Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
La vie intellectuelle entre fascisme et République 1940-1948
2. Parcours

Angelo Tasca e Ignazio Silone. Da una parte all’altra della stessa frontiera

Angelo Tasca et Ignazio Silone. De part et d’autre de la même frontière
Sergio Soave
p. 139-152

Abstracts

Due grandi personaggi della letteratura e della storia, Angelo Tasca e Ignazio Silone, partiti da convinzioni comuni dopo un drammatico passaggio nelle file del Partito comunista (da cui sono stati entrambi espulsi, all’inizio degli anni Trenta, per antistalinismo), si ritrovano nel dopoguerra, uniti da precoce disillusione. Niente di quanto avevano sperato potesse succedere alla fine del conflitto, per rinnovare la società e gli Stati ed evitare il ripetersi degli antichi mali della politica da cui aveva tratto origine la tragedia del secolo, è infatti successo. Pensano che l’unità politica dell’Europa sia indispensabile e non vedono che timidi segnali di unione, per di più, esclusivamente sul piano economico. Pensano che il socialismo debba trovare nuova vitalità, facendo proprie le grandi opzioni morali del cristianesimo e lo vedono attratto dall’abbraccio con lo stalinismo. Delineano i tratti di una ‘terza via’ tra capitalismo e collettivismo, e invece il mondo si va polarizzando su modelli di civiltà opposti che occorrerebbe, entrambi, rifuggire. Preconizzano, prima di altri, la necessità di uno sviluppo sostenibile, mentre il mondo si lancia in una pazza corsa allo sviluppo illimitato. Propongono un politica in cui il peso dei partiti sia ridotto, proprio nel tempo in cui essi si impadroniscono di ogni fibra della società. Il saggio ripropone i momenti salienti di questo passaggio, tra resistenza e resa. Una resa che significa per loro unicamente l’uscita dalla politica militante e un nuovo impegno sul terreno della storiografia (Tasca) e della letteratura (Silone), nella speranza di contribuire in questo modo a quel lungo percorso di crescita culturale e civile di società ancora prigioniere di vecchi modelli politici e di consunti miti ideologici.

Top of page

Full text

1Il dopoguerra fu amaro per Tasca e Silone a dispetto delle circostanze esteriori che, con la fine della guerra e la liberazione dell’Italia dal fascismo, potevano far loro pensare a un futuro meno teso e drammatico di quanto fosse stato il passato. Ma il bagaglio di idee e di precise proposte politiche con le quali credevano si dovesse qualificare quel passaggio d’epoca era ad un tempo troppo ambizioso e irrealistico per colmare, anche solo in parte, le loro aspettative, delle quali poterono lasciare traccia più per i posteri che per i contemporanei.

2Benché molti siano i punti di contatto tra i due, è opportuno delinearne separatamente l’evoluzione, cominciando da Silone che ha un percorso più convenzionale (Resistenza ; rientro in Italia ; direzione del PSI ; elezione alla Costituente, seguita da un quinquennio e più di impegno politico), prima di una resa, dovuta alla constatazione che nessuno degli obiettivi per cui ha combattuto è riuscito a penetrare nella cultura dei diversi partiti e movimenti socialisti in cui ha giocato, da protagonista, le sue carte e tutto se stesso.

3Ora il nucleo ideale cui ha cercato di dare corpo negli anni che vanno dal 1939 al 1952 è sostanzialmente condensato in tre scritti, il primo dei quali è l’intervista a Clement Greemberg concessa nell’estate 1938 e apparsa l’anno successivo su « Partisan Review ». Qui l’innesto di tematiche tratte dalla cultura socialista, dal pensiero di Mazzini e di Giustizia e Libertà portava a una sintesi che così si può riassumere :

4–  in Italia e in Germania, « il socialismo si è sconfitto da se stesso ». La lotta fratricida che ha spinto massimalisti e comunisti contro il riformismo, ha favorito oggettivamente fascisti e nazisti ;

5– lo stalinismo è una forma di totalitarismo assimilabile al fascismo ;

6– la democrazia politica è un valore assoluto, se correlata a termini quali l’autogoverno, il principio di sussidiarietà, il federalismo ;

7– solo una forma federativa degli stati europei, può estirpare alla radice il nazifascismo ;

8– una guerra peggiore della prima è imminente ;

9– la degenerazione burocratica e oligarchica sia del PCI che dello stesso PSI mina alle radici il socialismo.

10Ancora più eccentriche sono, però, le considerazioni singolari che manifesta a proposito del conflitto che sente incombere. Dopo aver paradossalmente affermato che, in caso di guerra tra Italia fascista e Francia democratica, egli si schiererebbe « per la… Tunisia », precisa infatti che nessuno dei due fronti, quello conservatore della realtà presente, rappresentato dalle democrazie, e quello revisionista, rappresentato dal nazifascismo, è durevolmente « in grado di assicurare la pace o di risolvere i problemi politici del mondo ». Perché se è vero che tra fascismo e democrazie borghesi c’è una grande differenza, negando la quale lo stalinismo ha reso « possibile, di fatto, la vittoria di Hitler », è altrettanto vero che, sul piano politico, è errato combattere il revisionismo nazifascista puntando sull’ordine di Versailles. Quanto al piano sociale, i lavoratori non devono essere indotti a pensare che i fascisti siano i soli a sfidare la realtà delle cose, mentre i democratici l’accettano, o che la soluzione ideale sia quella russa, ove invece si è dimostrato che « sulla base di una produzione socialista statale può nascere una cultura da cannibali, molto inferiore a quella creata dalle democrazie borghesi ». Insomma, gli antifascisti sono stati sconfitti dai fascisti « nelle sfere politica e sociale ». È comodo, ma sbagliato « cercare la rivincita sul piano militare ».

  • 1 « Partisan Review », 5, 1939, pp. 22-30. Le citazioni sono tratte dalla traduzione in I. Silone, Ro (...)

11Di qui, la necessità di un socialismo terzo che affronti alla radice i problemi da cui è nata la sconfitta delle forze antifasciste. Silone lo definisce « terzo fronte », anche se ammette che la sua esistenza « al momento […] è solo potenziale ». Non così le sue certezze che sono principalmente due : la prima è che la liberazione vera dal nazifascismo in Italia e in Germania dipende « esclusivamente dal popolo italiano e da quello tedesco », perché « la libertà non può arrivare come regalo di un esercito straniero »1.

  • 2 I. Silone, Romanzi e saggi, cit., pp. 1294-1296.

12La seconda è nella necessità di restituire al soggetto di questa liberazione e cioè al socialismo del terzo fronte il suo forte carattere morale, perché « un movimento socialista che, per vincere e mantenere il potere più facilmente, non rispetta i principi etici del socialismo, è condannato a veder inaridire i principali frutti della sua forza vitale ». Deve perciò trattarsi di un socialismo che inveri « il vecchio messaggio cristiano di uguaglianza e fratellanza », dandogli « un significato concreto, moderno, vivo », soprattutto « per l’estensione dei principi della morale individuale alla morale collettiva »2.

13L’intervista sbalordì coloro che, oltreoceano, ebbero modo di leggerla ; ma molto di più li avrebbe sconcertati, due anni dopo, la lettura de Il seme sotto la neve, che aveva dato forma letteraria a quell’insieme di idee e di suggestioni. La guerra aveva squassato il mondo e valicato il fatidico 1941, con l’invasione hitleriana dell’URSS e la risposta americana all’attacco nipponico. Chi aveva temuto come un incubo l’avanzata nazifascista vedeva ora, nella vittoria degli alleati, la soluzione di tutti i mali. Quale scenario migliore per Pietro Spina, protagonista del nuovo romanzo come già di Vino e pane, di mettersi alla testa di un moto di liberazione nazionale, partendo dai cafoni d’Abruzzo ? E invece egli agisce in un mondo rarefatto e come fuori dalla storia, vive la sua latitanza in una stalla desolata e si bea della compagnia di un’asina, di un muto e di un povero ribelle, riscopre i ritmi della natura, si dona totalmente agli altri, sì da essere scambiato per un nuovo Cristo, si sacrifica infine al posto di un amico del cui barbaro delitto si autoaccusa.

  • 3 Ibid., p. 1386.

14Ora, che senso aveva una storia del genere, scritta per di più da colui che era stato scelto dalla diaspora socialista come il capo di un PSI da salvare ? I primi commenti parlavano di ripiegamento intimistico, di infatuazione mistica. Quando gli giunse l’eco di perplessità e critiche (Maffi lo bollò come « disfattista »), Silone si rese conto che doveva rispondere. E lo fece scrivendo, nel novembre 1942, il saggio Le idee che sostengo, in cui parte con l’ammonizione a non sbagliare il bersaglio ; la guerra che si stava combattendo era diversa da quella del 1914-1918 e questa volta il risultato non era « indifferente per quelli che sperano in una nuova società, perché dal suo esito dipende la sopravvivenza delle vestigia del Cristianesimo, dell’umanesimo e della democrazia su cui potremo più avanti ricostruire »3.

15Di conseguenza, l’elemento decisivo non doveva essere cercato solo sul « piano militare ». In questa battaglia, spiegava,

bisogna tener conto di un Terzo Fronte, che attraversa tutte le nazioni e che, indipendentemente da ogni governo, porterà alle vere decisioni. E’ per questo Terzo Fronte che sono diventato volontario per la lotta partigiana. Per questo, non mi troverete a fare il pilota di bombardieri o il conducente di carri armati, ma solo come un partigiano isolato che attacca il nemico dietro le sue stesse linee, proprio nel punto in cui si sente più sicuro e invulnerabile.

16Dunque, non si trattava di un ripiegamento intimistico o addirittura di un abbandono della dimensione politica, ma, al contrario, dell’individuazione di una politica di effettiva liberazione dell’uomo, perché « la storia è fatta dagli uomini, non dal determinismo sociale ». Per raggiungere l’obiettivo, occorreva però distruggere tutti gli « idola tribus » della sinistra, a cominciare dal mito della classe operaia soggetto della rivoluzione, mentre « le privazioni universali » cui sono sottoposti i cafoni rendono visibile un « altro cosmopolitismo », non meno importante del primo. Ugualmente fallace era il mito del rivoluzionario di tipo leninista, « uomo d’acciaio, uomo d’azione che non esita mai » e disprezza come piccolo borghese la ricerca di autentiche relazioni umane. Ma questo è Nietzsche, mentre la sfida di un vero rivoluzionario è proprio la qualità della sua vita interiore che consiste nell’essere pienamente d’accordo con se stesso. Ora invece, i funzionari comunisti « come risultato della loro castrazione spirituale non potranno mai tornare a una normale umanità […] dietro le loro maschere d’acciaio non sono altro che ometti terrorizzati ». Il loro marxismo è una giaculatoria ripetuta, sì che un giorno si arriverà alla formula « il marxismo è l’oppio dei popoli ».

17Dunque, per combattere veramente il fascismo, non si può puntare né sul modello sovietico né sul modello del capitalismo, indifferente alla questione sociale. Di qui la necessità di un « terzo fronte », cioè di un socialismo che, andando oltre Marx, colga la « essenza umanista » che ne aveva determinato la fortuna. Di qui, anche, la « morale » del suo romanzo.

Il capovolgimento, la negazione della dittatura e della mediocrità borghese non [vi] sono reclamati in nome di un ideale di partito, ma di una concezione radicalmente umana della vita. Pietro Spina ama tutto quel che la società disprezza e disprezza tutto quel che la società ama.

  • 4 Ibid., pp. 1385-1391. Qui è tradotto il testo « The things I stand for », comparso in « The new rep (...)
  • 5 Ibid., p. 1404, dal Memoriale dal carcere svizzero : « L’attuale regime può durare ancora [...] fin (...)

18A Caffi ciò ricordava lo scandalo della croce. E in effetti, questo era il terzo fronte : qualcosa di radicalmente innovativo rispetto alla percezione comune del socialismo4. Ma Silone ci credeva davvero, come potremo notare, analizzando la sua attività di capo del Centro estero del PSI. Nel Memoriale dal carcere svizzero, un testo ampio, toccante e lucidissimo nella previsione5, è delineata in cinque punti la traiettoria di un percorso politico che si vorrebbe compiere fuori dal dilemma « fascismo o bolscevismo » e dentro « una via d’uscita dalla crisi attuale che sia una via di democrazia e libertà » :

a) Pur riconoscendo che la disfatta militare può facilitare un cambiamento di regime in Italia […], noi dobbiamo combattere il fascismo come rivoluzionari italiani e non come agenti anglo-sassoni […].

  • 6 Ibid., pp. 409-410.

b) L’impulso che ha impedito a noi di capitolare di fronte alla dittatura non è di origine classista, materialista o intellettuale, ma è essenzialmente etico […]c) I modi tradizionali e contrastanti d’intendere il socialismo che indicavano i termini di riformismo e massimalismo sono ora anacronistici […].d) Al posto dello stato centralizzato dobbiamo propugnare una democrazia federale, come sola forma capace di assicurare l’autogoverno del popolo.e) Il nostro ideale non è la nazionalizzazione e statizzazione dell’economia, ma un’economia pluralista nella quale siano ammesse […] tutte le forme le quali permettano il controllo dell’economia da parte dei produttori e consumatori.6

19Aggiungete il tema dell’Europa e avrete il compendio di ciò che è contenuto negli scritti politici di quegli anni, nel materiale propagandistico prodotto tra il 1941 e il 1944 e negli articoli di « Terzo fronte », periodico destinato al centro interno e da lui diretto. Poco importa, ai fini del nostro discorso, che la polizia politica di Salò, tramite l’agente informatore Luca Osteria, infiltratosi nel movimento, abbia reso del tutto inefficace, intercettandola alla fonte, la forte valenza della predicazione siloniana. Essa avrà spazio e voce pubblica e libera nel quindicinale « L’Avvenire dei lavoratori » che dirige dal febbraio all’ottobre 1944, quando rientra in Italia e si trova in prima linea nella ricostruzione del PSI. Crede davvero di riuscire a incidere su orientamenti, costume e linea politico-culturale del partito ? Al riguardo ci sono indizi contrastanti. Il primo, che rivela uno scetticismo marcato, è parte di una lettera scritta in morte di Eugenio Colorni, « uno tra i pochi compagni che mi aiutava a non disperare dell’avvenire del partito socialista » :

  • 7 Firenze, Fondazione Ernesto Rossi e Gaetano Salvemini, « Fondo Ernesto Rossi », B 03, 21, Silone a (...)

In questi ultimi tempi, quando i ripresi contatti con la realtà quotidiana mi ravvivavano il disgusto verso la politica di partito e mi confermavano la mia organica incapacità ad accettarne i costumi e le regole, era maturato in me il proposito di restare nell’attuale milizia politica in seconda linea o in posizione di assoluta indipendenza dalle gerarchie prevalenti, e di sostenere, nell’interno del partito, Colorni e i suoi amici […]. Egli pure nutriva verso l’attività politica, nelle forme spesso deprimenti che essa assume nel nostro paese, lo stesso sdegno e la stessa insofferenza.7

20« Sdegno », « insofferenza », « disgusto » per le forme deprimenti della politica : è sufficiente un cenno al linguaggio, per capire che cosa pensi davvero Silone dei partiti e del suo partito, nell’estate ’44, agli albori della vicenda della nuova Italia. Invece, rientrato in patria, manifesterebbe subito una appassionata volontà di partecipare alla ricostruzione. Questo percepisce Nenni – e siamo al secondo indizio – nel momento del suo primo « affettuosissimo » incontro che fissa nel suo diario, descrivendo un Silone « molto commosso », che taglierebbe « corto a ogni recriminazione sul passato », che assicurerebbe un’adesione convinta alla « politica unitaria […] l’unica capace di evitare una terza guerra ». Silone accennerebbe anche a « suo fratello morto a Procida come comunista » e sosterrebbe che « il modo miserabile in cui è finito Tasca » lo aveva « prevenuto dal rischio di lasciarsi dominare dal complesso dell’anticomunista ». Insomma, saremmo di fronte a una giravolta quasi acrobatica del Silone che conosciamo.

  • 8 Già al consiglio nazionale del partito di fine luglio 1945 presenta una mozione di minoranza avvers (...)

21In ogni caso, se idillio ci fu, si infranse presto sugli scogli della dura realtà. Non passa molto tempo e i segni di una sua insofferenza verso il fusionismo di Nenni e Basso si manifestano8, prima su due temi classici (il rapporto con i comunisti e il modo di intendere il partito), poi sulla sordità rispetto alle innovazioni da introdurre sia in politica estera (riferimenti internazionali e soprattutto l’Europa), che nella politica economica (un’economia nuova e non la riedizione del vecchio statalismo social-comunista) o culturale (si veda tra l’altro l’articolo-scandalo Superare l’antifascismo). Non potendo qui esaminare nel dettaglio dieci anni di battaglie intense, puntigliose, talora esaltanti e talora amare, basti dire in conclusione che ne esce sconfitto, amareggiato, ma non domo. La sua soluzione personale è quella di tornare sui passi che già l’avevano salvato negli anni Trenta : quelli dell’impegno culturale, della saggistica, della letteratura in cui lascerà la duratura impronta che conosciamo.

22È in questa veste che reincontra Tasca, il Tasca perduto nel 1939, quello che, a proposito dell’intervista a « Partisan Review », gli aveva subito comunicato un accordo entusiasta : « Quello che vi dici dell’etica socialista risponde […] a convinzioni in me maturate da tempo e da cui bisognerebbe ripartire perché il socialismo riconquisti un senso e uno scopo […] ».

  • 9 Milano, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, « Archivio Tasca » (d’ora innanzi AT), Corrispondenza, (...)

23In effetti, anche secondo Tasca – e siamo al secondo protagonista di questo contributo – l’originalità del socialismo sta « nell’aver introdotto l’idea del limite che deve imporsi allo sviluppo ‘oggettivo’ della produzione e delle forze economiche, limite che non sorge dall’interno del meccanismo economico, ma è parte della coscienza umana ». In ciò gli pare – e lo confessa all’amico – « la rivoluzione socialista è della stessa natura della rivoluzione cristiana ». Proprio per sviluppare questi concetti, dirige una rivista che si propone di ripensare a tutto, « ricominciando, se occorre, da zero. Una rivista ‘socialista’, ma aperta a tutte le eresie, e cioè alle verità di domani ». Sperando in una collaborazione, confessa un solo dubbio : « Sono d’accordo anche sui ‘due blocchi’. Ma l’equidistanza ti pare possibile ? Credi che possiamo disinteressarci dell’esito di questa guerra, esservi indifferenti ? »9.

24Era una domanda mal posta. La rilettura dello spirito delle affermazioni che Silone aveva illustrato con un paradosso, lo spinse a darsi una risposta che, dal punto di vista pratico, sarebbe coincisa con quella definizione di sé come « franco tiratore dietro le linee », coniata dall’amico, e che lo avrebbe portato a misurare, a Vichy, sul filo di una complicatissima realtà e di un’altrettanto rischiosa coerenza, la validità delle idee da lui elaborate negli anni Trenta. La coincidenza delle quali con quelle già analizzate di Silone ci esime dal farne un riassunto dettagliato. Basti dire che, alla fine del 1939, la pensavano nello stesso modo su tutto : sul marxismo, sull’URSS, sul valore e sui limiti della democrazia, sulla storia d’Italia e sull’avvento del fascismo, sulla situazione di degrado dei partiti, sulla crisi del socialismo, sulla necessità dell’Unità europea. Il luogo in cui operavano (Francia e Svizzera) fece la differenza, dividendo percorsi e traiettorie. E un’altra differenza fu che Tasca si sentiva ormai più francese che italiano. E poiché la disfatta della Francia era stata tanto « strana » da obbligare tutti e ciascuno a rifare completamente la rotta della propria navigazione esistenziale e politica, egli rifiutò la via di fuga in Africa o in Inghilterra e mise invece nel conto un passaggio per Vichy. La solitudine, che aveva definito « corazza e cilicio », fu da allora, più che mai, la sua dimensione.

25Naturalmente, definire Tasca semplicemente un vichyssois è riduttivo. Egli lo fu propriamente dal giugno al novembre del 1940, mentre dal febbraio 1941 al settembre 1944 fu uno strano « vichy-resistente », tanto da meritarsi a fine guerra la più alta onorificenza belga per meriti resistenziali, l’encomio degli alleati e la possibilità di mantenere la sua tessera di giornalista, dopo un esame assai poco indulgente della commissione di epurazione. E, tuttavia, egli non fu propriamente un resistente, perché non ebbe contatti organici e non nutrì simpatie per la resistenza francese e anche il suo doppiogioco fu del tutto particolare, perché egli fu davvero ad un tempo e con convinzione collaboratore di strutture governative nel campo delicato della organizzazione culturale, animatore di un gruppo autonomo di resistenza denominato « Troisième force » e informatore privilegiato al servizio di un réseau belga ben introdotto nelle alte sfere dei comandi politico-militari degli alleati. L’analisi del suo pensiero in questo tormentato periodo è tuttavia utile perché Tasca non rinnegò mai le idee che aveva maturato a Vichy, sulle quali, anzi, avrebbe misurato il corso delle cose, negli anni del dopoguerra.

  • 10 Si veda al proposito D. Bidussa, La « Révolution nationale » comme « réforme intellectuelle et mora (...)
  • 11 Documento per H. Moysset databile ai primi mesi del 1941 per gli accenni al discorso natalizio di P (...)

26Tra il 1940 e il 1942 tutto si snoda attorno al tema della Révolution nationale comme réforme intellectuelle et morale10, e cioè della ricostituzione di una qualche identità della Francia pur all’interno di una situazione in cui i margini di movimento autonomo sono limitati. Fuori dall’ottica del collaborazionismo, è per lui centrale, a questo riguardo, il tema della difesa della civiltà cristiana, che è alla portata di un impegno politico immediato, perché « la France est chrétienne dans sa tradition, dans ses passions, dans ses héros » ed è cristiana di un « christianisme décléricalisé » che si confonde con « un certain humanisme », ciò che le permette di parlare anche ai non credenti. Tale obiettivo contiene inoltre un valore di prospettiva molto forte, perché « se il Cristianesimo è vero, la dottrina dell’Asse è falsa ; se la civiltà dell’Europa è cristiana, la dottrina dell’Asse è fuori del Cristianesimo e di questa civiltà »11. Questo perno ideologico che lo accompagna immutato per quattro anni, ha il vantaggio di poter includere anche l’apporto di un socialismo che si rinnovi, rifiutando il marxismo sedicente scientifico di origine tedesca e recuperando, oltre Fourier e Proudhon, quel Jaurès interprete di un socialismo « national, humaniste, hostile à l’étatisme qui, au fond, rejoint la grande inspiration chrétienne ».

27Dalla fine del 1942 in poi, invece, quando l’incubo di un lungo predominio nazista sull’Europa si va almeno in parte diradando, prevalgono lunghe riflessioni sulla liberazione della Francia e sul profilo della società da ricostruire, perché la guerra non si risolva infine – questo il suo costante rovello – in « une guerre pour rien ». Di questo periodo sceglierei tre passaggi significativi.

  • 12 Il documento, la cui gestazione risale al luglio 1942, come scrive in una nota di commento A. Riosa (...)
  • 13 Si veda il testo Projet de regroupement français, del 7 gennaio 1944, conservato nell’archivio I. F (...)
  • 14 Cfr. le note da lui scritte in carcere e intitolate Souvenirs de Clermont 1 et 2, in Vichy 1940-194 (...)

28Il primo, contenuto in un documento della primavera del 1943, scritto insieme ad Armand Petitjean e in cui emergono i tratti di una « tactique de la Troisième force »12, ci dice quanto fosse rimasto fedele alle idee di quattro anni prima espresse in sintonia con quelle di Silone. Anche Tasca, infatti, si ripropone di costruire dietro le linee, « dans l’ombre, le silence et l’extrême cohésion de l’Ordre, les équipes de direction dans tous les domaines » ; anch’egli svaluta l’apporto alla lotta di liberazione di tutte le fazioni sostenute da paesi stranieri « que ce fût l’URSS, l’Allemagne ou les puissances anglo-saxonnes », perché se non ci si libera da sé, si dipenderà dai liberatori. A ciò si aggiunge, in un documento per Pierre Vienot inviato a Londra nel gennaio 1944, qualche considerazione sull’incapacità di Vichy di creare una tensione collettiva verso un ordine nuovo. Cosa che, secondo lui, mancava anche a De Gaulle, che sapeva far leva su di un « réflexe national sain, mais généralement sans vision politique » e dunque inadatto a « préparer l’avenir ». E ciò a differenza dei comunisti che, dopo l’attacco tedesco all’URSS, potevano ricongiungere patriottismo e disegno politico, diventando perciò il pericolo numero uno per la Francia13. L’antidoto stava in null’altro che in un socialismo rinnovato, cioè indissociabile dalla riscoperta cristiana e dal patriottismo. Non era la resistenza divisa in fazioni che poteva realizzare il compito, ma, ancora una volta, come già per la « révolution nationale, quelques dizaines d’hommes, disposant d’une grande autorité morale vis-à-vis de l’ensemble du pays ». Insomma, erano « l’ordre » e la « troisième force » le carte da giocare per costruire una « comunità di destino », nel momento in cui rialzavano la testa le vecchie forze politiche, già responsabili del cedimento ai totalitarismi e ora rientrate sulla scena, come spudorate replicanti. E qui si misura in parte il debito di Tasca verso Gustave Thibon, debito che si evidenzierà ancora nel terzo documento, quel memoriale dal carcere di Clermont Ferrand, che Tasca scrive nell’ottobre del 1944, quando ormai i giochi sembrano fatti14. Da Thibon, già Simone Weil aveva mutuato le riflessioni su autorità e dovere, rovesciando il concetto di diritto in quello di « dovere verso la comunità », in una sorta di rivoluzione copernicana, poi precisata nel Preludio a una dichiarazione dei doveri. Ora, nella solitudine della cella, molte cose di quella cultura ritornano nei suoi pensieri : la sfiducia in una democrazia rappresentativa fondata sui partiti (elementi al loro interno antidemocratici), la relativa finzione del suffragio universale, lo spreco dell’idea di « diritto » quando si parla di libertà (che non è un diritto, ma « un point d’arrivée, non un point de départ », e non vale in sé, ma in quanto diretta a « faire le bien »), di eguaglianza (che non è un diritto, ma il risultato di una faticosa scoperta che implica un imperativo della coscienza e il rimando a un principio superiore, sia esso Dio o il bene dell’umanità). Solo se esse si percepiscono come doveri, possono diventare diritti. E infine nulla contano se non sono accompagnate dalla fraternità. La più negletta delle tre parole della rivoluzione francese è invece quella che nutre le altre. Senza fraternità, la libertà finisce « dans l’arbitraire de l’anarchie » e l’uguaglianza « dans la dictature du bolchevisme ». Alla fine, tutto si condensa nell’indicazione della vera missione politica del futuro. Per lui, esattamente come per Silone :

  • 15 Ibid., p. 696.

Quand on parle de re-christianiser la société, l’Europe, cela ne peut avoir d’autre sens que celui de remplacer les unités de mesure païennes (force, puissance, richesse et même grandeur) par des valeurs chrétiennes (amour, solidarité, pauvreté, simplicité, etc). Re-christianiser c’est faire une révolution par la base.15

29L’« incrocio ininterrotto di fatti e di dottrine » in cui si era a lungo dibattuto gli aveva dato infine – scriverà qualche anno dopo – « un equilibrio, una certezza intima che mi parevano il segno ambìto di una raggiunta maturità ». Aveva sperato « di poter rendere in un prossimo avvenire i servizi pei quali [si era] preparato ». E non era colpa sua « se tali propositi non [avevano] potuto trovare il loro punto d’applicazione ». E se gli si diceva che era scivolato nella metapolitica, sfuggendo alle leggi inesorabili della politica, obiettava che proprio di politica aveva voluto parlare, perché « la politique est une science expérimentale au service d’un absolu ».

30Ora non è chi non veda come, partendo da queste premesse, nient’altro poteva derivarne, nel dopoguerra, che la disillusione più radicale. Le cose, era ormai chiaro, stavano andando in un senso opposto o deviato rispetto alla direzione di marcia che egli si era prefisso, sia che si trattasse di respingere il mito del progresso illimitato (il tema fu totalmente rimosso) che di affermare il cristianesimo come baluardo della civiltà (ciò avvenne in parte ma come elemento di divisione e non di unità), sia che si ponesse la questione di rinnovare il socialismo o che si postulasse una riforma dei partiti in ordine alla democrazia e alla moralità (questioni entrambe cancellate dall’orizzonte della politica). E il tutto era ricompreso dentro l’estremo paradosso di una libertà e di una democrazia riportate in Europa non tanto in virtù di una raggiunta consapevolezza dei suoi cittadini, quanto dalle strategie imperiali di stati esterni, uno dei quali, forse il più determinante ai fini della vittoria, era guidato dal dittatore sovietico che certo non poteva dirsi maestro né di democrazia né di libertà.

31Non restava per lui che appellarsi al dovere di « respingere ogni identità di filosofia e storia », ammonendo i vincitori della fragilità della loro vittoria, perché « sul piano dello storicismo nessun criterio valido di vita e di morte delle idee e delle istituzioni può essere disciplinato e assunto ». E andare avanti su un altro piano.

  • 16 C. Rancon, Angelo Tasca., cit., p. 499, citazione dal Quaderno 40. Le parole sono sottolineate da T (...)
  • 17 Ibid., p. 501, dal Quaderno AK.

32Bisogna però attendere l’autunno del 1945 per vedere la sua firma (un nuovo pseudonimo, Jean Servant) tra le pagine del mensile « La République moderne ». E qui, pur essendo in una redazione in cui sono presenti personalità del frontismo degli anni Trenta, procede linearmente a ripetere le sue convinzioni, mostrandosi critico verso chi, come Mounier, si « è epurato da se stesso ». C’è stata una rivoluzione – afferma invece – con tutti gli evidenti caratteri di un cambiamento profondo, ma non c’è lo slancio, l’anima che innervi le cose. Concede ora al generale De Gaulle e a Francois Mauriac di essere gli unici a capire la necessità capitale di ricostruire l’unità della Francia, ma vede nel primo governo tripartito, composto da comunisti, socialisti e MRP, incapacità, inefficienza, irresponsabilità. Con l’aggravante che, in politica economica, gli sembra che la ricostruzione segua la via di una sorta di capitalismo di Stato, fondato su nazionalizzazioni inopportune e rovinose volute dai comunisti che rappresentavano « la solution de la force, de la facilité et de la paresse »16. Quanto al suo rapporto con il socialismo, egli ammette, alla fine del 1945, che « Je pourrais dire avec une égale vérité que je suis socialiste et que je ne le suis plus »17.

  • 18 AT, Quaderno AM, p. 189. Le parole sono sottolineate da Tasca nel testo.
  • 19 Ibid., Quaderno 40, p. 331, commento datato 29 dicembre 1947. Qui definisce il gaullismo un agglome (...)

33Non si iscrive comunque al partito socialista, benché mantenga duraturi rapporti con Maurice Paz e Lucien Laurat. Lo vota nel 1951, perché non c’è niente di meglio. Apprezza À l’échelle humaine di Blum, ma nota che non incide in un partito che vaga in un « vide doctrinal » preoccupante perché caratteristica di Blum è di essere « impuissant dans le bien et efficace dans le mal »18. Nella crisi del 1950-1953, giudica positivi gli sforzi di SFIO e MRP di coalizzarsi per impedire la polarizzazione tra la destra gaullista e l’estrema sinistra comunista, ma ritiene che occorrerebbe un cemento più solido, cioè più politico per la coalizione. Le sommatorie numeriche non risolvono i problemi politici. Come non poteva risolverli il gaullismo, agglomerato mal riuscito, unito solo dal nome del generale19, la cui ambizione di essere una « troisième force » unificante era rimasta prigioniera della sua esclusività e dell’inquietante mistica del capo. La « forte autorité » che Tasca postulava per lo Stato non poteva essere, come nel gaullismo, « incontrôlée et illimitée ». E l’insensibilità per la costruzione di un’Europa unita tagliava alla radice ogni possibile valutazione positiva.

  • 20 AT, Corrispondenza, Tasca a Pannunzio, 28 febbraio 1950. Che una delle ragioni del distacco da « Il (...)

34Quanto all’Italia, ci sarebbe stato un partito in cui militare ed era il PSDI. Ma tre cose lo tenevano lontano : vecchie ruggini con Saragat, la mancanza di una base sociale vasta, indispensabile per un partito socialista, un rapporto con la DC ad un tempo servile e diffidente. Nei colloqui con Faravelli si indigna quando questi paragona la Chiesa ai totalitarismi del secolo, senza capire i valori umani di cui è portatrice. E l’incapacità di un socialismo laico di contaminarsi con l’etica cristiana è anche, al fondo, la vera ragione per cui si allontanerà da « Il Mondo » che pure era stata per anni la sua dimora ideale, la sola rivista che veramente aderiva, come scrisse, « à certains plis anciens de […] son esprit »20.

  • 21 AT, Le communisme. Discussion, 17 novembre 1952 (Nato Defense College), p. 8.

35In realtà, se rimase ai margini della politica politicante fu più per scelta sua che per divieti altrui. Aveva scelto la storia e questa era la sua vera attività politica. Libri, ricostruzioni, articoli, saggi : tutto lo riportava più in alto, a quella dimensione educativa e pedagogica che rispondeva alle corde più profonde del suo animo. E c’era un oggetto d’indagine prioritario : il comunismo. Studiarlo e rivelarne la sostanza costituì la sua missione liberatrice. C’era in gioco il destino dell’umanità e per quello si potevano ben sopportare gli insulti, le contumelie, le volgarità che i comunisti non gli risparmiarono. Del resto, il prezzo da pagare da parte della sua generazione era precisamente questo : « sbarazzarsi dei mostri spirituali » in cui si era creduto e che « erano diventati mostri materiali ». Se non si compiva quella missione – scrisse – « la vita non mi pareva degna d’essere vissuta »21. Tutto il resto era relativo. Altre generazioni avrebbero potuto risolverlo.

Top of page

Notes

1 « Partisan Review », 5, 1939, pp. 22-30. Le citazioni sono tratte dalla traduzione in I. Silone, Romanzi e saggi, a cura di B. Falcetto, vol. I, 1927-1944, Milano, Mondadori, 1998, pp. 1294-1304. In questa parte è evidente l’influenza del pensiero mazziniano, da lui studiato proprio in quel periodo.

2 I. Silone, Romanzi e saggi, cit., pp. 1294-1296.

3 Ibid., p. 1386.

4 Ibid., pp. 1385-1391. Qui è tradotto il testo « The things I stand for », comparso in « The new republic », 2 novembre 1942.

5 Ibid., p. 1404, dal Memoriale dal carcere svizzero : « L’attuale regime può durare ancora [...] fino alla primavera del 1943 […]. Con molta probabilità, l’Italia sarà il primo paese [...] il quale dovrà affrontare la crisi di passaggio dalla dittatura alla democrazia ». Sul periodo del Centro estero del PSI, si veda tra gli altri il contributo di E. Signori, Ignazio Silone nell’esilio svizzero, « Nuova Antologia », ottobre-dicembre 1979, pp. 92-118. Accurata la ricostruzione di O. Gurgo e F. De Core, Silone. L’avventura di un uomo libero, Venezia, Marsilio, 1998.

6 Ibid., pp. 409-410.

7 Firenze, Fondazione Ernesto Rossi e Gaetano Salvemini, « Fondo Ernesto Rossi », B 03, 21, Silone a Rossi, 27 giugno 1944.

8 Già al consiglio nazionale del partito di fine luglio 1945 presenta una mozione di minoranza avversa a quella di Nenni e Basso sulla fusione, ottenendo il 3 % dei voti. Con il segretariato di Morandi, è nominato direttore de « L’Avanti ! » e da qui continua la sua battaglia, conquistando Pertini alla sua causa. Il congresso di aprile 1946, che sancisce la nascita delle correnti, lo vede di fatto vincitore, insieme a Pertini, perché il gruppone di Nenni perde la maggioranza assoluta. La debole segreteria di Ivan Matteo Lombardo riconsegna tuttavia il partito ai nenniani. In agosto, Silone ne prende atto e si dimette da direttore de « L’Avanti ! » con un editoriale (Autocritica) nel quale denuncia la degenerazione del suo partito e dei nuovi partiti nati dopo la guerra. Nel gennaio 1947, assiste indignato alla scissione e non partecipa a nessuno dei due partiti (PSI e PSLI) che ne derivano. A febbraio, fonda « Europa socialista » come organo di un « partito in formazione » che rigeneri il socialismo e, un anno dopo, viene costituita attorno alla stessa « l’Unione dei socialisti », primo passo per un’agognata riunificazione socialista. Nel dicembre 1949, nasce il PSU in cui confluiscono il Movimento di autonomia socialista di Romita e l’ala sinistra del PSLI (Faravelli e Mondolfo). Silone è eletto segretario, ma la impossibilità di giungere a una unificazione complessiva del socialismo segna la fine della sua militanza politica, nel 1951.

9 Milano, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, « Archivio Tasca » (d’ora innanzi AT), Corrispondenza, Tasca a Silone, 31 marzo 1940. Per la lettera, pubblicata integralmente da David Bidussa, si veda anche S. Soave, Senza tradirsi, senza tradire. Silone e Tasca dal comunismo al socialismo cristiano (1900-1940), Torino, Aragno, 2005, pp. 439-442. La rivista di cui si parla è « AGIR pour la paix et pour le socialisme », breve meteora (febbraio-agosto 1940) che dirige insieme a G. Monnet, P. Brossolette, P. Vienot e G. Izard.

10 Si veda al proposito D. Bidussa, La « Révolution nationale » comme « réforme intellectuelle et morale », in La France de Vichy. Archives inédites d’Angelo Tasca, a cura di D. Bidussa et D. Peschanski, Milano, Fondazione Feltrinelli, 1996, pp. 95-97.

11 Documento per H. Moysset databile ai primi mesi del 1941 per gli accenni al discorso natalizio di Pio XII del Natale precedente, parzialmente ripreso in A. Tasca, In Francia nella bufera, Parma, Guanda, 1953, p. 113.

12 Il documento, la cui gestazione risale al luglio 1942, come scrive in una nota di commento A. Riosa, è ora in Vichy 1940-1944. Quaderni e documenti inediti di Angelo Tasca, a cura di D. Peschanski, Milano, Feltrinelli, 1986, pp. 463 e sgg.

13 Si veda il testo Projet de regroupement français, del 7 gennaio 1944, conservato nell’archivio I. Fernandez, citato da C. Rancon, Angelo Tasca (1892-1960). Biographie intellectuelle, tesi di dottorato, Université Paris 1 Sorbonne-Panthéon e Università della Tuscia, Parigi, 2011, vol. II, pp. 480-481.

14 Cfr. le note da lui scritte in carcere e intitolate Souvenirs de Clermont 1 et 2, in Vichy 1940-1949, cit., pp. 637-704.

15 Ibid., p. 696.

16 C. Rancon, Angelo Tasca., cit., p. 499, citazione dal Quaderno 40. Le parole sono sottolineate da Tasca nel testo.

17 Ibid., p. 501, dal Quaderno AK.

18 AT, Quaderno AM, p. 189. Le parole sono sottolineate da Tasca nel testo.

19 Ibid., Quaderno 40, p. 331, commento datato 29 dicembre 1947. Qui definisce il gaullismo un agglomerato mal riuscito, « de la poussière qui se soulevait seulement lorsqu’on prononçait le nom De Gaulle ».

20 AT, Corrispondenza, Tasca a Pannunzio, 28 febbraio 1950. Che una delle ragioni del distacco da « Il Mondo » possa essere questa è sostenuto da D. Bidussa, « Disincanto » e « inadeguatezza » del politico, in Un eretico della sinistra. Angelo Tasca dalla militanza alla crisi della politica, a cura di S. Soave, Milano, Angeli, 1995, pp. 107-176.

21 AT, Le communisme. Discussion, 17 novembre 1952 (Nato Defense College), p. 8.

Top of page

References

Electronic reference

Sergio Soave, « Angelo Tasca e Ignazio Silone. Da una parte all’altra della stessa frontiera », Laboratoire italien [Online], 12 | 2012, Online since 26 November 2012, connection on 22 June 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/652 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.652

Top of page

About the author

Sergio Soave

Università di Torino

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page