Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Documents et interprétations

Elogio di Monsignor Iginio Rogger

Diego Quaglioni
p. 209-220

Full text

1Magnificenza, chiarissimi colleghi, cari studenti e illustri ospiti,

2La Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento, oggi qui solennemente riunita in occasione del suo secondo decennale, com’è nella tradizione ha ritenuto che una laurea honoris causa potesse essere concessa, con comprovata valutazione di eccezionalità, unicamente a personalità d’indiscusso prestigio scientifico e morale, altamente rappresentative negli studi e nelle relazioni scientifiche internazionali, con particolare riguardo all’impegno nei rapporti culturali italo-germanici.

3Sono, insieme con il collega professor Fulvio Zuelli, il promotore di questa laurea e ho l’onore di illustrare la figura del professor Iginio Rogger, per mostrare che i suoi meriti di studioso e di uomo di sapere, di autore e promotore di studi e di attività di ricerca in un lungo e ininterrotto colloquio con la cultura mitteleuropea, giustificano perfettamente il conferimento di una laurea honoris causa in una Università operante in un contesto di forte autonomia, pluralismo culturale e vocazione storica alle relazioni transnazionali.

  • 1 Alludo alla novella Grigia, edita la prima volta in traduzione italiana in R. Musil, La valle incan (...)
  • 2 Profilo biografico di Iginio Rogger, in In factis mysterium legere. Miscellanea di studi in onore d (...)

4Nato il 20 agosto del 1919 a Pergine, la «cittadina italiana» che sorprendeva Musil aprendosi al fondo della chiusa «valle incantata» del Fersina1, Iginio Rogger è cresciuto però a Levico e levicense, come gli ho spesso sentito dire, si è sempre considerato. (Se nel 1998 Trento lo ha insignito dell’Aquila di S. Venceslao, il 16 luglio dello scorso anno Levico gli ha conferito la cittadinanza onoraria). Compiuti i primi studi presso il Seminario diocesano, nel 1939 si trasferì a Roma, dove soggiornò presso il Pontificio Collegio Germanico-Ungarico e presso il Collegio Teutonico, «ambienti internazionali con ampia possibilità di contatto e scambio culturale verso personalità emergenti nel campo degli studi storici dell’area centro-europea»2. Studente nella Pontificia Università Gregoriana, vi conseguì la licenza in Filosofia e Teologia, addottorandosi quindi nel 1951 in Storia della Chiesa con una dissertazione su Le nazioni al Concilio di Trento, e conseguendo infine, nel 1960, la libera docenza in quella stessa disciplina. Ordinato sacerdote nel 1945, nel 1951 fu chiamato a ricoprire la cattedra di Storia della Chiesa, e nel 1955 anche quella di Liturgia, presso il Seminario teologico di Trento. Nell’intenso clima di riforma spirituale del pontificato giovanneo e nella stagione postconciliare, che a Trento s’identifica con il lungo e luminoso episcopato di Monsignor Alessandro Maria Gottardi, Iginio Rogger ebbe un ruolo di primissimo piano, collaborando al rinnovamento della Chiesa locale come canonico teologo della Cattedrale, dal 1965, e come delegato arcivescovile per la Liturgia. Tra il 1964 e il l971 fu consultore del Consiglio per l’applicazione della Costituzione liturgica del Concilio ecumenico Vaticano II.

5L’attività in seno alla comunità ecclesiale si fonde però con un’intensa produzione scientifica e con un’operosissima azione di rinnovamento delle istituzioni culturali. È il caso del Museo diocesano, passato sotto la direzione di Rogger già negli anni ’50 e da lui avviato a quella trasformazione che ne ha fatto un vero gioiello tra le istituzioni nazionali e internazionali, proponendosi la conservazione e la valorizzazione di quel legato di spiritualità e di cultura, che si esprime nelle testimonianze storico-artistiche della religiosità e della devozione popolare. Segretario e coordinatore del Comitato per la celebrazione del IV centenario del Concilio di Trento, nel 1963, fu promotore, da quello stesso anno al 1977, di una straordinaria campagna di scavi archeologici che portò alla scoperta della basilica paleocristiana sottostante al Duomo di Trento e al rinvenimento delle strutture dell’antica Porta Veronensis.

  • 3 I. Rogger, Hubert Jedin e Trento, «Annali dell’Istituto storico italo-germanico», VI, 1980, pp. 193 (...)

6Nel 1973, alla fondazione dell’Istituto Trentino di Cultura, Iginio Rogger entrò a far parte del comitato scientifico dell’Istituto storico italo-germanico, presieduto allora da quel grande maestro degli studi storici, e in particolare della storia conciliare, che fu Hubert Jedin (al quale Iginio Rogger ha dedicato pagine di lucida rievocazione)3.

  • 4 Istituto storico italo-germanico in Trento - Italienisch-Deutches Historisches Institut in Trient, (...)
  • 5 Cfr. P. Prodi, Ipotesi per un sistema universitario regionale, in Id., Università dentro e fuori. U (...)

7Fondato col fine istituzionale del progresso degli studi «relativi ai legami che uniscono il mondo tedesco a quello italiano nella realtà storica europea, mediante la creazione di una biblioteca di ricerca specializzata, con la promozione di incontri-seminari di studio tra ricercatori italiani e tedeschi e con la pubblicazione periodica di contributi e di ricerche scientifiche»4, I’Istituto storico italo-germanico, a lungo diretto da Paolo Prodi e da Giorgio Cracco, si proponeva di operare in uno stretto contatto con le strutture accademiche dell’ambito culturale italiano e germanico. La sua collocazione trentina, e la sua filiazione dall’Istituto Trentino di Cultura, implicavano che suo compito istituzionale non secondario fosse la valorizzazione della civiltà trentino-tirolese come punto d’incontro (come «ponte») dell’universo culturale germanico con quello italiano, incarnando l’esigenza di uno scambio permanente nella ricerca storico-istituzionale, storico-politologica e storico-sociale fra Italia, Austria e Germania. In tal senso l’Istituto nasceva come strumento di assoluta importanza per la crescita culturale locale. Alla sua origine era infatti la volontà di costruire, in una società culturalmente appartata com’era quella trentina all’indomani della istituzione delle prime forme di esperienza universitaria, un centro di vita culturale e di ricerca storica avanzata di dimensione europea5.

  • 6 Profilo biografico di lginio Rogger, in In factis mysterium legere…, cit., p. 640; cfr. A. Autiero, (...)
  • 7 Bibliografia di lginio Rogger 1948-1999, in In factis mysterium legere…, cit., pp. 643-660.

8Si può perciò comprendere quale importanza abbia avuto, in tale contesto e come ulteriore articolazione e specificazione di quel progetto, la costituzione dell’Istituto di Scienze Religiose, avviata nel 1975 per il determinante impulso di Iginio Rogger: fondazione coraggiosa e di eccezionale significato innovatore, sia, com’è stato detto appropriatamente, per la sua natura di «iniziativa assolutamente inedita nel mondo culturale italiano»6, sia per la sua incidenza nel dialogo interconfessionale e interreligioso, a partire dal luogo stesso che vide consumarsi, più di quattro secoli or sono, la crisi più acuta dell’unità spirituale dell’Europa, cioè di tanta parte della sua storica «costituzione materiale». Eletto alla direzione dell’Istituto, Iginio Rogger ne ha tenuto la guida per oltre un ventennio, fino al 1997, facendo ininterrottamente scuola, coltivando e promuovendo un’attività di studio e di ricerca di riconosciuta importanza nelle discipline teologiche, storico-filosofiche e storico-istituzionali. Ne è buona testimonianza la sua vasta, articolata bibliografia, comprendente, dal 1948 ad oggi, più di duecento contributi, fra opere di largo impianto storico-critico e saggi di minor mole, ma certo non di minore impegno, frutto di un’ininterrotta collaborazione con sedi scientifiche d’indiscusso prestigio, quali l’Enciclopedia Cattolica, il Lexikon für Theologie und Kirche, la Bibliotheca Sanctorum, il Dictionnaire d’histoire et de géographie ecclésiastiques (se ne può leggere l’elenco nella miscellanea di studi allestita in occasione del suo ottantesimo compleanno e pubblicata nel 1999 sotto il suggestivo titolo In factis mysterium legere)7.

  • 8 I. Rogger, Le nazioni al Concilio di Trento durante la sua epoca imperiale (1545-1552), Roma, Orbis (...)
  • 9 K. Bihlmeyer, H. Tüchle, Storia della Chiesa, Edizione italiana a cura di I. Rogger, I, L’Antichità (...)
  • 10 Testimonia chronographica ex codicibus liturgicis, a cura di I. Rogger, «Monumenta liturgica Eccles (...)
  • 11 I. Rogger, Il governo spirituale della diocesi di Trento sotto i vescovi Cristoforo (1539-1567) e L (...)
  • 12 I. Rogger, Contrasto di opinioni su un martirio singolare. Il caso di Anaunia del 29 maggio 397, in (...)
  • 13 I. Rogger, Interessi agiografici del vescovo Hinderbach, con particolare riguardo al santorale tren (...)
  • 14 I. Rogger, Hubert Jedin e la storia del Concilio di Trento, in Il Concilio di Trento nella prospett (...)
  • 15 I. Rogger, Scavi e ricerche sotto la cattedrale di Trento. Le varie opinioni sulle origini del Duom (...)
  • 16 I. Rogger, Il Duomo di Trento, Trento, Museo Diocesano Tridentino, 2004 (2a edizione)
  • 17 L’antica basilica di S. Vigilio in Trento. Storia, archeologia, reperti, a cura di I. Rogger ed E.  (...)

9Vorrei tuttavia menzionare, fra i lavori di maggior respiro, la monografia su Le nazioni al Concilio di Trento durante la sua epoca imperiale (1545-1552), del 19528; la rielaborazione italiana della classica Kirchengeschichte di Karl Bihlmeyer e Hermann Tüchle, apparsa in quattro volumi tra il 1956 e il 1959 e subito ristampata, in edizione riveduta e aggiornata, nel 19609; l’edizione dei Testimonia chronographica ex codicibus liturgicis, nei «Monumenta liturgica Ecclesiae Tridentinae saeculo XIII antiquiora», del 198310; la lunga serie di contributi entro un’attività di promozione e direzione di incontri di studio di altissimo livello, sfociati nelle edizioni di Atti di Convegni, come quelli su Il Concilio di Trento e la riforma tridentina, nel 196511; su I Martiri della Val di Non e la reazione pagana alla fine del IV secolo, nel 198512; su Il principe vescovo Johannes Hinderbach (1465-1486) fra tardo Medioevo e Umanesimo, nel 199213; e ancora su Il Concilio di Trento nella prospettiva del terzo millennio, in collaborazione con Giuseppe Alberigo, nel 199714; senza dimenticare la folta serie di contributi sugli Scavi e ricerche sotto la cattedrale di Trento, apparsi via via negli «Studi Trentini di Scienze Storiche» fra il 1967 e il 197515, poi sintetizzati nel bel volumetto sul Duomo di Trento (1978,1982 in traduzione francese e tedesca; nuova edizione italiana, inglese e tedesca nel 200416 e ora sistemati nei due monumentali volumi su L’antica basilica di S. Vigilio in Trento, editi nel 2001)17.

10In questo vasto complesso di interessi e di ricerche di cui non è possibile dar conto ulteriormente, se non per rimarcare la loro costante e partecipata attenzione rivolta a tutti gli aspetti storico-attuali della vita civile e religiosa della comunità trentina, un posto a parte occupa la ricostruzione storica del caso di Simone da Trento, cioè al più noto caso nella storia dell’omicidio rituale, risalente al 1475. In quell’anno gli ebrei di Trento, com’era già accaduto in altre parti d’Europa a cominciare dal caso di Norwich (1144), furono accusati di aver rapito e ucciso il bambino cristiano Simone, allo scopo di usarne il sangue nei loro riti pasquali. La novità del caso di Trento sta nel fatto che i giudici locali, sulla base di confessioni estorte con spaventose torture e violando le più comuni regole del processo, vollero dimostrare che ovunque gli ebrei praticavano l’omicidio rituale e che proprio per questo avrebbero dovuto essere sterminati. Cosa che avvenne agli ebrei di Trento, che senza avere un difensore furono mandati a morte in fretta e furia: lo stesso papa Sisto IV non poté fare altro che mandare a Trento un suo giudice, che tornò a Roma convinto che gli ebrei di Trento fossero le vittime di una mostruosa macchinazione. Il diritto e il processo, che avrebbero dovuto essere la garanzia contro ogni prevaricazione, furono invece usati come uno strumento di oppressione, per avvalorare ed alimentare il mito antiebraico dell’omicidio rituale. Il piccolo Simone fu venerato come martire e santo, entrando a far parte dei simboli di un inconciliabile contrasto religioso. Cominciarono a circolare molte voci di miracoli e i predicatori itineranti diffusero in tutta l’Italia la leggenda dell’omicidio rituale. Quel che avvenne nel 1475 non fu solo di un cedimento dei pubblici poteri ad un pregiudizio popolare, ma qualcosa di peggio, e cioè il tentativo di accreditare, per mezzo di un processo basato sulla tortura, la pericolosità della presenza ebraica in seno alla società cristiana, al fine di giustificare la persecuzione.

11Tra la fine del Quattrocento e gli inizi del secolo XVI, la condizione degli ebrei in Europa subì un repentino peggioramento. La penetrazione capillare della letteratura antigiudaica negli ambienti colti di tutta Europa e in particolare del mondo tedesco diede l’ultimo colpo ad una situazione rimasta a lungo a metà fra la tolleranza e l’esclusione, e voci sempre più numerose invocarono la distruzione dei libri ebraici, il battesimo forzato dei bambini ebrei, la conversione coatta come alternativa all’espulsione. Tale situazione, destinata a protrarsi fino all’emancipazione sette-ottocentesca, lasciò tuttavia all’Europa moderna l’eredità di un odio antico e radicato, con ripetute riemersioni di forme di propaganda e di persecuzione antiebraica lungo tutto il secolo XIX, fino alla catastrofe della seconda guerra mondiale e della Shoah.

  • 18 I. Rogger, Simone di Trento, in Enciclopedia Cattolica, XII, Città del Vaticano, 1954, coll. 463-46 (...)
  • 19 W. P. Eckert, Beatus Simoninus. Aus den Akten des Trienter Judenprozesses, in Judenhass. Schuld der (...)

12A quella vicenda, che ha segnato tanta parte della storia delle relazioni tra cristiani ed ebrei in Europa, Iginio Rogger ha dedicato studi fondamentali, fin dalla «voce» Simone da Trento, apparsa nel 1953 sull’Enciclopedia Cattolica, passando per quelle scritte per il Lexikon für Theologie und Kirche, nel 1964, e per la Bibliotheca sanctorum, nel 1968, per giungere al coraggioso saggio del 1986 su «Tiroler Heimat» e all’importante volume collettaneo sul vescovo Hinderbach, nel 1992: studi tutti ispirati da una serena e ferma ricerca della verità storica, a dispetto di ogni deformazione di parte e di ogni risorgente tesi negazionista (che non si propone di rivedere il giudizio sulle fonti, ma semplicemente di negarne la credibilità, in base ad istanze di tipo apologetico e confessionale)18. Più ancora, si deve a Monsignor Rogger, nella svolta conciliare della Dichiarazione Nostra aetate sulle relazioni della Chiesa con le religioni non-cristiane, la promozione della revisione «ufficiale» del caso del Simonino in sede storica. Affidato al P. Willehad Paul Eckert di venerata memoria, quello studio, pubblicato in tedesco nel 1964 e nel 1965 in traduzione italiana19, formò la base scientifica del provvedimento episcopale che abolì il culto pubblico del Simonino, nello stesso anno 1965. Si deve a Monsignor Rogger il merito di aver promosso la restaurazione della verità storica e di aver così contribuito a collocare Trento e la sua comunità civile ed ecclesiale nel solco del rinnovamento spirituale dei rapporti con la religiosità e la civiltà ebraica.

  • 20 D. Quaglioni, Propaganda antiebraica e polemiche di Curia, in Un pontificato e una città: Sisto IV (...)
  • 21 Processi contro gli ebrei di Trento (1475-1478), I, I processi del 1475, a cura di A. Esposito e D. (...)
  • 22 Vedi ora: Processi contro gli ebrei di Trento, II, I processi alle donne (1475-1476), a cura di A.  (...)
  • 23 Vedi infra, Addendum.

13A tale merito si unisce quello di aver aperto sempre più largamente la via a nuovi studi sulla vicenda e sulle sue fonti storiche. Non posso non sottolineare il debito che dalla esperienza di chi vi parla si estende a tutta una generazione di studiosi. Mi permetto solo di ricordare che ho conosciuto Iginio Rogger sui libri prima che di persona, al tempo in cui lavoravo all’edizione degli scritti del commissario apostolico, inviato a Trento dal papa Sisto IV nel vano tentativo di resistere al nascente moto antigiudaico20. Maturò allora la decisione di approntare l’edizione dei processi di Trento, conservati in copia autentica presso l’Archivio Segreto Vaticano: l’edizione, frutto della collaborazione con la professoressa Anna Esposito, apparve nel 1990 nella collana del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Trento21. La ricerca storica è ancora in corso. Un secondo volume di documenti è ora in corso di stampa22. E vorrei cogliere l’occasione per dare notizia della recente acquisizione, da parte di privati fuori d’Italia, di un ampio frammento di una miscellanea manoscritta contenente una parte finora sconosciuta della documentazione processuale, comprendente il sommario dei processi e alcune memorie giuridiche che mostrano, per la prima volta, quanto i giudici di Trento fossero coscienti delle irregolarità procedurali commesse23. È stato richiesto a me e alla collega Esposito di esaminare la documentazione e di studiarne il contenuto, che sarà presto reso noto in sede scientifica. La speranza è che possa essere un ulteriore contributo per una memoria di pacificazione, contro ogni risorgente mitologia storica.

14Sono certo di non essere incorso in nessuna di quelle «pie esagerazioni», che Monsignore, nei colloqui che hanno preceduto questa cerimonia, mi ha caldamente raccomandato di evitare. Non voglio rischiare di farlo ora, che la laudatio accademica volge alla sua conclusione. Ma non so trattenermi dal ricordare che per i giuristi trentini l’esperienza di Iginio Rogger, dello studioso della liturgia e dell’archeologia paleocristiana, della storia delle istituzioni ecclesiastiche e della teologia conciliare, della agiografia tridentina e del terribile «caso giudiziario» del Simonino, ha un rapporto diretto ed intenso col diritto e col «sentimento del diritto», come solo il senso della restituzione della verità storica può avere. Più e più volte gli ho sentito dire di quel senso dell’«umanamente giusto», che solo nella bocca di un uomo di cultura religiosa trova la sua più vera espressione, starei per dire il senso della sacralità e insieme della laicità del diritto.

15Il profilo umano e scientifico di Iginio Rogger è cosi ricco e vasto, da rendere difficile illustrarne appieno le caratteristiche e i meriti sotto l’unica dimensione del contributo offerto agli studi: lo studioso e l’ecclesiastico, lo storico e il teologo, il religioso profondamente radicato nella comunità locale e l’animatore di istituti di ricerca e di cultura di rango internazionale si fondono infatti, nel caso di Monsignor Rogger, in una personalità e in un’esperienza nelle quali alla riconosciuta dottrina si unisce un’altrettanto palese, umanissima sapientia cordis.

16Perciò la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento ha deliberato con voto unanime di conferire al professor Iginio Rogger la laurea honoris causa in Giurisprudenza, con la seguente motivazione: «Per l’operosa attività di studio e ricerca che lo ha reso figura emblematica della storia di questa terra di confine quale territorio intrinsecamente europeo, riconoscendo il suo ininterrotto contributo personale e la sua appassionata dedizione di studio e di azione per la promozione e la pratica del dialogo con tutte le componenti culturali e istituzionali del contesto storico di riferimento e per la capacità di trasferire, nella sua preziosa azione al servizio della comunità, la ricchezza delle sue nobili motivazioni ideali e religiose».

Addendum (settembre 2011)

17La Biblioteca Comunale di Trento ha recentemente acquisito e reso consultabile, con la segnatura BCT1-6342, un manoscritto cartaceo del secolo XV, contenente memorie di argomento canonistico e un ampio frammento superstite (50 carte) di un registro relativo agli atti nella causa criminale contro gli ebrei accusati dell’omicidio rituale di Simone da Trento (1475-1478). Alcune annotazioni marginali, autografe del principe-vescovo Johannes Hinderbach (1418-1486), lasciano supporre che il manoscritto abbia fatto parte dell’archivio del presule umanista, poi rifluito nell’Archivio Principesco-Vescovile, oggi nell’Archivio di Stato di Trento.

18Si tratta pertanto di materiale originale proveniente dalla lunga e complessa vicenda processuale, oggi meglio nota a seguito delle ricerche storiche e archivistiche avviate, contestualmente alla soppressione del culto antigiudaico di Simone da Trento, con gli studi di Iginio Rogger e di Paul Willehad Eckert e proseguite con la pubblicazione (1984) di un primo studio sull’inchiesta del commissario apostolico Battista de Judicibus, cui ha fatto seguito l’edizione dei testi controversistici dello stesso Battista de Judicibus e di Johannes Hinderbach (1987), con la successiva edizione degli atti dei processi contro i principali imputati (1990; 2008, 2a edizione) e contro le donne (2008).

  • 24 Omaggio a Iginio Rogger. Conferimento della laurea honoris causa in Giurisprudenza, Trento, 12 apri (...)
  • 25 Processi contro gli ebrei di Trento, 1475-1478, II, I processi alle donne, 1475-1476, a cura di A.  (...)
  • 26 Vero e falso nelle carte processuali: la parola «data» e la parola «presa», in Vero e falso. L’uso (...)

19Giusto nel corso delle ricerche ultime intorno ai processi alle donne è stato possibile avere copia fotostatica del manoscritto sopra citato, della cui natura e del cui contenuto è stata data notizia sia nella laudatio pronunciata in occasione del conferimento della laurea ad honorem a Monsignor Iginio Rogger24, sia nella parte introduttiva dell’edizione dei processi alle donne25, sia in una recente silloge pubblicata a seguito della giornata di studio promossa dalla Direzione generale degli Archivi di Stato26.

20L’importanza del manoscritto ora acquisito dalla Biblioteca Comunale di Trento risiede nella sua prevalente natura di raccolta dei sommari dei processi contro i principali imputati, gli imputati minori e le donne, ciò che consente di datare la redazione del manoscritto stesso al periodo che corre tra la condanna e l’esecuzione dei principali imputati (21-23 giugno 1475) e il battesimo delle donne (12, 19 e 26 gennaio 1477): probante è l’aggiunta nunc vero baptisate a c. 242r.

21I sommari delle inquisitiones speciales (i procedimenti a carico dei singoli imputati) non sono infatti dei semplici «sunti» dei verbali, ma sono lo strumento conclusivo, redatto dal notaio criminale nella fase del procedimento che precede immediatamente la sentenza, e avente lo scopo di fornire al giudice tutti gli elementi necessari alla decisione (con particolare riguardo agli indizi e agli elementi di prova tratti dalle testimonianze, dagli interrogatori e dalle confessioni degli stessi inquisiti). Perciò il sommario è, nella logica del processo inquisitorio, il documento in base al quale è stilata la sentenza, e riveste agli occhi dello storico una speciale importanza proprio perché «fotografa» le risultanze di un’intiera inchiesta giudiziaria. Va da sé che i sommari contenuti nel manoscritto in esame, affiancandosi a quelli contenuti nelle copie superstiti dei processi, costituiscono in ogni caso un materiale di primaria importanza dal punto di vista storico-archivistico così come dal punto di vista storico-processuale (nella storia del processo penale del diritto comune il caso trentino costituisce una miniera importantissima di informazioni, perché è raro che si siano conservati, in copia o originale, tutti gli atti di un intiero procedimento).

22Ancor più importante, dal punto di vista storico e storico-processuale, è infine il testo della memoria giuridica a cautela del giudice di Trento, contenuta in otto carte del fascicolo 5, memoria rivelatrice dei numerosi errores in procedendo, dei vizi formali del procedimento come l’insufficienza degli indizi per procedere ad ulteriora contro gli infamati, l’uso di testimonianze inammissibili e comunque sia non probanti, l’omissione da parte del giudice e/o del notaio di atti necessari sia nella fase generale sia in quella speciale dell’inquisitio, ecc. (vizi che invece furono taciuti nel parere dato alla commissione cardinalizia dall’uditore di Rota Giovanni Francesco Pavini e conseguentemente anche nella decisione della commissione stessa, nel 1478).

23Il manoscritto è un frammento originale della documentazione prodotta dalla cancelleria del podestà di Trento, che procedeva in nome del Principe-Vescovo, titolare della giurisdizione secolare (civile e criminale) e insieme di quella spirituale. La sua acquisizione consente di ricongiungere il frammento alla restante documentazione, conservata presso la Biblioteca Comunale di Trento, presso la Biblioteca Capitolare e presso l’Archivio Principesco-Vescovile oggi nell’Archivio di Stato di Trento.

Top of page

Notes

1 Alludo alla novella Grigia, edita la prima volta in traduzione italiana in R. Musil, La valle incantata, con un saggio di A. Fontanari e M. Libardi, Trento, Reverdito, 1982, rist. La Spezia, Club del libro Fratelli Melita, 1992. A quel singolare ambiente umano e culturale Iginio Rogger ha dedicato il saggio Dati storici sui Mócheni e i loro stanziamenti, in La valle del Fersina e le isole linguistiche di origine tedesca nel Trentino, Atti del convegno interdisciplinare, Sant’Orsola, Trento, 1-3 settembre 1978, S. Michele all’Adige, Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina, 1979, pp. 153-173.

2 Profilo biografico di Iginio Rogger, in In factis mysterium legere. Miscellanea di studi in onore di Iginio Rogger in occasione del suo ottantesimo compleanno, a cura di E. Curzel, Bologna, Edizioni Dehoniane (Pubblicazioni dell’Istituto di Scienze Religiose in Trento. Series maior, 6), 1999, pp. 639-641 (p. 639).

3 I. Rogger, Hubert Jedin e Trento, «Annali dell’Istituto storico italo-germanico», VI, 1980, pp. 193-211; Id., Ricordo di Mons. Prof. Hubert Jedin, «Rivista Diocesana Tridentina», 106, 1980, pp. 516-518; cfr. anche infra, nota 14.

4 Istituto storico italo-germanico in Trento - Italienisch-Deutches Historisches Institut in Trient, A vent’anni dalla fondazione. Strutture di ricerca, attività, iniziative. Bilanz nach zwanzig Jahren. Forschungsstrukturen, Tätigkeit. Initiativen, 1973-1993, Trento, Istituto Trentino di Cultura, 1994, Presentazione, p. 5.

5 Cfr. P. Prodi, Ipotesi per un sistema universitario regionale, in Id., Università dentro e fuori. Un’esperienza aperta, Trento, Temi, 1980; ora rist. con qualche modifica in L’Università a Trento, 1962-2002, a cura di F. Cambi, D. Quaglioni e E. Rutigliano, Trento, Università degli Studi di Trento, 2004, pp. 7l-81.

6 Profilo biografico di lginio Rogger, in In factis mysterium legere…, cit., p. 640; cfr. A. Autiero, Presentazione, ivi, pp. 11-13 (p. 12).

7 Bibliografia di lginio Rogger 1948-1999, in In factis mysterium legere…, cit., pp. 643-660.

8 I. Rogger, Le nazioni al Concilio di Trento durante la sua epoca imperiale (1545-1552), Roma, Orbis Catholicus-Herder (Collana di monografie edita dalla Società per gli Studi Trentini, 11), 1952.

9 K. Bihlmeyer, H. Tüchle, Storia della Chiesa, Edizione italiana a cura di I. Rogger, I, L’Antichità cristiana; II, Il Medioevo; III, L’epoca nuova o delle riforme; IV, L’epoca moderna, Brescia, Morcelliana, 1960 (2e edizione).

10 Testimonia chronographica ex codicibus liturgicis, a cura di I. Rogger, «Monumenta liturgica Ecclesiae Tridentinae saeculo XIII antiquiora», I, Trento, Istituto per le Scienze Religiose, 1983.

11 I. Rogger, Il governo spirituale della diocesi di Trento sotto i vescovi Cristoforo (1539-1567) e Ludovico Madruzzo (1567-1600), in Il Concilio di Trento e la riforma tridentina, Atti del Convegno storico internazionale (Trento, 2-6 settembre 1963), Roma, 1965, I, pp. 173-213.

12 I. Rogger, Contrasto di opinioni su un martirio singolare. Il caso di Anaunia del 29 maggio 397, in I Martiri della Val di Non e la reazione pagana alla fine del IV secolo, Atti del Convegno tenuto a Trento il 27-28 marzo 1984, a cura di A. Quacquarelli e I. Rogger, Bologna, Edizioni Dehoniane (Pubblicazioni dell’Istituto di Scienze Religiose in Trento, 9), 1985, pp. 135-148; Id., Problemi filologici relativi alle due lettere di S. Vigilio, ivi, pp. 149-150.

13 I. Rogger, Interessi agiografici del vescovo Hinderbach, con particolare riguardo al santorale trentino, in Il principe vescovo Johannes Hinderbach (1465-1486) fra tardo Medioevo e Umanesimo, Atti del Convegno promosso dalla Biblioteca Comunale di Trento, 2-6 ottobre 1989, a cura di I. Rogger e M. Bellabarba, Bologna, Edizioni Dehoniane, (Pubblicazioni dell’Istituto di Scienze Religiose in Trento, Series maior, 3), 1992, pp. 320-378.

14 I. Rogger, Hubert Jedin e la storia del Concilio di Trento, in Il Concilio di Trento nella prospettiva del terzo millennio, Atti del Convegno tenuto a Trento il 25-28 settembre 1995, a cura di G. Alberigo e I. Rogger, Brescia, Morcelliana (Istituto di Scienze Religiose in Trento. Religione e cultura, 10), 1997, pp. 13-32.

15 I. Rogger, Scavi e ricerche sotto la cattedrale di Trento. Le varie opinioni sulle origini del Duomo di S. Vigilio. Elementi di topografia cristiana della Trento romana, «Studi Trentini di Scienze Storiche», 46, 1967, pp. 197-212; Id., Scavi..., Breve cronologia degli scavi. Ricostruzione architettonica della cripta vanghiana, ivi, 47, 1968, pp. 3-26; Id., Scavi..., Membra sparse della cripta vanghiana, ivi, 52, 1973, pp. 375-392; Id., Un sarcofago longobardo nel sottosuolo del Duomo di Trento, ivi, 53, 1974, pp. 102-107; Id., Scavi..., La cripta udalriciana, ivi, pp. 387-409; Id., Scavi..., La basilica paleocristiana di S. Vigilio in sette secoli di vita, ivi, 54, 1975, pp. 3-40. Ulteriori comunicazioni in Id., La basilica di San Vigilio nel corso dei secoli. Notizie sulle recenti operazioni di ricerca archeologica, «Rivista Diocesana Tridentina», 103, 1977, pp. 60-70; Id., Antiche memorie e vitalità cristiana nella cattedrale di S. Vigilio, ivi, pp. 379-385.

16 I. Rogger, Il Duomo di Trento, Trento, Museo Diocesano Tridentino, 2004 (2a edizione)

17 L’antica basilica di S. Vigilio in Trento. Storia, archeologia, reperti, a cura di I. Rogger ed E. Cavada, Trento, Museo Diocesano Tridentino, 2001.

18 I. Rogger, Simone di Trento, in Enciclopedia Cattolica, XII, Città del Vaticano, 1954, coll. 463-465; Id., Simon hl.… in Trient, in Lexikon für Theologie und Kirche, IX, Freiburg im Breisgau, 1964, col. 772; Id., Simone di Trento, in Bibliotheca Sanctorum, XI, Roma, 1968, coll. 1184-1188; Id., Simon von Trient. Eine Ritualmordlegende und ihre Bewältigung, «Tiroler Heimat», 50, 1986, pp. 101-108; Il principe vescovo Johannes Hinderbach..., a cura di I. Rogger e M. Bellebarba, cit. supra, nota 13.

19 W. P. Eckert, Beatus Simoninus. Aus den Akten des Trienter Judenprozesses, in Judenhass. Schuld der Christen?! Versuch eines Gesprächs, a cura di W. P. Eckert e E. L. Ehrlich, Essen, Hans Driewer, 1964, pp. 329-357; trad. it. di P. Piechele, Il beato Simonino negli «Atti» del processo di Trento contro gli Ebrei, «Studi Trentini di Scienze Storiche», 44 (1964), pp. 193-221; Id., Aus den Akten der Trienter Judenprozesses, in Judentum im Mittelalter. Beiträge zum Christlich-Jüdischen Gespräch, a cura di W. P. Eckert e P. Wilpert, Berlin, Walter de Gruyter (Miscellanea Mediaevalia, 4), 1966, pp. 282-336; Id., Motivi superstiziosi nel processo agli ebrei di Trento, in Il principe vescovo Johannes Hinderbach…, a cura di I. Rogger e M. Bellebarba, cit., pp. 383-394.

20 D. Quaglioni, Propaganda antiebraica e polemiche di Curia, in Un pontificato e una città: Sisto IV (1471-1484), a cura di M. Miglio, F. Niutta, D. Quaglioni e M. Ranieri, Roma, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1986, pp. 243-266; Battista de’ Giudici, Apologia Iudaeorum. Invectiva contra Platinam. Propaganda antiebraica e polemiche di Curia durante il pontificato di Sisto IV (1471-1484), edizione, traduzione e commento a cura di D. Quaglioni, Roma, Roma nel Rinascimento (Inedita, 1), 1987.

21 Processi contro gli ebrei di Trento (1475-1478), I, I processi del 1475, a cura di A. Esposito e D. Quaglioni, Padova, CEDAM (Università di Trento, Dipartimento di Scienze Giuridiche, 8), 1990; cfr. D. Quaglioni, Das Inquisitionsverfahren gegen die Juden von Trient (1475-1478), in Ritualmord. Legenden in der europäischen Geschichte, a cura di S. Buttaroni e S. Musiał, Wien-Köln-Weimar, Böhlau Verlag, 2003, pp. 85-130; A. Esposito, Das Stereotyp des Ritualmordes in den Trientiner Prozessen und die Verehrung des “Seligen” Simone, ivi, pp. 131-172.

22 Vedi ora: Processi contro gli ebrei di Trento, II, I processi alle donne (1475-1476), a cura di A. Esposito e D. Quaglioni, Padova, CEDAM (Università di Trento, Dipartimento di Scienze Giuridiche, 80), 2008.

23 Vedi infra, Addendum.

24 Omaggio a Iginio Rogger. Conferimento della laurea honoris causa in Giurisprudenza, Trento, 12 aprile 2006, a cura di D. Quaglioni e F. Zuelli, Padova, CEDAM (Università di Trento, Dipartimento di Scienze Giuridiche, 72), 2008.

25 Processi contro gli ebrei di Trento, 1475-1478, II, I processi alle donne, 1475-1476, a cura di A. Esposito e D. Quaglioni, cit.

26 Vero e falso nelle carte processuali: la parola «data» e la parola «presa», in Vero e falso. L’uso politico della storia, a cura di M. Caffiero e M. Procaccia, Roma, Donzelli, 2008, pp. 63-82.

Top of page

References

Electronic reference

Diego Quaglioni, « Elogio di Monsignor Iginio Rogger », Laboratoire italien [Online], 11 | 2011, Online since 15 November 2011, connection on 29 July 2014. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/591 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.591

Top of page

About the author

Diego Quaglioni

Università di Trento

By this author

Top of page

Copyright

© ENS Éditions

Top of page