «il problema ebraico va considerato al di fuori di presupposti e prospettive teologiche e che si debba considerare il rapporto fra ebraismo e religione cristiana alla luce dei recenti dibattiti conciliari sul popolo ebreo. Il libro del Friedmann ci induce a risentire le voci che si sono levate nel Concilio sul problema del popolo ebreo. Come ha detto il Cardinale Cushing, “molti ebrei hanno sofferto e sono morti per l’indifferenza e il silenzio dei cristiani e le voci dei cristiani devono ora levarsi in umiltà. Il lungo patire di un popolo, attraverso il tempo e lo spazio, è un mistero che dura davanti ai nostri occhi”». Citazione tratta da p. 748.

90 Il «caso Isolotto» legato al dissenso cattolico degli anni Sessanta fu uno dei casi esemplari maturati dopo e grazie al Concilio Vaticano II. Espressione di insofferenza verso le rigidità delle gerarchie ecclesiastiche la cosiddetta «base» costituita per lo più da piccole parrocchie guidate da sacerdoti carismatici come Don Mazzi dell’Isolotto intrecciarono spesso la propria contestazione a quella del movimento operaio e studentesco del ’68. Cfr. C. De Vito, Mondo operaio e cristianesimo di base. L’esperienza dell’Isolotto, Firenze, EDIESSE Comunità dell’Isolotto-CEP, 2011.

91 L. Rosa, La Dichiarazione «De libertate religiosa», «Aggiornamenti sociali», XVIII, 1967, pp. 87-100.

92 Yves Congar (1904-1995) teologo e cardinale francese, esponente della «nuova teologia», impegnato nel secondo dopoguerra nel movimento dei preti operai, fu attivo sostenitore dell’ecumenismo nato dal Concilio Vaticano II. Per un profilo biografico, si veda almeno A. Nichols, Yves Congar, Milano, Edizioni San Paolo, 1991.

93 Y. Congar, Chiesa e mondo, ibid., XVI, 1965, pp. 81-102.

94 A. Macchi, Crisi in Medio Oriente, ibid., XXIV, 1973, pp. 763-780.

95 Una sintesi su questo aspetto è stata offerta da P. F. Fumagalli, Chiesa e popolo ebraico. Venticinque anni dopo il Concilio Vaticano II, «Rassegna di Teologia», IV, 1991, pp. 369-388.

96 Cfr. S. Trigano, Alle radici della modernità. Genesi religiosa del politico, Genova, Ecig, 1999.

97 Il pontificato di Karol Wojtyła ha inaugurato una stagione in parte diversa che in questa sede non è possibile affrontare. Rimando tuttavia a due libri che hanno ricostruito problematicamente il percorso della Chiesa sotto il magistero di Giovanni Paolo II: D. Menozzi, Giovanni Paolo II. Una transizione incompiuta? Per una storicizzazione del pontificato, Brescia, Morcelliana, 2006; G. Miccoli, In difesa della fede. La Chiesa di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, Milano, Rizzoli, 2007.

98 A. Zanotti, Le radici cattoliche dell’antisemitismo, in Il pregiudizio antisemitico in Italia, a cura di G. Caputo, Roma, New Compton, 1984, pp. 39-57.

Top of page

References

Electronic reference

Elena Mazzini, « Perfidi giudei o fratelli maggiori? La ricezione della Declaratio Nostra Aetate nella stampa cattolica italiana (1965-1974) », Laboratoire italien [Online], 11 | 2011, Online since 15 November 2011, connection on 25 November 2014. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/578 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.578

Top of page

About the author

Elena Mazzini

Istituto nazionale per la storia del Movimento di liberazione in Italia, Milano

Top of page

Copyright

© ENS Éditions

Top of page