Skip to navigation – Site map
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Pourquoi traduire ?

La traduzione del Cortegiano e l’aspirazione spagnola a una cultura degna della nuova condizione imperiale

La traduction du Cortegiano et l’aspiration espagnole à une culture digne de la nouvelle condition impériale
The translation of the Cortegiano and the Spanish desire for a culture worthy of the new imperial status
Mario Pozzi

Abstracts

Garcilaso de la Vega, who discovered the text while he was in Italy, proposed to his friend Juan Boscàn to translate Il Libro del cortegiano (The Courtier’s book) into Spanish. The translation appeared in 1534 and was reprinted thirteen times: this was the only work that Boscàn published. This decision was in some way the ideological manifesto of the new school, that wanted to go beyond the provincialism of Spanish culture by assimilating the poetic expression and the courtesan culture of Italy. The article then considers the translation arrangements made by Boscan and shows how this unique work allowed the latter to be considered as a leading innovator of Castilian prose at the time of Charles V.

Top of page

Full text

Castiglione e la Spagna

  • 1 A. Giannini, La “Cárcel de Amor” y el “Cortegiano” de B. Castiglione, in «Revue Hispanique», XLVI, (...)
  • 2 Per quest’opera, cfr. B. Croce, La Spagna nella vita italiana durante la Rinascenza, Bari, Laterza, (...)

1Il Cortegiano non poteva non essere apprezzato dagli Spagnoli. Castiglione, ancor prima di giungere in Spagna, si era alimentato con opere castigliane e aveva scelto politicamente e culturalmente la Spagna come paese in cui i suoi ideali meglio potevano realizzarsi. Da molti anni aveva maturato una forte simpatia non solo per l’imperatore ma anche per la cultura e la società spagnola. Già nella seconda redazione del Cortegiano – malgrado lo sforzo di mantenersi equidistante fra i contendenti – era evidente la preferenza per la Spagna, il cui comportamento non veniva mai censurato (la presa di Granada, culmine della Reconquista, veniva anzi evocata con viva partecipazione). Fra i libri che lo influenzarono ce ne furono anche di spagnoli. Non si sa se egli abbia conosciuto il Libro de las virtuosas y claras mujeres di Álvaro de Luna o il Dotrinal de gentileza di Hernando de Ludeña. Ma è verosimile che egli conoscesse la Cárcel de Amor di Diego de San Pedro, pubblicata in Italia nel 1506 e così fortunata negli ambienti in cui operava Castiglione che Lelio Manfredi, su sollecitazione della marchesa Isabella d’Este Gonzaga, la tradusse e la pubblicò nel 15141. È pure verisimile che egli avesse letto la Question de Amor2, edito la prima volta nel 1513 e di incerta attribuzione (un esemplare si trovava a Casatico fra i libri della famiglia Castiglione). Quest’opera – che per la maggior parte si svolge presso l’alta società aristocratica di Napoli fra il 1508 e la battaglia di Ravenna (1512) – poteva fargli conoscere gusti e costumi spagnoli e suggerirgli fatti e nomi che si incontrano nel Cortegiano. E lo stesso si può dire del Dechado de amor, composto intorno al 1510.

  • 3 Del Cortegiano indico libro (in nunero romano) e paragrafo in nunero arabo.
  • 4 La seconda redazione del «Cortegiano» di Baldassarre Castiglione, edizione critica per cura di G. G (...)

2Più volte nel Cortegiano s’incontrano parole e frasi in lingua spagnola, e questo avviene ancor di più nelle prime ste­sure. In un punto del dialogo si allude all’Amadís de Gaula di García Rodríguez de Montalvo senza nominarlo, come si fa per un’opera universalmente nota. Quest’allusione nella stampa (III, 54)3 non presenta parole spagnole; nella seconda redazione, invece, l’Isola Ferma viene citata in tutt’altro luogo (I, 12) e l’arco diventa, in lingua spagnola, «de los leales amadores»4.

3Fra il 1521 e il 1524 Castiglione ne realizzò una nuova redazione, che il copista terminò di trascrivere il 23 maggio 1524. È questo il testo che, ancora riveduto e corretto, venne mandato a Venezia per la stampa: tutta una serie di minute correzioni riduceva il peso dei prìncipi e dei personaggi italiani e conferiva all’opera un carattere nettamente sovranazionale, mentre la simpatia per la Spagna diventava ancor più decisa. Castiglione, per esempio, introduce un elogio di Isabella di Castiglia di esorbitanti dimensioni (III, 35) e non teme di ricorrere a un pesante anacronismo nominando il futuro Carlo V (al tempo del dialogo aveva sette anni) e pronosticandone l’elezione a imperatore (IV, 38). Come si scorge anche dalle lettere, stava acquistando – e ci teneva a mostrarlo – prospettive sempre più estese, che crebbero ancora quando nella primavera del 1527 decise di dedicare il dialogo a don Miguel de Silva, pur conservando la dedica dei singoli libri ad Alfonso Ariosto. La dedica attesta la competenza di Silva nelle questioni trattate, ma sopra tutto è un omaggio alla penisola iberica, cali­brato in modo da non offendere il papa, come sarebbe avvenuto se il destinatario fosse stato uno spagnolo. Il diplomatico por­toghese, invece, era sinceramente devoto alla Santa Sede. La dedica a un vescovo straniero, infine, allontanava sempre di più il Cortegiano dalle corti italiane e ne accresceva ulteriormente la dimensione europea.

La situazione spagnola

  • 5 J. de Valdés, Diálogo de la lengua, Madrid, Cátedra, 1984, p. 123.

4L’opera sembrava scritta apposta per la Spagna che nei primi vent’anni del regno di Carlo V, consapevole di avere una base culturale insufficiente per un impero, cercò in vario modo di acquisire esperienze che la rendessero anch’essa universale o quanto meno di ampio respiro. Oltre al grande ed efficace impegno nelle lingue e letterature classiche, due vie apparvero particolarmente adatte allo scopo: da una parte la grande diffusione della lezione erasmiana, dall’altra l’imitazione dei modelli poetici italiani. Qui mi interessa ovviamente il secondo elemento. La Spagna era in forte ritardo rispetto all’Italia e non presentava una società letteraria particolarmente vivace. Soprattutto le mancava una tradizione medievale con autori di alto livello a cui far riferimento, mentre l’Italia poteva presentare tre grandi trecentisti già impregnati di spiriti nuovi e dunque ancora attuali. Lo spagnolo, come scrive Juan de Valdés5, era una lingua «más vulgar» della toscana perché

la toscana sta ilustrada y enriquecida por un Bocacio y un Petrarca, los quales, siendo buenos letrados, no solamente se preciaron de scrivir buenas cosas, pero procuraron escrivirlas con estilo muy propio y muy elegante; y, como sabéis, la lengua castellana nunca ha tenido quien escriva en ella con tanto cuidado y miramiento quanto sería menester para que hombre, quiriendo o dar cuenta de lo que scrive diferente de los otros, o reformar los abusos que ay oy en ella, se pudiesse aprovechar de su auto­ridad.

5Anche lui come Bembo riteneva che una lingua arriva alla sua maturità grazie all’opera dei grandi scrittori. L’unico autore recente di qualità era, per comune consenso, Garcilaso de la Vega.

6La fortuna del pensiero erasmiano in Spagna fu grande. Carlo V si circondò di seguaci di Erasmo, che diedero a loro modo un grande contributo a sprovincializzare l’impero. In questa situazione fu importante la pronta traduzione del Cortegiano, voluta da Garcilaso ed eseguita da Boscán, il quale dal canto suo indusse l’amico a provarsi nelle forme letterarie italiane. Ma tutti i protagonisti di queste esperienze ebbero vita breve. Castiglione era morto nel 1529, quando stava per diventare un vescovo spagnolo; Garcilaso nel 1536 come Erasmo; Boscán nel 1542; Alfonso de Valdés nel 1532; suo fratello Juan nel 1541. Vite brevi come il rinnovamento che essi apportarono, anche se le loro lezioni fermentarono in seguito in vario modo. Ancora nel 1580 Francisco de Medina – nel prologo dell’edizione delle opere di Garcilaso (Siviglia 1580) che contiene le annotazioni di Fernando de Heredia – affermava che, mentre gli antichi romani e greci avevano un’acuta consapevolezza che la potenza dell’impero doveva accompagnarsi con un eguale innalzamento della lingua, gli Spagnoli non realizzavano opere letterarie adeguate alla grandezza dell’impero. E questo soprattutto per carenza di regole e precetti e di validi modelli in lingua volgare ai quali assoggettare l’ispirazione. La pubblicazione delle opere di Garcilaso con note e commento rispondeva all’esplicito proposito di riempire questo vuoto.

  • 6 La recepción de «El cortesano» en España, in La traduzione della letteratura italiana in Spagna (13 (...)
  • 7 Ibidem.

7Ángel Gómez Moreno afferma che «la llegada de El cortesano no fue, como tantas veces antes y tantas después, fruto del viaje de ida y vuelta de un español a tierras de Italia» e che un «primer rasgo característico de esta obra, que alcanza igualmente al intelectual que la compuso, es que de ella puede decirse que es casi tan española como italiana»6. Poteva essere, ma non fu così. Castiglione finì e curò la pubblicazione dell’opera dalla Spagna; eppure fu Garcilaso che la scoprì in Italia, la trovò interessante e chiese all’amico Boscán di tradurla. La seconda considerazione si può condividere, ma con alcune precisazioni. Moreno scrive che Castiglione «fue nuncio papal en España y trabajó junto al poder político, eclesiástico y cultural de la nación, al igual que otros italianos preeminentes de esa misma época» e cita Pedro Mártir de Anglería e Lucio Marineo Sículo7. Qui c’è una semplificazione che – mi pare – debba essere chiarita per comprendere la complessità della situazione in cui operarono Castiglione, Boscán e Garcilaso. La situazione non era così rosea. Se la prima traduzione del Cortegiano fu in castigliano, non avvenne perché era un’opera quasi spagnola ma per iniziativa privata di un piccolo gruppo di letterati che desideravano imitare la poesia italiana e i suoi fondamenti culturali e ideologici, e soprattutto di Garcilaso e Boscán.

  • 8 Il Cortegiano con una scelta delle opere minori, a cura di B. Maier, Torino, Utet, 1955, p. 693.

8In ogni caso la situazione di Castiglione, ambasciatore in Spagna di uno stato sconfitto, era ben diversa da quella dei personaggi evocati da Moreno. Tante affinità e tanta simpatia da parte di Castiglione rischiarono di essere annullate dalla scomodissima posizione di nunzio di un Papa inviso alla corte di Carlo V. Non starò a ricordare vicende ben note; basti dire che il contrasto con gli erasmiani di corte fu durissimo. Godeva invece della stima dell’Imperatore; questi, probabilmente, aveva compreso che il nunzio, pur difendendo il comportamento del Papa, personalmente gli era favorevole e che il suo comportamento era quello di un grande gentiluomo. Quando morì in Toledo all’età di cinquant’an­ni, il sovrano lo rimpianse di fronte a Tomma­so Strozzi e alla corte con le famose parole: «Yo os digo que es muerto uno de los mejores caballeros del mundo»; e scrisse di suo pugno una lettera di condoglianze al pontefice e autorizzò la traslazione della salma a Mantova. Era una specie di suggello finale agli stretti rap­porti con la Spagna che lo stesso Castiglione nella dura risposta ad Alfonso de Valdés aveva enfatizzato in modo suggestivo, affermando di aver ricevuto «tanto onore etante cortesie da questa eccellentissima nazione, che mai non sono per scordarmele, tal ch’io non mi riputarò giamai di essere meno spagnuolo che italiano»8.

  • 9 Opus epistolarum Des. Erasmi Roterodami, a cura di P. S. Allen, VI, Oxford, ex typographeo Clarendo (...)

9Lo scontro con gli erasmiani fu aspro, dato il ruolo ufficiale ricoperto da Castiglione, e impedì che emergessero le affinità esistenti. Si aggiunga che essi non amavano l’Italia e gli italiani, sia perché in Italia era potente l’aborrita corte romana sia perché secondo loro gli umanisti italiani badavano solo agli aspetti retorici e grammaticali del latino e spesso polemizzavano con il loro maestro. Gli italiani – afferma Pedro Juan O­livar in una lettera a Erasmo del marzo 15279 – non possono sopportare che un tedesco abbassi tutta la loro boria; secondo loro il latino di Erasmo è barbaro e il suo stile di scarso valore se confrontato a quello di Pontano. Nella lettera è evidente l’irrigidimento nazionalistico che incrinò la concordia umanistica in Europa e accese l’ani­mosità antitaliana. La lettera fu scritta pochi mesi prima del Sacco di Roma, quando nella corte spagnola l’ira prodotta dalla lega di Cognac raggiunse il culmine e con essa l’ostilità per il rappresentante dell’infido pontefice. È natu­rale che a sua volta il nunzio fosse irritato con Erasmo e i suoi seguaci.

10Eppure Castiglione non era un avversario di Erasmo; anzi lo leggeva con attenzione. Nella seconda redazione del Cortegiano aveva utilizzato l’Institutio principis christiani, uscita nel 1516 a Basilea presso Froben insieme con le traduzioni dell’orazione Ad Nico­clem regem di Isocrate e di quattro opuscoli di Plutarco, già stampati dallo stesso Froben nel 1514: Come distinguere l’amico dall’adulatore; Come utilizzare i nemici; Chi governa deve avere cultura; I filosofi debbono dialogare sopra tutto con i potenti. Questi trattatelli sono ampiamente presenti anche nell’ultima redazione del dialogo; Chi governa deve avere cultura fornisce addirittura il materiale basilare per i §§ 12-14 del quarto libro.

  • 10 Il cortegiano con una scelta delle opere minori, p. 695.

11Non è necessario che racconti le pesanti polemiche che opposero Castiglione agli erasmiani e in particolare ad Alfonso de Valdés; mi basti dire che i toni furono molto aspri tanto che un uomo abbastanza mite come il nostro mantovano a una lettera di Valdés di tono molto umile replicò con toni durissimi; il suo interlocutore è detto empio, impudente, sacrilego, scellerato, perfido, vilverme, furia infernale e contro di lui invoca ogni male10. Tanta violenza si spiega con la situazione estremamente difficile in cui il nunzio si trovava, in quanto fin dall’inizio (anche per mancanza di disposizioni romane) aveva seguito la propria concezione politica filoimperiale, tanto che qualcuno avrebbe potuto considerarlo succube dell’imperatore, se non addirittura da lui corrotto. Per difendersi doveva dimo­strare che la sua fiducia nell’imperatore non era stata mal risposta e, dunque, distinguere le responsabilità di Carlo V da quelle dei suoi consiglieri, e naturalmente difendere il papa. Pertanto dichiarava che Carlo V non condivideva le opinioni di Valdés, che gli sembravano tanto pericolose da invocare l’intervento dell’Inquisizione contro di lui e contro coloro che le condividevano.

  • 11 Diálogo de la lengua, cit., p. 246.
  • 12 L. Terracini, Lingua come problema nella letteratura spagnola del Cinquecento (con una frangia cerv (...)
  • 13 Suo fratello Alfonso accolse la morte di Castiglione come una prova dell’aiuto divino. Per le affin (...)
  • 14 Ivi, p. 42.

12Non stupisce pertanto che gli erasmiani non mostrassero interesse per la traduzione del Cortesano. Nel Diálogo de la lengua di Juan de Valdés, fratello di Alfonso, Marcio fa un accenno esplicito alla traduzione di Boscán («Pues he oído dezir que el del Pele­grino y el del Cortesano stan muy bien romançados»). La risposta di Valdés («No los he leído»)11 – sostiene Lore Terracini12 – implica indifferenza per la traduzione, non per l’originale e mostra che le idee linguistiche di Valdés in gran parte coincidono con quelle di Castiglione. Penso anch’io che avesse letto il Cortegiano, ma l’opera di chi aveva insultato suo fratello non poteva essere citata come fonte di molte delle sue idee più importanti13. E va notato che Garcilaso, il grande poeta che si ispirava all’Italia e al Cortegiano, sia l’unico contemporaneo a cui Valdés si richiami senza riserve: «dal quale appunto – scrive la Terracini14 – si inizia la generazione di scrittori che conferiscono allo spagnolo la sua piena dignità letteraria».

Boscán e la tradizione italiana

13Per queste e per altre ragioni, se il Cortegiano fu prontamente tradotto in castigliano, non fu – come poteva essere – perché era un’opera che sembrava scritta apposta per la Spagna o che era stata pubblicata dalla Spagna, ma perché uno spagnolo, Garcilaso, ne venne a conoscenza in Italia e propose con energia all’amico Boscán di tradurlo prontamente in castigliano: tra l’altro nessuno dei due dice qualcosa dell’autore dell’opera, fatto abbastanza singolare.

  • 15 A. G. Moreno, La recepción, cit., p. 318.
  • 16 B. Castiglione, El cortesano, edición de M. Pozzi, traducción de J. Boscán, Madrid, Cátedra, 1994, (...)

14Entrambi potevano benissimo leggere l’opera in italiano e apprendere quelle qualità cortesi a cui aspiravano. Evidentemente questo a loro non bastava. Entrambi ritenevano che il Cortegiano potesse costituire il manifesto ideologico della nuova scuola che intendeva superare il provincialismo in cui versava la cultura spagnola facendo proprii sia i modi lirici sia la civiltà cortigiana che in Italia aveva raggiunto una qualità superiore a ogni altro paese. E per sottolineare il valore della traduzione come manifesto della nuova scuola, Garcilaso unì una propria dedicatoria a quella del traduttore. Fin dalla sua dedica – scrive Moreno15 (p. 318) – «la hispanización del tratado (cuya primera traducción fue, y no cabe extrañar, la española) se propone como una suerte de empresa nacional de principal importancia». Garsilaso infatti considera come principale beneficio della traduzione del Cortegiano l’introduzione nella lingua castigliana di «cosas que merezcan ser leídas; porque yo no sé qué desventura ha sido siempre la nuestra, que apenas ha nadie escrito en nuestra lengua sino lo que se pudiera muy bien escusar, aunque esto sería malo de probar con los que traen entre las manos estos libros que matan hombres»16.

15La traduzione del Cortegiano, uscita la prima volta nel 1534 e poi ristampata ben tredici volte, fu l’unica opera che Boscán pubblicò. Negli ultimi anni di vita attese a preparare per la stampa le sue opere e quelle dell’amico Garcilaso. Sappiamo che nel marzo del 1542 firmò il contratto con l’editore e che sotto la sua direzione iniziò la stampa; egli però morì a Barcellona nello stesso anno. La raccolta comparve l’anno dopo (1543), a cura della vedova di Boscán doña Ana Girón de Rebolledo (Las obras de Boscán y algunas de Garcilaso de la Vega, repartidas en cuatro libros, Barcellona, 1543). Il primo libro contiene le composizioni nello stile dei cancioneros tradizionali (villancicos, coplas, canzoni «a la manera cancioneril»); il secondo, 92 sonetti e varie canzoni, a imitazione di Petrarca; il terzo, la Historia de Leandro y Hero, in cui c’è un’eviden­te influenza del Cortegiano, e la Octava rima, poema allegorico in cui si descrivono la Corte d’Amore e la Corte di Gelosia. Il quarto libro contiene le poesie di Garcilaso.

16Boscán è ritenuto a giusto titolo il vero iniziatore dell’italianismo in Spagna, a un secolo di distanza dal marchese di Santillana, Juan de Mena e altri. Introdusse nella lirica spagnola l’endecasillabo, il sonetto petrarchesco, la canzone, la terzina dantesca, l’ottava rima e il verso sciolto, ma con risultati mediocri, come del resto i suoi seguaci. Non gli mancava la cultura classica, ma la qualità poetica; l’una e l’altra ebbe invece Garcilaso che, meglio d’ogni altro, rappresenta la scuola poetica “italiana” e mostra il successo della riforma.

17Boscán stesso narra le circostanze che lo indussero a sperimentare le forme italiane nella dedicatoria alla Duchessa de Soma della seconda parte delle Obras, che – come ho detto – contiene questi nuovi componimenti. Trovandosi a Granada, prese a discorrere con Andrea Navagero di letteratura «y especialmente en las variedades de muchas lenguas». L’ambasciatore veneziano gli chiese «porqué no probaba en lengua castellana sonetos y otras artes de trobas usadas por los buenos autores de Italia; y no solamente me lo dixo así livianamente, mas aun me rogó que lo hiciese». A quel consiglio ripensò a lungo e infine «co­mencé a tentar este género de verso, en el cual al principio hallé alguna dificultad, por ser muy artificioso y tener muchas particularidades diferentes del nuestro. Pero después pareciéndo­me, quizá con el amor de las cosas proprias, que esto comenzaba a sucederme bien, fui poco a poco metiéndome con calor en ello». Ma questo non sarebbe stato sufficiente per farlo procedere innanzi,

si Garcilaso con su juicio, el cual no solamente en mi opinión, mas en la de todo el mundo ha sido tenido por regla cierta, no me confirma­ra en esta mi demanda. Y así alabándome muchas veces este mi propósito y acabándomele de aprobar con su ejemplo, porque quiso él también llevar este camino, al cabo me hizo ocupar mis ratos ociosos en esto más fundadamente. Y después, ya que con su persuasión tuve más abierto el juicio, ocurriéronme cada día razones para hacerme llevar adelante lo comenzado.

  • 17 Antologia di testi letterari spagnoli. I secoli d’oro, a cura di M. Rosso Gallo, vol. IIa, Alessand (...)

18E proseguiva mostrando una buona conoscenza della letteratura italiana, anche se con inevitabili approssimazioni17.

  • 18 B. Castiglione, El cortesano, cit., p. 71.

19La dedica di Boscán e quella di Garcilaso sono gli unici documenti sulla nascita di questa importante vicenda della cultura spagnola. E quello che colpisce in entrambi i casi è l’assenza di enfasi, anzi un’ingenuità quasi paradossale. Sembra che tutto sia avvenuto per caso, non per un progetto: una chiacchierata per passare il tempo con Navagero; la scoperta in Italia di un libro dal titolo interessante, senza una parola sull’autore. Il nome Castiglione non era noto né a Garcilaso né a Boscán? Eppure seguivano la corte; forse anche a loro non era simpatico il nunzio pontificio? «Su título y la autoridad de quien me le enviaba – scrive Boscán – me movieron a leelle con diligencia»18: il suo argomento e l’autorità di Garci­laso, dunque, non il nome o la fama o la frequentazione dell’autore.

20E Navagero, che non era un petrarchista, come mai diede quel consiglio? A me pare indubbio che entrambi minimizzassero i fatti, proprio per far credere che tutto non appartenesse a un progetto ben meditato. Era difficile mettersi per gioco a studiare la metrica italiana, che ha difficoltà che Boscán non nasconde, e così pure non si capisce perché proprio lui, che non aveva mai fatto traduzioni, fosse designato da Garcilaso a compiere quella del Cortegiano come se fosse un suo dovere e perché lui abbia accettato, se non fosse che la traduzione e il progetto metrico erano strettamente legati. C’era dietro – mi pare – la consapevole ricerca di un nuovo classicismo, che all’inizio sarà probabilmente andata a tentoni. Ma è difficile che un latinista come Navagero abbia dato quel consiglio se Boscán non gli avesse esposto i suoi problemi all’incirca in questo modo: le forme poetiche spagnole non mi soddisfano, vorrei delle forme garantite da una valida tradizione. La risposta probabilmente la sapeva già, perché la pur nascente lingua italiana era l’unica a essere garantita da grandissimi maestri del passato.

21L’argomento del perfetto cortigiano era molto allettante per i due amici. Garci­laso è potuto sembrare l’incarnazione del perfetto cortigiano, poeta, amante e soldato. E non meno incline agli ideali corti­giani era Boscán. L’unica spiegazione resta che il nunzio apostolico non parlasse della sua opera o ne parlasse solamente con pochi intimi. Ma probabilmente anche la casualità della scoperta di Garcilaso è governata da una certa sprezzatura; entrambi cercano di non dare l’idea di costituire un’avanguardia letteraria ma solo di aver agito sulla spinta di fatti occasionali. Probabilmente avevano in mente un nuovo cortigiano, adatto alla società imperiale, il quale non componesse versi per gioco: il loro classici­smo necessitava di un fonda­mento ideologico grazie al quale la loro apparisse un’attività che avesse strette relazioni con il mondo, la natura, Dio. E il neoplatonismo del Cortegiano, ancora meglio di quello degli Asolani di Bembo, poteva far pensare al poeta come a un creatore. Per non dire del contenuto politico del quarto libro.

La traduzione

22E veniamo infine al modo in cui è stata compiuta la traduzione, cioè al motivo vero per cui mi sono deciso a occuparmi un’altra volta di Boscán. Quando per l’insistenza di María de Las Nieves Muñiz Muñiz accettai di pubblicare la traduzione per le «Letras Universales» dell’editore Cátedra di Madrid, conoscevo un poco lo spagnolo per le molte volte che fui nella penisola iberica per le celebrazioni colombiane e altro; conoscevo bene Castiglione; avevo una discreta preparazione filologica ma sapevo ben poco dei problemi della lingua spagnola. Ebbi la fortuna di poter discutere della traduzione con Lore Terracini, che innanzi tutto mi regalò il suo libro Lingua come problema nella letteratura spagnola del Cinquecento (la dedica porta la data 13 marzo 1983: il che dà l’idea di quanto tempo impiegai a compiere il lavoro) e altri suoi scritti su argomenti affini. Lo lessi avidamente e mi accorsi che il suo serrato esame conduceva a ridimensionare eccessivamente la qualità dell’operato di Boscán. Basti questo esempio:

  • 19 Nella lettera dedicatoria a Jerónima Palova de Almogávar, Boscán afferma di non volersi allontanare (...)
  • 20 L. Terracini, op. cit., pp. 68-9. E poco più avanti (p. 70): «Tanto in questo purismo quanto in que (...)

Le incertezze, le riluttanze, le preferenze del Cortesano spagnolo, il suo gusto puristico (di cui cuidado e descuido sono riflessi tra molti altri) sono stati inquadrati in un profilo stilistico di Boscán, che ridimensiona, com’era necessario, l’elogio tributato incondizionatamente alla sua prosa e alla sua «perfezione di stile» in un ritratto più concreto e adeguato alla realtà della sua opera. Le fattezze che ora vengono in luce sono essenzialmente quelle di uno scrittore che – assertore teorico, nell’atto di accingersi a tradurre, della dignità della propria lingua, sorretto dall’assunzione di una libertà programmatica come norma di traduzione, rispettoso per la sola «sentenza» dell’originale19 – si sente padrone di realizzare il proprio ideale espressivo. Ed è un ideale quanto mai dimesso e casalingo; poiché Boscán, sordo al fascino dell’ampia prosa del Castiglione, si sommerge con voluttà – edonisticamente potremmo dire, pensando a certo epicureismo popolaresco, non privo d’artificio, nel Cinquecento italiano – nella tradizione del proprio volgare, in un desiderio di «llanezza» e di espressione «castiza»20.

23Lei stessa mi chiese cosa ne pensassi e allora cominciò una serie di discussioni al termine delle quali ammise che l’avevo convinta e che il suo giudizio andava rivisto. Non so quante volte succeda che un’illustre docente ascolti un giovane studioso, dedicandogli tempo prezioso, e ammettendo alla fine che insufficienti informazioni (specialmente sull’atteggiamento di Castiglione) l’avevano indotta a giudicare in un modo non adeguato il lavoro di Boscán. Questo scritto vuole essere un postumo ringraziamento e un modo per richiamare alla memoria una grande ispanista che non solo mi aiutò a sciogliere più di un problema testuale, ma mi trattò con un’affabilità e una pazienza che è raro incontrare.

  • 21 Castiglione y Boscán: el ideal cortesano en el Renacimiento español, Madrid, 1959 (Anejos del Bolet (...)

24La prima cosa da osservare è che Boscán non mirò a una traduzione filologicamente corretta ma a far conoscere ai compatrioti quello che per lui e per Garcilaso era un libro fondamentale per la nuova letteratura spagnola che intendevano costruire. Entrambi ritenevano lecito mutare o sopprimere ciò che non si accordava con lo spagnolo e la cultura che in esso si esprimeva. Le soppressioni e ancor più le aggiunte sono molte, ma se le si paragona alle consuetudini del tempo si può dire che per lo più Boscán è rispettoso anche della lettera. I suoi interventi, at­tentamente analizzati da Margherita Morreale21, di solito non sono arbitrari ma mirano ad adattare la lingua (e certe risonanze culturali) dell’originale allo spirito e alla struttura della lingua castigliana: perché, ripeto, era troppo importante che quel libro venisse chiaramente inteso. Alla precisione filologica antepose la chiarezza del dettato, l’assenza di riferimenti concettuali o materiali che non sarebbero stati subito compresi dai lettori. Gli interessava che quell’ideale di vita sociale penetrasse in Spagna. Niente doveva intralciarne la comprensione.

  • 22 Ricordo comunque che tutti gli interventi significativi sono indicati in nota nella mia edizione de (...)

25Non può dunque stupire che evitasse i latinismi, i cultismi, gli italianismi, i tecnicismi, i gallicismi e in genere tutto ciò che i suoi compatrioti non sarebbero riusciti a capire o che comunque non avrebbe suscitato il loro interesse. Di qui soprattutto i molti interventi, che a mio parere non abbassano il tono della conversazione, salvo che l’abbassamento consista nell’aver usato il castigliano vivo. Su questo non vorrei giudicare, perché – da italianista che da molti anni studia il difficoltoso formarsi di una lingua nazionale meramente scritta – ho sempre considerato molto fortunati gli scrittori spagnoli che nei primi decenni del Cinquecento potevano usare una lingua vivace e non imbalsamata come la nostra, e come tali godettero di una grande fortuna nella nostra penisola. Ma ciascuno è libero di giudicare il piccolo, ma significativo campionario che ora proporrò22.

  • 23 Avverto che d’ora in poi B. vale Boscán e C. Castiglione e che indico sempre la pagina della mia ed (...)

26Comincio dalle aggiunte, che a noi oggi possono sembrare arbitrarie o comunque discutibili. Talora sono volte a rendere più evidente quel certo clima cortigiano che stava a cuore a Boscán23. A p. 108 (I, 5), per esempio, in luogo di «nei quali sotto varii velami spesso scoprivano i circonstanti allegoricamente i pensier sui a chi più loro piaceva», scrive «con los cuales los que allí estaban enamorados descubrian por figuras sus pensamientos a quien más les placía», rendendo, direi, espliciti i pensieri di cui si legge nell’originale.

27La maggior parte però mira a rendere il testo più chiaro. A p. 193 (I, 49) C. scrive: «e benché diversa sia la pittura dalla statuaria, pur l’una e l’altra da un medesimo fonte, che è il bon disegno, nasce»; B. esplicita cos’è il buon disegno: «que es la buena traza o figura que el oficial en sí concibe para la obra che ha de hacer», che è una efficace spiegazione del significato mentale che ha disegno per gli artisti appartenenti al gusto allora dominante in Italia. A p. 221 (II, 10), C. scrive: «e par che quella domestichezza abbia in sé una certa liberalità amabile» e B. amplifica: «y aun parece que aquella llaneza de trato de no tener punto en aquello los caballeros con aquella gente baxa, sino tratar así familiarmente con ellos, traiga consigo una cierta libertad de vida y una humanidad que los hace ser bienquistos de los otros». A p. 265 (II, 41), «e voglion esser di tanta autorità, che ogni incredibil cosa a.lloro sia creduta» diventa y quieren ser de tanta autoridad que, si dicen que han visto volar un buey, piensan que les hacen agravio en no creello: come si vede, B. aggiunge l’esempio. A p. 409 (III, 49), C. scrive: «una non fa numero», e B. preferisce ricorrere all’antico proverbio mas una golondrina no hace verano.

28Interessanti, e tali che meriterebbero una lunga analisi, alcune aggiunte molto corpose come le seguenti. A p. 253 (II, 32), «e parerà che tutta la corte lo ammiri e osservi, e ch’ognun rida de’ suoi motti e di certe arguzie contadinesche e fredde, che più presto dovrian mover vomito che riso: tanto son fermi e ostinati gli omini nelle opinioni che nascono da’ favori e disfavori de’ signori». B. elimina arguzie... riso (facendole poi diventare «término o donaire de escudero») e amplifica il tutto: «y parecerá que toda la corte le tenga respeto y le vaya a mirar como a hombre diferente de todos los otros; y dirán todos en oyéndole una palabra, que por ventura será algún término o donaire de escudero, que nunca hombre tal dixo, y no habrá en todo el día otra fiesta sino recitar sus dichos y querer hacerse cada uno gracioso con trabajar de recitallos bien. Ésta es la ceguedad común de los hombres que ordinariamente traen su opinion atada a la de los señores».

29A p. 398 (III, 41), «Non vi maravigliate di questo, perché le donne che son pregate sempre negano di compiacer chi le prega e quelle che non son pregate pregano altrui» viene amplificato da B.: «que quizá esas mujeres estuvieron tan recias porque no les parecían bien o tenían un no sé qué que no era de su gusto esos que andaban con ellas; y sabé más; que las que son muy rogadas, ésas son las que se detienen, y las que no las ruega nadie, aquéllas son las que ruegan».

30A p. 420 (III, 56), «Di questo – rispose il Magnifico – non la voglio consigliare io; dico ben che lo amar come voi ora intendete estimo che convenga solamente alle donne non maritate; perché quando questo amore non po terminare in matrimonio, è forza che la donna n’abbia sempre quel remorso e stimulo che s’ha delle cose illicite, e si metta a periculo di macular quella fama d’onestà che tanto l’importa» diventa:

Eso que habéis preguntado – respondió el Manífico – no lo ha de hacer ella por consejo, ni se ha de tratar esa materia de amores con argumentos, sino que la que caye­ra caya y la otra que se esté. Cosa que trae consigo una pa­sión tan grande, como es amar, no se puede ordenar ni medir en los hombres ni en las mujeres; acaecimientos son o dolencias que es cosa difícil prevenillas y casi impo­sible curallas. Seos bien decir, si esto se ha de hablar por rigor de derecho y hemos de andar aquí en dotrinas y fi­losofías estrechas, que ese amar (como vos lo entendéis que sea) quizá no sería lícito sino a las que están por casar; porque, cuando el amor no ha de parar en casamiento­, es forzado que la mujer tenga dél el escrúpulo que se suele tener de las cosas defendidas, y ponga en algún peligro la fama que tanto le importa.

31Meno importanti le omissioni. A p. 183 (I, 44) B. sostituisce «però spesso, come voci di sirene, sono causa di sommergere chi a tal fallace armonia bene non se le ottura» con «y por eso los que, sin mucho seso las admiten, suelen quedar no solamente engañados, mas aun burlados y reídos de los mismos que los alaban». Non credo che la scomparsa delle sirene diminuisca la dignità dell’opera, mentre l’aggiunta sostitutiva rende più chiara la considerazione. A p. 292 (II, 62), dopo «tenersi di ridere» (dexar de reírse), B. omette: «Un altro ancor a Padoa disse che Calfurnio si domandava così, perché solea scaldare i forni»: probabilmente il personaggio non era molto noto e al lettore comune non sarebbe stato facile risalire al latino calescit furnos ‘scalda i forni’.

32Più significativa è la riduzione a due soli vocaboli (gli ispanismi acertar e aventurar, p. 161) del ben più ampio elenco di C. che comprende anche un francesismo: «Però a me non dispiacerebbe che, occorrendogli, dicesse primor, dicesse acertare, aventurare; dicesse ripassare una persona conragionamento, volendo intendere riconoscerla e trattarla per averne perfetta notizia; dicesse un cavalier senza rimprocchio, attilato, creato d’un principe» (I, 34).

33Numerose sono le omissioni di fatti relativi alla Spagna o a Spagnoli. A p. 294 (II, 63), dopo Et tibi malum cito, B. omette: «Essendo ancor a tavola col Gran Capitano Diego de Chignones, disse un altro Spagnolo, che pur vi mangiava, per domandar da bere: “Vino”; rispose Diego: “Y no lo conocistes”, per mordere colui d’esser marano». Gioco di parole fra vino, bevanda, e vino voce del verbo venir. A p. 296 (II, 64), alla fine del paragrafo, B. omette: « Questo medesimo modo usò Sallaza dalla Pedrada per onorar una signora, con la quale parlando, poi che l’ebbe laudata, oltre le virtuose condizioni, ancor di bellezza, e essa rispostogli che non meritava tal laude, per esser già vecchia, gli disse: “Signora, quello che di vecchio avete, non è altro che lo assimigliarvi agli angeli, che furono le prime e più antiche creature che mai formasse Dio”.» A p. 310 (II, 76), dopo ahorcar, B. omette di chiarire qual era il costume spagnolo: «usanza è che quando si mena uno alle forche, se una meretrice publica l’adimanda per marito, donasegli la vita». A p. 312 (II, 78) B. non traduce il primo esempio: «Come alla corte di Spagna comparendo una mattina a palazzo un cavaliero, il quale era bruttissimo, e la moglie, che era bellissima, l’uno e l’altro vestiti di damasco bianco, disse la Reina ad Alonso Carillo: “Che vi par, Alonso, di questi dui?”, “Signora – rispose Alonso – parmi che questa sia la dama e questo lo asco”, che vol dir schifo.» Qualche soppressione può essere prudenziale, ma si direbbe che l’intento sia solamente di ridurre la presenza della Spagna e degli Spagnoli.

34Sempre perché la lettura sia facile anche per i non specialisti, spariscono molti termini tecnici. Per esempio, a p. 148 (I, 28 «un musico, se nel cantar pronun­cia una sola voce terminata con suave accento in un groppettoduplica­to, con tal facilità che paia che così gli venga fatto a caso»), elimina le parole qui in corsivo comprensibili solo ai musici. Moresca è sistematicamente eliminato (I, 8; II, 6; II, 11, p. 223, insieme con brandi: bailar sueltamente los bailes que entre hombres de bien se usan invece di «ballar moresche e brandi»; II, 45. A p. 246 (II, 27) traduce maniche a comeo rendendo esplicita la loro caratteristica: mangas anchas. A p. 316 (II, 82), «non dico un terzo delle secrete» diventa «me dexo casi la mitad de la misa».

35Spariscono anche nomi di persona. Sul finire del primo libro, C. scrive:

impose la signora Duchessa a madonna Margherita e madonna Costanza Fregosa che danzassero. Onde súbito Barletta, musico piacevolissimo e danzator eccellente, che sempre tutta la corte teneva in festa, cominciò a sonare suoi instrumenti; e esse, presesi per mano, e avendo prima danzato una bassa, ballarono una roegarze con estrema grazia e singular piacer di chi le vide (I, 55).

36B. elimina i nomi delle dame a cui viene comandato di danzare, il nome del musico (ci sono solamente i «tañedores») e il nome della danza (roegarze): bassa e alta sono conservati perché nomi generici di danze in cui non si sollevano i piedi dal suolo e viceversa; così che resta solamente «la Duquesa mandó a dos damas de las suyas que danzasen. Y así ellas, en comenzando a tañer los tañedores, danzaron una baxa y una alta y después bailaron con tanta gracia que todos holgaron estrañamente de vellas» (p. 203). A p. 316 (II, 82), «che Monsignor mio avea un capellano» diventa «que yo conocía otro clérigo», eliminando un nome a cui uno spagnolo sarebbe difficilmente arrivato (Giovanni de’ Medici, il futuro Leone X). A p. 397 (III, 40), «severità catoniana» diventa severidad grave.

37Sono anche omessi i riferimenti a fatti o personaggi poco noti. Così a p. 187 (I, 46), alla fine del paragrafo, sopprime: «Rispose Pietro da Napoli: “A questo modo il Grasso de’ Medici averà gran vantaggio da messer Pietro Bembo”». A p. 247 (II, 28), dopo dando grandes risadas fuera de próposito, omette di tradurre «come que’ mutoli gozzuti delle montagne di Bergamo». A p. 321 (II, 85), «parlava del suo nativo parlare zaffi bergamasco» diventa «hablaba su lengua natural bergamasca». A p. 455 (IV, 7), viene soppresso «il dì della festa di piazza d’Agone». Quando non ne può fare a meno, aggiunge una spiegazione; per esempio là dove Castiglione scrive semplicemente nei dui mari (I, 32), opportunamente precisa: los unos hacia al mar de Venecia y los otros hacia al de Italia (p. 156). A p. 528 (IV, 67), «per la convenienzia che hanno i fantasmi col corpo» diventa «por la convenencia que tienen las cosas a ella representadas o (por usar del vocablo proprio) los fantasmas con el cuerpo». Esprime il concetto in linguaggio comune prima di impiegare quello tecnico.

  • 24 G. Ghinassi, Fasi dell’elaborazione del «Cortegiano», in «Studi di filologia italiana», XXX, 1967, (...)

38B. è estremamente prudente nell’accogliere ita­lianismi. Anche in questo segue C. che, malgrado le dichiarazioni di principio, di redazione in redazione riduce i forestierismi. Per esempio, come osserva Ghinassi24, elimina un sosegato e rende sosiego con riposo, gravità riposata, grave e riposato, ecc. Accoglie desinvoltura (I, 26), ma con una parentesi di scusa ("ché nei movimenti del corpo molti così la chiamano"); del resto per lo più – già nelle redazioni precedenti – lo aveva reso con discioltura e discioltezza. A p. 104 (I, 2), in «bultos de los antiguos, de mármol y de bronzo» conserva intatta la parola italiana. A p. 256 (II, 34), «ne fecero per un tempo alla grappa, come i fanciulli delle cerase»: di fronte al rarissimo alla grappa, forse attestato la prima volta nel Cortegiano, B. muta il paragone in «y anduvieron casi como niños a los cabellos por quién le llevaría». A p. 281 (II, 52) «se la guerra s’aveva da far così crudele, esso ancor farebbe por il medicame in su le pallotte de l’artigliaria e poi chi n’avesse il peggio, suo danno». Nel testo italiano si gioca sul duplice significato di medicame (medicina e veleno); B. lo rende con éltambién pornía hierba en las pelotas de los tiros de pólvora». A p. 336 (II, 97), «dandoci (come si sòl dire) una licenzia bracciesca» (espressione sulla quale i critici ancora discutono) diventa metiendo el juego a barato.

39A p. 213 (II, 3), accetta andar en giornea (che in italiano aveva assunto il significato di ‘adottare un atteggiamento grave o presuntuoso’) sia pure con una postilla («según ellos decían»). E conserva p. 273 (II, 47) «una mujer de assai» e a p. 287 (II, 58) il gioco di parole fra non avea letto, cioè dove dormire, e non aver letto (dal verbo leggere), e allo stesso modo altre volte nel discorso sulle arguzie. A p. 488 (IV, 36), traduce letteralmente anche la costruzione italiana: conservando però sempre– guardando pero siempre. A p. 419 (III, 55), individua la citazione petrarchesca e conserva le parole del testo italiano: col parlar roto e subito silencio, che è una variante del secondo Trionfo d’amore, v. 188 (le edizioni italiane, invece, per lo più non mettono in evidenza questo verso).

40Più in generale riduce l’uso di parole buone solamente a garantire il ritmo della frase; tende a rendere concreto e familiare quanto è astratto e remoto; preferisce il verbo al sostantivo, il nome concreto all’astratto, i nomi specifici al generico cosa, ecc. Quanto alla sintassi, rende più natu­rale l’ordine delle parole, dirada certi periodi intricati, ridu­ce il numero delle incidentali e dei costrutti alla latina. Per una maggior scioltezza del discorso aggiunge particolari o com­pleta didascalie, rendendo esplicito quanto è sottinteso. Credo che anche in questo abbia assecondato la volontà di C., che – contrariamente a quanto alcuni credono – non costruiva periodi alla latina per dare prestigio al suo testo ma solamente perché non aveva un’altra sintassi di riferimento.

41Certo oggi saremmo più fedeli all’originale, ma il punto – come ho detto più volte – è un altro: gli interventi di B. non abbassano il tono o rendono contraddittorio il discorso; né era a fatti come questi che Lore Terracini si richiamava. Studiosa molto acuta del Diálogo de la lengua di Juan Valdés, ne apprezzava l’accettazione dei latinismi e dei forestierismi capaci di arricchire e nobilitare la lingua. Non sapeva se Valdés avesse letto la traduzione di B., ma comunque riteneva che conoscesse bene il Cortegiano o, se per caso non l’avesse letto, che le sue idee spesso combaciassero con quelle di C., a cominciare dal rifiuto dell’affettazione, termine latino che Valdés accoglie senza farsi problemi. E nemmeno – dico io – si pone molti problemi per il nuovo termine introdotto da C., sprezzatura, ma amplia il normale significato di cuidado («cura», «attenzione») fino ad attribuirgli – con un’indubbia forzatura – il significato di giusto mezzo fra gli estremi viziosi della trascuratezza e dell’affettazione. Il cuidado – come osserva la Terracini – in Valdés finisce per assomigliare a quella che C. chiama sprezzatura; e descuido con­serva tutto il suo valore negativo. Così facendo, mostra d’igno­rare (o di rifiutare) la piccola rivoluzione di B. che, seguendo l’esempio di C., traduce letteralmente sprezzatura con desprecio oppure rende l’opposizione sprezzatura-affet­tazione con l’opposizione descuido-cuidado, che forza l’uso spa­gnolo (come C. aveva forzato quello italiano), ma con il suo neologismo semantico esprime felicemente la contrapposizione anche attraverso la forma. Secondo me, non aveva alternativa. Se si comportava come Valdés tradiva, e in un punto centrale, C.: un Cortegiano senza sprezzatura non è immaginabile.

  • 25 C.: «fuggir quanto piú si po, e come un asperissimo e pericoloso scoglio, la affettazione; e, per d (...)

42Dunque, quando il testo che sta traducendo lo richiede, B. è capace d’innovare senza remora alcuna. Non era questione di purismo, bensì di mostrare che lo spagnolo aveva la capacità di rendere il testo italiano. Ma vediamo più da vicino come traduce la regola generalissima della grazia, in cui appunto incontra due termini che il castigliano non possedeva: affettazione e sprezzatura. Non rifiuta del tutto affettazione, ma è consapevole che si tratta di un concetto complesso, che deve essere chiarito. Pertanto la prima volta che lo incontra (I, 26, p. 144), traduce: «huir cuanto sea posible el vicio que de los latinos es llamado afetación; nosotros, aunque en esto no tenemos vocablo proprio, podremos llamarle curiosidad o demasiada diligencia y codicia de parecer mejor que todos»25. Usò ancora altre volte il latinismo, di cui aveva chiarito il significato, ma per lo più lo sostituì con sinonimi e voci più comuni come artificio, codicia, curiosidad (che aveva e ha ancora anche il significato di ‘cura’) e appunto cuidado, che finì per preferire – prima in dittologia sinonimica con desprecio – forse perché bene si opponeva a descuido.

43Anche a cuidado Boscán prepara la via per fargli acquistare il significato di ‘affettato’. Già nella dedica (2, p. 93), a proposito di Boccaccio, scrive che ottenne miglior risultati «cuando se dexó ir tras su vena y instinto natural sin otro estudio nicuidado de limar sus escritos» traducendo con cuidado «cura di limare i scritti suoi»: qui si indica non il giusto mezzo, ma proprio l’assenza di cura stilistica. Nel passo sulla grazia troviamo poi un cuidado demasiada­mente atento en las cosas (I, 26, p. 145), dove in italiano non c’è affettazione ma «il mostrar l’arte ed un così intento studio»; poco dopo troviamo «la des­gracia que trae consigo el cuidado y la gracia que se mues­tra en el descuido de muchos hombres y mujeres que aquí están presentes cuando, con una descuidada desenvoltu­ra» (I, 26; p. 145) che rende l’italiano «la disgrazia della affettazione e la grazia in molti omini e donne che sono qui presenti, di quella sprezzata desinvoltura».

44Nelle battute su messer Roberto descui­do è la falsa sprezzatura mentre mostrarse muy descuidado rende «mostrar di non estimare e pensar più ad ogni altra cosa che a quello che si fa» (p. 145). Nella risposta del Conte (I, 27, p. 146), sempre per acclimatare meglio il nuovo significato di cuidado, B. lo riaccosta ad afetación e amplifica il testo italiano:

  • 26 C.: «Rispose allor il Conte: “Poiché voi volete pur ch’io dica, dirò ancor de’ vicii nostri. Non v’ (...)

¿Y cómo vos no sabéis que eso que en miser Ro­berto llamáis descuido es el mayor cuidado y (por usar del vocablo proprio) la más verdadera afetación de todas? ¿No veis vos claramente la demasiada diligencia que él pone en mostrarse descuidado? Y ese su no pensar en lo que hace es un pensar muy grande. Y por eso hemos de decir que aquel su desprecio, porque pasa ya los términos de la buena medianía, es vicio y muestra más aína curiosi­dad que otra cosa, y así no puede sino parecer mal y salir­le al revés de su intinción, pues, por desear demasiada­mente encubrir el arte, la descubre. Por eso tengo yo por determinado que esta tacha de la afetación o desordenado deseo de parecer bien no está menos en el descuido que en el cuidado, si entrambas cosas eceden y pasan el me­dio.26

45Poco dopo usa desprecio:

  • 27 C.: « Però non estimo io che minor vicio della affettazion sia nella sprezzatura, la quale in sé è (...)

Y a veis que el desprecio en sí es loable, mas, si llega la cosa a dexaros caer la capa, reírse han dello. Asimismo la diligencia y el atavío son cosas que merecen ser alaba­das, mas, si están ya tanto en el estremo que no oséis me­near la cabeza por no desconcertar el cabello o traigáis siempre con vos el peine y el espejo o mandéis que un paje os ande a cada paso rodeando con la escobilla, vosotros mismos podéis juzgar si serán tachas. Todos estos son pu­ros estremos; los cuales, demás de ser viciosos, son con­trarios de aquella pura y gentil llaneza que suele natural­mente asentarse en nuestros corazones.27

46Questa volta semplifica il testo italiano per maggior chiarezza, perché quella pura y gentil llaneza è anche il proposito del traduttore.

  • 28 C.: «Questa virtù adunque contraria alla affettazione, la qual noi per ora chiamiamo sprezzatura, o (...)

47A p. 147 (I, 27) l’italiano «disciolto e sicuro» diventa descuidado y tan suelto; affettazione è tradotto con estrema codicia; (I, 28) una troppo affettata armonia è reso con una demasiada y cu­riosa armonia e il successivo «cosa sprezzata» con cosa descuidada. A p. 148 (I, 28), usa ancora il latinismo afetación: «virtud contraria a la afetación, la cual por agora nosotros la llamaremos desprecio» (I, 28, p. 148). Poco dopo incontriamo descuidamente contrapposto a diligencia o cuidado28: «Porque en la misma hora creen los que están presentes que quien tan descuidadamente y tan sin pena hace lo que hace, podría hacer mucho más si quisiese y que le quedan dentro grandes secretos y que no es nada todo aquello para con lo que haría, si en ello pu­siese diligencia o cuidado». A p. 149 (I, 28) torna afetación («si huyere la a»).

48Dunque B. non ha rifiutato afetación, ma ha creato l’opposizione fra cuidado e descui­do, con descuidado con il significato di ‘per mostrar ben di non pensarvi’ e l’avverbio descuidadamente. Era un’operazione audace, che metteva in crisi l’opposizione fra cuidado e descuido, che è presente nel castigliano. Ma non poteva fare a meno di mantenere uno dei cardini di tutta la concezione di C.

49Certo la proposta di B. non ha avuto fortuna; questo però ha poca importanza. Più importa la grande fortuna del libro. È noto del resto che, anche in italiano, il latinismo affettazione ha avuto una grande fortuna, cosa che non si può dire di sprezzatura. Gli spostamenti semantici proposti da B. non attecchirono, ma forse è meglio dire che non attecchì lo stile di vita fondato sulla grazia e la difficile disinvoltura propugnata da C. e da B. con la sua traduzione. La Spagna, che pur aveva esportato in tutta l’Europa la desen­voltura, mostrava tendenze molto forti alla rigidità moralistica, al crudo realismo, agli eccessi, al grandioso e dunque non poteva comprendere appieno il concetto di sprezzatura, che peraltro anche in Italia ebbe una fortuna limitata.

50Le critiche della Terracini e di altri si fondavano sul pregiudizio che gli italiani usassero i latinismi per nobilitare lo stile. C’erano di quelli che davvero lo facevano, ma non certo Castiglione che non amava il periodare latineggiante di Bembo e cercava un periodo sciolto. Certo i latinismi, i cultismi e i tecnicismi nel Cortegiano sono moltissimi e Boscán ne ha eliminati un bel po’, traducendoli in castigliano. Secondo alcuni critici avrebbe in tal modo abbassato il livello dell’opera che stava traducendo. A me pare invece che egli abbia agito per il meglio: quei cultismi in castigliano avrebbero fatto macchia, sarebbero stati segni di affettazione; conservandoli B. sarebbe andato non solo contro la teoria ma anche contro la prassi scrittoria di C., che al termine della lunga elaborazione del Cortegiano si sforzò di eliminare i latinismi, i cultismi, i ritmi poetici; e se nell’ultima redazione ce ne sono ancora moltissimi, questo avvenne suo malgrado. Fin dalla dedicatoria (ded. 2) egli dichiara di scrivere come parla; e non c’è motivo di non credergli, purché si ricordi che egli non usava la lingua materna ma una lingua comune che si veniva faticosamente formando nelle corti e consentiva la conversazione: una lingua che, per forza di cose, doveva ricorrere a latinismi sia per organizzare un periodo sia soprattutto per sopperire alle gravi carenze lessicali. Al termine della lunga elaborazione del Cortegiano, la situazione era migliorata e una lingua nazionale dell’alta comunicazione si stava affermando. Ma era una lingua senza un popolo e un serbatoio a cui attingere, donde ancora la necessità di ricorrere al latino, cioè alla lingua madre.

51La situazione era ben diversa in Spagna, dove il castigliano stava vincendo la sua battaglia non solo con le altre lingue iberi­che ma con il latino stesso; lingua di un grande impero, non provava sensi di inferiorità nemmeno verso il latino, che non l’aveva influenzato in modo paragonabile a quanto nel Quattrocento aveva influenzato i volgari italiani. E sopra tutto il castigliano era una lingua parlata a tutti i livelli, una lingua viva, non la lingua artificiale in cui si esprimeva Castiglione. Era una lingua viva, ma povera di tradizione e di grandi scrittori, proprio il contrario di quella italiana, come ho già detto all’inizio di questo scritto.

  • 29 Diálogo de la lengua, cit., pp. 240, 255.

52Castiglione era più aperto di Boscán ai neologismi, ai latinismi e ai forestierismi, perché la sua era una lingua artificiale e non codificata; ma nell’ultima redazione – pur conservando le affermazioni di principio – per non cadere nell’affettazione era diventato più cauto ed eliminò, per quanto gli fu possibile, i latinismi. E tuttavia a uno spagnolo, malgrado le molte revisioni, un Cortesano fedele alla lettera dell’originale sareb­be apparso degno delle censure che nel Diálogo de la lengua Valdés fa a Juan de Mena per non aver usato «propios y naturales vocablos» ma «escuros» o «grosseros» o «muy latinos» (che «no se dexan entender de todos») o all’autore della Celestina che pose termini latini «en partes adonde podría poner propios castellanos, que los hay»29. Castiglione, però, non era in condizione di scegliere. Accettava vocaboli toscani, ma la sua accettazione era ben diversa da quella di un catalano che come Boscán aveva deciso di parlare e scrivere in castiglia­no, e del resto molti vocaboli proprio non li conosceva o gli sembravano plebei (in Toscana non c’erano corti e cortigiani). Egli voleva usare una lingua nobilmente colloquiale, viva, povera di cultismi e su questa via realizzò quanto di più avanzato si potesse ottenere in quegli anni in Italia. Ben lo si vede se si confronta lo stile piano del Cortegiano con quello veramente artifi­cioso di Bembo, non solo negli Asolani ma persino in un’opera tecnica come le Prose della volgar lingua, o con quello latineg­giante a oltranza di Mario Equicola nel Libro de natura de Amore.

  • 30 Diálogo de la lengua, cit., p. 233.

53Nella situazione ben diversa della Spagna Boscán interpreta correttamente le aspirazioni di Castiglione e fugge in ogni modo l’affettazione, potendo contare su una lingua viva, agile, flessibile e realizza un tono nobilmente colloquiale. Certo, cercare naturalezza e chiarezza di espressione non era facile, sia perché l’opera trattava di argomenti alti e complessi, sia perché – come già si è visto – in Spagna mancava una tradizione prosastica di tono alto. La traduzione di Boscán offrì un contributo importante a una ricerca linguistica e stilistica allora in atto, ponendosi su una via non diversa da quella di Juan Valdés: «Para deziros la verdad, muy pocas cosas observo, porque el estilo que tengo me es natural, y sin afetación ninguna escrivo como hablo; solamente tengo cuidado de usar de vocablos que sinifiquen bien lo que quiero dezir, y dígolo quanto más llanamente me es posible, porque a mi parecer en ninguna lengua sta bien la afetación»30.

  • 31 B. Castiglione, El cortesano, cit., p. 75.

54Confrontandosi con l’italiano di Castiglione, Boscán vuole mostrare che lo spagnolo può far propri elementi culturali e stilistici nuovi senza forzare la sua tradizione, cioè è convinto che la sua lingua è abbastanza ricca da rendere quasi tutti i vocaboli dell’originale, latinismi compresi, secondo un ideale di lingua non ricercata e vicina all’uso comune delle persone colte, che è quello di Juan Valdés non meno che di Castiglione, che nella dedica al Da Silva aveva scritto: « la forza e vera regula del parlar bene consiste più nell’uso che in altro, e sempre è vizio usar parole che non siano in consuetudine». E ancora con maggior ragione avrebbe potuto ripetere quello che Castiglione aveva affermato: «e dico aver scritto nella mia, e come io parlo, e a coloro che parlano come parl’io». E ottiene un buon risultato, tanto che Garcilaso può affermare che, ogni volta che si mette a leggere la traduzione del Cortegiano, «no me parece que le hay escrito en otra lengua» (giudizio che verrà poi fatto proprio da Ambrosio de Morales nel Discurso sobre la lengua castellana). E ne loda lo stile: «Guardó una cosa en la lengua castellana que muy pocos la han alcanzado, que fue huir del afetación sin dar consigo en ninguna sequedad, y con gran limpieza de estilo usó de términos muy cortesanos y muy admitidos de los buenos oídos, y no nuevos ni al parecer desusados de la gente». Dopo questa lode formulata secondo cate­gorie nettamente castiglionesche, osserva che Boscán fu «muy fiel tradutor, porque no se ató al rigor de la letra, como hacen algunos, sino a la verdad de las sentencias, y por diferentes caminos puso en esta lengua toda la fuerza y el ornamento de la otra, y así lo dexó todo tan en su punto como lo halló»31.

  • 32 M. Morreale, cit., I, p. 32.
  • 33 B. Castiglione, El cortesano, traducción de Juan Boscán, estudio preliminar de M. Menéndez y Pelayo (...)

55In ogni caso non procede in modo cieco o preconcetto, ma accetta molte parole colte e semicolte e sull’e­sempio dell’italiano anche qualche periodo latineggiante. Pertanto mi pare che realizzi un dignitoso procedimento de castellanización, senza cadere nei limiti segnalati anche dalla Morreale: «el Cortegiano muda su vestidura italiana por otros paños algo más sencillos y caseros, y lo que pierde en precisión y elegancia lo gana a menudo en color y eficacia descriptiva»32. Il risultato è un’opera in prosa castigliana di tale qualità che Marcelino Menéndez y Pelayo33 giunge ad affermare che «por este solo libro merece ser contado Boscán entre los grandes artífices innovadores de la prosa castellana en tiempo de Carlos V» e – addirittura – che «prescindiendo de su origen, es el mejor libro en prosa escrito en España durante el reinado de Carlos V».

Top of page

Notes

1 A. Giannini, La “Cárcel de Amor” y el “Cortegiano” de B. Castiglione, in «Revue Hispanique», XLVI, 1919, pp. 547-68.

2 Per quest’opera, cfr. B. Croce, La Spagna nella vita italiana durante la Rinascenza, Bari, Laterza, 1949, pp. 131 e sgg.

3 Del Cortegiano indico libro (in nunero romano) e paragrafo in nunero arabo.

4 La seconda redazione del «Cortegiano» di Baldassarre Castiglione, edizione critica per cura di G. Ghinassi, Firenze, Sansoni, 1968, p. 18.

5 J. de Valdés, Diálogo de la lengua, Madrid, Cátedra, 1984, p. 123.

6 La recepción de «El cortesano» en España, in La traduzione della letteratura italiana in Spagna (1300-1939). Traduzione e tradizione del testo. Dalla filologia all’informatica, Atti del primo convegno internazionale, Universitat de Barcelona, 13‑16 aprile 2005, a cura di M. de las Nieves Muñiz Muñiz con la collaborazione di U. Bedogni e L. Calvo Valdivielso, Universitat de Barcelona - Franco Cesati Editore, 2007, p. 317.

7 Ibidem.

8 Il Cortegiano con una scelta delle opere minori, a cura di B. Maier, Torino, Utet, 1955, p. 693.

9 Opus epistolarum Des. Erasmi Roterodami, a cura di P. S. Allen, VI, Oxford, ex typographeo Clarendoniano, 1936, pp. 473-4 (lett. 1791). Nella stessa lettera lamenta che Castiglione, Andrea Navagero e un non identificato Andrea Napoletano abbiano criticato lo stile latino di Erasmo.

10 Il cortegiano con una scelta delle opere minori, p. 695.

11 Diálogo de la lengua, cit., p. 246.

12 L. Terracini, Lingua come problema nella letteratura spagnola del Cinquecento (con una frangia cervantina), Torino, Stampatori, 1979, p. 58.

13 Suo fratello Alfonso accolse la morte di Castiglione come una prova dell’aiuto divino. Per le affinità fra il Diálogo e il Cortegiano, si veda L. Terracini, cit., pp. 18-21, 39.

14 Ivi, p. 42.

15 A. G. Moreno, La recepción, cit., p. 318.

16 B. Castiglione, El cortesano, edición de M. Pozzi, traducción de J. Boscán, Madrid, Cátedra, 1994, p. 74.

17 Antologia di testi letterari spagnoli. I secoli d’oro, a cura di M. Rosso Gallo, vol. IIa, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1992, p. 299.

18 B. Castiglione, El cortesano, cit., p. 71.

19 Nella lettera dedicatoria a Jerónima Palova de Almogávar, Boscán afferma di non volersi allontanare troppo dall’originale e che tuttavia intende tradurre «este libro de manera que le entiendan». Rifacendosi a Cicerone (De finibus, III, 15) e a san Girolamo (Epistole, LVII, 5), non tradurrà palabra por palabra: «si alguna cosa en él se ofreciere que en su lengua parezca bien y en la nuestra mal, no dexaré de mudarla o de callarla». Italiano e spagnolo sono lingue di pari dignità; «aunque traducir este libro no es propriamente romanzalle, sino mudalle de una lengua vulgar en otra quizá tan buena».

20 L. Terracini, op. cit., pp. 68-9. E poco più avanti (p. 70): «Tanto in questo purismo quanto in questa imprecisione – in cui ora l’eccessivo irrigidimento ora la troppa elasticità stemperano in ambiguità la precisa ricchezza di sfumature dell’originale – ci si configura in sostanza una certa mediocrità di Boscán; non tanto forse quella aurea e ideale, a giustificazione di un’ambiguità intenzionale e sottile, quanto una mediocrità effettiva di lettore e di traduttore, un vero e proprio gusto mancato.»

21 Castiglione y Boscán: el ideal cortesano en el Renacimiento español, Madrid, 1959 (Anejos del Boletín de la Real Academia Española, I).

22 Ricordo comunque che tutti gli interventi significativi sono indicati in nota nella mia edizione del Cortesano.

23 Avverto che d’ora in poi B. vale Boscán e C. Castiglione e che indico sempre la pagina della mia edizione, seguita fra parentesi rotonde dall’indicazione del libro in numero romano e del paragrafo in numero arabo. Avverto infine che cito il Cortigiano dalla riproduzione anastatica dell’editio princeps (Roma, Bulzoni, 1986) con i consueti ammodernamenti grafici.

24 G. Ghinassi, Fasi dell’elaborazione del «Cortegiano», in «Studi di filologia italiana», XXX, 1967, p. 188.

25 C.: «fuggir quanto piú si po, e come un asperissimo e pericoloso scoglio, la affettazione; e, per dir forse una nova parola, usar in ogni cosa una certa sprezzatura, che nasconda l’arte e dimostri ciò che si fa e dice venir fatto senza fatica e quasi senza pensarvi». B. tralascia il passo qui sottolineato.

26 C.: «Rispose allor il Conte: “Poiché voi volete pur ch’io dica, dirò ancor de’ vicii nostri. Non v’accorgete che questo, che voi in messer Roberto chiamate sprezzatura, è vera affettazione? Perché chiaramente si conosce che esso si sforza con ogni studio mostrar di non pensarvi, e questo è il pensarvi troppo; e perché passa certi termini di mediocrità quella sprezzatura è affettata e sta male; e è una cosa che a punto riesce al contrario del suo presuposito, cioè di nasconder l’arte.»

27 C.: « Però non estimo io che minor vicio della affettazion sia nella sprezzatura, la quale in sé è laudevole, lasciarsi cadere i panni da dosso, che nella attilatura (che pur medesimamente da sé è laudevole) il portar il capo cosí fermo per paura di non guastarsi la zazzera, o tener nel fondo della beretta il specchio e ‘l pettine nella manica, e aver sempre drieto il paggio per le strade con la sponga e la scopetta, perché questa cosí fatta attilatura e sprezzatura tendono troppo allo estremo; il che sempre è vicioso, e contrario a quella pura ed amabile simplicità, che tanto è grata agli animi umani. Vedete come un cavalier sia di mala grazia, quando si sforza d’andare cosí stirato in su la sella e (come noi sogliam dire) alla veneziana, a comparazion d’un altro, che paia che non vi pensi e stia a cavallo cosí disciolto e sicuro come se fosse a piedi».

28 C.: «Questa virtù adunque contraria alla affettazione, la qual noi per ora chiamiamo sprezzatura, oltra che ella sia il vero fonte donde deriva la grazia, porta ancor seco un altro ornamento, il quale accompagnando qualsivoglia azione umana, per minima che ella sia, non solamente súbito scopre il saper di chi la fa, ma spesso lo fa estimar molto maggior di quello che è in effetto; perché negli animi de li circunstanti imprime opinione, che chi così facilmente fa bene sappia molto più di quello che fa, e se in quello che fa ponesse studio e fatica, potesse farlo molto meglio».

29 Diálogo de la lengua, cit., pp. 240, 255.

30 Diálogo de la lengua, cit., p. 233.

31 B. Castiglione, El cortesano, cit., p. 75.

32 M. Morreale, cit., I, p. 32.

33 B. Castiglione, El cortesano, traducción de Juan Boscán, estudio preliminar de M. Menéndez y Pelayo, Madrid, 1942, «Revista de filología española», anejo XXV, pp. lii, liii.

Top of page

References

Electronic reference

Mario Pozzi, « La traduzione del Cortegiano e l’aspirazione spagnola a una cultura degna della nuova condizione imperiale », Laboratoire italien [Online], 16 | 2015, Online since 02 December 2015, connection on 25 March 2017. URL : http://laboratoireitalien.revues.org/932 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.932

Top of page

About the author

Mario Pozzi

Università di Torino

By this author

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page