Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Textes et documents

Enrico De Nicola e la transizione istituzionale tra Monarchia e Repubblica (1944-1946)

Enrico De Nicola et la transition institutionnelle entre Monarchie et République (1944-1946)
Alessandro Giacone
p. 279-296

Abstracts

Enrico De Nicola è una figura pressoché dimenticata dal pubblico e dagli storici. Il presente articolo ricostruisce il ruolo dell’eminente giurista napoletano nella transizione tra Monarchia e Repubblica (1944-1946). Nel 1944, De Nicola ebbe un ruolo determinante per uscire dall’impasse istituzionale creatasi dopo la fuga di Brindisi, convincendo Vittorio Emanuele III a nominare il principe Umberto luogotenente del Regno. Nei mesi seguenti, De Nicola rifiutò’ più volte di entrare al governo e di schierarsi in un partito, confermando quella fama di imparzialità che gli valse, nel giugno 1946, l’elezione a capo provvisorio dello Stato. In appendice, viene pubblicato un testo inedito di De Nicola, «Quando, come e perché si addivenne alla istituzione della Luogotenenza».

Top of page

Full text

  • 1 In occasione del cinquantenario della scomparsa di De Nicola, tale lacuna storiografica è stata col (...)
  • 2 P. Craveri, Enrico De Nicola, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. XXXVIII, Roma, Società (...)
  • 3 B. Croce, Taccuini di Guerra 1943-1945, a cura di C. Cassani, Milano, Adelphi, 2004.
  • 4 F. Lucifero, L’ultimo re. I diari del ministro della Real Casa, 1944-1946, Milano, Mondadori, 2002.
  • 5 Inizialmente conservati alla villa di Torre del Greco, poi trasferiti al Quirinale, gli archivi De  (...)
  • 6 G. Ansaldo, De Nicola racconta, in « Successo », I, 1959, pp. 52 sgg., parzialmente riprodotto da P (...)
  • 7 E. De Nicola, « Quando, come e perché si addivenne alla istituzione della Luogotenenza. La soluzion (...)

1La figura di De Nicola è pressoché dimenticata dal pubblico e dagli storici. L’unica immagine rimasta nelle memorie e nei libri di storia è la fotografia che lo ritrae, il 27 dicembre 1947, intento a firmare la Costituzione repubblicana assieme a De Gasperi e Terracini. Fino a un’epoca recente, non esisteva neanche una vera e propria biografia politica a lui dedicata1, se si eccettuano i due saggi approfonditi pubblicati da Piero Craveri nel 1990 e nel 20012. De Nicola fu tuttavia un personaggio centrale della transizione tra fascismo e Repubblica per quanto riguarda gli aspetti istituzionali : fu lui ad escogitare il compromesso della luogotenenza e a convincere Vittorio Emanuele III a cedere i propri poteri al figlio Umberto ; in seguito, fu eletto capo provvisorio dello Stato (luglio 1946-dicembre 1947) e, dopo un voto della Costituente, fu anche il primo (seppur effimero) presidente della Repubblica italiana (gennaio-maggio 1948). Per quanto riguarda il biennio 1944-1946, abbiamo poche fonti per descriverne l’azione, se si eccettuano i diari di Benedetto Croce3 e di Falcone Lucifero4, l’ultimo ministro della Real Casa. Le uniche testimonianze che De Nicola ha lasciato di tale periodo5 sono un resoconto dattiloscritto pubblicato nel 19596 e un appunto manoscritto di difficile lettura – conservato all’archivio storico del Quirinale – che trascriviamo per la prima volta in appendice a questo articolo7.

  • 8 Questo atteggiamento gli verrà frequentemente rimproverato nei primi anni della Repubblica.

2Nato a Napoli nel 1877, Enrico De Nicola si affermò sin dalla giovinezza come uno dei più valenti avvocati d’Italia. Nel 1909, fu eletto per la prima volta alla Camera dei deputati, di cui fu presidente dal 1920 al 1924. Fu lui a presiedere la famosa seduta del 16 novembre 1922 – in cui Mussolini minacciò di trasformare l’aula « grigia e sorda » di Montecitorio in un « bivacco di manipoli » – senza mai togliere la parola al futuro dittatore8. Durante gli anni del fascismo, De Nicola non si distinse per atti di particolare eroismo, ma non fu neppure complice delle scelte del regime. Se nel 1924 il suo nome fu inserito nel « listone » fascista, alcuni giorni prima delle elezioni egli ritirò la propria candidatura e lasciò la vita politica per vent’anni, anche se nel 1929 Vittorio Emanuele III lo nominò senatore del regno.

  • 9 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 63.

3Il giurista napoletano riapparve sulla scena politica alla fine del 1943, quando tornò a riunirsi con alcune personalità di spicco della classe dirigente pre-fascista. Lo stesso Croce scrive nei suoi taccuini di guerra : « In tutto il periodo fascistico lo avevo incontrato assai di rado e, sebbene sempre con me amabilissimo, non avevamo mai parlato di politica »9. In quel momento, il Paese si trovava in una fase di stallo : dopo l’armistizio e la fuga a Brindisi, Vittorio Emanuele III, forte del sostegno degli alleati, si opponeva alla prospettiva dell’abdicazione, mentre i partiti del Comitato di liberazione nazionale rifiutavano di entrare nel governo Badoglio. La fine del fascismo non coincideva pertanto con una ripresa della vita democratica del paese. Per uscire dall’impasse, molti esponenti della vecchia classe dirigente liberale esercitarono pressioni su Vittorio Emanuele III affinché lasciasse il trono. In altre parole, si trattava di addossare a questi le colpe delle compromissioni con il fascismo, in modo da salvare l’istituto monarchico. Croce propose di escludere sia il Re che il principe Umberto e di istituire una reggenza individuale o collettiva affinché il figlio di Umberto, il giovanissimo Vittorio Emanuele (nato nel 1937) potesse « essere educato dalla nuova Italia antifascista e democratica » ed accedere al trono. Tuttavia, il Re rifiutò questa ipotesi per due ragioni : da un lato, interpretava la reggenza come uno stratagemma escogitato da Carlo Sforza per liberarsi della Monarchia ; da un altro, non vi era alcun accordo sulla persona che avrebbe assunto la reggenza : ai sensi dello Statuto, essa spettava al duca d’Aosta, ma ciò era improponibile a causa dei legami di questi con il regime fascista.

  • 10 Si veda il testo dattiloscritto di Enrico De Nicola sull’incontro con Vittorio Emanuele III (d’ora (...)

4Il 30 dicembre 1943, ebbe luogo un incontro tra Croce, De Nicola e Sforza a casa di un comune amico, Renato Morelli. L’ex-presidente della Camera, che aveva evidentemente riflettuto a lungo sulla questione, si disse contrario alla reggenza10, proponendo una luogotenenza di due o tre anni, « fino a quando il popolo [potesse] essere consultato e [dare] il suo responso sulla forma istituzionale da adottare ». In passato, la luogotenenza era già stata adottata più volte, specie in periodo di guerra : al fronte, il sovrano restava Re, ma i suoi poteri erano concretamente esercitati da un luogotenente. Tale soluzione avrebbe permesso a Vittorio Emanuele III di salvare le apparenze, evitando l’abdicazione. Croce espresse i propri dubbi a De Nicola :

  • 11 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 62.

Gli ho poi fatto notare che la sua proposta mi sembrava più della nostra dannosa all’istituto monarchico, perché ne colpisce la radice, impedisce che da questa possa risorgere una rigenerata monarchia costituzionale con un principe educato dalla nuova Italia antifascista e liberale, e porta logicamente verso la Repubblica […] ; il Re stesso forse l’avverserebbe più di quella dell’abdicazione, che ha già rifiutata.11

5A queste parole, De Nicola rispose che Vittorio Emanuele III si sarebbe opposto all’abdicazione, ma non alla luogotenenza.

  • 12 Ibid., p. 71.
  • 13 Ibid., p. 72.

6Nei primi giorni del gennaio 1944, il giurista napoletano espose le sue idee anche a Badoglio, il quale lo invitò a parlarne al Re12. Il problema della scelta del luogotenente rimaneva tuttavia irrisolto. Nell’incontro del 30 dicembre, Croce e Sforza avevano scartato « come cosa inaccettabile non solo per noi, ma anche per il Re » una luogotenenza affidata al principe Umberto, mentre De Nicola riteneva che la questione non fosse ancora all’ordine del giorno. Dopo aver aperto uno spiraglio, Sforza scrisse a De Nicola per esprimere di nuovo la propria contrarietà al nome di Umberto. A questo punto, annotava Croce, « De Nicola si è sdegnato e ha dichiarato che avrebbe mandato tutto a monte e si sarebbe ritirato di nuovo nella sua solitudine »13. Dopo un colloquio chiarificatore, Croce e Sforza affidarono a De Nicola un mandato senza pregiudiziali per convincere il Re, fattore che si rivelerà fondamentale per la riuscita dell’operazione.

  • 14 « Philipson mi aveva detto che è difficile avvicinare il Re e parlargli dell’utilità dell’abdicazio (...)
  • 15 E. De Nicola, testo manoscritto, riprodotto in appendice. Seppur non datato, l’appunto è posteriore (...)
  • 16 Come De Nicola spiegherà in seguito, le responsabilità obiettive sono « responsabilità senza dolo » (...)

7Ai primi di febbraio, Vittorio Emanuele III aveva lasciato Brindisi per trasferirsi a Ravello, sulla costa amalfitana : ottenere un’udienza risultava assai difficile, poiché Pietro Acquarone, ministro della Real Casa, teneva a dovuta distanza coloro che avrebbero potuto prospettarne l’abdicazione14. Grazie agli antichi rapporti di fiducia e di collaborazione con il vecchio sovrano, De Nicola riuscì tuttavia ad essere ricevuto a Ravello. Non è inutile cercare di capire quali fossero, in quel periodo, le convinzioni dell’avvocato napoletano. La voce popolare lo considerava come « il capo di un Partito monarchico italiano », ma come precisava lo stesso Croce, « si tratta di una diceria sparsa da gente che non lo conosce ». In realtà, De Nicola, che non aveva frequentato il Re e il Principe da quasi vent’anni, era del tutto conscio delle responsabilità di Vittorio Emanuele III. In un testo risalente ai primi mesi del 194615, egli ricordava i punti fermi su cui aveva impostato la discussione con il sovrano. Da questo testo traspare sia un velato sentimento d’affetto per Vittorio Emanuele III, sia la convinzione che quest’ultimo non potesse sfuggire alle proprie « responsabilità obiettive »16.

  • 17 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 72.

8Il 19 febbraio 1944, De Nicola si recò quindi da Vittorio Emanuele III nell’intento di convincerlo a rinunciare ai suoi poteri conservando tuttavia il titolo reale. Pochissime persone erano al corrente di questa missione, il cui successo sembrava alquanto improbabile. Il 9 gennaio, Croce annotò nel proprio diario : « Condurrò a termine questa pratica col De Nicola unicamente per conservare lui accanto a noi, giacché sulla sua felice riuscita ho scarse speranze »17. Il futuro capo provvisorio dello Stato descrisse così l’incontro con il sovrano :

  • 18 E. De Nicola, testo dattiloscritto.

In una gelida e tempestosa mattina del febbraio 1944 mi avviai, solo, in automobile, a Ravello, attraverso strade e curve che non sono le attuali. […] Io non lo vedevo [Il Re] dal 1924, cioè dall’anno in cui avevo lasciato prima per lo scioglimento della Camera – la carica di presidente dell’Assemblea e poi la vita politica. Fu cortesissimo : ci salutammo dopo vent’anni – come se ci fossimo lasciati il giorno precedente. In automobile durante il lungo e malagevole percorso – avevo meditato sul modo come affrontare la questione senza provocare reazioni o proteste. E subito dissi : « Maestà, noi studiosi di diritto penale sappiamo che vi è una particolare forma di responsabilità : la responsabilità obiettiva, cioè responsabilità anche senza atto e senza colpa ; i sovrani hanno molte responsabilità obiettive, fra le quali questa : il sovrano che dichiara una guerra e la perde deve lasciare il trono : da Napoleone I a Napoleone III, dagli Asburgo agli Hohenzollern, per citare i più importanti precedenti storici ». Illustrai, dopo ciò, la proposta della luogotenenza. Il Re non rispondeva mai in modo preciso. Divagava. Era la sua prassi costante, giustificata dal suo posto dalle sue responsabilità, di fronte alle questioni più gravi : e gli riusciva facile attuarla, perché aveva una memoria ferrea : a lui si adattava l’insegnamento : « Scire est reminiscere ». Dopo quattro ore di fervente colloquio, il Re chiamò il duca Acquarone, ministro della Casa Reale, che si trovava in una camera attigua, e gli riferì la mia proposta, senza svelare il suo pensiero, che restava sempre inespresso.18

9Autorizzato dal Re, il duca Acquarone si rivolse a De Nicola in questi termini : « Se Sua Maestà non accetta la sua proposta, lei è disposto a costituire con la permanenza del Re un ministero politico ? » L’ex-presidente della Camera rispose che tale domanda era « in aperto contrasto con la [sua] proposta e con le ragioni che l’avevano determinata », facendo capire di non aspirare alla presidenza del Consiglio. Avendo avuto prova del disinteressamento di De Nicola, Acquarone consigliò al sovrano di non esitare un istante. Il Re dichiarò di accettare la luogotenenza, indicando che essa sarebbe stata assunta dal figlio Umberto, alla sola condizione che la nomina del luogotenente avvenisse a Roma, la cui liberazione sembrava imminente. I motivi della richiesta sono facilmente intuibili : dopo la « fuga a Brindisi », Vittorio Emanuele III desiderava tornare nella capitale con il prestigio del sovrano vittorioso, sperando così di risollevare le sorti della Monarchia.

  • 19 Ibid. : « Mi permisi soltanto di aggiungere : “Maestà, consenta che io riprenda per un istante le m (...)
  • 20 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 74. Cfr. anche B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 93.

10Alla fine della conversazione, il Re chiese a De Nicola di informare gli Alleati della sua decisione, mentre ne avrebbe dato personalmente notizia a Badoglio19. Poiché la tempesta infuriava, gli propose di pernottare a Ravello, dove nel frattempo erano giunti anche il Principe Umberto e la moglie Maria-José. Falcone Lucifero racconterà in seguito che si era trattato di « una specie di pranzo funebre : il Principe, che intervenne, non disse una parola, né fu mai invitato a dirla, da parte del padre »20. Quest’ultimo dettaglio è particolarmente significativo : Vittorio Emanuele III non accennò assolutamente al figlio le conclusioni cui era appena pervenuto, mentre era proprio a questi che spettava assumere la luogotenenza.

  • 21 Ibid., p. 93.

11L’indomani, il Re prese congedo da De Nicola, confermando di accettare la luogotenenza. Con grande tatto e al fine di evitare repentini mutamenti d’opinione da parte del Re, il giurista napoletano rispose a questi di riflettere ancora e di inviargli l’indomani il duca Acquarone al fine di comunicargli l’accettazione definitiva. Ciò avvenne puntualmente il 21 febbraio, coronando l’opera di mediazione effettuata dall’ex-presidente della Camera. Come scrisse Croce nei suoi Taccuini di guerra, « tale è il lavoro condotto a termine dal De Nicola con acume e avvedimento ; ed è la sola azione pratica che sia stata compiuta finora, dico il solo risultato conseguito nel campo dei fatti politici »21.

  • 22 Rimane peraltro un’incertezza nella cronologia di questi avvenimenti : il Re aveva chiesto esplicit (...)
  • 23 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 36.

12Lo stesso 21 febbraio, il generale britannico MacFarlane venne informato della decisione del Re22. Vi fu sicuramente un legame tra questa comunicazione e il discorso che Churchill pronunciò l’indomani alla Camera dei Comuni, passato alla storia con il nome di « discorso della caffettiera »23. Riferendosi al governo italiano, il Primo ministro inglese affermò :

  • 24 Il termine strofinaccio si riferiva ovviamente ai partiti antifascisti italiani.

Quando occorre tenere in mano una caffettiera bollente, è meglio non rompere il manico finché non si è sicuri di averne uno altrettanto comodo e pratico, o comunque finché non si abbia a portata di mano uno strofinaccio24. […] I rappresentanti dei partiti antifascisti italiani, che sono ansiosi di tenere le redini del paese, sono forse in condizione di reggerlo, ma essi non avrebbero alcun potere costituzionale finché l’attuale Re non abdichi e il successore non li inviti al governo.

  • 25 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., pp. 10-11.
  • 26 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 100.
  • 27 Ibid., p. 94.
  • 28 E. De Nicola, Testo dattiloscritto. Lo stesso episodio è riferito da B. Croce, Taccuini di guerra, (...)

13L’entourage del sovrano fu ovviamente molto soddisfatto del discorso, che rinnovava il sostegno degli alleati alla Monarchia25, mentre Croce e Sforza si chiesero se ciò non avrebbe potuto modificare la decisione del Re. Alcuni giorni dopo, lo stesso Croce commentò amaramente che i conservatori inglesi « fanno sempre all’amore col fascismo, come già col nazismo e il franchismo »26. Tuttavia, De Nicola si disse sicurissimo che il Re avrebbe tenuto fede agli impegni27 e, lo stesso giorno, incontrò il generale MacFarlane, che approvò « con cortesi e lusinghiere parole » la soluzione che era stata adottata28.

  • 29 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 36.
  • 30 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 108.
  • 31 Questo passo è riportato (e sottolineato) dallo stesso De Nicola nel testo manoscritto, in appendic (...)
  • 32 Durante il loro incontro a Ravello, né il Re né De Nicola avevano mai parlato di « luogotenenza del (...)
  • 33 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 117.
  • 34 F. Lucifero, L’ultimo re, p. 360.

14La situazione di stallo si prolungò ancora per tutto il mese di marzo. Nel frattempo, la notizia dell’accordo concluso tra il Re e De Nicola era iniziata a trapelare29. Mentre negli ambienti liberali ci si chiedeva se non fosse giunta l’ora di rendere pubblica la soluzione della luogotenenza30, lo sbarco di Togliatti a Napoli (27 marzo) e la cosiddetta « svolta di Salerno » (1° aprile) accelerò improvvisamente i tempi, rimescolando le carte del gioco politico (Croce, ibid., p. 109-110). Il 6 aprile, venne annunciato agli altri partiti del CLN (Comitato di liberazione nazionale) che Vittorio Emanuele III era disposto a ritirarsi. Si votò che la luogotenenza sarebbe stata insediata senza attendere la liberazione di Roma. « Il Togliatti » annotò Croce, « è stato dei primi a consentire al risultato da noi raggiunto e non ha mosso nessuna difficoltà od obiezione » (p. 112). Il 10 aprile, i rappresentanti alleati, ricevuti in udienza dal Re, esercitarono pressioni affinché questi lasciasse il potere. Tornati dal sovrano il giorno seguente, gli chiesero di modificare il proclama aggiungendo alcune righe (p. 117-118). Si giunse così al messaggio radiofonico del 12 aprile, in cui il Re annunciava la decisione di ritirarsi dagli affari pubblici e di nominare il Principe di Piemonte luogotenente generale del Regno : « Questa decisione, che io credo fermamente possa servire all’unità nazionale, è definitiva e irrevocabile »31. Il proclama modificato dagli alleati introdusse così la nozione di « luogotenente del Regno »32, che suscitò non poche perplessità : poiché Vittorio Emanuele si era ritirato sine die a vita privata, « di chi il luogotenente sarà luogotenente ? Di un Re che non è più Re ? Se il luogotenente si ammala o muore o non ne può più e dà le dimissioni, chi nominerà il luogotenente del Re, che non è più Re »33. Il 5 giugno, all’indomani dell’entrata a Roma, Vittorio Emanuele III nominò Umberto luogotenente del regno. Tuttavia, gli anglo-americani non gli diedero la soddisfazione di firmare il decreto nella capitale, come già accettato dal Consiglio dei ministri, ma bensì a Raito, in provincia di Salerno, ove si trovava una delle residenze reali34.

  • 35 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 105.
  • 36 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 127. Lo stesso Falcone Lucifero annoterà tuttavia il 1° novembre (...)
  • 37 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 115.
  • 38 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 61.
  • 39 « Si tenne subito, nei primi giorni di giugno 1944, una riunione di pochi uomini politici in un gra (...)
  • 40 Croce fu ministro senza portafoglio dal 18 giugno al 27 luglio 1944, quando rassegnò le dimissioni.
  • 41 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., in data 12 giugno 1944.
  • 42 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., pp. 215-216.
  • 43 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 232.

15Il felice esito della mediazione con il Re aveva conferito nuovo prestigio a Enrico De Nicola, già estremamente popolare a Napoli. Nei mesi seguenti, l’ex-presidente della Camera rimase attivo sul piano politico, pur restando dietro le quinte. Fu lui a suggerire a Croce di trasformare il vecchio partito liberale in un’unione più larga35 e rinnovata (p. 105), prospettando il nome di Concentrazione democratica liberale (p. 161). Gli fu altresì attribuito il merito di esser riuscito a mettere « un po’ d’acqua nel vino monarchico del programma del partito »36. Tuttavia, De Nicola non desiderò impegnarsi in prima persona ed assumere un ruolo ministeriale. Come si è detto, nel febbraio 1944 aveva già rifiutato la nomina a presidente del Consiglio offertagli dal Re. Nell’aprile 1944, prima della nascita del secondo governo Badoglio, si parlò di lui come di un possibile successore del Maresciallo37. De Nicola non volle partecipare, anzi fu molto contrariato che si fosse parlato del suo intervento presso il Re. Nei mesi seguenti, i diari di Croce e Lucifero documentano una serie di proposte e di inviti declinati38. Ai primi di giugno, De Nicola si recò a Roma, da poco liberata, per una riunione con De Gasperi e Bonomi, in cui vennero definiti gli assetti di un governo politico di unione nazionale39. Quando Croce manifestò il desiderio di non diventare ministro40, Bonomi si illuse di poterlo sostituire con De Nicola41. Nel novembre 1944, nella fase che precedette la nascita del nuovo esecutivo, si parlò dell’ingresso di Croce, Orlando e De Nicola come ministri senza portafoglio. Dopo aver ricevuto l’incarico di formare il suo terzo governo, Bonomi propose a De Nicola il ministero degli Interni42. Il liberale Giovanni Cassandro riferì al ministro della Real Casa che De Nicola aveva « sdegnosamente rifiutato » perché « quel fesso di Bonomi gli [aveva] fatto la propostella di un ministero » (Lucifero, ibid., p. 218). A questo punto, Bonomi gli offrì il ministero della Giustizia. De Nicola obiettò che « in Italia [si potevano] trovare centinaia di persone in grado di essere ottimi guardasigilli », ma che sarebbe stato disponibile ad entrare « anche come sottosegretario » in un governo di unione nazionale in cui fossero rappresentate tutti i partiti, « con uomini di indiscusso valore, che dovrebbero avere sottosegretari giovani da preparare come nuova classe dirigente » (p. 222). Quando Croce riuscì a convincerlo ad entrare al governo con lui e Orlando, Bonomi aggiunse che avrebbe avuto difficoltà a far accettare ai partiti la presenza congiunta dei tre esponenti liberali. De Nicola, scrive Croce, « scattò subito dicendogli che non si fosse dato questo incomodo, perché egli ritirava subito il suo sì, non volendo entrare nel ministero sgradito e per forza »43. Nei giorni seguenti, rifiutò persino di essere consultato dal luogotenente.

  • 44 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 232.

16Questi rifiuti reiterati rivelano le idee politiche di De Nicola, secondo cui l’unica formula di governo auspicabile era l’unione nazionale – concezione a cui rimase fedele dopo la sua elezione a capo provvisorio dello Stato – e che pertanto ogni suo impegno doveva essere preceduto dall’unanime consenso dei partiti politici. In quel frangente, tale posizione fu interpretata come un segno di debolezza e di viltà, come si evince dal diario di Falcone Lucifero : « La primadonna Enrico De Nicola ha dimostrato tutto il suo egoismo, la sua grettezza, la sua paura. […] Ecco i grandi parlamentari, i grandi uomini della democrazia che gettò il paese in braccio al fascismo »44 ! E lo stesso Croce annoterà :

  • 45 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 251.

La conclusione che ho tratta dall’esperienza di questa crisi è che l’Italia ha assoluta necessità di far avanzare sulla scena politica uomini nuovi, Bonomi è Bonomi ; Sforza è irriflessivo e vive in una sorta di delirio di sé stesso ; Orlando ha 85 anni […] De Nicola, il più capace di tutti, schiva, come ha sempre schivato, i contrasti della vita pubblica.45

  • 46 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 452.

17Nel settembre 1945, il giurista napoletano accettò tuttavia di far parte della Consulta nazionale, l’organismo consultivo che fece le veci del Parlamento fino all’elezione dell’Assemblea Costituente. Con un voto unanime, fu eletto presidente della Commissione Giustizia, dove svolse un ruolo importante. Alla nascita del governo Parri, rifiutò una nuova volta di essere consultato dal luogotenente46 e, per completare il quadro, non accettò neppure di candidarsi alla Costituente, nonostante la visita a sorpresa che Benedetto Croce e Giovanni Porzio effettuarono a casa sua :

  • 47 D. Bartoli, Da Vittorio Emanuele a Gronchi, Milano, Longanesi, 1961, pp. 95-96.

[De Nicola] aprì personalmente la porta e rimase sorpreso nel vedere giungere quegli ospiti inattesi. Croce parlò per primo, brevemente, con chiarezza. Disse all’interlocutore che era suo dovere prendere posizione nella lotta elettorale : « L’ho fatto io », aggiunse il filosofo, « che non sono un uomo politico ; a maggior ragione dovete farlo voi, che vi siete occupato di politica per tanti anni ». Poi Croce tacque e parlò Porzio. Il vecchio avvocato, amico, compagno e rivale di De Nicola fin dagli inizi delle loro carriere ricorse a tutti gli argomenti sentimentali che la naturale facondia gli suggeriva. Ricordò gli episodi delle loro lotte comuni nel foro napoletano e nella politica nazionale. E alla fine […], richiamò alla memoria dell’amico l’immagine della madre morta. « Enrico » disse in dialetto « mi sono sognato mamma tua… » L’altro lo interruppe pronto : « Anch’io l’ho sognata. Mi ha detto di non presentarmi candidato ».47

  • 48 Battuta attribuita a Philipson, in Introduzione a F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. XII.
  • 49 D. Bartoli, Da Vittorio Emanuele a Gronchi, cit., pp. 94-95.

18Queste reticenze furono certo dovute ad un carattere incerto e scontroso, ma probabilmente anche al fatto che egli stesse pensando all’avvenire. Già nel marzo-aprile 1944, a Napoli si mormorava con malignità che De Nicola « si agitava tanto » perché voleva « fare il presidente della Repubblica »48. Ciò spiegherebbe altresì il suo costante rifiuto di prendere posizione, volendo apparire come un personaggio super partes. Questa ritrosia ad assumere incarichi di governo gli conferì in effetti una reputazione di imparzialità che fu all’origine della sua elezione a capo provvisorio dello Stato. Come ha brillantemente riassunto Domenico Bartoli, « a forza di tirarsi indietro, fece molta strada »49.

  • 50 Come abbiamo detto, il testo manoscritto, in appendice, è stato scritto tra il 16 marzo e il 9 magg (...)

19Nei primi mesi del 1946, De Nicola tornò a riflettere ad una « soluzione definitiva del problema » della successione monarchica50. Dopo la pubblicazione del decreto luogotenenziale 98 del 16 marzo 1946, che convocava il referendum e le elezioni della Costituente, non esisteva più il rischio di un vuoto di potere. Il giurista giudicò che l’ipotesi scartata nel 1944 potesse essere riproposta sotto la forma di una reggenza collegiale, preparando così il primogenito di Umberto all’assunzione di future responsabilità. De Nicola ricordava, capovolgendolo, il precedente della Terza Repubblica francese :

  • 51 Ibid.

Dopo il disastro di Sedan e il crollo del regime napoleonico, l’Assemblea francese, eletta nel 1871, e costituita in grande maggioranza da monarchici, instaurò una repubblica di fatto, trasformatasi quattro anni dopo in una repubblica di diritto, che molto si avvicinava a una monarchia parlamentare ; dopo il disastro bellico e il crollo del regime fascista, l’Assemblea Costituente italiana, eletta nel 1946, e costituita, forse, solo da una maggioranza repubblicana, potrebbe instaurare, con la reggenza collegiale, una monarchia che molto si avvicini a una repubblica. Si potrebbe raggiungere così quell’equilibrio e quella distensione di animi che è condizione primordiale per la rinascita del nostro Paese.51

  • 52 Che il Luogotenente fosse contrario alla Reggenza, lo si evince da un appunto di Falcone Lucifero : (...)
  • 53 Ibid., p. 565.
  • 54 E. De Nicola, « Considerazioni sui compiti del Capo provvisorio dello Stato », in Discorsi e messag (...)

20Com’è noto, le cose non andarono così52. Il 9 maggio 1946, Vittorio Emanuele abdicò, nell’estremo tentativo di salvare la Monarchia, suscitando la collera dei partiti repubblicani. Il nuovo Re, Umberto II, cercò di risollevarne le sorti con un’intensa campagna elettorale. Il referendum del 2-3 giugno 1946 (si votò anche la mattina del 3 giugno) sancì la vittoria alla Repubblica e il 28 giugno 1946, l’Assemblea costituente elesse De Nicola a capo provvisorio dello Stato. Come disse con lungimiranza Renato Morelli a Falcone Lucifero, « temo che De Nicola sarà l’affossatore della Monarchia, perché farà bene il capo dello Stato »53. Nonostante gli scatti del suo carattere bizzarro e imprevedibile, il giurista napoletano svolse il suo ruolo con assoluta imparzialità, facilitando la transizione tra Monarchia e Repubblica. Compì numerosi viaggi in Italia, che garantirono una certa popolarità sia a lui che alla nuova forma istituzionale. Gli appunti conservati negli archivi del Quirinale testimoniano l’attenzione con cui seguì i dibattiti della Costituente, senza tuttavia intervenire direttamente nei suoi lavori. Particolarmente significativa fu pure la scelta di non risiedere al Quirinale, ma a Palazzo Giustiniani, sia per personale scaramanzia che per non irritare i sostenitori della Monarchia. Alla fine del suo mandato, De Nicola osservò con orgoglio « che in questo periodo transitorio, privo di norme scritte, non si [era] verificato nessun caso che desse luogo a critiche o interpretazioni discordi ». Il Paese era riuscito a liquidare le conseguenze della guerra, ad avere una nuova Costituzione e avviarsi verso le elezioni del 1948, in un periodo più lungo del previsto, ma « senza turbamenti »54. A De Nicola deve essere riconosciuto il merito di aver saputo esercitare, in un’epoca di grandi tensioni, un’azione moderatrice sulle passioni nazionali.

21Dal punto di vista politico, la questione della luogotenenza costituì uno degli aspetti più importanti della transizione tra il Ventennio e l’Italia repubblicana. Dopo l’8 settembre 1943, si opponevano due concezioni in merito alle istituzioni dell’Italia post-fascista. La prima, difesa dalla sinistra e dal partito d’azione, prevedeva un cambiamento radicale rispetto al passato. Croce e i liberali sottolineavano al contrario la necessità di una certa continuità con il modello di democrazia prefascista, mutuato dalla tradizione europea dell’800. L’istituzione della luogotenenza fu la misura che permise di garantire tale continuità tra passato e presente, e che parallelamente pose le basi dell’Italia repubblicana.

  • 55 Se si eccettua il brevissimo telegramma, inviato al Re Farouk d’Egitto a nome suo e del Paese, in o (...)

22Enrico De Nicola fu quindi uno dei personaggi di spicco di questa transizione. La sua fama di monarchico fervente è dovuta in gran parte al ruolo svolto presso il sovrano per indurlo ad accettare la luogotenenza, sebbene De Nicola non l’avesse frequentato per oltre vent’anni e fosse pienamente consapevole delle responsabilità storiche dei Savoia. Il suo monarchismo, insomma, era dovuto sia alla tradizione in cui egli era nato e cresciuto che ai suoi legami passati con il Re, specie nel periodo in cui era stato presidente della Camera. Il manoscritto del 1946 dimostra tuttavia che il giurista napoletano era favorevole a una « monarchia che molto si avvicin[asse] a una repubblica ». Dopo esser stato eletto capo provvisorio dello Stato, non parlò mai delle sue passate convinzioni monarchiche55. E questa posizione sfumata tra Monarchia e Repubblica non fu peraltro un’eccezione : almeno quattro dei successori di De Nicola alla Presidenza della Repubblica (Einaudi, Segni, Leone, Scalfaro) votarono per la Monarchia al referendum del 2 giugno 1946 prima di diventare autentici repubblicani.

Appendice : testo manoscritto di Enrico De Nicola

23I) Problema istituzionale

24– Quando, come e perchè si addivenne alla istituzione della Luogotenenza.

25– La soluzione definitiva del problema.

26Occorre fissare con serena obiettività taluni punti incontroversi :

27 a) La storia insegna che il Capo di uno Stato, il quale dichiari una guerra e la perda, travolge con sé l’istituzione che rappresentava : da Napoleone I a Napoleone III, da Guglielmo Hohenzollern a Carlo d’Asburgo, per non parlare di stati minori e dell’abdicazione di Nicola II non dopo una disfatta militare definitiva, ma dopo la disgregazione dell’esercito russo durante la prima guerra mondiale.

28 b) Sarebbe assurdo pensare che a una legge storica, comprensibile e fatale, si sottraesse, dopo l’immane disastro della sconfitta e della occupazione straniera, il capo dello Stato che aveva, perdipiù, collaborato col regime che aveva soppresso tutte le libertà garantite dallo Statuto, che aveva voluto la guerra ed era crollato con la disfatta e con la rovina del Paese. Pretendere a tanto equivale a sfidare il destino e a provocare – per le istituzioni, per le persone e per la Nazione – danni più gravi.

29 c) Io non accuso, constato. Appunto perché si tratta di constatazioni dolorose ma obiettive, si può, anzi si deve prescindere da ogni indagine e da ogni giudizio. Chi occupa un posto, risponde di taluni eventi anche indipendentemente dal concorso di ogni colpa. Nella vita pubblica le cosiddette « responsabilità obiettive » non possono essere disconosciute, perchè ne sono il necessario – e in taluni casi il previsto corollario.

30 c bis) E un’altra constatazione è opportuna. Se dal referendum del 2 giugno riuscisse vittoriosa la Monarchia (e nessuno dei più convinti monarchici va pensando che la vittoria della M[onarchia], se vi sarà, possa essere schiacciante), l’agitazione del Paese da parte dei forti e agguerriti Partiti favorevoli alla Repubblica diventerebbe un male endemico proprio nel periodo in cui tutte le forze dovranno essere convogliate verso il risanamento nazionale.

31 d) La convinzione mia personale di fronte al problema istituzionale è incresciosa. Da una parte non posso rinnegare i principi su indicati e le conclusioni pratiche che ne derivano ; dall’altra, mi appare una suprema viltà rinnegare una collaborazione che diedi alla Corona per molti anni prima del periodo fascista. E v’ha dippiù. Ho visto il Sovrano e il Principe ereditario nel 1944 – dopo venti anni in cui non li avevo mai [visti] – per la istituzione della luogotenenza ; infine, dopo un’opera di persuasione al cui esito favorevole non fu estraneo il ritorno agli antichi rapporti di benevola considerazione e di particolari riguardi personali mi par cosa che dal punto di vista politico può essere anche giustificata, ma sotto l’aspetto delle buone norme dell’[educazione] civile mi turba e mi ripugna.

32 e) Esclusa la possibilità della permanenza di Coloro che, impersonando la dinastia nelle cariche ufficiali più alte, non poterono sottrarsi a quel verdetto d’irresponsabilità che ha colpito funzionari dello Stato di rango molto inferiore, riconosciuta la necessità che l’Italia nuova non si ricolleghi persino nel vertice all’Italia rappresentata dal fascismo, sorge spontaneo il problema della sostituzione del Capo dello Stato. E una domanda lo racchiude in tutta la sua interezza : s’ha da sostituire necessariamente la forma dello Stato o basta sostituire il Capo ?

33 f) La risposta può trovarsi in un istituto che nel 1944 fu scartato perché rappresentava una soluzione definitiva là dove occorreva adottare una soluzione provvisoria, come già di è detto : nell’istituto della reggenza del primogenito dell’attuale Principe ereditario. Ma oggi potrebbero eliminarsi i pericoli della scelta del Reggente, che furono un altro fattore per fare escludere tale soluzione, giacchè si potrebbero adottare norme diverse da quelle previste dallo Statuto albertino. Si potrebbe, cioè, fare ricorso a una Reggenza civile collegiale, che costituirebbe una garanzia piena ed imparziale. Dopo il disastro di Sedan e il crollo del regime napoleonico, l’Assemblea francese, eletta nel 1871, e costituita in grande maggioranza da monarchici, instaurò una repubblica di fatto, trasformatasi quattro anni dopo in una repubblica di diritto, che molto si avvicinava a una monarchia parlamentare ; dopo il disastro bellico e il crollo del regime fascista, l’Assemblea Costituente italiana, eletta nel 1946, e costituita, forse, solo da una maggioranza repubblicana, potrebbe instaurare, con la reggenza collegiale, una monarchia che molto si avvicini a una repubblica. Si potrebbe raggiungere così quell’equilibrio e quella distensione di animi che è condizione primordiale per la rinascita del nostro Paese.

34Per le prossime elezioni, i candidati non possono abbandonarsi, a mio avviso, a dissertazioni sui vecchi temi della libertà e della democrazia. Non bisogna perdere di vista la funzione della Costituente : quella di dare allo Stato un apparato nuovo, non soltanto giuridico e politico -come nelle precedenti Costituenti di tutti i tempi – ma – per le nuove e mutate condizioni della vita interna della Nazione – come per non dire soprattutto, sociale. E nei confronti dei giganteschi problemi che sorgono dalla necessità di costruire un nuovo Stato sulle rovine di uno Stato crollato che l’elettore ha il diritto – o, meglio, il dovere – di chiedere a ciascun candidato che cosa pensi e che cosa intenda fare qualora abbia l’onore di essere investito dei suffragi popolari dell’alto compito – dopo queste genuine parole per evitare la discussione sulla natura giuridica-costituzionale di esso – di rappresentare il Paese in un periodo e in un’opera d’importanza veramente storica. Sugli altri problemi si dovranno [esprimere] i candidati alle elezioni per la Camera dei deputati che la nuova Costituzione preciserà e disciplinerà. Giova a tal proposito ricordare che – giunto il decreto che la convoca – l’Assemblea Costituente non svolgerà un’opera legislativa ordinaria. Fra due metodi specifici – quello di conferire alla Costituente anche la normale funzione legislativa (come fu fatto anche per la Costituente francese del 1870) e quello di negare tale funzione (come fu fatto per la Costituente nel 1790, nella quale la separazione fu così netta da imporre che le due Assemblee [parola illeggibile] una determinata istanza fra loro e che i membri della Costituente non potessero essere eletti componenti della futura Legislativa). Il decreto del [16] marzo 1946, che convoca la Costituente italiana, ha avuto un criterio intermedio : ha, cioè, stabilito che il potere legislativo ordinario sia riconosciuto alla Costituente ma da essa delegato al governo, il quale dovrà esercitarlo mercè decreti-legge da presentarsi entro un dato termine all’approvazione del futuro Parlamento, salvo per talune materie : i trattati di pace, i bilanci o qualsiasi argomento per il quale il governo ritenga, a suo giudizio, opportuno sottoporlo all’esame e all’approvazione dell’Assemblea Costituente. Di talché, per completare quanto si è detto, è dovere del candidato esporre i suoi criteri sia per quanto attiene alla futura struttura dello Stato italiano sia per quanto si riferisce al trattato di pace e ai bilanci dello Stato.

35Churchill (Camera dei comuni 24-[2]-44) ricorda che nell’ultimo discorso di politica estera aveva suggerito che Re V.E. e il Maresciallo Badoglio avrebbero dovuto rimanere alla testa della Nazione italiana fino a quando le forze Alleate non avessero raggiunto Roma, dopo di che si sarebbe provveduto a [parola illeggibile] tutta la situazione. E ha continuato :

Sono certo di potere dire che dopo molti avvenimenti imprevedibili, la situazione è esattamente quella che io avevo preveduto. Inoltre, riponendo in ciò le mie speranze, si è costituito intorno al Re e a Badoglio un governo su ampie basi e il Re ha dichiarato di ritirarsi a vita privata una volta conquistata Roma. Ha fiducia nel governo italiano, che dovrà essere rafforzato e ampliato quando si raggiungerà il nord. Esso fa tutto il possibile per aiutare gli alleati nella loro avanzata.

36Il Re nel proclama 12.4.44 : Ho deciso di ritirarmi dagli affari pubblici e nominare mio figlio Principe di Piemonte luog[otenente] gen[erale] del Regno. Questa decisione, che io credo fermamente possa servire all’unità nazionale, è definitiva e irrevocabile.

Top of page

Notes

1 In occasione del cinquantenario della scomparsa di De Nicola, tale lacuna storiografica è stata colmata dal libro di A. Jelardi, Enrico De Nicola. Il Presidente galantuomo, Napoli, Kairos, 2009.

2 P. Craveri, Enrico De Nicola, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. XXXVIII, Roma, Società grafica romana, 1990, pp. 711 sgg. ; Id., La vocazione arbitrale di Enrico De Nicola, in Id., La democrazia incompiuta. Figure del ’900, Venezia, Marsilio, 2002, pp. 67 sgg.

3 B. Croce, Taccuini di Guerra 1943-1945, a cura di C. Cassani, Milano, Adelphi, 2004.

4 F. Lucifero, L’ultimo re. I diari del ministro della Real Casa, 1944-1946, Milano, Mondadori, 2002.

5 Inizialmente conservati alla villa di Torre del Greco, poi trasferiti al Quirinale, gli archivi De Nicola sono stati vittima del lavoro accanito delle termiti. L’Archivio storico della presidenza della Repubblica conserva solo i fascicoli raccolti nell’Archivio privato Enrico De Nicola e nell’Archivio del capo provvisorio dello Stato.

6 G. Ansaldo, De Nicola racconta, in « Successo », I, 1959, pp. 52 sgg., parzialmente riprodotto da P. Craveri, La democrazia incompiuta, cit., pp. 105-107. Da ora in avanti, E. De Nicola, testo dattiloscritto.

7 E. De Nicola, « Quando, come e perché si addivenne alla istituzione della Luogotenenza. La soluzione definitiva del problema », Archivio storico della Presidenza della Repubblica italiana (ASPRI), Archivio privato De Nicola, b. 11, f. 35 (d’ora in avanti, E. De nicola, testo manoscritto). Una riproduzione fotografica del testo è stata pubblicata nel catalogo della mostra Il Quirinale. Dall’Unità d’Italia ai giorni nostri, vol. I, Roma, Civita, 2011, pp. 122-123.

8 Questo atteggiamento gli verrà frequentemente rimproverato nei primi anni della Repubblica.

9 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 63.

10 Si veda il testo dattiloscritto di Enrico De Nicola sull’incontro con Vittorio Emanuele III (d’ora innanzi E. De Nicola, testo dattiloscritto), conservato nell’« Archivio De Nicola », a Torre del Greco, e pubblicato da G. Ansaldo, De Nicola racconta, « Successo », I, 1959, p. 52 ss. : « Nel merito osservo che quella decisione è stata addotta in aperta violazione del vigente Statuto Albertino, il quale prescrive che, durante la minorità del re, il principe suo più prossimo nell’ordine della successione al trono sarà reggente del regno se ha compiuto gli anni ventuno ; in mancanza di parenti maschi la reggenza appartiene alla madre : se manca anche la madre, la Camera dei deputati nomina il reggente. Nel caso presente il parente più prossimo sarebbe il duca d’Aosta, re di Croazia ; dovendosi, per ovvie ragioni, escludere tale nomina, la reggenza aspetta alla madre. Indipendentemente da ogni considerazione sull’opportunità di tale reggenza affidata a una donna nelle gravi condizioni in cui il Paese si trova e si troverà, è manifesto che la reggenza di Badoglio sarebbe incostituzionale ».

11 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 62.

12 Ibid., p. 71.

13 Ibid., p. 72.

14 « Philipson mi aveva detto che è difficile avvicinare il Re e parlargli dell’utilità dell’abdicazione. Il ministro della Real Casa, il senatore Pietro Acquarone, pare che cerchi di tenere lontani dal sovrano tutti quelli che possono parlargliene » (F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 10).

15 E. De Nicola, testo manoscritto, riprodotto in appendice. Seppur non datato, l’appunto è posteriore al decreto (citato nel testo) del 16 marzo 1946, che convoca la Costituente e anteriore al 9 maggio 1946, poiché non fa cenno all’abdicazione di Vittorio Emanuele III.

16 Come De Nicola spiegherà in seguito, le responsabilità obiettive sono « responsabilità senza dolo », che implicano una serie di conseguenze per coloro che esercitano il potere. Nella fattispecie, la sconfitta militare (anche quando il sovrano non ne è direttamente responsabile) ne provoca storicamente l’abdicazione.

17 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 72.

18 E. De Nicola, testo dattiloscritto.

19 Ibid. : « Mi permisi soltanto di aggiungere : “Maestà, consenta che io riprenda per un istante le mie funzioni presidenziali, indicando l’obbligo che Ella ha di informare della sua decisione il presidente del consiglio dei ministri e il rappresentante dei governi alleati con Napoli”. Il Re si schermì, invitandomi a recarmi dall’uno e dall’altro per la necessaria comunicazione : ma io gli feci osservare che non avevo nessuna veste ufficiale per adempire il duplice mandato. Si finì con una transazione : il Re ne avrebbe informato il presidente del consiglio ed io ne avrei informato gli alleati ».

20 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 74. Cfr. anche B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 93.

21 Ibid., p. 93.

22 Rimane peraltro un’incertezza nella cronologia di questi avvenimenti : il Re aveva chiesto esplicitamente a De Nicola di avvertire MacFarlane della sua decisione, ma pare averlo informato di persona (vedi nota 24). E anche secondo i Diari di Croce, De Nicola incontrò MacFarlane solo in seguito al discorso di Churchill (vedi nota 29). Secondo il dattiloscritto di De Nicola, quest’ultimo incontrò MacFarlane « il quale era a far deputato alla Camera dei Comuni » e quindi questa comunicazione sarebbe avvenuta prima del discorso di Churchill. Si potrebbe ipotizzare che De Nicola avesse incontrato MacFarlane prima del discorso del Premier inglese, parlandone solo in seguito a Croce (da qui il suo essere « sicurissimo » che il Re avrebbe tenuto fede agli impegni).

23 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 36.

24 Il termine strofinaccio si riferiva ovviamente ai partiti antifascisti italiani.

25 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., pp. 10-11.

26 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 100.

27 Ibid., p. 94.

28 E. De Nicola, Testo dattiloscritto. Lo stesso episodio è riferito da B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 95.

29 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 36.

30 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 108.

31 Questo passo è riportato (e sottolineato) dallo stesso De Nicola nel testo manoscritto, in appendice.

32 Durante il loro incontro a Ravello, né il Re né De Nicola avevano mai parlato di « luogotenenza del regno ».

33 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 117.

34 F. Lucifero, L’ultimo re, p. 360.

35 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 105.

36 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 127. Lo stesso Falcone Lucifero annoterà tuttavia il 1° novembre seguente : « Covelli riferisce […] della visita a Porzio, De Nicola e Croce. Costui si è mostrato entusiasta dell’iniziativa (Concentrazione democratica liberale) che ritiene utile e necessaria. […] De Nicola è dell’opinione che si debba dichiarare nettamente monarchico, mentre Porzio vorrebbe che per ora si tacesse » (ibid., p. 181).

37 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 115.

38 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 61.

39 « Si tenne subito, nei primi giorni di giugno 1944, una riunione di pochi uomini politici in un grande albergo romano, con l’intervento, fra gli altri, dell’onorevole De Gasperi che usciva dal Vaticano, ove si era dovuto rinchiudere – e dell’onorevole Ivanoe Bonomi. Vi partecipai anche io, recandomi da Torre del Greco a Roma in un aereo che il governo alleato, di sua iniziativa, aveva avuto la cortesia di mettere a mia disposizione. In quella riunione si decise la costituzione di un governo politico di carattere nazionale, presieduto dall’onorevole Bonomi (18 giugno 1944) » (E. De Nicola, testo dattiloscritto).

40 Croce fu ministro senza portafoglio dal 18 giugno al 27 luglio 1944, quando rassegnò le dimissioni.

41 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., in data 12 giugno 1944.

42 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., pp. 215-216.

43 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 232.

44 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 232.

45 B. Croce, Taccuini di guerra, cit., p. 251.

46 F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 452.

47 D. Bartoli, Da Vittorio Emanuele a Gronchi, Milano, Longanesi, 1961, pp. 95-96.

48 Battuta attribuita a Philipson, in Introduzione a F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. XII.

49 D. Bartoli, Da Vittorio Emanuele a Gronchi, cit., pp. 94-95.

50 Come abbiamo detto, il testo manoscritto, in appendice, è stato scritto tra il 16 marzo e il 9 maggio 1946.

51 Ibid.

52 Che il Luogotenente fosse contrario alla Reggenza, lo si evince da un appunto di Falcone Lucifero : « Stamani Brosio mi parla della reggenza. Spiego perché sono contrario. Egli insiste e dice che, dato che il Luogotenente non vuole saperne, egli rifletterà e prenderà le sue decisioni » (F. Lucifero, L’ultimo re, cit., p. 522).

53 Ibid., p. 565.

54 E. De Nicola, « Considerazioni sui compiti del Capo provvisorio dello Stato », in Discorsi e messaggi del Capo dello Stato Enrico De Nicola, Roma, SGPR (Quaderni di documentazione. Nuova serie, 9), 2005, p. 58.

55 Se si eccettua il brevissimo telegramma, inviato al Re Farouk d’Egitto a nome suo e del Paese, in occasione della morte dell’ex-sovrano Vittorio Emanuele III : « La triste notizia che Vostra Maestà ha avuto la cortese premura di comunicarmi mi ha commosso. Invio le espressioni del cordoglio mio personale e della Nazione per la morte dell’Uomo che partecipò per un cinquantennio alla vita della Nazione ».

Top of page

References

Electronic reference

Alessandro Giacone, « Enrico De Nicola e la transizione istituzionale tra Monarchia e Repubblica (1944-1946) », Laboratoire italien [Online], 12 | 2012, Online since 26 November 2012, connection on 20 July 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/667 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.667

Top of page

About the author

Alessandro Giacone

Université Stendhal-Grenoble 3, GERCI (EA 611)

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page