Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Débat

Du fascisme à la République

Table ronde avec Marie-Anne Matard-Bonucci, Claudio Pavone, Mario Isnenghi1
Marie-Anne Matard-Bonucci, Claudio Pavone et Mario Isnenghi
p. 263-278

Texte intégral

Marie-Anne Matard-Bonucci (Université Paris 8 /IUF)

  • 1 Nous reproduisons ici le débat entre Claudio Pavone et Mario Isnenghi animé par Marie-Anne Matard-B (...)

1Parmi les nombreux travaux consacrés aux phénomènes de transition démocratique, les approches à caractère institutionnel, juridique et politique ont souvent été privilégiées. D’un point de vue théorique, la « transitologie » a rarement cherché des modèles dans l’Italie postfasciste ou l’Allemagne post-nazie, les scénarios de fin de régime correspondant assez peu à l’idéaltype d’une transition graduelle et pacifique, mieux observable dans la sortie du franquisme ou de certaines dictatures latino-américaines.

2En Italie, comme cela est apparu lors des débats de ce colloque, la question de la transition demeura longtemps impensée, sinon impensable. Sous l’effet du paradigme antifasciste qui s’imposa dans l’historiographie jusqu’aux années soixante-dix, dès lors que l’adhésion profonde de certains secteurs de la société au régime était ignorée, l’héritage d’un régime à l’autre ne pouvait qu’être minimisé. Le renouveau des études consacrées au fascisme, notamment sous l’influence de Renzo De Felice, eut un effet contrasté. D’un côté, la réhabilitation de la catégorie de totalitarisme comme clef de compréhension du régime invitait à déplacer la focale vers la culture et les intellectuels. Dans le même temps, cette approche faisait surgir de nouvelles difficultés interprétatives : en admettant la dimension totalitaire du régime, n’était-il pas paradoxal d’y chercher des éléments de continuité vers un âge démocratique ?

  • 2 Voir notamment les travaux de H. Wollert ou de M. Battini.
  • 3 L. La Rovere, L’eredità del fascismo. Gli intellettuali, i giovani e la transizione al postfascismo(...)
  • 4 C. Pavone, Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità nella resistenza, Turin, Bollati Boring (...)
  • 5 M. Isnenghi, L’educazione dell’italiano. Il fascismo e l’organizzazione della cultura, Bologne, Cap (...)

3Le colloque prend acte du renouveau de ces dernières années, marqué notamment par des travaux sur l’épuration2, les phénomènes de mémoire et plus récemment sur l’héritage intellectuel du fascisme3. Les interventions conclusives de Claudio Pavone et de Mario Isnenghi montrent ce que ces recherches récentes doivent à l’évolution critique dans laquelle l’historiographie de l’Italie républicaine s’est engagée depuis une décennie. Un renouveau critique auquel ils ont largement contribué, comme ils le rappellent dans des interventions juxtaposant souvenirs personnels et bilan des travaux. On connaît les recherches fondamentales de Claudio Pavone sur la résistance, mais aussi sur la transition du fascisme vers la République4. On doit à Mario Isnenghi, outre son œuvre consacrée aux Italiens en guerre ou encore aux lieux de mémoire, certains des premiers livres consacrés à la culture fasciste et aux intellectuels5. Ces deux voix s’unissent, et il semble difficile de ne pas leur faire écho, pour critiquer le caractère un peu vain, et souvent rhétorique, de l’opposition entre rupture et continuité qui a longtemps résumé les débats sur la transition au profit d’une approche restituant toute la complexité d’un processus historique. En présupposant une marche inexorable et linéaire vers la démocratie, la catégorie de « transition », plus que d’autres, incline vers des lectures rétrospectives ou téléologiques. Ainsi, comme le souligne Claudio Pavone, un certain nombre d’idées reçues sur la transition doivent elles-mêmes être historicisées : du lieu commun, né pendant la guerre froide, d’un basculement presque « naturel » d’une partie de la jeunesse du fascisme vers le communisme, à l’idée reçue, fondée sur quelques itinéraires individuels, et quelques livres « matriciels » à l’instar du Long voyage de Zangrandi, des Guf comme creuset de l’antifascisme. De même, comment ne pas saisir l’invitation de Mario Isnenghi à articuler biographies individuelles et biographies collectives et à repenser l’histoire des intellectuels au croisement de deux chemins accidentés et sinueux, entre « rotte dell’io et rotte del noi » ?

4Une invitation à réfléchir, au-delà du cadre italien, sur le lien étroit et nécessaire unissant l’histoire culturelle à l’histoire politique.

Claudio Pavone (Università di Pisa)

  • 6 G. A. Borgese, Golia. La marcia del fascismo (1937) traduzione italiana, Milano, Mondadori, 1946.
  • 7 G. Fenoaltea, Storia degli italieschi dalle origini ai giorni nostri, Firenze, Barbera, 1947.

5Vorrei partire da un riconoscimento non di maniera al modo in cui si è svolto questo convegno che ha saputo evitare la disputa talvolta accademica fra continuità e rottura che può dar luogo ad opposte retoriche. Giuseppe Antonio Borgese, con il libro Golia. La marcia del fascismo6, dava un massimo di continuità alla storia d’Italia vedendone il naturale sbocco nel fascismo. Nell’immediato dopoguerra, molti Italiani espressero il loro amor di patria fustigandola ed ebbero notevole successo i libri che andavano alla ricerca delle nequizie italiane attraverso i secoli e che potrebbero essere raggruppati sotto il titolo De antiquissima italorum insipientia, parafrasando amaramente il De antiquissima italorum sapientia di Giambattista Vico. Oltre a quello di Borgese, cito soltanto la Storia degli italieschi dalle origini ai giorni nostri di Giorgio Fenoaltea7. Naturalmente a questo tipo di esagerazioni il convegno non ha dato cittadinanza, operando invece due distinzioni : una cronologica all’interno della vita di uno stesso personaggio, ad esempio Montale ; l’altra tematica, non potendo lo stesso schema applicarsi ai diversi rami della cultura.

6L’aspettativa che dopo il 25 luglio 1943, e a maggior ragione dopo il 25 aprile 1945, qualcosa di radiosamente nuovo dovesse avvenire era in Italia largamente diffusa, ma con troppa rapidità fu dato per scontato che essa si fosse davvero verificata. D’altro canto, non era neppure vero che non fosse cambiato nulla. Il convegno ha mostrato che il discorso va condotto su molti piani, su ognuno dei quali si presenta la polarità continuità/rottura. Questa è stata in generale maggiormente indagata a livello di storia politica e istituzionale, con ampie aperture sulle grandi tematiche della natura dei grandi sistemi politici del fascismo, del nazismo, del liberalismo, della democrazia, del comunismo. Il convegno ha arricchito il discorso su questi argomenti più tradizionali e vi ha affiancato quello su vari aspetti dell’attività culturale, molti dei quali hanno subito l’influenza di culture non italiane. Io non sono uno specialista in materia, ma ad esempio la letteratura americana, tramite Pavese e Vittorini, anche nella loro qualità di traduttori, ebbe una notevole influenza. Un altro caso è quello del cinema in cui il neorealismo italiano ha alle spalle il grande cinema francese dell’entre deux guerres : Renoir, Carné, Duvivier erano nomi noti in Italia anche prima della guerra e possono in questo senso essere considerati un elemento di continuità, mentre i grandi dell’espressionismo tedesco furono per la mia generazione una rivelazione perché erano stati messi al bando dal nazismo e, sulla sua scia, dal fascismo.

7Tornando al campo a me più familiare, una semplificazione in cui si può cadere è che il richiamo molto forte alla continuità dello Stato italiano attraverso il fascismo porti alla sottovalutazione della grande frattura che fu il passaggio dal Regno d’Italia alla Repubblica italiana, frattura dovuta all’antifascismo e alla Resistenza. Il governo del maresciallo Badoglio subito dopo il 25 luglio del 1943, aveva emanato un decreto che stabiliva che quattro mesi dopo la fine della guerra sarebbero state indette le elezioni politiche, secondo le leggi elettorali prefasciste e secondo lo Statuto albertino, strapazzato dal fascismo ma mai formalmente abolito. Questo sarebbe stato il massimo possibile di restaurazione del prefascismo, e si può così misurare il cammino che, in virtù della Resistenza, è stato poi percorso sulla via del rinnovamento italiano. Soprattutto alle nuove generazioni, delle quali qui si è tanto parlato, il ritorno al prefascismo appariva addirittura offensivo, dopo che i revenants, quali Vittorio Emanuele Orlando e lo stesso Benedetto Croce, si erano ignominiosamente fatti battere dal fascismo. Non era estremismo giovanile ma la voce di chi meglio interpretava il momento storico, anche se le vicende tumultuose attraversate dagli Italiani negli ultimi anni non generavano in tutti uguali valutazioni e non erano destinate a lasciare in tutti uguale memoria. Parlandone oggi occorre tenerne conto.

8Numerosi sono ormai in Italia gli studi, le edizioni di memorie, di diari, di testimonianze che, nelle loro diversità, alimentano polemiche che vanno oltre il mondo degli studiosi e che generano il singolare paradosso di un popolo che non ha saputo compiere una profonda autoanalisi collettiva e che, forse proprio per questo, continua a discutere approssimativamente e stizzosamente di un passato sul quale ha spesso informazioni limitate o erronee. Subito dopo la liberazione c’era stata una sincera spinta, non solo fra gli studiosi e i padri costituenti, a capire cosa mai fosse successo, cosa fosse stato il fascismo, perché fosse nato proprio in Italia, come si inquadrasse nella storia europea. Poi, una serie di fattori, dal sostanziale fallimento dell’epurazione alla mancata Norimberga italiana, riesaminata di recente in un libro di Michele Battini, e all’inizio della guerra fredda, aveva fatto acquietare l’ansia di rinnovamento stemperandola nell’autoassoluzione collettiva. Il concetto di colpa collettiva è moralmente sbagliato e politicamente porta al « tutti colpevoli, nessun colpevole ». La colpa è sempre individuale ; ma esistono le responsabilità dei popoli per i propri comportamenti e per le ripercussioni che questi lasciano nella coscienza dei singoli. I tedeschi in una prima fase scelsero il silenzio ; poi, soprattutto sotto la spinta della generazione del Sessantotto che accusò i padri di questo occultamento, hanno avuto il coraggio di cominciare a riflettere seriamente sul loro passato nazista. Essi sono oggi su questa strada molto più avanti degli Italiani. Non è raro sentir dire ancora oggi, quando si ricordano le nequizie del fascismo : « Eh ! Ma vuoi mettere i tedeschi ! » È vero, i nazisti hanno commesso crimini peggiori di quelli dei fascisti, ma questo non deve costituire un alibi per la coscienza degli italiani. Una delle grandi figure dell’antifascismo, Vittorio Foa, ha detto una volta che i Tedeschi sono diventati una grande risorsa per la coscienza degli italiani. I fascisti erano razzisti come i nazisti, e la loro cultura dettò le leggi del 1938 e i conseguenti comportamenti : dopo l’8 settembre, i Tedeschi usarono per le deportazioni gli elenchi degli ebrei compilati nel censimento eseguito dalla Direzione generale per la demografia e la razza del Ministero dell’Interno nel 1938. Il costume italiano di mettersi facilmente a posto la coscienza ha lontane radici nell’istituto cattolico della confessione, divenuto parte della cultura di massa. Certo, occorre un sincero pentimento perché, come dice Dante, « assolver non si può chi non si pente » ; ma chi giudica la sincerità del pentimento ? Il sacerdote si rimette alla dichiarazione del penitente. Se ne riparlerà caso mai il giorno del giudizio universale, ma intanto il meccanismo funziona.

9I problemi che ho segnalato finora sono di carattere molto generale e mi auguro possano indurre a porre anche domande più specifiche. Vorrei indicare ancora qualche ulteriore punto che penso possa sollecitare la discussione. Il passaggio generazionale è stato al centro di molte rilevanti considerazioni che hanno mostrato la complessità del problema. Negli anni passati, sono state formulate interpretazioni che parevano vedere nei Guf (Gruppi universitari fascisti) e nei Littoriali della cultura (che il regime organizzava ogni anno) una fucina di antifascismo, solo perché figure eminenti come Pietro Ingrao e Giaime Pintor avevano attraversato quelle esperienze. Ma esiste anche il problema di comprendere come e quanto quelle istituzioni, che avevano l’obiettivo di fascistizzare la gioventù, siano riuscite nel loro compito e abbiano costituito una reale componente del regime, seminando veleni di più lunga durata. È di questo che ha parlato Luca La Rovere, suggerendo uno spinoso punto di vista per affrontare il problema della continuità e della rottura. Gli storici ne discutono ancora per il passaggio fra antichità e medioevo, e noi abbiamo buone ragioni per parlare ancora, come ha inteso fare questo convegno, di quello fra fascismo e repubblica democratica, nelle istituzioni e negli uomini. Per il passaggio dal fascismo all’antifascismo dei giovani educati nel regime, il problema è particolarmente complesso per la varietà delle motivazioni individuali, che vanno dalla chiara e matura presa di coscienza alla ragionata accettazione della lezione dei fatti o al mero adeguamento passivo. E le differenze fra i punti di arrivo di questi percorsi complicano ulteriormente il problema.

10Si è parlato molto dei giovani diventati da fascisti comunisti ; e questo è stato un argomento molto usato, soprattutto nel periodo della guerra fredda, per sottolineare, non senza qualche buona ragione, l’affinità fra i due regimi. Si è parlato meno dei giovani cattolici passati indenni, con le loro associazioni, dal lealismo verso il regime fascista al collateralismo con la Democrazia cristiana. Il fatto è che per la maggioranza dei cattolici essere, insieme, cattolici e fascisti non aveva costituito un problema di coscienza. Si è parlato qui molto, e giustamente, di Maritain, di Mounier, di « Esprit », ma questa cultura non era quella ufficiale della Chiesa. Il neotomismo, la philosophia perennis, erano al centro dell’insegnamento che partiva dall’Università cattolica di Milano e dall’Università gregoriana di Roma con i suoi affollatissimi corsi di cultura religiosa per laici. Gli autori sopra nominati erano noti e discussi solo nelle élite universitarie che facevano capo a monsignor Montini. Da esse uscì Aldo Moro, ma non Amintore Fanfani, docente alla Cattolica, che aveva scritto su « Vita e pensiero », la rivista ufficiale dell’università di padre Gemelli, un articolo di sfrenata apologia della guerra d’Etiopia che andava a portare la civiltà cristiana ai popoli che ne erano ancora privi.

11Il nome di Fanfani mi porta a parlare di un altro argomento importante per i rapporti tra Chiesa e fascismo e per l’eredità da essi lasciata : il corporativismo. Sbarberi ha parlato ieri della ricerca di una terza via fra capitalismo e socialismo cercata, a sinistra, da Carlo Rosselli e dal movimento di Giustizia e Libertà. Ai comunisti questa ricerca non riusciva gradita, perché la consideravano teoricamente assurda e politicamente concorrenziale ; ma con la politica dei fronti popolari la inclusero fra le auspicate grandi alleanze. Il corporativismo era una terza via cercata al centro o a destra. Fascismo e scuola sociale cattolica s’incontravano su questo terreno ed era un incontro non solo italiano : si ricordi che la scuola sociale cristiana aveva origini austriache, tedesche e francesi, e che in Italia l’unico teorico di rilievo era stato il cattolico Giuseppe Toniolo. Nelle prime prese di posizione in materia politico-sociale della Democrazia cristiana, lo sfondo corporativo è evidente e, in tutti i momenti di crisi della democrazia come quello attuale, le tentazioni corporativiste tornano sulla scena.

12Il passaggio di molti giovani dal fascismo al comunismo, di cui ho parlato, rinvia ad un confronto fra i due movimenti all’interno della più ampia categoria del totalitarismo. Non posso certo affrontarlo qui ; ma affinché il discorso non venga appiattito sulla compiaciuta affermazione di un lineare, ovvio e al limite opportunistico passaggio, vorrei ricordare una distinzione che suggerisce Talmon, nella sua importante opera Le origini della democrazia totalitaria, quando distingue fra i totalitarismi che sono la coerente applicazione di principi liberticidi e, appunto, totalitari, e quelli invece che sono la degenerazione e il tradimento dei loro presupposti ideali. Alla prima categoria appartengono il fascismo, il nazismo e tutte le loro derivazioni, alla seconda il comunismo in quanto stravolgimento degli ideali di liberazione umana del socialismo ; e questo secondo caso è, si potrebbe dire, ancora più sconfortante. Molte conversioni al comunismo avvenute durante la Resistenza e nell’immediato dopoguerra sono dovute al fatto che si sorvolava sul carattere viepiù liberticida assunto dal regime sovietico, si ammirava la tenace resistenza opposta dal popolo russo all’invasore, si era abbagliati dai trionfi dell’Armata Rossa, determinanti per la vittoria finale degli alleati. Sfuggiva quanto verrà detto icasticamente da Vasilij Grossman in Vita e destino : avevano vinto il popolo russo e il regime sovietico, ma questo non migliorava i rapporti fra di loro. Con l’insorgere della guerra fredda, divenne poi sempre più difficile sottrarsi al ricatto di essere un reazionario o addirittura un fascista se non ci si schierava con l’Unione sovietica (e qui parlo anche per esperienza personale). Ma quanto Sbarberi ha detto dell’importanza che ebbe Bobbio nel mettere in luce il pensiero di Marx sulla democrazia e sullo Stato, da non confondere con lo stalinismo, può servire a far riemergere il sottofondo che aveva indotto molti, non solo gli intellettuali e i marxologi, ad aderire al comunismo e a logorarsi attorno al rapporto fra socialismo e regime sovietico.

13Quando lavoravo negli Archivi di Stato, compii nel 1963 un lungo viaggio professionale in URSS per studiare il sistema archivistico sovietico. Mi fu dato come guida, accompagnatore e interprete un giovane collega armeno, chiaramente in crisi rispetto alla sua identità sovietica. Io ero molto cauto con lui per non metterlo in difficoltà ; però, man mano che cresceva la confidenza, cominciammo a fare discorsi molto aperti. Una volta gli chiesi quale fosse secondo lui il rapporto fra comunismo e libertà. Ci pensò un momento e rispose : « grande e complesso problema », né mai avrebbe aggiunto altro.

Mario Isnenghi (Università di Venezia)

14Quale è il senso di questo incontro ? Fin dalla prima mezza giornata che ho seguito, ho avuto la sensazione di quanto tempo fosse passato, non solo in senso stretto e materiale, rispetto agli anni Settanta. Allora, cominciando a lavorare sul fascismo, si poteva avere l’impressione – io l’avevo – di una grande Chiesa vuota : l’Italia fascista mi si presentava come un tempio totalmente privo ormai di officianti e di fedeli ; non c’era rimasto più nessuno. L’immagine dell’Italia fascista come parentesi, escogitata da Croce fra le due guerre, e negli ultimi due anni di guerra per motivi diplomatici, era diventata una categoria storiografica destinata a perdurare per decenni : l’Italia c’era, gli italiani non c’erano più. Dov’erano finiti tutti quegli italiani che erano stati fascisti ? Dov’erano gli italiani del 10 giugno ? C’erano, ma dentro di loro facevano di no col piede perché l’antica educazione gesuitica consente di essere in un luogo e contemporaneamente altrove… Ecco : questa situazione mi è apparsa fin dalle prime relazioni che ho ascoltato qui lontanissima. Lo sapevo già, ma forse non avevo calcolato a che punto ormai si erano affollate le camere di passaggio dal fascismo al post-fascismo, affollate e non più e non solo nel senso sempre privilegiato degli svincolamenti, per cui dal fascismo si diventava antifascisti o, se possibile, si sosteneva sempre di esserlo stati prima, molto prima, sempre prima. No ; gli affollamenti a questo punto mi sono apparsi duplici, come le direzioni di marcia, perché in realtà una volta che la lente, com’è avvenuto qui, si posa su cinque o sei anni, ci appare un groviglio di andirivieni in cui ciascuno deve ridare senso a se stesso mentre le cose cambiano in modo accelerato.

15È vero, qui ci siamo occupati soprattutto d’intellettuali di maggior nome, ma il problema di queste dinamiche conflittuali e di quest’andirivieni valeva anche per le istituzioni, cui si è fatto riferimento. Baioni, in particolare, l’ha fatto per l’Istituto per la storia del Risorgimento italiano e per altri istituti storici. Giustamente, Marie-Anne Matard-Bonucci ha accennato all’interesse di non lavorare più soltanto sui vertici, ma sulla cultura media e su quella diffusa ; ha parlato di presidi e di scuola media, di mutamenti fra i cronisti dei giornali. Insomma, si tratta di rimettere nella ‘Chiesa’, svuotata dalle idee di parentesi e d’irresponsabilità proprie del pentitismo clericale e gesuitico controriformistico, tutta la gente che c’era stata : altro che pentimento ! Assunzione di responsabilità storiche, di quello che si era stati : chi, come, quando, le generazioni. Per decenni, siamo andati tutti sulla scia del Lungo viaggio attraverso il fascismo di Ruggero Zangrandi ; ma Zangrandi parlava di sé, salvava se stesso, magari sacrificando il compagno di banco. C’era sempre un fratello o una sorella di Mussolini da sacrificare, come nelle memorie che Luciana Castellina ha appena pubblicato, in cui scopriamo che la sua compagna di banco era Anna Maria Mussolini. E ci domandiamo allora : ma quanti figli aveva il Duce ?

16Il problema è che la storia – la storia dei giovani, la storia del passaggio dal fascismo all’antifascismo, la palingenesi – si basava fondamentalmente su alcuni licei, come il Tasso di Roma, e sui giornali dei Guf, « Il Bo » di Padova, il « Campano » di Pisa, e via così, come se si potessero assolutizzare e riferire a tutti le vicende generazionali di alcuni singoli che hanno agito allora e, soprattutto, che hanno preso la parola dopo, nella memoria, nel racconto, guadagnandosi questo diritto sul campo, nel ’43, nel ’44 e nel ’45. Magari questi ex fascisti dei Littoriali possono essere stati anche i gappisti di via Rasella, e in quanto fascisti possono anche essere entrati in colluttazione con un padre come Piero Calamandrei. Non solo in questo convegno naturalmente, ma in modo particolare in questo convegno, questo affollamento plurigenerazionale degli anni ’40, ’43, ’45 mi è apparso limpido. E si è cominciato a districarlo dando agli individui, alle istituzioni e alle generazioni, a ciascuno il suo ; in fondo, qui stiamo parlando solo di cinque o sei anni, ma se volessimo parlare del fascismo saremmo sui venticinque anni. Ora, la durata di una vita media è di tre volte questi venticinque anni. Si tratta di andare a vedere, allora, la vita media del singolo : se ci interessa la biografia di quel singolo, qui in quanto scrittore, qui in quanto giornalista, qui in quanto professore ; se ha incrociato i venticinque anni di vita della società fascistizzata all’inizio, a metà o alla fine della sua vita ; e la risultante, ovviamente, sarà diversa. È arduo, a questo punto, pervenire a una biografia collettiva del popolo italiano prima in vista del fascismo, poi fascistizzato o auto-fascistizzante. Ovviamente gli squadristi ci sono stati, e poi i momenti di svincolamento e allontanamento.

17Le biografie aiutano, e aiutano anche le biografie di gruppo. Ernesto De Cristofaro ci ha raccontato, per esempio, la storia della corporazione dei giuristi, e ci ha mostrato quanto contino i soggetti collettivi di carattere corporativo, anche quando non siano stati teorizzati dal corporativismo, e le categorie di solidarietà professionale. In questa contesto, quale epurazione è possibile quando si arriva al ’45, ’46, ’47 e ogni categoria deve auto-epurare se stessa ? Entrano in gioco meccanismi di affiliazione, di cooptazione accademica e non accademica, di ufficio, colleganza e parentela, etc. ; e i soggetti collettivi possono anche essere questi, di carattere professionale, con queste grandi forme di reticenza, ammiccamento e solidarietà nel raccontarsi di non essere mai stati fascisti, di essere diventati antifascisti un po’ prima e sempre prima. Si tratta di meccanismi che abbiamo visto studiare da decenni a proposito della generazione dei giovani intellettuali di formazione fascista, prima grazie al Lungo viaggio di Zangrandi, poi indagata attraverso i suoi giornali gufini. Io ricordo benissimo che quando ai miei tempi, all’Università di Padova, scrivevo a mia volta sul « Bo », per noi il « Bo » era il giornale di Eugenio Curiel, cioè del capo del Fronte della Gioventù nella Resistenza, fucilato dai fascisti. Questo era ; che a dirigerlo fosse stato il segretario del Guf padovano non lo sapevamo. Per scoprirlo ho dovuto arrivare agli studi successivi. Zangrandi ci raccontava queste cose conducendoci per mano, all’insegna dei sottintesi, della trasfigurazione e della reticenza.

18Per questo tipo di biografie, gli scrittori, i giornalisti, gli intellettuali in genere hanno interessato di più ; e attraverso queste storie intellettuali si è finito anche per parlare degli intellettuali medi, minori, di tutti. In realtà bisognerebbe mettere mano a biografie di categoria ; in parte lo si è fatto, ma ancora molto c’è da fare per rimettere le folle là dove erano state, senza che per questo sia necessario parlare ancora di consenso e mettersi di nuovo a litigare se ci fu o non ci fu il consenso. Anche quando non c’è il consenso, infatti, c’è l’obbedienza, o c’è l’adesione, o c’è la disciplina, o c’è anche solo una rassegnazione ormai disperata. Sarebbe come richiedere il consenso in una guerra basata sulla coscrizione obbligatoria, come se tutti fossero volontari. No ; ci sono diversissimi gradi per stare dentro una società costituita così com’è e stare agli obblighi, ai linguaggi, alle maschere e alle compatibilità di fase. Se poi le compatibilità di fase mutano, muto anch’io ; e se poi me lo voglio raccontare in modo attenuato, posso cambiare i tempi, posso non ricordarmelo più. Si tratta della memoria, e la memoria non è la storia. E non vorrei che ci raccontassimo che stiamo finalmente arrivando alla storia, mentre tutti gli altri prima di noi stavano nelle loro politiche della memoria. Bisognerà che qualcuno valuti criticamente quello che stiamo facendo noi per sapere se qui siamo ritornati all’oggettività dei comportamenti degli italiani nel fascismo, oppure se ce la stiamo raccontando in un modo che ha a che fare con delle buone, ma anche con delle cattive ragioni. Le buone ragioni sono che la storiografia avanza, che la lucidità dello sguardo e anche la documentazione crescono, che ne sappiamo di più ; e anche che il tempo passa e siamo più liberi di volerne sapere di più. Le cattive ragioni sono invece che, in questo momento, la Repubblica nata dalla Resistenza è priva di molti protettori, per cui si possono dire cose pericolose, vedendoci dentro molta meno rottura politica ed esistenziale di quanto non sia stato politicamente conveniente vederci prima.

19In fondo, oggi come oggi ci interessa meno anticipare il passaggio all’antifascismo, ci interessa meno politicamente l’antifascismo tout court e, forse anche per questo, ormai parliamo sempre di più di post-fascismo. Allora vorrei proporvi una categoria, che non è quella – ricordata da Marie-Anne Matard-Bonucci – degli intellettuali militanti e di quelli funzionari, che abbiamo comunque visto in azione. Si tratta di uscire dalla nostra pelle militante ; anche se in questi decenni siamo stati inclini a vedere soprattutto il passaggio dalla militanza fascista alla militanza comunista, è giusto quello che ha detto Claudio Pavone : potremmo vedere anche semplicemente l’abbandono della militanza e il passaggio a una professione, a un’attività, a una vita spoliticizzate. Per esempio, la storia della nazione, della patria e del nazionalismo ci dice che nel secondo dopoguerra, cessata quella militanza, non fu sostituita da un’altra militanza patriottica. Bisognava arrivare al Centocinquantenario perché lo fosse : adesso siamo ‘intellettuali organici’ dell’Unità ; di sicuro, almeno, lo sono io, ma non sono certo il solo. La proposta che faccio è questa invece, quella basata sulle rotte dell’io e le rotte del noi. A me sembra molto fertile, per leggere questi passaggi e svincolamenti di individui, di gruppi sociali, delle categorie e delle professioni, delle forze politiche, utilizzare la parola ‘rotta’ nel suo duplice significato di « naufragio » e di « catastrofe », di ‘venir meno’ e di ‘sconfitta al più alto grado’, ma anche di itinerario e di percorso con bussole e direzione diverse. Il problema di chi visse il ’40 e il ’45, e questo quinquennio, fu quello di arrivare con certe bussole all’entrata in guerra e di esserne uscito, chi più chi meno, con altre, e di quando e quanto cambiò in quel quinquennio. E poi non c’è soltanto il problema della bussola ; c’è anche il problema di perdere la bussola. Il popolo italiano perse la bussola e, in una certa misura  io non credo che l’Italia allora sia morta –, la ritrovò nella Resistenza ; una bussola che, comunque, fu diversa e che per ciascuno degli individui pone dei problemi di datazione : quando ha cambiato rotta ? Questo mi sembra offrire la possibilità di rispettare l’esigenza di guardare all’io, ai trasalimenti e aggiustamenti dell’io, con se stesso e con gli altri, al privato, che è così forte oggi. Abbiamo voglia di conoscere dinamiche esistenziali, di approfondire l’io ; ma l’io che continuamente ridefinisce se stesso, specie se gli capita di vivere sotto il totalitarismo fascista, non vive in apnea, vive in mutevoli compatibilità di fase che hanno a che fare con un noi, con dei noi che si formano, che ci sono per un po’, che poi cominciano a sbriciolarsi e alla fine vengono meno catastroficamente e sonoramente. E allora oggi l’io come si correla ? Per esempio, nell’Italia nella quale ci apprestiamo a tornare, noi non viviamo in questo momento in una situazione di interlocuzione dialogica di tipo noi/voi. Noi viviamo in una situazione, oppositiva e cacofonica, di tipo noi/loro. Questa è la situazione politica attuale e naturalmente vale nei due campi, pro e anti-berlusconiani. L’opposizione tra fascismo e antifascismo è dello stesso tipo ma, nella realtà delle dinamiche, le cose sono complicate : ogni tanto qualcuno riesce persino a dialogare con un voi, molto spesso però non accade, e forse lo specifico della storia d’Italia è proprio questo qui : che più facilmente ci sono i noi e i loro e molto più raramente ci sono i noi e i voi.

20Quando De Cristofaro ha parlato di giuristi, ho pensato a una ricerca di Giulia Simone, in via di pubblicazione, su Alfredo Rocco che mette in forma la rivoluzione. Abbiamo sentito che tutti gli altri giuristi, assai meno rivoluzionari, pur provenendo da posizioni di destra proprio come il nazionalista Alfredo Rocco, hanno vissuto fra le due guerre la propria specificità disciplinare e professionale in questo modo : prima i politici fanno la rivoluzione e poi arriviamo noi a spiegarla, ad aggiustarla e a farla rispettare al popolo. Quando si è contemporaneamente un grande giurista, un grande professore di diritto, un grande avvocato, e si vive la propria sola vita, si hanno trenta, quaranta o quarantacinque anni, e c’è la dittatura, che fai ? Quanti di loro hanno spezzato i codici ? Tutt’al più, li hanno rifatti. Quanti auto-licenziamenti vediamo nelle diverse categorie ? Quello che vediamo, in realtà, è un venire a patti di milioni e milioni di io, dentro un noi in cui vivono e si adattano più o meno a malincuore. E capita magari all’infelice Piero Calamandrei di essere sgridati dal figlio, prima da destra e poi da sinistra. Chissà in quante altre famiglie è successo questo nel corso delle generazioni che si susseguono. Poi con grande interesse ho sentito parlare di Foscolo, del Foscolo poeta combattente, del Foscolo dei fascisti ; ne ha parlato, in particolare, Del Vento. A questo proposito mi permetto di fare un riferimento a una mia cosa, perché so che i più non possono conoscerla, un’opera semi-clandestina in molti volumi che ho diretto negli anni scorsi per la Utet, Gli italiani in guerra. Conflitti identità memorie dal Risorgimento ai nostri giorni, che si apre con un mio saggio che s’intitola : A egregie cose. Questo riferimento mi è venuto in mente perché le egregie cose, nel Foscolo interpretato dai fascisti, possono aver voluto dire delle cose di carattere belligero e belligerante ; e non è che Foscolo non si prestasse : aveva le narici piuttosto fumanti, ma era o non era piaciuto a Francesco De Sanctis ? Basta o non basta essere piaciuto a De Sanctis ? A me basta. Poi, mi va bene anche leggerlo di persona e dire a proposito delle egregie cose : perché no ? Che male c’è ? Si rischia l’elitismo ? E va bene. Si rischia l’aristocratismo ? E va bene. Ma chi fa le cose che contano ? Chi è che va avanti ? Non ci va bene chiamarle élites ? Chiamiamole pure avanguardie. Comunque ci vogliono sempre le minoranze che arrivano prima, che magari poi non si sentono arrivate abbastanza prima e anticipano le date di quando sono arrivate. Io penso che Foscolo sia ormai pienamente mondato dalle interpretazioni dei fascisti, che certo si potevano riferire più facilmente a Foscolo che non a Pellico. Anch’io, francamente, mi riferisco molto più volentieri a Foscolo che non a Pellico. Un cattolico concordatario potrebbe invece benissimo riprendersi Pellico : l’Italia è lunga e anche grande, ci sono dentro tante cose e, nella politica della memoria, tutto si può fare. Non posso, quindi, riprendere tutti i singoli punti, ma ho sentito echeggiare con grande interesse il nome di Luigi Russo che, tra le altre cose, è anche l’autore di un Tramonto del letterato. Forse si sarebbe potuto ricordare cosa dice Gadda di Foscolo : cose terribili. Sì, però anche Gadda ha qualche problemino. E chi non li ha ? Qualcuno : basta andare alle isole del confino al momento buono.

21Vorrei concludere parlando del cinema, di cui anche si è trattato in questo incontro. Essendo amico di Giampiero Brunetta, lo storico del cinema, ho frequentato i festival di Pesaro, di Ancona, etc., diversi decenni fa, perché lui mi ci portava, e vedevamo-rivedevamo precocemente Camerini, il cinema dei ‘telefoni bianchi’, le commediole finto-ungheresi. Noi, però, cercavamo il cinema in camicia nera – la militanza, non l’evasione – e non lo trovavamo. Abbiamo dato tutta la responsabilità alla lungimiranza di Luigi Freddi, il direttore generale del settore Cinema nel MinCulPop, che diceva a chi gli proponeva soggetti impegnati :

Abbiamo vinto. Cosa stiamo lì a sfrucugliare ? Abbiamo fatto lo squadrismo, li abbiamo menati, li abbiamo anche uccisi. Adesso ci facciamo il cinema sopra dicendo : “Si è preso il potere con le cattive maniere” ? No, noi siamo un regime d’ordine. Quindi i telefoni bianchi van bene, commediole, cose inoffensive che facciano passare il tempo.

22Ogni tanto, magari, se c’era un anniversario, qualche pellicola impegnata filtrava, fra autocensura e scelte di opportunità, politiche della memoria e dell’oblio. Nel ’32 si riescono a stampare i diari squadristici sia di Balbo che di Farinacci, ma nel ’32, non nel ’22, o quando li avevano scritti ; e anche qualche film riesce a filtrare. Così, fino a un certo punto ci siamo dati pace : non c’era questo cinema militante, però c’era il grande cinema.

23Ma qual era la linea ? La linea era la stessa che già veniva offerta a noi ragazzi dei licei della metà degli anni Cinquanta. Andavamo, se abitavamo – poniamo – a Venezia, al cineclub Pasinetti, ignorando totalmente che Francesco Pasinetti avesse fatto i film con i soldi del Guf veneziano, assolutamente convinti che fosse un uomo di cinema passato attraverso la Resistenza. Sì, insomma, in qualche modo… Ciò che non toglie nulla alla sua precocità e bravura tecnica, per cui il recupero da un punto di vista tecnico della bravura dei tecnici usciti da Cinecittà di tutte le varie articolazioni è fuori discussione ; il problema è il senso politico di quello che fanno, di quello che fa Rossellini nei primi anni Quaranta. Com’è che Rossellini, in men che non si dica, da propagandista di regime diventa l’espressione dell’antifascismo ? Che cosa vuol dire ? E così anche gli attori che sono usati per fare Roma città aperta : le facce sono le stesse e gli spettatori vanno a vedere le facce ; l’immaginario cinematografico è fatto di facce. Riconoscono la stessa faccia di uno, due, tre anni prima. Riconoscono Amedeo Nazzari e riconoscono anche Anna Magnani : e allora che cos’è questo se non un porgersi reciprocamente la mano per dire : sì, però… stiamo cambiando insieme. Io credo che la verità Rossellini l’abbia raccontata già ai tempi del Generale Della Rovere. Siamo tutti il finto ‘generale’ Bardone e l’importante, al momento buono, è saper gridare « viva l’Italia » e lasciarsi fucilare. Sono balle, ma questa è una bella balla ; sono recitazioni, ed è la recita sociale che cambia : l’importante è che qualcuno riesca a recitare nel modo giusto al momento giusto. Ma in tutti i cineclub animati dagli intellettuali impegnati e di sinistra degli anni Cinquanta, quello di cui si andava in cerca erano le anticipazioni : chi non era stato da sempre antifascista, comunque lo era diventato ben presto e si era presentato pronto all’appuntamento con il neorealismo.

24A me pare che da questo convegno venga fuori piuttosto l’invito a riconoscere al fascismo tutto ciò che è del fascismo. Non c’è bisogno di ‘antifascistizzare’ tutte le cose buone che troviamo : se 1860 è bello, è bello senza bisogno di togliere la camicia nera a Blasetti, che la camicia nera l’aveva davvero, e pure gli stivali. Oppure, perché andare a cercare un’anima antifascista a Rossellini ? Ma come si fa ? A De Sica ? Ma via… Non parliamo poi di Fellini, che apparirà addirittura come un democristiano, cosa rarissima per un cineasta. Oggi si dice : « tutto il cinema comunista » ; ma quali sarebbero i comunisti ? Eppure, per decenni, abbiamo sentito nominare Umberto Barbaro ; sì, è vero, lavoravano all’interno di Cinecittà, però amavano il cinema sovietico. Perché amavano il cinema, e lo amavano dovunque lo trovassero. Se poi quello era anche forte dal punto di vista della propaganda, poteva anche servire politicamente.

25Ecco, io penso quindi che si possa anche concludere in questo senso qui : gli andirivieni nella storia non devono, se ci riescono, rimanere prigionieri delle rispettive politiche della memoria, individuali e generazionali ; nel palinsesto delle vicende e delle percezioni, dobbiamo almeno tendere verso la restaurazione dei fatti e delle immagini originarie, come fanno i restauratori dei quadri. In realtà, poi, anche al termine di ogni restauro di un quadro ci dicono : « Mah, qual era poi veramente il vero colore di Tiziano » ?

Haut de page

Notes

1 Nous reproduisons ici le débat entre Claudio Pavone et Mario Isnenghi animé par Marie-Anne Matard-Bonucci, qui a eu lieu le 1er avril 2011 à la fin du colloque « Les intellectuels italiens dans la transition du fascisme à la République (1940-1948) » (Lyon, École normale supérieure de Lyon, 30 mars – Grenoble, Université Stendhal, 31 mars - 1er avril 2011).

2 Voir notamment les travaux de H. Wollert ou de M. Battini.

3 L. La Rovere, L’eredità del fascismo. Gli intellettuali, i giovani e la transizione al postfascismo, 1943-1948, Turin, Bollati Boringhieri, 2008.

4 C. Pavone, Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità nella resistenza, Turin, Bollati Boringhieri, 1991 ; id., Alle origini della Repubblica. Scritti su fascismo, antifascismo e continuità dello Stato, Turin, Bollati Boringhieri, 1995.

5 M. Isnenghi, L’educazione dell’italiano. Il fascismo e l’organizzazione della cultura, Bologne, Cappelli, 1979, et Id., Intellettuali militanti e intellettuali funzionari. Appunti sulla cultura fascista, Turin, Einaudi, 1979.

6 G. A. Borgese, Golia. La marcia del fascismo (1937) traduzione italiana, Milano, Mondadori, 1946.

7 G. Fenoaltea, Storia degli italieschi dalle origini ai giorni nostri, Firenze, Barbera, 1947.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Marie-Anne Matard-Bonucci, Claudio Pavone et Mario Isnenghi, « Du fascisme à la République », Laboratoire italien [En ligne], 12 | 2012, mis en ligne le 26 novembre 2012, consulté le 21 novembre 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/663 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.663

Haut de page

Auteurs

Marie-Anne Matard-Bonucci

Université Paris 8 /IUF

Claudio Pavone

Università di Pisa

Mario Isnenghi

Università di Venezia

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page