Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
3. Culture et arts : les usages de la mémoire

Le trasformazioni novecentesche della produzione editoriale

Transformations de la production éditoriale au xxe siècle
Transformations in the book industry in the 20th century
Mario Infelise
p. 157-166

Abstracts

When, in 1866, Venice became part of the new Kingdom of Italy it ceased to be a significant point of reference for the book industry, after centuries of hegemony in this field. The new national publishing industry, able to respond to new cultural needs, developed elsewhere, in Milan, Turin, Florence. In Venice there were only small printers aimed at the local market. The only exceptions are two important cases. Between 1871 and 1911 Ferdinando Ongania animated an interesting bookshop that was selling precious editions in various languages. Moreover from the sixties to now, the publisher Marsilio has been an important point of reference at national level for non-fiction and novels.

Top of page

Full text

  • 1 M. Berengo, Intellettuali e librai nella Milano della Restaurazione, Milano, Franco Angeli, 2012 (2(...)
  • 2 M. Callegari, Produzione e commercio librario nel Veneto durante il periodo della Restaurazione (18 (...)

1È noto che Venezia fu per secoli il principale centro editoriale italiano e che lo era ancora a fine Settecento, al momento della caduta della Repubblica. Durante gli anni napoleonici tale supremazia fu ereditata da Milano, divenuta capitale del Regno d’Italia. Diversi veneziani si trasferirono allora in Lombardia per poter proseguire a lavorare1. Tuttavia, dopo il congresso di Vienna, ritornati gli Austriaci, la situazione si riequilibrò parzialmente. Mentre a Milano si ponevano le basi della futura industria editoriale italiana, Venezia per alcuni decenni riuscì a difendere discretamente le proprie posizioni. Furono gli anni di Giuseppe Antonelli, che diresse il più grande complesso editoriale italiano degli anni Trenta e Quaranta dell’Ottocento. Ma Antonelli non era l’unico. Assieme a lui diversi altri furono gli editori veneziani di qualche successo in grado mettere in commercio una produzione di livello destinata al mercato italiano2.

2La rivoluzione del ’48 segnò la svolta e la crisi definitiva di Venezia come centro di riferimento editoriale. L’ultima fase del governo austriaco e, dopo il 1866, l’ingresso nel Regno di Italia videro la sua decisa marginalizzazione nella produzione libraria, malgrado in quegli stessi anni fosse stato avviato un interessante processo di industrializzazione, accompagnato dallo sviluppo del sistema portuale, base e proiezione delle nuove ambizioni italiane sul Mediterraneo.

  • 3 In generale sull’editoria italiana otto-novecentesca, v. G. Turi (a cura di), Storia dell’editoria (...)

3Ma evidentemente per fare libri ci voleva altro e il cuore culturale ed editoriale del nuovo stato italiano si era ormai decisamente spostato altrove, lungo l’asse Torino, Milano, Firenze, Roma, sostanzialmente troncando ogni tipo di rapporto con le lagune3.

4I dati sulla produzione editoriale – sia pure ricavati in modo piuttosto rozzo sulla base dei titoli registrati nelle banche dati del Sistema bibliotecario italiano (sbn.it) – lo dimostrano ampiamente. Ancora negli anni Trenta dell’Ottocento Venezia è uno dei due o tre grandi centri editoriali italiani, superata solo da Milano, allora in pieno sviluppo, e da Napoli, dove prosperava una floridissima industria della contraffazione. Dopodiché scompare decisamente dalle statistiche. È altrove che si sviluppa un’editoria industriale capace di fare fronte ad una radicale riorganizzazione dei consumi culturali. A Venezia non rimangono che piccole tipografie rivolte ad mercato ormai decisamente locale.

Tabella 1. Numero di libri stampati a Venezia nei diversi decenni

Venezia Milano Roma Firenze Napoli Torino
1831/1840

5 622

9 557

3 871

4 103

9 877

3 076

1851/1861

3 121

8 530

2 814

5 103

10 869

7 641

1871/1880

3 102

15 615

10 465

8 599

9 923

9 568

1891/1900

3 751

27 216

21 962

14 874

12 799

19 344

1911/1920

3 542

38 703

34 652

17 011

12 606

18 678

1931/1940

3 037

65 802

56 009

22 841

14 222

27 249

1951/1960

4 533

84 460

69 263

24 606

12 574

29 696

1971/1980

6 123

137 013

98 510

34 146

19 002

41 848

1991/2000

9 215

241 890

139 679

36 864

28 025

47 484

5Certo, l’immagine di Venezia nel secondo Ottocento è controversa. Non è più capitale di stato e vive con difficoltà un’epoca di forte trasformazione, nella quale non pare trovarsi a proprio agio. Coltiva ed approfondisce però, al pari di Firenze, una propria specifica vocazione turistica, accogliendo ospiti da ogni parte del mondo, ai quali svende i tesori d’arte accumulati nei lunghi secoli di prosperità, ma dai quali è rianimata. Ricchi signori inglesi, francesi, tedeschi, russi e americani vi soggiornano a lungo, restaurano i palazzi e alimentano un’intensa vita sociale, suggestionati da un luogo che all’epoca fonda parte non secondaria del proprio fascino anche sull’idea della dissoluzione. Non si contano i personaggi che vi si stabiliscono, da John Ruskin a Richard Wagner, che vi morì nel 1883, dalla bellissima Lady d’Abernon, ritratta da John Singer Sargent, a Thomas Mann, che da un suo soggiorno al Grand Hôtel des Bains del Lido nel 1911 trasse spunto per la sua Morte a Venezia. Ma, in quegli anni non vi si incontrano solo dandies inglesi, musicisti tedeschi, principi russi o banchieri americani. Dal nord Europa ormai si può raggiungere la città adriatica in ferrovia in pochi giorni di comodo viaggio e Venezia inizia ad attrezzarsi per un turismo che sta diventando un fenomeno di massa.

  • 4 Su Ongania, si vedano di studi di M. Mazzariol, Ferdinando Ongania editore a San Marco, Venezia, Ma (...)
  • 5 Su Belozerskij, si veda la voce relativa di M. Bertelé in Russi in Italia. Dizionario, http://www.r (...)

6Non appare quindi un caso se, estinti del tutto gli editori del passato che si rivolgevano al grande pubblico, come appunto era stato Antonelli nella prima metà del secolo, colui che più di ogni altro rappresenta la nuova stagione è Ferdinando Ongania, proprietario di una libreria editrice in piazza San Marco che individua il proprio pubblico nei turisti stranieri, grazie al treno arrivati sempre più numerosi in città. Mette a loro disposizione tutto ciò di cui potevano aver bisogno: antiquariato, giornali e libri stranieri, guide turistiche, edizioni di lusso che traevano variamente spunto dalla storia e dalla cultura veneziana dei secoli passati. Studi recenti ne hanno ben illustrato figura e attività4. Figlio di un impiegato della capitaneria del porto, Ongania era nato a Venezia nel 1842. Nel 1871, in società con il nobile russo Ivan Ivanovič Belozerskij5, proprietario terriero in Ucraina, acquisì la ditta del libraio amburghese Hermann Frederich Münster, situata ai numeri civici 72, 73 e 74 di piazza San Marco, con tutto il suo assortimento di libri, stampe e fotografie. Ongania del resto lavorava in quella bottega già da qualche anno e doveva averne compreso a pieno le potenzialità, sicché sino al 1911, data della morte, si impegnò in quel tipo di editoria che poteva essere concepibile nella Venezia di fine Ottocento. Il suo cliente ideale era dunque il viaggiatore o, meglio, il turista che soggiornava a Venezia per qualche periodo e che cercava materiali e prodotti di carattere, appunto, turistico. Dalle normali guide Murray e Baedeker per la visita alla città nelle edizioni originali, a prodotti di maggiore impegno, ma comunque connesse con la “celebrazione storico-artitistica della città” a cui dedicò tutta la sua cura. Quindi antiquariato d’ogni genere, ma anche riedizioni in fac-simile di rinomate opere che appartenevano alla storia della tradizione manoscritta o tipografica veneziana. La sua prima edizione posta in commercio fu infatti la riproduzione del famoso atlante di Andrea Bianco del 1436, il cui originale era custodito dalla biblioteca Marciana. Seguirono molti altri facsimili come la raccolta degli abiti dei veneziani o i libri di merletti di Giacomo Franco, il Breviario Grimani, tutti riprodotti con sistemi fotografici allora d’avanguardia.

7Ongania non trascurò le opere di storia, spesso edite in più lingue, come la concisa storia di Venezia di James G. Steene, pubblicata nel 1874 in inglese e l’anno successivo in francese. In francese pubblicò pure la fortunata edizione della Vie privée à Venise di Pompeo Molmenti, in tedesco e in inglese le descrizioni storico artistiche di Adalbert Muller e via di seguito.

  • 6 N. Harris, Ferdinando Ongania editore e venditore di oggetti, in M. Mazzariol, Ferdinando Ongania 1 (...)

8Notevole – si diceva – fu l’applicazione delle nuove tecniche fotografiche. Nel 1899 Ongania pubblicò la raccolta di fotografie veneziane Calli e canali in Venezia che si proponeva di offrire un quadro illustrato della città come lo erano state le vedute di Canaletto per il Settecento. Per la prima volta entravano nella grande circolazione anche immagini della Venezia minore, quella più periferica, e dei mestieri popolari. Nel 1911 pubblicò la Raccolta delle vere da pozzo in Venezia, dedicata al banchiere e imprenditore delle ferrovia John Pierpont Morgan. Ma il suo capolavoro fu La Basilica di San Marco in Venezia, mirabile impresa che si proponeva di documentare in dettaglio tutti i particolari della chiesa. L’opera fu proposta in sottoscrizione a dispense a partire del 1881 – disponibile anche assieme ad un mobile costruito apposta per contenerla – ottenendo oltre 400 adesioni da parte di più o meno tutti i sovrani del tempo e dalle principali biblioteche. Come ha notato Neil Harris, Ongania “non è un editore; per tanti versi non è neppure un libraio; è piuttosto soprattutto un venditore di oggetti che include il libro nel suo commercio non tanto come opera, testo, oppure edizione, come vorrebbero le tradizionali definizioni bibliografiche, quanto come oggetto6.

9Sulla scia di Ongania – la cui libreria rimase comunque aperta sino al 1967 – ovvero di un’editoria che, con ovvie sfumature diverse, celebrava la città, si ebbero altre iniziative nel corso del Novecento. Basti ricordare le tre generazioni di Filippi che dagli inizi del Novecento ad oggi hanno portato avanti una libreria editrice che ha regolarmente destinato attenzione alla storia e alle curiosità veneziane o all’Arsenale, specializzata nel settore della storia dell’arte e dell’architettura. Su una linea diversa, ma che comunque trae spunto dal materiale storico veneziano, è la recente iniziativa di Albert Gardin e della sua Editoria universitaria, che si occupa di storia e letteratura veneziana, lasciando però anche spazio alle rivendicazioni venetiste anti-italiane, pubblicando così scritti di Giuseppe Segato, il cosiddetto “ideologo” del gruppo che nel maggio 1997 diede l’assalto al campanile di San Marco, o di Ettore Beggiato, indipendentista veneto e sostenitore dell’illegittimità del plebiscito del 1866 che ha sancito l’unione del Veneto al Regno d’Italia.

10Al di là di questa editoria centrata sulle vicende del territorio, non molto altro. Le università e le molteplici istituzioni culturali che vi hanno sede hanno dato vita nel tempo ad iniziative editoriali di qualche rilievo, spesso però appoggiandosi ad editori esterni alla città. Dal 1963 la libreria Cafoscarina ha pubblicato libri legati ai corsi tenuti a Ca’ Foscari, specializzandosi in particolare in economia e nelle lingue orientali. Più o meno negli stessi anni la Cluva ha svolto analoga funzione nell’ambito dell’architettura, dell’urbanistica e del design, diventando punto di riferimento per gli studenti dell’Istituto universitario di Architettura. Difficile però in tale contesto sviluppare collane di saggi che non fossero in qualche maniera legate alla didattica universitaria o che non dipendessero dai fondi di finanziamento per la ricerca, alimentando un’editoria di cultura in grado di sostenersi autonomamente. È quanto era stato tentato tra 1990 e 1996 da un gruppo di giovani redattori, Enrico Basaglia, Ernesto Garino e Giovanni Keller che avevano dato vita a Il Cardo, casa editrice nata con l’intenzione di dedicarsi all’ambito storico, ma presto arenatasi.

  • 7 A. Boscaro, Narrativa giapponese: cent’anni di traduzioni, Venezia, Cafoscarina, 2000, p. 13.
  • 8 J. D. Ragan, Jehan d’Ivray, in Egyptian Encounters, a cura di Jason Thompson, Il Cairo, American Un (...)

11Per il resto iniziative individuali, legate a figure particolari. Tra 1910 e 1924 Bartolomeo Balbi, un ufficiale di carriera con un passato di addetto militare in Giappone prima di divenire professore di lingua giapponese all’Istituto Orientale di Napoli, fu l’anima della casa editrice Estremo Oriente specializzata in titoli giapponesi o sul Giappone. Curioso personaggio Balbi. Fu autore di grammatiche e dizionari di lingua e, stando ai frontespizi, anche traduttore delle opere di Tsubaki Myû, tra cui spiccano le fortunate Memorie di una geisha più volte ristampato dal 1918 in poi, che nulla ha a che fare con l’omonimo e fortunato titolo dell’americano Arthur Golden uscito nel 1997. Peccato che Tsubaki Myû fosse del tutto ignoto in Giappone e che dietro questo nome si nascondesse l’attività di romanziere giapponesizzante dello stesso Balbi, a cui spetta se non altro il merito di avere reso familiare l’impero del Sol Levante in molte case di italiani degli anni Venti e Trenta “attraverso testi semplici e strappalacrime, tutti senso del dovere, onore, patria e famiglia”7. Sempre Balbi dovette essere dietro ad un’altra iniziativa editoriale dal sapore esotico. Sotto il marchio Editrice internazionale tra 1920 e 1924 uscirono le traduzioni dei libri della scrittrice francese Jehan d’Ivray, pseudonimo di Jeanne Peuch d’Alissac, Le memorie dell’eunuco Bechir-aga e Le memorie di un’odalisca, che presentavano un interessante sguardo sulla società egiziana di fine Ottocento8.

  • 9 S. Giusti, Una casa editrice negli anni del fascismo: la Nuova Italia (1926-1943), Firenze, Olschki (...)

12Più rilevante, invece, sul piano di una cultura capace di confrontarsi su un quadro europeo e, soprattutto, per gli sviluppi che ebbe nel prosieguo del secolo, fu la fondazione nel 1926 a Venezia della casa editrice Nuova Italia da parte di due giovanissimi intellettuali di origine fiorentino-bolognese, con ampie disponibilità economiche: il giurista, allora ventiquattrenne, Giuseppe Maranini e la moglie, la scrittrice Elda Bossi. Maranini vi era giunto come professore di economia politica presso l’Istituto Tecnico Sarpi e, assieme alla moglie, portò avanti per quattro anni un’attività editoriale particolarmente dinamica su più versanti. Sia Bossi che Maranini erano del resto legati ad influentissimi ambienti intellettuali di quell’epoca. Maranini era nipote di Ernesto Codignola e manteneva strette relazioni con Giovanni Gentile e Luigi Russo. Tra 1926 e 1930 la Nuova Italia pubblicò libri di notevole rilievo, tra cui figuravano opere dello stesso Maranini, di Russo, Gentile, Omodeo, Volpe, degli storici tedeschi Meinecke e Gothein. Degno di grande attenzione fu anche l’impegno nella narrativa con libri per ragazzi e narratori moderni stranieri di rilievo allora ancora poco o per nulla noti in Italia, come Conrad e Dickens9. Va aggiunto che l’impresa fu del tutto estranea al tessuto culturale e imprenditoriale della città e che, quando nel 1930 Maranini e Bossi la cedettero ad altri, dopo un periodo perugino, trovò definitiva e più naturale sistemazione a Firenze. Per qualche tempo Elda Bossi proseguì una limitata attività editoriale in proprio sotto la denominazione di Editrice Novissima.

  • 10 S. Minuzzi, L’Archivio Neri Pozza: tra impresa e avventura editoriale, Vicenza, 2005; Id., L’archiv (...)
  • 11 N. Pozza, Venezia senza società, in «Letteratura e arte contemporanea», a. II, 12, novembre-dicembr (...)

13Nel dopoguerra fu il vicentino Neri Pozza, poliedrica figura di editore, artista, scrittore, a riportare Venezia sui frontespizi dei suoi libri per una ventina d’anni. Ma, anche in questo caso si trattò di un luogo di edizione più di facciata, che reale. Come ha notato Sabrina Minuzzi, “Venezia ne è la sede legale per parecchi anni, come recitano i fronte­spizi, ma la sede direttiva e operativa a tutti gli effetti è Vicenza”10. Venezia era dunque il luogo utile per stringere contatti intellettuali utili per l’attività editoriale, ma per l’editore restò sempre “la città del fine settimana”. Di Venezia, del resto, Pozza aveva un’idea particolare e stentava ormai ad attribuirle caratteristiche urbane: “Venezia non è una città. Composta in otto secoli di paziente ed eroico lavoro su strisce di terra melmosa tra la laguna e la campagna, su un telaio urbanistico di canali, è una sola immensa, complicatissima casa le cui calli, campi, piazze e rive sono soltanto dei passaggi tra un appartamento e l’altro, dei quali gli abitanti si servono per ragioni di funzionalità.”11.

14Arriviamo così agli anni Sessanta per trovare la storia di gran lunga più importante e duratura per le vicende dell’editoria veneziana del Novecento, l’unica in grado di imporsi sul piano nazionale, tuttora viva e vitale a distanza di oltre mezzo secolo dalla fondazione.

  • 12 Si vedano i due cataloghi storici della Marsilio realizzati in occasione del 30° e del 40° anno di (...)
  • 13 C. De Michelis, Premessa a 1961-1990. Catalogo generale, cit., pp. vii-ix.
  • 14 Id., Tra le carte di un editore, Venezia, Marsilio, 2010, pp. 20-23, Collana di saggi brevi ‘Critic (...)

15Fu il 23 febbraio 1961 che un gruppo di intellettuali veneti, tra cui figuravano Gianni De Michelis e Toni Negri dette vita alla casa editrice Marsilio, inalberando il vessillo di un letterato ghibellino trecentesco in una regione allora pesantemente dominata dal potere cattolico. Si iniziò a Padova, ma presto la sede fu trasferita a Venezia, anche perché veneziani erano i principali animatori, soprattutto Cesare De Michelis che dal 1969 ne assunse la direzione. La Marsilio si caratterizza subito per l’attenzione destinata al territorio in cui si inseriva, accompagnata però dall’ambizione di diventare un punto di riferimento intellettuale sul piano nazionale. Il catalogo riflette inevitabilmente questo progetto e le evoluzioni nel corso delle diverse stagioni attraversate12. Inizia con la saggistica, traendo spunto dagli intellettuali padovani e veneziani che vi facevano riferimento, rivolgendo perciò l’attenzione all’architettura, al cinema, all’urbanistica. “Libri di battaglia” li definiva De Michelis, “appassionati pamphlets che chiedevano trasparenza, chiarezza, tempestivi libelli che davano conto di quanto si andava dicendo e facendo”13, senza preoccuparsi troppo dei conti economici dell’impresa. In anni politicamente turbolenti, la linea politica aveva alcuni punti fermi. L’intento era di costituire un riferimento a sinistra del tutto svincolato dall’ortodossia comunista, anzi fieramente avverso a qualsiasi subordinazione al partito guida della sinistra. Ecco quindi le curiosità verso i movimenti, la sinistra americana degli anni Sessanta, verso ogni forma di sperimentazione. E i progetti realizzati o soltanto posti in cantiere furono molti. L’idea di base era quella di costruire un raccordo tra i luoghi della ricerca e della riflessione e la società. La funzione dell’editore doveva appunto essere quella. Progettando nel 1976 una nuova collana di saggi, De Michelis definiva in termini molto espliciti finalità e pubblico ideale. La collana doveva essere il “centro attivo di un dibattito” che avrebbe dovuto collegare e coinvolgere circoli culturali, centri di studi, istituti universitari” su tematiche identificate come la “critica dell’ideologia”, la “critica della cultura”, i “temi e i problemi della storia del mondo operaio e delle sue organizzazioni”, “in vista di una ricostruzione organica del progetto rivoluzionario e della critica del sistema e del piano capitalistico”. Circa il pubblico ideale, si mirava agli “studiosi e studenti universitari o liceali” recuperando i lettori delle “riviste di cultura” con uno “strumento meno sclerotico della rivista ormai troppo costosa, di fatto indistribuibile e da tempo in crisi”14.

  • 15 P. Di Stefano, «Di fronte all’infedeltà divento una bestia», in De Michelis, Tra le carte di un edi (...)

16Passata quella stagione, Marsilio fu uno pochi degli editori italiani militanti che riuscì a non farsi travolgere dal riflusso degli anni Ottanta e successivi, cambiando decisamente il passo quando fu necessario. Ci si accorse allora che diveniva vitale anche cambiare il modo di fare i libri. Se l’editoria militante poteva essere più o meno indifferente al problema dei conti che non tornavano, l’editore vero non poteva farne a meno. Ricordando quegli anni è sempre De Michelis a sostenere nel 2010 che il “far politica” come una volta era meno necessario e che “come in democrazia c’è la stupida regola che comanda chi ha più voti, così in editoria comanda chi vende più libri: il mercato […] è l’unica unità di misura di un buon lavoro ed è l’unico elemento che ti rende autosufficiente”15. Dagli anni Ottanta, appunto Marsilio cambiò. Permasero i rapporti con le università e le istituzioni culturali del territorio, facendone comunque l’editore di riferimento del Nord-est, ma si puntò anche e decisamente sulla narrativa. Alcuni degli autori di maggior successo della narrativa italiana di fine Novecento sono scoperte Marsilio, che pubblicò tra gli altri Susanna Tamaro, Margaret Mazzantini, Sergio Maldini. Al tempo stesso si provano nuove strade. Gli anni duemila sono caratterizzati dallo straordinario successo dei romanzi dello scrittore svedese Stieg Larsson, la cui Millennium Trilogy è stata venduta in milioni di copie in tutto il mondo e in due e mezzo in Italia.

17Nel frattempo le condizioni del mercato editoriale in Italia e in Europa si sono trasformate e lo spazio per i piccoli editori indipendenti è divenuto via via più stretto. Nel 2000 De Michelis cede il 54 % del pacchetto azionario della casa editrice al gruppo RCS, mantenendo la presidenza della casa editrice e riuscendo a rafforzarne la presenza a Venezia, grazie proprio alle buone prestazioni che nel contesto italiano Marsilio era riuscita a mantenere. A dispetto delle previsioni, che di solito vedono gli editori più piccoli confluiti in grandi concentrazioni, ridursi a meri marchi, a distanza di oltre un decennio Marsilio rimane una delle realtà più dinamiche di un mondo pur messo a dura prova dalla rivoluzione tecnologica. Da questo punto di vista costituisce un esempio vitale per una città perennemente incerta sul suo essere, stretta com’è tra un passato ingombrante e un futuro che potrebbe esistere se si avesse il coraggio di prendere atto delle caratteristiche del tempo presente, divenendo il cuore di un insieme territoriale più ampio e integrato.

Top of page

Notes

1 M. Berengo, Intellettuali e librai nella Milano della Restaurazione, Milano, Franco Angeli, 2012 (2a edizione).

2 M. Callegari, Produzione e commercio librario nel Veneto durante il periodo della Restaurazione (1815-1848), tesi di dottorato in scienze bibliografiche, XXV ciclo, Università di Udine, 2012-2013.

3 In generale sull’editoria italiana otto-novecentesca, v. G. Turi (a cura di), Storia dell’editoria italiana nell’età contemporanea, Firenze, Giunti, 1997.

4 Su Ongania, si vedano di studi di M. Mazzariol, Ferdinando Ongania editore a San Marco, Venezia, Marsilio, 2008 e Ferdinando Ongania 1842-1911 editore in Venezia. Catalogo, Venezia, Lineadacqua, 2011. Su Antonelli, M. Berengo, Editoria e tipografia nella Venezia della Restaurazione. Gli esordi di Giuseppe Antonelli, in Studi politici in onore di Luigi Firpo, a cura di S. Rota Ghibaudi e F. Barcia, Milano, Angeli, 1990, III, pp. 358-379.

5 Su Belozerskij, si veda la voce relativa di M. Bertelé in Russi in Italia. Dizionario, http://www.russinitalia.it/dettaglio.php?id=402 (consultato 30 giugno 2014).

6 N. Harris, Ferdinando Ongania editore e venditore di oggetti, in M. Mazzariol, Ferdinando Ongania 1842-1911, cit., pp. xv-xxxii.

7 A. Boscaro, Narrativa giapponese: cent’anni di traduzioni, Venezia, Cafoscarina, 2000, p. 13.

8 J. D. Ragan, Jehan d’Ivray, in Egyptian Encounters, a cura di Jason Thompson, Il Cairo, American University in Cairo Press, 2002, pp. 24-38.

9 S. Giusti, Una casa editrice negli anni del fascismo: la Nuova Italia (1926-1943), Firenze, Olschki, 1983; N. Tranfaglia, A. Vittoria, Storia degli editori italiani. Dall’Unità alla fine degli anni Sessanta, Roma-Bari, Laterza, 2000, pp. 389-390.

10 S. Minuzzi, L’Archivio Neri Pozza: tra impresa e avventura editoriale, Vicenza, 2005; Id., L’archivio storico Neri Pozza, in «La fabbrica del libro Bollettino di storia dell’editoria in Italia», a. X, 1/2004, pp. xx-xx.

11 N. Pozza, Venezia senza società, in «Letteratura e arte contemporanea», a. II, 12, novembre-dicembre 1951.

12 Si vedano i due cataloghi storici della Marsilio realizzati in occasione del 30° e del 40° anno di attività: 1961-1990. Catalogo generale, Venezia, Marsilio, 1991; Catalogo storico 1961-2000, a cura di P. Baratter, Venezia, Regione del Veneto, Marsilio, 2001.

13 C. De Michelis, Premessa a 1961-1990. Catalogo generale, cit., pp. vii-ix.

14 Id., Tra le carte di un editore, Venezia, Marsilio, 2010, pp. 20-23, Collana di saggi brevi ‘Critica’, 1976.

15 P. Di Stefano, «Di fronte all’infedeltà divento una bestia», in De Michelis, Tra le carte di un editore, cit., p. 82.

Top of page

References

Electronic reference

Mario Infelise, « Le trasformazioni novecentesche della produzione editoriale », Laboratoire italien [Online], 15 | 2014, Online since 28 October 2015, connection on 22 March 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/844 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.844

Top of page

About the author

Mario Infelise

Professeur d’histoire du livre et d’histoire culturelle à l’Université Ca’ Foscari de Venise, il est l’auteur de plusieurs livres et contributions sur l’édition italienne, la censure du xvie au xixe siècle et les systèmes européens de circulation de l’information politique. Parmi ses publications : I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna (Rome-Bari, Laterza, 2014) ; avec Lodovica Braida, Libri per tutti. Generi editoriali di larga circolazione tra antico regime ed età contemporanea (Turin, Utet, 2010) ; Prima dei giornali. Alle origini della pubblica informazione (Laterza, 20052) ; I libri proibiti ( Laterza, 201311).

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page