Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Lectures

Daniele Edigati e Lorenzo Tanzini, prefazione di Mario Montorzi , Ad statutum florentinum. Esegesi statutaria e cultura giuridica nella Toscana medievale e moderna.

Giuliano Marchetto
p. 332-334
Bibliographical reference

Pisa, Edizioni ETS, 2009, 213 pagine, 22 €.

Full text

1Il libro di Daniele Edigati e Lorenzo Tanzini va ad occupare un posto di rilievo nell’ampio panorama della letteratura sulla normativa statutaria. Si tratta di una approfondita ricerca, condotta su fonti manoscritte, che ha per oggetto la letteratura del commento allo statuto di Firenze dalla metà del xiv al xix secolo.

2Nella prefazione al volume, Mario Montorzi ricorda che la normativa fiorentina estese la sua influenza ben oltre la cerchia delle mura cittadine, fino ad assumere una funzione quasi costituzionale nel Jurisdiktionstaat mediceo. Da questa fortuna non è estranea, come dimostrano gli autori seguendo le vicende degli statuti del 1415 nel corso dei secoli, l’opera di esegesi e commento esercitata intorno ai medesimi.

3L’origine del genere è collocata in quello stesso torno d’anni in cui si stava lavorando alla sistemazione del diritto statutario che sfociò poi nella redazione del 1415 e quindi trovò il suo primo e decisivo sviluppo in un’età che, dopo la svolta trecentesca, vide i giuristi dotti particolarmente impegnati nell’interpretazione del testo statutario con gli strumenti, le categorie e le soluzioni del diritto comune. Il Tre-Quattrocento segnò anche il superamento delle residue diffidenze delle autorità comunali verso il giurista e una maggiore integrazione di questi nelle istituzioni. Tale integrazione, testimoniata dall’opera di commento di cui si parla, rappresentò, nel caso fiorentino, un’occasione di crescita per una legislazione la cui vita e fortuna dipesero proprio dalla ricchezza di un’interpretazione condotta a diversi livelli, da quello alto dei «professori» a quello più attento alle esigenze della pratica, ma nient’affatto privo di dottrina, dei commentatori degli statuti, protagonisti assoluti di questo libro. Per quanto non mancassero doctores che annotavano lo statuto, furono soprattutto i professionisti del foro a dedicare le loro energie a questo tipo di commento e da ciò dipese, nel corso del tempo, la selezione dei libri e delle rubriche su cui si concentrò l’attenzione degli interpreti. Furono così le norme sul processo, civile soprattutto, sulle successioni, sul fallimento e la legislazione antimagnatizia a ricevere la maggior mole di commenti a scapito dei libri sulle magistrature e l’assetto istituzionale del comune. Per quanto il commento statutario avesse fin dai suoi inizi la natura di un’opera aperta, alcune figure di commentatori attivi tra il xiv e il xv secolo, come Alessandro di Salvi Bencivenni e Tommaso Salvetti, meritano una menzione, poiché non solo stabilirono i caratteri di un genere fortunato, ma divennero poi un punto di riferimento cui guardarono i giuristi dei secoli successivi al fine di trovare un suggerimento per la soluzione di casi particolarmente intricati, cui non era possibile arrivare senza l’aiuto di quell’antica e profonda lettura delle norme. L’esame della loro opera contribuisce inoltre a delineare i caratteri che il genere del commento agli statuti a poco a poco assunse: la precoce separazione dal testo statutario (seguendo il modello del commento al Corpus Juris dei doctores), la natura di declaratio delle annotazioni e delle postille aggiunte al testo statutario, il costante riferimento alle opere della dottrina e in particolare ai consilia (spesse volte ricopiati integralmente) associato al ricordo delle cause giudiziarie più significative. Come notano gli autori, è in questo modo che il commento, soprattutto dopo il fondamentale lavoro di Salvetti, avviato a ricoprire il ruolo di autorità indiscussa, cominciò a presentarsi come una raccolta di vicende giudiziarie di diversa natura che consente peraltro allo storico di cogliere, dietro l’apparente fissità di un testo normativo, la vivacità di una società complessa e conflittuale. I commentatori furono infatti uomini pienamente immersi e coinvolti nella vita politica del comune, tanto che le loro opere finirono anche per essere il luogo di registrazione dei cambiamenti istituzionali interni alla città. Così l’incremento o la diminuzione dell’attenzione e dunque della mole dei commenti alle varie parti dello statuto sono un sicuro indice di mutamenti interni alla società fiorentina, dovuti magari alla comparsa di una nuova magistratura (come la costituzione della Rota civile nel 1502) o per esempio alla tendenza, non limitata in questo caso alla sola Firenze, che determinò la fuoriuscita del penale dall’ambito strettamente statutario. Al tempo stesso fu grazie a questi commenti, attenti ad ogni innovazione normativa, che i pratici si tenevano aggiornati sull’evoluzione dell’ordinamento, altrimenti non agevolmente controllabile. Con caratteri non molto diversi da quelli di cui si è detto, la pratica del commento attorno alla fonte statutaria proseguì fino al Settecento, annoverando tra i suoi maggiori cultori Giovan Battista Asini, Francesco Lenzoni, Geri Spini. Interessante, a questo proposito, l’esame condotto da Edigati e Tanzini intorno alla possibile incidenza di questa letteratura sulla giurisprudenza dei tribunali civili dello Stato toscano da cui emerge come, di fronte a particolari difficoltà interpretative, i giudici facessero ricorso all’opera dei commentatori, anche risalenti, quale sede del maggiore approfondimento teorico-pratico della normativa statutaria. Ciò contribuì non poco, come rilevano opportunamente gli autori, alla penetrazione «nel macrosistema del diritto comune» delle opinioni espresse negli apparati agli statuti. L’inserimento in tale più ampio panorama attenuò la relazione con il contesto in cui quelle opinioni erano nate, mostrandone appieno la natura dottrinale e una vocazione a superare i confini della città.

4Nell’ultima parte del libro, intitolata «Percorsi tematici», sono illustrati il lavoro e il contributo offerti dai commentatori intorno a due temi di grande delicatezza, per l’evidente intreccio tra diritto e politica che li caratterizza. Si tratta delle annotazioni a quei luoghi del secondo libro degli statuti che affrontano il rapporto della repubblica fiorentina con le istituzioni ecclesiastiche e alla rubrica dedicata alla disciplina della dote in caso di premorienza della moglie rispetto al marito (in particolare, nel caso in cui si tratti di una vedova convolata a seconde nozze). Dall’esame di questi casi appare come la disciplina concretamente vigente dipendesse, prima ancora che dalle innovazioni legislative, dall’interpretazione degli annotatori dello statuto, che guidavano la pratica del foro ad un’applicazione delle norme in questione sempre agganciata alla contingente situazione politica. Così si spiega l’attenzione degli interpreti per le norme che ripartivano la competenza giurisdizionale tra il tribunale civile e quello canonico e per la cosiddetta eccezione declinatoria della giurisdizione che permetteva di interrompere una causa dinanzi al giudice del Comune per trasferirla, ratione peccati, dinanzi a quello canonico. La soluzione di tali problemi, come si può ben comprendere, non poteva che disegnarsi sullo sfondo dei rapporti tra Firenze e la Santa Sede e l’opera dei commentatori, in particolare di Tommaso Salvetti, si distinse per il tentativo di difendere le prerogative del legislatore laico di fronte alle rivendicazioni papali. Allo stesso modo, la sorte della dote della moglie premorta al marito non era una questione che metteva in gioco un interesse meramente privato, bensì un interesse che la repubblica pretendeva di risolvere secondo il prevalente criterio della utilitas publica, per il quale era opportuno escludere i figli di primo letto dalla successione nella dote della madre. I commentatori, ponendo le norme cittadine in dialettica con il diritto comune, svolsero allora una funzione equitativa, in difesa dei diritti dei figli di primo letto della vedova rimaritata e anche in questo caso il loro intervento fu tutt’altro che neutro e puramente illustrativo.

5In conclusione, il lavoro di Edigati e Tanzini richiama la nostra attenzione su una fonte la cui rilevanza appare evidente per diversi motivi. Innanzitutto va ricordata la sua lunga durata (la pratica del commento allo statuto si stende dal secolo xiv fino a tutto il xviii), associata al gran numero delle copie statutarie annotate, segnalate dagli autori in un preciso e circostanziato repertorio in appendice. In secondo luogo, emerge come i commentatori degli statuti, pur senza dar vita a un vero e proprio diritto patrio toscano, siano però la viva testimonianza di una cultura giuridica comune. Infine, da questa indagine è emerso come gli autori esaminati, pur ispirati da intenti essenzialmente pratici e rifuggendo da ogni intento di definitiva sistematizzazione del diritto cittadino, abbiano ricoperto un ruolo di primo piano nel mettere in relazione, attraverso gli strumenti dell’interpretazione, la legislazione cittadina e la dottrina, il diritto proprio e il diritto comune e ciò anche in secoli che si è soliti disegnare come i secoli della crisi del diritto comune assecondando una ricostruzione storiografica che, anche giovandosi del libro di Daniele Edigati e Lorenzo Tanzini, è opportuno rimettere in discussione.

Top of page

References

Electronic reference

Giuliano Marchetto, « Daniele Edigati e Lorenzo Tanzini, prefazione di Mario Montorzi , Ad statutum florentinum. Esegesi statutaria e cultura giuridica nella Toscana medievale e moderna. », Laboratoire italien [Online], 11 | 2011, Online since 15 November 2011, connection on 28 July 2014. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/603

Top of page

Copyright

© ENS Éditions

Top of page