Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
La vie intellectuelle entre fascisme et République 1940-1948
1. Cultures

Gli intellettuali italiani e il problema delle generazioni nella transizione al postfascismo

Les intellectuels italiens et le problème des générations dans la transition au post-fascisme
Luca La Rovere
p. 97-110

Résumés

L’article soulève la question controversée de l’héritage fasciste en Italie, tout en se focalisant sur les rapports entre les générations tels qu’ils émergent du « débat sur la jeunesse » qui se déroula en Italie dans l’après-guerre. Selon les antifascistes, les jeunes formés dans les structures de l’État totalitaire étaient profondément affectés par l’idéologie du fascisme. En effet, la répugnance des intellectuels de la « génération de Mussolini » à accepter les valeurs et les programmes de reconstruction de l’antifascisme et à s’intégrer dans le nouveau système démocratique témoignait de la permanence d’une mentalité totalitaire. Le cas de la jeunesse intellectuelle – bien qu’il ne soit pas généralisable à l’ensemble de la population – démontre que la transition vers le post-fascisme fut caractérisée par la difficulté de nombreux Italiens à se débarrasser de la formation reçue et de la mentalité acquise pendant la période fasciste.

Haut de page

Texte intégral

Gli italiani e la transizione al postfascismo : una questione dimenticata

  • 1 Sul tema, si veda F. Focardi, La guerra della memoria. La Resistenza nel dibattito politico italian (...)
  • 2 M. Franzinelli, Il 25 luglio, in I luoghi della memoria. Personaggi e date dell’Italia unita, a cur (...)

1Il tema della transizione degli italiani dal fascismo alla democrazia è stato per lungo tempo trascurato dagli storici. Nell’immediato dopoguerra le forze politiche e culturali dell’antifascismo dispiegarono un’intensa azione propagandistica per accreditare l’immagine di un paese rimasto immune dal contagio fascista1. La Resistenza, che aveva preso avvio dopo la pubblicazione dell’armistizio con gli Alleati, l’8 settembre 1943, e alla quale aveva partecipato una ristretta minoranza di italiani, fu celebrata come una lotta di liberazione combattuta da tutto il popolo contro l’invasore nazi-fascista. Questa rappresentazione mitizzante, necessaria per ricostruire l’identità italiana all’insegna dei valori dell’antifascismo, produsse la rimozione del diffuso e radicato consenso che il fascismo aveva ottenuto in ampi settori della società italiana tra il 1922 e il 1943. Il crollo del regime fascista, il 25 luglio 1943, fu interpretato come un momento di netta discontinuità nella vicenda storica nazionale : terminata la brutale oppressione della dittatura, gli italiani potevano dare inizio a una nuova fase della loro storia nazionale2.

  • 3 Tipico di questa tendenza è il volume di G. Quazza, Fascismo e società italiana, Torino, Einaudi, 1 (...)
  • 4 R. Romanelli, Apparati statali, ceti burocratici e metodi di governo, in L’Italia contemporanea, 19 (...)
  • 5 Si veda N. Bobbio, La cultura e il fascismo, in Fascismo e società italiana, a cura di G. Quazza, T (...)

2Anche l’attenzione degli studiosi, che in massima parte si riconoscevano nei valori dell’antifascismo, si indirizzò prevalentemente verso l’analisi delle vicende dei soggetti politici e sociali che avevano dato vita alla Resistenza e sui loro progetti di ricostruzione della « nuova Italia ». In un primo momento, il periodo fascista fu studiato per ricercare le premesse ideali e organizzative della Resistenza, dando vita a un filone di studi sul movimento antifascista in esilio e alla sua azione clandestina in Italia3. A partire dagli anni Settanta, la questione dei lasciti del fascismo fu affrontata sotto il profilo delle « continuità » istituzionali, in particolare quelle riguardanti le strutture burocratiche e il personale amministrativo dello Stato4. D’altra parte, l’ampia accettazione della tesi di Norberto Bobbio, per il quale il fascismo non aveva avuto un’ideologia originale né aveva attuato una propria politica culturale, ebbe la conseguenza di far trascurare completamente il fenomeno del modificarsi delle culture politiche nella transizione dal fascismo al postfascismo5.

  • 6 N. Gallerano, Critica e crisi del paradigma antifascista, « Problemi del socialismo », n. s., III, (...)
  • 7 Si fa riferimento, evidentemente, alla portata innovativa degli studi di Renzo De Felice e di Emili (...)
  • 8 Si vedano, per esempio, R. Ben-Ghiat, La cultura fascista, Bologna, Il Mulino, 2000 ; A. D’Orsi, La (...)

3Soltanto a partire dagli anni Novanta, la storiografia italiana ha cominciato ad accettare l’idea che il regime si fosse fondato sul consenso di massa degli italiani. All’origine di questo deciso mutamento nell’orientamento degli storici, troviamo la crisi del cosiddetto « paradigma antifascista », come elemento strutturante dei valori politici nazionali e come architrave dell’interpretazione della recente storia nazionale. Una nuova generazione di storici, che pure si riconoscevano nei valori della Repubblica « nata dalla Resistenza », mise in evidenza i limiti di quel paradigma interpretativo. A metà degli anni Ottanta, Nicola Gallerano sostenne che la « griglia riduttiva della contrapposizione fascismo/antifascismo » aveva portato a una sostanziale « rimozione del lacerante e contraddittorio processo vissuto dalla coscienza collettiva per liberarsi dalle sue compromissioni con il fascismo »6. In questo quadro, acquistarono nuovo rilievo e guadagnarono consenso i risultati di quelle ricerche, avviate negli anni precedenti, che avevano prodotto un sostanziale rinnovamento della storiografia sul fascismo7. Gli studi sulla politica culturale del regime hanno mostrato, inoltre, non solo l’ampio coinvolgimento del mondo della cultura nel progetto educativo del fascismo, ma anche la convinta adesione degli intellettuali ai miti e ai valori del fascismo8.

  • 9 Rilevanti eccezioni sono gli studi di L. Mangoni, Civiltà della crisi. Gli intellettuali tra fascis (...)
  • 10 Si veda, per esempio, E. Galli Della Loggia, La morte della patria. La crisi dell’idea di nazione t (...)
  • 11 Tra gli esempi più recenti, M. Serri, I redenti. Gli intellettuali che vissero due volte, Milano, C (...)
  • 12 Ne parla C. Pavone, Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità nella Resistenza, Torino, Boll (...)
  • 13 Si vedano G. Bollati, L’italiano. Il carattere nazionale come storia e come invenzione (1972), Tori (...)

4Tuttavia, i progressi compiuti nella comprensione del regime fascista non hanno dato avvio a una nuova fase di studi, capace di tematizzare la questione della transizione di regime9. In effetti, la storiografia italiana sembra essere passata da un’incondizionata e acritica adesione al « paradigma antifascista » all’accettazione di un nuovo stereotipo : quello della disinvolta riconversione di massa degli italiani dalla fede nel fascismo a quella nell’antifascismo come risultato della crisi del 194310. La presunta rapidità con la quale gli intellettuali si convertirono all’antifascismo è stata assunta come simbolo dell’atteggiamento della società nel suo complesso11. Questa tesi ripropone uno degli luoghi comuni più consolidati sul « carattere degli italiani », uno stereotipo che fu ripreso e agitato anche nel dopoguerra12. Si tratta di un vero e proprio mito culturale, secondo il quale la secolare storia di divisione politica e di asservimento al dominio straniero avrebbe favorito l’attitudine degli italiani al « trasformismo » e a « voltare gabbana »13. Alla denuncia, che spesso assume toni moralistici, dell’opportunismo italico non corrisponde, in genere, un adeguato approfondimento del difficile processo attraverso il quale la società italiana tentò di fare i conti con il fascismo.

  • 14 E. Gentile, Fascismo. Storia e interpretazione, Roma-Bari, Laterza, 2002, p. 261.

5È chiaro inoltre che, sia pure in maniera differente, entrambe le interpretazioni citate finiscono per sottovalutare gli effetti della pedagogia totalitaria del regime. Per i sostenitori del « paradigma antifascista » gli italiani non erano stati minimamente influenzati dal fascismo, che si era rivelato incapace di incidere durevolmente sulla mentalità e sul costume. In maniera non dissimile, per i fautori della nuova interpretazione, gli italiani, pur avendo creduto ai miti del regime, una volta chiusa la parentesi fascista, si sarebbero adattati con disinvoltura al nuovo clima politico. Come erano stati fascisti per opportunismo, per conformismo o per quieto vivere, per le stesse ragioni essi avrebbero aderito ai nuovi partiti antifascisti. Date le premesse, queste interpretazioni non riescono a porre al centro dell’analisi le conseguenze del dominio del regime totalitario sulla società italiana : se si assume che il disegno fascista di creare un nuovo tipo umano per rigenerare la nazione fallì miseramente, è chiaro che il problema di capire quali furono gli effetti di lungo periodo della pedagogia fascista perde gran parte della sua rilevanza storiografica. Per questo motivo, come ha notato Emilio Gentile, « quali siano stati gli effetti duraturi che l’esperimento totalitario ha avuto sulla grande massa degli italiani, è un problema ancora da studiare »14.

6In effetti, la questione della transizione rimane ancora largamente inesplorata sul versante della condizione umana e psicologica sperimentata dagli individui che vissero quel drammatico punto di svolta della storia nazionale. Come gestirono il difficile processo di ridefinizione delle proprie identità in una transizione che determinava un radicale mutamento dei valori condivisi dalla società ? E quali furono le eredità – dal punto di vista delle mentalità, dei valori, delle culture politiche – del fascismo ? Si tratta di questioni che non è possibile liquidare con le categorie passe-partout e banalizzanti dell’opportunismo o del trasformismo. Infatti, il fascismo non fu solo un regime politico, ma pretendeva di essere – e in parte riuscì ad essere – un sistema di valori e di credenze, una dottrina nella quale i cittadini dovevano credere con fede assoluta. Per milioni di uomini e di donne, che per oltre venti anni avevano identificato i propri valori e le proprie convinzioni con quelle del fascismo, la caduta del regime fu vissuta come la fine di una parte della propria esistenza. Come è ovvio, l’organizzazione e l’azione pedagogica del regime fascista non raggiunsero con la stessa efficacia le diverse componenti della società italiana. Per questa ragione, l’analisi della transizione è resa difficile dalla difficoltà di definire con precisione le continuità e le discontinuità di idee, di valori, di mentalità con riferimento ai vari gruppi sociali, alle diverse classi d’età e alle differenti aree geografiche del paese. Appare difficile, per la mancanza di fonti attendibili, indagare i processi attraverso i quali gli italiani compirono il tortuoso processo di fuoriuscita dall’orizzonte ideologico del fascismo.

  • 15 Id., L’uomo nuovo del fascismo. Riflessioni su un esperimento totalitario di rivoluzione antropolog (...)

7Per superare queste difficoltà di ordine metodologico, si è scelto di concentrare l’analisi sugli intellettuali, in particolare su quelli della giovane generazione. Questa scelta si basa su una duplice considerazione. Da un lato, i giovani avevano costituito il terreno prescelto dal regime per condurre l’esperimento di creazione dell’« uomo nuovo » fascista e, dunque, costituiscono il settore di popolazione che meglio si presta a rilevare le linee di continuità – ma anche quelle di discontinuità – nella transizione di regime15. Proprio perché nel dopoguerra si impose in tutta la sua drammaticità una questione dei giovani di Mussolini, gli osservatori del tempo e molti esponenti di quella che fu definita la « generazione perduta » rifletterono pubblicamente sulla passata esperienza e sulla crisi prodotta dal crollo del regime. Le testimonianze dei giovani permettono di acquisire elementi di conoscenza diretta circa il difficile processo attraverso il quale essi giunsero a ridefinire la propria identità di fronte al crollo degli ideali nei quali erano stati allevati e avevano creduto. Si trattò indubbiamente di una minoranza, ma che, con onestà e umiltà, si fece carico del gravoso compito di esprimere l’intimo travaglio della propria generazione.

  • 16 L. La Rovere, L’eredità del fascismo. Gli intellettuali, i giovani e la transizione al postfascismo(...)
  • 17 R. P. Domenico, Italian Fascists on Trial, Chapell Hill, University of North Carolina Press, 1991 ; (...)
  • 18 M. Salvati, Amnistia e amnesia nell’Italia del 1946, in Storia, verità, giustizia. I crimini del xx(...)
  • 19 Tra gli interpreti più autorevoli figurava Benedetto Croce, per il quale la maggioranza degli itali (...)
  • 20 Italiani senza peccato, « Il Tempo », 12 settembre 1945.
  • 21 Si veda, per esempio, Breve e succosa storia del banditismo politico, « L’Uomo qualunque », 31 genn (...)
  • 22 Per esempio : Punire i responsabili della catastrofe della guerra, « L’Unità », 13 luglio 1944.

8Come ho evidenziato altrove16, nel dopoguerra alcuni settori del mondo politico-intellettuale antifascista tentarono di attivare, nel periodo compreso tra la caduta del regime e la Liberazione, una riflessione sul recente passato, esortando gli italiani a compiere un sincero esame di coscienza per riconoscere la responsabilità collettiva per l’avvento e il consolidamento del fascismo. In questa prospettiva, discutere senza reticenze del passato costituiva un passaggio essenziale per sradicare la « mentalità fascista » e per costruire una nuova idea di cittadinanza democratica, basata sull’etica della responsabilità e della memoria. Il tentativo di porre la questione della colpa, in termini etici e storico-politici, si intrecciò tuttavia con il problema dell’epurazione e della punizione dei crimini fascisti17. Di fronte alla realtà di un paese che era stato largamente fascista, non solo le forze politiche moderate (Democrazia cristiana, Partito liberale, movimento qualunquista, destra monarchica), ma anche quelle della sinistra social comunista, che più avevano sostenuto la necessità di realizzare una drastica opera di eliminazione del fascismo dalla società italiana, cominciarono a ritenere necessario rinunciare all’epurazione per pacificare in tempi brevi il paese18. Di conseguenza, già a partire dalla fine del 1944 la questione della colpa fu gradualmente accantonata nel discorso pubblico. Per realizzare questo risultato si fece ricorso a una varietà di strategie narrative. Una delle più popolari fu la tesi del fascismo « in buona fede », secondo la quale gli italiani avevano appoggiato il fascismo ritenendolo un movimento di reazione agli eccessi del socialismo, che si sarebbe limitato a restaurare i tradizionali valori di « Dio, patria e famiglia ». Un’altra versione sosteneva che l’adesione al partito fascista era stata necessaria per non perdere il posto di lavoro e assicurare il mantenimento della famiglia (si parlò della “tessera del pane”)19. In qualche caso si riconosceva la responsabilità politica degli italiani, ma si faceva notare che essi avevano già ampiamente pagato il prezzo della loro colpa, patendo le enormi sofferenze della guerra e l’orrore della guerra civile20. In generale, tutte queste narrazioni tendevano a trasformare il fascismo in un fenomeno di tipo delinquenziale, postulando una sorta di minorità politica degli italiani che permetteva di indirizzare la questione delle responsabilità della catastrofe esclusivamente verso i responsabili maggiori : la classe politica fascista e la categoria imprenditoriale che aveva sostenuto il regime traendone lauti profitti21. Ciò ebbe la conseguenza di trasformare gli italiani, da complici, in vittime del fascismo22.

Il dibattito sui giovani

  • 23 L. La Rovere, Storia dei Guf. Organizzazione, politica e miti della gioventù universitaria fascista(...)

9Se gli antifascisti avevano buone ragioni di credere che la maggior parte degli italiani si sarebbe adattata in tempi brevi alla nuova realtà democratica, la questione della « generazione di Mussolini », cioè dei giovani nati e cresciuti nel regime fascista, non poteva essere affrontata con lo stesso ottimismo. I giovani erano stati allevati fin dalla più tenera età nelle organizzazioni del partito, che aveva predisposto un complesso programma educativo finalizzato a seguire il giovane in ogni momento dell’esistenza. Quest’opera di formazione, che mirava a creare l’« uomo nuovo », era stata particolarmente efficace nei confronti dei giovani appartenenti ai ceti medi, tra i quali il regime aveva selezionato una nuova élite intellettuale, composta di veri credenti nella fede fascista, il cui compito era quello di propagandare i miti del regime tra le masse23. In quanto costituiva una delle questioni più preoccupanti per il futuro della giovane democrazia, il cosiddetto dibattito sui giovani animò un prolungato dibattito sulla stampa.

  • 24 De Gasperi scrive. Corrispondenza con capi di Stato cardinali uomini politici giornalisti diplomati (...)
  • 25 B. Croce, Scritti e discorsi politici, cit., vol. I, p. 38.

10In tutte le analisi degli osservatori contemporanei, dai comunisti ai liberali, emerse chiaramente che il fascismo era riuscito a creare una profonda frattura culturale, prima ancora che politica, tra le generazioni. I giovani – termine che comprendeva individui che avevano dai venti ai quaranta anni – ignoravano completamente il patrimonio di valori politici e civili dell’Italia antifascista ed erano perciò inadatti a partecipare allo sforzo collettivo per la ricostruzione del paese. Il 10 settembre 1943, il leader della Democrazia cristiana e futuro presidente del Consiglio, Alcide De Gasperi, in una lettera privata, constatava che il fascismo era « una mentalità congenita alla generazione più giovane » e riteneva che, per questa ragione, l’antifascismo dovesse costituire un elemento centrale della loro rieducazione24. Perfino Croce, che nei suoi interventi pubblici sosteneva che il fascismo non avesse lasciato tracce profonde nella società, alla metà del 1944 riconobbe la drammatica condizione di prostrazione morale nella quale si trovava quella che definì una « generazione sventurata »25.

  • 26 A. Omodeo, La rieducazione della gioventù italiana (13 gennaio 1944), ora in Id., Libertà e storia. (...)
  • 27 Per la gioventù universitaria che ritorna, « l’Unità », 15 aprile 1945.

11Per reinserire questi giovani nella nuova vita democratica, occorreva preliminarmente dotarli di quel senso critico e di quell’autonomia decisionale che il regime fascista aveva sistematicamente mortificato26. Per questa ragione, da più parti veniva invocata una « quarantena » per i giovani, ossia un periodo di astensione dalla partecipazione politica, necessario per abbandonare le false convinzioni del passato e scegliere consapevolmente una nuova collocazione politica. In effetti, non mancarono tentativi di sperimentare forme di riabilitazione democratica dei giovani. Per iniziativa del comunista Concetto Marchesi, già rettore dell’Università di Padova e autorevole esponente della Resistenza, e del democristiano Gustavo Colonnetti, ex rettore del Politecnico di Torino ed esule antifascista, si tentò di creare dei campi di rieducazione ideologica per i giovani che tornavano dalla guerra, secondo il modello già sperimentato con successo tra i prigionieri italiani in Russia27.

12Erano corrette queste pessimistiche analisi sullo stato della gioventù intellettuale italiana ? Alla luce degli interventi dei giovani apparsi sulla stampa, la risposta sembra essere affermativa. In effetti, soltanto una parte minoritaria della gioventù intellettuale aveva trovato nella partecipazione attiva alla Resistenza o alla ricostruzione del paese la strada per uscire dall’orizzonte ideologico e culturale del fascismo. Un’altra parte si adattò semplicemente, senza patire crisi di coscienza o lacerazioni interiori, alla nuova situazione politica. A questi ultimi, come a molti italiani, la strategia del silenzio offriva l’opportunità di seppellire la memoria del passato sotto uno strato di rassicurante oblio e, in qualche raro caso, la possibilità di credere in un « nuovo inizio ». Per un’altra, consistente, parte la fine del fascismo significò la repentina eclissi di tutto ciò in cui avevano creduto. Il crollo del sistema di valori nel quale si erano identificati produsse una sorta di indifferenza morale, accompagnata da un atteggiamento di rifiuto di un mondo divenuto d’un tratto incomprensibile e ostile. Una quarta tipologia di giovani – nella quale troviamo molti intellettuali cattolici – era costituita da coloro che, pur avendo vissuto la guerra come l’esperienza decisiva che aveva prodotto il distacco dall’orizzonte ideologico del regime, si erano formati nel clima antidemocratico del fascismo. Essi avevano un’idea assai poco positiva dell’Italia prefascista e finivano, in qualche caso, per trovarsi in un’analoga condizione di estraneità e di isolamento sia rispetto alla riaffiorante nostalgia per il passato fascista sia verso le certezze dello schieramento antifascista.

  • 28 « La Folla », 28 giugno, 26 luglio, 2 e 9 agosto 1945.
  • 29 G. A. Longo, Vita di guerra perduta, « L’Uomo qualunque », 7 febbraio 1945.

13Le condizioni di prostrazione, di delusione e di disorientamento della gioventù emersero chiaramente nel corso del dibattito pubblico. Le testimonianze di questo stato d’animo riempirono le rubriche della posta e le colonne dei giornali del tempo. Dall’inchiesta promossa tra i propri lettori dalla rivista « La folla », risultò che oltre il novanta per cento dei circa duemila giovani interpellati riteneva di avere sprecato la propria giovinezza28. Uno degli esponenti più in vista della giovane leva fascista, Giuseppe A. Longo, già segretario nazionale dell’Istituto nazionale di cultura fascista ora approdato al qualunquismo, scriveva : « È come se la nostra anima si fosse ad un tratto vuotata di ogni sensazione nobile, denudata di ogni sentimento elevato, insecchita, infiaccata. […] Non sentiamo più le cose belle, non abbiamo più alcuna fondata fiducia in qualcosa di meglio »29.

14La crisi dei giovani costituiva l’effetto più visibile della pedagogia fascista alla quale erano stati sottoposti fin dall’infanzia, era il risultato dell’incapacità dell’individuo di agire al di fuori degli schemi mentali e comportamentali che la dittatura gli aveva insegnato ad adoperare. La nuova condizione di libertà, che avrebbe dovuto avere l’effetto di stimolare nei giovani un rinnovato impegno a favore della società, si tramutò al contrario in una sorta di paralisi esistenziale. Questi giovani erano stati educati per diventare il perfetto cittadino dello Stato totalitario, un individuo la cui dote principale era il conformismo, ed erano, perciò, incapaci di sentirsi membri del nuovo Stato democratico.

15Mentre una parte della gioventù ritenne necessario riflettere sugli errori del passato prima di riprendere la parola nel dibattito pubblico, un’altra parte reagì alle accuse di essere stata fascista accusando la generazione dei padri non solo di non avere saputo opporre un’adeguata resistenza al fascismo, ma anche di avere abdicato al proprio compito di tenere accesa nei giovani la fede nella libertà. Si diffuse in quel tempo il motivo della « generazione senza maestri ». Tra il 1944 e il 1945 si sviluppò, quindi, una vera e propria polemica generazionale che, al di là delle stesse intenzioni dei promotori, finiva per avvalorare le accuse e le preoccupazioni degli anziani circa lo stato di immaturità politica della gioventù italiana.

16In effetti, il conflitto generazionale di quegli anni fu il prodotto di una sostanziale diversità dell’esperienza del fascismo. Mentre per gli antifascisti il regime era stato una brutale dittatura che aveva impedito il progresso della società, i giovani avevano creduto che il fascismo rappresentasse il definitivo superamento dell’ordine democratico-borghese e il tentativo di creare una nuova e più avanzata forma di civiltà. Malgrado la constatazione del fallimento del regime, una parte della gioventù non intendeva rinunciare al patrimonio di riflessioni e di esperienze accumulato negli anni precedenti e riteneva, al contrario, che esso avrebbe costituito un utile contributo per definire gli assetti politico-sociali della nuova Italia. Per questa ragione molti giovani intellettuali rigettarono la cultura e i programmi politici dell’antifascismo, che ai loro occhi aveva il torto di voler mettere tra parentesi l’esperienza fascista predicando un antistorico ritorno al prefascismo.

  • 30 A. Moro, Antifascismo e postfascismo, « La Rassegna », 31 agosto 1944. Moro era stato presidente de (...)

17Il rifiuto di scegliere in maniera netta tra fascismo e antifascismo portò una parte della gioventù intellettuale del tempo a tentare di delineare un’illusoria soluzione « postfascista ». Aldo Moro appare il più autorevole esponente di questa tendenza. Il giovane professore di Bari, alla metà del 1944, prendeva le distanze da un « antifascismo formale e vuoto » a favore di un orientamento « postfascista », inteso « come fenomeno capace di capire e veramente e sostanzialmente superare il suo termine opposto »30.

18La fiducia nella possibilità di realizzare la riorganizzazione delle energie nazionali attraverso una formula di compromesso, che non fosse né fascista né antifascista, non si tradusse in un progetto politico articolato e credibile. Si trattò, piuttosto, di una posizione puramente negativa, che contestava il valore all’antifascismo come ideologia, come canone d’interpretazione della recente storia nazionale e come base programmatica della ricostruzione identitaria e materiale della nazione. Tuttavia, essa costituì la spia di un disagio, del rifiuto da parte dei giovani della realtà politica postbellica. All’interno di un simile orientamento confluirono percorsi politico-culturali ed esistenziali estremamente differenziati : quelli di quanti avevano precocemente intrapreso la strada della lotta contro il fascismo, così come di quelli la cui fuoriuscita dal fascismo era stata tardiva e imposta da eventi esterni. Tuttavia, questo stato d’animo aveva un effetto assai concreto : quello di collocare una parte rilevante della gioventù in una sorta di limbo, in una posizione, si vuol dire, nella quale l’avvenuto distacco dal fascismo non era sufficiente a superare la diffidenza nei confronti dell’antifascismo e a far maturare la piena accettazione del sistema politico che su quei presupposti era in via di realizzazione.

19L’opposizione alla democrazia antifascista derivava, indubbiamente, dall’inesperienza della pratica democratica e dalla incapacità di valutare realisticamente i rapporti politici dell’Italia postbellica. Esso era, inoltre, un indispensabile escamotage per ricostruire la continuità di un percorso biografico, per tentare di tenere insieme l’esperienza del passato con le prospettive del presente. In altri termini, i giovani tentavano di delineare i contorni di un « altro antifascismo », in quanto aderire all’antifascismo dei padri, che considerava l’esperienza fascista come una pura negatività da cancellare completamente dalla memoria collettiva, avrebbe significato rinnegare se stessi, il proprio passato, la propria identità.

  • 31 F. Fortini, Un viaggio non finito, « Avanti ! », 13 gennaio 1948.

20Per questo motivo, la richiesta di un ordine postfascista che integrasse l’esperienza e i valori della « generazione del littorio » non era un retaggio ideologico fascista, se con questa espressione si intende la persistente fede nei miti littori. Ma lasciava intravedere un condizionamento ben più profondo, un modo di intendere e di vivere la politica che sopravviveva al crollo del fascismo. Il rifiuto di vivere la politica democratica, con il suo relativismo, il suo pragmatismo e i suoi compromessi costituiva il sintomo – puntualmente rilevato dai contemporanei – della permanenza di una concezione integralista della politica acquisita durante gli anni formativi, secondo la quale la politica doveva rappresentare un’attività in grado di soddisfare ogni bisogno – primo fra tutti un’esigenza identitaria – dell’individuo. Questa urgenza era avvertita anche da un intellettuale già sicuramente schierato sul versante antifascista come Franco Fortini, che dalla partecipazione ai Littoriali della cultura e dell’arte – la competizione culturale organizzata dal regime per i giovani delle università – era passato alla lotta partigiana per approdare, infine, alla militanza socialista. Ancora all’inizio del 1948, lo scrittore sosteneva che il percorso di reinserimento dei giovani nel sistema democratico non era concluso a causa della incapacità dei dirigenti dei partiti antifascisti di comprendere « la novità dell’esperienza vissuta dalle generazioni più giovani », i quali intendevano eliminare la « distinzione fra vita privata e pubblica, fra poesia e politica, fra cultura e politica » e aspiravano a realizzare « una vita e una verità totale »31. Nelle parole dell’intellettuale fiorentino risuonavano, insomma, gli echi di quell’aspirazione a una concezione etica e integrale della politica, capace di ricomporre le diverse sfere dell’esistenza umana, che aveva costituito negli anni del fascismo e costituiva ancora – sia pure in nome di nuovi valori – l’idea-guida dell’impegno militante dei giovani intellettuali.

Conclusioni

21Il dibattito sui giovani permette allo storico di desumere alcune importanti indicazioni tanto sulla natura del regime fascista quanto sui primi anni della vita democratica. Dalla discussione emerse chiaramente che la transizione dei giovani era stato un processo lungo e tormentato, proprio perché il regime era riuscito a veicolare con efficacia la propria visione del mondo e i propri valori tra le nuove generazioni. Per questa ragione, gli effetti della pedagogia fascista, o anche solo del vuoto di culture politiche alternative da essa creato, non solo si erano chiaramente manifestati nel passato, ma persistevano nel presente, rendendo un’intera generazione inadatta all’esercizio di una libera e consapevole cittadinanza democratica.

22D’altra parte, il dibattito sulla questione dei giovani permette di portare alla luce un fatto generalmente trascurato. Ossia che, dal punto di vista delle culture e delle mentalità, la transizione al postfascismo e la riorganizzazione della vita politica italiana nel dopoguerra non avvennero affatto nel segno della discontinuità, ma furono pesantemente condizionate dai detriti lasciati da venti anni di pedagogia totalitaria nella società italiana. Certamente, l’analisi degli orientamenti della gioventù intellettuale non esaurisce il problema delle eredità della dittatura. Tuttavia, se posto in connessione con la discussione più generale sugli effetti del dominio totalitario, animata da attendibili osservatori di parte antifascista, può essere assunta come un indicatore di processi più profondi, anche se solo parzialmente conoscibili (per le difficoltà metodologiche richiamate precedentemente). Il caso dei giovani intellettuali ex fascisti dimostra che la transizione al postfascismo fu caratterizzata dalla difficoltà di molti italiani di emanciparsi dalla formazione ricevuta e dalla mentalità assimilata negli anni del regime e di costruirsi una nuova identità compatibile con i valori di libertà e di democrazia. Inoltre, la stessa dialettica politica all’interno dei singoli partiti fu condizionata dalla confluenza di differenti componenti generazionali, che si caratterizzavano per una diversa visione del passato e differenti progetti per il futuro. La marcia di avvicinamento all’antifascismo e alla democrazia delle generazioni formate negli anni del regime – solo di quelle ? – fu, perciò, lenta e faticosa, conobbe soste e accelerazioni, fu il risultato di un tormentato processo di evoluzione ideale e di maturazione politica che, se per una ristretta minoranza era cominciata già negli ultimi anni del regime, per molti si prolungò ben oltre la sua caduta. Per questa ragione, i giovani intellettuali, cioè proprio coloro che avrebbero dovuto partecipare più attivamente alla ricostruzione del paese, rimasero a lungo in una posizione di opposizione o di indifferenza rispetto alla nuova Italia antifascista.

  • 32 P. Gentile, L’altro fascismo, « Risorgimento liberale », 28 marzo 1947.

23Gli uomini dell’antifascismo erano consapevoli che il compito di traghettare il paese fuori dal fascismo avrebbe impegnato la classe politica negli anni a venire. Come scrisse l’intellettuale e giornalista liberale Panfilo Gentile all’inizio del 1947, se i fascisti in senso proprio erano ormai una minoranza trascurabile e non rappresentavano una minaccia, esisteva nel paese un « altro fascismo », maggiormente insidioso, costituito da quel sentimento antidemocratico ancora largamente diffuso nel paese : « Il regime democratico marcia avendo al suo fianco un esercito nemico, o se si vuole soltanto una folla che verso la democrazia non è animata che da sentimenti di sfiducia e di disprezzo »32.

Haut de page

Notes

1 Sul tema, si veda F. Focardi, La guerra della memoria. La Resistenza nel dibattito politico italiano dal 1945 ad oggi, Roma-Bari, Laterza, 2005.

2 M. Franzinelli, Il 25 luglio, in I luoghi della memoria. Personaggi e date dell’Italia unita, a cura di M. Isnenghi, Roma-Bari, Laterza, 1997, pp. 221-222.

3 Tipico di questa tendenza è il volume di G. Quazza, Fascismo e società italiana, Torino, Einaudi, 1973.

4 R. Romanelli, Apparati statali, ceti burocratici e metodi di governo, in L’Italia contemporanea, 1945-1975, a cura di V. Castronovo, Torino, Einaudi, 1976, pp. 145-190, e C. Pavone, Alle origini della Repubblica. Scritti su fascismo, antifascismo e continuità dello Stato, Torino, Bollati Boringhieri, 1995.

5 Si veda N. Bobbio, La cultura e il fascismo, in Fascismo e società italiana, a cura di G. Quazza, Torino, Einaudi, 1973, pp. 209-246.

6 N. Gallerano, Critica e crisi del paradigma antifascista, « Problemi del socialismo », n. s., III, 7, 1986, p. 133. Piu recente : S. Luzzatto, La crisi dell’antifascismo, Torino, Einaudi, 2004.

7 Si fa riferimento, evidentemente, alla portata innovativa degli studi di Renzo De Felice e di Emilio Gentile e alle ricerche scaturite dai quadri interpretativi proposti dai due storici.

8 Si vedano, per esempio, R. Ben-Ghiat, La cultura fascista, Bologna, Il Mulino, 2000 ; A. D’Orsi, La cultura a Torino tra le due guerre, Torino, Einaudi, 2000 ; G. Turi, Lo Stato educatore. Politica e intellettuali nell’Italia fascista, Roma-Bari, Laterza, 2002 ; G. Sedita, Gli intellettuali di Mussolini. La cultura finanziata dal fascismo, Firenze, Le Lettere, 2010 ; A. Tarquini, Storia della cultura fascista, Bologna, Il Mulino, 2011.

9 Rilevanti eccezioni sono gli studi di L. Mangoni, Civiltà della crisi. Gli intellettuali tra fascismo e antifascismo, in Storia dell’Italia repubblicana, vol. I, Torino, Einaudi, 1994, pp. 617-718, e, soprattutto, di P. G. Zunino, La Repubblica e il suo passato. Il fascismo dopo il fascismo, il comunismo, la democrazia : le origini dell’Italia contemporanea, Bologna, Il Mulino, 2003.

10 Si veda, per esempio, E. Galli Della Loggia, La morte della patria. La crisi dell’idea di nazione tra Resistenza, antifascismo e Repubblica (1996), Roma-Bari, Laterza, 2008, p. 95.

11 Tra gli esempi più recenti, M. Serri, I redenti. Gli intellettuali che vissero due volte, Milano, Corbaccio, 2005 e P. L. Battista, Cancellare le tracce. Il caso Grass e il silenzio degli intellettuali italiani dopo il fascismo, Milano, Rizzoli, 2006.

12 Ne parla C. Pavone, Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità nella Resistenza, Torino, Bollati Boringhieri, 1991, p. 785.

13 Si vedano G. Bollati, L’italiano. Il carattere nazionale come storia e come invenzione (1972), Torino, Einaudi, 1983, e P. Bianco, Elogio del voltagabbana. Origine e storia di un tabù, Venezia, Marsilio, 2001. Con l’espressione italiana « voltare gabbana » (soprabito lungo e senza maniche, tipo mantello) si intende, appunto, mutare rapidamente opinione politica al fine di schierarsi dalla parte del vincitore di turno, senza un effettivo convincimento ideale, ma solo per quieto vivere o per tornaconto personale.

14 E. Gentile, Fascismo. Storia e interpretazione, Roma-Bari, Laterza, 2002, p. 261.

15 Id., L’uomo nuovo del fascismo. Riflessioni su un esperimento totalitario di rivoluzione antropologica, in Id., Fascismo. Storia e interpretazione, cit., pp. 235-264 ; L. La Rovere, Rifare gli italiani : l’esperimento di creazione dell’« uomo nuovo » nel regime fascista, « Annali di storia dell’educazione e delle istituzioni scolastiche », IX, 2002, pp. 51-78 ; L’homme nouveau dans l’Europe fasciste, 1922-1945. Entre dictature et totalitarisme, a cura di M.-A. Matard-Bonucci e P. Milza, Parigi, Fayard, 2004.

16 L. La Rovere, L’eredità del fascismo. Gli intellettuali, i giovani e la transizione al postfascismo, Torino, Bollati Boringhieri, 2008, pp. 30-46.

17 R. P. Domenico, Italian Fascists on Trial, Chapell Hill, University of North Carolina Press, 1991 ; H. Woller, I conti con il fascismo. L’epurazione in Italia, 1943-1948, Bologna, Il Mulino, 1997 ; R. Canosa, Storia dell’epurazione in Italia. Le sanzioni contro il fascismo, 1943-1948, Milano, Baldini e Castoldi, 1999.

18 M. Salvati, Amnistia e amnesia nell’Italia del 1946, in Storia, verità, giustizia. I crimini del xx secolo, a cura di M. Flores, Milano, Mondadori, 2001, pp. 141-61 ; M. Franzinelli, L’amnistia Togliatti. 22 giugno 1946 : colpo di spugna sui crimini fascisti, Milano, Mondadori, 2006.

19 Tra gli interpreti più autorevoli figurava Benedetto Croce, per il quale la maggioranza degli italiani aveva servito il fascismo « per provvedere ai bisogni economici della vita propria e della propria famiglia ». B. Croce, Intorno ai criteri dell’« epurazione » (1944), ora in Id., Scritti e discorsi politici (1943-1947), Bari, Laterza, 1963, vol. I, p. 46.

20 Italiani senza peccato, « Il Tempo », 12 settembre 1945.

21 Si veda, per esempio, Breve e succosa storia del banditismo politico, « L’Uomo qualunque », 31 gennaio 1945.

22 Per esempio : Punire i responsabili della catastrofe della guerra, « L’Unità », 13 luglio 1944.

23 L. La Rovere, Storia dei Guf. Organizzazione, politica e miti della gioventù universitaria fascista, Torino, Bollati Boringhieri, 2003.

24 De Gasperi scrive. Corrispondenza con capi di Stato cardinali uomini politici giornalisti diplomatici, a cura di M. R. Catti De Gasperi, Brescia, Morcelliana, 1974, vol. I, pp. 341-342.

25 B. Croce, Scritti e discorsi politici, cit., vol. I, p. 38.

26 A. Omodeo, La rieducazione della gioventù italiana (13 gennaio 1944), ora in Id., Libertà e storia. Scritti e discorsi politici, Torino, Einaudi, 1960, pp. 152-155.

27 Per la gioventù universitaria che ritorna, « l’Unità », 15 aprile 1945.

28 « La Folla », 28 giugno, 26 luglio, 2 e 9 agosto 1945.

29 G. A. Longo, Vita di guerra perduta, « L’Uomo qualunque », 7 febbraio 1945.

30 A. Moro, Antifascismo e postfascismo, « La Rassegna », 31 agosto 1944. Moro era stato presidente della Federazione universitaria cattolica italiana e aveva partecipato attivamente alla vita culturale del regime. In seguito, fu uno dei più giovani membri dell’Assemblea costituente eletta nel 1946, presidente della Democrazia cristiana e cinque volte presidente del Consiglio. Nel 1978 fu rapito e ucciso dalle Brigate rosse. Sugli anni giovanili si veda R. Moro, La formazione giovanile di Aldo Moro, « Storia contemporanea », XIV, 4-5, 1983, pp. 842-996.

31 F. Fortini, Un viaggio non finito, « Avanti ! », 13 gennaio 1948.

32 P. Gentile, L’altro fascismo, « Risorgimento liberale », 28 marzo 1947.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Luca La Rovere, « Gli intellettuali italiani e il problema delle generazioni nella transizione al postfascismo », Laboratoire italien [En ligne], 12 | 2012, mis en ligne le 26 novembre 2012, consulté le 22 septembre 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/641 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.641

Haut de page

Auteur

Luca La Rovere

Università di Perugia

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page