Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
La vie intellectuelle entre fascisme et République 1940-1948
1. Cultures

Giuristi e cultura giuridica dal fascismo alla Repubblica (1940-1948)

Juristes et culture juridique entre fascisme et République (1940-1948)
Ernesto De Cristofaro
p. 63-80

Abstracts

La scienza giuridica ha ricoperto, durante il regime fascista, un ruolo di primo piano. Molti dei suoi esponenti hanno occupato importanti cariche istituzionali e hanno partecipato alla monumentale operazione di riscrittura dei quattro Codici (civile, penale, processuale penale, processuale civile), che il fascismo ha promosso per anni. Durante l’esecuzione di essa, nessuno di coloro che vi prese parte esitò a sottolineare la circolarità e la coerenza tra i fini politici perseguiti e i mezzi giuridici che erano loro strumentali. Dopo la guerra, i Codici rimangono come uno dei lasciti più ingombranti dell’era appena conclusasi. Ma la scienza giuridica italiana, spesso per bocca degli stessi studiosi che avevano lodato l’impostazione statalista e autoritaria delle leggi introdotte dal regime con la codificazione, compie un lavoro di minimizzazione e rimozione. I Codici vengono presentati come un prodotto neutro, niente affatto compromesso con le matrici culturali del passato e frutto di un’autonoma elaborazione dottrinale, destinata a spiegare i suoi effetti per un lungo tempo a venire.

Top of page

Full text

Le testimonianze del tempo che fu […] sono concordi nel definire quel che è avvenuto un ventennio fa come l’aprirsi di una parentesi nella storia del popolo italiano.
S. Satta, De Profundis (1944)

1Provvisorietà e permanenza concorrono a definire, in modo complementare, le relazioni che hanno legato gli esponenti della cultura giuridica italiana al regime fascista. Da un lato, pochi altri ambiti del mondo accademico e intellettuale hanno avuto una rappresentanza altrettanto forte e prolungata sulla scena politica, all’interno di sedi istituzionali di primo piano. Si pensi, solo per citare i casi più celebri, ai nomi di Alfredo Rocco, Pietro De Francisci, Arrigo Solmi, Alfredo De Marsico, Carlo Costamagna, Santi Romano. Ma, allo stesso tempo, tale posizione è stata l’esito di una mediazione con le pretese egemoniche della politica fascista, che ha fatto sì che molti studiosi abbiano dovuto accettare di vedere indebolito il loro ruolo e posta tra parentesi l’autonoma elaborazione del loro sapere nella misura in cui l’agibilità dello spazio pubblico si restringeva e con essa si riduceva il libero confronto delle idee. In sostanza, il regime fascista, pur fregiandosi della collaborazione di eminenti studiosi, con la sua prassi manda in pezzi l’idea che all’intellettuale, e dunque anche allo scienziato-giurista, spetti partecipare all’organizzazione civile del proprio tempo.

  • 1 A. Belfiore, Interpretazione e dommatica nella teoria dei diritti reali, Milano, Giuffré, 1979, pp. (...)

Col consolidarsi del regime fascista – scrive Angelo Belfiore – il rapporto dell’intellettuale col proprio tempo è, tendenzialmente, destinato a svolgersi secondo questi tre diversi modelli : 1) la partecipazione nella forma della subordinazione a un esistente che si sa trovare aliunde la sua direzione ; 2) la partecipazione, nella forma del rifiuto dell’esistente ; il quale rifiuto (mascherato o, addirittura, intimistico) anche a causa dei fattori che ne sono all’origine, finisce, tendenzialmente, col costringere l’attività di conoscenza entro il circolo dei problemi definiti, più o meno direttamente, dal tema della perduta libertà […] ; 3) l’estraneazione, che, si badi bene, è atteggiamento diverso dal rifiuto, giacché essa implica, a differenza di quello, l’assenza della problematica stessa della gestione, della direzione del tempo storico.1

2Questo non toglie che vi fossero, anche, autori persuasi della possibilità di indirizzare col proprio magistero il corso delle cose, convinti che si potessero saldare reale e razionale e che l’ordine politico-sociale garantito dal governo fosse speculare a un ordine teorico la cui cifra sarebbe stata distillata nelle aule universitarie, negli articoli sulle riviste, nelle monografie scientifiche. Ma osservando meglio, lungo gli anni, la posizione di quanti rivendicavano la nettezza di tale divisione di ruoli non è difficile scorgere da quante ipoteche essa fosse, in effetti, gravata.

3Il dialogo sui concetti giuridici, che coinvolge Salvatore Pugliatti e Arturo Carlo Jemolo, ha in proposito un valore esemplare. Esso comincia con un articolo di Pugliatti, ordinario di Diritto civile a Messina e Preside della facoltà giuridica, apparso nel 1935 e si snoda nell’arco di dieci anni. Occupandosi dei limiti alla facoltà di alienazione di beni verso determinati soggetti – la questione dell’inefficacia relativa o doppelwirkung, come era designata in sede dottrinale – introdotta dal paragrafo 139 del Codice civile tedesco, Pugliatti afferma che i concetti della scienza giuridica vanno ricavati per astrazione e generalizzazione dal dato normativo, tuttavia :

  • 2 S. Pugliatti, Logica e dato positivo in rapporto ad alcuni fenomeni giuridici anomali, « Archivio G (...)

Se un concetto giuridico è conforme al dato, non può essere negato da elementi razionali ricavabili dal dato stesso […]. Una volta costruito il concetto in conformità al dato, esso va sistemato, cioè posto in armonia con gli altri concetti ricavati dallo stesso dato, e se tutti i concetti sono legittimamente dedotti, l’armonia è, in rebus, fuori discussione ; nei concetti sarà possibile a condizione che gli strumenti della logica vengano rigorosamente adoperati.2

  • 3 Ibid., p. 162.

4Questa posizione rappresenta una delle modalità in cui si concretizza l’allontanamento del lavoro del giurista dalla prassi politico-sociale della sua epoca. Il rifugiarsi in un concettualismo geometrico, che arriva persino ad avanzare un parallelismo tra la traduzione in termini logici della legge di gravità e il mondo dei fenomeni giuridici3 – che non è, a differenza di quello fisico, regolato da rapporti di causalità naturale – esprime la più netta divaricazione tra la storia e la riflessione intellettuale. Jemolo replica alle tesi di Pugliatti concedendo che nel sistema del diritto debba esservi una relazione organica tra le varie parti e che lo scardinamento o il rimescolamento teorico conseguente a un intervento normativo che non tenga conto della grammatica giuridica può avere effetti caotici ; tuttavia aggiunge, con realismo, che il legislatore non si lascia certamente intimorire dalle elaborazioni dottrinali e che nella sua azione è mosso da finalità pratiche ben più cogenti di quanto possa essere un ostacolo posto dall’uno o dall’altro schema da rispettare :

  • 4 A. C. Jemolo, I concetti giuridici, originariamente in « Atti dell’accademia delle Scienze di Torin (...)

L’accentuarsi del fenomeno di affrancazione del legislatore dalla teoria e dalla preoccupazione della generalità (con la conseguenza che la figura giuridica tenda a divenire una specie di risultante media, la quale ha bisogno nelle singole applicazioni di essere saggiata ai fini concreti propostisi dal legislatore con la legge che si tratta di applicare) appare dunque qualcosa che segue del tutto fuori dell’ambito dei giuristi, in sfere politiche e sociali sulle quali i giuristi non esercitano alcun potere […].4

  • 5 Ibid., p. 116.

5Per definizione, il lavoro del giurista, secondo Jemolo, occupa una posizione secondaria rispetto all’opera del politico. Esso non è un compito creativo giacché il giurista « squadra, misura e distribuisce il terreno che gli altri hanno creato »5. Ma questa ammissione, lungi dal deresponsabilizzare gli studiosi di diritto, dovrebbe spingerli a lavorare senza chiudere gli occhi e senza fabbricarsi mondi paralleli a quello reale, abitati da pure essenze in nessun modo capaci di signoreggiare la volontà del legislatore.

  • 6 Lo stesso Pugliatti « chiarirà » cosa intendeva con la nozione di armonia sistematica tra le norme (...)
  • 7 S. Pugliatti, La logica e i concetti giuridici, « Rivista di diritto commerciale », XXXIX, 1941, p. (...)

6Nei due testi successivi le posizioni restano, pressoché, immutate. Nella sua controreplica, Pugliatti asserisce che, anche riconoscendo il carattere relativo dei concetti giuridici, non si può arrivare alla loro svalutazione e ad accettare il caos risultante dalla pluralità asistematica delle norme6. D’altra parte, l’opera legislativa è inseparabile dai risultati della tradizione ermeneutica sul diritto, che nei secoli ha forgiato gli strumenti dei quali la politica deve servirsi. Pertanto, il lavoro di analisi e affinamento teorico dei giuristi riveste una centrale importanza. Nonostante le pressanti esigenze imposte dalla gestione di un quadro economico-sociale che muta senza interruzione, il legislatore e i giuristi devono collaborare. Come il primo non è autorizzato « ad abbandonarsi alla frenesia della confusione caotica », così gli altri non possono « cancellare il lavoro prezioso e sacro delle generazioni che li hanno preceduti »7. L’attualità politica entro la cui cornice Pugliatti scrive sembra offrire un vivido esempio di questa necessaria collaborazione. A proposito della complessiva riforma dei Codici che impegna il regime fascista per più di un decennio, dal 1930 al 1942, e investe tutti i principali rami della legislazione (penale, processuale penale, civile e processuale civile), egli scrive :

  • 8 Ibid.

Non si vorrà certo sostenere la necessità di sanzionare nell’atto di formazione della legge il divorzio tra il tecnico del diritto e l’organo legislativo. Del resto una posizione così ingiustificata di sfiducia è negata nella pratica : le commissioni legislative che presiedono alla formazione di leggi organiche o di codici accolgono nel proprio seno larghe schiere di giuristi, che vi sono chiamati nella loro qualità di scienziati e tecnici. Non solo, ma in ogni tempo le riforme legislative di una certa importanza (per es. l’attuale riforma dei codici), rivelano in grado piuttosto elevato la tendenza a un perfezionamento tecnico del diritto vigente (altra questione è – naturalmente – accertare fino a che punto si giunga in concreto a conseguire tale fine).8

  • 9 Ibid., p. 211.

7La realtà del giurista, tuttavia, per Pugliatti è « tutta nel sistema dei concetti che egli elabora sul dato positivo »9. Da questo punto di vista, nessuna grezza insorgenza, nessun fatto di ordine storico-sociale può intaccare la tenuta rigorosa dell’intelaiatura concettuale della quale egli si serve. Tra la prosaica dimensione dei fatti e l’iperuranio mondo dei concetti, saranno i primi a doversi adattare ai secondi e il ruolo del giurista rispetto alla comunità di cui fa parte si sostanzia nell’indicare come questo avvenga. Nell’ultimo atto di questo confronto, Jemolo tornerà a ribadire che i concetti giuridici non sono altro che etichette applicate su fenomeni sociali, linee di separazione scaturite da costruzioni intellettuali e che, anche volendo ammettere una qualche realtà oggettiva dietro tali definizioni, nulla può trattenere il legislatore dall’usarle anche con riferimento a rappresentazioni del reale o a sfere di rapporti che poco o nulla hanno a che vedere con il modello di quelli da essi evocati sino a quel momento.

  • 10 A. C. Jemolo, Ancora sui concetti giuridici, originariamente in « Rivista di diritto commerciale », (...)

Nella realtà […] ciò che noi chiamiamo diritto positivo si scinde in una serie di leggi emesse in tempi diversi e quasi tutte ispirate a una diversa necessità, ad una diversa finalità concreta da raggiungere. Ora si verifica ben facilmente […] che il legislatore, per i fini pratici che di volta in volta si propone, foggi un concetto diverso da quella che in sé dovrebbe essere una eadem res : ad es. della famiglia, del pubblico impiegato, del reddito periodico.10

  • 11 Sulla discussione tra Pugliatti e Jemolo, si veda G. Calogero, La polemica sui concetti giuridici ( (...)
  • 12 Cfr. C. Pavone, Alle origini della Repubblica. Scritti su fascismo, antifascismo, continuità dello (...)

8Con un apparente paradosso, Pugliatti ritiene di esaltare il ruolo del giurista – in effetti de-situandolo dalla realtà – con l’insistere sull’elisione del momento volontaristico-politico che accompagna la produzione delle leggi ; laddove Jemolo riconosce che non vi è nessun « a priori » immodificabile, nessuna essenza universale nella cassetta degli attrezzi del giurista e che quando egli collabora con il legislatore, lo fa sulla base di fini e indirizzi che sono fissati da quello e rispetto al cui conseguimento tutto il suo bagaglio tecnico-professionale non ha che una funzione strumentale e gregaria11. Negli ideali dei giuristi vi è un edificio di leggi armonico e ordinato ma né sul piano della pura ragione né, tantomeno, sulla base dell’esperienza concreta, si può pretendere che l’opera innovatrice dei legislatori soddisfi tale aspettativa. Precisamente questo scarto rende lo statuto epistemologico del diritto aleatorio e la condizione della scienza giuridica esposta ai rovesci delle congiunture politiche. La lunga stagione della codificazione fascista ne è un esempio. Ma il suo decorso non vale solo a minimizzare le tesi di Pugliatti, ma anche a suggerire alcune riflessioni sulla transizione tra fascismo e democrazia. Visto che dell’esperienza politica del ventennio, i quattro Codici sono uno dei lasciti più duraturi e ingombranti. I Codici sono gran parte di ciò che transita culturalmente dal fascismo alla Repubblica e le condizioni di questo passaggio, il modo in cui esso viene filtrato dalle opinioni dei giuristi, depongono importanti elementi di valutazione sulla vexata quaestio della continuità-discontinuità tra l’uno e l’altra12.

9Vale la pena premettere che durante il regime, negli anni più prossimi alla guerra in cui la codificazione si avvia al suo compimento, nessuno dubita che la legge debba essere la trascrizione delle idee politiche e che i Codici siano il sigillo della Rivoluzione fascista, come il Code Napoleon lo era stato della Rivoluzione francese. Sul punto, Dino Grandi si esprime così :

  • 13 D. Grandi, Tradizione e rivoluzione nei Codici mussoliniani, « Stato e Diritto », marzo-aprile 1940 (...)

È stato espresso da taluno qualche dubbio sulla opportunità di procedere ad una Riforma dei Codici in questo particolare momento storico e si è insistito su di una pretesa separazione tra Politica e Diritto, onde limitare l’opera della Codificazione ad una pura revisione tecnica e formale degli istituti tradizionali. […] Ora noi crediamo che non solo non esistono confini o diaframmi tra Politica e Diritto, ma siamo convinti che fra essi vi sia invece un nesso assoluto in quanto rappresentano fasi indissociabili nel divenire di un Popolo. La Politica è la vita del Diritto : questo è della prima la certezza, l’unità, la forza. Il Diritto non è fatto soltanto di schemi e di categorie logiche sostanzialmente immutabili.13

10La posizione occupata da Grandi e il ruolo propulsivo da lui svolto nel completamento della codificazione grazie alla pubblicazione dei libri successivi al primo – uscito nel 1939 – del Codice civile e al varo del nuovo Codice di procedura civile (dopo che per quattro volte – 1923, 1926, 1934, 1937 – progetti in avanzata fase di elaborazione si erano arenati) giustificano il tono enfatico delle sue parole. Il Guardasigilli ha, dal suo punto di vista, ogni ragione per affermare che criteri ordinanti dell’attività legislativa del regime siano i principi che da sempre ne ispirano l’azione politica : autorità dello Stato, subordinazione dell’interesse del singolo all’interesse della collettività nazionale, concordia tra le classi sociali.

11La diversa insistenza sul coefficiente politico dei Codici nell’opinione dei giuristi quale è dato registrarla nel breve spazio tra l’inizio della seconda guerra mondiale e i primi anni dopo la sua fine è, viceversa, rivelatrice di come la dottrina italiana abbia rappresentato se stessa sul crinale tra due epoche e di come possa leggersi, alla luce di tali dati, la relazione tra neutralità tecnica e condivisione di intenti culturali tra i due mondi politico e scientifico.

  • 14 Cfr. M. Sbriccoli, Codificazione civile e penale, in Dizionario del fascismo, a cura di V. de Grazi (...)

12Vi sono settori di regolazione più immediatamente esposti agli imperativi del potere. È certamente il caso del diritto pubblico e, massimamente, del diritto penale. Sul terreno del diritto penale e delle leggi di pubblica sicurezza, il fascismo ha costruito larga parte della sua capacità di arginare le residue tensioni sociali e i, sempre più episodici, focolai di resistenza. Tanto il Codice penale che il Codice di procedura penale trascrivono fedelmente le matrici culturali autoritarie da cui provengono. Il Codice penale, oltre un generale innalzamento dei massimi sanzionatori rispetto al precedente testo, introduce nuove fattispecie di incriminazione a tutela del Capo del governo, della sicurezza dello Stato, dell’onore della nazione, della religione di Stato, dell’integrità e sanità della stirpe. Non arriva a sacrificare i principi di legalità, irretroattività e di divieto di applicazione analogica in caso di lacune come avviene nel sistema penale nazista, dove al giudice è consentito punire una condotta sulla semplice base della sua contrarietà al « sano sentimento popolare ». Tuttavia, accanto al sistema retributivo delle pene fondate sul fatto, il Codice Rocco ammette anche le misure di sicurezza, fondate sulla pericolosità del soggetto ed indeterminate nella durata massima. Inoltre, esso ha il supporto delle misure di prevenzione – adottate col Testo unico di pubblica sicurezza nel 1926 e perfezionate nel 1931 – che rendono punibile anche il crimen cogitationis, utilizzando espressioni come « manifestare propositi » o « dimostrare intenti » rispetto alla mera ideazione di reati. Il Codice di rito completa il quadro costruendo un processo che si articola su prove raccolte nella fase istruttoria in cui ogni intervento difensivo è precluso, omettendo di indicare termini massimi di carcerazione preventiva, decretando la sanabilità in ogni stato e grado anche dei vizi procedurali che avessero, eventualmente, inficiato il diritto di difesa, ponendo il pubblico ministero alle dipendenze del Ministro di Grazia e Giustizia e, pertanto, sottomettendone l’attività al controllo politico da questi esercitato14. Comprensibili i toni usati da Alfredo De Marsico e Vincenzo Manzini nel commemorare il decennale dall’entrata in vigore della nuova normativa penale sostanziale e processuale. Il primo, preconizzando un lungo avvenire al Codice penale, loda l’eclettismo teorico del legislatore che aveva consentito di avvalersi delle nuove acquisizioni della Scuola positiva pur senza abbandonare i consueti postulati della responsabilità individuale :

  • 15 A. De Marsico, Il primo decennale del Codice penale fascista, « Annali di diritto e procedura penal (...)

Il privilegio della nuova codificazione, riflesso del carattere essenziale della nostra Rivoluzione, è stato associare a principi della nostra tradizione classica (supremo quello della imputabilità morale), altri (preminentemente quello della pericolosità) senza i quali il diritto penale è incapace di conseguire i suoi fini. […] Così, introducendo fra le categorie dei delinquenti di maggiore pericolosità il delinquente per tendenza, la nostra legge penale ha conseguito una tappa avanzatissima dell’accordo tra antropologia e diritto.15

  • 16 « Fabbro del codice Rocco », secondo F. Cordero, Guida alla procedura penale, Torino, Utet, 1986, p (...)

13Il secondo, che di tutta la riforma penale era stato l’attore principale in sede scientifica e quanto al Codice di procedura pressoché l’unico interlocutore del Ministro16, ha toni non meno trionfali nel tratteggiare il bilancio del primo decennio dall’introduzione delle nuove regole :

  • 17 V. Manzini, Un decennio di applicazione del Codice di procedura penale Rocco, « Annali di diritto e (...)

Ora si deve riconoscere che il codice di procedura penale, sveltendo le forme processuali, rinforzando il principio di autorità, eliminando formalità ingombranti, introducendo disposizioni nuove dirette a far prevalere la sostanza sulla forma (parecchie delle quali hanno servito di esempio al nuovo codice di procedura civile), ha conseguito pienamente lo scopo della riforma. […] una riforma conforme allo spirito dello Stato fascista […].17

  • 18 V. Manzini, Trattato di Diritto penale italiano, vol. I, Torino, Utet, 1948, p. 74.

14La descrizione del percorso compiuto per arrivare al nuovo Codice penale ha, però, a leggerla nel Trattato di Manzini uscito dopo la guerra, un sapore completamente differente. Non soltanto Manzini minimizza la ricezione dei principi del positivismo criminologico (benché ricordi che della Commissione scientifica ministeriale che aveva seguito l’iter di formazione delle norme tra il 1925 e il 1929 avesse fatto parte anche Enrico Ferri), ma specifica che tutta l’operazione non era andata molto al di là di qualche ritocco al Codice del 1889 : « Ancorché emesso in regime fascista, il Codice del 1930 mantiene fede ai principî di quello del 1889, e di disposizioni ispirate a idee o a interessi fascisti ne contiene ben poche, nella parte speciale »18.

15Manzini non è il solo a voler separare la legislazione, di cui è stato tra i principali artefici, dal cono d’ombra del regime appena abbattuto. Nella scienza penalistica, già nell’immediato dopoguerra, si susseguono le prese di posizione di studiosi autorevoli che difendono il Codice vigente, ne sottolineano la buona fattura tecnica, ne escludono ogni filiazione teorica rispetto alla dottrina fascista. Giovanni Leone, ad esempio, ha buon gioco nel ridimensionare le vicende italiane sulla base di un confronto con le trasformazioni della legge penale e della giustizia in Germania, dove assai più forte era stato l’effetto della deriva totalitaria. In Italia non si era sovvertito il sistema dei principi, sicché la tassatività della legge penale e la definizione del reato come obiettiva lesione di un bene giuridico (opposta al Willenstrafrecht, il diritto penale ‘dell’intenzione’ di area tedesca) avevano continuato a svolgere una funzione di garanzia. Tuttavia, valendo in proposito i limiti che si sono già segnalati, alcune conclusioni di Leone non possono che apparire parziali :

  • 19 G. Leone, La scienza giuridica penale nell’ultimo ventennio, « Archivio penale », I, 1945, p. 28.

[…] i penalisti italiani, nel ventennio fascista, hanno resistito, con lo spirito della più coraggiosa indipendenza, a qualsiasi tentativo di infiltrazione del dato politico nel tradizionale sistema penale, il quale, per effetto di questo atteggiamento, è rimasto, per lo meno nelle grandi linee, salvo da ogni contaminazione politica.19

  • 20 Cfr. T. Delogu, L’elemento politico nel Codice penale, « Archivio penale », I, 1945, pp. 161-162.

16Più articolato appare il discorso svolto da Tullio Delogu, il quale riconosce la necessità di una revisione della legge penale di fronte alla mutazione del regime politico ma evidenzia, altresì, il rischio di una troppo sbrigativa confusione tra piano politico dei fini e piano tecnico dei mezzi. Le norme, secondo la sua analisi, vanno collegate piuttosto a quest’ultimo e rispettate nella loro dimensione tecnica, quand’anche gli scopi per cui erano state emanate fossero stati poi superati da una diversa opzione culturale retrostante20. Per dimostrare la scarsa permeabilità del Codice da parte dell’ideologia statolatrica, però, Delogu si sofferma sul principio dell’imputabilità :

  • 21 Ibid., pp. 169-170.

Il criterio dominante della subordinazione assoluta dell’individuo allo Stato avrebbe dovuto portare, come suo logico sviluppo nel campo penale, alla adozione del concetto di responsabilità legale sostenuto dalla Scuola positiva. […] Al contrario, il Codice ha mantenuto fermo il principio della responsabilità morale, che ha come suo presupposto il concetto dell’individuo capace di determinarsi, e come tale soggetto di diritti e di doveri. Non si applica la pena a chiunque in base ad una materiale esigenza di difesa dello Stato contro tutti i pericoli che possono minacciarlo, ma la si applica solo a chi ha disobbedito e perché ha disobbedito.21

  • 22 Cfr. C. Guarnieri, L’ordine pubblico e la giustizia penale, in Storia dello Stato italiano dall’Uni (...)

17Ora, come detto, il Codice Rocco mantiene sulle pene il criterio dell’imputabilità di derivazione liberale ma fa spazio alla difesa sociale attraverso le misure di sicurezza, nel cosiddetto « sistema del doppio binario ». Le misure, sebbene disciplinate legalmente, si rivelano in termini applicativi assai più duttili e come tali, secondo quanto aveva già rilevato De Marsico e quanto era presente nella Relazione al Re del Ministro Rocco22, particolarmente efficaci in termini di reazione repressiva. Tale struttura ibrida, fondata in parte sulla responsabilità ed in parte sulla pericolosità, mirava a superare le divisioni scolastiche in vista della concretezza del risultato : la difesa dello Stato e l’inibizione più stentorea di qualunque attentato alla quiete e all’ordine. Non necessariamente, però, l’ammettere che questi erano gli obiettivi di politica criminale si traduceva per gli studiosi nel rifiuto degli aspetti autoritari del Codice Rocco. C’è chi, come Silvio Ranieri, non esita ad attribuire l’adozione delle misure di sicurezza in un Codice che, per altri versi, si manteneva legato a una tradizione teorica opposta, a un naturale processo evolutivo della legislazione. Un processo che sarebbe giunto a maturazione con o senza il fascismo.

  • 23 S. Ranieri, Politica e diritto penale, « Critica penale », I, 1946, pp. 8 e 11 (corsivo nel testo o (...)

Senza dubbio esistono, quindi, innovazioni nel codice penale del 1930. E tra di esse la più saliente è quella delle misure di sicurezza. Ma, anche per queste, la ragione giustificatrice è da ricercare, non già nel mutamento dell’ordinamento politico, sibbene nella necessità, già avvertita anteriormente alla nascita del fascismo, di apprestare più adeguati mezzi legislativi di lotta contro la delinquenza, essendosi rivelati insufficienti a combatterla, particolarmente nei casi più gravi e preoccupanti, i comuni mezzi di repressione penale. […] È bene che gli italiani sappiano che il Codice penale del 1930 non è nato dalla testa di alcun gerarca fascista, ma è il prodotto di un dibattito scientifico, iniziato in Italia sul finire del secolo scorso, dal quale è scoccata una scintilla che ha portato luce in tutto il mondo civile.23

  • 24 Cfr. G. Neppi Modona, Tecnicismo e scelte politiche nella riforma del Codice penale, « Democrazia e (...)

18Secondo la lettura di Guido Neppi Modona, invece, l’innesto della Scuola positiva sul tronco del Codice Rocco va ben al di là della parte relativa agli strumenti sanzionatori. Le modifiche in tema di tentativo, coll’abbandono del criterio garantistico dell’inizio di esecuzione, in tema di partecipazione, coll’equiparazione di tutti i concorrenti a prescindere dal contributo, e in tema di stati emotivi e passionali, coll’esclusione della loro rilevanza in favore della responsabilità legale, tradiscono una profonda « disonestà intellettuale » e l’effettiva congenialità tra la concezione autoritaria del diritto penale e la strumentalizzazione dei risultati dell’antropologia e della sociologia criminale. Una disonestà su cui la dottrina a lungo non ha trovato di meglio che elaborare sottili distinzioni tra aspetti tecnici e politici del Codice24.

  • 25 È evidente, in ogni modo, che l’assetto dei rapporti tra privati risente delle opzioni culturali es (...)

19Il Codice civile disciplina, sotto i profili personale e patrimoniale, i rapporti tra privati. Pertanto, esso tende a tenersi più al riparo dai cambiamenti che investono la politica25. In un regime autoritario, tuttavia, in cui si proclama « tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato », questi confini diventano molto labili. Anche il Codice civile reca tracce dell’epoca fascista. Alcune di esse, le disposizioni che toccano la sfera personale (regole sulla patria potestà, sull’adozione, sulla tutela, sugli impedimenti matrimoniali e sulla « protezione » dei figli di coppie miste relativamente alle leggi razziali) risentono del forte spirito dirigistico dello Stato in ambito familiare e demografico. Ma anche per quel che riguarda il diritto dell’economia, il regime prova a far valere il proprio ruolo perequativo nell’ottica della mediazione tra gruppi e interessi. L’ideale della collaborazione tra le forze produttive in vista dell’utilità generale anima la Carta del lavoro, i cui principi, secondo una legge del 1941, valgono come principi generali dell’ordinamento giuridico. Pertanto, anche nel Codice si prova a contemperare iniziativa privata e responsabilità dell’impresa, economia ed etica, attraverso una forte sottolineatura dei doveri di buona fede, correttezza e solidarietà nei rapporti obbligatori. Inoltre, il sistema dei diritti soggettivi, in primis il diritto di proprietà, viene declinato nel senso della subordinazione del singolo allo Stato. La proprietà non ritaglia uno spazio separato e intangibile ma va letta nella sua funzione sociale.

  • 26 F. Vassalli, Motivi e caratteri della codificazione civile, Milano, Giuffré, 1947, p. 22.

Il Codice civile cessato – scrive Filippo Vassalli, figura di riferimento tra gli studiosi incaricati della redazione del testo del 1939-1942 – e in generale i Codici dell’Ottocento presentavano ancora la disciplina di rapporti atomistici, tra individui in regime di libera concorrenza, conforme al concetto che l’interesse generale coincida col libero esercizio dei diritti individuali […]. Il diritto soggettivo figura ancora nel Codice […] ma lo spirito della legge è mutato. I fini ai quali l’attività umana si volge e per cui chiede protezione sono tutti minutamente valutati dal legislatore […].26

  • 27 Cfr. L. R. Franck, Il corporativismo e l’economia dell’Italia fascista, a cura di N. Tranfaglia, To (...)
  • 28 G. B. Ferri, Fascismo e concezioni del diritto, in Id., Il potere e la parola e altri scritti di di (...)

20Guardando alla reale azione del regime fascista sul terreno dell’economia si può, però, misurare la distanza tra le dichiarazioni di intenti del Codice e l’effettiva instaurazione di un sistema sociale meno piramidale nella distribuzione delle risorse27. Esclusi alcuni limitati interventi in tema di destinazione sociale della proprietà fondiaria e in materia di lavoro, il sogno corporativo resta, perlopiù, un sogno e la cultura giuridica espressa dal Codice civile una cultura « compromissoria ed anche ambigua, sospesa ed irresoluta tra istanze liberiste […] e quelle istanze dirigiste e stataliste, proprie di un regime illiberale, quale indubbiamente il fascismo fu »28.

21Il risveglio da questo sogno appare, seppure con intensità differente, sgradevole e traumatico anche a chi dei meriti del Codice cerca, nonostante tutto, di ergersi a difensore e di salvare ciò che sembra possa sopravvivere alla fine del fascismo, come Giuseppe Ferri che scrive :

  • 29 G. Ferri, Del codice civile, della codificazione e di altre cose meno commendevoli, « Il Foro Itali (...)

La novità del Codice civile, la sua grande conception […] avrebbe dovuto essere nell’idea corporativa. Ma quest’idea non si è trasfusa nel codice ; non però […] per disonestà dei compilatori, ma piuttosto perché non si conosceva in che cosa essa consistesse […]. La pretesa eliminazione del conflitto tra imprenditore e lavoratore, che avrebbe dovuto costituire l’essenza dell’idea corporativa, non era raggiunta.29

22Ma ancor più a chi afferma il carattere mistificatorio delle promesse sociali del regime e vede nelle disposizioni codicistiche, che di quelle sarebbero dovute essere l’incarnazione, altrettanti specchietti per le allodole, come Lorenzo Mossa che, a proposito del mantenimento delle società anonime nel sistema del Codice ed auspicandone una totale riscrittura, afferma :

  • 30 L. Mossa, Verità sul codice civile fascista, « Monitore dei Tribunali », II, 15 gennaio 1947, p. 53

Era inutile proclamare la socialità della impresa se il principio non si reincarnava nella disciplina del capitalismo che regge la massa potente delle imprese economiche. […] Il legislatore italiano che aveva accettato di dare forma legale ai comandi occulti della grande industria rese in questa parte del Codice i servizi più desiderati […].30

23Nel processo civile si fanno valere, per lo più, interessi di privati cittadini e per tale ragione sono questi che promuovono l’azione e il giudice è tenuto a decidere entro i limiti delle questioni formulate dalle parti. Cionondimeno, il regime fascista intende dar corpo nella sede del processo, la solenne cornice in cui la legge viene applicata, al principio di autorità. Il legislatore non può essere indifferente verso quanto avviene nelle aule dei tribunali e deve, anzi, assicurare che tutto vi si svolga nel modo più ordinato, celere, giuridicamente rigoroso. Per questo, nel presentare il Codice di procedura civile che vede la luce nel 1940, il ministro Grandi afferma :

  • 31 D. Grandi, Il nuovo processo civile. Discorso pronunciato nel Senato del Regno il 10 maggio 1940-XV (...)

Il nuovo codice non è il risultato di concezioni particolaristiche o di costruzioni astratte o dottrinali […]. Il nuovo codice accentua i caratteri pubblici del processo civile. La riforma del processo civile, come tutta la codificazione, prima di essere un problema tecnico è un problema politico.31

  • 32 Di F. Carnelutti si vedano : In difesa del maresciallo Rodolfo Graziani, a cura di A. R. Russo, « L (...)
  • 33 Cfr. S. Rodotà, Calamandrei, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell’Enciclope (...)
  • 34 Cfr. M. Taruffo, La giustizia civile in Italia dal ’700 a oggi, Bologna, Il Mulino, 1980, pp. 281-2 (...)
  • 35 Si vedano almeno : F. Cipriani, Il Codice di procedura civile tra gerarchi e processualisti, Napoli (...)
  • 36 Su cui, pur con qualche riserva, conviene A. Proto Pisani, Il Codice di procedura civile del 1940 f (...)

24All’ultima fase dei lavori preparatori del Codice di procedura prende parte una commissione formata da tre illustri studiosi : Enrico Redenti, Francesco Carnelutti e Piero Calamandrei. Se le opinioni politiche dei primi due non hanno destato particolari perplessità in ordine a tale incarico32, più problematico è apparso il ruolo del terzo. In proposito si sono formati due orientamenti : secondo il primo, la collaborazione di Calamandrei avrebbe denunciato la sua ambiguità rispetto al fascismo, di cui dopo l’armistizio diverrà un fiero e cospirativo oppositore, stanti i tratti autoritari del Codice che di certo non potevano sfuggire a uno studioso del suo acume e della sua preparazione e rispetto al quale – si concede – egli riuscì al più a portare a termine un’azione di limatura, spuntando i più affilati aculei ideologici del testo33 ; i sostenitori del secondo affermano, viceversa, che il Codice del 1940 aveva sì un’impostazione pubblicistica, in linea con tendenze emerse in dottrina già nei decenni precedenti, ma non certamente autoritaria, che il regime non aveva nessun particolare interesse a « fabbricare » un codice oppressivo nei confronti delle parti private e che, al di là di ciò, il ruolo di Calamandrei non fu più di tanto significativo e non determinò alcuna compromissione ideologica col fascismo34. Ma soprattutto un autore, Franco Cipriani, ha compiuto vaste ricerche per chiarire i rapporti tra Calamandrei e il regime fascista, e il Ministro Grandi in particolare. I suoi lavori – saggi e articoli che si sono accumulati nell’arco di circa vent’anni e hanno, sulla base di una ricca documentazione archivistica, attraversato tanti aspetti della questione, sia di ordine storico-biografico che di ordine più strettamente dottrinale – sono un punto di confronto imprescindibile35. La tesi più volte espressa da Cipriani è che il Codice di procedura contiene svariate disposizioni di stampo autoritario – attribuisce al giudice la possibilità di arresto immediato del testimone mendace, gli riconosce la facoltà di disporre ispezioni corporali, assegna al pubblico ministero il potere di introdurre prove non richieste dalle parti, stabilisce limiti e preclusioni sulle domande proponibili dai privati e sulla loro rinnovabilità in appello – ma che sarebbe stato impossibile immaginare in quel contesto storico-politico un testo imperniato su criteri differenti. La posizione di Calamandrei è quella di un uomo perfettamente avvertito di quanto sta avvenendo e, al tempo stesso, privo della possibilità di interferire positivamente se non cercando, dove può, di limitare i danni. Magari sollevando obiezioni di taglio pratico-attuativo per attenuare l’effetto di disposizioni dal suo punto di vista forse emendabili anche sotto il profilo ideologico. Tale lettura36 è, in qualche modo, confermata dalle stesse parole di Calamandrei, apparse in un articolo pubblicato poco dopo il varo del Codice, nel quale vengono ripresi i temi che avevano animato il confronto tra Pugliatti e Jemolo.

  • 37 P. Calamandrei, Il nuovo processo civile e la scienza giuridica, « Rivista di diritto processuale c (...)

È certo – scrive Calamandrei – che quando il giurista partendo dalla conoscenza del diritto vigente è tratto a prevedere e a suggerire l’ius condendum, fa opera non di puro scienziato, ma, anche senza volerlo, opera di politico, in quanto i suoi suggerimenti, sebbene appoggiati su premesse scientifiche […] agiscono come forze che dirigono la condotta degli uomini e contribuiscono a preparare le leggi dell’avvenire.37

  • 38 Id., La certezza del diritto e le responsabilità delle dottrina, « Rivista di diritto commerciale » (...)

25Calamandrei non rinuncia a separare le posizioni, ad attribuire al giurista il compito di interpretare ed applicare la legge secondo quella terzietà che fa sì che essa sia un vero e proprio presidio di uguaglianza formale dei cittadini. Il giurista in quanto tecnico – in quanto avvocato, pubblico funzionario e, soprattutto, giudice – deve far sì che il diritto vigente sia osservato allo stesso modo da tutti. Nel compiere tale operazione, nell’essere fedele e « aderente al diritto così com’è dato dalla storia »38, egli pone al riparo la sostanza del diritto dall’intromissione della politica, dalla confusione con essa. Una confusione regnante nei paesi che hanno accolto l’indirizzo giurisprudenziale noto come « diritto libero », secondo cui il giudice crea la regola del singolo caso. In tali condizioni, sparisce ogni garanzia di obiettività e il cittadino è in balia dell’arbitrio. Arbitrio da parte di chi amministra la giustizia e, ancor più, di chi sta al livello superiore, al livello politico.

  • 39 Id., Il nuovo processo civile, cit., p. 65 (corsivo nel testo originale).

I giuristi sono dunque gli ausiliarî fedeli e insostituibili della legalità : e la distinzione tra attività politica e attività giuridica in tanto è possibile in quanto vi sia nell’ordinamento costituzionale dello Stato una distinzione tra il momento legislativo e il momento giurisdizionale del diritto.39

  • 40 Ibid., p. 71.

26L’esercizio di questo ruolo di garanzia non deve, peraltro, far perdere di vista che il diritto che il giurista applica è elaborato – eventualmente col concorso suo o di suoi colleghi – in sede politica e dalla politica trae la sua specifica curvatura regolativa. Le categorie dogmatiche che assistono il lavoro del giurista e ne confortano l’analisi delle norme che presiede alla sua funzione legalitaria in sede operativa indietreggiano rispetto alla possibilità che concetti, distinzioni e strategie argomentative siano spazzati da un colpo di penna di chi decide : « bastano tre parole del legislatore per mandare al macero intere biblioteche giuridiche »40.

  • 41 Contro « la rivolta degli empirici camuffati da antifascisti », F. Carnelutti, Addio, Chiovenda, «  (...)
  • 42 S. Satta, In difesa del codice di procedura civile, « Il Foro Italiano », LXX, 1947, col. 46.

27E così come con tre parole si mandano al macero intere biblioteche, con le parole di cui era fatto il Codice di procedura al quale, in una certa misura, anche Calamandrei collaborò si sarebbe, viceversa, tenuta una porta aperta sul passato, su quella parte di esso che si poteva conservare. Questa tesi si ricava da un articolo sul Codice di Salvatore Satta, che ritiene non ci si debba paludare dietro la distinzione tra diritto e politica41 « perché la tecnica del processo è essenzialmente in funzione della politica, e cioè del principio politico che lo ispira »42. Secondo Satta non si può, col superare il fascismo rimuovere quanto di apprezzabile esso ha compiuto e, in specie, agognare un nuovo processo dominato dai litiganti piuttosto che dal giudice e nel quale la parte più debole sarà, per questo, sempre destinata alla sconfitta. Al fondo della pretesa di cancellare tutti i lasciti del passato sta

  • 43 Ibid., coll. 46-47.

l’idea ingenua che i periodi rivoluzionari, di qualunque rivoluzione si tratti, siano come parentesi che si aprono e si chiudono in una specie di tableau vivant della storia. […] Io non so se nel nostro infelice paese si sia già iniziato questo ritorno dello spirito sopra se stesso, se cioè l’idea mistica di libertà, così operosa nella sante battaglie, abbia ceduto a un più razionale e quindi più umano concetto ; […] C’è insomma nel regime caduto, come in tutti i regimi, un’idea e una pratica della vita che contrasta spesso con quell’idea. Questa pratica trova la sua sanzione nel cadavere appeso ; ma l’idea non la si può appendere senza appendere se stessi.43

  • 44 Si veda l’« Annuario di diritto comparato e di studi legislativi », XIX, 1946, dedicato a Defascist (...)
  • 45 La riforma del Codice di procedura civile del 1950 opera solo « ritocchi marginali » (F. Cipriani, (...)

28Il ritorno dello spirito sopra se stesso quanto alla codificazione del ventennio in Italia implica un’iniziale messa in discussione di quei risultati44 che però, nello spazio di pochi anni, cede il posto alla loro conservazione, nel segno di una profonda continuità45.

  • 46 P. Calamandrei, Sulla riforma dei Codici. La truffa delle etichette, « La Nuova Europa », 4 marzo 1 (...)
  • 47 Cfr. P. Calamandrei, Sulla riforma dei Codici. Prima la Costituzione e poi i Codici, « La Nuova Eur (...)

29Lo stesso Calamandrei, che prima ancora della liberazione, in due articoli aveva minimizzato l’urgenza di riformare i Codici, affermando che i campi in cui il regime vi aveva posto il proprio sigillo erano stati « limitatissimi » e le sue idee « poche e grame »46 e che, comunque, solo dopo una profonda trasformazione sociale si sarebbe potuto metter mano a una nuova codificazione, solo a democrazia ricostruita si sarebbe potuto procedere all’aggiornamento delle leggi47, due anni dopo lamenta la fiacchezza e sciattezza legislativa che ha lasciato sopravvivere nella quasi totalità la legislazione del regime caduto e all’ombra della quale anche la magistratura ha fatto prevalere pigrizie, esitazioni, pavidità :

  • 48 P. Calamandrei, Restaurazione clandestina (1947), in Id., Scritti e discorsi politici, a cura di N. (...)

E se i legislatori saliti al potere dopo la liberazione non hanno avuto il coraggio o l’accortezza di sconfessare apertamente la vecchia legalità e di crearne una nuova, non c’è da meravigliarsi che i magistrati, rimasti attaccati al filo illusorio della continuità giuridica, si siano fatti senza volerlo i restauratori della legalità fascista […].48

Top of page

Notes

1 A. Belfiore, Interpretazione e dommatica nella teoria dei diritti reali, Milano, Giuffré, 1979, pp. 405-406 (corsivo nel testo originale).

2 S. Pugliatti, Logica e dato positivo in rapporto ad alcuni fenomeni giuridici anomali, « Archivio Giuridico », XXIX, 1935, p. 168.

3 Ibid., p. 162.

4 A. C. Jemolo, I concetti giuridici, originariamente in « Atti dell’accademia delle Scienze di Torino », LXXV, 2, 1939-1940, pp. 246 ssg., ora in Pagine sparse di diritto e storiografia, scelte e ordinate da L. Scavo Lombardo, Milano, Giuffré, 1957, p. 115.

5 Ibid., p. 116.

6 Lo stesso Pugliatti « chiarirà » cosa intendeva con la nozione di armonia sistematica tra le norme dell’ordinamento nello scrivere che il divieto di matrimonio misto introdotto dalle leggi razziali italiane dovesse considerarsi implicitamente esteso anche agli appartenenti alla « razza gialla ». Cfr. S. Pugliatti, Gli istituti del diritto civile, vol. I, Introduzione allo studio del diritto, Milano, Giuffré, 1943, pp. 149-151.

7 S. Pugliatti, La logica e i concetti giuridici, « Rivista di diritto commerciale », XXXIX, 1941, p. 208.

8 Ibid.

9 Ibid., p. 211.

10 A. C. Jemolo, Ancora sui concetti giuridici, originariamente in « Rivista di diritto commerciale », 1945 (l’articolo fu scritto nel 1942), ora in Id., Pagine sparse, cit., p. 129 (corsivo nel testo originale). Difficile trascurare che gli esempi addotti da Jemolo, nipote di un rabbino bolognese e proclamato nel dopoguerra « Giusto tra le Nazioni » dallo Stato di Israele, si riferiscono a entità del mondo sociale – la famiglia, il pubblico impiego – profondamente toccate dalle leggi razziali italiane.

11 Sulla discussione tra Pugliatti e Jemolo, si veda G. Calogero, La polemica sui concetti giuridici (1941), « Rivista di diritto commerciale », XLIII, 1945, pp. 112-129.

12 Cfr. C. Pavone, Alle origini della Repubblica. Scritti su fascismo, antifascismo, continuità dello Stato, Torino, Bollati Boringhieri, 1995.

13 D. Grandi, Tradizione e rivoluzione nei Codici mussoliniani, « Stato e Diritto », marzo-aprile 1940, p. 11.

14 Cfr. M. Sbriccoli, Codificazione civile e penale, in Dizionario del fascismo, a cura di V. de Grazia e S. Luzzatto, vol. I, Torino, Einaudi, 2002, pp. 301-305.

15 A. De Marsico, Il primo decennale del Codice penale fascista, « Annali di diritto e procedura penale », 1941, pp. 859 e 861.

16 « Fabbro del codice Rocco », secondo F. Cordero, Guida alla procedura penale, Torino, Utet, 1986, p. 123.

17 V. Manzini, Un decennio di applicazione del Codice di procedura penale Rocco, « Annali di diritto e procedura penale », 1942, pp. 2-3.

18 V. Manzini, Trattato di Diritto penale italiano, vol. I, Torino, Utet, 1948, p. 74.

19 G. Leone, La scienza giuridica penale nell’ultimo ventennio, « Archivio penale », I, 1945, p. 28.

20 Cfr. T. Delogu, L’elemento politico nel Codice penale, « Archivio penale », I, 1945, pp. 161-162.

21 Ibid., pp. 169-170.

22 Cfr. C. Guarnieri, L’ordine pubblico e la giustizia penale, in Storia dello Stato italiano dall’Unità ad oggi, a cura di R. Romanelli, Roma, Donzelli, 1995, pp. 384-386.

23 S. Ranieri, Politica e diritto penale, « Critica penale », I, 1946, pp. 8 e 11 (corsivo nel testo originale).

24 Cfr. G. Neppi Modona, Tecnicismo e scelte politiche nella riforma del Codice penale, « Democrazia e diritto », XVII, 1977, pp. 673 e 676.

25 È evidente, in ogni modo, che l’assetto dei rapporti tra privati risente delle opzioni culturali esercitate a livello politico in qualunque forma di aggregato sociale. Si veda K. Renner, Gli istituti del diritto privato e la loro funzione sociale : un contributo alla critica del diritto civile (1929), Bologna, Il Mulino, 1981.

26 F. Vassalli, Motivi e caratteri della codificazione civile, Milano, Giuffré, 1947, p. 22.

27 Cfr. L. R. Franck, Il corporativismo e l’economia dell’Italia fascista, a cura di N. Tranfaglia, Torino, Bollati Boringhieri, 1990.

28 G. B. Ferri, Fascismo e concezioni del diritto, in Id., Il potere e la parola e altri scritti di diritto civile, Padova, Cedam, 2008, p. 41.

29 G. Ferri, Del codice civile, della codificazione e di altre cose meno commendevoli, « Il Foro Italiano », LXIX, 1944-1946, coll. 39-40.

30 L. Mossa, Verità sul codice civile fascista, « Monitore dei Tribunali », II, 15 gennaio 1947, p. 53.

31 D. Grandi, Il nuovo processo civile. Discorso pronunciato nel Senato del Regno il 10 maggio 1940-XVIII, Roma, Tipografia delle Mantellate, 1940, p. 25.

32 Di F. Carnelutti si vedano : In difesa del maresciallo Rodolfo Graziani, a cura di A. R. Russo, « L’Eloquenza », XL, 1950, vol. unico, pp. 210-220 e In difesa di Giulio Evola, « L’Eloquenza », vol. unico, 1951, pp. 690-718.

33 Cfr. S. Rodotà, Calamandrei, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell’Enciclopedia italiana, 1973, pp. 406-411 ; G. Tarello, Quattro buoni giuristi per una cattiva azione, in « Materiali per una storia della cultura giuridica », VII, 1977, pp. 147-167.

34 Cfr. M. Taruffo, La giustizia civile in Italia dal ’700 a oggi, Bologna, Il Mulino, 1980, pp. 281-288 ; Id., Quel Codice non era fascista, « Corriere della Sera », 9 aprile 2006, p. 31.

35 Si vedano almeno : F. Cipriani, Il Codice di procedura civile tra gerarchi e processualisti, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 1992, pp. 13-78 ; Id., Piero Calamandrei e la procedura civile : miti, leggende, interpretazioni, documenti, Napoli, Edizioni scientifiche italiane, 2009 ; Id., Una nuova interpretazione di Calamandrei, « Clio », XLVI, 2, 2010, pp. 253-264.

36 Su cui, pur con qualche riserva, conviene A. Proto Pisani, Il Codice di procedura civile del 1940 fra pubblico e privato : una continuità nella cultura processualcivilistica rotta con cinquanta anni di ritardo, « Quaderni fiorentini », XXVIII, 1999, pp. 713-747.

37 P. Calamandrei, Il nuovo processo civile e la scienza giuridica, « Rivista di diritto processuale civile », XVIII, 1941, p. 55.

38 Id., La certezza del diritto e le responsabilità delle dottrina, « Rivista di diritto commerciale », XL, 1942, p. 348.

39 Id., Il nuovo processo civile, cit., p. 65 (corsivo nel testo originale).

40 Ibid., p. 71.

41 Contro « la rivolta degli empirici camuffati da antifascisti », F. Carnelutti, Addio, Chiovenda, « Rivista di diritto processuale », III, 1948, p. 122.

42 S. Satta, In difesa del codice di procedura civile, « Il Foro Italiano », LXX, 1947, col. 46.

43 Ibid., coll. 46-47.

44 Si veda l’« Annuario di diritto comparato e di studi legislativi », XIX, 1946, dedicato a Defascistizzazione e riforma dei Codici e dell’ordinamento giudiziario, pp. 185-313. In particolare sui Codici civile, penale e di procedura civile.

45 La riforma del Codice di procedura civile del 1950 opera solo « ritocchi marginali » (F. Cipriani, Il Codice di procedura, cit., p. 115, n. 141) e solo nel 1990 si darà corso a una più ampia ; il Codice di procedura penale, sostituito nel 1988, sino ad allora vede cadere solo 12 articoli ed interpolarne 40 su 675 ; il Codice penale è oggetto di vari tentativi di riforma promossi dai Ministri Tupini (1945), Gonella (1949 e 1960), Moro (1956), Bosco (1963, esteso anche agli altri tre Codici) ma nessuno di essi approda ai risultati sperati.

46 P. Calamandrei, Sulla riforma dei Codici. La truffa delle etichette, « La Nuova Europa », 4 marzo 1945, p. 10.

47 Cfr. P. Calamandrei, Sulla riforma dei Codici. Prima la Costituzione e poi i Codici, « La Nuova Europa », 11 marzo 1945, p. 10.

48 P. Calamandrei, Restaurazione clandestina (1947), in Id., Scritti e discorsi politici, a cura di N. Bobbio, vol. I, t. 1, Firenze, La Nuova Italia, 1966, p. 354.

Top of page

References

Electronic reference

Ernesto De Cristofaro, « Giuristi e cultura giuridica dal fascismo alla Repubblica (1940-1948) », Laboratoire italien [Online], 12 | 2012, Online since 26 November 2012, connection on 20 July 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/637 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.637

Top of page

About the author

Ernesto De Cristofaro

Università di Catania

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page