Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

Gradi di memoria. I giuristi italiani e i processi ai criminali nazisti

Ernesto De Cristofaro
p. 159-180

Full text

A che serve lottare e pregare, sperare e credere? Il mondo nel quale soffrono e muoiono gli uomini è […] un mondo crudele e incomprensibile, in cui la sola cosa che conta è portare sempre più lontano un assurdo fardello, un filo di paglia, sempre più lontano, col sudore della propria fronte e a prezzo di lacrime e sangue, sempre più lontano senza mai fermarsi per respirare o per chiedersi perché.

Romain Gary, Educazione europea (1945).

1Le analisi che i giuristi italiani hanno dedicato ai processi per crimini contro l’umanità sulle riviste o in saggi monografici, lungo il secondo dopoguerra, possono concorrere a fornire una rappresentazione dei livelli di attenzione pubblica di cui quelle vicende hanno goduto nel Paese, oltre che dell’elaborazione teorica delle stesse presso un particolare segmento del suo ceto intellettuale.

  • 1 La documentazione relativa ai processi di Norimberga è in parte consultabile online sul sito [http: (...)
  • 2 Nel caso di Adolf Eichmann, la base normativa che regola il suo processo è una legge dello Stato di (...)
  • 3 La bibliografia sull’argomento essendo ormai sterminata, ci si limiterà in questa sede a rinviare a (...)

2In questa sede verranno considerati due casi emblematici, il primo processo di Norimberga contro ministri e comandanti militari del terzo Reich svoltosi tra il 1945 e il 19461 e quello celebrato nel 1961 a Gerusalemme contro Adolf Eichmann2, perché più di altri essi pongono al centro del dibattito una specifica dimensione degli illeciti, quella contemplata dall’articolo 6 punto “c” dello Statuto del tribunale di Norimberga, che si riferisce alle fattispecie di assassinio, sterminio, riduzione in schiavitù contro la popolazione civile e persecuzione per motivi razziali, politici e religiosi3.

  • 4 Si vedano in particolare: H. Woller, I conti con il fascismo. L’epurazione in Italia (1943-1948), B (...)

3Le ricostruzioni, ormai numerose e approfondite, sulle esitazioni, rimozioni e omissioni della giustizia italiana nel perseguire i responsabili, tanto italiani che tedeschi, di crimini commessi durante la guerra, sulla fatica del «chiudere i conti con la storia», lasciano emergere un quadro opaco, nel quale sottigliezze e impedimenti formali sono stati, non senza mala fede talora, annodati ai fili personali di un passato denso di connivenze e complicità, in un intreccio inestricabile di alibi individuali e autoassoluzioni collettive4.

4Da una parte, in tutto il sistema dei processi celebrati da Norimberga in avanti, hanno pesato ostacoli di ordine formale, legati alla minore o maggiore univocità nella definizione delle condotte belliche in differenti testi normativi e convenzioni internazionali. A proposito delle lacune del diritto internazionale, recentemente Michele Battini ha ricordato che

  • 5 M. Battini, Peccati di memoria. La mancata Norimberga italiana, Roma-Bari, Laterza, 2003, p. 15.

La Convenzione di Ginevra del 1929, o quelle precedenti dell’Aja del 1899 e del 1907 avevano, infatti, codificato come illegale la rappresaglia, intesa come uccisione di ostaggi, ma anche la guerriglia partigiana. Altre forme di ritorsione, dall’imposizione di taglie ai bombardamenti, purché proporzionate ai danni subiti, erano invece consentite.5

5Ma già negli anni sessanta Angelo Piero Sereni, internazionalista per un lungo periodo esule negli Stati Uniti a causa delle leggi razziali italiane, richiamava a un atteggiamento realista e aderente alla testualità normativa:

  • 6 A. P. Sereni, Ragione di guerra e principi di umanità nel diritto internazionale bellico, «Rivista (...)

Il diritto internazionale realizza certe fondamentali esigenze di umanità solo nei limiti in cui ne impone il rispetto mediante norme singole e specifiche. Non è quindi possibile di affermare l’esistenza di un principio generale di umanità che pervaderebbe l’intera fabbrica del diritto internazionale e tanto meno è lecito di contrapporlo a quello della necessità di guerra […] La conferma di tale assunto è data dalla giurisprudenza dei vari tribunali militari istituiti dopo la seconda guerra mondiale per giudicare sia i grandi criminali di guerra sia gli autori di crimini pericolosi. Questi tribunali si sono astenuti dal condannare quegli imputati i quali erano accusati di aver fatto ricorso a pratiche ed a mezzi determinati di violenza bellica che, pur essendo particolarmente gravi e funesti, non erano specificamente vietati.6

  • 7 Per un quadro sintetico delle principali contestazioni legali che emersero in merito al processo di (...)
  • 8 Ci si limiterà in questa sede a rimandare a: R. Jackson, Il processo di Norimberga, Milano, Garzant (...)

6Insomma, diverse ragioni legate alla struttura stessa della giurisdizione internazionale hanno operato per rendere la riparazione dei torti tutt’altro che naturale e scontata. L’assenza di una tassonomia giuridica uniforme, l’amministrazione della giustizia da parte dei vincitori con le conseguenti riserve sulla parzialità politica dei medesimi (cui, secondo molti, si sarebbe potuto egualmente chiedere conto dei bombardamenti sulle città tedesche o delle bombe atomiche sganciate contro Hiroshima e Nagasaki)7, il crinale, in molti casi sottilissimo, tra violenza giustificata dalla conduzione di azioni militari e violenza eccessiva e, persino, lo Statuto del Tribunale di Norimberga che, per inconvenienti sorti tra le potenze vincitrici nella fase di redazione e traduzione consentiva la perseguibilità dei crimini contro l’umanità solo se commessi in connessione con altri crimini sottoposti alla cognizione del Tribunale militare rendendo problematica ogni contestazione per delitti contro i civili separati da operazioni di guerra8.

  • 9 Come ha avuto modo di mostrare Filippo Focardi, incise tuttavia anche il fatto che lo sterminio deg (...)
  • 10 Ci si limiterà in questa sede a rimandare a: L. Picciotto, Il libro della memoria. Gli ebrei deport (...)

7Ma nel caso italiano esistono particolari ragioni che hanno fatto da freno all’incedere della giustizia9. Da un lato, esse possono riferirsi al duplice ruolo, tanto di aggressori che di vittime che gli Italiani hanno interpretato durante la guerra e, per quanto concerne la posizione degli ebrei, alla collaborazione prestata dalla Repubblica sociale italiana nell’esecuzione delle deportazioni verso i campi di sterminio10.

  • 11 L’Italia, va notato, fu il primo paese d’Europa occidentale a promulgare un decreto di amnistia. (...)
  • 12 M. Flores e V. Galimi, La Shoah in tribunale. Giustizia postbellica e memoria delle persecuzioni, i (...)

Nei pochi processi celebrati in Italia per collaborazionismo – scrivono Marcello Flores e Valeria Galimi – prima che la maggior parte delle istruttorie fossero chiuse a causa dell’amnistia del giugno 194611, va notato come non vi sia stata nessuna specifica imputazione per il coinvolgimento degli accusati nelle persecuzioni antiebraiche, negli arresti o nelle violenze commesse nei confronti degli ebrei. I soli capi di imputazione rintracciati in alcuni casi riguardano l’attività di delazione oppure la rapina dei beni.12

  • 13 Cfr. A. Cavaglion, Sopravvissuti: Primo Levi, Elie Wiesel, Jean Amery e altri, in Storia della Shoa (...)

8D’altra parte, la scarsa risonanza offerta ai processi contro i militari nazisti e la difficoltà, in taluni casi, di far emergere la motivazione razziale dei loro delitti può essere letta, anche indipendentemente dal ruolo di collaborazione svolto dai fascisti e dai loro fiancheggiatori, come un sintomo del permanere di sentimenti di diffidenza ed estraneità nei confronti degli ebrei, paradossalmente acuiti dal rifiuto di ascolto opposto ai sopravvissuti, dal bisogno di allontanare dalla coscienza collettiva sensi di colpa non altrimenti gestibili se non con la rimozione13.

  • 14 Cfr. in particolare Storia della Shoah in Italia, vol. II, cit.
  • 15 Benché avesse aderito alla Convenzione molto tempo prima, con la legge 153 del 1952.
  • 16 Ci sia consentito rimandare a E. De Cristofaro, L’inquadramento giuridico del passato. Memoria dell (...)

9Dunque pochi processi, marginale rilevanza della dimensione razziale e difficoltà ad introdurre nello spazio pubblico per molti anni il tema della memoria delle persecuzioni14. È difficile non vedere una connessione tra questi elementi e la lentezza delle risposte che lo Stato italiano allestisce sul piano normativo. L’Italia recepisce solo nel 196715, con la legge 962, la Convenzione internazionale contro il genocidio stipulata nel 1948. Le norme di cui essa si compone colpiscono condotte tipologicamente riconducibili alle persecuzioni razziali nazifasciste: lesioni inferte a persone appartenenti a un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso, costrizione degli appartenenti al gruppo a condizioni di vita tali da determinarne la distruzione parziale o totale, deportazione di membri del gruppo, limitazione delle nascite al suo interno, imposizione di marchi o segni che indichino l’appartenenza al gruppo, istigazione a commettere taluno dei summenzionati atti e, persino, la semplice apologia dei medesimi. Non molto più incoraggiante appare il versante dei provvedimenti di natura risarcitoria se si considera che solo nel 1955, con la legge 96, l’Italia destina provvidenze a favore dei perseguitati politici, antifascisti o razziali. Mentre nel 1963, la ratifica di un accordo bilaterale raggiunto due anni prima con la Repubblica federale tedesca, recepito con il DPR 2043, indennizza i cittadini italiani colpiti dalle persecuzioni nazionalsocialiste per ragioni militari, politiche o razziali. Ma bisogna attendere il 1980, con l’emanazione della legge 791, perché lo Stato italiano si faccia carico direttamente di questi soggetti attingendo alle risorse del proprio bilancio16.

  • 17 Non fu, tuttavia, certamente un caso se tra questi si annoverano personalità di spicco dell’antifas (...)

10In tale cornice, è possibile comprendere come mai l’interesse profuso dai giuristi verso i processi, compresi i due più importati citati in apertura, sia stato episodico, superficiale e scarno. Una rassegna delle pubblicazioni periodiche sul tema conferma in modo inequivocabile questo giudizio. Della giustizia nei confronti dei principali gerarchi nazisti all’indomani della guerra così come del processo Eichmann che quindici anni dopo riapre, a livello internazionale, una pagina dolorosa e non adeguatamente elaborata pochi autori si occupano, spesso in sedi di minore visibilità e, in alcuni casi, con un taglio poco più che cronistico17.

  • 18 Va rilevato che la rivista manifestò un costante interesse per la storia delle persecuzioni antiebr (...)
  • 19 Per un profilo storico-bibliografico di Piero Calamandrei e un inquadramento del suo ruolo prima ne (...)

11Sulle pagine della giovane rivista «Il Ponte»18, nel 1946 commentando le sentenze capitali emesse dalla corte di Norimberga, Piero Calamandrei19 fissa alcuni dei principi che da lì in avanti saranno costantemente richiamati con riferimento agli obiettivi e ai limiti della giustizia penale internazionale per decretare la preminenza delle esigenze di livello sostanziale rispetto a qualunque ostacolo di ordine strettamente formale:

  • 20 P. Calamandrei, Le leggi di Antigone, «Il Ponte», II, novembre 1946, p. 933.

Qualche anima bennata si sente offesa e impietosita dinanzi a queste forche e a questi giustiziati. […] Come si è potuto condannarli se non c’erano leggi prestabilite, né pene comminate, né garanzia di giudici imparziali? Quello che lo stato permette, o addirittura premia, non può essere delitto. Torturare, stuprare, evirare, adoprare uomini e donne come cavie da vivisezione, cremarli vivi per estrarne utili sostanze chimiche, tutto questo era fatto per la più Grande Germania […]. Chi obbediva a quelle leggi, compieva per la nazione il suo dovere di cittadino.20

  • 21 Ibid.
  • 22 Ibid.

12Ma, secondo Calamandrei, non sarebbe stato possibile, di fronte a «milioni di martirizzati innocenti»21, adottare cautele che avrebbero trasformato la legge in sterile legalismo. Esistevano, al contrario, imperative esigenze morali che rinviavano alle leggi dell’umanità, le stesse cui Antigone chiedeva si prestasse ascolto. Leggi non scritte che «hanno cominciato ad affermarsi, nella funebre aula di Norimberga, come vere leggi sanzionate: l’“umanità” da vaga espressione retorica, ha dato segno di voler diventare un ordinamento giuridico»22. Né sarebbe potuto servire a frenare tale approccio il pensiero di una giustizia amministrata dai vincitori, una giustizia disposta a dimenticare la bomba atomica e i bombardamenti a tappeto sulle città tedesche, giacché Norimberga aveva dimostrato che la spietata inumanità è sempre esposta al castigo, qualunque sia il campo da cui proviene.

  • 23 Scrive, infatti, Nuvolone: «Gli interessi per cui l’uomo appartiene alla società umana universale s (...)

13Una speranza forse eccessiva, quella di Calamandrei, collocata all’interno di una prospettiva speculativa i cui lineamenti essenziali saranno ripresi più volte successivamente ma che, in certa misura, erano stati anticipati dalla riflessione di un penalista italiano, Pietro Nuvolone, apparsa nei primi mesi del 1945, sul finire della guerra23.

  • 24 Si vedano le sue memorie: D. R. Peretti-Griva, Esperienze di un magistrato, Torino, Einaudi, 1956. (...)
  • 25 D. R. Peretti-Griva, A proposito del processo di Norimberga, «Foro Padano», I, 1946, col. 186.

14L’anno dopo, il primo volume della rivista «Il Foro Padano» ospita una densa analisi di Domenico Riccardo Peretti-Griva, Presidente della Corte d’Appello di Torino, già commissario all’epurazione nel 194524, sul processo di Norimberga. Peretti-Griva afferma, sin dal principio del suo ragionamento, che anche prima della barbarie nazifascista la comunità internazionale aveva elaborato dei criteri per la regolazione dei rapporti tra gli Stati. La stessa esistenza di convenzioni, come quella dell’Aja del 1907 sull’uso della violenza in guerra, esprimeva una profonda necessità di riconoscimento reciproco e di reciproca limitazione nel senso di un “dover essere” superiore alla mutevole sorte degli interessi contingenti in contrasto. Ma ancor più tale orizzonte andava affermato al cospetto degli «indicibili orrori della seconda guerra mondiale»25. Testimone e vittima di tali orrori era stata l’umanità intera e, pertanto, «dovevano considerarsi fuori luogo i vuoti sentimentalismi, le soverchie preoccupazioni accademiche, le sottili disquisizioni sugli estremi vincolanti del diritto internazionale» (ibid., col. 187). Il diritto internazionale, secondo Peretti-Griva, non deve ritenersi limitato alle disposizioni dei trattati o alle regole consuetudinarie. Esso riposa su un insieme di principi che si ergono con lo stesso porsi della comunità delle nazioni. Principi in cui risuona l’appello di Kant affinché anche nella più cruenta ostilità della guerra non si commettano quegli atti che renderanno, a guerra finita, più difficile la riconciliazione. Ma la guerra dopo la quale si celebrava il processo di Norimberga aveva segnato lo sfregio più assoluto di ogni scrupolo umanitario.

Non nel furore della battaglia, non nell’ardore della passione, ma con freddo inumano cinismo gli imputati tentarono di distruggere razze e nazioni, di annullare tradizioni e istituti secolari, di annientare l’esistenza stessa di antichi e liberi Stati. I nazisti fecero dell’omicidio una industria in serie, organizzata nelle “camere della morte”, come nelle fabbriche si organizza la produzione in massa. (Ibid., col. 189)

15Ogni obiezione sulla legittimazione dei vincitori a giudicare i vinti, sulla preesistenza al giudizio di fattispecie che descrivessero le condotte contestate agli imputati o sulla necessità di sottomettere il foro ai parametri tradizionali della giurisdizione (locus commissi delicti, luogo di origine degli imputati o delle vittime) doveva necessariamente retrocedere rispetto alla nozione universale dei reati rubricati e alla volontà del consorzio internazionale di fare giustizia. Che questa si servisse di giudici tratti dalle schiere dei vincitori e che altre condotte, eventualmente ad essi ascrivibili e parimenti lesive di principi umanitari, restassero per il momento prive di sanzione era da ritenersi, per Peretti-Griva, come già per Calamandrei, un obolo da pagare al realismo politico e senza il quale si sarebbe realizzato il danno maggiore, ossia lasciare impuniti delitti di gravità mai prima raggiunta. Le aspirazioni a una più ampia giustizia, alla formazione di consessi giudicanti stabilmente investiti del potere di agire per conto della comunità internazionale non avrebbero dovuto, in ogni modo, lasciare svalutare la giustizia resa né «rendere criticabile la esemplare sanzione disposta dai giudici di Norimberga nei riguardi dei più altolocati ed efficienti nazisti.» (Ibid., col. 193)

  • 26 G. Capograssi, Il diritto dopo la catastrofe, «Jus», anno I, dicembre 1950, p. 179.

16Per alcuni anni, sino al processo Eichmann, l’attenzione nei confronti di questi temi si affievolisce e prevale il bisogno di tornare alla normalità, di considerare questo strappo profondo della coscienza civile un passaggio superato, una storia conclusa e senza più risonanze. Una tra le poche eccezioni è una corposa meditazione, apparsa nel 1950, che Giuseppe Capograssi intitola: Il diritto dopo la catastrofe. Secondo quest’autore la catastrofe della guerra e dello sterminio razziale non era stata solo rovina e morte ma aveva, sia pure ad altissimo prezzo, messo l’uomo in condizione di capire cosa preserva la sua vita dall’insensatezza e dal dolore. La guerra aveva offuscato l’idea cristiana di uomo, aveva cancellato l’idea di prossimità tra gli esseri umani e creato le condizioni perché ciascuno percepisse come suo prossimo solo il membro «della stessa razza, della stessa classe, dello stesso gruppo»26. Aveva reso la vita dell’individuo materia inerte e la singola persona corpo vuoto e disponibile, aveva tratto fuori il soggetto dal suo mondo sociale e lo aveva condotto in luoghi, i campi di concentramento, in cui la sua umanità veniva ridotta ad «informe passività interiore ed esteriore» (ibid., p. 181), in cui si consumava un annientamento morale e fisico inesorabile. In siffatto contesto, il rapporto tra persone è articolato solo nella dimensione dell’utilità che il più forte può trarre dal lavoro del più debole e non vi è altro legame che quello del dominio, dell’asservimento, dello sfruttamento. Questo è il frutto, secondo Capograssi, dello svanire di un orizzonte morale comune, del venir meno di una condivisa idea di bene. È l’effetto della scristianizzazione, del materialismo, del relativismo.

17Rispetto a questo paesaggio, in cui ogni idea regolativa cede al mero confronto di forze e il diritto diviene un apparato tecnico al servizio della potenza egemone che, sequestrato lo Stato, ne fa semplice connessione di dispositivi coercitivi, il processo di Norimberga era servito a penetrare meglio i procedimenti minuti di disumanizzazione e ottundimento delle coscienze: «Vi sono […] nel processo di Norimberga – scrive Capograssi – particolari orribili della fredda coscienza di imprenditori che avevano coloro che organizzavano questi impianti: processi industriali di annientamento di masse ingenti di uomini» (ibid., p. 184, n. 1). Tuttavia, il diritto che aveva ratificato e legittimato l’oppressione viene, attraverso Norimberga e la Carta delle Nazioni Unite che ne è per molti aspetti un risultato, riscattato da un nuovo diritto che mette al centro l’umanità:

Se l’umanità senza diritto, se il diritto senza umanità sono entrati mostruosamente nella storia, nella storia è pure rientrato il diritto come imprescindibile diritto dell’individualità umana, dell’integrale vita dell’individuo nella pienezza di tutte le esigenze della sua natura. (Ibid., p. 206)

  • 27 La Corte che, dal 1946 al 1948, giudica a Tokyo i criminali di guerra giapponesi si scioglie, come (...)
  • 28 Va tuttavia ribadito che i contributi dei giuristi in merito furono complessivamente pochi e scarni (...)

18Naturalmente, l’affermazione di un ideale umanistico di diritto e di un sentimento cogente e condiviso di giustizia ha camminato nella storia più faticosamente degli auspici che li evocavano. Nei quindici anni che separano il processo di Norimberga dal processo contro Eichmann, non si insedia stabilmente alcuna Corte penale internazionale27 e, quando il gerarca nazista è condotto dinanzi a una Corte dello Stato d’Israele, quei «loici» o «sofisti», per usare le parole di Calamandrei o Peretti-Griva, che avevano elaborato le più sottili obiezioni quindici anni prima si riaffacciano, eventualmente sotto altre spoglie ma con le medesime armi dialettiche. Pertanto, anche la letteratura scientifica che si produce sul caso Eichmann ha una funzione difensiva, nasce cioè dal bisogno di fornire alla celebrazione del processo argomenti di sostegno formale e sostanziale28.

  • 29 U. Bassano, Riflessioni sul caso Eichmann, in Raccolta di scritti in onore di Arturo Carlo Jemolo, (...)

19I punti controversi, secondo il saggio dell’avvocato livornese Ugo Bassano che per primo affronta la questione mentre essa è in fase istruttoria (pur comparendo in una raccolta due anni dopo la conclusione), erano i seguenti: che Eichmann fosse stato rapito e condotto con la forza dall’Argentina a Israele; che egli fosse rispetto a quest’ultimo Stato cittadino straniero; che avesse commesso i suoi delitti in territorio estero; che avesse commesso dei delitti contro persone non appartenenti allo Stato d’Israele in quanto allora esso non era sorto29.

20Nessuno di tali inconvenienti appare, però, insuperabile. Infatti, uno Stato può derogare al principio generale della territorialità della legge penale in casi particolari. Ad esempio, nel caso in cui siano commessi delitti contro i propri cittadini ed è pacifico, benché lo fossero divenuti a tutti gli effetti dopo la nascita dello Stato d’Israele (1948) e la «legge del ritorno» (1950) che attribuiva la cittadinanza israeliana a chi vi ritornasse – entrambi eventi successivi alla guerra –, che gli ebrei sparsi per l’Europa dovessero ritenersi parte della comunità nazionale israeliana, legati ad essa da ragioni etniche, linguistiche e religiose. Dunque, in capo ai suoi organi giurisdizionali incombeva più che su chiunque altro la responsabilità di giudicare chi quella comunità aveva cercato di cancellare. Né il fatto che l’imputato fosse straniero, circostanza considerata non ostativa al giudizio da svariate legislazioni penali, e nemmeno che egli fosse stato condotto sul suolo israeliano con la forza, in quanto la presenza o l’assenza fisica dell’imputato sono irrilevanti ai fini dell’instaurazione del giudizio (e, a maggior ragione, le modalità dell’eventuale presenza) apparivano dotate di valore inibitorio. In più, i delitti contestati a Eichmann per la loro estensione, radicalità, crudeltà e arbitrarietà integravano tutti le caratteristiche di delicta juris gentium ed erano pertanto, astrattamente, contestabili a chiunque li avesse commessi da parte di qualunque autorità giudiziaria, giacché essi offendevano la dignità umana e non semplicemente la vita e i beni di un determinato popolo. In definitiva, tanto perché esistono minacce e violazioni che in quanto ledono le basi stesse della convivenza umana reclamano dagli Stati una difesa collettiva, quanto perché, nello specifico, il vulnus inferto al popolo d’Israele non poteva che essere punito da chi ne avesse la più alta rappresentatività, il processo contro il burocrate Eichmann, l’individuo che curava i trasporti dei civili ebrei verso i campi di sterminio, non si sarebbe potuto tenere in luogo più appropriato che lo Stato d’Israele, «alla presenza di coloro che allo sterminio sono sopravvissuti e che portano nelle carni e nelle anime il lutto delle persecuzioni» (Ibid., p. 59).

  • 30 Per un profilo storico-biografico di Alessandro Galante Garrone, si rinvia in particolare a P. Borg (...)

21Alcuni dei motivi di questa ricostruzione tornano in quella che tra i giuristi italiani è la lettura più ampia del processo contro Eichmann. La lettura con cui Alessandro Galante Garrone30 presenta l’edizione italiana della relazione introduttiva del procuratore Gideon Hausner. Galante Garrone, sulla scia di Calamandrei, indica in esordio il filo che lega il processo di Gerusalemme a quello di Norimberga e non sottace la forte dimensione simbolica e politica che esso riveste ai fini della preservazione di un ordine giuridico che custodisca la dignità umana, di ogni singolo uomo, come bene prioritario:

  • 31 A. Galante Garrone, Il caso Eichmann, in G. Hausner, Sei milioni di accusatori. La relazione introd (...)

Per mesi e mesi, al tribunale di Gerusalemme l’umanità si è come affacciata a un abisso […]. Questo processo è lo specchio tragicamente amaro del nostro tempo, della nostra condizione umana. Per questo è difficile inquadrare il caso negli schemi giuridici soliti.31

22Tuttavia, Galante non elude la dimensione tecnica delle questioni poste e passa in rassegna, confutandoli uno per uno, gli argomenti che avrebbero, secondo gli amanti delle sottili distinzioni, dimostrato l’invalidità del percorso giudiziario intrapreso. Sulla parzialità dei giudici israeliani, contemporaneamente membri del popolo offeso da Eichmann e censori di quelle offese, Galante osserva che un caso simile si può prospettare anche nella più ordinaria delle situazioni senza dar luogo ad alcuno stallo: «Forse che i giudici italiani non possono giudicare e condannare lo straniero imputato di vilipendio alla bandiera o ad altro emblema dello Stato o chiunque abbia oltraggiato un magistrato o vilipeso la magistratura?» (Ibid., p. viii) A parte questo, tacciare i giudici di parzialità in questo caso imporrebbe di fare altrettanto tutte le volte in cui da persone oneste essi giudicano un delinquente. La neutralità, come astratta ed irrealistica assenza di sentimenti o di pregiudizi verso cose e persone, va tenuta distinta dall’imparzialità, che è la capacità di padroneggiare gli stati d’animo soggettivi e non lasciare che essi interferiscano con l’obiettiva valutazione della realtà. In più, le garanzie, anche finanziarie, prestate al difensore di fiducia di Eichmann e l’esistenza, diversamente da Norimberga, di un quadro normativo di riferimento molto preciso e circostanziato sarebbero valse, secondo Galante, a escludere ogni sospetto di menomazione dei diritti dell’imputato. Sulla questione della traduzione di Eichmann a Gerusalemme, l’autore osserva che essa poteva rilevare solo in termini di relazioni diplomatiche tra Israele e Argentina e che persino l’autorevole «Frankfurter Allgemeine Zeitung» si era compiaciuto del fatto che un’altra nazione fosse riuscita a fare ciò che alla Germania non era stato possibile. Analoghe a quelle usate da Ugo Bassano sono anche le ragioni addotte a giustificare la competenza del Tribunale di Gerusalemme in quanto organo rappresentativo del popolo ebraico. Mentre la qualificazione dell’imputato, sulla base dei delitti ascrittigli, come hostis humani generis – nemico del genere umano – e come tale capace di attivare uno ius puniendi da parte di ogni nazione civile, riprendeva argomenti già emersi a Norimberga (ibid., pp. xii-xvii).

23Su tale ultimo nodo, però, Galante aggiunge un elemento importante, ricavato dalla difesa dell’avvocato Servatius, legale dell’imputato. Questi, per contestare che le allegazioni contro il suo assistito integrassero «delitti contro l’umanità», aveva affermato che il ritorno a una vita pacifica da parte di Eichmann dopo la guerra dimostrava che nessuna inimicizia contro l’umanità lo riguardava, ma solo l’opposizione agli ebrei come nemici del regime per il quale egli aveva militato. «Sofismi miserabili – commenta Galante – che sembrano quasi far propria l’aberrazione del razzismo nazista per il quale gli ebrei non sono uomini ma subuomini, esseri inferiori che degli uomini hanno solo le sembianze.» (Ibid., p. xvii)

24In altri termini, non si vede come massacri, deportazioni, torture e saccheggi inflitti a milioni di persone potessero non essere qualificati come la più radicale delle offese al genere umano stesso e come, analogamente a quanto stabilito a Norimberga, il dovere di fare giustizia potesse arrestarsi sull’assenza di un codice scritto dello Stato d’Israele che in un tempo anteriore alla loro commissione enumerasse tali atti, tanto più che singolarmente considerati, cioè senza ricorrere alla categoria di «crimini contro l’umanità», essi facevano parte del patrimonio normativo delle nazioni da secoli (ibid., pp. xviii-xx). Insomma, ancora una volta, le superiori necessità della giustizia sostanziale si sarebbero dovute imporre sugli argomenti tecnici, spesso usati in modo strumentale, inerenti alla competenza dei giudici, alla retroattività della legge, alla tipicità delle fattispecie.

  • 32 Ibid., p. xxx. Sull’argomento si veda T. S. Hamerow, Perché l’Olocausto non fu fermato. Europa e Am (...)

25In relazione ad Eichmann, in modo specifico e differente rispetto agli imputati del primo processo di Norimberga, fu anche agitata la questione del dovere di obbedienza e della libertà di scelta di un singolo inserito in una struttura gerarchica. Si affermò che Eichmann, ed egli stesso ripropose pedantemente quest’argomento lungo tutta la durata del processo, non fosse altro che un ufficiale, un esecutore di decisioni prese da altri e alle quali egli non si sarebbe potuto sottrarre se non a rischio della sua vita. Ma, obietta Galante, la teoria dell’Act of State era stata ampiamente superata dal Trattato di Versailles dopo la prima guerra mondiale e nuovamente dalla Convenzione di Ginevra del 1929 e dal Patto di Londra, istitutivo del Tribunale di Norimberga nel 1945. Ma anche qualora si fosse voluto trascurare il combinato disposto di queste importanti tappe del diritto internazionale, che escludevano ogni possibile esonero di responsabilità motivato dall’obbedienza a un ordine ove lo stesso fosse manifestamente illecito, si sarebbe dovuto guardare ai comportamenti di Eichmann, così pieni di zelo nel mandare a morte un indefinito numero di innocenti. Si sarebbe così scoperto, circostanza questa affiorata già all’inizio del processo, che l’imputato aveva sì disobbedito agli ordini dei suoi superiori alla fine del 1944, ma non tanto per salvare qualcuno, quanto per determinare il trasferimento a piedi di ebrei ungheresi verso i campi in una fase in cui i vertici dello Stato nazista avevano stabilito, coll’approssimarsi della sconfitta bellica, di sospendere le deportazioni. In fondo, commenta Galante, «se i camini fumavano notte e giorno con quel ritmo allucinante, era soprattutto per merito di questo funzionario modello, così solerte e ingegnoso e pedante, così entusiasta del proprio lavoro, così dominato dall’ansia di toccare la meta prima che la guerra finisse» (ibid., p. xxvi). Tale precisazione vale, secondo Galante, anche a chiarificare la distribuzione delle colpe tra quanti agirono con intensità e imperturbabilità morale perché l’ebraismo fosse cancellato dal mondo e quanti non si opposero per tempo e con i mezzi adeguati a questa massiccia azione omicida. Chi capziosamente addita in figure come Eichmann capri espiatori utili a pacificare le coscienze, opera un livellamento tra comportamenti non assimilabili. Non aver fermato la Shoah, non aver assicurato la ricerca dei criminali dopo la guerra sono atti gravi, «ogni popolo, ogni Stato, nessuno escluso, dovrebbe prendere coraggiosamente su di sé la sua parte di responsabilità, grande o piccola che sia. […] Ma la loro responsabilità, morale e penale, non è mai paragonabile con quella di chi si propose e diresse la “soluzione finale” del problema ebraico; e in ogni caso non può attenuarla»32.

  • 33 G. Funaro, Note sul caso Eichmann, «Giurisprudenza Italiana», CXIII, 1961, coll. 46-47.

26Le più importanti, tra le non molte, ricognizioni apparse accanto o subito dopo quelle già considerate ne riprendono i prinicipali argomenti. Nel solco di Galante Garrone, si muove in un articolo apparso nel 1961, un altro avvocato livornese, Giuseppe Funaro. In particolare, anch’egli richiama la nozione di «nemico del genere umano» a proposito di Eichmann ed evoca in suo soccorso Vattel e Grozio per ribadire che chi minaccia la sopravvivenza stessa del genere umano può essere sempre e ovunque condotto in giudizio. Un principio, questo dell’universalità del diritto penale, peraltro richiamato anche durante il III Congresso internazionale di diritto penale, che si era svolto a Palermo nel 1938, con l’argomento che l’incerto funzionamento dell’estradizione non dovesse divenire ostacolo, in talune ipotesi, all’ubiquità della repressione33. Ma sulla competenza del tribunale israeliano, Funaro introduce una nota ispirata al realismo politico, quasi a bilanciare gli slanci ideali appena considerati:

Sciolti da oltre dieci anni i tribunali internazionali per i crimini di guerra, mancando la costituzione di una Corte internazionale avente giurisdizione a giudicare i crimini dei singoli e non promulgato ancora quel codice dei crimini di guerra che l’assemblea dell’ONU […] aveva dato incarico a un apposito comitato di preparare, Israele ha ben deciso di giudicare esso stesso il caso Eichmann. (Ibid., col. 48)

  • 34 Ibid., col. 52 (corsivo nel testo originale).

27In sostanza, non solo alte ragioni di ordine morale premevano perché si facesse giustizia, ma umane ragioni d’inerzia, di apatia, di pericolo di oblio. Ed è contro questo rischio, infatti, che il processo ad Eichmann non mira solo alla riparazione di un torto «ma a far conoscere al mondo le nefandezze compiute in nome d’una falsa ideologia»34 affinché esse non possano più ripetersi.

28Sulla rivista «Democrazia e diritto», nata l’anno precedente al processo contro Adolf Eichmann, compaiono due brevi saggi su tale evento. Uno dei due, pur nella sua stringatezza, trova il modo di uscire dal perimetro delle questioni reiteratamente commentate dagli specialisti e chiedere conto alla cultura legale europea, al linguaggio con cui essa per decenni aveva preteso di svolgere la funzione ordinante che si riconosce al diritto e ai sacerdoti che ne amministrano il culto, della sua parte di responsabilità. Infatti, nel corso del processo l’avvocato Servatius aveva affermato che nessuna accusa di genocidio poteva essere mossa contro Eichmann giacché per esservi genocidio occorre un popolo e perché vi sia popolo, occorre uno Stato. Il popolo, pertanto, assurge a soggetto giuridicamente rilevante non in quanto entità sociale ma in quanto collettività organizzata entro regole, apparati, strutture. Secondo l’estensore della riflessione, l’aberrazione compresa nell’argomentare di Servatius non si riduce alla sua assurda pretesa di spostare una questione politica e morale immensa su un piano di linguistica o di dogmatica dei concetti. L’aberrazione sta nel fatto che la costruzione concettuale di cui quell’argomento è parte, l’ultimo anello in ordine di tempo, è essa stessa alla radice del male che il processo Eichmann racconta. Infatti:

  • 35 Mably, Secondo Servatius «giuridicamente» non esiste il popolo ebraico, «Democrazia e Diritto», II, (...)

Essendo il concetto di popolo ridotto a determinazione dell’ordinamento statuale esistente in cui si esaurisce il mondo e la «civiltà» umana, la nozione storico-sociale di popolo degrada fatalmente a oggetto della demografia (popolazione), a ente meramente naturale (non umano): qualcosa che non può ancora distinguere il genere umano dalle api e dalle formiche, da cui si separa soltanto se entra nelle caserme o nei tribunali.35

  • 36 Ibid. La rivista pubblicò un altro testo sul tema che sosteneva la legittimità del processo contro (...)

29O nei campi di concentramento, si potrebbe soggiungere. A radicalizzarla, questa distinzione porta, infatti, diritto verso la divisione tra popoli arretrati, incapaci di elaborare una cultura e popoli civili, fieri, evoluti «capaci di salire alle vette dell’esercito permanente, delle guardie carcerarie con stemma di Stato e magari dei forni crematori direttamente gestiti dallo Stato»36. Nelle sottili disquisizioni del formalismo giuridico come concezione fondata sul primato autoreferenziale del diritto sulla società, giacciono in embrione le derive nazionalistiche e statolatriche di cui i totalitarismi europei hanno offerto un funesto esempio.

  • 37 M. Di Pietropaolo, Nota a R. Servatius, In difesa di Adolf Eichmann, «L’eloquenza», LII, 1962, p. 5 (...)
  • 38 Cfr. D. J. Goldhagen, I volenterosi carnefici di Hitler. I tedeschi comuni e l’Olocausto, Milano, M (...)

30Di altri due saggi conviene far cenno perché, sia pure rapidamente e in mezzo a molte analisi già sviluppate in altre sedi e qui considerate, toccano due aspetti inediti. La rivista «L’eloquenza», periodico molto vicino al mondo forense, nel 1962 pubblica, unico a farlo, ampi stralci dell’arringa di Servatius a Gerusalemme. L’estensore della nota che li accompagna, riprende nel suo testo il tema della possibilità di disobbedire a un ordine da parte di un militare e, perdipiù, in un sistema fortemente autoritario. Ma egli non pone la domanda sui consueti binari formali, ma su un più interessante piano di psicologia sociale o di storia della pedagogia. La domanda è: «In che modo e in quale misura i sudditi del terzo Reich potevano avere coscienza della criminosità dell’ordine di sterminio»37. L’ordine ha una sua palese illegalità ma, è questo il dubbio garantisticamente insinuato dalla rivista, è certo che questo carattere di illegalità risultasse altrettanto palmare presso un popolo che per anni era stato subissato da una martellante propaganda, che aveva osservato giorno dopo giorno la degradazione degli ebrei, la loro sistematica mortificazione e stigmatizzazione? Cosa rimane dell’altro quando costui è qualcuno in cui non posso più rispecchiarmi né sento di farlo? Tornano, a distanza di anni, alcune delle riflessioni fatte da Capograssi. Tornano con forza perché, anche se si ammette come fa l’autore di questa nota che simili domande non possano porsi nel caso di Eichmann visto il suo ruolo direttivo e la sua passione nello svolgerlo, ciò non le rende però destituite di fondamento. Se la maggior parte dei cittadini di una nazione si presta al compimento di un crimine di massa o volta lo sguardo rispetto ad esso può significare che essa ha smarrito la nozione del carattere criminoso di quanto sta facendo ed è entrata in una condizione di apatia morale tale per cui ogni contestazione, ogni incriminazione rischierebbe di cadere nel vuoto. Questo lo scenario cui allude la riflessione pubblicata su «L’eloquenza» e negli anni più volte riemerso nella saggistica sulle violenze del nazismo38.

  • 39 A. Santoro, Condanna ed esecuzione dello sterminatore di ebrei, «La Scuola positiva», 1962, p. 589. (...)

31Dopo la conclusione del processo e l’esecuzione della sentenza, anche Arturo Santoro – ordinario di diritto penale a Pisa – dedica qualche riga a commentare l’una e l’altra. In particolare, sull’esecuzione egli ricorda come molti avrebbero visto con favore la concessione della grazia ad Eichmann ma, e questo paradossalmente ribadisce che l’aspetto giudiziale di questa vicenda era stato – non poteva che essere – fagocitato dalla sua dimensione simbolica, aggiunge che graziare Eichmann sarebbe stato come «eliminare di fatto la pena di morte dall’armamentario delle pene»39. Se la pena di morte rassicura sulla possibilità di separare senza ritorno il male dalla parte sana della società, non si può non infliggerla a chi incarna il male alla massima potenza.

32Nel concludere questo itinerario, si può provare ad avanzare una spiegazione ulteriore sullo scarso approfondimento che i processi per crimini contro l’umanità hanno avuto in Italia nel corso del dopoguerra. Una spiegazione che potrebbe non essere limitata ai già indicati ritardi ed esitazioni. I crimini contro l’umanità hanno una struttura tale da creare un corto circuito nel funzionamento del diritto. Essi sono perpetrati in una condizione di tale dissimmetria tra il carnefice e la vittima da apparire inassimilabili a qualunque altro delitto.

  • 40 A. Garapon, Crimini che non si possono punire né perdonare, Bologna, Il Mulino, 2004 [2002], p. 106 (...)

La vittima di un crimine contro l’umanità – scrive Antoine Garapon – che sia deportato nei campi di concentramento o abbandonato alla tortura, non viene spogliato di alcuni suoi diritti, ma di tutti in un colpo solo: non ha più il diritto di avere dei diritti. Estromesso a forza da ogni affiliazione a una comunità politica, la vittima non può più intrattenere relazioni giuridiche con nessuno.40

  • 41 Ibid., p. 108.

33Ma l’aspetto forse più terribile è che nel cancellare ogni legame tra carnefice e vittima, nell’abolire il diritto ad avere dei diritti, essi sacrificano l’esistenza stessa dello Stato sotto la cui bandiera sono commessi, il quale cessa di esistere in quanto presidio di garanzie e fonte del legame sociale: «Il crimine contro l’umanità colpisce direttamente ciò da cui dipende l’insieme delle relazioni giuridiche, e cioè proprio quello Stato che conferisce il diritto ad avere dei diritti.»41

34Se i crimini contro l’umanità eccedono la dimensione giuridica, anche la giustizia, che su di essi si esercita, ha a che fare con una zona più profonda e primigenia, quella in cui un legame lacerato è ricomposto, una relazione soppressa ripristinata. Questo è un terreno politico e simbolico, è il terreno di una catarsi attraverso cui elaborare socialmente i passaggi che hanno condotto all’interruzione del riconoscimento, alla negazione dell’altro, alla persecuzione e, facendo questo, lentamente riannodare i fili spezzati.

  • 42 Cfr. S. Luzzatto, Il corpo del duce. Un cadavere tra immaginazione, storia e memoria, Torino, Einau (...)

35Il popolo italiano ha improvvidamente archiviato pezzi del suo passato attraverso riti di liberazione che hanno posto in capo a un singolo il peso di scelte collettive42. L’uccisione sacrificale ha sostituito altre possibilità proiettando sulla vittima le ombre di tutti. La “mancata Norimberga” italiana e il discontinuo interesse degli intellettuali e dei giuristi su alcuni processi trovano probabilmente la loro spiegazione anche in questo.

Top of page

Notes

1 La documentazione relativa ai processi di Norimberga è in parte consultabile online sul sito [http://avalon.law.yale.edu/subject_menus/imt.asp] (consultato il 24 marzo 2011).

2 Nel caso di Adolf Eichmann, la base normativa che regola il suo processo è una legge dello Stato di Israele del 1950. I quindici capi di imputazione che furono contestati all’imputato, suddivisi in “delitti contro il popolo ebraico” e “delitti contro l’umanità”, possono farsi comunque rientrare tutti nella questione dello sterminio, della “soluzione finale” e, in definitiva, la prima categoria non è che una specificazione della seconda nel cui genere ricade. La documentazione relativa al processo Eichmann è integralmente consultabile online sul sito [http://www.nizkor.org/hweb/people/e/eichmann-adolf/transcripts/] (consultato il 24 marzo 2011). Si veda anche J. Von Lang, Il verbale. La registrazione degli interrogatori a Adolf Eichmann, Milano, Sperling e Kupfer, 1982. Riferimento d’obbligo rimane ancora oggi: H. Arendt, La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme, Milano, Feltrinelli, 1964 [1963]. Va tuttavia segnalato anche il recente studio di D. Cesarani, Adolf Eichmann. Anatomia di un criminale, Milano, Mondadori, 2006 [2004].

3 La bibliografia sull’argomento essendo ormai sterminata, ci si limiterà in questa sede a rinviare ai riferimenti contenuti nei saggi di: I. Deák, Storia e giustizia. Norimberga e dopo, in Storia della Shoah. La crisi dell’Europa, lo sterminio degli ebrei e la memoria del XX secolo, a cura di M. Cattaruzza, M. Flores, S. Levis Sullam e E. Traverso, vol. III, Riflessioni, luoghi e politiche della memoria, Torino, UTET, 2007, pp. 468-501; R. Teitel, La giustizia in un’epoca di transizione, ibid., pp. 502-523; L. Douglas, La testa ridotta di Buchenwald. Icone dell’atrocità a Norimberga, ibid., pp. 524-551.

4 Si vedano in particolare: H. Woller, I conti con il fascismo. L’epurazione in Italia (1943-1948), Bologna, Il Mulino, 1997; M. Dondi, La lunga liberazione. Giustizia e violenza nel dopoguerra italiano, Roma, Editori Riuniti, 1999, pp. 31-70; M. Franzinelli, Le stragi nascoste. L’armadio della vergogna: impunità e rimozione dei crimini di guerra nazifascisti, Milano, Mondadori, 2002; Id., L’amnistia Togliatti. 22 giugno 1946: colpo di spugna sui crimini fascisti, Milano, Mondadori, 2006; F. Focardi, Un accordo segreto tra Italia e Rft sui criminali di guerra. La liberazione del “gruppo di Rodi”, 1948-1951, «Italia contemporanea», 232, 2003, pp. 401-437; Id., Criminali di guerra in libertà. Un accordo segreto tra Italia e Germania Federale, Roma, Carocci, 2008; Id., La questione dei processi ai criminali di guerra tedeschi in Italia. Fra punizione frenata, insabbiamento di Stato, giustizia tardiva (1943-2005) [http://www.storicamente.org/focardi_shoa.htm] (consultato il 24 marzo 2011); C. Di Sante (a cura di), Italiani senza onore: i crimini in Jugoslavia e i processi negati (1941-1951), Verona, Ombre Corte, 2005; A. Garapon, Chiudere i conti con la storia. Colonizzazione, schiavitù, Shoah, Milano, Raffaello Cortina, 2009 [2008].

5 M. Battini, Peccati di memoria. La mancata Norimberga italiana, Roma-Bari, Laterza, 2003, p. 15.

6 A. P. Sereni, Ragione di guerra e principi di umanità nel diritto internazionale bellico, «Rivista di diritto internazionale», XLVII, 1964, p. 174.

7 Per un quadro sintetico delle principali contestazioni legali che emersero in merito al processo di Norimberga, si veda in particolare W. Shirer, Gli anni dell’incubo 1930-1940, Milano, Mondadori, 1986 [1984], pp. 515-523.

8 Ci si limiterà in questa sede a rimandare a: R. Jackson, Il processo di Norimberga, Milano, Garzanti, 1948; T. Taylor, The Anatomy of the Nuremberg Trials, New York, Knopf, 1992; G. Mayda, Norimberga, processo al terzo Reich: 20 novembre ’45-1 ottobre ’46, Milano, Mursia, 1992; W. H. Harris, Tyranny on Trial. The Trial of the Major War Criminals at the End of World War II at Nuremberg, Germany, 1945-1946, Dallas, Southern Methodist University Press, 1999. Sugli aspetti tecnico-giuridici del processo di Norimberga, si veda inoltre: R. K. Woetzel, The Nuremberg Trials in International Law. With a Postlude on the Eichmann Case, Londra-New York, Stevens, 1960; I. Deák, cit., pp. 474-484. Sulla questione del giudizio ex post facto e sulla categoria di “crimini contro l’umanità”, si rimanda in particolare a M. Flores, Crimini contro l’umanità e crimine di genocidio. Contraddizioni e problemi da Norimberga a oggi, «Quaderni fiorentini», XXXVIII, 2009, pp. 1505-1546.

9 Come ha avuto modo di mostrare Filippo Focardi, incise tuttavia anche il fatto che lo sterminio degli ebrei tese – nei processi così come nei resoconti della stampa – a essere confuso con gli altri crimini del nazismo. La società italiana non fu così in genere in grado di percepire la specificità della politica di genocidio messa in atto contro gli ebrei (cfr. F. Focardi, La percezione della Shoah in Italia nell’immediato dopoguerra: 1945-1947, in Storia della Shoah in Italia. Vicende, memorie, rappresentazioni, a cura di M. Flores, S. Levis Sullam, M.-A. Matard-Bonucci e E. Traverso, vol. II, Memorie, rappresentazioni, identità, Torino, UTET, 2010, p. 20.

10 Ci si limiterà in questa sede a rimandare a: L. Picciotto, Il libro della memoria. Gli ebrei deportati dall’Italia (1943-1945), Milano, Mursia, 2002; Storia della Shoah in Italia, cit., vol. I, Le premesse, le persecuzioni, lo sterminio, parte terza, Lo sterminio, 1943-1945, Torino, UTET, 2010, pp. 432-671.

11 L’Italia, va notato, fu il primo paese d’Europa occidentale a promulgare un decreto di amnistia.

12 M. Flores e V. Galimi, La Shoah in tribunale. Giustizia postbellica e memoria delle persecuzioni, in Storia della Shoah in Italia, vol. II, cit., p. 44. Questa osservazione è fondata sullo spoglio della documentazione relativa al caso della Toscana. Più in generale, va ricordato che il legislatore italiano non ritenne necessario introdurre nuovi capi di imputazione per punire i delitti commessi dalla Repubblica sociale italiana: questi vennero infatti inquadrati quali reati di collaborazionismo con il tedesco invasore. Si veda in particolare: T. Rovatti, Politiche giudiziarie per la punizione dei delitti fascisti in Italia. La definizione per legge di un immaginario normalizzatore, «Italia contemporanea», 254, 2009, pp. 75-84.

13 Cfr. A. Cavaglion, Sopravvissuti: Primo Levi, Elie Wiesel, Jean Amery e altri, in Storia della Shoah, a cura di M. Cattaruzza et al., vol. IV, Eredità, rappresentazioni, identità, Torino, UTET, 2006, pp. 3-26; G. Schwarz, Ritrovare se stessi. Gli ebrei nell’Italia postfascista, Roma-Bari, Laterza, 2004, pp. 111-116.

14 Cfr. in particolare Storia della Shoah in Italia, vol. II, cit.

15 Benché avesse aderito alla Convenzione molto tempo prima, con la legge 153 del 1952.

16 Ci sia consentito rimandare a E. De Cristofaro, L’inquadramento giuridico del passato. Memoria della Shoah e legge italiana, in Storia della Shoah in Italia, vol. II, cit., pp. 336-356.

17 Non fu, tuttavia, certamente un caso se tra questi si annoverano personalità di spicco dell’antifascismo quali Piero Calamandrei – antifascista di lunga data, membro fondatore del Partito d’Azione (Pd’A) nel 1942, membro della Consulta, poi eletto all’Assemblea Costituente in rappresentanza del Pd’A; Domenico Riccardo Peretti-Griva – antifascista negli anni del regime, consulente giuridico del Comitato di liberazione regionale piemontese (CLNRP) nel periodo della RSI, nominato alla Liberazione presidente della Corte d’Appello di Torino dal CLNRP – e Alessandro Galante Garrone – legato sin dalla fine degli anni venti agli ambienti antifascisti vicini a Giustizia e Libertà, membro dal 1942 del Pd’A clandestino, diventato in seguito ispettore del Comando militare regionale piemontese e, dalla primavera del ’44, rappresentante del Pd’A nel CLNRP. Ci si limiterà in questa sede a rinviare a Dizionario della Resistenza, a cura di E. Collotti, R. Sandri, F. Sessi, Torino, Einaudi, 2006, pp. 792-793, 835, 901.

18 Va rilevato che la rivista manifestò un costante interesse per la storia delle persecuzioni antiebraiche nazifasciste così come per le vicende israeliane. Sul ruolo svolto dallo stesso Calamandrei nella pubblicazione nel 1952-1953 dello studio di A. Spinosa dedicato a Le persecuzioni razziali in Italia («Il Ponte», luglio 1952, pp. 964-978; agosto 1952, pp. 1078-1096; novembre 1952, pp. 1601-1622; luglio 1953, pp. 950-963), si rinvia a G. Schwarz, Ritrovare se stessi, cit., pp. 159-164. Sull’atteggiamento della rivista negli anni successivi, si veda P. Bertilotti, Contrasti e trasformazioni della memoria dello sterminio in Italia, in Storia della Shoah in Italia, vol. II, cit., pp. 67, 99.

19 Per un profilo storico-bibliografico di Piero Calamandrei e un inquadramento del suo ruolo prima nella resistenza e poi nella celebrazione dell’epos resistenziale, si rimanda all’introduzione di S. Luzzatto alla nuova edizione di P. Calamandrei, Uomini e città della Resistenza. Discorsi, scritti ed epigrafi, a cura di S. Luzzatto, Roma-Bari, Laterza, 2006, pp. xiii-lxxiii. Per un confronto col ruolo complessivo svolto, prima e dopo la guerra, da Calamandrei come giurista e intellettuale che ha attraversato le luci e le ombre del suo tempo, occorrerà, almeno, vedere: S. Rodotà, Calamandrei, in Dizionario biografico degli Italiani, Istituto della Enciclopedia italiana Treccani, Roma, 1973, pp. 406-411; P. Barile (a cura di), Piero Calamandrei: ventidue saggi su un grande maestro, Giuffré, Milano, 1990; F. Cipriani, Piero Calamandrei e il Codice di Procedura Civile, «Il Ponte», LXII, 10, 2006, pp. 84-111; Id., Piero e Franco Calamandrei tra via Rasella e le Fosse Ardeatine, «Clio», XLV, 1, 2009, pp. 65-90; Id., Una nuova interpretazione di Calamandrei, «Clio», XLVI, 2, 2010, pp. 253-264.

20 P. Calamandrei, Le leggi di Antigone, «Il Ponte», II, novembre 1946, p. 933.

21 Ibid.

22 Ibid.

23 Scrive, infatti, Nuvolone: «Gli interessi per cui l’uomo appartiene alla società umana universale sono quegli interessi, ideali e materiali, il cui soddisfacimento non tende a separare gli uomini tra loro, ma a porli sopra un medesimo piano di intesa, sì da favorire la reciproca conoscenza ed il miglioramento comune […]. Ora questi interessi sono tali, per la loro universalità, che ogni uomo ne è necessariamente portatore, in quanto uomo, a differenza di ciò che avviene per gli interessi particolari, che sono esclusivi di determinati gruppi umani. […] Si tratta di un’unità immanente nello spirito umano, che trova la sua espressione concreta nei più vari fenomeni, anche i più limitati nel tempo, nello spazio e nei soggetti […] Così un piccolo stato come la Svizzera può da questo punto di vista, essere qualificato più universale di un grande stato come la Germania nazista: e ciò perché più del secondo ispira la sua legislazione e la sua attività a principi aventi valore universale. E il valore di universalità di un istituto consiste appunto in questo: nella potenzialità in esso insita di costituire un punto di riferimento comune a tutti gli uomini. Come tale, esso forma la pietra di paragone di ogni altro valore, compreso quello statuale: che, pertanto, non è un assoluto ma solo un relativo; sì che lo stato vincola i singoli solo in quanto non sia in contrasto con quello.» In P. Nuvolone, La punizione dei crimini di guerra e le nuove esigenze giuridiche, Roma, Edizioni della Bussola, 1945, pp. 62-63. Nello stesso lavoro, sulla titolarità e l’esercizio dello ius puniendi in ordine ai delitti che ledono la comunità umana, si vedano le pp. 100-106.

24 Si vedano le sue memorie: D. R. Peretti-Griva, Esperienze di un magistrato, Torino, Einaudi, 1956.

25 D. R. Peretti-Griva, A proposito del processo di Norimberga, «Foro Padano», I, 1946, col. 186.

26 G. Capograssi, Il diritto dopo la catastrofe, «Jus», anno I, dicembre 1950, p. 179.

27 La Corte che, dal 1946 al 1948, giudica a Tokyo i criminali di guerra giapponesi si scioglie, come quella di Norimberga, con l’adempimento del suo mandato.

28 Va tuttavia ribadito che i contributi dei giuristi in merito furono complessivamente pochi e scarni. Oltre ai saggi sotto citati, si rimanda per completezza anche al breve saggio di G. Valabrega, Echi del processo Eichmann nella pubblicistica italiana, «Il movimento di liberazione in Italia», 63, aprile-giugno 1961, pp. 63-67, nel quale a dispetto del titolo vengono considerate solo opere straniere e solo genericamente l’attenzione sul tema da parte della “stampa delle correnti politiche resistenziali” individuata nei giornali L’Avanti e L’Unità. Esigua risonanza risultano aver avuto i primi due lavori di carattere monografico pubblicati in Italia: S. Minerbi, La belva in gabbia: Eichmann, Milano, Longanesi, 1962; P. Pardo (a cura di), Processo al terzo Reich, Roma, Riunti, 1962.

29 U. Bassano, Riflessioni sul caso Eichmann, in Raccolta di scritti in onore di Arturo Carlo Jemolo, Milano, Giuffré, 1963, p. 49.

30 Per un profilo storico-biografico di Alessandro Galante Garrone, si rinvia in particolare a P. Borgna, Un paese migliore. Vita di Alessandro Galante Garrone, Roma-Bari, Laterza, 2006.

31 A. Galante Garrone, Il caso Eichmann, in G. Hausner, Sei milioni di accusatori. La relazione introduttiva del procuratore generale Gideon Hausner al processo Eichmann, Torino, Einaudi, 1961 [1961], p. v. Ripubblicato da Einaudi nel 2010 a cura e con una prefazione di Simon Levis Sullam.

32 Ibid., p. xxx. Sull’argomento si veda T. S. Hamerow, Perché l’Olocausto non fu fermato. Europa e America di fronte all’orrore nazista, Milano, Feltrinelli, 2010 [2008].

33 G. Funaro, Note sul caso Eichmann, «Giurisprudenza Italiana», CXIII, 1961, coll. 46-47.

34 Ibid., col. 52 (corsivo nel testo originale).

35 Mably, Secondo Servatius «giuridicamente» non esiste il popolo ebraico, «Democrazia e Diritto», II, 1961, p. 445.

36 Ibid. La rivista pubblicò un altro testo sul tema che sosteneva la legittimità del processo contro Eichmann limitandosi tuttavia a rubricare l’azione dello Stato d’Israele contro Eichmann nella categoria della «rappresaglia». Cfr. L. Ascoli, Israele ha un «diritto di rappresaglia» verso la Germania nazista, «Democrazia e diritto», II, 1961, pp. 441-442.

37 M. Di Pietropaolo, Nota a R. Servatius, In difesa di Adolf Eichmann, «L’eloquenza», LII, 1962, p. 501.

38 Cfr. D. J. Goldhagen, I volenterosi carnefici di Hitler. I tedeschi comuni e l’Olocausto, Milano, Mondadori, 1997 [1996]. Le tesi di Goldhagen sono state, com’è noto, oggetto di un ampio dibattito storiografico ed hanno ricevuto serrate e solide critiche. Esula dalle finalità di questo scritto ripercorrere tali discussioni. Tuttavia, lo stesso Friedländer che considera l’approccio ermeneutico di Goldhagen «monocausale e privo di sfumature» concorda almeno sul dato di fondo inerente alla diffusa indifferenza del popolo tedesco alla sorte degli ebrei e scrive che: «Per la stragrande maggioranza dei tedeschi, gli ebrei erano alieni nella migliore delle ipotesi. Per molti finirono con l’essere visti come nemici che andavano estirpati.» (S. Friedländer, Massacri e società tedesca nel terzo Reich. Interpretazioni e dilemmi, in Storia della Shoah, cit., vol. II, La distruzione degli ebrei, p. 27 – corsivo nel testo originale).

39 A. Santoro, Condanna ed esecuzione dello sterminatore di ebrei, «La Scuola positiva», 1962, p. 589.

40 A. Garapon, Crimini che non si possono punire né perdonare, Bologna, Il Mulino, 2004 [2002], p. 106

41 Ibid., p. 108.

42 Cfr. S. Luzzatto, Il corpo del duce. Un cadavere tra immaginazione, storia e memoria, Torino, Einaudi, 1998.

Top of page

References

Electronic reference

Ernesto De Cristofaro, « Gradi di memoria. I giuristi italiani e i processi ai criminali nazisti », Laboratoire italien [Online], 11 | 2011, Online since 15 November 2011, connection on 19 April 2014. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/582 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.582

Top of page

About the author

Ernesto De Cristofaro

Università di Catania

Top of page

Copyright

© ENS Éditions

Top of page