Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon

Risorgimento e letteratura negli “intellettuali militanti” Mazzini, Gioberti e Cattaneo

Risorgimento et littérature chez les « intellectuels militants » Mazzini, Gioberti et Cattaneo
Gianluca Albergoni
p. 119-147

Abstracts

Il saggio si propone di esplorare, attraverso un’analisi di tipo lessicale, l’utilizzo del termine risorgimento– applicato alla politica così come al fatto letterario – in tre intellettuali-militanti (Mazzini, Gioberti e Cattaneo). Appare infatti singolare il fatto che essi, pur fautori di opzioni estetiche differenti (in particolare nella diatriba tra classicisti e romantici), condivisero una visione per molti versi simile della missione della letteratura. Ma più di questo, il saggio fa emergere, valutando gli usi del lemma, una significativa distanza tra la posizione della diade Mazzini-Gioberti da un lato e quella di Cattaneo dall’altro. Quest’ultimo infatti pare in qualche modo orientato a depoliticizzare il termine risorgimento, quasi che non gli appartenesse l’utilizzo «mitopoietico» fatto proprio dagli altri due, a sottolineare insomma, da parte sua, l’esistenza di un approccio più da intellettuale che da vero e proprio leader politico, da laico più che da apostolo della nuova religione civile della patria.

Top of page

Full text

  • 1 Nelle citazioni dai testi, il termine risorgimento, insieme alle declinazioni del verbo risorgere o (...)

1Interrogarsi sul risorgimento1 di Cattaneo, Gioberti e Mazzini significa misurarsi con tre personaggi considerati oggi, a giusto titolo, tra i maggiori “padri della patria”, a un dipresso dalla santissima Trinità rappresentata da Cavour, Vittorio Emanuele II e Garibaldi.

  • 2 Non senza conflitti, come ha giustamente rilevato L. Fournier Finocchiaro, Le paradoxe Mazzini: enn (...)

2Cattaneo è stato il principale fautore della soluzione repubblicano-federalista, Gioberti il caposcuola (insieme a Balbo) della corrente detta neoguelfismo, mentre Mazzini è stato forse colui il quale ha incarnato l’essenza stessa dell’intellettuale risorgimentale interamente votato alla Causa2.

3Queste tre figure hanno molte cose in comune: furono per diversi aspetti tra i “vinti” del Risorgimento: Cattaneo concluse la propria esistenza in esilio, tornando nell’Italia unita in un’unica occasione e rifiutando l’elezione al Parlamento del Regno. Gioberti morì poco più che cinquantenne, in esilio a Parigi, senza poter vedere realizzato il sogno unitario (essendo anzi già stato messo ai margini della vita politica dopo aver ricoperto la carica di primo ministro di Carlo Alberto, nelle settimane che precedettero la “fatal Novara”). Quanto al repubblicano e democratico Mazzini, basti ricordare come egli morì quasi “esule in patria”, ovvero sotto falso nome (benché non avesse più capi d’accusa che lo obbligassero alla latitanza) in quell’Italia monarchica da lui tanto detestata ma da poco entrata vittoriosa in Roma.

4Altri fattori rendono poi la loro esperienza meritevole di essere giustapposta. Essi erano coetanei: Cattaneo e Gioberti nati nel 1801, Mazzini – leggermente più giovane – nel 1805. Provenivano da città importanti dell’Italia settentrionale, da quello che sarà, nel secolo successivo, il tanto celebrato triangolo industriale: Milano per Cattaneo, Torino per Gioberti e Genova per Mazzini. Ed erano tutti di estrazione sociale borghese: figlio di un orologiaio Cattaneo e, come Gioberti (a sua volta figlio di un impiegato), costretto ben presto a fare i conti con le ristrettezze economiche della famiglia; figlio di un medico e poi professore universitario di patologia Mazzini.

5A dispetto di queste somiglianze, il mio intento oggi è quello di mostrare come questi intellettuali-militanti (ma sarà necessario tornare su questa definizione), cui pure può essere attribuita una visione abbastanza univoca del fatto letterario, impiegarono il termine risorgimento (anche letterario) in maniera più difforme.

6Tutti e tre scrissero – e in abbondanza – ma ebbero un rapporto assai diverso con la letteratura intesa in senso stretto. Cattaneo redasse in gioventù versi rimasti a lungo inediti, e pubblicò invece scritti di critica letteraria. Mazzini esordì sul panorama pubblicistico come critico letterario (ma anche artistico e musicale), e tale apporto mantenne sino al Quarantotto. Gioberti s’occupò di lettere in modo più marginale, ma ne ebbe comunque una visione articolata.

7In questo contributo vorrei, in un primo momento, analizzare in maniera sintetica quale fosse la visione della letteratura di questi tre intellettuali nodali del pantheon risorgimentale. Successivamente, attraverso un approccio differente, fondato più sull’analisi lessicale che su quella contenutistica, vorrei tentare di capire cosa essi intendessero per risorgimento, ovvero in che modo utilizzassero il lemma, in riferimento a che cosa, a quale orizzonte di senso (politico, culturale, ecc.), in relazione a quale temporalità (al passato per descrivere, al futuro per mobilitare, ecc.); cercando inoltre più specificatamente di valutare quanto il termine fosse apparentato all’universo culturale, in particolare letterario (come risorgimento delle lettere, variamente inteso e declinato).

  • 3 Ci si riferisce naturalmente a N. Bobbio, Una filosofia militante. Studi su Carlo Cattaneo, Torino, (...)
  • 4 Si veda in proposito M. Fugazza, Il primato della libertà: Carlo Cattaneo protagonista e storico de (...)

8Prima di procedere è però necessario precisare il senso da attribuire al concetto di militante. Cattaneo non può essere considerato un intellettuale-militante in senso stretto. O meglio, la sua filosofia fu senza dubbio, per riprendere il titolo di un celebre saggio di Norberto Bobbio, militante3. Ma egli si avvicinò all’azione quasi per caso, e non senza ritrosia. Fu infatti solo con lo scoppio della Rivoluzione milanese del marzo 1848 (le famose Cinque giornate, episodio non secondario nella primavera dei popoli europea), che Cattaneo fu chiamato dai suoi amici, assai attivi nel promuovere i moti, a ricoprire incarichi di rilievo; ma è noto che egli dovette vincere un’iniziale riluttanza prima di accettare di partecipare in prima persona agli eventi. Detto questo, non appena si trovò coinvolto, divenne da subito un protagonista di primissimo piano, almeno fin quando il suo irrinunciabile repubblicanesimo non venne a scontrarsi con le autorità del governo provvisorio lombardo, che riuscirono ad emarginarlo. Da quel momento in poi, gran parte della vita (anche pubblicistica) di Cattaneo fu dedicata alla ricostruzione polemica della sconfitta democratica del biennio 1848-1849, che lo avrebbe condotto all’esilio4. Da allora in poi Cattaneo, che pur di letteratura si era a lungo occupato, cessò di scrivere su questioni che non avessero un diretto interesse polemico o che riguardassero questioni tecnico-economiche, campo in cui era, da tempo, un’autorità riconosciuta.

9Invece il giovane Cattaneo si era interessato molto di letteratura. Dopo la formazione in Seminario e gli studi nel rinomato Liceo milanese di Sant’Alessandro, erano state la vicinanza se non proprio la consuetudine con alcuni salotti letterari legati all’esperienza del Conciliatore, oltre che la prossimità alla cerchia di Vincenzo Monti negli anni Venti (durante i quali fu a lungo amante della bellissima Costanza, figlia del grande poeta di Alfonsine e vedova del conte Giulio Perticari), ad avvicinare Cattaneo agli studi letterari.

  • 5 G. Armani, Carlo Cattaneo. Il padre del federalismo italiano, Milano, Garzanti, 1997, p. 18.

10Anche se del gruppo del foglio azzurro ammirava certamente l’afflato civile, l’orizzonte dei romantici gli era tuttavia estraneo, poiché «l’Europa cattolicizzante», per riprendere la celebre definizione di Sebastiano Timpanaro, era decisamente lontana dalla sua sensibilità5.

11Il primo Cattaneo, per interessi e formazione, è comunque da situarsi idealmente tra Vincenzo Monti e quello che fu il suo vero grande maestro, ovvero Giandomenico Romagnosi.

  • 6 È il celebre passo, riferito peraltro ai primordi della dominazione austriaca in Lombardia: «Il duc (...)
  • 7 Mi permetto di rinviare a G. Albergoni, Cultura nazionale, scienza e “socialismo”. La costruzione d (...)

12In effetti letteratura e scienza (in particolare la scienza economica) furono per lungo tempo – cioè almeno sino agli anni Trenta – i due poli attorno ai quali si organizzò la sfera di interessi intellettuali del giovane scrittore milanese. In questo – si badi – Cattaneo fece parte di una nutrita schiera di studiosi che proprio sul volgere degli anni Quaranta optò decisamente per una riconversione dell’impegno (dell’impegno attraverso la scrittura) passando dalla scrittura letteraria a interessi e letture più marcatamente economico-scientifiche, così da riannodare i legami con quella che lo stesso Cattaneo ebbe a definire L’Europa vivente6. Fu un fatto generazionale, che prese piede inizialmente tra le aule dello Studio pavese – che Cattaneo non poté frequentare direttamente, pur ottenendo la laurea in legge – e che appare senz’altro decisivo per comprendere la coloritura particolare assunta dalla cultura lombarda negli anni immediatamente pre-quarantotteschi7.

  • 8 Ora in C. Cattaneo, Scritti letterari [d’ora in poi SL], 2 voll., a cura di P. Treves, Firenze, Le  (...)

13Prima di tutto ciò, nondimeno – lo si è accennato – Cattaneo fu molto sensibile alle Muse. Vergò alcuni versi – non molti in verità – che lasciò inediti. Ma soprattutto pubblicò articoli di critica letteraria (in particolare nel Politecnico, la sua rivista uscita, nella prima serie, dal 1839 al 1844), parte dei quali raccolti nel 1846 in due volumi pubblicati a Milano da Borroni e Scotti con il titolo Alcuni scritti. Essi erano preceduti da una Prefazione8 che si dava il compito di giustificare la pubblicazione di quelle sue «letterarie divagazioni». Cattaneo vi ripercorreva la propria gioventù nella Milano d’inizio Restaurazione, quando infuriava la battaglia tra classici e romantici. Con indubbia autonomia di giudizio e pur scevro di preconcetti, egli si era schierato decisamente a favore dei primi. Consapevole che le grandi «controversie» che «ardevano allora», si erano accese «intorno alla lingua e alla poesia», non mancava di far mettere agli atti il proprio disprezzo per quelle «antinazionali dottrine» che – con i corifèi di Schlegel e Mme de Staël – cercavano la «rigenerazione letteraria, e poco meno d’una redenzione» ma conducevano solo a un «arrogante vilipendio della generazione vivente in Italia» (ibid., p. 4). Cattaneo, al contrario, pareva deciso a identificare una linea nobile di padri dei quali giudicava necessario riconoscersi figli:

Non era poco eccidio proscrivere d’un tratto o come mitologi o come pedanti tutti i più prossimi nostri scrittori, da Foscolo e Monti ritornando fin oltre al Tasso; senza curare come in molti di loro, e soprattutto nel Tasso e nel Parini, la poesia fosse intesa ad invogliare li uomini delle alte cose, e distoglierli dalle basse e indegne. Il qual onorato proponimento, e quasi sacerdozio di poesia, non poteva del tutto dirsi smarrito per qualche estrinseca superstizione di forme e qualche soverchio d’arte, o per qualche ornamento antiquato e qualche vena di colore mitologico, trascorsa in loro dai più antichi pittori della natura, ch’erano infine i poeti dei nostri padri. (Ibid., p. 5)

  • 9 Chi scrive ha provato a tracciare un breve percorso della letteratura come magistero nella voce Let (...)
  • 10 Si veda la recensione di Cattaneo alla Vita di Dante di Cesare Balbo, in SL, vol. I, cit., pp. 101- (...)

14Fermiamoci per ora a questo sussulto d’orgoglio nazionale. Fermiamoci, mantenendo tuttavia ben saldo questo fermo richiamo al «sacerdozio di poesia», espressione che certamente avrebbe incassato l’apprezzamento di Mazzini. Va da sé che esso non nasce con Cattaneo, e che conteneva molteplici implicazioni per la storia letteraria, toccando le fondamentali questioni della lingua e del pubblico9. Come che sia, non v’è dubbio che per Cattaneo fosse fondamentale rendersi conto che «tutta la nostra letteratura» era ormai «trasmutata» e che «nausea[va] nelle lettere tutto ciò che [era] meramente letterario». In breve, serviva promuovere una letteratura dell’impegno, proclive all’utile, non al mero trastullo. Che questo ulteriore richiamo al buon ordine delle lettere venisse da una recensione a uno scritto su Dante non è naturalmente privo di significato. Il legame con Dante interessa qui proprio per la visione del fiorentino quale incarnazione dell’idea che le lettere fossero – cioè dovessero essere – «una irresistibile arme civile»10.

  • 11 Per alcune considerazioni in proposito, si veda A. Ciccarelli, Dante and the culture of risorgiment (...)

15La grande passione del Risorgimento per Dante è nota11. Riguardò naturalmente anche Mazzini, che – come vedremo – si adoperò a illustrarne l’amor patrio.

  • 12 Cfr. L. Fournier-Finocchiaro, Littérature et formation politique des patriotes italiens au xixe siè (...)
  • 13 Scritti editi e inediti di Giuseppe Mazzini, edizione diretta dall’autore, Milano, Gino Daelli edit (...)

16Recentemente Laura Fournier-Finocchiaro ha osservato come il patriota genovese sia stato a lungo in bilico tra letteratura e politica12, come del resto lo stesso Mazzini ebbe a ricordare introducendo una raccolta dei suoi Scritti editi ed inediti da lui parzialmente curata per Gino Daelli13, nella quale ricostruiva la sua esperienza politico-dottrinale fino ai primi anni Cinquanta. Mazzini vi rievocava tanto l’importanza politica della letteratura nella sua formazione (il celebre e pluricitato passo nel quale allude al ruolo incendiario dell’Ortis fo­scoliano), quanto il proprio personale intento di percorrere la carriera delle lettere, poi abbandonata solo per la più alta e immediata necessità di impegnarsi nella lotta politica.

  • 14 Non esiterà a definire quella dei classicisti «letteratura servile» (così nella Prefazione di un pe (...)
  • 15 G. Mazzini, Moto letterario in Italia (1837), in SEI, vol. IV, p. 292.
  • 16 Id., Dell’amor patrio di Dante (1826), in SEI, vol. II, cit., p. 19.
  • 17 «Questo giovine, quasi straniero a noi», che «additava alle nostre lettere nuove fonti domestiche, (...)
  • 18 G. Mazzini, Orazione di Ugo Foscolo a Bonaparte, in Scritti letterari editi e inediti, Imola, Galea (...)

17A una storia letteraria dominata – segnatamente nella Francia coeva – dalla dottrina per lui deprecabile dell’art pour l’art, Mazzini oppone la preminenza di altre esigenze. Così, nel ricercare i dovuti appigli a tale urgenza nell’evoluzione della storia letteraria più recente (segnata, principalmente in Italia, dalla classicoromanticomachia), non esitò a schierarsi decisamente con i romantici14. E se questi avevano infine prevalso era perché, sia nella letteratura francese che in quella italiana, era fortemente sentito «il bisogno d’una Letteratura organica, positiva, tendente a raggiungere un intento sociale, un intento più alto e giovevole che non l’Arte stessa»15. Quando insomma, dopo che la civiltà era irrimediabilmente «degenerata in corruttela», ci si era resi conto che era necessario tornare – come recita l’incipit del celebre saggio Dell’amor patrio di Dante – a «quando le lettere formavano, come debbono, parte delle istituzioni, che reggevano i popoli, e non si consideravano ancora come conforto, bensì com’utile ministero»16. Da ciò anche la rilettura della storia letteraria nazionale, e la necessità – che sarà avvertita anche dal classicista Cattaneo17 – di rendere omaggio a Foscolo come a colui il quale aveva riconsacrato in Italia «coll’altezza dell’animo e dell’ingegno l’uffizio di Letterato»18 – congegnando a suo giudizio una visione coerente del fatto letterario, assimilando il magistero letterario a quello politico.

18Insomma, era «cosa ormai troppo evidente» quanto imprescindibile fosse «la necessità d’un mutamento della Letteratura de’ popoli», affinché questa «nuova Letteratura» esprimesse «i voti del moderno incivilimento»; altrimenti, non era che un «campo d’inezie, snervatrici degli animi» (ibid., p. 178). Guardando all’esempio del passato, presentava un’analisi eloquente che ben sintetizza quanto sin qui esposto:

Quando le Lettere, traviate dalle pretensioni accademiche, immiserite tra le freddure d’Arcadia, corrotte dalle protezioni, neppur la memoria serbavano dell’antica dignità e del primo ufficio, i Letterati, avvezzi a considerar l’arte loro, più come una lusinga all’orecchio dei pochi potenti, che come ministero utile alle moltitudini, non guardavano alla sostanza delle cose, ma alle forme; non alla importanza delle idee, ma a’ vezzi dell’espressione. (Ibid., p. 181)

  • 19 G. Mazzini, Prose di Salvatore Betti, ibid., p. 93. Una posizione che interessava del resto tutto i (...)

19La «missione» dei letterati – conferire «gloria e accrescimento alla patria» – non poteva essere compiuta con «freddi concettini» né con «parolette leggiadre» ma con «gravi meditazioni sulla situazione della società, studio profondo degli uomini e delle cose, forte e generoso sentire»19.

20Nel pieno del tempo dei profeti (per usare la felice espressione di Bénichou) trova posto anche chi, come Vincenzo Gioberti, riempì di un contenuto del tutto differente il proprio apostolato.

21La sua traiettoria potrebbe non sembrare di primo acchito una tipica biografia militante: lettore onnivoro e autodidatta, dottore in teologia, sacerdote, nel 1826 ottenne la nomina a cappellano di corte presso i Savoia, allora nel pieno della svolta autoritaria che precedette la nouvelle vague degli anni Quaranta promossa da Carlo Alberto. Imbevuto di una religiosità per molti versi “missionaria”, finì per trasformare questo sentimento – grazie a molte letture, tra le quali, importantissime, Le mie prigioni di Silvio Pellico – in amor di patria.

22Inventore di una tradizione filosofica autoctona che risalirebbe a Pitagora per giungere, attraverso i Padri della Chiesa e Vico, sino a Rosmini, Gioberti si propose di promuovere al tempo stesso il risorgimento nazionale e filosofico, secondo un’impostazione ideale che, nel suo farsi religione civile, si avvicina molto, malgrado l’insopprimibile distanza ideologica, a quella di Mazzini dei primi anni Trenta, con la celebre formula Dio e popolo.

23Costretto alle dimissioni dalla corte per i crescenti sospetti a suo carico, fu in effetti coinvolto nel processo alla Giovine Italia del 1833, imprigionato per qualche mese e poi costretto all’esilio (a cominciare dalla Parigi di Buchez e di Lamennais). Poco incline ad accordare fiducia al popolo italiano e dunque assai diffidente verso la pratica rivoluzionaria mazziniana, preferì immaginare il proprio apostolato sul lungo periodo, attuandolo soprattutto attraverso la scrittura. Professore di storia e filosofia a Bruxelles, sin dalla fine degli anni Trenta avviò un’intensa produzione pubblicistica, occupandosi prevalentemente di filosofia (ma anche di estetica, come testimonia il suo corposo saggio del 1841 intitolato Del Bello). Ma è nel 1843 che diede alle stampe, nella capitale belga, i due volumi dell’opera destinata a renderlo celebre, cioè Del Primato morale e civile degli italiani, la cui seconda edizione fu preceduta da un ampio preambolo intitolato Prolegomeni del Primato (1844-1845); successivamente (1846-1847), con il Gesuita moderno, pubblicato a Losanna, accentuò la polemica antigesuitica, giudicando lo spirito della Compagnia inconciliabile con quel moderno cattolicesimo che avrebbe dovuto guidare il risorgimento nazionale. Ardente sostenitore delle riforme di Pio IX, durante gli eventi rivoluzionari fece ritorno in Italia, viaggiando per tutta la penisola, dove fu invariabilmente accolto con grande entusiasmo. In breve divenne uomo di punta – talvolta ingombrante – della politica ministeriale torinese, sino a ricoprire l’incarico di primo ministro.

24In Gioberti non troviamo una vera e propria teoria – in tutto e per tutto compiuta – del fatto letterario. Se per Cattaneo e, soprattutto, per Mazzini, il materiale riguardante la letteratura è copioso, per Gioberti – limitandosi qui a osservare il più noto e fondamentale dei suoi scritti – le allusioni alla letteratura in senso stretto non abbondano; vi sono nondimeno diversi riferimenti alla scrittura.

  • 20 V. Gioberti, Del Primato morale e civile degli italiani, seconda edizione, corretta e accresciuta d (...)
  • 21 Unicamente per i passaggi successivi al riferimento alla «miseria intellettuale», si cita dal vol.  (...)

25Benché «la potenza della penna e della stampa» – nota Gioberti – fosse assai «scemata rispetto a ciò che [era stato] per l’addietro», gli scrittori – termine che si stava imponendo allora come sinonimo di letterato – dovevano diventare i sacerdoti del «genio nazionale e cattolico», affinché «l’opera di chi scrive» si trasformasse nel «principale strumento del risorgimento italico»20. Per rimediare allo stato di «miseria intellettuale» in cui era caduta l’Italia, era imprescindibile che la letteratura dicesse la sua: «Immenso è il bene che nasce da un savio e virtuoso scrittore, e per grandezza è solo paragonabile al male che si adopera da chi volge la penna ad empietà, adulazione e corruttela». Quello dello scrittore, lungi dall’essere «solamente privato e letterario», era da considerarsi «un ufficio pubblico e molteplice; cioè una dittatura, un tribunato, un sacerdozio e un ministerio profetico nello stesso tempo». E giacché «chi scrive dee perseguire ardentemente e principalmente il vero», non può che accettarne le conseguenze, disponendosi «ad essere, occorrendo, martire ed anacoreta». In altre parole, il sogno di un’«Italia risorgente» richiedeva scrittori «consci del grave e sublime ministerio loro commesso dal cielo», e perciò di­sposti a «non far delle lettere uno strumento di lucro, d’ambizione, di potenza a proprio vantaggio, ma di virtù, di coltura, di religione a pro dell’universale»21.

26Come si intuisce, Gioberti nel Primato si serve del termine risorgimento in un’accezione marcatamente politica, ancorata tuttavia ancora all’idea del ruolo centrale della scrittura perché il concetto stesso sottintendeva ancora, per molti versi, una precisa coloritura culturale. Attraverso alcuni degli scritti della triade qui proposta – che pur con sensibilità e sfumature diverse pare concordare in pieno sulla concezione della letteratura come missione – è venuto il momento di indagare il senso del termine risorgimento, per valutare in particolare in che modo esso tocchi vicende precipuamente letterarie.

27Va subito precisato che non è stato ovviamente possibile effettuare una ricerca su tutta la sovrabbondante produzione dei nostri letterati militanti.

28Per quanto riguarda in particolare Mazzini, ci si è limitati ai volumi dei già ricordati scritti pubblicati da Gino Daelli, integrati da quelli che raccolgono gran parte della produzione mazziniana su temi letterari. Per quanto riguarda Gioberti, oltre al fondamentale Primato (nella seconda edizione) e al non meno importante Rinnovamento, si è preso in esame il saggio Delle condizioni presenti e future d’Italia e i due trattati Del Bello e del Buono. In sostanza, dei due patrioti si è valutata la principale produzione degli anni Trenta e Quaranta, senza trascurare gli scritti dell’immediato post-Quarantotto. Di Cattaneo, per l’esiguità dell’utilizzo del termine risorgimento, si è invece fatto un lavoro di scavo assai più ampio, contemplando così l’insieme dell’opera, cioè tutti gli scritti raccolti tra il 1956 e il 1981 nei 16 volumi dell’edizione nazionale pubblicata dall’editore fiorentino Le Monnier.

29Sul piano quantitativo emerge un primo dato. Se negli scritti di Mazzini e di Gioberti il lemma risorgimento (insieme alle principali declinazioni del verbo risorgere) appare un termine-chiave, in Cattaneo esso si presenta in maniera assai più rapsodica, per non dire del tutto sporadica. Tanto per fornire un ordine di grandezza, di fronte alle oltre 50 occorrenze dei termini risorgimento/risorgere presenti nel Primato (nel Rinnovamento, come vedremo, sono addirittura 160), in tutta l’opera cattaneana – compresi gli scritti postunitari – non si raggiunge il centinaio. Inoltre, mentre in Mazzini e Gioberti i due termini sembrano articolarsi in un vasto campo semantico nel quale ricoprono funzione sinonimica, tra gli altri, termini quali risurrezione o anche, più di rado, rigenerazione/rigenerare, in Cattaneo tale utilizzo appare decisamente più attenuato, per non dire del tutto accidentale.

30È possibile fornire un ricco ventaglio di esempi che aiutino a capire a cosa si riferiscano i nostri intellettuali-militanti quando parlano di risorgimento e per rispondere ad alcune domande.

  • 22 Si veda la voce Risorgimento in Atlante culturale del Risorgimento, cit., in particolare pp. 36-37.
  • 23 Fondamentale il rinvio alla voce decadenza curata da Marcello Verga, ibid., pp. 5-18, che non a cas (...)

31È già completamente avvenuta la transizione dal culturale al politico che Banti situa a partire dagli anni Trenta dell’Ottocento22? Il termine ha una valenza descrittiva o precipuamente performativa? In che misura serve a descrivere l’evoluzione culturale della penisola, la sua storia letteraria? Quanto incide nell’utilizzo del termine la tacita accettazione della dialettica decadenza/risorgimento che, nella sua versione più aggiornata, data almeno da inizio Settecento23? A che tipo di temporalità fa riferimento il termine? A qualcosa che si aspetta, quasi come una definitiva palingenesi? O al passato, come qualcosa che c’è già stato? O in entrambi i modi?

32Cominciamo da Mazzini. Come giustamente rilevato da Banti, quando il rivoluzionario genovese parla di risorgimento, fa coesistere un’accezione più marcatamente culturale insieme a quella più specificamente politica, con l’una e l’altra, nondimeno, intimamente legate.

  • 24 In SEI, vol. I, p. 16.
  • 25 Della Giovine Italia (1832), in SEI, vol. I, p. 150.

33Nelle già evocate Note autobiografiche, poco dopo il passaggio sull’Ortis, Mazzini ricorda i discorsi di gioventù con i compagni, con i quali trattava «di lettere, di risorgimento intellettuale Italiano, di questioni filosofico-religiose»24. L’Italia era apparsa allora, a lui e ai suoi epigoni, «vasta, forte, intelligente, feconda d’elementi di risorgimento»25. Dunque «l’ora di risurrezione [era] suonata» (ibid., p. 146).

  • 26 Cause che impedirono lo sviluppo della libertà in Italia (1831-1832), in SEI, vol. I, p. 247.

34Non dissimile è il risorgimento che ci consegnano i frequenti appelli alla mobilitazione, quando il termine ambisce ad avere una virtù performativa: «O Italiani ! Giovani miei fratelli ! Se volete imprendere imprese generose, se avete in animo tentare il risorgimento davvero»26. In precedenza, nello stesso saggio, si era servito del termine risurrezione, alludendo cioè all’«ora della risurrezione» (ibid., p. 192), al «grido di risurrezione» (p. 206), al «proposito deliberato e tenace di risurrezione» dei suoi concittadini (p. 208), e alla «solenne risurrezione» del popolo (p. 236). E anche del verbo risorgere: «la patria è caduta, e noi la faremo risorgere» (p. 178) e ancora «Il popolo? Ah ! Se voi non lo aveste chiamato mille volte a risorgere, e mille deluso» (p. 225).

  • 27 Cfr. SEI, vol. I, p. 374.

35Stesso concetto manifestato nel discorso I collaboratori della Giovine Italia ai loro concittadini del 1832, esprimendo la volontà di «richiamare l’attenzione dei nostri concittadini sulle questioni vitali, che nei primi giorni del risorgimento»27 sarebbero state all’ordine del giorno.

36Le citazioni si potrebbero moltiplicare a piacere. Per mostrare la dialettica tra azione nel presente e nuovo tentativo di riscatto futuro:

  • 28 Articolo sulla Giovine Italia (1834), in SEI, vol. V, p. 12.

Ma potevamo rifarci all’estero delle perdite dell’interno e lavorare a risorgere un giorno e gittare una seconda chiamata all’Italia, forti d’elementi stranieri alleati e dell’opinione Europea. Potevamo, nel disfacimento, ch’io vedeva lentamente compirsi, d’ogni principio rigeneratore, d’ogni iniziativa di moto Europeo, preparare il terreno alla sola idea che mi pareva chiamata a rifare la vita dei popoli, quella della Nazionalità, e una influenza iniziatrice, in quel moto futuro, all’Italia.28

  • 29 Dell’iniziativa rivoluzionaria in Europa (1834), in SEI, vol. V, p. 61.
  • 30 Fede e avvenire (1835), in SEI, vol. V, p. 153.
  • 31 Ibid., p. 180.

37E ancora: «Bello era il grido d’azione sul vostro labbro: ultimo proferito da voi quando cadeste, suoni primo al vostro risorgere»29. Oppure, riguardo la necessità di agire per non far spegnere la fede rivoluzionaria: «di fronte a rivoluzioni tradite nel loro principio, le moltitudini s’astennero, l’entusiasmo nascente si spense, la fede sparì. La fede sparì; ma che facemmo noi, che facciamo in oggi per farla risorgere? »30. E poi oltre, in un perentorio richiamo: «Noi cademmo come partito politico. Dobbiamo risorgere come partito religioso»31.

  • 32 Frammento di lettera sull’assedio di Firenze di F. D. Guerrazzi, 1840, in SEI, vol. II, p. 392. Il (...)

38Tra la fine degli anni Venti e gli anni Trenta, il termine serve tuttavia anche a costruire un particolare racconto della storia italiana – e non solo – nel quale pare inverarsi la “legge” dell’alternarsi ciclico della caduta/decadenza e del risorgimento o, per dirla con Mazzini, del «continuo e fatale sorgere, cadere e risorgere per ricadere delle nazioni»32. Vale ad esempio per la letteratura straniera o, più in generale, di quella europea:

  • 33 Recensione alla Storia della letteratura antica e moderna di Federico Schlegel (1828), in SEI, vol. (...)

Le sei prime lezioni pelle quali si contemplano dallo Schlegel le vicende delle greche lettere dai tempi eroici fino a quando, guaste dalla sofistica e inceppate dalla Romana tirannide, caddero in fondo per risorgere ai nostri giorni […] Schlegel imprende nella VII lezione a distruggere l’opinione di coloro che chiamano i tempi di mezzo secoli di riposo intellettuale, spazio vuoto fra la coltura dell’antichità e il risorgimento delle moderne lettere.33

  • 34 D’una letteratura europea (1829), in SEI, vol. II, p. 183.

39Può esserci poi un risorgimento che segnala la riscossa di tutta una civiltà. Ci si può così riferire al «risorgere politico delle nazioni» che – nell’Europa del medioevo – diede un rinnovato slancio allo «sviluppo intellettuale»34. Oppure, come avviene nella recensione del 1829 alle Fantasie. Romanza di G.B.:

  • 35 In SEI, vol. II, p. 114.

Primo prodotto dello spirito di vita che le Cruciate oltrepassando le mire dei promotori avean desto in Europa, essa diede il segnale del risorgimento alle popolazioni orrendamente conculcate dall’avidità signorile.35

40Non diversamente sarebbe accaduto nella storia d’Italia:

  • 36 D’una letteratura europea, art. cit., p. 180.

I longobardi caddero anch’essi sotto la forza di Carlo Magno; ma gli effetti della loro dominazione durarono, e tutte queste cagioni davano agli italiani una energia di carattere, una quantità d’elementi di risorgimento, che doveano più tardi formare la preminenza italiana.36

41Ma più interessante per noi, e decisamente più proiettato sulla vicenda letteraria italiana, è questo lungo passaggio tratto dal Saggio sopra alcune tendenze della letteratura europea nel secolo xix, pubblicato sempre nel 1829:

  • 37 In SEI, vol. II, p. 136.

Primi i Verri e Beccaria con altri pochissimi predicarono doversi volgere la Letteratura a un fine libero e nazionale: poi quelle sdegnose e grandi anime d’Alfieri e Parini tentarono la riforma e aguzzarono la penna a pugnale a pungere la neghittosa. E si scosse; ma fu cadavere rizzato per opera di Galvanismo: gli ingegni levati in un fremito verso la fine del secolo si racquetarono bentosto, ammutirono, e giacquero sotto la dominazione di Bonaparte. Allora alcuni giovani fervidi, animosi, Italiani di mente e di core, pensarono che una Letteratura, della quale avevano tentato invano il risorgimento un Alfieri e un Parini, doveva esser guasta disperatamente nei propri elementi e tormentata d’un vizio organico. Questo vizio organico era l’inerzia: l’inerzia dedotta per via di sofismi dalle teoriche e dagli esempi d’uomini ai quali l’inerzia era morte.37

  • 38 Anche Gioberti ebbe parole di miele per l’astigiano: nel discorso preliminare al Gesuita moderno, L (...)

42Mazzini disegna qui una linea che parte dalla grande stagione dall’Illuminismo lombardo, passa per Alfieri38 ma, complice la sventura dei tempi, viene spezzata da Bonaparte. Da allora alcuni giovani – mi pare evidente il richiamo al magistero di Foscolo – compresero che era necessario agire, per trovare il vizio originario e sconfiggere l’atavica inerzia.

  • 39 Del dramma storico (1830), in Scritti letterari di un italiano vivente, op. cit., vol. I, p. 279.
  • 40 Ibid., vol. I, p. 284. In Gioberti il termine è invece assai poco impiegato. Se ci si limita al Pri (...)

43Concetti che Mazzini esprime altrove utilizzando anche il termine rigenerazione: «vogliamo […] la rigenerazione delle lettere cadute in fondo»39. E ancora, con significato differente: «il grido della coscienza che predica la letteratura mezzo potente di rigenerazione»40.

  • 41 G. Mazzini, Sulla pittura in Italia (1843), in Scritti letterari di un italiano vivente, op. cit., (...)
  • 42 Id., Filosofia della musica (1836), ibid., vol. II, p. 279.

44Tematiche che non toccano unicamente la letteratura, ma anche altri campi artistici, dalla pittura («Anch’egli, Giovanni Migliara, nato ad Alessandria di Piemonte da poveri operai – giacché direbbesi che come la rigenerazione sociale, così quella della pittura italiana voglia uscire dal grembo del popolo»)41; alla musica, quando, discutendo di libretti, il patriota genovese esprime la convinzione della necessità di «rigenerazione della poesia musicale»42. Anzi, in questo saggio il parallelismo tra musica e letteratura diviene esplicito:

  • 43 Ibid., p. 289. In precedenza: «Chi ha mai pensato che il concetto fondamentale della musica potess’ (...)

Rossini è un titano […] ha compito nella musica ciò che il romanticismo ha compito in letteratura […] forse s’ei non osava […] non rimarrebbe a quest’ora speranza di risorgimento alla musica.43

45Prima di abbandonare Mazzini, è bene sottolineare come all’approssimarsi del biennio rivoluzionario il lemma risorgimento appaia ormai votato a connotare quasi esclusivamente il riscatto politico della nazione. Sia che il suo impiego valga come auspicio, come nella lettera indirizzata a Pio IX, da Londra, l’8 settembre 1847:

  • 44 In SEI, vol. VI, p. 156.

[…] io vi scrivo con tanto amore, con tanto commovimento di tutta l’anima mia, con tanta fede nei destini del paese che può per opera vostra risorgere, che i miei pensieri dovrebbero esser la verità.44

46Sia che il risorgere – nell’infuriare della guerra – richiami alla memoria il proprio consustanziale legame con il sepolcro, come nell’articolo inserito nell’Italia del Popolo del 13 maggio 1848, dove alla morte si fa seguire, per l’Italia, una speranza di riscatto desunta dalla sua stessa storia:

Due grandi epoche signoreggiano la storia dell’incivilimento progressivo europeo; e a capo di queste due epoche apparve iniziatrice l’Italia, unica terra alla quale il sepolcro sia stato culla di più splendida risurrezione. (Ibid., p. 170)

47Sia che il sepolcro riguardi – letteralmente – un novello martire, come nell’articolo del 14 luglio, di fronte alle spoglie del patriota genovese Francesco Anzani, indicato

tra i più puri rappresentanti di quella chiesa militante, tribù italiana di precursori che l’esilio disperse attraverso l’Europa, quasi ad annunziare ai popoli la vicina risurrezione d’Italia e a santificare il concetto della milizia. (Ibid., p. 300)

48Sia che si trattasse di chiamare, ormai disperatamente, alla lotta (articolo del 1° agosto 1848):

Il momento è solenne: sia pure solenne, o fratelli, la vostra condotta. È ora questa dalla quale può risorgere, purificata di tutti gli errori, di tutte colpe oggimai espiate, e bella e grande di verità e d’ispirazione popolare, la causa nazionale italiana. (Ibid., p. 327)

49E sia, infine, che la sconfitta sia ormai consumata e occorra guardare oltre:

  • 45 Ai giovani. Ricordi (1848), in SEI, vol. VI, cit., rispettivamente pp. 333 e 360.

L’Austriaco insolentisce per le vie di Milano: migliaia d’esuli lombardo-­veneti ramingano su terre straniere: l’Europa che plaudiva, pochi mesi or sono, attonita al nostro risorgere, ricomincia a schernirci queruli, codardi, impotenti. Come avvenne? Come tornarono a un tratto in nulla le quasi adempite speranze? […] Non annunziate diete che decidano innanzi tratto, col solo fatto della loro esistenza e per la natura degli elementi che voi chiamereste a comporle, le questioni le più vitali al nostro risorgimento, quelle che s’agitano tra il federalismo e l’unità, tra la monarchia e la repubblica.45

  • 46 Si veda, a titolo di esempio, SEI, vol. VIII, che raccoglie scritti dei primissimi anni Cinquanta, (...)

50In tutti questi casi il significato di risorgimento è ormai irrimediabilmente inserito nelle asperità della lotta politica, che dalla cocente sconfitta del 1848-1849 deve tradursi nell’imprescindibile necessità di far rialzare la testa agli italiani. Tornerà, occasionalmente, a dire altro. Ma la sua connotazione – come attestano anche gli scritti degli anni Cinquanta – appare irreversibile46.

  • 47 Cfr. A. M. Banti, La nazione del Risorgimento. Parentela, santità e onore alle origini del Risorgim (...)

51La lettura delle opere di Gioberti pare confermare il quadro delineato con Mazzini. Il termine risorgimento, ancora nei primi anni Quaranta, lambisce spazi semantici confinanti, situati tra il culturale e il politico, proiettandosi su temporalità differenti (il risorgimento che fu e quello da farsi), non senza echeggiare – nella descrizione della storia delle civiltà non meno che della cultura – una filosofia imbevuta di dialettica dei cicli storici, tutta giocata sull’invariabilità “naturale” del declino e della rinascita. Tuttavia la vocazione del lemma pare ormai definitivamente proiettata sul “politico”, anche se l’utilizzo del termine risorgimento – forse per l’intento pedagogico dell’autore e l’afflato profetizzante dei suoi scritti – non preclude la possibilità di continuare a servirsi di lemmi ricalcanti il linguaggio della religione (in Gioberti soprattutto risurrezione), secondo le modalità così efficacemente descritte da Banti47. In Gioberti tuttavia, a differenza di quanto accade con Mazzini, la filosofia pare avere un posto più rilevante delle belle lettere.

  • 48 La numerazione romana delle pagine corrisponde alla lunga Avvertenza alla seconda edizione.
  • 49 V. Gioberti, Del Primato…, op. cit., p. ci.
  • 50 Ibid., p. cxcvii. Si trova un identico utilizzo anche in Cattaneo, con l’allusione alla restaurazio (...)
  • 51 V. Gioberti, Del Primato…, op. cit., p. cxcvii.

52Propongo di seguito una prima carrellata degli scritti, a cominciare da Del Primato morale e civile degli italiani48. Gli ambiti di applicazione del termine sono molteplici. Al monachesimo, dopo la caduta dell’Impero romano, si attribuisce ad esempio il merito «di quella felice rivoluzione intellettuale e civile, che oggi chiamasi risorgimento»; ma «errano coloro che stimano essere oggi compiuta l’epoca del risorgimento»49. Rimanendo al presente, i Gesuiti osteggiano il «risorgimento della penisola», ravvisandovi la propria rovina (ibid., p. cxlvii). Del resto, sempre a proposito dei Gesuiti, il loro risorgere può alludere semplicemente, certo senza alcuna connotazione positiva (al contrario !), alla loro ricostituzione dopo le soppressioni settecentesche: «Tal è il cammino, che avrebbero dovuto eleggere sin dal primo istante del loro risorgimento»50. E continua: «la Compagnia […] poteva ancora affidarsi di risorgere nell’opinione, di riacquistare la benevolenza e la stima degli uomini»51.

53La visione ciclica entro cui si inserisce concettualmente il risorgimento è ben presente anche in Gioberti; può essere direttamente desunta dalla storia naturale, che

insegna generalmente che la nostra specie […] il genere umano passò successivamente da una felicità primitiva alla miseria presente e da questa si avvia a una futura beatitudine discorrendo pei tre momenti della creazione, della caduta e del risorgimento. (Ibid., p. 248)

54La si può applicare alla storia della civiltà, mostrando come proprio «in questo flusso e riflusso del genio di un popolo, in questo corso e ricorso dall’incivilimento» consista «la vita delle nazioni, e il principio del loro declinare e del loro risorgere» (ibid., p. 510); e ancora, la si può applicare alla storia di Roma strutturatasi in cicli «partiti da una caduta e da un risorgimento» (p. 40); ma anche naturalmente, e non senza vis polemica, alla storia della lingua:

E come nei tempi miseri e fiacchi, quando scadono i popoli e si accostano alla loro ruina, il cinguettio forestiero predomina e la loro lingua si vilipende; così nelle età di risorgimento la filologia nazionale torna in onore, come si vede ai dì nostri, non solo in Italia, ma eziandio nelle Fiandre, nella Boemia, nell’Ungheria, e in altri paesi. (Ibid., p. cclvi)

55Una visione che permette del resto un’applicazione più generale, se è vero che «le istituzioni di ogni sorta non possono essere diuturne, né scadute risorgere, invecchiate ringiovanire» (ibid., p. xcviii).

  • 52 Infatti «l’Italia sola ha le qualità per essere la nazione principe» e pur avendo ormai perso tale (...)
  • 53 «Il principio di redenzione è altresì connaturato all’Italia, perché ella sola fra i popoli abbattu (...)

56E naturalmente la dialettica dei cicli storici non risparmia la storia della cultura tout court ed anzi, nella configurazione necessaria a Gioberti per mostrare il primato italiano, si può dire rivesta un ruolo di primo piano52. Premesso che l’Italia, naturalmente incline alla rina­scita, sarebbe una sorta di culla del risorgimento europeo53, tale rina­scita avrebbe connotati culturali da precisare. Da riferimenti tutto sommato generici, ma cronologicamente precisi («il risorgimento degli studi italiani ed europei nel secolo quindecimo», ibid., p. cccii), si può passare a considerazioni di maggior respiro: l’Italia – scrive l’abate – aveva già avuto «il privilegio di essere la vanguardia intellettuale di Europa» (p. ccclvii), conducendo

innanzi la risurrezione ed il culto delle nobili lettere, delle arti avvenenti, di ogni utile e forbita dottrina. Ma l’instaurazione d’allora non fu che un principio, e gli eventi che seguirono, gl’indirizzi che prevalsero in appresso, contribuirono a rallentarne i progressi e a scemarne o gua­starne i frutti. Ora rimane a operare un novello risorgimento, men bello e splendido in apparenza, ma più importante e fondamentale, e piuttosto morale, religioso, filosofico, che letterario o erudito; un risorgimento ordinato a ultimare il primo, riunendo ed armonizzando gli elementi procreati da esso, ma stati finora più o manco disgiunti e discordi […] Ora a chi spetta più dicevolmente il dare all’opera l’ultima mano, se non a coloro, ond’ebbe principio? Chi meglio può affidarsi di capitanare con felice successo il secondo risorgimento di chi ha fatto il primo? (Ibid., p. ccclviii)

  • 54 Si veda anche ibid., p. 220: «Questa idea […] accorda le memorie colle speranze e il nostro passato (...)
  • 55 Citando alla rinfusa, sulla declinazione del termine risorgimento in chiave politica (termine frequ (...)
  • 56 Si veda anche il saggio V. Gioberti, Delle condizioni presenti e future d’Italia, Londra, a spese d (...)
  • 57 Qualche perplessità di Gioberti in merito ad alcune presunte ragioni del primato italiano secondo a (...)

57Dunque un primo risorgimento c’era già stato, ma ne occorreva un secondo54. Se il secondo doveva essere ineludibilmente culturale e politico55, il primo – collocabile in età rinascimentale56 – aveva cono­sciuto diverse fasi57 e diversi protagonisti. Un momento decisivo si ebbe quando «al primo schiarire delle tenebre intellettuali introdotte dai barbari, cominciò a risorgere lo studio dell’antichità gentile» (ibid., p. 20). Per quanto concerne le belle lettere, per Gioberti come per Mazzini la riscoperta di Dante fu determinante. O meglio, «la risurrezione di Dante era la condizione richiesta pel risorgimento del pensiero e dell’ingegno italiano» (p. 395). Una lezione da non trascurare nemmeno per il presente, così che se «la prosa eloquente» era «uno dei capi, a cui si [doveva] volgere l’ingegno italiano, […] la risurrezione degli studi danteschi [era] atta a promuoverla» (p. 397). Del resto proprio la centralità o, al contrario, la marginalità di Dante nella cultura rappresentano per Gioberti un termometro fondamentale dello stato di salute della cultura italiana, come chiariva già il saggio Del Bello:

  • 58 Cito da Del Bello e del Buono. Due trattati per Vincenzo Gioberti, prima edizione di Losanna, Bonam (...)

Se Dante, come principe dei poeti cristiani, per ragion di tempo e di eccellenza, fu il padre di ogni moderna gentilezza, come italiano ebbe una influenza più speciale, più immediata e cospicua sulle nostre lettere. Laonde il regnare di lui sul pensiero italiano e il suo scadere nell’opinione e negli studi fu sempre effetto o pronostico di risorgimento o di declinazione nelle arti amene, nella poesia, nell’eloquenza, e in ogni genere del bello scrivere.58

58Possiamo finalmente abbandonare il Primato, non senza far notare come la parola con la quale si chiude la fondamentale Avvertenza alla seconda edizione sia proprio risorgimento:

  • 59 V. Gioberti, Del Primato…, op. cit., p. cdxxviii. Si badi che in qualche frangente per esprimere lo (...)

Così nello stesso modo, che l’antica sapienza italo greca, informata della cristiana, adattando agli ordini sociali il dogma della creazione, operò il riscatto civile dei popoli moderni; una scienza più squisita e matura, fondata su tal principio, compierà l’opera già incominciata, ma interrotta dalle miserie dei tempi, e la filosofia sarà di nuovo per gl’Italiani un apparecchio di migliori sorti e un infallibile augurio del patrio risorgimento.59

  • 60 V. Gioberti, Delle condizioni…, op. cit., p. 16.
  • 61 Per le eccezioni, cfr. V. Gioberti, Del Rinnovamento civile, Parigi e Torino, A spese di Giuseppe B (...)
  • 62 «Il moto italiano incominciato circa un lustro addietro, e quantunque sospeso, non ancor finito, si (...)
  • 63 Della quale del resto indica con precisione gli estremi cronologici sin dalla prima pagina dell’int (...)

59Passando agli scritti quarantotteschi, sarà sufficiente ricordare come la transizione sia ormai compiuta. Nel saggio Delle condizioni presenti e future d’Italia, quasi tutte le occorrenze del termine preludono alla sua funzione politica. Non mancano tuttavia passaggi dove il termine appare più “inclusivo” del processo politico contingente volto all’unificazione della penisola, soprattutto quando Gioberti precisa che «l’indipendenza politica di tutta Italia sarà l’ultimo passo del suo risorgimento»60; oppure quando asserisce che «la nostra unione politica consiste nella maggiore unità possibile a conciliarsi coi caratteri ideali dell’italico risorgimento» (ibid., p. 47). Nei due volumi Del Rinnovamento civile il termine risorgimento è diventato una vera e propria parola chiave (Del Risorgimento italiano è anche il titolo del primo capitolo del primo volume, quello riguardante Degli errori e delle sventure), precisamente nell’accezione storico-politica, ma con un’ulteriore accentuazione del carattere contingente, ovvero del riferimento alla cronaca politica del biennio appena trascorso. Con una novità significativa: il fatto che ci si trovi nell’immediata prossimità della sconfitta fa sì che l’autore cerchi in qualche modo di “chiudere” simbolicamente la congiuntura storica segnata dal termine Risorgimento (scritto ora quasi sempre con l’iniziale maiuscola)61 per proporre, con palese intento performativo, la nuova nozione di rinnovamento62, lasciando ormai il primo termine a denotare la breve stagione appena trascorsa63. La proposta di Gioberti non avrà successo, ma testimonia della necessità, profondamente sentita, di rileg­gere gli avvenimenti appena trascorsi; una rilettura che sarà a lungo lo snodo fondamentale di una posta in gioco tutta politica di legittimazione dei portavoce risorgimentali.

60Tra questi, come noto, vi fu Cattaneo. Ed è pertanto davvero singolare l’utilizzo che egli fece del termine risorgimento (anzi, nella gran maggioranza dei casi, risurgimento). Se non si calcolano le numerose circostanze in cui risurgimento e risurgere sono adoperati con il prevalente significato di rinascere (di una scienza, di un legge, ecc.) o di riemergere (ciò che vale per un fiume così come per un’idea, un’istituzione, uno stile architettonico, ecc.), nelle rare occorrenze del termine negli scritti cattaneani – poco meno di un centinaio, si è detto – ci si trova di fronte nella maggior parte dei casi a un lemma che, riferito al passato, tende a identificare momenti diversi del Rinascimento, nel senso canonico che il termine assumerà a partire dalla seconda metà dell’Ottocento (con Michelet e Burckhardt) e con un’elasticità cronologica variabile a seconda del campo disciplinare d’applicazione o del criterio d’osservazione privilegiato: così si può andare agli anni immediatamente dopo il Mille per il risurgimento delle città italiane e del loro commercio, ai secoli xiv, xv e xvi per altri fenomeni legati alla cultura, alla demografia, ecc. Dunque anche Cattaneo si troverà più volte nella necessità di distinguere un primo risorgimento da un secondo, laddove tuttavia – nell’economia dei suoi scritti – sono le molteplici declinazioni del primo a interessare maggiormente lo studioso.

61Vediamo brevemente qualche esempio:

  • 64 Recensione alla Vita di Dante di Cesare Balbo, art. cit., p. 112.

Romagnosi nel suo volume sull’Incivilimento, notò che l’agricultura è il fondamento dell’economia, come la possidenza territoriale è il fondamento del potere; e che i municipii italiani nel loro risurgimento cominciarono dal ramo industriale e mercantile per giungere al territoriale.64

  • 65 La nuova legge del pubblico insegnamento (1860), in SL, vol. I, cit., p. 567.

Nel primo risurgimento dell’Italia le nostre università si reggevano da sé.65

  • 66 Influenza della gran transmigrazione di barbari sulla lingua italiana (1824), in SL, vol. II, cit., (...)

Risorgimento delle città.66

  • 67 Frammento inedito di recensione all’opera di Giuseppe Ferrari Le rivoluzioni d’Italia (1863 circa), (...)

Mille e più Stati militanti in cui l’Italia nel risorgere, e per risorgere si divise.67

  • 68 Il secolo xiii e Giovanni da Procida (1862), ibid., p. 201.

E la guerra non fu più fra l’Italia risurgente e il dominio straniero, ma fu duello fra il papa e l’imperatore.68

  • 69 Recensione al saggio di Thiers, Della formazione e del progresso del Terzo Stato (1854), in SSG, vo (...)

62Fra le circostanze che, accanto all’intervento della monarchia, avrebbero promosso «il progresso della borghesia», Cattaneo ricorda «le lunghe guerre combattute in Italia sotto Carlo VIII e Francesco I, e la benefica influenza del risorgimento italiano» sullo sviluppo successivo del pensiero in Francia69.

  • 70 Istoria della ragione di Stato di Giuseppe Ferrari (1860), in Scritti politici [d’ora in poi SP], a (...)

Come in Omero si raccolsero le tradizioni poetiche della Grecia primeva, come in Ariosto le legende della Francia cavalleresca, come nelle romanze del Campeador le memorie di sette secoli di guerra popolare, così si condensò in Machiavello tutta l’arte politica degli innumerevoli principati e delle innumerevoli repubbliche del risurgimento.70

  • 71 La città considerata come principio ideale delle istorie italiane (1858), in SSG, vol. II, cit., p. (...)

Con Diocleziano ebbero principio sette secoli di barbarie, fino al risorgimento dei municipii, verso l’anno mille.71

  • 72 Rassegna critica di studi sulla Sardegna (1841), in SSG, vol. I, cit., p. 210.

Il risurgimento delle chiese teneva dietro al risurgimento delle città e dell’agricultura avviata dal commercio italiano.72

  • 73 Corporazioni delle arti e sciopri [sic] nell’Inghilterra (1861), in SP, vol. IV, cit., p. 169.

Laonde il popolo d’Italia incominciò a risorgere a vita novella.73

  • 74 Psicologia delle menti associate [fine anni Cinquanta - metà anni Sessanta], in Scritti filosofici (...)

Fin dal risurgimento delle scienze, le menti costrette a combinare tanti discordanti pensieri, si resero in questo continuo sforzo sottili, audaci, libere.74

  • 75 Sui dazj suburbani di Milano (1863), in Scritti economici [d’ora in poi SE], cura di A. Bertolino, (...)

Troviamo sin dal primo risorgimento della città il nome di borghi.75

  • 76 Recensione alla Guida di Lucca e dei luoghi importanti del marchese Antonio Mazzarosa (1843), in SL(...)

Lucca ha molte e belle chiese del medio evo, e ben poche che datino dal risurgimento in poi […]. Il Duomo di Milano venne intrapreso un tre secoli dopo; poiché il risurgimento dell’Italia venne dal commercio, e il commercio viene dal mare.76

  • 77 Esposizione d’industria e belle arti a Torino nel 1844 (1845), in SE, vol. III, cit., p. 32.

Quel sì rapido risorgimento a cui ci chiamarono quasi d’improvviso gli amministratori filosofi del secolo xviii.77

  • 78 La famiglia nel diritto romano (1853-1854), in SF, vol. III cit., p. 361.

Le sue [di Aristotele] opere di letteratura, di fisica, d’istoria naturale e di politica si erano smarrite e vennero trovate, non tutte, solo al primo risurgimento delli studi (d. c. 1100-1200).78

  • 79 La famiglia negli statuti municipali (1853-1854), in SF, vol. III cit., p. 394. E ancora (p. 393), (...)

Tale è l’officio che li statuti municipali ebbero nella istoria del nostro risurgimento (in riferimento al xii secolo).79

63Fondamentale è poi un passaggio successivo del medesimo testo:

Se si fa paragone d’ogni secolo al secolo seguente, si vede sempre più antiquato e logoro il diritto feudale, il diritto canonico, lo spirito di corporazione, di privilegio, di municipio. Le contrarie giurisdizioni vengono a poco a poco soprafatte dal voto dei giureconsulti, dalla dottrina delle università, dal testo delle pandette, dall’antica filosofia, dalla forza della ragione che si conforma alla natura e al lume dell’esperienza. Essa parte dal diritto civile per rifondere le leggi e tutto lo stato, e trarre dalla promiscuità del medio evo le moderne nazioni. Questo intervallo di tempi si chiama il risurgimento. Nel risurgimento, le nazioni non si distinguevano tanto per lingue, quanto per religioni. (Ibid., p. 399)

64Lo scritto dove l’occorrenza appare più frequente è senza dubbio quello composto in occasione del Congresso degli scienziati italiani tenutosi a Milano nel 1844:

  • 80 C. Cattaneo, Notizie naturali e civili su la Lombardia, vol. I, Milano, G. Bernardoni, 1844, p. liv(...)

L’irruzione degli Ungari fu la prima occasione di risurgimento […] l’Europa divenne una selva di fortezze.80

Tutto ciò avvenne una generazione prima delle Crociate, le quali non furono dunque la causa del risurgimento europeo. (Ibid., pp. lvi-lvii)

Il principio vero del risurgimento fu nel legitimo possesso della milizia popolare. (p. lvii)

  • 81 Ibid., p. lxiv. E ancora si segnalano i riferimenti al «generale risurgimento di tutta l’antica civ (...)

Il popolo colle armi alla mano aveva tratto dalla feudale ineguaglianza un viver civile; ma la guerra, fra il risurgimento di tutte le industrie, tornava a farsi arte.81

65Bastano probabilmente queste poche decine di occorrenze per mostrare il fatto che Cattaneo si servì del termine risurgimento per dar conto di un elemento importante del progresso civile, o meglio, da buon allievo di Romagnosi, dell’incivilimento, con uno sguardo che tuttavia non era proiettato unicamente sull’Italia che pure, storicamente, di quel medesimo risurgimento era stata fondamentale protagonista. In questo quadro, la visione ciclica della storia era dunque assai meno esibita, quasi che si limitasse a mera annotazione di una dialettica del declino certo non trascurabile ma tuttavia meno dirimente, nella riflessione cattaneana, di quanto fosse, in senso lato, il tema del progresso:

  • 82 Di alcuni Stati moderni (1842), in SSG, vol. I, cit., p. 257. Non diversamente, in riferimento all’ (...)

Ecco due gravi dimande, nell’indagar le quali la mente trascorre involontaria a congetturare nel futuro, quali popoli siano in procinto di crescere a soverchiante potenza; quali istituzioni conducano sulla via del languore e del decadimento; quali speranze di risurgimento rimangano nelle alternative della potenza ai popoli tramontati.82

  • 83 Cfr. L’antico esercito italiano (1860), in SSG, vol. III, cit., p. 16: «Nel 1808 cominciarono le se (...)
  • 84 Cfr. Il Regno di Tunisi e l’Italia, nel Politecnico del 1862, in Scritti politici, vol. IV, cit., p (...)
  • 85 Cfr. Problemi sull’Europa. Studi sull’Italia, nel Politecnico del 1861, in Scritti politici, vol. I (...)

66Un altro dato importante da sottolineare riguarda il fatto che l’utilizzo di risurgimento per Rinascimento si riscontra anche negli anni Cinquanta e Sessanta, quando ormai la scelta, nel volontario smarcarsi dalla prevalente accezione politica della parola, appare in qualche modo volutamente provocatoria. Quasi che il risorgimento politico italiano, quale pareva destinato a compiersi (o che già si era compiuto) sotto lo scettro sabaudo, non meritasse particolare attenzione. O che non ne meritasse di più di quello spagnolo83, di quello del popolo tunisino84 o di quello, anch’esso politico, della Grecia e della Polonia85.

67La parola risorgimento, in senso marcatamente politico, uscì davvero eccezionalmente dalla penna dell’intellettuale milanese. Il termine gli apparve probabilmente assai poco congeniale. In fondo, per molti aspetti, richiamava alla mente Torino, Cavour, la monarchia. L’utilizzo squisitamente politico del lemma – riferito alla cronaca – si conta sulle dita di una mano e chiama in causa naturalmente gli scritti postquarantotteschi.

  • 86 Cito da SSG, vol. II, cit., pp. 163 e 296.

68Nelle Considerazioni sulle cose d’Italia nel 1848, pubblicate in appendice ai tre volumi dell’Archivio triennale, si trova qualche scarno riferimento, a proposito di Mazzini, definito «il precursore del risurgimento», oppure di Pio IX, nel cui nome «il risurgimento dell’Italia era inaugurato»86.

69Non meno parco l’impiego nel saggio polemico Dell’insurrezione di Milano nel 1848, uscito a Lugano nel 1849 per i tipi della Tipografia della Svizzera italiana:

  • 87 Cito da SSG, vol. IV, cit., p. 23.

Deliberati di precorrere li eventi e di contrastare ad ogni costo il risurgimento dell’italica nazionalità, gli Austriaci, in luglio del 1847, avevano machinato in Roma una congiura di sicarii.87

70E ancora:

  • 88 Ibid., p. 325.

Il loro officio oggidì non è di fregiare della servile loro presenza le anticamere dell’ossequiosa Torino, ma di assistere al risurgimento della libera Italia in Roma.88

  • 89 Si veda l’Archivio Triennale delle cose d’Italia dall’avvenimento di Pio IX all’abbandoni di Venezi (...)

71Mentre nei tre volumi di documenti dell’Archivio Triennale le occorrenze del termine sono quasi inesistenti89, se si eccettuano i casi in cui esso compare nei documenti pubblicati o nelle già ricordate Considerazioni.

  • 90 Cfr. L’antico esercito italiano, art. cit., p. 4, dove a proposito del tricolore ricomparso nel 184 (...)

72E forse non è del tutto casuale che il termine faccia capolino – con accezione positiva – in uno degli scritti più belli e importanti del Cattaneo post-unitario, di un Cattaneo che cercava, attraverso la lettura della vicenda militare italiana, di ricollegare la storia nazionale al momento “giacobino” (in funzione antisabauda)90.

73E la letteratura? È possibile che Cattaneo, che applica con così sorvegliato controllo il termine risorgimento a circostanze estranee alla politica italiana coeva, abbia trascurato tale orizzonte? In effetti, pur se in maniera occasionale e limitata a pochi scritti, non manca negli scritti dell’economista lombardo il riferimento al risorgimento delle lettere.

74Nella più volte evocata recensione alla Vita di Dante di Cesare Balbo, un passaggio allude al ruolo di cerniera della cultura settecentesca nel ricomporre la memoria di quel primo risorgimento più volte evocato in queste pagine. Un’opera per la quale il ritorno a Dante avrebbe rivestito, a giudizio di Cattaneo, una funzione di primo piano:

  • 91 In SL, vol. I, cit., p. 103.

Fin da quando il buon Muratori risvegliò la istoria del medio evo, e il Varano gettò fra le corrotte academie [sic] la prima imitazione dantesca, l’Italia, infervorata a ristaurare le memorie del suo risorgimento, volle riannodare la catena della letteratura sociale, e da trastullo di scioperati tornarla strumento di vita civile. Gli scrittori non furono paghi omai di far millanteria d’ingegno in un crocchio d’iniziati; ma si diedero maestri delle moltitudini e nunci dell’utile e del vero.91

75Non meno eloquente il passaggio successivo, che pur senza parlare di risorgimento descrive un’evoluzione della letteratura in linea con quanto rapidamente abbozzato in queste nostre pagine:

  • 92 Ibid., pp. 104-105. E poco oltre: «Dante viveva nella più culta e gentile città di quei tempi, quan (...)

Dacché però la nostra letteratura ha dovuto per forza dei tempi assumere dignità di ministero civile, e questa sola persuasione basta a conferirle decenza e dignità, era naturale ch’ella cercasse soprattutto ricongiungersi ad uno scrittore, che, oltre all’essere più grande e più antico, era più profondamente impresso di quella splendida persuasione che le lettere siano una irresistibile arme civile.92

  • 93 Ugo Foscolo e l’Italia, art. cit., p. 504.

76Accanto a Dante non va poi dimenticato Petrarca, il quale, «già figlio d’un altro secolo e associato da più larghi studj alla libera antichità, era corso più inanzi sulle vie del risurgimento», riuscendo in questo modo a «disnebbia[rsi] il pensiero dai pregiudizj del medio evo»93.

  • 94 Il legame con l’esperienza dell’illuminismo lombardo è testimoniata da un noto passo dell’Introduzi (...)

77Gli elementi per tirare le fila, indubbiamente, non sono molti. Ma certamente si evince una visione chiara di quale tipo di scrittura dovesse essere promossa. Con riferimenti ben precisi, che nel percorrere l’opera di Cattaneo (tralasciando la ricerca meramente lessicale) permettereb­bero di trovare, accanto a Romagnosi, una linea di padri nobili tra i quali si devono almeno ricordare Verri e Beccaria94, ma anche, in un posto di primissimo piano per il classicista Cattaneo, Ugo Foscolo.

78Visto il carattere sperimentale di questo sondaggio lessicale, sarebbe davvero azzardato presentare delle conclusioni. Ma è almeno necessario provare a interrogarsi sulla così sensibile differenza tra Cattaneo da un lato e Mazzini e Gioberti dall’altro. Detto che la visione che i tre ebbero del fatto letterario non fu, come visto, troppo dissimile, appare altrettanto chiaro come la “depoliticizzazione” del lemma risorgimento nello scrittore lombardo sembri, per un canto, volutamente polemico. D’altro canto però essa manifesta forse anche la più o meno consapevole volontà di prendere le distanze da un lessico “religiosizzante”, quello che – pur con orizzonti politici così diversi – condivisero tanto Mazzini quanto Gioberti, militanti nelle azioni come nel linguaggio di quella nuova religione civile della patria che contribuirono essi stessi a promuovere. Cattaneo invece fu un militante politico atipico, mentre furono certamente militanti la sua filosofia, il suo approccio alla cultura, il suo impegno quotidiano da intellettuale engagé. Egli fu, in altre parole, latore di un impegno la cui vocazione intellettuale “positiva”, fortemente rivolta all’analisi concreta, fattuale, ben poco si prestava – anche per le discipline da lui predilette – all’utilizzo di quel linguaggio “messianico” che informava invece l’utilizzo del lemma risorgimento presso molti dei suoi contemporanei, a cominciare da Mazzini e Gioberti.

Top of page

Notes

1 Nelle citazioni dai testi, il termine risorgimento, insieme alle declinazioni del verbo risorgere o agli usi di sinonimi o termini affini, sarà scritto sempre in corsivo, per dare maggior risalto all’occorrenza, senza segnalazione ulteriore del mio intervento.

2 Non senza conflitti, come ha giustamente rilevato L. Fournier Finocchiaro, Le paradoxe Mazzini: ennemi et père de l’Italie du Risorgimento, «Italies. Littérature, société, civilisation», n. 15, 2011, pp. 375-379.

3 Ci si riferisce naturalmente a N. Bobbio, Una filosofia militante. Studi su Carlo Cattaneo, Torino, Einaudi, 1971.

4 Si veda in proposito M. Fugazza, Il primato della libertà: Carlo Cattaneo protagonista e storico della rivoluzione, in Fare l’Italia: unità e disunità nel Risorgimento, a cura di M. Isnenghi e E. Cecchinato, Torino, Utet, 2008, pp. 275-280.

5 G. Armani, Carlo Cattaneo. Il padre del federalismo italiano, Milano, Garzanti, 1997, p. 18.

6 È il celebre passo, riferito peraltro ai primordi della dominazione austriaca in Lombardia: «Il ducato di Milano si era finalmente distaccato dal cadavere spagnolo e ricongiunto all’Europa vivente.» (C. Cattaneo, Notizie naturali e civili su la Lombardia, vol. I, Milano, G. Bernardoni, 1844, p. xciv)

7 Mi permetto di rinviare a G. Albergoni, Cultura nazionale, scienza e “socialismo”. La costruzione della sfera pubblica nel rilancio della “Rivista europea” (1845-1848), «Archivio storico lombardo», a. CXXXV, 2009, pp. 175-217.

8 Ora in C. Cattaneo, Scritti letterari [d’ora in poi SL], 2 voll., a cura di P. Treves, Firenze, Le Monnier, 1981, vol. I, pp. 1-8.

9 Chi scrive ha provato a tracciare un breve percorso della letteratura come magistero nella voce Letterati, lettere, letteratura, in Atlante culturale del Risorgimento. Lessico del linguaggio politico italiano dal Settecento all’Unità, a cura di A. M. Banti, A. Chiavistelli, M. Meriggi e L. Mannori, Roma-Bari, Laterza, 2011, pp. 86-100.

10 Si veda la recensione di Cattaneo alla Vita di Dante di Cesare Balbo, in SL, vol. I, cit., pp. 101-119 (per le citazioni, cfr. pp. 103-105).

11 Per alcune considerazioni in proposito, si veda A. Ciccarelli, Dante and the culture of risorgimento: literary, political or ideological icon?, in Making and Remaking Italy. The Cultivation of National Identity around the Risorgimento, a cura di A. R. Ascoli e K. Von Henneberg, Oxford-New York, Berg, 2001, pp. 77-102.

12 Cfr. L. Fournier-Finocchiaro, Littérature et formation politique des patriotes italiens au xixe siècle, «Les cahiers de psychologie politique», 2010, n. 17, luglio 2010, http://lodel.irevues.inist.fr/cahierspsychologiepolitique/index.php?id=1724.

13 Scritti editi e inediti di Giuseppe Mazzini, edizione diretta dall’autore, Milano, Gino Daelli editore. Ci si limita qui a dare i riferimenti per i volumi successivamente citati: vol. I, 1861; vol. II, 1862; vol. VI, 1863. Fanno invece riferimento ad altro editore il vol. IV (Milano, per cura degli editori, 1874), vol. V (Roma, per cura degli editori, 1877) e il vol. VIII (Milano, Robecchi Levino editore, 1871). Tutti i volumi saranno di seguito citati come SEI. Da non confondersi con gli Scritti editi e inediti dell’edizione nazionale delle opere intrapresa a partire dal 1906, citata infra senza abbreviazioni.

14 Non esiterà a definire quella dei classicisti «letteratura servile» (così nella Prefazione di un periodico letterario, 31 maggio 1836, «L’Italiano. Foglio letterario», nel quale sarebbero poi comparsi la sua Storia letteraria e anche il celebre saggio sulla Filosofia della musica).

15 G. Mazzini, Moto letterario in Italia (1837), in SEI, vol. IV, p. 292.

16 Id., Dell’amor patrio di Dante (1826), in SEI, vol. II, cit., p. 19.

17 «Questo giovine, quasi straniero a noi», che «additava alle nostre lettere nuove fonti domestiche, inesauste»; che «insegnava alla gioventù il culto dell’Italia». Un «sacerdote dell’Italia», insomma, a cui era necessario rendere – e siamo ora nel 1861 – «il debito onore» (C. Cattaneo, Ugo Foscolo e l’Italia (1861), in SL, vol. I, cit., p. 525).

18 G. Mazzini, Orazione di Ugo Foscolo a Bonaparte, in Scritti letterari editi e inediti, Imola, Galeati, 1906, vol. I, p. 163.

19 G. Mazzini, Prose di Salvatore Betti, ibid., p. 93. Una posizione che interessava del resto tutto il campo artistico, a cominciare dalla musica. Nel suo celebre saggio sulla Filosofia della musica, Mazzini avvertiva da subito il lettore che le sue pagine erano solo per quei «pochi che nell’Arte sentono il ministero, e intendono la immensa influenza che s’eserciterebbe per essa sulle società, se la pedanteria e la venalità non l’avessero ridotta a un meccanismo servile, e a trastullo di ricchi svogliati»; per chi, insomma, «v’intravvede più che non una sterile combinazione di suoni, senza intento, senza unità, senza concetto morale» (Id., Filosofia della musica (1836), in Scritti letterari di un italiano vivente, 2 voll., Tipografia della Svizzera italiana, 1847, vol. II, pp. 268-269).

20 V. Gioberti, Del Primato morale e civile degli italiani, seconda edizione, corretta e accresciuta dall’autore, coll’aggiunta di una nuova avvertenza, Bruxelles, Dalle stampe di Meline, Cans e compagnia, 1845, pp. 514-515. Con un’attenzione particolare alla qualità: «Ora il vero risorgere della civiltà dal peso degli scrittori, e non dal numero, si vuol misurare» (ivi, p. 39).

21 Unicamente per i passaggi successivi al riferimento alla «miseria intellettuale», si cita dal vol. II dell’edizione della tipografia elvetica di Capolago, rispettivamente pp. 493, 514, 518 e 591-593.

22 Si veda la voce Risorgimento in Atlante culturale del Risorgimento, cit., in particolare pp. 36-37.

23 Fondamentale il rinvio alla voce decadenza curata da Marcello Verga, ibid., pp. 5-18, che non a caso è posto in apertura dell’Atlante.

24 In SEI, vol. I, p. 16.

25 Della Giovine Italia (1832), in SEI, vol. I, p. 150.

26 Cause che impedirono lo sviluppo della libertà in Italia (1831-1832), in SEI, vol. I, p. 247.

27 Cfr. SEI, vol. I, p. 374.

28 Articolo sulla Giovine Italia (1834), in SEI, vol. V, p. 12.

29 Dell’iniziativa rivoluzionaria in Europa (1834), in SEI, vol. V, p. 61.

30 Fede e avvenire (1835), in SEI, vol. V, p. 153.

31 Ibid., p. 180.

32 Frammento di lettera sull’assedio di Firenze di F. D. Guerrazzi, 1840, in SEI, vol. II, p. 392. Il concetto è espresso da Mazzini anche con il termine rinascimento, affiancato proprio al risorgimento, l’uno a rappresentare qualcosa di profondamente radicato nel divenire storico, l’altro a fungere da grido di battaglia: «Oggi nessuna città Italiana può sorgere e vincere se non in nome e per conto di tutta Italia. Firenze lo insegnava cadendo, e insegnava, a chi sa scoprirle, anche le vie del risorgere. La caduta d’un Popolo, dice Gualandi, dev’esser tale che lasci una memoria di terrore ai tiranni, un legato di vendetta ai figli degli oppressi. E tal fu. Ma quando il popolo che cade è destinato a una seconda vita, la sua caduta dev’anche racchiudere in germe fra le rovine gli auspicii e gli elementi del rinascimento. E tal fu. Il pensiero religioso ed il popolare ressero la difesa. Dio e il popolo: – non altro – sarà il grido del risorgimento.» (Ibid., p. 396)

33 Recensione alla Storia della letteratura antica e moderna di Federico Schlegel (1828), in SEI, vol. II, p. 82.

34 D’una letteratura europea (1829), in SEI, vol. II, p. 183.

35 In SEI, vol. II, p. 114.

36 D’una letteratura europea, art. cit., p. 180.

37 In SEI, vol. II, p. 136.

38 Anche Gioberti ebbe parole di miele per l’astigiano: nel discorso preliminare al Gesuita moderno, Losanna, Bonamici e compagni, t. I, 1846, p. xlv, scrisse che questi era stato «assai più che scrittore e poeta, poiché scrivendo [aveva] oper[ato] col senno e colla mano, incominciando il risorgimento italico. Per questo rispetto non [aveva] l’Europa moderna un solo scrittore, eccetto Dante, che pareggi[asse] Vittorio Alfieri».

39 Del dramma storico (1830), in Scritti letterari di un italiano vivente, op. cit., vol. I, p. 279.

40 Ibid., vol. I, p. 284. In Gioberti il termine è invece assai poco impiegato. Se ci si limita al Primato, si trovano due sole occorrenze per rigenerare: «Noè e Cristo segnano i due estremi di quella effusione continua del lume sovrannaturale, che ebbe luogo dopo il diluvio, per rigenerare l’umana schiatta e gittare i semi di una cultura destinata a durar quanto i secoli» (V. Gioberti, Del Primato…, cit., p. 16); e a proposito di Arnaldo da Brescia, il quale «volle rigenerare l’Italia colla separazione assoluta del potere civile e del sacerdozio» (ibid., p. 21).

41 G. Mazzini, Sulla pittura in Italia (1843), in Scritti letterari di un italiano vivente, op. cit., vol. II, p. 258.

42 Id., Filosofia della musica (1836), ibid., vol. II, p. 279.

43 Ibid., p. 289. In precedenza: «Chi ha mai pensato che il concetto fondamentale della musica potess’essere tutt’uno col concetto progressivo dell’universo terrestre, e il segreto del suo sviluppo avesse a cercarsi nello sviluppo della sintesi generale dell’epoca; la cagione più forte dell’attuale decadimento nel materialismo predominante, nella mancanza d’una fede sociale, e la via di risurrezione per essa nel risorgere di questa fede, nell’associarsi ai destini delle lettere e della filosofia?» (p. 274). E ancora, poco oltre, notava che «forse alle donne e alla musica, spetta[va], nel futuro, più ampio ministero di risurrezione ch’altri non pensa[sse]» (p. 283).

44 In SEI, vol. VI, p. 156.

45 Ai giovani. Ricordi (1848), in SEI, vol. VI, cit., rispettivamente pp. 333 e 360.

46 Si veda, a titolo di esempio, SEI, vol. VIII, che raccoglie scritti dei primissimi anni Cinquanta, con tre occorrenze – tutte politiche (con allusione cioè ai recenti avvenimenti italiani, o a quelli a venire) – per il lemma risorgimento: pp. 136, 228, 239; e quattro per risorgere: pp. 61, 113, 251, 273.

47 Cfr. A. M. Banti, La nazione del Risorgimento. Parentela, santità e onore alle origini del Risorgimento, Torino, Einaudi, 2000.

48 La numerazione romana delle pagine corrisponde alla lunga Avvertenza alla seconda edizione.

49 V. Gioberti, Del Primato…, op. cit., p. ci.

50 Ibid., p. cxcvii. Si trova un identico utilizzo anche in Cattaneo, con l’allusione alla restaurazione della dinastia sabauda: «Chi osserva la monarchia Savojarda fin dai primi giorni del suo risurgimento nel 1814, pur troppo si persuade come, ben lungi dall’essere nemica nata della dominazione straniera, ella altro non poteva esser mai che la sua devota ancella». (C. Cattaneo, SL, vol. II, cit., p. 492) Il passo è tratto da un frammento bibliografico degli anni Cinquanta-Sessanta sulla Storia del Piemonte dal 1814 ai giorni nostri di Angelo Brofferio (1849), ragion per cui l’utilizzo del termine appare singolarmente negativo, dove il chiaro intento polemico (condiviso da Brofferio, del resto) mira a stigmatizzare la condotta della guerra del 1848-1849 e il ruolo assunto in seguito dalla monarchia.

51 V. Gioberti, Del Primato…, op. cit., p. cxcvii.

52 Infatti «l’Italia sola ha le qualità per essere la nazione principe» e pur avendo ormai perso tale primato «ha il potere di farlo rivivere». Gioberti si propone del resto di mostrare al lettore «le condizioni più importanti di tale risorgimento» (ibid., p. 6). Altrove il genio italico viene tuttavia affiancato da quello greco: «Niuna schiatta è oggi più degna di risorgere e ricuperare l’avita grandezza, che l’ellenica, come quella che partecipò all’italico onore della maternità civile di Europa» (Ibid., p. 30).

53 «Il principio di redenzione è altresì connaturato all’Italia, perché ella sola fra i popoli abbattuta, sempre risorse per virtù propria e gode di una vita immortale; e perché le altre nazioni da lei presero i semi del loro risorgimento.» (Ibid., p. 29)

54 Si veda anche ibid., p. 220: «Questa idea […] accorda le memorie colle speranze e il nostro passato risorgimento coll’instaurazione futura.»

55 Citando alla rinfusa, sulla declinazione del termine risorgimento in chiave politica (termine frequentemente accompagnato dall’aggettivazione: nostro, italico, italiano, ecc.), come orizzonte da farsi: «i tempi […] mi paiono meno avversi dei passati a incominciare la grande impresa del risorgimento italico» (ibid., p. 3); «Io mi propongo di provare, che l’Italia contiene in sé medesima, sovrattutto per via della religione, tutte le condizioni richieste al suo nazionale e politico risorgimento» (p. 60); «nulla più osta […] al risorgimento della comune patria» (p. 178); «esaminare ciò che far si possa e debba dai principi e dalle varie classi di cittadini […] per ispianare la via del risorgimento italico» (p. 237); «Tali sono le condizioni richieste per dar opera al risorgimento d’Italia» (p. 241); «ne tocca le future speranze e il promesso risorgimento» (p. 355); «Ma se l’Italia per risorgere dovesse confidarsi nella conversione di certi potentati, starebbe fresca» (p. 66).

56 Si veda anche il saggio V. Gioberti, Delle condizioni presenti e future d’Italia, Londra, a spese dell’editore, 1848, p. 39: «Che se la mania di copiar servilmente le cose antiche, che fu il peccato del primo nostro risorgere nel secolo quartodecimo e nel seguente». Come vedremo, l’utilizzo di risorgimento per quello che sarà presto il Rinascimento è molto frequente anche in Cattaneo.

57 Qualche perplessità di Gioberti in merito ad alcune presunte ragioni del primato italiano secondo altri studiosi: «Ma il reditaggio di Roma pagana non fu certo la cagion prima, né principale, del nostro risorgimento.» (V. Gioberti, Del Primato…, op. cit., p. 271)

58 Cito da Del Bello e del Buono. Due trattati per Vincenzo Gioberti, prima edizione di Losanna, Bonamici e c., 1846, p. 228.

59 V. Gioberti, Del Primato…, op. cit., p. cdxxviii. Si badi che in qualche frangente per esprimere lo stesso identico significato Gioberti si serve del termine risurrezione: «Questo moto dell’incivilimento cristiano da occidente a oriente, e dal polo all’equatore, comincerà probabilmente con due eventi notabili, cioè colla risurrezione d’Italia, e colla liberazione di Costantinopoli dall’islamismo e dai Turchi.» (Ibid., p. 509)

60 V. Gioberti, Delle condizioni…, op. cit., p. 16.

61 Per le eccezioni, cfr. V. Gioberti, Del Rinnovamento civile, Parigi e Torino, A spese di Giuseppe Bocca, Chamerot, 1851, vol. I, p. 158 (in riferimento alla Gran Bretagna); e vol. II, p. 409.

62 «Il moto italiano incominciato circa un lustro addietro, e quantunque sospeso, non ancor finito, si parte in due periodi, l’uno passato, l’altro avvenire, divisi da un tempo di ristagno e di pausa, che corre presentemente. Siccome il principio di questi fu salutato sin da principio come un Risorgimento, così per distinguerlo dal secondo, chiamerò questo Rinnovamento, dando il nome d’interregno italiano allo spazio che li divide, atteso che l’Italia, come nazione, ha di nuovo, per così dire, perduto lo scettro di sé medesima […] la qualificazione di Risorgimento si accomoda meglio di altra al moto andato, accennando al risvegliarsi, e come dire, al risuscitare che fece l’Italia, riavendo più viva la coscienza di sé stessa [sic] e de’ suoi diritti, quando né le condizioni interne né le esteriori le permettevano di aspirare a molta novità d’instituzioni. Anzi proprio carattere di questo periodo fu il mantener la sostanza dei vecchi ordini, pur mirando a correggerli, riformarli, perfezionarli, e infondere in essi novelli spiriti coll’unione e la libertà […]. All’incontro il movimento futuro che ci è dato di antivedere e che siamo in debito di preparare, sarà un Rinnovamento, perché i popoli italici, già fin d’ora usciti dall’antico sonno, dovranno mutare più o meno i modi e i termini del loro stato civile, conforme alle nuove condizioni della vita europea.» (Ibid., vol. II, pp. 1-2)

63 Della quale del resto indica con precisione gli estremi cronologici sin dalla prima pagina dell’introduzione: «la pace di Milano e il ristauro del principato ecclesia­stico; i quali due fatti furono la fine del Risorgimento italico, come le riforme di Pio nono e la sollevazione lombarda erano state il principio» (ibid., p. I).

64 Recensione alla Vita di Dante di Cesare Balbo, art. cit., p. 112.

65 La nuova legge del pubblico insegnamento (1860), in SL, vol. I, cit., p. 567.

66 Influenza della gran transmigrazione di barbari sulla lingua italiana (1824), in SL, vol. II, cit., p. 24.

67 Frammento inedito di recensione all’opera di Giuseppe Ferrari Le rivoluzioni d’Italia (1863 circa), in Scritti storici e geografici [d’ora in poi SSG], 4 voll., a cura di G. Salvemini e E. Sestan., Firenze, Le Monnier, 1957, vol. III, p. 313.

68 Il secolo xiii e Giovanni da Procida (1862), ibid., p. 201.

69 Recensione al saggio di Thiers, Della formazione e del progresso del Terzo Stato (1854), in SSG, vol. II, cit., p. 349.

70 Istoria della ragione di Stato di Giuseppe Ferrari (1860), in Scritti politici [d’ora in poi SP], a cura di M. Boneschi, 4 voll., Firenze, Le Monnier, 1964-1965, vol. IV, pp. 30-31.

71 La città considerata come principio ideale delle istorie italiane (1858), in SSG, vol. II, cit., p. 395. A p. 397 parla delle città che «risursero alla libertà primitiva». Infine, in riferimento alla rinascita delle città, essa funse da spia del fatto che l’Italia celava «in sé il principio d’un risorgimento integrale» (ibid., p. 414).

72 Rassegna critica di studi sulla Sardegna (1841), in SSG, vol. I, cit., p. 210.

73 Corporazioni delle arti e sciopri [sic] nell’Inghilterra (1861), in SP, vol. IV, cit., p. 169.

74 Psicologia delle menti associate [fine anni Cinquanta - metà anni Sessanta], in Scritti filosofici [d’ora in poi SF], a cura di N. Bobbio, 3 voll., Firenze, Le Monnier, 1960, vol. I, cit., p. 432). E ancora, nell’appendice, p. 484: «all’insaputa degli scolastici le idee cristiane che regnavano solo nel medio evo, fecero capo alle libere idee del risurgimento e dell’enciclopedia».

75 Sui dazj suburbani di Milano (1863), in Scritti economici [d’ora in poi SE], cura di A. Bertolino, 3 voll., Firenze, Le Monnier, 1956, vol. III, p. 430.

76 Recensione alla Guida di Lucca e dei luoghi importanti del marchese Antonio Mazzarosa (1843), in SL, vol. I, cit., p. 417.

77 Esposizione d’industria e belle arti a Torino nel 1844 (1845), in SE, vol. III, cit., p. 32.

78 La famiglia nel diritto romano (1853-1854), in SF, vol. III cit., p. 361.

79 La famiglia negli statuti municipali (1853-1854), in SF, vol. III cit., p. 394. E ancora (p. 393), riguardo la rinascita delle città verso il xii secolo: «colle ricchezze dei cittadini dovevano risurgere le leggi romane che ne reggevano il possesso»; e a p. 396: «Per tal modo dalle consuetudini dei mercanti italiani, catalani, fiamminghi e anseatici risurse il Diritto maritimo

80 C. Cattaneo, Notizie naturali e civili su la Lombardia, vol. I, Milano, G. Bernardoni, 1844, p. liv.

81 Ibid., p. lxiv. E ancora si segnalano i riferimenti al «generale risurgimento di tutta l’antica civiltà» (ibid., p. 171) e a «quando al primo risurgimento della civiltà, il nostro paese divenne vivissimo centro d’industria» (p. 196).

82 Di alcuni Stati moderni (1842), in SSG, vol. I, cit., p. 257. Non diversamente, in riferimento all’origine delle lingue: «Possiamo coi documenti alla mano seguirne molte dai primi loro rudimenti fino alla loro fioritura, e quindi alla decadenza, e poscia al risurgimento delle stesse radici sotto forma di nuove favelle» (Un invito alli amatori della filosofia (1857), in SF, vol. I, cit., p. 349).

83 Cfr. L’antico esercito italiano (1860), in SSG, vol. III, cit., p. 16: «Nel 1808 cominciarono le sei campagne della sanguinosa guerra di Spagna. La Francia aveva già sollecitato i popoli a libertà. Ora i nomi di libertà e di popolo vennero ritorti contro di lei. Ma in quella atroce guerra il lurido fantasma dell’inquisizione disparve; cominciò il risurgimento civile della Spagna». Già in anni precedenti si era interessato di un più antico risorgimento della Spagna: «l’unità del clero e lo zelo di religione era il sussidio col quale la Spagna aveva potuto risurgere dall’avvilimento in cui l’aveva lasciata il fiacco dominio dei Goti» (Il romanzero del Cid, nel Politecnico del 1839, in SL, vol. I, cit., p. 83).

84 Cfr. Il Regno di Tunisi e l’Italia, nel Politecnico del 1862, in Scritti politici, vol. IV, cit., pp. 239-240.

85 Cfr. Problemi sull’Europa. Studi sull’Italia, nel Politecnico del 1861, in Scritti politici, vol. IV, cit., p. 210.

86 Cito da SSG, vol. II, cit., pp. 163 e 296.

87 Cito da SSG, vol. IV, cit., p. 23.

88 Ibid., p. 325.

89 Si veda l’Archivio Triennale delle cose d’Italia dall’avvenimento di Pio IX all’abbandoni di Venezia, a cura di L. Ambrosoli, in Tutte le opere di Carlo Cattaneo, vol. V, tt. I e II, Milano, Mondadori, 1974. Segnalo dunque soltanto – nel terzo volume (1855), ibid., t. II, p. 1662, la N.d.E. (dunque, verosimilmente, dello stesso Cattaneo) – un interessante passo nel quale si parla, in polemica con il conte Clemente Solaro della Margarita, del «quesito, arduo già del risurgimento italiano», con riferimento alla politica contemporanea.

90 Cfr. L’antico esercito italiano, art. cit., p. 4, dove a proposito del tricolore ricomparso nel 1848, Cattaneo nota: «Là dov’era apparso prima, fu il suo risorgimento».

91 In SL, vol. I, cit., p. 103.

92 Ibid., pp. 104-105. E poco oltre: «Dante viveva nella più culta e gentile città di quei tempi, quando veniva risorgendo l’arte musicale, e Cimabue e Giotto risuscitavano la pittura; poco dopo che i trovatori provenzali e siciliani avevano ravvivata la poesia» (ibid., pp. 105-106).

93 Ugo Foscolo e l’Italia, art. cit., p. 504.

94 Il legame con l’esperienza dell’illuminismo lombardo è testimoniata da un noto passo dell’Introduzione delle Notizie: «È un fatto ignoto all’Europa, ma è pur vero: mentre la Francia s’inebriava indarno dei nuovi pensieri, e annunciava all’Europa un’era nuova, che poi non riesciva a compiere se non attraverso al più sanguinoso sovvertimento, l’umile Milano cominciava un quarto stadio di progresso, confidata a un consesso di magistrati, ch’erano al tempo stesso una scuola di pensatori. Pompeo Neri, Rinaldo Carli, Cesare Beccaria, Pietro Verri, non sono nomi egualmente noti all’Europa, ma tutti egualmente sacri nella memoria dei cittadini. La filosofia era stata legislatrice nei giureconsulti romani; ma fu quella la prima volta che sedeva amministratrice di finanze e d’annona e d’aziende communali; e quell’unica volta degnamente corrispose a una nobile fiducia» (C. Cattaneo, Notizie naturali e civili su la Lombardia, cit., pp. xciv-xcv).

Top of page

References

Electronic reference

Gianluca Albergoni, « Risorgimento e letteratura negli “intellettuali militanti” Mazzini, Gioberti e Cattaneo », Laboratoire italien [Online], 13 | 2013, Online since 06 February 2014, connection on 18 August 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/690 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.690

Top of page

About the author

Gianluca Albergoni

Università di Pavia

By this author

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page